Sei sulla pagina 1di 2

Alvito 22/04/2011 Ciao, dunque cominciamo. 3 cose condizionano lesposizione in uno scatto: tempo di otturazione, ISO e il diaframma.

Il tempo di otturazione, come sai bene, il tempo in cui lobiettivo rimane aperto per impressionare il sensore affinch limmagine si definisca e il sensore la processi in foto. LISO la sensibilit del sensore alla luce. Pi la sensibilit alta pi la foto (a tempi di otturazione stabiliti) risulter chiara. LISO fondamentale per riuscire a fare foto in condizioni non ottimali di luminosit. Quindi da toccare solo quando non possibile stare sopra tempi di otturazione accettabili (per evitare il mosso). Il diaframma un dispositivo che varia laccesso della luce sul sensore. Il diaframma non sempre lo stesso in qualunque situazione. Anche se tu non lo tocchi, zoommando il diaframma si restringe per forza, come guardare attraverso un tubo lungo, la luminosit diminuisce a differenza che tu guardi attraverso un tubo molto pi corto. Quindi in grandangolo (senza zoom) avrai livelli di diaframma pi bassi (quindi diaframma pi aperto) e il contrario se zoommi. In condizioni di luce normale (esterno di giorno) sufficiente che regoli lotturazione affinch il livello di esposizione sia normale (nel centro della scala a trattini), tenendo comunque lISO il pi basso possibile (200 o magari 100). Se tenendo lISO basso, per compensare lesposizione i tempi ti si abbassano sotto 1/40 (soprattutto con il Tamron), allora alza lISO fino a che lesposizione sia ok ad un minimo di 1/100 (meglio 1/125). Il problema dellISO che pi alto, pi nella foto si noter un rumore digitale cio pixels bianchi o rossi qua e l che rendono limmagine poco definita (non ha niente a che vedere con la risoluzione). Puoi giocare con il diaframma a seconda della foto che vuoi fare; ad esempio se tu volessi fare una foto ravvicinata in cui vuoi mettere a fuoco (e quindi in risalto) un oggetto e sfocare tutto il resto, il diaframma deve essere il pi aperto possibile (numero pi basso). Il Tamron ha un max di apertura di 4.5 mi sembra, per a 70mm e cio senza zoommare niente. Lobbiettivo Canon invece mi sembra abbia un max di 3.5, a 18mm cio senza zoommare niente. Pi zoommi pi necessariamente il lapertura si restringe, come ti ho detto prima. Questo non si pu evitare senza spendere 500-600 euro in un obbiettivo figo. In condizioni di luminosit scarsa, puoi giocare sui tre fattori di luminosit. Ti consiglio di agire sullISO solo quando non c alternativa, cio quando non hai un treppiede e hai gi aperto al max il diaframma. Quindi se riesci a compensare lesposizione solo con otturazione (sotto gli 1/80 diventa difficile non fare il mosso) ok, altrimenti apri il diaframma al max (se non ti interessa una foto che non sia interamente a fuoco). Se invece il diaframma lo vuoi tenere fisso (perch magari vuoi una foto completamente a fuoco, primo piano e secondo piano) allora senza treppiede alza lISO. La nostra camera ha un rumore digitale accettabile fino a 400, poi comincia a scadere. A 1600 le parti nere dellimmagine appaiono quasi grigie dalla quantit di sporco che c. Nel caso in cui invece tu usi il treppiede e stai fotografando un oggetto fermo, allora puoi tenere lISO basso e giocare con lotturazione, anche se dovesse chiedere tempi di secondi. Basta che non si muova niente nella composizione che stai fotografando. Ovviamente i livelli di esposizione li scegli tu. La macchina fotografica, di fabbrica, ti suggerisce unesposizione al centro cio che sia a met tra il max e il min

dellesposizione. Ma questo non vuol dire che tu debba stare al centro. Ad esempio, personalmente io preferisco fare foto leggermente sotto esposte. Questo perch accentua i contrasti. E il contrasto in una foto , per me, fondamentale. Risultano pi nitide, pi definite. Ovviamente dipende cosa devi fotografare. Se fotografi un fiore allora meglio che stai pi dietro alla saturazione che al contrasto. (saturazione e contrasto puoi variarli dal menu di scatto che non mi ricordo precisamente come ci si arriva, non ho con me la camera ma sono sicuro che li trovi). Unaltra cosa che indirettamente condiziona lesposizione, il tipo di lettura della luce che lesposimetro sta utilizzando. Ce ne sono fondamentalmente 2: SPOT: calcola la luce preferendo il punto centrale della foto; MEDIA: fa un calcolo della luce dellintera immagine e fa la media. Se vuoi fare la foto a un paesaggio allora la MEDIA migliore, altrimenti se devi fare la foto ad un soggetto preciso allora meglio SPOT. Ricorda per che SPOT calcolato al centro dellimmagine. Il macro la capacit di un obbiettivo di mettere a fuoco a distanze minime (per distanza intendo anche variazione di zoom). Il Tamron ha un macro utilizzabile tra i 280 e i 300mm cio quasi completamente zoommato. Quindi ad esempio, puoi fare un macro a un fiore che su un albero, senza quindi doverti avvicinare. Per farlo per ti ci vuole un piano dove lasciare la camera o un treppiede o cmq tempi di otturazione brevissimi (la nostra camera arriva a 1/4000). Il Canon invece ha un macro meno esigente e quindi puoi usarlo anche in grandangolo arrivando a 1.5 o 2 cm dal tuo soggetto (tipo fiore o insetto). Il problema del grandangolo che per tende a creare unaberrazione ottica nelle brevi distanze, cio ti sembrer che il centro della foto venga verso di te mentre gli angoli rimangono pi lontani (sensazione di guardare la foto attraverso locchio di un pesce o una boccia di vetro). Quindi i macro sono consigliabili a distanze focali accettabili, magari sopra i 30mm. La messa a fuoco unaltra cosa interessante. Tutto quello che una camera ha e che per molte persone richiederebbe scelte obbligate (esposizione, messa a fuoco ecc) in realt qualcosa su cui si pu giocare. Ad esempio, oltre alla Profondit di Campo (Depth of Field, DOP in inglese) che quella cosa che ti ho spiegato sulla variazione del diaframma per mettere a fuoco profondit di campo diverse, es. primo piano a fuoco, resto sfocato, oppure tutto completamente a fuoco, oppure vie di mezzo) la messa a fuoco pu dare diversi spunti. Prima di tutto ti consiglio di impostare la messa a fuoco sul punto centrale (la canon ha 9 pt di messa a fuoco) e impostarla su Scatto Singolo nel senso che la messa a fuoco non continua. Per esempio, se tu volessi fare una foto in cui il soggetto della foto non al centro (una foto asimmetrica) ma magari a sinistra, allora potresti mettere a fuoco tenendo premuto il pulsante il soggetto, e poi spostare la camera di modo che loggetto rimanga a sinistra. In quel modo avrai una messa a fuoco artistica. Tutto questo ovviamente nel caso in cui tu usi il fuoco automatico (io non ci vedo niente di drammatico). Questi sono solo alcuni consigli, ci sono altre mille cose. Mi sar molto pi facile spiegarti quando tu hai dei dubbi e mi chiedi. Ma con questi consigli, sei gi avanti. Ok spedisco sta cosa se no tua mamma va via senza questo file! Saudades baci e chiedimi se hai dubbi! Daniele