Sei sulla pagina 1di 1

UCV Caracas Facultad de Humanidades y Educacin Escuela de Comunicacin Social

01.01 - Lalfabeto italiano L'alfabeto italiano si compone di 21 lettere: a, b, c, d, e, f, g, h, i, l, m, n, o, p, q, r, s, t, u, v, z. A queste 21 lettere vanno aggiunte 5 che non fanno parte dellalfabeto italiano e che servono per i nomi stranieri. Lalfabeto comprensivo di queste 5 lettere, indicate tra parentesi, il seguente:

a, b, c, d, e, f, g, h, i, (j), (k), l, m, n, o, p, q, r, s, t, u, v, (w), (x), (y), z.


Le lettere maiuscole dellalfabeto, includendo, tra parentesi, le 5 lettere per le parole straniere: A, B, C, D, E, F, G, H,(J), (K), I, L, M, N, O, P, Q, R, S, T, U, V, (W), (X), (Y), Z. La pronuncia: a, bi, ci, di, e, effe, gi, acca, i, (i lunga), (cappa), elle, emme, enne, o, pi, qu, erre, esse, ti, u, vi o vu, (vu doppia), (ics), (ipsilon), zeta I nomi di tutte le lettere dell'alfabeto sono di genere femminile e si sottintende che dinanzi ad esse venga posta la parola lettera. Ad esempio: la lettera a, oppure la a. Le lettere j, k, w, x, y
-

La lettera j si adoperava una volta come vocale invece dei due i. Ora si trova nei nomi stranieri e in alcuni cognomi (Ojetti o Rejna), in alcuni nomi propri (Jolanda, Jacopo, Jago, Jole), in alcune parole (juta, jella, jettatore, jodio) che si possono scrivono anche con la i semplice. Con la j si scrivono Jugoslavia, jugoslavo, Jonio, jonico. Le parole che hanno per iniziale la j vogliono le forme dell'articolo uno e lo: ad esempio, lo jodio, uno jugoslavo. La lettera k, all'infuori dei nomi stranieri o di derivazione straniera entrate nella lingua italiana, si usa solo come abbreviazione di chilo: ad esempio km (chilometro), kg (chilogrammo), kl (chilolitro), kw (chilowatt). La lettera w usata solo in parole straniere, pronunciata come nella lingua d'origine; ad esempio: walzer (pronuncia valzer); clown (pronuncia claun). A volte sostituita dalla lettera v. In chimica la w il simbolo del volfranio; come abbreviazione, w significa evviva; capovolta significa abbasso. La lettera x si usa nei nomi stranieri o d'origine straniera (esempio: Bixio); nella parola ex per indicare un titolo che una persona non possiede pi (esempio: ex-deputato); nel linguaggio matematico per indicare una quantit ignota. Le parole che iniziano per x vogliono l'articolo lo, gli, uno (lo Xanto, gli xilografi, uno xilografo). A volte si sostituisce con la s. L a X maiscola indica persona che non si vuole nominare. La lettera y si usa solo in parole straniere; a volte sostituita con la i; (yle diventa ile). In algebra indica, dopo la x, la seconda incognita.

Italiano Prof. Attilio Folliero www.folliero.eu