Sei sulla pagina 1di 1

Avvenire 01/12/2012

Copy Reduced to 53% from original to fit letter page

Page : A15

GIOVED 12 GENNAIO 2012

15

le primarie
Dopo il successo in Iowa, lex governatore del Massachusetts si imposto nella seconda tappa per la nomination del Gop. Dietro di lui Ron Paul sfiora il 23 per cento, terzo Huntsman al 16,8 In South Carolina il favorito tenter di piazzare il colpo definitivo, ma l conter lala conservatrice e lappoggio degli evangelici

LA CURIOSIT

Per quarantanni il Granite State termometro per stabilire lo sfidante


Da Ike Esenhower a Jimmy Carter, da Ronald Reagan a George Bush padre: per 40 anni il New Hampshire non ha mai fallito: stato un termometro preciso che anticipa lesito finale della corsa per la nomination. Dal 1952 al 1992 dalle sue primarie sempre uscito il nome del futuro inquilino della Casa Bianca. La tradizione fu interrotta da Bill Clinton che nello Stato di Granito arriv secondo, ma alla fine si guadagn il soprannome di comeback kid, il ragazzo che rimonta. Da allora il piccolo Stato del New England ha perso il suo primato: nel 2000 incoron John McCain, anzich il futuro presidente George W. Bush. Per non parlare del 2008, quando lo Stato del New England prefer Hillary Clinton a Barack Obama. Gli osservatori, per, continuano a considerare il New Hampshire unimportante cartina al tornasole per la corsa alla nomination presidenziale. Il Granite State (lo Stato di Granito) infatti caratterizzato da una cospicua presenza di elettori indipendenti, vera chiave di volta per dare la scalata alla Casa Bianca. (R.E.)

Lesultanza dei sostenitori di Mitt Romney dopo lannuncio dei risultati (Ap). In basso, lex governatore del Massachusetts

CASA BIANCA 2012

Seggio a Dixville (Reuters)

Il presidente stato accusato di voler mettere sotto processo la libera impresa. Per sul candidato milionario pesa il passato alla guida della societ Bain, quando licenzi centinaia di persone

Romney trionfa: ora sfida decisiva al Sud


Il 39% di consensi in New Hampshire. Lattacco a Obama: vuole farci diventare europei
DI PAOLO M. ALFIERI

a felicit per Mitt Romney unopposizione divisa, quella che gli ha regalato laltra notte il successo anche in New Hampshire, dopo il primato al fotofinish nei caucus dellIowa. Ride, lex governatore del Massachusetts: aveva bisogno non solo di vincere, ma di stravincere su tutti gli altri rivali per la nomination repubblicana in quello che era considerato alla vigilia il suo campo di battaglia, per composizione socio-politica e quota di indipendenti. C riuscito, arrivando a superare il 39%, ed ora il suo messaggio chiaro: solo io posso battere Barack Obama a novembre. Certo la partita non conclusa e il prossimo test, il 21 gennaio in South Carolina, appare ancor pi decisivo. Ma Romney, pur inviso alla base evangelica e conservatrice del Grand old party (Gop) che domina nello Stato del Sud, vi arriver sullo slancio di quello che gli americani definiscono il momentum, lattimo fuggente che attira anche gli indecisi dellultima ora. E a proposito dei conservatori: sono andati male, malissimo nel New Hampshire: appena il 9% sia per il campione della destra religiosa Rick Santorum, luomo-sorpresa dellIowa, che per lex speaker della Camera Newt Gingrich, uno che deve ancora capire quale sia il suo elettorato di riferimento ma che in

South Carolina rischia gi di essere allultima spiaggia. Molto meglio andata laltra notte allex ambasciatore in Cina, Jon Huntsman, con il 16,9% ma a livello nazionale resta un semi-sconosciuto: continuer la corsa fino a una resa onorevole. Chi preoccupa Romney invece il libertario Ron Paul: dopo il 21% dellIowa, porta a casa quasi il 23% dei consensi in New Hampshire, frutto in gran parte del sostegno dei giovani e, pi in generale, del voto di protesta. Paul che tra laltro vuole labolizione della Federal reserve e il ritiro da tutti i teatri di guerra visto ancora come un alieno da molti repubblicani, ma potrebbe trasformarsi in una mina vagante fatale per il Gop nel voto di novembre. Diverso il discorso per i Santorum, i Gingrich, i Rick Perry, con questultimo che ha saltato il New Hampshire per concentrarsi direttamente sulla South Carolina. Il loro problema, sottolineano gli analisti, che sono troppi. E le loro divisioni non fanno altro che accentuare il vantaggio di Romney. Lo si visto a due giorni dal voto in New Hampshire, quando durante lultimo dibattito tv i tanti, troppi candidati conservatori erano pi impegnati a punzecchiarsi tra loro che a sbarrare la strada allex governatore del Massachusetts. Per loro la prossima tappa sar un mors tua vita mea,

ma sembra tardi per sgomberare il campo e a Romney quanto conter in South Carolina il suo essere mormone? basterebbe vincere con un margine risicato per avere, con tre successi consecutivi, la strada spianata. Lex governatore lo sa, tanto vero che dedica poco tempo ai rivali, concentrandosi su Obama e apparendo cos ancora di pi lunico presidenziale del lotto. andata cos anche laltra notte, quando ha accusato Obama di voler cercare dimporre agli Stati Uniti un modello estraneo, trasformandoli in una societ basata sui diritti acquisiti, in pieno stile europeo, aggiungendo che il presidente vuole mettere sotto processo la libera impresa. Unonta negli Usa, quella di limitare la libert del mercato, ma un tema che potrebbe ritorcersi su Romney se i

media lo martelleranno sul punto per lui pi spinoso, quello della Bain bomb. Da presidente della Bain Capital, societ che acquisiva, ristrutturava e rivendeva aziende in difficolt, Romney ha licenziato centinaia di persone, certo non un plus in un momento in cui la perdita del lavoro la maggior preoccupazione degli americani. Se non si lever di dosso quellaria da freddo businessman con le tasche piene di dollari, il milionario Romney potrebbe far la fine di Barry Goldwater, che nel 1964 vinse la nomination del Gop per essere poi seppellito dalla valanga di voti favorevoli al presidente uscente Lyndon Johnson.
RIPRODUZIONE RISERVATA

SCONFITTI

22,9%

RON PAUL Rischia di essere un fattore decisivo: se lestablishment lo emarginer, potrebbe correre da indipendente a novembre, togliendo voti al candidato del Gop

9,4%

39,3%
RICK SANTORUM In South Carolina ritrover i voti degli evangelici che lo hanno sostenuto in Iowa: deve sperare di essere, dopo quella tappa, lunico candidato dellala conservatrice

Linsostenibile leggerezza del Tea


he fine ha fatto il Tea Party? Dov finito quel movimentiro di Herman Cain e di Michelle Bachto capace 14 mesi fa di sovvertire la maggioranza demomann ha privato i tea parties dei suoi pacratica al Congresso e di imporre molti suoi candidati ladini, per non parlare del flop di Rick sui favoriti dellestablishment repubblicano? Se lo chiedono da Perry in Iowa. Per un momento si sono coun po i candidati del Grand old party (Gop). Chi pi chi meno, s rivolti su Gingrich, prima di accorgersi del tutti i partecipanti alla gran carovana delle primarie hanno cersuo sostegno verso il Big government. Pocato di accaparrarsi i favori di un movimento che ha rappretrebbe andare cos anche con Santorum, che in Iowa ha raccolsentato la pi grande spinta della destra americana degli ultimi to il 30% del voto del movimento: circola in queste ore un anni. Eppure, a guardare i risultati delle prime video dello scorso anno in due tappe delle primarie, il Tea Party si rivecui si dice preoccupato Solo 14 mesi fa sbanc il lato finora un fuoco di paglia, non riuscendo a dellinfluenza del Tea Congresso, adesso non ha Party, affermazione della imporre la sua agenda e finendo con lessere un fattore residuale nella corsa presidenziale. quale si sar gi pentito. un candidato forte: il 40% Come leggere il dato secondo cui in New HamE Ron Paul? Ha il sostegno ha optato per il nemico dellala pi libertaria del movipshire ben il 40% dei sostenitori del Tea Party abbia votato per Mitt Romney, il nemico giumento e se si sentir emarginato rato del movimento, troppo moderato e odallestablishment del Gop potrebbe correre steggiato per una riforma sanitaria attuata nel Massachusetts da indipendente a novembre, musica per le orecchie di Obama. troppo simile allodiato Obamacare? La risposta, secondo gli eI leader del Tea Party dovrebbero scegliere se sostenerlo, anche sperti, che Romney appare sempre pi come il candidato ise c chi tra loro, come Erick Erickson di RedState, ha gi detto nevitabile, come lunico in grado di impensierire Obama. la sua: le chance di Paul di sedere nello Studio Ovale equivalgoNon si pu vincere una corsa di cavalli senza un cavallo, ha no a quelle di ammirare i maiali volare. commentato lanalista Bill Schneider, sottolineando con ci il Paolo M. Alfieri frazionamento dei favori del movimento. Fuori Sarah Palin, il ri-

9,4%

RIPRODUZIONE RISERVATA

lintervista
Lanalista Morris: Gingrich in calo, Santorum punta tutto sui cristiani
Joseph Morris

Attenti al fattore Paul: a lui i voti di protesta


in ottima posizione per la candidatura. Se le primarie del granite state si fossero tenute alcune settimane fa, Romney avrebbe ottenuto un vantaggio maggiore, ma il 39% dei voti nel contesto attuale rappresenta comunque una significativa vittoria, soprattutto in quanto si estende attraverso unampia fascia demografica. Sotto questa luce, come si legge, quindi, il sostegno di quasi il 23% dei voti andato a Ron Paul? Paul ha raccolto, in larga parte, i voti dei giovani i sondaggi in uscita dai seggi gi sia per le primarie democratiche che repubblicane, si assistito appunto a unespressione di protesta. Come si traduce questo sullo scenario nazionale? Dipende da come si giocheranno le primarie. Se Paul riuscir a rimanere in gara, potrebbe avere un impatto sulla convention repubblicana, se si perder per strada, gli indipendenti potrebbero guardare a unalternativa. Tra i miei colleghi c chi non esclude una sorpresa alla fine del processo con un candidato del terzo partito. I sostenitori di Gingrich potrebbero alla fine coalizzarsi

NEWT GINGRICH Ha appena ricevuto cinque milioni di dollari da un gruppo che lo sostiene: la sua campagna si aggrappa a questo, il South Carolina per lui ora lultima spiaggia

DA NEW YORK LORETTA BRICCHI LEE

ze politiche e direttore Copyright applicata deldel Centro di Avvenire politica Mercyhurst college in Pennsylvania, convinto che sar Mitt Romney ad aggiudicarsi lincarico di sfidare la presidenza di Barack Obama, ma suggerisce di tenere

oseph Morris, professore di scien-

In South Carolina, il prossimo appunco candidato che, da moderato, pu tamento elettorale, Gingrich in calo rubare voti a Romney, soprattutto in nei sondaggi che vedono in testa Romun testa a testa. ney. Sta giocando duro, con una camIl terzo posto ottenuto in New Hampagna di 3,4 milioni di dollari contro lex pshire con il 17% dei voti gli d cos tangovernatore, ma dovr presto prendere to slancio? una decisione sul da farsi. Nonostante Huntsman sembrasse perQuindi saranno le primarie del 21 genfettamente posizionato per un forte rinaio il fattore decisivo? sultato nelle primarie di marted, ha doIl South Carolina, visto il suo elettorato vuto (e dovr) fare i conti con labilit di January di raccogliere fondi. ( La am / Powered by TECNAVIA 12, 2012 9:18 sua conservatore, potrebbe permettere la Romney sopravvivenza del senatore della Penncampagna elettorale ha fatto sapere iesylvania Rick Santorum che si avri di avere una liquidit di oltre 19 mivalso del voto dei cristiani evangelici per lioni di dollari da utilizzare nei primi JON HUNTSMAN Lex ambasciatore in Cina ha giungere quasi in pareggio con Romappuntamenti elettorali, n.d.r.). Sareb-

16,8%

/ HIT-