Sei sulla pagina 1di 8

Matteo Nobile

20120107

Valutazioni Non che sia cambiato molto nella situazione del mercato. Forse che le varie manovre italiane e gli interventi della BCE fossero gi scontati ? Difficile dirlo, ma con la BCE che ha messo in scena un quantitative easing simile a quello USA, la reazione dei mercati sembra piuttosto soffice. I mercati azionari in fondo stanno riprendendo un po' dopo gli spaventosi crolli della scorsa estate, ma non si pu certo dire che abbiano ritrovato un trend di crescita. Sui mercati obbligazionari si fatica a comprendere se il movimento legato pi a interventi governativi, fughe da panico, o da reali cambiamenti nella situazione macroeconomica. Alcune banche che fino a qualche mese fa dovevano essere super solide stanno facendo una fatica immane (Unicredit) nel rassicurare gli investitori e la sparata scritta sul documento legato all'aumento di capitale relativo alla caduta della zona euro non aiuta certo a calmare le acque. I mercati vivono ormai sulla visibilit e questo un bene tanto prezioso quanto scarso. Difficile riuscire a individuare trend o situazioni stabili.

Matteo Nobile

20120107

Bond

piuttosto evidente vedere come la FED stia sostenendo il mercato delle obbligazioni governative, mentre questo supporto sia relativamente assente dal mercato europeo. Mercato europeo che si trova anche frammentato, tra paesi core e paesi periferici. Sulle obbligazioni sovrane dei paesi emergenti, si nota invece la sensibilit alle vendite date dal panico piuttosto che dai fattori fondamentali. Importante movimento quindi in settembre, ripreso rapidamente nei mesi successivi. In quanto, a tutti gli effetti, i fondamentali dei paesi emergenti continuano ad essere relativamente positivi, almeno rispetto ai fondamentali delle economie avanzate.

Matteo Nobile

20120107

Corporate bond

Nel mondo corporate le cose non sono particolarmente diverse. In questo caso pesa il movimento dei finanziari pi che altro, soprattutto sulla parte corporate, mentre gli high yield, dopo la correzione estiva, sembrano aver trovato una maggiore stabilit. Evidente la differenza di maturit del mercato high yield statunitense rispetto a quello europeo.

Matteo Nobile

20120107

Equity

I mercati azionari USA e Europa sembrano voler mostrare che la correzione estiva stata eccessiva, anche di fronte a dati macro non eccelsi (migliori negli USA che non in Europa. I mercati emergenti continuano a restare elusivi, con i segnali di rallentamento della crescita (non recessione, ma per la Cina crescere a singola cifra sembra un dramma). Sar ora importante notare a questi livelli se saremo in grado di uscire, dal movimento laterale, almeno per Europa e USA. Come catalizzatori di tale movimento si vedono per solo i fattori tecnici dei riposizionamenti dei fondi e dei gestori patrimoniali, soprattutto in USA.

Matteo Nobile

20120107

Equity Emerging

Anche questa settimana i mercati emergenti sembrano voler fare poco altro che non seguire l'andazzo generale dei mercati.

Matteo Nobile

20120107

Commodities

Il quadro sulle materie prime piuttosto sconcertante. I metalli preziosi, in particolare l'oro, dopo un picco oltre i 1900, se n' tornato mestamente in area 1600, un livello impressionante, ma va considerato di quanto si svalutato il dollaro. La cosa strana che tanto sulle agricole, quanto su metalli ed energia, il forte trend si bloccato come per incanto sui segnali che i paesi emergenti stavano rallentanto la crescita. I goldbugs tirano un sospiro di sollievo per: qualche decina di dollari in meno e i trend tecnici sarebbero stati devastati.

Matteo Nobile

20120107

Forex

Hildebrand (oltre che a difendersi dagli attacchi politici) continua a tener duro e nonostante la debolezza dell'EUR, mantiene il suo PEG. La forza del dollaro probabilmente una nuova fase di risk off, alla quale, probabilmente, si pu aggiungere che forse prima si era troppo pessimisti sugli USA stessi. Va detto che siamo di nuovo ad un passo dal tetto del credito, quindi tra qualche giorno/settimana si riprender la telenovela DEM-GOP...

Matteo Nobile

20120107

Considerazioni e portafogli I trend sembrano essere molto brevi, e molto volatili. O si sopporta la maggiore volatilit, oppure meglio lasciar perdere. Vale per la pena inserire nei portafogli strumenti che operano su periodi pi brevi come i managed futures, i fondi di trading, ... Per il resto, la diversificazione un po' aiuta a ridurre la volatilit di breve termine e ad approfittare di situazione magari estreme e non proprio razionali.