Sei sulla pagina 1di 56

MARTED 17 GENNAIO 2012 ANNO 137 - N.

13
italia: 515249535254

In Italia

EURO 1,20

Milano, Via Solferino 28 - Tel. 02 62821 Servizio Clienti - Tel. 02 63797510

Fondato nel 1876


Milano e il ticket antitraffico Nel primo giorno dellArea C meno 32,5% di auto e furgoni
di Paola DAmico e Gianni Santucci a pagina 29

www.corriere.it
Classifica dei redditi Tassisti, orefici e orologiai guadagnano meno degli operai
di Giovanni Stringa a pagina 18

Roma, Piazza Venezia 5 Tel. 06 688281

Nella notte di venerd 13 gennaio

Verso la salvezza calandosi con le funi I primi soccorsi ai superstiti della Concordia
I primi soccorsi ai passeggeri della Costa Concordia arenata davanti allIsola del Giglio. I fotogrammi sono stati tratti da un video girato con telecamera a raggi infrarossi da un elicottero della Guardia costiera tra la mezzanotte di venerd 13 gennaio e le due di sabato 14. Nella foto grande, i superstiti aiutati dai militari della Guardia costiera si calano con funi verso le imbarcazioni di soccorso. Sotto, i passeggeri (evidenziati dal cerchio) sulla nave semiaffondata

Lequipaggio ha deciso di preparare comunque le scialuppe perch il comandante taceva senza dare lordine di abbandonare la nave

Ammutinamento per salvare i passeggeri


Allarme per i dispersi: sarebbero saliti a 29. Il relitto si sposta, rischio di disastro ecologico
di MARCO IMARISIO

Sicurezza e ambiente

Inchini e regole

SOTTO, LABISSO UNA PERVERSA E COL PETROLIO CONCEZIONE NEL VENTRE DEL COMANDO
di GOFFREDO BUCCINI di GIULIO SAPELLI

ferzata dalle onde davanti agli scogli del Giglio, con il petrolio nel ventre, la Concordia sussulta. Questa qua, se si muove, ci risucchia con lei, mormorano i finanzieri, dobbiamo fare presto. La nave parla, e non un buon segno, riferiscono i sub della Marina emergendo in fretta allennesimo scricchiolio dellacciaio.
A PAGINA 2

un altro naufragio che affianca quello, tragico, della motonave Concordia. il naufragio della responsabilit, espressione di un comportamento umano diffuso: usare i poteri di comando per soddisfare i desideri, ricambiare favori, creare catene di complicit. Limpressione che il bene comune non sia in testa alle priorit.
A PAGINA 42

REUTERS / MAX ROSSI

stato un vero e proprio ammutinamento mentre la motonave Costa Concordia affondava lentamente, squarciata dagli scogli del Giglio. Lequipaggio, in quella drammatica emergenza, decise di preparare comunque le scialuppe e salvare i passeggeri perch il comandante taceva senza dare lordine di abbandonare limbarcazione. Il relitto della Concordia intanto si sposta e si fa sempre pi reale il rischio del disastro ecologico. Giallo sulla lista dei dispersi: sarebbero 29, pi di quanti ipotizzati in un primo momento.
DA PAGINA 2 A PAGINA 11

La telefonata

Le assicurazioni

Capitano, forse vuole andare a casa?


di FABRIZIO CACCIA
A PAGINA 6

I naufraghi preparano la class action alla Costa


di LORENZO SALVIA
A PAGINA 8

Il conteggio

Il precedente

La lista e il mistero dei turisti tedeschi


di GIUSY FASANO
A PAGINA 10

Ora si teme che finisca come la Haven


di A. MANGIAROTTI
A PAGINA 3

Un vigile del fuoco del Nucleo speleoalpino calato da un elicottero sul ponte della Concordia

Alberti, Dellacasa Di Stefano, Gasperetti

Poste Italiane Sped. in A.P. - D.L. 353/2003 conv. L. 46/2004 art. 1, c1, DCB Milano

Preoccupazione del presidente della Bce. S&P declassa anche il Fondo salva Stati

Esplosioni a Napoli. A Roma manichini con la corda al collo davanti a una sede della societ

Draghi: la situazione peggiorata Attacco a Equitalia con tre ordigni


La situazione peggiorata. Allarme del presidente della Banca centrale europea, Draghi, davanti alla Ue. Standard&Poors declassa il Fondo salva Stati.
DA PAGINA 12 A PAGINA 15

Giannelli

Caizzi, Di Caro, M. Franco Galluzzo, Guerzoni, Montefiori Mucchetti, Taino

Tre ordigni sono esplosi a tarda sera davanti alla sede principale di Equitalia a Napoli. Non ci sono vittime, solo danni alle porte esterne. A Roma, collocati manichini impiccati davanti alla sede Equitalia in via Aurelia.
A PAGINA 25

Frodi e corruzioni

Roma

20 1 1 7>

9 771120 498008

Sei miliardi bruciati dagli statali


di F. SARZANINI
A PAGINA 19

Lassassino muore impiccato


di G. BIANCONI
A PAGINA 24 Di Gianvito, Frignani

Codice cliente:

GUARDIA COSTIERA

Codice cliente:

Primo Piano

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Il naufragio Il relitto

La Costa dovr presentare due piani: entro 48 ore per i serbatoi e entro 10 giorni per lo scafo Enrico Rossi, governatore della Toscana

Il punto

Lo slittamento A rischio il recupero dello scafo


La nave, semisommersa a 50 metri dal molo del Giglio, slittata di 9 centimetri in verticale e uno e mezzo in orizzontale con unoscillazione di 3 sulla prua. Il rischio che possa inabissarsi in un fondale di 88 metri. Ci renderebbe pi complicate le operazioni di recupero del relitto con laumento di tempi e costi. Lultima conseguenza potrebbe essere che si rinunci a ripescarlo

Ricerche Un equipaggio della Marina militare accanto al relitto della Costa Concordia naufragato al largo dellIsola del Giglio nella notte tra venerd e sabato scorsi

(Foto LaPresse)

Le telefonate Comandante, glielo ordino, torni a bordo


Tra le telefonate sequestrate dalla Procura di Grosseto, ci sono alcune conversazioni tra il comandante Schettino che aveva lasciato la nave e la Guardia costiera, nella notte del naufragio. Schettino prima dice di aver abbandonato la nave, poi ritratta. Lufficiale gli ordina: Adesso vada a bordo, cosa fa, lascia i soccorsi?. Lui assicura: Va bene, sto andando

Levacuazione Lequipaggio ammutinato decide da solo


Le operazioni per evacuare la nave sarebbero iniziate almeno un quarto dora prima che il comandante Schettino comunicasse labbandono nave. I membri dellequipaggio, secondo le prime indagini della Guardia costiera, avrebbero deciso di preparare passeggeri e scialuppe per lasciare la Concordia alle 22.45, mentre labbandono nave, lanciato da Schettino, registrato alla 22.58

ISOLA DEL GIGLIO Le onde la irridono, sferzandole lo scafo sventrato. E la Concordia sembra volersi vendicare della stupidit di noi umani colpendoci ancora, minacciosa com, davanti agli scogli del Giglio. Questa qua, se si muove, ci risucchia con lei, mormorano i finanzieri della vedetta V625, dobbiamo fare presto. La nave parla, e non un buon segno, riferiscono i sub della Marina emergendo in fretta allennesimo scricchiolio dellacciaio. Cos giriamo veloci attorno al mostro ch ancora addormentato eppure rivela questi piccoli sussulti da fine letargo, preannunciando un risveglio possibile e spaventoso. Il pallone radio del ponte, visibile fino a poche ore prima, inabissato; laletta stabilizzatrice della fiancata ha mutato posizione: il meteo dalla radio delle Fiamme Gialle d increasing, in aumento venti e marosi, e sotto i colpi della cattiva libecciata forza quattro la nave va cambiando assetto, con spostamenti impercettibili e tremendi. S alzata di nove centimetri e, riabbassandosi, s mossa di tre, dicono di prima mattina allunit di crisi qui sul molo. Sembrano misure irrilevanti finch non chiedi verso dove s mossa. Verso labisso, ti rispondono. Lo scoglio della Gabbianara, che tiene imprigionato in tre uncini di roccia il grande scafo rovesciato, pu non bastare pi come lucchetto. Dal fondale di 37 metri la Concordia pu slittare sul liscione, il declivio di sabbia e alghe che dopo qualche decina di metri finisce nellabisso e che qui chiamano picco ma in realt una depressione di una novantina di metri, pronta a ingollare in un sol boccone ci che resta del gioiello della Costa Crociere. Verso mezzogiorno il comandante generale dei vigili del fuoco, Alfio Pini, sbarca da Porto Santo Stefano con una diagnosi infausta: Il rischio che la nave si possa perdere c, parliamoci chiaro. Pini un cremonese trapiantato in Veneto, ha fatto lunga esperienza della tragedia dellAbruzzo, misura le parole ma non si nasconde: Le condizioni del mare potrebbero incidere pesantemente. E il mare peggiora, infatti, per dopodomani si prevede

La nave si muove verso labisso Bisogna fare presto


DA UNO DEI NOSTRI INVIATI

La ricerca dei dispersi e il rischio che il carburante provochi un disastro Clini: le chiazze? Solo olio
addirittura mareggiata. In superficie gli elicotteri vedono adesso chiazze oleose, altro pessimo segno anche se a sera si sostiene vengano dalle scialuppe di salvataggio. Sicch il ministro Clini, annunciando lo stato demergenza, spiega che i pericoli possono essere molto grossi per quel fiume di carburante che i serbatoi contengono e che forse stanno cominciando a spurgare. Il geologo Mario Tozzi, ex presidente del Parco Arcipelago Toscano, sostiene che ne bastano dieci tonnellate per rovinare lecosistema. Qui sono duemila e quattrocento, stivate a poppa come un rebus: perch a succhiarle via troppo in fretta si rischia di alleggerire la nave ed esporla ai capricci delle correnti; ma, a temporeggiare, il pericolo del disastro ambientale altissimo e a farlo rientrare non basta lazione delle barche mangia petrolio olandesi, non bastano i solventi attorno alle macchie, o lannunciato arrivo della nave antinquinamento della Marina.

Salvi Superstiti al Giglio (Ipp)

Allerta meteo

Da gioved vento forte e onde alte due metri

Il meteo nei prossimi giorni rischia di complicare le operazioni in corso sullisola. Se ci sar una tregua tra oggi e domani, condizioni ottimali per la ricerca dei dispersi, gioved si assister a un progressivo rinforzo del vento e a mari che tenderanno a divenire mossi, con onde alte fino a un metro a fine giornata. Nel weekend aggiunge 3bmeteo il mare sar mosso o molto mosso, con vento di maestrale a partire da sabato e onde alte 2,5 metri. La situazione sar dunque molto critica.

Comincia male, questa quarta giornata di crisi: con un grande spavento. Al mattino una dozzina di pompieri specializzati stanno lavorando sulla nave assieme a un gruppo di sommozzatori della Marina. Hanno individuato un altro cadavere, il sesto, attraverso gli obl, e faticano per raggiungerlo per raggiungerlo. Lallarme si sparge in un secondo, la nave si muove, evacuiamo!. Due sub racconteranno: Eravamo al centro dello scafo, sentivamo colpi continui in immersione, abbiamo pensato ci fosse qualcuno e abbiamo battuto sui tubi e aspettato dopo una ventina di secondi abbiamo capito che non cera nessuno a fare quei rumori, che era la nave a parlare. I sub sentono tirare la cima che li collega con la superficie, quello per loro il segnale dallarme. Quando sei l sotto come stare bendato, le cose prendono un aspetto diverso, la moquette rovesciata ti cala addosso come un mantello, le porte diventano pozzi neri, gli oggetti e i mobili sono trappole. In quel momento lallarme si diffonde anche tra i pompieri del gruppo Saf, gli specialisti che in queste ore stanno frugando il relitto cunicolo dopo cunicolo. Siamo schizzati via senza neanche usare le funi, sembrava un cartone animato, riesce a sorridere qualcuno di loro. Sei minuti, ci mettono, per imbragare una dozzina di uomini e portarli via dai ponti della nave che potrebbero diventare una trappola. Gioino Di Rocco pilota Drago 57 e ha addosso 2.300 ore di volo: Quando abbiamo sentito i rumori cominciata lazione di salvataggio. I dodici Saf si sono messi a poppa ad aspettarci. Calano i verricelli, il gruppo in salvo. Le operazioni sono sospese, sembra davvero finita, mentre i numeri dei dispersi sedici, ventidue, ventinove si impennano in una cabala delirante che nessuno, tantomeno la Prefettura, pare in grado di arrestare.

Poche ore dopo, contrordine, si ricomincia ma con la massima prudenza: La nave sufficientemente stabile, dice il comandante generale Pini, pur ammettendo che nellavverbio sta il veleno: Certo, in quel sufficientemente c il nostro margine di rischio. Ma non possiamo lavorare senza rischio, lei lo capisce, no?. Questa una bizzarra tragedia in cui tanti uomini coraggiosi mettono in pericolo la loro pelle per rimediare alla stoltezza di pochi avventati imbecilli. Lo si capisce passando con il motoscafo dei carabinieri sopra le famose scole, il primo punto dimpatto della Concordia con la roccia gigliese, a cinquecento metri dal porto: e a cinquecento metri dalle luci che qualche casa accendeva per ricambiare il salutino al Giglio del comandante Schettino che

I centimetri dello spostamento in verticale del relitto

costato questa catastrofe. Qui sotto abbiamo trovato pezzi di lamiera grandi come Fiat 128, ci raccontano i carabinieri. Il salutino era usanza comune, lo sanno tutti sullisola: una consuetudine contro la legge ma simpaticamente italica, sembrano pensare i giornalisti venuti qui da ogni parte del mondo e ammassati nella sala stampa improvvisata a due passi dal bar Ferraro, vera situation room di questa crisi. Una cosa cos inimmaginabile, la vedi solo nei film catastrofisti americani, sospira il comandante dei sub, Rodolfo Raiteri. Sbagliato. La nostra etica alle vongole fa realt anche della fiction meno plausibile. Sicch gli stranieri ci guardano. Dal giapponese allolandese, basta mettere il naso qui dentro, per scoprire una decina di possibili traduzioni della parola vergogna.

Goffredo Buccini
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Il prossimo Consiglio dei ministri dichiarer lo stato di emergenza per lisola del Giglio Corrado Clini, ministro dellAmbiente

Le operazioni Cosa pu accadere se lo scafo perde stabilit. Lipotesi della rottamazione e quella della bonifica

ADAGIATA SUL FONDO COME LA HAVEN? LA GRANDE PAURA PER LARCIPELAGO


Adesso la paura che la Concordia possa diventare una nuova Haven: un relitto adagiato per sempre a una profondit di 88 metri nelle acque dellIsola del Giglio. Ieri una scivolata. Piccola. Piccolissima. I sensori piazzati nemmeno ventiquattro ore prima sulla nave hanno registrato un minuscolo movimento della prua verso il basso: nove centimetri in verticale e 1,5 in orizzontale, con unoscillazione di tre proprio a livello della prua. Un niente rispetto ai 293 metri di lunghezza del gigante dei mari. Ma sufficiente prima a far evacuare dalla pancia della Concordia tutti i sommozzatori impegnati nelle ricerche. Poi a far dire a molti addetti ai lavori che lo spostamento irrilevante e che comunque ora ferma. E infine a generare in tutti, esperti e profani, il timore che la nave possa disancorasi dai tre scogli su cui si adagiata e sprofondare completamente in mare. Per sempre? Adesso la nave stabile, concordano Guardia costiera e Vigili del fuoco. Ma ogni scenario aperto e in balia della variabile tempo. Perch anche il pi piccolo movimento, insieme ai bollettini meteo che annunciano mare da mosso a molto mosso, fa temere la fuoriuscita delle 2.380 tonnellate di combustibile dalle cisterne ieri sono state segnalate alcune chiazze oleose e linabissamento della Concordia. Con quello che ne consegue: difficolt maggiori nelle operazioni di recupero del combustibile e della nave, ma anche pi rischi, pi tempo e pi soldi per effettuare ogni intervento. Fino allipotesi estrema: che la nave sia cos compromessa e i costi per rottamarla cos elevati da scegliere di bonificarla e lasciarla l dov. Max Iguera, con la Cambiaso-Risso di cui socio, uno degli uomini che in Italia rappresenta la Smit: la societ olandese, che ha recuperato il sottomarino russo Kursk e bonificato proprio la petroliera Haven, stata scelta dalla Costa Crociere per occuparsi ora della Concordia. Le misure della scivolata della nave verso il basso sono arrivate sulla sua scrivania di Genova insieme a una montagna di dati che in queste ore si stanno analizzando per fare la scelta migliore. Quello registrato dallunit di crisi dice subito stato un movimento non significativo: di assestamento. Quanto basta

La societ che iss il sottomarino Kursk: svuotare subito le cisterne

Primo Piano

Il manuale

Lo scoglio segnalato nel libro del diporto

Lo scoglio che non doveva essere l secondo il comandante Francesco Schettino, il pezzo di roccia che ha squarciato lo scafo della Costa Concordia, era stato in realt segnalato anche dallo sfortunato Mauro Mancini nella sua guida Navigare lungocosta della collana Il Tagliamare. Il giornalista, morto nel 1978 sulla nave che lo aveva tratto in salvo dopo 74 giorni su una zattera in pieno Atlantico con Ambrogio Fogar, ha segnalato lo scoglio a pagina 354 del manuale molto noto a diportisti e skipper. Passate a qualche centinaio di metri dalle "Scole". Il bassofondo roccioso orientato verso il largo, scrive Mancini. Accanto alla segnalazione, la cartina del tratto di costa con le profondit, che passano da 70 a 13 metri, e poi tutte le rocce affioranti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

per per aver spinto le autorit a dare lordine di sbarcare tutti. Quanto basta anche per far pensare che la nave possa inabissarsi? Ogni ipotesi aperta ma noi siamo pronti ad affrontare ogni scenario con soluzioni diverse. Con un unico obiettivo: salvare la nave intera. Il primo scenario lo svuotamento delle cisterne (contengono 2.200 tonnellate di Ifo 380 Cst, molto denso, e 180 di Mto) di una Concordia ormai inabissata: lo scalino di roccia su cui adagiata finisce su una lingua di sabbia a 88 metri di profondit. I tecnici non hanno dubbi: Si svuotano comunque. Le tecniche sono le stesse usate a 20 metri di profondit ma con complicazioni maggiori: la principale legata al fatto che luomo non un pesce. Vale a dire: Sotto i 40 metri serve una camera iperbarica per limitare i tempi di discesa e risalita: una camera fissa sulla piattaforma dappoggio dove i sommozzatori vivono per sette-quindici giorni e una capsula mobile che fa da ascensore: la pressione nella camera iperbarica la stessa a cui sottoposto il sub alla profondit di lavoro. Pi tempo poi richiesto anche per scaldare e rendere pi fluido il combustibile da pompare via. Quindi per le operazioni di bonifica vere e proprie. Ieri sera il pontone Meloria partito dal porto di Piombino alla volta del Giglio con a bordo pompe, generatori di calore e tutte le attrezzature necessarie allavvio delle operazioni di recupero del carburante. Una corsa contro il tempo per scongiurare un disastro ecologico la cui portata sarebbe devastante non solo per lIsola del Giglio ma anche per tutto larcipelago toscano. Il secondo scenario, naturalmente, quello che vede i tecnici impegnati nel recupero della Concordia ormai completamente sottacqua. Basta poco, lo svuotamento delle cisterne, altra acqua imbarcata che cambia lassetto della nave. La corsa verso il blu sarebbe repentina. Uno scenario che pu avere pi variabili, impossibile fare una valutazione dinamica: non ne conosciamo la stabilit, il peso con dellacqua imbarcata, spiega Iguera. Che aggiunge: Tutto dipende, nel caso, da come la nave si inabissa: in piedi, su un fianco, in verticale come purtroppo capita. E ancora: con le cisterne accessibili oppure compromesse. E in quel caso sarebbe disastro ecologico. Ma tra tante ipotesi c una certezza: Diventerebbe certamente pi difficile riportarla in assetto di galleggiamento ma anche rimuoverla in un pezzo unico. Se, ad esempio, finisse a testa in gi con le eliche verso il cielo non la si toglierebbe pi di l, almeno intera. E in quel caso i tempi e i costi lieviterebbero a dismisura. Di quanto? Impossibile dirlo. Perch una cosa trascinare una nave in un cantiere di bonifica, spiaggiarla e farla a pezzi l. Un conto ridurla in piccoli pezzi in mare, caricarli su un pontone, quindi portarli in un cantiere e da l su un treno in una discarica. Soltanto per bonificare i residui di combustibile della Haven, affondata nel 1991 al largo di Arenzano, ovest di Genova, ci sono voluti dodici mesi di studi e sessanta giorni di lavori. Allora si decise che smantellare i 335 metri della petroliera, 110 mila tonnellate di stazza, era economicamente svantaggioso e si decise di bonificarla, disinquinarla e lasciarla l. Trasformandola nel pi grande relitto del Mediterraneo visitabile. La legge prevede che soltanto se un relitto di ostacolo alla navigazione deve essere per forza rimosso. Una sorte che potrebbe toccare anche alla Concordia? Il nostro obiettivo salvare la nave intera, il tam tam tra gli addetti ai lavori. Ma se fosse risucchiata dal mare la Concordia potrebbe anche diventare, dopo il disinquinamento e la bonifica, il secondo relitto (o forse il primo) pi grande del Mediterraneo.

Alessandra Mangiarotti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

WWW.DIOR.COM - 02 38 59 59 59

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Primo Piano
Io e i ragazzi della squadra ci teniamo a mandare un abbraccio sincero a tutti quelli toccati dallincidente Francesco Totti, capitano della Roma

5
#

Il naufragio Le indagini

DA UNO DEI NOSTRI INVIATI

ISOLA DEL GIGLIO (Grosseto) La finestra della sala da pranzo si affaccia sul mare. Quando c sole, la casa inondata di luce. In tutto quellazzurro bisogna sporgersi e guardare di sotto per vedere le uniche tre macchie scure. Sono gli scogli delle Scole. La Costa Concordia ha urtato lultimo, il pi piccolo, ed stato come liceberg per il Titanic. A guardare da questa terrazza sembra tutto pi chiaro, e non solo per lorizzonte limpido. Appena un passo indietro e dalla mensola sopra la televisione un uomo in divisa dai capelli brizzolati sorride da una foto. Eccolo il mio figliolo dice la signora Mamigliana. Il sorriso in cornice di Antonello Tievoli, il maitre della nave crociera. Questa casa sua, della sua famiglia, un piccolo edificio in cima alla strada che

Su Facebook
Tra poco passer vicina vicina la Concordia di Costa Crociere. Il post alle 21.08 di Patrizia Tievoli, sorella del matre (Photomasi)

Il salvataggio Un momento dei soccorsi: qui gli sposini coreani in viaggio di nozze a bordo della nave da crociera vengono tratti in salvo (Ansa/DeglInnocenti)

Ammutinati in difesa dei passeggeri


porta alla spiaggia delle Cannelle, e i due anziani seduti a un tavolo apparecchiato in modo spartano, tovaglioli di carta e bicchieri di plastica, sono i suoi genitori. Spaventati, smarriti. Non un caso, non pu esserlo. La casa del capo cameriere della Costa Concordia, lunico gigliese a bordo, il destinatario dellinchino, lomaggio dellavvicinamento della nave ai suoi cari per un saluto, la pi vicina a quegli scogli. Con la deviazione dalla rotta, la nave guidata del comandante Francesco Schettino era quasi sotto a quelle finestre. E anche il 6 gennaio, data del penultimo passaggio, non doveva essere poi cos distante. Sto facendo i segnali luminosi, chiss se mi vede scrive su Facebook la sorella Patrizia, insegnante alla scuola elementare del Giglio. Adesso anche lei vittima di una reazione a catena che da un inchino non richiesto, non in quel modo, ha causato un disastro di proporzioni colossali. Poche parole, tanta rabbia.

Levacuazione iniziata prima dellordine A casa dal matre: soli 90 metri dalla nave
Non che se il comandante decide di fare una cosa per una persona la colpa dellaltro. Lui non ha chiesto nulla, solo un marittimo, mica uno dei capi della nave. Non si azzarderebbe mai. La maestra Patrizia ha ragione, niente e nessuno potr togliere al comandante Schettino la paternit di quella decisione che definire scellerata poco, non solo perch dalla finestra sembra quasi che basti allungare una mano per toccare quelle rocce. Ieri i carabinieri del nucleo sommozzatori di Genova si sono immersi dal promontorio sotto casa Tievoli. Cercavano il punto preciso dellimpatto. Lo hanno trovato a 8 metri di profondit, nellallargamento sottomarino della Scola piccola, lo scoglio esterno. Cerano anche due pezzi di lamiera della nave, prova definitiva della violenza dellurto, di una nave fuori controllo. Hanno misurato la distanza dallultima propaggine del litorale, e il risultato come una sentenza. Tra 92 e 96 metri, quella bestia da 114mila tonnellate era in zona balneabile. Ma in questa storia di inchini maldestri il vero incrocio di destini quello tra lallievo e il maestro. Il comandante Schettino stato a lungo vice di Mario Palombo, il venerabile maestro con 43 anni di navigazione, 23 dei quali al comando delle navi passeggeri di Costa crociere, anche lui, come lamico e compaesano Tievoli travolto da evento sul quale non ha mai esercitato alcun controllo, convocato ieri in procura e sentito per oltre due ore dai magistrati, non solo sulla pratica dellinchino, da lui sperimentata per primo, almeno nelle ac-

que del Giglio. Tra i due il legame ancora forte, al punto che venerd sera, durante la navigazione, Schettino sente il bisogno di chiamare il vecchio comandante per dirgli che lomaggio riguarda anche lui. Tra le 21.30 e le 21.40, questa la forbice temporale indicata da Palombo. Gi che passo dallisola ti faccio un saluto con la sirena avrebbe detto Schettino. Ma io sono a Grosseto, la risposta. Cade la linea. Comunicazione interrotta. Lunico privilegio del povero Palombo, come riporta il Corriere fiorentino, quello di avere ascoltato lurto in diretta. Il seguito delle telefonate apre il vero scenario dellinchiesta. Perch Palombo chiama un suo amico al Giglio, che gli racconta quel che vede, la nave arenata, troppo sotto la costa. Il comandante in quiescenza, reduce da un infarto, riprova per due volte a mettersi in contatto con Schettino. Niente. Allora telefona subito alla sua Costa crociere dalla sua casa di Grosseto, chiede lu-

mi, lui a dare lallarme, seguito subito dalla Guardia di finanza. Il direttore del dipartimento marittimo della compagnia genovese chiama subito la nave 22,05 e 22,07. Nella seconda telefonata, il comandante ammette di avere problemi a bordo ma non parla della collisione. C una mezza verit, in quelle parole, perch di problemi a bordo ce ne sono parecchi, a cominciare da una sorta di ammutinamento da parte di alcuni ufficiali di seconda che prende corpo intorno alle 22.45. I membri dellequipaggio prendono i passeggeri dalle cabine, preparano le scialuppe per lasciare la Concordia, tredici minuti prima della comunicazione di abbandono nave ricevuta dalla Guardia costiera. Se lammutinamento una delle onte peggiori per un comandante, Schettino la subisce due volte in una notte, la seconda come parte attiva, disobbedendo allordine superiore della Capitaneria di risalire sulla nave per prendersi cura dei passeggeri. Sembra un film, lo quasi. I finanzieri arrivano in zona alle 22.35 e non si limitano ai soccorsi. Riprendono con le videocamera quel che sta accadendo, e solo alle 23.15 la Costa Concordia comincia a inclinarsi. Se Schettino avesse dato subito lordine di abbandonare la nave, magari ascoltando quegli ufficiali che lo imploravano di farlo, avrebbe avuto almeno unora e mezzo di tempo a disposizione per levacuazione, e forse adesso ci sarebbe da contare qualche morto in meno. A questo si arriva, partendo dalla casa della famiglia di un capocameriere, dalle sue finestre cos vicine al mare, e agli scogli.

Marco Imarisio
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le immagini
giano gi sul mare calmo. Le voci possiamo solo immaginarle, la calca di formichine si scioglie in una fila ordinata che taglia in verticale lo scafo, dal bordo alla carena ormai nuda fino allo strapiombo del mare, dove le scialuppe di salvataggio aspettano di accoglierle. Visto dallalto, sembra un lavorio lento e paziente. Invece no, a ben guardare c un agitarsi di braccia, un fermento, una foga, qualcuno corre di qua e di l, qualcuno, appena uscito da un obl, sembra invocare soccorso, rimasto isolato e probabilmente ha paura di non essere avvistato. notte, nonostante leffetto abbagliante del video. Ci sono bave di folla, verso poppa, che oltrepassano la linea di galleggiamento e si allungano coraggiosamente verso la carena, code sfilacciate che si sbracciano per richiamare una motovedetta che si accorga della loro esistenza. Nubi di fumo escono stavolta dalla murata diventata pavimento, appena sotto la scritta monumentale della Costa Concordia, distesa in lungo. Ci che normalmente dovrebbe essere verticale ora in orizzontale, e viceversa, bisogna resettare lo sguardo per capire dovera la chiglia, dove il fasciame, dove i ponti, dove il cassero. La logica capovolta della fisica: una delle murate diventata carena e la carena diventata unautostrada completamente all'asciutto, su cui si pu camminare aggirando quelli che fino a poche ore prima erano gli obl e ora sono diventati pozzi pericolosi in cui si pu precipitare. Lo squarcio gi affiorato all'aperto e ingoia acqua. Ripresa da lontano, la nave sembra molto pi grande degli scogli che lhanno abbattuta. Le immagini del mattino rivelano i colori: un mare azzurro cupo che a tratti si trasforma in una fanghiglia bruna, e la ferita arrossata sembra la carne molle di un bovino macellato. Le file di formichine sono terminate, chi in salvo in salvo, gli altri bisogner andare a cercarli uno per uno. La scogliera ha preso un colore rosato. Lalba tragica sembra un bellissimo tramonto.
RIPRODUZIONE RISERVATA

COME FORMICHE IN FILA PER LA FUGA LE URLA DAGLI OBL E IL FUMO IL VIDEO DELLA NOTTE DEL TERRORE
di PAOLO DI STEFANO

un documento video ai raggi infrarossi, girato da un elicottero della Guardia Costiera subito dopo il naufragio, a consegnarci le immagini pi apparentemente asettiche dei primi soccorsi. Bianco e nero e solo silenzio sotto un leggero fruscio di eliche. Immaginate un gigantesco palazzo rovesciato su un fianco, la cui facciata esterna diventa un enorme pavimento lucido da cui escono file di formichine nere. La proporzione tra quelledificio abbattuto e le persone che ne fuoriescono impressionante. Dagli obl, dalle finestre e dai terrazzi, uninvasione di minuscoli insetti, mentre l'imponente comignolo in orizzontale lascia ancora uscire un fumo denso. Frantumi, frammenti, rottami galleg-

Infrarossi I passeggeri nelle immagini a infrarossi nel sorvolo della Guardia costiera

Il video notturno I frame di un video girato al buio con la tecnica dei raggi infrarossi da un elicottero della Guardia costiera che ha sorvolato la nave per portare i primi soccorsi tra le 24 e le due del mattino

Codice cliente:

6
#

Primo Piano

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Il naufragio Le indagini
Le immagini

Il transito delle grandi navi da crociera unabitudine intollerabile e purtroppo assai risaputa Francesco Giro, deputato pdl

La vita interrotta nella nave


Mentre proseguono le ricerche dei dispersi, la nave restituisce le immagini della tragedia: da sinistra un sommozzatore che esplora ci che rimane delle cabine; i tavoli e le sedie divelte; la parte dello scafo inclinato e sommerso (Afp)

Ci sono feriti o morti?. No, tutto a posto


Le bugie del comandante nelle telefonate con la Capitaneria Dalla terraferma si spazientiscono: vuole andare a casa?
DA UNO DEI NOSTRI INVIATI

GROSSETO Ha perso gli alamari, il comandante Francesco Schettino. E non solo quelli. Ora accusato pure di ammutinamento. Tuta grigia, felpa blu, ciabatte ai piedi: Scusate labbigliamento, si schermisce. Prima cella a sinistra, secondo piano del carcere di Grosseto, le sei di sera della vigilia pi lunga, quella che lo separa dallinterrogatorio di stamattina davanti al gip Valeria Montesarchio. Schettino dal medico, lo chiama una guardia del penitenziario. Il comandante sorvegliato a vista e al consigliere regionale dellIdv Marco Manneschi in visita al penitenziario soffia dietro le sbarre solo questa frase: La voce della mia coscienza grida pi forte di tutto. Sar. Eppure linchiesta condotta dalla Capitaneria di porto di Livorno rivela ogni giorno di pi particolari agghiaccianti sul comportamento imbelle del comandante della Costa Concordia durante la notte del naufragio. La notte delle bugie e della follia di un uomo in confusione. O, peggio, in malafede. Cos, le sette ore da incubo della Costa, dalle 21.45 quando sincaglia sugli scogli fino alle 4.46 di sabato quando levacuazione dei passeggeri ri-

sulter terminata senza di lui, adesso sono state ricostruite nei minimi dettagli dalla Capitaneria di Livorno. Con telefonate che definire choc riduttivo. Eccole. La terza telefonata Concordia, chiediamo se da voi tutto ok. La notte della vergogna comincia cos. La Capitaneria sinforma e dalla plancia di comando

I corpi Quanti morti? chiede il graduato della Costa Dovrebbe dirmelo lei! rispondono da Livorno Dal carcere Secondo le parole dellavvocato luomo sarebbe addolorato per le perdite umane
della nave arriva la prima menzogna: S, positivo, solo un guasto tecnico. Sono le 21.49 e il dramma dei passeggeri gi in pieno svolgimento. Poi un lungo silenzio, lequipaggio in realt gi riparato sulle scialuppe e non risponde pi alle chiamate. Finch, alle 00.32, la Capitaneria riesce di nuovo a rintracciare il comandante

Schettino sul cellulare che per gi in salvo sugli scogli, ma mente: Quante persone ci sono a bordo?, domandano gli ufficiali che stanno dirigendo i soccorsi. Due-trecento, ma ora torno sul ponte, ero andato a poppa a vedere che cosa stava succedendo, risponde pronto Schettino, mentre in realt la nave ancora pienissima, con i suoi 4 mila passeggeri, perch lordine di abbandono stato dato da soli 40 minuti. La terza telefonata Dieci minuti dopo, nuova chiamata: Quanta gente deve ancora scendere, comandante?, chiedono sempre pi allarmati dalla Capitaneria. E Schettino imperterrito continua a mentire: Ho chiamato larmatore e mi dicono che mancano in tutto una quarantina di persone. In quellesatto momento nella sala operativa di Livorno a quelli che ascoltano gela il sangue. In un lampo capiscono tutto: Com possibile cos poche persone? Ma lei a bordo?. E finalmente il comandante ammette: No, non sono a bordo perch la nave sta appoppando, labbiamo abbandonata (e per questo motivo ora rischia di finire indagato anche il comandante in seconda, il greco Dimitri Christidis).

Lordine dellufficiale La conversazione a quel punto si fa drammatica: Ma come ha abbandonato la nave?, chiede incredulo lufficiale della sala operativa. Schettino, che si tradito, prova a rimediare: No, macch abbandonata, sono qui. Minuti terribili. All1.46 il messaggio della Capitaneria di porto ultimativo: Allora, lei adesso torna a bordo, risale la bigaccina (la scaletta, ndr) e torna a prua e coordina i lavori. Schettino non risponde. Lei mi deve dire quante persone ci sono lo incalza lufficiale quante donne, quanti bambini e deve coordinare i soccorsi. Comandante questo un ordine, adesso comando io, lei ha dichiarato labbandono della nave e va a coordinare i soccorsi a prua, daccordo? Ci sono gi dei cadaveri. Schettino deve avere la pelle accapponata, con un filo di voce chiede: Quanti?. Dovrebbe dirmelo lei! sbotta lufficiale da Livorno, che ormai lo disprezza a giudicare le parole che usa. Cosa vuole fare, vuole andare a casa?, lo irride quasi. Poi conclude: Lei ora torna sopra e mi dice cosa fare. Va bene, sto andando, risponde Schettino. Ma non obbedisce. lultima definitiva bugia. Dagli scogli risale il molo del Giglio, poi lo vedono allontanarsi in taxi. Destinazione Bahamas. Lalbergo.

I dialoghi

Ore 21.49

Capitaneria: Concordia, tutto ok?. Concordia: Positivo


Ore 21.54 (il Concordia sulla secca)

Capitaneria: Concordia, chiediamo se da voi tutto ok Concordia: Solo un problema tecnico


Ore 0.32 (la nave ancora piena)

Capitaneria: Quante persone ci sono a bordo?. Schettino: Due-trecento


Ore 0.42

Fabrizio Caccia
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lazienda Lamministratore della compagnia si commuove

La Costa accusa Schettino Disattivati gli allarmi


Mai il presidente di Costa Crociere, Pierluigi Foschi, avrebbe immaginato di dover rispondere a un giornalista del Time che gli chiedeva se il comandante Schettino era ubriaco e se era a cena con delle fashion models al momento dellincagliamento della Costa Concordia davanti al Giglio. Il comandante, per quanto ne so, beve solo acqua ha risposto Foschi e noi facciamo periodici controlli antialcol e antidroga ai nostri equipaggi. Al momento dellincidente Schettino era sul ponte di comando: stata sua la decisione di cambiare la rotta, una manovra non autorizzata e di cui non eravamo a conoscenza. Daremo al comandante lassistenza legale necessaria ma ci dissociamo dal suo

Il comandante e la commozione dellad Schettino e, a destra, lamministratore delegato di Costa Crociere Foschi

comportamento. Non sono state rispettate procedure certificate e scritte. Noi ci sentiamo parte lesa in questa vicenda. Foschi ha spiegato che per poter modificare la rotta impostata nel computer alla partenza da Civitavecchia era necessario disattivare il sistema di allarme visivo e sonico, operazione evidentemente compiuta dal comandante. Non noto quale mappa abbia poi utilizzato Schettino per avvicinarsi alla costa: Le mappe computerizzate si riferiscono alla rotta stabilita ha detto Foschi altre mappe hanno dettagli pi circoscritti. Non sappiamo quali siano state usate. Nella mappa computerizzata gli scogli non sono segnalati perch piccoli e fuori

rotta, in quelle cartacee sono indicati. Foschi ha confermato che la Concordia era a 150 metri dalla costa e che andata fuori rotta per dare un saluto a terra (ma non ha detto a chi). La Costa Crociere non ha elementi per poter affermare che Schettino abbia abbandonato la nave: Abbiamo testimonianze affidabili ha detto Foschi sulladeguato comportamento del comandante durante i soccorsi. Quanto allequipaggio, il presidente, che si commosso pi volte durante la conferenza stampa, lo ha definito eroico. Quindi il presidente si detto sicuro della buona reputazione della societ che sar in grado di recuperare la fiducia dei clienti. Intanto la Borsa ha penalizzato il titolo Carnival

che ha aperto ieri mattina con una perdita del 23 per cento ridotta poi al 17 per cento: Ci aspettavamo il contraccolpo ha detto Foschi e abbiamo stimato danni diretti di 92 milioni di dollari. Ma i programmi di crescita della compagnia sono confermati e non c nessuna intenzione di mettere in discussione il marchio Costa. La compagnia poi si dice pronta a confrontarsi con il ministro dellAmbiente Clini sul tema del passaggio delle grandi navi sotto costa e in aree turistiche. Chiediamo scusa ai nostri ospiti e a tutti coloro che sono stati toccati da questa tragedia, ha concluso Foschi.

Capitaneria: Com possibile cos poche persone? Ma lei a bordo?. Schettino: No, non sono a bordo perch la nave sta appoppando, labbiamo abbandonata. Capitaneria: Ma come, ha abbandonato la nave? Schettino: No, ma che abbandonata, sono qui

Erika Dellacasa
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Aumento di capitale UniCredit: investite in una grande banca, per far crescere insieme un grande Paese.

Non sentite anche voi il bisogno di azioni concrete?


Con oltre 52 miliardi di Euro di patrimonio, oltre 9.500 liali nel mondo e la presenza in 50 paesi, UniCredit la grande banca al servizio del made in Italy nel mondo. Per entrare a farne parte a pieno titolo, gli azionisti e coloro che acquisiscano i diritti di opzione possono aderire allaumento di capitale di UniCredit. Prima delladesione leggere il Prospetto (composto dalla Nota di Sintesi, dal Documento di Registrazione e dalla Nota Informativa), disponibile presso la sede sociale e la direzione generale di UniCredit, sul sito internet www.unicreditgroup.eu e presso Borsa Italiana. Numero verde: 800.18.90.39 dal luned al venerd, dalle 9.00 alle 18.00

Scopri il video scaricando Aurasma Lite dal tuo Application Store. Punta il tuo smartphone o tablet sullimmagine per guardare il video.

UniCredit, la banca made in Italy nel mondo.


Codice cliente:

Codice cliente:

8
#

Primo Piano

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Approfondimenti
ROMA Ha sempre fatto paura il mare, ha spesso portato morte e dolore. Non un caso, dunque, che le assicurazioni siano nate proprio per coprire i rischi di chi sul mare ci lavora. La prima polizza della storia del 1343, Genova, la citt di Costa Crociere. Le regole non sono pi quelle scritte dal notaio Casanova per la Galea Santa Caterina, in stiva dieci balle di panni sullitinerario da Porto Pisano alla Sicilia. Ma il peso della storia si sente ancora: E infatti c una tradizione abbastanza protettiva per le compagnie dice Stefano Zunarelli, professore di Diritto della navigazione allUniversit di Bologna. Cosa vuol dire? Prendiamo gli oggetti lasciati a bordo della Costa Concordia da chi quella notte fuggiva dalla morte. Soldi, vestiti, gioielli, documenti, tutto quello che ha preso il nome un po esagerato di tesoro del Giglio. Se la valigia la perdiamo su un aereo ci viene garantito un rimborso forfettario, un tot a bagaglio a prescindere da quello che c dentro. Se invece la valigia rimasta su una nave che adesso praticamente affondata, dove si rischiato di morire, con quelle immagini che continuano a passare davanti agli occhi a noi figuriamoci a chi cera davvero, allora tutta unaltra storia. Il risarcimento va chiesto entro dieci giorni, altrimenti potrebbe essere troppo tardi, spiega Claudio Perrella, avvocato esperto nel settore delle assicurazioni marittime. Entro dieci giorni, cio, bisogna spedire una raccomandata alla Costa Crociere, chiedendo un rimborso per il danno subito. I documenti necessari potranno essere inviati anche dopo, una volta scaduti i dieci giorni. Ma proprio qui che cominceranno i veri problemi. Nessun forfait, nessun accordo preventivo, per la legge bisogna dimostrare quello che si aveva a bordo e quanto valeva. E in ogni caso non si possono superare i 20 mila euro a testa. Dallonere della prova non si scappa dice ancora il professor Zunarelli e non unoperazione semplice. Suggerisce Paolo Martinello, presidente di Altroconsumo: Cercate gli scontrini delle cose che avete lasciato a bordo, vedete se nei cassetti avete qualche fotografia, trovate un testimone che sia pronto a dire che s, lavevate portato con voi sulla Concordia. Solo che magari si tratta di oggetti comprati tempo fa, gli scontrini chi li tiene pi? E poi quanto varrebbe-

I passeggeri e le assicurazioni
ro in giudizio le testimonianze di altri passeggeri, anche loro avvelenati? Ecco, qui usciamo dal campo della teoria ed entriamo in quello della pratica. Per i danni ai passeggeri e allequipaggio la Costa Concordia assicurata con lo Standard P&I club per Charles Taylor. Una mutua assicuratrice degli armatori, un colosso che fa massa critica per attutire i colpi di un disastro che manderebbe gambe allaria una normale compagnia. La tradizione di questa mutua assicuratrice dice ancora il professor Zunarelli quella di chiudere con le parti una transazione extragiudiziale. Non arrivare in fondo a un processo che, anche in termini di immagine, lascerebbe esposta Costa Crociere ancora per anni. Ma firmare un accordo con le parti e cercare di voltare pagina al pi presto. Anche perch il tesoro del Giglio solo uno dei problemi. Per i danni alle persone, e quindi i feriti o i familiari dei morti, il risarcimento non pu superare i 500 mila euro. Una somma fissata da una direttiva europea di 20 anni fa che lItalia ha recepito anche se con il solito ritardo. E con il codice del turismo si potrebbe aggiungere una nuova voce, il risarcimento per danno da vacanza rovinata. Una norma, quella prevista dallarticolo 47 della legge approvata solo pochi mesi fa, che affida al giudice il compito di stabilire la cifra senza fissare n un minimo n un massimo. Ma alla fine quanto coster quello sciagurato inchino davanti allIsola del Giglio? Le stime parlano di una somma oltre il miliardo di euro. Mettendo nel conto anche il valore della nave, 450 milioni di euro assicurati con un pool di dieci compagnie a loro volta riassicurate come si usa fare in questi casi per farsi coraggio ed evitare di andare gambe allaria al primo disastro. Ma non tutti quei soldi sono coperti dalle assicurazioni: cos come per le semplici polizze di auto e motorini, una parte del danno resta a carico dellassicurato. E la famosa franchigia in questo caso vale da sola 30 milioni di euro. La Carnival la societ americana con sede a Miami che controlla Costa Crociere ha previsto un impatto sugli utili pari a 85-95 milioni di dollari e ieri il titolo ha perso pi del 16%. Adesso la priorit la salvezza dei passeggeri e dellequipaggio, dice Micky Arison, presidente di Carnival corporation. Per tutto il resto si vedr.

LA CLASS ACTION DEI NAUFRAGHI PROVINO DI AVER SUBTO DANNI

Maltempo Le onde nel tratto di mare del naufragio della Costa Concordia (Sestini)

60 430 20 3
milioni la stima della perdita che la compagnia Carnival, che possiede la Costa Crociere, ha fatto nella previsione che la tragedia avvenuta allIsola del Giglio scoragger le prenotazioni mila euro lindennizzo previsto in caso di morte della persona. A chi si salvato andranno tra i 10 e i 20 mila euro (stima) tra rimborso del biglietto e danno per la vacanza rovinata mila euro il risarcimento per i beni persi a bordo (ma bisogna dimostrare che erano a bordo e non facile). Il diritto al risarcimento dei danni alla persona si prescrive in 3 anni, per i danni a cose in un anno miliardi di dollari la copertura assicurativa massima per i danni alla nave Costa Concordia. La Carnival in generale prevede un impatto di 85-95 milioni di dollari sugli utili per lanno 2012

Lorenzo Salvia
lsalvia@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Sui traghetti Intere famiglie con videocamere e binocoli

Andiamo a vedere il relitto. Ecco i turisti del macabro


ISOLA DEL GIGLIO La ve- rotte turistiche da Porto Santo do, bianca come un fantasma, Stefano allIsola del Giglio, una sibila inquieta la signora bionda delle tante traversate snobbate mesciata, giubbotto griffato, tac- di questi tempi dai vacanzieri, chi a spillo (ma con ricambio co- anche se domenica, anche se modo, che mostra allamica, per splende il sole e il mare piatto. la passeggiata dellorrore), menViaggio strano sul traghetto tre spia dallobl del traghetto diviso, per contingenza e sensidella Toremar. come il richia- bilit, in due umanit: quelli che mo della foresta. aiutano, quelli Tutti si alzano arche guardano. I mati di videofo- Invasione primi sono i Viginini, fotocamere I gigliesi: non avevamo li del fuoco, i vocon Gps, video- mai visto tanti arrivi a lontari della Procamere palmari, tezione civile, le binocoli con su- gennaio. Hanno persino squadre di super zoom e altre noleggiato alcune barche bacquei, gli indiavolerie hi-tetrepidi speleoloch, per poi sprogi. Gli altri, o fondare di nuovo delusi sulle pol- parte di essi, sono i voyeur deltrone. A sign, che dice. Quella lincidente. lisolotto dellArgentarola, miAmiche e amici, famiglie inteca siamo un siluro, c ancora di re con bambini ai quali spiegamare da fare, le spiega un ma- no, come in un film con un finarittimo. le tragico, il particolare pi raccaEccola la mini crociera della pricciante. Lo sai, c anche una sciagura di un gennaio freddo di bambina l sotto, poverina. E tramontana. Uno dei quei giorni accompagnano i pargoli al fineda bollino bianco candido sulle strino appena il relitto rovesciato della Costa Concordia appare veramente e diventa una parte del paesaggio. Un pap si inventa cicerone: Quella Punta Gabbianara, quella cala Lazzaretto, quella la chiglia capovolta, l ci sono i ponti uno e due, laggi il ponte di comando mezzo sottacqua. E poi il pezzo forte. La ferita, ancora grondante, con parte dello scoglio infilzato. Trenta metri da togliere il fiato a chi guarda. Sullisola il punto di ritrovo il Promontorio del Lazzaretto. Visuale eccezionale, ci sono anche le telecamere! Il problema come entrare. C una villa con giardino, prima, di una nobile famiglia. Che per fortuna ha deciso di aprire, non sapendo che dietro i soccorritori c anche lorda dei guardoni. Tanti hanno telefonato per prenotare alberghi chiedendo se si potevano fare foto dice Gina Magnani della Pro Loco . Si
Foto ricordo Gruppi di turisti in questi giorni hanno affollato lIsola del Giglio per catturare immagini del disastro e immortalare il relitto. Qualcuno si avvicinato anche con barche che sono state noleggiate nel porticciolo (Foto Ansa)

mescolano con i giornalisti e scattano, scattano. Franca Anichini, una gigliese doc, dice che uninvasione di turisti di gennaio allIsola del Giglio non laveva mai vista. Domenica sembrava di essere dagosto e non era solo per larrivo delle squadre di soccorso. So che qualcuno ha noleggiato anche alcune imbarcazioni per raggiungere i punti pi nevralgici del naufragio e poter vedere lo scafo da vicino. Il panorama pi gettonato? Gli scogli delle Scole, centrati dalla Concordia nella manovra costata la vita ad almeno 6 persone (oltre ai dispersi). Certo che sono arrivati i turisti conferma don Lorenzo, il parroco che ha aperto la chiesa ai naufraghi . Hanno imparato dai paparazzi, forse. Anchio ho scattato foto, che terr come un ricordo di sofferenza. Guai per a godere delle sventure altrui.

Marco Gasperetti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Partecipate allaumento di capitale: conto alla rovescia, il termine scade il 27 gennaio.

Ultimi giorni per nuovi traguardi.


Se avete voglia di azioni concrete, partecipate allaumento di capitale UniCredit. il momento di investire in una grande banca, per far crescere insieme un grande Paese: il nostro. Possono aderire tutti gli attuali azionisti, ma possono parteciparvi anche coloro che ne acquisiscano i diritti di opzione. Ecco le caratteristiche: Rapporto di opzione: 2 nuove azioni ordinarie per ogni azione ordinaria e/o di risparmio posseduta. Prezzo di sottoscrizione: 1,943 euro per azione. Periodo di offerta: dal 9 al 27 gennaio. Periodo di negoziazione dei diritti: dal 9 al 20 gennaio. Prima delladesione leggere il Prospetto (composto dalla Nota di Sintesi, dal Documento di Registrazione e dalla Nota Informativa), disponibile presso la sede sociale e la direzione generale di UniCredit, sul sito internet www.unicreditgroup.eu e presso Borsa Italiana. Per saperne di pi: www.unicreditgroup.eu Numero verde: 800.18.90.39 dal luned al venerd, dalle 9.00 alle 18.00 Aumento di capitale UniCredit: utile entrare a far parte di una grande banca, al servizio del made in Italy nel mondo.

UniCredit, la banca made in Italy nel mondo.


Codice cliente:

10 Primo Piano
#

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Il naufragio Le vittime

Il mistero dei 12 turisti tedeschi I dispersi ora sono diventati 29


I casi
PARIGI IN ALLERTA

Dopo lemergenza
Giubbotti di salvataggio ammassati vicino al porto dellIsola del Giglio dopo essere stati indossati dai passeggeri della Costa Concordia (Aleandro Biagianti/Emblema)

Due morti, si cercano altri quattro francesi


Due nostri connazionali sono morti. Due altri sono leggermente feriti. Siamo senza notizie di altri quattro passeggeri francesi per il quale il centro di crisi prosegue le verifiche in collegamento con le famiglie: lo conferma a Parigi il portavoce del ministero degli Esteri della Francia, Romain Nadal. La cancelleria transalpina a Roma ha istituito una cellula di crisi incaricata soprattutto di recuperare e controllare le liste dei passeggeri. Mentre i consolati di Torino e Genova hanno accolto numerosi nostri connazionali aiutandoli a risolvere le questioni di carattere amministrativo. A Nizza e Marsiglia, poi, sono state istituite strutture di accoglienza per i naufraghi.

LEQUIPAGGIO

Il musicista pugliese e gli altri scomparsi


Sul numero dei dispersi tra il personale che lavorava a bordo della nave c la pi assoluta incertezza. A rendere ancora pi difficili le operazioni di individuazione contribuisce leterogeneit per quanto riguarda le nazionalit, che spaziano dalle Filippine allAmerica Latina. Per ora si sa soltanto che uno di questi sarebbe italiano. Si chiama Giuseppe Girolamo (foto), ha 30 anni, ed originario di Alberobello (Bari). Al momento dellincidente luomo stava suonando in una delle sale ristorante.

LO SPAGNOLO

Lanziano di Maiorca tra i primi ad annegare


Lhanno individuato quasi subito dopo il ritrovamento per quella piastrina che indossava al collo e che indicava il suo handicap psichico. Guillermo Gual, il 68enne spagnolo morto nella nave, portava con s il nome e il numero di telefono dei famigliari. Originario dellisola di Maiorca, faceva parte di un gruppo di nove spagnoli, tutti parenti e amici. A denunciare la sua scomparsa stato uno dei nipoti, che viaggiava con lui. Una parte del gruppo era riuscita a salire sulle scialuppe, mentre altri si erano buttati in mare. Il corpo di Gual stato ritrovato assieme a quello dell'italiano Giovanni Masia, 85 anni, in uno dei punti di raccolta della nave, ormai sommerso.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua il balletto delle cifre sulle persone che mancano allappello. La polizia della Baviera: C anche una dozzina di nostri connazionali Finora non erano nella lista dei passeggeri
Alle 11 del mattino di sabato il maresciallo Enrico Del Santos, Capitaneria di porto di Livorno, sembr pessimista: Serviranno molte ore prima che si capisca chi manca allappello intu. Ecco. Oggi siamo al quarto giorno dal naufragio e quelle molte ore non sono ancora finite. Il numero dei dispersi non torna. Un mistero. Un elenco a fisarmonica che riflette il caos vissuto dai naufraghi nella prima fase dellemergenza. Quanti sono i nomi e i cognomi di chi manca? Allinizio si detto una settantina, poi 41-42, poi forse trenta ma anche no: meno per fortuna, ha annunciato domenica sera il presidente della Provincia di Grosseto Leonardo Marras. Diciassette, ha detto citando i dati della Costa, sei uomini dellequipaggio e 11 passeggeri, uno dei quali la sesta vittima recuperata ieri pomeriggio. Quindi di nuovo un aggiornamento: sei persone dello staff e dieci passeggeri. Nemmeno il tempo di memorizzare la cifra e irrompono sulla scena i tedeschi. Fra i nostri connazionali abbiamo dodici persone che erano sulla nave e delle quali non sappiamo pi nulla fa sapere la polizia criminale della Baviera. Di vittime o dispersi tedeschi non si era mai parlato, quantomeno non in Italia e non ufficialmente. Ma la polizia bavarese cita il responsabile della Costa Deutschland, i dati sembrano certi. C da rifare il conto, quindi. Ai sedici nellelenco del pomeriggio vanno aggiunti i dodici tedeschi, dunque in tutto non si trovano ventotto uomini e donne (e una bambina) fra passeggeri e personale della nave. Sembra lepilogo, invece no. Nemmeno questo un dato definitivo. Perch in serata il comandante generale della Capitaneria di porto e Guardia costiera, Marco Brusco, riceve un dispaccio dalla Prefettura di Grosseto: I mancanti allappello sono 29, 4 membri

In bilico Vigili del fuoco alla ricerca dei dispersi della nave

(Afp)

dellequipaggio e 25 passeggeri. Un nome in pi del conteggio precedente, una divisione diversa fra passeggeri e staff e nazionalit differenti (i tedeschi in questultima lista sarebbero dieci). Sulla Concordia venerd sera erano in 4.229, di molte nazionalit. Cerano francesi, italiani, australiani, peruviani, filippini, americani, spagnoli... Ora: la Costa ha fatto avere a ciascun Paese la lista dei passeggeri e ha dato le stesse informazioni agli inquirenti italiani che indagano sullincidente. Come pu essere possibile, allora, questo continuo balletto di cifre? Se nelle prime ore era comprensibile, a distanza di giorni sembra grottesco. Le difficolt sono nel numero enorme dei naufraghi, ovviamente difficili da rintracciare in tempi brevi essendo cos tanti e di nazionalit cos varie. Ma ci sono anche le annotazioni sbagliate delle prime ore, gente data per presente in questo o in quellalbergo e che invece risulta mancare allappello. Per esempio Maria Grazia Trecarichi, 50 anni, e la sua amica e Luisa Virz, 49 anni, due amiche siciliane. Viaggiavano sulla Concordia con Stefania, la figlia di Maria Grazia, e il suo fidanzato. I due ragazzi sono saltati su una scialuppa, le due donne sono tornate in cabina a prendere i giubbotti di salvataggio e da allora sono sparite. Quando Stefania le

ha cercate il viso le si illuminato perch, cos le hanno detto, la Costa le ha registrate tutte e due presenti allHilton di Roma. Devesserci un errore hanno invece spiegato alla reception dellhotel. Questi due nomi non risultano da noi. Individuare con precisione i dispersi fondamentale perch ci permetterebbe di risalire alle loro posizioni allin-

Il bollettino Lultima nota della Capitaneria di porto: non si trovano 4 membri dello staff e 25 croceristi I vigili del fuoco Individuare chi manca fondamentale per risalire alla sua posizione nella nave
terno della nave dice uno dei vigili del fuoco che da tre giorni segue le operazioni dentro e fuori dal quel palazzo semisommerso dallacqua. Fondamentale perch se ci sono dispersi che avevano cabine nella parte non sottacqua si pu provare a cercarli direttamente in quel punto. una corsa sempre pi disperata contro il tempo per cercare di trovare qualcuno ancora vivo.
Codice cliente:

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Primo Piano 11
#

Il naufragio un disastro che poteva accadere ovunque. Siamo capaci di affrontare questa vicenda con grande dignit Giulio Terzi ministro degli Esteri

Rivolgiamo un accorato appello affinch questa tragedia non diventi un ulteriore tragico mistero irrisolto I familiari delle vittime del Moby Prince

4.229
Il numero delle persone che ufficialmente erano a bordo della Costa Concordia venerd sera

Le storie

La vicenda di Williams Arlotti e Dayana di 5 anni di Rimini. Lui era senza giubbotto salvagente perch erano finiti

La bimba (che era gi salva) sparita con il pap


Laccusa della cugina: erano vicini a una scialuppa, ma li hanno fatti andare altrove. Poi sono caduti in acqua
DAL NOSTRO INVIATO

RIMINI Dayana era elegante, la sera del disastro. Nella sua piccola valigia di bambina di 5 anni, mamma Susy aveva infilato anche un abito leggero, colorato, da serata di gala: la sua prima notte su una nave da crociera. E si era raccomandata con lex marito: Faglielo indossare, ci tiene tanto.... Dayana ora un nome, una speranza che si fa sempre pi tenue. lunica bimba tra i dispersi nellinferno galleggiante della Costa Concordia. Era partita assieme al pap, Williams (con la esse) Arlotti, 37 anni, e alla sua compagna, Michela Maroncelli, 32, con la quale luomo convive a Villa Verucchio da quando si separato dalla moglie. Sono partiti in tre. tornata solo Michela, ora barricata in questa palazzina dai mattoni rossi, protetta dai genitori, prigioniera di un film dellorrore che ha per set uno dei corridoi della Costa e una cornice da brivido: il buio, lacqua che sale, la

bimba che scivola, il padre aggrappato a lei, le richieste daiuto, poi il silenzio, il nulla. Un racconto che Michela ha disperatamente affidato ieri alla cugina di Arlotti, Sabrina Ottaviani, che, titolare di unagenzia di viaggi, aveva prenotato la crociera per conto delluomo e, dopo il naufragio, si precipitata al Giglio. Un racconto straziante che si apre con un sospetto crudele: Dayana, suo pap e Michela afferma Sabrina erano salvi, erano riusciti a raggiungere il punto della nave dal quale calavano le scialuppe, ma qualcuno dellequipaggio ha detto loro di spostarsi in un altro luogo di ritrovo e durante il tragitto la piccola e il padre sono scomparsi. Solo due di loro, la donna e la bambina, avevano il giubbotto salvagente: Arlotti era senza perch non ce nerano pi. Nella nave totalmente immersa nel buio, i tre sono stati sorpresi dallacqua mentre percorrevano uno dei corridoi: Hanno deciso di tornare indietro.

Michela era davanti e mi ha detto di aver visto la bimba scivolare e scomparire nellacqua assieme al padre. La donna si fermata, li ha chiamati: Allinizio hanno risposto, poi stato solo silenzio. Attimi terribili per Michela. Un uomo, in cima alla scaletta, le ha gridato di salire e, quando lei gli ha detto di aver perso il compagno e la piccola, le ha risposto: "stia tranquilla, ho visto che li hanno recuperati".... Non era vero, era solo una bugia a fin di bene per farla uscire da quellinferno. E ora Michela dice Sabrina non si d pace, devastata dai sensi di colpa.... Non era la prima volta che Dayana andava in vacanza con il padre e la sua compagna: Si erano sempre diverInsieme titi: non riesco a crederci, non so dove sbattere la teWilliams Arlotti (37 anni) sta... si dispera la mamma con la figlia Dayana di 5. della piccola, Susy Albertini, Erano partiti con la 28 anni, che gioved aveva compagna del padre accompagnato la figlia alla scuola materna. Sperare impresa titanica. La nonna di Dayana dice di aver visto in tv una bimba in ospedale che assomiglia alla sua nipotina. I carabinieri stanno verificando... sospira Sabrina Ottaviani, la voce buia come la notte che avanza.

Francesco Alberti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Le donne di Enna

Le ultime parole delle due amiche Scivoliamo gi in mare


Il gigante
Una passeggera sopravvissuta al naufragio guarda la Costa Concordia inclinata su un fianco (Filippo Monteforte/Afp)

ENNA Comincia a convincersi che non ci sia pi niente da fare Elio Vincenzi, il marito di Maria Grazia Trecarichi (nella foto), la cinquantenne di Enna di cui non si hanno pi notizie, come non se ne hanno della sua amica Luisa Virz: Purtroppo ho buone ragioni per ritenere che mia moglie e la nostra amica siano morte. Le ultime parole dette al telefono a un nostro amico sono state: "Stiamo scivolando verso il mare". Lo diceva mentre si sentiva la voce allarmata di Luisa che non sapeva nuotare. E mia moglie a tranquillizzarla: "C il salvagente...". Poi niente, poi il cellulare deve essere stato

inghiottito dallacqua.... Vincenzi parla accanto alla figlia Stefania, una bella ragazza miracolata come il suo fidanzato, pure loro a bordo della Costa quella notte. Ma i ragazzi furono imbarcati su una scialuppa. Mentre le due amiche forse hanno poi tentato di saltare su unaltra. Non sono per mai arrivate nellalbergo di Roma dove per un equivoco erano state ufficialmente segnalate.

F. C.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La ragazza di Biella

C da dire che al gran caos dei numeri che non tornano hanno contribuito in molti casi gli stessi passeggeri, magari aiutati dagli isolani oppure ospitati in qualche albergo la notte del naufragio. Alcuni di loro si sono allontanati senza comunicare gli spostamenti o si sono organizzati da soli per rientrare a casa. Quindi, soprattutto il primo giorno, dei settanta non rintracciati molti erano in realt sani e salvi da qualche parte, da ore. Questo osano sognare i familiari dei dispersi, soprattutto gli stranieri: vorrebbero sapere che un padre, un figlio, unamico, una madre, siano andati via dal Giglio e che per leggerezza non abbiano dato notizia di s. Ma sanno bene che le speranze reali di ritrovare vivo qualcuno dei 29 dellultima lista sono ridotte al lumicino. Nessuno vuole parlare di morti. Non lha fatto ieri il ministro degli esteri tedesco Guido Westervelle confermando al suo Paese la notizia dei connazionali scomparsi. Ha detto di non escludere lipotesi di una o pi vittime, di lavorare sotto grande pressione per accertare le sorti dei nostri cittadini e ha ammesso che purtroppo temo che dovremo affrontare tristi notizie. Gli italiani nellelenco dei 29 sono sette. Famiglie disperate, in attesa, senza notizie n sonno da venerd sera.

Maria si tuffata con il salvagente Non sapeva nuotare


I sudamericani

BIELLA Vincenzo, suo marito, lha vista lultima volta quando si tuffata: Si buttata in acqua, aveva addosso il salvagente ma poi non ho avuto pi notizie di lei. Maria DIntrono, 30 anni, di Biella, (nella foto con il marito) una delle persone disperse. Vi prego, trovatela insiste Vincenzo che ha dieci anni pi di Maria e che sulla Costa era salito anche assieme ai suoi genitori suo padre Martire, 74 anni, e sua madre Lucia, 72 , a suo fratello Antonio, 32 anni, e a sua cognata Luciana, 30. Una compagnia di parenti

per festeggiare i 50 anni di matrimonio di Martire e Lucia. Quando la nave si inclinata si sono tuffati tutti e hanno raggiunto la riva a nuoto, fra la difficolt degli scogli e quella dellacqua gelata. Io stavo attento pi che altro a mio padre che ha un problema allanca si tormenta Vincenzo. Arrivata sullisola, la famiglia si accorta che allappello mancava soltanto Maria, che aveva s il salvagente ma che era lunica a non saper nuotare e ad aver paura dellacqua.
RIPRODUZIONE RISERVATA

I due peruviani: la fine di Tomas e lesile speranza per la barista Erika


I coniugi americani

RIO DE JANEIRO Erika (nella foto), 26 anni, non si trova. Il corpo di Tomas, 49 anni, invece riapparso. Sono le due vittime peruviane della tragedia, appartenenti a un gruppo di una quarantina di membri dellequipaggio arrivati dal Paese andino, attraverso due agenzie. Tomas Costilla Mendoza era un addetto alle pulizie, al momento dellincidente era nelle cabine al sesto piano, hanno raccontato i suoi colleghi. Purtroppo sul fianco destro della nave, quello che si inabissato. Il corpo stato riconosciuto da un diplomatico, e la notizia ha creato sconcerto in Per, perch in un primo tempo tutti i membri della agenzia erano stati dichiarati in

salvo. La scomparsa di Erika Soria ha invece qualche testimone. La ragazza, che lavorava come barista, stata vista mentre si lanciava in mare, gridando disperata. Lo hanno raccontato due connazionali che lavoravano nei ristoranti, ma si attende ancora la testimonianza di un altro peruviano che si lanciato con lei. La famiglia, a Cuzco, spera ancora nel miracolo. E la madre stata fotografata da un giornale locale con un ritratto della figlia e un modellino della Concordia, che le aveva portato da un viaggio precedente.

R. Co.
RIPRODUZIONE RISERVATA

La vacanza da sogno dei due prof del Minnesota


La vittima sarda

WASHINGTON Gli Heil (nella foto) hanno risparmiato una vita per poter mandare i loro quattro figli alle scuole private. Poche vacanze, tanti sacrifici, unesistenza semplice. E il viaggio sulla Concordia diventato il coronamento di un lungo sogno. Ora Gerald, 69 anni, e Barbara, 70, sono nella lista dei dispersi. Sulla pagina Facebook dellambasciata americana a Roma c la loro foto con un appello per la ricerca di informazioni. Gli Heil risiedevano a White Bear Lake, in Minnesota,

dove avevano lavorato come insegnanti. Stimati, molto impegnati con la comunit cattolica locale, Gerald e Barbara sono stati definiti una coppia affiatata, una coppia perfetta. Dopo essere andati in pensione, hanno iniziato a viaggiare e raccontano gli amici tenevamo molto alla crociera nel Mediterraneo. Domenica sera una delle figlie ha scritto: Speriamo ancora anche se la situazione difficile.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Giusi Fasano
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il pensionato del Sulcis che non voleva partire

CAGLIARI Lui non voleva proprio partire per quella crociera. andato soltanto per accontentare la moglie. Scherzava: "Sar come il viaggio di nozze". E poi non mi muover pi da casa. La cugina Gilda ricorda cos Giovanni Masia, 85 anni (nella foto concessa dallUnione Sarda). Per non andremo da soli aveva infine preteso porteremo tutta la famiglia. E sulla Costa Concordia con la moglie Giuseppina si erano imbarcati il figlio Claudio, la nuora Nerina, i due nipotini di 8 e 13 anni. Tutti salvi. Soltanto lui non tornato a Portoscuso (dal paese in totale erano partiti in 32), zona industriale del Sulcis, un tempo

miniere ora polo dellalluminio in crisi. Masia era da tanti anni in pensione, ma tutti al paese lo conoscevano come il signor Nino, quello che vendeva le bombole. Il figlio Claudio ricorda: Mi sono precipitato in cabina, ho afferrato i salvagente, ho portato tutti al ponte 3. Non mi vergogno di dirlo: ho fatto a botte per far salire su una scialuppa i bambini, mia moglie e mia madre. Sono ritornato indietro a prendere mio padre, lho cercato a lungo mentre lacqua saliva: non cera pi.

A. P.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

12 Primo Piano
#

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

I mercati LEuropa

sistenza del sistema finanziario, abbinata a prospettive di crescita cupe, ha condotto a severe perturbazioni nel normale funzionamento dei mercati finanziari e, recentemente, delleconomia reale. Draghi ha considerato incoraggiante laccordo dei capi di Stato e di governo sul patto di maggiore disciplina fiscale. Ha apprezzato che il rilancio della crescita e delloccupazione stia ora diventando lobiettivo principale perch non ci pu essere rigore finanziario senza crescita e viceversa. Ma ha ammonito i governi Ue che le de-

LEfsf ha mezzi sufficienti per rispettare gli impegni sulla base degli attuali e dei possibili futuri programmi Jean-Claude Juncker presidente eurogruppo

Draghi: la situazione peggiorata


Ridimensionare i rating. Le Borse snobbano la bocciatura di S&P
DAL NOSTRO INVIATO

STRASBURGO Il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ha annunciato un ulteriore peggioramento dei rischi sistemici provocati dalla crisi economico-finanziaria nelleurozona. Intervenendo a Strasburgo davanti alla commissione economica dellEuroparla-

scorso, quando il suo predecessore Jean-Claude Trichet annunci che la crisi in corso aveva raggiunto dimensioni sistemiche. Da allora la situazione ulteriormente peggiorata ha detto Draghi . molto grave e non dobbiamo nascondercelo. Negli ultimi mesi del 2011, lincertezza sulla sostenibilit di certi debiti sovrani e sulla re-

AA+
mento, nel suo ruolo di presidente del comitato europeo di controllo dei rischi sistemici, ha definito la situazione molto grave e ha invitato i governi a passare dalle decisioni ai fatti, abbinando al rigore nella disciplina di bilancio anche il rilancio della crescita e delloccupazione. Rispondendo alleurodeputato Leonardo Domenici del Pd sulla decisione dellagenzia di rating Standard & Poors di togliere il livello massimo di affidabilit (tripla A) al Fondo salva Stati, ha fatto capire in modo implicito lutilit di aumentare limporto di questo strumento di stabilizzazione affidato alla sua Bce. Il numero uno dellEurotower partito dallottobre

Il livello del rating del Fondo salva Stati (Efsf) dopo il taglio deciso ieri da Standard & Poors

cisioni, se non diventano azioni, non sono sufficienti. Dagli eurodeputati sono arrivate critiche alla decisione della Bce di prestare circa 500 miliardi alle banche a tre anni a tasso bassissimo (1%) senza avere alcuna garanzia del trasferimento di questa liquidit alle imprese medio-piccole e alle famiglie. Ma Draghi, pur ammettendo la scarsit di credito e i problemi di ricapitalizzazione nel sistema bancario, ha invitato alla pazienza sostenendo che lintervento della sua istituzione sta funzionando. Ha poi richiamato lattenzione su-

Caballero-Giavazzi su Bloomberg

Lunica chance? Leuro agganci la parit con il dollaro e si salver


(a.jac.) La parit con il dollaro potrebbe essere lultima possibilit per la sopravvivenza delleuro. Questa la tesi di Ricardo Caballero e Francesco Giavazzi che in un articolo a quattro mani su Bloomberg suggeriscono come la svalutazione della moneta unica potrebbe essere la sua unica speranza rimasta se sostenuta da un rapido e coerente sostegno politico. Per lItalia secondo i due autori potrebbe diventare poi

lunica strada percorribile poich il consolidamento fiscale auspicato dallestate scorsa non avrebbe successo se il Paese entrasse in una profonda recessione. Mentre una svalutazione del 15% delleuro (vicino quindi alla parit con il biglietto verde) darebbe una grossa spinta alle nostre esportazioni in grado di compensare il rallentamento della domanda interna. Per i due economisti si tratta ora di convincere i mercati. Perch se i mercati capiscono che il fallimento del consolidamento fiscale di Roma significa la fine delleuro, non altrettanto chiaro che capiscano che una valuta debole possa portare al successo di quel consolidamento e alla salvezza della moneta unica. Sono i leader europei secondo gli autori che devono incoraggiare il deprezzamento delleuro. Invece di cercare di prevenirlo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il presidente della Bce a Strasburgo


Il presidente della Banca centrale europea Mario Draghi ieri nellaudizione allEuroparlamento ha lanciato lallarme sul peggioramento della crisi sistemica europea

gli squilibri nella liquidit e nelle esposizioni in dollari nel sistema bancario. Sul declassamento dellaffidabilit del Fondo salva Stati ha indicato tre conseguenze, facendo intuire la sua propensione per la terza: Diminuire i prestiti, vedere salire il costo, versare contributi addizionali. Il presidente della Bce ha replicato alle domande critiche sul potere delle agenzie di rating ritenendo necessario aumentare la concorrenza in questo settore e che bisogna imparare a farne a meno o a considerarle uno dei tanti componenti delle valutazioni del credito. Ha indicato come esempio proprio il comportamento della Bce con le garanzie collaterali per la concessione dei prestiti. Non ha risposto alla domanda sulleliminazione dellobbligatoriet dei rating, che una delle restrizioni anti agenzie in elaborazione nellEuroparlamento in un clima di irritazione per i recenti declassamenti, accusati di voler colpire leuro e favorire la speculazione anglo-Usa. Anche Il vicepresidente della Commissione europea, il finlandese Olli Rehn, ha apertamente accusato le agenzie di rating di non essere indipendenti e di svolgere il loro ruolo molto in linea con il capitalismo finanziario Usa. Le Borse europee non sembrano comunque aver tenuto conto delle ultime valutazioni negative sullaffidabilit della Francia e del Fondo salva Stati. Milano salita dell1,40%, Francoforte ha segnato un +1,25% e Parigi +0,89%.

Ivo Caizzi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Primo Piano 13
#

Approfondimenti
Pu essere che Mario Draghi sappia qualcosa che noi non sappiamo quando parla di situazione molto grave. Ma anche con quel molto che tutti sanno, non ci sono dubbi: leuro arrivato al bivio fatidico e orribile. O lo si lascia andare, con conseguente catastrofe economica globale, o lo si salva (si fa per dire) svuotandolo dallinterno. In ogni caso, il sogno di una valuta comune europea di peso mondiale, capace di competere con il dollaro, sta per finire nel cassetto per chiss quanti anni. Alla fine della crisi finanziaria, quando ci si arriver, il dollaro sar ancora la valuta dominante, di gran lunga: a contenderle il primato, prima o poi, ci sar forse una moneta asiatica, ma non leuro. Il presidente della Banca centrale europea ieri parlava ai politici, al Parlamento europeo, dopo che Standard & Poors aveva declassato il Fondo salva Stati europeo e il presidente Nicolas

Il monito alla politica


la Bce. Perch la paura che tutto finisca fuori controllo cresce e i continui declassamenti uniti alla paralisi politica la alimentano. In questo modo, per, la Banca centrale corre due pericoli. Da una parte aumenta in misura significativa il proprio bilancio e corre il rischio di dovere registrare enormi perdite: ipotesi devastante. Dallaltro, rischia di indebolire sempre pi la struttura interna delleuro: se arriver a dovere creare grandi quantit di moneta pena il grande crash , far delleuro una moneta ad alto contenuto dinflazione, intrinsecamente condannata a essere debole e guardata con sospetto dagli investitori. La fine di un progetto. vero che anche in America si stampa moneta, ma il dollaro la valuta di riserva e gli investitori per ora continuano a comprarla, non fosse altro perch non ci sono alternative, a maggiore ragione se leuro finir inflazionato. Questo non un complotto americano e di Standard & Poors: lesito, cio la fine dei sogni di gloria degli europei, per quello che avrebbe sperato il cospiratore.

ULTIMA CHIAMATA DELLA BCE SUL FONDO SALVA STATI


Le conseguenze se i governi non lo sosterranno
Sarkozy aveva rinviato lincontro a tre con Angela Merkel e Mario Monti. Dava insomma un ulteriore messaggio ai governi immobili: nelle ultime settimane la situazione peggiorata, invece di migliorare. Soprattutto, nel fondo Efsf lo strumento al quale i governi delleurozona si sono affidati per alzare un muro contro le vendite di titoli pubblici dellarea euro si aperta una crepa evidente, ora che ha perso la tripla A. Altre potrebbero aprirsi. In parallelo, la crisi greca a un passo dal finire del tutto fuori controllo: i politici europei, in gran numero, danno Atene ormai per persa alla moneta unica. Non lontano, il Portogallo sta tornando al centro dellattenzione, visto da molti come vittima successiva a quella greca. Non si pu ancora dire che la politica abbia iniziato a sventolare bandiera bianca ma ci siamo vicini: il senso di impotenza si respira. Draghi rischia ora di trovarsi davvero nella condizione di unico baluardo contro il crollo della moneta unica. Negli ultimi giorni, la Bce ha aumentato lacquisto di titoli di Stato dei Paesi in crisi e se le tensioni sui mercati cresceranno dovr farlo in misura ancora pi consistente. In molti Paesi sta diventando concreto lo scenario peggiore: lunico compratore di titoli pubblici a lunga scadenza

440
Miliardi di euro la capacit di prestito del fondo Efsf. I Paesi membri dellarea euro hanno preso impegni a sostenere il Fondo fino a 780 miliardi di euro

La cancelliera
La cancelliera Angela Merkel. A febbraio il vertice con Mario Monti e Nicolas Sarkozy

Danilo Taino
twitter@danilotaino
RIPRODUZIONE RISERVATA

La bocciatura dellItalia di S&P Sar pi costoso ricorrere al mercato obbligazionario

E LE AZIENDE PAGANO IL CONTO


Limpatto del declassamento a BBB+ sui prestiti delle societ
Dopo aver declassato i titoli del debito della Repubblica italiana, Standard & Poors far altrettanto con le obbligazioni delle maggiori imprese italiane finanziarie e non, pubbliche e private? la domanda che si fanno in queste ore banchieri, assicuratori e industriali che negli anni scorsi hanno collocato sui mercati finanziari obbligazioni per centinaia di milioni di euro, 88 dei quali per le sole banche scadono nel 2012. S&P analizza cento emittenti, di cui 21 del settore pubblico, 38 banche, 11 assicurazioni, 10 pubblici servizi e infrastrutture, 20 industrie. Di tutte queste emittenti, 21, quasi tutte nel settore industriale, non hanno linvestment grade, ovvero la sufficienza minima, e 40 vengono a trovarsi, al momento, in una posizione migliore di quella del Tesoro. Che per molti sar arduo conservare. Il debito del Tesoro italiano, senza distinzione di durata, stato declassato da A a BBB+. Nella scala del rating, che ha al vertice deccellenza la tripla A, lItalia stata fatta scendere di colpo dal sesto allottavo gradino. Altri due gradini e si troverebbe al livello BB+, da dove iniziano i titoli spazzatura che gli anglosassoni chiamano junk bond. Ieri le tensioni sui tassi dinteresse non sono state enormi, perch lanalisi di S&P arriva dopo che i mercati avevano gi espresso i loro articolati giudizi sullItalia, con i tassi in deciso ribasso sul breve termine, sempre consistenti sulle scadenze pi lunghe. Ma nei prossimi giorni potrebbero venire sorprese, che rimetterebbero ancor pi in discussione la funzione del rating e la sua influenza sulla determinazione del costo del capitale, da cui largamente dipende la convenienza degli investimenti. Se il rating delle societ migliori, che stanno un notch, ovvero un gradino sotto quello del Tesoro, subisse lo stesso declassamento, le ritroveremmo a un passo dal baratro dei junk bond dal quale, per esempio, non riesce a togliersi la Fiat. Per le altre, con debiti pi pesanti, sarebbe peggio. Nel caso di un riallineamento generale, le conseguenze sarebbero due: a) aumenterebbe per tutti il costo del capitale, b) per quanti hanno come condizione dei finanziamenti gi presi il mantenimento dellinvestment grade, si profilerebbe il venir meno di una garanzia contrattuale, con la necessit di rinegoziare il debito. Sulla base dellesperienza, lopinione pi diffusa che possano subire un declassamento le societ che oggi hanno il rating pi alto, la singola A, come Atlantia, Eni, Enel e Terna, o la doppia A come alcune compagnie assicurative a partire da Generali, mentre sarebbe pi facile la tenuta di quelle con il rating inferiore, come Telecom Italia e Finmeccanica, che viaggiano sulla tripla B. Se cos fosse, le grandi imprese potrebbero dover scontare soltanto maggiori oneri al rinnovo delle obbligazioni in scadenza. Ma tali sono state le sbandate delle agenzie che, sulla carta, tutto possibile. consuetudine delle agenzie, infatti, non attribuire ai soggetti di diritto privato un rating pari o superiore a quello dello

Taglio Rischia un taglio chi ha rating A come Atlantia, Eni, Enel e Terna

Stato di appartenenza. Si tratta di un criterio deciso da questi enti senza alcun coinvolgimento n dei governi n delle autorit monetarie e nemmeno degli emittenti privati, che ne richiedono e ne pagano il servizio a differenza di molti Stati che, come lItalia, non chiedono nulla. Ma un criterio accettabile a scatola chiusa? La risposta : no, non sempre accettabile. comprensibile che i gruppi multinazionali, per esempio le Generali, non dipendano tanto dalla valutazione del merito di credito della madrepatria quando dalla somma ponderata dei diversi rischi specifici, Paese per Paese. Ma anche per societ a forte radice nazionale la storia dei tassi dinteresse smentisce lesistenza di una correlazione obbligata tra rischio sovrano e rischio pri-

vato. Negli anni dei tassi alle stelle, i certificati di deposito di Mediobanca pagavano un interesse non di rado inferiore a quello dei titoli di Stato. Oggi i credit default swaps, come si chiamano i contratti di assicurazione contro il rischio dinsolvenza di un emittente, costano per i Btp pi o meno quello che costano per le obbligazioni Intesa Sanpaolo. Di pi, la recessione incide in modo diverso sulle imprese. Lautomobile non uguale alle telecomunicazioni, lelettricit non la stessa cosa della grande distribuzione, credito e autostrade presentano rischi differenti. E lo Stato non sempre pesa allo stesso modo. Per esempio, Terna e National Grid fanno lo stesso mestiere: gestiscono reti elettriche a tariffa. Litaliana ha conti migliori, ma il rating di S&P analogo. E domani potrebbe diventare peggiore a causa del declassamento della Repubblica. Ha senso? Ogni soggetto privato merita attenzione specifica. Tanto pi quando esistono societ, come Campari e Luxottica, che sono perfettamente in grado di piazzare le loro obbligazioni senza avalli dagenzia ma solo grazie alla propria reputazione. La necessit del rating, daltra parte, assai pi legata alle esigenze dellindustria finanziaria di gonfiare le proprie bolle speculative, con la finanza derivata e strutturata, che non alle emissioni dirette delle imprese. Le quali in Europa, con la garanzia primaria delle singole banche, si sono sempre fatte e in modo assai pi trasparente di quando, con gli anni Novanta, lindustria del giudizio esterno ha liberato le banche dal dovere di mettere in gioco la propria reputazione nel collocare presso il pubblico il debito dei propri grandi clienti.

Massimo Mucchetti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

14 Primo Piano
#

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

La crisi LEuropa

Dallincontro a Roma emersa unapertura di credito molto chiara allazione del governo Giulio Terzi, ministro degli Esteri

Pi crescita e competitivit Le proposte italiane allUe


Ma Sarkozy fa saltare il vertice a tre con la Merkel
Le tappe
ROMA LItalia si appresta portare sul tavolo del Consiglio europeo di fine mese delle proposte sulla crescita e la competitivit del mercato unico. Ne ha discusso ieri mattina Mario Monti con il presidente del Consiglio, Herman Van Rompuy, che subito dopo stato ricevuto anche dal presidente della Repubblica. Domani Monti sar a Londra per discutere anche di questo con il premier britannico David Cameron: C la necessit di ridurre il pi possibile vrebbe avere uno sbocco concreto, nero su bianco, nel prossimo vertice straordinario della Ue. Ovviamente al premier non ha fatto piacere il rinvio del vertice del 20, a Roma, con il presidente francese e la Cancelliera, saltato per ragioni francesi di natura interna, ma lo stesso incontro sar sostituito da un teleconferenza che si terr prima delleurosummit e poi riprogrammato entro febbraio. Al termine dellincontro, Van Rompuy ha definito quelpositivit dellazione in corso del governo italiano e si addita linsufficienza della governance delleurozona. Ci siamo quindi concentrati su che cosa la governance delleurozona pu fare per migliorare questa situazione. A Palazzo Chigi ovviamente sono abbottonati, ma sembra che esista gi traccia scritta del contributo che lItalia intende dare al prossimo Consiglio europeo: Monti ha gi detto di non vedere lora che finisca il dibattito sul cosiddetto fiscal compact, il patto di bilancio che i Paesi della Ue stanno stringendo per reagire alla crisi delleuro, unansia legata proprio alla convinzione che sia lora che il Vecchio continente ricominci a parlare in modo concreto anche di crescita. Unesigenza questa che ieri ha esternato anche Giorgio Napolitano. Dal politico belga, nellincontro del Colle, si ascoltata unanalisi sulla Germania che le istituzioni italiane in questo momento condividono: per esempio il fatto che ha solo vantaggi dagli alti differenziali sugli spread con gli altri titoli pubblici europei; il Bund diventato un bene rifugio, come ai tempi del marco, ma a differenza di allora Berlino non ha problemi di competitivit. In unintervista al Financial Times ieri Monti ha anche chiesto alla Germania e altri Paesi creditori di fare di pi per aiutare Roma ad abbassare i costi di finanziamento sul merca-

A Roma
Il presidente del Consiglio italiano Mario Monti ha incontrato ieri il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy a Palazzo Chigi. Subito dopo, Van Rompuy stato ricevuto anche dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. A fine mese lItalia porter al Consiglio europeo delle proposte sulla crescita e la competitivit del mercato unico (Milestone Media)

Cancellato Il trilaterale dei leader previsto in Italia


Ieri stato cancellato per ragioni politiche interne francesi il vertice tra Mario Monti, Nicolas Sarkozy e Angela Merkel previsto per venerd prossimo a Roma. ll primo trilaterale dei leader si era svolto a dicembre a Strasburgo

Gli incontri Con Cameron a Londra e Tusk a Roma


Domani il presidente del Consiglio sar a Londra per incontrare il premier britannico David Cameron (foto sotto) e discutere di crescita e competitivit del mercato unico. Gioved Monti accoglier a Roma il primo ministro della Polonia, Donald Tusk.

9 4
la divaricazione tra eurozona e Regno Unito, ha detto ieri il nostro premier, che il giorno dopo vedr a Roma il premier polacco Donald Tusk. Il lavoro e le idee del presidente del Consiglio si apprestano dunque a uscire dal recinto delle dichiarazioni per entrare in una fase pi operativa: gli incontri di questi giorni, le telefonate di ieri con Angela Merkel (nel corso del pranzo con i segretari dei partiti), e con Sarkozy, in serata, definiscono una tela diplomatica che do-

Paesi di eurolandia hanno subto venerd il taglio del rating di S&Ps

Paesi di eurolandia mantengono il rating massimo AAA

lo di Monti una lavoro straordinario e impressionante, lodando le misure gi varate in tema di correzione dei conti pubblici e ascoltando le rassicurazione del presidente del Consiglio sullimminenza, gi questa settimana, del decreto sulle liberalizzazioni. Da parte sua Monti non ha nascosto un giudizio tagliente sullo stato della gestione delle crisi: Come noto, anche nella decisione presa da Standard and Poors si sottolinea, con molta forza devo dire, la

Lavoro straordinario Van Rompuy ha definito quello di Monti un lavoro straordinario

to. Secondo Monti lItalia spinger Berlino a comprendere che nel suo proprio interesse illuminato conferire una parte maggiore del proprio peso fiscale per abbassare i costi di finanziamento dellItalia e

di altri governi indebitati. La moneta unica ha infatti portato ampi benefici, e forse alla Germania anche pi che ad altri.

Marco Galluzzo
RIPRODUZIONE RISERVATA

In difficolt In visita a Madrid, il leader francese non ha voluto rispondere ai giornalisti sul downgrading

Quella ferita aperta del declassamento che ha reso insostenibile lincontro


DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

Al tavolo Leurogruppo e lEcofin a Bruxelles


Il 23 e il 24 gennaio Monti sar a Bruxelles nella veste di ministro delle Finanze per partecipare ai lavori delleurogruppo e del consiglio Ecofin (ministri di Economie e Finanze): si far il punto sulla crisi e le misure necessarie a superarla

PARIGI In questi giorni parlare con Nicolas Sarkozy della tripla A perduta (sia pure quella attribuita da Standard & Poors e non dalle altre due agenzie) un esercizio difficile. Al presidente francese d cos tanto fastidio affrontare soprattutto in pubblico la questione del declassamento, che il vertice di Roma previsto per venerd 20 gennaio rimandato a febbraio su richiesta francese, precisano

ta retrocessa, e infatti ieri il tasso medio dei titoli francesi a un anno persino sceso, dallo 0,454% allo 0,406%; ma quanto allimmagine del presidente e del Paese, lo schiaffo di Standard & Poors insopportabile. Meglio non parlarne quindi, ma ieri Sarkozy si trovava in visita ufficiale (programmata da tempo) a Madrid, e si prestato alla conferenza stampa assieme al premier spagnolo Mariano Rajoy. Nelle stesse ore lagenzia Moodys ha annunciato che avrebbe rinvia-

to a febbraio la sua decisione sul rating francese, che quindi per il momento resta AAA; non una promozione n una conferma, ma solo qualche settimana di ossigeno in pi. In ogni caso, quando il giornalista della Reuters che segue abitualmente lEliseo ha invitato Sarkozy a parlare della AAA perduta, il presidente se l mangiato vivo, rifiutando per quattro volte di rispondergli. Pensa che la perdita della tripla A sia un fallimento e che il distacco nei confronti della

Germania ridurr linfluenza della Francia in Europa?. Sarkozy: Non ha visto le ultime notizie? Pu farmi unaltra domanda che tenga conto delle ultime informazioni?. La domanda sapere se lei considera la perdita della tripla A come un fallimento e se il distacco con la Germania.... Sarkozy: Insisto, lei non al corrente delle ultime informazioni. Dunque, se lei mi pone una domanda sulle ultime notizie, risponder. Se invece mi parla di quel che successo venerd scorso, era ap-

Mercati stabili Lasta dei titoli francesi ieri andata bene: il tasso a un anno persino sceso
fonti governative italiane, e non per problemi di agenda come si era in un primo tempo pensato. irrituale che un incontro tra capi di Stato sia annullato a ridosso della data prefissata, soprattutto visto che il summit Monti-Merkel-Sarkozy venne annunciato non pi tardi di 10 giorni fa, durante la visita del presidente del Consiglio italiano allEliseo. Ma da quando scattato il temuto declassamento, Sarkozy evita il pi possibile di commentarlo perch il mediocre voto AA+ rappresenta una grave sconfitta politica, a neanche tre mesi dalle elezioni. La questione non tanto di sostanza: i mercati gi da tempo si comportavano come se la Francia fosse sta- A Madrid Il presidente francese Nicolas Sarkozy con il re spagnolo Juan Carlos (Afp)

5,5%
Il deficit di Parigi secondo le ultime stime sul 2011: meglio della precedente previsione del 5,7%. Il dato stato anticipato dal ministro delle Finanze Franois Baron

Il patto Il vertice straordinario dellUnione


Il 30 gennaio si terr il vertice straordinario dei leader Ue. Lobiettivo trovare un accordo politico sul patto di bilancio e individuare nuove iniziative per rilanciare la crescita. Il ministro degli Esteri Giulio Terzi ha detto che in seguito si terr ancora un trilaterale Monti-Merkel-Sarkozy

43
Miliardi: di tanto si ridotto il deficit francese nel novembre 2011 rispetto allo stesso periodo 2010, arrivando a 97,2 miliardi, rispetto ai precedenti 140 miliardi

34%
La popolarit di Nicolas Sarkozy: dopo la riduzione del rating della Francia da parte di S&Ps il suo gradimento sceso ancora di 2 punti

punto venerd.... Daccordo, allora, Moodys, che ne pensa?. Sarkozy: No, formuli una domanda, Moodys non vuole dire granch. Dopo Standard & Poors, Moodys fa pendere una spada di Damocle sulla politica economica francese?. Sarkozy: Non capisco questa domanda. Se c qualcuno che mi vuole porre un interrogativo comprensibile risponder volentieri, non capisco la sua domanda. A questo punto intervenuta una collega spagnola per chiedere, con parole diverse, la stessa cosa: Volevo parlarle del declassamento del debito sovrano di alcuni Paesi, come Francia e Spagna. Sarkozy allora ha ceduto rispondendo che in Francia e, suppongo, in Spagna, non sono le agenzie di rating a definire le politiche economiche. Venerd, unagenzia ha fatto perdere la tripla A; luned, unaltra agenzia (Moodys, ndr) conferma che la Francia conserva la sua tripla A, quindi fanno due agenzie su tre (anche Fitch, del francese Marc Ladreit de Lacharrire, non ha degradato la Francia, ndr). Bisogna reagire con sangue freddo e distacco. Quanto al fondo delle cose, la mia convinzione che non cambia niente. Venerd, a Roma, la AAA tedesca avrebbe inevitabilmente brillato sulla fresca AA+ francese, sancendo la ormai ufficiale differenza di status allinterno dellasse franco-tedesco. Visto il nervosismo di queste ore, meglio lasciare passare qualche settimana, privilegiare il sistema della teleconferenza che non implica domande dei media, e anteporre al vertice ristretto Italia-Francia-Germania la riunione di tutta lUnione Europea a fine mese a Bruxelles dove questa forse la speranza dellEliseo si parler anche daltro.

Stefano Montefiori
Twitter @Stef_Montefiori
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Primo Piano 15
#

Il governo Il premier

Monti, dai leader mozione di sostegno sulla sfida europea


Il premier: clima collaborativo
La Nota
di Massimo Franco
ROMA Lo chef di Palazzo Chigi ha scelto un men tradizionale e ipocalorico, dosando con parsimonia i carboidrati del risotto e le proteine della carne. E Monti, per mettere a proprio agio gli ospiti, ha assegnato scherzosamente i posti sulla base delle antiche collocazioni ideologiche: Casini al centro, Bersani a sinistra, Alfano a destra e, sullaltro lato del tavolo, il premier e il ministro Moavero. Quasi tre ore durato il vertice con i leader dei partiti che sostengono il governo e, quando il pranzo finito, Monti li ha accompagnati fino al parcheggio, segno che non rimasto deluso. Salvo ripensamenti, la mozione comune a sostegno della missione europea si far. Da qui la soddisfazione del premier, il quale potr presentarsi allEurogruppo del 23 gennaio con in mano la prova visibile che il Parlamento con lui. Ma al capo del governo il via libera di Pdl, Pd e Terzo polo ancora non basta: a rischio di restare deluso spera che il consenso sul documento possa essere ancora pi largo, fino a rompere le resistenze di Di Pietro e lopposizione di Bossi. Alla mozione sta lavorando il ministro per gli Affari europei, Enzo Moavero Milanesi, la cui intelligenza di mediatore ha molto im-

Vitamine politiche per la credibilit allestero

Il Pdl, gli impegni e le liberalizzazioni


Alfano daccordo sulle liberalizzazioni ma spinge perch si inizi da grandi reti, autostrade e sistema bancario. Monti ha ribadito che manterr gli impegni presi in Europa da Berlusconi

Il Pd e lEuropa: unazione comune


Clima positivo: il vertice andato bene, confermano fonti del Pd. Bersani e gli altri leader puntano a sottoscrivere una mozione comune sullUe per garantire largo sostegno al governo

LUdc, i potentati e gli incontri


L Udc chiede di liberalizzare a 360 gradi, intaccando i privilegi dei potentati. Casini soddisfatto per il summit a tre di ieri: Ogni volta che sar opportuno siamo pronti a vederci

e due novit di ieri vanno analizzate con cautela. Ma a caldo sembrano congiurare per un rafforzamento di Mario Monti: in parte al di l della strategia del presidente del Consiglio. La prima la disdetta improvvisa del vertice a tre Italia-Germania-Francia che era in programma a Roma per il 20 gennaio. La seconda lannuncio di una mozione che dovrebbe essere approvata in Parlamento almeno da Pdl, Pd e Udc sullEuropa: una prospettiva che cambierebbe il profilo del governo. Quanto al rinvio del vertice trilaterale, non un caso che ad annunciarlo sia stato il presidente francese Nicolas Sarkozy. Fra i tre protagonisti lui, infatti, che oggi appare in maggiore difficolt. Avere annullato tutto, peraltro allimprovviso, mostra un governo di Parigi costretto a riplasmare le sue strategie. La motivazione ufficiale non regge. Sarkozy ha infatti giustificato lannullamento sostenendo che si era gi visto a tu per tu con Monti e il cancelliere tedesco, Angela Merkel; e che era inutile incontrarsi di nuovo adesso. Ma la ragione vera sembrerebbe il clamore seguito al declassamento della Francia da parte delle agenzie internazionali di rating: per quanto cominci ad essere contestato in Europa. E il sospetto che questo possa portare Sarkozy ad annacquare il suo europeismo per contrastare la sindrome Le Pen: la concorrenza a destra del partito di Marine Le Pen. Il risultato che non c pi il cosiddetto direttorio franco-tedesco alla testa dellUe. C, semmai, la coppia Timori per lo Merkel-Monti costretta ad aspettare un eventuale camscarto di bio di politica da parte di Sarkozy: rischio Sarkozy. E un premier che chiede aiuto ai partiti per essedi una deriva re pi credibile agli occhi delanti europea la Germania. Limpegno stato raggiunto ieri con i leader Angelino Alfano, Pier Luigi Bersani e Pier Ferdinando Casini dopo tre ore di incontro, interrotto per venti minuti per una telefonata della Merkel. Monti potr presentarsi sulla scena europea con maggiore spessore politico. Quella che Bersani chiama una posizione nazionale unitaria arricchisce i cromosomi tecnici di palazzo Chigi con vitamine partitiche, in questo caso pi che gradite. Per Monti, la sfida non si gioca pi solo sul profilo di competenza che gi possiede, spiega il presidente del Senato, Renato Schifani. Riguarda anche la sua credibilit politica a livello europeo. E linvestitura, come minimo dai tre partiti che lo sostengono in Parlamento, gli darebbe ulteriore autorevolezza in una trattativa tuttora difficile: per quanto anche il presidente del Consiglio Ue, Herman Van Rompuy, ieri a Roma abbia gi riconosciuto il grande lavoro dellItalia. La mozione dovrebbe essere discussa dalle Camere a partire dal 25 gennaio. Il governo, spiega Casini, si deve presentare al vertice del 30 a Bruxelles con un supporto forte. La spinta vistosa. Tanto che Alfano, capo del Pdl, puntualizza: Questa non una maggioranza politica, perch non viene fuori dalle elezioni. Ma siccome tifiamo per lItalia, siano pronti a sederci con Pd e Udc. Si tratta di una precisazione obbligata, mentre la Lega prepara unoffensiva contro il governo Monti. Daltronde, lo stesso Bersani spera che il ministro per gli affari europei, Enzo Moavero, prepari un testo inclusivo. Ma lIdv annuncia che voter contro. Resta da capire quanto sia costoso smarcarsi in una fase in cui in atto una sorta di guerra finanziaria, avverte il commissario europeo Olli Rehn, perch le agenzie di rating obbediscono alla grande finanza Usa che le controlla. La crisi sistemica evocata ieri dal presidente della Bce, Mario Draghi, dovrebbe suggerire maggior senso di responsabilit.

pressionato Casini. Niente foto di gruppo e nessun commento ufficiale, per da Palazzo Chigi filtra il giudizio molto positivo per latmosfera costruttiva della proficua colazione di lavoro, dalla quale il premier uscito fiducioso sul futuro. Dire che nata una cabina di regia tra esecutivo e partiti sarebbe troppo, ma di certo il coordinamento sperimentato ieri per sostenere, ha spiegato Bersani, una piattaforma italiana e una piattaforma europea torner a materializzarsi. E la soddisfazione di Monti dovuta al fatto che tutto avvenuto alla luce del sole. Ogni volta che sar opportuno spinge

per un patto a tre Casini siamo disponibili a vederci. Ai leader il premier ha chiesto, insomma, di metterci la faccia, di blindare il governo e di lavorare di concerto in vista dei provvedimenti per la crescita. Al momento del caff, Monti ha spronato a mettere in cantiere le riforme dellarchitettura istituzionale. Ma la pietanza forte sta-

I posti A Casini stato riservato il posto centrale, con Bersani a sinistra e Alfano a destra

ta lEuropa, dopo il declassamento e alla vigilia dellincontro con Cameron. Il premier, che Bersani ha trovato forte e sereno, si detto orgoglioso per il ruolo centrale riconquistato dal nostro Paese. Per non ha nascosto la preoccupazione riguardo al trattato fiscal compact e alla linea rigorista della Germania, da cui si aspettava un cambio di passo che ancora non si vede. LItalia, il ragionamento, non pu continuare a donare sangue senza avere nulla in cambio: lEuropa deve darsi nuove regole di governance e rafforzare il fondo salva Stati. E poich i vertici internazionali dei

prossimi giorni avranno una valenza cruciale, Monti ha chiesto ai leader tutto il loro appoggio per rafforzare il governo agli occhi dei mercati. Il suo modello la Spagna, dove lesecutivo Rajoy solido anche grazie alla collaborazione dei socialisti di Zapatero. Per tranquillizzare il Pdl, Monti ha ribadito che manterr gli impegni assunti da Berlusconi con la Ue. E da Bersani ha preso il suggerimento di sponsorizzare i risultati del governo presso le rispettive famiglie europee: un lavoro di persuasione che il segretario ha gi avviato con i progressisti.

Monica Guerzoni
RIPRODUZIONE RISERVATA

Dietro le quinte La mossa del capo udc per lanciare i vertici dei segretari

Casini: noi maggioranza vera Ma Bersani e Alfano lo frenano


ROMA Aveva provato a forzare, Pier Ferdinando Casini: Ogni volta che sar opportuno, siamo disponibili a vederci. Questo non un evento. la normalit piena. Una maggioranza non pu che essere politica. E questa lo . Parole che il leader dellUdc ripete da tempo, avendo dallinizio invocato vertici di maggioranza, ben prima che quello di ieri si apparecchiasse a Palazzo Chigi, davanti a un risotto e un secondo di carne. E per, com naturale, parlare di maggioranza politica per Pd e Pdl non indolore. Tuttaltro, come ha capito a sera lo stesso Casini rifugiandosi nellironia: Non si pu chiamare "maggioranza politica"? Chiamiamola "Andrea"!. S perch Pier Luigi Bersani, che pure ieri sera pareva piuttosto soddisfatto dellesito dellincontro, tanto da dirsi subito disponibile a mettere da parte la mozione del Pd sullEuropa per scriverne una unitaria come lui stesso da giorni auspicava, ha dovuto immediatamente scontare lalzata di scudi dellIdv: Prendiamo atto, per bocca di uno dei protagonisti dellincontro, che oggi nata una maggioranza politica, checch ne dica il finto ingenuo Bersani. Maggioranza di cui non facciamo parte, n vogliamo far parte, il commento di Di Pietro. Scontata la presa di distanza, come solitaria sar la posizione della Lega. Proprio per questo se Bersani il primo a precipitarsi a dire che con il vertice di oggi non nasce assolutamente una nuova maggioranza , Angelino Alfano il secondo a farlo, con toni ancora pi preoccupati: Questa non una maggioranza politica, perch la maggioranza politica quella che viene fuori dal consenso elettorale dei cittadini e quando si entra nel merito dei provvedimenti, subito tra Pdl e Pd, tra me e Bersani, vengono fuori le differenze. Ma i margini di manovra oggi sono talmente stretti, lemergenza, il peso di una crisi che peggiora sono talmente pressanti che Fabrizio Cicchitto a far capire soprattutto a chi nel suo partito storce il naso perch non ci si pu chiamare fuori: Purtroppo Draghi conferma una valutazione di fondo sulla gravit della situazione, valutazione che stiamo facendo da tempo, contraddetti da una incoscienza trasversale per cui in molti ambienti si reputa che la dialettica politica possa prescindere dalla gravit della situazione. Ma il solo fatto che Alfano sia costretto a frenare perfino sulleventualit che la mozione pretesa da Monti e sostanzialmente accordata dai tre leader durante il vertice possa essere comune (Vedremo, per noi ci lavorer Frattini) fa capire quale difficolt incontri il Pdl in questo passaggio. In verit, sulla mozione improbabile che non si arrivi a un accordo, nonostante gi in queste ore dalluna e dallaltra parte si mettano paletti (il Pdl vuole che sia esplicitata la continuit del governo con quello di Berlusconi, il Pd no). Ed improbabile non solo perch limmagine del vertice a tre ormai passata comunque, e

A sinistra

Finanziamenti, lUnit contro Il Fatto


MILANO LUnit contro il Fatto. Domenica, nelleditoriale di prima pagina, Marco Travaglio scrive delle dimissioni del sottosegretario Malinconico e del finanziamento pubblico alla carta stampata: Alcuni giornali imbottiti di soldi pubblici si sono adontati perch abbiamo fatto notare la coincidenza del loro silenzio su Malinconico che li aveva appena imbottiti di soldi pubblici: ma, se la coincidenza non la fa notare lunico giornale che rifiuta i finanziamenti pubblici, chi altri la far notare?. Ieri, la reazione dellUnit con un corsivo dal titolo Quando il direttore del Fatto firmava appelli per i fondi alleditoria: Il Fatto tornato ad attaccare, con i consueti toni inquisitori, i giornali che usufruiscono del finanziamento pubblico. Tra gli smemorati colleghi del Fatto ce ne sono molti che fino a poco fa si battevano in difesa dei giornali "imbottiti di soldi pubblici" e altri che ci lavoravano tranquillamente senza porsi alcun problema di coscienza. Subito sotto, il giornale ripubblica lappello in difesa del finanziamento pubblico firmato nel 2006, tra gli altri, anche da Antonio Padellaro: oggi alla guida del Fatto, allora direttore di unUnit che aveva tra i suoi collaboratori anche Travaglio. RIPRODUZIONE RISERVATA

RIPRODUZIONE RISERVATA

dunque tanto vale cercare di ottenere risultati, ma anche perch vero che sullidea di unEuropa che torni comunitaria e non sotto la frusta della Merkel le opinioni di Bersani come di Berlusconi e Alfano convergono davvero. Quello che invece lungi dal venire unintesa a tutto campo su riforme e legge elettorale, nonostante nel vertice se ne sia parlato e come annuncia Casini e predica Bersani un incontro a tre andr tenuto sul tema. Di pi: lintesa a tre potrebbe ripetersi gi oggi, quando dovrebbe essere presentata una risoluzione unitaria di Pdl, Pd e Terzo Polo sulla relazione annuale del ministro Severino sullo stato della Giustizia. E per il futuro dei summit a quattro non scontato, ma dipende dallesito dei prossimi passaggi. Il nostro problema confessa un big del Pdl che per senso di responsabilit dobbiamo certamente sederci al tavolo, ma il peso di uno squilibrio che potrebbe presto realizzarsi lo sentiamo tutto. Il riferimento alle prossime riforme del governo, che in casa Pdl guardano con sospetto perch il lamento se sul mercato del lavoro si tratter e ci si affider a disegni di legge, sulle liberalizzazioni, che colpiscono mondi a noi vicini, si va per decreto e con estrema durezza. E se ci saranno figli e figliastri, in un quadro di drammatica difficolt per il Paese, con lalleanza con la Lega sempre pi a rischio, il Pdl sar sottoposto a una pressione fortissima. Che c chi vorrebbe allentare con laddio al governo Monti, soprattutto se i suoi sforzi, come sembra, non porteranno a nessun risultato. Ma ieri Alfano ha rassicurato il premier: Le parole di Berlusconi sono state equivocate: anche lui vuole che si vada avanti fino alla fine della legislatura.

Paola Di Caro
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

16 Primo Piano
#

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

La crescita Le riforme

Atteggiamento propositivo da parte della quasi totalit degli ordini professionali Paola Severino ministro della Giustizia
Riad

Avvocati, benzinai e tassisti Il giorno della grande protesta


Severino agli ordini: nessuna abolizione. Schifani: puntare a settori strategici
ROMA Benzinai (divisi) pronti a 7 giorni di serrata, tassisti sul piede di guerra con un fermo delle auto bianche gi previsto per il 23, ferrovieri in sciopero per 24 ore dalla sera del 26, farmacisti e professionisti in attesa che il governo prenda le decisioni definitive sulla vendita libera dei medicinali di fascia C e sulla conferma dellabolizione delle tariffe minime. una vigilia davvero tesa quella del Consiglio dei ministri che venerd varer con un decreto legge il pacchetto liberalizzazioni capace di incidere positivamente su milioni di cittadini ma altamente indigesto per le categorie interessate. Ieri sera, comunque, si chiuso in un clima pi sereno lincontro tra il ministro della Giustizia, Paola Severino, e i rappresentanti di 20 ordini professionali (notai, avvocati, giornalisti, architetti, etc): Ho ribadito ha detto il Guardasigilli che non allesame alcun provvedimento di abolizione degli ordini n degli esami di Stato.... ma verr chiarito che la negoziazione dei compensi libera, essendo gi stata a suo tempo prevista labrogazione delle tariffe. Annunciato anche lampliamento della pianta organica dei notai. Soddisfatti

La proposta dei tassisti


L'unica liberalizzazione di cui vogliono sentire parlare i tassisti quella degli orari, come previsto dal governo anche per i commercianti. E chiedono che si applichi una licenza, un'auto, un turno.

Benzinai, 7 giorni di stop


I benzinai aderenti a Figisc e Anisa hanno annunciato 7 giorni di sciopero contro le liberalizzazioni. Le modalit e le date precise saranno decise nei prossimi giorni.

Gli avvocati dal ministro


Gli avvocati, con i rappresentanti di altri 19 ordini professionali, hanno incontrato il Guardasigilli Paola Severino. Nella foto, lesame di Stato per labilitazione alla professione forense

Claudio Siciliotti (commercialisti) ed Enzo Jacopino (giornalisti) mentre Guido Alpa (Consiglio nazionale forense) ha annunciato che gli avvocati promuoveranno proteste in occasione dellinaugurazione dellanno giudiziario. Restano ancora tre giorni

per limare il decreto e ieri si levata la voce del presidente del Senato, Renato Schifani, che ha attaccato le rendite di posizione e la difesa degli interessi corporativi. Tuttavia, Schifani ha indicato un percorso per non penalizzare piccole imprese e singoli lavoratori au-

Il decreto Atteso per venerd il decreto legge che definir le liberalizzazioni

tonomi: Quella delle liberalizzazioni una riforma alla quale occorre accostarsi con un approccio complessivo, possibilmente partendo dalle liberalizzazioni strategiche nei grandi settori dei servizi pubblici dallenergia agli ambiti economici di maggiore rilevanza

per poi includere quelle pi settoriali. Sar una settimana di disagi. Due sigle dei benzinai, la Figisc e lAnisa Confcommercio, hanno minacciato 7 giorni di sciopero soprattutto contro la norma che autorizza gli impianti a funzionare 24 ore su 24 solo nella modalit self service. Ma la Faib Confesercenti e la Fegica Cisl giudicano questa serrata annunciata una iniziativa precipitosa e intempestiva: La stragrande maggioranza dei gestori guarda infatti con interesse e ripone grandi speranze nella liberalizzazione del settore. Il Codacons ha poi avvertito: in caso di sciopero, scatterebbero immediatamente le denunce sia alla procura della Repubblica che alla commissione di garanzia per lattuazione della legge sullo sciopero. I tassisti, i cui rappresentanti saranno ascoltati oggi dal governo, continuano la mobilitazione contro la liberalizzazione delle licenze. Ma ieri al presidio del Circo Massimo mancava la sigla molto rappresentativa dellUritaxi di Loreno Bittarelli che comunque non far sconti al governo: Se si insister con la liberalizzazione dei taxi ci sar di pi di uno sciopero. A Torino, infine, i tassisti hanno gi fatto alcune proposte alternative: taxi collettivi, sconti per i ragazzi che tornano dalle discoteche, tariffa fissa allinterno della ztl.

Petrolio stabile a 100 dollari


MILANO Pronti a stabilizzare il prezzo del petrolio. LArabia Saudita, primo produttore di greggio dellOpec e secondo a livello mondiale, intende stabilizzare i prezzi del petrolio a un livello di 100 dollari al barile. Per la prima volta il regno mediorientale fissa un obiettivo a tre cifre, superiore del 25% rispetto ai 75 dollari suggeriti nel 2008 da Re Abdullah. A dare questo segnale-chiave stato il ministro del Petrolio saudita, Ali Naimi, che in unintervista alla rete televisiva Cnn ha anche ribadito che il suo Paese pu rapidamente compensare le esportazioni di greggio dallIran in caso di sanzioni occidentali contro il programma nucleare della Repubblica islamica (attualmente produciamo tra i 9,4 e i 9,8 milioni di barili al giorno, ma abbiamo una capacit di produzione di 12,5 barili al giorno). Il potente ministro saudita ha anche spiegato che possiamo stabilizzare il prezzo del petrolio e mantenere il barile a un livello attorno ai 100 dollari.

Gabriele Dossena
RIPRODUZIONE RISERVATA

Dino Martirano
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Primo Piano 17
#

Approfondimenti
Gas, poste, ferrovie, banche, assicurazioni. E titoli di Stato. Il governo rafforza il pacchetto di liberalizzazioni che arriver venerd con un decreto legge con nuove misure sulle reti e sui grandi monopoli, ma si appresta ad aprire alla concorrenza anche il mercato dei titoli di Stato. Il Tesoro, molto presto, annuncer infatti lemissione di un nuovo titolo pubblico, probabilmente triennale, riservato ai piccoli risparmiatori e acquistabile "online", saltando a piedi pari lintermediazione e le commissioni bancarie. Lincontro con i partiti di maggioranza e

Che cosa cambia

LIBERALIZZATE ANCHE LE ASTE DEI BTP


Il Tesoro prepara lacquisto diretto (online) di nuovi titoli triennali
lintervento del presidente del Senato, Renato Schifani, hanno in parte modificato lagenda di lavoro dellesecutivo ed i contenuti del decreto. Dove spuntano misure pi incisive e strutturali sui settori che hanno maggior impatto, anche sulleconomia delle famiglie come appunto il gas, le ferrovie e il servizio postale. E si torna a parlare delle separazioni proprietarie tra Eni e Snam, tra Trenitalia e rete ferroviaria e della divisione del BancoPosta dalle Poste. Anche se nel pacchetto resteranno anche le misure di liberalizzazione pi settoriali come quelle che riguardano taxi, farmacie, notai, profes-

Reti Si torna a parlare delle separazioni proprietarie tra Eni e Snam, tra Trenitalia e rete ferroviaria e della divisione del BancoPosta dalle Poste

sioni. Dopo i Tremonti Bond riservati alle banche, intanto, arrivano i Monti Bond per le famiglie, e per aiutare la "giapponesizzazione" del debito pubblico italiano. Il modello seguito dal Tesoro quello del Sol Levante, il cui debito per il 90% in mano alle famiglie giapponesi, e di fatto al riparo delle oscillazioni del mercato. Lobiettivo quello di rendere i nostri Btp meno sensibili al famigerato spread, piazzandoli nelle mani delle famiglie italiane. Anche come alternativa ai prodotti e alle gestioni finanziarie che, negli ultimi anni, non assicurano

rendimenti. Cos, gi dalle prossime settimane, via XX settembre inizier a piazzare direttamente presso il pubblico, con il meccanismo del collocamento a rubinetto, un nuovo titolo di Stato, quasi sicuramente a tre anni, indicizzato allinflazione e con una cedola semestrale che include linteresse e la rivalutazione del capitale. Senza aste di sorta, e quindi con una minor esposizione al mercato. I nuovi Monti Bond piazzati in questo modo sarebbero sottratti alle emissioni di Bot e Btp riservate agli specialisti bancari.

Mario Sensini

RIPRODUZIONE RISERVATA

Treni e regioni, Snam Rete gas premio mercato separata dellEni


Grandi manovre sulla rete in vista anche per le ferrovie. Il decreto sulle liberalizzazioni potrebbe non limitarsi ad interventi di apertura del mercato, ma spingersi fino ad imporre, come nel caso del gas, la separazione netta della rete (che potrebbe essere trasferita in propriet al Tesoro) dal servizio. Lapertura alla concorrenza sarebbe assicurata dalle direttive della nuova Autorit sui trasporti, che il governo potrebbe investire anche della ridefinizione del servizio universale, cio di quei servizi pubblici essenziali e resi possibili, anche se non remunerativi, dai sussidi pubblici. Secondo il governo comunque necessario distinguere meglio cosa fa Trenitalia in termini di servizio pubblico dalle sue attivit di mercato. Ed opportuno aprire anche il mercato del trasporto ferroviario regionale, "premiando" le Regioni che scelgono altri operatori cui affidare i servizi senza rinnovare la convenzione di sei anni con Trenitalia.

Il BancoPosta diventa una banca


Anche le Poste ed il suo network di sportelli finiscono nel mirino delle liberalizzazioni. Nel decreto che sar approvato venerd potrebbe esserci anche lobbligo di separare il BancoPosta dalle Poste e trasformarlo in un istituto di credito a tutti gli effetti, dotato di licenza bancaria e sottoposto alla vigilanza. Ma potrebbe non essere lintervento pi "pesante" a carico del colosso pubblico, un tempo guidato dallattuale regista del piano di liberalizzazioni del governo, Corrado Passera. Potrebbe essere ridefinito, e messo allasta, il servizio universale postale che oggi comprende servizi, come la consegna dei grandi quantitativi di corrispondenza, come quella periodica inviata dalle banche ai correntisti. In prospettiva c anche la riduzione della concessione alle Poste per il servizio universale, che oggi di 15 anni. E in discussione c pure lesenzione dellIva su alcuni servizi garantiti dalle Poste e non dagli operatori concorrenti (come le raccomandate).

Il governo adesso punta alla separazione societaria della Snam Rete Gas, proprietaria della rete di trasporto e dei depositi di stoccaggio, dalla controllante Eni. Il distacco dellinfrastruttura dalle attivit gi svolte in concorrenza dal cane a sei zampe non era prevista nelle bozze originarie del decreto legge sulle liberalizzazioni. Ma la spinta dei partiti ad affrontare il capitolo della concorrenza partendo dai grandi monopoli, e dunque dai settori che hanno maggior impatto sulla spesa di imprese e famiglie ha fatto rompere gli indugi allesecutivo. Gi ieri sera la separazione Eni-Snam stata al centro di una riunione tra i tecnici dellesecutivo. Il distacco non sar comunque immediato: lobiettivo comunque quello di disegnare nel decreto un percorso che porti alla separazione proprietaria della rete di trasporto del gas. Loperazione potr avvenire materialmente nel momento in cui sar assicurato allEni un adeguato valore di cessione dal nuovo proprietario. Indiziato numero uno la Cassa Depositi e Prestiti, che gi controlla Terna, la societ che gestisce la rete di trasporto dellenergia elettrica a suo tempo "staccata" dallEnel. Secondo lesecutivo la separazione della rete dal servizio faciliterebbe la concorrenza a valle, nella distribuzione finale e nella commercializzazione del gas. Ma nel decreto ci sarebbero interventi anche per favorire la costruzione di nuove infrastrutture di importazione. Qui la liberalizzazione del mercato solo sulla carta, visto che dal 2000 a oggi i concorrenti dellEni hanno costruito solo un nuovo impianto. E potrebbero esserci misure per imporre al monopolista della rete di mettere a disposizione dei distributori finali tutte le informazioni sulla clientela.

21 09 7 2,2
tuali come quelli dell'ingegneria, con il rischio di consegnare a centri di interessi, ben definiti, il compito di salvaguardare compiti importanti, come la sicurezza dei cittadini. Compiti che, invece, la stessa Costituzione affida ai professionisti. Non la logica del profitto l'obiettivo principale delle professioni intellettuali. Tra le proposte che la categoria avanza al Governo per rilanciare il Paese vi sono proprio gli interventi

Banche, stretta sulle commissioni


in arrivo una rivoluzione per le commissioni praticate dalle banche sui servizi di pagamento, come bancomat e carte di credito. Le banche e la loro associazione saranno, intanto, estromesse dalle discussioni sulle caratteristiche (e i costi) dei nuovi conti correnti di base introdotti con la limitazione alluso del contante. A stabilirle non sar pi una convenzione tra gli istituti di credito, ma un decreto del Tesoro. E sar la Banca dItalia a stabilire dove sar possibile applicare le commissioni, anche nei rapporti tra le banche ed i commercianti, sempre a proposito dei mezzi di pagamento. A favore della trasparenza e del contenimento dei costi per la clientela, nel decreto, arriva anche il divieto, per le banche, di associare a contratti di mutuo o di prestito personale, delle polizze assicurative. La banca, come sottolineano da tempo sia lIsvap che lAntitrust, non potr pi essere intermediario per il collocamento di un prodotto che, alla fine, va proprio a suo vantaggio.

Il rinvio del vertice trilaterale Italia-Francia-Germania del 20 gennaio si tradurr probabilmente in uno slittamento da gioved a venerd 21 del Consiglio dei ministri che varer il decreto legge sulle liberalizzazioni.

Impietosi i numeri del ministero dellEconomia su alcuni settori oggetto della deregulation per il 2009: i tassisti hanno un reddito medio annuo di impresa di 14.200 euro, gli esercenti degli stabilimenti balneari 13.600, i baristi 15.800, gli orafi 12.300.

Sono sette i giorni di chiusura contro i provvedimenti di liberalizzazione minacciati dalla Figisc, la federazione che riunisce i benzinai della rete ordinaria, e lAnisa che associa i gestori delle aree di servizio autostradali

Sar pi facile aprire unimpresa


Grandi reti, servizi pubblici, ma anche misure settoriali specifiche. Nel decreto sulle liberalizzazioni cresce lenfasi sui grandi interventi strutturali, ma il governo non ha nessuna intenzione di mollare la presa anche sui settori pi di nicchia finiti nel mirino dellAntitrust. Nel decreto, dunque, ci saranno i previsti interventi di apertura alla concorrenza del mercato dei taxi, laumento del numero delle farmacie e dei notai, la cancellazione delle tariffe stabilite dagli ordini professionali. Da quando sono diventati argomento comune di dibattito il governo ha percepito il forte sostegno dellopinione pubblica alla misure prospettate e non intende far scemare lenfasi. Dunque non ci saranno rinvii: insieme a taxi, farmacie, ordini, arriveranno la liberalizzazione dei saldi nel commercio e della rete di distribuzione dei carburanti, lobbligo del preventivo per i professionisti, le gare per le concessioni del Demanio marittimo, la semplificazione delle procedure burocratiche per lapertura di nuove imprese.

Non chiaro per ora leffetto delle liberalizzazioni nel campo delle farmacie: sarebbe infatti ben piccola la fetta di mercato dei farmaci di fascia C che potrebbe passare nelle parafarmacie per effetto del dl Salva-Italia: solo il 2,2% del fatturato.

Lintervento

INGEGNERI PER LA RIFORMA, MA NO AGLI ESPROPRI


Continua il dibattito sul ruolo delle professioni dopo il commento di Dario Di Vico pubblicato l8 gennaio sul Corriere della Sera: Categorie e professioni, il momento delle proposte. Oggi interviene il presidente degli Ingegneri, Armando Zambrano. Nei giorni scorsi hanno partecipato Claudio Siciliotti (Commercialisti, il 10 gennaio); Marina Calderone (Consulenti del lavoro, il 13 gennaio); Guido Alpa (Avvocati, il 14 gennaio); Leopoldo Freyrie (Architetti, il 15 gennaio) Un invito a dare il nostro contributo per l'ammodernamento del Paese, rivoltoci da Dario Di Vico, che accogliamo con estremo piacere. Crediamo che gli ingegneri siano una forza sociale capace di progettare il futuro. Trasformare la scienza in tecnologia utile alla societ la nostra missione. Ancora di pi, in un momento difficile come quello attuale, dal punto di vista economico, il nostro compito sar utilizzare la nostra intelligenza per coniugare le virt del risparmio, del riciclo e del riuso di materiali con le nuove realizzazioni. Per cultura, tradizione e convinzione siamo da sempre aperti alle innovazioni. La riforma delle professioni, attesa da decenni, rappresenta in questo senso una grande occasione. Ci impone, infatti, di ridisegnare un nuovo quadro di sviluppo della nostra societ, pi attento alle esigenze di tutela ambientale e miglioramento della qualit della vita. Avanti tutta, dunque, con il riassetto degli ordinamenti professionali. Parola d'ordine: fare presto. Gli ingegneri non temono affatto la data del 13 agosto 2012, termine entro il quale tutte le categorie devono adeguarsi al D.L. n. 138. Anzi. Sono pronti con un pacchetto di proposte, in attuazione dei principi della riforma. Ad eccezione, per, delle societ professionali che, cos come concepite dal Governo Monti, che consente a soggetti terzi anche non professionisti di detenere anche quote di maggioranza delle imprese operanti nel settore dei servizi ingegneristici, sono assolutamente deleterie. Non si possono, infatti, appaltare agli industriali i servizi intelletin materia di salvaguardia dei cittadini, sia nell'ambito delle costruzioni (con la pianificazione di azioni di interventi di prevenzione sui fabbricati esistenti), sia in quello domestico, attraverso la promozione di attivit informative sull'infortunistica domestica. Altra priorit promuovere la diffusione di una cultura sempre pi ecosostenibile, volta al risparmio energetico e al miglioramento della qualit della vita. A questo si aggiungono la tutela e la prevenzione del territorio da dissesti idrogeologi e calamit naturali, grazie alla creazione di veri e propri presidi territoriali multidisciplinari, che intervengono anche in fase di emergenza. Siamo disponibili, in supplenza

La certificazione Possiamo certificare il rispetto di norme e regolamenti

di una pubblica amministrazione lenta e farraginosa nel rilascio dei pareri necessari per la realizzazione di opere pubbliche e private, a certificare il rispetto di norme e regolamenti. Stiamo lavorando, inoltre, in collaborazione con le altre categorie in particolare dell'area tecnica, che condividono la necessit di avviare un confronto costruttivo con il Governo, che vada oltre i pregiudizi ideologici che non ci appartengono e la tutela di privilegi ormai indifendibili, per completare e migliorare le proposte dell'esecutivo. La riforma delle professioni una opportunit. Per tutti. Non dobbiamo perderla.

Armando Zambrano
presidente del Consiglio nazionale degli ingegneri
Codice cliente:

Codice cliente:

18 Primo Piano
#

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Fisco Le dichiarazioni

Gli studi di settore

Sono 3,5 milioni i contribuenti interessati dagli studi di settore messi a punto dal Fisco come parametro di riferimento per le imposte degli autonomi

Tassisti e orefici guadagnano meno degli operai


Classifica dei redditi: dai 281 mila euro di un notaio ai 2.500 euro di un pescatore
MILANO Che cosa hanno in comune panettieri, psicologi, ristoratori, agenti immobiliari, giornalai, baristi, pasticcieri, orologiai, gioiellieri, tassisti, parrucchieri e venditori di barche? Due cose: la prima, sono lavoratori autonomi; la seconda, dichiarano di guadagnare meno di un operaio. Lo certificano nientemeno che i dati del dipartimento delle Finanze del ministero dellEconomia: le rilevazioni dei redditi medi netti delle persone fisiche nel 2009, legati agli studi di settore. Sono statistiche sugli autonomi che, se raffrontate a quei 22 mila euro (lordi) che guadagna in media un operaio italiano, spesso sono pi bassi. Se non ben pi bassi. Estetisti e fruttivendoli Prendiamo lesempio degli autonomi negli istituti di bellezza, con 7.400 euro lanno: un terzo di un operaio e poco pi di un quarto della voce servizi di pulizia (27.600 euro). Viaggiano sotto i Cipputi dItalia anche i 16 mila euro dei baristi, i 14 mila euro dei fruttivendoli o dei tassisti e i 13.500 euro di orologiai e gioiellieri. Svettano invece incontrastati in cima alla classifica i notai, con quei 281 mila euro lanno che non temono di certo, per il futuro, il sorpasso dei farmacisti, medaglia dargento con 108 mila euro. Seguono i medici (68 mila euro), attori e registi (61.300 euro), commercialisti e consulenti del lavoro (49.400), avvocati (quasi 47 mila euro), dentisti (quasi 46 mila) e tabaccai (43 mila euro). La recessione Nellannus horribilis 2009 quello della grande recessione, con il Pil gi del 5%, che ha poi fatto da anticamera alla crisi del debito pubblico loperaio medio ha quindi pagato pi tasse di tanti commercianti e professionisti. Dietro i dati medi si nascondono naturalmente tante realt, dagli studi consolidati ai professionisti alle prime armi (e difficolt); dai piccoli negozi in crisi agli alimentari di lusso; dagli evasori a chi le tasse le ha sempre pagate. E i colori arcobaleno di questa variopinta classifica risaltano anche nella maxi differenza tra i guadagni del vertice e del fondo-classifica. Se i notai aprono la lista con 281 mila euro, infatti, a chiuderla sono gli autonomi di discoteche (4.500 euro) e centri per il benessere fisico (2.900 euro), e i pescatori (2.500 euro). Nella parte pi bassa della classifica anche chi vende al dettaglio oggetti darte, corniciai e pelliccerie. Tutti (in media) rigorosamente sotto quota 10 mila euro. In generale, il numero complessivo dei contribuenti interessati dagli studi di settore (3,5 milioni) diminuito dello 0,7%, i ricavi del 5,2% e i redditi dichiarati dell8,7% rispetto al 2008. Le imprese Segno meno anche quando si passa alle aziende, sempre sulla

La classifica degli autonomi


I guadagni (redditi medi netti) legati alle attivit degli studi di settore (anno di imposta 2009) in migliaia di euro; persone fisiche

LA TOP TEN
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Studi notarili Farmacie Studi medici Attori e registi Servizi contabili e consulenze del lavoro Studi legali Studi odontoiatrici Tabaccai Consulenze finanziarie Analisi cliniche

migliaia di euro 280,9 107,7 67,7 61,3 49,4 46,7 45,8 43,3 43,1 41,2 migliaia di euro 40,8 27,3 23,6 20,6 20,5 19,3 17,9 17,1 15,8 15,1 14,9 14,2 14,1 13,5 13,3 13,3 13,3 12,3 12,1 11,4 11,1 10,9 9,5 7,6 7,4 7,3 4,5 2,5
CORRIERE DELLA SERA

base dei dati forniti dal dipartimento delle Finanze. Il 37% delle imprese, infatti, ha chiuso il 2009 con un bilancio in perdita e il numero dei fallimenti salito del 62%. Inoltre, il numero di aziende che hanno presentato la dichiarazione Irap sceso del 3,3%. C poi un forte squilibrio tra Nord e Sud nelle dichiarazioni Ires delle aziende; secondo le dichiarazioni sul 2009 - ha sottolineato il dipartimento delle Finanze del ministero dellEconomia - il reddito dimpresa si conferma fortemente concentrato nelle regioni del Centro e del Nord: nel Sud e nelle Isole viene dichiarato solo l8,5% del reddito dimpresa totale. Gli accertamenti Dal ministero sono arrivati poi i dati sulle entrate fiscali (per competenza): nei primi undici mesi

ALTRI ESEMPI
Ingegneri Architetti Ottici Panetterie Psicologi Servizi di ristorazione Agenti immobiliari Giornalai Bar, gelaterie e pasticcerie Concessionarie auto Negozi di alimentari Tassisti Fruttivendoli Orologiai e gioielleri Vendite di barche Servizi di ristorazione commerciale Esercizi alberghieri, affittacamere e case per vacanze Pescherie Librerie Agenzie di viaggio e turismo Stabilimenti balneari Parrucchieri Pelliccerie Tintorie e lavanderie Istituti di bellezza Commercio al dettaglio di abbigliamento, calzature, pelletterie ed accessori Discoteche, sale da ballo, night club e simili Esercizio della pesca e attivit connesse
Fonte: dipartimento delle Finanze del ministero dell'Economia

In media i farmacisti guadagnano 108 mila euro, i medici invece 68 mila euro I baristi dichiarano 16 mila euro, negli istituti di bellezza la media 7.4oo

Fallimenti, pi 62% Il 37% delle imprese ha chiuso il 2009 con un bilancio in perdita e il numero dei fallimenti salito del 62%
del 2011 sono saliti a 364 miliardi, in aumento dello 0,4% sullo stesso periodo del 2010. Tra le voci in crescita ci sono le entrate tributarie relative ai giochi (+10,6%) e il gettito degli accertamenti (+858 milioni, +18,3%). Il confronto con lestero Tra i documenti pubblicati ieri dal Tesoro c anche un confronto internazionale: lItalia il Paese con la crescita del gettito pi debole tra i principali Stati europei. Secondo il Bollettino delle entrate tributarie internazionali, infatti, tra i sette Paesi presi a confronto spicca la Germania, che ha visto nei primi 11 mesi del 2011 un aumento delle entrate dell8,5%; seguono lIrlanda (+7,9%), il Portogallo (+5,7%), il Regno Unito (+5,5%), la Francia (+3,2%), la Spagna (+0,5%) e, ultima, lItalia (+0,4%).

Giovanni Stringa
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il gigante dellalluminio Il capo delle attivit europee: lo stabilimento si pu salvare

E la crisi investe lex gioiello di Alcoa Modello Termini a Portovesme


MILANO Lo stabilimento si pu salvare. Ma bisogna fare presto: ogni giorno perso sono risorse sprecate. Per Alessandro Profili, direttore degli Affari europei di Alcoa, possibile trovare una soluzione in grado di scongiurare la chiusura dellimpianto di alluminio di Portovesme e assicurare un futuro ai quasi mille dipendenti coinvolti, tra diretti e indotto. S, ma in che modo? Il modello, secondo Profili, potrebbe essere quello della Trimet di Amburgo, dove grazie al deciso intervento dei pubblici amministratori del land tedesco e al coinvolgimento di imprenditori privati, la fonderia, la cui sorte alla fine del 2006 sembrava segnata, stata riattivata. Toccherebbe dunque al governatore Ugo Cappellacci fare la prima mossa. Un po come in Sicilia. Anche in quel caso la regione guidata da Raffaele Lombardo ha promosso una soluzione per Termini Imerese, lo stabilimento abbandonato dalla Fiat e ora avviato a una nuova gestione. Di certo c che lAlcoa, leader mondiale nella produzione di alluminio (61mila dipendenti in 31 Paesi), ha deciso di lasciare lItalia, dopo aver chiuso una propria fonderia in Tennessee e due linee produttive nello stabilimento di Rockdale in Texas, oltre a preannunciare il ridimensionamento degli impianti spagnoli di La Corua e Aviles. Effetto del tracollo dei prezzi dellalluminio scesi del 27% solo nellultimo trimestre - precisa Profili - e delle incerte previsioni per questanno, che non incoraggiano uninversione di rotta in tempi rapidi. Ma a pesare sulla decisione per Portovesme hanno contribuito anche altri fattori. Come lelevato costo dellenergia e la posizione geografica sfavorevole, che appesantisce le spese della logistica, dallapprovvigionamento della materia prima al trasporto del prodotto finito. Per quanto riguarda lenergia, appena il caso di ricordare che nel 2010, sempre sotto la minaccia di chiusura dello stabilimento sardo da parte della multinazionale americana, il governo intervenne con una legge speciale, non a caso soprannominata legge-Alcoa, per garanti-

I tagli
Novembre 2009, il governatore Ugo Cappellacci dagli operai che protestano contro la cig. Sotto, la protesta dei lavoratori di Portovesme

501
dipendenti diretti dellAlcoa che hanno ricevuto la lettera di messa in mobilit da parte della multinazionale

Lultimatum del gigante Usa

Il caso

La proposta

Gli incontri

Il colosso americano dellalluminio, Alcoa, ha deciso di chiudere la produzione in Italia a causa del crollo dei prezzi. A rischio lo stabilimento sardo di Portovesme: mille i lavoratori coinvolti, indotto compreso

Tra le idee in discussione per scongiurare la chiusura dellimpianto il possibile coinvolgimento degli enti locali insieme a imprenditori privati: la Trimet di Amburgo il modello da replicare

Domani pomeriggio, in seduta congiunta, si riuniranno, nel piazzale antistante lo stabilimento Alcoa, il Consiglio provinciale e tutti i Consigli comunali del Sulcis Iglesiente.

re forniture elettriche sussidiate e mantenere cos i posti di lavoro. Un intervento che ha assicurato il prezzo della bolletta a 30 euro a megawatt (oggi saliti a 36 euro, il 20% in pi rispetto allaccordo originale, si affretta a precisare Profili), la cui scadenza era stata fissata al dicembre 2012 (e con lUnione europea, che considerando lo sconto come sussidio, ne chiede ora il rimborso: si tratta di circa 300 milioni che Bruxelles intende recuperare, pari quasi al fatturato di un anno della fonderia). Per questa mattina gli operai di Portovesme si sono dati appuntamento fuori dai cancelli della fabbrica: lavoratori e sindacati daranno vita a un corteo, che potrebbe arrivare fino a Cagliari. Ieri pomeriggio, unassemblea-fiume che si svolta nella sala riunioni della fabbrica del polo industriale di Portoscuso, ha sancito la ripresa della mobilitazione: La situazione drammatica, ha commentato Franco Bardi, segretario Fiom Cgil del Sulcis Iglesiente. Il nostro obiettivo quello di mantenere lo stabilimento aperto: la produzione di alluminio deve continuare con o senza il colosso americano, ha detto Massimo Cara, della Rsu Cisl. Come, seppure da un approccio diverso, sostengono anche i vertici Alcoa.

Gabriele Dossena
gdossena@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Primo Piano 19

Approfondimenti

La macchina pubblica
riguarda incassi in nero per 200 mila euro, ma stata presentata anche una denuncia penale per truffa. Stesso reato stato contestato ad alcuni specialisti che utilizzavano Tac e risonanze magnetiche delle strutture pubbliche per i propri pazienti privati. I medici del lavoro e le ispezioni Truffa, falso e concussione sono gli illeciti addebitati ad alcuni dottori che lavoravano in una struttura ispettiva sulligiene e la sicurezza negli ambienti di lavoro e avevano accettato consulenze da quelle stesse aziende che dovevano tenere sotto controllo. Onorario concordato: mezzo milione di euro, oltre a docenze e corsi di formazioni pagati a parte. Al momento appare inspiegabile il comportamento del direttore

I CONTROLLI SULLE FRODI SEI MILIARDI DI EURO SOTTRATTI ALLERARIO


La Finanza e gli accertamenti sugli statali
ROMA In tre anni hanno provocato un buco nel bilancio dello Stato pari a 6 miliardi e 250 milioni di euro, quasi un terzo della manovra da 20 miliardi gi varata dal governo di Mario Monti per il 2012. Sono i dipendenti pubblici accusati di danno erariale, dopo essere finiti sotto inchiesta per reati che vanno dalla corruzione alla truffa, dallomissione in atti dufficio allabuso. Ma anche per semplici negligenze nello svolgimento delle proprie mansioni. Funzionari e impiegati che sfruttano il lavoro dei propri colleghi e nella maggior parte dei casi riescono ad arricchirsi. Complessivamente, 14.327 persone che tra il 2009 e il 2011 sono state segnalate dalla Guardia di Finanza alla Corte dei Conti e per molte di loro scattata anche la denuncia penale. Si tratta di una minoranza, ma capace di mandare in crisi il bilancio. Soltanto nellultimo anno sono state 883 le ispezioni effettuate dai finandipendenti con esperti ingaggiati allesterno e pagati con parcelle da capogiro. E proprio sullattivit di controllo nel settore della spesa pubblica che al pari dellevasione fiscale si concentrer lattenzione investigativa della Finanza anche nel 2012 come ha ribadito nella sua direttiva il comandante generale Nino Di Paolo, proprio alla luce dei risultati ottenuti. Le case vuote e i senzacontratto A Catania il direttore dellEnte Case Popolari aveva assegnato un negozio a suo figlio che non ne aveva diritto e non si preoccupato di allegare neanche la richiesta, tantomeno di riscuotere il canone. Del resto sono moltissimi gli alloggi che aveva concesso a parenti e amici e alla fine ha provocato un danno di 42 milioni di euro. Grave anche il buco causato da 21 tra amministratori comunali e responsabili di un altro Istituto case popolari che hanno consentito a numerosi inquilini di prendere possesso degli immobili, ma non hanno mai stipulato con loro un contratto di locazione e alla fine non hanno potuto pretendere neanche un euro. C anche il caso di un ente con 83 milioni di affitti non riscossi e l per cercare, inutilmente, di recuperarli stata autorizzata una consulenza legale che ha provocato un ulteriore esborso di tre milioni di euro. Altri problemi sono stati riscontrati dai finanzieri al momento di censire gli appartamenti lasciati vuoti. In un caso si scoperto che cerano 50 alloggi popolari pronti da anni e mai utilizzati: il mancato introito verificato stato di due milioni di euro, da sommare alle spese di ristrutturazione per renderli nuovamente abitabili dopo anni di abbandono. Numerose indagini sono state avviate pure sulla cartolarizzazione degli stabili perch al momento della cessione stato determinato un prezzo molto inferiore al valore di mercato. Fatti i conti, lammanco complessivo per il 2010 e il 2011 stato di 170 milioni di euro con 70 persone denunciate alla Corte dei Conti e 34 alla magistratura ordinaria. Il record del primario e le Tac private I casi pi frequenti di danno sono quelli dei medici che lavorano per il Servizio sanitario nazionale e senza autorizzazione svolgono anche attivit privata. Negli ultimi due anni, denunciano i finanzieri, le verifiche per le prestazioni mediche "intramoenia" hanno consentito di scoprire un danno pari a 172 milioni di euro e di deferire ai giudici contabili 190 dipendenti, mentre nei confronti di 71 scattata anche la denuncia penale. Il record di questanno spetta a un primario che ha svolto oltre 3.500 visite presso il proprio studio privato senza naturalmente dichiarare i relativi ricavi. Alcuni suoi colleghi di una Asl che percepivano le indennit di esclusiva, uscivano per andare a visitare i pazienti, ma per giustificare le assenze presentavano falsi contratti per attestare che andavano a insegnare. Il sistema stato sfruttato in maniera costante in Calabria: i finanzieri hanno denunciato alla Corte dei Conti 115 medici e 25 impiegati della Asp di Catanzaro contestando loro un danno complessivo di 12 milioni di euro. Il meccanismo di illecito riguarda la Alpi, vale a dire lattivit libero professionale intramuraria. Chi laccetta pu svolgere lavori esterni soltanto in casi particolari e con il visto del dirigente. E invece si scoperto che nessuno effettuava i controlli e questo ha consentito al

La spesa sanitaria Il settore della spesa sanitaria rimane in cima alla lista degli sprechi e delle ruberie
sanitario di un ospedale che, come viene sottolineato nella relazione della Guardia di Finanza ha autorizzato personale sanitario dipendente allesercizio dellattivit libero professionale intramuraria ambulatoriale presso strutture private non accreditate, pur avendo a disposizione spazi realizzati ad hoc utilizzando un finanziamento pubblico di quasi 700 mila euro. I consulenti legali Il caso pi eclatante certamente quello di un Comune che nonostante potesse contare su un ufficio legale interno aveva affidato incarichi esterni per unattivit che, come hanno riscontrato le Fiamme Gialle, era seriale, superflua e svolta soltanto formalmente. Questo non ha comunque impedito un esborso di ben 21 milioni di euro. Nel dossier si evidenzia come quello dei lavori affidati a personale non dipendente sia ormai un vero e proprio sistema che consente agli alti funzionari di gratificare amici e parenti con un danno per il bilancio da centinaia di milioni di euro e soprattutto a discapito di quegli esperti interni che potrebbero svolgere perfettamente le stesse mansioni.

Fiamme Gialle Il generale di corpo darmata Nino Di Paolo, comandante generale della Guardia di Finanza dal giugno 2010

zieri, 4.148 le segnalazioni per una perdita quantificata in un miliardo e 841 milioni di euro. Il settore della spesa sanitaria rimane in cima alla lista degli sprechi e delle ruberie, ma molti altri sono i campi dove la cattiva gestione si mescola allillecito. Uno certamente quello delle case popolari, amministrate spesso con lobiettivo di favorire parenti, amici e potenti. E poi c il mercato delle consulenze, con amministrazioni locali che addirittura sostituiscono i

Case popolari agli amici A Catania il direttore dellEnte Case Popolari ha assegnato un negozio a suo figlio senza riscuotere il canone, e con alloggi concessi a parenti e amici ha creato un buco di 42 milioni

personale ora finito sotto inchiesta di lavorare fuori e di svolgere lattivit privata addirittura allinterno di una clinica che non aveva le autorizzazioni per alcune prestazioni che invece venivano effettuate. Altrettanto grave il caso di tre medici che dichiaravano sul foglio presenza di essere al lavoro, mentre facevano visite nei propri studi privati dallaltra parte della citt o addirittura in unaltra provincia. La segnalazione delle Fiamme Gialle ai giudici contabili

Fiorenza Sarzanini
fsarzanini@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il caso Nel 2002 lallora responsabile dellAgricoltura mise Mottironi, gi militante di Terza posizione, alla guida di una societ per la promozione dei prodotti italiani

Le strane consulenze dellex uomo di Alemanno


Condannato dalla Corte dei Conti. Tra le spese, il viaggio del ministro alle Olimpiadi di Atene
ROMA Cos scriveva nel 1993 in una lettera al Corriere Fabrizio Mottironi, gi militante della formazione dellultradestra Terza posizione, ricordando lingiusta e lunga detenzione da lui subita fra il 1980 e il 1985: Un errore giudiziario ha condizionato in passato pesantemente la mia esistenza. Ora ho il diritto di chiedere di essere giudicato per quello che sono. Diciotto anni pi tardi, ancora una volta non stato fortunato. A meno che in appello non venga riconosciuto un altro errore giudiziario, Mottironi dovr infatti pagare 100 mila euro al ministero dellAgricoltura per alcune singolari consulenze. E la Corte dei Conti, nel condannarlo per danno erariale, gli ha fatto pure lo sconto rispetto ai 273.106 euro che erano il costo di quei contratti. La vicenda che potrebbe costargli un bel salasso riguarda il periodo compreso fra il 2004 e il 2005, quando Mottironi era presidente di una societ che si chiama Buonitalia. Ma sarebbe pi esatto dire si chiamava. in liquidazione. Il ministro dellAgricoltura Giancarlo Galan ne annunci la chiusura nel 2010, senza rimpianti: Risparmieremo un milione e mezzo lanno!. E chiss che non fosse una stima per difetto. A giudicare, almeno, da certi episodi finiti sui giornali. Come la sponsorizzazione di un numero della rivista Il Welfare dItalia distribuito in mezzo milione di copie che ospitava, causalmente a ridosso delle elezioni regionali, una torrenziale intervista del ministro dellAgricoltura leghista Luca Zaia, candidato governatore del Veneto. Una marchetta da 450 mila euro, mentre Zaia assicurava: Cado dalle nuvole. Buonitalia era stata creata a fine 2002 per spalancare ai nostri prodotti le porte dei mercati mondiali dal ministro dellepoca Gianni Alemanno. Che laveva affidata a Mottironi. Certamente non immaginando che il suo fedelissimo sarebbe stato un giorno inguaiato da un esposto con la firma del futuro amministratore delegato. La sentenza della Corte dei Conti racconta che passando al setaccio le carte di alcuni progetti finanziati dalla societ (cose come Sviluppo delle relazioni internazionali o Made in Italy vincente) sono saltati fuori undici contratti di consulenza piuttosto curiosi. Intanto per i beneficiari: persone gi nello staff di Alemanno e che percepivano in questo modo, dice la Corte, distinti compensi per svolgere attivit che presentavano profili analoghi. Fra di loro perfino due futuri deputati come Barbara Saltamartini (Pdl) e Aldo Di Biagio (Fli, fondatore con Mottiro-

La scheda

La societ di promozione affidata allex di Terza posizione

Gli undici contratti nel mirino della magistratura contabile

La societ Buonitalia stata creata nel 2002 dallallora ministro dellAgricoltura Gianni Alemanno per promuovere prodotti italiani allestero. Alemanno ne aveva affidato la presidenza a Fabrizio Mottironi (a destra), ex della formazione di estrema destra Terza posizione

La Corte dei Conti ha ritenuto Mottironi colpevole di danno erariale, condannandolo a pagare al ministero dellAgricoltura 100 mila euro sui 273.106 spesi da Buonitalia per undici contratti di consulenza nel biennio 2004-2005

ni di Nuova Italia, fondazione politica di Alemanno). Ma anche Laura Mangianti, in seguito divenuta segretaria particolare del sindaco di Roma, nonch attualmente socia in affari di Barbara Saltamartini nella societ di comunicazione Inrete srl. E poi Cristiano Lancianese, uno degli animatori del Movimento Area destra. Niente, per, in confronto al contenuto di queste consulenze pagate da Buonitalia per internazionalizzare prosciutti e carciofi. Ecco alcuni passi del resoconto dellonorevole Barbara Saltamartini: Nei primi giorni di agosto il ministro si recato a Islamabad in occasione della spedizione K2 1954-2004. Abbiamo provveduto a organizzare il viaggio aereo e la sistemazione in hotel. Ci siamo occupati dellacquisto di omaggi istituzionali... Dal 24 al 26 agosto il ministro si recato ad Atene in occasione delle Olimpiadi. Per questa visita presso gli stand di Buonitalia e dellUnire abbiamo organizzato il viaggio del ministro, la sua sistemazione in hotel, gli spostamenti in minivan e la presenza alle gare olimpiche. Abbiamo predisposto una visita guidata in lingua italiana al Partenone.... Ma gi che sei ad Atene non vuoi dare almeno unocchiata al Partenone?

Sergio Rizzo
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

20 Primo Piano
#

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Politica ed economia I nodi

Dai dati dellIstat sullinflazione arriva una conferma di come le manovre approvate abbiano avuto un impatto depressivo Danilo Barbi, Cgil

Inflazione in un anno su del 3,3% Spesa, raddoppiano gli aumenti


Il carrello delle famiglie nel 2012 coster 585 euro in pi. Volano le bollette
ROMA Come se non bastasse ci sono anche le tensioni sul tasso di inflazione a complicare lo scenario delleconomia. I dati dellIstat hanno confermato che in dicembre i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,4% rispetto a novembre e del 3,3% rispetto ad un anno fa, a dicembre del 2011. Se guardiamo allindice armonizzato con gli altri Paesi della Ue lincremento tendenziale sale al 3,7% e se invece ci soffermiamo sui beni, servizi e prodotti acquistati o utilizzati con pi frequenza dalle famiglie italiane il rialzo arriva addirittura al 4,3%, un punto in pi del paniere complessivo, sui valori massimi dal 2008, quando cio scoppiata la crisi finanziaria internazionale. Infine per sapere

Istat Il presidente Enrico Giovannini: secondo i dati Istat a dicembre i prezzi al consumo sono aumentati dello 0,4%

di quanto i prezzi siano aumentati nella media del 2011, il tasso di riferimento il 2,8%, decisamente pi alto, quasi il doppio, dell1,5% registrato nel 2010. Per il carrello della spesa,

cio i prodotti abitualmente acquistati dalle famiglie alimentari, bevande, tabacchi, giornali, trasporti urbani, ristoranti, prodotti per la pulizia e la manutenzione della casa

la media dei rincari stata del 3,5%. Le cifre sono quindi varie, come lo sono gli indici. Ma due elementi restano in ogni caso fermi da qualunque visuale li si

osservi: laccelerazione progressiva dei rincari nel corso degli ultimi mesi e il ruolo trainante dei prodotti energetici, carburante innanzitutto e poi le tariffe elettriche e il gas. Tali au-

menti hanno contribuito a determinare quasi un terzo del tasso dinflazione medio annuo. Del resto solo per dicembre lIstat ha rilevato una crescita delle quotazioni del 15,8% per la benzina verde e del 24,3% per il gasolio. Ma non c dubbio che sullaumento dei prezzi in generale abbiano anche influito i provvedimenti previsti dalla manovra fiscale di settembre e, in particolare, laumento dellaliquota dellIva. Al di l dei carburanti si sono fatti sentire anche gli aumenti per caff (+16,7%) e per i biglietti aerei (+18,3% in un solo mese). Sono comunque i rincari del carrello della spesa a preoccupare le associazioni dei consumatori: secondo il Codacons questi rincari si sarebbero tradotti, cifra pi cifra meno, in una maggiore spesa di 585 euro per ogni nucleo. Ma le notizie negative non arrivano solo dallIstat. Secondo i dati del dipartimento delle Finanze, tratti dalle dichiarazione dei redditi delle societ per lanno dimposta 2009, la crisi sta colpendo duro nel mondo delle aziende, dove il 37% delle italiane denuncia un bilancio in rosso. In un anno le societ in perdita sono aumentate del 2% e sempre pi aziende risultano fallite o estinte: La crisi economica pu spiegare il forte incremento delle dichiarazioni presentate da societ in situazione di fallimento, aumentate del 61,7% o estinte, salite

del 52,08%, spiegano alle Finanze. Sorprendono meno le cifre sul debito e sulle entrate diffuse ieri da Bankitalia e dal ministero dellEconomia. Il debito pubblico italiano a novembre sceso a 1.905,012 miliardi

Il traino carburanti Nel mese di dicembre lIstat registra un +15,8% sulla benzina verde e un +24,3 per il gasolio
di euro, rispetto ai 1.909,1 di ottobre, ma non significativo visto che limportante il rapporto col Pil. Quanto alle entrate le cifre differiscono perch diverso il metodo di calcolo: secondo Bankitalia nei primi undici mesi del 2011 le entrate tributarie, che pure sono scese in novembre, si sono attestate a quota 330,592 miliardi di euro, in crescita dell1,1% rispetto al corrispondente periodo del 2010. Secondo il ministero, le entrate erariali hanno registrato tra gennaio e novembre un aumento dello 0,4%, dovuto soprattutto al gettito delle imposte indirette. Forte balzo poi delle entrate relative ai giochi, cresciute del 10,6% pari a 1,2 miliardi di euro in pi, grazie soprattutto ai proventi del lotto: +31,8%, pari a un incremento di 1,504 miliardi.

Stefania Tamburello
RIPRODUZIONE RISERVATA

Lavoro, segreteria unitaria dopo 3 anni

Nuovi ammortizzatori Intesa tra Cgil, Cisl e Uil


ROMA (r. ba.) S alla riforma del mercato, ma solo con nuovi ammortizzatori sociali che prevedano una indennit di disoccupazione per tutti e pagata da tutti. Oggi pomeriggio si terr la prima segreteria unitaria di Cgil-Cisl-Uil dopo tre anni per cercare di arrivare a mettere per iscritto laccordo raggiunto venerd scorso tra Camusso, Bonanni e Angeletti. Con questo documento unitario le tre sigle rilanciano linvito al governo ad aprire una fase di concertazione. Brucia ancora la dura riforma della previdenza con il passaggio al contributivo e il super scalone a 66 anni che il sindacato ha dovuto ingoiare col decreto salva Italia. Ora chiedono di ragionare su un perimetro che contempli la riforma del mercato del lavoro e degli ammortizzatori sociali, ma da inquadrare nel contesto pi ampio dello sviluppo e delloccupazione, dentro una riforma fiscale che operi con maggiore equit e con un preciso riferimento al capitolo previdenziale che i sindacati non considerano chiuso. Sul mercato del lavoro, allindomani delle proposte in 10 punti rilanciate dal Forum Pd, il documento unitario sar abilmente abbastanza lasco e non vincolante per lasciare spazio a possibili convergenze su apprendistato e precariato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Leader Cgil Susanna Camusso, 56 anni, segretario della Cgil dal 3 novembre 2010

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Primo Piano 21

Nessuno mette in dubbio Bossi, ma i suoi consiglieri s: la base chiede che accanto al leader ci sia chi legittimato dal basso Giacomo Stucchi, Lega

Il Carroccio Nel mirino il segretario lombardo Giorgetti

Scontro con Maroni E Bossi sbott: potrei dimettermi


Poi vede lex ministro: summit in via Bellerio
MILANO Mi dimetto. Umberto Bossi ha accusato il colpo. Dopo la fatwa, poi rientrata, contro Roberto Maroni, nella tarda mattinata di ieri, in via Bellerio, in molti riferiscono di aver sentito linaudito, il Capo che parla di passi indietro: Il partito non pi con me. Un umore crepuscolare che, va detto subito, non supera lora di pranzo. Nel pomeriggio il leader leghista ha gi cambiato attitudine e vede, tutti insieme, Giancarlo Giorgetti gi da lui definito il mediatore confusionale e i tre Roberti: Calderoli, Cota e soprattutto lui, Roberto Maroni. Anche qui, vero, il capo padano dice di essere rimasto colpito dalle reazioni della base agli ultimi eventi. Tutti i presenti gli confermano che nessuno ha mai messo in discussione il suo ruolo, che la fiducia in lui intatta. Ma anche che alcuni problemi non possono pi essere tenuti sottotraccia. La sostanza del discorso dei maroniani ben sintetizzata da uno dei dirigenti leghisti pi vicini allex ministro dellInterno, il bergamasco Giacomo Stucchi: Nessuno mette in dubbio Bossi, ma i suoi consiglieri s. Secondo il deputato, il problema non chi sta o chi non sta con Bossi, perch il partito Bossi. La base chiede che al fianco del leader ci sia chi legittimato dal basso. Di pi: Ruoli che vanno ricoperti da persone come Maroni, Calderoli, Cota, Giorgetti e non da chi se ne appropria e basta. La nostra gente non vede di buon occhio il Cerchio magico. Bossi recepisce, ma non promette nulla. Mostra, semmai, di volersi gettare tutto quanto die-

Carroccio Umberto Bossi con Roberto Maroni

tro le spalle senza troppo appro- no pronunciamenti analoghi alfondire. E propone che tutti i pre- meno dall80% delle segreterie. Ma laltro appuntamento che senti, lui escluso, vadano di fronte ai microfoni di Radio Padania sta alzando ladrenalina allinterper interpretare, una volta di no del Carroccio il Maroni pi, leterna ammuina della Lega day di domani sera a Varese. La manifestazione ieri mattina stagraniticamente unita. Ma cos non stato. Secondo ta spostata in una sala pi capienun amico di lunga data di Maro- te. Probabilmente Bossi non ci sani, che ieri mattina ha raggiunto r, e altrettanto probabilmente quota 320 inviti a manifestazioni Roberto Maroni terr un discorso molto netto pubbliche, ora lex sulla Lega degli ministro dellInteronesti, su casa nono vuole un segna- A Varese stra, sul nostro terle. Il sospetto, che i Domani sera a ritorio, come rifes o s t e n i t o r i d e l Varese il Maroni risce un deputato. clan di Gemonio Mentre lappunnon fanno nulla day: incerta la per allontanare, presenza del Senatur tamento degli appuntamenti per che la retromarcia domenica. A dispetdi Bossi sia stata semplicemente una mossa tatti- to della fragile tregua siglata tra i ca per evitare clamorose conte- leader del Carroccio, resta costazioni alla manifestazione di munque un appuntamento ad aldomenica prossima contro il go- to rischio. In cui difficile che i pi ardenti sostenitori dellex miverno ladro. La barra dei barbari sognato- nistro rinuncino a portare in ri, i sostenitori di Roberto Maro- piazza del Duomo il loro tifo. Dal ni, punta diritta ai congressi. Gi fronte opposto, la risposta netalcune circoscrizioni, a partire ta: Se andr cos, finisce a botda domenica scorsa, hanno ap- te. Marco Cremonesi provato mozioni in tal senso e in tutta la Lombardia ci si attendo RIPRODUZIONE RISERVATA

Politica e tv Il capogruppo pdl al Senato

Gasparri: il governo non pu entrare nelle vicende Rai Petruccioli sbaglia


ROMA Quando sento parlare di commissariamento della Rai da parte del governo mi viene da ridere. Chi lo fa dimostra di non conoscere il Codice civile, perch lazienda in pareggio di bilancio, e soprattutto di ignorare le tante sentenze della Corte costituzionale che vietano allesecutivo ingerenze dirette o indirette nella tv pubblica. Se la Corte costituzionale avesse una polizia, dovrebbe arrestarli.... Maurizio Gasparri, padre dellomonima legge che regola il nostro sistema radiotelevisivo, interviene (anche con ironia) nel dibattito sulla nuova governance che la tv di Stato dovr avere dopo la fine di marzo, quando scadr lattuale Consiglio di amministrazione presieduto da Paolo Garimberti. A partire dalle voci di un intervento governativo per cambiare i criteri di nomina: Fossi nel governo procederei con massima attenzione. Perch la Cassazione, dalla sentenza 225 del 1974 in poi, riporta il controllo della Rai al solo ambito parlamentare e, in seguito, soprattutto alla commissione di Vigilanza come espressione del pluralismo democratico. Claudio Petruccioli, ex presidente della Rai, contesta a Gasparri che nella legge che porta il suo nome il ministero dellEconomia ha voce in capitolo con la nomina di un consigliere, la designazione del presidente e lintesa sul direttore generale. Vorrei chiarire che nella mia prima formulazione, articolo 18 comma 7, prevedevo che il ministero dellEconomia designasse i consiglieri, fino a una possibile privatizzazione della Rai, ma con nomi indicati dai presidenti delle Camere. Nel 2002 per in sede parlaChi parla di mentare si arriv allattuale formulaziocommissaria- ne perch i presidenti del tempo, soprattutto Pier Ferdinando Casini, chiesero mento non di essere sollevati da quellonere. E conosce il quindi? Il Parlamento si mosse cos proprio per i tanti pronunciamenti della Codice civile Consulta. Lassunto di Petruccioli non funziona. Il ministero dellEconomia designa il proprio consigliere, ma un parere del 2008 e la sentenza 79 del 2009 hanno comunque ricondotto allalveo parlamentare la nomina negando al ministro il potere di revoca. Il presidente? C il potere di designazione ma c il vincolo del parere favorevole di due terzi della Vigilanza. E senza il voto del Consiglio, a sua volta votato dalla Vigilanza, non si pu nominare un direttore generale. Come si vede, con gli attuali criteri, tutto doverosamente riportato a una sede parlamentare. Esattamente come impone la Corte di cassazione in pi sedi. Ecco perch la mia legge non mai stata accusata di incostituzionalit. Mi sento quasi offeso.... Si parla anche di futura privatizzazione... Lattuale legge prevede che lazionista, attivando alcuni meccanismi, possa procedere alla cessione di parti dellazienda. un problema di strategia complessiva. Per lo strumento c.

Paolo Conti
RIPRODUZIONE RISERVATA

22

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

23

Esteri

In testa nelle primarie

32%

Consensi previsti per Romney nelle primarie di sabato in South Carolina

Casa Bianca 2012 Per la Cnn, se si votasse oggi lo sfidante repubblicano batterebbe Obama di un punto

New York

Per Romney ormai corsa solitaria Lascia anche il moderato Huntsman


E il Tea Party senza candidato finito ai margini del dibattito
DAL NOSTRO INVIATO

MYRTLE BEACH (South Carolina) A riassumere il rovello del movimento ci ha pensato domenica Mike George, una delle poche menti politiche del Tea Party: tempo di unirsi o di morire. Naturalmente, se decideste di suicidarvi, sarebbe affar vostro, ha detto in un tono freddo e privo di enfasi il fondatore di Strong America Now, che predica una riduzione del 25% di tutte le spese federali. La platea della South Carolina Convention non ha gradito. Molti hanno abbandonato la sala, altri hanno urlato parole di disapprovazione: I membri del Tea Party non consentono a nessuno di dir loro per chi votare, ha detto tra gli applausi la signora Ann Prince. Mancano quattro giorni alle primarie repubblicane nel Palmetto State, lo Stato del Sud che dal 1980 ha sempre predetto in anticipo la nomination conservatrice, incoronando il candidato che poi lavrebbe ottenuta. E sempre pi il voto di sabato si annuncia come la battaglia di Alamo del movimento ultraliberista, che appena due anni fa aveva di fatto preso in ostaggio il partito repubblicano, condizionandone le scelte e portando al successo molti candidati alternativi a quelli ufficiali. Lambizione di far deragliare il treno lanciatissimo di Mitt Romney appare velleitaria e pericolosa. Lex governatore del Massachusetts comodamente in testa ai sondaggi delle primarie repubblicane, e secondo una rilevazione della Cnn, se le elezioni presidenziali si tenessero oggi raccoglierebbe il 48% dei

consensi contro il 47% di Obama. Ieri Rommney ha incassato un nuovo bonus con luscita di scena di un altro avversario, il solo moderato in grado di togliergli voti al centro: dopo un onorevole terzo posto in New Hampshire, si ritirato dalla corsa lex governatore dello Utah, Jon Huntsman, anche lui mormone, che ha subito annunciato il suo appoggio per Romney.

Attesa Dal 1980 le primarie in South Carolina hanno predetto in anticipo la nomination repubblicana

Ma a giocare in favore di questultimo, che il Tea Party considera inaffidabile e privo di vere credenziali conservatrici, soprattutto la divisione interna e lincapacit del movimento di sostenere unito una scelta alternativa. Siamo cos lacerati e indipendenti che se e quando avremo finalmente un vero conservatore in pista, potrebbe essere troppo tardi, ci ha detto sconsolato Judson Phillips, fondatore di Tea Party Nation. Incertezza, confusione, agonia e frustrazione sono stati plasticamente in evidenza nei due

La sfida
In alto laddio dellex candidato repubblicano Jon Huntsman. Qui sopra un membro del movimento conservatore antitasse dei Tea Party (Afp, Ap)

giorni della Convention qui a Myrtle Beach. Gli striscioni con la scritta Newt 2012, squadernati dai sostenitori di Gingrich, fronteggiavano la piccola selva di cartelli rettangolari blu dei fan di Rick Santorum. Sono loro i due candidati che si contendono lanima del Tea Party, dopo che la prediletta della prima ora, Michele Bachmann, affondata nelle pianure dellIowa e il governatore del Texas, Rick Perry, ha fatto una campagna cos deludente da ritrovarsi nella condizione di chi combatte ma gi morto. Ieri Gingrich, Santorum e anche Ron Paul hanno arringato i militanti, Mitt Romney non era stato neppure invitato a conferma della sua totale estraneit. Ma nessuno di loro riuscito a far veramente breccia, oltre quelli che gi li appoggiavano. Cos il Tea Party, che doveva essere il king maker di questa nomination repubblicana, vede invece progressivamente scemare la propria influenza. Ma lassenza di un candidato accettabile dietro al quale far trincea non spiega tutto. Pesa anche la minore visibilit rispetto al 2010, in un anno dove gli spazi della cronaca sono stati riservati in primo luogo a Occupy Wall Street, fenomeno pi in sintonia con lo Zeitgeist della crisi e della crescente disuguaglianza economica. Al fondo, quello del Tea Party il dramma di un movimento che non sa o non pu rinunciare alla propria purezza ideologica, quando costretto a misurarsi con i compromessi della politica. Ma dal punto di vista repubblicano, anche se destinato a fallire, il disperato tentativo degli ultraliberisti di fermare Mitt Romney in South Carolina rischia di avere unonda molto lunga. E di danneggiare il partito a novembre: senza la mobilitazione dei Tea Party, ogni speranza di battere il presidente Obama sarebbe vana.

La scomparsa di Lally, sorella di Ugo Stille


dal nostro inviato MASSIMO GAGGI
NEW YORK Da tempo, ormai, non aveva pi la forza di organizzare la gara di recita di poesia italiana: un appuntamento fisso per le scuole di New York per oltre 30 anni. Un piccolo evento che si era conquistato un posto nel palcoscenico culturale della citt. Tenace, incalzante, entusiasta, quando non inseguiva autori e docenti da coinvolgere nelle sue manifestazioni culturali, Lally Kamenetzki scomparsa qualche giorno fa a New York allet di 90 anni si dedicava alle grandi passioni della sua vita: il gioco del bridge e, soprattutto, la lingua italiana appresa quando, in fuga dalle persecuzioni della Russia sovietica, arriv con la sua famiglia ebraica in Italia. Era il 1922 e lei era una neonata. Un soggiorno durato quasi ventanni durante il quale il fratello Misha, impegnato in attivit antifasciste, scelse lo pseudonimo di Ugo Stille che poi divent la sua firma di corrispondente e direttore del Corriere della Sera e la sua nuova identit. Nel 1941 una nuova fuga, stavolta dal nazifascismo, porto i Kamenetzki a New York. qui che Lally ha vissuto per ben 70 anni, ma senza mai perdere il grande attaccamento al Paese e alla lingua dellinfanzia e delladolescenza. Insegnava

Paolo Valentino
RIPRODUZIONE RISERVATA

Memorie Lepopea dei Kamenetzki torner a rivivere nel libro La forza delle cose di Alexander Stille
italiano allHunter College e partecipava assiduamente a tutti gli eventi culturali italiani organizzati nella metropoli dallIstituto di cultura e dai centri italiani della Columbia e della New York University. Il nipote Alexander Stille, che ha imparato da lei la nostra lingua, ricorda la passione con la quale gli descriveva il diverso comportamento delle parole derivate dal greco e dal latino: Diceva che il miglior italiano era la lingua toscana in una bocca romana, ripercorrendo cos la sua esperienza, e mi spiegava come litaliano fosse lingua molto pi visiva dellinglese usando esempi come "sottosopra", molto pi calzante dellinglese "upside down" per dare lidea di un mondo capovolto. Lally, scomparsa in solitudine (non si era mai sposata e non voleva assistenza), porta con s i ricordi di unepoca straordinaria e irripetibile. Memorie che torneranno a rivivere col libro sullepopea dei Kamenetzki che il figlio di Ugo Stille ha scritto e che sar pubblicato tra un anno da Garzanti (titolo, La forza delle cose, espressione che Ugo Stille usava di continuo). Un libro rimasto a lungo nel cassetto proprio per la diffidenza di Lally, celebre per anticonformismo e caparbiet. Ma di recente laveva letto e approvato.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Madrid Ex gerarca di Franco, fondatore del Partito popolare, simbolo della transizione non traumatica dalla dittatura alla Spagna moderna

Dal Caudillo alla democrazia, addio a Manuel Fraga


DAL NOSTRO CORRISPONDENTE

MADRID Bandiere a mezzasta sui balconi. Candele accese in memoria nelle chiese. Siti e blog di destra che piangono, quelli di estrema sinistra che, invece, festeggiano. morto domenica sera a 89 anni Manuel Fraga, lultimo gerarca della dittatura di Francisco Franco, ma anche uno dei padri costituenti della moderna democrazia spagnola. Don Manuel, come lo chiamavano i suoi, in 60 anni di vita politica ha sempre cercato di diventare presidente. Non c riuscito. In compenso ha visto realizzato il suo progetto di destra post dittatoriale. Fraga era convinto che la Spagna fosse sociologicamente franchista, che, per manifestarsi, i pi attendessero solo lo strumento politico compatibile con i nuovi tempi e le nuove alleanze internazionali di Madrid. suo il concetto di maggioranza naturale, una versione ispanica di quella silenziosa. Ed grazie a quella visione se in Spagna non esiste una destra estrema che si richiami alla dittatura, ma una coalizione (il

Partito popolare oggi al governo) che stempera le tendenze pi autoritarie nel liberismo. Da ministro della Propaganda di Franco (dal 62 al 69) cap come pochi limportanza dei media. Celebre la sua nuotata con lambasciatore Usa sulla spiaggia dove un aereo americano aveva perso una bomba atomica. Studente prodigio, docente di Diritto a 26 anni, direttore dellInstituto de Estudios politicos (il centro di riflessione del regime) a 35, mi-

nistro a 39. Sua la Ley de Prensa che aboliva la censura preventiva e segnava la metamorfosi franchista da (era la battuta di quegli anni) ditta-dura a ditta-molle. Si deve a lui lapertura della Spagna al turismo: Con Fraga hasta la braga, fino alle mutande, perch con lui la cattolicissima Spagna si faceva licenziosa. Gli anni 70 furono il dentro-o-fuori della sua carriera. Allinizio Fraga era opposizione interna al regime. Alla fine

opposizione interna alla democrazia. In mezzo la morte del Caudillo e le convulsioni della Transizione. Ho nel cassetto le memorie di quegli anni, ma i tempi non sono ancora maturi per pubblicarle. Di certo la transizione inizi ben prima della morte di Franco. Natura non facit saltus, raccont don Manuel a Sandro Benuzzi, ex presidente di Italtel Spagna. La sua Alleanza popolare, nome troppo evocativo di sacre

Applausi Manuel Fraga Iribarne, al centro, applaudito da Mariano Rajoy (a sinistra) e da Jos Maria Aznar (a destra). il 21 giugno 2008 e il fondatore del Partito popolare viene salutato cos alla convenzione nazionale della formazione politica tornata al governo tre anni pi tardi (Ap)

Con Franco
Sopra, Manuel Fraga Iribarne (a destra nella foto) con Francisco Franco negli anni Sessanta

unioni anticomuniste, non cresceva. Solo 16 deputati al primo voto libero, meno dei nemici rossi. Con il tappo Fraga le cose non sarebbero cambiate. Fraga cap e alla volta degli anni 80 lasci il potere nel partito a Jos Maria Aznar e alla seconda generazione di Popolari. Si esili (o venne esiliato) al governo della sua Galizia. Come ha promesso su Twitter, ora Jaime Rodrigues potr stappare la bottiglia conservata per loccasione. Il consigliere di Izquierda unida, il cartello degli ex comunisti, lamenta che in Spagna i ministri dei dittatori muoiono nei loro letti. Lex ministro non rinneg mai la sua adesione alla dittatura. Sognava un cambio gattopardesco. Con lui governatore della Galizia, le statue del dittatore erano tutte in piedi. Era iracondo, autoritario, a disagio con i riti della democrazia. Lantitesi del politicamente corretto, scrive El Pais. Uno capace di rompere a pugni il giaccio per un cocktail nel quinto anniversario del ritorno alla democrazia per poi offrirlo a una signorina: Vede, a volte la forza necessaria.

Andrea Nicastro
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

Codice cliente:

24
#

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Cronache

Quando lho visto era gi a terra: una scena che non dimenticher mai In quel borghetto ci viene gente strana, abbiamo paura Il parroco

Le indagini Il 30enne trovato in un casolare. Si cerca il complice. I parenti delle vittime: sgomenti, vogliamo la verit

Roma, muore impiccato uno dei killer


Il marocchino era ricercato per il delitto del padre e della bimba cinesi
Lomicidio
ROMA Il suo telefonino era scomparso dal 9 gennaio. Forse da quando Mohamed Nasiri, 30 anni, marocchino, si era rifugiato in uno dei ruderi di un borghetto isolato nelle campagne di Boccea, allestrema periferia della Capitale. Lultimo nascondiglio disperato di un killer braccato dalla sera del 4 gennaio, quando Zhou Zeng e la figlioletta Joy, di 9 mesi, sono stati uccisi da due rapinatori a Torpignattara. Uno era proprio Nasiri: domenica pomeriggio il suo cadavere stato trovato nel casale, impiccato con una corda a un gancio a 4 metri di altezza. A scoprire il marocchino, per il medico legale morto almeno da due giorni, sono stati alcuni giocatori di soft air, scontri a fuoco simulati, che ogni fine settimana si danno appuntamento nel borgo in tuta mimetica per sfidarsi con armi giocattolo. Sono stati loro ad avvisare i carabinieri della stazione Casalotti. Il nordafricano, di carnagione chiara, era senza documenti e allinizio stato scambiato per un immigrato dellEst. Ma il confronto fra le impronte digitali con quelle conservate nella banca dati interforze ha svelato ieri che si trattava di uno degli assassini dei cinesi, identificati fin dai primi momenti dopo il duplice omicidio. Ora il Dna sar ripetuto per eliminare ogni dubbio sul fatto che Nasiri fosse coinvolto nel delitto. Ho benedetto la salma racconta il

Laggressione Il 4 gennaio Zhou Zeng, 31 anni, sta tornando a casa verso le 22 con moglie e figlia di nove mesi in braccio quando due uomini con il casco e una pistola tentano di rapinarli. Zeng reagisce, parte un colpo che uccide lui e la piccola. Lomicidio scuote la comunit cinese, viene organizzata una manifestazione di solidariet alla quale partecipa anche la comunit nordafricana e alla quale si presume che appartengano i killer

gennaio, proveniva dal ferramenta dove Nasiri aveva acquistato la corda di nappa bianca, poi trovata stretta attorno al collo, veleno per topi (in sacchetti lasciati aperti sotto al cadavere), una bottiglia di ammoniaca e un coltello da cucina. A terra cerano anche una bottiglia di succo di frutta e un cartone di latte aperto. E il telefonino spento. Il negoziante ha riconosciuto il marocchino in foto. E i carabinieri hanno sequestrato un piccolo tavolo che era nel casolare. Lipotesi principale del Nucleo investigativo e della procura che Nasiri, ormai con le spalle al muro, abbandonato da chi avrebbe potuto aiutarlo, si sia tolto la vita per la disperazione. Ma non si escludono altre piste: proprio per questo ieri stato sentito a palazzo di giustizia un familiare. Fino a questo momento non ci sono elementi inequivoci, sottolinea il pm Lu-

Il veleno per topi Accanto al corpo il telefonino spento, un coltello e tre sacchetti aperti di veleno per topi
parroco della vicina chiesa della Madonna di Loreto . Quando lho visto era gi a terra: una scena che non dimenticher mai. In quel borghetto ci viene gente strana, qui abbiamo paura: sono stato gi rapinato due volte, ma da italiani. Nasiri era vestito con una maglia leggera, un paio di jeans e scarpe da ginnastica. Troppo poco per resistere al freddo pungente delle ultime notti, con il termometro a -2. Il borghetto, di propriet di una famiglie di imprenditori, spesso rifugio di sbandati. Sulle pareti qualcuno ha lasciato scritte inquietanti come Entrare per la morte o Ecco lombra della paura. Solo il casale dove stato trovato il nordafricano era chiuso da una saracinesca. Il marocchino aveva addosso 300 euro, un coltello e tre scontrini. Uno di questi, del 9 ca Tescaroli. Per stabilire se il marocchino si sia suicidato o sia stato ucciso bisogner attendere lautopsia, oggi o domani. Siamo sgomenti, vogliamo la verit, dicono i familiari delle vittime attraverso la portavoce della comunit cinese, Lucia Hui King. E intanto continua la caccia allaltro killer.

Uccisa a 9 mesi
La piccola Joy stata uccisa il 4 gennaio scorso insieme al padre. Nella foto grande, linterno del casale dove uno dei presunti killer stato trovato impiccato

Le telecamere Le immagini della videosorveglianza di una banca al Prenestino dove la coppia di rapinatori ha abbandonato lo scooter usato per il duplice omicidio riprende uno degli assassini in modo abbastanza chiaro. Uno dei due sarebbe alto 1,75 metri, avrebbe una carnagione olivastra, corporatura robusta e atletica. Nei frame appare con un bomber, pantaloni neri, e capelli corti

Lavinia Di Gianvito Rinaldo Frignani


RIPRODUZIONE RISERVATA

Il retroscena Quattro mesi prima dellomicidio aveva colpito alla testa una donna asiatica nel tentativo di derubarla

Rapine, arresti, e false identit La fuga di Mohamed e il giallo del suicidio


ROMA Asfissia provocata da meccanica violenta da impiccamento, recita la comunicazione del medico. Il problema capire provocata da chi: se da se stesso, come ritengono gli investigatori, oppure da qualcun altro, come ancora non si sente di escludere il magistrato. Ed eventualmente, di quale nazionalit. La morte di Mohamed Nasiri, nato in Marocco il 15 ottobre 1981, al momento appare pi misteriosa della sua breve e travagliata vita, simile a quella di tanti altri immigrati sbarcati in Italia che si dimenano tra espedienti e reati. Anche quando diventano regolari, come nel caso di Nasiri che da rapinatore s trasformato in assassino, per terminare la sua fuga e i suoi giorni appeso a un gancio. Se per volont propria o di qualcun altro dovranno accertarlo le indagini, che proseguono per mettere le mani sul complice del duplice delitto di Torpignattara, di dieci anni pi giovane e ancora latitante. Le poche cose trovate intorno al cadavere per adesso non svelano granch. Forse qualcosa in pi dir il telefonino, gi messo sotto controllo dai carabinieri non appena scattata lidentificazione grazie alle impronte digitali lasciate sulla borsa rubata a Lia Zeng. Ma dal 9 gennaio quel telefonino taceva e aveva smesso di trasmettere segnali: il fuggitivo aveva capito che i carabinieri erano sulle sue tracce grazie alle notizie pubblicate dai giornali sullindagine in corso, si rammaricano da giorni gli inquirenti. E riuscito a scappare per qualche altro giorno, fino al rudere in cui s impiccato. O stato impiccato. Prima di ammazzare il commerciante cinese Zhou Zeng e la figlioletta di Joy di appena nove mesi, lesistenza di

Assassinato
Zhou Zeng (nella foto a sinistra) stato ucciso da due rapinatori a Torpignattara insieme alla figlioletta Joy, di nove mesi. Uno dei presunti killer, Mohamed Nasiri, 30 anni, marocchino, si era rifugiato in uno dei ruderi di un borghetto isolato nelle campagne di Boccea, allestrema periferia della Capitale. Domenica pomeriggio il suo cadavere stato trovato nel casale, impiccato con una corda a un gancio a 4 metri di altezza. A scoprirlo, sono stati alcuni giocatori di soft air, la guerra simulata

I soldi giallo sulla borsa contenente 16 mila euro ritrovata in un casolare a circa due chilometri dallagguato. Apparteneva al commerciante ucciso, ma la moglie ha sempre negato che contenesse danaro. possibile che i banditi labbiano buttata durante la fuga, presi dal panico dopo lo sparo mortale. Nelle tasche di Zhou Zeng sono stati ritrovati altri tremila euro

Clandestino Aveva il permesso di soggiorno scaduto: dopo averne chiesto il rinnovo non si era presentato
Nasiri stata scandita da controlli, intimazioni, arresti, comparse davanti ai giudici e scarcerazioni. Stessa sorte, in precedenza, era toccata a un fratello fotosegnalato pi volte a Milano, tra il 2001 e il 2004, e denunciato per droga. Il battesimo di Mohamed con le forze di polizia italiane risale al 2005: fu identificato, dichiarato clandestino, espulso. Ma non se ne and. Al secondo ordine di espulsione non ottemperato scatt larresto, poi il rilascio di prassi, e cos via, negli anni a seguire. Il 2007 fu piuttosto tempestoso per Nasiri che aveva cominciato a collezionare vari alias, nomi falsi per tentare di sviare le verifiche. La lista dei precedenti in quellanno conta diversi arresti; due per furto, uno per rapina, e uno multiplo verificatosi nel mese di luglio: violazione della legge sulle armi, ricettazione e poi minaccia, lesioni

e resistenza a pubblico ufficiale. Fu un fermo movimentato, da cui nacque un processo che s concluso con sentenza definitiva solo il 17 ottobre scorso; a oltre quattro anni di distanza dai fatti, Mohamed Nasiri stato condannato irrevocabilmente a quattro mesi di carcere. Nel frattempo, con la sanatoria del 2009, il marocchino era diventato regolare. Ufficialmente risultava residente

ad Antrodoco, in provincia di Rieti, con un impiego da lavoro subordinato. Il permesso di soggiorno era valido fino al 31 ottobre 2011, e in vista della scadenza limmigrato aveva chiesto il rinnovo. Non pi alla questura di Rieti ma a quella di Roma, sostenendo di poter svolgere un lavoro autonomo e di poter dimostrare di avere un reddito di 5.000 euro lanno, come richiede la legge. Lappuntamento allufficio stranieri gli era stato fissato per novembre, ma Nasiri non si presentato: un mese prima era divenuta definitiva la condanna a quattro mesi per i fatti del 2007, e quella sentenza gli avrebbe impedito di ottenere il permesso. Anzi, lavrebbe spedito direttamente al Centro di Ponte Galeria, in attesa del carcere o dellespulsione. Di nuovo clandestino, Mohamed ha continuato a barcamenarsi e a delinquere a Roma e dintorni, dove evidentemente sera dedicato a rubare soldi ai cinesi, forse parte di una batteria specializzata nel settore. Prima della rapina del 4 gennaio sfociata in omicidio a Torpignattara, infatti, aveva gi colpito unaltra donna cinese, in via Valerio Flacco, a Cinecitt. L, intorno alle otto di sera del 19 ottobre (due giorni dopo la condanna definitiva), a bordo di un motorino, insieme al connazionale complice ha affiancato una signora di 44 anni che camminava col figlio di 11, strappandole la borsa. La donna ha tentato di resistere, s aggrappata ed stata trascinata finch Mohamed (o il suo amico) s sfilato il casco e ha colpito la vittima alla testa, lasciandola a terra ferita. Tre mesi dopo, a Torpignattara, Mohamed e il suo complice avevano una pistola. Ed andata molto peggio.

Giovanni Bianconi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Cronache 25
#

Terrorismo Un mese fa ci fu unaltra azione contro gli stessi uffici. Allerta da pi di un mese

Classifica
Napoli Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris

Equitalia, scoppiano tre bombe


Lattentato nella notte a Napoli. E a Roma manichini impiccati
ROMA Tre ordigni esplosi a tarda sera davanti alla sede principale di Napoli e la tensione su Equitalia torna altissima. Non ci sono vittime, le bombe hanno divelto le saracinesche degli uffici di via Corso Meridionale senza causare danni alle persone. Poco pi di un mese fa nello stesso punto fu fatto esplodere un potentissimo petardo che non provoc danni di rilievo alle strutture. Ieri notte, intanto, dei manichini impiccati sono stati collocati davanti alla sede di Equitalia di via Aurelia, a Roma. Ma gli attentati confermano come lEnte di riscossione continui ad essere nel mirino di criminalit e terrorismo. un binomio micidiale che naturalmente tiene in massimo allarme i responsabili della sicurezza e il timore che questa escalation possa alzarsi ulteriormente di livello. Uno stato di massima allerta scattato il 7 dicembre scorso con la spedizione dei plichi esplosivi rivendicati dalla Fai, la Federazione anarchica informale e rimasto sempre tale. In oltre due mesi si sono infatti moltiplicate le azioni e gli obiettivi passando dai pacchi al buste piene di polvere pirica, dalle minacce ai vetri incendiati e alle finestre mandate in frantumi con grossi petardi. A questo si sommano le telefonate anonime e i falsi allarmi che tengono naturalmente in tensione i dipendenti e i responsabili di Equitalia e dellAgenzia delle Entrate, finiti nel mirino proprio dopo lap-

I precedenti
9 dicembre 2011 Pacco bomba esplode nella sede Equitalia di Roma: ferito il direttore generale Marco Cuccagna 12 dicembre Un grosso petardo a Napoli davanti alla stessa sede Equitalia

De Magistris il sindaco con pi consensi


ROMA Sono i sindaci gli amministratori pubblici con il maggiore consenso. E tra loro svettano il primo cittadino di Napoli, Luigi de Magistris, con il 70 per cento (pi 5 per cento rispetto al giorno delle elezioni), e Massimo Zedda (Cagliari), con il 66 per cento (+6 per cento). Sono alcuni dei risultati del Governance Poll 2011, sondaggio sul consenso di cui godono gli amministratori, curato da Ipr Marketing ed effettuato per il sesto anno consecutivo per il Sole 24 Ore. Al terzo posto pari merito tra i sindaci, con il 65%, due conferme e una novit: Vincenzo De Luca (Salerno) e Flavio Tosi (Verona), ai quali si affianca Michele Emiliano (Bari), che fa registrare un aumento del 5,1% rispetto al giorno delle elezioni. Tra le grandi citt si fa notare la ascesa del primo cittadino di Torino, Piero Fassino: rispetto al giorno dellelezione, il neosindaco guadagna il 2,3% e arriva al 59%. Anche il primo cittadino di Bologna, Virginio Merola, ottiene un incremento del 3,5% e oggi al 54%, mentre il sindaco di Firenze Matteo Renzi non ripete gli exploit dellanno scorso, quando risult vincente e scende al 53%. Tra i sindaci delle maggiori citt Giuliano Pisapia (Milano), che si ferma al 51,5%. Il sindaco di Roma Gianni Alemanno, invece, compie una buona rimonta, guadagnando 29 posizioni e salendo al 44 posto dal 73 del 2010: passa dal 50% dei consensi dello scorso anno al 54% di ora.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Esplosioni Vigili del fuoco davanti alle saracinesche di una sede Equitalia di Napoli divelte dagli ordigni (Ansa)

17 dicembre Busta con polvere bianca recapitata a sede Equitalia, Roma 22 dicembre Buste-beffa con zucchero alla Borsa di Milano, a sedi Equitalia e al premier Mario Monti San Silvestro Attentati a Equitalia di Modena e Torino 1gennaio 2012 Pacco bomba esplode davanti alla sede Equitalia di Foggia (foto in alto)

pello alla mobilitazione lanciato dalla Fai con un volantino. Chiunque pu armare le proprie mani, chiunque pu assemblare il proprio pacco regalo, avevano scritto i terroristi nel volantino contenuto nel pacco spedito a direttore generale Marco Cuccagna, rimasto gravemente ferito alla mano e a volto. Equitalia ha sempre svolto e continua a svolgere esclusivamente il proprio dovere, nel pieno rispetto delle leggi. Una funzione essenziale per il funzionamento dello Stato, senza la quale non sarebbe possibile erogare servizi ai cittadini ed alle loro famiglie, comment il presidente del Consiglio Mario Monti esprimendo la propria solidariet allalto

funzionario. Ma su Internet, appena poche ore dopo la diffusione della notizia, cera gi chi inneggiava ai terroristi, chi fomentava la possibilit che ci fossero subito altre azioni. Cos stato, fino allepisodio di ieri sera nel capoluogo partenopeo e al rischio che lesplosione potesse causare vittime. Le verifiche sulla dinamica dellattacco e le analisi sullesplosivo utilizzato potranno fornire indicazioni utili per scoprire la matrice dellattentato in assenza di una rivendicazione attendibile, ma quanto accaduto spinge il capo della polizia Antonio Manganelli a rafforzare ulteriormente la vigilanza su tutti i possibili obiettivi e a potenziare quel dispositi-

Attacchi In due mesi si sono moltiplicati gli attacchi Vigilanza La polizia ha rafforzato la vigilanza

vo di tutela gi predisposto a protezione degli lati funzionari. Misure studiate nel dettagli per cercare di prevenire possibili azioni ancora pi gravi di quelle compiute in questi mesi che soltanto per una coincidenza in alcuni casi non hanno provocato feriti o addirittura morti. Basti pensare allordigno esploso a Foggia la notte di Capodanno. Chi lha piazzato facendo s che esplodesse usando gli uffici erano chiusi, certamente non aveva come obiettivo le persone, ma la forza dellordigno era tale che se fosse passato qualcuno in quel momento avrebbe sicuramente patito gravi conseguenze.

F.S.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Milano Accuse da un commercialista: vacanze pagate al governatore. Ma lui nega

Chiesto larresto per corruzione dellex assessore pdl di Formigoni


MONZA Allestero per motivi di lavoro. Almeno cos ha fatto sapere al suo avvocato. Un viaggio daffari che, al segretario dellufficio di presidenza di Regione Lombardia Massimo Ponzoni, ha evitato le manette per un soffio. Alle 6.57 di ieri, secondo gli investigatori della Guardia di Finanza di Monza, Ponzoni era ancora a Desio, suo storico feudo elettorale e centro dei suoi affari. Pochi minuti dopo, le Fiamme Gialle di Paderno Dugnano stavano bussando alla porta di casa del politico per eseguire unordinanza restrittiva in carcere, spiccata dal gip Maria Rosaria Correra con le accuse di corruzione, concussione, abuso dufficio, peculato, bancarotta fraudolenta, rivelazione di segreto dufficio. Per la procura di Monza, che indaga da due anni, lex assessore regionale lombardo allAmbiente un latitante. Ponzoni stato visto sabato al funerale di un conoscente. Con lui cera Rosario Perri, ex funzionario comunale di Desio, raggiunto dallo stesso provvedimento restrittivo che riguarda cinque persone. In carcere Antonino Brambilla, 65 anni, vicepresidente della Provincia di Monza e Brianza, gi arrestato negli anni 90 per Tangentopoli, e limprenditore bergamasco Filippo Duzioni, 49. In tutto oltre 25 persone sono nel registro degli indagati. Secondo le accuse dei pm Donata Costa, Giordano Baggio e Walter Mapelli, Ponzoni nel era in grado di condizionare, grazie al ruolo coperto di coordinatore regionale del Pdl, le sorti della politica di diversi Comuni della Brianza. In particolare le vicende urbanistiche di Giussano e Desio, il paese diventato simbolo delle infiltrazioni della ndrangheta in Lombardia. Nellindagine Infinito che ha portato lattivit delle cosche in Regione, compariva a pi riprese lo stesso Perri, legato ai clan locali, come riporta il gip nellordinanza. Tra Perri e Ponzoni il legame era stretto. Questultimo, secondo il gip, stato eletto nel 2005 anche grazie ai voti della malavita calabrese, tanto che alla tornata elettorale successiva nel 2010 (dopo la quale per non rientr in Giunta) Ponzoni si vanta con un amico, in una conversazione intercettata, di essere stato eletto senza i voti di certi personaggi affiliati a certi clan. Prese oltre 11 mila consensi. Il ritratto del politico amato mal si sposa con quello che ne fa il suo ex commercialista nonch socio in affari Sergio Pennati, che nel marzo 2009 lascia una sorta di testamento a moglie e figli, sequestrato dai pm. Nel caso mi capitasse qualcosa, sar colpa di Massimo Ponzoni, scrive, raccontando di minacce in stile mafioso (qui sopravvive chi ha gli amici giusti e io ce li ho, gli avrebbe detto davanti a un bar frequentato da pregiudicati calabresi a Desio), di un uomo dedito a donne, cocaina, auto di lusso, e vacanze esotiche in barca pagate a lui e al suo capo Formigoni. Accusa dalla quale il governatore ha preso le distanze. Altre imputazioni riguardano societ svuotate per pagarsi campagne elettorali, accordi anche con un brigadiere dellArma per avere informazioni relative alle indagini su Perri, giornalisti a libro paga per scrivere bene di lui, e abusi commessi allepoca del suo ruolo di assessore regionale allAmbiente. Le opposizioni, al Pirellone,

lex e il governatore
Lex assessore lombardo Massimo Ponzoni insieme con il governatore Formigoni (Milestone Media)
Inchiesta Massimo Ponzoni, Pdl, ex assessore di Roberto Formigoni

Allestero La cattura non scattata perch luomo politico allestero per un viaggio

chiedono le dimissioni di Roberto Formigoni. La replica del governatore: Regione Lombardia non minimamente coinvolta, le accuse riguardano casi personali, certo sono fatti gravi e se accertati ne dovr rispondere.

Federico Berni
RIPRODUZIONE RISERVATA

Linchiesta Il manager di Comunione e Liberazione coinvolto nel crac di una societ immobiliare

Gli appalti in cambio di case per i figli


Indagato il direttore generale del Niguarda. Perquisiti uffici e casa
MILANO Appalti ospedalieri in cambio di case a prezzi scontati per i figli. laccusa che fa finire sotto inchiesta per corruzione Pasquale Cannatelli, 65 anni, direttore generale dellospedale Niguarda di Milano. Cos le indagini sul crac della societ Pellicano e dellimmobiliare Mais fanno scoppiare anche una bufera su uno dei manager preferiti da Roberto Formigoni e, come lui, esponente di spicco di Comunione e Liberazione. La Guardia di Finanza ieri ha fatto perquisizioni sia al Niguarda sia nellappartamento di Cannatelli a Seregno (alle porte di Milano). Lipotesi di reato contenuta nellordinanza di custodia cautelare per lex assessore regionale della Lombardia, Massimo Ponzoni (Pdl). Tutto succede tra il 2006 e il 2007. Lindagine dei pm Walter Mapelli, Donata Costa e Giordano Baggio ruota intorno alla figura di Pietro Rivoltella, imprenditore cui riconducibile la societ di pulizie B&B e considerato uno dei finanziatori di Ponzoni. In quel periodo limpresa di Rivoltella sigla un contratto biennale da 11 milioni con il Niguarda. Contemporaneamente, il 13 marzo 2006, Cannatelli acquista dalla Serema immobiliare (tra i cui soci c lo stesso Ponzoni) due appartamenti a Seregno per i figli con uno sconto di 120 mila euro. Per i pm, Ponzoni allepoca ha intrattenuto rapporti sia

con limprenditore Rivoltella, suo finanziatore, sia con il direttore generale di Niguarda Pasquale Cannatelli. Di qui le conclusioni del gip Maria Rosaria Correra: Rivoltella ha finanziato Ponzoni per essere favorito dal direttore generale di Niguarda, Pasquale Cannatelli, consentendogli di ottenere in appalto il servizio di pulizie. Cannatelli stato, a sua volta, remunerato da Ponzoni con un consistente sconto sugli appartamenti per i figli. Frena Mario Brusa, legale di Cannatelli: Sono solo ipotesi, i fatti sono tutti da verificare.

Simona Ravizza
sravizza@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

65 anni Pasquale Cannatelli (Rastelli)

Codice cliente:

26

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Cronache 27
Il bimbo ucciso

Milano Salta il controesame della difesa di Berlusconi

Insieme ai figli alla cerimonia

Aritmia da stress Il processo Mills vicino a prescrizione


Laccusa scade il 19 febbraio
MILANO Ormai al processo Berlusconi/Mills una fatica pure trascinarsi stancamente sino alla prescrizione. Pi infatti si avvicina la data (19 febbraio) di scadenza dellaccusa allex premier di aver corrotto nel 2000 lavvocato inglese David Mills in relazione a due sue testimonianze nel 1999-2000; pi il tribunale, partito diesel nel marzo 2011 con un rinvio di due mesi e udienze solo al luned su offerta di Berlusconi, moltiplica il calendario con udienze teoriche ieri, domani, venerd, sabato, poi 26 e 28 gennaio, quindi 3, 6, 9, 11, 13 e 14 febbraio; e pi le udienze appena fissate saltano per gli imprevisti pi prevedibili. Ieri, ad esempio, a cancellare le udienze di ieri e domani, e a mettere una seria ipoteca sulle future, il forfait sanitario del teste Mills, che, gi due anni fa uscito come imputato con la prescrizione dal suo processo in Cassazione dopo due condanne di merito, qui nellodierno processo a Berlusconi aveva finito il 22 dicembre di rispondere alle domande del pm e ieri avrebbe dovuto rispondere ai difensori dellex premier che annunciavano 170 domande. Dalla videoconferenza di Londra arriva solo la lettera in cui Mills racconta di essere in cura dal cardiologo da 10 anni, lamenta di aver avuto problemi di aritmia il 22 dicembre a causa dello stress dellinterrogatorio, dice di essere andato a farsi visitare dal cardiologo solo il 13 gennaio quando rientrato il medico, che ha espresso controindicazione per 15 giorni a riaffrontare lo stress in tribunale. Per i parametri italiani non vale certo come impedimento assoluto, e il presidente Francesca Vitale nemmeno comprende se Mills sia ricoverato o no. Non lo ancora, le risponde un avvocato inglese di mattina, ma di pomeriggio si recher in ospedale per completare un test, poi torner a casa sua, e poi si vedr. In Italia gli si manderebbe subito la visita fiscale, a Londra un po pi complicato: il giudice inglese non ha il potere di indicare un medico indipendente ma pu solo aderire allintesa tra le parti. E, in ogni caso, non avrebbe il potere di ordinare laccompagnamento forzato di un teste che senza giustificato motivo non si presentasse. Si rinvia allora ludienza a venerd, sperando in lumi per quel giorno. E sarebbe un problema ancora ammortizzabile se, nel frattempo, si potesse almeno proseguire listruttoria: ma il tribunale nel maggio 2011 si legato le mani quando accolse la pretesa della difesa Berlusconi (fondata sulla lettera della norma, bench nella stragrande maggioranza dei processi sia solitamente temperata dal fair play delle parti che non costringono i testi a tornare in continuazione) che alcuni testi del pm dovessero ripresentarsi a Milano una seconda volta per essere interrogati dalla difesa solo dopo lesaurirsi di tutte le prove dellaccusa (quale appunto lesame di Mills). A rigore, dunque, se prima non si termina la deposizione di Mills, non si pu passare n al teorico interrogatorio dellimputato (anche se Berlusconi ha gi fatto capire che non si sogna di rispondere alle domande ma far solo dichiarazioni spontanee) n al completamento delle deposizioni dei testi Attanasio (che deve tornare apposta dalla Namibia), Briatore (anche lui costretto al bis dallestero) e Marcucci, nonch della consulente del premier. Impensabile che tutto questo programma, nonch la re-

Omicidio Di Matteo, dodici anni a Spatuzza

Le tappe

Linchiesta nel 2004

1 2

Lavvocato David Mills dice di aver ricevuto 600 mila dollari da Berlusconi per deposizioni reticenti nei processi contro il Cavaliere

Lex premier commosso ai funerali della nipote


Ieri Berlusconi ha partecipato nella chiesa dei SS. Patroni dItalia a Milano ai funerali della nipote Sabrina Maria Pia Beretta, scomparsa per una malattia allet di 37 anni. Insieme allex premier sono arrivati i figli Piersilvio e Marina (sopra, insieme a lui nella foto in alto), Eleonora e Barbara (sopra, nella foto in basso) e lultimogenito Luigi. quisitoria, le arringhe, le repliche e la camera di consiglio, si possano compiere prima della prescrizione il 19 febbraio. Ma intanto si fa finta di credere di s, ciondolando da una udienza (che ieri non si fa) a unaltra (che venerd non si far) fino a unaltra ancora che come scappa detto alla giudice nel congedare le parti magari sar un rinvio, se non post mortem, molto vicino: non so che calcoli avete fatto voi, ma anche il tribunale li ha fatti....

La smentita davanti ai giudici


Per Mills, condannato a 4 anni e mezzo, il reato fu prescritto in Cassazione. Nel processo contro lex premier, ha detto di aver inventato tutto

I difensori Se e quando sar terminato lesame, i legali del Cavaliere sono pronti a fare 170 domande

Luigi Ferrarella
lferrarella@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

PALERMO Lultima sentenza sullomicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo, strangolato e sciolto nellacido l11 gennaio 1996, dopo 779 giorni di prigionia, arriva a ridosso del sedicesimo anniversario del delitto. Il quarto processo celebrato per la morte del figlio del pentito Santino ha portato alla condanna allergastolo di cinque capimafia: il latitante trapanese Matteo Messina Denaro e il boss Giuseppe Graviano tra i mandanti del sequestro Luigi Giacalone, Francesco Giuliano e Salvatore Benigno, gli uomini del commando che ne curarono le fasi organizzative. Finora erano rimasti fuori da unindagine che, nel tempo, ha portato a decine di condanne: 33 gi definitive, 9 in attesa del suggello della Cassazione. A inchiodarli il pentito Gaspare Spatuzza (foto sopra) ieri condannato a 12 anni, che, oltre ad autoaccusarsi del delitto, ha puntato il dito contro gli ex amici.

Lomicidio Calabresi Dopo la malattia, dal 2007 era ai domiciliari. La vedova del commissario: i miei sentimenti non cambiano

Sofri torna libero. Come sto? A modo mio


Ha scontato la condanna a 22 anni Una giornata tra i naufraghi dopo la comunicazione dei giudici
DAL NOSTRO INVIATO

TAVARNUZZE (Firenze) Adriano Sofri ha due bassotti nani a pelo ruvido molto divertenti. Buoni Oh! Sshhhh. Poi si volta (69 anni, il viso attraversato da rughe profonde, i capelli ancora folti e ormai bianchi, la voce sottile, paziente). Vuol sapere se sono felice? Vuol sapere come sto? Sto a modo mio ecco, s: sto a modo mio. I bassotti risalgono il vialetto abbaiando, c lodore buono della legna che brucia nel camino, dalla finestra lo sguardo pu scorrere sul bosco, sulla collina che scivola dentro Firenze: ma per sentirsi definitivamente libero Adriano Sofri ha pensato che doveva andarsene in un posto speciale. Cos domenica sbarcato sullIsola del Giglio. Ha visto. Ha cercato. Ha chiesto intorno al gigantesco relitto. Poi tornato qui. E ha scritto il suo reportage. Pochi sapevano che, appena qualche ora prima, aveva ricevuto dallufficio di sorveglianza di Firenze il documento che considera

definitivamente scontata la pena di 22 anni e conclusa la sua vicenda giudiziaria, una delle pi dibattute e complesse nella storia di questo Paese, cominciata il 28 luglio del 1988, quando appunto lui, Sofri, ex leader di Lotta continua, venne arrestato con Giorgio Pietrostefani, Ovidio Bompressi e Leonardo Marino. Per tutti: laccusa di essere i responsabili della morte

del commissario Luigi Calabresi, assassinato la mattina del 17 maggio 1972 a Milano, sotto casa. Marino, subito, racconta, confida; e ammette di essere stato alla guida dellautomobile servita per lattentato: spiegando che a uccidere stato, per, Bompressi. Per Marino, Sofri e Pietrostefani sono i mandanti. Versione sempre negata dai tre accusati, dopo 14 sentenze condannati comunque in via definitiva a 22 anni di reclusione. Una vicenda cos intricata da prevedere quattro epiloghi diversi. Marino ebbe prescritto il reato.

Bompressi ha ottenuto la grazia nel 2006. Pietrostefani latitante in Francia dal 2002. Sofri adesso qui, in questa casa di campagna in pietra. Cortese ma a suo modo gelido. Congeda i cronisti. Se volete, potete tornare tra qualche giorno. Magari vi offro un caff. Rientra. Sospira. Si guarda intorno. Libri, giornali, un blocco pieno di appunti. stato agli arresti domiciliari dal 2007: obbligo di non uscire dalla Toscana e di rientrare ogni sera. Due anni prima aveva rischiato di morire. Colpito da una

malattia piuttosto rara: la sindrome di Boerhaave. Numerosi interventi chirurgici, lesofago martoriato. Lufficio di sorveglianza di Firenze sostiene che la sua liberazione sarebbe dovuta avvenire a febbraio, e che per stato Sofri a chiedere di potersi avvalere dellultima riduzione di pena: ogni sei mesi, infatti, i detenuti maturano una sorta di sconto di 45 giorni per buona condotta. La prima telefonata, laltro giorno, al figlio Luca. Poi, una frase laconica al fratello Gianni: Ciao. Solo per dirti che sono un uomo libero.

Lex leader di Lotta continua

Nel 1976 Un giovane Adriano Sofri durante il comizio a Reggio Emilia in ricordo di Alceste Campanile, ucciso il 2 giugno 1975 da un estremista di destra. Accanto, in alto, Sofri al processo per lomicidio Calabresi (Errebi)

AllIsola del Giglio


A sinistra Sofri in carcere a Pisa. Sopra, allIsola del Giglio domenica, mentre fa uno scatto con la sua digitale (Fotogramma e Sestini/Folgoso)

Il fratello Gianni dice che noi Sofri siamo abbastanza controllati nei sentimenti, abbiamo qualcosa di britannico. A rendere lieve la scena ha pensato per anni Randi Krokaa, la compagna di Adriano scomparsa quattro anni fa. Sofri va alla scrivania e si rimette a scrivere. Ha scritto tanto, in questi anni. Articoli, commenti, libri. Due anni fa ne scrisse uno dal titolo eloquente: La notte di Pinelli. In 283 pagine, con 36 minuziose note, Sofri ricostruisce, come fosse una messa in scena teatrale, la storia del fermo, degli interrogatori e di tutto quanto accadde dopo che lanarchico Pino Pinelli precipit dalla finestra della questura di Milano la notte del 15 dicembre 1969. la sua versione su un pezzo di storia che porter poi allomicidio del commissario Calabresi (e, perci, alla sua incriminazione e condanna). Lagenzia Ansa, alle 20.29, raggiunge telefonicamente Gemma Capra, la vedova del commissario Calabresi. Ormai da molto tempo dice nessuno era pi in carcere per lomicidio di mio marito e questo passaggio non cambia i miei sentimenti. Ho sempre creduto che la verit e la giustizia sarebbero state il risarcimento pi grande: siamo riusciti a ottenerle entrambe, e le sentenze sono state rispettate. Fa buio. Adriano Sofri esce di casa. I bassotti scodinzolano.

Fabrizio Roncone
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

28

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

BOLOGNA

2012

GENNAIO

18/19

THE PRIVATE LABEL BUSINESS ALLIANCE


FEATURING

CON IL PATROCINIO DI

www.marca.bolognaere.it

460 ESPOSITORI TI ASPETTANO IN FIERA

www.marca.bolognaere.it

PROGRAMMA EVENTI
MERCOLED 18 GENNAIO, ORE 10.00 - 13.00 - GALLERY HALL

CRISI ECONOMICA E DEI CONSUMI: LA DISTRIBUZIONE MODERNA E LA MARCA COMMERCIALE COME OPPORTUNITA PER IL CONSUMATORE E MOTORE DI CRESCITA PER LECONOMIA
Saluto: Duccio Campagnoli, Presidente BolognaFiere Apertura dei lavori: Camillo De Berardinis, Presidente ADM Relazione introduttiva: Guido Cristini, Ordinario di Marketing - Universit di Parma Tavola rotonda Moderatore: Attilio Romita, giornalista RAI, conduttore TG1 Partecipanti: Giovanni Cobolli Gigli - Presidente Federdistribuzione, Vincenzo Tassinari - Presidente Consiglio di Gestione Coop Italia, Piero Cavallini - Direttore Commerciale Valbona, Maurizio Gardini - Presidente Conserve Italia.

GIOVED 19 GENNAIO, ORE 10.30 - GALLERY HALL


PRESENTAZIONE DELLVIII RAPPORTO ANNUALE SULLEVOLUZIONE DELLA MARCA DEL DISTRIBUTORE
Apertura del lavori: Sergio Cassingena, Vice Presidente ADM Presentazione del Rapporto 2012, realizzato da ADEM Lab - Universit di Parma: Guido Cristini, Ordinario di Marketing Universit di Parma, Coordinatore Scientico dellOsservatorio sulla Marca Commerciale Gianmaria Marzoli, Vice Presidente SymphonyIri Group Dibattito coordinato da Guido Cristini, con la partecipazione di: Domenico Brisigotti, Direttore Marca Commerciale COOP Giovanni Panzeri, Marketing Manager Marca Commerciale CONAD Luca Vaccaro, Direttore Marca Commerciale GRUPPO SELEX

CONVEGNI SPECIALISTICI DI MARCA FRESHLAB


MERCOLED 18 GENNAIO, ORE 14.30 - 16.30 SALA NOTTURNO INNOVAZIONE DI PRODOTTO E SERVIZIO PER I PRODOTTI CONVENIENCE/FRESH CUT
Accesso riservato ad invito

GIOVED 19 GENNAIO, ORE 14.30 - 16.30 SALA NOTTURNO LA CREAZIONE DEL VALORE NEI PROCESSI DI DISTRIBUZIONE E VENDITA: LOGISTICA, LAYOUT, MERCHANDISING
Accesso riservato ad invito

GIOVED 19 GENNAIO, ORE 10.30 - 12.30 SALA CONCERTO LE STRATEGIE DI VALORIZZAZIONE DEL REPARTO CARNI AL GIUDIZIO DEL CONSUMATORE. DOMANDA E OFFERTA A CONFRONTO

SALTA LE CODE ALLE BIGLIETTERIE CON IL TICKET ONLINE: informazioni su www.marca.bolognaere.it

IN COLLABORAZIONE CON

Segreteria Organizzativa Piazza Costituzione, 6 - 40128 Bologna, Italia. Tel. +39 051 282111 - Fax +39 051 6374017 - marca@bolognafiere.it - www.marca.bolognafiere.it

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Cronache 29
Palermo

Debutta lArea C I commercianti: crollo degli incassi. Contro la tassa raccolta firme del Pdl

Milano, garage vuoti e metr pieni Il ticket ferma 40 mila auto


In centro ingressi ridotti di un terzo. Pisapia: un successo

MILANO C una tensione da elezioni di mid-term, come se la partita di un intero mandato si giocasse oggi, a otto mesi dallinsediamento da sindaco di Giuliano Pisapia. Ci sono i suoi assessori e i suoi tecnici, quando a Milano non ancora salita lalba, e sui monitor nella centrale operativa dei vigili scorrono le immagini delle strade dove il traffico aumenta s, ma lentamente, molto meno del solito. E poi dai tecnici del metr arrivano messaggi rassicuranti, i treni viaggiano rapidi, frequenze ravvicinate e senza ritardi, folla assorbita dai mezzi dellAtm. I conti arriveranno in serata: Area C, la tassa sul traffico, nel suo primo giorno dapplicazione ha tagliato 40 mila ingressi di auto nel centro di Milano, i mezzi pubblici hanno retto 16 mila passeggeri in pi, i milanesi si sono adattati, organizzati. Non era scontato: un pedaggio da 5 euro al giorno pu modificare molti equilibri se va a toccare il cuore dellintera area metropolitana milanese dove ogni mattina entra mezzo milione di persone dallesterno (due terzi con i mezzi pubblici, il resto in auto, moto, bicicletta). Toccare e cercare di modificare questi equilibri una sfida politica potente e rischiosa allo stesso tempo. E forse per questo, quando la tensione a met giornata si allenta, che il sindaco Pisapia si permette una battuta a sfondo calcistico sulla vittoria interista di domenica sera: In giro c poca gente perch tutti i milanisti sono a casa. In realt la cosa molto pi seria ed il sindaco e il suo as-

fico in centro citt del 23-28 per cento. una misura che porter nelle casse del Comune fra i 35 e i 38 milioni di euro lanno, risorse per i futuri investimenti sulla mobilit pubblica e alternativa. S, i milanesi hanno risposto bene spiega Pisapia Continueremo a dialogare con gli scettici. Area C un tassello di un mosaico di cui fanno parte lampliamento del bike sharing, le piste ciclabili e lo sviluppo del teleriscaldamento. Gli scettici sono agguerriti. Alcuni nodi restano aperti: la disciplina per i residenti allinterno di Area C (40 ingressi omaggio e tagliandi successivi scontati a 2 euro) continua ad alimentare polemiche ed alla base di diversi ricorsi al Tar degli scontenti. I commercianti sono preoccupati: Meno ingressi in centro potrebbero tradursi in una contrazione degli acquisti. E poi ci sono i gestori dei garage pubblici dentro Area C, che denunciano crolli del 40/60 per cento negli incassi. Tra lagnanze e critiche, il ruolo da protagonisti lo conquistano gli scettici politici, che scelgono la protesta folkloristica. I consiglieri del Pdl Riccardo De Corato e Carlo Masseroli si calano nei panni di Massimo Troisi e Roberto Benigni in Non ci resta che piangere: si sistemano su un calesse ed entrano in citt sul palcoscenico

Il sindaco Cammarata: mi dimetto


PALERMO Se ne va sbattendo la porta del Comune, con una sfuriata alla Regione al governatore Raffaele Lombardo, accusato di non aver fatto nulla per la citt. Ma il sindaco di Palermo, Diego Cammarata, con le sue non improvvise dimissioni presentate ieri ha forse solo anticipato un commissariamento della sua poltrona da parte dello stesso Lombardo che aveva mandato una ispezione scoprendo il disastro economico di una amministrazione al collasso. Interpretazione contestata dal primo cittadino: Passo la mano con lorgoglio di lasciare i conti in ordine e un bilancio strutturalmente sano... e ci per evitare che qualcuno parli, o meglio straparli, in maniera irresponsabile di un Comune sullorlo del dissesto. Il governatore Lombardo replica additando un sindaco che fugge, il peggior sindaco di Palermo, mentre si prepara a nominare il commissario che per i prossimi mesi, fino alle elezioni di primavera, guider la citt ormai avvitata in mille problemi, fra precari in perenne agitazione, lazienda della nettezza urbana, lAmia, ancora sotto di 100 milioni, quella dei trasporti, lAmat, con la met degli autobus fermi perch mancano 140 milioni. Una scelta, quella del sindaco, che forse spiazza i vertici del Pdl che qui ha big di livello nazionale come Renato Schifani e Angelino Alfano e che consegna Palermo a un commissario scelto da Lombardo. Cammarata preferisce tornare a fare lavvocato. Anche di se stesso. Perch qualche procedimento resta in piedi. A cominciare dalla storiaccia del precario pagato dal Comune che, invece di bollare il cartellino, faceva lo skipper sulla barca del sindaco.

I ricorsi Molti i ricorsi al Tar presentati dai residenti che non vogliono pagare per rientrare a casa
di corso Venezia. Messaggio: Solo cos non si paga la tassa. Lalternativa al cavallo firmare il referendum per labolizione dellArea C. I banchetti sono sparsi in citt. Il governatore Roberto Formigoni si esprime via Twitter contro il provvedimento punitivo. In Comune per, nel pomeriggio, lassessore Maran spiega: Area C non pu far scomparire del tutto le auto. Ma non abbiamo rilevato nessuna particolare criticit. I ticket venduti nella prima giornata sono oltre 8 mila. Qualche coda in centro, ma oltre 9 mila residenti e commercianti gi registrati per le agevolazioni. Un altro assessore, Franco DAlfonso, responsabile delle Attivit produttive, cede allultima frase di appagamento: Sembra di stare a Zurigo in un giorno noioso.

sessore allAmbiente, Pierfrancesco Maran, passano la giornata con lo sguardo e la testa sul flusso di dati che restituisce come un elettrocardiogramma gli spostamenti dei milanesi in citt. La settimana scorsa gli ingressi di auto e furgoni in centro a Milano sono stati in media 122 mila al giorno (il numero non equivale alle auto, che pagando un solo ti-

cket possono entrare pi di una volta). Il computo finale di ieri dice che gli ingressi sono stati poco pi di 82 mila, significa il 32,5 per cento in meno. un dato che probabilmente si assester un po al rialzo in futuro, quando i cittadini avranno familiarizzato col sistema, ma che conferma in pieno le previsioni e lobiettivo dellArea C: ridurre il traf-

La guida
Cento domande sul pedaggio, con tutte le risposte sullArea C: dalle deroghe ai pagamenti, dalle sanzioni ai divieti. la guida in vendita a 0,80 centesimi pi il prezzo del Corriere della Sera a Milano e provincia

Felice Cavallaro
RIPRODUZIONE RISERVATA

Paola DAmico Gianni Santucci


RIPRODUZIONE RISERVATA

Scienza e Tecnologie
di Giovanni Caprara

Clima Fiocchi in Val Padana, combinazione tra forte inquinamento e vento dalla Russia. Il Cnr: fenomeno raro

Arriva la neve chimica. La colpa dello smog


hanno una struttura simile a quella dei cristalli di ghiaccio esagonali e quindi funzionano bene da inneschi dei fiocchi di neve. Bassa temperatura e abbondante umidit sono i requisiti di base perch ci accada. Tutto inizia ad unaltezza di circa un chilometro dove la temperatura intorno ai 15 gradi sotto zero. Essendo poi bassa anche al suolo, i cristalli si mantengono integri. Se invece fosse sopra lo zero si scioglierebbero. Per fortuna sottolinea Levizzani questo tipo di nevicate in genere non possono durare a lungo per la semplice ragione che esaurite le particelle inquinanti cessa anche la nevicata. Tuttavia linequivocabile segnale di una situazione ambientale grave con livelli che richiederebbero degli interventi decisivi per porvi rimedio.

MILANO I venti gelidi scesi dalla Russia non si sono limitati ad abbassare la temperatura in modo improvviso e a livelli inusitati. Purtroppo, incontrando il ricco inquinamento dellaria nella Val Padana, si sono combinati con un effetto vistoso generando una neve chimica. Gli strani fiocchi sono caduti lungo unarco geografico che ha abbracciato larea milanese, la zona bresciana e pure gli orizzonti del Veronese. Il fenomeno abbastanza raro ma, come si vede, possibile spiega Vincenzo Levizzani dellIsaac, lIstituto di scienze dellatmosfera e del clima del Cnr . A provocarlo sono delle sostanze prodotte dallinquinamento industriale come il solfuro di rame, lossido di rame, gli ioduri di mercurio, di piombo o di cadmio e i silicati. Queste particelle

-15
Gradi Sono previsti gioved sulle Alpi e lungo le vallate degli Appennini Temperature in picchiata fino alla fine del weekend

-9
Gradi Registrati ieri allo scalo di Malpensa. A Torino -8, a Bolzano -7, a Firenze e Arezzo -6 Imbiancate Le strade di Paderno Dugnano (Bettolini)

Celebri sono ormai le immagini raccolte dai satelliti dellAgenzia spaziale europea Esa che mostrano il catino dei veleni della Val Padana, uno dei pi significativi a livello planetario. La situazione climatica certo non aiuta e le temperature registrate sono decisamente basse: dai meno nove gradi a Malpensa, ai meno otto a Torino, meno sette a Bolzano e meno sei gradi a Firenze e Arezzo. Ma le previsioni per i prossimi giorni non offrono miglioramenti. Anzi. Un nuovo vortice freddo scender dalle regioni del Nord Europa portando ulteriori e raggelanti brividi. Dopo una pausa gioved nota Vincenzo Levizzani ci sar una ripresa del freddo con dei picchi sulle Alpi e lungo le vallate degli Appennini che sfioreranno anche i meno 10 e meno 15 gradi centigradi. Il

fine settimana, dunque, sar di nuovo sotto il segno di un freddo inverno. Inoltre, in Val Padana dove la nebbia sembra destinata a rimanere, pure durante il giorno si dovr affrontare il gelo. I valori che si registrano sono giudicati fuori norma; cio quattro gradi meno delle medie stagionali. Di notte a Potenza si arriver a meno sei gradi, e meno quattro a Cosenza. Grazie alla prossima ondata gelida dal Nord si potranno verificare delle nevicate nelle regioni settentrionali: questa volta, per, i cristalli nevosi saranno veri, non chimici. gcaprara@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

APPROFONDIMENTI Foto e grafici su www.corriere.it/scienze_e_tecnologie

Codice cliente:

30 Cronache
#

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Pieghe
di Gian Luigi Paracchini

Carnaby Street? qui da noi Il contagio del montgomery


Sar stato il tele-matrimonio di Kate e William? Perch no, visto linteresse superiore perfino al pi trucido dei reality. Probabilmente centra pure leffetto Olimpiadi, che tra qualche mese accender i riflettori sullisola di Sua Maest. Fatto sta che la nuova moda maschile, dopo tante vibranti sessioni autarchiche, con corredo di citazioni al tricolore, si perdutamente invaghita dello stile inglese. Esclusa qualsiasi congiura demo-pluto-giudaico-massonica, viene pi da pensare a unimprovvisa infatuazione di massa se queste passerelle milanesi hanno attinto a piene mani da certi classici di quel repertorio. Peraltro nobilissimo: fino a una trentina danni fa lidea che scarpe, impermeabili, tessuti, pullover, fossero Made in England per gli elegantoni era la migliore garanzia di alta sciccheria. Ci sar pure un motivo per cui, andando molto pi retr, DAnnunzio si faceva stirare le camicie a Londra. Se il cashmere da tempo ormai bela italiano e ci siamo abituati, da tempo non si vedeva calare un tale gregge di shetland, tweed e altre lane crude, volutamente rustiche, come nella migliore tradizione delle highlands, altopiani con un clima non propriamente mediterraneo. Che

MILANOMODAUOMO

Bikkembergs Il giaccone con dettagli di tessuto tecnico: resta il Dna sportivo, ma declinato in uno stile che punta pi alleleganza

Etro La coda che decora il frac Dalla camicia alla punta delle scarpe: le piume sono il filo rosso della collezione

MILANO La camicia bianca, ampia, portata fuori dai pantaloni. Le sovrapposizioni, come le grandi maglie infeltrite indossate sopra la giacca, e poi i cappotti ampi, la palette dei colori caravaggesca rosso cupo, verde pavone. Basta questo a fare del nuovo ragazzo di Gucci un poeta? Poeta s, ma maledetto, risponde Frida Giannini, che costruisce la collezione per il prossimo autunno inverno attorno allidea di decadenza, trasmessa con un bel lavoro soprattutto sul velluto, stampato con disegni di rose e gigli stilizzati, oppure a fantasie jacquard ottenute riproducendo la tecnica degli antichi telai. Le nuove giacche di stagione, brevi, svuotate, sono in velluto lavorato con la seta, per ammorbidirne ancora la mano. Il pantalone ricorda quello dequitazione: pinces sui fianchi e poi stretto a scendere, tanto da lasciare intuire, sotto, lo stivale da cavallo, unica calzatura insieme alla pantofola da sera che si vista in collezione. Per la sera, il blazer in cavallino laserato, mentre le borse hanno volumi diligenza. Se luomo di Gucci un poeta (maledetto), quello di Donatella Versace un militare, per ironico. Di chiara ispirazione militaresca il lungo cappotto in cachemire tessuto con ermellino e cincill, un super cachemire insomma. Anche il jeans molto presente nella collezione non semplice jeans ma fatto in Giappone e tessuto con il cachemire: tempestato di cerchietti metallici, piercing e charms d vita a giacchini che farebbero impazzire qualsiasi metaldetector. C anche la versione stampata, con un nuovo motivo, invenzione della maison: un mix fra il floreale e il camouflage, pirotecnico se supercolorato, quasi grafico

Il poeta

Iceberg I nuovi mix sono il punto di forza: la maglia fusa con il tessuto e la pelle agugliata al panno

Gucci e il lusso dallaria decadente dei maledetti Etro gioca con le piume e mette unaltra coda al frac
se in tono spento. Labito doppiopetto in lana e seta un gessato rifatto: invece di essere parallele, le linee del tessuto si affollano sul petto. Un dettaglio che non passa inosservato la borsa secchiello portata da un uomo che con questo accessorio non perde per un solo grammo di virilit, dice Versace. Da Etro luomo si veste di piume per spiccare il volo, alzandosi al di sopra di una quotidianit che oggi sembra riservarci pi problemi che entusiasmi. Quella del volo non solo una metafora, le piume sono ovunque: sul tight, sulla coda del frac, sui cappotti, sulla pettorina della camicia, sui revers della giacca in velluto, sul cravattino, sulla cravatta, sulla punta delle scarpe. La collezione ha un avvio fulminante con la sera: i bei velluti lisci devor, il damasco, i broccati, danno vita ad abiti e cappotti preziosi, anche lavorati jacquard con decorazioni che ricordano i disegni navajo. I colori sono brillanti: larancio, il fragola, il verde smeraldo. Al termine, i ragazzi escono

John Richmond Il chiodo nel classicissimo check inglese con le maniche in pelle e i dettagli in pitone

Moschino Lironia di un blazer con il ricamo che sembra unimbastitura

abbiano parlato inglese le creazioni di Burberry, (con pioggia simulata e ombrelli aperti), John Richmond, diviso fra dandy e rockettari motociclisti, poi Vivienne Westwood e Pringle of Scotland, non fa notizia visto che si portavano i compiti da casa. Per Zegna che riscopre le variazioni del check, Scervino che con la collezione Royal, Moschino ispirato al Savile Rock, Iceberg con la citazione al british style di Chaplin, Canali diviso fra fascino Peacock e New Romantic hanno fatto un bel bagno nel Tamigi. Qualcuno, come Frankie Morello, ha puntato sullIndia, che pur sempre ex impero e fornitrice di t. E la riscoperta del montgomery? Una specie di contagio. Come certe fogge da Carnaby Street. Chiaro che poi gli inglesi se ne approfittino. (Anche se non dovrebbero, visto che molti dei suoi gloriosi marchi, da Church a Ballantyne, da Belstaff a Husky sono passate in mani italiane). Cos Burberry ha chiuso s la sfilata sulle note di Nessun dorma, per nella versione rock duro di Jeff Beck, inglese purosangue, ex leader degli storici Yardbirds. Giusto perch non ci fossero equivoci.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Canali Labito di velluto a motivi floreali La collezione un omaggio a Londra e alla sua tradizione sartoriale

Gucci Il poeta maledetto

Harrods

Luomo che compra per Harrods Bello Valentino, forti Bottega e Zegna
Z Zegna Il punto focale sono le spalle e il collo nei giacconi, anche chiusi da zip, disegnati dal nuovo stilista Paul Surridge

Jason Broderick (foto), buyer per menswear e orologi dei grandi magazzini Harrods a Londra, uno dei compratori pi influenti della Fashion Week milanese, non fa nessun downgrade della moda italiana. Anzi: Il 2011 stato un anno di successi, pur nella cautela generale. La strada giusta, per tutti gli stilisti, quella di lavorare senza perdere identit n sacrificare qualit, mettendo a fuoco cose nuove ma avendo sempre ben chiaro in testa il proprio "mission statement", la propria dichiarazione dintenti. Chi guarda avanti ha sempre successo. Non si annoiano i clienti con capi innovativi, li si annoia alterando o perdendo la propria identit. Esempio: Tomas Maier di Bottega Veneta continua a crescere dopo dieci anni a prescindere dal clima economico

perch ha articolato con chiarezza il suo stile. Tutti gli stilisti che lo sanno fare autorevolmente hanno successo. La mia Fashion Week italiana cominciata a Pitti, a Firenze, dove ho visto tra tante belle cose un Valentino molto forte, un bel revival del quale ho amato le forme: quella la direzione giusta. Qui a Milano unaltra cosa che mi piaciuta la sobriet di Zegna che ha fatto vedere una collezione molto forte, lesempio di come cambiare la prospettiva attraverso la quale la gente guarda al tuo marchio. Modificando i tessuti, lavorando su dei check meno consueti. Per il 2012? C largo margine internazionale di crescita. Quando vengo in Italia trovo sempre talento e tessuti di alta qualit.

M.Per.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Cronache 31
#

con addosso coperte con disegni maya e la scritta Game over, traduzione ironica della profezia sulla fine del mondo. Al debutto da Bikkembergs acquistato dallitaliana Zeis Excelsa c il sudafricano Hamish Morrow, tanto saggio da capire che non si pu fare la rivoluzione in un giorno. Questo non sono ancora io al 100 per cento dice . Per ora, mi interessa mantenere chiaro il Dna del marchio ma insieme introdurre pi eleganza. Un intento che pare riuscito: la felpa in cachemire, limpermeabile in gabardine, per la sera pellicce di castoro e maglie lurex. Il tecnico pi diluito, quasi nascosto come nei cardigan in lana e nylon, mentre il pantalone trasmette appieno lidea di una vestibilit comoda, tipica dei capi sportivi. Ma quello di Morrow non stato il solo debutto di ieri: da Z Zegna Paul Surridge manda in passerella un doppiopetto a 8 bottoni (non se ne vedevano da tempo, un po Anni Venti) in tessuto lucido, mix di tradizionale e tecnico, che chiama il mio nuovo abito, tan-

Versace mixa fiori e mimetico per le stampe Dettagli da divisa anche da Canali e Bikkembergs
to sintetizza la sua visione della moda: spalla imponente, linea allungata, dettagli inediti, come i bottoni in gomma, pi piacevoli al tatto, o le fibbie in rame. Anche nei giacconi il focus resta su spalle e collo, per capi dalla linea un po quadrata. Da Iceberg il richiamo a Charlie Chaplin, da cui Paolo Gerani racconta di essere partito per impostare la collezione, solo un pretesto per giocare in passerella con la bombetta. La sostanza della collezione si trova invece nelle lavorazioni: il parka in maglia fusa con il tessuto, oppure la pelle agugliata al panno, secondo un procedimento che mescola le fibre di un materiale con quelle dellaltro, come nellunione di due liquidi. Moschino ha invenzioni divertenti come labito stampato muro, le giacche catarifrangenti, i cappotti a stampa graffito, mentre John Richmond cavalca in pieno il British Style, cio il mood del momento (ed come giocare in casa). Cappotti e giacche vengono dritte dalla tradizione inglese, solo arricchiti di dettagli come le zip, le spruzzature a taglio vivo, le tasche con lo spessore. Il chiodo in check con inserti in pitone sintetizza bene il recupero della tradizione contaminata dalleccentricit del marchio. Anche Canali guarda allInghilterra e lo fa traducendo in abiti dalla linea affusolata e dalla giacca leggermente lunga bei tessuti della tradizione come i pied de poule o gli jacquard a piccoli disegni. Ma a colpire lutilizzo del velluto a coste piatte, anche in tonalit come il giallo oro e il bruciato, per il cappotto doppiopetto a sei bottoni, ironico, molto dandy.

I completi maschili Anni 50 si arricchiscono di dettagli e accessori

Linee strizzate e corte Lei e lui sempre pi vicini


Gli sportivi eleganti di Marc Jacobs viaggiano sugli skateboard. I pantaloni in lana a quadrettini indossati con giubbotto e cappellino; i pantaloni della tuta marron e le sneaker con la camicia fantasia in tono, il pullover girocollo in lana senape e il cappotto. Il parka in grisaglia ed imbottito di castoro. Si parla solo inglese nello show room dello stilista americano sui Navigli. Anche il francese in quello di Alexander McQueen, allIsola, dove ieri si aggiravano gentlemen vittoriani che, nellintenzione della stilista Sarah Burton, sono guardiacaccia, signore del maniero... Il doppiopetto in Principe di Galles ha le spalle squadrate ma poi scende aderente e corta. E ci sono anche i pantaloni ripresi sotto il ginocchio portati con la giacca in tweed che, per, ha revers del frak in lana che degrada in seta. E poi cravatte, papillon. Anche le giacche degradano in maglia. Perch la moda maschile non pi una cosa semplice. Ora che i corpi degli uomini se lo possono permettere, dal guardaroba femminile ruba linee strizzate e corte, dettagli (pelliccia, ricami) e accessori. Kevin Carrigan arrivato da New York per presentare il mondo ck Calvin Klein dice che il segreto essere in contatto con i tuoi clienti. convinto che i 20enni si convertiranno al classico vagamente Anni 50 ma indossato con un po di ribellione. Indica le chiome alte dei ragazzi e gli stivali stringati portati con completi mono e doppiopetto: la giacca in flanella impunturata e corta sui pantaloni con le pence. Non c una cravatta. Solo girocolli e lupetti. La bella notizia che troveremo in giro tanti gentlemen Ma dove sono stati fino ad ora, si chiede qualcuna. Il gentiluomo barbuto da Larusmiani attende i visitatori seduto in poltrona con completo blu aperto sul gilet doppiopetto. Il jeans ha linterno in cashmere. Da Lanificio Colombo chiamano il nuovo stile morbido benessere perch la giacca in punto inglese, il giubbotto in pile di cashmere, il cappotto di cashmere ha laspetto del velluto e la maglia in seta-cashmere linterno in cotone. Parla di sostanza Lapo Elkann che con lo stilista Eric Wright ha presentato pochi pezzi della sua Italia Independent in diversi colori e materiali, la giacca doppiopetto anche in denim dlav, t-shirt in cashmere e le felpe realizzate con Brama sport. Forte di 140 mila paia di occhiali venduti dal 2007 e del fatturato 2011 2 milioni di euro con una previsione di crescita del 30% nel 2012 annuncia i nuovi progetti che cominciano proprio dalla collaborazione con 10 mila ottici Apriremo un corner con i nostri prodotti e il aiuteremo a combattere le grandi catene.

Aeffe

Versace Il militare ironico

Cedric Charlier italiana a Parigi


Nasce la collezione Cedric Charlier. Aeffe ha siglato un contratto di licenza di 5 anni per la produzione e la distribuzione worldwide della linea femminile della griffe del designer belga, che debutter in passerella durante la settimana della moda parigina.

il militare

Daniela Monti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Maria Teresa Veneziani


RIPRODUZIONE RISERVATA

la festa

F A S H I ON

Brioni e i modelli che si giocano il vestito a poker


Sulle piste da sci con gli occhiali a specchio, e dopocena nel nightclub pi chic della citt. In tempo di austerity c voglia di spensierati anni Ottanta. Lapo Elkann ieri ha presentato (e festeggiato) la sua collezione da Giannino, il ristorante della dolcevita milanese, regalando agli ospiti mega-cuffie in stile Superclassificashow e occhiali da sole firmati a quattro mani con Lorenzo Tonetti, il proprietario del locale. Per gli invitati Cecilia Capriotti, Raffaella Zardo e Eric Wright prima un prosecco sulle poltrone patriottiche Meritalia; poi una cena per pochi intimi ispirata alla sobriet: in questo momento si sta insieme con

convivialit ma senza eccessi, spiegava Lapo. Per nulla sobrio, anzi pi trasgressivo che mai lo show di Philipp Plein al nightclub Williams Le Roi. Per le ospiti Melita Toniolo e Nicole Minetti, champagne ai tavoli, la musica dal vivo del crooner Aaron Keller (sosia di Elvis Presley) e le incursioni degli artisti del Cirque du Soir di Londra. A chiudere la sfilata di million dollar men con mocassini dalla suola rossa in stile Louboutin e occhiali da vista alla Roger Moore, una ex fidanzata dello stilista playboy: Aida Yespica con il piccolo figlio Aaron, tutto di Plein vestito. Tuffo addirittura negli anni Sessanta per Carlo Pignatelli, che ha celebrato leleganza senza tempo dei Kennedy e degli Agnelli, reinterpretata dallallenatore della Juve Antonio Conte. Uomini formali ma con lanimo edonista da Brioni che alla Triennale ha messo in scena quattro momenti della vita di un gentleman: il business meeting, lappuntamento dal sarto, la cena e la partita a poker. Situazioni comuni con uomini fuori dal comune: attori dei tableaux vivants sono stati Leonardo Don Delle Rose, Eros Galbiati, gli ereditieri Jack Guinness e Kilian Hennessy, i designer Douglas Mackie e Fredrikson Stallard e il superpoliziotto Vegard Vik, capo dei servizi speciali di Oslo e protagonista della prossima campagna.
80 In alto Vegard Vik, poliziotto-star Brioni. Sopra una perfomer del Cirque du Soir da Plein

Tappeto rosso

Una scarpa per tre Le Tods ai Golden Globe


Gli attori americani mai cos attratti dalla moda italiana. Mentre Adrien Brody, Garrett Hedlund, Gary Oldman sfilavano sulle passerelle milanesi, a Hollywood ben tre star del calibro di Jeremy Irons (nella foto), Dustin Hoffman, Clive Owen sfilavano sul tappeto rosso della 69esima edizione dei Golden Globe con lucidissime Tods lace up, scarpa formale stringata allacciata con fondo in cuoio. Il prestigioso riconoscimento (trionfo per il film francese The Artist e The Discendents) si ormai consolidato come un mix di mondanit, moda e glamour. Accanto ai gentlemen in smoking tante star in lungo color nudo, bianco e pastello a fare da contraltare alle tonalit profonde come nero, blu navy e marrone. La serata, presentata dal britannico Ricky Gervais, durata oltre tre ore e ha celebrato il trionfo della nostra moda con gli abiti di Armani, Versace e Prada e i gioielli di Bulgari in primo piano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Michela Proietti
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

Codice cliente:

32
AVVISO IMPORTANTE

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

AVVISO IMPORTANTE

DB PLATINUM
Socit d'lnvestissement capital variable (Societ d'investimento a capitale variabile) Sede legale: 49, avenue J.F. Kennedy, L-1855 Lussemburgo N. iscriz. R.C.S. Lussemburgo B-119.899 (la "Societ") OGGETTO: AVVISO AGLI AZIONISTI DEI COMPARTI db x-trackers DBLCI OY Balanced ETF db x-trackers DB Commodity Booster DJ-UBSCI ETF db x-trackers DB Commodity Booster Light Energy Benchmark ETF (i "Comparti") Gentile Azionista, Alcuni indici sottostanti del comparto db x-trackers DBLCI - OY Balanced ETF (denominati rispettivamente Deutsche Bank Liquid Commodity IndexTM - Optimum Yield Balanced USD, Deutsche Bank AG, che agisce tramite la propria Filiale di Londra, in qualit di sponsor Deutsche Bank Liquid Commodity IndexTM - Optimum Yield Balanced EUR, Deutsche Bank dell'indice (lo "Sponsor dell'Indice"), proceder alla modifica dei seguenti indici Liquid Commodity IndexTM - Optimum Yield Balanced GBP e Deutsche Bank Liquid (singolarmente un "Indice" e, congiuntamente, gli "Indici") a decorrere dal 17 febbraio 2012: Commodity IndexTM - Optimum Yield Balanced CHF) saranno inoltre modificati al fine di TM - il Deutsche Bank Liquid Commodity Index - Optimum Yield Balanced USD; tenere conto del "Final Regulations on Position Limits for Futures and Swaps" ("Regolamento Definitivo in materia di Limiti alle Posizioni per Future e Swap") pubblicati nel mese di ottobre 2011 - il Deutsche Bank Liquid Commodity IndexTM - Optimum Yield Balanced EUR; dalla Commodity Futures Trading Commission ("CFTC"). - il Deutsche Bank Liquid Commodity IndexTM - Optimum Yield Balanced GBP; il Deutsche Bank Liquid Commodity IndexTM - Optimum Yield Balanced CHF; il Deutsche Bank Commodity Booster - Dow Jones-UBS EUR IndexTM; il Deutsche Bank Commodity Booster - Dow Jones-UBS CHF IndexTM; il Deutsche Bank Commodity Booster - Dow Jones-UBS USD IndexTM; il Deutsche Bank Commodity Booster Light Energy EUR Benchmark IndexTM; il Deutsche Bank Commodity Booster Light Energy USD Benchmark IndexTM; e il Deutsche Bank Commodity Booster Light Energy CHF Benchmark IndexTM. Gli Azionisti che negoziano le Azioni sul mercato primario e che non dovessero convenire con le modifiche sopra riportate potranno ottenere il rimborso delle proprie azioni, conformemente a quanto previsto dal prospetto di db x-trackers, senza che sia applicata alcuna commissione di rimborso per un periodo pari ad un mese dalla data della presente comunicazione. Si ricorda che la Societ non impone alcuna commissione di rimborso per la vendita delle Azioni sul mercato secondario. Gli ordini di vendita delle Azioni sulla borsa valori possono essere impartiti attraverso un intermediario o un broker autorizzati. Tali ordini di vendita delle Azioni potranno essere soggetti a costi sui quali la Societ non ha alcun controllo ed ai quali la summenzionata esenzione non e applicabile. La descrizione aggiornata degli Indici sar disponibile sul sito http://index.db.com e su richiesta presso la sede legale della Societ. La presente ha esclusivamente scopo informativo. Gli Azionisti non sono tenuti ad intraprendere alcuna azione. Per ulteriori informazioni possibile rivolgersi a State Street Bank Luxembourg S.A., la quale agisce in qualit di Agente Amministrativo della Societ (tel.: +352 46 40 10 894, fax: +352 46 40 10 687, all'attenzione di Florence Alexandre). Lussemburgo, 17 gennaio 2012 Distinti saluti, Il Consiglio di Amministrazione db x-trackers Socit d'lnvestissement capital variable (Societ d'investimento a capitale variabile) Sede Legale: 69, route dEsch L-1470 Lussemburgo N. iscriz. R.C.S. Lussemburgo: B-104.413 (la Societ) Oggetto: AVVISO AGLI AZIONISTI IN ITALIA DEI COMPARTI DB Platinum Commodity Euro, classe di azioni R1C-A DB Platinum Agriculture Euro, classe di azioni R1C-A DB Platinum Dynamic Aktien Plus, classe di azioni R1C-A DB Platinum Commodity Harvest, classe di azioni R3C-E (i "Comparti") Egregio Azionista, maggiore flessibilit allo Sponsor dell'Indice in casi in cui diversamente potrebbe non esservi alcuna alternativa al rimborso Deutsche Bank AG, che agisce tramite la propria Filiale di Londra, immediato degli strumenti finanziari del relativo Comparto. in qualit di sponsor dell'indice (lo "Sponsor dell'Indice"), modificher i seguenti indici (singolarmente un "Indice" e L'indice sottostante dei comparti DB Platinum Commodity Euro e DB Platinum Agriculture Euro (denominati rispettivamente Deutsche Bank congiuntamente gli "Indici"): Commodity Euro IndexTM e Deutsche Bank Agriculture Euro IndexTM) sar con efficacia dal 17 febbraio 2012: altres modificato al fine di tenere conto del "Final Regulations on Position Limits for Futures and Swaps" pubblicato nel mese di ottobre 2011 dalla - Deutsche Bank Agriculture Euro IndexTM; - Deutsche Bank Liquid Commodity (Mean Reversion) Euro IndexTM; Commodity Futures Trading Commission ("CFTC"). - db Commodity Harvest-10 Euro IndexTM; Gli azionisti che non concordino con tali modifiche possono ottenere il - db Commodity Harvest-10 USD IndexTM; rimborso delle proprie azioni, tramite State Street Bank S.p.A., con - db Commodity Harvest Euro IndexTM; sede legale in Via Ferrante Aporti, 10 20125 Milano, in qualit di - db Commodity Harvest USD IndexTM; Soggetto Incaricato dei Pagamenti, in conformit al prospetto di DB - db Commodity Harvest-3.5 Euro IndexTM; e Platinum, senza addebito di commissioni (fatta eccezione per quelle TM relative all'attivit di intermediazione dei pagamenti addebitate dal - db Commodity Harvest-3.5 USD Index ; Soggetto Incaricato dei Pagamenti, il cui importo specificato nel e con efficacia dal 13 marzo 2012: Modulo di Sottoscrizione), per un periodo di un mese dalla data della - Deutsche Bank Commodity Euro IndexTM. presente comunicazione. Le modifiche previste avranno impatto sui Comparti in quanto ciascun La descrizione aggiornata degli Indici sar disponibile sul sito Comparto fa riferimento in tutto o in parte a uno o pi Indici. https://index.db.com e su richiesta presso la sede legale della Societ e presso il Suo Collocatore. Le modifiche apportate a ciascun Indice sono esclusivamente di natura tecnica, fatta eccezione per l'inserimento di una previsione Il Prospetto aggiornato di DB Platinum, che riflette le suddette denominata "Evento di Turbativa della Copertura". Tale previsione modifiche, sar pubblicato in Italia a tempo debito, secondo le concerne eventi in cui lo Sponsor dell'Indice, dopo aver fatto quanto modalit previste dalla disciplina applicabile. ragionevolmente possibile sotto un profilo commerciale, non sia in grado di provvedere alla propria copertura a fronte dell'esposizione verso oscillazioni del relativo Indice. In tali casi, lo Sponsor dell'Indice pu (i) adottare decisioni e/o apportare rettifiche alla descrizione dell'Indice al fine di essere in grado di determinare i livelli di chiusura dell'Indice, (ii) posticipare la pubblicazione dei livelli di chiusura fino alla cessazione dell'evento, o (iii) cancellare definitivamente l'Indice. La disposizione di cui sopra conferisce La presente lettera ha esclusivamente scopo informativo. Gli azionisti non sono tenuti ad intraprendere alcuna azione. Per ulteriori informazioni la invitiamo a rivolgersi al Suo Collocatore. Distinti saluti, Lussemburgo, 17 gennaio 2012 Il Consiglio di Amministrazione DB Platinum

Le modifiche previste avranno un impatto sui Comparti, in dipendenza del fatto che ciascuno di essi e correlato, interamente o parzialmente, ad uno o pi Indici. Le modifiche apportate a ciascun Indice hanno, esclusivamente, natura tecnica, fatta eccezione per l'aggiunta della clausola intitolata "Evento di Turbativa della Copertura" ("Hedging Disruption Event"). Tale clausola interessa eventi a seguito dei quali lo Sponsor dell'Indice, dopo aver posto in essere tutte le misure possibili e ragionevoli dal punto di vista commerciale, sia impossibilitato a fornire una copertura rispetto alla propria esposizione ai movimenti dell'Indice di riferimento. In tali casi, lo Sponsor dell'Indice pu (i) adottare decisioni e/o apportare modifiche alla descrizione dell'Indice, al fine di essere in grado di determinare i livelli di chiusura dell'Indice, (ii) posticipare la pubblicazione dei livelli di chiusura sino a quando cessi l'evento di turbativa, o (iii) annullare definitivamente l'Indice. La clausola di cui sopra offre una maggiore flessibilit allo Sponsor dell'Indice nel caso in cui non sia presente alcuna alternativa disponibile se non il rimborso immediato dei titoli del relativo Comparto.

AUTORITA PORTUALE DI MESSINA


Sistema Portuale di Messina e Milazzo Area Affari Legali, Gare e Contratti Servizio Appalti e Gare ESTRATTO BANDO DI GARA Stazione appaltante: Autorit Portuale di Messina, Via Vittorio Emanuele n. 27 98100 Messina, tel. +39 0906013210 - fax +39 090710120. Luogo di esecuzione: Porto di Messina. Aggiudicazione: Procedura aperta ai sensi degli artt. 3, 11, 54, 55, 66, 70 e 124 del D.Lgs. 163/2006 e smi per laffidamento triennale del servizio di pulizia dello specchio acqueo. CIG 3702783132. Importo a b.a.: . 510.000,00. Criterio di aggiudicazione: offerta col criterio del prezzo pi basso ai sensi dellart. 86 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i. Termine ricezione domande: entro ore 13,00 del 15/03/2012. Documenti e modalit presentazione offerte: vedasi Bando, Disciplinare gara e Disciplinare tecnico-descrittivo con rispettivi allegati disponibili sul sito www.porto.messina.it. Data, ora e luogo apertura buste: 22/03/2012 ore 10.00, Messina, via Vittorio Emanuele n. 27. Il Presidente - Prof. Ing. Dario Lo Bosco

AUTORITA PORTUALE DI MESSINA


Sistema Portuale di Messina e Milazzo Area Affari Legali, Gare e Contratti Servizio Appalti e Gare ESTRATTO BANDO DI GARA Stazione appaltante: Autorit Portuale di Messina, Via Vittorio Emanuele n. 27 98100 Messina, tel. +39 0906013210 fax +39 090710120. Luogo di esecuzione: Porto di Messina. Aggiudicazione: Procedura aperta ai sensi degli artt. 3, 11, 54, 55, 66, 70 e 124 del D.Lgs. 163/2006 e smi per laffidamento triennale del servizio di pulizia delle banchine, dei piazzali, delle strade daccesso e dei moli. CIG 3665124BFE. Importo a b.a.: . 260.000,00. Criterio di aggiudicazione: offerta col criterio del prezzo pi basso ai sensi dellart. 86 del D. Lgs. 163/2006 e s.m.i. Termine ricezione domande: entro ore 13,00 del 29/02/2012. Documenti e modalit presentazione offerte: vedasi Bando, Disciplinare gara e Disciplinare Tecnico-descrittivo con rispettivi allegati disponibili sul sito www.porto.messina.it. Data, ora e luogo apertura buste: 07/03/2012 ore 10.00, Messina, via Vittorio Emanuele n. 27. Il Presidente Prof. Ing. Dario Lo Bosco

I.A.R. SILTAL S.P.A. IN AMMINISTRAZIONE STRAORDINARIA


BANDO DI VENDITA I sottoscritti avv. Antonio Casilli, Dott. Silvano Montaldo e Prof. Avv. Antonio Rizzi nella propria qualit di commissari straordinari della societ I.A.R. SILTAL S.p.A. debitamente autorizzati dal Ministero dello Sviluppo Economico pongono in vendita, un immobile a destinazione produttiva ubicato nel comune di Occimiano (AL), Strada Statale n. 31 del Monferrato dettagliatamente e compiutamente descritto nella perizia dellArch. Luigi Bugatti, disponibile presso gli uffici della procedura in Milano Via Piranesi 22 Tel. 02.73954825, Fax 02.70121242 e sul sito www.tribunale-milano.net. INVITA Tutti gli interessati a far pervenire offerte irrevocabili dacquisto, in conformit a quanto previsto nel Regolamento dofferta, disponibile presso gli uffici della procedura in Milano Via Piranesi 22 telefono 02.73954825 - fax 02.70121242 e sul sito www.tribunale - milano.net. Lofferta dovr essere indirizzata al ai Commissario Straordinari e, pervenire presso il Notaio Caterina Bima con studio a Torino in Corso Duca degli Abruzzi n. 16 (CAP 10129) tel. 0115570311 - fax 0115570330, in plico chiuso raccomandato recante la dicitura Offerta per lacquisto dellImmobile di OCCIMIANO, entro e non oltre le ore 12.00 del giorno 15 marzo 2012. I relativi plichi verranno aperti entro il 16 marzo 2012 presso lo studio del notaio. Il prezzo base dellofferta per il complesso immobiliare di Euro 2.000.000,00 (duemilioni\00), oltre imposte. Allofferta, dovr essere altres allegata una cauzione pari al 10 per cento del prezzo offerto mediante versamento di un assegno circolare intestato a IAR SILTAL S.p.A. in amministrazione straordinaria. In caso di pluralit di offerte si proceder davanti al Notaio sopra indicato a gara mediante rilanci nei successivi 15 giorni. Laggiudicazione dei beni avverr al contraente che abbia offerto il prezzo pi alto. Si precisa che il presente annuncio non costituisce proposta n offerta al pubblico ex art. 1336 c.c. n sollecitazione al pubblico risparmio, n impegna in alcun modo i Commissari Straordinari a contrarre. Ogni definitiva determinazione sar, in ogni caso, soggetta ad autorizzazione del Ministero dello Sviluppo Economico. Il trattamento dei dati forniti dai soggetti interessati effettuato in conformit del D.Lgs. n. 196/03. Per ogni ulteriore informazione, anche relativa allo stato di fatto e di diritto dellimmobile e per visionare lo stesso, rivolgersi agli uffici della procedura in Milano Via Piranesi 22 telefono 02.73954825 - fax 02.70121242. Milano, 20 dicembre 2011. I Commissari Straordinari Antonio Casilli - Silvano Montaldo - Antonio Rizzi

AVVISO IMPORTANTE

DB PLATINUM IV
Socit d'lnvestissement capital variable (Societ d'investimento a capitale variabile) Sede Legale: 69, route dEsch L-1470 Lussemburgo N. iscriz. R.C.S. Lussemburgo: B-85.828 (la Societ) Oggetto: AVVISO AGLI AZIONISTI IN ITALIA DEI COMPARTI DB Platinum IV Dynamic Alternative Portfolio, classe di azioni R2C DB Platinum IV Sovereign Plus, classi di azioni R1C e R1C-A DB Platinum IV Dynamic Bond Plus, classi di azioni R1C e R1C-A DB Platinum IV Dynamic Bond Stabilitt Plus, classi di azioni R1C e R1C-A (i "Comparti") Egregio Azionista, sede legale in Via Ferrante Aporti, 10 20125 Milano, in qualit di Deutsche Bank AG, che agisce tramite la propria Filiale di Londra, in Soggetto Incaricato dei Pagamenti, in conformit al prospetto di qualit di sponsor dell'indice (lo "Sponsor dell'Indice"), modificher DB Platinum IV, senza addebito di commissioni (fatta eccezione per l'Indice Deutsche Bank Liquid Commodity (Mean Reversion) Euro IndexTM quelle relative all'attivit di intermediazione dei pagamenti addebitate dal Soggetto Incaricato dei Pagamenti, il cui importo specificato (l'"Indice") con efficacia dal 17 febbraio 2012. nel Modulo di Sottoscrizione), per un periodo di un mese dalla data Le modifiche previste avranno impatto sui Comparti in quanto della presente comunicazione. ciascun Comparto fa riferimento in tutto o in parte all'Indice. La descrizione aggiornata dell'Indice sar disponibile sul sito Le modifiche apportate all'Indice sono esclusivamente di natura https://index.db.com e, su richiesta, presso la sede legale della tecnica, fatta eccezione per l'inserimento di una previsione Societ e presso il Suo Collocatore. denominata "Evento di Turbativa della Copertura". Tale previsione concerne eventi in cui lo Sponsor dell'Indice, dopo aver fatto quanto Il Prospetto aggiornato di DB Platinum IV, che riflette le suddette ragionevolmente possibile sotto un profilo commerciale, non sia in modifiche, sar pubblicato in Italia a tempo debito, secondo le grado di provvedere alla propria copertura a fronte dell'esposizione modalit previste dalla disciplina applicabile. verso oscillazioni dell'Indice. In tali casi, lo Sponsor dell'Indice pu La presente lettera ha esclusivamente scopo informativo. Gli (i) adottare decisioni e/o apportare rettifiche alla descrizione azionisti non sono tenuti ad intraprendere alcuna azione. dell'Indice al fine di essere in grado di determinare i livelli di chiusura dell'Indice, (ii) posticipare la pubblicazione dei livelli di chiusura fino Per ulteriori informazioni la invitiamo a rivolgersi al Suo Collocatore. alla cessazione dell'evento, o (iii) cancellare definitivamente l'Indice. Distinti saluti, La disposizione di cui sopra conferisce maggiore flessibilit allo Sponsor dell'Indice in casi in cui diversamente potrebbe non esservi Lussemburgo, 17 gennaio 2012 Il Consiglio di Amministrazione alcuna alternativa al rimborso immediato degli strumenti finanziari del DB Platinum IV relativo Comparto. Gli azionisti che non concordino con tali modifiche possono ottenere il rimborso delle proprie azioni, tramite State Street Bank S.p.A., con (giusta procura rilasciata dai legali rappresentanti di DB Platinum IV in data 15 aprile 2010)

FORNITURA DI SISTEMI INFUSIONALI


Ente appaltante: Intercent-ER Agenzia regionale di sviluppo dei mercati telematici - Regione Emilia-Romagna - Viale Aldo Moro n. 38 40127 Bologna - Tel (+39) 051.5273082 fax (+39) 051.5273084 - e-mail: intercenter@regione.emilia-romagna.it Oggetto dellappalto: Procedura aperta per la fornitura di sistemi infusionali pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 92 del 11/08/2011 5^ serie speciale Contratti Pubblici. Data di aggiudicazione dellappalto: 15/09/2011 (lotti 2-3-4) e 25/11/2011 (lotto 1). Aggiudicatario: CareFusion Italy 311 S.r.l. di Sesto Fiorentino (FI) (Lotti 1 e 2); Hospira Italia S.r.l. di Napoli (Lotto 3); Covidien Italia S.p.A. di Segrate (Lotto 4). Importo di aggiudicazione: Euro 3.175.555,80 IVA esclusa (Lotto 1), Euro 818.046,48 IVA esclusa (Lotto 2), Euro 234.840,00 IVA esclusa (Lotto 3), Euro 1.968.857,79 IVA esclusa (Lotto 4). Il Direttore di Intercent-ER: (Dott.ssa Anna Fiorenza)

ESITO DI GARA

COMUNE DI CAMUGNANO Provincia di Bologna


2 Settore: Servizi Tecnici Estratto bando di gara Procedura aperta, per appalto integrato ai sensi dellart. 53, comma 2, lettera c) del D.Lgs del 12 aprile 2006 n. 163 s.m.i. e dellart. 168 del D.P.R del 5 ottobre 2010 n. 207. Oggetto: progettazione definitiva, da acquisire in sede di offerta, esecutiva e realizzazione di centrale di cogenerazione a biomassa, potenza minima installata 100 kWel con turbina a gas a combustione esterna in forno a griglia mobile per produzione combinata di energia elettrica/calore - CUP: B75F11000180002 - CIG: 37719675A2. Luogo esecuzione/consegna: Comune di Camugnano - fraz. Carpineta loc. Gumiera. Categoria: Categoria OG9, classifica III. Importo a base di gara: Importo complessivo (a corpo) pari ad Euro 825.600,00 IVA esclusa. Termine di ricevimento delle offerte: entro le ore 12 del giorno 13.03.2012. Indirizzo: Comune di Camugnano - Ufficio protocollo Piazza Kennedy, 1 - 40032 Camugnano (BO). Criterio di aggiudicazione: Offerta economicamente pi vantaggiosa (20 punti offerta economica e 80 punti offerta tecnica) ai sensi dellart. 83 del D.Lgs n. 163/2006, con offerta da produrre secondo il metodo del ribasso unico percentuale sugli importi posti a base di gara. La documentazione di gara visionabile e scaricabile gratuitamente dal sito: www.comune.camugnano.bo.it. Il Responsabile del Procedimento Ing. Massimo Melato

ICAB INDUSTRIA CONSERVE ALIMENTARI BUCCINO S.P.A.


Sede in Agglomerato Industriale Lotto 14 - 84021 Buccino (SA) Registro delle Imprese 07239170637 Rea Salerno n. 313934 Codice fiscale e partita IVA 07239170637 Oggetto: Convocazione di assemblea I signori soci ed i componenti il Collegio sindacale della ICAB s.p.a. sono convocati il giorno 07.02.2012 alle ore 09,30 presso lo studio del notaio Aniello Calabrese a Pagani (Sa) alla via Nicola Pagano n. 34, in assemblea ordinaria per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno: Finanziamento dei soci: rinunzia e capitalizzazione della societ mediante versamenti in riserva nominativa futuro aumento di capitale sociale I signori soci ed i componenti il Collegio sindacale della ICAB s.p.a. sono altres convocati il giorno 07.02.2012 alle ore 10,30 presso lo studio del notaio Aniello Calabrese a Pagani alla via Nicola Pagano n. 34, in assemblea straordinaria per discutere e deliberare sul seguente ordine del giorno: Deliberazione in merito allaumento di capitale sociale fino all'importo massimo di Euro 1.200.000,00 da eseguirsi mediante nuovi capitali e/o mediante imputazione a capitale di riserve in conto futuro aumento di capitale.

Societ con Unico Socio, soggetta allattivit di direzione e coordinamento dellAutomobile Club dItalia
Via Fiume delle Perle, n. 24 - 00144 Roma - mail gara: gara.manutenzioneimpianti2012@informatica.aci.it CIG: 379042774E AVVISO PER ESTRATTO DI GARA E indetta una gara a procedura aperta per laffidamento del servizio di conduzione e manutenzione degli impianti tecnologici e dei locali delle sedi di ACI Informatica. La base dasta dellappalto di 1.100.000,00 (unmilionecentomila/00), IVA esclusa, comprensiva degli oneri di sicurezza pari ad 800,00, per la durata di 36 mesi. La gara effettuata secondo la procedura fissata dal D. Lgs. 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed aggiudicata in favore dellofferta economicamente pi vantaggiosa. Il Bando di gara pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale UE e su quella della Repubblica Italiana, alle quali stato inviato in data: 05/01/2012. Le Imprese interessate possono ritirare la documentazione ufficiale di gara (Disciplinare di gara e relativi allegati), mediante presentazione di specifica richiesta con delega a favore dellincaricato al ritiro, tutti i giorni feriali, escluso il sabato, dalle 9.00 alle 12.00, entro il 27/02/2012, presso gli uffici della ACI Informatica S.p.A. siti in Roma, in Via Fiume delle Perle n. 24, secondo le indicazioni in evidenza sul Bando di gara. La documentazione non ufficiale di gara disponibile sul sito www.informatica.aci.it. Le offerte dovranno essere presentate entro il termine perentorio delle ore 12:00 del 27/02/2012, pena la non ammissione alla gara. Informazioni e/o chiarimenti sul Bando di gara, Disciplinare di gara, Schema di contratto, Capitolato Tecnico e gli altri atti di gara, potranno essere richiesti esclusivamente mediante fax al n. 06-52999259 entro le ore 12:00 del 13/02/2012. ACI Informatica S.p.A. - Divisione Informatica Il Direttore Generale - Ing. Daniele Bettarelli

Universit degli Studi di Catania


P.zza Universit, 2 - Catania AVVISO ESITO DI GARA CIG: 0558388C57 Ai sensi delle vigenti disposizioni normative in materia, questa Amministrazione rende noto che alla procedura aperta del 22 e 23 febbraio 2011, del 21, 22 e 23 marzo 2011, del 14 aprile e del 12 luglio 2011, relativa allappalto misto di lavori e servizi di riattamento, ammodernamento e manutenzione ordinaria patrimonio edilizio, viabilit, aree esterne ed impianti: sistema di global service per limporto a b.a. di 8.600.000,00 + IVA, hanno partecipato n. 7 imprese. Laggiudicazione stata effettuata in favore della ditta Cofely Italia - via Ostiense, 333 - Roma, che ha ottenuto un punteggio complessivo di 85,774 e ha offerto il canone annuo di 1.898.000,00 comprensivo di 43.000,00 quali oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso dasta + IVA. Seconda concorrente nella graduatoria delle offerte risulta essere lA.T.I. SIRAM-CNS che ha ottenuto il punteggio complessivo di 79,583 e ha offerto il canone annuo di 1.545.453,00 comprensivo di 43.000,00 quali oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso dasta +IVA. Il Dirigente - Avv. Giuseppe Verz

Immobili industriali e commerciali, strutture turistiche VENDITA SENZA INCANTO: fissata per il giorno 29/02/2012, di terreno industriale/commerciale di mq 18.200 e tre capannoni compresi nel terreno stesso, per una superficie coperta di mq 7.800 situati nel Comune di Arquata Scrivia in Via Gramsci, n. 52. La propriet si trova a circa 1 km dal casello autostradale di Arquata Scrivia ed adiacente alla Stazione Ferroviaria dello stesso Comune; la propriet potr essere accessibile direttamente anche ai treni merci attraverso una rete di binari gi esistente in comunicazione con la Stazione. Prezzo base dasta: 3.380.000,00. Per informazioni visitare i siti web asteimmobili.it, portaleaste.it e astegiudiaziarie.it o rivolgersi allo Studio dellAvv. Mirko Zaffaroni tel 0236746489 VEP106444.

CASCINA MERLATA S.P.A.


Cascina Merlata S.p.A., Via Eritrea n. 48/8 - 20157 Milano ha indetto una procedura ristretta per laffidamento dellappalto concernente la realizzazione delle opere di urbanizzazione relative al comparto Cascina Merlata in Milano. Importo complessivo dellappalto: 69.150.528,60 Iva esclusa, di cui: 1.046.889,67 per la progettazione esecutiva, soggetti a ribasso, 65.703.826,23 per lavori, soggetti a ribasso ed 2.399.812,70 per oneri per la sicurezza, non soggetti a ribasso. Criterio di aggiudicazione: offerta economicamente pi vantaggiosa. Le domande di partecipazione dovranno pervenire presso Cascina Merlata S.p.A. entro le ore 12,00 del 6 febbraio 2012. Il bando integrale stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 6 del 16 gennaio 2012 ed scaricabile dal sito www.cascinamerlataspa.it. Per informazioni: geom. Alberto Toretti - tel. 02 880001343 - fax 02 880001344 e-mail: info@cascinamerlataspa.it. Il Responsabile Unico del Procedimento Geom. Alberto Toretti

Presidenza del Consiglio dei Ministri


Dipartimento di Protezione Civile AVVISO DI GARA Il Soggetto Attuatore per la gestione del Centro di Accoglienza per richiedenti Asilo (CARA) di Mineo, ex Decreto del Commissario delegato rep. 3246 del 28.06.2011, c/o Provincia Regionale di Catania, via Nuovaluce, 67/A 95030 Tremestieri Etneo - Tel. +39 095 4012415 Fax +39 095 4012894. E-mail: soggettoattuatore@provincia.ct.it - Pec: soggettoattuatorecaramineo@pec.it., INDICE GARA, ex art. 55 D.lgv.163/2006, per lAffidamento dei servizi e delle forniture per la gestione del Centro sino al 31.12.2012. CIG 3774631C07. Limporto posto a base di gara determinato dal prezzo unitario di 34,00 pro capite, pro die, IVA esclusa, per un massimo di 2000 posti. Il termine di scadenza per la presentazione delle offerte fissato entro le ore 12,00 del 28.01.2012. Lavviso pubblicato sulla GURI n. 5 del 13.01.2012. Bando e disciplinare di gara sono pubblicati sui siti: www.provincia.ct.it. Il R.U.P. - Dott. Giovanni Ferrera

RCS MediaGroup S.p.A. Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano

Piccola Pubblicit - Punti raccolta inserzioni

SPORTELLI AGENZIE
BARI - Via P. Villari 50 Tel. 080 5760111 - Fax 080 5760126 Dal lunedi al venerdi 9-13 / 14.30-18 BOLOGNA - Via S. Donato 85 Tel. 051 4201711 - Fax 051 4201028 Dal lunedi al venerdi 9-13 / 14-18 COMO - Piazza del Popolo 5 Tel. 031 243464 - Fax 031 303326 Dal lunedi al venerdi 8.30-12.30 / 14.30-18.30 FIRENZE - Lungarno alle Grazie 22 Tel. 055 552341 - Fax 055 55234234 Dal lunedi al venerdi 9-13 / 14-17.30 MILANO - Via Solferino 22 Tel. 02 6282 7555 / 7422 - Fax 02 6552436 Dal lunedi al venerdi 9-17.45 NAPOLI - Vico San Nicola alla dogana 9 Tel. 081 4977711 - Fax 081 4977712 Dal lunedi al venerdi 9-13 / 14.45-17.30 OSIMO (AN) - Via Grandi 10 Tel. 071 7276077 Fax 071 7276084 Dal lunedi al venerdi 9-13 / 14-18 PALERMO - Via G. Sciuti 164 Tel. 091 306756 Fax 091 342763 Dal lunedi al venerdi 9-13,30 / 15-18 PADOVA - Via Francesco Rismondo 2e int. 8 Tel. 049 6996311 - Fax 049 7811380 Dal lunedi al venerdi 9-13 / 14-18 TORINO - Corso Duca dAosta 1 Tel. 011 502116 - Fax 011 503609 Dal lunedi al venerdi 9-13 / 14-18 VERONA - Via Carlo Cattaneo, 26 Tel. 045 8011449 Fax 045 8010375 Dal lunedi al venerdi 9-13 / 14-18

AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTI CLINICI DI PERFEZIONAMENTO


Via L. Castelvetro, 22 - 20154 Milano Estratto bando di gara E indetta gara secondo procedura aperta, ai sensi dellart. 55 del D.Lgs. 163/2006, per laffidamento del Servizio di bonifica e sanificazione ai fini della prevenzione del rischio legionellosi dei presidi ospedalieri Buzzi, Cto, Citt di Sesto San Giovanni e Bassini di Cinisello Balsamo. (CIG n. 3622383503). della durata di 60 mesi. Limporto a base di gara di 383.706,86, oltre ai costi per la sicurezza relativi alle interferenze non soggetti a ribasso, pari a 3.380,00, I.V.A. esclusa. Aggiudicazione: Offerta economicamente pi vantaggiosa in base ai criteri indicati nel capitolato doneri. Termine scadenza offerte: 17/02/2012, ore 12:00. Gli interessati potranno visionare il bando integrale sulla G.U.U.E. - Supplemento n. S4 del 07/01/2012, sulla G.U.R.I. n. 5 - V Serie Speciale Contratti Pubblici - del 13/01/2012 e tutta la documentazione di gara sul sito internet aziendale www.icp.mi.it. IL DIRETTORE GENERALE - dott. Alessandro Visconti

CITT DI TORRE DEL GRECO


- Servizio Gare e Contratti Avviso di gara a procedura aperta indetta gara a procedura aperta, con il criterio del prezzo pi basso per lappalto dei Servizi di igiene urbana per il periodo 21 maggio 2012 20 gennaio 2016. Importo dellappalto 30.742.127,43 comprensivo di 88.000,00 per oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso. Termine ricezione delle offerte: ore 12.00 del 15 febbraio 2012. Data di invio del bando alla G.U.C.E.: 3 gennaio 2012. Bando e disciplinare di gara sono pubblicati in forma integrale allalbo pretorio della stazione appaltante e sul profilo di committente allindirizzo: www.comune.torredelgreco.na.it/il-comune/bandi-e-appalti. Il Dirigente Avv. Antonino Salvini

COMUNE DI VIZZOLO PREDABISSI Provincia di Milano


Avviso di gara gestione servizi igiene urbana dal 01/04/2012 al 31/12/2015 - (CIG: 3780627019) I) Amministrazione aggiudicatrice: Comune di Vizzolo Predabissi, Via G. Verdi n. 9, 20070 Vizzolo Predabissi, tel. 0298202221, fax 0298231392; II.1.1) Denominazione conferita allappalto: Gestione dei servizi di igiene urbana per i comuni di Vizzolo Predabissi e Cerro al Lambro; II.1.2) Tipo di appalto: servizi (cat. 16 - CPC 94); II.2) Quantitativo dellappalto: Il corrispettivo del servizio a base dasta fissato in Euro 2.625.000,00 oltre IVA di cui Euro 7.500,00 per oneri della sicurezza non soggetti a ribasso; II.3) Durata dellappalto: dall1/4/2012 al 31/12/2015; III) Capacit economica e tecnica: possesso della capacit finanziaria, tecnica ed economica da comprovarsi con idonee dichiarazioni specificate nel bando e disciplinare di gara; IV.1-2) Tipo di procedura e criteri di aggiudicazione: aperta mediante presentazione di offerta economicamente pi vantaggiosa; IV.3.4) Termine per il ricevimento delle offerte: 23/02/2012 ore 12.00; IV.3.8) modalit di apertura delle offerte: 24/02/2012 ore 10.00; Bando, disciplinare di gara, capitolato speciale dappalto e documentazione integrale scaricabile allURL: www.comune.vizzolopredabissi.mi.it oppure www.comune.cerroallambro.mi.it; VI.5) Spedizione avviso GUCE: 02/01/2012 - Pubblicazione GURI: 09/01/2012. IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Geom. Angelo Bettinelli

Per la pubblicit legale e finanziaria rivolgersi a:


Via Rizzoli, 8 20132 Milano Tel. 02 2584 6665 02 2584 6256 Fax 02 2588 6114 Via Valentino Mazzola, 66/D 00142 Roma Tel. 06 6882 8650 Fax 06 6882 8682 Vico II San Nicola alla Dogana, 9 80133 Napoli Tel. 081 49 777 11 Fax 081 49 777 12 Via Villari, 50 70122 Bari Tel. 080 5760 111 Fax 080 5760 126

RCS MediaGroup S.p.A. Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano

www.corriere.it/legale

RCS MediaGroup S.p.A. Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

33

Economia
Indici delle Borse
FTSE MIB 15.220,98 1,40% 1,16% 1,24%

FTSE MIB
Londra Francoforte Parigi (Cac40) Hong Kong Tokio (Nikkei) Madrid 5.657,44 6.220,01 3.225,00 0,37% 1,25% 0,89%

La settimana

Cambi
1 euro 1 euro 1 euro 1 euro 1 euro 1 euro 1,2669 dollari 97,2500 yen 1,2093 fr. sv. -0,79% -0,82% -0,05%

Terna

La settimana

Titoli di Stato
Titolo Ced. Quot. Rend. eff. 16-01 netto % Titolo Ced. Quot. Rend. eff. 16-01 netto %

Btp 09-01/07/12 2,500% Btp 10-15/12/12 2,000% Btp 08-15/12/13 3,750% Btp 10-01/11/13 2,250% Btp 11-01/04/14 3,000% Btp 04-01/02/15 4,250% Btp 10-15/04/15 3,000% Btp 11-15/04/16 3,750%

99,95 99,06 99,16 96,71 96,82 98,28 94,03 94,02

2,28 2,78 2,85 3,76 3,92 4,17 4,37 4,68 4,91

Btp 06-15/09/17 2,100% Btp 11-15/09/26 3,100% Btp 05-01/02/37 4,000% Btp 07-01/08/39 5,000% Cct 07-01/12/14 3,400% Cct 08-01/09/15 1,220% Cct 09-01/07/16 1,780% Ctz 10-31/12/12 -

81,05 73,01 67,99 76,19 94,12 89,19 86,56 97,48

8,45 6,18 8,32 6,07 6,28 4,89 5,49 5,72 2,70

FTSE It.All Share 16.036,38 FTSE It.Star Dow Jones Nasdaq S&P 500 9.538,82

Btp 96-01/11/26 7,250% 102,37

Btp 02-01/02/13 4,750% 101,34

0,8274 sterline -0,69% 8,8748 cor.sve. -0,16% 1,2929 dol.can. -0,69%

Borsa Chiusa Borsa Chiusa Borsa Chiusa

19.012,20 -1,00% 8.378,36 -1,43% 8.449,60 -0,01%

La lente PI AMERICANI IN UNICREDIT, SALE CAPITAL RESEARCH

Il salvataggio Consob si prepara a discutere lesenzione dallOpa a cascata dopo lofferta pubblica su Premafin

Unipol apre i libri dei conti Fonsai


Scivolone in Borsa (-5%). Laumento di capitale al consiglio del 27
MILANO I consigli di Premafin, Fonsai e Milano assicurazioni danno il via libera alla due diligence che Unipol avvia a partire da oggi, preliminare alloperazione che porter alla costruzione del maxi polo da 20 miliardi di premi. Ieri i board delle societ del gruppo Ligresti si sono riuniti per un aggiornamento, che in sostanza significa lok agli accordi sottoscritti venerd fra la famiglia e il gruppo bolognese. In Borsa il titolo Fonsai ha perso il 5,22% mentre Unipol ha ceduto il 5,15%. Rispetto alle tempistica gi fissata ci sar solo un lieve cambiamento: Fonsai chieder allIsvap qualche giorno in pi per presentare in forma compiuta il progetto di salvataggio e ristrutturazione. Lo ha spiegato lamministratore delegato della compagnia Emanuele Erbetta al termine del consiglio di ieri: Chiederemo allIsvap una proroga del termine dal 23 a un giorno successivo a quello del consiglio fissato per il 27, quindi per il 28 o 29, per aver modo di dare preventivamente informativa agli amministratori. Resta quindi confermata, come hanno detto sia Erbetta sia altri consie la lettera dintenti sottoscritta non vincolante. Nei prossimi giorni poi, forse fra domani e gioved, Unipol presenter il formale quesito alla Consob sullesenzione dallOpa a cascata su Fonsai e Milano. Larchitettura delloperazione prevede lacquisto del controllo di Premafin dai Ligresti e unOpa sul resto del capitale della holding che controlla Fonsai con il 35%. Premafin verr poi ricapitalizzata da Unipol per consentire la partecipazione pro-quota allaumento Fonsai, infine si proceder alla fusione a quattro. Il progetto per subordinato allesenzione dellOpa a cascata. Trattandosi a tutti gli effetti di un salvataggio (Fonsai ha una margine di solvibilit pari al 90%, ben inferiore quindi alle soglie regolamentari del 100%), per lintervento di Unipol verosimile aspettarsi che la Consob applichi gli stessi criteri adottati qualche mese fa in occasione dellaumento di Fonsai da 800 milioni che ha visto lingresso di Unicredit con il 6,6% sostenuto da un patto con i Ligresti: lAuthority guidata da Giuseppe Vegas ha applicato larticolo 49 del regolamento emittenti che prevede appunto lesenzione in caso di salvataggio.

i rafforzano gli americani in Unicredit, mentre si assottiglia il fronte delle Fondazioni. Nel luned della seconda settimana dellaumento di capitale da 7,5 miliardi di Piazza Cordusio (ieri 2,93 euro, +0,41%) cominciano a delinearsi i contorni del nuovo azionariato della banca. Ieri ha ufficializzato di essere al 2,5% Capital Research and Management

glieri, la data del board del 27 gennaio per la determinazione dellammontare definitivo dellaumento di capitale gi deliberato in un range compreso tra 600 e 750 milioni. In quella occasione prevista anche la convocazione della relativa assemblea. La tempisti-

ca rimane quella, ha sottolineato Erbetta. Tutto a posto, tutto tranquillo, ha detto il direttore generale di Fonsai, Piergiorgio Peluso, uscendo dal board. I consigli di ieri hanno sottolineato che per la due diligence di Unipol, che dovr

concludersi secondo gli accordi nellarco di una decina di giorni, verranno messi a disposizione i dati con la precauzione dovuta al fatto che al momento il gruppo assicurativo che fa capo alla Lega delle cooperative ancora a tutti gli effetti un concorrente

Il negoziato

Contratto bancari, si tratta


MILANO Per il rinnovo del contratto dei 340 mila bancari italiani tornano a incontrarsi oggi le delegazioni dei banchieri, guidata da Francesco Micheli, e dei sindacati. Seppure non ci siano stati passi avanti significativi tra le due posizioni e anzi, forse rispetto allavvio dellincontro sia emerso qualche nuovo nodo, il clima positivo, ha dichiarato a Radiocor una fonte presente al tavolo, che mantiene lottimismo su una possibile conclusione gi entro questa settimana. Tra i nodi della parte economica c il blocco degli scatti di anzianit per un triennio: da parte dei sindacati si punta a graduare la misura per non penalizzare i pi giovani, mentre da parte delle banche sarebbe emersa una disponibilit a escludere dal blocco solo quelli che questanno maturano il primo scatto. Al clima tutto sommato positivo contribuisce anche la lettera inviata ai vertici delle banche dal presidente dellAbi, Giuseppe Mussari, che invita al blocco delle remunerazioni dei top manager apicali per tutta la durata del contratto collettivo. Mussari ha anche proposto un contributo del 4% della retribuzione fissa dei vertici delle banche al costituendo Fondo per il sostegno alloccupazione, la novit del nuovo contratto, che dovrebbe fornire gli incentivi alla nuova occupazione e anche favorire la scelta del part-time per gli addetti vicini alla quiescenza.

Company, colosso californiano da anni attivo in Italia (Fiat, Eni, Finmeccanica, Geox fra gli altri). La quota in mano al fondo Usa bilancia la discesa di Blackrock dal 5% allattuale 3% circa. Contemporaneamente Carimonte Holding (fondazioni Cr Modena e Cr Bologna e Ravenna) ha ufficializzato la discesa dal 3,12% al 2,9%. Di fatto per lente ha la titolarit solo dell1,3%, visto che l1,6% stato dato in prestito per gli arbitraggi (su tali operazioni gli interessi, dal 7,5% del primo giorno, si sono impennati fino al 20-25%): una mossa decisa per recuperare la liquidit necessaria a sottoscrivere laumento. Loperazione avvenuta il 9 gennaio, primo giorno dellaumento, quando Unicredit croll del 12,8% fra trading e arbitraggi. La discesa dei prezzi era attesa, anche se non di quellentit, come ha ammesso lo stesso amministratore delegato, Federico Ghizzoni (foto). Tanto che secondo fonti del consorzio per contenere il calo dei corsi Carimonte si sarebbe informalmente impegnata con Unicredit a effettuare cessioni del titolo entro determinati parametri, ovvero a non vendere pi del 5% dei volumi di una sola giornata e con scostamenti di prezzo non superiori all1%.

Intesa Sanpaolo

Chiamparino: pronto per la Compagnia


MILANO Sono stato contattato per la presidenza della Compagnia di San Paolo e ho dato la mia disponibilit. Lo ha detto ieri lex sindaco di Torino, Sergio Chiamparino (nella foto), che ha aggiunto: Ogni decisione spetta ora agli enti preposti. Oggi la fondazione torinese, maggior azionista di Intesa Sanpaolo, presieduta da Angelo Benessia, ma il vertice scade in primavera.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Sergio Bocconi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il retroscena Il ruolo della Idi Consulting di Laura De Cicco, consorte dellex ministro

E La Russa investe con Milone nella societ satellite dei Ligresti


MILANO Bisogna guardare nello stato di famiglia e nel portafoglio di una signora milanese per capire come lamicizia di Ignazio La Russa con i Ligresti si combini bene anche con gli affari. Ora che i Ligresti alzano le tende che ne sar di certi affari in comune, mai emersi, con Fondiaria Sai? E delle parcelle pagate da Premafin al figlio Geronimo (318 mila euro solo nel 2010)? O quelle di Fondiaria Sai al fratello Vincenzo (oltre un milione in tre anni)? La signora in questione Laura De Cicco moglie dellex ministro della Difesa. Lui tre giorni fa era al vertice decisivo in Unicredit sul riassetto del gruppo. Ai giornalisti che gli chiedevano di quella presenza un po anomala nel momento clou dei negoziati, La Russa ha risposto cos: Non bisogna dimenticare che faccio lavvocato e ho rapporti plurigenerazionali con la famiglia Ligresti. Certo non era quello il luogo e il momento per trattare il futuro della Quintogest. Una piccola partecipazione periferica nellimpero traballante. Per il grande probleLa quota di Quintogest, societ di cessione del quinto, in mano a Laura De Cicco, moglie dellex ministro La Russa

Diritti di voto Pur avendo il 49% di Quintogest, Fonsai in minoranza a causa delle azioni senza diritto di voto
Giordano che La Russa ha piazzato anche nel cda della Difesa Servizi spa, controllata dal ministero. Adriano Bazzoni, avvocato, suo compagno di studio. Beniamino Lo Presti, professionista legato al carro La Russa. E Fonsai? Ci ha messo i soldi, non governa, sta zitta e la societ perde. La moglie qui, il figlio Antonino Junior Giovanni Geronimo La Russa in Premafin (i figli pi piccoli si chiamano Lorenzo Cochise e Leonardo Apache). Avvocato, a soli 31 anni Geronimo ha fatturato lanno scorso 318 mila euro di parcelle (100 mila nel 2009) al gruppo quotato di cui consigliere. E il fratello Vincenzo? Ha offerto a Fonsai e controllate il suo contributo di avvocato civilista e amministrativista per un compenso che varia dai 300 ai 400 mila euro annui. Chiss se con i rossi di Unipol cambier qualcosa per La Russa e i suoi cari.

Geronimo La Russa, avvocato, ha fatturato 318 mila euro al gruppo di cui consigliere

Filippo Milone, sottosegretario alla Difesa, vicino a Ignazio La Russa. Presiede la Quintogest

34%

F. Mas.
RIPRODUZIONE RISERVATA

ma del gruppo Ligresti si trascina con s il piccolo problema della Quintogest che riguarda la moglie e alcuni amici e fedelissimi delluomo politico. Quattro anni fa era stata avviata lattivit di questa finanziaria, iscritta allalbo degli intermediari, il cui mestiere erogare credito a fronte della cessione del quinto dello stipendio: 37 milioni nel 2010 con 1.685 contratti. Tre

i soci fondatori: Fondiaria Sai, Antonio Giordano e una misteriosa Idi Consulting, allora coperta dalle fiduciarie Mythos e Fortune appartenenti a un gruppo finito sotto inchiesta per evasione e frode fiscale. Quando le due fiduciarie finiscono in procedura fallimentare escono allo scoperto i fiducianti e tra questi Laura La Russa De Cicco. suo il controllo di Idi ed lei dunque la seconda azionista (34%) di Quintogest dopo Fonsai (49%). Anzi arriva al 51% di Quintogest insieme ad Antonio Giordano (17%), legatissimo al marito. Eppure Fonsai ci ha messo molti pi soldi, quasi due ter-

zi dei 3 milioni di capitale. Com possibile? Semplice, una parte delle azioni Fonsai sono prive del diritto di voto. Dunque la compagnia sborsa mentre lex ministro governa con i suoi uomini in cda e la quota della moglie nel capitale. Filippo Milone risulta essere il presidente di questa societ storicamente in perdita ma capace di garantire buoni stipendi ai consiglieri. Radici a Patern (Ct) come Salvatore Ligresti e Ignazio La Russa, Milone amministr a lungo le casseforti del costruttore; oggi sottosegretario alla Difesa dopo essere stato capo della segreteria dellex ministro. E poi

Mario Gerevini

mgerevini@corriere.it
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

34

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Economia 35
#

Strategie Marchionne: con Detroit avanti veloce. Mirafiori riapre (senza Fiom) per tre giorni

Il social network
Facebook, il social network fondato da Mark Zuckerberg, dovrebbe registrare per il 2011 ricavi pari a 4 miliardi di dollari, con 800 milioni di utilizzatori

Fiat stringe su Chrysler La Borsa punta a Peugeot


Rally dei titoli a Piazza Affari, pi 7% per lauto
MILANO Un report favorevole di Goldman Sachs. Le scommesse su un possibile nuovo accordo internazionale per lauto (in cima allelenco dei potenziali partner sempre Peugeot-Citron). La conferma da parte di Sergio Marchionne sabato, a una presentazione organizzata in Svizzera da Bank am Bellevue che il lavoro di integrazione con Chrysler arriver questanno al 50% (dal 20) e che tutti i target 2011, sia per Fiat sia per Fiat Industrial, saranno rispettati. Il risultato che, se Piazza Affari snobba il doppio declassamento affibbiato da Standard & Poors allItalia (e a mezza Europa), per il Lingotto va ancora meglio che per il resto del listino. Sulla scia delle analisi di Goldman, che considera il settore sottovalutato, nelle Borse del continente salgono tutte le case automobilistiche e lautomotive in generale. Ma Torino, inserita nella lista convinction buy, a trascinare per una volta il relativo indice: il comparto va su di oltre il 3%, Fiat lascia la seduta in aumento del 7% e torna a superare quota 4 euro. Lo stesso trend vale per il resto della galassia Agnelli. Fiat Industrial, a sua volta oggetto di un convinto upgrade dalla banca daffari, mette insieme un +3,93%. E la holding di casa, Exor, che sta

18. Il 2011, tuttavia, in fondo gi scontato da analisti e investitori. Si guarda soprattutto al 2012, altro anno di sicura, marcata debolezza per il mercato europeo. Marchionne promette di compensare ancora con Usa e Brasile, e con una decisa accelerata allintegrazione Fiat-Chrysler. Oggi, ha ripetuto anche saLa fusione chiudendo la vendita di Alpi- della gestione ordinaria per 1,6, bato in Svizzera, sul piano indutour e promette una rivisitazio- indebitamento alla stessa cifra striale, finanziario e commerciaSergio le il lavoro pu essere considerane del portafoglio dinvestimen- (1,6), cash oltre i 4 miliardi. Marchion per sempre sullauto che to fatto al 20%. Nel 2012 si arriti, corre come le controllate: ne restano puntati i riflettori. An- ver almeno al 50%. +6,58%. Influiscono, sul recupero dei che qui vengono ribaditi i traDue settimane al bilancio. titoli torinesi, anche le ribadite Ma due settimane, stime sui conti 2011 e sugli anche, a un appunobiettivi finanziari da qui al tamento clou per 2014. A due settimane dalla lauto italiana: larriper cento: il rialzo del chiusura del bilancio (i relativi vo della Panda sul titolo Fiat ieri a 4,1 consigli sono in calendario per mercato. E se a Poeuro. Exor +6,6% il primo febbraio), Marchionne migliano, che con ribadisce gli obiettivi gi fissati febbraio incominceper Fiat e Fiat Industrial. Dallin- guardi gi fissati per il 2011: r a produrre sui tre turni, procontro svizzero con gli investito- Fiat e Chrysler (consolidata so- seguono le assunzioni, dopo ri internazionali arriva la confer- lo da giugno) supereranno i 58 un mese di chiusura oggi riapre ma che i camion di Iveco e le miliardi di ricavi, con un risulta- Mirafiori. A ritmo ancora ridotmacchine agricole di Cnh fini- to della gestione ordinaria oltre to (in fabbrica rientrano, fino a ranno il 2011 con questi nume- quota 2,1, debiti industriali tra gioved, 3 mila lavoratori delle ri: ricavi per 24 miliardi, utili 5 e 5,5 miliardi, liquidit oltre i linee di Idea, Musa, Mito), e con la novit legata al nuovo contratto aziendale: la Fiom fuori dalla rappresentanza, dunque dallo stabilimento, e promette di continuare la battaglia. A partire dallorganizzazione del referendum abrogativo Ricavi tariffari Enel in crescita nel 2012 Amplifon acquista degli accordi firmati da Fim, con il nuovo quadro regolatorio 2012-2015 Maxtone e sbarca in Uilm, Fismic, Ugl. definito dallAutorit per lenergia. Il Turchia. Il gruppo guidato da Sempre sul fronte sindacale, beneficio dovrebbe essere di circa 200 Franco Moscetti (foto) ha rimane aperta la vertenza Irimilioni di euro. rilevato per un milione di sbus di Valle Ufita, in provincia euro il 51% dellazienda di Avellino. Ieri nuovo incontro Jp Morgan interessata a immobili Rbs turca, attiva nella al ministero dell Sviluppo, agin Galleria Passarella e Corso Vittorio commercializzazione di apparecchi acustici. giornato ad aprile in attesa di veEmanuele a Milano. Si tratta di due immobili rificare se si concretizzer la maex Risanamento finiti alla banca scozzese a LInpgi potr ampliare la propria nifestazione dinteresse ventilafronte dellestinzione di un debito di 200 attivit alla previdenza complementare. Ieri ta dai cinesi di Amfia Motors.

Facebook, parte la corsa a Wall Street Sul listino a maggio


MILANO Questa volta pare che ci siamo. Attesa come un balsamo anticrisi ma anche temuta come una nuova bolla dei tulipani, la quotazione di Facebook dovrebbe avere la sua ics sul calendario del Nasdaq: la terza settimana di maggio. Il calcolo per l'initial public offering stato fatto da AllThingsD, il blog del Wall Street Journal guidato dal potente Walt Mossberg. Lobiettivo raggiungibile anche se rimane poco tempo per presentare i documenti alla Sec. Lautorit che vigila su Wall Street ha generalmente bisogno di tre-quattro mesi per esaminarli. Sempre che non emergano dubbi. Se saranno confermati calcoli e indiscrezioni emersi fino a oggi la quotazione potrebbe raggiungere i 10 miliardi di dollari per il 10% del capitale. E con una capitalizzazione di partenza da 100 miliardi, quella della societ nata dalla rielaborazione collettiva delle ansie giovanili di Mark Zuckerberg sarebbe la pi grande Ipo della storia della tecnologia. Secondo le previsioni gli attuali 800 milioni di utilizzatori Facebook nel mondo dovrebbero raggiungere entro lanno quota un miliardo. Anche se proprio ieri Facebook e Google hanno ricevuto una pessima notizia in India: il governo di New Delhi ha autorizzato un procedimento giudiziario avviato da un giornalista contro 21 siti Internet. Il Tribunale indiano ha minacciato di oscurare i siti se non rimuoveranno le pagine considerate offensive e con contenuti discutibili. Siamo pronti a bloccare tutto come ha fatto la Cina ha detto il giudice Suresh Kaith ieri. Di certo non una buona prospettiva per le due societ (e per gli indiani).

Panorama

M. Sid.
Twitter: @massimosideri
RIPRODUZIONE RISERVATA

milioni di euro.

il via libera condizionato dellAntitrust.

R. Po.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

36

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Nome

Data Valuta

Quota/od.

Quota/pre.

Nome
AZ F. Renminbi Opport AZ F. Reserve Short Term AZ F. Solidity AZ F. Strategic Trend AZ F. Trend

Data Valuta
12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR

Quota/od.
5,091 6,079 5,194 4,590 4,672 6,081

Quota/pre.
5,094 6,070 5,153 4,573 4,685 6,133

Nome
Eurizon Obbligazioni Euro HY

Data Valuta
12/01 EUR

Quota/od.
7,205 9,549 7,999 5,473 5,264 5,348 5,236 5,373 6,023 5,692 4,745 3,992 3,789 12,983 7,770 7,847 16,615 5,963 5,963 6,767 6,098 23,882 5,221 5,337 7,226 7,592 5,603 5,818 5,836

Quota/pre.
7,188 9,576 7,999 5,463 5,259 5,340 5,228 5,355 6,017 5,686 4,740 4,004 3,803 13,098 7,766 7,843 16,617 5,951 5,951 6,751 6,093 23,901 5,221 5,325 7,213 7,578 5,619 5,809 5,807

Nome

Data Valuta

Quota/od.
9,671 8,310 23,190 10,230 1563,000 9,140 10,460 9,830 8,570 18,020 11,020

Quota/pre.
9,639 8,280 23,170 10,150 1550,000 9,180 10,520 9,880 8,610 17,950 11,000

Nome

Data Valuta

Quota/od.

Quota/pre.

Nome

Data Valuta

Quota/od.

Quota/pre.

Glob. Tot. Ret. (EUR) Bond R-Dis. M 13/01 EUR Greater China Eq. R Greater China Eq. E Japanese Eq. Advantage E Japanese Eq. Advantage R Pan European Eq. R Pan European Eq. E Pan European Struct. Eq. R Pan European Struct. Eq. E US Value Equity R US Value Equity E 13/01 USD 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 JPY 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 USD 13/01 EUR

Eurizon Obbligazioni Internazionali 12/01 EUR Eurizon Obiettivo Rendimento Eurizon Profilo Conservativo Eurizon Profilo Dinamico Eurizon Profilo Moderato Eurizon Rendimento Assoluto 2 A Eurizon Rendimento Assoluto 3 A Eurizon Team 1 Eurizon Team 2 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 USD 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR

ASIAN OPP CAP RET EUR DYNAMIC GROWTH RET EUR FLEX DUR CAP RET EUR A FLEX QUANTITATIVE HR6 A EUR FLEX STRATEGY RET EUR HIGH GROWTH CAP RET EUR ITALY CAP RET A EUR SHORT DURATION CAP RET EUR

13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR

7,732 854,655 1067,485 96,476 95,275 60,748 16,800 898,587

7,684 857,264 1070,574 96,315 95,276 60,975 16,833 898,506 Bim Az. Small Cap Italia Bim Azionario Europa Bim Azionario Globale Bim Azionario Italia Bim Azionario USA Bim Bilanciato Bim Corporate Mix Bim Flessibile Bim Obblig. Breve Term. Bim Obblig. Globale Tel: 800/614614 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 5,531 7,933 3,448 5,476 5,840 21,109 5,567 3,772 6,584 6,335 7,023 5,666 4,318 8,286 5,036 2,079 4,449 7,519 9,509 4,820 7,059 4,920 5,300 4,554 4,345 6,062 5,205 5,254 5,283 5,081 5,486 5,045 5,238 5,110 5,115 5,701 3,980 4,834 4,928 5,328 12,181 4,853 5,540 7,967 3,481 5,531 5,927 21,206 5,558 3,789 6,581 6,339 7,008 5,660 4,271 8,216 5,024 2,069 4,427 7,520 9,510 4,805 7,058 4,939 5,346 4,595 4,352 6,138 5,199 5,253 5,287 5,078 5,477 5,041 5,226 5,110 5,114 5,697 3,968 4,827 4,887 5,317 12,195 4,838

AcomeA SGR - numero di tel. 800.89.39.89 info@acomea.it AcomeA America (A1) AcomeA America (A2) AcomeA Asia Pacifico (A1) AcomeA Asia Pacifico (A2) AcomeA Breve Termine (A1) AcomeA Breve Termine (A2) AcomeA ETF Attivo (A1) AcomeA ETF Attivo (A2) AcomeA Eurobbligazionario (A1) AcomeA Eurobbligazionario (A2) AcomeA Europa (A1) AcomeA Europa (A2) AcomeA Globale (A1) AcomeA Globale (A2) AcomeA Italia (A1) AcomeA Italia (A2) AcomeA Liquidit (A1) AcomeA Liquidit (A2) AcomeA Obbligaz. Corporate (A1) AcomeA Obbligaz. Coroprate (A2) AcomeA Paesi Emergenti (A1) AcomeA Paesi Emergenti (A2) 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 12,281 12,385 3,064 3,079 11,345 11,366 3,626 3,638 12,243 12,273 8,213 8,264 7,784 7,894 11,713 11,784 7,726 7,727 5,741 5,764 5,822 5,854 2,991 3,013 3,981 4,002 4,757 4,775 16,290 16,348 12,263 12,366 3,040 3,055 11,378 11,398 3,638 3,650 12,324 12,354 8,250 8,302 7,771 7,881 11,831 11,902 7,720 7,720 5,732 5,756 5,792 5,823 2,989 3,011 3,980 4,000 4,759 4,777 16,313 16,371

AZ F. US Income

Carige Azionario Europa Carige Azionario Internazionale Carige Azionario Italia Carige Bilanciato 10 Carige Bilanciato 30 Carige Bilanciato 50 Carige Corporate Euro Carige Total Return 1 Carige Total Return 2 Carige Liquidita Euro Carige Monetario Euro Carige Obblig Euro Carige Obblig Euro Lungo Termine Carige Obblig Globale

13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR

5,164 7,097 4,160 5,472 5,064 5,626 6,559 5,080 4,349 6,427 11,769 11,115 5,853 6,152

5,202 7,143 4,191 5,471 5,066 5,636 6,547 5,084 4,353 6,426 11,768 11,105 5,842 6,153

Eurizon Team 3 Eurizon Team 4 Eurizon Team 5 Eurizon Tesoreria Dollar Eurizon Tesoreria Euro A Eurizon Tesoreria Euro B Eurizon Tesoreria Dollar $ Eurizon Rendita Cl A Eurizon Rendita Cl D Eurizon Soluzione 10 Eurizon Soluzione 40 Eurizon Soluzione 60 Eurizon Strategia Prot I Trim 12 Eurizon Strategia Prot III Trim 11 Passadore Monetario

Per ulteriori informazioni, visitate il sito www.invescopowershares.net Dynamic US Market EQQQ EuroMTS Cash 3 Months FTSE RAFI Asia Pacific Ex-Jap FTSE RAFI Dev. 1000 Fund FTSE RAFI Dev. Europe Mid-Sm FTSE RAFI Emerging Mkts FTSE RAFI Europe FTSE RAFI Hong Kong China FTSE RAFI Italy 30 FTSE RAFI Switzerland FTSE RAFI US 1000 Global Agriculture NASDAQ OMX Global Clean Energy Global Listed Private Eq. 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 6,400 46,016 102,596 5,229 8,770 7,977 6,805 6,385 13,397 3,712 7,021 7,357 9,017 3,295 5,319 7,761 6,948 6,339 45,741 102,602 5,139 8,735 7,966 6,763 6,398 13,215 3,751 7,044 7,322 8,900 3,336 5,300 7,695 6,888

www.newmillenniumsicav.com Distributore Principale: Banca Finnat Euramerica - Tel: 06/69933475 NM Augustum Corp Bd A NM Augustum High Qual Bd A 13/01 EUR 13/01 EUR 148,170 126,610 65,370 128,100 33,680 53,960 100,010 115,430 117,600 66,780 98,430 114,140 148,000 126,670 64,960 128,170 33,860 54,250 100,360 115,140 117,500 66,610 98,320 113,930

Bim Obbligazionario Euro Sicav Asia Flessibile Sicav Azionario Euro Sicav Azionario Italia Sicav Bil.Equ. Italia Sicav Fortissimo Sicav Europa Flessibile Sicav Monetario Sicav Obblig. Area Europa Sicav Patrimonio Globale Sicav Patrimonio G. Reddito Synergia Azionario Europa Synergia Azionario Globale Synergia Azionario Italia Synergia Az. Small Cap Italia Synergia Azionario USA Synergia Bilanciato 15 Synergia Bilanciato 30 Synergia Bilanciato 50

NM Augustum Pan European Eq A 13/01 EUR NM Euro Bonds Short Term A NM Euro Equities A NM Global Equities A 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR

Fondo Pensione Aperto Carige


Dinamico Classe A Dinamico Equilibrato Classe A Equilibrato Obiettivo TFR Classe A Obiettivo TFR Prudente Classe A Prudente 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 10,290 9,928 12,822 12,521 11,141 10,982 13,782 13,567 10,080 9,731 12,495 12,207 10,838 10,686 13,523 13,317

NM Inflation Linked Bond Europe A 13/01 EUR NM Large Europe Corp A NM Previra World Cons A NM Q7 Active Eq. Int. A NM Q7 Globalflex A NM Total Return Flexible A 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR

Teodorico Monetario Unibanca Azionario Europa Unibanca Monetario Unibanca Obbligaz Euro

AcomeA Patrimonio Aggressivo (A1) 13/01 EUR AcomeA Patrimonia Aggressivo (A2) 13/01 EUR AcomeA Patrimonio Dinamico (A1) 13/01 EUR AcomeA Patrimonio Dinamico (A2) 13/01 EUR AcomeA Patrimonio Prudente (A1) 13/01 EUR AcomeA Patrimonio Prudente (A2) 13/01 EUR AcomeA Performance (A1) AcomeA Performance (A2) 13/01 EUR 13/01 EUR

Fondi Index Linked


Boemondo D'AltaVilla Clean Energy Investimenti Commodity Linked Energie Pulite Num tel: 178 311 01 00 www.compamfund.com - info@compamfund.com Bluesky Global Strategy A 12/01 USD 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 11/01 EUR 11/01 EUR 11/01 EUR 11/01 EUR 11/01 EUR 1249,087 1164,722 1135,178 1115,533 1079,576 1359,181 1320,197 1107,878 1061,874 104,704 106,570 62,004 63,708 100,939 1247,183 1164,501 1134,973 1109,672 1073,917 1358,596 1319,643 1107,248 1061,286 104,301 106,158 61,687 63,375 100,799 Energie Rinnovabili Eurotrend Atlantide Eurotrend Auto Basket Eurotrend Auto Basket Op. Eurotrend Cedola Pi Eurotrend Clean Energy Eurotrend EurUsd Eurotrend Multi Cedola Eurotrend New Energy Eurovita Bric Eurovita Compatto Eurovita Eurowin Eurovita Power Eurovita Step Up Everest II Social Responsability 09/01 13/01 13/01 11/01 11/01 11/01 11/01 11/01 09/01 11/01 94,670 EUR 93,780 EUR 93,180 EUR 96,750 EUR * EUR * EUR * EUR 92,910 EUR 89,630 EUR * EUR Baa2 MOD AAAFIT FIT FIT

MENA NASDAQ OMX Palisades Global Water

Numero verde 800 124811 www.nextampartners.com-info@nextampartners.com Nextam Bilanciato Nextam Obblig. Misto 13/01 EUR 13/01 EUR 5,453 5,938 5,472 5,937

Synergia Monetaria Synergia Obbl. Corporate Synergia Obbl. Euro B.T. Synergia Obbl. Euro M.T.

w.r. MOD n.r. FIT Tel: 02 77718.1 www.kairospartners.com

NEXTAM PARTNERS SICAV


AAM Pro Select A AAM Pro Select I BInver International A BInver International I 30/11 EUR 503960,647 510422,931 30/11 EUR 497971,432 504552,087 30/11 EUR 703777,249 708939,058 30/11 EUR 562069,279 562745,660 30/11 EUR 499691,710 500312,035 31/12 EUR 460092,118 454901,063 30/11 EUR 696763,103 704980,548 30/11 EUR 475936,238 481760,969 30/11 EUR 484917,710 490656,398 30/11 EUR 516338,497 522948,281 30/11 EUR 486729,683 493387,996 30/11 EUR 749813,283 755787,566 30/11 EUR 534427,343 539030,510 30/11 EUR 500098,982 503880,151 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 5,660 6,743 9,226 5,672 6,743 9,238 Citic Securities China A Citic Securities China I Fidela A Fidela I Income A Income I International Equity A International Equity I Italian Selection A Italian Selection I Liquidity A Liquidity I Multimanager American Eq.A Multimanager American Eq.I Multimanager Asia Pacific Eq.A Multimanager Asia Pacific Eq.I Multimanager Emerg.Mkts Eq.A Multimanager Emerg.Mkts Eq.I Multimanager European Eq.A 92,710 92,770 81,950 81,220 82,140 91,880 91,540 93,180 191,760 133,160 134,620 136,430 106,480 107,100 105,360 106,970 114,230 105,890 106,470 107,440 102,160 117,490 130,650 116,210 117,220 117,680 118,760 78,310 75,560 77,650 78,390 79,510 106,400 104,390 107,270 107,500 103,340 102,010 102,870 103,420 104,520 107,580 106,940 107,700 87,610 86,540 87,130 87,820 89,060 104,340 74,440 73,210 73,950 74,600 78,120 98,870 98,420 99,040 92,420 92,470 81,780 81,050 81,970 91,590 91,250 92,880 188,050 130,550 131,980 133,720 105,850 109,430 104,760 106,800 114,210 105,720 106,300 107,260 101,780 117,360 130,700 116,080 117,090 117,550 118,620 78,320 75,570 77,660 78,400 79,520 106,420 104,410 107,280 107,500 102,840 101,520 102,380 102,920 105,250 107,440 106,810 107,570 87,490 86,430 87,020 87,700 88,940 104,300 73,710 72,490 73,230 73,870 77,500 98,480 98,030 98,640 Fondo Donatello-Michelangelo Due 30/06 EUR Fondo Donatello-Tulipano Fondo Donatello-Margherita Fondo Donatello-David Fondo Donatello-Puglia Uno Caravaggio di Sorgente SGR 30/06 EUR 30/06 EUR 30/06 EUR 30/06 EUR 30/06 EUR 53001,059 50528,340 29275,904 58093,677 55674,536 2904,499 54575,179 49811,098 28627,386 57372,027 55416,101 2981,761 www.sorgentegroup.com www.pegasocapitalsicav.com Strategic Bond Inst. C Strategic Bond Inst. C hdg Strategic Bond Retail C Strategic Bond Retail C hdg Strategic Trend Inst. C Strategic Trend Retail C 12/01 EUR 12/01 USD 12/01 EUR 12/01 USD 12/01 EUR 12/01 EUR 101,790 101,960 101,670 101,840 103,990 103,090 101,920 102,080 101,800 101,960 104,240 103,350 Tel: 0041916403780 www.pharusfunds.com info@pharusfunds.com PS - Absolute Return PS - Absolute Return B PS - Aliseo A PS - Best Global Managers A PS - Best Global Managers B PS - Best Gl Managers Flex Eq A PS - Bond Opportunities PS - Bond Opportunities B PS - EOS PS - Inter. Equity Quant A PS - Inter. Equity Quant B PS - Liquidity PS - Opportunistic Growth PS - Podium Flex A PS - Podium Flex C PS - Soprarno Global Macro A KIS - Dynamic F KIS - Dynamic I KIS - Dynamic X KIS - Global A KIS - Global D KIS - Global F 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 21/06 EUR 06/01 EUR 06/01 EUR 06/01 EUR 06/01 EUR 18/11 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 13/09 EUR 06/01 EUR 06/01 EUR 06/01 EUR PS - Soprarno Global Macro B PS - Soprarno Relative Value A PS - Soprarno Relative Value B PS - Strategic Colibr PS - Titan Aggressive PS - Titan Conservative PS - Valeur Income PS - Value PS - Value B 16/01 EUR 16/01 EUR 10/01 EUR 10/01 EUR 10/01 EUR 16/01 EUR 16/01 EUR 16/01 EUR 10/01 EUR 16/01 EUR 16/01 EUR 16/01 EUR 16/01 EUR 16/01 EUR 16/01 USD 16/01 EUR 16/01 EUR 16/01 EUR 16/01 EUR 16/01 EUR 10/01 EUR 10/01 EUR 16/01 EUR 10/01 EUR 10/01 EUR 95,000 99,920 86,830 98,480 100,120 97,450 135,400 100,350 92,620 93,170 93,830 119,710 90,910 90,720 90,240 0,000 97,110 87,740 87,970 74,860 91,570 94,210 98,760 92,220 93,660 94,650 99,550 88,410 98,110 99,730 96,870 135,110 100,140 94,450 93,450 94,110 119,670 90,900 90,650 90,170 0,000 97,250 87,990 88,220 74,540 89,730 93,620 98,680 91,280 92,690 Multimanager European Eq.I Strategic A Strategic I 13/01 EUR 13/01 EUR - EUR - EUR - EUR 25/11 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 4,518 4,581 5,016 4,763 5,088 4,989 4,999 5,396 5,399 4,336 4,365 5,303 5,345 3,697 3,813 4,236 4,352 4,291 4,379 3,366 3,458 4,312 4,437 4,526 4,590 4,762 5,088 4,984 4,994 5,384 5,387 4,364 4,394 5,302 5,345 3,675 3,790 4,203 4,318 4,251 4,338 3,359 3,451 4,309 4,434

Synergia Tesoreria Synergia Total Return Symphonia MS Adagio Symphonia MS America Symphonia MS Asia Symphonia MS Europa Symphonia MS Largo Symphonia MS P. Emer. Symphonia MS Vivace

w.r. MOD BBB+ S&P Baa2 MOD n.r. FIT

Sol Invictus Absolute Return Enea Invictus Absolute Bond Fd

29/12 EUR 30/12 EUR

100,988 99,426 99,193 98,553 99,961 98,217 98,340 92,549 97,082

100,604 99,616 99,652 99,614 99,911 99,757 66,521 99,808 66,646

Bond Euro A Bond Euro B Bond Risk A Bond Risk B CompAM Fund - Em. Mkt. Corp. A CompAM Fund - Em. Mkt. Corp. B European Equity A European Equity B Multiman. Bal. A Multiman. Bal. M Multiman. Eq. Afr. & Mid. East A Multiman. Eq. Afr. & Mid. East M Multiman.Target Alpha A

Enea Invictus Commod. & Forex Fd 30/12 EUR Enea Invictus Emerging Market Fd 30/12 EUR Enea Invictus European Equity Fd Enea Invictus Far East Fd Enea Invictus Macro Fd Enea Invictus Money Market Fd Enea Invictus U.S. Equity Fd 29/11 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR 30/12 EUR

KAIROS PARTNERS SGR


Kairos Div. + I Kairos Div. + P Kairos Equity A Kairos Fix. Inc. A Kairos Fix. Inc. I Kairos Italia A Kairos Low Vol. A Kairos Low Vol. B Kairos Low Vol. I Kairos Medium Term A Kairos Medium Term B

11/01 113,800 EUR 09/01 11/01 89,520 EUR * EUR

A S&P Baa2 MOD w.r. MOD Baa1 MOO Baa2 MOD BBB+ BBB+ n.r. n.r. FIT FIT FIT FIT

11/01 109,110 EUR 11/01 100,660 EUR 11/01 95,230 EUR

11/01 101,770 EUR 11/01 11/01 * EUR * EUR

11/01 101,120 EUR

A+ S&P

AZIMUT SGR - tel.02.88981 www.azimut.it - info@azimut.it Azimut Bilanciato Azimut Formula 1 Absolute Azimut Formula 1 Conserv Azimut Formula Target 2013 Azimut Formula Target 2014 Azimut Garanzia Azimut Prev. Com. Crescita Azimut Prev. Com. Equilibrato Azimut Prev. Com. Garantito Azimut Prev. Com. Protetto Azimut Reddito Euro Azimut Reddito Usa Azimut Scudo Azimut Solidity Azimut Strategic Trend Azimut Trend America Azimut Trend Europa Azimut Trend Italia Azimut Trend Pacifico Azimut Trend Tassi Azimut Trend 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 22,194 5,957 6,200 6,393 5,918 12,364 9,056 10,523 9,811 11,417 15,256 6,270 7,369 7,564 4,988 9,880 10,220 11,634 6,461 8,735 21,328 22,052 5,952 6,189 6,377 5,886 12,302 9,019 10,509 9,780 11,415 15,169 6,316 7,314 7,484 4,964 9,930 10,250 11,298 6,509 8,672 21,383

Fondi Unit Linked


Flex Equity 100 Global Equity Maximum 11/01 11/01 11/01 11/01 11/01 8,656 EUR 4,465 EUR 3,762 EUR 4,683 EUR 5,225 EUR

Tel. 02 - 430241 www.ubipramerica.it UBI Pr. Active Beta UBI Pr. Active Duration UBI Pr. Alpha Equity UBI Pr. Azionario Etico UBI Pr. Azioni Euro UBI Pr. Azioni Europa UBI Pr. Azioni Globali UBI Pr. Azioni Italia UBI Pr. Azioni Mercati Emerg. UBI Pr. Azioni Pacifico UBI Pr. Azioni USA UBI Pr. Bilanc. Euro Rischio Cont. UBI Pr. Euro B.T. UBI Pr. Euro Cash UBI Pr. Euro Corporate UBI Pr. Euro Medio/Lungo Ter. UBI Pr. Obblig. Dollari UBI Pr. Obblig. Glob. Alto Rend. UBI Pr. Obblig. Globali UBI Pr. Obblig. Globali Corp. UBI Pr. Portafoglio Aggressivo UBI Pr. Portafoglio Dinamico UBI Pr. Portafoglio Moderato UBI Pr. Portafoglio Prudente UBI Pr. Privilege 1 UBI Pr. Privilege 2 UBI Pr. Privilege 3 UBI Pr. Privilege 4 UBI Pr. Privilege 5 UBI Pr. Tot. Ret. Mod. A UBI Pr. Tot. Ret. Mod. B UBI Pr. Tot.Ret. Dinamico UBI Pr. Total Return Prudente 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 4,557 5,534 4,908 4,305 5,065 5,366 4,675 3,932 10,649 6,563 4,463 5,660 6,626 7,321 7,733 6,853 5,893 9,697 6,395 7,353 5,137 5,667 6,106 6,238 5,497 5,476 5,368 4,996 4,691 4,966 4,997 4,741 10,538 4,557 5,534 4,905 4,319 5,083 5,379 4,649 3,951 10,556 6,465 4,455 5,669 6,612 7,315 7,714 6,834 5,816 9,695 6,364 7,327 5,127 5,647 6,084 6,223 5,488 5,466 5,358 4,990 4,687 4,965 4,997 4,743 10,534

Kairos Multi-Str. A Kairos Multi-Str. B Kairos Multi-Str. I Kairos Global Kairos Income Kairos Small Cap

DB Platinum
Agriculture Euro R1C A Comm Euro R1C A Comm Harvest R3C E Croci Germany R1C A Currency Returns Plus R1C Dyn Aktien Pl R1C A 11/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR - EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 74,400 121,410 98,840 938,270 95,430 74,270 122,800 97,110 937,380 95,910

Progress Quality

* Index Linked con sottostanti titoli islandesi

KAIROS INTERNATIONAL SICAV


KIS - Ambiente A KIS - Ambiente I KIS - Absolute A ABS- I 30/11 EUR 6380,992 6745,992 KIS - Absolute F KIS - Absolute I KIS - Ambiente D KIS - Ambiente F KIS - Ambiente X KIS - America A-USD KIS - America D KIS - America F Tel: 848 58 58 20 Sito web: www.ingdirect.it Dividendo Arancio Convertibile Arancio Euro Arancio 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 01/03 EUR 11/01 EUR 11/01 EUR 11/01 EUR 11/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 40,250 53,470 54,560 48,380 55,140 51,340 52,700 54,040 48,250 32,620 52,060 51,840 51,030 35,110 40,080 53,120 54,550 48,320 55,070 51,120 52,900 53,910 48,570 32,840 51,720 51,540 50,770 35,530 KIS - America X KIS - Asia A KIS - Asia D KIS - Asia F KIS - Bond A KIS - Bond A-USD KIS - Bond D KIS - Bond F KIS - Bond I KIS - Bond Plus A KIS - Dynamic A KIS - Dynamic A-USD KIS - Dynamic D 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 06/01 USD 06/01 EUR 06/01 EUR 06/01 EUR 06/01 EUR 09/12 EUR 06/01 EUR 12/01 EUR 12/01 USD 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 USD 12/01 EUR

DB Platinum IV
Croci Euro R1C B Croci Japan R1C B Croci US R1C B Dyn. Bd Stabilitt Plus R1C A Dyn. Cash R1C A Dyn. ETF Selector 3 R1C A Dyn. ETF Selector 6 R1C A Dyn. ETF Selector 8 R1C A Paulson Global R1C E Sovereign Plus R1C A Systematic Alpha Index R1C A 13/01 EUR 13/01 JPY 12/01 USD 12/01 EUR 13/01 EUR 11/01 EUR 11/01 EUR 11/01 EUR 04/01 EUR 12/01 EUR 04/01 EUR 82,860 5511,170 114,420 98,970 101,630 98,530 85,050 103,280 6462,910 104,280 10208,680 83,120 5446,490 113,970 98,830 101,630 98,520 85,020 103,170 6354,490 104,230 10245,410

BOND-B EQUITY- I

30/11 EUR 501439,946 503781,272 30/11 EUR 475070,697 480478,236

AZ FUND MANAGEMENT SA
AZ F. Active Selection AZ F. Active Strategy AZ F. Alpha Man. Credit AZ F. Alpha Man. Equity AZ F. Alpha Man. Them. AZ F. American Trend AZ F. Asset Plus AZ F. Asset Power AZ F. Best Bond AZ F. Best Cedola AZ F. Best Equity AZ F. Bond Target 2015 AZ F. Bond Trend AZ F. Bot Plus AZ F. Cash 12 Mesi AZ F. Cash Overnight AZ F. Cat Bond AZ F. CGM Opport Corp Bd AZ F. CGM Opport European AZ F. CGM Opport Global AZ F. CGM Opport Gov Bd AZ F. Commodity Trading AZ F. Conservative AZ F. Corporate Premium AZ F. Dividend Premium AZ F. Emer. Mkt Asia AZ F. Emer. Mkt Europe AZ F. Emer. Mkt Lat. Am. AZ F. European Dynamic AZ F. European Trend AZ F. Formula 1 Absolute AZ F. Formula 1 Alpha Plus AZ F. Formula Target 2014 AZ F. Formula Target 2015 AZ F. Formula 1 Conserv. AZ F. Income AZ F. Institutional Target AZ F. Italian Trend AZ F. Macro Dynamic AZ F. Opportunities AZ F. Pacific Trend AZ F. Qbond AZ F. QProtection AZ F. Qtrend 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 30/12 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 30/12 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 4,628 4,711 4,915 4,014 3,209 2,513 5,151 4,834 5,131 5,134 5,074 5,027 5,304 5,179 5,044 5,031 5,028 5,133 5,283 5,610 5,008 4,687 5,533 4,754 4,844 5,462 3,406 6,122 4,357 2,548 4,338 5,397 4,189 5,089 4,577 5,454 4,911 2,382 5,285 3,722 3,732 4,961 4,805 4,515 4,615 4,703 4,906 4,028 3,217 2,526 5,154 4,840 5,143 5,122 5,080 4,995 5,272 5,173 5,043 5,031 5,027 5,113 5,262 5,614 4,990 4,692 5,505 4,738 4,868 5,487 3,401 6,119 4,335 2,554 4,335 5,390 4,163 5,053 4,568 5,424 4,888 2,311 5,273 3,709 3,759 4,960 4,805 4,517 Eurizon Az Area Euro Eurizon Az Energie Mat Pr Eurizon Az Internazionale Etico Eurizon Az Salute E Amb Eurizon Az Teconol Avanz Eurizon Azioni America Eurizon Azioni Europa Eurizon Azioni Finanza Eurizon Azioni Internazionali Eurizon Azioni Italia Eurizon Azioni Pacifico Eurizon Azioni Paesi Emergenti Eurizon Azioni PMI America Eurizon Azioni PMI Italia Eurizon Azioni PMI Europa Eurizon Bilanc Euro Multiman Eurizon Diversificato Etico www.eurizoncapital.it tel. 02 88101 Eurizon Az Asia Nuove Econom. 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 03/12 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 10,271 21,594 9,323 5,271 15,667 4,414 9,730 7,607 15,565 7,469 9,461 3,743 8,468 23,190 3,482 7,792 34,363 8,042 4,821 5,134 5,102 5,103 5,115 5,116 5,106 4,973 5,144 7,360 7,571 6,024 6,024 12,230 5,490 14,006 15,094 15,094 5,582 7,593 10,340 21,497 9,398 5,291 15,771 4,441 9,791 7,607 15,586 7,525 9,316 3,779 8,500 23,276 3,444 7,738 34,280 8,004 4,769 5,129 5,092 5,085 5,091 5,116 5,106 4,972 5,140 7,354 7,565 5,996 5,996 12,223 5,456 13,850 15,044 15,044 5,574 7,585

Bilancio Arancio Borsa Protetta Agosto Borsa Protetta Febbraio Borsa Protetta Maggio Borsa Protetta Novembre Inflazione Pi Arancio Mattone Arancio Profilo Dinamico Arancio Profilo Equilibrato Arancio Profilo Moderato Arancio Top Italia Arancio

La lista completa dei comparti Invesco autorizzati in Italia disponibile sul sito www.invesco.it

KIS - Global I KIS - Global X KIS - Income A

www.vitruviussicav.com Asian Equity B Asian Equity B Emerg Mkts Equity Emerg Mkts Equity Hdg European Equity Greater China Equity Greater China Equity Growth Opportunities Growth Opportunities Hdg Japanese Equity Japanese Equity Hdg Swiss Equity Swiss Equity Hdg US Equity US Equity Hdg 13/01 EUR 13/01 USD 13/01 USD 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 USD 13/01 USD 13/01 EUR 13/01 JPY 13/01 EUR 13/01 CHF 13/01 EUR 13/01 USD 13/01 EUR 69,480 96,460 383,670 378,620 198,730 74,330 104,830 54,600 60,520 80,790 107,700 93,060 70,480 109,530 121,800 69,040 95,870 383,680 378,610 198,430 74,030 104,440 55,040 61,030 79,970 106,610 93,270 70,640 110,250 122,560

Invesco Funds
Asia Balanced R Asia Balanced E Asia Consumer Demand R Asia Consumer Demand E Asia Infrastructure R Asia Infrastructure E Balanced-Risk Allocation A Balanced-Risk Allocation R Balanced-Risk Allocation E Em. Loc. Cur. Debt R-Dis.M Em. Loc. Cur. Debt E Em. Loc. Cur. Debt A-Dis.M Energy R Energy E Euro Corp. Bond R-Dis.M Euro Corp. Bond R Euro Corp. Bond E Euro Corp. Bond A-Dis.M Euro Inflation-Link. Bond R Euro Inflation-Link. Bond E Glob. Equity Income R Glob. Equity Income E Glob. Smaller Companies Eq. R Glob. Smaller Companies Eq. E Glob. Tot. Ret. (EUR) Bond E 13/01 USD 13/01 EUR 13/01 USD 13/01 EUR 13/01 USD 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 USD 13/01 EUR 13/01 USD 13/01 USD 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 USD 13/01 EUR 13/01 USD 13/01 EUR 13/01 EUR 9,380 12,680 8,350 8,290 8,080 9,920 13,500 11,150 13,340 9,140 10,912 10,287 7,830 18,010 9,551 9,769 12,923 10,644 9,796 13,992 35,110 10,610 29,950 10,770 10,475 10,078 9,390 12,710 8,250 8,210 8,040 9,900 13,580 11,210 13,420 9,122 10,915 10,267 7,910 18,240 9,519 9,736 12,880 10,609 9,748 13,924 35,030 10,610 29,800 10,740 10,440 10,044

KIS - Income D KIS - Income I KIS - Income X KIS - Multi-Str. UCITS A KIS - Multi-Str. UCITS D KIS - Multi-Str. UCITS F KIS - Multi-Str. UCITS I KIS - Multi-Str. UCITS X KIS - Selection A KIS - Selection F KIS - Selection I KIS - Sm. Cap A KIS - Sm. Cap D KIS - Sm. Cap F KIS - Sm. Cap I KIS - Sm. Cap X KIS - Target 2014 X KIS - Trading A KIS - Trading D KIS - Trading F KIS - Trading I KIS - Trading X KIS - Trend A KIS - Trend F KIS - Trend I

Eurizon Focus Cap Protetto 12/2014 12/01 EUR Eurizon Focus Gar 06/2012 Eurizon Focus Gar 09/2012 Eurizon Focus Gar 12/2012 Eurizon Focus Gar 03/2013 Eurizon Focus Gar I T 07 Eurizon Focus Gar II T 07 Eurizon Focus Gar III T 07 Eurizon Focus Gar IV T 07 Eurizon Liquidita' A Eurizon Liquidita' B Eurizon Obbligazioni Cedola Cl A Eurizon Obbligazioni Cedola Cl D Eurizon Obbligazioni Emergenti Eurizon Obbligazioni Etico Eurizon Obbligazioni Euro Eurizon Obbligazioni Euro BT Cl A Eurizon Obbligazioni Euro BT Cl D Eurizon Obbligazioni Euro Corp Eurizon Obbligazioni Euro Corp BT 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR 12/01 EUR

Tel 0332 251411 www.ottoapiu.it 8a+ Eiger 8a+ Gran Paradiso 8a+ Latemar 8a+ Matterhorn 13/01 EUR 13/01 EUR 13/01 EUR 4,280 5,333 4,982 4,274 5,324 4,988

05/01 EUR 488448,020 489206,424


Quota/od. = Quota odierna
133234B

Legenda: Quota/pre. = Quota precedente;

Glob. Tot. Ret. (EUR) Bond E-Dis. T 13/01 EUR

Si tratta di Fondi Immobiliari chiusi

Codice cliente:

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Economia/Mercati Finanziari 37

Piazza Affari LA CORSA DI STMICRO GOLDMAN AIUTA PIRELLI


di GIACOMO FERRARI
essuna conseguenza sui listini azionari (che, anzi, sono mediamente migliorati rispetto a venerd) e riflessi limitati sullo spread Bund-Btp (a 485 punti base in chiusura): il temuto impatto negativo sui mercati del declassamento deciso da Standard & Poors non c stato. Particolarmente brillante, dopo una mattinata incerta, landamento di Piazza Affari: lindice Ftse-Mib ha guadagnato infatti l1,40%, realizzando cos la migliore performance fra le Borse europee. A correre di pi sono stati i titoli industriali, guidati da StMicroelectronics (+7,23%) e da Fiat (+7,04%), ma anche dagli altri valori del Lingotto (Exor +6,58%, Fiat Industrial +3,93%) grazie ai rumors su unalleanza europea nellauto e al giudizio positivo di Goldman Sachs. La stessa banca daffari ha promosso anche Pirelli (+4,93%). Contrastate, invece, le banche: al recupero della Popolare di Milano (+4,69%) si contrappone infatti la flessione di Monte Paschi (-2,92%), che paga i timori di una ricapitalizzazione. In calo, infine, anche Buzzi-Unicem (-1,37%) e A2A (-1,35%).
RIPRODUZIONE RISERVATA

Sussurri & Grida

Mediobanca e laccordo con i re Mida dInghilterra


(m. ger.) Il nome fa pensare a uno sbarco di Mediobanca sul mercato immobiliare internazionale: Mediobanca International Immobiliere. una nuova societ acquisita dal gruppo milanese. Anche la compravendita fa supporre che sia un affare di un certo spessore al di fuori dei confini nazionali. Gli uomini di Piazzetta Cuccia hanno acquistato la societ lussemburghese Jodewa a settembre. E poi le hanno cambiato nome con quello attuale. I venditori, attraverso la Cadogan Investments, sono due uomini daffari e filantropi inglesi di origine indiana, i fratelli David e Simon Reuben. Riservatissimi e ricchissimi, tanto che la rivista Forbes li ha piazzati al secondo posto delle persone pi ricche del Regno Unito con un patrimonio stimato di 5,5 miliardi di sterline. Hanno costruito la loro fortuna e ricchezza sul commercio dei metalli con la Trans-World Metals che allapice della sua storia, negli anni 90, controllava il 5% della produzione mondiale di alluminio. Tra i mille affari dei due fratelli nati a Bombay c naturalmente anche limmobiliare con una serie di real estate holdings. E in Lussemburgo la Jodewa, una controllata di una controllata di una controllata dei due Reuben, era proprietaria di una palazzina liberty che Mediobanca aveva individuato come sede ideale per trasferire gli uffici della sua Mediobanca International. Alla fine, insomma, affare fatto tra Piazzetta Cuccia e i due miliardari inglesi. La Jodewa passa di mano e cambia nome in Mediobanca International Immobiliere. Dietro alla quale, per ora, c solo una mezza palazzina liberty in Lussemburgo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Edipower, i duellanti infiniti A2A e Iren


(fr.bas.) Lassessore al Bilancio del Comune di Milano Bruno Tabacci ottimista: A2A e Iren alla fine troveranno una soluzione sulla governance di Edipower. A conferma che le due multiutility stanno ancora discutendo. Del resto non solo una questione di presidente e amministratore delegato. E Iren dovr affrontare un consiglio delicatissimo. Tabacci non abbassa lattenzione su A2A, di cui il Comune azionista: Ora bisogna lavorare su come rafforzare la governance ha spiegato . Lo faremo con la prossima assemblea di marzo, perch i risultati non sono sufficientemente brillanti. positivo che anche Brescia converga sul fatto che bisogna andare verso un recupero di valore. Non mette in discussione la gestione duale della societ: un sistema che ho ereditato. Se dipendesse da me non lavrei utilizzato, ma non possiamo cambiarlo ora, tuttavia evidenzia che 15 componenti per la sorveglianza e 8 per la gestione sono troppi. La principale sfida che dovr affrontare ora A2A sar la gestione di Edipower, un gruppo da 10 miliardi con oltre 10 mila dipendenti. Sel e Dolomiti Energia vanno verso la conferma dellinvestimento nella ex genco dellEnel. Entrambe le utility (di Bolzano e Trento) avrebbero ormai sciolto le riserve sulla permanenza nel gruppo con quote di circa il 7% a testa.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Assoelettrica, Gdf e De Benedetti fondano Energia Concorrente


(fr.bas.) Dopo lo strappo, la sfida. Gdf-Suez, Sorgenia (De Benedetti), Tirreno Power, Egl e Repower hanno fondato Energia Concorrente. Statuto e regolamento sono gi stati definiti. Lufficializzazione arriver tra qualche settimana. La nuova associazione raccoglie i fuoriusciti da Assoelettrica, lorganismo di Confindustria che riunisce i produttori di elettricit: a novembre se nerano andati in polemica con lEnel. Laccusa era che lex monopolista detta la linea dellassociazione e dunque non aveva senso farne parte per le aziende attive sul mercato libero, con interessi in contrasto. I mal di pancia in Assoelettrica per non sembrano terminati. A essere sul piede di guerra sarebbero gli operatori delleolico: lassociazione deve definire la linea da adottare sui nuovi incentivi. Ci sarebbero gi nuove defezioni, tra cui Edf Energie Nouvelles, il ramo rinnovabili del colosso dellenergia francese. Tra i nuovi abbandoni, Quotidiano Energia indica anche International Power, controllata di Gdf-Suez e Falck, anche se la societ non conferma. Per il momento Energia Concorrente non far parte di Confindustria.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Borsa Italiana
Nome Titolo Tel.
A A.S. Roma .....................(ASR) A2A .......................................(A2A) Acea......................................(ACE) Acegas-Aps...........................(AEG) Acotel Group * ......................(ACO) Acque Potabili .......................(ACP) Acsm ....................................(ACS) AdF-Aerop.Firenze ..................(AFI) Aedes * ...................................(AE) Aedes 14w *.....................(WAE14) Aeffe *...................................(AEF) Aicon * ...................................(AIC) Alerion ..................................(ARN) Amplifon...............................(AMP) Ansaldo Sts *.........................(STS) Antichi Pell ..............................(AP) Apulia Pront...........................(APP) Arena ....................................(ARE) Arkimedica ...........................(AKM) Ascopiave *...........................(ASC) Astaldi * ................................(AST) Atlantia ..................................(ATL) Autogrill ................................(AGL) Autostrada To-Mi .....................(AT) Autostrade Mer. ................(AUTME) Azimut..................................(AZM) B B&C Speakers ...............(BEC) Banca Generali .....................(BGN) Banca Ifis *...............................(IF) Banca Pop. Emilia R. .............(BPE) Banca Pop. Sondrio.............(BPSO) Banco Popolare .......................(BP) Banco Popolare w10.........(WBP10) Basicnet................................(BAN) Bastogi......................................(B) BB Biotech *............................(BB) Bca Carige ............................(CRG) Bca Carige r........................(CRGR) Bca Finnat * ..........................(BFE) Bca Intermobiliare .................(BIM) Bca Pop.Etruria e Lazio * .......(PEL) Bca Pop.Milano......................(PMI) Bca Pop.Milano 13w .......(WPMI13) Bca Pop.Spoleto ....................(SPO) Bca Profilo ............................(PRO) Bco Desio-Brianza ................(BDB) Bco Desio-Brianza rnc ........(BDBR) Bco Santander ex................(SANT) Bco Sardegna rnc ...............(BSRP) Bee Team ..............................(BET) Beghelli ...................................(BE) Benetton Group .....................(BEN) Beni Stabili ...........................(BNS) Best Union Co......................(BEST) Bialetti Industrie *...................(BIA) Biancamano *.......................(BCM) Biesse * ................................(BSS) Bioera.....................................(BIE) Boero Bart.............................(BOE) Bolzoni *................................(BLZ) Bon.Ferraresi...........................(BF) Borgosesia..............................(BO) Borgosesia rnc......................(BOR) Brembo * ..............................(BRE) Brioschi..................................(BRI) Buone Societ .......................(LBS) Buongiorno *.........................(BNG) Buzzi Unicem ........................(BZU) Buzzi Unicem rnc ................(BZUR) C Cad It * ..........................(CAD) Cairo Comm. *........................(CAI) Caleffi....................................(CLF) Caltagirone ..........................(CALT) Caltagirone Ed.......................(CED) Camfin .................................(CMF) Camfin 09-11 w ............(WCMF11) Campari ................................(CPR) Cape Live ................................(CL) Carraro ...............................(CARR) Cattolica As.........................(CASS) CDC ......................................(CDC) Cell Therap...........................(CTIC) Cembre * .............................(CMB) Cementir *............................(CEM) Cent. Latte Torino * ................(CLT) Ceram. Ricchetti.....................(RIC) CHL.......................................(CHL) CIA .........................................(CIA) Ciccolella ................................(CC) Cir..........................................(CIR) Class Editori ..........................(CLE) Cobra * .................................(COB) Cofide ...................................(COF) Cogeme Set ..........................(COG) Conafi Prestito' .....................(CNP) Cred. Artigiano ......................(CRA) Cred. Bergamasco...................(CB) Cred. Emiliano .........................(CE)
0,502 0,695 4,536 3,400 17,660 0,690 0,641 9,495 0,057 0,007 0,578 3,922 3,346 7,475 0,194 0,296 0,006 0,080 1,406 5,070 11,830 8,020 6,930 15,680 5,770 2,812 6,735 3,920 5,885 6,400 0,913 2,002 0,900 54,500 1,490 1,910 0,274 2,842 1,128 0,315 0,136 1,731 0,247 2,760 2,420 5,670 5,980 0,280 0,434 3,148 0,342 0,259 1,270 3,034 0,409 21,000 1,897 19,500 0,897 7,620 0,088 0,220 0,995 7,545 3,740 3,000 2,878 1,510 1,295 0,860 0,222 5,215 0,080 1,570 14,460 0,932 0,888 6,000 1,520 1,719 0,168 0,079 0,245 0,261 1,209 0,223 0,304 0,531 0,585 0,820 19,200 2,552 -1,95 -1,35 -5,03 +0,06 -0,72 +2,56 +12,37 -0,52 -2,94 -1,03 +0,20 +2,26 +2,19 +2,21 +0,10 +18,00 -0,87 +0,43 +3,98 +1,46 +1,58 +1,02 -0,44 -0,43 -0,74 -1,71 +1,99 -1,46 +0,39 -2,15 +4,53 +1,49 -0,67 -4,02 -0,33 +4,69 -0,95 -1,09 -0,80 -1,22 -1,22 -0,08 -2,37 -2,41 +5,14 -0,06 +0,50 +0,24 +2,02 +1,14 -0,11 +3,81 -4,58 +9,89 -0,95 -1,37 -1,84 -3,23 -0,69 +0,33 +2,59 +2,15 -0,25 +2,61 -0,28 -0,75 -2,68 +4,71 -1,11 -1,15 -3,11 -0,76 -4,64 +0,92 +0,81 +1,51 +0,19 +0,78 -0,67 -0,21 -1,85 -6,17 -9,16 -8,73 +3,22 -8,97 -3,50 -0,16 -4,95 -8,67 -26,67 -1,78 -8,58 +2,32 +0,13 -5,40 +0,27 -3,27 +2,63 +0,30 -6,48 +4,16 -10,52 -5,20 -8,99 -3,23 -7,04 -1,95 +6,23 +2,40 -9,74 -6,27 -6,25 +6,24 -1,32 -1,55 -7,62 +2,82 -0,18 +0,03 -3,76 -5,92 +0,82 -7,94 +0,83 -5,03 -19,79 -9,81 -5,01 +0,96 -2,56 -1,78 -4,08 +2,57 -0,37 +0,90 -1,02 +3,10 +11,49 +1,27 -15,06 -7,32 +7,94 +10,72 -9,31 +3,01 -3,39 -6,83 -7,53 -7,67 -1,60 +14,49 +2,55 +0,14 -2,92 +1,54 +10,70 -3,43 -2,33 +0,66 -2,24 -5,12 -13,24 -6,06 -14,12 -4,56 -12,66 -3,15 -1,20 +0,10 -8,99 0,485 0,695 4,536 3,278 17,000 0,640 0,620 8,450 0,057 0,007 0,568 3,896 3,096 7,315 0,165 0,295 0,005 0,080 1,351 4,876 11,570 7,465 6,805 15,680 5,500 2,792 6,540 3,678 4,898 6,045 0,830 2,002 0,861 50,800 1,412 1,910 0,274 2,750 0,961 0,253 0,135 1,721 0,240 2,760 2,340 5,425 5,685 0,273 0,431 2,840 0,305 0,243 1,267 2,750 0,399 21,000 1,870 19,020 0,820 6,620 0,081 0,200 0,976 6,760 3,378 3,000 2,794 1,481 1,295 0,820 0,215 5,105 0,065 1,386 14,090 0,897 0,840 5,395 1,499 1,670 0,165 0,074 0,240 0,261 1,198 0,222 0,298 0,530 0,567 0,800 18,910 2,316

Quotazioni in diretta sul telefonino: invia QUOTA <sigla titolo>, ad esempio: QUOTA ACE al numero 482242. Costo 0,5 Euro per SMS ricevuto. Info su www.corriere.it/economia
Nome Titolo Tel. Prezzo Var. Var. Min Max Capitaliz Rif. Rif. 02-01-2012 Anno Anno (in milioni (euro) (in %) (in %) (euro) (euro) di euro)
1,778 0,065 0,029 0,721 0,469 2,084 0,825 16,710 8,480 5,650 6,620 1,336 0,507 21,050 1,340 2,104 17,000 0,816 0,786 0,559 10,220 0,723 0,490 3,122 1,578 1,950 22,110 16,390 8,425 0,209 0,084 2,806 1,200 17,000 15,510 +0,74 -2,83 -2,65 -3,61 -0,21 -0,76 +5,10 +0,66 +1,56 -1,57 +1,07 +1,98 +0,10 +2,09 +0,75 +17,54 +1,19 -0,12 -0,38 -2,19 +0,39 -6,35 -2,64 +1,23 -0,32 +3,72 -0,90 +0,61 -0,35 -4,96 +0,21 +1,10 +6,58 +5,08 +0,97 -4,26 +6,91 -3,67 +3,33 -4,40 -12,19 -1,36 +0,06 -2,92 +0,38 -2,20 -48,00 +5,36 +4,04 +55,74 -9,33 -0,85 -2,60 -12,73 -4,22 -8,14 -2,93 -3,22 -3,19 +2,63 -1,60 +1,17 -4,32 -23,95 -6,78 +2,41 -11,76 +6,45 +5,87 1,688 0,060 0,028 0,721 0,438 2,084 0,785 16,190 8,245 5,650 6,180 1,299 0,440 18,560 1,266 1,304 15,460 0,812 0,782 0,559 9,955 0,723 0,490 3,048 1,578 1,863 22,110 16,010 8,425 0,203 0,070 2,618 1,167 15,270 14,060 1,802 476,4 0,072 0,038 4,8 0,770 24,1 0,470 70,3 2,212 33,7 0,940 65,7 17,130 685,3 8,550 342,5 5,830 332,0 6,770 986,3 1,400 401,7 0,975 76,2 21,050 1160,8 1,350 18,6 2,104 15,3 18,750 470,7 0,823 4233,5 0,816 86,9 0,640 24,4 10,930 49,1 0,802 45,8 0,509 81,2 3,248 29121,3 1,657 7910,0 1,960 34,5 22,790 276,9 16,600 65316,2 8,810 1265,8 0,275 19,7 0,092 2,830 145,1 1,360 43,2 17,000 2662,8 15,510 1169,2

Borse Estere
indici

Prezzo Var. Var. Min Max Capitaliz Rif. Rif. 02-01-2012 Anno Anno (in milioni (euro) (in %) (in %) (euro) (euro) di euro)
0,560 0,766 4,986 3,400 19,400 0,732 0,657 10,000 0,065 0,010 0,640 4,290 3,358 7,530 0,206 0,297 0,006 0,083 1,432 5,220 12,820 8,020 7,780 16,630 6,365 2,906 7,245 4,010 5,885 6,495 1,032 2,140 0,980 54,500 1,510 1,990 0,300 2,842 1,143 0,315 0,150 1,840 0,249 2,998 2,488 6,025 7,455 0,310 0,458 3,148 0,359 0,269 1,331 3,080 0,435 21,000 1,919 19,730 0,898 7,620 0,092 0,260 1,082 7,650 3,810 3,412 2,900 1,563 1,397 0,935 0,243 5,365 0,090 1,570 14,580 0,960 0,917 6,000 1,574 1,764 0,174 0,083 0,258 0,310 1,295 0,260 0,360 0,608 0,604 0,839 19,650 2,808 67,7 2180,2 972,7 185,4 73,4 25,3 46,4 82,6 41,7 61,2 171,1 732,0 1030,4 8,4 69,9 8,8 6,8 325,7 490,1 7385,7 2033,6 603,9 68,4 820,4 30,9 749,1 207,8 1906,5 1958,6 1577,3 123,5 15,5 2638,3 4,9 98,0 444,0 82,7 981,2 51,5 165,5 327,0 31,9 39,6 18,8 86,6 569,7 651,9 18,9 43,2 80,9 14,7 90,8 49,3 109,2 40,3 498,3 70,0 2,3 107,1 1248,4 152,6 27,2 222,9 18,6 154,4 106,1 172,2 3007,2 3,9 71,9 779,2 11,1 100,2 239,3 17,2 13,9 12,6 21,8 48,4 956,5 23,6 12,2 386,7 27,0 318,0 1176,2 863,8

Nome Titolo

Tel.

Prezzo Var. Var. Min Max Capitaliz Rif. Rif. 02-01-2012 Anno Anno (in milioni (euro) (in %) (in %) (euro) (euro) di euro)

Nome Titolo

Tel.

Prezzo Var. Var. Min Max Capitaliz A New York valori espressi in dollari, a Londra Rif. Rif. 02-01-2012 Anno Anno (in milioni in pence, a Zurigo in franchi svizzeri (euro) (in %) (in %) (euro) (euro) di euro)
0,747 3,090 1,420 6,915 4,456 4,278 0,284 0,880 0,768 0,071 0,339 0,520 6,770 1,256 10,980 0,135 0,189 1,675 0,588 0,714 0,458 0,290 1,670 5,670 16,050 0,312 0,073 0,080 11,900 0,340 6,560 3,920 4,710 35,350 1,020 8,850 6,495 0,405 0,025 0,930 3,198 5,345 1,020 1,700 3,374 1,900 3,948 0,020 1,328 0,280 5,325 1,443 0,093 0,463 0,848 0,154 0,165 0,718 15,590 2,722 2,438 0,366 0,033 0,001 65,600 5,145 8,030 3,052 2,930 7,000 0,186 0,005 0,123 0,005 3,472 1,258 3,250 3,000 8,385 4,500 0,096 0,010 0,250 -4,29 -1,28 -0,56 +4,93 -0,85 +0,66 -4,31 +1,21 +0,20 -3,56 +0,30 -4,41 +0,30 +1,10 -0,22 -9,57 +3,40 -9,54 -3,78 +2,60 -2,88 +1,43 -1,11 -1,23 +0,76 +0,47 +0,08 -0,20 +4,11 +1,14 +3,34 +3,39 +1,33 -1,22 -0,40 -1,06 -2,50 +0,09 +7,37 -3,24 +0,54 +1,93 -2,44 +1,37 +2,45 +7,23 -0,35 -1,49 -2,14 +0,30 -0,19 +0,14 +2,90 +0,07 -1,30 +0,36 -0,60 +1,23 +1,28 -1,23 +2,14 +0,41 +6,87 -5,15 -15,52 -7,02 -3,85 +2,18 -0,55 -4,30 +2,38 +1,40 -1,24 +5,49 -2,72 -18,50 -6,31 -9,55 +3,44 -0,67 +6,95 -10,58 +0,06 -5,42 -17,74 +69,50 -8,77 -1,67 +30,83 +10,35 -7,88 -20,15 +1,52 -9,12 +3,41 -6,88 -31,43 -7,22 -0,25 -9,47 -9,38 -8,68 +5,50 +8,28 -2,81 -1,75 -7,28 +5,40 +2,15 -3,17 +2,44 -12,53 -3,85 -8,37 -17,58 -11,73 -13,27 -3,10 -5,19 -1,79 -9,91 +7,01 -9,71 +13,30 -3,48 +1,65 -11,00 -0,12 -6,04 -4,62 +1,92 +4,56 -1,45 +0,16 -5,76 -2,92 +3,47 -2,65 -6,41 -5,28 -31,45 +2,09 -27,68 -38,75 -31,10 -37,50 -14,06 -0,16 -2,11 -2,02 +0,18 -0,44 -14,84 -18,64 -7,06 0,747 3,068 1,332 6,505 4,362 3,994 0,284 0,855 0,732 0,071 0,140 0,510 6,650 0,960 9,595 0,135 0,189 1,603 0,588 0,676 0,446 0,290 1,500 5,585 15,890 0,312 0,070 0,080 11,060 0,313 6,425 3,850 4,524 32,850 0,967 8,560 6,275 0,401 0,024 0,930 3,198 5,300 0,940 1,700 3,324 1,840 3,788 0,019 1,185 0,273 4,610 1,443 0,070 0,463 0,815 0,154 0,165 0,690 14,280 2,604 2,434 0,365 0,032 0,001 62,050 4,916 8,030 2,774 2,286 4,630 0,186 0,005 0,123 0,005 3,396 1,258 3,250 2,970 7,320 4,404 0,094 0,009 0,245 0,916 12,5 3,298 92,3 1,623 72,0 6,940 3247,8 4,508 54,9 4,350 4,9 0,318 37,5 0,900 122,3 0,812 23,0 0,091 60,1 0,339 139,6 0,570 97,6 6,900 57,8 1,210 10,980 2345,5 0,146 49,6 0,237 8,8 1,736 43,8 0,670 18,8 0,747 525,6 0,520 13,4 0,423 13,1 1,800 37,1 5,760 1171,5 16,180 147,1 0,345 49,2 0,081 0,089 65,0 11,900 136,3 0,340 31,7 6,850 96,6 3,996 28,5 5,275 258,7 35,620 15456,1 1,146 955,6 9,350 83,4 6,700 350,2 0,473 55,0 0,027 48,6 1,015 0,6 3,880 52,9 6,070 1209,6 1,070 1,0 1,960 199,9 3,482 12004,5 2,004 220,6 4,020 353,6 0,022 8,4 1,330 632,5 0,314 23,2 5,325 1,510 196,2 0,094 0,520 19,3 0,862 11297,0 0,164 222,6 0,173 0,9 0,729 4288,2 15,700 2,762 5476,2 2,530 67,8 0,395 38,6 0,037 63,3 0,001 66,600 1989,9 5,535 359,8 8,760 22,2 3,304 2712,9 4,275 5534,4 7,000 15,5 0,265 390,5 0,008 0,182 159,9 0,008 4,040 36,1 1,280 36,7 3,534 142,9 3,120 202,7 8,385 440,4 4,614 359,1 0,113 16,6 0,012 0,274 0,8
MERCATI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16-01 Amsterdam (Aex) . . . . . . . . . . . . . 313,23 Brent Index . . . . . . . . . . . . . . . . . 110,76 Bruxelles-Bel 20 . . . . . . . . . . . . 2129,30 DJ Stoxx Euro . . . . . . . . . . . . . . . 231,35 DJ Stoxx Euro50 . . . . . . . . . . . . 2361,56 DJ Stoxx UE . . . . . . . . . . . . . . . . 251,12 DJ Stoxx UE50. . . . . . . . . . . . . . 2417,22 FTSE Eurotr.100. . . . . . . . . . . . . 2147,89 Hong Kong HS . . . . . . . . . . . . . 19012,20 Johannesburg . . . . . . . . . . . . . 29515,15 Londra(FTSE100) . . . . . . . . . . . . 5657,44 Madrid Ibex35 . . . . . . . . . . . . . . 8449,60 Oslo Top 25. . . . . . . . . . . . . . . . . 366,09 Singapore ST. . . . . . . . . . . . . . . 2756,49 Sydney (All Ords) . . . . . . . . . . . . 4208,90 Toronto(300Comp) . . . . . . . . . . 12258,60 Vienna (Atx). . . . . . . . . . . . . . . . 1924,00 Zurigo (SMI) . . . . . . . . . . . . . . . 6031,24 selezione FRANCOFORTE. . . . . . . . . . . . . . . 16-01 Allianz . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78,55 Bayer Ag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53,90 Beiersdorf . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42,91 Bmw . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59,96 Commerzbank Ag . . . . . . . . . . . . . . 1,43 Deutsche Bank n . . . . . . . . . . . . . . 29,22 Deutsche Post . . . . . . . . . . . . . . . . 12,39 Deutsche Telekom n . . . . . . . . . . . . 8,92 Dt Lufthansa Ag . . . . . . . . . . . . . . . 9,30 Hugo Boss Ag . . . . . . . . . . . . . . . . 61,31 Metro Ag. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27,26 Porsche Vz . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42,77 Siemens n . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76,09 Volkswagen Ag . . . . . . . . . . . . . . 116,30 PARIGI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16-01 Air France . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4,38 Air Liquide . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97,74 Alstom . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 24,36 Axa SA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10,54 Bnp . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32,30 Cap Gemini . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25,84 Carrefour . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16,58 Casino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62,52 Ciments Francais. . . . . . . . . . . . . . 59,62 Crdit Agricole . . . . . . . . . . . . . . . . 4,25 Danone. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46,88 France Tlcom. . . . . . . . . . . . . . . 11,73 Havas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3,47 L'Oral . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80,56 Michelin . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49,76 Peugeot S.A. . . . . . . . . . . . . . . . . . 14,12 Renault. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30,87 Saint-Gobain . . . . . . . . . . . . . . . . . 32,02 Sanofi-Synthelab . . . . . . . . . . . . . . 55,96 Socit Gnrale . . . . . . . . . . . . . . 16,55 Sodexho Alliance . . . . . . . . . . . . . . 56,78 Total . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39,48 var.% +0,64 +2,04 +0,33 +2,58 +0,99 +0,93 -0,24 +0,90 +2,91 +2,87 -0,04 +1,83 +0,79 +1,71 var.% +3,18 -0,19 +0,74 +0,33 +1,62 +2,76 -1,10 -1,67 +0,17 +1,05 -0,34 +0,56 +1,17 +0,69 +3,70 +4,17 +2,93 +0,05 +0,61 +1,25 +0,39 +1,20 var.% +1,28 -0,96 +0,19 +0,93 +1,01 +0,78 +0,85 +0,86 -1,00 -0,05 +0,37 -0,01 +0,28 -1,26 -1,09 +0,23 +0,02 +0,58

Cred. Valtellinese .................(CVAL) Cred. Valtellinese 10w ....(WCVA10) Cred. Valtellinese 14w ....(WCVA14) Crespi ...................................(CRE) Csp .......................................(CSP) D D'Amico *........................(DIS) Dada * ....................................(DA) Damiani *.............................(DMN) Danieli ..................................(DAN) Danieli rnc ..........................(DANR) Datalogic * ............................(DAL) De'Longhi .............................(DLG) Dea Capital *.........................(DEA) Delclima................................(DLC) Diasorin *...............................(DIA) Digital Bros *..........................(DIB) Dmail Group * ......................(DMA) DMT *.....................................(EIT) E Edison ............................(EDN) Edison r ..............................(EDNR) EEMS * ...............................(EEMS) El.En. * ..................................(ELN) Elica * ...................................(ELC) Emak * ...................................(EM) Enel.....................................(ENEL) Enel Green Pw....................(EGPW) Enervit ..................................(ENV) Engineering * ........................(ENG) Eni .........................................(ENI) Erg........................................(ERG) Ergy Capital...........................(ECA) Ergy Capital 16w ............(WECA16) Esprinet * ..............................(PRT) Eurotech * .............................(ETH) Exor ......................................(EXO) Exor prv.................................(EXP)

Immsi ....................................(IMS) 0,550 -1,26 -3,51 0,548 0,570 187,3 Impregilo................................(IPG) 2,478 +1,14 +3,34 2,350 2,478 990,7 Impregilo rnc........................(IPGR) 7,700 +8,37 7,105 7,700 12,7 Indesit....................................(IND) 3,890 +0,26 -2,65 3,714 4,150 440,5 Indesit rnc ...........................(INDR) 3,838 -5,23 3,838 4,176 1,9 Intek.......................................(ITK) 0,365 -1,32 -2,67 0,353 0,390 48,0 Intek r ................................(ITKRP) 0,706 +3,07 -0,56 0,685 0,710 4,0 Interpump * ..............................(IP) 5,460 +2,44 +1,49 5,195 5,460 527,4 Interpump 12 w * ..............(WIP12) 0,430 -3,37 -4,44 0,411 0,458 Intesa Sanpaolo......................(ISP) 1,256 +1,29 -5,56 1,101 1,334 19041,8 Intesa Sanpaolo rnc..............(ISPR) 0,959 +0,84 -5,10 0,864 1,017 872,6 Invest e Sviluppo ....................(IES) 0,340 +7,15 -11,25 0,308 0,386 4,1 Invest e Sviluppo 09w......(WIES12) 0,002 -10,00 -10,00 0,002 0,003 Irce *......................................(IRC) 1,989 +2,00 1,850 2,038 54,6 Iren ........................................(IRE) 0,691 -1,36 -10,08 0,691 0,769 809,8 Isagro * ..................................(ISG) 2,350 -0,68 -7,11 2,350 2,530 41,2 IT WAY * ................................(ITW) 1,040 -13,91 1,040 1,208 8,3 Italcementi................................(IT) 4,946 +1,44 +4,79 4,458 4,946 870,3 Italcementi rnc .......................(ITR) 1,950 -0,36 -4,41 1,847 2,080 202,0 Italmobiliare...........................(ITM) 15,680 -2,43 +5,52 14,560 16,100 348,6 Italmobiliare rnc...................(ITMR) 9,750 -2,11 -0,66 9,570 9,975 159,7 Italy 1 Invest w ...................(WIT1) 0,610 +27,08 0,470 0,610 Italy 1 Invest...........................(IT1) 9,700 -1,02 9,700 9,800 144,1 Juventus FC..................(JUVE) 0,153 -4,44 -50,24 0,153 0,307 30,7 J 68,3 K K.R.Energy......................(KRE) 0,021 -1,38 +3,88 0,019 0,023 K.R.Energy 12w..............(WKRE12) Kerself ..................................(KRS) 1,530 -1,23 -8,44 1,475 1,671 26,5 Kinexia..................................(KNX) 0,921 +0,60 -14,37 0,880 1,075 19,4 KME Group ...........................(KME) 0,302 -2,14 -6,53 0,300 0,323 135,6 KME Group rnc ...................(KMER) 0,476 +0,19 -4,74 0,475 0,501 20,9 51,1 L La Doria *..........................(LD) 1,660 +0,67 -1,54 1,640 1,709 Landi Renzo *..........................(LR) 1,449 +6,62 +14,55 1,221 1,449 162,5 Lazio .....................................(SSL) 0,429 +1,01 -7,02 0,410 0,472 29,5 Lottomatica ...........................(LTO) 12,080 +3,51 +2,29 11,280 12,080 2044,2 Luxottica ...............................(LUX) 23,620 +1,72 +8,40 21,700 23,620 10996,0 M Maire Tecnimont ..............(MT) 1,066 +1,62 +5,75 0,992 1,102 339,3

Con il contributo scientico di

Exor risp................................(EXR) Exprivia *...............................(XPR) F Falck Renewables * .........(FKR) Ferragamo...........................(SFER) Fiat............................................(F) Fiat Ind. priv............................(FIP) Fiat Ind. risp ...........................(FIR) Fiat Industr................................(FI) Fiat prv....................................(FP) Fiat rnc....................................(FR) Fidia * ...................................(FDA) Fiera Milano * .........................(FM) Finarte C.Aste .......................(FCD) Finmeccanica........................(FNC) FNM .....................................(FNM) Fondiaria-Sai .........................(FSA) Fondiaria-Sai rnc.................(FSAR) Fullsix....................................(FUL) G Gabetti Pro.S..................(GAB) Gabetti Pro.S. 13w .........(WGAB13) Gas Plus................................(GSP) Gefran * ..................................(GE) Gemina ................................(GEM) Gemina rnc ........................(GEMR) Generali ....................................(G) Geox .....................................(GEO) Greenvision ............................(VIS) Gruppo Edit. L'Espresso...........(ES) Gruppo Minerali M...............(GMM) H Hera ...............................(HER) I I Grandi Viaggi..................(IGV) IGD *......................................(IGD) Il Sole 24 Ore ........................(S24) Ima * .....................................(IMA)

14,130 0,661 0,760 11,150 4,164 5,205 5,355 7,410 3,596 3,840 2,600 3,528 2,924 0,281 0,645 0,397 2,190 0,043 4,800 2,802 0,572 12,130 2,234 5,850 0,989 4,064 1,038 0,614 0,709 0,685 13,350

+3,74 -1,20 +0,13 +4,01 +7,04 +4,77 +3,68 +3,93 +5,15 +7,02 -3,35 -1,12 +0,76 -2,77 -5,22 -5,43 +0,09 +0,70 -3,19 -2,44 +3,44 +0,66 +1,09 +2,09 +1,23 -0,88 -2,54 -0,14 +3,01 +0,07

+6,64 12,910 14,130 130,5 -4,20 0,661 0,695 34,5 -12,29 0,759 0,872 219,5 +6,09 9,900 11,150 1849,3 +12,24 3,550 4,164 4444,9 +11,41 4,570 5,205 527,2 +9,96 4,732 5,355 426,0 +8,97 6,625 7,410 8036,3 +11,33 3,072 3,596 366,6 +13,27 3,254 3,840 300,4 -6,41 2,600 2,778 13,6 -0,95 3,480 3,604 146,8 -1,15 2,760 3,018 1671,8 -6,33 0,281 0,300 70,2 -2,12 0,589 0,792 238,5 +6,66 0,341 0,477 50,5 -1,71 2,142 2,228 24,5 -16,28 0,041 0,053 11,1 -3,81 4,800 5,100 216,5 -2,37 2,802 2,920 41,2 -6,15 0,539 0,610 819,1 +0,58 11,500 12,280 18633,6 -2,79 2,024 2,298 576,5 +3,63 5,590 5,890 33,4 -10,90 0,977 1,116 396,9 +0,44 4,040 4,100 24,4 -9,19 1,038 1,143 1158,6 -7,81 0,614 0,675 27,6 -3,93 0,670 0,738 218,7 -5,65 0,651 0,726 29,0 +1,14 13,190 13,430 492,0

Management e C. .................(MEC) Marcolin ...............................(MCL) MARR * ..............................(MARR) Mediacontech ......................(MCH) Mediaset ................................(MS) Mediobanca............................(MB) Mediolanum .........................(MED) Meridiana Fly........................(MEF) Meridie ...................................(ME) Mid Industry Cap ...................(MIC) Milano Ass...............................(MI) Milano Ass. rnc......................(MIR) Mirato * ................................(MRT) Mittel.....................................(MIT) MolMed ...............................(MLM) Mondadori..............................(MN) Mondo Tv * ...........................(MTV) Monrif..................................(MON) Monte Paschi Si. ................(BMPS) Montefibre ..............................(MF) Montefibre rnc....................(MFNC) Monti Ascensori....................(MSA) Moviemax............................(MMG) Mutuionline *........................(MOL) N Nice *............................(NICE) Noemalife .............................(NOE) Novare ....................................(NR) O Olidata ............................(OLI) P Panariagroup * ...............(PAN) Parmalat ................................(PLT) Parmalat 15w ................(WPLT15) Piaggio ...................................(PIA)

0,198 3,180 7,185 1,371 2,182 4,520 3,070 3,404 0,078 8,900 0,249 0,223 1,650 0,455 1,356 2,344 0,288 0,213 0,097 0,168 0,511 3,334 2,416 5,145 0,279 0,966 1,332 0,336 1,820

-1,00 +1,60 -0,90 -4,79 +1,49 +1,62 +2,20 -5,76 -1,64 -5,77 +2,26 +2,25 +2,48 -1,11 -0,59 -3,93 -5,57 -2,92 -4,34 -0,88 -0,87 +0,97 +1,94 -1,72 -0,36 -1,33 -3,84 +0,55

-3,65 -2,45 +9,69 -5,38 -2,68 -0,44 +0,79 -35,04 -19,00 +0,56 +5,07 +16,40 -2,14 -8,66 -2,66 -16,29 -0,72 -18,29 -8,92 -9,92 -13,01 -3,36 +0,25 -2,92 -6,56 -1,08 -2,20 -6,38 -2,67

0,198 3,062 6,395 1,371 2,028 3,824 2,768 3,404 0,078 8,850 0,212 0,182 1,526 0,455 1,322 2,344 0,288 0,197 0,097 0,168 0,488 3,290 2,370 5,145 0,279 0,948 1,330 0,331 1,770

0,206 3,274 7,250 1,478 2,260 4,556 3,100 5,565 0,096 9,445 0,251 0,223 1,741 0,504 1,395 2,800 0,305 0,271 0,107 0,195 0,588 3,450 2,506 5,300 0,300 0,976 1,377 0,370 1,871

93,3 197,7 480,7 25,5 2539,5 3864,9 2218,3 19,5 4,0 34,1 468,3 22,0 145,1 95,7 333,6 10,3 44,1 2325,0 13,1 4,2 10,4 130,3 272,6 22,3 9,5 43,6 2349,6 681,2

Pierrel ...................................(PRL) Pierrel 12w.....................(WPRL12) Pininfarina ............................(PINF) Piquadro .................................(PQ) Pirelli & C. ...............................(PC) Pirelli & C. rnc .......................(PCP) Poligr. S.Faustino *.................(PSF) Poligrafici Editoriale...............(POL) Poltrona Frau.........................(PFG) Pop Emilia 01/07.............(BPER15) Pramac .................................(PRA) Prelios...................................(PRS) Premafin Finanziaria ................(PF) Premuda .................................(PR) Prima Industrie * ....................(PRI) Prima Industrie 13w *......(WPRI13) Prysmian ...............................(PRY) R R. De Medici * ..................(RM) R. Ginori 1735.........................(RG) R. Ginori 1735 11w ..........(WRG13) Ratti ......................................(RAT) RCF .......................................(RCF) RCS Mediagroup ...................(RCS) RCS Mediagroup risp ..........(RCSR) RDB * ...................................(RDB) Realty Vailog............................(IIN) Recordati *............................(REC) Reply * ..................................(REY) Retelit.....................................(LIT) Retelit 11w ......................(WLIT12) Risanamento...........................(RN) Rosss....................................(ROS) S Sabaf S.p.a. * .................(SAB) Sadi .......................................(SSI) Saes *.....................................(SG) Saes rnc *.............................(SGR) Safilo Group...........................(SFL) Saipem.................................(SPM) Saipem risp........................(SPMR) Saras ....................................(SRS) Sat ........................................(SAT) Save....................................(SAVE) Screen Service......................(SSB) Seat PG...................................(PG) Seat PG r ..............................(PGR) Servizi Italia * .........................(SRI) Seteco International * ............(STC) SIAS .......................................(SIS) Sistemi ....................................(SII) Snai ......................................(SNA) Snam Gas .............................(SRG) Sogefi *...................................(SO) Sol ........................................(SOL) Sopaf.....................................(SPF) Sorin.....................................(SRN) Stefanel * ............................(STEF) Stefanel risp * ...................(STEFR) STMicroelectr. ......................(STM) T Tamburi ...........................(TIP) Tamburi 13w ...................(WTIP13) TAS .......................................(TAS) Telecom IT ..............................(TIT) Telecom IT Media .................(TME) Telecom IT Media rnc .........(TMER) Telecom IT rnc......................(TITR) Tenaris ..................................(TEN) Terna ....................................(TRN) TerniEnergia *........................(TER) Tesmec * ...............................(TES) Tiscali.....................................(TIS) Tiscali 14w ......................(WTIS14) Tod's.....................................(TOD) Trevi Fin.Ind. ...........................(TFI) TXT e-solution *.....................(TXT) U UBI Banca .......................(UBI) Uni Land ...............................(UNL) Unicredit ...............................(UCG) Unicredit risp ......................(UCGR) Unipol ....................................(UNI) Unipol 13w......................(WUNI13) Unipol prv ............................(UNIP) Unipol prv 13w...............(WUNP13) V Valsoia............................(VLS) Vianini Industria......................(VIN) Vianini Lavori.........................(VLA) Vittoria Ass. *.........................(VAS) Y Yoox *...........................(YOOX) Z Zignago Vetro *.................(ZV) Zucchi...................................(ZUC) Zucchi 11/14 w ..............(WZUC14) Zucchi rnc...........................(ZUCR)

NEW YORK Borsa chiusa Amazon Com. . . . . . . . . . . . . . . . 178,42 +1,42 American Express . . . . . . . . . . . . . 49,76 +0,22 Apple Comp Inc . . . . . . . . . . . . . . 419,81 -0,37 At&T. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30,07 -0,17 Bank of America . . . . . . . . . . . . . . . 6,61 -2,65 Boeing . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74,60 -1,21 Carnival . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34,28 -2,45 Caterpillar Inc . . . . . . . . . . . . . . . 102,48 +0,53 Cisco Systems. . . . . . . . . . . . . . . . 19,06 -0,47 Citigroup Inc . . . . . . . . . . . . . . . . . 30,74 -2,72 Coca-Cola Co . . . . . . . . . . . . . . . . 66,99 -0,86 Colgate Palmolive . . . . . . . . . . . . . 88,52 -0,03 Dow Chemical. . . . . . . . . . . . . . . . 32,02 -1,66 DuPont . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48,40 +0,62 Exxon Mobil . . . . . . . . . . . . . . . . . 84,88 +0,17 Ford Motor . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12,04 -0,82 General Electric . . . . . . . . . . . . . . . 18,84 -0,48 General Motors . . . . . . . . . . . . . . . 24,29 -1,54 Goldman Sachs . . . . . . . . . . . . . . . 98,96 -2,22 Hewlett-Packard . . . . . . . . . . . . . . 26,49 -1,71 Honeywell . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56,70 -0,86 Ibm . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179,16 -0,77 Industrie Natuzzi Sp. . . . . . . . . . . . . 2,87 -1,03 Intel Corp . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25,14 -2,37 Johnson & Johnson . . . . . . . . . . . . 65,26 +0,05 JP Morgan . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35,92 -2,52 Lockheed Martin . . . . . . . . . . . . . . 81,52 -0,21 Luxottica Grp Spa . . . . . . . . . . . . . 29,40 -2,29 McDonald's. . . . . . . . . . . . . . . . . 100,35 -0,22 Merck & Co. . . . . . . . . . . . . . . . . . 38,32 -0,75 Microsoft . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28,25 +0,89 Monsanto Co. . . . . . . . . . . . . . . . . 79,59 -0,85 Morgan Stanley . . . . . . . . . . . . . . . 16,63 -3,15 Nike Inc. Cl. B . . . . . . . . . . . . . . . . 98,30 -0,81 Occidental Pet. . . . . . . . . . . . . . . . 97,62 -0,20 Pfizer . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21,84 -0,68 Procter & Gamble . . . . . . . . . . . . . 65,81 Unilever NV . . . . . . . . . . . . . . . . . 32,09 -2,61 Us Steel Corp. . . . . . . . . . . . . . . . . 27,43 -4,33 Walt Disney. . . . . . . . . . . . . . . . . . 38,40 -0,85 Whirlpool . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50,90 -2,13 Xerox . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8,08 -0,62 Yahoo Inc . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15,48 -1,15 LONDRA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16-01 3i Group . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178,03 Anglo American . . . . . . . . . . . . . 2589,95 AstraZeneca . . . . . . . . . . . . . . . 3056,74 B Sky B . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 679,82 Barclays Plc . . . . . . . . . . . . . . . . 198,25 BP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 475,31 British Airways . . . . . . . . . . . . . . 276,46 British Telecom . . . . . . . . . . . . . . 203,32 Burberry Group . . . . . . . . . . . . . 1270,05 Glaxosmithkline . . . . . . . . . . . . . 1450,84 Marks & Spencer. . . . . . . . . . . . . 317,00 Pearson Plc . . . . . . . . . . . . . . . . 1242,20 Prudential . . . . . . . . . . . . . . . . . . 660,67 Rolls Royce . . . . . . . . . . . . . . . . . 758,46 Royal & Sun All . . . . . . . . . . . . . . 109,07 Royal Bk of Scot . . . . . . . . . . . . . . 24,17 Schroders Plc . . . . . . . . . . . . . . 1337,55 Unilever Plc . . . . . . . . . . . . . . . . 2065,07 Vodafone Group. . . . . . . . . . . . . . 175,03 ZURIGO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16-01 Nestl. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53,05 Novartis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53,30 Ubs . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11,52 var.% -0,15 +0,76 +0,32 -1,90 -1,47 -0,21 -2,14 -0,04 -0,07 +1,14 +2,07 -0,28 -0,53 -0,85 +0,29 -1,00 +0,49 +0,02 var.% -0,28 +0,57 +1,23

Dati a cura dellagenzia giornalistica Radiocor. Monete Auree: ConFinvest F.L. Milano

* Titolo appartenente al segmento Star.

B.O.T.
Scadenza Giorni Pr.Netto
15.02.12 15.03.12 16.04.12 15.05.12 15.06.12 16.07.12 28 57 89 118 149 180 99,917 99,823 99,673 99,433 99,162 98,927

Valuta al 18-01-12

Euribor
Periodo
1 sett. 1 mese 2 mesi 3 mesi 4 mesi 5 mesi

Monete auree
T. 365
0,476 0,841 1,043 1,239 1,329 1,420

Oro
16 gen
Oro Milano (Euro/gr.)

Tassi
Mattino Sera
42,29 42,04

Rend.
0,87 1,10 1,50 1,80 1,74

Scadenza Giorni Pr.Netto


15.08.12 14.09.12 15.10.12 15.11.12 14.12.12 14.01.13 210 240 271 302 331 362 98,600 98,322 97,970 97,782 97,487 97,193

Rend.
2,09 2,07 2,34 1,99 2,10 2,56

T. 360
0,469 0,829 1,029 1,222 1,311 1,401

Periodo
6 mesi 7 mesi 8 mesi 9 mesi 10 mesi 11 mesi 12 mesi

T.360
1,501 1,567 1,623 1,683 1,732 1,782 1,832

T.365
1,522 1,589 1,646 1,706 1,756 1,807 1,857

16 gen

Denaro Lettera

Sconto

Interv

Sconto

Interv

Sterlina (v.c) 312,97 338,22 Sterlina (n.c) 312,97 340,87 Sterlina (post.74) 312,97 340,87 Krugerrand 1.214,19 1.322,13 Marengo Italiano 229,78 251,46 Marengo Svizzero 227,19 250,50 Marengo Francese 226,72 250,51

Oro Londra (usd/oncia) 1.643,50 1.641,00 Argento Milano (Euro/kg.) Platino Milano (Euro/gr.) Palladio Milano (Euro/gr.) 796,80 39,84 17,05

Italia Euro 17 Canada Danimarca Finlandia

1,00 1,00 1,00 0,75 1,00

1,00 1,00 0,00 0,75 1,00

Francia Giappone G.B. USA Svezia

1,00 0,30 0,00 0,75 1,75

1,00 0,10 0,50 0,25 1,75

38

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Cultura
Il mito Un eroe notturno e impavido che ama e uccide soltanto per godere Mozart Si sforzato di allontanarlo dalle altre grandi figure di seduttori

Il Don Giovanni segreto cuore nero senza riscatto


Distante da Goethe e Molire, non calcola n recita
di PIETRO CITATI
on esiste, forse, personaggio che Mozart abbia rappresentato con pi precisione di Don Giovanni: in testa egli ha un cappello / con candidi pennacchi: / addosso un gran mantello / e spada al fianco egli ha. La cosa pi spiritosa che questo ritratto non disegnato dalla spietata DonnAnna, o dallappassionata DonnElvira, o da Leporello, che lo storico e il ritrattista in titulo del suo padrone. Chi rappresenta lardimentoso e baldanzoso cavaliere dai candidi pennacchi lo stesso Don Giovanni, che verso linizio dellatto secondo guida la torma dei contadini e delle contadine e dei servi che vorrebbero bastonare o uccidere Leporello, mascherato coi vestiti del suo signore. Un secondo ritratto, che Mozart avrebbe volentieri controfirmato, ci fornito da Hoffmann, quando, nella meravigliosa parte prima dei Pezzi di fantasia alla maniera di Callot, ci mostra il gentiluomo di Siviglia mentre apre il manto e si mostra nello stupendo costume di velluto rosso con ricami dargento. Una figura possente, superba insiste Hoffmann: viso duna bellezza virile, naso aristocratico, occhi penetranti, labbra morbide e sensuali. Non possiamo dimenticare che il cavaliere dalle labbra morbide, che le donne spagnole porteranno per sempre nella memoria, non si vede mai, o quasi mai, alla luce del giorno. Il dissoluto punito, rappresentato per la prima volta, a Praga, nellottobre 1787, si svolge nellatmosfera intensa e calda di una notte spagnola. Tutto notturno: lassassinio, i balli, le bevute, le vendette, le macchinazioni amorose, i travestimenti, la festa, il banchetto, lapparizione finale del Commendatore, il fuoco. Solo una volta si vede la luce della luna, chiarissima sulle statue del cimitero. Qualcuno potrebbe aggiungere che Don Giovanni non una figura tenebrosa: tenebrosa la statua di sasso del Commendatore. Don Giovanni un fuoco impetuoso, vivace, brillante, che attraversa il palazzo e la campagna. Ma questo fuoco pieno di notte: emana scintille e barlumi notturni, che verranno spazzati via dal vortice di fuoco dellultima scena.

Malgrado la precisione del ritratto, il Don Giovanni di Mozart resta misterioso: tanto pi misterioso quanto pi gli scrittori e gli studiosi cercano di avvicinarlo ad altre figure del tempo. Don Giovanni viene detto un seduttore libertino, o un fratello gemello di Faust. In realt, Mozart ha fatto il possibile per allontanare il suo eroe dalle figure libertine della storia passata e presente: Don Juan Tenorio di Tirso de Molina, Dom Juan di Molire, Lovelace di Richardson e Valmont di Laclos, che aveva cominciato le sue insidie qualche anno prima. Leroe di Tirso chiama orgogliosamente se stesso lingannatore di Siviglia: vuole ingannare e stuprare; il suo inganno non una passione sensuale, ma una crudele arguzia intellettuale, che si propone degli scopi, e li realizza a ogni costo, senza provare piacere n divertimento n gioia. Leroe di Molire il signore del calcolo, dello stratagemma, della finzione, della dissimulazione, che recita la

Epopea alla Scala

Tutti gli allestimenti da Muti a Barenboim


Il Don Giovanni stata lultima prima del Teatro alla Scala, con direzione di Daniel Barenboim e regia di Robert Carsen. Alla Scala and per la prima volta in scena nel 1814. Tra i successivi leggendari allestimenti ricordiamo quello di Herbert von Karajan del 1951 (che ne cur anche la regia) e, dopo le due edizioni del 66 e del 78, quella del 1987 firmata Muti-Strehler. Prima di quella del 7 dicembre scorso, andata in scena diretta da Gustavo Dudamel e regia di Peter Mussbach nellottobre 2006. mani. Faust si trasforma, cambia natura, sempre un altro, vive in una condizione di perenne metamorfosi, bevendo alle sorgenti venerabili della Natura. Don Giovanni non muta: muta solo il nome e il numero delle sue donne. Allinizio del dramma, identico al personaggio che diverr alla fine, malgrado vicende che dovrebbero cambiarlo completamente. Il segreto di Don Giovanni sta in una parola chegli ripete insaziabilmente, furiosamente, freneticamente, come se volesse scavarla e portarne alla luce tutto ci che contiene. Non vedete che voglio divertirmi. Troppo mi premono queste contadinotte. Le voglio divertir finch vien notte. Giacch spendo i miei danari, io mi voglio divertir; e poi, sempre girando attorno allo stesso tema, Vivan le femmine! Viva il buon vino! Sostegno e gloria dumanit. Lasciar le donne! Pazzo! dice a Leporello Lasciar le donne? Sai chelle per me son necessarie pi del pan che mangio, pi dellaria che respiro. Mi pare sentir odor di femmina; e non smette di fiutare e di odorare quel profumo meraviglioso, quel balsamo incomparabile, che conosce come nessuno. Cosa significa questa parola: divertimento? Sebbene Don Giovanni non legga libri e non ami riflettere, egli sa, inconsciamente, che contiene moltissime cose, che forse in parte gli sono ignote, ma per le quali sa di possedere un fertile talento. Come dice lintelligentissima e amorosissima DonnElvira, non il semplice inganno di Don Juan Tenorio: ma un cimento, cio una prova, un azzardo, che pu impegnare tutta una vita, sino in profondo. Divertirsi significa accelerare, sino quasi alla follia, il ritmo e la velocit della vita; non sostare nemmeno un istante in un luogo o nellaltro, perch ci si diverte sempre altrove; vivere solo nel presente, o in quellattimo di futuro che si muove subito dopo il nostro attimo; apprendere in ogni amore cose oscurissime, che solo lui e le donne conoscono (voi sapete quel che fa, dice Leporello); percorrere tutte le fasi e le ombre di ogni passione, dal furore alla dolcezza e dalla dolcezza al furore (perch Don Giovanni pu essere dolcissimo e tenerissimo); non progettare n architettare n prevedere n anticipare, ma desiderare, gioire, godere, possedere, e poi abbandonare, e poi di nuovo desiderare e gioire, perch il piacere questa unione incessante e mobilissima di desiderio, possesso e abbandono. Voglio divertirmi significa moltiplicare le donne. In Italia Don Giovanni ne ha avute seicento e quaranta, in Lamagna duecento e trentuna, cento in Francia, in Turchia novantuna, in Ispagna (dove appena arrivato) mille e tre; e intanto la lista delle donne sta crescendo (o dovrebbe crescere) via via che noi ascoltiamo lopera, e le danze si scatenano furiosamente sulla scena e dietro la scena. Caccia le donne in ogni luogo, in ogni citt, in ogni paese, inseguendo le contadine, le cameriere, le cittadine, le contesse, le baronesse, le marchese, le principesse: la bella e la brutta, la bionda e la bruna, la grassotta e la magrotta, la grande e la piccola, la matura e persino la vecchia e, soprattutto, la giovane principiante. Il fuoco notturno di Don Giovanni resta sempre acceso e scintillante, quale sia il grado, la forma, let, il carattere, il temperamento, la natura delle creature mobilissime e odorose, che egli tiene strette, e qualche volta si soffermano, innamorate, e qualche volta gli scivolano via tra le mani, perch anche la fuga e labbandono sono una forma (forse la

La galleria dei peccatori Don Juan Tenorio di Tirso de Molina, Dom Juan di Molire, Lovelace di Richardson, Valmont di Laclos
parte di Tartufo; e insieme a tutti i possibili Tartufi della terra forma una specie di societ segreta, che si nasconde dal mondo e conquista il mondo. Ora, il Don Giovanni di Mozart non ragiona, non calcola, non dissimula, non recita; e solo qualche volta, con una specie di condiscendenza e quasi di piet verso gli uomini, accetta di ingannare le sue innumerevoli Donne Elvire. Quanto a Faust, le somiglianze sono ancora minori. Mentre Faust aveva letto tutti i libri e cercava di possedere le chiavi occulte delluniverso, Don Giovanni vittima e preda di unincultura totale. Forse non ha mai letto un libro (o soltanto i libracci pornografici che suppongo legga Leporello), non ha idee n dottrine; e non medita mai su quello che fa. Se Faust desidera perennemente linfinito, inseguendolo in tutte le sue possibili incarnazioni, Don Giovanni ignora qualsiasi forma di infinito. Non conosce lillimitato, il sovrannaturale, il celeste; o li disprezza. Il mondo, per lui, materia limitata: quello che si pu afferrare, e letteralmente abbrancare con le

I paralleli vittima e preda di unincultura totale, mentre Faust ha letto tutti i libri e cerca di possedere le chiavi occulte delluniverso

Il divertimento Significa accelerare, fin quasi alla follia, il ritmo e la velocit della vita, non sostare, vivere solo nel presente, prendere e subito lasciare

Lanniversario Quarantanni fa moriva lintellettuale antifascista e anticomunista che contribu a sprovincializzare la cultura politica del Paese

Nicola Chiaromonte, lo straniero in Italia che affascinava Camus


di GIOVANNI RUSSO
l 18 gennaio di quarantanni fa moriva Nicola Chiaromonte, uno dei pochi intellettuali di levatura internazionale che ha avuto lItalia nel Novecento. Ma Chiaromonte non stato solo un intellettuale. Chi, negli anni Cinquanta, lo incontrava nella redazione del Mondo, il settimanale diretto da Mario Pannunzio, non avrebbe mai sospettato che fosse stato uno dei piloti della squadriglia aerea guidata da Andr Malraux durante la guerra di Spagna, che proprio a lui e al suo coraggio si ispira nel tratteggiare uno dei protagonisti del romanzo La speranza (pubblicato in Italia da Mondadori). Di questo suo passato di eroico combattente non parlava mai, per una sorta di pudore che gli veniva dalla terra di Lucania nella quale era nato il 12 luglio 1905. Era cresciuto a Roma, dove

Protagonista

Nicola Chiaromonte (1905-72, foto), fu politico, filosofo, autore di Credere e non credere e Il tarlo della coscienza

suo padre, medico, si era trasferito dalla Basilicata. A Roma, aveva collaborato al Mondo di Giovanni Amendola, a Italia Letteraria, a Solaria, aveva stretto unamicizia destinata a durare sempre con Alberto Moravia. Legato a Giustizia e Libert, nel 1935 si era rifugiato a Parigi per sfuggire allarresto della polizia fascista. Dopo Parigi, dove incontra Carlo Rosselli e conosce il socialista libertario Andrea Caffi che ebbe su di lui un grande ascendente, in seguito alloccupazione tedesca si rifugia in Algeria e in Marocco, per poi raggiungere New York. Frequenta la Mazzini Society, Salvemini e Sforza, entra a far parte di quel gruppo di scrittori e critici che fanno capo alle riviste di avanguardia Partisan Review, Politics e The New Republic alle quali collabora con saggi su Tolstoj, Roger Martin du Gard, Stendhal, Pasternak, Camus, Sar-

tre, raccolti nel 1971 nel libro Credere e non credere e stringe amicizia con il critico Paolo Milano e con Mary McCarthy. Lo storico Maurice Nadeau lo definisce uno degli ultimi maestri segreti di tutta una generazione di intellettuali europei e americani. Nel 1947 ritorna a Parigi, dove stabilisce un legame fraterno con Albert Camus che aveva conosciuto in Algeria. Nel 1950 ritorna a Roma, e inizia a collaborare al Mondo come critico teatrale: articoli che sono il pretesto per riflessioni di carattere filosofico, storico e culturale e giudizi di costume sul-

Lallarme sul Sessantotto Nei colloqui con Pannunzio manifest il timore della sua possibile deriva terroristica

la societ italiana. Fu proprio qui, nel 1951, che lo incontrai per la prima volta. Dal 1956 al 68 dirige insieme con Ignazio Silone la rivista Tempo Presente, che svolge un ruolo importante durante la crisi ungherese e quella cecoslovacca; pubblica memorabili interventi sulla malafede degli intellettuali che avevano cercato la copertura del Partito comunista per far dimenticare di essere stati fascisti. Le sue considerazioni sul fallimento del marxismo, che a suo avviso conteneva uninsidia totalitaria, sono esemplari: Quanto a me, tutto quello che posso dire, di essere giunto alla conclusione che bisogna risolutamente gettare il marxismo alle ortiche se si vuole arrivare a un inizio di chiarezza, scrive. Tempo Presente a far conoscere le prime testimonianze del dissenso sovietico con gli scritti di Sinjavskij e di

Gustaw Herling, proibito in Polonia. Fra di noi nacque unamicizia: ci incontravamo spesso in via Sistina nella redazione di Tempo Presente, alla quale collaboravo. Ricordo Silone e Chiaromonte nella stessa stanza, seduti alla scrivania, legati da una sorta di dialogo silenzioso, anche se, soprattutto negli ultimi tempi, i dissapori non mancavano. Ricordo i colloqui fra Pannunzio e Chiaromonte a proposito dei movimenti di contestazione del Sessantotto: entrambi avevano intuito la deriva terroristica che poteva nascerne. Ricordo le sue riflessioni sui grandi temi morali, estetici e ideali, piuttosto rare in un mondo intellettuale spesso frivolo e superficiale, che mi hanno fatto riflettere sulle ragioni della sua intensa amicizia con Camus: Nicola Chiaromonte stato e ancora oggi rimasto straniero in patria.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Cultura 39
mancata nella notte tra sabato e domenica scorsi, dopo una lunga malattia, lagente letteraria Daniela Bernab, moglie di Luigi, con il quale nel 1989 aveva fondato la Luigi Bernab Associates. Nata a Terracina cinquantanove anni fa, laureata in filosofia a Roma, era molto nota nel mondo culturale come appassionata e acuta lettrice, instancabile promotrice di scrittori di ogni Paese, oltre che stimolo e sostegno di numerosi autori, tra cui Helga Schneider, Donato Carrisi, Chiara Gamberale, Camilla Baresani, Fabrizio Gatti, Silvana La Spina, Valeria Montaldi, Loretta Napoleoni, Aldo Nove e tanti altri. Il suo tratto insieme autorevole e umano le aveva guadagnato il rispetto e lattenzione di numerosi editori, che facevano affidamento sul suo giudizio e sullacutezza dei suoi consigli.

IL LUTTO

Addio a Daniela Bernab Fond con Luigi lagenzia letteraria


Cos Don Giovanni, indossando il suo sfavillante costume di velluto rosso e i suoi candidi pennacchi, non rifiuta nessun piacere della terra: la terra, solo la terra, ma tutta la terra, come scriveva un eccellente critico musicale russo del diciannovesimo secolo. Come direbbero i Greci, trascinato dalla hybris, divorato dalla hybris, accecato dalla hybris: dal furore e dalla dismisura. Malgrado questo, Mozart ama la sua creatura seducentissima, come lo ama DonnElvira. Segue con una strana simpatia il suo cimento: il divertimento, il piacere, la follia, il furioso coraggio contro le pretese del Cielo e dellAde. Ma, al tempo stesso, con la stessa devozione dei Greci, sa che la hybris fatta per gli di, non per gli uomini. Se Apollo pecca e viola tutti i possibili limiti, gli uomini, con discrezione, attenzione, cautela e pazienza, devono rispettare i limiti che le leggi naturali e divine hanno imposto loro. Nella prima scena dellopera, Don Giovanni uccide con la spada il Commendatore, che in Tirso de Molina portava il nome di Gonzalo de Ulloa. Il Commendatore moribondo soltanto un anziano e decoroso gentiluomo spagnolo: la figlia, Donna Anna, adora in lui il padre e la madre; il dolcissimo e tenerissimo fidanzato, Don Ottavio, non placa il suo desiderio di vendetta, n il suo furore di ghiaccio. Verso la fine del dramma, sono passate pochissime ore, il Commendatore riappare. Ora non pi un gentiluomo spagnolo, n il suo spettro; ma la Statua, lUomo di sasso, il Convitato di pietra. Sembra che non possegga nessuna passione, nemmeno quella della vendetta: tutto, attorno a lui, respira latmosfera remota e assente di un altro mondo, non sappiamo quale. Non pi che voce e passo, entrambi di pietra. Il passo terrorizza persino limpavida DonnElvira. La voce monotona, solenne, profonda, immobile, fosca ci sembra la disumana voce di sasso, con la quale si esprime la Morte, quando parla con gli esseri umani. Don Giovanni viola e offende i limiti tra la vita e la morte: forse non li vede nemmeno; oltraggia profondamente il Commendatore invitandolo a cena, come se fosse soltanto un convitato qualunque, invece che la Morte, o il signore dei morti. LUomo di Sasso non tollera questa audacia e questa violenza: non sopporta linvito a cena, o vuole trasformarlo in una vendetta definitiva; ed esecra il divertimento erotico di Don Giovanni, che non rispetta n le donne n gli uomini, n il cielo n la misura. A questo punto, non sappiamo se attribuirgli un altro nome. Forse non la Morte, ma soltanto, o soprattutto, un messo e un vendicatore di Dio, del quale, finora, non abbiamo nemmeno ascoltato il nome. Non si ha bisogno di luce, quando si condotti dal cielo, aveva detto nel Festin de Pierre di Molire: Non si pasce di cibo mortale chi si pasce di cibo celeste, ripete nellopera di Mozart. Ma non siamo certi del vero nome del convitato di pietra. Quando lo contempliamo sulla scena, e ascoltiamo il suo passo funereo e la sua voce funerea, ci chiediamo se sia davvero un messo di Dio, o un signore degli Inferi e dei fiumi sotterranei, come in Don Juan aux enfers, una delle pi antiche e belle Fleurs du mal di Baudelaire.

La storia

] Il Don Giovanni di Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791) su libretto di Lorenzo Da Ponte, che si ispir a Tirso de Molina (nella foto qui sotto, seguito da Mozart e

pi incantevole) di divertimento amoroso. un universo illimitato (se non infinito), dal quale Don Giovanni rischia di restare continuamente travolto. Ogni Zerlina un rischio; ogni DonnAnna un pericolo mortale. Ma egli non sar travolto dalle cose terrene, che adora: soltanto da quelle celesti e infernali, che lo annoiano o non lo interessano affatto. Don Giovanni ha compreso che la meta, che egli insegue, molto pi vasta del semplice divertimento amoroso, oppure che questo si allarga, si dilata, fino a smarrire ogni confine e a perdersi nellindistinto. Tutto, per lui, divertimento: la danza, il fandango, la calabrese, la furlana, il minuetto, la polacca, la seguidilla; ma le danze devono essere condotte, senza ordine e quasi senza ritmo, dagli abitanti colorati della notte, nobili, servi, camerieri e contadini e contadine e giovinotti leggeri di testa, che cantano e bevono senza fine, inseguendo il piacere e obbedendo allo stesso ritmo furibondo del loro signore. Un altro divertimento il cibo, servito nella casa illuminata di Don Giovanni, mentre gli archi, i flauti, gli oboi, i clarinetti, i fagotti, i corni, le trombe intonano lallegro vivace, lallegretto, lallegro assai. Ma anche il delitto un divertimento. Quando Don Giovanni uccide, sempre nella tenebra, il Commendatore, lo fa senza impegno, con un rapido colpo di spada, quasi per gioco, come se dovesse dare la battuta dinizio della festa scatenata e indiavolata.

Interpreti
In alto: La statua del commendatore nel film Io, Don Giovanni del 2009, con regia di Carlos Saura. Sopra: Ruggero Raimondi nel Don Giovanni di Losey

Molire), and in scena al Teatro Nazionale di Praga il 29 ottobre 1787. ] Lanno dopo, il 7 maggio 1788, fu rappresentato al Burgtheater di Vienna per limperatore Giuseppe II. Mozart aggiunse tre numeri alla partitura, tra cui Mi trad quellalma ingrata per il soprano Caterina Cavalieri

In questo momento, ci torna alla memoria il testo di Tirso de Molina, dove soltanto alla fine, dopo aver manifestato i suoi rifiuti e le sue furie, Don Juan Tenorio si pente: Lasciatemi chiamare un prete che mi confessi e mi assolva; e lInvitato di pietra annuncia che non c pi tempo: ormai troppo tardi per pentirsi. Don Giovanni, invece, possiede, manifesta e ostenta il proprio coraggio fino allultimissimo istante del dramma. Come vogliono Mozart e il Commendatore, e non vuole Don Giovanni, che continua a sognare una vita piena di donne, di danze e di eccellenti marzimini, lopera meravigliosa si avvia rapidamente verso la fine. Don Giovanni cena, da solo, nella sua grande sala illuminata; la mensa preparata, i suonatori suonano, i camerieri portano il fagiano, il vino, e chiss quali altre delizie seguiranno. Come osserva Leporello, Don Giovanni mangia con barbaro appetito; pieno di divertimento e di gioia; e ha completamente dimenticato (gli uomini del presente dimenticano volentieri) di aver invitato a cena il Convitato di pietra. Prima DonnElvira, poi Leporello escono dalla sala, e gettano un ah! di terrore. Leporello balbetta: Ah!... signor... per carit... Non andate fuor di qua... Luom... di... sasso... luomo bianco... Se vedeste... che... figura... Se... sentiste... come... fa: Ta, ta, ta, ta. Infine, preceduto da un andante di archi, flauti, oboi, clarinetti, fagotti, corni, trombe, timpani, tromboni, entra il Convitato di pietra: Don Giovanni! a cenar teco minvitasti e son venuto... Tu minvitasti a cena: il tuo dover or sai. Rispondimi: verrai tu a cenar meco?. Quando il Commendatore chiede in pegno la mano di Don Giovanni, questi gliela porge, senza nessuna piet verso se stesso. La mano del Convitato di pietra gelidissima: il gelo della morte definitiva, che afferra al cuore il cavaliere dai candidi pennacchi, che grida forte. Il Convitato di pietra gli chiede, anzi gli ordina: Pentiti, cangia vita: lultimo momento! Pentiti, scellerato. Pentiti. Don Giovanni rifiuta: non si pentir mai, a nessuna condizione, a nessun costo, in nessun tempo futuro. Ma siamo alla fine dei tempi: fuoco, terremoto, vortici pieni di orrore, strazio, smania, inferno, terrore; un coro invisibile di sotterra intona voci cupe, sui temi che fin dallinizio aveva introdotto il Commendatore. Don Giovanni sprofonda nel fuoco. Il Convitato di pietra sparisce, non sappiamo dove: forse in cielo, forse nel regno dei morti, dove ci aveva introdotto il Don Juan di Baudelaire; forse unombra che sfiora rapidamente DonnElvira, che ritorna sulla scena del teatro. Dopo lAh! terribile di Don Giovanni, appaiono di nuovo sulla scena Leporello, DonnElvira, DonnAnna, Don Ottavio, Zerlina e Masetto; incalzano, ripetono, abbozzano buffonerie: Resti dunque quel birbon con Proserpina e Pluton. E noi tutti, o buona gente, ripetiamo allegramente lantichissima canzon: questo il fin di chi fa mal!. Qualcuno avrebbe voluto abolire tutto lallegro assai, sostenendo che la coda distrugge la tragicit della grande opera. Non lo credo. Mozart giunge allestremo del peccato, della condanna e della tragedia; e poi si riserva un ultimo tocco, un ultimo guizzo di irrazionale buffoneria e letizia, suggerendo che c sempre (almeno a teatro, o sul suo teatro) qualcosa di invisibile, che va oltre la notte e il fuoco, senza rafforzarli n diminuirli.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Amarcord

Un giallo la Maigret nella Milano del dopoguerra


di GIULIA BORGESE
una storia metropolitana questo esordio narrativo di un importante pubblicitario milanese, per la precisione un noir che si svolge a Porta Venezia, diretto, per cos dire, da un commissario capo che adora Maigret. E naturalmente finisce con il somigliargli sia nel modo di condurre le indagini sia nel goloso piacere con cui assapora i suoi cibi prediletti. Il delitto si presenta come un suicidio, ma per il commissario Mario Arrigoni la donna che si schiantata sui ciottoli del cortile della popolosa casa di ringhiera di via Tadino 17/a era troppo bella, troppo simpatica e soprattutto troppo allegra per aver potuto anche solo pensare di compiere un simile gesto. Ma mentre il noir si snoda pagina dopo pagina tra il commissariato, gli appartamenti che si affacciano sul luogo del delitto e le balere frequentate dalla povera morta, tutto quello che sta intorno ad affascinare soprattutto il lettore. La scena infatti la Milano del 1950, che a fatica comincia a risorgere dalle rovine della guerra. E l a San Siro, trasportando le macerie, su progetto dellarchitetto Piero Bottoni nasce la montagnetta, il Monte Stella, simbolo stesso di quella ricostruzione, che ormai non vuol pi saperne della servit del Resegone: una regola secondo cui nella parte nord della citt non si potevano costruire edifici cos alti da nascondere la vista del monte caro al Manzoni, coi molti suoi cocuzzoli in fila. Riaprono i teatri, il Gerolamo per i bambini e il Piccolo con un giovane regista che si chiama Strehler, alla radio c ancora Ruggero Ruggeri che recita Pirandello, le ragazze leggono Grand Hotel, gli uomini la Settimana Incom, molte signore sospirano con Liala, i giovani sognano la Vespa o la Lambretta. E si aprono nuovi locali mentre le osterie diventano bar e offrono meravigliosi sanguis, traduzione milanese dei futuristici sandwich... Insomma, un vero amarcord per chi ancora si ricorda e una scoperta curiosa per chi non cera.
RIPRODUZIONE RISERVATA

R Il libro: Dario Crapanzano, Il giallo di via Tadino. Milano 1950, Fratelli Frilli Editori, pagine 167, e 10,50

Il dibattito Ripubblicato il libro del presidente su Le entrate pubbliche dello Stato Sabaudo. Un tema settecentesco che anticipa loggi

Pareggio di bilancio, il modello di Einaudi era Vittorio Amedeo II


di FRANCESCA BASSO
o ha ricordato leconomista Francesco Giavazzi: A dicembre il Parlamento ha approvato la proposta di legge costituzionale che introduce nella Carta il pareggio di bilancio. Liter di modifica della Costituzione avviato. Sono i paletti imposti dallEuropa: Accettiamo le regole spiega ma necessario riflettere su come vanno fatte. Un buon esempio la legge svizzera federale sul pareggio di bilancio. Sotto esame larticolo 81 della Costituzione e loccasione la presentazione del saggio di Luigi Einaudi sulle Entrate pubbliche dello Stato Sabaudo nei bilanci e nei conti dei tesorieri durante la guerra di successione Spagnuola, dato alle stampe nel 1907 quandera docente alla Bocconi e che la Vitale & Associati ha deciso di ripubblicare. In appendice stata allegata la lettera che il 13 dicembre 1948 Einaudi, allo-

Milano

Ieri la presentazione al Sole 24 Ore


Ieri, nella Sala Colline del Sole 24 Ore, stata presentata la riedizione del libro di Luigi Einaudi Le entrate pubbliche dello Stato Sabaudo nei bilanci e nei conti dei tesorieri durante la guerra di successione Spagnuola, edito da Vitale & Associati. Ha introdotto i lavori Paolo Silvestri. Ospiti: Sergio Chiamparino, Elsa Fornero, Francesco Giavazzi, Maurizio Lupi, Roberto Maroni e Bruno Tabacci. Ha moderato il direttore del Sole 24 Ore Roberto Napoletano.

ra presidente della Repubblica, scrisse al ministro del Tesoro Giuseppe Pella chiedendogli di discutere il significato dellarticolo 81 per se stesso. Einaudi si chiedeva una domanda retorica se un bilancio il quale non soddisfi alla condizione del bilancio o pareggio fra le due quantit (entrate e spese), pu essere considerato un vero e proprio bilancio. Un testo rigoroso, scritto non per divulgare, ma per spiegare ha detto il banchiere daffari Guido Roberto Vitale, ma soprattutto per ricordare: Einaudi stato dimenticato. Tuttavia, scrive Vitale nella nota introduttiva, le sue analisi rimangono attuali, basta leggere le sue considerazioni in merito allintroduzione di unimposta patrimoniale e alla credibilit di cui un governo deve godere per poterla efficacemente imporre. Lenorme lavoro di analisi dei conti dello Stato sabaudo dal 1700 al 1713, sotto la guida del principe Vittorio Amedeo II, stato sottolineato nella premessa

dalleconomista tedesco Otmar Issing: I dettagli sulle tasse e sulla spesa pubblica scrive sono di grande interesse per gli storici, ma per gli economisti e i politici della nostra epoca sono fondamentali le conclusioni che Einaudi ricava dal suo lavoro. E infatti ne hanno discusso ieri economisti e politici, moderati dal direttore del Sole 24 Ore, Roberto Napoletano. Il libro stato presentato da Paolo Silvestri dellUniversit di Torino, che ha anche scritto lintroduzione del volume. Schieramento bipartisan per i politici: il vicepresidente della Camera Maurizio Lupi (Pdl), lex ministro dellInterno e del Welfare Roberto Maroni (Lega), lassessore al Bilancio di Milano Bruno Tabacci (Api) e lex sindaco di Torino Sergio Chiamparino (Pd). Per Issing la lettera di Einaudi a Pella alquanto blanda e perfino ambigua. Ma non sorprende, perch da un presidente della Repubblica ci si attende un messaggio pi equilibrato, meno rigido. Tutta-

Maestro

Luigi Einaudi (1874-1961), economista e politico, stato il secondo presidente della Repubblica italiana

via, anche da capo dello Stato, Einaudi non ha mai rinunciato al rigore delleconomista piemontese e liberale. E nel paragonare la gestione del bilancio dello Stato a quella del padre di famiglia, spiega che nessuno dei due pu partire dallassioma che i disavanzi iniziali siano tab da conservare religiosamente intatti. La sintesi tra economia, politica e morale che Einaudi incarnava e che traspare dai suoi scritti stato il filo conduttore del dibattito. Declinato in un richiamo alletica da parte di Lupi: Bisogna riportare al centro il bene comune e il buon governo. Per Maroni i problemi sono il debito e la crescita. Politica ed economia sono legate. C stata una fase in cui lItalia si indebitava per cresceva ricorda Tabacci, citando gli anni Ottanta . Ora si indebita ma non cresce. Il nodo lo scioglie Chiamparino: Il limite di fondo del debito sta nella credibilit del debitore. E su questo lItalia sta lavorando.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

Codice cliente:

40 Cultura

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Le iniziative del Corriere

Un secolo di poesia

Estetica Sulla scia di Hlderlin e Whitman il genio di Lisbona riesce a tradurre in versi anche gli aspetti pi quotidiani dellesistenza

di MARZIO BREDA

I mille volti di Pessoa per cogliere la realt


Questo squarcio rivelatore del Libro dellinquietudine lascia capire i meccanismi con cui si accendeva e prendeva energia la sensibilit quasi sciamanica di Fernando Pessoa (Lisbona 1888-1935) e ci permette di intuire come funzionava linafferrabile enigma della spersonalizzazione e della compresenza. Sentire tutto in tutte le maniere, / vivere tutto da tutti i lati, / essere la stessa cosa in tutti i modi possibili allo stesso tempo / realizzare in s tutta lumanit di tutti i momenti / in un solo momento diffuso, profuso, completo e distante. Ecco: con tale processo di lampeggiamenti simultanei che certi inquilini sconosciuti rischiaravano le ombre della sua mente in un continuo dialogo con lui, che come un medium li aveva chiamati in modo di essere non tanto uno scrittore quanto unintera letteratura da un altrove che stava gi dentro di s. Erano gli eteronimi. Cio, letteralmente, altri nomi, nuclei vitali di individui autonomi e diversi da lui, pur essendo proiezioni del suo pensiero. Dei figli-fratelli generati dal Pessoa ortonimo, cio il Pessoa lui-stesso, a sua volta allievo di un eteronimo. Una folla di alter ego del poeta (tra eteronimi e semieteronimi ne sono stati censiti una cinquantina, ma per alcuni sarebbero addirittura pi di settanta), affiorati da un continuo gioco di autofecondazioni, reincarnazioni, dissociazioni. Ciascuno con propria dimensione, pronta a interferire con quella degli altri. Concepiti con fisionomie fisiche, schede anagrafiche, professioni, biglietti da visita, stili, idee politiche e morali, manie e persino segni zodiacali differenti. C un giorno preciso in cui questa identit vertiginosa comincia a manifestarsi, l8 marzo 1914, quando Pessoa colto da una specie di estasi compone di getto trenta poesie, firmandole come Alberto Caeiro. E immediatamente dopo gliene escono altre sei, di altra musicalit e ritmo, a sua firma. linizio di un vortice di continui sdoppiamenti, scissioni, sottrazioni, amputazioni che trova pi di una analogia nella storia della letteratura. Infatti, se il portoghese definiva la propria ansia di totalit e la propria anima multilaterale spiegando di sentirsi multiplo come una misteriosa orchestra, lamericano Walt Whitman delle Foglie derba non molti anni prima aveva scritto di s: I am large, I contain multitudes. Ma quelli di Whitman (di cui non a caso discepolo leteronimo lvaro de Campos) come di Hlderlin e di qualche altro sono solo pallidi precedenti, rispetto alla potenza del drama em gente, dramma fatto persona, che la cifra dellopera plurale e con un quid anche esoterico di Pessoa. Mio Dio, mio Dio, a chi assisto? Quanti sono io? Chi io? Cos questo intervallo che c fra me e me? E confessa ancora: Per creare, mi sono distrutto;

Sentire in tutte le maniere, vivere da tutti i lati Cos inizi il suo cammino di spersonalizzazione
mi sono cos esteriorizzato dentro di me che dentro di me non esisto se non esteriormente. Sono la scena viva sulla quale passano svariati attori che recitano svariati drammi. Insomma: il conflitto tra sincerit e simulazione, con una progressiva disgregazione dellio, in lui si risolve con un visionario scavo nella sfera tra coscienza e incoscienza e nellidea modernissima di letteratura come menzogna. E qui scatta lamletismo geniale di chi non si basta, ma vissuto in una maniera cos mostruosamente tormentata che qualcuno ha preteso di derubricarla al rango di sconfinamenti patologici, esiti da isteria cronica. Il poeta un fingitore. / Finge cos completamente / che arriva a fingere che dolore / il dolore che davvero sente. Un percorso al termine del quale, comunque la si pensi sullorigine della sua poetica, restano esiti lirici commoventi. Come scopr chi per primo affond le mani dentro il baule da biancheria nel quale, otto anni dopo la sua morte, furono pescati pi di 27 mila testi sconosciuti: poesie, frammenti di diario, sequenze di racconti, progetti di libri appuntati dalle sue tante repliche, eteronimi maggiori o minori, o che aveva attribuito direttamente a se stesso. Una miniera di pagine dalle suggestioni inaspettate, dato che in vita Pessoa si era protetto con una monotona e scialba routine da impiegato. Scrivendo per molto, quando la sera si chiudeva nella sua camera ammobiliata o nelle taverne in cui si stordiva di alcol e fumo, e sempre fuori da ogni disciplina accademica: Ubbidisca alla grammatica chi non sa pensare ci che sente. E, pur frequentando la societ letteraria portoghese, pubblicando poco (ma non cos poco come si spesso detto) su effimere riviste a bassissima tiratura di quella Lisbona allora assai marginale rispetto a Parigi o Londra, dove fermentavano le grandi avanguardie artistiche. Dal giorno di quel ritrovamento Pessoa continua a parlarci, con la civetteria di uno che si voluto quasi tutto postumo, come ha detto Andrea Zanzotto. La sua voce resta tra le pi acute e profetiche nella percezione del dolore, dellassurdo, della solitudine, pur in unapparente indifferenza. Come gli succede in certi giorni di luce perfetta ed esatta, / nei quali le cose hanno tutta la realt che possono avere e nei quali per la stessa bellezza non significa nulla. Come nei versi della Tabaccheria, quando dalla finestra di casa scruta il padrone del negozio di fronte, che va e viene sulla porta, e riflette: Lui morir ed io morir. / Lui lascer linsegna, io lascer dei versi. / A un certo momento morir anche linsegna, e anche i versi. / Dopo un po morir la strada dovera stata linsegna, / e la lingua in cui erano stati scritti i versi. / Morir poi il pianeta ruotante in cui avvenuto tutto questo.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Grandi lirici
Fernando Antnio Nogueira Pessoa (Lisbona, 18881935) considerato uno dei maggiori poeti portoghesi e, per il suo valore, comparato a Cames. Il critico Harold Bloom lo defin, con Neruda, il poeta pi rappresentativo del XX secolo.

La collana

Oggi il quarto volume. Nel prossimo Derek Walcott


U
n percorso allinterno del continente poetico di Fernando Pessoa e dei suoi eteronimi. questo il volume Nei giorni di luce perfetta in edicola oggi, quarto delliniziativa editoriale del Corriere della Sera, la collana Un Secolo di poesia, curata da Nicola Crocetti (a 7,90 euro pi il prezzo del quotidiano). Il volume, come tutti gli altri della collana, contiene unintroduzione inedita dautore: in questo caso quella di Marco Missiroli, che spiega la personalit e la letteratura di Pessoa, definendolo un continente poetico da esplorare. Conoscere la sua opera significa, infatti, conoscere anche quella dei suoi eteronimi, come Alberto Caeiro, Ricardo Reis o Alvaro de Campos, cui fanno riferimento poetiche composite e diverse per tematiche, umori e stilemi. Oltre allantologia delle opere del grande autore portoghese, con testo a fronte, il volume curato da Paolo Collo contiene nuovi apparati biografici e bibliografici con i quali orientarsi nellopera dellautore. Nella introduzione di Missiroli si illustra con chiarezza la nascita di quegli eteronimi, frammenti della personalit di Pessoa che vivevano al di fuori di s con unautonomia letteraria, morale, sentimentale e soprattutto percettiva. Cos, leggendo lantologia, si possono conoscere il Caeiro della spersonalizzazione drammatica, il Reis della disciplina mentale, e lAlvaro de Campos che contiene tutta lemozione che non ho dato n a me n alla mia vita, come scriveva Pessoa. La prossima uscita, marted 24, sar Nelle vene del mare dedicata a Derek Walcott, a cura di Matteo Campagnoli e con introduzione di Sergio Perosa. (Ida Bozzi)
Il quarto volume
RIPRODUZIONE RISERVATA

UNA INTERPRETAZIONE DI FERNANDO PESSOA DI FABIO SIRONI

n uomo sale su un tram e osserva i viaggiatori che gli siedono di fronte. In realt li guarda senza distinguerli, perch gli interessano soltanto i dettagli. Dunque si concentra in particolare su una ragazza, separando mentalmente il vestito che indossa dalla stoffa di cui fatto e dalla lavorazione che stata necessaria a cucirlo. Lo colpisce il ricamo leggero che orla il colletto, una linea verde scuro sul verde chiaro dellabito, e subito vede la filanda dove la fibra di seta stata ottenuta, le sezioni della fabbrica, le macchine, gli operai, le sarte, gli uffici, i contabili, i dirigenti. In un velocissimo flusso di percezioni, entra nelle case di quelle persone, in regioni lontane, e intuisce il significato delle esistenze di ognuno, gli amori, i segreti, il loro spirito. un attimo. La testa gli gira. Scende dal tram esausto e sonnambulo. Ha vissuto tutta la vita.

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Cultura 41

1943-45 Le lettere inedite sulle persecuzioni nazifasciste curate da Avagliano e Palmieri per Einaudi

Laltra Resistenza nei lager


Le testimonianze dei deportati politici, una diversa forma di lotta
di ALDO CAZZULLO

ei campi di concentramento tedeschi, oltre agli ebrei costretti a portare la stella gialla, furono rinchiusi migliaia di partigiani, antifascisti e resistenti civili, con la tuta a strisce e un triangolo rosso allaltezza del cuore. Ora la storia dimenticata dei deportati politici italiani viene raccontata per la prima volta attraverso i loro scritti. Centinaia di lettere e diari, documenti quasi tutti inediti, sono stati raccolti nel libro Voci dal lager. Diari e lettere di deportati politici 1943-1945 (Einaudi), di Mario Avagliano e Marco Palmieri, che avevano gi raccontato con le medesime toccanti modalit (il

mosaico delle scritture private) le vicende degli internati militari e degli ebrei italiani perseguitati. La memoria della deportazione politica stata trascurata nel dopoguerra, ma il fenomeno riguard circa 24 mila persone (1.500 donne) e quasi la met di loro, oltre diecimila, morirono nei Konzentrationslager nazisti. A Dachau, Mauthausen, Buchenwald, Bergen-Belsen, Flossenbrg e nel lager femminile di Ravensbrck furono deportati, e spesso assassinati, italiani di ogni parte della penisola, antifascisti e partigiani di tutte le fedi politiche, operai colpevoli di aver scioperato e cittadini protagonisti di atti di Resistenza civile e senzarmi.

Questa, Gemma, la mia guerra scrive un deportato dallinterno del campo di Bolzano. Sopporto rassegnato: il corpo potr soffrire, lanima potr soffrire, ma una cosa non muore: lIdea. E la Patria lidea divina, manda a dire a casa un altro deportato. Il saggio di Avagliano e Palmieri inizia dal momento della cattura e delle torture subite in carcere San Vittore a Milano, Marassi a Genova, le Nuove a Torino, il Coroneo a Trieste, Regina Coeli a Roma e cos via per estorcere informazioni sui compagni di lotta. Mi martellarono in faccia qui al carcere, poi al loro covo scrive Luigi Ercoli da Brescia. Siccome non volevo parlare con le buone allora hanno cominciato

con nerbate e schiaffi (non spaventarti). Mi hanno rotto una mascella (ora di nuovo a posto). Il mio corpo era pieno di lividi per le bastonate; per non hanno avuto la soddisfazione di vedermi gridare, piangere e tanto meno parlare, scrive alla famiglia la staffetta partigiana Jenide Russo. Mentre in uno straordinario biglietto clandestino da Regina Coeli, Enrica Filippini Lera ci fa rivivere dallinterno il momento in cui vennero prelevati centinaia di detenuti trucidati dalle SS di Herbert Kappler alle Fosse Ardeatine: Abbiamo passato ore angosciose che non potremo mai dimenticare. Ho avuto sempre tanta forza e tanto coraggio ma in quel momento ero come distrutta. Lorrore qualcosa che stritola che distrugge.

come se mi avessero strappato dei figli e sono qui trepidante ancora e vorrei difendere tutti. Voci dal lager unemozionante antologia, ma anche un saggio politico, incentrato su due concetti non scontati: c una continuit tra la repressione del regime e loccupazione nazista; e la Resistenza non fu solo fazzoletti rossi e Bella ciao, ma opera di militari, ebrei, donne, civili. Come osservano Mario Avagliano e Marco Palmieri, non si ancora riflettuto a fondo sul fil rouge che lega la soppressione delle libert politiche e civili durante il Ventennio 1922-1943 e la successiva repressione di ogni forma di opposizione armata, politica, sindacale e civile nel tragico epilogo del-

Una categoria dimenticata Migliaia di antifascisti finirono a Dachau, Mauthausen, Buchenwald, Bergen-Belsen, Flossenbrg e Ravensbrck: sulle tute a strisce spiccava un triangolo rosso allaltezza del cuore
la Repubblica di Sal e delloccupazione tedesca del 1943-1945. Un dato esemplificativo: oltre il 25 per cento dei deportati fu catturato in operazioni di rastrellamento e su 716 operazioni di cui si conosce la composizione dei reparti che le eseguirono, ben 224 (il 31,3 per cento) furono condotte da unit militari o di polizia della Repubblica sociale. Una parte della storiografia fa tuttora fatica a considerare i deportati e i prigionieri politici (nonch gli internati militari) come protagonisti a pieno titolo della Resistenza e della guerra di Liberazione, al pari dei partigiani che combatterono nelle citt, sulle montagne o allestero, nonostante il collegamento diretto tra gli uni e gli altri, che risulta evidente anche dalle lettere e dai diari proposti nel saggio di Avagliano e Palmieri. E se ci poteva essere comprensibile nellimmediato dopoguerra, quando la Resistenza era considerata esclusivamente come una guerra militare e armata, lo molto meno oggi, dopo gli studi che hanno analizzato e riportato in piena luce la rilevanza della Resistenza cosiddetta civile e senzarmi in tutta Europa.
Lultimo viaggio sotto locchio vigile delle SS: ebrei salgono sui treni che dai ghetti portano ai campi di sterminio. Cracovia, 1942 (Fototeca italiana)
RIPRODUZIONE RISERVATA

Documenti I messaggi dallorrore

La nostra odissea verso lignoto a schiaffi, urla, calci e scudisciate


Il libro

Domani a Roma la presentazione


Esce oggi in libreria il volume Voci dal lager (Einaudi, pp. 419, e 14), in cui Mario Avagliano e Marco Palmieri hanno raccolto una serie di testimonianze dei deportati politici che furono reclusi nei campi di concentramento nazisti nel biennio 1943-45. Il libro sar presentato a Roma domani, presso la Sala Di Liegro di Palazzo Valentini (via IV Novembre, 119a), alle ore 17.30. Ne discutono con i due autori: Mauro Canali, Aldo Cazzullo, Massimo Rendina e Vera Michelin Salomon. Modera Umberto Gentiloni.

Mi hanno fotografato come un galeotto col cartello al collo di Roberto Lepetit, Milano, carcere di San Vittore, 14 ottobre 1944, 16giorno Mia carissima, le tue notizie e la tua assistenza morale mi fanno un bene enorme. Vivo di continue illusioni e speranze, ma la mia situazione sempre uguale! Sono sempre al V Raggio. Stamane mi hanno fotografato come un galeotto col cartello al collo. Si dice che quelli fotografati siano destinati alla deportazione in Germania! Dio non voglia una cosa simile. Meglio muffire nel V Raggio. Ma spero ancora e non mi avvilisco. Spero oggi passare in Infermeria. Speriamo sia di buon auspicio come lo fu per Pic. Luned matt. il maresciallo ted andr con la Lina a verificare il contenuto della cassetta di sicurezza. Speriamo non mi rubino le posate di Nicola! Non improbabile ritornino da Giuni e da Tononi. Penser tanto a voi domani ed in particolare a Guido e Micio. Fate una bella festa e abbiatemi con voi perch lo sar con tutto il mio animo anche se non so dove pensarvi. Vi abbraccio tanto tanto tanto R

Sono nove giorni che siamo sballottati viaggiando nelle condizioni pi pietose di Filippo DAgostino, Austria, 13 gennaio 1944 Sono nove giorni che siamo sballottati da un punto allaltro viaggiando nelle condizioni pi pietose, per raggiungere, forse, Mauthausen. Partiti da Roma marted, abbiamo fatto tre giornate di treno, con lunghe soste notturne nei binari morti. Disastrosa la sosta nel Brennero, dove con clima artico si era costretti a stare seduti per terra, ammucchiati nei carri bestiame, gelidi, e dove alcuni compagni ebbero sensazione di congelamento. Arrivammo alle 7 di sera a Dachau presso Monaco di

Baviera, e incolonnati, con un suolo gelato, dovemmo fare ancora una marcia di otto chilometri (Dachau, triste campo di internamento, famoso per la campagna giornalistica contro i metodi di sevizie ivi usati). Tre giorni di sosta, alloggiati nel salone dei bagni, dove ci si sdraiava per terra, ma non ci si poteva neppure distendere. La prima sera i guardiani cercarono di terrorizzarci con urli e minacce, chiamandoci ladri e sporchi, e minacciandoci di farci passare la notte, nudi, nel cortile esterno. Schiaffi, calci, scudisciate per un nonnulla. Dopo le undici, abbiamo ricominciato lodissea verso ignota destinazione. Durante la nostra sosta a Dachau, sono giunti una sera una quindicina di italiani che venivano da altri campi: scheletriti, affamati, alcuni in barella; scena sottoposta ai nostri occhi per scoraggiarci. Ma il nostro morale sempre alto e la certezza del ritorno sicura (...). Pare che non ci sia consentito scrivere, ma ho fede di ritornare, perch ho la coscienza a posto e la volont di vivere. Ti bacio affettuosamente coi bambini. Tutti i miei saluti cari agli amici, che, sono sicuro, non ti abbandoneranno.

Qui dentro ognuno parla della vita dietro a s come di una cosa staccata di Mariuccia Nulli, Bolzano, 25 settembre 1944 Tonino, Da pi di dieci giorni mi trovo qui, e non ho ancora trovato la possibilit di scriverti come vorrei, un po tranquillamente, al di fuori delleterna baraonda del campo. Di qui non potrei scriverti; e bisogna che aspetti di giorno in giorno loccasione. Poi mi metto qui e mi trovo povera di ogni cosa come se in dieci giorni tutta la mia vita mi fosse stata rubata; cos mi pare di non saper nemmeno parlare, n pensare n esprimere qualche cosa, e me ne sto di fronte a tutto questo che vedo, e che pu essere una spaventosa commedia, come se fosse una cosa conosciuta da molto tempo, e che mi ha annoiato, vuota com di ogni moto e di ogni speranza. Questo il posto dove tutti i moti si sono fermati ed hanno avuto la loro fine; qui dentro ognuno parla della vita dietro a s come di una cosa staccata, o come una storia che si racconta agli altri, e ognuno si porta sulla schiena il suo segno di croce, che uguale per tutti, mentre nessuno vede il suo. Ma adesso mi accorgo che non sono assolutamente capace di dir nulla, allo stesso modo di quando guardo, sopra le baracche oltre il muro, le montagne la sera, nel momento in cui mi accorgo che venuto lautunno. Me ne accorgo perch, anche oltre le nuvole, trafila sempre qualche colore sfuggito alla pioggia, e mi sembra il colore dei monti di Iseo dopo che passato settembre (...). Mariuccia
RIPRODUZIONE RISERVATA

La proposta di Gariwo al Parlamento europeo

Shoah e Gulag: un giorno per celebrare i Giusti

Un giorno europeo per celebrare i Giusti che si adoperarono per salvare i perseguitati della Shoah, del Gulag e di altri orrori. Dovrebbe essere il 6 marzo, quando mor nel 2007 Moshe Bejski, magistrato israeliano che cre il Giardino dei Giusti nel sacrario di Yad Vashem, a Gerusalemme. La proposta stata avanzata da Gariwo, lassociazione presieduta da Gabriele Nissim che ha creato un Giardino dei Giusti a Milano. La mozione stata presentata ieri al Parlamento di Strasburgo da cinque deputati europei.
RIPRODUZIONE RISERVATA

42

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Idee&opinioni
RIFORMA ELETTORALE

Corriere della Sera SMS


Le news pi importanti in anteprima sul tuo cellulare. Invia un sms con la parola CORRIERE al 4898984
Servizio in abbonamento (3 euro a settimana). Per disattivarlo invia RCSMOBILE OFF al 4898984 Maggiori informazioni su www.corrieremobile.it

IL SENSO CIVICO DEI MILANESI NEL PRIMO GIORNO DELLAREA C


Al di l delle dichiarazioni entusiastiche e delle speculari polemiche che hanno accompagnato lavvio di Area C, c un aspetto che merita di essere sottolineato nella giornata in cui Milano ha scoperto la sua Citt Proibita: il senso pratico (che sconfina a volte nel civismo, pur essendo geneticamente diverso) dei suoi cittadini. Molti dei quali hanno protestato anche duramente nelle scorse settimane, hanno contestato la giunta Pisapia, hanno dato vita a infuocate assemblee pubbliche. Poi, allo scoccare dellora fatale, hanno provato a risolvere il problema, chi anticipando larrivo al lavoro prima delle 7.30, chi facendo ricorso a tram, autobus e metropolitane che non usavano da anni, chi rispolverando moto e motorini, chi facendosi accompagnare al confine di Area C, a quei famigerati varchi elettronici che tutto vedono e tutto registrano, per poi proseguire a piedi o con i mezzi pubblici. Business as usual. Risultato: ieri, come tutti hanno potuto constatare, in alcune zone del centro sembrava di essere a Zurigo. Strade scorrevoli, parcheggi nelle strisce blu insolitamente liberi. Dentro i confini si toccavano con mano la diminuzione delle auto e laumento

Lintento dei referendari era giusto ma lesito stato controproducente


di GIOVANNI SARTORI

Ugo Savoia
RIPRODUZIONE RISERVATA

CHIARA DATTOLA

di scooter e biciclette. Fuori per la situazione non stata altrettanto rosea, specialmente a ridosso dei punti di accesso, con automobilisti alla disperata ricerca di un parcheggio dalle primissime ore del giorno e proprietari di garage fuori dalla Cerchia che gongolavano. Al contrario di quanto succedeva a molti dei loro colleghi del centro, alcuni dei quali hanno visto crollare improvvisamente il numero di macchine che, dal luned al venerd, rappresentavano da anni la loro principale clientela. Forse questo uno degli aspetti pi importanti su cui dovr concentrarsi lamministrazione: evitare che la novit porti detrimento a uno o pi settori delleconomia. Non a caso una nota di Confcommercio si augura che alla riduzione del 35 per cento di auto non corrisponda unidentica diminuzione di fatturato. Comunque il primo giorno di Area C stato meno impattante di quanto si temesse. Ora bisogner attendere gli altri. Nel frattempo ognuno continuer a raccontarla come vuole, in quella sorta di Rashomon alla milanese che diventato il dibattito sul traffico.

SE WIKIPEDIA INCROCIA LE BRACCIA CONTRO LA LEGGE SUI PIRATI ONLINE

Wikipedia sceglie la strada di una clamorosa serrata di 24 ore per cercare di fermare la legge contro la pirateria su Internet sulla quale il Congresso potrebbe votare gi la prossima settimana: una battaglia nella quale si giocano interessi colossali destinata ad influenzare informazione e intrattenimento online ben al di l dei confini americani. Sostenuta da produttori di contenuti, a partire da Case cinematografiche, reti televisive ed editori che chiedono un maggior rispetto del copyright, la nuova normativa osteggiata da unampia coalizione dei grandi operatori di Internet da Google a Facebook decisi a convincere i loro utenti che quelli in discussione sono provvedimenti liberticidi. Una campagna iniziata, per loro, in salita con le lobby del cinema, della tv e della musica che erano riuscite a mobilitare un gran numero di parlamentari sia democratici che repubblicani. Il vento , per, cambiato sabato scorso, quando la Casa Bianca sono usciti allo scoperto bocciando il Sopa: lo Stop Online Piracy Act che potrebbe andare in votazione alla Camera il 24 gennaio, mentre il Senato sta esaminan-

do unaltra versione dello stesso provvedimento, denominata Pipa. Misura eccessiva hanno sentenziato i consiglieri di Obama, col presidente rimasto fin qui in silenzio. Lo stop della Casa Bianca ha provocato la furiosa reazione di Rupert Murdoch che dal vertice del suo impero fatto di televisioni, giornali e case cinematografiche ha scelto Twitter, dove sbarcato da pochi giorni, per attaccare personalmente Obama, accusato di proteggere i pirati, anzich perseguire i ladri che rubano pezzi importanti di propriet intellettuale. Ma la sortita degli uomini del presidente, che giudicano troppo dure le sanzioni contro i siti che violano il copyright, ha galvanizzato il mondo della Silicon Valley, primo grande elettore di Obama fin dalla campagna del 2008. E ora, oscurando domani per 24 ore nella versione inglese la sua enciclopedia digitale, il fondatore di Wikipedia Jimmy Wales rilancia la campagna che presenta la nuova legge come un attacco alla libert dei cittadini.

n Italia, specialmente grazie a Pannella, di referendum ne abbiamo avuti in abbondanza. Ma quello dellaltro giorno sul Porcellum, o meglio contro il Porcellum, davvero stato una congerie di stranezze e di errori. Tanto per cominciare, siamo partiti con una ammucchiata. Primo partito il referendum proposto dal professor Stefano Passigli, gi senatore dei Ds-lUlivo, che stato inopinatamente silurato non si capisce bene perch e non si sa bene da chi. Il referendum Passigli sarebbe quasi sicuramente passato al vaglio della Consulta, ed aveva linestimabile pregio di eliminare, tra laltro, il premio di maggioranza truffaldino che attribuisce la maggioranza dei seggi ad una minoranza di voti (sia pure la maggiore minoranza, ma pur sempre minoranza). Dicevo che il testo Passigli sarebbe stato quasi sicuramente approvato dalla Corte perch presentava questa caratteristica: di essere un testo immediatamente agibile, immediatamente utilizzabile. E la Corte ha sempre ritenuto che in materia elettorale non poteva esistere un vuoto legislativo. Il Paese deve poter votare in qualsiasi momento, e quindi una legge elettorale deve sempre esistere. Invece i due referendum bocciati dalla Corte sono stati concepiti e presentati come se la abrogazione del Porcellum facesse automaticamente rivivere la legge elettorale preesistente, il Mattarellum. Ma cos non pu essere. Come ha argutamente scritto Ainis sul Corriere venerd scorso, su questa falsariga se un referendum sancisse labrogazione dellergastolo otterrebbe leffetto di ripristinare la pena capitale. Ma la posta in gioco non era soltanto questa. Senza premio di maggioranza il Porcellum non avrebbe pi interessato Berlusconi n Bossi. Il che rendeva possibile una trattativa fra tutti i partiti per mettersi daccordo su un sistema elettorale quantomeno decente. Ma visto che il premio di maggioranza resta, Berlusconi si gi affrettato a dichiarare

Il Porcellum ha finito con lessere consolidato e con esso un premio di maggioranza truffaldino e indecente

La consultazione popolare proposta da Passigli sarebbe al contrario passata al vaglio della Corte

che il Porcellum andava benissimo e che non vedeva ragione di cambiarlo. E dunque mentre lintento dei referendari era sacrosanto, lesito del loro operare stato controproducente: temo che abbiano consolidato il Porcellum e con esso un premio di maggioranza truffaldino e indecente. Sono anni, anzi decenni, che il grosso dei costituzionalisti indica il sistema elettorale francese (maggioritario a doppio turno) e il sistema elettorale tedesco come due modelli oramai ben collaudati che potremmo benissimo adottare, con qualche ritocco, anche noi. Si capisce che esistono anche altri sistemi elettorali ben funzionanti. Ad esempio, il singolo voto trasferibile dellAustralia o il sistema spagnolo. Ma i primi due sono i pi noti, ne discutiamo (in Italia) da gran tempo e sarebbero facili da importare. Manca una maggioranza che davvero li voglia. Specie ora che, come dicevo, il referendum ha regalato a Berlusconi il sistema elettorale che lo avvantaggia pi di ogni altro.
RIPRODUZIONE RISERVATA

IL CASO COSTA CONCORDIA

Quel naufragio della responsabilit


di GIULIO SAPELLI

Massimo Gaggi
RIPRODUZIONE RISERVATA

SI RINVIA IL VERTICE A TRE DI ROMA MENTRE SARKOZY GIOCA IN DIFESA


Oltre a far tremare Europa e mercati, le agenzie di rating hanno aperto la campagna elettorale francese. Per molti avversari di Sarkozy, non solo a sinistra, il declassamento della Francia ad opera di Standard & Poors sancisce un bilancio negativo ed errori del suo quinquennato. La conferma della tripla A da parte di Moodys viene invece utilizzata dal presidente per ridimensionare limpatto mediatico delle agenzie in rapporto alla reale situazione del Paese. Non devono essere le agenzie a determinare la politica di un Paese la parola dordine dellEliseo. Latteggiamento del presidente quello dei vigili sul luogo di un incidente stradale: circolare, lasciateci lavorare, con contorno di frecciatine trasversali contro chi usa le agenzie per tornaconto politico. LEliseo maschera le difficolt con consueto sussulto patriottico, ma Sarkozy e la sua squadra tradiscono nervosismo (come linfelice battuta del ministro della Difesa che paragona il candidato socialista Hollande al comandante della Costa Concordia, nel caso si trovasse in maggio al timone della Francia). Uf-

ficialmente indifferente, proprio Sarkozy ha in verit sempre sperato che il declassamento, per quanto messo nel conto, non arrivasse a condizionare le elezioni. I sondaggi non sono confortanti e le speranze di riconferma sono pi appese agli errori e alle divisioni della sinistra che a un effettivo recupero di consensi. In questo quadro, sinserisce anche il rinvio del vertice di Roma. Sarkozy ha visto crollare nello spazio di un weekend il virtuale asse fra pari grado che si reggeva (e forse pu reggersi ancora) su motivazioni politiche cui non corrispondeva per unomogeneit di situazione economica tra Francia e Germania. Standard & Poors ha sancito lo scarto e i tempi sono diventati di nuovo troppo stretti e confusi per continuare a coltivare lillusione che il peggio sia dietro le spalle. La campagna elettorale comincia tutta in salita, in una Francia smarrita e disorientata, ormai su un altro genere di asse: quello inclinato dellEuropa del sud. Meglio non darlo a vedere subito.

Massimo Nava
RIPRODUZIONE RISERVATA

ene ha fatto il Corriere della Sera di ieri sottolineando in prima pagina le responsabilit personali che sono emerse in merito allevento drammatico della Costa Crociere naufragata allIsola del Giglio, con la denuncia della gravit del comportamento del capitano della nave e bene ha fatto Pierluigi Battista a stigmatizzare laccaduto e a invocare severit istituzionale. E questo perch, ahim, il fatto paradigmatico di un comportamento umano associato e non solo individuale terribilmente diffuso in tutte le organizzazioni. Certo, le conseguenze non sono sempre cos drammatiche, ma scavano nel profondo dellanimo e dellimmaginario collettivo e stanno trasformando lo stesso costume sociale degli italiani (e non solo loro). Perch? Di che si tratta? Ma del fatto che sempre pi divenuto normale, ossia socialmente e culturalmente accettato, usare i poteri di comando per soddisfare i propri desideri, ricambiare piccoli e grandi favori con reciprocit collusive, creare catene di complicit dirette a soddisfare volont non sempre criminali ma sempre, tuttavia, narcisistiche e dettate dal desiderio di dimostrare una onnipotenza che fa gonfiare il petto di soddisfazione. Un tempo questo comporta-

mento era descritto dagli antropologi che a frotte giungevano, tra gli anni Cinquanta e Sessanta del Novecento, nellEuropa del Sud per studiarne usi e costumi, come familismo amorale, ossia quellorientamento allazione diretto ad anteporre a qualsivoglia altra obbligazione sociale o culturale i bisogni e le ambizioni della societ naturale che circonda la persona, ossia la famiglia. I cosiddetti doveri si componevano nei comportamenti sociali secondo una sorta di lista delle priorit: prima il dovere verso la famiglia e gli amici degli amici, poi quelli verso qualsiasi comportamento associato che richiamasse la responsabilit verso il bene comune, la volont generale. Come dimostra il comportamento del capitano della Costa, ora i costumi sociali sono assai spesso cambiati in peggio: linchino che si fa da secoli con le

Familismo e narcisismo amorali sempre pi diffusi nelle organizzazioni

navi che costeggiano pi da vicino del solito un porto dove abitano amici dellequipaggio e che generalmente non ha mai causato disastri di sorta, si trasforma in qualcosa di profondamente diverso. E questo perch si pu intrecciare con un familismo amorale allargato, ossia che coinvolge pi persone e soprattutto che viene posto in atto da persone che hanno perduto ogni senso di responsabilit verso la collettivit. questa la novit. Una novit che chiunque viva o abbia vissuto nelle organizzazioni ricoprendo incarichi di responsabilit sente sempre pi sorgere accanto a s. Se poi si urta uno scoglio, poco male, basta porre in salvo se stessi e se si bravi, bravi secondo i criteri del costume sociale prima evocato, tanto meglio: se ne ricava anche un guadagno, materiale o di credibilit familistica che potr venir utile in futuro.

Limpressione che il bene comune non sia in testa alle priorit

Sino al punto che chi si rifiuta di fare inchini di sorta, ossia di somministrare favori e di cedere ai riti della reciprocit che ogni inchino comporta, viene indicato come un alieno e un terribile guastafeste. Questa la nuova solitudine del lavoro e nel lavoro: la solitudine della buona coscienza. Esistono naturalmente esempi opposti e che anche la vicenda del Giglio e della Costa Concordia hanno reso manifesti in modo splendido. Ma vi assicuro che sempre pi si tratta di eccezioni: in genere, tanto pi se si hanno responsabilit gerarchiche, fatto linchino si butta la chiave, come si dice in gergo, e ci si ritira nella propria cabina, mentre i telefonini dei passeggeri e dei componenti dellequipaggio, inermi dinanzi al malcostume (e ogni organizzazione ha passeggeri ed equipaggio), squillano senza risvegliare la coscienza di chi dovrebbe anteporre allinchino il dovere morale del bene comune. La tragedia che sono quelli che buttano la chiave che, sempre pi spesso, fanno carriera. Selezione avversa: questo leufemismo usato per segnalare il fenomeno. In poche parole: una vergogna sempre pi diffusa dinanzi alla quale siamo troppo spesso impotenti.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

43
Le lettere, firmate con nome, cognome e citt, vanno inviate a: Lettere al Corriere Corriere della Sera via Solferino, 28 20121 Milano - Fax al numero: 02-62.82.75.79

Lettere al Corriere
Risponde Sergio Romano
Credo si dia troppo credito alle agenzie di rating: sparano sentenze senza che si possa controllare il loro operato. Penso siano necessarie regole rigide per questi signori che con una parola possono creare danni irreparabili. Chi controlla i loro giudizi? Ritengo sia opportuno che gli elementi di valutazione siano chiari. Chi garantisce che una agenzia di rating prima di pubblicare valutazioni su uno Stato o azienda non metta in atto una qualsiasi forma di insider trading? Angelo Tagliabue atagliabue@libero.it Visti i passati errori di valutazione da parte delle agenzie di rating, perch non dichiariamo il downgrade di S&P, Moody's eccetera? Non farebbe un diverso effetto una BBB sancita da un'agenzia senza la tripla A? Gianpiero Gemelli gpgemelli@libero.it Cari lettori, orse dovremmo chiederci anzitutto perch esistano e perch abbiano da qualche decennio un ruolo fondamentale nella vita economica internazionale. Le agenzie sono apparse sulla scena americana allepoca del grande boom ferroviario, dopo la guerra di secessione. Erano utili perch servivano a valutare la consistenza e laffidabilit di imprese che nascevano come funghi, erano spesso frutto di iniziative spericolate e rischiavano di trascinare con s, nella bancarotta, migliaia di risparmiatori ingenui o male informati. Negli ultimi decenni, tuttavia, la loro storia strettamente legata a quella del neoliberismo e della globalizzazione. Viviamo ormai in un mondo dove il denaro pu circolare molto pi liberamente di quanto non accadesse fino agli anni Settanta del secolo scorso, dove i mercati finanziari sono vasi comunicanti,

E-mail: lettere@corriere.it oppure: www.corriere.it oppure: sromano@rcs.it

LE AGENZIE DI RATING INGOMBRANTI MA NECESSARIE

Il sale sulla coda


di Dacia Maraini

dove esiste una massa di risparmiatori e investitori che possono comperare azioni, obbligazioni e buoni del Tesoro di imprese, Stati ed enti locali, indipendentemente dalla loro collocazione geografica. Come ha ricordato Massimo Mucchetti sul Corriere del 15 gennaio, queste agenzie servono a dare un voto ad azioni e obbligazioni di societ e Stati cos da evitare agli investitori la fatica e i costi di valutarne in proprio i rischi, e pure le responsabilit che loro deriverebbero verso i propri azionisti o clienti. Se non ci fossero, in altre parole, bisognerebbe inventarle. Considerate in questa prospettiva, le agenzie sono una sorta di magistratura finanziaria necessaria alla fluidit dei mercati, una delle

numerose istituzioni sorte o rafforzate per dare una risposta ai problemi delleconomia globalizzata. Esistono tuttavia alcuni inconvenienti. Le agenzie possono commettere errori madornali, come accadde nel 2008. Hanno un assetto proprietario composto da imprese, gruppi e persone che non sono indifferenti agli andamenti dei mercati. Fanno pagare i loro servizi a coloro che sono oggetto dei loro giudizi. Soffrono di potenziali conflitti dinteresse e sono quindi, per molti aspetti, nelle stesse condizioni di quelle societ specializzate in verifiche di bilanci aziendali (penso in particolare a Arthur Andersen) che non videro o non denunciarono le acrobazie contabili della grande societ energetica Enron, poco pi di dieci anni fa. Per ovviare a questi inconvenienti stato proposto che il monopolio americano venga rotto con la creazione di dal Colosseo a Pompei, affliggono i beni culturali. Le pi micidiali picconate sono state assestate eliminando nelle scuole medie la possibilit di conoscere le civilt che ci hanno generati, greci e romani, e riducendo nei licei la storia dellet classica a unora e mezza settimanale, per di pi senza un voto proprio e accorpandola alla geografia. I vuoti culturali preparano sempre, prima o poi, le catastrofi materiali, poich di quei monumenti si sa sempre meno che cosa significhino e perch andrebbero salvaguardati.
Fabrizio Polacco, Roma

agenzie pubbliche statali, interstatali o supernazionali come sarebbe, se venisse creata, quella dellUnione Europea. Sembra una buona idea. Ma chi pu garantirne lindipendenza? Esistono banche centrali (la Federal Reserve e la Banca dInghilterra per esempio) che fanno politiche monetarie strettamente collegate a quelle del loro governo. Potranno le agenzie pubbliche ignorare i desideri e gli interessi di coloro che le hanno create? Non tutto. Nel creare una nuova agenzia bisogner definire i criteri di cui dovr servirsi per giudicare la solvibilit di un Paese o di una azienda. Ma occorrer altres che questi criteri siano condivisi dalle altre agenzie. Forse il miglior modo per cominciare quello di mettere il problema allordine del giorno della prossima riunione del G20 che avr luogo in Messico fra qualche mese.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il bisogno di giustizia ora viaggia sulla Rete


stato detto tante volte che le maggioranze vogliono vedere al governo non solo qualcuno che gli assomigli, ma che sia peggio di loro, per potersi sentire superiori, per poterlo denigrare, per potere tirare fuori impunemente il peggio di s. Pu darsi che sia vero, ma a lungo andare questo continuo esempio di sregolatezze e abusi di potere, si scontra con un sentimento che si trova nellanimo umano: il sentimento di giustizia. Non c bisogno di studi, di lauree, di conoscenze profonde, per risvegliare il sentimento di giustizia. un impulso innato e profondo che abbiamo in comune perfino con gli animali. Anche se negli animali il sentimento di giustizia viene continuamente dominato da quello di necessit, basta osservarli per capire che anche in loro alberga, in forme certo non umane ma riconoscibili, questo sentimento di bene comune. La preferenza per il bene comune ci porta a sacrificare gli interessi pi egoistici e personali per il futuro della comunit, della specie. In questi ultimi venti anni il sentimento di giustizia stato messo a tacere dallesaltazione continua dellidea di propriet, dalla difesa strenua del proprio piccolo orto, rispetto ai campi comuni. Il bisogno di giustizia ha dormito, come dormono le erbe sotto la neve. Ma viene sempre il momento del disgelo e le erbe si risvegliano al tepore di un sole nuovo. quello che sta succedendo secondo me nel nostro confuso e contraddittorio Paese, in cui il sentimento di giustizia sociale stato Mortificato per troppo tempo mortificato. Il diper troppo sgelo iniziato e ci accorgiamo con stupore che non riguarda solo tempo, eccolo noi, piccolo Paese mediterraneo riemergere. E colpito dalle complicazioni della non solo in Italia globalizzazione, ma addirittura tutto il mondo. Nazioni che sembravano destinate per i secoli a subire dittature religiose e politiche, si sono come dincanto risvegliate e, a costo della vita, stanno dimostrando la grande urgenza di giustizia che miracolosamente abita nel cuore umano e lo rende nobile, nonostante le sue derive di egoismo, di violenza e di brutalit, di furberie scomposte e deliri di onnipotenza. Questi risvegli sono periodici e stupiscono gli osservatori storici per la velocit del contagio. Dalla Libia allEgitto, dalla Siria al Myanmar, il mondo in accensione e appare animato da una voglia collettiva inarrestabile di ristabilire valori comuni, nuove prospettive per il futuro comune, contro ogni totalitarismo, contro ogni dispotismo, contro ogni privilegio. Non so fino a che punto la crisi economica entri nellaccensione di queste forze liberatorie. Certo stato determinante uno strumento tecnologico umile di cui nessuno prevedeva la potenza: la Rete elettronica che permette al pensiero di sollevarsi dal basso verso lalto, anzich scendere dallalto verso il basso come succede con i mezzi di comunicazione di massa. La Rete riuscir a saziare il nostro bisogno di giustizia? Difficile dirlo. Anche perch questo famelico bisogno di giustizia facilmente addormentabile, come il serpente chiuso nel paniere, che risponde al fischio del padrone. Ma una volta svegliato non lo ferma nessuno.

LIBERALIZZAZIONI

Taxi e auto blu


Caro Romano, domanda provocatoria: se si potessero convincere i nostri politici a usare i taxi e dismettere tutte le auto blu forse i tassisti cederebbero sulla liberalizzazione?
Umberto Brusco scobru49@gmail.com

specializzazione delle piccole culture. Per l'Italia una differenza non da poco, con in ballo tante piccole e medie imprese e un'occupazione anche altamente qualificata.
Marco Lombardi lombardimarco77@libero.it

AGENZIA DELLE ENTRATE

Blitz simili a show


Invece di eseguire show-blitz, perch lAgenzia delle entrate in passato non quasi mai stata forte coi forti e ha consentito tanta evasione fiscale? Non mi dica che la causa stata la mancanza di poteri: non ci credo.
Umberto Bartolini l.solimena1@alice.it

IN CASO DI BLACKOUT

Strumenti elettronici
Sulla Costa Concordia le porte delle cabine si aprivano con chiave elettronica. Geniale, cos in caso di blackout si rimane in trappola. Analogamente sulle carrozze ferroviarie hanno da tempo eliminato la possibilit di aprire

Prenderemmo due piccioni con una fava.

manualmente i finestrini, cos in caso di incidente i passeggeri rimangono in trappola, soffocati dalle esalazioni di un eventuale incendio, senza poter aprire un finestrino per respirare o per scappare. Guido Sanzo, Imperia

LAVORATORI AUTONOMI

AGRICOLTURA

BENI CULTURALI

Impegni del ministro


Finalmente abbiamo un ministro dell'Agricoltura che si prende l'impegno di intervenire sulla Pac a livello europeo. La Politica agricola comunitaria che andr in vigore nel periodo 2014-2019, snobbata finora dal nostro governo, avr un peso determinante nel favorire il sistema dei latifondi sottoutilizzati, appannaggio delle grandi multinazionali, oppure nel premiare la

Picconate dalla scuola


I mancati restauri e la scarsit di fondi sono la causa minore dei crolli che,

I redditi dichiarati
Ho visto i redditi medi dichiarati dagli autonomi. Mi piacerebbe che ogni esercizio pubblico esponesse il suo reddito dichiarato. Io, che con un reddito tre volte superiore al loro, non arrivo a fine mese, potrei commuovermi e dare loro qualche spicciolo o, in alternativa, denunciarli ai carabinieri. In entrambi i casi farei una buona azione!
Carlo Rossi carlo.rossi@hotmail.it

La tua opinione su corriere.it/opinioni/


A Milano debutta lArea C, a Roma due giorni di targhe alterne. Ritenete utile questo tipo di misure?

SUL WEB Risposte alle 19 di ieri

La domanda di oggi
Tassisti e orafi dichiarano redditi sotto i 16 mila euro. Il governo riuscir a far pagare le tasse?

RR
46,7 No 53,3

RIPRODUZIONE RISERVATA

Interventi & Repliche


Lesempio del comandante Calamai
Sono il nipote di Piero Calamai, comandante dellAndrea Doria, riconosciuto tardivamente non responsabile del naufragio del transatlantico avvenuto nel 1956, uomo retto deceduto dopo lungo, sofferto e dignitoso silenzio nel 1972. Resto a dir poco sbalordito nel leggere le cronache della tragica sorte (se di sorte si pu parlare) della motonave Costa Concordia. A nome mio e delle mie cugine Marina e Silvia Calamai, sue figlie, vorrei ringraziare il Corriere che ieri, nellarticolo di Armando Torno, cos ha ricordato mio zio: e che dire del comandante Piero Calamai, che rest a bordo dellAndrea Doria dopo lo scontro che essa ebbe il 25 luglio 1956 con la Stockholm, rifiutandosi di mettersi in salvo? Le cronache ricordarono che venne costretto a lasciare la propria nave dai suoi ufficiali, anzi, essi tornarono appositamente per prelevarlo. Che dire? Forse solo che Piero Calamai era, per dirla con Sciascia, un Uomo, con la U maiuscola, come certamente ce ne sono stati e ce ne sono tantissimi altri. Giorgio Piccardo, Milano Basterebbe sfruttare meglio lalta velocit: gli autotreni e i Tir potrebbero essere trasportati su quei treni nelle tratte gi in esercizio che, attualmente, sono utilizzate solo per i treni passeggeri (sono cio sottoutilizzate). Ci sarebbe il vantaggio di ridurre i consumi di gasolio per autotrazione e di far presto: durante il viaggio, gli autisti potrebbero riposare. Mario Scarbocci, Milano mancata ricezione del preavviso di rinnovo del canone tv per l'anno 2012, precisiamo che la postalizzazione di tali modelli (circa 17.000.000), iniziata il 27/12/2011 e si concluder il 13/1/2012. Se il signor Mai risiede in Rieti, come sembrerebbe risultare dalla lettera, si precisa che la spedizione per tale citt si conclusa il 2 gennaio 2012. In ogni caso siamo disponibili a effettuare ricerche pi accurate se ci verranno indicati i dati dell'abbonato in questione, considerato che da una prima analisi, non sembrerebbe risultare un signor Mauro Mai residente in Rieti. Stanislao Argenti, Direttore amministrazione abbonamenti Rai

Nidasio

Viaggi dei Tir sui treni AV


Un lettore propone di spostare i trasporti dalla strada alla rotaia per ridurre i costi (Corriere, 9 gennaio).

Rai: i bollettini del canone tv


In merito alla lettera pubblicata dal Corriere il 10 gennaio dal titolo Bollettini del canone tv da parte del signor Mauro Mai che lamenta la

2012 RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI

4
FONDATO NEL 1876 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE
DIRETTORE RESPONSABILE PRESIDENTE Piergaetano Marchetti VICE PRESIDENTE Renato

Sede legale: Via Angelo Rizzoli, 8 - Milano Registrazione Tribunale di Milano n. 139 del 30 giugno 1948 Responsabile del trattamento dei dati (D. Lgs. 196/2003): Ferruccio de Bortoli privacy.corsera@rcs.it - fax 02-6205.8011
COPYRIGHT RCS MEDIAGROUP S.P.A. DIVISIONE QUOTIDIANI

Ferruccio de Bortoli
CONDIRETTORE

Pagliaro

Luciano Fontana
VICEDIRETTORI

Antonio Macaluso Daniele Manca Giangiacomo Schiavi Barbara Stefanelli

Antonello Perricone Roland Berger, Roberto Bertazzoni, Gianfranco Carbonato, Diego Della Valle, John Elkann, Giorgio Fantoni, Franzo Grande Stevens, Jonella Ligresti, Giuseppe Lucchini, Vittorio Malacalza, Paolo Merloni, Andrea Moltrasio, Carlo Pesenti, Virginio Rognoni, Alberto Rosati, Giuseppe Rotelli, Enrico Salza DIRETTORE GENERALE DIVISIONE QUOTIDIANI Giulio Lattanzi
AMMINISTRATORE DELEGATO E DIRETTORE GENERALE CONSIGLIERI Raffaele Agrusti,

Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo quotidiano pu essere riprodotta con mezzi grafici, meccanici, elettronici o digitali. Ogni violazione sar perseguita a norma di legge. DIREZIONE, REDAZIONE E TIPOGRAFIA 20121 Milano - Via Solferino, 28 Tel. 02-62821 DISTRIBUZIONE m-dis Distribuzione Media S.p.A. Via Cazzaniga, 19 - 20132 Milano - Tel. 02-2582.1 - Fax 02-2582.5306 PUBBLICIT RCS MediaGroup S.p.A. Divisione Pubblicit Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano - Tel. 02-25846543 - www.rcspubblicita.it

EDIZIONI TELETRASMESSE: Tipografia Divisione Quotidiani RCS MediaGroup S.p.A. 20060 Pessano con Bornago - Via R. Luxemburg - Tel. 02-95.74.35.85 S RCS Produzioni S.p.A. 00169 Roma - Via Ciamarra 351/353 - Tel. 06-68.82.8917 S SEPAD S.p.A. 35100 Padova - Corso Stati Uniti 23 - Tel. 049-87.00.073 S Niber S.r.l. 40057 Cadriano di Granarolo dellEmilia (Bo) - Via Don G. Minzoni 54 - Tel. 051-76.55.67 S Tipografia SEDIT Servizi Editoriali S.r.l. 70026 Modugno (Ba) - Via delle Orchidee, 1 Z.I. - Tel. 080-58.57.439 S Societ Tipografica Siciliana S.p.A. 95030 Catania - Strada 5 n. 35 - Tel. 095-59.13.03 S Centro Stampa Unione Sarda S.p.A. 09034 Elmas (Ca) - Via Omodeo - Tel. 070-60.131 S BEA printing bvba - Maanstraat 13, 2800 Mechelen, Belgium S Speedimpex USA, Inc. 38-38 9th Street Long Island City, NY 11101, USA S CTC Coslada - Avenida de Alemania, 12 - 28820 Coslada (Madrid) S La Nacin - Bouchard 557 - 1106 Buenos Aires S Taiga Grfica e Editora Ltda - Av. Dr. Alberto Jackson Byington N1808 - Osasco - So Paulo - Brasile S Miller Distributor Limited Miller House, Airport Way, Tarxien Road Luqa LQA 1814 - Malta S Hellenic Distrubution Agency (CY) Ltd - 208 Ioanni Kranidioti Avenue, Latsia 1300 Nicosia - Cyprus PREZZI: * Non acquistabili separati, il gioved (nella regione Sardegna la domenica) Corriere della Sera + Sette e 1,50 (Corriere e 1,20 + Sette e 0,30); il sabato Corriere della Sera + IoDonna e 1,50 (Corriere e 1,20 + IoDonna e 0,30) . A Como e prov., non acquistabili separati: m/m/v/d Corsera + Cor. Como e 1,00 + e 0,20; gio. Corsera + Sette + Cor. Como e 1,00 + e 0,30 + e 0,20; sab.

Corsera + IoDonna + Cor. Como e 1,00 + e 0,30 + e 0,20. In Campania, Puglia, Matera e prov., non acquistabili separati: lun. Corsera + CorrierEconomia del CorMez. e 0,80 + e 0,40; m/m/v/d Corsera + CorMez. e 0,80 + e 0,40; gio. Corsera + Sette + CorMez. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40; sab. Corsera + IoDonna + CorMez. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40. In Veneto, non acquistabili separati: m/m/v/d Corsera + CorVen. e 0,80 + e 0,40; gio. Corsera + Sette + CorVen. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40; sab. Corsera + IoDonna + CorVen. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40. In Trentino Alto Adige, non acquistabili separati: m/m/v/d Corsera + CorTrent. o CorAltoAd. e 0,80 + e 0,40; gio. Corsera + Sette + CorTrent. o CorAltoAd. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40; sab. Corsera + IoDonna + CorTrent. o CorAltoAd. e 0,80 + e 0,30 + e 0,40. A Bologna e prov. non acquistabili separati: m/m/v/d Corsera + CorBo e 0,53 + e 0,67; gio. Corsera + Sette + CorBo e 0,53 + e 0,30 + e 0,67; sab. Corsera + Io Donna + CorBo e 0,53 + e 0,30 + e 0,67. A Firenze e prov. non acquistabili separati: l/m/m/v/d Corsera + CorFi e 0,53 + e 0,67; gio. Corsera + Sette + CorFi e 0,53 + e 0,30 + e 0,67; sab. Corsera + Io Donna + CorFi e 0,53 + e 0,30 + e 0,67.

ISSN 1120-4982 - Certificato ADS n. 7336 del 14-12-2011

La tiratura di luned 16 gennaio stata di 517.180 copie

PREZZI DI VENDITA ALL'ESTERO: Albania e 2,00; Argentina $ 7,00 (recargo envio al interior $ 0,70); Austria e 2,00; Belgio e 2,00; Brasile R$ 7,00; Canada CAD 3,50; CH Fr. 3,00; CH Tic. Fr. 3,00; Cipro e 2,00; Croazia Hrk 15; CZ Czk. 64; Danimarca Kr. 18; Egitto e 2,00; Finlandia e 2,50; Francia e 2,00; Germania e 2,00; Grecia e 2,00; Irlanda e 2,00; Lux e 2,00; Malta e 2,00; Marocco e 2,20; Monaco P. e 2,00; Norvegia Kr. 22; Olanda e 2,00; Polonia Pln. 9,10; Portogallo/Isole e 2,00; Romania e 2,00; SK Slov. e 2,20; Slovenia e 2,00;

Spagna/Isole e 2,00; Svezia Sek. 25; Tunisia TD 3,50; Turchia e 2,00; UK Lg. 1,80; Ungheria Huf. 600; U.S.A. USD 4,00. ABBONAMENTI: Per informazioni sugli abbonamenti nazionali e per l'estero tel. 0039-02-63.79.85.20 fax 02-62.82.81.41 (per gli Stati Uniti tel. 001-718-3610815 fax 001-718-3610815; per il Brasile Numero Verde 0800-558503 solo per San Paolo e 00xx11-36410991 per tutte le altre localit). ARRETRATI: Tel. 02-99.04.99.70. SERVIZIO CLIENTI: 02-63797510 (prodotti collaterali e promozioni).

* Con "Sette" e 2,70; con "Io Donna" e 2,70; con "Style Magazine" e 3,20; con "Corriere Enigmistica" e 2,50; con "La grande storia" e 14,10; con "La Cucina del Corriere della Sera" e 6,10; con "I Classici dellArte" e 8,10; con "LEuropeo" e 9,10; con "La storia sono loro" e 6,10; con "Come cambiano le pensioni" e 5,00; con "Corso di Fumetto" e 8,19; con "Classici dellAvventura" e 8,10; con "Supereroi. Le leggende Marvel" e 11,19; con "Come investire nel 2012" e 5,00; con "A tavola con Benedetta Parodi" e 2,20; con "Vasco Manifesto" e 11,10; con "Un secolo di guerre" e 11,19; con "Un Secolo di Poesia" e 9,10; con "Eros Ramazzotti" e 11,10; con "Le Grandi Fiabe" e 9,10; con "Il Mondo" e 4,00; con "Laicicattolici + Sette" e 4,20

Codice cliente:

Codice cliente:

44

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Spettacoli
Gioia
Il cast di The Artist (cagnolino compreso) che festeggia per aver vinto tre trofei: miglior commedia, Jean Dujardin (secondo da sinistra) miglior attore nella stessa categoria, colonna sonora; a destra George Clooney (50 anni), con la compagna Stacy Keibler (32): lattore ha vinto come attore drammatico per Paradiso amaro

Il verdetto

La serata Due riconoscimenti per Paradiso amaro. Tra gli stranieri vince liraniano Farhadi

Ma non c un film padrone


di PAOLO MEREGHETTI
film hanno portato fortuna agli attori e viceversa. Anzi, forse proprio cos: sono state le ottime prove dei due protagonisti (pi che quelle dei registi) a imporre, di fronte agli occhi della stampa straniera accreditata a Hollywood, le qualit dei rispettivi film: George Clooney e Paradiso amaro, Jean Dujardin e The Artist, la prima coppia premiata per la categoria film drammatico, la seconda per quella commedia o musical. Perch poi i legami si sono fermati subito: le attrici premiate sono le protagoniste di altri due film, cos come il riconoscimento per il miglior regista (che non comporta nessuna divisione di genere) andato a un altro nome ancora, e per un altro film (Scorsese per Hugo Cabret). Come a voler dire che non c un titolo che svetta sugli altri. La puntualizzazione lascerebbe il tempo che trova se non si guardasse spesso ai premi della Hollywood Foreign Press Association, i Golden Globe Awards, come a una specie di anticipazione degli Oscar, le cui nomination saranno annunciate il prossimo 24 gennaio (le statuette saranno consegnate il 26 febbraio, durante la notte tra il 26 e il 27 per noi europei). E quindi si potrebbe prevedere che The Artist e Paradiso amaro potrebbero fare la parte del leone. Soprattutto il primo, con quella sua capacit di raccontare la memoria del cinema nei modi pi inattuali (in bianco e nero, senza parole e con il formato quadrato che non funziona pi in televisione) ma solleticando insieme i due grandi promoter del successo, la lacrima e la risata. E confermando ancora una volta il fiuto di Harvey e Bob Weinstein (i distributori americani del film francese che aveva gi incantato a Cannes) e la loro capacit di persuadere i vari giurati. Ieri quelli dei Golden Globe, domani quelli della Directors Guild of America per il miglior regista (che nelle sue sessantaquattro edizioni ha anticipato per 58 volte il vincitore dellOscar) e dopodomani quelli dellAcademy.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Clooney e The Artist primo passo verso lOscar


Trionfo ai Golden Globe. Premiati anche la Streep e Scorsese
LOS ANGELES Clooney e Dujardin. America ed Europa sono andate a braccetto nella 69a edizione dei Golden Globe perch se il film francese The Artist ha vinto tre trofei (miglior commedia, Jean Dujardin attore nella stessa categoria, colonna sonora di Ludovic Bource), uno dei copioni pi americani dellanno, The Descendants/Paradiso amaro diretto da Alexander Payne ha conquistato il riconoscimento come film drammatico, regalando un premio al suo protagonista, George Clooney nel ruolo di un uomo che scopre i valori della paternit. I risultati hanno dimostrato una grossa apertura ai prodotti esteri sia in campo cinematografico che televisivo, dove si sono divisi i premi anche in questa sezione la Gran Bretagna con losannata serie Dowtown Abbey, lAmerica con Homeland (sui traumi della guerra in Iraq) e Modern Family. Tra gli interpreti la londinese Kate Winslet per Mildred Pierce e Claire Danes per Homeland. La serata presentata dal britannico Ricky Gervais durata tre ore e passa. Presente tutta la Hollywood dei giovani e dei veterani, tranne Woody Allen premiato per la sceneggiatura di Midnight in Paris e lattore Ryan Gosling in Thailandia per un film. Ma tra tanti divi (standing ovation a Sidney Poitier e a Morgan Freeman), il pi coccolato e riverito stato il terrier Uggy del film muto The Artist che, scodinzolando tra gli abiti di top model e star stato protagonista delle foto ricordo. E ovviamente ha riempito di orgoglio il produttore e distributore indipendente Harvey Weinstein che ha battuto gli studios totalizzando sei Golden Globe: oltre a quelli di The Artist, il premio come miglior attrice brillante a Michelle Williams per My week with Marilyn, quello a Madonna come autrice della miglior canzone originale Masterpiece dal suo film W.E., a Meryl Streep miglior attrice drammatica per The Iron Lady sulla Thatcher. Unaltra indicazione importante per i prossimi Oscar arrivata con la consegna del Globe alliraniano A separation di Asghar Farhadi, ormai il candidato numero uno per gli Oscar al miglior film straniero. Mondanit, gossip, coppie ormai collaudate: per mano Angelina e Brad Pitt, lei in Versace e lui con bastone per sostenere la gamba acciaccata da un incidente sugli sci; George Clooney scortato a vista dalla sua teutonica lady in rosso Stacy Keibler; bacio appassionato allannuncio della vittoria tra Meryl Streep e il marito di sempre, lo scultore Don Gummer. La serata ha sancito anche il trionfo della nostra moda perch Armani e Bulgari, Versace e Prada lhanno fatta da padroni, con gli stilisti francesi. I Golden Globe, infatti, sono anche un business attento a tutto ci che ruota intorno allindustria cinematografica eppure sono stati premiati con coraggio splendidi film indipendenti americani. Il premio come miglior attore non protagonista andato per esempio allo straordinario Christopher Plummer, nel ruolo di un padre gay in Beginners. Se Meryl Streep ha battuto Viola Davis protagonista di The Help, come attrice non protagonista ha vinto per questo film sul razzismo negli anni 60 Octavia Spencer, ma saranno i prossimi premi del Sindacato attori (SAG) a dire se Meryl ha gi in tasca lOscar. Martin Scorsese il miglior regista per Hugo e Steven Spielberg ha sconfitto tutti i film danimazione con Tintin. Ci ha pensato Scorsese, ringraziando il suo art director Dante Ferretti, lItalia e la Francia come ha fatto Madonna citando i nostri grandi registi Visconti e Pasolini, oltre a Truffaut e Malle a ricordare a tutta la platea che il silenzio di The Artist e attori che parlano americano con accento straniero sono parte integrante, spesso fondamentale del cinema e, quindi, anche di Hollywood.

Felici Meryl Streep e (qui sopra) Michelle Williams: rispettivamente miglior attrice drammatica e brillante

Giovanna Grassi
RIPRODUZIONE RISERVATA

Il personaggio Lomosessualit di Elton John e le droghe per Depp: le battute del presentatore inglese

E lirriverente Gervais strapazza le star


hi tremava allidea di rivedere Ricky Gervais sul palco dei Golden Globe ha capito gi nei primi sei minuti di show che il terrore aveva un fondamento. Il comico che gi lo scorso anno aveva condotto la cerimonia folgorando chiunque con battute che definire scorrette come dire che Tyson dava buffetti ai suoi avversari, anche laltra sera ha mitragliato a raffica. A incassare le frecciate chi sfoggiando sorrisi sportivi, chi rimanendo impietrito con sguardo vitreo e vagamente inviperito i divi pi galattici che si riescono a immaginare. Morgan Freeman, George Clooney, Jodie Foster, Helen Mirren, Angelina Jolie, Brad Pitt, Leonardo DiCaprio, Kate Winslet, Nicole Kidman e via dicendo di questa

risma. Nemmeno la rete che trasmetteva levento, la Nbc, stata risparmiata. Gervais ha iniziato cos il monologo dapertura: Avete preso il miglior comico inglese a condurre i secondi premi pi importanti in America sulla terza rete nazionale...ah... la quarta?. Poi, sempre nei minuti iniziali: I Golden Globe stanno agli Oscar come Kim Kardashian sta a Kate Middleton. Sono pi casinisti, volgari e si comprano pi facilmente. Quindi il comico

Sui riconoscimenti I Globe stanno agli Oscar come la Kardashian sta a Kate Middleton
Disagio Johnny Depp, 48 anni e Ricky Gervais, 50

ha estratto dal taschino del completo bordeaux un foglio con le regole che gli avrebbero imposto: Le ignorer, ma giusto leggerle. Inutile dire che la prima non dire volgarit non stata considerata. In passato aveva detto: Se ho offeso qualcuno, e lho fatto, non chiedo scusa, aggiungendo di provare stima per chi prende in giro. Deve aver stimato molto anche il parterre dei Golden Globe visto che impossibile citare tutti quelli che ha bersagliato. A Johnny Depp sul palco ha chiesto: Voglio farti una domanda: fai uso di droghe leggere? Sto scherzando, non era la domanda...e comunque sapremmo tutti la risposta. Poi, per introdurre Madonna, ha annunciato: Il

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Spettacoli 45

Popstar
Madonna, 53 anni, ha vinto il Golden Globe per la miglior canzone originale attribuito a Masterpiece nel film W.E. da lei diretto. La canzone stata scritta da lei, Julie Frost e Jimmy Harry

I premi principali
Film drammatico

Paradiso amaro
di Alexander Payne Film commedia o musicale

The Artist
di Michel Hazanavicius Attore drammatico

George Clooney
Paradiso amaro Attore brillante

Regista
Martin Scorsese (69 anni) si aggiudicato il premio come miglior regista per Hugo Cabret, mentre il premio per il miglior film danimazione andato a Le avventure di Tintin di Steven Spielberg (65)

Jean Dujardin
The Artist Attrice drammatica

Meryl Streep
The iron Lady Attrice brillante

Michelle Williams
La mia settimana con Marilyn Regista

Martin Scorsese
Hugo Cabret

Il fenomeno Monopolio dei ruoli pi importanti

George, Leo, Brad: gara di bravura tra i belli di Hollywood

nostro prossimo ospite sar la regina del pop quindi, rivolgendosi a Elton John no, non sei tu Elton, siediti. E proprio con Madonna ha ironizzato sulla veridicit del suo essere like a virgin ma la cantante stata al gioco chiedendogli di fare lui qualcosa in proposito. Insomma, il comico inglese meno british che ci sia, diventato famoso con la serie tv The Office, non si smentito. E dire che dopo le proteste dello scorso anno per la sua ironia caustica la nuova conduzione appariva improbabile. Invece lui c stato e ha anzi commentato il forfait di un altro conduttore: Eddie Murphy per gli Oscar. Si chiamato fuori. Buon per lui, ha detto. Salvo aggiungere: Ma quando luomo che ha detto s a un film come Norbit dice no a te devi capire che sei nei guai.

Chiara Maffioletti
RIPRODUZIONE RISERVATA

eorge Clooney, con lodevole senso dello humour, ha provato a scherzarci su laltra sera alla cerimonia dei Golden Globe. Accusando Brad Pitt di bere un po troppo, facendo rudi lazzi sulla maiuscola nudit di Michael Fassbender in Shame, e ironizzando sullassenza di Ryan Gosling, in Thailandia per arrotondare. vano per ogni tentativo, per quanto spiritoso, di negare che proprio il quartetto Clooney - Pitt Fassbender - Gosling (con il quinto incomodo Leonardo DiCaprio nominato per J. Edgar nel quale rimane sempre magnetico nonostante il make-up che lo imbruttisce) rappresenta lattuale tendenza hollywoodiana di affidarsi, per salvare il box office in tempi di crisi, ai belli. Perch anche se ufficialmente di mestiere fanno gli attori, compaiono con frequenza impressionante sulle riviste di moda, contesi dagli stilisti, volti e testimonial ideali per i vestiti costosi come per il cinema. Un ritorno alla vecchia, classica ricetta hollywoodiana dei produttori pionieri della Hollywood anni 30 e 40 che premiava i belli: bello Cary Grant, bello Henry Fonda, bello Gregory Peck, bellissimo Gary Cooper al quale stato appena dedicato un libro-omaggio non da un critico cinematografico importante ma da uno dei giornalisti di moda maschile pi influenti. Tanto che da questo fenomeno ne deriva un altro ancora pi bizzarro: il quasi monopolio che questo ristretto gruppo di attori belli e bravi ormai esercita sui ruoli prestigiosi. Tripletta per Gosling: drammatico in Drive e Le idi di marzo, divertente in Crazy Stupid Love, tre ruoli molto ambiti per i quali ha battuto la concorrenza di mezzo sindacato attori. Pitt questanno di ruoli da Oscar ne ha ottenuti due: il padre ingombrante di Tree of Life e lallenatore di Moneyball. Doppietta per

Volti
Erano presenti alla cerimonia anche Angelina Jolie (36 anni) e Brad Pitt (48); nella foto sotto Leonardo DiCaprio (37)

In ascesa Michael Fassbender, 34 anni

Clooney, Le idi di marzo e The Descendants. Stesso discorso per Fassbender, due ottimi ruoli in Shame e A dangerous method. Nel quintetto insomma soltanto DiCaprio, che da anni ha scelto di dosare le sue apparizioni, apparso in un solo film da Oscar nel 2011. Un monopolio nel quale faticano a inserirsi altri. E tra i candidati che possono insediare il quintetto c un altro bello: Jude Law, ora sugli schermi nel secondo episodio di Sherlock Holmes. Una controrivoluzione. Requiem per il botto anni 70 che vide il trionfo di Dustin Hoffman, Al Pacino, Robert De Niro, Donald Sutherland, Gene Hackman: bravissimi, tutti, ma decisamente non belli secondo canoni classici. Cambiarono letteralmente il volto del cinema, aprendo la strada ai bravi non belli per quattro decenni. Invece oggi basta vedere le nomination ai Golden Globe, i pronostici per gli Oscar di questanno, per trovare le stesse facce dei servizi moda americani e europei e asiatici: facce da modelli, mascelle squadrate, occhi blu. Perfino il Regno Unito, da sempre scuola di attori sommi, vede lirresistibile ascesa di Benedict Cumberbatch lo Sherlock televisivo della Bbc dal ciuffo fuori controllo e gli occhi di ghiaccio che indaga con lo smartphone, serial ambientato ai nostri giorni che in patria fa ascolti da nazionale da calcio ora sugli schermi in La talpa tratto dal capolavoro di John le Carr e War Horse di Spielberg: gli stilisti lo vestono da capo a piedi e sulle riviste maschili di casa, per non parlare delle fan che affollano Facebook e rumoreggiano facendogli la posta dietro le transenne ai vari red carpet. E quando Cumberbatch apparso nudo a teatro in Frankenstein nel West End, i biglietti sono andati esauriti a tempo di record. Stesso destino per i remake: Cane di paglia nella versione 2011 non supera artisticamente, viste le recensioni, lo status di capolavoro accordato alloriginale di Sam Peckinpah (1973). Ma 39 anni fa il protagonista era Dustin Hoffman, lanno scorso era James Mardsen (ex modello Versace). E il cattivo, nel remake, un altro ex modello, Alexander Skarsgrd, occhi di ghiaccio e addominali a cubo, lanno scorso in copertina delledizione americana di GQ.

Matteo Persivale
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

46

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Spettacoli 47
La pice di Castellucci

I dischi del 2011 Sorprese nella classifica delle vendite

Vasco davanti a tutti e le ragazze dei talent battono Lady Gaga


La musica parla italiano. Annalisa: che orgoglio
Sfida
Lady Gaga, 25 anni, con Born This Way al 21 posto dei cd pi venduti del 2011 A fianco Alessandra Amoroso e Annalisa Scarrone (da sinistra, foto Frezza-LaFata) che hanno fatto meglio di lei

Nuove proteste contro il Teatro Parenti


MILANO Dilaga nei blog la protesta contro lo spettacolo del regista Castellucci, in scena al Teatro Parenti il 24 gennaio. E assume toni cos violenti da convincere la regista Ruth Shammah a presentare un esposto alla questura. Ma da quello stesso blog, che prende spunto dal teatro blasfemo per lanciare proclami antisemiti, ieri hanno preso le distanze gli studenti di uno dei movimenti cattolici, il Comitato San Carlo Borromeo, nati proprio per opporsi alla messa in scena della pice teatrale Sul concetto di volto nel Figlio di Dio (nella foto, una scena). Il loro invito su Facebook a riunirsi fuori dal teatro, il 28 gennaio, dopo lultima recita, per una preghiera di riparazione, conta gi duecento adesioni. Sempre ieri, il regista Castellucci in una lettera aperta ha invitato tutte le autorit della citt a prendere informazioni da fonti attendibili e serie prima di esprimere pareri che avranno certamente un peso abnorme nel clima culturale gi devastato di questo Paese. Si rivolge, poi, a chi ha giudicato il suo spettacolo: Dove lo hanno visto?

MILANO Che il 2011 sia stato lanno di Vasco e Adele non un mistero. Che le ragazze di Amici superino le dive planetarie meno scontato. questa la fotografia scattata da Fimi-Gfk che riassume un anno di vendite nei negozi di dischi, fisici e online, e nelle grandi catene. Vivere o niente del Blasco stato lalbum pi venduto dellanno: fra cd e download digitali si avvicina alle 400 mila copie. Someone Like You della cantautrice soul londinese il pi scaricato e, a certificare la forza delle sue canzoni, c pure il quinto posto di Rolling in the Deep. Vasco vince, ma non stravince. Otre quota 300 mila ci sono anche i Mod con Viva i romantici, rivelazione dellanno, e Ora di Jovanotti, il pi contemporaneo dei nostri artisti da classifica. Nel 2011 mi successa una cifra di cose fantastiche, la pi bella la nascita di mia figlia il 20 dicembre dice Kekko Silvestre, leader dei Mod . Il successo arrivato dopo quattro dischi indica che abbiamo fatto un percorso e non siamo un progetto studiato a tavolino. Si diceva dei talent. Annalisa, finalista delledizione 2011, vede il suo album di debutto Nali al numero 19, due gradini sopra Born This Way di Lady Gaga. Sono orgogliosa di quello che ho fatto questanno, ma spero non sia un episo-

I primi dieci

dio dice Annalisa . Ogni giorno faccio un passo per conquistare un pezzo di strada in pi. Metto questo risultato sul comodino, ma non mollo. Il suo preferito? I Coldplay, per me si meriterebbero la cima assoluta. Va meglio ancora a due ex alunne della

De Filippi. Alessandra Amoroso ha due dischi in classifica: Cinque passi in pi (16), versione aggiornata di Il mondo in un secondo (25) uscito nel 2010 ma ancora in classifica. Stesso discorso per Emma Marrone che si ritrova con A me piace cos (18) e Sar li-

Sul podio Anno fantastico, i Mod e Jovanotti ai posti donore

Il direttore Mazzi
Ecco la classifica dei dischi pi acquistati nel 2011. Per la prima volta, questa hit Fimi-Gfk, mette insieme le vendite fisiche degli album e dei download 1 Vasco Rossi Vivere o niente 2 Mod Viva i romantici 3 Jovanotti Ora 4 Adele 21 5 Laura Pausini Inedito 6 Gianna Nannini Io e te 7 Michael Bubl Christmas 8 Tiziano Ferro Lamore una cosa semplice 9 Coldplay Mylo xyloto 10 Zucchero Chocabeck

La vedova Battisti vuole vietare il tributo di Sanremo allartista


MILANO La vedova di Battisti mi ha telefonato diffidandoci per gli omaggi di Emma e Noemi a Sanremo al grande cantautore. Parola del direttore artistico Gianmarco Mazzi. Le ho spiegato che la serata del gioved sar dedicata a un tributo ai grandi compositori e autori italiani. Mazzi si detto un po sconcertato: mi sembrerebbe brutto impedire a due giovani artiste di rendere omaggio a un altro grandissimo artista. I due brani sono Il paradiso (If Paradise Is), sulle cui note Emma duetter con Gary Go, e Amarsi un po (To love a bit) che Noemi canter con Sarah Jane Morris. La vedova Battisti, da noi interpellata, ha negato il colloquio con Mazzi aggiungendo che ora di finirla di usare Lucio per Sanremo. Grazia Battisti non nuova a iniziative del genere. Nella sua qualit di amministratrice delle edizioni Acqua Azzurra proprietaria maggioritaria di tutte le opere di Battisti, ha bloccato molte manifestazioni di omaggio al marito (a Poggio Bustone dove nato, e a Molteno dove sepolto). Ma in questo caso non avrebbe nessuna possibilit di bloccare la semplice esecuzione di due canzoni del marito. Probabilmente si trattato di un equivoco. Lei credeva spiega Mazzi che dallo show di Sanremo sarebbe stato pubblicato un disco.

Icona Lucio Battisti, tra i pi grandi cantautori italiani, morto a Milano il 9 settembre del 1998: aveva 55 anni

Mario Luzzatto Fegiz


RIPRODUZIONE RISERVATA

bera (27). Rihanna penalizzata dallaver pubblicato due album a novembre, sia nel 2010 che nel 2011, ma comunque Loud (52) e Talk That Talk (88) non hanno fatto grandi numeri. Peggio ancora Beyonc: 4 entra a fatica nella classifica (99), un vero flop. La classifica parla italiano. Come nel cinema, anche nella musica il pubblico preferisce i prodotti di casa nostra. Nei primi venti album ce ne sono soltanto tre che arrivano da oltre confine: 21 di Adele (4), Christmas di Bubl (7) e Mylo Xyloto dei Coldplay (9). Dietro il podio, a completare la top ten ci sono Laura Pausini, Gianna Nannini, Tiziano Ferro e Zucchero. Amici batte X factor che porta nei 100 pi forti gli ex Mengoni (47, 59) e Noemi (67) e la vincitrice dellultima edizione targata Rai Nathalie (98). Hit parade off limits per i maschi stranieri. Solo 7 nei primi 100: oltre a Bubl, Michael Jackson (42) e se si cerca un artista in vita bisogna scorrere fino a Jamiroquai (69). A proposito di caro estinto, la rivisitazione con orchestra del repertorio di Fabrizio De Andr in Sogno n.1 (29) supera la tripletta di Amy Winehouse (30, 31 e 87) e ledizione anniversario di Nevermind (97) dei Nirvana.

Che cosa hanno visto? Perch hanno creduto alle caricature mostruose apparse nei blog? Le cose allucinanti e oscene di cui leggo non sono il mio spettacolo. Intanto il Teatro Parenti per domani organizza un dibattito sui limiti e i confini della libert di espressione. Il cardinale Scola ha invitato alla pacatezza nel dibattito intorno allo spettacolo spiega la Shammah e siamo i primi a credere che la libert di espressione non debba prevalere sul rispetto delle idee e delle identit. Non abbastanza per fermare la manifestazione dei cattolici tradizionalisti che il 24 saranno in sit in davanti al teatro, in occasione della prima: a Militia Christi e Italia Cristiana si sono aggiunti Risposta Cristiana, il Centro culturale Jeanne dArc, il Comitato No 194. E ieri, dopo il cardinale Scola, intervenuto sulla Bussola Quotidiana il vescovo di San Marino-Montefeltro monsignor Luigi Negri, chiedendo alla Chiesa di reagire adeguatamente, in modo certamente non rancoroso, non livido, ma reagire. Una Chiesa che non reagisca in termini assolutamente essenziali e pubblici a questo attacco violento alla tradizione cattolica si chiede Negri su cosa interviene?.

Andrea Laffranchi
twitter @alaffranchi
RIPRODUZIONE RISERVATA

P. DA.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Dopo 11 stagioni

Alla Scala Il regista riesce a fondere il semplice e il profondo nella complessa opera di Offenbach. Buona la direzione di Letonja

Chiude Distretto di polizia


Chiude Distretto di polizia. La serie che in 11 stagioni ha lanciato attori come Ricky Memphis e Giorgio Tirabassi e reso ancora pi popolari Isabella Ferrari e Claudia Pandolfi andata in onda domenica (su Canale 5) con lultima puntata. Per le prime cinque stagioni stata un successo, poi gli ascolti negli anni sono calati arrivando ai circa 3 milioni di spettatori dellultima puntata.

Giocoso e acuto, incanta lHoffmann di Carsen


MILANO Dietro la facciata di una leggerezza spensierata, che si nutre del salottiero come dellaulico e del triviale, I racconti di Hoffmann (1881) unopera complessa, vero testamento filosofico dellautore Jacques Offenbach. Di qui lelogio dovuto al regista Robert Carsen per la messinscena realizzata una decina danni fa a Parigi e ora in scena alla Scala. N intellettualistica, n superficiale, racconta lazione ma anche ci che la alimenta, fonde con naturalezza il semplice e il profondo. Come il recente Don Giovanni ambientata in teatro: nella cambusa, nel retropalco, nella buca dorchestra, in platea. La diresti unossessione o una maniera, questa di Carsen di giocare col teatro nel teatro. Ma non cos. Al teatro conduce infatti la catena di fatti, specchi, suggestioni che animano questa musica: lamore di Offenbach per lo scrittore Hoffmann e di questi per il Mozart del Don Giovanni; lamore di Hoffmann personaggio per la cantante che sostiene la parte di Donna Anna e che rappresenta la quintessenza di quelleterno femminino (tradotto nelle figure di donna protagoniste dei tre Racconti), che si pu catturare con le armi dellarte ma non con quelle della vita. Tutto un mondo, insomma, che nel teatro luogo pi vero del vero trova lepicentro. Spettacolo superbo, questo di Carsen, giocoso e divertente mentre logico, coerente, acuto. E non va meno bene sul fronte musicale, perch di questo tipo di leggerezza e di profondit il direttore Marko Letonja interprete sensibile, perch i tempi sono spigliati, perch lorchestra suona bene, perch il cast meraviglioso, perch la recitazione studiata al dettaglio ed efficace, perch il coro di Bruno Casoni sempre un godere. Scroscianti dunque anche gli applausi del pubblico, anche se un colpo dala del direttore, avrebbe trasformato il successo in un trionfo. Quanto al cast, benissimo tutti: Ramn Vargas, Ildar Abdrazakov, Ekaterina Gubanova, Genia Khmeier e Veronica Simeoni. La Olympia di Rachele Gilmore, invece, eccezionale.

Lallestimento Come accaduto per il Don Giovanni ancora teatro nel teatro

Enrico Girardi
In scena Un momento de I racconti di Hoffmann alla Scala
RIPRODUZIONE RISERVATA

48

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Sport
La riscossa Moratti elogia lallenatore: La vittoria nel derby premia il lavoro di chi ha saputo risollevare la squadra

In B, Zeman batte il Verona

Successo del Pescara di Zeman sul Verona per 3-1 nel posticipo della 22 di B. I veneti pareggiano con Ferrari il vantaggio dei padroni di casa (Kone), ma nella ripresa il solito Immobile realizza una doppietta (15 gol per lui). Classifica: Torino 45;

Sassuolo 43; Pescara 42; Verona 41; Padova 38; Reggina 32; Juve Stabia e Varese 31; Sampdoria, Bari, Cittadella e Grosseto 29; Brescia 28; Vicenza 26; Livorno e Crotone 24; AlbinoLeffe 23; Empoli e Gubbio 22; Modena 21; Nocerina 16; Ascoli 15.

Lingegner Ranieri
MILANO Non pretende di essere un inventore di calcio, anche perch nel calcio non c pi niente da inventare, per Claudio Ranieri molto pi di un aggiustatore. Definizione riduttiva e non soltanto perch in Italia ha vinto otto derby su nove fra Juve (pi un pareggio), Roma e Inter oppure perch nel 2009-2010 era riuscito a raccogliere pi punti persino di Mourinho (80/79). Domenica notte, Massimo Moratti, parlando con Max Nebuloni di Sky, lo ha definito un uomo saggio; sa farsi capire dai giocatori che lo seguono ed hanno fiducia in lui. La vittoria nel der-

Pazienza, saggezza, sviluppo tattico Cos ha riacceso il cuore dellInter


Mister derby
I derby italiani di Ranieri V 25/9/2007 Torino-JUVENTUS 0-1 (Trezeguet 43 s.t.) V 26/2/2008 JUVENTUS-Torino 0-0 V 25/10/2008 JUVENTUS-Torino 1-0 (Amauri 3 s.t.) V 7/3/2009 Torino-JUVENTUS 0-1 (Chiellini 36 s.t.) V 6/12/2009 ROMA-Lazio 1-0 (Cassetti 34 s.t.) V 18/4/2010 Lazio-ROMA 1-2 (Rocchi 15 p.t.; Vucinic 9, rig., e 19 s.t.) V 7/11/2010 Lazio-ROMA 0-2 (Borriello 7, Vucinic 40 s.t.) V 19/1/2011 (Coppa Italia) ROMA-Lazio 2-1 (Borriello rig. 8, Hernanes rig. 12, Simplicio 32 s.t.) V 15/1/2012 Milan-INTER 0-1 (Milito 9 s.t.) Bilancio vincente Questo il bilancio di Claudio Ranieri da allenatore nei derby in Italia 8 vittorie, 1 pareggio, 0 sconfitte; 11 gol fatti, 2 subiti vittoria di Bologna (24 settembre, 3-1) non stata linizio di una stagione subito felice, ma di un periodo pieno di tormenti, paure, gol falliti e infortuni, con le due sconfitte consecutive con Napoli e Catania e quella allarmante con la Juve. Erano i giorni in cui tutte le partite sembravano impossibili da vincere e tirava una brutta aria. Il primo break della stagione ha coinciso con il 2-1 al Cagliari (19 novembre), quando Ranieri ha cominciato a ricompattare la squadra; il segnale del cambiamento stata la vittoria di Siena: brutta partita, ma vittoria al 44 della ripresa, con Castaignos. E soprattutto la novit del 4-1-4-1, con Thiago Motta davanti alla difesa e un solo attaccante vero (Pazzini). Lultimo sbandamento stato contro lUdinese (3 dicembre, 0-1), quando lInter, partita con il 4-4-2 (Milito-Pazzini in avanti), aveva provato a vincere, sbilanciandosi in avanti, con lingresso di Zarate e alla fine aveva perso in contropiede. stata la partita che ha cancellato gli ultimi dubbi a Ranieri: avanti con il 4-4-2. Il 2-0 alla Fiorentina stato il primo segnale di un nuovo corso, quello che ha portato alle sei vittorie consecutive (dopo i viola, Genoa, Cesena, Lecce, Parma e Milan, con 14 gol fatti e 1 subito). Puntare su questo sistema di gioco stato il modo scelto dal tecnico per esaltare le caratteriProtagonisti Diego Milito esce dal campo dopo aver segnato il gol partita, il suo settimo stagionale in campionato Claudio Ranieri festeggia, in Italia nei derby ancora imbattuto: lInter tornata in corsa per lo scudetto (Ipp)

Bello e difficile La nostra stata una cavalcata esaltante, ora viene il bello e il difficile del nostro campionato
by premia il lavoro di chi ha saputo risollevare la squadra. Non era facile immaginare che lInter, travolta dal Novara il 20 settembre (3-1) e con la necessit di cambiare tecnico, avrebbe raccolto 31 punti (in 15 partite), con vista sul terzo posto e riuscisse a battere il Milan. La prima qualit di Ranieri, pi ancora che la conoscenza del calcio, maturata in tanti anni di lavoro in giro per lEuropa, stata la pazienza. Perch la

stiche storiche di un gruppo che in parte si rinnovato, ma che ha mantenuto intatto lo zoccolo duro: forza di carattere, capacit di soffrire e di combattere, difesa bassa e ripartenze hanno consentito ad alcuni uomini, che sembravano in declino, di recuperare le antiche qualit, come dimostra il caso di Thiago Motta e Cambiasso, tornati ad essere fondamentali, al pari di Zanetti. Si pu sottolineare il fatto che lInter giochi un

calcio poco spettacolare, lintelligenza di un tecnico per quella di adattare le proprie idee ai giocatori che ha a disposizione. E tutto si pu dire di questa Inter tranne che non sia una squadra organizzata e soprattutto che Ranieri non abbia capito come ottenere il massimo dal gruppo: la solidit della fase difensiva come base, sapendo che un gol prima o poi arriver, perch in tanti hanno la qualit per segnare.

La scelta del 4-4-2 Il sistema di gioco scelto dopo lUdinese garantisce equilibrio ed quello che pi si adatta al gruppo

La serenit dellallenatore ha consentito allInter di recuperare anche Diego Milito. In pochi avrebbero avuto la forza di tenerlo in squadra, dopo i gol falliti. Ranieri, invece, ha saputo distinguere fra un momento negativo, che capita anche ai pi bravi (Etoo aveva fallito due gol a porta vuota contro Juve e Milan nellultimo campionato) e i segnali di declino. Ha colto nellintensit degli allenamenti la garanzia che era giusto insi-

Bianconeri Affanno atletico e rosa limitata, ma il tecnico non fa sconti e fa allenare la squadra sottozero

Juve, il primato non basta: Conte vuole rinforzi


MILANO Da pi uno (in classifica) a meno quattro (a Vinovo). Il primato solitario non ha addolcito Antonio Conte. Un miracolo questa stagione bianconera, ma scheggiata dalla delusione per i due punti persi con il Cagliari. Luomo che non vuole perdere mai perch diventa intrattabile (non ancora successo: 18 risultati utili consecutivi) non ha concesso sconti: il centro bianconero gelido e nebbioso ha accolto un allenamento (davanti ai dirigenti Nedved e Paratici) straordinario che definire punitivo eccessivo, ma dimostrativo, s. Per i giocatori, a cui lallenatore chiede di recuperare il passo di inizio campionato, e per la societ a cui domanda di allungare la panchina. La Juve, tra Lecce e Cagliari, apparsa in affanno. Fattore esterno: gli avversari cominciano a prendere le debite contromisure per bloccare il gioco di Conte (vedi il Cagliari, perfetto nel chiudere gli spazi). Fattore interno: il gruppo bianconero mostra i primi segnali di logorio da superlavoro (pressing, inserimenti, rientri). Occorrono forze fresche allaltezza. Paradossalmente il reparto finora meno imAl gelo Freddo intenso, un po di nebbia: unimmagine dellallenamento mattutino della Juve (LaPresse)

LE SCOMMESSE VICINO A TE

Tennis: Australian Open Femminile Scommetti sul secondo turno!


Partite Testa a Testa
1 2 2-0

portante, nel sistema di Conte, lattacco, quello che ha pi alternative. Stiamo parlando di una squadra scarsamente accreditata in estate e che viene da quattro mesi di prestazioni con continuit che non si ricordavano dopo il 2006 (in parte nel secondo campionato di Ranieri, ottobre-dicembre 2008) ma per restare lass Conte pretende dai giocatori uno sforzo ulteriore e dalla societ un aggiornamento dei ranghi. La verit che questa squadra si puntella, stando larghi, solo su 14/15 giocatori. Basta vedere le formazioni e le sostituzioni. In difesa occorre unalternativa attendibile a Lichtsteiner (fenomenale, ma senza sostituto), che alloccorrenza possa rilevare anche uno tra Barzagli, Bonucci

e Chiellini. A centrocampo Vidal-Pirlo-Marchisio cominciano ad ansimare, tocca sempre a loro. Pazienza contro il Cagliari era in tribuna. Un evidente giudizio di merito. Conte vuole interventi migliorativi. Per ora, Borriello a parte, ci sono solo movimenti minori che fanno soldi ma non spettacolo come si dice nel gergo del mercato. Cosa lecito aspettarsi? Caceres e Palombo, ma non bersagli pi grossi. La sintesi con una metafora: la Juve prima, ma come una testa di ponte dei marines sbarcata su unisola del Pacifico infestata dai giapponesi. Ha coraggio e temperamento, ma per andare avanti ha bisogno dei rinforzi.

Set Betting
2-1 1-2 0-2

C. Wozniacki Parmentier McHale K. C. Chang Clijsters Tsurenko Medina Gar. Rogowska Azarenka Barthel Bratchikova Benesova Schiavone Danilidou Voskoboeva Ormaechea

Tatishvili Niculescu Erakovic Jankovic Foretz Gacon Hantuchova Govortsova N. Li C. Dellacqua Cetkovska Brianti S. Peng Oprandi Goerges Pironkova A. Radwanska

2,65 1,40 1,50 2,35 6,00 1,08 5,00 1,12 1,40 2,65

1,34 1,63 2,70 1,15 3,40 1,57 8,00

2,90 2,10 1,38 4,50 1,25 2,20 1,03

1,17 4,00 2,45 10,0 1,20 9,00 2,15 16,0 1,15 1,95 2,65 4,25 1,50 5,50 2,55 14,0

5,50 4,75 3,60 10,0 5,00 9,00 3,60 16,0 5,50 3,60 3,60 4,75 3,75 5,75 3,60 14,0

15,0 3,60 4,00 4,25 15,0 3,75 4,75 5,50 16,0 5,25 4,00 3,60 8,00 3,60 4,00 5,00

15,0 2,15 3,60 1,35 15,0 1,44 4,00 1,15 16,0 4,50 3,35 2,10 8,00 1,72 3,50 1,20

Quote aggiornate e altre scommesse su www.snai.it

Roberto Perrone
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Sport 49
#

Il City vince e torna a pi 3

Il Manchester City supera il Wigan grazie a una rete di Dzeko e torna da solo in testa alla classifica con tre punti di vantaggio sullaltra squadra di Manchester, lo United di Alex Ferguson. Senza Balotelli ci

pensa il bosniaco, allundicesima rete stagionale ma a digiuno da due mesi, a regalare il sorriso a Roberto Mancini. Il City non incanta, ma guida la Premier con 51 punti davanti allo United che ne ha 48.

Carraro: Sobriet sui Giochi

Avere un progetto credibile e ricordare a noi stessi che conter solo lopinione dei cento membri del Cio: per cui, serve una lobby onesta, trasparente, puntuale e silente. Sono parole di Franco Carraro, coordinatore della commissione

Fortis sullo studio di fattibilit su costi e ricavi di Roma 2020. Se ogni giorno si dice che siamo in testa e che siamo i pi bravi aggiunge Carraro , si perdono punti. Occorre procedere con riservatezza: noi italiani tendiamo a parlare troppo.

Il caso Emanuelson inadeguato, Boateng mediano stato un fallimento

Pato-Ibra, da supercoppia a palla al piede del Milan


31
punti di Ranieri in 15 gare con lInter: 10 vittorie, 1 pareggio, 4 sconfitte. Il Milan ha fatto 35 punti, la Juve 31, la Lazio 29 e lUdinese 28

Il Papero non segna pi e non si intende con Zlatan


MILANO In fondo anche complicarsi la vita pu essere unarte. E il Milan, issando la bandiera bianca in uno dei derby pi sconclusionati degli ultimi anni, non soltanto riuscito nellimpresa di stendere un tappeto rosso ai sogni di rimonta dellInter ma si pure dovuto rimettere in coda alle spalle della Juve che, bloccata in casa dal Cagliari, pareva ormai rassegnata al peggio. La rincorsa dei campioni dItalia, culminata con laggancio ai bianconeri prima di Natale, si dunque bruscamente interrotta dopo una striscia di 12 gare utili (10 successi e 2 pareggi) caratterizzata da 32 gol segnati e da 8 subiti e adesso in pratica bisogna ricominciare tutto da capo tenendo pure conto della minacciosa avanzata nerazzurra. Nello specifico il derby ha confermato alcune cose di cui gi si era avuto sentore. Le sintetizziamo alla rinfusa: 1) Senza tirare nuovamente in ballo la misteriosa (e per certi versi grottesca) vicenda del possibile acquisto di Tevez e della mancata cessione di Pato al Paris Saint Germain, evidente che le riserve di Galliani e di Allegri, rispettivamente a.d. e allenatore rossoneri, nei confronti del Papero non sono del tutto destituite di fondamento e per sgomberare il terreno dagli equivoci in questo caso preferibile affidarsi alla forza dei numeri. Che ribadiscono linvoluzione del soggetto, trasformatosi da implacabile cecchino in tiratore dalla mira sballata. Basti infatti pensare che dallultimo gol messo a segno nella stagione scorsa (al 41 del primo tempo di Fiorentina-Milan del 10 aprile 2010) al momento della sua sostituzione con El Shaarawy domenica nel derby (38 della ripresa), Pato ha giocato complessivamente 1.160 minuti segnando soltanto 3 gol, uno ogni 386,66 miDelusione Ibra consola Pato (Newpress)

7
gol segnati da Milito in campionato (14 presenze, 975): due al Palermo, poi Bologna, Lecce, Parma (2) e Milan.

di essere sonoramente bocciato dal presidente-allenatore Silvio Berlusconi. Con il Papero a rubargli spazio, Ibra gironzola in tutte le zone del campo esclusa quella in cui fa pi male: larea di rigore. 3) Il derby ha provato pure che lultimo esperimento di Allegri (Boateng mediano destro) privo di logica. Per dare il meglio, il ghanese deve trovarsi costantemente nel vivo del gioco, non ai suoi margini. 4) Anche domenica, impiegato da titolare alle spalle delle punte come gi a Bergamo, Emanuelson ha confermato di non possedere il phisique du role, la cosiddetta dimensione-Milan, e a questo proposito si faticano a comprendere le ragioni che inducono Allegri a rimanere avvinghiato al classico 4-3-1-2 anche nellemergenza. Una squadra che desidera esprimere una leadership costante, com certamente il caso del Milan, alloccorrenza deve essere in grado di recitare copioni differenti.

I guai di Allegri Il brasiliano va lanciato in profondit, altrimenti ruba spazio allo svedese in area di rigore
Pi in generale il derby ha invece rimarcato lidiosincrasia che questanno sembra caratterizzare i rossoneri al cospetto degli avversari pi tosti. Delle formazioni che appartengono allalta societ del campionato gli Allegris hanno infatti sconfitto soltanto la Roma, peraltro quando di Luis Enrique si parlava ancora come di un dilettante allo sbaraglio catapultato da Venere sulla nostra serie A. Per il resto registriamo le sconfitte con Napoli, Juve e Inter e i pareggi (casalinghi) con Lazio e Udinese. In effetti nella prima tranche della stagione lorganico milanista era ridotto allosso causa emergenza diffusa ma qui le coincidenze incominciano ad essere sospette. E se vero che i campionati si vincono contro le cosiddette provinciali, il rischio di perderli negli scontri diretti.

Mal di grandi
I risultati Nei confronti diretti con le prime sette del campionato, il Milan ha un bilancio deficitario. Questi i risultati: V 9/9/2011 MILAN-Lazio 2-2 V 18/9/2011 Napoli-MILAN 3-1 V 21/9/2011 MILAN-Udinese 1-1 V 2/10/2011 Juventus-MILAN 2-0 V 29/10/2011 Roma-MILAN 2-3 V 15/1/2012 MILAN-Inter 0-1 Il bilancio Negli scontri diretti il Milan ha ottenuto 1 vittoria, 2 pareggi e 3 sconfitte; 7 gol fatti, 11 subiti

stere sul Principe, anche perch in pochi sanno muoversi come Milito e lo si visto anche nella posizione scelta per raccogliere il passaggio di Zanetti per l1-0 al Milan. Adesso viene il bello e il difficile, ha sottolineato il tecnico, parlando di cavalcata esaltante. Sa che lInter torner ad essere molto temuta e che, con i rientri di Sneijder, Chivu e Forlan (non sta ancora bene), la naturale evoluzione pu essere il

4-2-3-1, con Thiago Motta e Cambiasso davanti alla difesa, Zanetti e Nagatomo pi avanti e larghi, sulla linea di Sneijder, messo alle spalle di un attaccante (Milito o Pazzini o Forlan). La forza per il gruppo. Lo ha detto anche Ranieri a Radiorai: Stiamo riportando lInter dove era giusto che ritornasse; dobbiamo continuare a lavorare con grandissima umilt.

Fabio Monti
RIPRODUZIONE RISERVATA

nuti, cio uno ogni 4 partite e rotte. Una media da attaccante di riserva. 2) Contro lInter si pure avuta la prova lampante dellincompatibilit tattica tra il brasiliano e Ibrahimovic. Pato fatica a giocare spalle alla porta, questa non la sua specialit: meglio lanciarlo in profondit, palla al piede, sfruttandolo cos da esterno, guarda caso la collocazione che gli aveva trovato Leonardo prima

Alberto Costa
RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercato Tutto ruota intorno allApache che piace al Psg ma rimane in orbita rossonera

Effetto derby: Moratti frena su Tevez


MILANO Leffetto del derby sorprendente, ma solo fino ad un certo punto: la vittoria dellInter, anzich aumentare il pressing nerazzurro su Carlitos Tevez, lha ridotto. Forse ne vale la pena, per bisogna stare attenti a non turbare gli equilibri, il succo delle dichiarazioni di Massimo Moratti sulluomo al centro del mercato. Il presidente teme che lingresso nello spogliatoio di un giocatore ingombrante come lApache possa rappresentare una turbativa nel delicato ingranaggio di una squadra in rimonta e Ranieri la pensa esattamente come lui. Inoltre il City avrebbe cambiato le condizioni: Tevez si cede, ma soltanto a titolo definitivo. Secondo indiscrezioni che arrivano da Manchester la formula del prestito, anche condita dallobbligo di riscatto, non sarebbe pi sufficiente. Forse per questo motivo che la stampa inglese fa sapere che lo sceicco Mansour avrebbe respinto lofferta interista. A Milano, sponda nerazzurra, ribattono che la questione non chiusa, anche se Tevez deve essere unopportunit e non unossessione. La partita ancora lunga. Su Carlitos resta vivo il Paris Saint Germain, che non molla Pato e si sono fatti nuovamente sotto i brasiliani del Corinthians. Anche il Milan resta in gioco, confidando in unoperazione low cost negli ultimi giorni di trattative. Oggi i rossoneri sono impegnati nella trattativa con il Genoa per riportare a casa Merkel, compensando cos lemergenza a centrocampo. Il tedesco, in compropriet tra le due societ, arriverebbe in prestito. Un piacere di Preziosi allamico Galliani. Senza avere in cambio El Shaarawy, che il Milan ha tolto dal mercato. Una notizia in antitesi con le voci, tuttaltro che confermate, di un rilancio rossonero per Maxi Lopez. Tra oggi e domani sbarcher a Milanello lesterno algerino Mesbah del Lecce. il momento dei centrocampisti. Il Milan, per adesso, pare accontentarsi di Merkel e non rilancia per Montolivo. La Juventus bussa con insistenza per Behrami, ma per la Fiorentina, in crisi di risultati e di identit, il nazionale svizzero incedibile. Il d.s. Corvino vorrebbe consegnare un giocatore a Rossi in mezzo al campo: ha visionato Parolo e Candreva durante Cesena-Novara e ripensa a Mulumbu del West Bromwich. Palombo, al momento, una falsa pista. Pi facile che il capitano della Sampdoria vada alla Juventus. Ai bianconeri piace anche Guarin del Porto. Ma larrivo del colombiano frenerebbe quello di Caceres, difensore del Siviglia: sono entrambi extracomunitari e la Juve pu prenderne uno soltanto. Anche lInter ha bisogno di un centrocampista. Se

Bomber Carlos Tevez, 27 anni, legato al Manchester City fino al 2014 (Ansa)

Mosse milaniste I rossoneri stringono per Merkel e prendono Mesbah. El Shaarawy al momento incedibile

Mosse interiste Se Stankovic dovesse operarsi, arriverebbe Kucka. Zarate un problema. Arriva Juan

Mosse bianconere La Juventus insiste con la Fiorentina per Behrami, ma alla fine potrebbe prendere Palombo

Stankovic, alle prese con un serio problema al tendine dAchille, dovesse operarsi, i nerazzurri potrebbero anticipare larrivo di Kucka. Il Genoa vuole Sculli, ma se la Lazio non lo moller potrebbe chiedere Cerci alla Fiorentina. Oggi la Viola riprover per Amauri, mentre lInter si interroga sul futuro di Zarate, che nelle ultime tre partite finito due volte in tribuna. Il giovane Castaignos andr in prestito, forse al Bologna, altrimenti allestero. Jonathan si convinto ad andare a Parma e lInter, nei prossimi giorni, annuncer larrivo del difensore Juan dellInternacional di Porto Alegre.

Alessandro Bocci
RIPRODUZIONE RISERVATA

Codice cliente:

50
terminato il loro lungo cammino insieme.Umberto, desolato ma confortato dai figli Emma con Paolo, Alessandro e Francesca, e Andrea con Alessandra, Umberto, Emilio ed il piccolo Carlo, annuncia la scomparsa della moglie Ettore ed Enia Maupoil, con Cesare e Francesca, addolorati per la perdita della carissima Nichi con Francesca, Giulio e le loro famiglie ricorda con commozione

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Si spento serenamente

Grazia
sono vicini ad Umberto, ad Andrea, ad Emma ed alle loro famiglie. - Milano, 16 gennaio 2012. Roberto, Roberta, Matteo e Marco si stringono con profondo affetto ad Andrea ed Emma nel ricordo della loro cara mamma

Grazia
e abbraccia con tanto affetto Umberto, Emma e Andrea. - Milano, 16 gennaio 2012. Il Presidente, i Consiglieri, i Revisori, il Segretario della Fondazione Giorgio Pardi sono vicini all'avvocato Umberto Tracanella in questo momento di dolore per la scomparsa della moglie

Fausto Balzanetti
Ne danno il triste annuncio la moglie Rita i figli Andrea e Fabio le nuore Alessandra e Manuela e gli adorati nipoti Francesco Beatrice e Silvia.- I funerali si terranno mercoled 18 gennaio presso la parrocchia di Santa Croce al Flaminio in via Guido Reni, alle ore 10.30. - Roma, 16 gennaio 2012. La RCS Quotidiani partecipa al lutto di Andrea Balzanetti per la perdita del pap

Grazia Sutti Tracanella


Per desiderio di Grazia, l'omelia sar celebrata dal carissimo Don Vittorio Ventura, poi un suono di tromba, in chiesa non ci si scambieranno saluti, ma si attender l'uscita del corteo funebre.Dopo tanti anni di professione, era contenta di affidare i suoi amattissimi pazienti alla dottoressa Franca Cavoretto.- Si ringraziano tutti i parenti e gli amici per l'affetto che lei ha ricambiato sempre con tutto il cuore.- I funerali saranno celebrati nella Basilica di Sant'Eufemia marted 17 gennaio alle ore 14.45. - Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Le cugine Rossana e Marcella con le rispettive famiglie. Gabriella Rossi, Pino e Riccardo van Lamsweerde. Antonio Magnocavallo. Guido Bianchi. Antonino e Anna Antonelli. Piergiorgio e Mariapia Paganuzzi. Alessandro, Umberto, Francesca, Emilio e Carlo salutano la loro amatissima

pediatra

Grazia Tracanella
- Milano, 16 gennaio 2012. Valentino, Ornella, Virginio e Paolo Tagliabue con Nicoletta, si stringono commossi ad Umberto, Emma ed Andrea per la perdita di

Grazia Sutti Tracanella


- Milano, 16 gennaio 2012. Giovanni e Paola, Ulrico Carlo, Barbara e Giangiacomo, Matteo e Francesca con tutti i loro familiari abbracciano Andrea, Emma e Umberto Tracanella ricordando

Fausto Balzanetti
- Milano, 16 gennaio 2012. La Direzione e la Redazione del Corriere della Sera sono vicine ad Andrea Balzanetti per la scomparsa del pap

Grazia
- Abbiategrasso, 16 gennaio 2012. Piero e Giovanna Girelli si stringono con affetto a Umberto, Emma e Andrea per la perdita di

Maria Grazia Sutti Tracanella


- Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Casa Editrice Libraria Ulrico Hoepli S.p.A. Alberto Saibene. Rosanna e Marzio Genghini. Fabio Nobis. Roberto e Fleur Camilli. Il Consiglio di Amministrazione della Edison S.p.A. partecipa al dolore ed al lutto dell'Avvocato Umberto Tracanella per la scomparsa della moglie

Fausto Balzanetti
- Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Ferruccio de Bortoli. Luciano Fontana. Antonio Macaluso. Daniele Manca. Giangiacomo Schiavi. Barbara Stefanelli. Stefano Agnoli. Massimo Alberizzi. Francesco Alberti. Giovanni Angeli. Alessandra Arachi. Marco Ascione. Antonella Baccaro. Enrico Bagnoli. Roberto Bagnoli. Paolo Baldini. Alessandro Balistri. Laura Ballio. Carlo Baroni. Francesca Basso. Pierluigi Battista. Francesco Battistini. Gianluca Bauzano. Adriana Bazzi. Paolo Beltramin. Gianmario Benzing. Alberto Berticelli. Giovanni Bianconi. Alessandro Bocci. Sergio Bocconi. Donatella Bogo. Fabio Boni. Riccardo Bozzi. Antonio Bozzo. Fausto Brambilla. Marzio Breda. Riccardo Bruno. Stefano Bucci. Goffredo Buccini. Fulvio Bufi. Emanuele Buzzi. Fabrizio Caccia. Manuela Cagiano. Guido Cagnan. Enrico Caiano. Ivo Caizzi. Maria Antonietta Calabr. Domenico Calcagno. Wladimir Calvisi. Alessandro Cannav. Valerio Cappelli. Alessandro Capponi. Giovanni Caprara. Maurizio Caprara. Antonio Carioti. Marco Castoldi. Alessandra Cattaneo. Federica Cavadini. Fabio Cavalera. Giovanna Cavalli. Aldo Cazzullo. Federico Cella. Sandra Cesarale. Marco Cianca. Carlo Cinelli. Gianluigi Colin. Claudio Colombo. Paolo Conti. Alessandra Coppola. Ruggiero Corcella. Luigi Corvi. Emilia Costantini. Lorenzo Cremonesi. Marco Cremonesi. Manuela Croci. Laura Cuppini. Fabio Cutri. Daniele Dallera. Ilenia Damiata. Serena Danna. Cristina D'Amico. Paola D'Amico. Vito D'Angelo. Alessandra D'Ercole. Margherita De Bac. Marika De Feo. Roberto De Ponti. Federico De Rosa. Marco Del Corona. Bruno Delfino. Claudio Del Frate. Enzo D'Errico. Paola Di Caro. Francesco Di Frischia. Lavinia Di Gianvito. Maurizio Di Gregorio. Giuseppe Di Piazza. Paolo Di Stefano. Dario Di Vico. Maurizio Donelli. Antonio D'Orrico. Gabriele Dossena. Pasquale Elia. Paolo Fallai. Andrea Fanti. Maurizio Faravelli. Michele Farina. Alessandra Farkas. Giuseppina Fasano. Giuliana Ferraino. Luigi Ferrarella. Luciano Ferraro. Dario Fertilio. Fabio Finazzi. Flavia Fiorentino. Cinzia Fiori. Cesare Fiumi. Michele Focarete. Maurizio Fortuna. Paolo Foschi. Paolo Foschini. Massimo Fracaro. Massimo Franco. Renato Franco. Davide Frattini. Gianna Fregonara. Angela Frenda. Rinaldo Frignani. Federico Fubini. Lorenzo Fuccaro. Massimo Gaggi. Andrea Galli. Marco Galluzzo. Nicola Gandelli. Anna Gandolfi. Sara Gandolfi. Andrea Garibaldi. Mario Garofalo. Luca Gelmini. Mario Gerevini. Mara Gergolet. Antonella Gesualdo. Maurizio Giannattasio. Marco Gillo. Elio Girompini. Roberto Gobbi. Iacopo Gori. Davide Gorni. Daria Gorodisky. Agostino Gramigna. Sebastiano Grasso. Roberto Gressi. Laura Guardini. Giuseppe Guastella. Monica Guerzoni. Fabrizio Guglielmini. Flavio Haver. Roberto Iasoni. Marco Imarisio. Mariolina Iossa. Luigi Ippolito. Paolo Isotta. Antonia Jacchia. Andrea Laffranchi. Irene Lasalvia. Paolo Lepri. Marco Letizia. Paolo Ligammari. Carlo Davide Lodolini. Michele Lovison. Piergiorgio Lucioni. Davide Lucisano. Chiara Maffioletti. Alessandra Mangiarotti. Michele Manno. Michela Mantovan. Roberto Marabini. Chiara Nilla Mariani. Enrico Marro. Cristina Marrone. Biagio Marsiglia. Laura Martellini. Dino Martirano. Giuditta Marvelli. Fabrizio Massaro. Luca Mastrantonio. Viviana Mazza. Maria Teresa Meli. Ernesto Menicucci. Gianluca Mercuri. Paolo Mereghetti. Dino Messina. Luca Milani. Stefano Montefiori. Daniela Monti. Fabio Monti. Antonio Morra. Grazia Maria Mottola. Massimo Mucchetti. Alessandra Muglia. Elsa Muschella. Maria Serena Natale. Daniela Natali. Maurizio Natta. Andrea Nicastro. Carlotta Niccolini. Riccardo Nisoli. Luigi Offeddu. Guido Olimpio. Paolo Ottolina.

Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012. Ciao

Grazia
amica carissima, ti porter nel mio cuore.- Luciana. - Milano, 16 gennaio 2012. Senza la tua esuberanza e il tuo dinamismo corso Italia vuoto come i nostri cuori.- Pietro e Silvia con Rita abbracciano con grande affetto Umberto, Emma, Andrea nel caro ricordo di

nonna Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012. Dada e Mario, con Cristina, Luca con Chiara, Matteo Marco e Sara, addolorati, si stringono fortemente ad Umberto, Emma, Andrea ed alle loro famiglie nel dolore per la perdita di

Maria Grazia Sutti


- Milano, 16 gennaio 2012. I membri dell'Organismo di Vigilanza di Edison SpA, Gregorio Gitti e Gian Maria Gros-Pietro, partecipano al profondo dolore che ha colpito Umberto Tracanella per la perdita della moglie, signora

Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012. Alfonso Mariella vicino al suo amico Andrea per la scomparsa della sua carissima mamma

Grazia
ricordandone le profonde sue doti umane e di pediatra. - Milano, 16 gennaio 2012. Con un forte abbraccio e tanto, tanto affetto, siamo accanto ad Umberto, Emma, Andrea, Paolo, Alessandra ed i loro ragazzi perch

Maria Grazia Sutti


- Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Pier Giuseppe Biandrino. Giorgio Colombo. Lucrezia Geraci. Gian Michele Mirabelli, Direttore Sistemi di controllo interno di Edison SpA, unitamente ai suoi collaboratori, partecipa al profondo dolore che ha colpito Umberto Tracanella per la scomparsa della moglie, signora

Maria Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012. Paolo e Antonia Giuggioli partecipano commossi al lutto dell'amico Umberto e dei figli per la morte della moglie e madre

Grazia
arrivata alla fine del cammino iniziato tanti anni fa, vicino a loro e con loro.- Per noi sempre stata una buona amica ed una persona con cui abbiamo passato tanti momenti da ricordare.Una ottima pediatra per i nostri figli e nipoti e da loro molto amata.- Una persona piena di intelligenza e forza.- Franco e Susanna, Nicola con Paola e Gabriele, Paola e Lorenza, Paolo e Laura. - Milano, 16 gennaio 2012. Partecipa al lutto: La famiglia del dottore Angelo Triulzi. Amatissima cognata

Grazia Tracanella
e li abbracciano con profondo affetto. - Milano, 16 gennaio 2012. Anna Maria e Francesco Arata, ricordando il sorriso e la tenacia di

Maria Grazia Sutti


- Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Silvia Bacchelli. Paolo Colapenna. Maurizio Confalonieri. Il Presidente della Corte dei conti Luigi Giampaolino e i componenti del Consiglio di Presidenza, Vito Minerva, Lodovico Principato, Beniamino Caravita di Toritto, Angelo Pandolfo, Andrea Manzella, Maurizio Graffeo, Anna Maria Rita Lentini, Salvatore Pilato, Patrizia Ferrari, Giorgio Clemente e Luigi Caso partecipano, profondamente costernati ed addolorati, all'immenso dolore dell'Avvocato Umberto Tracanella per la perdita dell'amata moglie Dottoressa

Grazia Sutti Tracanella


ne piangono la perdita, partecipando commossi al dolore di Umberto, Emma, Andrea, nipoti e tutti i familiari. - Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Antonella Zoni. Leonardo Cammarata. Federica Bonomini. Giovanni, Ornella, Elisabetta e Mattia Panzarini, profondamente commossi, partecipano con il pi vivo affetto al grave lutto dell'amico avvocato Umberto Tracanella e dei suoi figli per la morte della loro amatissima moglie e madre dottoressa

Grazia
te ne sei andata troppo presto lasciandoci senza i tuoi preziosi consigli, la tua affettuosa disponibilit.- Un abbraccio forte a Umberto, Emma ed Andrea ed alle loro famiglie.- Tua cognata Dada. - Milano, 16 gennaio 2012. Cara

zia Grazia
mi mancheranno tanto i tuoi disinteressati e chiari suggerimenti, il tuo essere costantemente a disposizione e la tua affabilit sempre dimostratami, ma so che, se anche non sei pi tra noi, dal cielo non mancherai di stare al mio fianco.- Tua nipote Cristina. - Milano, 16 gennaio 2012. Luca e Chiara, con Matteo Marco e Sara ricordano con affetto la carissima

Maria Grazia Sutti Tracanella


- Milano, 17 gennaio 2012. Bruno e Iris Ermolli con i figli Alessandro e Massimiliano partecipano con grande tristezza al dolore dell'amico Umberto e dei figli per la scomparsa di

Maria Grazia Sutti


- Roma, 16 gennaio 2012. Le dipendenti ed i collaboratori dello Studio Tracanella si stringono al dolore per la perdita della dottoressa

Grazia Sutti Tracanella


- Milano, 16 gennaio 2012. I condomini di corso Italia 50 - Milano, la Ragioniera Daniela Zambon e i suoi collaboratori, il Ragioniere Sergio Brembati e l'Avvocato Luca Brembati partecipano al dolore della famiglia Tracanella per la scomparsa della

zia Grazia
ed abbracciano Umberto, Emma e Andrea e le loro famiglie in questo tristissimo momento. - Milano, 16 gennaio 2012. Roberto ed Elvira Cazzoli con Elio, Marco e Laura sono affettuosamente vicini ad Umberto, Emma e Andrea nel caro ricordo di

Maria Grazia Sutti Tracanella


- Milano, 16 gennaio 2012. Italo e Maria Pia Bersani, con i figli Leonardo, Emanuela, Lodovica unitamente ai collaboratori della Industria Bassi Luigi Group partecipano con dolore al grande lutto dell'Avvocato Umberto Tracanella per la scomparsa della cara signora

Dott.ssa Maria Grazia Sutti


- Milano, 16 gennaio 2012. Non pi con noi

Grazia Sutti Tracanella


- Milano, 16 gennaio 2012. Gigi e Lucia Efisio, con Debora e Gianni partecipano con affetto al dolore di Umberto, Emma e Andrea per la perdita di

Dott.ssa Maria Grazia Sutti


ed esternano ai figli, ai nipoti e a tutti i famigliari le pi vive e sentite condoglianze. - San Rocco al Porto, 16 gennaio 2012. Alessandra e Giuseppe Ierace sono vicini ad Umberto, Andrea ed Emma Tracanella in questo momento di grande dolore per la perdita della carissima

Mario Arbuffo
Con cuore colmo di dolore lo annunciano, ad esequie avvenute, Marcella, Marzia e Beniamino, ricordando con immenso rimpianto e gratitudine la sua guida amorevole e sicura.- Si prega di devolvere eventuali offerte a ONG Escola da Vida - Porto Alegre Brasile. - Milano, 14 gennaio 2012. Vicini con il cuore a Marcella, Marzia e Beniamino, gli amici di UniCredit ricordano con stima ed affetto

Grazia Sutti Tracanella


- Milano, 16 gennaio 2012. Adamo ed Enza Rocco, con Massimo, piangono la scomparsa della loro cara consuocera

Grazia
- Catanzaro, 16 gennaio 2012. Adalberto Castoro, Florestano Funari, Alberto e Federico Gaffuri, Alberto Longo, Cesare Maupoil, Paolo Pecorella, Giovanni Ricci, con le loro famiglie e compagne sono vicini ad Andrea, alla sorella Emma e ad Umberto Tracanella in questo triste momento, per la scomparsa dell'amatissima

Grazia
e si stringono a Umberto, Emma e Andrea nel loro grande dolore. - Busto Arsizio, 16 gennaio 2012. Anita e Giorgio con Guido, Carla e Piero e le loro famiglie sono affettuosamente vicini a Umberto ed a tutti i suoi cari nel triste momento della scomparsa della cugina

Ester Palma. Pierluigi Panza. Mario Pappagallo. Marcello Parilli. Alessandro Pasini. Andrea Pasqualetto. Carlos Passerini. Emanuela Pelati. Tommaso Pellizzari. Fabrizio Peronaci. Roberto Perrone. Matteo Persivale. Wilma Petenzi. Paola Pica. Gaia Piccardi. Virginia Piccolillo. Sergio Pilone. Francesca Pini. Ferruccio Pinotti. Carmen Plotino. Raffaella Polato. Paola Pollo. Franca Porciani. Mario Porqueddu. Venanzio Postiglione. Michela Proietti. Luisa Pronzato. Alessandra Puato. Rita Querz. Paolo Rastelli. Pierenrico Ratto. Stefano Ravaschio. Arianna Ravelli. Simona Ravizza. Alessio Ribaudo. Monica Ricci Sargentini. Stefano Righi. Luigi Ripamonti. Orsola Riva. Roberto Rizzo. Sergio Rizzo. Stefano Rodi. Maria Laura Rodot. Fabrizio Roncone. Elisabetta Rosaspina. Corrado Ruggeri. Ilaria Sacchettoni. Annachiara Sacchi. Maria Silvia Sacchi. Alessandro Sala. Nicola Saldutti. Paolo Salom. Lorenzo Salvia. Stefano Salvia. Guido Santevecchi. Giovanni Santucci. Giuseppe Sarcina. Fiorenza Sarzanini. Edoardo Sassi. Ugo Savoia. Alfio Sciacca. Edoardo Segantini. Mario Sensini. Elvira Serra. Massimo Sideri. Elisabetta Soglio. Maria Rosaria Spadaccino. Martino Spadari. Daniele Sparisci. Matteo Speroni. Armando Stella. Gian Antonio Stella. Giovanni Stringa. Cristina Taglietti. Danilo Taino. Stefania Tamburello. Massimo Tedeschi. Franco Tettamanti. Paolo Tomaselli. Marco Toresini. Armando Torno. Giuseppe Toti. Alessandro Trocino. Antonio Troiano. Isidoro Trovato. Giampaolo Tucci. Stefania Ulivi. Luca Valdiserri. Paolo Valentino. Flavio Vanetti. Gian Guido Vecchi. Silvia Vedani. Maria Teresa Veneziani. Francesco Verderami. Rossella Verga. Lorenzo Vigan. Edoardo Vigna. Maria Luisa Villa. Marco Vinelli. Paolo Virtuani. Maria Volpe. Claudia Voltattorni. Carlo Vulpio. Luca Zanini. Cesare Zapperi. Cecilia Zecchinelli. Giulia Ziino. Massimo Zingardi. Roberto Zuccolini. Paolo Ermini. Fabrizio Dragosei. Segreteria di Redazione Roma. Segreteria di Direzione Milano. Segreteria di Redazione Milano.

Massimo, Ambra, Francesco e Tommaso Bernab Silorata si stringono a Luigi e Ginevra nel dolore per la perdita dell'adorata

La famiglia annuncia che i funerali di

Giorgio Sommariva
saranno celebrati oggi alle ore 11 nella chiesa parrocchiale di San Babila. - Milano, 16 gennaio 2012. Ferruccio ed Elisabetta de Bortoli partecipano al dolore della famiglia per la scomparsa di

Daniela
- Milano, 15 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Ulrico Carlo Hoepli. Andrea Sparacino. Ferruccio de Bortoli, la Direzione e la Redazione del Corriere della Sera partecipano al dolore di Luigi e Ginevra per la scomparsa di

Giorgio Sommariva
- Milano, 16 gennaio 2012. Caro

Daniela Bernab
- Milano, 16 gennaio 2012. Giulio Lattanzi, Luca Traverso, Luisa Sacchi e tutti gli amici della RCS Quotidiani sono vicini a Luigi e Ginevra e ricordano con affetto

Giorgio
stato bello averti come amico.- Ci mancherai tanto.- Siamo fraternamente vicini a Benedetta e agli altri tuoi cari.- Carlo e Niky. - Milano, 16 gennaio 2012. Daniele Blei e Paola, costernati e commossi per l'improvvisa scomparsa dell'amico

Daniela Bernab
- Milano, 16 gennaio 2012. Gli amici della casa editrice Rizzoli si stringono con commozione a Luigi e Ginevra e ricordano l'umanit e la bravura di

Giorgio Sommariva
si stringono con grande affetto a Benedetta e Pia e sono molto vicini al loro dolore. - Milano, 17 gennaio 2012. Ciao

Daniela Bernab
- Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Sabrina Annoni. Marco Ausenda. Carlo Alberto Brioschi. Giovanna Canton. Francesca Cinelli. Luisa Colicchio. Francesca Cristoffanini. Ottavio Di Brizzi. Marco Fiocca. Daniele Folli. Michela Gallio. Annamaria Guadagni. Angela Lombardo. Stefano Magagnoli. Beatrice Masini. Rosanna Paradiso. Anita Pietra. Simone Romani. Michele Rossi. Olga Rossi Barattini. Luca Ussia. Paolo Zaninoni. Un abbraccio stretto a Luigi e Ginevra per la perdita dolorosa di

Giorgio
sarai sempre nel nostro cuore con i ricordi di tutti i momenti belli trascorsi insieme.- Alberto e Franchina. - Milano, 16 gennaio 2012. Giorgio e Laura Fossa, con grande tristezza e commozione sono vicini ai famigliari e piangono la scomparsa del caro amico

Giorgio
- Gallarate, 16 gennaio 2012. Giampiero, Emy, Luca e Alessandro Cantoni, profondamente addolorati si stringono con affetto a Benedetta per la perdita del caro pap

Giorgio Sommariva
e porgono sentite condoglianze. - Milano, 16 gennaio 2012. Bruno e Floriana Mentasti Granelli, addolorati per la scomparsa dell'amico

Giorgio Sommariva
partecipano con molta tristezza al dolore di Benedetta e di tutti i suoi cari. - Milano, 16 gennaio 2012. Angelo ricorda l'amico di sempre

Daniela Bernab
Massimo Turchetta. - Milano, 16 gennaio 2012. Ciao,

Giorgio Sommariva
ricordando anche Stefania ed vicino a Benedetta, insieme a Maria, partecipando al suo dolore. - Milano, 16 gennaio 2012. Adriano Teso e Laura Morino partecipano con grande affetto all'immenso dolore dell'amica Benedetta, per la perdita improvvisa del padre

Daniela Bernab
A presto, per nuovi progetti dell'anima.- Diego. - Milano, 16 gennaio 2012. Alessandra e Nanni abbracciano Luigi e Ginevra nel ricordo della cara

Daniela
- Milano, 16 gennaio 2012. Andrea e Letizia Cane sono vicini con amicizia a Luigi e Ginevra e partecipano al loro dolore per la perdita di

Giorgio Sommariva
caro ed indimenticabile amico. - Milano, 16 gennaio 2012. Maurizio e Carlina sono vicini con tanto affetto a Benedetta nel ricordo del caro

Daniela
- Milano, 16 gennaio 2012. Marco e Anita sono vicini a Luigi e Ginevra per la tragica perdita di

Giorgio Sommariva
- Milano, 16 gennaio 2012. Maurizio, Carlo ed Isabella Traglio si uniscono al dolore di Benedetta per la perdita del pap

Daniela Bernab
- Milano, 16 gennaio 2012. La casa editrice Il Saggiatore vicina con affetto e amicizia a Luigi e Ginevra nel ricordo di

Giorgio Sommariva
caro amico che ricordiamo con molto affetto. - Milano, 16 gennaio 2012. Franco e Cinzia Berti abbracciano Benedetta nel ricordo del caro pap

Daniela Bernab
amica e collega indimenticabile. - Milano, 16 gennaio 2012. Luca Formenton abbraccia con grande affetto Luigi e Ginevra e si stringe a loro nel rimpianto per

Giorgio Sommariva
- Milano, 16 gennaio 2012. Giovanni e Hillary si stringono con affetto a Benedetta in questo triste momento per la dolorosa perdita del padre

Daniela Bernab
ricordando i lunghi anni di collaborazione e l'amicizia di una vita intera. - Milano, 16 gennaio 2012. Angelo Colla, Francesca Masera, Luca Ramin ricordano con grande affetto e stima

Giorgio Sommariva
- Milano, 16 gennaio 2012. Ci ha lasciato il

Dott. Giorgio Sommariva


Ci mancher il suo ruolo di imprenditore, sempre attento all'innovazione ed alle sfide.- Un uomo aperto al futuro, chi ha avuto il privilegio di collaborare con lui ne ha apprezzato le doti umane e l'attenzione che aveva nel far crescere le persone.- Lo ricorderemo come un uomo appassionato del proprio lavoro, leale e coraggioso.- Tutti noi, Invictorled Srl: Marco Faita, Fabio Vannacci, Jaap Kalma, Petrina Inzaghi, Marco Ligasacchi, Marco Frascarolo, Adriano Rossetti, Antonio Rozittu, Luca Dal Bo, Michele Bruno. - Milano, 16 gennaio 2012. Vittorio Vismara e Alessandro Tentardini partecipano al dolore della figlia per la perdita del

Daniela Bernab
- Milano, 16 gennaio 2012. Olivia e Antonio Sellerio insieme ai collaboratori della casa editrice partecipano con affetto e amicizia al dolore di Luigi Bernab e dei familiari nel ricordo di

Mario Arbuffo
- Milano, 16 dicembre 2012. Partecipano al lutto: Beniamino e Alma Anselmi. Aldo e Ginetta Cannistr. Germano Cassinelli. Alberto e Barbara Cernuschi. Erminio ed Elisabetta Chiappelli. Massimo e Flora Cinti. Famiglia Coppari. Alberto e Rosanna Cravero. Achille e Mirella Donini. Cesare Farsetti. Isaia Galliani. Piercarlo e Nelida Gola. Ignazio Ippolito. Cesare e Maria Lattuille. Ettore e Marilena Masoero. Matteo e Mirella Montagna. Bruno e Vitaliana Morelli. Roberto e Carmela Nordio. Giacomo Pennarola. Fausto e Ambra Petteni. Pierino e Lidia Quaglini. Vladimiro e Laura Rambaldi. Vittorio e Grazia Russo. Franco Tosoni. Ernesto e Anna Traverso. Sandro e Carla Trotter. Lello e Rosalba Vignoletti. Franco e Miria Vignotti. Bruno e Silvana Villa. Ciao

Il Comitato di Redazione vicino al collega Andrea Balzanetti per la perdita del padre

Fausto Balzanetti
- Milano, 16 gennaio 2012. Antonio Macaluso, Marco Cianca e Roberto Gressi abbracciano l'amico Andrea nel momento del dolore per la scomparsa dell'amato pap

Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012. Carissimi Umberto e Andrea Tracanella vi sono vicino e partecipo con grande affetto al vostro dolore per la scomparsa della vostra amatissima

Daniela Bernab
- Palermo, 16 gennaio 2012. La casa editrice Neri Pozza partecipa al dolore di Luigi e Ginevra per la scomparsa della cara

Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012. Anna affettuosamente abbraccia il suo carissimo cugino Umberto nel ricordo di

Fausto Balzanetti
- Roma, 16 gennaio 2012. Alessandra, Dino, Fabrizio, Gianna, Giovanna, Lorenzo, Margherita, Maria Antonietta, Mariolina, Monica, Maria Teresa, Paola, Virginia abbracciano Andrea per la perdita del suo pap

dott. Giorgio Sommariva


del quale ricorderanno sempre le grandi doti imprenditoriali. - Milano, 16 gennaio 2012. BigSizeArt esprime a Benedetta il commosso cordoglio di tutti i soci amici per la perdita del socio fondatore

Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012. Eugenio Mosca, Michele Biotti, Ambrogio Parma e tutti i collaboratori dello Studio Amministrativo Tributario Giorgio Traccanella partecipano al lutto dell'Avvocato Umberto Tracanella per la scomparsa della moglie

Maria Grazia
Giuseppe Mariella. - Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: La Dottoressa Federica Cerrato. Il Ragioniere Maria Gabriella Bianchini. Il Dottor Antonio Cannav. Giuseppe Maggioni e Francesca Cucino ricordano con affetto e dolcezza la

Daniela Bernab
- Milano, 17 gennaio 2012. Giuseppe Russo si unisce al dolore di Luigi e Ginevra per la scomparsa della cara

Fausto Balzanetti
- Roma, 16 gennaio 2012. Caro Andrea, Daniele Manca ti vicino in questo triste momento per la perdita di tuo pap

Daniela Bernab
- Milano, 17 gennaio 2012. Inge Feltrinelli, Carlo Feltrinelli e tutta la casa editrice sono vicini a Luigi e Ginevra e al loro grande dolore per la scomparsa di

Giorgio Sommariva
- Milano, 16 gennaio 2012. Sono vicino a Carlotta nel dolore per la scomparsa di

Grazia Tracanella Sutti


- Milano, 16 gennaio 2012. Marisa Bruzzone con Ginevra, Marco e Francesca si stringono in questo momento di dolore ai cugini Tracanella nel ricordo di

Fausto Balzanetti
Un abbraccio. - Milano, 16 gennaio 2012. Flavio Natalia e l'Ufficio Stampa Sky si stringono ad Andrea, Manuela, Francesco e Beatrice Balzanetti per la perdita dell'amato padre e nonno

dott.ssa Grazia Sutti


ed abbracciano Umberto, Andrea ed Emma. - Milano, 16 gennaio 2012. Ci stringiamo con affetto ad Umberto, Andrea ed Emma per la perdita della cara

Daniela Bernab
- Milano, 16 gennaio 2012. Marco Tropea, Cristina Ricotti, Daniele Barzaghi e tutta la Marco Tropea Editore si stringono con affetto a Luigi e Ginevra nel ricordo di

Carlo Fruttero
Massimo Turchetta. - Milano, 16 gennaio 2012. Giovanna, Silvia Sereni e Piero Dorfles ricordano con affetto l'amico

Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012. Ciao

Fausto
- Milano, 16 gennaio 2012. Fabio e Giuliana Boldi porgono le pi sentite e sincere condoglianze alla famiglia Ricordi per la scomparsa del caro amico

Maria Grazia Grazia


Giuseppe, Federica, Gabriele, Paola, Marilia, Giusy. - Milano, 16 gennaio 2012. Giuseppe Lombardi partecipa al grave lutto che ha colpito l'amico Umberto per la scomparsa della moglie

Daniela Bernab
- Milano, 16 gennaio 2012.

Carlo Fruttero
- Milano, 16 gennaio 2012. Andrea e Letizia Cane ricordano con molto affetto l'amico

Mario
ti porteremo sempre nel nostro cuore.- Chiara e Rossella. - Milano, 16 gennaio 2012. Il Private Banking di UniCredit partecipa al dolore della famiglia per la scomparsa del signor

a nome di tanti dei tuoi piccoli pazienti con cuore ti ringraziamo per la cura e il sorriso con cui ci hai accompagnato nella nostra crescita.- Grazie di tutte le volte che hai dato ascolto, sempre raggiungibile, alle preoccupazioni dei nostri genitori e ci hai curato, cercando la soluzione con tenacia, anche quando pi nascosta.- Guardaci ancora Grazia, da lass.- Luigi e Lavinia. - Milano, 16 gennaio 2012. Elena Introna Sutti e i figli Paola con Franco e Lorenzo con Anna, Thomas e Judith piangono la scomparsa di

Nanni
- Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Gianni Mariagrazia Antonini. Ranuccio Sodi. Show Biz Srl. Guido e Lalla Pozza sono vicini con affetto alla famiglia per la perdita del caro amico

Daniela
non ti dimenticheremo mai.- Laura e Marco. - Milano, 16 gennaio 2012. Elido e Alice Fazi, insieme a tutti i collaboratori della Fazi Editore si stringono con affettuosa partecipazione a Luigi Bernab e famiglia per la dolorosa perdita della cara

Carlo
e abbracciano commossi Carlotta e Federica. - Milano, 16 gennaio 2012. Gian Arturo Ferrari ricorda commosso gli anni di lavoro e di amicizia con

sig.ra Maria Grazia Sutti


- Milano, 17 gennaio 2012. Luciana Aiello piange la dolorosa perdita della cara amica

Mario Arbuffo
gia membro del Collegio Sindacale. - Torino, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Dario Prunotto. Vladimiro Rambaldi. Luigi Guidobono Cavalchini. Fabrizio Caraccia. Guidalberto di Canossa. Mario Noera. Fabrizio Benintendi. Cesare Bisoni. Massimo Franzoni. Lorenzo Gianotti. Andrea Grosso. Lionello Jona Celesia. Stefano Piperno. Marco Radice. Luca Remmert. Renzo Signorini. Francesco Slocovich. Giuseppe Tardivo. Mario Tonini. Aldo Milanese. Roberto Bianco. Carlo Bossi. Luca Maria Manzi. Paolo Sfameni. Il Consiglio di Amministrazione, la Direzione e il Collegio Sindacale di Mediobanca partecipano con profondo cordoglio al dolore della famiglia per la scomparsa di

Grazia
ed vicina con affetto a tutti i suoi cari. - Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Alfredo Fantini, Marilia e Stefano. Gianfranco e Carla Gaffuri con Alberto e Monica, Federico e Giulia abbracciano Umberto, Andrea e Emma ed esprimono loro la vicinanza pi affettuosa, profondamente colpiti per la perdita della cara amica

Daniela
- Roma, 16 gennaio 2012. La casa editrice Adelphi, con tutti i suoi collaboratori, partecipa al dolore di Luigi e Ginevra per la scomparsa di

Carlo Fruttero
- Milano, 16 gennaio 2012. Olivia e Antonio Sellerio, insieme ai collaboratori della casa editrice ricordano con profonda stima e ammirazione

Grazia Sutti Tracanella


- Milano, 15 gennaio 2012. Partecipa al lutto: Raffaela Francetich. Elsa, Emilio, Andrea, Ida e Federico, Antonio si stringono con tanto affetto ad Umberto, Andrea, Emma ed ai familiari nel grande dolore per la perdita della carissima

Nanni Ricordi
- Milano, 16 gennaio 2012. Il General Manager Dino Stewart e tutto lo staff Bmg Rights Management si uniscono al lutto della musica italiana ricordando il grande

Daniela Bernab
nostra carissima amica. - Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Roberto Calasso e Fleur Jaeggy. Elisabetta Zevi. Roberto Calasso e Fleur Jaeggy ricordano con affetto

Carlo Fruttero
e partecipano con affetto al dolore di Carlotta Fruttero e di tutta la famiglia. - Palermo, 16 gennaio 2012. Tutti gli amici della Mondadori piangono

Nanni Ricordi
- Milano, 16 gennaio 2012. Ricordi & C. si unisce al dolore dei familiari per la scomparsa di

Grazia Sutti Tracanella


esempio di elevati valori umani e professionali. - Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Marcella e Federico Grosso. Lia ed Edoardo Forte. Ricorderemo sempre con tanto affetto e gratitudine la nostra amica pediatra.- Alberto Valeria Lorenzo Marco sono vicini a Umberto e a tutta la sua famiglia per la perdita di

Grazia Tracanella Sutti


serbandone un imperituro ricordo per l'intelligenza, il generoso senso d'amicizia e la simpatia umana. - Milano, 16 gennaio 2012. Ferruccio Adriana Umberto Busini partecipano all'immenso dolore di Umberto, Emma e Andrea per la perdita della moglie e mamma

Carlo Fruttero
autore della casa editrice, scrittore e uomo sempre lontano dai luoghi comuni e dai pregiudizi, intellettuale raffinato che apprezzava pi di ogni altra cosa il lavoro umile e ben fatto, l'impegno quotidiano di tutti.- Un abbraccio affettuoso a Carlotta e Federica e a tutta la famiglia nel ricordo di un grande padre e un grande nonno. - Segrate, 16 gennaio 2012. La casa editrice Adelphi, con tutti i suoi collaboratori, si unisce al dolore dei familiari per la scomparsa di

Carlo Emanuele (Nanni) Ricordi


che stato un grande interprete dello spirito creativo e imprenditoriale della nostra azienda e della cultura musicale italiana. - Milano, 16 gennaio 2012. Dori, Cristiano, Luvi e la Fondazione Fabrizio De Andr si stringono con affetto a Sandra, Camillo e a tutta la famiglia Ricordi nella memoria di

Daniela Bernab
e sono vicini a Luigi e Ginevra nel loro dolore. - Milano, 16 gennaio 2012. RCS Libri Education e La Nuova Italia salutano

Maria Grazia Sutti Tracanella


- Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Rossana e Paolo Pizzigoni. Teresa e Orlando Chiari. Riccardo e Ghighi Miani. Ferdinando Superti Furga partecipa con profonda commozione al grande lutto che ha colpito il caro amico Umberto Tracanella e la famiglia per la perdita della signora

Paolo Rossi
gi consulente e autore della casa editrice.- Tutte le persone che hanno lavorato con lui ricordano il piacere dei momenti di discussione e di confronto trascorsi insieme. - Firenze, 16 gennaio 2012. Lalla ed Enrico Berra partecipano al dolore di Andreina, Mario, Anna per la scomparsa di

Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012. Caterina e Federico Bergamo sono partecipi al grande dolore che ha colpito Umberto e Andrea Tracanella per la perdita di

Carlo Fruttero
prezioso autore e prezioso amico. - Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Roberto Calasso e Fleur Jaeggy. Elisabetta Zevi. Roberto Calasso e Fleur Jaeggy ricordano

Mario Arbuffo
per lunghi anni autorevole componente del collegio sindacale dell'istituto ricordandone l'intelligenza e il tratto umano che sempre ne hanno contraddistinto l'operato. - Milano, 16 gennaio 2012. Domenica 15 gennaio mancata all'affetto dei suoi cari

Nanni
- Milano, 16 gennaio 2012. Il Sindaco di Milano Giuliano Pisapia, il Vice Sindaco, la Giunta Comunale, il Direttore Generale, il Segretario Generale e il Capo di Gabinetto partecipano con profondo cordoglio al lutto per la scomparsa di

Maria Grazia
moglie e madre amatissima. - Milano, 16 gennaio 2012. Aurelia con Giovanna, Giannina, Antonio ricorda con commozione e affetto l'amica

Paolo Rossi Monti


amico fraterno di tutta la vita. - Milano, 16 gennaio 2012. Partecipa al lutto: Marisa Bulgheroni. Mariapia Garavaglia con Marco Trabucchi e con tutti gli amici del Comitato Scientifico dell'Arco di Giano si unisce al dolore dei familiari per la scomparsa del

Grazia Tracanella Sutti


moglie e madre coraggiosa e gentile. - Milano, 16 gennaio 2012. Piera e Luigi Cella, nell'abbracciare Umberto, Emma e Andrea, ricordano con affetto e ammirazione

Carlo Emanuele Ricordi


- Milano, 16 gennaio 2012. Il Presidente Basilio Rizzo e il Consiglio Comunale di Milano partecipano con profondo cordoglio al lutto per la scomparsa di

Carlo Fruttero
la sua amicizia, la sua intelligenza, i suoi libri e sono vicini ai familiari nel loro dolore. - Milano, 16 gennaio 2012. Gli amici del Gruppo editoriale Mauri Spagnol prendono parte al lutto della cultura italiana per la scomparsa di

Grazia
e partecipa al dolore di Umberto e di tutta la famiglia Tracanella. - Milano, 16 gennaio 2012. Liliana, Chantal e Riccardo addolorati si stringono ad Umberto, Emma, Andrea ed alla famiglia intera in questo momento di dolore nel ricordo di

Laura Milani Comparetti ved. Bassani


Ne danno il triste annuncio la figlia Emma, le nipoti Sara, Alice e loro familiari.- I funerali si terranno a Milano gioved ore 10.45, cimitero Musocco. - Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Carlo Luisa Tanzi. Pier Paolo Alessandra Corradini. Angelo Anna Castelli. Claudio Ris, Sergio Escobar, Luca Ronconi, il Consiglio di Amministrazione, il Collegio dei Revisori e tutto il Piccolo Teatro partecipano al dolore della consigliera Emma Paola Bassani per la scomparsa della mamma

Grazia Tracanella
che ci ha insegnato a vivere, con coraggio e serena consapevolezza, tutti i giorni della nostra vita. - Milano, 16 gennaio 2012. Roberta e Matteo con Francesca e Carlo abbracciano forte Emma, Andrea, le loro famiglie e il pap Umberto e si uniscono nel ricordo di

Carlo Emanuele Ricordi


- Milano, 16 gennaio 2012. mancato dopo una lunga malattia sopportata con coraggio e pazienza l'

Prof. Paolo Rossi Monti


Abbraccia affettuosamente Andreina, compagna impareggiabile.- Maestro e studioso insigne mancher non solo agli allievi e all'accademia ma all'intero Paese cui ha dedicato testimonianza di alto impegno culturale e civile. - Milano, 16 gennaio 2012. La Fondazione Internazionale Premio Balzan partecipa al dolore della famiglia per la scomparsa di

Carlo Fruttero
- Milano, 16 gennaio 2012. La casa editrice Einaudi ricorda con affetto

Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012. Giuliana con Gunther piange commossa la scomparsa dell'amica di sempre

Avv. Paolo Bernardi


Master of Laws, Harvard 1957, ne danno il triste annuncio i nipoti Michael e Paul e il cognato Richard ricordandone l'alta reputazione nel campo internazionale unita a diligenza, buon senso, immaginazione e profonda cultura.- Per giorno, ora, luogo dei funerali contattare impresa Fusetti allo 02.5513027. - Milano, 16 gennaio 2012. La moglie Luciana Panizza annuncia con infinito dolore e amore immenso la morte di

Carlo Fruttero
che per sessant'anni ha animato il mondo editoriale e letterario con la sua intelligenza, la pi grande cultura e un'inimitabile ironia. - Torino, 16 gennaio 2012. La Fondazione Istituto per la storia dell'et contemporanea partecipa al cordoglio per la scomparsa di

Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012. Marcella e Alberto con Michele e Daniele sono vicini con affetto a Umberto, Emma e Andrea per la morte della cara

Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012. Partecipa al lutto: Liliana Merlo. Paolo, con Lilia, vicino con molto affetto ad Andrea e Umberto per la perdita di

Laura Milani Comparetti


- Milano, 16 gennaio 2012. La moglie Francesca con i figli Carlo e Alberto, le nuore e i nipoti, annunciano con immenso dolore la scomparsa di

Paolo Rossi Monti


grande intellettuale e studioso di cui ha potuto apprezzare anche le grandi qualit umane. - Milano, 16 gennaio 2012. Edoardo e Lidia Lombardi sono vicini alla famiglia per la scomparsa del caro

Grazia
e si stringono commossi a tutta la famiglia e agli adorati nipotini. - Milano, 16 gennaio 2011. Partecipano al lutto: Francesca e Alessandro Perrotti. Ceci, Guglielmo e Carmela Castelli Dezza.

Franco Della Peruta


Emerito di Storia del Risorgimento dell'Universit di Milano e ne ricorda la lunga, preziosa collaborazione. - Sesto San Giovanni, 16 gennaio 2012.

Giulio Bettoni
I funerali avranno luogo mercoled 18 gennaio alle ore 11 presso la parrocchia dei SS. Nazaro e Celso alla Barona, via Zumbini 19, al termine la tumulazione nel cimitero di Maschiago Primo (VA). - Milano, 16 gennaio 2012.

Silvio Vita
"Il nonno di via Cesariano".- Il suo altruismo deve essere d'esempio per tutti noi. - Milano, 16 gennaio 2012.

Grazia
- Milano, 16 gennaio 2012.

Valerio Baldini
- Milano, 17 gennaio 2012.

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

Sport 51 Fotofinish
TENNIS

Stop Altri punti persi al San Paolo per la banda Mazzarri

Il Napoli in casa non fa pi paura Pari col Bologna


Gol di Acquafresca, rigore di Cavani
DAL NOSTRO INVIATO

Pennetta subito out Avanza la Schiavone

Napoli Bologna

NAPOLI Perfetto in Champions League e pasticcione in campionato. Il Napoli continua a complicarsi la vita e perde altri punti al San Paolo, diventato ormai uno stadio che non mette pi paura, almeno alle squadre italiane. Qui ci hanno pareggiato Fiorentina e Bologna e ci ha vinto il Parma. Eppure per la Banda Mazzarri era unoccasione da non perdere, visti i risultati della domenica, con lUdinese battuta dal Genoa (positivo) e con lInter rientrata alla grande nel giro Champions dopo la vittoria nel derby (negativo). Proprio per questo il tecnico ha lascia-

1 1

Marcatori: Acquafresca 15 p.t.; Cavani (rigore) 26 s.t. NAPOLI (3-4-2-1): De Sanctis 6; Campagnaro 4 (Zuniga 6,5 11 s.t.), Cannavaro 5,5, Aronica 5,5; Maggio 5 (E. Vargas s.v. 38 s.t.), Inler 5 (C. Lucarelli s.v. 44 s.t.), Gargano 6, Dossena 5,5; Hamsik 5,5, Pandev 6; Cavani 6. All.: Mazzari 5,5 BOLOGNA (3-5-2): Gillet 6; Raggi 6 (J.A. Crespo 6 27 s.t.), Antonsson 6,5, Cherubin 6,5; Pulzetti 6 (Garics s.v. 30 s.t.), Taider 6, Mudingayi 6,5, Perez 6, Morleo 5,5; Acquafresca 6,5 (Ramirez 7 27 s.t.), Di Vaio 6. All.: Pioli 6,5 Arbitro: Brighi 6 Ammoniti: Mudingayi, Morleo, Cherubin, Di Vaio, Dossena Recuperi: 1 pi 3

Lerrore di Hamsik Sullo 0-0 Hamsik sbaglia solo davanti a Gillet. Poi gli unici guizzi sono di Pandev
to da parte gli esperimenti. Ancora fuori Lavezzi, che sar disponibile per Siena, e in panchina il nuovo acquisto Vargas, che deve ancora ambientarsi. In campo vanno i titolarissimi, pi Pandev che si guadagnato con i fatti il diritto a far parte della ristretta schiera degli uomini pi importanti. Nel Bologna, invece, Pioli ha scelto s due punte (Acquafresca e Di Vaio), ma ha lasciato in panchina il fantasista Ramirez (eccellente nel quarto dora finale che gli stato poi concesso) e imbottito la squadra di difensori anche a centrocampo, come Morleo sulla fascia sinistra. Una mossa che ha comunque pagato i suoi dividendi. Fa cos freddo che persino il caloroso Mazzarri, partito come sempre in giacca e cravatta, chiede presto alla panchina il giubbotto imbottito

Classifica
JUVENTUS 38 MILAN 37 UDINESE 35 LAZIO 33 INTER 32 NAPOLI 28 ROMA* 27 GENOA 24 CHIEVO 23 CATANIA* 22 *una partita in meno CAGLIARI PARMA FIORENTINA PALERMO ATALANTA (-6) BOLOGNA SIENA CESENA LECCE NOVARA 22 22 21 21 20 19 18 15 12 12

modello Siberia. Due episodi incanalano la partita nei primi dieci minuti e, con una sintesi da Twitter si potrebbe dire: Hamsik sbaglia, Acquafresca no. Al 10 lo slovacco solo davanti a Gillet e ha il tempo di sistemarsi la palla prima di un tiro che pare a botta sicura. Cos non , perch Marek centra in pieno il portiere del Bologna. Poi giocher bene, ma lerrore peser. Cinque minuti dopo, su innocuo traversone di Pulzetti dalla fascia destra, Campagnaro sbaglia completamente lintervento e fa un assist al contrario per Acquafresca. Circostanze simili, risultato diverso: lattaccante del Bologna non si distrae e batte De Sanctis. Il Bologna, gi convinto prima di iniziare della bont di giocare di rimessa facendo massima densit a centrocampo, si trova nella condizione per credere ancora di pi in una gara di contenimento. Il Napoli lo aiuta con i limiti ormai acclarati dei suoi tre difensori centrali quando devono impostare il gioco. Lunico ad avere qualche guizzo Pandev, mentre Cavani come sempre un giocatore a tutto campo ma poco assistito quando dovrebbe fare la punta. Lintervallo utile per la sfuriata di Mazzarri, ma il Napoli alza solo lintensit, non la

di 2 sconfitte e 4 vittorie il bilancio degli italiani nel primo turno dellAustralian Open. Avanzano Cipolla (su Davydenko), la Brianti e la Schiavone, che ora attesa nel derby dalla Oprandi. Subito fuori Flavia Pennetta, foto (6-3, 1-6, 6-2 dalla qualificata russa Bratchikova), zavorrata dai postumi di un infortunio, e Fabio Fognini. Promossi senza problemi sia Roger Federer che Rafa Nadal, con vistosa benda al ginocchio.

FORMULA 1

Kubica torna a casa Stop di 2 settimane


Robert Kubica ha lasciato lospedale dopo loperazione per ridurre la frattura della tibia destra, frutto di una caduta. La gamba quella danneggiata (assieme al braccio destro) nellincidente di un anno fa in un rally. Il recupero lungo resta quello della mano: Kubica dopo il nuovo guaio sospender le terapie per due settimane. MOTO morto, a 37 anni, Mika Ahola, iridato finlandese di enduro: morto per le lesioni in una caduta in allenamento, nonostante il fresco ritiro.

Grinta Un contrasto aereo tra Cavani e Antonsson (Ansa)

Omaggio a Simoncelli
Christian Maggio e Paolo Simoncelli, invitato al San Paolo con mamma Rossella da Aurelio De Laurentiis. Il team Gresini che fu di Marco condivide col Napoli lo sponsor San Carlo (Ansa)

Dopo loperazione per calcoli renali

Maradona stato dimesso Salute buona Domani alleno

DUBAI Diego Armando Maradona stato dimesso dallospedale di Dubai, dove stato operato durgenza per calcoli renali. La mia salute buona, sono pronto per tornare a lavorare, le prime parole del Pibe de Oro che domani torner a guidare gli allenamenti dellAl Wasl. Secondo quanto riferito, domenica Maradona aveva avvertito forti dolori alladdome; di qui la decisione di

ricoverarlo durgenza allOspedale Canadese di Dubai. Lintervento chirurgico terminato senza problemi, come confermato su Twitter dalla figlia Dalma. Subito dopo loperazione, largentino avrebbe insistito per vedere alla tv una partita del campionato locale, disobbedendo ai medici che gli avevano prescritto riposo totale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

qualit della sua manovra. Le rare occasioni nascono pi dalle mischie che dal gioco e il pareggio di Cavani nasce da un rigore molto contestato dal Bologna. Un tiro senza pretese di Inler incoccia sulla mano di Perez, appena dentro larea. Difficile valutarne la volontariet e lo fa lassistente Padovan pi dellarbitro Brighi. Cavani non sbaglia dal dischetto e apre quello che potrebbe essere un quarto dora di fuoco. In realt loccasione pi clamorosa quella che capita a un minuto dalla fine a Di Vaio, smarcato in area da Ramirez. Il vecchio bomber perde lattimo e Zuniga effettua un salvataggio miracoloso. Il Napoli, in quel momento, aveva in campo Cavani, Pandev, Vargas, Lucarelli e Hamsik. La prova della ricerca pi di un miracolo che di un gol.

PALLANUOTO

Europei, lItalia crolla con lUngheria


Brutto esordio per il Settebello della pallanuoto agli Europei di Eindhoven; gli azzurri campioni del mondo in carica hanno perso per 12-8 contro lUngheria, cedendo in particolare nel secondo tempo (0-5 il parziale). Oggi la squadra di Campagna cerca limmediato riscatto alle 20.30 contro la Turchia. GIOCHI GIOVANILI Ai Giochi invernali giovanili di Innsbruck, primo oro dellItalia grazie a Gruber-Kainzawaldner (slittino biposto).

Luca Valdiserri
RIPRODUZIONE RISERVATA

Basket Da favorita a grande imputata del girone dandata appena concluso: la EA7 Emporio Armani si interroga sul male oscuro che la sta bloccando

Milano in crisi di responsabilit, tocca ai giocatori dare la svolta


MILANO Epidemia di assenze. Nessuno da interrogare. Tutti i saggi del basket in ritirata, gentilmente declinano linvito a parlare della crisi, o presunta tale, di Milano. Significa che la questione delicata. E complicata. Il punto? Tre sconfitte consecutive in campionato, contro Teramo, Treviso e Biella. Capita. Ci fosse stato anche Malik Hairston, il risolutore di maggior impatto, magari se ne vincevano due e si era in testa alla pari con Siena. Quindi, quale crisi? Ma cos si sviluppano soltanto gli alibi, non i ragionamenti. La perplessit non sta nei risultati, ma nel modo in cui sono arrivati. Ormai un rituale: Milano prima domina, poi crolla. Limpulso dellassalto e nessuna capacit di resistenza alle prime difficolt. Biella stata il manifesto del paradosso: un parziale inizialmente inflitto di 30-9, uno successivamente subito di 51-19. Legittimo interrogarsi sulle cause, anche perch lo sport, piaccia o meno, fatto di comunicazioni emotive, sintesi brutali, a volte magari anche volgari, che ascrivono al controsenso matematico il fatto che una squadra come Biella, con un monte stipendi (al netto, e compresi i tre allenatori) di 1.780.000 euro, possa battere Milano, che quella cifra la mette nel piatto di uno a scelta tra Bourousis e Fotsis, pi Nicholas. Ma lo sport non arida contabilit. Testa e cuore fanno, o non fanno, tornare i conti. Ecco, allora, il problema mentale e la conseguente tesi ormai ampiamente diffusa e condivisa: la EA7 non ha un giocatore-capo, ma tutti buoni attori non protagonisti. Vero. Non una novit: tali erano anche quando li hanno presi. E, personalmente, tuttora riteniamo che formino unottima squadra, capace di produrre sprazzi di basket eccellente. Il problema sono le rica-

Il crollo verticale
Troppe rimonte Almeno 3 volte nella stagione Milano stata sconfitta dopo aver avuto un vantaggio consistente V 17/11/2011 MILANO-PARTIZAN 65-69 (da +21) V 7/1/2012 TERAMO-MILANO 74-68 (da +12) V 15/1/2012 BIELLA-MILANO 84-76 (da +21) Sconfitte consecutive Lunica vittoria del 2012 per Milano arrivata il 3 gennaio (con Roma per 83-75, dopo essersi fatta rimontare 18 punti), poi 3 k.o. consecutivi V TERAMO-MILANO 74-68 V MILANO-TREVISO 80-81 V BIELLA-MILANO 84-76

Circondato Ioannis Bourousis circondato dalla difesa di Biella: Milano ancora k.o. (Ciamillo Castoria)

dute senza ammortizzatori. Mancanza di personalit, dicono, noi preferiamo parlare di mancanza di responsabilit. Giocatori deresponsabilizzati? Purtroppo lo stile Armani non permette a nessuno di entrare nello spogliatoio ed inchiodare i giocatori al muro. A deresponsabilizzare i giocatori, poi, azzardiamo, concorre anche la teoria sulle aspettative e le pressioni derivate dal particolare microclima di Milano. I tifosi troppo impazienti e la stampa troppo esigente? A Milano non contestano clamorosamente, semplicemente se la squadra non vince la gente non va al palasport. Lindifferenza la forma di contestazione peggiore. Accampare giustificazioni per il difficile ambiente o i lunghi anni di digiuno un alibi gratuito per i giocatori (bravissimi a crearseli da soli), ed talmente controproducente, per lArmani, che lo sostiene anche Ferdinando Minucci, leminenza senese, che di Milano lavversa-

rio numero 1. Nei corsi e ricorsi della storia forse si potrebbe trovare la soluzione. Proprio allOlimpia, nel lontano 1996, le cose andavano male; Boscia Tanjevic, lallenatore, era sulla graticola della critica, quando si verific lepisodio degli autoconvocati di gennaio. I giocato-

Autoconvocazione Nel 1996 la squadra si autoconvoc e pianific la riscossa: alla fine vinse lo scudetto
ri insieme a Bodiroga cera anche Nando Gentile, pap di Alessandro, oggi a sua volta biancorosso decisero di riunirsi allinsaputa della societ, per guardarsi in faccia ed uscire allo scoperto tutti insieme. Alla fine fu scudetto. Lultimo di Milano.

Werther Pedrazzi
RIPRODUZIONE RISERVATA

52
Alberto Gigli Berzolari
Catia, Giulia e Federico piangono la prematura scomparsa dell'amatissimo marito e pap mancata all'affetto dei suoi cari la

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Marchesa

Gianpiero
con te si chiude un periodo unico e irripetibile dell'automobilismo.- Franz Botr. - Milano, 16 gennaio 2012. Partecipa al lutto: Tutta la redazione di Monsieur.

Il 13 gennaio mancata all'affetto dei suoi cari

Flaminio Martino Volta


La camera ardente sar allestita il 17 gennaio 2012 presso l'Istituto Humanitas di Rozzano.- La cerimonia funebre si terr il 19 gennaio 2012 alle ore 11 presso la chiesa di San Babila a Milano. - Milano, 16 gennaio 2012. Antonio con Valentina e Nicoletta si stringe affettuosamente a Catia, Giulia e Federico condividendo l'immenso dolore per la perdita del loro amatissimo

Professore Emerito dell'Universit di Pavia gi Rettore Magnifico.- serenamente mancato e si riunito alla sua amata Tita.- Lo annunciano i figli Enrico con Marika, Alberto, Carlotta e Francesca con Giuseppe e Cristina.- I funerali si svolgeranno mercoled 18 gennaio alle ore 10 partendo dall'abitazione in via Lanfranco, 7 a Pavia per la Basilica di Santa Maria del Carmine.- Seguir la commemorazione nel cortile Volta dell'Universit, indi al cimitero Maggiore di Pavia. - Pavia, 17 gennaio 2012. Partecipano al lutto: La cognata Franca. La consuocera Nella Calsamiglia. La consuocera Liliana Causa. La cara Giulia che lo ha assistito affettuosamente. Clara, con Renato, piange lo zio

Olimpia Pucci della Genga Montani della Fargna


L'annunciano con profonda tristezza i figli Stefano con Maria Assunta, Maurizio con Matilde e i figli Olimpia e Guido Carlo, Paolo con Alessandra e i figli Filippo e Federico.- Un affettuoso grazie, per la continua amorevole assistenza a Crisante Tolentino e un particolare ringraziamento al Professor Piero Lega e alla signora Martha Ganotisi.- Le esequie saranno celebrate il giorno 18 gennaio alle ore 11 nella parrocchia di San Roberto Bellarmino. - Roma, 16 gennaio 2012. Il Presidente Enrico Boglione, l'Amministratore Delegato Carlo Clavarino anche a nome di tutto il Consiglio d'Amministrazione e della Direzione Generale di Aon SpA si stringono con affetto al dottor Paolo Montani Fargna per la scomparsa della madre

Domenica Aschieri ved. Rancati


Ne d il triste annuncio il figlio Dario con Paola ed i nipoti Elena e Alessandro.- I funerali avranno luogo il 17 gennaio alle ore 11 presso la chiesa Santa Maria alla Fontana, in via Thaon di Revel. - Milano, 16 gennaio 2012. Ciao

Gianpiero Moretti
Federica e Paolo Bonaveri sono vicini a Marco e Matteo nel loro dolore. - Montecarlo, 16 gennaio 2012. Con profonda partecipazione al lutto dei famigliari, la Momo commemora la scomparsa di

Nicia
grazie per il bene che mi hai sempre dimostrato.Il tuo ricordo sar un prezioso tesoro che conserver stretto nel cuore con l'affetto profondo e la stima che ho sempre provato per te.- Daniela. - Milano, 16 gennaio 2012. I soci del Rotary Club Abbiategrasso, affranti per l'improvvisa scomparsa del caro amico, socio fondatore e prefetto per lunghi anni, lo ricorderanno sempre come testimone della storia e tradizione del club.- Paul Harris Fellow e Benefattore della Fondazione Rotary

Czanne
Milano, Palazzo Reale 20 ottobre 2011 26 febbraio 2012
Seguici su facebook.com/skiraeditore twitter.com/skiraeditore

Flaminio
- Milano, 16 gennaio 2012. Caro

Gianpiero Moretti
grande pilota di fama internazionale, nostro storico fondatore e imprenditore di successo.- Ci ha lasciato testimonianza di grande passione per la vita e il lavoro, e rester sempre vivo nei nostri ricordi. - Milano, 15 gennaio 2012. Le figlie annunciano che la lunga vita del loro pap

Les ateliers du Midi


luned 14.30-19.30 marted, mercoled, venerd e domenica 9.30-19.30 gioved e sabato 9.30-22.30 la biglietteria chiude unora prima www.mostracezanne.it www.comune.milano.it/palazzoreale infoline 02 92 800 375

Flaminio
ci mancherai tantissimo.- Tuo fratello Paolo, Stefania, Matilde ed Alessandro. - Milano, 16 gennaio 2012. Gli zii Piera e Lorenzo; le cugine Alessandra con Luca, Lorenzo, Pietro, Maddalena; Gianna con Steven, si stringono increduli ai nipoti e cugini Martino Volta nel dolore per la prematura scomparsa di

prof. Alberto Gigli Berzolari


con grande nostalgia. - Napoli, 16 gennaio 2012. Il Professor Fernando Ferroni Presidente dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare partecipa con profondo cordoglio al dolore della famiglia per la scomparsa del

Olimpia Pucci Boncambi della Genga


- Milano, 16 gennaio 2012. L'impresa Mantovani tutta porge le pi sentite condoglianze ai famigliari per l'improvvisa scomparsa dell'

Bruno Licitra
si serenamente conclusa.- Le esequie si terranno nella Basilica di San Lorenzo il 18 gennaio alle 11. - Milano, 16 gennaio 2012. Stefania con Valentina, Tilde e Susanna abbraccia forte Lisa e Anna per la perdita del pap

Piero Lattuada
- Abbiategrasso, 16 gennaio 2012. Marcello e Sissi, Anna e Vittorio, Maurizio e Armanda si stringono con affetto a Silvia, Paolo e Nicoletta ed alle loro famiglie per l'improvvisa perdita del loro amato pap.

Prof. Alberto Gigli Berzolari


A lui si associano i Professori Giorgio Salvini, Antonino Zichichi, Luciano Maiani, Enzo Iarocci e Roberto Petronzio, che negli anni hanno presieduto l'istituto al quale Alberto Gigli Berzolari in qualit di Presidente ha dedicato grande energia come fisico sperimentale, pioniere della ricerca nucleare e promotore dell'attivit scientifica in Italia.- Consiglio Direttivo, Giunta Esecutiva e personale tutto dell'INFN si associano alla famiglia nel ricordo. - Roma, 16 gennaio 2012. L'Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere prende viva parte al dolore dei famigliari per la scomparsa del membro effettivo

Ing. Giovanni La Fiura


- Milano, 17 gennaio 2012. Il Vicepresidente ingegnere Piergiorgio Baita, il Consiglio di Amministrazione, il Collegio Sindacale, i dipendenti e i collaboratori tutti della Veneta Sanitaria Finanza di Progetto S.p.A. sono vicini alla famiglia per l'improvvisa scomparsa dell'

Flaminio
- Milano, 16 gennaio 2012. Addolorati per la perdita del caro

Avv. Bruno Licitra


- Milano, 16 gennaio 2012. Abbracciamo Lisa in questo momento di dolore per la scomparsa del pap

dott. Antonio Fonio


- Novara, 16 gennaio 2012. 2009 - 2012

Flaminio Martino
partecipiamo con affetto al dolore di Luigi e di tutta la famiglia.- Famiglia Massa. - Milano, 16 gennaio 2012. Alessandro Lourdes Gabriella Roberto prendono viva parte al dolore dell'amico Antonio e della sua famiglia per la scomparsa del fratello

ing. Giovanni La Fiura


Presidente della societ di cui ricordano le straordinarie qualit umane e professionali. - Mestre, 16 gennaio 2012. I colleghi della Di Penta e dell'Italstrade partecipano commossi al dolore della famiglia per l'improvvisa scomparsa dell'

Avv. Bruno Licitra


I colleghi, gli infermieri e le segretarie della Struttura Testa e Collo dell'Istituto Nazionale dei Tumori. - Milano, 15 gennaio 2012. Domenica 15 gennaio venuto a mancare il

Adone Bonuglia
Il tuo sguardo pieno d'amore mi accompagna sempre.- Renata. - Milano, 17 gennaio 2012. 17 gennaio 2009 - 17 gennaio 2012

prof. Alberto Gigli Berzolari


e ne ricorda con riconoscenza le alti doti scientifiche e umane. - Milano, 16 gennaio 2012. Il Dipartimento di Fisica "Alessandro Volta" dell'Universit di Pavia ricorda con stima e rispetto il

Flaminio Martino
- Milano, 16 gennaio 2012. Francesco, Claudia, Tommaso e Pietro si stringono a Catia, Giulia e Federico nel ricordo del caro

Adone Bonuglia
Caro pap, sono passati tre anni da quando hai chiuso gli occhi per sempre, ma rimani vivo nei miei ricordi ogni giorno della mia vita.- Il tuo Antonello. - Monza, 17 gennaio 2012. 17 gennaio 2005 - 17 gennaio 2012

Ing. Giovanni La Fiura


indimenticabile esempio di umanit e grande professionalit. - Roma - Milano, 16 gennaio 2012. L'Istituto Auxologico Italiano esprime il proprio cordoglio e la vicinanza alla famiglia per la scomparsa del

Commendatore

Ennio Ferlito
I funerali avranno luogo marted 17 gennaio alle ore 11 presso la chiesa di Santa Maria della Guardia in piazza della Guardia - Catania.- Ne danno il triste annuncio i figli Giuseppe, Massimo, Dario e Giovanni. - Catania, 16 gennaio 2012. Stefano Belingheri, Mina Graviani, Ivania Carassai, Claudio Borroni, Alessandro Romiti si uniscono al dolore di Giuseppe e famiglia per la scomparsa del caro

Flaminio
- Milano, 16 gennaio 2012. Carissimo Federico, ti siamo vicini con tutti i nostri pensieri nell'immenso dolore per la perdita del tuo pap

prof. Alberto Gigli Berzolari


fisico insigne, esempio di dedizione alla scienza e all'universit.- Si unisce al dolore dei familiari per la scomparsa. - Pavia, 16 gennaio 2012. Il Rettore dell'Universit di Pavia Angiolino Stella insieme a tutta la Comunit Accademica partecipa con profondo cordoglio al lutto per la scomparsa del

prof. Giovanni Faglia


per molti anni prezioso collaboratore dell'istituto come Direttore del Laboratorio Sperimentale di Ricerche Endocrinologiche. - Milano, 16 gennaio 2012. Gli amici del Dipartimento di Farmacologia dell'Universit degli Studi di Milano partecipano commossi al grave lutto per la scomparsa del Professore Emerito

Sig.ra Beatrice Baricelli Spalinger


Mamma, la tua stella rifulge pi viva che mai.Con infinito rimpianto, immensa gratitudine, profondo amore.- Tua D. - Milano, 17 gennaio 2012. 17 gennaio 2011 - 17 gennaio 2012 A un anno dalla scomparsa dell'amatissimo marito, pap e nonno

Flaminio
Ti resteremo accanto.- I tuoi compagni della III C dell'Istituto Zaccaria. - Milano, 16 gennaio 2012. Marcella e Valerio vicini a Catia, Giulia e Federico ricordano

Prof. Alberto Gigli Berzolari


illustre fisico e professore emerito di Fisica generale e ne ricorda con riconoscenza la passione e l'impegno in ambito scientifico e accademico in favore dell'Universit di Pavia, della quale stato Magnifico Rettore, illustre ricercatore e apprezzato docente. - Pavia, 16 gennaio 2012. Il Preside e tutti i colleghi del Consiglio della Facolt di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell'Universit di Pavia con profondo dolore partecipano al lutto dei familiari per la scomparsa del

Ennio Ferlito
- Milano, 16 gennaio 2012. Il Presidente, l'Amministratore Delegato, i dirigenti e i collaboratori tutti di Egea, esprimono il pi profondo cordoglio per la prematura scomparsa di

Tanino Scelba
la moglie Tina e tutti i suoi cari ne ricordano affetto, virt ed esempio. - Roma, 17 gennaio 2012. Nel decimo anniversario della scomparsa di

Flaminio Martino Volta


padre, uomo e pilota eccezionale. - Roma, 16 gennaio 2012. Ciao

Giovanni Faglia
pioniere dell'Endocrinologia in Italia. - Milano, 16 gennaio 2012. Partecipano al lutto: Paolo Mantegazza. Lucia Vicentini. Angelo Nicolin. Maria Grazia Cattaneo. Francesca Guidobono Cavalchini. Il giorno 16 gennaio venuta a mancare

Paolo Dess
- Milano, 16 gennaio 2012. I condomini di via Monte Rosa, 14 - Milano partecipano commossi al grave lutto che ha colpito la famiglia per la prematura scomparsa del

Pietro Antoniazzi
sempre nel mio cuore il ricordo dei nostri giorni felici.- Veronica. - Malindi - Milano, 17 gennaio 2012. 17 gennaio 1999 - 17 gennaio 2012 A tredici anni dalla sua scomparsa la famiglia ricorda con immutato affetto e infinito rimpianto

Flaminio
sei stato per noi l'amico pi caro e non ti dimenticheremo mai.- Franco, Maurizio e Rosanna Cassol, insieme alle famiglie, si stringono con tanto affetto al dolore di Catia, Federico e Giulia. - Milano, 16 gennaio 2012. Cara Titti siamo addolorati per l'improvvisa e precoce scomparsa di tuo fratello

Prof. Alberto Gigli Berzolari


Professore Emerito di Fisica Generale, gi Rettore dell'Universit degli Studi di Pavia e Preside di questa Facolt. - Pavia, 16 gennaio 2012.

sig. Paolo Dess


- Milano, 16 gennaio 2012. Raffaele con la famiglia Pezzella e papa si associa al dolore che ha colpito la famiglia per la perdita del caro

Ginetta Sacchetti Peruzzi


ne danno la triste notizia i figli Elisabetta e Stefano, il genero Paolo, la nuora Cecilia, i nipoti Simona, Matteo, Giulio, Sara, Edoardo, e vogliono ricordarla per il suo impegno per la vita, l'amore dedicato alla famiglia con questo suo pensiero: "Non piangete la mia assenza, sentitemi vicino e parlatene ancora, io vi amer dal cielo come vi ho amato sulla terra".- Le esequie avranno luogo oggi alla ore 11,30 presso la chiesa della Pentecoste, viale delle Arti Bagno a Ripoli (Fi). - Firenze, 17 gennaio 2012. Ci uniamo al dolore di Franco, Laura e famiglia per la scomparsa del caro

Flaminio Martino Volta


Vi siamo tutti vicini con grande tenerezza.- Achille e Diana Mauri, Santiago e Berengere Mauri, Sebastiano Mauri, Giovanna Mauri, Stefano e Cristina Mauri, Lorenzo e Francesca Mauri, Alberto Ottieri, Maria Pace Ottieri, Cecilia e Enzo Monteleone, Umberto a Martina Zanuso, Alessandra e Stefano Guadagni, Antonio e Paola Zanuso. - Milano, 16 gennaio 2012. Il giorno 16 gennaio mancata all'affetto dei suoi cari

"Signore concedigli in beatitudine quanto lui ha dato a noi in bont e amore". mancato all'affetto dei suoi cari

Enzo Boschi
- Milano, 16 gennaio 2012. Franchino e Gianfranco si uniscono al dolore di Melania per la grave perdita del pap

Mario Dalle Molle


- Milano, 17 gennaio 2012. 17 gennaio 1994 - 17 gennaio 2012 Con infinito amore e tanta tenerezza

Padre Tarcisio Agostoni


di 91 anni.- Ne danno il triste annuncio i nipoti, i pronipoti, i parenti tutti.- I funerali si svolgeranno in Cabiate mercoled 18 gennaio alle ore 15 nella chiesa parrocchiale, preceduti alle ore 14,40 dalla recita del Santo Rosario.- La cara salma visibile presso l'abitazione di via Guzman, 9 in Cabiate.- La recita del Santo Rosario si terr marted 17 alle ore 20.30.- Si ringraziano anticipatamente quanti interverranno alla cerimonia. - Cabiate, 17 gennaio 2012. Noi tutti di IGQ siamo affettuosamente vicini al Direttore Dario Agalbato e a tutta la sua famiglia nel doloroso momento della scomparsa di suo padre

missionario comboniano

Enzo Boschi
- Milano, 16 gennaio 2012.

Maurizio Pennacchi
vive nel ricordo di Valeria, Luca Erik e Beatrice, Sofia Astrid. - Milano, 17 gennaio 2012.

Stefano Andresini
Vito, Mariangela e famiglia. - Arcore, 16 gennaio 2012. In ricordo del caro amico

RCS MediaGroup S.p.A. - Via Rizzoli, 8 - 20132 Milano

Silvia Pizzi ved. Colombini


di anni 81.- Ne danno il doloroso annuncio il figlio Niccol, la nuora Gabriella ed i nipoti Michela e Ferdinando.- I funerali avranno luogo domani, mercoled 18 gennaio alle ore 11 nella chiesa di S. Teresa di Rosignano Solvay (Livorno).- Si ringraziano fin d'ora quanti vorranno intervenire. - Modena, 17 gennaio 2012.

SERVIZIO ACQUISIZIONE NECROLOGIE


E-mail: acquisizione.necrologie@rcs.it Fax 02 25846003 oppure 02 25846033 Telefono: 02 50984519
Cultura, Expo, Moda, Design

Stefano Andresini
siamo vicini a Franco, Laura e famiglia.- Rosa Giovanni Fortunato. - Sammichele (Bari), 16 gennaio 2012.

In collaborazione con

Francesco Agalbato
- Milano, 16 gennaio 2012.

Con il sostegno di

Codice cliente:

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

53

Il Tempo
OGGI
LE PREVISIONI
Trento Trieste Aosta Milano Torino Bologna Genova Firenze Ancona Venezia

Ogni giorno le PREVISIONI della tua citt sempre con te Digita: mobile.corriere.it nel browser del telefonino
Il servizio gratuito salvo i costi di connessione internet previsti dal piano tariffario del proprio operatore Maggiori informazioni su www.corriere.it/mobile

IL SOLE

Bari
Sorge alle Tramonta alle
7:15 16:49

Palermo Bologna Firenze


7:21 17:11 7:47 17:01 7:45 17:03

Torino
8:03 17:14

Napoli
7:24 17:00

Roma
7:35 17:04

Milano
7:59 17:06

Genova
7:56 17:11

Venezia
7:46 16:54

LA LUNA

Nuova
23 gen.

Primo quarto
31 gen.

Piena
7 feb.

Ultimo quarto
14 feb.

DOMANI

GIOVED

VENERD

SABATO

Perugia

LAquila ROMA

Fino a mercoled sul nostro Paese il cielo risulter prevalentemente sereno o poco nuvoloso, ad eccezione di locale variabilit e delle caratteristiche nebbie in Pianura Padana. Da gioved le correnti tenderanno ad orientarsi e rinforzarsi dai quadranti occidentali e porteranno aria umida su tutte le regioni, con conseguente graduale aumento della nuvolosit e della probabilit di precipitazioni dapprima al Nord e quindi sempre pi verso Sud.
Campobasso Bari

IN EUROPA
Un'ampia area anticiclonica sta interessando gran parte del continente europeo ad eccezione delle zone pi settentrionali, esposte all'azione della bassa pressione di origine polare. Nei prossimi giorni sull'Italia l'aria fredda in estensione dai quadranti orientali gradualmente si ritirer e da met settimana arriveranno impulsi atlantici associati all'avvicinamento della depressione da Nord.
MARE

H
Alta Pressione

Napoli

Potenza

-3
Helsinki Oslo Stoccolma

L
Bassa Pressione

-1 4

0
Kiev

Edimburgo

Copenaghen

9
Dublino

4 4 4

-2
Praga

Berlino

Catanzaro Cagliari

Amsterdam

3 Varsavia -4
Fronte Caldo

1
Londra
Parigi

2
Milano

LE TEMPERATURE DI OGGI
6 5 4 4 5 4
Aosta Torino Milano Trento Venezia Trieste

Vienna 1 Belgrado

7 5 6 5 7 4

Genova Bologna Firenze Perugia Ancona LAquila

7 2 7 7 1 7

Roma Campobasso Napoli Bari Potenza Cata

11 R. Calabria 9 Catania 11 11 11 12
Palermo Alghero Cagliari Olbi

Palermo

1
Tirana

1
Bucarest

Ankara

4
Roma Barcellona Madrid Lisbona

3
Atene

Fronte Freddo

11 9
Algeri

7
Tunisi

a cura di
VENTO

15

7 12
Fronte Occluso

16

Sole

Nuvolo

Coperto

Pioggia

Rovesci Temporali

Neve

Nebbia

Debole

Moderato

Forte

Molto forte

Calmo

Mosso

Agitato

LE TEMPERATURE DI IERI IN ITALIA


min
Ancona Aosta Bari Bologna Bolzano Brescia Cagliari S = Sereno

ASIA AUSTRALIA
2
max min
V P N N S S S

NORD AMERICA
4
Seul Tokyo

SUD AMERICA
Bogot Caracas

AFRICA
Casablanca

max

min
N S N B S B N

max

min
V N P B S N N

max

min
B N N N N R B

max

Pechino
N S S S S S B

1 -5 -3 -2 -5 -4 8

6 3 7 4 1 4 11

Campobasso Catania Crotone Cuneo Firenze Genova Imperia N = Nuvoloso

-4 7 5 -2 -6 3 5

1 10 9 3 6 6 9

LAquila Lecce Messina Milano Napoli Olbia Palermo

-5 1 7 -4 0 8 10

2 7 9 2 8 10 11

Parma Perugia Pescara Pisa Potenza R. Calabria Rimini

-4 -3 -3 -3 -6 8 0

2 5 5 8 1 9 2

Roma Torino Trento Trieste Udine Venezia Verona

21
Lima

24

15

Il Cairo

-1 -8 -7 2 -5 -3 -6

9 4 2 3 3 6 4

18 31 27 32
Rio de Janeiro Lagos Luanda Nairobi

Delhi Shanghai

5 9

0
Vancouver 3 Chicago San Francisco Los Angeles

22
Santiago

Bangkok

32

Giacarta

30 24 Sydney

9 18

Buenos Aires

25 28

New York

13

28

P = Pioggia

T = Temporale

C = Coperto

V = Neve

R = Rovesci

B = Nebbia

Citt del Messico

29 Citt del Capo

Sudoku Diabolico
5 4 2 8 1 4 2 2 7 5 9 6 5
Altri giochi su www.corriere.it

1 7 9 8 4 5 6 3 6 8 7 9 3

Come si gioca Bisogna riempire la griglia in modo che ogni riga, colonna e riquadro contengano una sola volta i numeri da 1 a 9
LA SOLUZIONE DI IERI
8 5 6 9 1 7 3 2 4 7 3 4 8 5 2 1 9 6 2 1 9 4 6 3 7 8 5 1 9 7 5 3 4 8 6 2 5 6 2 1 7 8 9 4 3 3 4 8 2 9 6 5 7 1 6 7 1 3 4 9 2 5 8 9 8 5 6 2 1 4 3 7 4 2 3 7 8 5 6 1 9

In edicola col Corriere LItalia vista da Giannelli Terzo volume


In edicola con il Corriere il terzo volume della collana La storia sono loro, trentanni di vita italiana raccontati da Emilio Giannelli: I tempi del CAF (1986-1990).

Oggi su www.corriere.it
I pi letti
Scienza

Luna oscura
La mappa dei crateri polari dove il Sole non arriva mai.
Tre minuti

Multimedia

La tragedia del Giglio


Foto, video e aggiornamenti in tempo reale dallisola dove si consumato il naufragio della Costa Concordia. La diretta video con il racconto di Marco Gasperetti del Corriere.

a 4,90 euro pi il prezzo del quotidiano

tua isola. 1 Guarda laun gioco Strage per famiglia 2 Berlusconi edella nipote al funerale 3 Tragedia all'Isolavideo del Giglio: foto e 4 Dodici dispersi vittime. tedeschi: sei le 5 Alle 21.08: Tra poco passer vicina vicina...

Stato di polizia
Da Grillo a Berlusconi, ecco chi usa questa parola. La videorubrica di Beppe Severgnini.
Moda e sport

5 Puzzles by Pappocom

Lindsey delle nevi


Il backstage della copertina con la sciatrice.

Questi avvisi si ricevono tutti i giorni 24 ore su 24 allindirizzo internet:

www.piccoliannunci.rcs.it

oppure tutti i giorni feriali a: MILANO : tel.02/6282.7555 02/6282.7422, fax 02/6552.436. BOLOGNA : tel. 051/42.01.711, fax 051/42.01.028. FIRENZE : tel. 055/55.23.41, fax 055/55.23.42.34. BARI : tel. 080/57.60.111, fax 080/57.60.126. NAPOLI : tel. 081/497.7711, fax 081/497.7712. Si precisa che tutte le inserzioni relative a ricerche di personale debbono intendersi riferite a personale sia maschile sia femminile, essendo vietata ai sensi dell art. 1 della legge 9/12/77 n.903, qualsiasi discriminazione fondata sul sesso per quanto riguarda laccesso al lavoro, indipendentemente dalle modalit di assunzione e quale che sia il settore o ramo di attivit. Linserzionista impegnato ad osservare tale legge.

IMPIEGATO commerciale estero, esperienza ventennale, inglese, spagnolo, francese, portoghese. Liste mobilit. 340.28.52.094. INGLESE parlato/scritto, buon francese, tedesco scolastico, pluriennale esperienza ufficio, contabilit, vendite, pacchetto office, AS400. 347.03.31.479. RAGIONIERA 57enne in mobilit pluriennale esperienza contabilit generale. Disponibilit immediata. 340.39.66.713. RESPONSABILE amministrativo finanziario. Esperienza maturata aziende multisettore. Amministrazione, finanza, controllo, personale, estero. Riorganizzazione rilancio aziendale. 347.63.67.628. SEGRETARIA , inglese, francese, Pc, email, primanota, esperienza commerciale, legale, estero. 02.50.17.05 348.09.40.231.

IMMOBILI RESIDENZIALI COMPRAVENDITA

6
OFFERTA

IMMOBILI RESIDENZIALI AFFITTI


6.1

NIZZA Novit! Appartamenti nuovi, 50 mt zona pedonale. Prezzi lancio da euro 169.000 italgestgroup.com 0184.44.90.72. PUNTA ALA Castiglione d. P. 159.000 euro splendide suite sul mare pronte nuove nel 2012 investimento assicurato propriet certa uso gratuito reddito garantito 4% annuo a chi prenota entro gennaio in regalo l'arredamento telefona per vedere 035.47.20.050.

GIOIELLI ORO ARGENTO

18.2

10

VACANZE E TURISMO
10.1

ALBERGHI-STAZ. CLIMATICHE

Solferino Immobiliare ELEGANTE PRESTIGIOSA E CHIC la vostra casa come voi.


www.solferinoimmobiliare.it Milano, via Solferino 25.

ADIACENZE Sant'Ambrogio attico, edificio fine '800, proponiamo elegante trilocale 122 mq. biservizi, terrazzo. Rifinito parzialmente arredato. Aria condizionata, idromassaggio. CE: G - IPE: 181,79 kWh/mq. 02.88.08.31 - www.filcasaservice.it affittasi abitazione ultimo piano mansardato parzialmente arredata mq. 90. CE: G - IPE: 226,60 kWh/ mqa.Cogeram 02.76.00.84.84. CROCEFISSO via moderno edificio ristrutturato. Prestigiosi monolocale (CE: G IPE: 323,9 kWh/mq) bilocale (CE: G - IPE: 313,3 kWh/mq) recente realizzazione, arredati. Finiture di pregio, parquet, riscaldamento/condizionamento autonomi. Posti auto. 02.88.08.31 - www.filcasaservice.it affittasi nuova prestigiosa abitazione mq. 380 due livelli terrazzi. CE: G - IPE: 355,18 kWh/mqa.Cogeram 02.76.00.84.84.

8
OFFERTA

CASTELLO

IMMOBILI COMMERCIALI E INDUSTRIALI


8.1

SETTIMANA BENESSERE : dal 9 gennaio al 19 marzo pensione completa bevande incluse, piscina coperta termoriscaldata, idromassaggio, 1 lezione acquagym, animazione, in doppia standard: 7 notti a partire da 350,00 a persona . Riduzioni bambini 3 - 4 letto. 019.60.17.26 www.riohotel.it Finale Ligure.

PUNTO D'ORO compriamo contanti, supervalutazione gioielli antichi, moderni, orologi, oro, diamanti. Sabotino 14 - Milano. 02.58.30.40.26.

19
AUTOVETTURE

AUTOVEICOLI
19.2

12

AZIENDE CESSIONI E RILIEVI

VENDITA MILANO CITTA'

5.1

VENDITORI E PROMOTORI

1.3

RESPONSABILE vendite centro sud - ventennale esperienza di primo piano in orologeria e gioielleria haute de gamme - grande professionalit motivazione ed esperienza - valuta interessanti proposte. 366.19.32.733.

MM ZARA nuova costruzione splendido attico 3 locali, riservati terrazzi. CE: F IPE: 156,52 kWh/mq. 02.88.08.31. MORGANTINI nuovissimo bilocale con ampio terrazzo vivibile, classe B. 235.000 euro. 035.75.11.11. MURAT bilocali 72 mq con terrazzi, box. Pronta consegna. 02.69.90.15.65 http://murat.filcasa.it CE: C - IPE: 85,6 kWh/mq. NELLA cornice di corso Sempione, nuova costruzione, attico 112 mq. terrazzo. Alti standard energetici, costruttivi. Disponibilit box. 02.34.93.16.65 - www.filcasaservice.it - Valore di progetto. CE: B IPE: 50,2 kWh/mq. PORTA LODOVICA adiacenze universit nuovo loft abitazione 102 mq. ampia zona giorno con soppalco. Mai abitato. CE: D - IPE: 109,71 kWh/mq. 02.88.08.31. VIA FILZI undicesimo piano, panoramico trilocale con tripla esposizione e balconi. Splendida vista. 02.88.08.31. CE: F - IPE: 54,17 kWh/mc. 220.000,00 vendesi appartamento mq. 90, recente, CE "E" - IPE 145 kWh/mq per anno, medio-signorile, 02.33.14.141 agente immobiliare.

affittansi uffici completamente ristrutturati mq. 150 - 180 - 280. CE: E - IPE: 52,20 kWh/mca.Cogeram 02.76.00.84.84. MACIACHINI adiacenze vendiamo laboratorio con permanenza di persone 50 mq. bagno. 60.000,00 euro. CE: G - IPE: 83,23 kWh/mc. 02.88.08.31. NELLA storica villa Mirabello (zona viale Zara) disponiamo di uffici/show-room in locazione da 100 mq. (CE: G - IPE: 243,39 kWh/mc) a 250 mq. (CE: G - IPE: 239,84 kWh/mc) eventualmente unibili. 02.88.08.31. PIAZZA MEDAGLIE D'ORO vendiamo laboratorio open space 285 mq. Ideale studio/show room. Possibilit carico/scarico. CE: F - IPE: 59,03 kWh/mc. 02.88.08.31. PIAZZALE LODI adiacenza (via Tito Livio) vendiamo/affittiamo comodo box doppio. 02.88.08.31. Immobile privo di riscaldamento non soggetto all'obbligo di certificazione energetica. SARPI luminoso caratteristico loft plurilivello adatto show-room, posto auto. 02.34.93.07.53 - http://sarpi.filcasaservice.it - Valore di progetto. CE: B - IPE: 36,8 kWh/mc.

LARGA / FONTANA

OPERAI

1.4

1
IMPIEGATI

OFFERTE DI COLLABORAZIONE
1.1

ESPERIENZA ventennale offresi. Uso pala, scavatore, ruspa, betoniera. Patente C - D. 328.32.80.656.

TRIBUNALE

ASILO nido cedesi Milano ampio giardino, bella, luminosa localizzazione. Informazioni: nidomilano@yahoo.it ATTIVIT da cedere / acquistare artigianali, industriali, turistico alberghiere, commerciali, bar, aziende agricole, immobili. Ricerca soci. Business Services 02.29.51.80.14. AZIENDA auto in Milano zona Certosa cede ramo d'azienda, capannone 200 mq coperto. Ottima soluzione per operatori del settore. Trattativa riservata. 339.77.49.440.

CQUISTANSI automobili e fuoristrada, qualsiasi cilindrata, pagamento contanti. Autogiolli, Milano. 02.89.50.41.33 - 02.89.51.11.14.

21

PALESTRE SAUNE MASSAGGI

A AABAA Naturalmente relax. Fantastici massaggi rilassanti. www.tantrabodymassage.it 02.29.40.17.01 366.33.93.110. ABBANDONATI ai massaggi ayurvedici. Euro 40. Info 02.91.43.76.86 - www.body-spring.it ABBATTI lo stress con massaggi rilassanti. Da luned a sabato. 02.54.10.21.68.

COLLABORATORI FAMILIARI

1.6

COMMERCIALE esperienza pluriennale vendite, gestione agenti, clienti. Autonoma, bella presenza disponibile anche per assunzione di breve periodo. Offresi part-time 338.37.62.119. CONTABILE esperta inglese francese anche part-time Milano est. 366.31.61.695. GEOMETRA site manager, trentennale referenziata conduzione cantieri mediograndi offresi Italia-estero. 339.88.01.433. IMPIEGATA pluriennale esperienza ufficio vendite, ordini clienti/fornitori, fatture, DDT, lingue, buon utilizzo pacchetto office, offresi in Milano e dintorni. 339.32.32.805. IMPIEGATA trentenne, per lavoro d'ufficio, fatturazione, segreteria, data entry, ottimo pc, inglese. 338.79.84.916. IMPIEGATA 36enne pratica in inserimento Co.GE, prima nota e liquidazione Iva cerca part-time. 333.73.42.142.

COLLABORATORE domestico srilankese referenziato . Esperienza giardiniere, aiuto cuoco, cameriere, pulizie condominio. Tel. 389.01.60.955. DOMESTICA srilankese 40enne con esperienza referenziata offresi. Disponibilit immediata. Tel. 328.78.73.577.

18

RICHIESTA

6.2

VENDITE ACQUISTI E SCAMBI

PRESTAZIONI TEMPORANEE

1.7

EX BANCARIO pensionato, ragioniere, buon inglese esamina proposte per collaborazione amministrativa. 333.39.43.548. SCRITTORE offresi esclusivamente a privati nell'elaborazione di monografie, biografie, trilogie. 345.29.26.595.

BANCHE multinazionali necessitano di appartamenti o uffici. Milano e provincia 02.29.52.99.43. COPPIA impiegati banca referenziati cerca bilocale / trilocale in Milano zona servita. 02.67.47.96.25.

IMMOBILI TURISTICI
7.1

COMPRAVENDITA

...Quotazioni ORO USATO: euro 26,75 / grammo ORO PURO: euro 38,15 / grammo ARGENTO USATO: euro 380,00 / kg ARGENTO PURO: euro 530,00 / kg MM DUOMO - MISSORIUnione 6 Gioielleria Curtini, via
02.72.02.27.36. - 335.64.82.765.

ACCOGLIENTE centro italiano elegante, massaggi olistici, rilassanti. Totale benessere. Zona Piola. 02.26.67.899. MANZONI centro benessere, massaggi rilassanti ayurvedici, personale qualificato. Ambiente classe. Promozioni. 02.39.68.00.71. VIVI momenti di relax. Esclusivo centro massaggi olistici. 02.55.18.64.14. www.centrobenessererhamay.it

2
IMPIEGATI

RICERCHE DI COLLABORATORI
2.1

SEMAN & ASSOCIATI seleziona impiegata amministrativa. Richiesta formazione adeguata. 02.33.40.53.06. SOCIET assume max 29enne per lavori amministrativi. Inviare curriculum ep.realtor.srl@gmail.com

ACQUISTI

5.4

SOCIET d'investimento internazionale acquista direttamente appartamenti e stabili in Milano. 02.46.27.03.

ALGHERO Sardegna 99.000 euro (prima costava 129.000 euro pazzesco) nuovo pronto fra poco anche rate senza anticipo 420 mensili oppure villetta 2 piani box solo 169.000 euro (ne restano 2). Tel. per vedere 035.47.20.050. APPARTAMENTI in costruzione a Santa Cristina in Val Gardena - condominio "Villa Gran Tubl". Info e vendita : Dalle Nogare Costruzioni SpA - Via Orazio 49, Bolzano - info@dallenogare.bz - Tel. 0471.28.42.60 - www.dallenogare.bz

TERRENI

ACQUISTIAMO ORO Argento, Monete, Diamanti.


pagamento SUPERVALUTAZIONE, Curtini, via contanti. Gioielleria Unione 6. - 02.72.02.27.36 335.64.82.765.

24

CLUBS E ASSOCIAZIONI

PIACENZA vicino alla citt, azienda agricola 33 ettari con rustici, ex monastero, casa padronale con parco secolare. Calegari 0523.38.42.90.

A MILANO accompagnatrici, distinta agenzia presenta eleganti, affascinanti modelle ed interessanti hostess. 335.17.63.121.

54

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Tv in chiaro
Teleraccomando
di Maria Volpe
PER CONOSCERE PER DISTRARSI

Rai1
rai.it 6.45 UNOMATTINA. Attualit 7.35 TG PARLAMENTO. Attualit 10.55 CHE TEMPO FA. 11.00 TG 1. 11.05 OCCHIO ALLA SPESA. Attualit. Con Alessandro Di Pietro 12.00 LA PROVA DEL CUOCO. Variet. Con Antonella Clerici 13.30 TELEGIORNALE. 14.00 TG 1 ECONOMIA. Attualit TG1 FOCUS. Attualit 14.10 VERDETTO FINALE. Attualit. Con Tiberio Timperi 15.15 LA VITA IN DIRETTA. Attualit. Con Marco Liorni, Mara Venier. Nel programma: Tg Parlamento; Tg 1; Che tempo fa 18.50 LEREDIT. Quiz. Con Carlo Conti SERA 20.00 TELEGIORNALE. 20.30 QUI RADIO LONDRA. Attualit 20.35 SOLITI IGNOTI. Variet 21.10 ANITA GARIBALDI. Miniserie. Con Valeria Solarino, Giorgio Pasotti, Ana Padro TG1 60 SECONDI. 23.20 PORTA A PORTA. Attualit 0.55 TG 1 - NOTTE. TG1 FOCUS. Attualit 1.25 CHE TEMPO FA

Rai2
rai.it 6.30 CARTOON FLAKES. Ragazzi 10.00 TG2PUNTO.IT. Attualit 11.00 I FATTI VOSTRI. Attualit 13.00 TG 2 GIORNO. 13.30 TG 2 COSTUME E SOCIET. Attualit 13.50 MEDICINA 33. Rubrica 14.00 LITALIA SUL DUE. Attualit 16.15 GHOST WHISPERER. Telefilm 17.00 DESPERATE HOUSEWIVES. Telefilm. Con Teri Hatcher 17.45 TG 2 FLASH L.I.S. METEO 2. 17.50 RAI TG SPORT. 18.15 TG 2. 18.45 NUMB3RS. Telefilm. Con Rob Morrow, David Krumholtz 19.30 SQUADRA SPECIALE COBRA 11. Telefilm 20.25 ESTRAZIONI DEL LOTTO. Variet 20.30 TG 2 20.30. 21.05 CRIMINAL MINDS Tf. 23.20 TG 2. TG 2 PUNTO DI VISTA. Attualit 23.35 RAI 150 ANNI. LA STORIA SIAMO NOI. Attualit 0.35 ER - MEDICI IN PRIMA LINEA Telefilm 1.15 TG PARLAMENTO Attualit 1.25 METEO 2

Rai3
rai.it 8.00 AGOR. Attualit 10.00 RAI 150 ANNI. LA STORIA SIAMO NOI. Attualit 11.00 APPRESCINDERE. Talk show 12.00 TG 3. RAI SPORT NOTIZIE. 12.25 TG 3 FUORI TG. Attualit 12.45 LE STORIE - DIARIO ITALIANO. Attualit 13.10 LA STRADA PER LA FELICIT. Telefilm 14.00 TG REGIONE. 14.20 TG 3. 14.50 TGR LEONARDO. Attualit 15.05 LASSIE. Telefilm 15.55 COSE DELLALTRO GEO. Variet 17.40 GEO & GEO. Documenti. Nel programma: Meteo 3 19.00 TG 3. 19.30 TG REGIONE. TG REGIONE METEO. 20.00 BLOB. Attualit 20.15 PER RIDERE INSIEME CON STANLIO E OLLIO. Comiche 20.35 UN POSTO AL SOLE. Soap 21.05 BALLAR. Attualit. Con Giovanni Floris 23.15 GLOB SPREAD. Variet 24.00 TG3 LINEA NOTTE. Nel programma: TG Regione 1.05 GAP. Attualit 1.35 PRIMA DELLA PRIMA. Musica

Rete4
mediaset.it/rete4 9.40 RIS - ROMA DELITTI IMPERFETTI. Telefilm 10.50 BENESSERE - IL RITRATTO DELLA SALUTE. Attualit 11.30 TG 4 TELEGIORNALE 12.00 DETECTIVE IN CORSIA. Telefilm 13.00 LA SIGNORA IN GIALLO. Telefilm 13.50 IL TRIBUNALE DI FORUM ANTEPRIMA. Att. 14.05 IL TRIBUNALE DI FORUM. Attualit 15.10 HAMBURG DISTRETTO 21. Tf. 16.15 SENTIERI. Soap 16.30 FILM RULLO DI TAMBURI. (Western, Usa, 1954). Regia di Delmer Daves. Con Charles Bronson 18.55 TG 4 TELEGIORNALE 19.35 TEMPESTA DAMORE. Soap Opera 20.30 WALKER TEXAS RANGER. Telefilm. Con Chuck Norris 21.10 LIE TO ME. Telefilm. Con Tim Roth, Kelli Williams, Brendan Hines 23.05 I BELLISSIMI DI RETE 4. Attualit 23.10 FILM CONTACT. (Fantascienza, Usa, 1997). Regia di Robert Zemeckis. Con Jodie Foster 2.00 TG 4 NIGHT NEWS

Canale5
mediaset.it/canale5 8.00 TG 5 MATTINA. 8.40 LA TELEFONATA DI BELPIETRO. Attualit 8.50 MATTINO CINQUE. Variet. Con Federica Panicucci, Paolo Del Debbio. Nel programma: Grande Fratello; Tg 5 Ore 10 11.00 FORUM. Attualit 13.00 TG 5 13.40 BEAUTIFUL. Soap Opera 14.10 CENTOVETRINE. Soap 14.45 UOMINI E DONNE. Talk show 16.15 AMICI. Reality 16.55 POMERIGGIO CINQUE. Variet. Con Barbara DUrso. Nel programma: Tg 5 minuti 18.50 THE MONEY DROP. Quiz. Con Gerry Scotti. Nel programma: Tg 5 Anticipazione 20.00 TG 5 20.30 STRISCIA LA NOTIZIA - LA VOCE DELLA CONTINGENZA. Tg Satirico 21.10 FILM LA MATASSA. (Commedia, Italia, 2009). Regia di Salvatore Ficarra, Valentino Picone 23.30 MATRIX. Attualit 1.30 TG 5 NOTTE 2.00 STRISCIA LA NOTIZIA - LA VOCE DELLA CONTINGENZA. Tg Satirico

Italia1
mediaset.it/italia1 8.40 UNA MAMMA PER AMICA. Telefilm 10.35 GREYS ANATOMY. Telefilm 12.25 STUDIO APERTO 13.00 STUDIO SPORT. 13.40 I SIMPSON. Cartoni 14.35 DRAGON BALL. Cartoni 15.20 BUGS BUNNY. Cartoni 15.30 CAMERA CAF RISTRETTO. Serie 15.40 CAMERA CAF. Serie 16.20 THE MIDDLE. Telefilm. Con Patricia Heaton, Neil Flynn, Charlie McDermott 16.45 LA VITA SECONDO JIM. Serie 17.45 TRASFORMAT. Quiz. Con Enrico Papi 18.30 STUDIO APERTO. Nel programma: Meteo 19.00 STUDIO SPORT. 19.25 C.S.I. - SCENA DEL CRIMINE. Telefilm 21.10 WILD OLTRENATURA. Documenti. Con Fiammetta Cicogna 0.30 ROMANZO CRIMINALE. Telefilm. Con Roberto Infascelli, Vinicio Marchioni, Mauro Meconi 1.35 STUDIO APERTO - LA GIORNATA. 1.50 THE SHIELD. Telefilm. Con Michael Chiklis, Catherine Dent

La7
la7.it 7.00 OMNIBUS. Attualit 9.45 COFFEE BREAK. Attualit 11.10 LARIA CHE TIRA. Attualit 12.30 I MEN DI BENEDETTA. Attualit 13.30 TG LA7. 14.05 FILM IL PRESIDIO SCENA DI UN CRIMINE. (Giallo, Usa, 1988). Regia di Peter Hyams. Con Sean Connery 16.15 ATLANTIDE - STORIE DI UOMINI E DI MONDI. Documentario. Con Greta Mauro 17.25 MOVIE FLASH. Attualit 17.30 LISPETTORE BARNABY. Telefilm. Con John Nettles, Jane Wymark, Barry Jackson 19.20 G DAY. Tg Satirico. Con Geppi Cucciari 20.00 TG LA7. 20.30 OTTO E MEZZO. Attualit 21.10 LISPETTORE BARNABY. Telefilm. Con John Nettles, Jane Wymark 23.10 MEDICAL INVESTIGATION. Telefilm 24.00 TG LA7. 0.10 (AH)IPIROSO. Attualit. Con Antonello Piroso 1.05 MOVIE FLASH. Attualit

MTv
mtv.it 16.00 MADE. Variet 17.00 16 ANNI E INCINTA. Variet 18.00 TEENAGER IN CRISI DI PESO. Variet 19.00 MTV NEWS. 19.05 DEGRASSI : THE NEXT GENERATION. Telefilm 19.30 DEGRASSI : THE NEXT GENERATION. Telefilm 20.00 JERSEY SHORE. Telefilm 21.00 FLASH PRANK. Variet 22.00 PRANKED. Variet 22.30 PRANKED. Variet 23.00 SPECIALE MTV NEWS: STORY OF THE DAY.

Cucciari ospita Lella Costa

Arriva il nipote di Biancaneve

Lella Costa (foto) dovrebbe frequentare di pi la tv. Quando c lei sono garantite intelligenza, leggerezza, saggezza, ironia. E una donna di teatro, ma esente da snobismi di qualunque tipo. Cos stasera Geppi Cucciari la ospita nel suo mini show. E immaginiamo che faranno faville insieme. Un concentrato di umorismo e sagacia (anche perfida)! Lella Costa sar bella carica visto che domani debutta al Teatro Carcano con il suo nuovo spettacolo Arie. Perch la musica ha sempre avuto spazio nei suoi spettacoli. In tempi sanremesi perfetto...

Gli autori di Lost hanno scritto un nuovo tv drama ispirato alle favole di Grimm e Collodi che ha affascinato lAmerica. Si parte con Biancaneve, la favola delle favole. Protagonista Emma Swan (foto) una giovane donna in carriera, single, che vive a Boston. Una notte, arriva il piccolo Henry suo figlio dato in adozione dieci anni prima al momento della nascita. Il bambino cerca di convincere Emma che lei la figlia di Biancaneve e del Principe Azzurro e che costretta a vivere sulla Terra per la maledizione che la Strega Cattiva ha lanciato sul mondo delle favole.

Deejay TV
14.20 15.00 15.55 16.00 17.30 18.30 18.35 20.00 20.20 21.00 22.00 VIA MASSENA. Serie THE FLOW. Musicale DEEJAY TG. POPCAKE. Musicale ROCK DEEJAY. Musicale DEEJAY TG. PLATINISSIMA PRESENTA: GOOD EVENING. Musicale LOREM IPSUM. Musicale VIA MASSENA. Serie ICONOCLASTS. Musicale DEEJAY CHIAMA ITALIA. Variet

G Day La 7, ore 19.20

Once upon a time Fox, ore 21

DATI DI PROGRAMMAZIONE FORNITI DA COMPUTIME

Film e programmi
Jodie Foster a caccia di ufo Valeria Solarino aspetta Garibaldi

VOGLIO VIVERE COS.


Hai mai pensato di mollare tutto e cambiare vita? Con Giorgia Wurth.

STASERA ALLE 21.00

Rai4
rai.it

Rai5
rai.it 17.20 COOL TOUR WEB. Attualit 17.55 PETRUSKA - IL TRASFORMISMO IN MUSICA. Musica 18.30 INCONTRI RAVVICINATI. Attualit 19.00 GORDON RAMSAY DIAVOLO DI UNO CHEF! Documentario 19.55 GLOBE TREKKER. Documentario 20.45 PASSEPARTOUT. Attualit 21.15 5 BUONI MOTIVI. Attualit 21.20 FILM LE MELE DI ADAMO. (Commedia). Regia di Anders Thomas Jensen . 23.00 DAVID LETTERMAN SHOW. Talk show 23.50 COOL TOUR WEB. Attualit 0.20 MARCO POLO RELOADED. Doc. 1.15 GLOBE TREKKER. Documentario

Rai Storia

rai.it

Rai Movie

rai.it

Rai Gulp
19.45 19.50 20.15 20.45 21.15

rai.it

Rai YoYo

Boing
rai.it boingtv.it 19.40 TAKESHIS CASTLE. Variet 20.05 THE GARFIELD SHOW. Cartoni 20.30 GEORGIE. Cartoni 21.00 NIN. Telefilm 21.50 TAKESHIS CASTLE. Variet 22.15 TEEN ANGELS. Cartoni

La7d
la7.it 18.40 CUOCHI E FIAMME. Attualit 19.40 I MEN DI BENEDETTA. Attualit 20.40 G DAY. Tg Satirico 21.10 SEX AND THE CITY. Telefilm 23.10 THE L WORLD. Tf. 0.10 LA VITA SEGRETA DELLE DONNE. Documentario

Convinta dellesistenza di una vita extraterrestre, lastronoma Eleanor Arroway (Jodie Foster, foto) capta segnali provenienti da una lontana galassia e parte in spedizione nello spazio. Contact Rete4, ore 23.10

Anita (Valeria Solarino, foto) a Nizza con i bambini e aspetta di rivedere Garibaldi (Giorgio Pasotti). Lei diventa amica di Cristina di Belgioioso (Francesca Cavallin). Anita Garibaldi Rai1, ore 21.10

Enrico Bertolino fa cantare Passera


Il ministro Corrado Passera, (interpretato da Fabrizio Casalino) si esibisce nellinsolita veste di cantautore nel programma di Enrico Bertolino. Glob Spread Rai3, ore 23.15

Missioni estreme per Fiammetta


Fiammetta Cicogna si metter alla prova affrontando i pericoli che si nascondo in una foresta. Cercher la grotta pi adatta per trascorrere la notte. Wild Oltrenatura Italia1, ore 21.10

10.50 WAREHOUSE 13 II. Serie 11.35 LOST WORLD II. Serie 12.20 PRIMEVAL III. Serie 13.10 STREGHE. Serie 13.55 FISICA O CHIMICA. Serie 15.15 ENTOURAGE. Serie 15.45 LIFE UNEXPECTED II. Serie 16.30 ONE TREE HILL IV. Serie 17.15 WAREHOUSE 13 II. Serie 18.00 PRIMEVAL III. Serie 18.50 LOST WORLD II. Serie 19.40 TORCHWOOD. Serie 20.25 SUPERNATURAL III. Serie 21.10 FILM YIP MAN. (Azione). Regia di Wilson Yip. 22.50 FILM BOUT PORTANT. (Thriller). Regia di Fred Cavay. 0.20 WONDERLAND. Attualit

18.05 SPECIALI TG HANNO ATTACCATO. Documenti 19.00 RES GESTAE PERSONAGGI. Doc. 19.05 IL CASO INTERVISTA A MARCOS. Documenti 19.10 UN ORA CON CASSIUS CLAY. Documenti 20.00 MAGAZZINI EINSTEIN SAPERE ARCHITETTURA, ARCHITETTO, CITT. DUE CASI ESEMPLARI: VENEZIA E TORINO. Documenti 20.30 CULT BOOK POLONIA, CROCEVIA DEL 900. Documenti 21.00 DIXIT - RONALD E NANCY. Documenti 22.00 DIXIT - GUGLIELMO MARCONI. Documenti 23.00 LANCIO PUNTATA MONTALDO. Documenti

11.00 FILM HO FATTO SPLASH! 12.40 FILM ORMAI FATTA! 14.20 FILM LA GENERAZIONE RUBATA. 16.00 FILM UN AUTUNNO TRA LE NUVOLE. 17.40 FILM IL DIARIO DI JACK. 19.20 FILM ASSASSINIO SUL TEVERE. 21.00 FILM INDOVINA CHI. (Commedia). Regia di Kevin Rodney Sullivan. 23.10 FILM ALONE. (Horror). Regia di Banjong Pisanthanakun, Parkpoom Wongpoom. 0.50 FILM A SANGUE FREDDO. (Drammatico). Regia di Richard Brooks. 3.00 APPUNTAMENTO AL CINEMA. Attualit

TOOGULP. Ragazzi VICTORIOUS I. Tf. TORADORA. Cartoni MI HIGH I. Telefilm LOLA E VIRGINIA. Telefilm 21.40 NATURALLY SADIE. Telefilm 22.10 KARKU. Telefilm 22.35 VICTORIOUS I. Telefilm

20.30 DIXILAND. Cartoni 20.35 LULU BRUM BRUM. Cartoni 20.50 LA STELLA DI LAURA 2. Cartoni 21.00 SAM IL POMPIERE 2. Cartoni 21.10 BOB AGGIUSTATUTTO XV. Cartoni 21.20 POCOYO. Cartoni 21.30 PEPPA PIG. Cartoni

Iris
iris.mediaset.it 19.23 SUPER CAR III. Telefilm 20.15 A-TEAM II. Telefilm 21.09 FILM FRACCHIA LA BELVA UMANA. 22.56 FILM FRANKENSTEIN JUNIOR. 0.51 FILM PIOVUTO DAL CIELO. 2.35 FILM NELLA SUA PELLE.

Cielo
cielo.it 19.00 VOGLIO VIVERE COS. Documentario 20.00 TOP CHEF. Variet 21.00 VOGLIO VIVERE COS ITALIA. Doc. 22.00 VOGLIO VIVERE COS ITALIA. Documentario 23.00 AIUTO! SE L MANGIATO IL CANE. Documentario

La5
mediaset.it 20.15 GRANDE FRATELLO LIVE. Reality 20.25 EXTREME MAKEOVER HOME EDITION IV. Documentario 21.10 GRANDE FRATELLO NIGHT. Reality 22.35 MAI DIRE GRANDE FRATELLO. Variet

Tv 2000

tv2000.it

20.30 NEL CUORE DEI GIORNI - INDACO. 20.55 NEL CUORE DEI GIORNI - (TGTG). 21.20 PRESENTAZIONE CRITICO CINEMATOGRAFICO. 21.25 FILM 23.05 GOCCE DI MIELE. 23.10 EFFETTO NOTTE: DENTRO IL CINEMA.

Codice cliente:

Codice cliente:

Corriere della Sera Marted 17 Gennaio 2012

italia: 515249535254

55
Forum Televisioni: www.corriere.it/grasso Videorubrica Televisioni: www.corriere.tv

Pay Tv
Film e programmi
Johnny Depp incontra la Cruz

Sky Cinema
14.05 UN CANE ALLA CASA BIANCA Un ragazzo si imbatte in un cane randagio salvo poi scoprire che lanimale appartiene al Presidente degli Stati Uniti. Sky Cinema Family 15.45 INNOCENTI BUGIE Suo malgrado, June (C. Diaz) si ritrova coinvolta in un intrigo internazionale dopo aver incontrato la spia Milner (T. Cruise). Sky Cinema 1 HD 16.55 URAGANO Kolossal catastrofico (costato 22 milioni di dollari nel 78) con M. Von Sydow e M. Farrow. In unisola caraibica si scatena lapocalisse. Sky Cinema Classics 17.45 IL PRINCIPE DEGITTO Primo lungometraggio in animazione della Dreamworks di Katzenberg, Spielberg e Geffen, incentrato sulla vita dellebreo Mos. Sky Cinema Family 18.40 GODZILLA Un anfibio di 120 metri sparge panico e distruzione a New York. Di Emmerich. Sky Cinema Max HD 19.35 GNOMEO & GIULIETTA Esilarante e stravagante traposizione in fiaba della celebre storia damore di Shakespeare. Sky Cinema 1 HD 20.55 QUEL MALEDETTO ISPETTORE NOVAK Le pericolose indagini di un poliziotto statunitense (Y. Brynner) in Inghilterra, incaricato di stroncare il traffico di dollari falsi. MGM 21.00 TOT, PEPPINO E LE FANATICHE Due pazienti di un manicomio provano a dimostrare al direttore della struttura di essere perfettamente normali. Sky Cinema Classics SHREK E VISSERO FELICI E CONTENTI Quarto e conclusivo capitolo della saga che vede lorco buono come protagonista. Sky Cinema Family NIKITA Una ragazza (A. Parillaud) condannata allergastolo assoldata dai servizi segreti francesi come killer. Noir ed azione ben orchestrati da L. Besson. Sky Cinema Max HD CONDANNATO A NOZZE Roberto (S. Rubini) si sposa ma non riesce ad essere fedele e questo lo porta a condurre due vite parallele e inconciliabili. Sky Cinema Passion HD 21.10 PIRATI DEI CARAIBI - OLTRE I CONFINI DEL MARE Il Capitano Jack Sparrow (J. Depp) questa volta deve trovare la preziosa Fontana dellEterna Giovinezza. Sky Cinema 1 HD THE TRUMAN SHOW Truman (J. Carrey) , senza saperlo, il protagonista della soap opera pi lunga e seguita della televisione. Quando se ne rende conto... Sky Cinema Hits HD 22.35 LA CORSA DELLA LEPRE ATTRAVERSO I CAMPI Testimone di un delitto, J.-L. Trintignant fugge con un grosso bottino nella speranza di salvarsi. Nel cast L. Massari. Sky Cinema Classics 22.40 THE KARATE KID - LA LEGGENDA CONTINUA Remake della saga originaria con R. Macchio. Stavolta un ragazzo americano a trasferirsi a Pechino, incontrando il bullo di turno. Sky Cinema Family 22.50 I RIBELLI Anne Archer ricorda gli anni del college: lassassinio di Kennedy, la guerra del Vietnam, il diffondersi del rocknroll. MGM IN THE CUT Frannie (M. Ryan), insegnante di letteratura dalla doppia vita, avvia una relazione con il detective Malloy. Dirige J. Champion. Sky Cinema Passion HD 23.00 COLPO DI FULMINE - IL MAGO DELLA TRUFFA Steven (J. Carrey) ha da poco scoperto di essere gay. Finito in prigione, cerca di conquistare Phillip (E. McGregor). Sky Cinema Hits HD 23.05 SPY GAME 1991: un agente della CIA (B. Pitt) viene fatto prigioniero dai cinesi. Il collega pi anziano (R. Redford) tenta di salvarlo. Azione con T. Scott. Sky Cinema Max HD

Sport
14.00 BASKET: NEW YORK KNICKS ORLANDO MAGIC NBA Sky Sport 2 HD 15.50 CALCIO: PORTOGRUARO SIRACUSA Lega Pro RaiSport 1 16.15 BASKET: MARQUETTE LOUISVILLE NCAA Sky Sport 2 HD 17.40 CALCIO: ATALANTA - MILAN Serie A Tim RaiSport 1 18.30 CALCIO: MANCHESTER UNITED BOLTON Premier League Sport Italia 19.00 BILIARDO: J. HIGGINS (SCOZIA) M. STEVENS (GALLES) Master di Londra Eurosport 20.00 BILIARDO: N. ROBERTSON (AUSTRALIA) - M. ALLEN (IRLANDA DEL NORD) Master di Londra. Diretta Eurosport 20.30 CALCIO A 5: ACQUA E SAPONE PESCARA Campionato Italiano. Diretta RaiSport 1 20.50 WRESTLING: SPECIALE WWE ROYAL RUMBLE Sky Sport 2 HD 21.00 CALCIO: ESPANYOL - MIRANDES Coppa del Re. Diretta Sky Sport 1 HD 22.05 KICKBOXING: PISA ABBRACCIA LO SPORT, IL GUERRIERO.IT RaiSport 1 23.00 AUTOMOBILISMO: GTA ROAD TO DUBAI Eurosport 23.15 TENNIS: GIORNO 2 Australian Open Eurosport

A fil di rete
di Aldo Grasso

Leuforia fuori luogo di Milly Carlucci


ra in corso la tragedia della Costa Concordia e ogni immagine che non riguardasse lisola del Giglio pareva inopportuna, quasi stridente. Per questo La7, dopo che Enrico Mentana, prontamente, aveva organizzato uno speciale, ha fatto molto bene a sospendere la prevista prima puntata dello show di Serena Dandini. Cos si comporta un vero Servizio pubblico e mi piacerebbe ne prendesse nota chi, nel governo Monti, si sta occupanVincitori e vinti do della ristrutturazione della Rai. Sar questa la ragione principale per cui lallegra spensieRiccardo ratezza di Ballando con le stelIacona Su Rai3, le mi parsa cos fuori luogo, linchiesta con tutta quelleuforia che programma esondava dal viso troppo leviPresadiretta gato di Milly Carlucci (Rai1, sacondotto bato, ore, 21.20). Ma non la da Riccardo Iacona sola ragione di imbarazzo. dal titolo Mafia Non riesco a rassegnarmi alla al nord partecipazione di Gianni Rive stata seguita da ra. Quando ha iniziato la per2.617.000 formance personale, Test di telespettatori, pari attitudine al ballo, sembrava al 10,17% di share una manichino sperduto in qualche anfratto di un grande magazzino. Ma come pu un Will grande calciatore come Rivera Smith distruggere in un attimo la sua Iacona leggenda, accettare penosameglio di mente di farsi dare i voti da un Will Smith. certo Guillermo Mariotto, subiIl film Hitch-Lui re le spiritosaggini di Ivan Zazs che capisce le zaroni, sottoporsi alle opinioni donne, con Will di Sandro Mayer? Chi ha amaSmith ed Eva Mendez, to il calciatore Rivera (per cosu Italia 1 ha me giocava, per come si comtotalizzato 2.269.000 portava in campo, per come telespettatori, pari stato sbattuto fuori dal Milan) al 8,71% di share prova non poco disagio a seguire le sue esibizioni in questo circo. Tra laltro, attualmente presidente del settore scolastico della Federcalcio. La prima puntata stata pubblicamente elogiata dal dg Lorenza Lei (si vede che il suo sangue emiliano non insensibile alle balere): Ballando ha vinto due volte. La prima con gli ascolti: sfiorare il tetto di sei milioni di telespettatori il sabato sera un risultato importante per Rai1 e per lAzienda. La seconda dimostrando che la professionalit supera ogni polemica. Forse, in nome di quella decantata professionalit, la seconda puntata non sarebbe dovuta andare in onda. Anche sul Titanic si ballava.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Jack Sparrow (Johnny Depp, foto) ritrova Barbanera con figlia (Penelope Cruz) in cerca della miracolosa lacrima della sirena che dona la giovinezza. Pirati dei caraibi - Oltre i confini del mare Sky Cinema 1, ore 21.10

Meg Ryan prof con un lato nascosto

Insegnante irreprensibile Frannie (Meg Ryan, foto) affascinata dalla sorellastra, ballerina in un locale sordido. attratta anche da un detective, alla fine coinvolto in un omicidio. In the cut Sky Cinema Passion, ore 22.50

Brad Pitt catturato Redford lo salva

Serie Tv
14.05 C.S.I. MIAMI Fox Crime HD 15.00 VICTORIOUS I Rai Gulp 16.00 ZACK E CODY SUL PONTE DI COMANDO Disney Channel 17.30 N.C.I.S. Fox Crime HD 18.15 TUTTO IN FAMIGLIA Fox HD 19.05 MEDIUM Fox Life 19.15 CRIMINAL MINDS Fox Crime HD 20.00 DROP DEAD DIVA Fox Life 21.00 CERA UNA VOLTA Fox HD 21.05 A.N.T. FARM Disney Channel 21.40 NATURALLY SADIE Rai Gulp 21.55 CASTLE Fox Life 22.10 KARKU Rai Gulp 22.35 VICTORIOUS I Rai Gulp 22.40 AMERICAN HORROR STORY Fox HD 22.55 LE SORELLE FANTASMA Disney Channel

Intrattenimento
14.05 AMERICAS NEXT TOP MODEL Sky Uno 15.05 5 IN CONDOTTA LEI 15.15 JERSEYLICIOUS E! 16.00 CASE DA INCUBO: MISSIONE DISORDINE LEI 16.45 PROJECT RUNWAY - TAGLIA, CUCI... SFILA! Sky Uno 17.00 KEEPING UP WITH THE KARDASHIANS E! 17.20 MA CHI TE LA COMPRA?! LEI 18.00 GIULIANA & BILL E! 19.15 LA GUERRA DELLE TORTE LEI 21.00 GIARDINIERI IN AFFITTO LEI 21.10 LIVE TO DANCE - NATI PER BALLARE Sky Uno 22.00 CASA VISTA MARE LEI 22.50 JUNIOR MASTERCHEF AUSTRALIA Sky Uno

Ragazzi
14.20 A TUTTO REALITY: LA VENDETTA DELLISOLA! K2 15.35 LA PANTERA ROSA & CO. Boomerang 16.00 SCAN2GO K2 16.40 SPONGEBOB Nickelodeon 17.05 THE LOONEY TUNES SHOW Boomerang 17.15 I FANTAEROI K2 18.45 BEN 10 ULTIMATE ALIEN Cartoon Network 19.30 SCHOOL ROCKS! Rai Gulp 20.20 SPONGEBOB Nickelodeon 20.30 ADVENTURE TIME Cartoon Network 21.00 I FANTAEROI K2 21.05 SPONGEBOB Nickelodeon 21.20 HERO: 108 Cartoon Network 21.30 PIPPI CALZELUNGHE DeAkids

Documentari
14.05 AFFARI DI FAMIGLIA: UN AFFARE ESPLOSIVO History Channel 15.15 GLI INDISTRUTTIBILI National Geographic 16.00 LA FEBBRE DELLORO Discovery Channel HD 17.05 COME PRODOTTO Discovery Science 18.20 ENIGMI ALIENI-ANGELI O MARZIANI? History Channel 19.30 IL DISASTRO DI CHERNOBYL National Geographic 20.00 TOP GEAR USA Discovery Channel HD 21.00 IL SERPENTE MANGIAUOMINI Discovery Channel HD 21.55 CODICE ROSSO. UOMO IN MARE National Geographic

Un veterano della Cia (Robert Redford) scopre che un ex collega (Brad Pitt, foto con Redford) stato catturato dalle autorit cinesi. Decide di provare a salvarlo. Spy Game Sky Cinema Max, ore 23.05

Il film di Comencini ricorda Fruttero


In ricordo di Carlo Fruttero, il film del 1976, tra i pi amati degli anni Settanta, diretto da Luigi Comencini e tratto dallomonimo romanzo di Fruttero, scritto nel 1972. La donna della domenica Sky Cinema Classics, ore 16.55

Mediaset Premium
12.39 THE MENTALIST III. Telefilm JOI 13.00 FRINGE III. Telefilm STEEL 13.10 GRIFFIN AND PHOENIX. Film Tv MYA 13.30 MIAMI MEDICAL. Telefilm JOI 13.35 UNDER THE INFLUENCE. Show Studio Universal 13.45 FRINGE III. Telefilm STEEL 14.10 IL PRINCIPE DELLE MAREE. Film Studio Universal 14.15 MIAMI MEDICAL. Telefilm JOI 14.23 RED CARPET. Rubrica Premium Cinema 15.03 TRE ALLIMPROVVISO. Film Premium Cinema 15.04 BEING ERICA III. Telefilm MYA 15.20 SMALLVILLE V. Telefilm STEEL 15.32 PSYCH II. Telefilm JOI 15.56 BEING ERICA III. Telefilm MYA 16.10 CHUCK IV. Telefilm STEEL JOI ON AIR 12. Show JOI SHUTTER ISLAND. Film JOI BIG NIGHT. Film Studio Universal HOLLYWOODLAND. Film Premium Cinema 17.21 FOURSOME. Film Tv MYA 18.15 R.I.S. ROMA 2 DELITTI IMPERFETTI. Telefilm STEEL 18.50 PEOPLE I KNOW. Film Studio Universal 16.15 16.26 16.55 17.01 19.17 DEBITO DI SANGUE. Film Premium Cinema 19.20 R.I.S. ROMA 2 DELITTI IMPERFETTI. Telefilm STEEL 19.30 ONE TREE HILL VI. Telefilm MYA 19.35 THE CLEANER II. Telefilm JOI 20.23 THE MENTALIST III. Telefilm JOI 20.23 ONE TREE HILL VI. Telefilm MYA 21.15 SGUARDO NEL VUOTO. Film Premium Cinema 21.15 ROYAL PAINS II. Telefilm JOI 21.15 PRETTY LITTLE LIARS II. Telefilm MYA 21.15 HAVEN II. Telefilm STEEL 21.15 SUGARLAND EXPRESS. Film Studio Universal 22.10 PRETTY LITTLE LIARS II. Telefilm MYA 22.11 ROYAL PAINS II. Telefilm JOI 22.50 KNIGHT RIDER I. Telefilm STEEL 22.55 ULTRA. Documentario JOI 23.04 DEAR WENDY. Film Premium Cinema 23.05 NIPN TUCK I. Telefilm MYA 23.10 IL CASO THOMAS CRAWFORD. Film Studio Universal 23.17 DR. HOUSE - MEDICAL DIVISION VII. Telefilm JOI 0.13 DR. HOUSE - MEDICAL DIVISION VII. Telefilm JOI

56

italia: 515249535254

Marted 17 Gennaio 2012 Corriere della Sera

Codice cliente:

Potrebbero piacerti anche