Sei sulla pagina 1di 2

La primavera araba: una svolta storica come la caduta del muro di Berlino.

Mondo arabo, da Wikipedia

da Bettina Marx "La Primavera araba una svolta storica, paragonabile alla caduta del muro di Berlino". Questa stata la conclusione dei maggiori istituti tedeschi di studi sulla pace nella loro analisi degli eventi rivoluzionari che hanno avuto luogo nel Nord Africa e nel Medio Oriente. Alla presentazione ufficiale del Rapporto 2011 per la Pace, i ricercatori hanno invitato l'Europa a fornire maggiore supporto per il nuovo percorso che il mondo arabo sta prendendo. Parlando in una conferenza stampa a Berlino, Margret Johannsen presso Institute for Peace Research e la Security Policy presso l'Universit di Amburgo ha detto che l'UE ha avuto delle responsabilit per gli sviluppi in Medio Oriente. Ha continuato dicendo che l'Europa, tra gli altri, stata anche responsabile per lo stato di stagnazione contro il quale il popolo ora si sta ribellando. Per anni, ha spiegato, i paesi della UE hanno favorito regimi repressivi organizzando occasioni di baratto politico in cui i leader autocratici hanno fornito petrolio e gas naturale e prendendo i profughi in cambio di prestiti a basso interesse e armi. Johannsen ha aggiunto che il tempo giunto per l'UE per fornire alle giovani democrazie del Nord Africa consigli e assistenza. Si potrebbe, ad esempio, aiutarli a redigere costituzioni e per trasformare i loro paesi in stati democratici nel rispetto della legge. Soprattutto, per, l'UE dovrebbe aprire i suoi mercati agricoli nell'ambito di una nuova politica mediterranea al fine di creare posti di lavoro nei paesi interessati. La politica dei rifugiati sotto il fuoco La politica dell'UE in materia di rifugiati ha avuto alcune critiche veramente dure da parte dei ricercatori della pace. Hanno detto che legalmente, il controllo delle frontiere dell'agenzia Frontex stata come pattinare sul ghiaccio sottile in una zona grigia che non era in linea ne con il diritto internazionale ne con la Carta dei diritti dell'uomo. Bruno Schoch del Peace Research Institute di Francoforte ha spiegato che i timori di inondazioni di profughi dal Nord Africa versa l'Europa sono stati completamente irrazionali in questo contesto. Finora, ha detto, delle centinaia di migliaia di persone che erano stato previste, solo 34.000 sono effettivamente arrivate. "Ho il sospetto che questi timori sono espressione del fatto che la nostra immagine spauracchio dell'Islam ci ha in qualche modo mandato fuori strada e ora stiamo proiettando il tutto sui rifugiati", ha detto, aggiungendo che questo era un modo per lanciare una prossimit e politica mediterranea.ati. La situazione in Libia

I ricercatori sono stati anche critici sulla situazione in Libia. Hanno riferito che c'era una reale minaccia di una escalation militare in questo paese del Nord Africa. L'intervento militare della NATO ha mostrato che la protezione della popolazione civile e il suo obiettivo per rovesciare il regime erano due obiettivi difficili da combinare. Allo stesso tempo, per, i ricercatori della pace non si sono opposti esplicitamente a un intervento militare . Schoch ha detto che Gheddafi aveva descritto i ribelli, come ratti e scarafaggi, che avrebbero dovuto essere sterminati, per cui non vi era stata alcuna alternativa. Tobias Debiel presso l'Istituto per lo Development and Peace ha aggiunto che il governo federale tedesco in realt avrebbe dovuto acconsentire all'intervento militare a beneficio della popolazione civile. Debiel ha aggiunto che il ministro degli Esteri tedesco, Guido Westerwelle, si isol con l'astensione dal dibattito del Consiglio di sicurezza, deviando da una lunga tradizione tedesca per salvaguardare gli interessi europei alle Nazioni Unite. Sostegno per i palestinesi Per quanto riguarda gli sviluppi nel conflitto tra israeliani e palestinesi, i ricercatori per la pace stanno facendo appello ai leader politici di Berlino e Bruxelles per sostenere l'unione dei due partiti palestinesi, Fatah e Hamas. Secondo Margret Johannsen, Germania e in Europa, come Washington, farebbe bene a riconoscere uno stato palestinese, quando il governo dell'autonomia proclamer uno stato indipendente - come previsto - il prossimo autunno. "A mio parere, potrebbe essere l'ultimo tentativo per ottenere uno Stato palestinese indipendente". Visto che 20 anni di negoziati non sono riusciti a realizzare una soluzione a due stati, ha detto, il tempo giunto per l'Autorit palestinese in qualche modo di liberarsi dalla dipendenza dei negoziati con Israele. Johannsen ha continuato a dire che, mentre questo potrebbe essere una mossa un po' insolita, vale la pena di provarla, ecco perch l'Europa e negli Stati Uniti dovrebbero riconoscere lo Stato palestinese indipendente. Tuttavia, un nuovo ciclo di negoziati dovrebbe essere lanciato all'atto dell'indipendenza. Le parti in conflitto potrebbero non essere in grado di gestirla da soli senza alcun aiuto dall'esterno.