Sei sulla pagina 1di 4

L'APPARATO LOCOMOTORE e` l'app. che ni permette il movimento.

E` composto da una parte attiva (sistema muscolare) e di una parte passiva (sistema scheletrico). Lo scheletro e` costituito dalle ossa, organi particolarmente duri, con forma, densita` e dimensioni variabili , con varie funzioni importantissime: - forma e sostegno - movimento - protezione. Proteggono diversi organi e strutture interne: cervello e cervelletto con la scatola cranica; cuore e polmoni con la gabbia toracica. - riserva e deposito di minerali (soprattutto di Ca - 99%) - bilancio acido-base (le ossa impediscono eccessivi sbalzi del pH ematico, assorbendo o rilasciando sali alcalini) - emopoiesi (il midollo osseo produce le cellule del sangue). Si distinguono: a) ossa lunghe (femore, tibia, omero) b) ossa corte ( vertebre, ossa della caviglia - glezna) c) ossa piatte (scapola - omoplat, osso occipitale) All'interno dell'osso, inoltre si trovano: - midollo osseo rosso localizzato a livello delle epifisi delle ossa lunghe e della parte centrale delle ossa piatte; produce globuli rossi , bianchi e piastrine( epifiza este extremitatea osului iar diafiza portiunea centrala); - midollo osseo giallo localizzato nella diafisi delle ossa lunghe, e` rico di grasi; e` assente nelle ossa per tutta la fase di sviluppo. Le articolazioni o giunture sono strutture anatomiche complesse, che mettono in contato due o piu` ossa. Dal punto di vista funzionale possono essere: - sinartrosi (articulatii imobile)per es. giuntura tra l'ileo, l'ischio e il pube - anfiartrosi (articulatii cu mobilitate redusa) per es. le articolazioni dei corpi delle vertebre tra di loro; - diartrosi (articulatii mobile) articolazione del ginocchio, del gomito - cot. I ligamenti rendono stabile le articolazioni, fissandole in determinate posizioni e rendendo possibili i movimenti solo in certe direzioni ed entro certi limiti. I muscoli costituiscono circa 40% del peso corporeo, e hanno varie funzioni: - danno forma al corpo; - permettono il sostegno dell'app. scheletrico; - conferiscono al corpo la capacita` di muoversi nell'ambiente,, ecc I muscoli contengono una varieta` di tessuti: - il tessuto muscolare scheletrico, distinto in : striato(forma la muscolatura scheletrica volontaria) liscio( forma la muscolatura viscerale involontaria. Per es. la contrazione della muscolatura liscia delle arterie regola la pressione arteriosa) cardiaco( forma il cuore, e` altamente specializzato perche` e` in grado di contrarsi continuamente e aritmicamente). - i tessuti connettivi e nervosi. PATOLOGIE DEL SISTEMA SCHELETRICO: Anchilosi - perdita o riduzione dei movimenti di un'articolazione, dovuta a trauma, a degenerazione delle strutture articolari (in cazul infectiilor) o in seguito a immobilizzazione di un'articolazione per un lungo periodo. Artrite- processo infiammatorio di una o piu` articolazioni, di origine metabolica, traumatica, infettiva, autoimmune, idiopatica. Sono 2 forme piu` comuni di artrite: - l'osteoartrite o artrite degenerativa, e` una condizione che implica la degenerazione della cartilagine delle articolazioni. Quando il cartilagine si usura, le ossa entrono in

contatto tra loro provocando: dolori articolari(artralgie) riduzione dell'attivita` fisica, camminata anomala. - l'artrite reumatoide- e` una patologia autoimmune, dove il sistema immunitario del corpo attacca il tessuto sano, danneggiando l'articolazione. Sintomi: artralgie, gonfiore, rossore, calore, riduzione della funzionalita`. Artrosi- malattia articolare degenerativa, cronica e progressiva, che interessa piu` frequentemente la colonna vertebrale, l'anca(coxartrosi), il ginocchio (gonartrosi), le dita delle mani e dei piedi. Si manifesta con dolore che si accentua con il movimento e si riduce con il riposo. Cifosi- curvatura della colonna vertebrale, con concavita` anteriore, che puo` portare ad una gobba - cocoasa. Lordosi- curvatura a concavita` posteriore della colonna dorso-lombare. Ernia al disco- detta anche ernia discale, e` la rottura di un disco intervertebrale, causata da una malformazione, alterazione o trauma della colonna vertebrale.Il sintomo principale e` il dolore (lombalgia). ...........restul pe maine............o zi buna............ Frattura - e` una interruzione dell'integrita` strutturale dell'osso che puo` essere di origine traumatica o spontanea (patologica).Si manifesta con dolore, ridotta` mobilita`, impotenza funzionale, ematoma, ecc. Lombaggine- sindrome dolorosa localizzata nella parte lombare del dorso (spate). Lussazione o slogatura- e` un evento traumatico che causa la perdita dei rapporti reciproci tra i capi articolari di un'articolazione. Osteoporosi- e` una patologia che comporta una riduzione della massa ossea e alterazioni della sruttura dell'osso che diventa poroso. l'osso diventa piu` fragile e esposto a fratture spontanee o provocate da traumi incorsi durante attivita` banali.Le cause principali dell'osteoporosi sono essenzialmente la perdita di calcio e di sali minerali, conseguenza dei cambiamenti metabolici e ormonali ai quali va incontro l'organismo con l'avanzare dell'eta`. Rachitismo- malattia dovuta a malnutrizione e in particolare a carenza di vitamina D, Ca, e fosforo, che si manifesta in genere durante l'infanzia. Il sintomo principale e` un'incapacita` ossea di trattenere il calcio, che determina scomparsa degli deformita` ossea: ginocchio varo (varismo - deformare a femurului si a tibiei care confera membrelor inferioare aspectul de paranteze) ginocchio valgo (valgismo - membrele inferioare au aspectul unui X)tetania, dolori alle ossa, debolezza generale, ecc. La forma di rachitismo che colpisce gli adulti viene chiamata osteomalacia - che si manifesta prevalentemente durante le gravidanze multiple, allattamento, stress.... Il Morbo di Paget- malattia cronica dell'osso, in cui porzioni di osso crescono in maniera anomala, ingradendosi, deformandosi e divenendo piu` morbide. Questa malattia si manifesta in maniera subdola con dolore e rigidita` articolari, astenia, cefalea, ipoacusia, deformita` ossea. PATOLOGIE DEL SISTEMA MUSCOLARE: Atassia- mancanza di coordinazione muscolare che rende difficoltoso eseguire i movimenti voluntari. Contrattura muscolare - contrazione involontaria, stabile e dolorosa di uno o piu` muscoli.

distorsione- trauma articolare per movimento forzato, con lesione temporanea dei ligamenti, tendini o menischi. Si manifesta con gonfiore, dolore e sensazione di calore. distrofia muscolare- malattia degenerativa a carattere ereditario che si manifesta con: debolezza muscolare, sviluppo ritardato del muscolo e delle capacita` motorie, problemi a caminare, perdita di saliva dalla bocca, ritardi mentale, ipotonia (tonus muscular scazut), scoliosi, ecc l'emiparesi- riduzione della capacita` di movimento volontario di meta` del corpo. strappo muscolare- o rottura muscolare- si manifesta con dolore acuto nella zona lesionata, il muscolo appare rigido e contratto. tendinite- infiammazione del tendine miocele- ernia muscolare causata da sforzi ripetuti torcicollo- dolore acuto, persistente ai muscoli del collo, che impedisce di ruotare lateralmente il capo miopatie- alterazione strutturale e funzionale delle fibre muscolari, che si manifesta con dimagrimento delle masse muscolari dei quattroarti (cele 4 membre), riduzione della forza muscolare, dificolta nel caminare, ecc. miastenia- disordine neuromuscolare caratterizzato da debolezza muscolare e affaticamento. La forma piu` comune e` la miastenia gravis. miositi- infiammazione autoimmune generalizzata del tessuto muscolare, che si manifesta con debolezza muscolare, stanchezza, difficolta` nel caminare, salire le scale, rialzarsi da terra, ecc mialgia- o dolore muscolare Assistenza alla persona con patologia reumatica: 1.diagnosi - dolore correlato a infiammazione o ad aggravamento della malattia - obiettivo- miglioramento del livello di benessere - interventi: il dolore puo` ridursi con interventi non farmacologici: - applicazioni di calore (bagni caldi o compresse, e` utile per alleviare dolore, rigidita` e spasmi muscolari) - applicazioni di freddo ( sotto forma di compresse o borse del ghiaccio, indicato nel caso di infiammazione acuta) - massaggio e cambiamento di posizione; - materasso antidecubito, guanciale che sostiene; - uso di corsetti, bastoni, stampelle (carje), collari cervicali (gulere cervicale) riducono il dolore in quanto limitano i movimenti e lo stress delle articolazioni; - tecniche di rilassamento e attivita` di svago (activitati de recreatie) - somministrare i farmaci antinfiammatori e analgesici prescriti; - istruire la persona sulla necessita` di evitare che cattive abitudini possono favorire complicanze: luogo di vita umido, lavoro eccessiva rispetto alle sue possibilita`; - istruire la persona sulla necessita` di una dieta idonea con calcio, vit. D e l'esposizione ai raggi solari. 2.diagnosi- affaticamento correlato al dolore, a un riposo inadeguato, a stress emotivo - obiettivo- diminuire l'affaticamento nelle attivita` di vita quotidiana - interventi: la fatica puo` essere di tipo acuto, cioe` di breve durata che viene alleviata dal riposo, oppure di tipo cronico, cioe` da fattori quali il dolore persistente che richiede energia fisica ed emotiva, i disturbi del sonno, la compromissione dell'attivita` fisica:

- aiutare la persona ad identificare i fattori fisici e psichici che creano fatica; - sviluppare le attivita` che inducono il sonno: bagno caldo, tecniche di rilassamento; - spiegare l'importanza del respiro e del sonno notturno e lungo la giornata; - rispettare la terapia; - incoraggiare un'alimentazione rica in ferro, proteine e vitamine. 3.diagnosi- compromissione della mobilita` funzionale - obiettivo- la persona raggiunge o mantiene una buona mobilita` funzionale - interventi: - far mantenere una posizione del corpo corretta per ridurre il carico sulle articolazioni infiammate e prevenire le deformita`. A letto dovrebbe giacere su un materasso duro, sul dorso un cuscino basso per evitare la cifosi dorsale; - per sostenere articolazioni fortemente infiammate si possono applicare presidi che limitano e movimenti e immobilizzano l'articolazione: stecche (atele), bendaggi alle ginocchia e ai polsi (incheieturile mainilor); - far utilizzare ausili e presidi per favorire il movimento. 4.diagnosi- deficit di cura di se` - obiettivo- la persona mantiene una cura di se` autonomamente o con l'aiuto di risorse disponibili - interventi: aiutare la persona di sviluppare un piano di interventi atti a soddisfare la cura di se`: - proteggere le articolazioni; - conservare l'energia( per ridurre l'affaticamento); - fornire gli ausili necessari e insegnare l'uso corretto, ecc...