Sei sulla pagina 1di 122

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 1

Chiacchiere da Bar
Sonetti e altre poesie in romanesco
2007 - 2009

Anonimo Romano

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 2

In copertina: Ca Greco (1976) di Renato Guttuso (particolare)

Edizioni Azimut Collana di poesie

Stampa di GP arti grache

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 3

A le compagnucce de la parocchietta
Mo, se puro sstavorta quarcuna, co ttanta ruganza, ne la Direzzione communista, credendose ganza, apre la bocca pe ddaje fiato e pe dd na fregnaccia contro Valentini, mannaggia ripiscia poveraccia fora dar vaso. S io er meninfischio maledetto lAnononimo Romano: majale, sessista benedetto! Pijatela co mme che nun ci un friccico de creanza e godo come fosse na scopata der vostro mar de panza. Lassatelo in pace lamico mio, ched ssta robaccia! E tu, aricordate che disse er divino, se nantra partaccia de le compagnucce de la parocchietta te pare un dispetto nun te cur, ma guarda e passa, facendoje un ber sorisetto!

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 4

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 5

Indice
Presentazione.............................................................................Pag. 7
Chiacchiere da bar.........................................................................................." Er primato der lazziale..................................................................................." Lella................................................................................................................" Danilo cerca lavoro........................................................................................." Vertroni er Sindaco........................................................................................." La sai lurtima................................................................................................" Annamo a rubb ar cravattaro......................................................................." Er burograte forastiero...................................................................................." Erminia la bburina........................................................................................." Li torti der Belli.............................................................................................." N americano a Roma..................................................................................... " Farfarello........................................................................................................" La sinistra......................................................................................................." LAnonimo Romano e r militante de Esse communista..............................." Nunziatina la smorfiosa................................................................................." Nello er cascherino.........................................................................................." Loperajo inviperito, er militante, er deputato................................................" Tre vorte Roma Capitale.............................................................................." Li rischi dun futile litiggio............................................................................." Er pizzettaro de Roma...................................................................................." Quer beccamorto de lAnonimo Romano......................................................." Viva er papa re!.............................................................................................." Lugrezzia........................................................................................................" Quer cazzo buffo de lamericano...................................................................." Na pasquinata..............................................................................................." S fijo ileggittimo..........................................................................................." Pietro er monnezzaro truffatore....................................................................." S arivati li cinesi..........................................................................................." Sur sessantaquattro........................................................................................" Lagitazzione de li statali................................................................................" Er Gobbo der Quarticciolo............................................................................." Li communistelli............................................................................................ " Li Prncipi de Dio..........................................................................................." Sor Giulio in penzione................................................................................." La Fornarina.................................................................................................." 11 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 26 27 28 29 31 32 33 34 35 38 39 40 41 42 43 44 48 49 55 56 57 58

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 6

Li paradossi de la pulitica............................................................................ pag. 59 La discussione tra lAnonimo Romano e Ettore r lazziale............................." 62 Beatrice Cenci................................................................................................" 64 La sanno longa..............................................................................................." 66 Come quer franguello....................................................................................." 67 La papessa Giovanna....................................................................................." 68 La vocazzione der ggiudeo.............................................................................. 71 " La scommessa............................................................................................... " 72 Er pappone de Sofia la slovena......................................................................" 74 Er Partito Demogratico.................................................................................." 75 Lufficio postale.............................................................................................." 76 A Umberto Bossi............................................................................................" 78 Antri tempi...................................................................................................." 80 Ssta Sinistra Demogratica............................................................................." 82 Er capitalismo cristiano................................................................................." 83 mejo Meo Patacca......................................................................................" 84 Ariccommannasse lanima a li Santi............................................................." 86 Giordano Bruno............................................................................................." 88 Du geni.........................................................................................................." 90 Lagitazzione de li tassinari............................................................................" 91 Spersarvi....................................................................................................." 92 Gabbriele Sandri............................................................................................" 93 Marchette ar camposanto.............................................................................." 94 Funtane e funtanelle de Roma......................................................................." 95 Rom..............................................................................................................." 96 Pulitica e papisti............................................................................................" 98 Funerali de Stato............................................................................................" 99 Paolo IV, er Carafa........................................................................................." 100 La lotta de classe ne la Roma trecentesca (Ascesa e caduta de Cola di Rienzo).............................................................." 101 Donne curiali................................................................................................." 106 Tutta corpa de limperatore Costantino........................................................." 107 Gilberto.........................................................................................................." 109 Rugantino......................................................................................................" 112 Dialoghi........................................................................................................." 113 Giuditta........................................................................................................." 119 Ar bar............................................................................................................." 121

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 7

Presentazione
maginatevi un bar nel rione Campitelli, un bar n troppo popolare ma neppure ricercato, con una saletta interna, luogo di raduno di una generazione di mezza et, simpatizzanti o militanti di sinistra, soprattutto della sinistra anticapitalista, di alternativa, comunista, e gran tifosi della Roma. In questo ipotetico Bar - forse chiss, esiste veramente - si discute un po di tutto, di politica, di calcio, di donne, di religione, dei problemi della vita e siccome i frequentatori sono mediamente gente che ha studiato e comunque ha letto qualche libro, non raro che si possa anche discutere su grandi o piccoli avvenimenti della storia, di arte, di letteratura; ovviamente essenziale che loggetto della discussione sia in qualche modo legato alla citt. La romanit ci che pi caratterizza dunque i frequentatori del Bar, che a loro volta, in particolare a tarda sera, si confondono con il popolo della notte, magari meno impegnato, sicuramente pi popolare e plebeo, composto anche da soggetti sociali che spesso vivono ai margini della societ, ma non per questo refrattario a dire la sua. Anzi, tuttaltro Chiacchiere da bar ambientato in questo locale, in questo luogo: un vero e proprio covo de communisti e de romanisti, ma anche di giovani e meno giovani popolani. il luogo ispiratore di questa raccolta di poesie in romanesco dellAnonimo (composte tra il 2007 e il 2009), che vuole restare in incognito, non tanto per pudore o per vigliaccheria (qualche suo sonetto forse politicamente un po compromettente), ma perch ha la presunzione di credere di essere uno degli ultimi eredi - magari molto alla lontana e con minori ambizioni - di altri illustri poeti del passato anonimi o non - della poesia romanesca. Insomma, intende muoversi nel solco della tradizione della romanit cos come si manifesta nella Roma attuale, grande metropoli e punto alto dello sviluppo capitalistico. Nessuna nostalgia quindi per la vecchia Roma di una volta, ma una rivisitazione della tradizione cercando di farla vivere nella societ romana contemporanea. Ma attenzione, il popolo - almeno per il nostro Anonimo - non pi quello che in tanto bujo di fallacie si ravvolge, come ci ricordava il Belli; certamente da quella plebe, che impara per tradizione e rivela cos tutta la sua ignoranza, sicuramente discende, ma anche vero che vi stata una sua presa di coscienza e dunque di crescita rispetto al ribellismo violento, allo scetticismo scanzonato, al rancoroso fatalismo del plebeo descritto dal Belli. Oggi di quella discendenza prevale un aspetto positivo, si potrebbe dire quasi di classe: il momento del riscatto politico, culturale e sociale per uscire dalla subalternit. Una continuit con la tradizione della cultura romanesca pi alta, Belli, Petrolini, Pasolini (i tre grandi artisti che pi degli altri hanno descritto con efficacia i processi della trasformazione della societ romana), e con le sue culture politiche, lanarchismo, lanticlericalismo, il socialismo utopistico, gli Arditi del popolo, i partigiani di Bandiera rossa; ma partendo da questi sedimenti culturali e politici il plebeo moderno aderisce, pi o meno consapevolmente - forse per istinto di classe - allidea di

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 8

realizzare in una Roma che resta per molti versi papalina (del resto non va mai scordato che il pontefice il vescovo della citt) una democrazia matura, per lAnonimo, socialista. Il linguaggio quello di sempre, espressione gergali forti ispirate a una rozza e potente fantasia intessuta di ironia agitatoria, odiosa ai tiranni, ostica ai livellatori, come rammentava un famoso anonimo romano degli anni 70, che molti individuarono allora in Maurizio Ferrara. Ma la plebe romana andata ben al di l di questi sedimenti: con lo sviluppo capitalistico e la modernizzazione, ma soprattutto con lazione e la lotta costante dei comunisti, di figure rivoluzionarie come Edoardo DOnofrio e Luigi Petroselli, che non lhanno abbandonata senza miglioramento, come amaramente constatava il Belli. cos diventata moderno proletariato metropolitano, irriconoscibili agli stentati gruppi della Roma giacobina, ai rivoluzionari di ieri. Un popolo quindi non pi servile, bens un proletariato consapevole dei suoi diritti di cittadino. Da qui un forte elemento di discontinuit con la storia passata, anche di quella recente. E il nostro Anonimo, con le sue espressioni linguistiche, che vogliono richiamarsi a un romanesco di altri tempi, magari pi vicino a Belli, a Zanazzo e a Pascarella che a Trilussa o ai poeti dialettali moderni, cerca di essere di questo popolo, di questo nuovo proletariato urbano, il poeta. LAnonimo consapevole che i comunisti sono oggi a Roma poca cosa. E questo causa di sofferenza, di insoddisfazione, di critica aspra per tutta la sinistra e specificatamente per il suo partito di riferimento: Rifondazione comunista. Ma egli sa molto bene che quello che stato definito linnafferabile popolo romano, a nord e a sud di Roma, per sempre contro chi parla male e a sproposito dellUrbe, come la Lega nord, perch lui Roma, tanto vilipesa dai buzzuri, invece lama quasi per tigna. Non si fa illusioni sul ruolo futuro della citt, non gli interessa la riproposizione di metropoli caput mundi; anzi per molti aspetti crede che la citt eterna sia accerchiata e assediata dagli italiani. LAnonimo sa anche molto bene che i romani sono del tutto estranei alle dinamiche municipalistiche (troppo universale la storia di Roma), ai ragionamenti provinciali (troppo cosmopolita la citt), ai discorsi eccessivamente larghi e dalla cadenza colta e spesso aulica (Roma convive da sempre quotidianamente con i potenti), che sono predisposti a mediare e ad assorbire pure ci che romano non . Per questa ragione i romani guardano e giudicano tutto e tutti dallalto della loro millenaria esperienza: aristocratici, borghesi, proletarti, ricchi e poveri. Insomma, dnno a tutti del tu. Questa capacit di mediare di assorbire era una caratteristica del popolo romano gi quando la citt era poco pi di un paesone come Capitale dello Stato pontificio. Roma aperta a ogni cultura fino a inglobare nel suo grande e molle ventre ogni tendenza culturale. Del resto, la formazione culturale dei romani contradditoria (se non addirittura conservatrice), permeabili al nuovo ma nel contempo rielaborano e ripropongono la modernit dentro la tradizione. nella natura di Roma essere citt aperta, dove il vecchio e il nuovo non sempre si riesce a distinguere, dove il tratto della

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 9

modernit emerge in modo dirompente per mescolarsi e perdersi immediamente tra secoli di storia. Pu sembrare paradossale ma anche le nuove figure sociali, prodotto della societ consumistica e massificata, sono a Roma un po plebee e si confondono con i ceti sociali popolari e insieme alimentano, imbastardendola, una tradizione che si rinnova e si aggiorna continuamente: il cuore di Roma. LAnonimo sa dunque che la storia dei comunisti si intreccia fino a fondersi con lidentit della romanit cos come storicamente si determinata. A Roma, come ci ha insegnato Italo Insolera, non c un centro storico borghese e una periferia popolare e proletaria. Roma una citt dai tanti centri storici, dalle tante periferie, sub-periferie e borgate, in questo senso unica al mondo. C centro storico e centro storico, periferia e periferia, borgata e borgata e la contraddizione non tra quartieri ricchi e quartieri poveri, ma tra classi dominanti e classi subalterne, ma in un contesto urbanistico dove non ci sono barriere che non possono essere aggirate o scavalcate: non c una cittadella dei potenti dunque da espugnare, da conquistare, ma una Roma da ripulire dagli affaristi, dai palazzinari, dallaristocrazia nera, da un ceto politico espressione di interessi e clientele non del popolo romano. E i comunisti hanno insegnato a un gretto e ignorante plebeo la politica. Con i comunisti il popolo ha scoperto che tutto politica e che in questo tutto bisogna starci dentro: la religione, larte, il sesso, il bigottismo, il femminismo, i pi elementari bisogni di vita, sono politica. E i comunisti saranno ora anche una cosa da poco ma questo il grande insegnamento che nel corso di cinquantanni alla plebe hanno trasmesso, anche quando il plebeo di oggi non ne pienamente consapevole: paradossalmente si formato una coscienza pi nellessere coinvolto in questo lavoro politico di lunga lena che ascoltando le prediche domenicali svolte da una moltitudine di preti. E tutto ci lAnonimo lo sa. Roma, da sempre, una citt nel contempo sacra e profana. attenta e rispettosa a tutto ci che sacro, ma sa decodificarlo e renderlo compatibile con le condizioni materiali di vita del suo popolo, con le sue necessit e i suoi bisogni materiali e immateriali. La scoperta del plebeo della politica, laver acquisito uno strumento cos importante di interpretazione della realt sociale, del profano, lo ha reso meno bigotto e pi laico, magari credente a modo suo, ma laico e non credulone, non solo rispetto alla religione cattolica, ma anche alla vita pubblica e alla politica. Il Bar del rione Campitelli vuole essere questo spaccato: loperaio, ledile, lartigiano, il bottegaio, il tassinaro, il disoccupato, il cascherino, il pensionato, lo spazzino, la ragazza che veste alla moda, il coatto, lo statale, limmigrato, il tifoso da stadio, il pizzettaro senegalese, il rom, lintellettuale di sinistra sognatore e sfaccendato, il professore di storia e filosofia precario, il gay e persino i ladri per necessit, le puttane e una delinquenza miserabile di memoria pasoliniana, fanno parte di questo contesto, politico e sociale, compongono il nuovo proletariato urbano dellAnonimo. E lui descrive questa umanit varia, cerca di dargli non solo voce ma di rendere visibile la sua dignit di classe con un tristiloquio belliano, con un linguaggio crudo, per cui cazzo cazzo

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 10

e non pene e la fregna fregna e non vagina, con buona pace di tutti i pudici buon pensanti, di destra e di sinistra. Un linguaggio in versi che non sopporta grammatiche e filologie. Per dirla con Belli una favella tutta guasta e corrotta, una lingua non italiana e neppure romana, ma romanesca. Un linguaggio la cui caratteristica fondamentale rivolgere unoffesa colorita; ma unoffesa - ecco il punto - che diventata poesia, tramutata in forma artistica peculiare da secoli di convivenza dei romani con i gangli del potere pi assoluto, di derivazione divina. Una poesia, insomma, usata come una spada quando era impossibile avere e farsi giustizia. E la lingua, per essere efficace, doveva correre veloce, per rispondere, nel solo modo possibile, con loffesa verbale, alle prevaricazioni dei potenti di ogni genere, fossero papi o imperatori. Per questa ragione a Roma, pi che in altre citt, hanno avuto fortuna le statue parlanti, alle quali si affidava il malcontento popolare. Un malcontente cinico, sarcastico dissacrante, ma soprattutto offensivo e virulento; talmente offensivo e virolento da aver fatto dire a uno studioso di dialetti Giuseppe Giusti che i romaneschi nascono con i sassi in mano e con la battuta pronta, si dovrebbe aggiungere. Ma chi non sapeva n leggere n scrivere, ed erano molti, doveva giocoforza usare la parola, doveva affilarla per renderla pi fantasiosa possibile affinch loffesa fosse incisiva ed efficace. Dunque, una lingua volgare concepita per farsi non solo giustizia politica, ma morale. Di questo il popolo romano a modo suo aveva consapevolezza. Marx affermerebbe, coscienza di essere sfruttato pur non avendo una identit di classe.

Sandro Valentini

10

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 11

Chiacchiere da bar
C a Roma, da le parti de Campitelli, un bar che ci la fama desse r ritrovo de simpatici ggiuvinotti, bulli e belli: l s tutti de sinistra, peggio dun covo, de na certa sinistra, naturalmente, quela che co Vertroni nun cazzecca gnente, tanto pe ccapisse; s puro gran tifosi romanisti, magnapreti e amichi sspudorati de Ciceruacchio (1) e s bravi a baston, quanno ce vole, li fascisti, un po pe rabbia un po pe rompeje er cacchio. Ma a tarda sera, appena doppo mezzanotte, quanno er bar se riempe de bellezze e de miggnotte, tra li sguardi vojosi pe ttutta ssta grazzia de Dio e un gelato, un caff, na bira, un bicchierino, che se fanno quattro chiacchiere su er tuo o er mio fino a domandasse che socch serve pe mmut er destino de ssta societ zzozza e ladra. A ssti raduni ce ssto anchio e dico la mia, come ciavessi er marmadrone, (2) Perdio! Se discute de tutto: de pulitica, de donne, de carcio, de Rosina che batte a la Passeggiata Archeologgica, de Nando che cerca lavoro e de chi ridotto no sstraccio pe na peretta de troppo; eppoi c solo chi parla de fica, ci ssto chiodo fisso e chi damori, de corna, daventura, sstorie daffronti e de bizzarie arinchiuse drento sste mura de na citt senza pi nombra de rimpianto de comeri. A segu sste conversazzioni c anche chi nun ci quadrini, chiede un prestito ggiacch s fatto ggi er ggiro lartrojeri de le sette cchiese: le banche, le finanziarie, linfami ss trozzini quarcuno pperfino annato, poveraccio, ar Monte de Piet a impegnasse er ciondolo doro de la madre, ma sentiva palpit

11

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 12

er core pe ssta vijaccata. Nu ss n omo de primo pelo, io poeta de punta e de tacco, amico de na fojetta (3) de vino vjo d voce a ssto monno scrivendo quattro verzi co zzelo e du improvisati sonetti romaneschi, come Pasquino.(4) - Che te sei messo in testa, abbassa la cresta, me s poi detto: troppo ambizzioso r proggetto pe llanonimo, ssto galletto! -

Note 1)Ciceruacchio. Angelo Brunetti, detto Ciceruacchio, fu uno dei capi popolo (rione Campo Marzio) della Roma risorgimentale. Da prima fu un coinvinto sostenitore di Pio IX, successivamente si schier in difesa della Repubblica romana. Fu fucilato dai francesi insieme a due figli nellagosto del 1849. 2)Marmadrone. Stato dangoscia. 3)Fojetta. Misura per il vino, pari a mezzo litro. 4)Pasquino. Celebre statua tra i pi significativi simboli della Roma romanesca. Rappresenta Menelao che sostiene il cadavere di Patroclo. Fu ritovata nel XVI secolo vicino alla bottega di un sarto molto satirico, di nome Pasquino. La statua diventata, una volta esposta al popolo per secoli il luogo di affissione delle satire pubbliche, dette pasquinate.

12

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 13

Er primato der lazziale


Quer lazziale l, s bravo, er moro, er pariolino armato cor cazzo - manganello che pare n animale, ancora jerlantro me sstrazziava poverino co ssta sstoria che chi nasce prima mancomale pi ci er diritto, la pretesa prepotente da delirio, darippresent ssta citt co nidea bestiale: percui - udite - e romano se confonne cor bburino! Ma perch invece de f incarognito er lazziale ssto clabe de borghesi nun scerto co sentimento de chiamasse come doveva desse? Provinciale fu er battesimo e nummagnate nogna (1) de pentimento Antro che arippresent Roma, ardunque! Preti e cafoni eravate allora - bboja de juventino zzagramento! Mo ne dovete da zzapp dorto pe ddivent romani bboni.

Nota 1)N ogna. Ununghia

13

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 14

Lella
Senteme un po tu. Celosai, n conosciute de miggnotte, belle, ggiuvini, zignore e prosperose; l fatto desopra e desotto in due, in tre, co ddu ommini, ar contrario, de ggiorno e de notte, ma na zzozzona come Lella tua me doveva capit da ggiuvinotto, quanno lanni contaveno meno e ne facevo de crude e de cotte. Mica ero rincojonito allora, mo s tutto un cerotto. Nu ss sbruffonate le mie. Me poi anche gonfi de bbotte pe ffamme d ched n angioletto! Me voi d un cazzotto invece de tir la catena senza penzacce du vorte? Fa pulizzia e bonanotte a sstamore che te sstrugge drento. Che cacchio! Sembro un beccamorto che seppeliscie co ggelida furbizzia li sentimenti tui? Nun ci core? Porto a na coppia er malocchio? Vabb, vojo parlatte chiaro amico, pe ttojete daddosso ssta paura: jeri, quelo che i intravisto entr a casa de Lella ero io!

14

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 15

Danilo cerca lavoro


- Pronto, disturbo, s Danilo, s er fijo de sor Mario, esatto, quelo che ciaveva bottega ar Vicolo de lOrto Come ssta pap? Nun lo sapete? Purtroppo morto. L dovuto da chiude doppo la disgrazzia er labboratorio: linflazzione, la recezzione, nzomma sempre pi sotto Nun riuscivo tutti li santi giorni, cor sudore der lavoro mio, a d da magn a la famija e a mann a scola er regazzino. Mo, se nu mme ajutate voi, rischio de f un ber bbotto, dateme lavoro, fateme ssto piacere, pamor de Dio! Ve sar riconoscente, lo prometto, pe ttutti li ggiorni miei - Ma che te metto a f qui, dimme, er cascherino, (1) bello de zzio; che te credi, co ssto mestiere ce se campa in tre, mica in sei!Accus je rispose. Ardunque, nemmanco ssto colloquio a Danilo servito: deve da crep precario, pe lli di!

Nota 1)Cascherino. Garzone

15

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 16

Vertroni er Sindaco
Roma, me devi da crede, na citt paradossale, ardunque laccadimenti s un bene o un male, nun conosce misura, bonzenso, na via de mezzo; er popolino, presempio, sempre tutto dun pezzo. per rosso o per nero, puro quanno fatalmente er governo demogratico. Te pare forze coerente, na cosa da consider ggiusta, moderna, normale? Pijamo n attimino er Sindaco, pe nnun esse banale. Vertroni da li romani er pi amato, r pi efficente de li Sindaci, pi de quer santomo de communista chera Petroselli. Che je passa de serio in mente a ssta gente. Saccontenta de n abbatino, dun bonista? Certo, fa per monno granne la Capitale propiamente, epper la Roma a dimenzione umana nu ss pi vista.

16

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 17

La sai lurtima
Te laricordi Gemma, la ja de Nando Serratore? Bbravo, s quelo che na vorta faceva er pittore e ciaveva bottega a Testaccio. Nun ce crederai ar fatto, chiuso, me potessi daccec subbito, un patto, co lla beata imaccolata Madonna der Divino Amore. Pochi lo sanno, ma li romani van l senza pudore, nu ssolo pe cchiede un miracolo pronno, daccatto, ma puro pariccommand quarche parente un po matto. Allora celosai cosa j chiesto Gemma a la Madonna e pe cchiedejelo s messa pecoroni senza f un ato. Questo r pezzo forte: mica j chiesto da donna a donna de interven pe quer su jo poveretto No, da cristiana e da bbona communista j indirizzato na preghera: - Pijate in celo Papa Razzingher Benedetto!-

17

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 18

Annamo a rubb ar cravattaro


- A ssto ggiro ce vengo piatto piatto purio Accus disse convinto der raggionamento da puzzone Lucianone a lamico daventura Claudio. - La mia p sembr, credeme, na contraddizzione, eppuro resto fedele a la cristiana posizzione, ma pe quann vero ommini sinceri chesiste Dio, se sete a lurtima fase de la realizzazzione, a fallo piagne, piagne davero quer tirchio co na cattiveria, na puttanata, na bruttazzione ce vjo esse anchio! Me potr finarmente vennic de quer cravattaro non co nantra amara maledizzione, ma rubbandoje loro drento casa Nun ciampic (1) a Cl, f er ladro na carognata e nun na vocazzione, nun preme mo su la coscenza, nun ssta a pontific-

Nota 1)Ciampic. Incespicare.

18

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 19

Er burograte forastiero
De che pasta sei fatto, ah bambolotto! Se vede, come se vede che nu ssei romano, che te sposti pe ssta citt su un bussolotto e cammini tutto dun pezzo, piano piano, co lla ggiacchetta che pari sor scimmiotto. Poi arimanno a penz, io na cacca ci in mano mentre margrado quarche scappellotto er burograte agguanta tutto, mejo der villano e checch se dichi pi de nojantri cristiano. solo un buzzuro (1) che mo va via debbotto (2) che ciabbi, sotto sotto, un vorto umano? Ma questa gente da bene, nu ss no ciappotto (3) ma ommini de partito, da qui nu sschiodeno invano: bbono je devi port rispetto e aregge er moccolotto!(4)

Note 1)Buzzuro. In origine soprannome dato ai montanari svizzeri, ma dopo lunit dItalia e la presa di Roma il vocabolo passa a indicare i settentrionali italiani, in particolare i piemontesi. Ha ha anche il signi cato di paesano, provinciale, rozzo, volgare, ignorante. 2)Debbotto. Allimprovviso, di colpo. 3)Ciappotto. Pasticco, lavoro mal riuscito. 4)Moccolotto. Candela corta e grossa. In termini gurativi aregge er moccolo (moccolotto) vuol dire essere da incomodo.

19

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 20

Erminia la bburina
Ssta fija trucida de na gran vacca de zzoccola che ci na fregna larga come na chiavica, ssta bburina! Mi arifilato nantra brutta sola, pe ffamme cojone. Ma vedi, a Roma c fica fino a tarda notte e basta un tantinello, na parola pe aricordatte che devi dimpar la matematica, a nun f li conti senza loste. Ammalappena te conzola Erminia bella dav fatto ssta bojata Mica pe ssto fregnone, che nun ci n core n vergogna, ma pinteresse tuo, che manco cii lagrime pe ppiagne eppuro me venghi a stuzzic parimedi un pacco de rogna. (1) Trovete dunque pamico na zzucca piena de pigne, eppoi er fatto che nu mme li data m reso carogna, e resto s pappole, (2) come ben sai, belle da dipigne. (3)

Note 1)Pacco de rogna. Chiedere un grosso favore, particolare. 2)Pappole. Menzogne, fantasie, cose assurde. 3)Belle da dipinge. Fantasie difficili da realizzare.

20

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 21

Li torti der Belli


Tu mica ciavevi raggione sor magnapreti der Belli, a scrive co ttanta passione che a li tempi der Pinelli, quanno a Roma la riliggione se praticava da bboni santarelli, se campava male ma benone. Nojantri nussemo pivelli che se scambieno quattro sonetti o canteno a lamorosa du aritornelli. Ma che cazzo volevi d a li poveretti, forze che sotto li papi benedetti cera meno casino e pi ggiucarelli, anche se li cardinali nuss angioletti?

21

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 22

N americano a Roma
Er plebbeo romano co llamericano, lo sstatunitenze, pesse chiaro, tanto zingegna, che nun sstrano che je vende senzappar avaro comacqua de rose acqua de mano, quela nd le zzoccole, pesse chiaro, se sciacqueno la fregna e limprofumano pe ttojese er puzzo de troja amaro. E lamericano? Va a pijllo in culo! Mo sentenziate puro che r popolino communista e che je piace d er cetrulo a ssti quattro jenchi prepotenti. Ma se vero che s tresteverino a casa ce torneno co ttutti li sentimenti.

22

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 23

Farfarello (1)
- Mentre annavo a lospedale da zzi Checca, si bbrava, quela che ci la bottega a SantEustacchio Spenserata ciandavo succhianno un lecca - lecca che te parevo na ggiuvinetta sverta cor rosario; nzomma, indovina chi co mmalintenzione me ferma, la secca. S, que lanoressa (2) de Nina. - A puttanella, me dice, tu lomo mio nu llo devi da ved nemmanco in caniocchiale! Nu mme fai becca! - Aprete celo! Faccio er viso scuro eppoi dura arisponno: lascja Mario libbero de ssceje come crede. Doppodicch jammollo, co na violenza che nu sso dove pijato la forza, na gran pezza naritorcij a la sgallettata (3) intontonita er collo. Credeme, nu volevo faje accus male. vero, nun bello, ma se me dichi quali ommini nun devo da guard allora avvezza me scardo e nvece dann da zzi Checca inzeguo Farfarello -

Note 1)Farfarello. Nome di uno dei diavoli che Dante ha posto a guardia dei barattieri (dallarabo farfar, folletto). In termini gurativi, persona che sempre in agitazione. Dite pure ch ha in culo Farfarello (Belli). 2)Anoressa. Anoressica. 3)Sgallettata. Ragazza non pi vergine.

23

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 24

La sinistra
Forze ciaveva raggione Mao co lli su penzieri a d: Er disordine sotto er celo, la situazzione assai eccelente! Mma! Io s che la sinistra jeri come mo un gran casino! Nun c comprenzione, c chi crede ne lazzione riformista e parla de doveri, chi fa e rivoluzzionario e se sente in competizzione co queli che penzano che la scerta ggiusta pe lli poveri deve desse er socialismo demogratico. Che confuzione! Ora se s inventati, pesemplific, er partito demogratico, dove sunisce er sacro cor profano. Zzt zzitto! Che dico? Ah, tanto pe nnu ssap n parl n legge copio beccafico!(1) Che ntro ce resta pe nun ann a lo sbarajo? F er fico, nzomma lintellettuvale o lindippendente? Arpi rosico, (2) nussemo mica tutti come Bertinotti! Io nun ci er fisico, presempio, da un ssta sinistra addrento a du o tre cantieri; (3) nun tutti conoscheno er mestiere der muratore. Inclinazzione, ce v, cari compagni, puro pesse falegname. S desideri - Accus annamo pe sstracci, uscimo da ssta maledizzione, abbisogna fasse ven nidea, come quarmente succede a lommini veri - Fondamo er partito marchesista-lenninista pe llemancippazzione - No, mejo troschista, artennativo, anzi radicale e co lli diritti infieri: (4) ricchione, negro, abbreo, lesbica e miggnotta pe lla libberazzione. Ma pe ccarit, nun penzate ar partito americano se un pizzico de coscenza ve resta! - Che cazzo dichi! Anchio s demogratico e vjo lItalja diverza. Che centra mo ssto raggionamento iloggico cor fatto de gett la bandiera rossa ner fosso? - S, unico r momento e noi je inventamo, rompicojoni, er partito maggico de la sinistra europea. Ched? Boh Speramo bene, ve dico!-

24

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 25

Note 1)Beccafico. Modo di dire per alludere a chi pensa di essere pi furbo e superiore. 2)Rosico. Sta per invidioso. 3)Cantieri. Laboratorio politico della sinistra. 4)Infieri. In fieri.

25

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 26

LAnonimo Romano e r militante de Esse communista


Nun ce posso ariv a crede. Appena m visto, trucido ma serio m apostrofato: - Sei tu lAnonimo maledetto? - S, s io, j risposto senza penzacce du vorte - Allora sei tu, accidenti, quelo de sste quattro sstronzate su la sinistra senza pentimenti? Eppoi furmineo me mette sotto ar naso un fojo co ssu na povesia. - Nun te vergogni tradit de parl de tutte lopzzioni meno de la mia, de quela, mortacci tua, de continu arifond lidea communista? - Porco puttana, me scappa, vero! Me s scordato, sstata na svistaNun lavessi mai dette sste parole ingenue. Quelo de pi sincazza, diventa, te ggiuro, na bestia, na furia. Nasce accus na gran canizza, co lli compagni a tif de qua o de l. Quarcuno mmo vadd in ggiro che nun lui er violento ma s io lAnonimo che proveco, che riggiro e metto benzina sur foco. Ardunque, concrudendo ssta narazzione, se nu mme s ricordato de la Rifondazzione ce sar na raggione, percui la responsabbilit oggettiva, come se dice, nun tutta mia. Rifrettece, rifrettece ar concetto, lassa da parte na certa fantasia, Rifondazzione a Venezzia s rotta, mo abbisogna f un novo partito. S,nantra cosa m passata pe lla testa e nu mme s pentito.

26

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 27

Nunziatina la smor osa


Macch! Te ggiuro su Dio, co llocchi mia l incontrata Nunziatina lantra sera a Porta Castello. Faceva la smor osa co quer nfame de Nino er Gattello. (1) S, era agghindata come se je piacesse fasse magn tutta, ssta vergognosa! Portava, credeme, na minigonna corta corta la sgallettata(2) e mostrando ssto pp de robba scanzonata annava a spasso mano ne la mano. No, nun era gnuda, forze un po scollata ma co ddu bocce davanti pe zzinne: ballaveno da sconquasso! Ess bbono, su, mo mica larisolvi co na puncicata(3) ssta situazzione. Abbisogna compie er ggiusto passo adesso. Domanammatina, dije che sabato sera la vi impimpinata,(4) che sei un regazzo moderno, ma nun pe questo te p f fesso. Dijelo senza pudore: - S fatto accus, Nunzia mia avveduta, nu mme devi lass infregnato: essaperto nun v d esse cornuto! Tu pi usc co cchi te pare ma sempre, cocca mia, aritenuta(5) devi desse; le commari azzittate deveno da rest e me risoluto a portatte su lartare. Ma Ninetto, quela carogna scellerata nu llo devi da ved, chiaro! Er Gattello un bbojaccia Faje ssto discorsetto, che nun fa na piega, e rester castigata da sste parole sincere. Dovr ggiocoforza mettece la faccia, accontentatte, se te vole bene. Dunque, sstinvellutata(6) recit er giorno dopo a Nunzia; era ninteliggente lezzione che co atica aveva da lamico a memoria imparata. E lei? Je disse s chera un no: lo rese accus cornuto e minchione.

Note 1)Gattello. Soprannome della malavita. 2)Sgallettata. Ragazza non pi vergine 3)Puncicata. Coltellata. 4)Impimpinata. Abbigliarsi con cura. 5)Aritenuta. Ben tenuta, composta, non costumata. 6)Invellutata. Ragionamento delicato e lineare, onesto.

27

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 28

Nello er cascherino
- A Nello, sstatte un po bbono, basta co sste chiacchiere, mo bbisogna lavor. Famme ssto sacrosanto de piacere, lava sste quattro tazzine prima de la pausa de mezzod, quanno er locale se riempe e noi nemmanco potemo d un po de sstronzate co lli clienti, co quele du pischelle che ce fanno arap. (1) Ah! Poni in vetrina le pasterelle, mettece un po dattenzione, che cii in testa, du mosciarelle?Pe ttutta la ggiornata er padrone me fa li cojoni a mozzarelle e io marimovo solo quanno entra Elena e arimango tuttincantato, senza connette, mannaggia me, de dije: - S innamorato der tu grugnetto bello - Sssignora, ecco qua er su capuccinoMappoi mascorto: - Quela l avocato e tu? Un cascherino! -

Nota 1)Arap. Eccitare.

28

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 29

Loperajo inviperito, er militante, er deputato


- Ciacconzente de d che semo a le solite: a buss cassa vengheno sempre da loperajo e a lei pare ggiusta ssta prepotenza, sstantro guajo? Mb, mo onor, de novo che c, intervenite mapper aricordateve cosa ciavevate promesso. Dite! - La situazzione s ncasinata e sarebbe no sbajo f sart la mediazzione ann a lo sbarajo in Parlamento a loccasione, se nun ce sar lite, sistemer sur momento li probblemi. Portate pazzienza Nu mme credi, penzi che ricconto fandoje zeppo de boria? Compagni, vedrete quale sar a ggiugno la differenza Nun s mica qui a mandavve tutti pe ccicoria! Viaspetteno du leggi tajate co ttantinteliggenza pe vvoi, su misura - A onor sar accus la storia, accus come dice lei Ma io che do da magn a la mi cratura? Immagginllo onor come s messo: posso solo moriammazzato! E tu perch sstai zzitto. Nun anche tua ssta jettatura? Perch nun parli, nun te senti lo sstommico rintorcinato?- (1) - A Paqual, tu fai tutto facile, vedi ovunque la fregatura, pe tte basta ann dritto lungo la strada che te sei segnato, mica te preoccupi der quadro pulitico, nun cii cura dav er consenzo der centro, de li moderati, sei provato troppo da li cazzi tua. Checch ne penzi cammin ritto nun v di nun ten ner ggiusto conto de la circostanza o f cad er governo e fin come un pesce fritto pe lla boccaccia de la destra - Bbravo, tu s che cii creanza, questi s raggionamenti, a ssto modo se fa pulitica, se sst dritto e se guarda linteressi der Paese pe usc da la titubbanza - Ggia, Marco n omo capace, preparato, bazzica er partito pe vvia de ssta militanza ce busca, nun cosa da tac pe ddovere

29

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 30

du srdi pe lli strapazzi. Invece io co cche te vivo, impettito co llinteressi der Paese? Me fatinviper prendendome pe ssedere! S ottanni che aspetto, compagni, sempre pi intristito li mijoramenti sociali, n antro sistema de f er mestiere; co lla scusa che ssta destra fija de puttana mavete aripulito, ma Cristodio a le prossime elezzioni ve fo corere: mancopegnente ciavrete er voto mio! - Mo, te sei sfogato Pasqual, vero, se semo un poimburogratizzato, appi de na vorta avemo co lli lavoratori sgarato Ma nun semo quattro schiribbizzi (2) dar core ingrato che penzono ariempizze la panza S, avemo erato mo c un cambio de linea... - Onor, sarmapper io s scojonato!-

Note 1)Intorcinato. Attorcigliato 2)Schiribbizzi. Chi improvvisa con idee bizzarre.

30

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 31

Tre vorte Roma Capitale


Er forastiero, ggira, guarda co ccura infine ariva qui e te vede er Vaticano, n antro Stato. Je pija prima nimbriacatura a mmir er porticato, doppo da bon cristiano, se commove dinanzi a sstaria pura nd ggiganteggia da lontano er Cuppolone. Poi la verit se fa avanti dura ar turista che nun come er romano abbituato a ssto fatto strano: daricod defatti che San Pietro na nazzione che nun dipenne da litaljano. Accus Roma Capitale pe ttre vorte: pesse er scettro de lumana sstoria, per cattolico, per padano. E nojantri? A pijllo pe ttre vorte ner dedietro!

31

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 32

Li rischi dun futile litiggio


Sapessi che paura Nello jerassera mentre attraverzavo rincojonito lincrocio quelo tra Casar Bertone e via Baldissera, si, volevo ann co Cecilia mia ar centro, sur Pincio Na sstrizza! Me sbuca, come na saetta, nauto nera, veniva da destra, pe ffortuna annavo adacio... La mascarzona fa in magnera, scellerata, de venimme adosso, mannaggia a ssta disgrazziata! E doppo av fatto na specie de bbotto me dice feroce n armadio de coatto, n bestione incarognito: - A pezzo de merda, potessi co ssta voce accompagn na sonata de tammurro (1) ingentilito su la panza gravida de tu madre co lle ossa in croce de li mejo mortacci tua - Io un po impunito e un po pe scherzo, pe nnun litig cor truce durango, jarisponno: - Sei un filosofo ngrugnito e darto rango? Ma er ggiuvine balordo de rimbalzo tira fora er cortello Mo ciavevo du possibbilit: damme pe nnun fin a lospedale o in galera oppure ciammostrare er fegato e affrontallo bello. Gradasso, co na sgommata v via de corza pe nnun faje male: questa na citt violenta pe na sstronzata se more, ah Nello! Abbisogna avecce in testa un po de zale. Convieni co mme talecquale che a Roma er troppo coraggio da mandrillo? Lassa sst le sbrasate, (2) se vi ariccont la sstoria in ciafrella (3) nun tamischi in puttanate.

Note 1)Tammurro. Tamburro 2)Sbrasate. Scenate con urla e minacce. 3)Ciafrella. Ciabatta, pantofola

32

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 33

Er pizzettaro de Roma
- La pizza se nun sscrocchiarella nun bbona - A me me piace cor pommidorino eppoi devesse arta e mollichella come la vera napulitana - Un momentino, quela mijore se magna a Roma. Nun f Purcinella, mo tutto er monno saMb ched ssto casino! S, quela romana e se beve a carganella mentre laspetti ben cotta. Bira o vino listesso; limportanza daripiegalla e tenella in spicchi in modo de magnalla co lla mano. Accus la pizza, amichi mii, pi scardella - (1) - Insisto, quela cor basilico un toccasano, chiedetelo ar pizzetaro. - Ma co quer grugno carbonella che ne sa er negro de come se fa la pizza, nun romano!-

Nota 1)Scardella. La si mangia con pi gusto.

33

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 34

Quer beccamorto de lAnonimo Romano


- Mo me s scocciato co ssto rompicazzo de lAnonimo Romano! Sona le grancasse ssto maschilista e qualunquista da sstrapazzo, che tienne la faccia de sscrive cose brutte e basse su lommini de sinistra che se fanno er mazzo - Pe nun d de le donne: pe llui s tutte bardasse - Er troppo s troppo un ggiuco zzozzo, n intrallazzo, un modo dintign su li schiribbizzi (1) artrui pe ccercasse un po de pubbricit sfruttando sstannazzo. Manco na parola su la destra, accidenti te beccamorto! - Cii raggione, mica parla male der palazzo-Ah, vi ved ch un demogratico venuto a dacce torto? - S accus ci fatto n antro pacco co llo sguazzo,(2) sstinfame! Noi a baccaj (3) e lui a imbroj, a f laccorto -(4)

Note 1)Schiribbizzi. Chi improvvisa con idee bizzarre. 2)Nantro pacco co llo sguazzo. Un altro bidone, scherzo con tanto di pozzanghera, di schizzi dacqua fangosa. 3)Baccaj. Protestare. 4)Accorto. Agire con prudenza, con circospezione.

34

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 35

Viva er papa re!


- Emb, che c Righ, Mme vedi alegro? Dimme un po che devo da d adesso, forze piagne come no sporco negro nato sfigato, zzozzo, affamato e fesso? - A Checco, nontenefrega propio gnente, porco puttana, de li diritti de la gente? Che tutti deveno desse ommini libberi e pot f quelo che pi mejo je piace - A Righetto, bello de mamma, s desideri, che te devi toje dar cotogno (1) e sst in pace, tu nu ssei na lesbica, na troja, un frocione. No, tu sei solo, damme retta, un gran frescone - (2) - Ammappatte, tu saresti quelo de sinistra Quanno fai ssti discorzi te prenderei a sganassoni, abbisogna fasse sent da li reazzionari: son lorchestra co na manifestazzione, dije che cianno rotto li cojoni - Ma d, te sei succhiato de bbotto er ciarvello, cerca desse un po pi maturo, pi grannicello Nun vedi che li pulitichi ggiucheno co ssti dico (3) a nisconnarello? S diventati na manica de credenti, nun cianno nemmanco de coerenza un pizzico: vengheno, doppo na ggiurnata de bboni intendimenti, locchi locchi (4) a San Pietro in pricissione e drento ar Cuppolone se metteno in gginocchione - vero, ma noi de sinistra semo nantra razza, famo un ber casino pe dd dignit puro a le miggnotte, volemo un monno novo, un monno ndove lamore impazza, su Checco, nun pi sempre sparl de le massime corotte - (5) - Ma che ssta smania indiavolata che t preso? Risponni a modo, nun apr bocca pe ddaje fiato. Inteso? Vabb, sar come tu dichi. Ma famme cap Righetto, epperch se deve da pija, cor paravento de la fede, er popolo de petto e magari approv na tacca de proggetto?

35

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 36

questa la tu laicit? Ma pe llanimaccia, ssto a vede che ricconti chiacchiere che mintontischeno, du fregnacce ariscardate che me sfiancheno - Cazzo, co tte invece dann avanti se va ndietro! A me discute co tte me pija un nunzocch, na sensazzione che melovi mette ner dedietro co quer tu cinismo che pare un sacco zeppo de perch - Penzi che nun ce tengo purio a n Itaja pi libberale, ma qui er peggio der peggio de gnicosa, der male nun la Cchiesa; er papa, li cardinali, li monzignori, mortacacci loro, s ner contesto sstorico, er probblema vero s li pulitichi, ssti zignori! Mo vi che r pontefice ciacconzente fico de infilacce er palloncino o de ingojacce la pillola? Desse coppia de fatto, dabbort o ce conzola se tarapi de na perzona der tu stesso sesso? La riliggione na cosa seria, ce credi o nun ce credi, mica r papa che te deve da d er permesso. lo Stato, maledizzione a te, che nu ssta in piedi, che nun ci regole: na bruttezza pi de la Cchiesa, nun te d diritti e se vi esse diverzo devi da f limpresa. Te ciariccapezzi ora Righ come sstanno le cose: s sbiosse! (6) Io nu ss nfregnato co quer cacchiobuffo der tedesco che fa er su mestire co mmolto zzelo e studia tutte le mosse paridure ar silenzio li miscredenti. Io s de rabbia fresco co llamichi tui, s co lli compagnucci de sinistra, possinammazzalli! Spareno (7) zaganelle e la destra detta bbojaccia le condizzioni. Pe pprotest e move canizza devi desse coerente, devi da d le tu raggioni - Sei ingeneroso Checco co nnojantri Ce provamo, ce rode prenne nantra pizza- Vaffanculo! Vi continu furbetto co mme a pass pe ppeloso? (8) Cor clero inzuppi er biscotto e fai li cazzi tui, ggiacch la riliggione ci la confessione. Accusi, prima pecchi, poi te becchi lassoluzzione - Co sstesempio scellerato a Checco dovintendi de par? Nun vedi, mannaggia a te, che cori a brija sciorta?

36

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 37

- Sstamme ascort, da quanno er monno monno sar sempre la fede, devi dabbozz, a risvej puro ssta vorta er batticore de la marmaja. Ora che s libbere le berve che vi f: mo lo Stato nega e la Cchiesa assorve!-

Note 1)Cotogno. Testa, capoccia. 2)Frescone. Stupido, sempliciotto. 3)Dico. Proposta di legge per tutelare le coppie di fatto, anche omosessuali. 4)Locchi locchi. Silenziosi, flemmatici. 5)Massime corotte. Sta per corruzione della politica. 6)Sbiosse. Disgrazie insospettate. 7)Zaganelle. Piccoli petardi. 8)Peloso. Insensibile alle ragioni altrui.

37

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 38

Lugrezzia
Te piace Lugrezzia, la ja de sor Alberto? Quela co lla boccuccia che pare na rosa e che se mette, mascarzona, sempre in posa? Ma che vi concrude quarcosa de certo co lla ciumachella? (1) Desisti, nun pe tte che sei granne, grosso e puro ammojato. Trovite pamante na sgrin a impenitente a misura tua, che a letto te lassa sderenato ner tojete tutte le voje. Nun penz a Lugrezzia, nun accome tu credi: na ggiuvine miggnotta. na pischella brava, ner pieno de la grazzia, nun te confonne, nun un asco che sabbotta. (2) Te sei fatto sstidea sstrampalata pe na minigonna perch va in ggiro, porca miseriaccia, mezza gnuda, co lle poppe che barzeno de fori? Celosai, la donna pi regazzotta pi mostra la carne soda, per Giuda! Cercate nantra, ardunque, magari molto pi bbona, che ciabbocca (3) se je regali du bei brelocchi. (4) Tu sei arquanto barzotto, (5) nun f la carogna, raggiona! Nun inizzia a zzazz, (6) squadrannomela ne locchi: nun vedi, sembra tu ja! Aricordi quanno sedicenne te pareva na balorda che nun la sfanga, (7) nun mistero, ciavevi strizza che da quela situazzione nun usciva indenne... Mo da bbravo va in Cchiesa e acenni a la Madonna un cero.
Note 1)Ciumachella. Ragazza graziosa. 2)Fiasco che sabbotta. Che si gon a. un detto romano per a ermare che non si tratta di cosa facile da farsi. 3)Ciabbocca. Che ci sta. 4)Brelocchi. Gioielli. 5)Barzotto. Attempato. 6)Zzazz. Darsi delle arie da smargiasso. 7)Sfanga. Tirarsi fuori da una brutta situazione.

38

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 39

Quer cazzo buffo de lamericano


Sstavo sbragato ar caff de la Rotonna (1) a pijamme un bicchierino co Annarella mia, quanno un cazzarellone buffo damericano ciancotta (2) rompendome li cojoni: - Tu co mme nun fai er tarpano,(3) er pacioccone bello, s chi sei, ah infame, ascolteme un pochettino! Io subbito, credeme, lalliscio: - Scanzate che me toji er Ponentino!E quelo de rimbalzo: - Abbada che co mme, Anonimo Romano, nu sse scherza. Nun pi, senza aritovatte a bottega, (4) f lindiano cor paese mio - Ahibb, te sei sstranito? - Jarisponno appuntino. Sor coso, nun te scall troppo, ssta manzo. (5) Qui sei forastiero, no sstatunitenze prepotente. Lindiani rossi de Roma s fetenti e quantunque ciavessi puro raggione resti no straniero che quanno parla se deve da lav la bocca, ma pe ddavero! La nazzione tua sar come lOnnipotente: ma tu qui sforma (6) senn te famo er fagottello spedendote a casa cor culo nero -

Note 1)Rotonna. Piazza della Rotonda. 2)Ciancotta. Parlare emettendo parole mozze e confuse. 3)Tarpano. Persona zotica, goffa. 4)A bottega. In galera. 5)Manzo. Stare quieto, calmo. 6)Sforma. Avversela a male, perdere il controllo.

39

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 40

Na pasquinata
Detto, scritto, fatto, dillo nun sbajato: nessun omo o femmina ner palazzo senza difetti ma me permetti da d che ssta destra fa schifo ar cazzo.

40

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 41

S jo ilegittimo
Ci er latte n sotto li gginocchioni (1) co ssti discorzi letterari. Ah, nun bevete mai?(2) Pe lla Madosca (3) che chiacchiere! Che ciafrujoni! (4) Ma perch nvece de d sstronzate nun cevai de corza Pippo a va anculo? Pasolini, bbooni Grazzie ar cacchio Giggi! Mb, che ciarifai cor Belli? Che dichi de Petrolini? S, te la soni. (5) Per Romol spiegheme er nesso, se celosai, tra lAnonimo co llavanspettacolo. Me parete tutti de li mozzorecchi. (6) Lassetelo in pace Zanazzo e anche Pascarella. Io me limito a lanci la rete pariccoje un po de tutto. Come er prete aricconno er male e poi me tocco palle e cazzo! S, s jo ilegittimo der Trilussa, nu llo sapete?

Note 1)Latte n sotto li ginocchioni. Modo di dire su cose, persone o discorsi noiosi. 2)Nun bevete mai. Non stare mai zitto 3)Madosca. Voce parafonica inventatata per evitare di nominare la Madonna. 4)Ciafrujoni. Pasticcioni. 5)Te la soni. Fai tutto da solo. 6)Mozzorecchi. Mestatori.

41

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 42

Pietro er monnezzaro tru atore


Jeriartro t incrociato er fratello dArmando tutto aripulito. Eh daje! Armando, sine, (1) er macellaro E ggi, ci un fratello c h e f a c e v a e r m o n n e z z a r o, s P i e t r o. N z o m m a c a m m i n a v a s p e d i t o per Corzo - Ah Pi, je dico, nu mmariconosci? S Nello, lamico dArmando. Sincontramo quarche vvorta ar ca o ar Partito. Te sei scontrato co lla ortuna pesse accus agghindato co ssto vellutello? Maricordo cheri tanto incasinato da nun pot move manco un dito, addirittura tavevano pe lli bu appignorato la casa der Tufello - Sai Nello, a tutto sarippezza, (2) marisponne, ci avuto na bbotta de culo. O vinto ar ggiuco un pacco de quadrini. Mo campo da gran zignore pe lla madosca! - (3) Siccome lo sapete, s de coccio,(4) no un cetrulo, a sstincontro co Pietro ci aripenzato pe ccap ndove sstava lerrore. Poi, senza intignece su, (5) ecchete la soluzzione: sur giornale, va anculo! -N ecchese monnezzaro in galera pe bbrojo - Capito, er sor tru atore?

Note. 1)Sine. S. 2)Arippezza. A tutto si rimedia, si mette una pezza. 3)Madosca. Voce parafonica inventata per evitare di nominare la Madonna. 4)Coccio. Testardo. 5)Intignece su. Senza troppa fatica, troppi ragionamenti. 6)Ecchese. Ex.

42

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 43

S arivati li cinesi
Prova a passeggi pe llEsquilino, de giorno o de notte, listesso: te sembra de sst, credeme, a Pechino. Nun maricapezzo accome successo, nd linghippo. Puro Gesbambino qui cinese! Mo lo chiameno progresso de la societ murtirazziale, ssto casino! Ma diteme un po, pe quale processo, ner core de Roma, ner quartiere ndove s nato, e pe questo me vanto de nu esse bburino, ssti fiji der levante cianno tutto in mano, chi je l dato? Magnaccia, troje, bottegari, chi d de rampino (1) tienne qua er grugno giallo. Sar pe ll mi verzi criticato: ma celovedete er cinese discute in romanesco e beve vino?

Nota 1)Chi d de rampino. Commettere un furto, una rapina. Rapinatori.

43

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 44

Sur sessantaquattro (1)


Su lautobusse che te porta da Termini a San Pietro p succede de tutto pe lla troppa zzella(2) che ce zale. Er caso pi commune appizzallo ner dedietro a lamericane, le tedesche, le slave. Nun ppoi male allong morta la mano pe ppalpeggiaje bene er deretano. Attenzione, mo ssto ggiuco s evoluto a lomosessuale, percui er sessantaquattro, quanno pieno e va verzo er Vaticano, peggio der bordello! Ma nd devi surzerio da sst in campana co lli borzaroli. Ce ne s de tre tipi: er professionista romano, che pratica er mestiere come narte; in mezzo a ssta buriana (3) te fa piagne quanno meno te laspetti. Punta sur potafojo gon o, nun distingue tra bburino, buzzuro(4) e forastiero: smiccia, spiana ogni di cort, maignisuno lo becca: un gran fottuto lo o. Anche lecstracommunitario in sstammasso de ciccia ce sguazza e pur contanno un cazzo ci er grugno tron o. Arubba de tutto, nd coje coje: ci fame, pe lla zzozza miseraccia! Li pi fetenti mapper, e nun ce pi f gnente, s li pupi zingheretti, la fanno franca puro quanno l pizzica madama,(5) alanimaccia! Ssti bambocci, mica fregheno in silenzio, no li paraculetti s furbi, lesti e chissenefrega se tenaccorgi, sscappeno come co llo scippo. Da lautobusse balzeno fori saetti e quanno li riprenni Eppure gnitanto c chi li stoppeno, accus vengheno consegnati ar ppizzardone. (6) Poi, che succede? C la galera? Er riformatorio? Magari disgrazziati la deno a quarche operatore sociale? Macch, mme devi da crede, doppo poche ore eccheli l, scennneno e salgheno in pace dar sessantaquattro. Sar carit cristiana ma vojo vede no a quanno ssti poppanti continueno a f come je pare e piace. Ma chi te sstrappa in ssto casino un sorisetto s li preti e le sore

44

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 45

che tenteno de tojese da limpaccio dav er corpo ne la brace de Berzebb (culi, zzinne e cacchi dritti); se fanno sur core er segno de la croce. Ma nun a tutti dispiace er calore: c r monzignor pedofilo, la sora allupata, er frate in fervore. Schifato invece de sstinsolita ammucchiata, de ssto bollore de chi pecora ma se veste da leone, lintellettuvale: pi lo spigneno e lo sstrofinano pi de pessimo umore, armeno questo latteggiamento mentre finge de legge amorale er romanzo che va pe lla maggiore. Ah, lui se sente superiore, nu sse mescola co lla gente pe ff er pomicione. Lunico segnale che trasmette na faccia piena, soddisfatta, da vero zignore che tuttarpi se tira na pippa ar cesso miggnottone! Ma quanno zale na classe liceale de scolare, cresce lardore tanto che puro lautista preso da nerotica soddisfazzione ner guard, da lo specchietto retrovisore, na vagonata de goduria. Er sessantaquattro na linea internazzionale piena de devozzione pe lla cattolica santissima riliggione. r mezzo de la Curia e de lammammolati pellegrini che vanno tuttiquanti pecoroni a pij la benedizzione dar vicedio tedesco (7) ched na furia. Nu sse deve da penz che e romano ssto busse carico de marpioni, de zzoccole e de cojoni nu llo prenne: devi dann de corza a la stazzione, a Piazza Venezia montace sopra! Cii na cena co llamichi mattacchioni a Campo de Fiori o a Piazza Navona, er sessantaquattro na soluzzione! Vi f sciopping a Prati, ggiungi ar capolinea! Vai ar teatro stabbile, lui passa a Largo Argentina! Da li Fori a li Musei Vaticani noccassione, r ggiro turistico de la citt eterna e cosmopolita. Cii lautomobbile senza permesso pe ffermatte ar Ghetto, scenni a Botteghe Oscure! Nzomma qui sopra milleuna s le scerte, gnuna assai invidiabbile, perch locchio batte ndove la voja dole e v la sua parte senzarrabbiature. E che importanza ci se la citt soffuca tra macchine e aria inquinata? Pe lla Madosca, (8) er Tevere na cloaca? S solo lamentele e congetture

45

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 46

sste denunce, s turpitudinezza pe cchi in gruppo o a la spicciolata sur mezzo cerca un po de sstoria der Barocco o der Rinascimento ma sa bene che Roma caput mundi de na societ ciorcinata. (9) Tra Palazzo Madama e Montecitorio, le du sedi der Parlamento, o tra Piazza der Ges e Via Nazzionale, sur busse ce salgheno puro li pulitici, burograti o parlamentari peoni. Ner momento sembreno come nojantri, invece nun c rischio che combineno n accidente de gnente, anche se s er pi de le vorte de sinistra. Te fanno discorzetti tutto dun fiato ma mai davero te senteno. A me me sa che confonneno pulitica e manfrina! Queli de destra ar contrario s propio de li fresconi impimpinati. Articoli su misura, fastidiosi a guardasse. Nissuno j riccontato la vita nostra: che a Roma chi ce vi diventa subbito romano pe nnatura. Nu ssemo pi a li tempi andati de la botticella (10) o de quanno sannava a fasse na ggita in coriera forimura o se ggiucava posterie, cor cortello in tasca, a la passatella. (11) Er sessantaquattro nantra cosa la romanit attuale co ttutte le su contraddizzioni: la modernit in passerella! Nissuno p, presempio contest, che ssta linea inusuale nu ssia na linea acculturata, preparata, cazzutella. (12) Li romami sanno che co un bussolotto accus speciale fai tappa a li musei, teatri e libbrerie de Roma bella e io, che s romano, su ssto busse ce monto e me la godo e gnitanto ce scopro na cosa nova, anche se me sarivorteno le bbudella.

46

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 47

Note 1)Sur sessantaquattro. Il 64 una delle linee pubbliche pi importanti di Roma. Collega la Stazione Termini con la Citt del Vaticano (San Pietro) passando per Via Nazionale, Piazza Venezia, Torre Argentina, Castel SantAngelo. Per questo frequentatissima a tutte le ore da tantissimi turisti, italiani e stranieri. 2)Zzella. Sporco, sudiciume, immondizia. 3)Buriana. Confusione. 4)Buzzuro. Settentrionale. 5)Madama. Polizia. 6)Pizzardone. Poliziotto, pi spesso viene indicato il vigile urbano. 7)Vicedio tedesco. Papa Benedetto XVI. 8)Madosca. Voce parafonica per non nominare la Madonna. 9)Ciorcinata. Disgraziata, infelice. 10)Botticella. Caratteristica carozza da piazza romana trainata da un cavallo. 11)Passatella. Tradizionale gioco romano oggi proibito in uso tra i bevitori di vino. Consiste nel consumare, rispettando precise regole e norme, una determinata quantit di vino secondo il volere del padrone e di un sotto eletti a sorte. Il gioco si concludeva con una ubriacatura collettiva e molto spesso con risse e ferite da coltello. 12)Cazzutella. Da cazzuto. Persona o cosa interessante, da rispettare.

47

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 48

Lagitazzione de li statali
- None! (1) Ficchetelo bene ner capoccione: cii torto Ah, qui mica sstamo a ggiuc a tresette cor morto! Celosai o no che quer sindacalista un gufo, un fijo de na gran zzoccola e magna pane a ufo? - (2) - Nun capisco Ninetto cosa t annato sstorto pesse diventato accus rugante, settario e accorto - (3) - Me fa spece che sei n omo e no un pivetto buffo, (4) Bruno mio! Io n ssta polemica su lo sciopero me ce tuffo, ar sindacato lo deveno da comprenne che puro nojantri sstatali semo proletari, ciavemo le palle gonfie, e comunque nun s pollo: nun questo er modo de port avanti li sacrozanti diritti sindacali. No, commido credesse diriggenti venendoce a d cose banali mentre ce spaccamo er culo pe nnun facce pij per collo. No, nu mme metto a columbrina pe ff god ministri e confederali - (5)

Note 1)None. No. 2)Pane a ufo. Pane a tradimento, che si guadagna dal vivere sulle spalle degli altri. 3)Accorto. Attento. 4)Pivetto. Giovane inesperto, alle prime armi. 5)Confederali. Sindacati confederali, CGIL-CISL-UIL.

48

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 49

Er Gobbo der Quarticciolo (1)


Questa che varicconto nun la sstoria de quarche sspaccamonte de mandrillo, come quer brigante de Peppe Mastrillo (2) che Iddio se lo tenga in perenne gloria! Nellooo, un caff. Ah Ettore, la vi piant de fa casino! No, nun na maschera come Rugantino. (3) na cosa vera la vicenda che ve vojo ora ariccont: parla de rivoluzzionari, de gente come er Gatto, Nino er boja, Giovanni er zzozzo, er Bombolo, tutti de la banda der Gobbo der Quarticciolo.( 4) Ssto caff na ciufeca, (5) ma chi l fatto, mortacci sua? Che dichi? come Bucionero? (6) No, quelo era de Roma antica un popolano ameno, qui invece semo in presenza de ommini che spareno, che ammezzeno tedeschi e facisti e nun mistero: nno giustizziato anche un po de borzari neri. Certo, ereno un po e canajie, ssta spece de communisti, come li regazzi de vita de Pasolini, pri cristi! (7) Pareveno Robin Rud, rubbaveno a li ricchi pe lli poveri. A Manciola, nun ereno bulli che staveno a ggingilasse ssti partiggiani de borgata, de Gordiani e de Centocelle, der Quadraro e de Torpignattara. Annaveno pe pputtanelle? Ecchessarammai! Nun ggiucaveno a sscanzonasse, no, ciaveveno du cojoni grossi quanto du palloni. Ched ssto tatani? (8) A Giggi, sstatte un po zitto! Ciceruacchio (9) era nantra cosa, fu trafitto da quer pretaccio de Pio nono e da que zzozzoni e traditori de francesi. Come er gobbo era un capopolo, der rione de Campomarzio, precizamente. Mor fucilato da garibbardino, mentre Giuseppe Albano fu assassinato!

49

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 50

Angelo Brunetti ggirava pe Roma cor garofolo, er gobbo invece bazzicava deforme le baraccopoli ma co na faccia candida, adololescenzziale, intenza e dorcissima, ma crudele e glaciale. Ner contrasto somijava a un dio de li popoli che viveno ne la miseria e ne la sconcezza. Ched ssta cecagna? (10) V annojo? Ammalappena ve sentite coinvorti? Svejateve, che pena! Ndov Nello? Porta da beve a ssta monnezza de compagnia appennicata. A ssti quattro cornutacci je basta na ghitara e un aritornello de sor Capanna, (11) na sstrofetta de Roma der tempo de la manna (12) pesse seri e discute solo de donne e de bbojacci! Ciaveva raggione quer galantomo de DOnofrio (13) a aricord a li pulitici e a lintellettuvali der cazzo, mannaggia loro sempre accomodati bene ner palazzo, che la Resistenza fu guera de popolo (per Marforio!) (14) solo ne le borgate: repubbriche partiggiane libberate! Tu vi baccaj Nando de carcio, de Roma e de Lazzio? T rotto le palle? Ma quanno metti un po de giudizzio Quele che penzi che sieno le mi solite buggiarate (15) s der gobbo la semprice sstoria. Divento troppo nojoso e scopiazzo quer communistaccio de Ferrara (16) co sstaccidentaccio de lAnonimo Romano? Impara se ciarieschi e romanesco, me dite. Devo desse pi rigoroso ner dialetto e sstudi bene er Belli pavantamme davero? Mb, me state forze a prenne pe lli fondelli, frabbutti che non siete artro? A me numme fregate, musi brutti, mica s er generale Mannaggia La Rocca! (17) Sar pur vero che a Roma cor Marchese Del Grillo e r Conte Tacchia (18) tutto finisce a burla. Li primi a nun esse pe gnente seri s li prepotenti: monzignori, palazzinari e prncipi neri, la plebbaja invece nun ci coscenza ma senza macchia!

50

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 51

Questo r punto da comprennne. Un grappino, Nello, fijo de madre ngnota! Se tratta der blocco sociale pe lla trasformazzione, de come se batte a Roma er capitale, pe realizz na societ mijore. E quer ggiuvinottino, anche se nun celosapeva, era de la partita, miseraccia! Pochi s sstati li rivoluzzionari che se posero er probblema de trasform er popolino scanzonato in emblema der moderno proletariato, pe pport na minaccia a la rendita, a la borghesia, ar clero. Vi f er paragone fra li du granni sindachi de sinistra, Nathan (19) e Petroselli co queli de li tempi nostri? Vertroni e Rutelli? Ma famme er piacere, me pari propio sor fregnone! Attappateje la bocca, perfavore! da neuro e raggionamento. Macch estremista o terorista, parlamone de Carla Capponi, (20) senza veli, parlamone de sstattentato Ma sstateve bboni, maledizzione! Qui li vaffanculo voleno de sentimento appena se dice na frase fuoriposto. Quela de via Rasella sstato nazzione militare, pe la Madosca! Sangue deroi fu pe lla libbert de Roma verzato. S, amichi, pe ttutti noi che mo cenestamo paciosi ar bar a f la vita bella. Ne dovevano da ruzzol de capocce, co lla morte der puzzone, (21) porca la zzoccolaccia! Avete finito sor Augusto de magna pasterelle e tramezzini? Ar posto de lo sstomaco na fogna ciavete co un battajone de vermi solitari? Mo, sor teverone (22) ve ribbatezzo! Ciamancherebbe che nun celoso Romoletto che nu ssemo pi a li tempi de li quattro mejo fichi der bigonzo, (23) de Zanazzo. Che ne sa pi Ah, piantela un po de fa lo stronzo! Dico, che ne sa pi quer bastardo de romano doggi ched er Ghetto: la citt sarebbe anche per Gobbo na moderna Martufagna! (24) Eppoi mica abbisogna esse zzicologhi o storichi de li stivali pe sap che ar posto der monticano (25) c r forastiero de li mi genitali. Chi sa cos Panico? (26) Er garagh? (27) Nd ssta er paese de la cuccagna? Mo, pe ppij pe ssedere lommini de potere, che fai na pasquinata?

51

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 52

O pesse pi sarcastico e pungente t ariccomanni a Petrolini, forze sur serio o forze per celia, e a li su salamini? (28) No, Roma diventata na metropoli, na Capitale impurazzata (29) ndove li ricchi sabbuffeno senza toccaje penitenza cor doppio de le ganasse e li poveri s come Don Farcuccio: (30) co na mano davanti e una dedietro! Ce tornamo, Duccio ar punto de la sstoria, ce tornamo a la discussione de partenza. Nellooo! N antro bicchierino! vero, la citt cambiata, ma che v d, che nun ce s pi li sfruttati, li proletari, er popolo cor culo rotto? Mo se chiameno precari e molti s burinstranieri (31) der terzo monno. S, mutata la Roma de Trilussa e de Pascarella, quela ncisa da Bartolomeo Pinelli; ma er volgo listesso, avvorto ner bujo di fallacie: (32) arovinato e fesso! La modernit ce porta ovunque: co na mossetta precisa der deto premi sur compiuter er bottone e sei a Voscinton. Ardunque, semo ortre a lamericano de Roma de Albertone, (33) semo ne la societ grobbale e noi fanelli (34) annamo a tastone. Emb, mo gnisuno arifiata? Frappoco, celosapete, arivi a Bon cor treno in poche ore: in Europa nun fai pi lo spaccone. La modernit mapper, tacci sua, ce fa regred molto assai a la societ de li magnaccioni (35) e pe lli popolani s guai. Ma lAnonimo, che ci n animo plebbeo, nun ce ssta: laccattone o li cristincroce nu sse devono rinserr ner vecchio motto tira a camp cinico e fatalistico der tempo de na vorta; er popolo nun pi er zignor nuncefusse fori da la porta, pe questo canto der fijo der volgo Gobbo ggiuvinotto le smargiasse (36) rivoluzzionarie. E chi nun daccordo, mosca e tela! (37) Damme retta, lassa perde, ssta ciampanella (38), nu ssar mejo Checco, cicciolo de nonna, cominci a dilla bella, diverzamente li fatti de la pulitica, senza ggiuc ar srdo?

52

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 53

Note 1)Er Gobbo der Quarticciolo. Soprannome di Giuseppe Albano, figura popolare ma discussa e ambigua della Resistenza romana. Comandante delle formazioni partigiane del movimento politico Bandiera Rossa che aveva alcune caratteristiche di massa soprattutto nelle periferie e nelle borgate romane. Il Gobbo e la sua banda sono passati alla storia non solo per aver combattuto tedeschi e fascisti in azioni militari, ma anche per una serie di reati comuni e imprese non propriamente lecite. 2)Peppe Mastrillo. Brigante romano. 3)Rugantino: La pi popolare maschera romanesca che riassume in s le pi esteriori caratteristiche del romano de Roma, cio linguacciuto, sempre pronto a protestare contro le ingiustizie, le angherie e i soprusi, strafottente e fanfarone ma generoso, leale e onesto. 4)Sono tutti soprannomi degli uomini della banda del Gobbo. Da notare che sono tutti soprannomi caratteristici della malavita romana. 5)Ciufeca. Bevanda di cattivo sapore. 6)Bucionero. Nota figura popolare dei rioni del centro di Roma. 7)Pri cristi. I riferimenti ai romanzi di P.P. Pasolini sono evidenti come evidente il parallelo tra il Gobbo e le storie di borgata raccontate da Pasolini. 8)Tatanai. Confusione, chiasso. 9)Ciceruacchio. Come si detto in Chiacchere da bar, nota figura di capo popolo. 10)Cecagna. Sonnolenza. 11)Sor Capanna. Altro mitico personaggio romano veramente vissuto alla fine del secolo scorso. Pietro Capanna era un cantastorie e stornellatore, da qui il nome Sor Capanna. Si esibiva con la chitarra nei quartieri del centro con la sua compagna. 12)Tempo de la manna. Allusione al ritornello de er Sor Capanna: Sentite che ve dice er sor Capanna| cher millenovecento savvicina;| ritorneremo ar tempo de la manna,| a ufa ce daranno la farina. 13)Edoardo DOnofrio. Tra i fondatori del PCI a Roma. Fu tra i pochi dirigenti dei comunisti romani che colse lalto valore letterario, politico, culturale e sociale dei romanzi di Pasolini. Quando usc nel 60 Una vita violenta con un lungo articolo sulla rivista Rinascita (Borgate di Roma e il romanza di Pasolini) lo difese dagli attacchi, abbastanza generalizzati, di altri esponenti del PCI. 14)Marforio. Altra statua famosa parlantedi Roma. linterlocutore abituale di Pasquino. La statua oggi situata nel cortile del Museo Capitolino, ma anticamente era presso il Foro di Marte e prendeva il nome dalla contrada Marforio che si estendeva tra le falde del monte Capitolino e il Foro di Marte. 15)Buggiarate. Sciocchezze. 16)Ferrara. Maurizio Ferrara, noto dirigente del PCI di Roma. Autore di sonetti in romanesco con il pseudonimo Anonimo Romano. 17)Mannaggia La Rocca. Nome di un personaggio romano creato sulla fine del 1800 da un giovane cencaiolo, Luigi Guidi. Lo stracciarolo partecipava alle manifestazioni in maschera del gioverd grasso indossando una specie di uniforme militare avendo per cura di avvertire i giornalisti della sua scesa in campo. Morto Guidi la maschera fu ripresa da altri e sopravviver fino agli anni 20, cio fino a quando con il fascismo furono proibite la sfilata delle maschere in pubblico. La Rocca passato alla storia come sinonimo di bravaccio, spaccone e fanfarone ma pronto a fuggire al minimo segnale di pericolo. 18)Conte Tacchia e Marchese del Grillo. Il primo, il soprannome di un nobile romano dei

53

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 54

primi del 900, il conte Adriano Bennicelli, celebre per il suo modo di vivere piuttosto scanzonato. Il secondo, un personaggio non bene identificato, reso noto al grande pubblico da un film il cui protagonista Alberto Sordi. Vissuto verso la fine del 1700, era un ricco nobile famoso per le sue feroci burle e scherzi, talvolta spiritosi ma il pi delle volte spiacevoli, soprattutto ai danni degli ebrei. 19)Nathan. Ernesto Nathan, di origine ebrea e inglese, fu il primo sindaco di Roma espressione di un blocco democratico (1907) che port avanti una politica che contrastava la rendita fondiaria. ricordato insieme a Luigi Petroselli, sindaco comunista. Queste due figure politiche sono messe in contrapposizione con i sindaci della sinistra moderata degli ultimi anni: Francesco Rutelli e Walter Veltroni. 20)Carla Capponi. Comunista, partigiana romana, medaglia doro al valor militare. Fu tra gli organizzatori dellattentato contro i tedeschi a via Rasella. 21)Puzzone. Benito Mussolini. 22)Teverone. Qui Teverone non sta per Aniene, come i romani chiamano lultino affluente del Tevere, bens per uno che ingoia di tutto, come una cloaca. 23)Li quattro mejo fichi der bigonzo. Sonetti di Zanazzo su il Borghiciano (abitante di Borgo), Tresteverino (abitante di Trastevere), Regolante (abitante di Regola), Monticiano (abitante di Monti). 24)Martufagna. Immaginario paese campagnolo, dei martufi. Ovvero dei cafoni laziali. 25)Monticiano. Abitante del rione Monti. 26)Panico. noto che davanti a Ponte SantAngelo - ovvero Ponte - spesso si alzava la forca per giustiziare i criminali in quanto da l si estendeva Panico e le vie adiacenti prevalentemente abitate da prostitute (donne pubbliche) e malfattori. In modo pi estensivo Panico il quartiere della malavita. 27)Garagh. Gioco da azzardo fatto con le monete. 28)Forze sur serio o forze per celia. Forse sul serio o forse per celia, versi di Ettore Petrolini. 29)Impurazzata. Ubriaca, satura di vino. 30)Don Farcuccio. un modo di dire. restato come Don Farcuccio, con una mano davanti e una didietro. 31)Burinstranieri. Extracomunitari. 32)Bujo di fallacie. Versi del Belli. 33)Americano de Roma. Famoso film con Alberto Sordi. 34)Fanelli. Ragazzotti, giovincelli. 35)La societ de li magnaccioni. Titolo di una famosa canzone romanesca. 36)Smargiasse. Spacconate, trovate. 37)Mosca e tela! Stai zitto e vai! 38)Ciampanella. Sotterfugio.

54

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 55

Li communistelli
Pe ffortuna che se s formati a Genova cor gi-otto ssti communistelli fortunati, senn dovevi da ved ora che bbotto! Che pur c stato. Mo defatti s passati: dar movimento chedera mejo der sessantotto (li famosi disubbidienti antagonistichi incazzati) a sinistra de governo, in quattroquattrotto! Li galletti dallevamento pareno bbravi, sarimoveno e co lla scusa che pav la demograzzia proletaria ce vole piucchemmai innovazzione, nu ssolo accrameno, tacci loro, contro laccadimenti de la sstoria, ma na sinistra tutta nova sinventeno: na requimeterna accompagnata da dieci avemmaria!

55

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 56

Li Prncipi de Dio
Er Padreterno quanti vicedio ciavuto in Vaticano: lAnici, li Rovere e li Savelli, ce s sstati li Castjoni de Milano, fior fiore de Prncipi da li faccioni belli. De Borghese ce ne sstato solo uno come puro de Farnese e Pignatelli. Li Tuscolo, li Segni ereno quarcuno, un po meno li Visconti e li Tomacelli. Papi s stati anche que fiji de miggnotta de li Borgia, li Ludovisi e li Barberini. La pi magn cruda o cotta ma s tutti beati o santi: lOrsini o li Colonna e li Medici, tra loro sempre in lotta. E come nun aricord lAldobrandini, li Caetani e pe nnun f torto a nissuno e aregge bbotta li Pamphilj, li Pecci, li Chigi e lAlbani, ommini de Cchiesa aggrappati a la pagnotta! Ssti pontefici ciavevono potere e quadrini: li Fieschi e li Rospigliosi, mannaggia la passerotta, ereno sstraricchi, pare nu mmeno de li Corsini o li Braschi e li Chiaromonti. Nun poi accus derelitta la fede cattolica, pur co llOdescalchi e li Piccolomini, ggiacch ssti Prncipi, che cianno avuto dar Spirito Santo la dritta, grazziaddio n tenuto de la Cchiesa de Roma li destini.

56

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 57

Sor Giulio in penzione


- A la fine siete stato ggiubbilato (1) sor Giulio. Dovete mo desse contento? Doppo quarantanni de lavoro da sfruttato questo r vostro gran momento, ve godete da bbravo penzionato, lemme lemme (2) ner vostro appartamento e riposo che da vecchio ve siete meritato - Quale riposo, che appartamento, m arisposto Giulio, tuttincazzato. Ma celosai che prenno du euro de penzione? Eppoi, nun parl de la casa che m impacchettato (3) propio pe bbenino. Un buco dabbitazzione pe ttre e ce stamo in sei; na vita me s addannato e mo? Verzo a Stato e padroni la penzione! -

Note 1)Ggiubbilato. Mandato in pensione. 2)Lemme lemme. Piano piano. 3)Impacchettato. Immobilizzato

57

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 58

La Fornarina (1)
Ndove incontravve mia bruna Fornarina, su le scalinate de Trinit deMonti o affacciata a la finestra de casa, bella sartina? Laricordate lintontimenti, limpronti, (2) er profumo de le violette de prima matina a Piazza de Spagna, lamichi pronti pe ffavve sent ancora pi semprice e carina e lincanto majuscolo de li rossi tramonti visti dar Gianicolo, calati su li tetti, de na citt tutta imbrillantata. (3) Che fine n fatto li mille proggetti, li desideri nascosti. La modernit v cambiata: in tasca ci un pajo de fojetti, s aritornelli e sonetti, ma che ce vengo a f a via de la Scala A cantavve na serenata?

Note 1)Fornarina. Nel folclore romano una venditrice di violette sulla scalinata di Trinit dei Monti che diviene una vezzosa modella. La tradizione vuole che la prima Fornarina fosse la bella modella di Raffaello che abitava a Trastevere a via della Scala. Talvolta la Fornarina viene anche identificata nelle graziose sartine che lavoravano nei laboratori di Piazza di Spagna. 2)Impronti. Preparativi. 3)Imbrillantata. Lucente, splendida.

58

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 59

Li paradossi de la pulitica
- Jerassera infrociato quela ciovetta (1) de Lina ar partito Suvvia, s bravo, la biondina der primo documento quela che ci na sorella che ssta co quer aribbambito... de Gino E daje! Gino er barbiere ch in via desperimento ne la bottega de sor Cesare. Nzomma, me mette in croce e in mezzo a un buggero (2) de compagni me dice co na voce poco dipromatica e co naria ched un programma: Sei no sstalinnista violento de la peggiore razza, vi pass pe rivoluzzionario ma sei un fijo de mamma! Ma senti tu che me devo f d da ssta pivella de pupazza! Mo s io tojattiano che nun ci capito un cazzo, mentre ssti ggiuvinotti belli, cresciuti drento er palazzo, s innovatori, er mejo der mejo, ma confonneno, intellettuvali, la foto de Lenin co quela de Pirandello. Ma linghippo che causato ssto macello accus ameno de li sciagurati che n ggiucato a sartarello, (3) mortacci loro! Li gruppettari e lanticommunisti de na vorta, queli chereno filocinesi e maoisti, e ce ariempivano dinsurti a noi der picc traditori. S, eravamo revisionisti e socialimperialisti, avevamo dato via er culo a li jenchi prevaricatori perch nun eravamo sufficientemente antimperialisti e sostenevamo la cosistenza pacifica. Eravamo de destra, ner movimento operajo e loro rivoluzzionari de sinistra, ggiacch l sera condannato er curto de baffone, (4) e chi nun era pe Stalin o pe Mao era no schifoso pacifista, un sociardemocratico, un servo der padrone, un cojone! Te laricordi Peppino che anni? Era nantra cosa er communista, mica come ssti quattro mammalucchi de Rifondazzione. Dommineddio! Anniscosto fra tanta rassegnazzione ce sar un rivoluzzionario vero. - Nun divag, resta a li fatti, che t arisposto quanno ji detto che nun eri pe llo sstalinnismo, ma per communismo? - Che s un nostargico e che li misfatti

59

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 60

compiuti dar socialismo s da condann ar pari der nazzismo. Me diceva: basta co lla violenza proletaria, de pass pe mmatto, de penz come Robespierre, mo bbisogna prenne atto de coniug er socialismo co lla demograzzia. A Lina, fermete un poco, je replico, ssta robba s cose vecchie, celosai? Erino largomenti co lli quali se tentava de mette a la berlina quelindemoniati de marchesisti-lenninisti, de nun faje f guai, de ten a bada li troschisti e loperajsti S, puro li massimalisti, li rivoluzzionari co lle mazze da besbolle, appunto, li socialisti! Che dichi Lina? Io alludo? Noo ce mancherebbe, abbottattela (5) de regazza acetosella che nun fotti! Pesse chiari, pe cchi ancora nun m capito, me piacerebbe f un discorzetto. Ne s volati de sganassoni tra noi ggicciotti co queli cacadubbi (6) de amichi tui de mozzione. In fermeria ce nirono li compagni da li katanga pestati, pe lla miseria! Io sstalinnista Nu mme la prenno co tte Lina Tu che ne sai - E la regazzetta come l presa? A la ne sera convinta? - Macch, quela continuato a famme, peggiochemai, na pippa de polemica, Cristo, pe nnun dammela vinta! Nun era quela na discussione seria, me pareva, credeme, de parl arabo, nantra lingua Li concetti sembraveno creme montate co lle bestemmie Ma quelo che me d pi fastidio de ssti pischelli de partito che s imbevuti come spugne de tutte le fregnaccie che jaricconteno: s gonzi, Perdio! - S, per anche voi, co quela mozzione de pizza e prugne(7) ne consumate de scortico (8) e co lla scusa desse rivoluzzionari ve fate un pacco da ari vostri. Pe pprincpio siete contrari, maccus ve ritajate un commodo spazzio, da scocciatori! - A Peppino, nu mmette er deto ne la piaga. Celoso purio che nun tuttoro quelo che brilluccica. Dartronne, li dolori vengheno da qui. Era de bonsenzo e raggionamento mio, anche se antri, ner f carcifarzo,(9) n sonato la grancassa, cor pretesto desse lider indiscussi: de li capitan Fracassa! Pepp, numme devi convince, de nostargici sstalinnisti e maschilisti zzeppa la mozzione Esse communisti. Ma tutti queli rinnicchiati

60

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 61

ne la prima, nu ss listesso? Anzi, s peggio! Ora fanno li progressisti, li disubbidienti nonviolenti, li libbertari, laperti ar novo; ma sfacciati pareno propugnatori der modello americano! Epper militanti coerenti s per dialogo cor diverzo, puro quanno r padrone, comprimenti e porta pazzienza se la critica sempre verzo ar picc tojattiano! Come posso pijammela co ssti ggiuvinotti formati in batteria, nun jnno insegnato un friccico (10) de sstoria. Annamoce piano, er deto (11) va puntato verzo que fiji de miggnotta che co ffurberia oggi me criticheno desse sstalinnista perch me sento lenninista ma ieri mabbuscavo da listessi tutte linsolenze da revisionista. Pepp, che ce vi f? Questi s li paradossi de la pulitica - Quanno difficile comportasse da omo de sinistra Mingrifo, (12) ar livello de certi penzieri nun ciarivo, me lasceno addosso na fatica, forze pe questo che r popolo pi nun ce vota: famo schifo! - Se scriveno tante piscinate su la crisi de la pulitica pe nnun d er vero: ched de la sinistra la crisi e accus er monno sempre pi nero! -

Note 1) infrociato quela civetta. Ho incontrato quella civetta 2)Buggerio. Gran numero. 3)Sartarello. Saltarello, tipica danza popolare romanesca. Qui allude ai continui salti politici, cambiamento di linea dei dirigenti del PRC. 4)Baffone. Giuseppe Stalin. 5)Abbottatella. Paffuta, grassoccia. 6)Cacadubbi. Chi solleva molti dubbi ed sempre critico e perplesso. 7)Pizza e prugne. Modo di dire per indicare una cosa da poco. 8)Scortico. Tagliare le pelle, In termini figurativi tagliare lanimo, approfittarne, anche economicamente. 9)Carcifarzo. Dare un colpo a tradimento. 10)Friccico. Briciolo. 11)Deto. Dito. 12)Mingrifo. Mi altero.

61

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 62

La discussione tra lAnonimo Romano e Ettore r lazziale

Scavusarmente (1) incontro bocca de ciafrella. (2) - Ciavete avuto, je dico, un ber chiccherone (3) fin co na squadra che pare na pora craturella er campionato sstanno accus molto benone. Eppure, aggiungo, navete prese de tortorate, (4) eh Ettore! Forze era mejo ggiuc cor Roccannuccia (5) pe nnun prenne na cariola de sonore buggerate, diobacco! Cenavete voi lazziali, a lanimalaccia, de sstoriacce zzozze sur gropponeE nun d ch jella! - Ah, Anonimo da li penzieri incertarelli e senza sstella, n co lla sinistra riformista n co quela radicale e communista, fatte na forchettata daffari tua! Mo, sei puro romanista, stornellatore daccatto, (6) co na fregnonaggine (7) che te porti addosso - Ettore, che s sste battutine, voi buttalla in pulitica, jaribbatto, annisconndete, evite de fatte f ancora pirumpara. (8) Vergognete! Pentite, lassala perde ssta squadra de bburini e de pariolini - Va tu, giallorosso de li mi minchioni, a langoluccio, a consum cinque minuti de punizzione! Siete come li regazzini, viaddannate quanno la Roma pi che na lupa un ciuccio e cantate vittoria se vincete du fusaje (9) e quattro bruscolini - Nun forze vero che sete, replico, arquanno pochini e che er santo che viseraccomanna e Fraccacchio da Velletri? (10) Noi, aricordate, semo na pipinara, (11) voi tre cazzoni (12) de du metri! -

62

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 63

Note 1)Scavusarmente. Casualmente. 2)Bocca de ciafrella. Bocca di ciabatta. 3)Chiccerone. Deretano. Sta per molto fortunato. 4)Tortorate. Colpo inferto con un tortore. Qui sta per sconfitte sportive. 5)Roccannuccia. Paese immaginario, simboleggia un paese piccolo, sconosciuto ed economicamente, socialmente e culturalmente arretrato. 6)Accatto. Da poco. 7)Fregnonaggine. Ingenuit eccessiva. 8)Pirumpara. Versacci. 9)Fusaje. Lupini. 10)Fraccacchio da Velletri. Personaggio immaginario ritenuto orginario di Velletri. usato come sinonimo di nessuno. Non sei nessuno. 11)Pipinara. Tanti, moltissimi. 12)Cazzoni. Qui sta per fregnoni.

63

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 64

Beatrice Cenci (1)


Nun vero che r popolo ci la memoria corta, quanno linfamia granne, troppa grossa Roma, che pare na puttana cinica, se rivorta, s, aricorda e je pija na voja de cant commossa quer vecchio aritornello su Beatrice regazzetta morta, pe ccorpa dun padre mascarzone, che Iddio lo possa sempre lassa a linferno! E a nissuno importa se ssta disgrazziata gente Cenci ciaveva la fossa scavata e preparata dar Santo Padre Aldobrandini, (2) perch la casacca de Petrella possedeva troppi quadrini. (3) No, questa nun na sstoria daffari de Prncipi potenti, no, questa na storia de core e de ggiuvini penitenti che s sstati ggiustizziati da lInquisizzione comassassini, da chi lobbligava a baci la tera nd cammini. II Co Clemente ottavo naveva de lavoro er boja e nemmanco er Giubbileo evit lo spargimento (4) dantro mare de sangue: ssta truce voja de d a li cristiani lassoluzzione cor tormento e de f pass na fanella (5) innamorata pe na troja arispettanno accus preti - carnefici er commannamento. Ma quanno fu er momento de la scure nun casc foja ne la piazza e ner silenzio sdegnato sarz er ggiuramento der popolo romano pe lla sstoria. E a distanza danni, puroggi che li papi pareno ommini innocenti, de quelingiustizzia resta lamaro in bocca e arimanni ar fatto che r potere, pe attu li su intendimenti, sstima quarsiasi mezzo pe mmette in riga e d commanni e accus puro la Cchiesa no scenufreggio (6) senza sentimenti.

64

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 65

Note 1)Nella condanna a morte di Beatrice Cenci (decapitazione) da parte di Clemente VIII si voluto vedere un grave errore giudiziario e, tra leggenda e realt, la nobile romana stata assunta a martire ed eroina in numerose opere letterarie: dalle cronache di Stendhal al romanzo di Guerazzi, dalla tragedia di Vaviani al dramma di Moravia. un dato storico certo che Beatrice, insieme al fratello Giacomo e alla matrigna Lucrezia, fece uccidere il padre Francesco, un essere dissoluto e brutale, che avrebbe, tra laltro, anche abusato della figlia. Dunque, come assassina fu condannata secondo il diritto penale di allora, anche se la sentenza fu particolarmente dura, in quanto vi era il trattamento di semi-impunit in vigore nei confronti dei nobili. Vi furono anche motivi politici dovuti alla contesa dei beni e del patrimonio della famiglia Cenci che finirono ai parenti del Papa Clemente VIII. Per questo la decapitazione di Beatrice provoc grande sdegno tra il popolo romano ed ricordata come una fanciulla che sub dal padre e poi dalla Chiesa delle grandi sofferenze e ingiustizie. 2)Aldobrandini. Ippolito Aldobrandini, Clemente VIII, che fu eletto papa nel 1592. 3)Troppi quadrini. Qui si accenna allinteresse degli Aldobrandini al patrimonio della famiglia Cenci; Petrella invece il paese da cui provenivano i Cenci. 4)Spargimento. Qui si allude al fatto che Clemente VIII convoc il giubileo del 1600, che nelle sue intenzioni doveva mettere un po di pace tra lui e i romani contrariati dalle sue rigidit religiose che lo portarono a sopprimere i giochi e i divertimenti carnevaleschi e che avevano assistito non solo alla decapitazione di Beatrice Cenci ma anche alla condanna a morte (rogo) di Giordano Bruno. 5)Fanella. Giovinetta. 6)Scenufreggio. Anche la Chiesa si manifesta con violenza e con esplosioni di collera e ira, attraverso azioni gravi e drammatiche.

65

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 66

La sanno longa (1)


A Nando, a dittela papale papale, (2) avecceli piazzati ne li mejo palazzi a combin affari e ntrallazzi, co lla scusa che Roma la Capitale, me fa sent cittadino de na succurzale. La sanno longa ssti nordici fraccazzi, vengheno, s tutto mi: a noi li strapazzi a loro er commanno qui e su lo stivale. Eppoi, Cristoggesummaria, dicheno che semo, na citt de fregnacciari e de ladroni, ma quelo che, lanimaccia loro, pi temo de ssto fottio de buzzuri capoccioni che se pijano Roma e noi a f Remo: sentisse a casa nostra estri e minchioni!

Note 1)Longa. Lunga. 2) Papale papale. In modo molto chiaro.

66

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 67

Come quer franguello


Accus nun va bene. Basta co llaritornello, nun pe nniente bello, de d tante cattiverie su la sinistra e nun parl mai male de la destra. Anonimo, abbisogna mettece ciarvello e magnasse carda la minestra pe nnun aritrovasse come quer franguello che fischietta ne la gabbietta fora la finestra.

67

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 68

La papessa Giovanna (1)


na storia lastricata de misfatti, de puttanate e din nite nfamit, ortre che da quarche rara santit, quela de la Cchiesa. Nun defatti un mistero che solo co un po de scatti de quarche ssanto la cristiana carit ciabbia quer riconosciemento de univerzalit. Percui s ommini devotissimi intatti che scriveno la sstoria. Mapper c sempre quarche ssegreto der quale vergognasse, peggio de li monachi sordati o der ponte ce che copre rubberie e delitti, che teorizza er saccheggio. Presempio le ssedie sstercorarie (2) se scopre serviveno pe f ssed appeneletto er vescovo saggio e ved se r novo vicedio era de natura, nzomma, sera sur serio maschio maschio e spletasse lumane necessit da omo pio o ce marciava, come quanno capit la fregatura dincoron papa la favolosa Giovanna. Fu dura! Quela vorta se tocc er dramma, no un semprice fastidio che se potevarisolve chiedendo perdono ar Signoreiddio. No, nu sse poteva lasci a li sstorichi ssta montatura, un precedente accus pericoloso, da mette paura per futuro Santo der ponti cato de Pietro lo ggiudio. No, er fattaccio addoveva rest na leggenda scura, se doveva devit la pubbricit sur sacriligo episodio Penzate che ciavrebbero detto linfeministe su ssta gura: doppo la papessa na bella donna pur Iddio!

68

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 69

Note 1)Papessa Giovanna. Secondo unantica leggenda diffusa da il bibliotecario vaticano Benedetto Sacchi, detto il Platina, e ripresa da Martino Polono, dal Petrarca, dal Boccaccio e dai protestanti, e per lungo tempo non smentita dalla Chiesa, il seggio ponteficio sarebbe stato occupato da una donna, Gilberta da Magonza, che con il nome da uomo Giovanni Anglico, sarebbe stato eletto pontefice con il nome Giovanni VII, dopo la morte di Leone IV (847 855), appunto nel luglio dell855. Ma dopo due anni sarebbe stata scoperta a causa delle doglie manifestatesi durante una processione che la costrinsero a partorire in strada. Il fattaccio avvenne a San Giovanni in Laterano. Lorigine di tale leggenda si ritenne presumibilmente legata allinfluenza esercitata da donne su alcuni papi nel turbolento periodo in cui ambientata. Comunque, un dato storico che in quel periodo e nel secolo successivo alcune donne ebbero un ruolo decisivo nelle vicende sulle sorti politiche del pontificato. In particolare vanno ricordate Teodora e la figlia Marozia, che qualificarono con i loro intrighi di potere tutto un periodo, dal 904 al 963. Quasi sessantanni di storia capitolina e della Chiesa di Cristo. Pare che Teodora solo con gli occhi e con uno sguardo dominasse il papa. Gli storici del tempo affermano che fosse una puttana spudorata. Per questo motivo il periodo di Teodora e Marozia conosciuto come pornocrazia romana. Pi di uno furono i papi eletti da queste donne inquietanti e potenti: Sergio II, amante di Marozia, e dopo questo altri due papi; il secondo fu assassinato da Teodora per far posto al suo nuovo amante, Giovanni X, che pero trad la madre per la figlia. Morto anche questultimo papa Marozia, a forza di sesso, continu a occuparsi di tutto e a eleggere papi fino a far sedere in Laterano il figlio, con il nome di Giovanni XI. interessante, infine, notare che la storia di Roma piena di figure di nobildonne che con le loro trame, ordite pi nelle camere da letto che dal Laterano e dal Campidoglio, dominarono la citt eterna. Vannozza de Cattanei e Giulia Farnese, amanti del Papa Alessamdro Borgia e sua figlia Lucrezia alla quale il padre - papa affid per ben due volte, dovendosi allontanare da Roma, il governo della citt, nobilitandola in tal modo come vice - papa, ovvero papessa, Olimpia Panphilj, detta la Pimpaccia, e Cristina di Svezia. E forse non un caso che le patrone di Roma sono Francesca Romana e Ludovica Albertoni, entrambe sante - madri, insomma non vergini. 2)Sstercorarie. Sedie stercorarie dei sommi pontefici. Con lintronizzazione di Leone X, avvenuta nel 1513, si pose fine alla prassi che dopo i riti nella basilica vaticana per celebrare lelezione del nuovo papa, si svolgessero nella basilica lateranense alcune singolari cerimonie non proprio religiose. Per una di queste cerimonie venivano usate le sedie dette stercorarie. Le sedie erano tre, una di marmo bianco e due di porfido. Le sedie erano forate nel mezzo in forma rotonda e per questo furono dette stercorarie, come se fossero delle seggette. Le sedie, che originariamente si trovano nelle terme di Caracalla, non erano concepite per espellere gli escrementi, ma probabilmente per sedervi, appena uscito dal bagno, onde il buco doveva servire per canalizzare lacqua. Il papa eletto sedeva sulla prima (quella bianca), successivamente sedeva sulle altre due per dimostrare che era huomo come gli altri e sottoposto a tutte le humane necessit, con tutto chegli fosse quel sublime grado alzato. (Antichit di Roma). Questa singolare cerimonia fu messa in relazione con la papessa Giovanna; da qui la leggenda che la ragione di questa cerimonia fosse per esaminare il sesso del nuovo pontefice e garantirsi che egli fosse effettivamente un uomo, ed evitare cos un altro inganno, cio che nuovamente una donna potesse ascendere al pontificato. Ma una storiografia pi credibile ci dice che le sedie stercorarie presero questo

69

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 70

nome dai cori dei cantatori mentre il papa sedeva sopra di esse, affinch il papa si mantenesse umile nonostante la nuova dignit che aveva assunto con il pontificato. Inoltre il papa dalla sedia di marmo spargeva monete al popolo, da una di quelle di porfido invece riceveva da un canonico la ferula e le sette chiavi della basilica e del palazzo lateranense. Nella terza sedia, infine, restituiva la ferula e le chiavi al priore, donava altre monete al popolo e riceveva il bacio al piede di tutti gli uffiziali del palazzo lateranense. Il Papa Pio VI tolse le sedie dalla basilica lateranense. La sedia di marmo and distrutta, mentre quelle di porfido furono collocate nel museo vaticano. Nel 1796 furono prese dai repubblicani francesi e trasportate in Francia. Dopo il 1815 il museo vaticano ne ricuper una, mentre laltra tuttora a Parigi.

70

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 71

La vocazzione der ggiudeo


Se dice che r fijo de Simone, s labbreaccio, s messo tanto bene co ppij robba ar Monte (1) da furbacchione e trafficacce co in pi du mila euro o trene Mo diventato un gran riccone, ci pure naggenzia tuttobbene, (2) compro oro e l dietro ar bancone te fa boll er sangue ne le vene. Davanti a quela spece de localetto gni ggiurno na pricissione che in certe ore manda in subbujo er Ghetto. Badanai! (3) Molti cianno la maleddizzione de dov da buss de battese er petto, ggiacch benedetto da la Cchiesa pe ssta vocazzione.

Note 1)Monte. Monte di piet. 2)Tuttobene. Agenzia di pegno, ma nella sostanza usuraio. 3)Badanai. Per Dio, in nome di Dio. Dallinvocazione ebraica bAdonai (per Dio). Limprecazione anche usata per indicare chi di razza ebraica. Belli: Arberghecce li turchi e badanai.

71

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 72

La scommessa
- A Carl, venghi o no a pijatte un t da me, che ce famo quattro chiacchiere su le disgrazzie de ssta umanit fregnona, credulona nu sso pi come - Mio caro Engheles, vengo, vengo, tante grazzie, me porto dietro un libello poco serio e infame sur communismo, er proletariato e antre pazzie Dettofatto Marcs se rec a casa de Federico co na fame che nun ve dico. Era intenzionato a f razzie. -Mb, inizi Engheles, te pare normale bevese lincarnazzione? E gi na risata, Ah, ah! Penza allora a chi gnocco sillude che doppesse diventati polvere c la risurezzione E pure qui nantra risata, Eh, eh! - Abbisogna av fede, ribbatte Marcs. Se nun cii fede nun te convince la soluzzione de la Trinit Er Padreterno che se fa omo, da nun crede, eppoi se mette in croce co lla benedizzione de lo Spirito Santo Eppuro qui li due a ride, Ih, ih! - Luniverzo pieno de bambacioni (1) che abboccheno a tutte le fregnacce, come crature. Mo, sortanto un sempriciotto p aspett dar tempo der cuc un Messia co lli cojoni che annunci la sarvezza mejo de Ges - E sbotteno, de schianto, a ride, Ah, ah! - Che piscio, er plebbeo se nun adora li di bboni n indiavolato. Lilumminismo nun concruso un cazzo, che pianto! Greve afferma Engheles. E aggiunge: - da perzona che porta li pantaloni convincesse che Maria er bambinello lo gravid da Vergine immacolata? O che er Corano fu scritto in celo dAll e conzegnato a Maometto da lAngelo Gabbriele? E quela der peccato origginale? - E de core na risata, Eh, eh! Che disastro co sstidee! P ardunque progred er caretto der progresso co lla sstoriella der Nirvana? Ma guarda te che trovata! E tanto pe ccambi n antro Ih, ih! Ah, Feder, scommetto che ar popolo je do na cojonella (2) ancora pi smisurata, da sbudellasse da le risate - No, Carl, nun possibbile

72

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 73

rifil a lumanit pi de le riliggioni nartra buggiarata, me pare troppo; vabb li docmi, vabb er trio indivisibbile, vabb magnasse carne de omo, ma mo de pi fattibbile, che c? - A Feder, pe cchi ci lanimo semprice na sparata de quele granni a cui se fa fatica crede nvece cumprensibbile. Ecchete er segreto, amico, che te rende la burla na porcata. E te lo dimostro de che pasta r consorzzio umano Scommettemo o no? - S pronto Carl a mantenette pe na vita se me dimostri che er penziero tuo mejo de quelo cristiano - Legghi qua! O scritto un opuscoletto ndove affermo che la partita ne la societ ner conflitto e pesse felice devi desse pi profano e uguale a lantri, co uguali diritti. Sstidea credeme, na calamita, fa un fottio de proseliti. Nun raccoje, come cor bonzo, un po de gente incredula der misticismo nostrano. No, co lla mi teoria puro lo scettico te diventa gonzo! - Famme legge ssto libercolo che rutta quanto er vurcano E doppo av sfojato er fascicolo de Marcs piano piano, ridendo de gusto, lapostrofa: - Carl, cii na faccia de bronzo, ma guarda che te sei inventato co quer ghigno da puttano. Mannaggia a te, sei annato ortre, fai troppo lo sstronzo Ma lo riconosco, lidea der socialismo geniale, da grann artista, antro che Inferno, Purgatorio e Paradiso o redenzione cor finimonno! Me piace la teoria de la lotta materiale, ched na conquista. - Allora, caro Federico, lo pubbricamo ssto saggio in tutto er monno cor titolo Er Manifesto, accus vinco la scommessa e sstamo in pista prendenno co lla favola der communismo, perculo tutti, anche tu nonno! -

Note 1)Bambacioni. Paciocconi. 2)Cojonella. Canzonatura, presa in giro.

73

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 74

Er pappone (1) de Sofia la slovena


passato er Cco (2) co n torciorecchio (3) paricord a tutti, a Sof e a li clienti, che su la Salaria li sconti s tra li denti (4) eppoi vai a casa come n santo vecchio. A sstomo, che t portato schiava come n abbacchio, devi da port rispetto, nun deve ascort li lamenti tui e de lantre quattro zzoccole in slovacchio: dovete desse pronne a d e resto a tutti li fetenti. Ah Sof, er tu pappone nun r pappone de quanno era romano o cispatano. (5) Qui s cazzi, ssti magnaccia ne trovi du o trene debbotto (6) Mariccommanno! No, la cosa compricata, nu sse tratta de mettece la faccia ma dav pavura desse sola e de procurasse un ber danno. Co ssta protezzione er mestiere pi duro, pe lla miseraccia!

Note 1)Pappone. Protettore delle prostitute. 2)Cco. Originario della repubblica Ceca. 3)Torciorecchio. Qui sta per bastone. unattrezzatura tozza e corta munita allestremit di un anello di corde nel quale i maniscalchi infilano, torcendolo, un orecchio del cavallo da ferrare, per distrarlo dalla ferratura. 4)Li sconti s tra li denti. Che non si fanno sconti sulle prestazioni delle prostitute. 5)Cispatano. Persona originaria delle regioni a sud del Po. 6)Debbotto. Allimprovviso.

74

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 75

Er Partito Demogratico
E tu nun ce credevi sor Peppino: celanno fatta a sgravit ssto partito de postcommunisti cotti cor vino e de demogristiani cor core aripulito. Mmazzela quant brutta vista a tavolino ssta formazzione: mancopegnente ce milito. mejo nammascherata guardata da vicino de la sinistra, puro se nu mmove un dito e quanno lo move na pajacciata, na risata! Parlo ciafrerico? (1) Pesse preciso e chiaro te dico che mo maggiusto scettico la giornata magnandome na stozza (2) de pane amaro ggiacch se la pulitica namericanata preferisco damme laria de no sstronzo artolocato e raro.

Note 1) Ciafrerico. Parlare in modo confuso. 2) Stozza. Tozzo.

75

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 76

Lufficio postale
Si, se te metti bene in fila un sacco dattrezzi (1) incontri Romol drento lufficio postale e se nun cii un cazzo da f te vedi certi pezzi, (2) sarebbeno da ride se nun farebbeno male. Ce trovi de tutto, ce s ommini catapezzi (3) dogni colore e razza, nissuno uguale anche se sarassomjano pe lli pochi mezzi. C lo studentello co quelaria banale, c er penzionato che sstattento puro a li centesimi, pe ccolpa de lo Stato, pi spilorcio der ggiudaccio, mentre la casalinga borbotta, contro tutti lismi. Ma r professore che invece sstrarompe poveraccio, che se mette in coda, imparta (4) su li catacrismi na lezzione pulitica a un disoccupato ridotto no sstraccio. II Pe mme Romoletto lufficio postale no spaccato de vita, l capisci nd ssta er confine de classe, tra er popolo, in fila a ten in mano li bollettini de nesistenza imiserita, e li ricchi, li padroni, li borghesacci, li monzignori, loro solo nu lli vedi mai in fila co na faccia triste e impensierita. No, qui passeno ciccioni e smilzi, arti e bassi, senza prenne er volo, cianno messo radici No, ah Romol, qui se sbuzzica ingrignita (5) puro la miggnotta! Mica c sortanto plebbaja o quarche bbroccolo a godesse, come se fosse naturale, nora drento ssto posto statale. Dificilmente ce trovi er lavavetri o quarche ssconocchiato (6) ma er bottegaro, limpiegato s de casa come er manovale. S, qui c na fauna mejo de lo zoo: c quer tizzio imbrillantato che fa finta desse qurcheduno ma r sottopanza materiale der zignor Cacini (7) che magna a quattro ganasse impaparacchiato. (8)

76

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 77

Note 1)Attrezzi. Sta per persone, individui, soggetti. 2)Certi pezzi. Certe scene. 3)Catapezzi. Fustacci, un bel pezzo duomo. 4)Imparta. Impartisce. 5)Sbuzzica ingrignita. spremuta, rattrappita. 6)Ssconocchiato. Mal ridotto. 7)Cacini. Personaggio dellavanspettacolo romano la cui fantasia popolare ha attribuito ogni sorta di capacit e il cui nome viene chiamato, come termine di paragone, ogni qualvolta qualcuno si vanta di prodezze eccezionali o incredibili. 8)Impaparacchiato. Seduto comodamente, in tutta tranquillit.

77

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 78

A Umberto Bossi
Quer fregno (1) l, quer Bossi aruffapopolo (2) ci na cucuzza piena de bbubbole (3) co ssta favola che le genti de Roma s solo ommini mascarzoni che ggriffeno puro ar sole. (4) Mo ssto baccal ammollo, ortre che riccommannasse co llamico Cerasa (5) parz nantra ggiornata e buttalla in caciaria, doverebbe daripassasse, pe nnun f la solita figuraccia e lenesima cazzata, la sstoria e sciacquasse du vorte la bbocca magnando un po de sapone (6) come se deve e solo doppo ssta rinfrescata po d, biocca, (7) a tutti li su purcini leghini in modo greve che Roma nun sortanto sempricemente na citt. A nojantri nzomma deve da port lacqua co llorecchie (8) e addimannasse perch qui sarippresenta der Paese lunit puro se ciavemo un mucchio de buzzuri mezze tacchie. (9) Er fatto che quer carattere univerzale de Roma r su futuro; nu ssto a parl de un ggingiletto de tradizzione che vale nacca o de un idioma qualunque, comantri. No, ariconzolate co llajetto (10) se ancora te resta burzugno (11) un friccico (12) de vergogna. Cii voja allora de sstrill e de ggira a voto come un picchio ner d - Roma ladrona! - Celosai ched na menzogna ma se tajuta a galeggi da pulitico vabb, farfanicchio! (13)

78

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 79

Note 1)Fregno. Abbreviazione di fregnone, In questo caso sta per coso, come appellativo dispregiativo. 2)Aruffapopolo. Sobillatore. 3)Bbubbole. Bugie. 4)Ggriffeno puro ar sole. Rubano alla luce del sole. 5)Amico Cerasa. Uomo con la ciliega. Modo di dire che viene usato per persona che non si vuole nominare e di cui si sta parlando. Nel caso specifico trattasi di Silvio Berlusconi. 6)Magnando un po de sapone. Pulirsi la bocca. Farsi un esame di coscienza prima di parlare male degli altri. 7)Biocca. Chioccia. 8)Port lacqua co llorecchie. Fare di tutto per riuscire gradito, accettato. 9)Tacchie. Schegge. 10)Ariconzolate co llajetto. Consolarsi con poco o nulla. Contentarsi di un risultato minimo. 11)Burzugno. Zotico, villano. 12)Friccico. Un po. 13)Farfanicchio. Nome di un demonio immaginario, ma anche uomo vanititoso, leggero.

79

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 80

Antri tempi
- Te laricordi, ah F, (1) la vecchietta emiliana, (2) s quelarinzichinita (3) e curva de le rose che ciaveva na voce dorce da cristiana e co no sguardo che voleva d un sacco de cose? - E tu, Anonimo, te lo rammenti Garibbardi (4) ne la tana dArmando a San Lorenzo (5) che sonava du note in dose co quela su tromba imbrillantata da Repubbrica romana? - Me vi n malloppo (6) in gola se penzo a quali pose dovettero da sst Fabio sste figure belle de Roma de na vorta pe tten bordone (7) a sstudentelli pieni didee e de passioni che nu ssapevamo ndove la sera sbatte la capoccia storta. Mica ereno come li lavavetri, li vuccompr o li bardascioni (8) com oggi Ereno artisti e nu ssia furno messi fora da la porta - Cii propio raggione, co lloro eravamo tutti pi bboni II - Da la nonnetta, ah F, ci comprato er primo fiore, na rosa rossa pe llevamme da quelimpaccio de d a quer grunetto, che nun guardo pi mo de core, sei er benemio bonagrazzia de regazza, accidentaccio! - Perch, co mme nun fu listesso, ce misi pi de du ore a faje cap, seduti fianco fianco da Giggietto a Testaccio, (9) che pe mme nun era solo na compagna, ma un grannamore: entr Garibbardi, me vide e pajutamme a scioje er ghiaccio son lInternazzionale e fece puro er bisse. (10) Che schianto! - Tu nun ce crederai ma m venuto tanto de quer fele quanno disgrazziato morto - Ah, puro io ci pianto! - Nu ssemo pi F ggiuvinotti in cerca der tempo de le mele, (11) du barbaggianni (12) ribbelli co addosso angoscia e rimpianto: mo ce ggireno li cojoni perch Roma nun pi quela de le vecchie tele -

80

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 81

Note 1)F. Fabio. 2)Vecchietta emiliana. Personaggio della Roma degli anni 60 e 70 che vendeva rose nelle trattorie e pizzerie, in particolare di quelle di San Lorenzo, Testaccio e Trastevere. 3)Arinzichinita. Incartapecorita. 4)Garibbardi. Altro personaggio della Roma degli anni 60 e 70. Era un suonatore di tromba e portava una lunga barba (da qui il soprannome di Garibbardi) che si esibiva nelle trattorie e pizzerie del centro storico. 5)Armando a San Lorenzo. Trattoria e pizzeria da Armando che era frequentata da studenti di sinistra del movimento studentesco. 6)Malloppo. Vocabolo con pi significati. Probabilmente derivato dal latino mallo, mallonis (tumore, gonfiore). Qui sta per ammasso informe di sentimenti e ricordi tra loro aggrovigliati. 7)Tten bordone. Assecondare. 8)Bardascioni. Giovent poco raccomandabile. 9)Giggietto a Testaccio. Altra famosa trattoria romana. 10)Bisse. Bis. 11)Tempo de le mele. Modo di dire per ricordare la giovinezza passata. 12)Barbaggianni. Persona sciocca, stupida, pedante.

81

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 82

Ssta Sinistra Demogratica (1)


Valla cap che vole ssta nova formazzione. forze socialista? Sucche s accapijata co llecse diesse? (2) Su la trasformazzione e pe indic na societ nun pi bastonata? Pi sempricemtente ssta composizzione a me me pare na gran ammucchiata pe bbarcamenasse in mezzo a tanta confuzione, ndove li demogratici (3) ner vive a la giornata cianno sstretto, f n culo, in mano er boccino. Se sa come laddopreno ssto vantaggio der cacchio, ar mejo. Dunque, nun na questione de destino se Sinistra Demogratica un partito nato vecchio, che mo dce de no pe ppot d n s carino. Eppoi, sempre acqua quer che butta er secchio!

Note 1)Sinistra Demogratica. Sinistra Democratica una formazione politica nata da una scissone dei DS prima della nascita del PD. 2)Ecse Diesse. Ex DS. 3)Demogratici. Il PD.

82

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 83

Er capitalismo cristiano
La bruttezza der capitalismo leccesso. Ssta qui la finezza der Papa Razzingher Benedetto. La scerta deve desse, se nun voi pass pe ffesso, tra er Padreterno e r mammone,(1) ci detto. Mo che nun c pi er communismo appresso saremo ommini che posseno f meno der guazzetto (2) perch semo libberi da quer compromesso percui er padrone ciaveve raggione sur poveretto. Mica s bagattelle (3) sste rifressioni, na ciufeca agresta (4) doppo li rospi ggrossi dar popolo ingozzato. Nzomma er conquibbus (5) per capitale se manifesta che c modo e modo de pratic lo sfruttamento e nun f peccato e in gloriaddio ann beato. Nun questione de core ma de testa: pertanto metto le mutanne de bandone (6) pe nnun esse scommunicato.

Note 1)Mammone. Denaro. Ricchezza. Voce di origine biblica che considera la ricchezza il simbolo del male. Per questo diventato sinonimo di demonio. 2)Guazzetto. Disordine. Qui sta per disordine sociale e morale. 3)Bagatelle. Inezie, quisquilie. 4)Ciufeca agresta. Una bevanda asprigna, cattiva. Qui sta per una verit amara. 5)Conquibbus. Latinismo. Cum quibus. Il nocciolo della questione. 6)Le mutanne de bandone. Prendere le opportune precauzioni.

83

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 84

mejo Meo Patacca (1)


Che t da d? Devo scrive antri cacaverzi (2) e famme nabbuffata de sonetti su Prodi o Rutelli? No, nun fo scherzi, Dalema e Frassino me stanno stretti. Preferisco aricord amichi, co ddu verzi, le gesta de Meo Patacca che nun taspetti, e de li su sgheri che de gloria invagati e perzi, voleveno ann a dalle, dar papa benedetti, a li turchi che staveno tent dentr a Vienna. Come se sa ariv la nova che lassedio era levato e che la guera era finita. Prese carta e penna allora Meo, tuttincazzato de nun av partecipato a la mirabbile vittoria de li cristiani a Vienna, e degret n ggiorno de festa pesse listesso accramato.

II mejo narr la leggenda de ssta gente sghera, de Marco Pepe e de Nuccia chera de Meo la sposa, che ciangott (3) co Vertroni; mejo ved chedera Trestevere de na vorta che discute de la cosa cor cazza bubbolo (4) de turno fino a tarda sera. Fatelo puro ssto partito americano, (5) tutti in posa pe na foto de gruppo, pe lla sstoria, pe ssap chi cera! LAnonimo invece, co na faccia tosta, sariposa ner riccont a modo suo laccadimenti veri che s scritti ne la memoria der popolo romano, robba de fusti co lle fionne e le punte de li feri. (6) In ssto baillamme (7) de la pulitica un poro cristiano che deve da f pe llass da parte li cattivi penzieri: aggrappasse a chi ci voja de bisboccia doppo molto baccano.

84

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 85

Note 1)Meo Patacca. Popolano trasteverino nato dalla fantasia di Giuseppe Bernieri, poeta, scrittore e attore dialettale che scrisse appunto, sulla fine del 1700, Il Meo Patacca, poemetto gioioso in dialetto romanesco. La trama del poema semplice: a Roma si era diffusa la notizia che Vienna era assediata dai turchi. Meo Patacca, con un gruppo di popolani suoi seguaci, decide di correre in difesa della citt. Per realizzare questo progetto ottiene dal papa e dai nobili romani denaro e armi per la spedizione militare. Ma prima di partire giunge la notizia che i turchi sono stati sconfitti e respinti e Vienna cos salva. Il denaro raccolto viene allora utilizzato da Meo per organizzare una grande festa popolare e celebrare lo stesso le sue gesta. La storia intrecciata con gli agitati amori di Meo per la sua Nuccia fino al felice epilogo del loro matrimonio o il duello con il gradasso Marco Pepe a colpi di spada e di fionda, il quale viste le brutte scappa vergognosamente. 2)Cacaverzi. Versi brutti, logorroici. 3)Ciangott. Parlare. 4)Cazzabubbolo. Balordo, persona sciocca. 5)Partito americano. PD. 6)Le punte de li feri. Le punte delle spade e dei coltelli. 7)Baillame. Confusione.

85

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 86

Ariccommannasse lanima a li Santi


Tutti celosanno, Roma la citt de li Santi, cenes pe ttutti li degustibbusse, (1) deograzzia! C er Santo allampanato (2) da tratt co lli guanti o quelacciaccato, senza sostanza ma che te strazzia. C sstanno Santi importanti molto vicini a Dio, come Pietro e Santi romani, nzomma c gnibendiddio. Ma queli a cui sariccommannamo peccatori lanima, a cui rivolgemo na preghera sbrigativa pe n carcin culo, s Santi de nojantri, der popolo; nun s na cima, (3) ma comunque s martiri vecchi e cocciuti, come er mulo. Vi magn bene tutti li ggiorni, fa unofferta a San Crepazzio, (4) vi av un po de fortuna, accenni un cero a San Culazzio. (5) Ssti Santi s er nostro refuggio peccatorum pe un contentino, pe dd lassogna (6) a la rote de la vita. Nun ce vado cor bemollo, (7) epperch quanno te pija er prurito c Santo Bisognino! (8) Dartronne nu ssemo gente a cui facirmente se p tir er collo: ssti ommini che ciavemo in Paradiso magari s na mezza carzetta mapper lOnnipotente ar corente che ce semo dati ssta ricetta. Tu moje preoccupata per bambino, rivorgete a Santa Pupa, (9) vi arriv a la fine der mese, implora San Pagazzio. (10) Er monno un pandemogno e la vita der poveraccio dura e cupa e senza er becco dun quadrino, allora supplica bbono San Patrizzio. (11) un calendario de Santi proletari da categhismo dabbozzo; (12) defatti cii un peso su lo sstommico? In ajuto te vi Sangozzo! (13) Devi devit na cappellata, rimettete a San Prudenzio (14) che te protegge pi mejo molto de linsuperstizziosa gobba. Ssto codazzo de Santi che te spalleggeno in silenzio e tajutono aregge er peso de magn la sstessa bbobba, (15) je poi schietto anche d der tu, mavvammoriammazzato, se nun cii er bonzervito o te lasceno solo e purincazzato. E soprattutto da un papa nun s messi in quarantena, come co antri Santi successo. Nun vi f un cazzo, te protegge Santa Commoda. (16) Vi gguar da la tu pena

86

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 87

che nun sarza, cii SantIntostecelo. (17) Nzomma, de rimpiazzo te rivolgi a un Santo pogni difficolt. Tu moje t visto co llamante, te gguida Santa Nega. (18) Camp accus pi alettante, tutta nesistenza pi tiracce avanti senza mor addannato e se te capita desse cor padrone sbadato, ecchete San Guercino! (19) Nun pi arest, durcissinfunno, pe na ggiornata intorcinato; (20) sst gnisempre disgrazziato nun sscritto ner voler divino, pe questo c Santa Pelo che smove e arimove, puro cor freddo e r vento, n cento par de bovi: arimani accus mortodefame, ma un frego contento!

Note 1)Degustibbusse. Dalla locuzione latina de gustibus. C per tutti i gusti. 2)Allampanato. Magro. 3)Cima. Poco intelligente. 4)San Crepazzio. Santo immaginario invocato da chi mangia molto. 5)San Culazzio. Santo protettore di chi molto fortunato, soprattutto al gioco. 6)Assogna. Grasso di maiale del quale si ricava lo strutto. 7)Bemollo. Con cautela. 8)Santo Bisognino. Andare bene di corpo. 9)Santa Pupa. Altra Santa immaginaria protettrice dei bambini. 10)San Pagazzio. Altro Santo invocato da chi, lavoratore dipendente, deve prendere alla fine del mese la paga. 11)San Patrizzio. Santo irlandese vissuto nel V secolo. La fantasia popolare gli attribuisce eccezionali avventure, tra le quali un viaggio in Purgatorio attraverso un pozzo senza fondo. Da qui il detto popolare del Pozzo di San Patrizio come qualcosa di illimitato, non valutabile, ma anche come un pozzo contenente ricchezze in denaro senza fine. 12)Dabbozzo. Da sopportare con pazienza. 13)Sangozzo. Singhiozzo. 14)San Prudenzio. Santo della prudenza. 15)Bbobba. Brodaglia. 16)Santa Commoda. Protrettrice di chi pigro. 17)SantIntostecelo. Santo invocato per compiere il miracolo di restituire agli uomini la virilit. 18)Santa Nega. Santa da invocare quando si vuole negare levidenza. 19 )San Guercino. Santo protettore dei distratti. 20)Santo Pelo. Il sesso femminile.

87

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 88

Giordano Bruno (1)


Diceveno chera un gran libbertino senzIddio e senza core quer falloppone(2) de calvinista, quer ostinatissimo malandrino de Giordano Bruno. Un baricello (3) bacchettone, ciaccaruto, (4) baciaculo e un poassassino lo fece mor ammazzato? Un fratozzo fregnone, timorato de Cristo e fedele servitore papalino, je recit er deprofunni pe ddje na lezzione? Ma cosa proponeva er domenichino da f rimpone er pranzo a Papa Clemente e a tutto er concistoro? Chera n accademico de nulla (5) privo de devozzione, nzomma, n aretico, un senza scola, (6) uno de loro, de que ji de miggnotta che ciaveveno loppignone de la riforma e daveno a lInquisizione tanto lavoro. II Giordano Bruno ciaveva er difetto poveretto desse n omo libbero, un ecchennes razzionale,(7) che nun raggionava da bambacioso chirichetto, ma da losofo che fa le purce a la Cchiesa temporale. Pe ssto motivo de brusca e strija (8) je fu detto da un brutale cardinale: - A ssto modo te fai der male, datte na regolata battete forte forte er petto se nun vi divent tera pe lli ceci, (9) da subbito fatale Ma lui nu sse mise a f du parti in commedia. Er SantU zzio, ndove se pijava er lippe lappe (10) gi a pass sotto er su portone, allora je fece un liscebbusso e lacconci pe llurtimo servizzio. - Arogo vivo - degret er prelato sputasentenze co cconvinzione! Poi, manca fallapposta, ar popolo fu mostrato er feroce supplizzio: no spasso carnovalesco. (11) Accus la be a divent nidea de libberazzione.

88

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 89

Note 1)Giordano Bruno. Giordano Bruno di Nola nacque nella seconda met del XVI secolo. Era domenicano, ma alcuni suoi dubbi religiosi lo portarono prima a Ginevra, poi a Lione, Tolosa e Parigi. Le sue invettive contro i vizii e lignoranza dei suoi tempi lo misero ancor di pi in cattiva luce con la Chiesa. Critic la filosofia aristotelica e per questo motivo fu costretto a trasferirsi in Inghilterra e in seguito a Praga, a Francoforte e in altre citt. Nel 1552 insegna a Padova e nel 1598 lInquisizione lo fece arrestare e venne carcerato a Venezia non solo come eretico, ma anche come apostata per aver violato i suoi voti monastici. Da Venezia viene portato a Roma dove fu tradotto dinnanzi al tribunale dellInquisizione che gli concesse quindici giorni di tempo per pentirsi. Ma da uomo libero egli difese le sue convinzioni. Dopo due anni di atroce prigione e interrogatori provoc egli stesso la sua condanna dichiarando che mai avrebbe ritrattato. Fu cos scomunicato e consegnato al boia. Le sue ultime parole prima di morire furono:Voi che immolate nel nome di Dio delle misericordie, voi certo trepidate nelle vostre coscienze, in pronunciare la mia condanna, pi che non si scuota il mio spirito nellascoltarla. Giordano Bruno fu condotto nella piazza di Campo di Fiori e l fu bruciato vivo sei mesi dopo la decapitazione di Beatrice Cenci a Ponte S. Angelo. Oggi a Campo di Fiori c una sua statua a ricordo dellatroce crimine. I cronisti del tempo ci dicono, infine, che il clementissimo Papa Clemente Aldobrandini decise di tenere lesecuzione nei giorni di Carnevale per il sollazzo del popolo romano. Oggi Bruno ricordato per essere stato un uomo dal libero pensiero razionale e laico. La statua di Giordano Bruno a Campo di Fiori sostitut la splendida fontana di Giacomo della Porta posta l nel 1590, nota come Terrina, a conferma che il monumento a Bruno era di grande valore simbolico. Listallazione della statua, opera del gran maestro della massoneria Ettore Ferrari, avvenne il 9 giugno 1889. Quattro anni prima si era formato un comitato che reclamava un riconiscimento pubblico del filosofo. Era composto da intellettuali di livello internazionale e da massoni; tra i quali Victor Hugo, Ferdinand Gregorovius, Giovanni Bovio, Mikail Bakunin. Il giorno dellinnagurazione del monumento lOsservatore Romano scrisse che era stata proclamata dalla Chiesa una giornata di lutto cittadino e che lo stesso Papa, Leone XIII, avrebbe osservato un digiuno di ventiquattro ore e si sarebbe chiuso in preghiera. Il giornale del Vaticano intim allaristocrazia papalina di seguire lesempio del pontefice lasciando Roma per tre giorni, per non assistere al sacrilegio. Questo era il clima allora. Leretico domenicano continuava (e continua) a far paura a una Chiesa che non si sente o non vuole fare i conti con la sua storia. 2)Falloppone. Vanagloriso, presuntuoso. 3)Baricello. Sbirro. 4)Ciaccaruto. Persona robusta, muscolosa. 5)Naccademico de nulla. Definizione dello stesso Giordano Bruno per affermare che non seguiva nessun orientamento filosofico in particolare. 6)Senza scola. Senza fede, senza credere nelle teologia cattolica. 7)Ecchenes razzionale. Concetto filosofico di Bruno per dire che luomo non finir mai di imparare. Per definizione ignorante. 8)De brusca e strija. Impartire una reprimenda, una sonora lezione. 9)Tera pe lli ceci. Morire, essere sepolto al camposanto. 10)Lippe lappe. Avere una grande paura. 11)Carnovalesco. Come gi si detto Giordano Bruno fu messo a rogo nei giorni di Carnevale.

89

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 90

Du geni
Er barocco a Roma gajardo e tosto. Certo, prima cera sstato Michelangelo e r Rinascimento come presupposto, appresso quer inzolente faccia dangelo de Caravaggio. Ssta citt la devi da god sur posto pe ccap nd sstai: se guardi pe ttera o in celo vedi Sangallo, Bramante, Peruzzi a zero costo o poi ann a ciccio de sellero (1) o rest de gelo pe nopera der Vignola o de Raffaello. Ma se devi da parl der Barocco, quelo vero, quelo che te fa sstup, devi tojete er cappello dinanzi a li durivali, du geni pe ddavero: Bernini e Borromini che s er mejo der bello e nojantri avemo aretto li papi pe ssto penziero.

Nota 1)A ciccio de sellero. Vedere delle belle cose, in questo caso i monumenti pi apprezzati.

90

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 91

Lagitazzione de li tassinari
No, ssta vorta ve lo devo da d, ciavete propio torto, avete fatto, alimortacci vostra, pe Roma un gran casino e poco c mancato che ce scappava ner putiferio er morto. Daumento Vertroni nun va dato un becco de quadrino, accusi puro pe lli tassinari er mese sempre pi corto? Ve capisco, ma ssta citt rinomata e unta dar divino ci abbisogno anche de voi, pe nu mmann tutto storto. Dunque, che serve er blocco stradale? Attorno ar tavolino metteteve seduti pe ttrov cor Sindaco na soluzzione senza che nissuno labbia a male e perda la faccia. Ma de Vertroni na cosa nun capisco de la su posizzione: ora da d basta a monopoli e corporazioni, pe lla miseraccia? Viva er mercato, semo moderni, volemo la libberalizzazzione? Vabb. Ma in primise dimolo a banche e assicurazioni ssta frescaccia.

91

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 92

Spersar vi (1)
- i letto lenciclica de Razzingher Benedetto? - No, Agustarello, ma che dice daccus importante de lasciatte co na faccia scura da interdetto? - Er marchesismo e lateismo s dottrine da ignorante: s sortanto distruzzione - Nu mme pare un gran concetto, nun na novit da dov urlajene appresso tante - Puro quanno se la pija co llilumminismo, che r difetto ciavrebbe de coniug raggione e libbert pi der protestante? - Come sarebbe dimme! Nun la scienza, nun r progresso che mijora lomo, ma solo co lla speranza cristiana, c scritto, c r futuro, c r Paradiso - Alimortacci, anche Bacone adesso mettemo in soffitta pe mmaterialismo? - N antro po de fritto devi da magn, da bbono, giacch mica ce vole un congresso pe ccap che co lla critica de let moderna torni dritto dritto a li tempi antichi der mercato de lindurgenza, ar processo contro Galilei, a lassolutismo c da riman a cazzo ritto! - Ma er papa, Agustar, r vicedio e nun v pass pe ffesso, mo che r communismo morto e leretico deve da sst zzitto Lui compete cor mussurmano e cor cinese co ppi successo nun rompenno li cojoni ar capitale: accus la Cchiesa ngrassa co pprofitto-

Nota

92

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 93

Gabbriele Sandri (1)


- Noi venimo dar Quadraro - Nojantri da Torpignattara e ultr semo tutti cor core giallorosso e da corsaro - Io s testaccino e me ne vanto e partecipo a ssta cagnara perch ci er dentamaro cor carabbignere e marisurta chiaro che Gabbriele mortammazzato - Eccoce, noi Fedain de Saponara e der Pigneto, eccoce noi razza romana! - Era ciuciaro... ssto ggiovenotto de lazziale - Aho a Checco, penzi magara che semo ar Circo Massimo (2) pe ff er puzzone o er somaro? Aricordate era uno de noi che pijava la vita come viene puro se semo precari, fiji de puttana, coatti e poveracci: ssto monno de merda armeno a lo sstadio ce appartiene - Guarda l, chi de Prima Porta, chi der Trullo, chi, alimortacci, s fatto un sacco de strada cor motorino da Fidene pe cchiede ggiustizzia, mentre la Roma te reduce a sstracci - (3)

Note 1)Gabbriele Sandri. Gabriele Sandri, giovane tifoso della Lazio ucciso da un poliziotto sullautostrada. 2)Circo Massimo. Il riferimento a una manifestazione di tifosi romanisti svoltasi appunto al Circo Massimo per protestare contro luccisione di Sandri. La manifestazione fu svolta in concomitanza di una partita della Roma allOlimpico per dare maggiore valore e forza alliniziativa di solidariet 3)Li reduce a stracci. La Roma sconfisse la squadra contro la quale giocava.

93

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 94

Marchette ar camposanto (1)


Ma guarda un po che se deve da vede: co ttanti posti nd f lamore s aggiustata drento na tomba dArverano (2) sconsacrata, come se fusse er su piedattre, da nun crede invece era un seporcro artistico der Pincetto e l la miggnotta se travestiva gnuda dangioletto. Ma quelo amichi che nun posso ariv a cap de ssta sstoria de cronaca scomposta e disgrazziata, de Roma doggi, e non quela de na vorta che se n andata, se poi ereno na cifra lommini perverzi desse tipi da concep de pag pe ffasse na scopata de notte ar camposanto, indove nissuno, vero, te controlla, ma de coraggio ce ne v tanto.

Note 1)Marchette ar camposanto. Da un fatto di cronaca veramente accaduto. 2)Arverano. Al Verano. Principale e storico cimitero di Roma.

94

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 95

Funtane e funtanelle de Roma


Na vorta, quanno tannava de ggir pe Roma nun cera piazza o angolo che nun ciaveva na funtanella co llo sscolo o na funtana dartista importante da mir. Ma chi lo dice che lacqua nun sangue: se p immagginasse Trevi (1) a lasciutto? E li Quattro fiumi (2) senzacqua pareno in lutto! None, sstelemento la citt distingue da tutte lantre: bocche dommini o danimali che cianno er getto, faccioni der barocco che rideno e nu nne vedi ner monno uguali o angioletti che vojono scherz. Ma locco locco, (3) li frabbutti cor pretesto che lacqua va privatizzata, pe ffalla pag fior deuro a tempo de schiocco la rete esse-pi-qu-erre (4) cianno, anno penanno, smantellata: ecchete perch nun te fai pi na bevuta a uffa da Nasone: (5) pav un po dacqua mo o vai ar bar o te dai na chiodata! (6)

Note 1)Trevi. Fontana di Trevi. 2)Quattro fiumi. La Fontana dei quattro fiumi a Piazza Navona. 3)Locco locco. Flemmatico, piano piano. 4)Esse-pi-qu-erre. SPQR, che vuol dire Senatus Populus - Que Romanus. Il Senato e il Popolo Romano. 5)Nasone. Fontanelle romane per dissetarsi, dette Nasone per via di un lungo e curvo tubo a forma di naso. 6)Chiodata. Attaccarsi. Questo perch le fontanelle, tolta qualche eccezione, sono state dal Comune di Roma tutte rimosse.

95

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 96

Rom
- na questione seria, de sicurezza, l sgomberi abbisogna purtroppo da f co lle ruspe, madama e tanta fermezza: de ssti nomadi se ne dovemo da disf Parl accus Vertroni, papale papale, e r su intervento nun era na paternale. - Qui, quarcuno rischia de fasse male co ssti Rom sempre in mezzo a li cojoni, fermi a li semafori, sur busse e pi in generale a zonzo pe Roma a cerc tutte loccasioni pe ffregacce Inzomma, nu sse ne p pi de ssta situazzione, se nun volemo ann pi gi e peggiorarla occore mettece subbito na pezza Discorzo chiaro quelo der Sindaco e deffetto e na vorta risorta sstemergenza co pprontezza semo cittadini soddisfatti senzavecce er sospetto che ssti pezzenti,tacci loro, s s na canaja, ma magneno a mozzichi e saddannano pe na maja. Se potrebbe f ardunque n antro raggionamento anche perch nu ssanno pi ind sbatte la cocuzza e nu mme pare propio un gran ber divertimento trattalli come li ggiudei ggiacch lasceno la puzza. Un po a tutti Sindaco ci preso la coscenza, ma pesse pi bboni le cose co inteliggenza sarebbero da f e pe ffalle ce v tanta pazzienza! L zingheri, co quela faccia brutta da galera, nojantri che semo er simbolo de laccojenza nun potemo falli dorm a ladiaccio, pe ttera. Javemo demolito co un blize le baraccopoli, per nun famo che mo labbannonamo soli. Ma celosai cosa dice Lella mia de ssta misura? E celosai mi moje puro communista! - Mo s arimediato a na calamit de la natura,

96

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 97

ora che s sstati sfrattati er quartiere ci nantra vista; intanto li finestrini de le auto nu ss pi rotti e ciavemo un po de pace nun avendo li ggiovenotti der campo nomade sotto casa, cui nun jentra in testa che pe ff certe cose s desse in due. Me disturba da d sste verit, ma propio perch s na donna onesta e nun ci peli su la lingua nun vojo pass pe ffurba Nu sse tratta ardunque dannallo a cerc cor lanternino chi raggiona come er Sindaco: Lella nun un galoppino! Er limite de la sinistra tutto qua, ciarla e fa casino, pare una darto bordo, sopraffina e arquanto sgamata, ma na ciunciurumella (1) se la guardi da vicino: tassale ebb mo er penziero che lIdea lodata (2) nun pi quela giusta e che tocca amichi da piantalla de difenne cause perze e co ttutto er monno de pijalla. Noi invece continuamo, impuniti, ar capitalismo a tiralla anche se nu ssapemo nd mette ssti nomadi der cazzo. Nu ssopportamo quer fregno dAlemanno, che ben penzalla li vorrebbe risped de forza in Rumania pe ppone fine a landazzo. Allora mejo la pulitica de li gulagge der compagno Vertroni, accus se sentimo ommini de sinistra, armeno ne lintenzioni!

Note 1)Ciunciurumella. Donna di malaffare. Puttana. 2)LIdea lodata. Il socialismo.

97

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 98

Pulitica e papisti (1)


- Nun vojo sembr n anticlericale, ma su ssta sstoria der papa a la Sapienza credeme ce s rimasto propio male. Vabb, nun propio na gran scienza afferm, facendoce puro la paternale, che er processo a Galileo nun fu nindegenza, ma sortanto, mortacci dUrbano, (2) na cosa normale pi che ggiusta! Ma quelo ched na vera schifenza e me fa rode tanto er culo nun r tedesco benedetto, nun s li lacch de linrformazzione, li giornalisti o lintellettuvali co lla schiena piegata; no, devesse detto, s li pulitici che pareno tutti der partito de li papisti: magneno, servono li ricchi, se batteno er petto. - E li lider de la sinistra? - C stato un f dommine repulisti!- (3)

Note 1)Pultica e papisti. Da un fatto di cronaca politica. Si tratta dellinvito a Benedetto XVI di partecipare allapertura dellanno accademico dellUniversit La Sapienza. Linvito suscit una dura protesta del movimento studentesco e di una parte del corpo docente. 2)Urbano. Il riferimento a Maffeo Barberini, Papa Urbano VIII. 3)F dommine repulisti. Fare piazza pulita.

98

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 99

Funerali de Stato
- Cii presente lamico de Peppino, er muratore che abbita ar Tibburtino, daje, Vittorio de Cisterna, er pelato, un po grassottello e puro tarchiato - Ma che dichi, quelo che ci un ragazzino e na pupa appena nata? - Sine, lui. Inzino (1) a notte inortrata ar cantiere nno protestato pe llincidente improviso che j capitato - Che j successo, ggrave? - Peggio, porca puttana, morto! caduto da limparcatura, un ber volo, povero disgrazziato. Madama ci aperto uninchiesta pe sstabbil se c torto der padrone de limpresa, inzomma saveva realizzato le norme de sicurezza - Intanto, venuto er beccamorto pe un funerale in pompa magna na cerimonia de Stato - Mo pulitici e ggiornalisti parleno domicidio e puro er vicario afferma che r crimine devesse condannato - Eternoriposo dunque: solo da schiattato trovato Iddio!

Nota 1)Inzino. Persino

99

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 100

Paolo IV, er Carafa (1)


Celosai come s fatto io, Gioacchino, a me lebbrei poco me piaceno ma quer papa, quer Carafa caino doveva dav ner corpo tanto de quer veleno pe ppot eman na bolla co lla quale chiudeva er giudio ner Ghetto. Na porcata che nu sse vedeva da li tempi antichi de Nerone: un rione, na priggione! Sotter governo de lInquisizzione nu sse scherzava, se nun volevi fattela addosso nun dovevi da d la tu oppignone, accus nun arischiavi de pass pe otrodosso, o uno che jannava de divent pagano, frocio, aretico o esse r diavolo in perzona. Inzomma, Carafa insegna: la Cchiesa la diversit nu lla perdona!

Nota 1)Paolo IV. Pietro Carafa fu eletto Ponterfice nel 1555, Sotto il suo pontificato furono dati pi ampi poteri allInquisizione, la cui competenza originariamente era circoscritta solo alle questioni di fede. Da allora in questo tribunale fu introdotto il crudele diritto della tortura con il subdolo termine di rigoroso esame, secondo le direttive del papa, che spesso presenziava alle sedute. Paolo IV prese anche il provvedimento di rinchiudere gli ebrei nei ghetti e a Roma, come segno di riconoscimento, dovevano portare un cappello giallo.

100

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 101

La lotta de classe ne la Roma trecentesca (1) (Ascesa e caduta de Cola di Rienzo)


Er marchesismo, amichi, na scienza esatta pe ccap come ggira la rota cinica de la sstoria; mica devi dariccont l tempi de la latta, (2) de lindustria pav lispirazione proletaria e sap cos la lotta de classe. Li fatti che naro s veri, s accaduti ne la Roma mediovale de tanti anni fa, quanno er papa fregnacciaro sstava a Vignone privo der potere temporale. Sstava l in cattivit, sotto le grinfie de Filippo er bello, nemmanco poteva predic la riliggione univerzale. None, Cremente quinto ciaveva appena un po de cervello peman la bolla de lo sciojmento, senza fasse male, de li Templari, che ciavevano troppo potere e quadrini. Er massacro de li guardiani der seporcro de Cristo epper nantra sstoria Nzomma, molti ereno linchini ne la su corte, ma un pontefice accus nun sera mai visto. La Cchiesa sinfrancizzava, cera sfarzo a palazzo pe vvia de la compiacente arendevolezza ar potente sire, ma er guascone francese nun contava un cazzo, ne ll e ne in Itaja, ndove nun era un mistero che le mire de li ziggnori facevano de la penizola un campo de battaja. Puro a Roma la siutazzione nun era mejo: cera un gran casino! Da na parte er vicariato angioino e larto clero chedera canaja e buzzuro come li padani, da lantra li nobbili che r contentino daveno a la plebbe senza mijoramento e in mezzo li cavalerotti, li mercatores, li bovattieri, pe ffalla breve li bboni ommini de la classe media: li borghesi de la citt. E tra tutti ereno botti! Tra le famije magnatizzie: li Colonna contro li Savelli e lOrsini, tra laristocrazzia e le corporazzioni mercantili per predominio su lUrbe e li popolani che nun ciaveveno manco no spillo, se lamentaveno e quarche vvorta se ribbellaveno a ssto destino.

101

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 102

Paricuper un po de prestiggio perzo che fece quer mandrillo de Papa, stavorta Cremente sesto? Procram er Giubbileo. Mo abbisogna avecce un po de giudizzio ner ten lAnno Santo solo paccontet commercianti e quarche ppretaccio de fariseo. Nun cera n Stato n sicurezza, e de brigantaggio ce nera tanto: ereno ladroni e malfattori ar srdo de li baroni fii de puttana, derobbatori de strada (3) che controllaveno ogni tinerario er fiume e li puorti: pe ddilla senza prendela a la lontana, ciaveveno er monopolio de laprovviggionamento annonario. Dunque, ereno guai amari, mapper cera er Giubbileo! Pe ffortuna de lartiggiani, de li mercanti e der Papa ggirarello, cera un certo Cola di Rienzo, un notajo ma da li modi fereo che, comera ggi succeduto co lli Gracchi, paff r brutto e r bello se fece elegge dar Commune tribbuno der popolo romano. Era na matina de Pentecoste, se present armato de tutto punto e co no codazzo de cospiratori preceduti da tre vessilli, de su mano se groli che r su incoronamento fosse dar Padreterno unto! Mo, pe lli nobbili ereno cazzi veri! Se trattava de ten bbotta a quer geniaccio der Cola, che voleva trasform in Stato itajano la premminenza nominale der papato. E contro laristocrazzia corotta alest na nave pe difenne le coste, band er barone castellano, approv lOrdinamenti der bbono Stato, sstabil na gabbella e costitu le societ de li balestrieri e de li pavesati. Ardunque era guera, scontro armato in nome de le libbert dafferm e puro da vedella, co lli spostamenti de ommini e merci. Ma er popolo chedera tera tera nun cap er disegno der Cola de rif lantica Roma repubbricana e chedera propio lui er detentore de la lecse reggia de limperio. Mica s pizza e fichi sstidea de na nazione unita e sovvrana, ce s voluti secoli pe fficcalla in testa a litajani e f de un desiderio na realt de la sstoria. Ma le cronache der tempo dicheno che r tribbuno, gran ziggnore de Roma, ciaveva scarzo equilibbrio e fu accus che se fece un sacco de nemichi, anche se in un baleno rese pi sicura la viabbilit co lla messa in riga, da pulitico serio,

102

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 103

de li magnati e giustizzianno un po de banditi. Era bizzaro, ma de pasta casereccia e morbida; defatti nun furono parecchi li magnati ammazzati. Ciaveva un modo de f nun chiaro, passava da n accesso a lantro: prima li voleva secchi eppoi li ariemp donori, ssti baroni. Anche er papa benedetto, mortaci sua, saputo che r Cola era diventato troppo potente, je mand a d: Ah fregno, mica sei tu e re de Roma, chi t eletto? Senza de me mo ndoveri? Allora, nun f co mme er prepotente Io s er ponte ce massimo e a me me devi da port solo che rispetto, senn s cazzi tui e lo vedi in cartolina, cocco mio, er Giubbileo! Ereno parole forti, granni come macigni, era pi dun dispetto: de mezzo ciandaveno un mucchio de quatrini e Roma pe ttrofeo! Ner contempo, fu ordita dar quer mascarzone de Raimondo, vescovo dOrvieto e vicario ponti cio na congiura pe allo fora, pe arovinarlo come tribbuno, ma puro pe aje tocc er fondo da bbono cristiano co lla scommunica. Ar Cola, chedera a la malora, penz de rifuggiasse da Carlo de Moravia, ma ssto sovvrano era troppo papalino pannisconde er poveromo. Je mise li feri e lo sped a Vignone, a la corte de bbabbilogna, dar vicedio surtano. L l e r d i s g ra zzi a t o f u ca rc e ra t o co m a re t i co d a p re l a t i p u t t a n i e r i , ll poveraccio ce rimase pe quarche anno daddannato e fesso! Intanto a Roma sera tenuto in gran ordine er Giubbileo e bboni furono la ari pe lla Cchiesa e li romani. Er compromesso tra mercanti e baroni faceva er su corzo, co lla benedizzione der reo Cardianal Gaetani che te moveva tra chi dassoluzzioni e libbere limosine, n mercimonio pe ppellegrini in groliaiddio. Cera ancora un po danarchia, giacch a rompe li cojoni li prncipi s bbravi, ma le pulitiche der Cola, grazziaiddio, areggeveno e chi pi e chi meno magnaveno tutti de no co lla protezzione de la Cchiesa - Stato! Ma puro ssto Cremente pass e mejo vita. Er novo papa, pe ccambi, fu n antro transarpino: Innoce nzo s esto, te ntato dar ipor t, frances e me no fe t e n t e , la sede de lapostolato a Roma; ma qui, pe lla zzozzona,

103

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 104

se dovevano da chiude tutti li conti co lli potenti prncipi neri, senza d spazzio a li ghibellini che volevano d la corona nun ar capo spirituale de la cristianit, ma a li ricchi nanzieri e a li mercanti, amichi e parenti de li maggiori ziggnori itajani. Mo che cera a Roma no Stato abbisognava a erm lo Stato, quelo der papato, der su potere riliggioso e materiale su li romani. Er concetto era chiaro e ripeterlo come n aritornello nun era sbajato, doveva da entr in testa a tutti, a re e a patrizzi, ma puro ar popolo: linsulto de Anagni faceva ancora male, era sstato propio un torto! Da gran paraculo Innocenzo penz de mand a Roma nu ssolo n omo cazzuto, er Cardianal Arbonozze, ma puro Cola, mezzo morto pe na condanna che je pendeva talecquale a Damocre sur capoccio. Fu accusi che entr a Roma, co lli su lanzichenecchi in pompa magna cor titolo de senatore, ma ne la sostanza era solo un vasodecoccio der sommo capo. Sstesposizzione da ru ano era na vera cuccagna per legato der papa: lui faceva er lavoro sporco, Cola er gonzo! Co ssto sistema dipromatico, de scaric sur senatore de la Curia quelo che nun annava, fu conquistato lo Stato pi mejo der bigonzo e lUrbe in quattroquattrotto fu sottratta a li baroni. Ma era na furia la plebbe co quelo chedera er su tribbuno: mo era screditato e considerato pericoloso e dimpaccio puro dar padre massimo. In una matina ottobrina, a li piedi der Campidojo, fu ammazzato da Cecco er Vecchio, mentre travestito da pastore cacatissimo cercava de dasse dar tumulto. Er su corpo strazziato e senza testa fu pe ddu ggiorni esposto, eppoi, su ordine de li Colonna, bruciato pe ssfreggio ner mausoleo dAugusto, co lli popolani in festa e le su ceneri sparse ar vento come fosse un criminale de Stato. Ma a me me piace aricordarlo omo dingegno e de valore che dar barcone der su palazzo mostra ar popolo inferocito la bandiera der Senatu Populusche Romanu co ardore. Figura pregnante de la su epoca che se magn er pan pentito(4) e sarebbe bello sognarlo, come er Petrarca, da eroe e sarvatore ar momento che spieg la bandiera communale dar Campidojo,

104

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 105

coscente desse un rivoluzzionario che sapeva convive co llerore: un fijo de Roma e toma! Certo, pratic la regola de ind cojo cojo e le su sstranezze granniloquenti lo mandareno a lo sbarajo, prima der tempo ar Creatore; ma se ssta citt univerzale, quela ched, puro pe ssti tristi eventi, de chi fece lo sbajo de crede che r papa, cor su potere, potesse unific lo stivale. Ce volle ancora quarche anno pav er vicedio ar Vaticano e doppanni oscuri la svorta cor Rinascimento, er barocco e r tempo moderno. Sapemo mo tutti cos no Stato cristiano e ce v na scorza de du deta su lo sstommico o esse sciocco pe cconsiderallo oggi un dato bbono. Ma io amichi sar minchione ma ce penzo a come doveva desse la pulitica na vorta: s, ce penzo a quer passaggio de la lotta de classe a Roma, a la concezzione de quer tempo der progresso, de cui primattore fu Cola di Rienzo.

Note 1)La lotta de classe ne la Roma trecentesca. La principale fonte di ricostruzione degli avvenimenti legati alla figura di Cola di Rienzo tratta da Storia di Roma nel medioevo, vol. V di Ferdinand Gregorovius. 2)Tempi de la latta. Della prima rivoluzione industriale. 3)Derobbatori de strada. Rapinatori, briganti di strada. 4)Magn er pan pentito. Ridotto a mal partito.

105

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 106

Donne curiali (1)


Dicheno che li tempi doggi s tempi moderni nd la professione su antri criteri pi mejo poggi, ma er cattolico Stato era de nantra oppignone, nun era cieco da nun ved li sfoggi dogni tipo de chi, avenno la vocazzione, cercava de mostralli a ommini moggi felici de pot cont su tanta comprenzione. Batteveno le vie. Ma lli Papi ciaveveno scrupolo: a laperto ereno cazzi! Puro er curto de Venere era parte de lindustria der pellegrino. Quela che per popolo era sempricemente na scopata pe lla Cchiesa era arte de na lavoratrice che pagava le tasse, e nu ssolo: dipenneva dar vicario: donna curiale, co ttanto de carte!

Nota 1)Donne curiali. Le prostitute nella Roma papalina erano chiamate donne curiali in quanto dipendevano dalla Curia o dal tribunale del cardinale Vicario, il quale rilasciavale licenze per il loro esercizio in luoghi al chiuso, ma assoggetandole a diverse regole, Gli assegnava infatti i rioni o le contrade della citt dove esercitare il mestiere e metteva una tassa sulle loro attivit. Con le tasse sopra la prostituzione furono fatte molte opere pubbliche, come Borgo Pio, il restauto di Ponte Rotto e via di Ripetta.

106

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 107

Tutta corpa de limperatore Costantino


Sstate composta sorArtemesia che le sstorie che varicconno s sstorie vere, mica de fantasia come quele che te narava tu nonno e tu, gnocca de casa, la su povesia ascortavi prima de prenne sonno. Ma celosai che la bbona supprisa (1) in riliggione devi da digger a fonno? Presempio na cazzata d che Massenzio ciavesse su li cojoni er cristianesimo o che prima de la battaja de Ponte Milvio la croce apparza ar celo co lla scritta der Santissimo In oc signo vince fosse ll in nome dun principio: er potere de la Cchiesa nu nnasce dar fatalismo. II Sstimperatore romano, alimortacci sua, sinventa pe ffasse na manciata abbondante daffari sui pe bbenino de trasform la riliggione, che r santo Paolo ce conzenta, in curto cazzuto de lo Stato. Percui er granne Costantino vescovo de li vescovi in un momento te diventa, eppoi pe ssarv ssto novo ordinamento aricore a lassassino puro de moje e fijo, senza nogna de dubbito che se penta de un crimine accus spietato. Siccome per era in condomino co quer bbono a gnente de Papa Sirvestro, pevit no sbajo se sstabbil a Bisanzio, nun prima dav sistemato limpero, ma lascianno er vescovo de Roma in mezzo a un ber guajo. Da ssta scerta s aricamata la favola dun lascito der piffero, er Constitutu Constantini: (2) un documento farzo, n imbrojo pe ffreg re Pipino e accamp diritto su n editto nun vero!

107

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 108

Note 1)Supprisa. Crocchette di riso. Forma originaria di suppl dalla voce francese surprise. Qui sta per brutta sorpresa, per cazzo in culo. 2)Constitutu Constantini. Constitutum Costantini un documento con cui la Chiesa pretese di far risalire a una legge di Costantino il fondamento del proprio potere temporale. Ma come si sa questo documento un falso mediovale. Il documento si presenta sotto la forma di editto dellimperatore Costantino diretto al Pontefice Silvestro e ai suoi successori, nel quale si precisa di conferire al rappresentante di Cristo il potere, indicato come principatus potestas, e di elevare la sede di San Pietro a dignit e onore imperiale. Con questo documento il Papa Stefano II (752 - 757) si presenta a Pipino, re dei Franchi, con una precisa richiesta: avere un aiuto militare contro Astolfo, re dei Longobardi, non per la ricostruzione di un Esarcato bizantino in Italia, ma per instaurare la sovranit del papato sulle terre occupate dai longobardi, in quanto cos attestava lantico documento. Si definiva in questo modo lo Stato pontificio - il cosidetto dominio temporale - con quella estensione, quasi senza cambiamento, per pi di un millennio, fino allunit dItalia. Loccupazione completa di tutti i domini longobardi da parte pontificia si realizz nel 774 per opera di Carlo Magno.

108

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 109

Gilberto
Er su soprannome era Ciriola giacch era tresteverino, era Er pi der quartiere, fin da quanno regazzino dette na puncicata a quer mangnacode de regolante, (1) un vero balordo che voleva f co Annarella lo zelante. Permetteme, nun na sstoria de li tempi de zi Checchino, (2) de Ripandelli, (3) der sor delegato mio. un fatto pi vicino, da quanno nun c pi la sspiaggia de la Renella per bagnante, ma a lOsteria de Pippo Gnogna (4) ancora er pellegrino bullicante (5) p cap cosa succede (miseraccia!) se na passatella riuscita male. S, mi capito, ssto a parl der riccietto, de quer fijo de puttana de Gilberto, quelarto e grosso, che sembrava n animale. La prima vorta che ann a rubb cor Tinea (6) fu na frana, se becc tre anni e favello lo trattorno peggio dun criminale: pass na parte der tempo a San Michele, e resto ne la galera cana. II Ssto passaggio dar riformatorio a Reggina Celi, tra fottuti galeotti, je condizzion assai er carattere prepotente: io me laricordo co lla sigaretta tra le labbra che te squadrava co ttanto de barbotti (7) e co quer cappello a la screpante, (8) pareva interogatte da manigordo appena lincrociavi ngrugnato immezzo a li vicolotti. Ciaveva n amico solo, sincero, leale, de gran brdo, (9) lo portava in saccoccia, pronno a tiralo fora se volaveno cazzotti. Accoltellava pe onore o pe vvennetta, pe un ggioco muto e srdo, pe ddispetto o pe na bbravata, pamore o pe na causa benedetta; ma era generoso co lamichi, mai te lasciava in na brutta situazzione: er su probblema era un dettajo, nu ssapeva camp senza la molletta! Er disgrazziato un ber ggiorno sinvent co Meuccio er puzzone na rapina a quelabbrea avara de sora Ribecca limpiccetta, mapper la lama entr ner petto de la donnetta co pprofessione.

109

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 110

III Sstavorta ner sal li tre scalini nun cereno Santi: se prese ventanni! Nun era pi come quanno entrava e usciva da bottega bullo bello accumpagnato da li su grevi e senza patimenti e troppaffanni se faceva perdon dAnna sua desse un minente (10) de cortello. No, sstavorta era arimasto propio solo, puro li fiji, davanni a sstatto de ferocia, lo scaricorno pe vvia der su ciarvello. Furno duri li primi settanni: che doveva da sard li danni nun cera mica arivato. Ne lappenne ar chiodo er cappello co ttutto er monno era incazzato. Eppoi, a poco a poco, sinvecchia e forze ancora deppi in cella. Ciariv che ciaveva torto, je entr in testa piano piano; allora la canaja chedera se specchia in ci che mo sei. Pe bbona condotta e doppesse lasciato sciorto usc dar gabbio quattranni prima, pronno a fanne parecchia mo de sstrada, come un lazzero incollato a la vita ched risorto. IV Ora pareva n intellettuvale, era un bibblotecario communale e forte de ssto ruolo continuava a f quelo che pi je pare: sparava sentenze, era sverto de lingua e r su tiro principale era de chiamasse communista masticanno parole semprici e amare su la ggiustizzia, la coscenza de classe, luguajanza univerzale. Aveva, mancozimale, aristabbilito e fatto pace co le perzone care: co lli fiji granni, co Annarella, chedera restata de core talecquale nonostante lanni trascorsi, da quanno je disse de s da sopra lartare. Ma soprattutto, accidentacci a chi j voluto bbene, sera innamorato de Leonora, na malandrina nun ancora maritata, un ber fraggello! Aoh! Nun ggiudicate de corza chi fanello stato sfortunato e nun rimediato subbito a lo sbajio: Ciriola fu un bullo giovincello che tardi comprese er verzo de la vita e fin pe vennetta ammazzato ner su momento cruciale dar fijo de Ribecca, co du corpi de cortello.

110

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 111

Note 1)Regolante. Nativo o abitante del rione Regola, detti pure magnacode. 2)Zi Checchino. Modo di dire in riferimento a un passato che non torna pi. 3)Ripandelli. Famoso delegato di polizia del quartiere Trastevere della Roma dei primi anni dellunit dItalia. 4)Pippo Gnogna. Famosa osteria romana di Trastevere dellinizio del novecento. 5)Bullicante. Effervescente. 6)Tinea. Nome di malfattore. 7)Barbotti. Borbotti. 8)Cappello a la screpante. Cappello vistoso. 9)Brdo. Qui sta per servitore. Cameriere. 10)Minente. Popolano che veste con sfarzo.

111

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 112

Rugantino (1)
La mia sar puro na mascherata, mapper doppo av fatto la bravata dindoss er rattoppato abbito dArlecchino vojo ora port li panni gajardi de Rugantino. Vi mo sap ched sstantra buffonata? Sarebbero mejo du verzi su la gente disgrazziata e magara sonaje na serenata cor violino? Ma io s sstanco assai de pass da cretino, te lo giuro Ninetto su Iddio pe ddavvero: a ssta sinistra scriteriata scergo desse provinciale e scrive su Roma pe nun ved er colore nero. LAnonimo nun se pente, s un communista materiale, (2) ma se quelo che me dichi r risurtato vero nostargico me maschero e pijo per culo tutto lo stivale.

Note 1)Rugantino. La pi popolare e famosa maschera romanesca, che riassume in s i tratti esteriori pi caratteristici del romano de Roma. 2)Materiale. Sta per materialismo storico, cio per marxista.

112

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 113

Dialoghi
I Chiede Marforio a lAbbate Luiggi: Che dichi tu de quer fracico de Berlusca e de la su idea senza precedenti ched r pi mejo assai de li Presidenti e pe ssto motivo la sinistra nu abbusca? Je arisponne lAbbate Luiggi: Nun semo ancora ar momento de la moresca (1) de parl tondo e chiaro, fora da li denti, pe ddifenne li bboni fummamenti. (2) No, ce v pacenza, ssta capoccia primaeppoi casca! Sintromette Pasquino: Seguiatate a d, alimortacci, Baruccabb, (3) mapper er popolo lacrime verza per beccamorto e puro li demogratici lo manneno a rubb: quarcheduno dovrebbe arimedi ar torto, ma essenno avezzo a sstannazzo, pe ssfrebb (4) se rimette cojone ar corzo de la sstoria pe cconforto. II Dice Marforio: Se r pontefice ar popolo piace nun je fa nemmanco un torto e bbono ner Vaticano lo lascia in pace Je arisponne Pasquino: Ma se r vice Dio cor popolo nun accorto come mo, che r ttroppo troppo de mendace, je la tira fino a quanno nun lo vede morto.

113

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 114

III Sentenzia Pasquino: Er Pidielle e r Pidd so come du cani grossi, tra de loro abbajono ma nun se mozzicheno e puro se diviteno bboni papponi e ossi. Commenta lAbbate Luiggi: A sapp f scena ruspeno de sicuro anche se da na convinzione - dicheno - s mossi, accus er bbippolarismo nun li svena, mo e in futuro! IV Riflette a voce arta Marforio: V aricordate li bei tempi annati quanno a ogni vera discusione er popolo strillava in coro: moriammazzati, capitalisti boja der cazzo, addaven Baffone! Commenta lAbbate Luiggi: Li tempi s assai pi molto cambiati, mo nun soffia quela rivoluzzionaria passione, la modernit ci detto che quei carcoli ereno sbajati e li senzacristo deveno darest appecorone. Inter viene Pasquino: Er tu discorzo pare forte e convincente, ner novecento chi dato dato, chi avuto avuto, puro chi ci avuto gnente e continua a bad ar pranzo e magnasse er fiato sstannosene da solo deppi ingiustamente, come s soli tutti laccattoni der creato!

114

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 115

V Osser va Marforio: Quannoch Busce juniore faceva er prepotente e convinse li gran cazzoni de capoccia de mezzEuropa che bignava ann a tojese er dente in Afganistane e levasse da le palle la gentaccia brutta dArcade, solo a la sinistra je prese n accidente! - In campana, disse, co Billade se perde la faccia, senzavecce pace certa e inteliggente Accus fu, come li russi, ecchete nartra figuraccia! E nun contenti dav occupato quela tera se semo in occidente riempiti la bocca de patria e libbert continuanno cocciuti a spigne verzo la guera. Commenta lAbbate Luiggi: Ma noi stamo da la parte de lOnu e de la legalit, li talebbani ammezzeno, s la pesta nera, mentre li sordati spareno mostranno er bollo de la comunit! VI Manda a d lAbbate Luiggi: Aho, che de devo da d? A me me pare che ce v lo stommico forte, come quanno sarza grosso er mare, pe ggir a Roma, pentr e usc da le porte. Je arisponne Madama Lucrezia: (5) Dovunque vai mostrino muscoli e denti e te vorrebbero fatte un mazzo comun or de notte. Er difetto de ssta citt che ci troppi sentimenti e se li guardi sstorto s un sacco de bbotte!

115

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 116

Replica a tutte due Pasquino: Sstateve bboni quanno er balordo parla, quanno da la testa a li piedi de scruta e da la boccaccia jesce fora quarche cciarla o na sentenza a bommercato sputa. Osser va lAbbate Luiggi: Quelo che tu dichi p ann bene pe cchi romano e nun se toje er bavero, ma er negro, er frocio, chi ci pene, come e rumeno, deve dabbozz insincero? E aggiunge Madama Lucrezia: Mo, ognuno se fa qui li cacchi sui, ma limpunito no, deve llevatte er ato, se la lega ar dito la vijaccata, lui e quanno je capita te lassa sonato. Se spiega mejo Pasquino: Mb, amichi mia, li preti ciaveveno raggione a inziste sur diverzo e sur peccato de lussuria Er risultato sotto locchi, na rivoluzzione: Roma violenta pe sste gran folate de goduria. Contesta lAbbate Luiggi: No, nun s daccordo co lla teoria de la tentazzione, bignava, Pasqu, co ssta sstoria annacce piano, dimme un po che cazzo centra la tu ri essione co cchi, mortacci sua, nun un bon cristiano? E continua Madama Lucrezia: forze corpa der mussulmano o der cinese se quarche jo de puttana messo li steccati pe nun aricord che nun ciarivi a la ne der mese in modo che tutti rimangheno cojoni e fregati?

116

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 117

Sentenzia Pasquino: Ma che mimporta a me de lecstracommunitari, de le lesbiche, li travestiti o de quarche ffregno buffo mettese in mostra, nun sstasse zitti s bruttaffari, teveti un frabbutto e magara magni un po de pane a uffo! VII Dice Marforio: In quer partito pareno tutti un po matti da falli ven a prenne da la neuro: ssta sinistra vale meno de un euro mentre er popolo grida: -Aridatece Tojatti!Ironizza lAbbate Luiggi: Nun li canzon a ssto modo, sstamo a li fatti, che gente che ci tempo da perde sicuro: parleno parleno ma nun pijano futuro, mapper nun te fanno rest de merda schiatti. Commenta Madama Lucrezia: Ma vatta fid de ssti chiar de luna s come quer bbravo berzitello (6) che nun je ne va bene manco una. Pe dd na mossa a ssta sinistra bordello ce vonno un pajo didee, s quarcuna senn antri decideno se r ggiorno brutto o bello.

117

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 118

Note 1)Moresca. Rivolta. 2)Fummamenti. Fondamenti. 3)Baruccabb. Nome ebraico, desunto dal versetto baruch abb bescen Adonai (Benedictus qui venit in nomine Domini). Nella tradizione romanesca un personaggio comico e in modo pi estensivo una cosa comica. Dunque, seguita a d Baruccabb. Belli, sonetto Le scuse der Ghetto. 4)Ssfrebb. Sfebbrare. 5)Madama Lucrezia. Altra statua parlante di Roma che nella tradizione dialoga con lAbbate Luiggi. La statua un gigantesco busto femminile appartenente al tempio di Iside e si trova a piazza S. Marco, lungo il muro di Palazzo Venezia. Facevano parte del congresso degli arguti altre due statue parlanti: il Babbuino, che d il nome alla via (Babuino) e il Facchino, che si trova in via Lata. 6)Berzitello. Giovanotto azzimato, elegante. Appellativo ironico rivolto a persona giovane.

118

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 119

Giuditta (1)
Co na pellicola che mette addosso lalegria ma te fa sent la paura der scherzo da pretaccio Magni saricordato de quer brutto fattaccio(2) d e c o m e d u g g i o v i n o t t i d e l a C a r b o n e r i a furno decapitati: ereno Targhini e Montanari che Mastro Titta se li port via. (3) Ci Pascarella scritto un mucchio de sonetti da rivortatte le budella su li fratelli Cairoli a Villa Glori da li zuavi macellari in quer carnaro trucidati. (4) Ma su Giuditta la popolana e Francesco Arquati poveraccio che lAnonimo v dedic du verzi de ricordo. Era de semprice animo ma coraggiosa ssta regazza tresteverina: na vera romana de piazza Santa Ru na. A li tempi der papa bojaccio Garibbardi co lli su ommini armati sstava a Mentana,(5) ma nun era la ne der potere papalino, porca puttana! Nun prennevano sonno li zuavi pe llattentato a casaccio de li repubbricani Monti e Tognetti, che co un bbotto(6) molti naveveno mannati peraria. E stti sordati der vicedio ggiraveno pe Roma tuttincazzati chedera no scompiglio: se combatteva desopra e desotto. Giuditta cor marito patriotto, li ji e quaranta cospiratori ereno ar lani cio de La Lungara(7) a fabbric cartucce pe llinsorti. Era puro incinta ma lottava pe n antro monno. Ma eccheli, mandati da na spia che sbavava pe Pio nono, sste carogne de gendarmi: tacci loro faceveno a gara pe cchi pi nammazzava. Credeteme, fu un massacro commannato da la sstoria dimenticato pe nun ggiudic la Cchiesa maledetta. Ma Giuditta, prima de mor, co lla panza aperta da na bajonetta, je grid : - A infami! E spir vicino ar marito disgrazziato.

119

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 120

Note 1)Giuditta. Giuditta Tavani in Arquati popolana romana uccisa nel 1867 dagli zuavi. 2)Fattaccio. Il riferimento al film di Luigi Magni Nellanno del signore che racconta la storia dei carbonari Angelo Targhini e Leonida Montanari giustiziati (ghigliottinati) nel 1825 dal Papa Leone XII. 3)Mastro Titta, al secolo Giovanni Battista Bugatti, fu il boia di Roma per 67 anni; esegu ben 516 condanne. 4)Come si sa i fratelli Cairoli morirono a Villa Gloria nel tentativo di creare nellUrbe un clima insurrezionale in attesa dellingresso in citt di Garibaldi, ma furono scoperti e uccisi seduta stante dai soldati del Papa Pio IX. 5)Mentana. Come noto Giuseppe Garibaldi fu sconfitto dai papalini a Mentana nellestremo tentativo di entrare a Roma. 6)Bbotto. I repubblicani Monti e Tognetti fecero esplodere nella fogna sotto la caserma Serristori, dove eveva sede il comando del temibile battaglione degli zuavi, una carica di polvere da sparo. Lattentato fu una strage dove morirono anche quattro romani innocenti. Fu un evento che provoc molta rabbia tra le truppe papaline, cos quando Garibaldi fu definitivamente sconfitto quella rabbia si rivolse contro tutti i patriotti che avevano in qualche modo partecipato allinsurrezione. 7)Il 25 novembre Giuditta (che era incinta del dodicesimo figlio e aveva soli trentasette anni), il marito Francesco Arquati, il figlio quattordicenne Antonio Franco e la figlia di tre anni Adelaide, andarono al lanificio di via della Lungara 97 con altri quaranta cospiratori, per preparare cartucce e munizioni da distribuire agli insorti. Trecento zuavi agli ordini di Luigi Rossi, avvertiti da una spia, fecero irruzione nel lanificio uccidendo a bruciapelo tutti i presenti. Giuditta fu prima ferita e dopo aver assistito inerme alluccisione del marito e del figlio, fu finita con un colpo di baionetta, ma prima di morire ebbe il tempo di gridare infami ai suoi aguzzini. Ora a via della Lungara il popolo di Trastevere ha posto una targa e un busto con tutti i nomi delle vittime a ricordo delleroismo di una donna coraggiosa.

120

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 121

Ar Bar
Sstassene ar bar e ggioc ar dichi o nun dichi nu mme porta mica quadrini o amore e nu mme fa divent n omo de valore. Inzomma, esse imbriacone tra lamichi aspettanno che lorologgio de la vita mindichi nun mica er pi massimo de lo splendore: come cerc de d un senzo a nesistenza incolore magnandose, de prima matina, pizza co pprosciutto e fichi! Ma sst sseduto ar bar, co lla lingua che taja e cuce, esse linguacciuto e de linguasciorta pi de sora impiccetta ci er vantaggio suo, perch pari n artista che seduce, che leva er fiato co llidea dun monno possibbile ciaspetta, m anche ch capace de risponne a muso duro e da gran truce a chi nojantri der bar Campitelli nun ciarispetta.

121

CHIACCHERE_DA_BAR:Layout 1

27-01-2010

11:06

Pagina 122

Questo volume stato stampato in trecento copie Roma, 25 marzo 2010

Copia n . . . . . . . . .

An ta quass ch n
mo

mano o Rodi Roma! onim e ve