Sei sulla pagina 1di 3

HOME

CHI SIAMO

MISSION

Legislazione Regionale

Legislazione Nazionale

Legislazione europea

CONTRATTI DI SVILUPPO, IN GAZZETTA UFFICIALE LE INDICAZIONI OPERATIVE


Home Page Legislazione Nazionale

QRCODE

29 luglio 2011

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 174 del 28 luglio 2011 stata pubblicata la Circolare 16 giugno 2011 n. 21364recante Concessione delle agevolazioni a valere sullo strumento dei Contratti di sviluppo ( ) pubblicato nel

CERCA

S.O. alla G.U.R.I. del 24 dicembre 2010, n. 300. La circolare fornisce ulteriori indicazioni operative (rispetto allart. 3, comma 5 del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133). Le indicazioni riguardano: Exprom, progetto per linternazionalizzazione marzo 08, 2011 Popular Recent Comments Tags

1. Laffitto dellazienda

Sicurezza sul lavoro, lINAIL prepara un bando da 180mln di euro luglio 04, 2011

2. Le spese ammissibili FONDI PER LO SVILUPPO 3. Le agevolazioni concedibili ECONOMICO DEI PICCOLI COMUNI BANDO 2011 marzo 29, 2011 4. La fas e di accesso e negoziazione Progetto Paysmedurban aprile 29, 2011 5. La proposta definitiva di Contratto di Sviluppo REGIONE:PROGRAMMA 6. Lerogazione delle agevolazioni FORMAZIONE COMUNI PER FONDI UE marzo 23, 2011 7. Le variazioni successive alla sottoscrizione del Contratto

8. Il monitoraggio

9. Le revoche

I contratti di sviluppo, introdotti dallart.43

del d.l. 112/2008 (convertito, con modificazioni, dalla legge n.

133/2008), rappresentano una evoluzione dei contratti di programma e dei contratti di localizzazione, pur contenendo alcuni elementi di novit rilevanti e distintivi che fanno dei contratti di sviluppo un nuovo strumento di intervento in favore delle imprese. Come per i contratti di programma, lo scopo principale dei contratti di sviluppo di favorire lattrazione di investimenti anche esteri e la realizzazione di progetti di sviluppo dimpresa rilevanti per il rafforzamento della struttura produttiva del Paese, soprattutto nelle aree svantaggiate e nel Mezzogiorno in particolare. Tra gli elementi di novit pi significativi dei contratti di sviluppo, si segnala, invece, lampliamento dei settori di intervento, infatti, i progetti dinvestimento riguardano non solo il settore industriale, ma anche il turismo e il commercio, e possono essere realizzati da una o pi imprese nonch comprendere anche progetti di sviluppo sperimentale e la realizzazione di infrastrutture materiali e immateriali. Le agevolazioni, nella forma del contributo in conto interessi, del contributo in conto capitale (conto impianti) o in una combinazione di queste, nellambito di una procedura negoziale, sono disciplinate sulla base del regolamento generale di esenzione per categoria (Regolamento CE n. 800/2008 del 6.8.2008) che consente di attuare gli interventi in assenza di una preventiva notifica alla Commissione europea del regime di aiuto. Viene rafforzato il ruolo dellAgenzia nazionale per lattrazione degli investimenti e lo sviluppo dimpresa, alla

quale affidata la gestione complessiva dei contratti di sviluppo e viene semplificato notevolmente liter di approvazione. Le Regioni e le Province autonome interess ate dai progetti dinvestimento sono proceduralmente coinvolte, sia nella fase iniziale di accesso, anche ai fini di un eventuale cofinanziamento, sia nella fase di negoziazione, affinch si esprimano circa la compatibilit con i piani di sviluppo territoriale. I contratti di sviluppo hanno ad oggetto la realizzazione, su iniziativa di una o pi imprese, di un programma di sviluppo in uno dei settori individuati. Anche le imprese costituite allestero potranno proporsi, purch si impegnino ad istituire una sede secondaria con rappresentanza stabile nel territorio italiano, nellambito del programma di sviluppo e a mantenerla per almeno cinque anni dallultimazione del programma di sviluppo, ovvero , nel caso di piccole e medie imprese, per almeno tre anni dalla stessa data. I contributi a fondo perduto andranno dal 20 al 60% a fronte di programmi di investimento di importo minimo di 1,5 milioni. Limporto globale minimo per contratto cambia a seconda del settore in cui viene presentato; va dai 7,5 milioni dellindustria di trasformazione o commercializzazione dei prodotti agricoli fino a i 30 mln dellindustria tradizionale. I possibili programmi:

AMICI

Finanziamenti Fondo perduto Porfesr 2007-2013 su Facebook


Mi piace A 22 persone piace Finanziamenti Fondo perduto Porfesr 2007-2013.

Iv an

M assimo

E manuele

A lessia

M assimo

F rancesco

Infissi

E manuela

M anzo

E nzo

A ndrea

A rcmedia

G iancarlo

C arla

M irjam

Le imprese, a seconda del settore di interesse, possono presentare : un programma di sviluppo industriale: rientra in questo campo uniniziativa imprenditoriale finalizzata alla produzione di beni e/o servizi, per la cui realizzazione sono necessari uno o pi progetti d investimento industriale, e, eventualmente, progetti di ricerca industriale a prevalente sviluppo sperimentale, strettamente connessi e funzionali tra di loro in relazione al processo di produzione dei prodotti finali; un programma di sviluppo turistico: quando si tratta di uniniziativa imprenditoria le finalizzata allo sviluppo dellofferta turistica, attraverso il potenziamento e il miglioramento della qualit dellofferta ricettiva , delle attivit integrative lofferta ricettiva e dei s ervizi di supporto alla fruizione del prodotto turistico per la cui realizzazione sono necessari uno o pi progetti dinvestimento, ed , eventualmente, progetti di ricerca industriale e prevalente sviluppo sperimentale strettamente conness i e funzionali tra di loro in relazione alla definizione di offerta turistica per il territorio di riferimento; un programma di sviluppo commerciale : in ques to caso si tratta di uniniziativa imprenditoriale finalizzata allo sviluppo del settore commercial e, attraverso il potenziamento e la qualificazione dellofferta distributiva del territorio, per la cui realizzazione sono necessari uno o pi progetti dinvestimento ed eventualmente, progetti di ricerca industriale e prevalente sviluppo sperimentale, strettamente connessi e funzionali tra loro in relazione alla definizione dellofferta distributiva per il territorio di riferimento. Importo ammissibile: Per poter partecipare al progetto il singolo proponente deve presentare un progetto con un importo minimo pari a 1,5 mln di euro. Limporto complessivo delle spese e dei costi ammissibili degli investimenti presentato da tutti i partecipanti al contratto non deve essere inferiore a: 30 milioni di euro , con riferimento ai programmi di sviluppo industriale, importo che pu essere ridotto a 7,5 milioni di euro qualora tali programmi riguardino esclusivamente attivit di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli. Il proponente principale deve prevedere una spese ammissibile di importo complessivo non inferiore a 15 milioni di euro, a parte eventuali progetti di ricerca industriale e prevalente sviluppo sperimentale, ovvero 3 milioni di euro se tali programmi riguardano esclusivamente attivit di trasformazione e commercializzazione di prodotti agricoli; 22,5 milioni di euro, con riferimento ai programmi di sviluppo turistico. Il proponente principale deve prevedere una spes a ammissibile di importo complessivo non inferiore a 12 milioni di euro, a parte eventuali progetti di ricerca industriale e prevalente sviluppo sperimentale; 30 milioni di euro, con riferimento ai programmi di sviluppo commerciale. Il proponente principale deve prevedere una spese ammissibile di importo complessivo non inferiore a 15 milioni di euro, a parte eventuali progetti di ricerca industriale e prevalente sviluppo sperimentale. Progetti ammissibili: Le agevolazioni possono essere concesse a fronte di progetti dinvestimento volti ai seguenti obiettivi di sviluppo: a) realizzazione di nuove unit produttive; b) ampliamento di unit produttive esistenti; c) diversificazione della produzione di ununit produttiva in nuovi prodotti aggiuntivi; d) cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di ununit produttiva esistente. Non sono ammissibili alle agevolazioni per progetti costituiti da investimenti di mera sostituzione.
Finanziamenti Fondo Peduto PAPERWorkflow Distretti e cooperative, due nuovi bandi 2 persone consigliano questo elemento. Manovra finanziaria 2011: imprese, contributi e tasse Consiglia questo elemento prima di tutti i tuoi amici. Riqualificazione e sviluppo delle strutture ricettive alberghiere Consiglia questo elemento prima di tutti i tuoi amici. UE, Abruzzo potra' attingere ai 39mln di euro per la politica di coesione 53 persone consigliano questo elemento.
P lug-in sociale di F acebook

ATTIVIT DEL SITO

Attivit recenti

PAGINA

PARTNER

CONTATORE

RICHIEDICI INFORMAZIONI Nome (obbligatorio) E-mail (obbligatorio)

http://

Sito web

Invia E-Mail

Share

Mi piace

ARTICOLI CORRELATI

(0) COMMENTI
LASCIA UN COMMENTO
L'indirizzo email non verr pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nome *

Email *

Sito web Commento

possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

2011 Finanziamenti Fondo Perduto Porfesr. All Rights Reserved.

Powered by ARCmedia. Designed by ARCmedia