Sei sulla pagina 1di 18

Art.

1 - Aiuto alla crescita economica (Ace) Al fine di incentivare il rafforzamento patrimoniale delle imprese italiane, dal 2011 si introduce una deduzione dalla base imponibile del reddito dimpresa, pari al rendimento nozionale riferibile ai nuovi apporti di capitale di rischio e agli utili reinvestiti in riserve di capitale. Per i primi 3 anni, la deduzione determinata moltiplicando laumento del capitale proprio per il rendimento nozionale del nuovo capitale, fissato al 3% e variabile (con decreto del Mef da emanare entro il 31 gennaio di ogni anno) negli anni successivi, in base ai rendimenti finanziari medi dei titoli obbligazionari pubblici, aumentabili di ulteriori tre punti percentuali a titolo di compensazione del maggior rischio.

Art. 2 - Agevolazioni fiscali riferite al costo del lavoro nonch per donne e giovani A partire dallesercizio 2012, si rende deducibile dalla base imponibile Irpef e Ires, la quota Irap (Imposta regionale sulle attivit produttive) relativa alle spese per il personale dipendente e assimilato, al netto delle deduzioni gi esistenti spettanti allimpresa. Inoltre, dallesercizio 2012, per ogni incremento occupazionale di lavoratrici e giovani (under35) assunti (anche prima del 2012) a tempo indeterminato, vi laumento della deduzione Irap da 4.600 a 10.600 euro e da 9.200 a 15.200 euro per le regioni svantaggiate (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia).

Art. 3- Programmi regionali cofinanziati dai fondi strutturali e rifinanziamento fondo di garanzia Si prevede lesclusione dal calcolo delle spese finali delle Regioni, valido ai fini del Patto di Stabilit, nei limiti di 1.000 milioni di euro (per ciascuno degli anni 2012,2013 e 2014), delle spese sostenute dalle Regioni a titolo di cofinanziamento nazionale degli interventi realizzati con contributo dei Fondi Strutturali europei. Il fine laccelerazione delle spese che le amministrazioni titolari dei programmi comunitari sono tenute ad effettuare e certificare alla Commissione europea entro il 31 dicembre di ogni anno per non incorrere nel disimpegno automatico delle risorse comunitarie. Inoltre, viene istituito, nel bilancio di previsione del Mef, il "Fondo di compensazione per gli interventi volti a favorire lo sviluppo", con una dotazione di 1.000 milioni di euro annui, per il triennio 2012-2014, ripartita tra le singole regioni sulla base della chiave di riparto dei Fondi Strutturali 2007-2013. Viene incrementata la dotazione del Fondo di garanzia a favore delle piccole e medie imprese per 400 milioni di euro annui per il triennio 2012-2014. Infine, per assicurare il sostegno alle esportazioni, si prevede il versamento al Bilancio dello Stato dellimporto di 150 milioni di euro per lanno 2012 e 2013. Art. 4- Detrazioni per interventi di ristrutturazione, di efficientamento energetico e per spese conseguenti a calamit naturali Detrazioni fiscali per recupero del patrimonio edilizio. La detrazione del 36% sulle spese per le ristrutturazioni edilizie va a regime con inserimento nel Tuir (art. 16-bis), diventando cos una misura strutturale del sistema fiscale, non pi straordinaria e a rischio scadenza. Le condizioni di base rimangono le stesse: dallimposta lorda si detrae un importo pari al 36% delle spese documentate, fino ad un ammontare complessivo di 48.000 euro per unit immobiliare.

Viene chiarito che, quando si interviene in condominio, agevolata la manutenzione ordinaria sulle parti comuni di qualsiasi tipo, e non solo su quelle elencate dal n.1) dellart.1117 del Codice Civile. La detrazione viene estesa agli interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dellimmobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi (alluvioni, terremoti), sempre che sia stata dichiarato lo stato demergenza, anche anteriormente alla data di entrata in vigore della presente disposizione. Viene specificata la possibilit di beneficiare della detrazione per interventi rivolti alla: realizzazione di autorimesse o posti auto pertinenziali anche a propriet comune; eliminazione delle barriere architettoniche per favorire la mobilit interna ed esterna allabitazione per le persone portatrici di handicap in situazione di gravit; prevenzione del rischio di compimento di atti illeciti da parte di terzi; realizzazione di opere finalizzate alla cablatura degli edifici, al contenimento dellinquinamento acustico e al conseguimento di risparmi energetici con particolare riguardo allistallazione di impianti basati sullimpiego di fonti rinnovabili di energia; adozione di misure antisismiche; bonifica dallamianto ed esecuzione di opere per evitare infortuni domestici. Tra le spese sostenute sono comprese quelle di progettazione e prestazioni professionali connesse all'esecuzione delle opere edilizie e alla messa a norma degli edifici. La detrazione ridotta del 50% se gli edifici interessati sono adibiti promiscuamente allesercizio dellarte o della professione o allesercizio dellattivit commerciale. In caso di vendita dell'unit immobiliare sulla quale sono stati realizzati gli interventi la detrazione non utilizzata in tutto o in parte trasferita per i rimanenti periodi di imposta, salvo diverso accordo delle parti, all'acquirente dell'unit immobiliare. In caso di decesso dell'avente diritto, la fruizione del beneficio fiscale si trasmette, per intero, esclusivamente all'erede che conservi la detenzione materiale e diretta del bene. La detrazione viene ripartita in 10 quote annuali costanti e di pari importo. Detrazioni fiscali per riqualificazione energetica per il 2012. Per lanno 2012, prevista la proroga delle disposizioni relative ad agevolazioni tributarie per la riqualificazione energetica degli edifici. Le detrazioni in oggetto, spettanti nella misura del 55% della spesa, devono quindi essere ripartite in 10 quote annuali di pari importo. Dal 1 gennaio 2013, la detrazioni fiscali per riqualificazione energetica si ridurr al 36%, in quanto verr assorbita ed equiparata alla detrazione fiscali per recupero del patrimonio edilizio. Il bonus viene esteso alle spese per interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore per la produzione di acqua calda sanitaria.

Art. 5 - Introduzione dellIsee per la concessione di agevolazioni fiscali e benefici assistenziali, con destinazione dei relativi risparmi a favore delle famiglie Con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri, da emanare entro il 31 maggio 2012, sono rivisti le modalit di determinazione e i campi di applicazione dellISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) al fine di: adottare una definizione di reddito disponibile che includa la percezione di somme, anche se esenti da imposizione fiscale, e che tenga conto delle quote di patrimonio e di reddito dei diversi componenti della famiglia nonch dei pesi dei carichi familiari, in particolare dei figli successivi al secondo e di persone disabili a carico; migliorare la capacit selettiva dellindicatore, valorizzando in misura maggiore la componente patrimoniale in Italia e allestero, al netto del debito residuo per lacquisto della stessa e tenuto conto delle imposte relative; permettere una differenziazione dellindicatore per le diverse tipologie di prestazioni. Con il medesimo decreto sono individuate le agevolazioni fiscali e tariffarie nonch le provvidenze di

natura assistenziale che, dal 2013, non possono essere pi riconosciute ai soggetti in possesso di un ISEE superiore alla soglia individuata con il decreto stesso. Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Mef, sono definite le modalit con cui viene rafforzato il sistema dei controlli dellISEE, prevedendo tra laltro la costituzione di una banca dati delle prestazioni sociali agevolate, condizionate allISEE, attraverso linvio telematico allINPS, da parte degli enti erogatori. I risparmi derivanti dallapplicazione del presente articolo a favore del bilancio dello Stato e degli enti nazionali di previdenza e di assistenza sono versati allo Stato per essere riassegnati al Ministero del lavoro e delle politiche sociali per lattuazione di politiche sociali e assistenziali.

Misure di emersione della base imponibile e trasparenza fiscale

Art. 10 - Regime premiale per favorire la trasparenza Al fine di promuovere la trasparenza e l'emersione di base imponibile, dal 2013, istituito un regime premiale opzionale (consistente in semplificazioni contabili ed amministrative, assistenza negli adempimenti da parte dellAmministrazione finanziaria e benefici fiscali) per imprenditori individuali e professionisti, che provvedano all'invio telematico all'amministrazione finanziaria dei corrispettivi, delle fatture e delle risultanze degli acquisti e delle cessioni non soggetti a fattura ed istituiscano un conto corrente dedicato ai movimenti finanziari relativi all'attivit esercitata. Le agevolazioni aumentano per le imprese individuali e professionisti che non sono in regime di contabilit ordinaria. I soggetti che optano per il nuovo regime agevolato e non rispettano i relativi obblighi, perdono il diritto di avvalersi dei benefici e sono soggetti a una sanzione amministrativa da euro 1.500 a euro 4.000.

Art. 11- Emersione di base imponibile In sede di accertamento tributario, chiunque esibisca o trasmetta atti o documenti in tutto o in parte falsi, o fornisca dati e notizie non rispondenti al vero, punito penalmente. In caso di dati e notizie non rispondenti al vero il reato integrato solo se si configura un delitto tributario previsto dal DLgs 74/2000. Dal 2012, gli operatori finanziari sono obbligati a comunicare periodicamente all'anagrafe tributaria le movimentazioni relative ai rapporti finanziari e ogni informazione necessaria ai fini dei controlli fiscali, nonch l'importo delle operazioni finanziarie stesse. Con provvedimento dell'Agenzia delle entrate sono stabilite le modalit di comunicazione. Le informazioni comunicate verranno utilizzate dallAgenzia delle Entrate per lelaborazione di specifiche liste selettive di contribuenti a maggior rischio di evasione. Inoltre, lAgenzia delle entrate trasmette annualmente alle Camere una relazione con la quale sono comunicati i risultati relativi allemersione dellevasione a seguito dellapplicazione delle disposizioni di cui sopra. L'Inps fornisce all'Agenzia delle entrate ed alla Guardia di finanza i dati relativi alle posizioni di soggetti destinatari di prestazioni socio-assistenziali, affinch vengano effettuati controlli sui redditi dichiarati dagli stessi. Vengono soppressi i Consigli tributari presso i Comuni.

I controlli per i soggetti che hanno condonato e non versato sono prorogati al 31 dicembre 2013.

Art. 12 - Riduzione del limite per la tracciabilit dei pagamenti a 1.000 euro e contrasto alluso del contante La limitazione alluso del contante e dei titoli al portatore sono adeguate allimporto di 1000 euro. Per i trasferimenti di contante gi in vigore ladeguamento alla soglia dei mille euro dal 6 dicembre scorso, mentre ladeguamento dei libretti al portatore sar da farsi entro il 31 marzo 2012. Non costituisce infrazione la violazione delle disposizioni commessa nel periodo dal 6 dicembre 2011 al 31 gennaio 2012. Per le violazioni che riguardano libretti al portatore con saldo inferiore a 3.000 euro la sanzione pari al saldo del libretto stesso. Entro il 6 marzo 2012: le operazioni di pagamento delle spese delle pubbliche amministrazioni centrali e locali e dei loro enti sono disposte mediante l'utilizzo di strumenti telematici. fatto obbligo alle Pubbliche Amministrazioni di avviare il processo di superamento di sistemi basati sull'uso di supporti cartacei. questi pagamenti si effettuano in via ordinaria mediante accreditamento sui conti correnti bancari o postali dei creditori ovvero su altri strumenti di pagamento elettronici prescelti dal beneficiario. Gli eventuali pagamenti per cassa non possono, comunque, superare l'importo di 1000 euro; lo stipendio, la pensione, i compensi comunque corrisposti dalle pubbliche amministrazioni centrali e locali e dai loro enti, in via continuativa a prestatori d'opera e ogni altro tipo di emolumento a chiunque destinato, di importo superiore a 1000 euro, debbono essere erogati con strumenti di pagamento elettronici bancari o postali, comprese le carte di pagamento prepagate. Il limite di importo di cui sopra pu essere modificato con decreto del Mef; sono esenti dallimposta di bollo coloro che percepiscono trattamenti pensionistici minimi, assegni e pensioni sociali, quando i titolari rientrano nelle fasce socialmente svantaggiate di clientela (alle quali il c/c successivamente citato verr offerto senza spese); per consentire alle pubbliche amministrazioni di riscuotere le entrate di propria competenza con strumenti diversi dal contante, il Mef promuove la stipula, tramite la societ Consip Spa, di una o pi convenzioni con prestatori di servizi di pagamento, affinch i soggetti in questione possano dotarsi di POS (Point of Sale) a condizioni favorevoli. Il termine del 6 marzo 2012 pu essere prorogato con Dpcm. Il Mef, la Banca d'Italia, l'Abi, la societ Poste italiane Spa e le associazioni dei prestatori di servizi di pagamento definiscono con apposita convenzione, da stipulare entro 3 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, le caratteristiche di un conto corrente o di un conto di pagamento di base. In caso di mancata stipula della convenzione entro questa scadenza, le caratteristiche vengono fissate con decreto del Mef, sentita la Banca d'Italia. Con la stessa convenzione stabilito l'ammontare degli importi delle commissioni da applicare sui prelievi effettuati con carta autorizzata tramite la rete degli sportelli automatici presso una banca diversa da quella del titolare della carta. La convenzione individua le caratteristiche del conto avendo riguardo alle fasce socialmente svantaggiate di clientela alle quali il conto corrente offerto senza spese ed esente dall'imposta di bollo.

Disposizioni in materia di maggiori entrate

Art. 13 - Anticipazione sperimentale dellimposta municipale propria L'istituzione dell'imposta municipale propria anticipata al 2012, in via sperimentale, ed applicata fino al 2014 in tutti i comuni. Conseguentemente l'applicazione a regime dell'Imu fissata al 2015. L'Imu ha per presupposto il possesso di immobili, ivi compresa l'abitazione principale e le pertinenze della stessa. Per abitazione principale si intende l'immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unit immobiliare, nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente. Per pertinenze dell'abitazione principale si intendono esclusivamente quelle classificate nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, nella misura massima di un'unit pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali indicate, anche se iscritte in catasto unitamente all'unit ad uso abitativo. La base imponibile dellImu costituita dal valore dell'immobile. Per i fabbricati iscritti in catasto, il valore costituito da quello ottenuto applicando all'ammontare delle rendite risultanti in catasto, vigenti al 1 gennaio dell'anno di imposizione, rivalutate del 5%, i seguenti moltiplicatori: a) 160- per i fabbricati del gruppo catastale A e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, con esclusione della categoria catastale A/10; b) 140- per i fabbricati del gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5; b-bis). 80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale D/5; c) 80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale A/10; d) 60 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D, ad eccezione dei fabbricati classificati nella categoria catastale D/5; tale moltiplicatore elevato a 65 a decorrere dal 1 gennaio 2013; e) 55 per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1.

Per i terreni agricoli, il valore ottenuto applicando un moltiplicatore pari a 130 all'ammontare del reddito dominicale risultante in catasto, vigente al 1 gennaio dell'anno di imposizione, rivalutato del 25%. Per i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola il moltiplicatore pari a 110. L'aliquota di base dell'imposta pari allo 0,76%. I comuni con deliberazione del consiglio comunale, possono modificare, in aumento o in diminuzione, l'aliquota di base fino a 0,3 punti percentuali. Per l'abitazione principale e per le relative pertinenze l'aliquota ridotta allo 0,4%. I comuni possono modificare, in aumento o in diminuzione, la suddetta aliquota fino a 0,2 punti percentuali. L'aliquota ridotta allo 0,2% per i fabbricati rurali ad uso strumentale. I comuni possono ridurre la suddetta aliquota fino allo 0,1%. I comuni possono ridurre l'aliquota di base fino allo 0,4% nel caso di immobili non produttivi di reddito fondiario, o nel caso di immobili posseduti dai soggetti passivi dell'imposta sul reddito delle societ, o nel caso di immobili locati. Dall'imposta dovuta per l'unit immobiliare adibita ad abitazione principale del soggetto passivo e per le relative pertinenze, si detraggono, fino a concorrenza del suo ammontare, euro 200 rapportati al periodo dell'anno durante il quale si protrae tale destinazione; se l'unit immobiliare adibita ad abitazione principale da pi soggetti passivi, la detrazione spetta a ciascuno di essi proporzionalmente alla quota per la quale la destinazione medesima si verifica. Per gli anni 2012 e 2013 la detrazione maggiorata

di 50 euro per ciascun figlio di et non superiore a 26 anni, dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell'unit immobiliare adibita ad abitazione principale. L'importo complessivo della maggiorazione, al netto della detrazione di base, non pu superare l'importo massimo di euro 400. I comuni possono alzare l'importo della detrazione, fino a concorrenza dell'imposta dovuta, nel rispetto dell'equilibrio di bilancio. Ma, in tal caso, il comune che ha adottato detta deliberazione non pu stabilire un'aliquota superiore a quella ordinaria per le unit immobiliari tenute a disposizione. Allo Stato riservata la quota di imposta (versata contestualmente allImu) pari al 505 dellImu, ad eccezione di quella riferita all'abitazione principale e relative pertinenze, nonch ai fabbricati rurali ad uso strumentale. Alla quota di imposta riservata allo Stato non si applicano le detrazioni previste, nonch le detrazioni e le riduzioni di aliquota deliberate dai comuni. Per l'accertamento, la riscossione, i rimborsi, le sanzioni, gli interessi ed il contenzioso si applicano le disposizioni vigenti in materia di Imu. Le attivit di accertamento e riscossione dell'imposta erariale sono svolte dal comune al quale spettano le maggiori somme derivanti dallo svolgimento delle suddette attivit a titolo di imposta, interessi e sanzioni. Il versamento dell'imposta effettuato con le modalit stabilite con provvedimento del direttore dell'Agenzia delle entrate. I fabbricati rurali iscritti al catasto terreni devono essere dichiarati al catasto edilizio urbano entro il 30 novembre 2012. Nelle modalit di presentazione della dichiarazione di aggiornamento catastale, l'Imu corrisposta a titolo di acconto e salvo conguaglio, sulla base della rendita delle unit similari gi iscritte in catasto. Il conguaglio dell'imposta determinato dai comuni a seguito dell'attribuzione della rendita catastale. Dal 2012, tutte le deliberazioni regolamentari e tariffarie relative alle entrate tributarie degli enti locali devono essere inviate al Mef comunque entro 30 giorni dalla data di scadenza del termine previsto per l'approvazione del bilancio di previsione. Il mancato invio delle predette deliberazioni nei termini previsti sanzionato con il blocco, sino all'adempimento dell'obbligo dell'invio, delle risorse dovute agli enti inadempienti. Le modalit di attuazione sono stabilite con decreto di natura non regolamentare del Mef, il quale pubblica, sul proprio sito informatico, le deliberazioni inviate dai comuni (in sostituzione dell'avviso in Gazzetta Ufficiale). Tale imposta determina un incremento di entrata per i comuni alla quale corrisponde una riduzione di pari importo delle risorse erariali assegnate a valere sui fondi sperimentale di riequilibrio e perequativo, per i comuni delle regioni a statuto ordinario, e sui trasferimenti erariali, per i comuni delle regioni Siciliana a e Sardegna. Il fondo di solidariet per i mutui per l'acquisto della prima casa incrementata di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2012 e 2013.

Art. 14 - Istituzione del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi Dal 2013 istituito in tutti i comuni del territorio nazionale il tributo comunale sui rifiuti e sui servizi (Res), a copertura dei costi relativi al servizio di gestione dei rifiuti urbani e dei rifiuti assimilati avviati allo smaltimento e dei costi relativi ai servizi indivisibili dei comuni. Soggetto attivo dell'obbligazione tributaria il comune nel cui territorio sono ubicati gli immobili assoggettabili al tributo. Il tributo dovuto da chiunque possieda, occupi o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte, a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani.

Sono escluse dalla tassazione le aree scoperte pertinenziali o accessorie a civili abitazioni e le aree comuni condominiali che non siano detenute o occupate in via esclusiva. Il tributo dovuto da coloro che occupano o detengono i locali o le aree scoperte con vincolo di solidariet tra i componenti del nucleo familiare o tra coloro che usano in comune i locali o le aree stesse. In caso di utilizzi temporanei di durata non superiore a sei mesi, il tributo dovuto soltanto dal possessore dei locali e delle aree a titolo di propriet, usufrutto, uso, abitazione, superficie. Il tributo corrisposto in base a tariffa commisurata ad anno solare e alle quantit e qualit medie ordinarie di rifiuti prodotti per unit di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia di attivit svolte. Per le unit immobiliari a destinazione ordinaria iscritte o iscrivibili nel catasto edilizio urbano, la superficie assoggettabile al tributo pari all'80% della superficie catastale. Per gli immobili gi denunciati, i comuni modificano d'ufficio le superfici che risultano inferiori alla predetta percentuale a seguito di incrocio dei dati comunali con quelli dell'Agenzia del territorio. Nel caso in cui manchino, negli atti catastali, gli elementi necessari per effettuare la determinazione della superficie catastale, gli intestatari catastali provvedono a presentare all'ufficio provinciale dell'Agenzia del territorio la planimetria catastale del relativo immobile, per leventuale modifica. Per le unit immobiliari speciali la superficie assoggettabile al tributo costituita da quella calpestabile. La tariffa composta da una quota determinata in relazione alle componenti essenziali del costo del servizio di gestione dei rifiuti, e da una quota rapportata alle quantit di rifiuti conferiti. Con regolamento da emanare entro il 31 ottobre 2012, su proposta del Mef e del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare, sentita la Conferenza Stato-citt ed autonomie locali, sono stabiliti i criteri per l'individuazione del costo del servizio di gestione dei rifiuti e per la determinazione della tariffa. Alla tariffa cos determinata si applica una maggiorazione pari a 0,30 euro per metro quadrato, a copertura dei costi relativi ai servizi indivisibili dei comuni, i quali possono, con deliberazione del consiglio comunale, modificare in aumento la misura della maggiorazione fino a 0,40 euro, anche graduandola in ragione della tipologia dell'immobile e della zona. Tale maggiorazione, determinata dal 2013 un incremento di entrata per i comuni alla quale corrisponde una riduzione di pari importo delle risorse erariali assegnate a valere sui fondi sperimentale di riequilibrio e perequativo, per i comuni delle regioni a statuto ordinario, e sui trasferimenti erariali, per i comuni delle regioni Siciliana a e Sardegna. Il comune con regolamento pu prevedere riduzioni tariffarie, nella misura massima del 30%, nel caso di: a) abitazioni con unico occupante; b) abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale od altro uso limitato e discontinuo; c) locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente; d) abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora, per pi di sei mesi all'anno, all'estero; e) fabbricati rurali ad uso abitativo. Nelle zone in cui non effettuata la raccolta, il tributo dovuto in misura non superiore al 40% della tariffa da determinare, anche in maniera graduale, in relazione alla distanza dal pi vicino punto di raccolta rientrante nella zona perimetrata o di fatto servita.

Nella modulazione della tariffa sono assicurate riduzioni per la raccolta differenziata riferibile alle utenze domestiche. Alla tariffa applicato un coefficiente di riduzione proporzionale alle quantit di rifiuti assimilati che il produttore dimostri di aver avviato al recupero. Il consiglio comunale pu deliberare ulteriori riduzioni ed esenzioni. Il tributo dovuto nella misura massima del 20% della tariffa, in caso di mancato svolgimento del servizio di gestione dei rifiuti, o di effettuazione dello stesso in grave violazione della disciplina di riferimento, nonch di interruzione del servizio per motivi sindacali o per imprevedibili impedimenti organizzativi che abbiano determinato una situazione riconosciuta dall'autorit sanitaria di danno o pericolo di danno alle persone o all'ambiente. Con regolamento, il consiglio comunale disciplina l'applicazione del tributo, anche relativamente a: a) la classificazione delle categorie di attivit con omogenea potenzialit di produzione di rifiuti; b) la disciplina delle riduzioni tariffarie; c) la disciplina delle eventuali riduzioni ed esenzioni; d) l'individuazione di categorie di attivit produttive di rifiuti speciali alle quali applicare percentuali di riduzione; e) i termini di presentazione della dichiarazione e di versamento del tributo. Il consiglio comunale deve approvare le tariffe del tributo entro il termine fissato da norme statali per lapprovazione del bilancio di previsione, in conformit al piano finanziario del servizio di gestione dei rifiuti urbani, redatto dal soggetto che svolge il servizio stesso ed approvato dallautorit competente. I soggetti passivi del tributo presentano la dichiarazione su appositi modelli, in ogni caso obbligatoria, entro il termine stabilito dal comune nel regolamento, fissato in relazione alla data di inizio del possesso, dell'occupazione o della detenzione dei locali e delle aree assoggettabili a tributo. La dichiarazione ha effetto anche per gli anni successivi semprech non si verifichino modificazioni dei dati dichiarati. Il versamento del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi va effettuato esclusivamente al comune, in quattro rate trimestrali, scadenti nei mesi di gennaio, aprile, luglio e ottobre, mediante bollettino di conto corrente postale o modello di pagamento unificato. E' consentito il pagamento in unica soluzione entro il mese di giugno di ciascun anno. In caso di omessa presentazione della dichiarazione, si applica la sanzione dal 100% al 200% del tributo non versato, con un minimo di 50 euro. In caso di infedele dichiarazione, si applica la sanzione dal 50% al 100% del tributo non versato, con un minimo di 50 euro. In caso di mancata, incompleta o infedele risposta al questionario inviato dal comune per maggiori informazioni, entro il termine di 60 giorni dalla notifica dello stesso, si applica la sanzione da euro 100 a euro 500. Dal 2013, sono soppressi tutti i vigenti prelievi relativi alla gestione dei rifiuti urbani, sia di natura patrimoniale sia di natura tributaria, compresa l'addizionale per l'integrazione dei bilanci degli enti comunali di assistenza.

Art. 15 - Disposizioni in materia di accise Dal 7 dicembre 2011 vi stato laumento delle aliquote delle accise relative ai carburanti per autotrazione, fissate nelle seguenti misure:

a) benzina e benzina con piombo: euro 704,20 per mille litri; b) gasolio usato come carburante: euro 593,20 per mille litri; c) gas di petrolio liquefatti usati come carburante: euro 267,77 per mille chilogrammi; d) gas naturale per autotrazione: euro 0,00331 per metro cubo. A decorrere dal 1 gennaio 2013, l'aliquota di accisa sulla benzina e sulla benzina con piombo nonch l'aliquota di accisa sul gasolio usato come carburante, sono fissate, rispettivamente, ad euro 704,70 per mille litri e ad euro 593,70 per mille litri. Escluse dallincremento alcune categorie di soggetti esercenti lattivit di trasporto, per le quali previsto il rimborso del maggior onere conseguente agli aumenti dell'aliquota di accisa sul gasolio usato come carburante.

Art. 16 - Disposizioni per la tassazione di auto di lusso, imbarcazioni ed aerei Addizionale bollo auto superiori 185 KW. A partire dall'anno 2012, l'addizionale erariale della tassa automobilistica fissata in euro 20 per ogni chilowatt di potenza del veicolo superiore a 185 chilowatt. Diritti di stazionamento per le imbarcazioni da diporto. Dal 1 maggio 2012, le unit da diporto che stazionino in porti marittimi nazionali, navighino o siano ancorate in acque pubbliche, sono soggette al pagamento della tassa annuale di stazionamento, calcolata per ogni giorno, o frazione di esso. Il tributo commisurato alla lunghezza dellimbarcazione. La tassa ridotta alla met per le barche fino a 12 metri utilizzate come mezzo di locomozione ordinario da chi risiede nelle isole minori e nella laguna veneta. Sono esenti dalla tassa le unit: di propriet o in uso dello Stato; di salvataggio e battelli di servizio; utilizzate da enti ed associazioni di volontariato esclusivamente ai fini di assistenza sanitaria e pronto soccorso; nuove e usate in attesa di rivendita presso il costruttore o un operatore del settore. Con provvedimento dell'Agenzia delle entrate sono stabilite le modalit ed i termini di pagamento della tassa, di comunicazione dei dati identificativi dell'unit da diporto e delle informazioni necessarie all'attivit di controllo. Le Capitanerie di porto, le forze preposte alla tutela della sicurezza e alla vigilanza in mare, nonch le altre forze preposte alla pubblica sicurezza o gli altri organi di polizia giudiziaria e tributaria vigilano sul corretto assolvimento degli obblighi derivanti dalle disposizioni del presente articolo ed elevano, in caso di violazione, apposito processo verbale di constatazione che trasmettono alla direzione provinciale dell'Agenzia delle entrate competente per territorio, in relazione al luogo della commissione della violazione, per l'accertamento della stessa. Per l'accertamento, la riscossione e il contenzioso si applicano le disposizioni in materia di imposte sui redditi. Per l'omesso, ritardato o parziale versamento dell'imposta si applica una sanzione amministrativa tributaria dal 200 al 300% dell'importo non versato, oltre all'importo della tassa dovuta. Tassazione aeromobili privati. E' istituita l'imposta erariale sugli aeromobili privati in base al peso al decollo, con importo raddoppiato per gli elicotteri e fisso a 450 per alianti, motoalianti, autogiri e aerostati: Sono esenti dall'imposta gli aeromobili di Stato e quelli ad essi equiparati; gli aeromobili di propriet o in esercenza dei licenziatari dei servizi di linea e non di linea, nonch del lavoro aereo; gli aeromobili di propriet o in esercenza delle Organizzazioni Registrate, delle scuole di addestramento FTO e dei Centri di Addestramento per le Abilitazioni; gli aeromobili di propriet o in esercenza dell'Aero Club d'Italia, degli Aero Club locali e dell'Associazione nazionale paracadutisti d'Italia; gli aeromobili immatricolati a nome dei

costruttori e in attesa di vendita; gli aeromobili esclusivamente destinati all'elisoccorso o all'aviosoccorso. Limposta si applica anche agli aeromobili non immatricolati in Italia, se sostano nel territorio italiano per oltre 48 ore. L'imposta versata secondo modalit stabilite con provvedimento dall'Agenzia delle entrate da emanarsi entro 60 giorni dal 6 dicembre 2011.

Art. 17 - Canone Rai Dobbligo per le imprese e le societ di indicare, nella relativa dichiarazione dei redditi, il numero di abbonamento speciale alla radio o alla televisione la categoria di appartenenza ai fini dell'applicazione della tariffa di abbonamento radiotelevisivo speciale, nonch gli altri elementi che saranno eventualmente indicati nel provvedimento di approvazione del modello per la dichiarazione dei redditi, ai fini della verifica del pagamento del canone di abbonamento radiotelevisivo speciale.

Art. 18 - Clausola di salvaguardia A decorrere dal 1 ottobre 2012 sino al 31 dicembre 2012 le aliquote Iva del 10 e del 21% sono incrementate di 2 punti percentuali. Lincremento dellimposta rimane valido per tutto il 2013 e, a decorrere dal 1 gennaio 2014, le predette aliquote sono ulteriormente incrementate di 0,5 punti percentuali. Laumento dellIva sostituisce il taglio lineare delle agevolazioni qualora non arriveranno i risparmi della riforma fiscale.

Art. 19 - Disposizioni in materia di imposta di bollo su conti correnti, titoli, strumenti e prodotti finanziari, nonch su valori scudati, su attivit finanziarie e immobili detenuti allestero A decorrere dal 1 gennaio 2012 sono dovute: Imposte fisse su estratti conto, inviati dalle banche ai clienti, nonch estratti di conto corrente postale e rendiconti dei libretti di risparmio anche postali per ogni esemplare con periodicit annuale, pari a : a) euro 34,20, se il cliente persona fisica, b) euro 100,00, se il cliente soggetto diverso da persona fisica, Imposte proporzionali sulle comunicazioni alla clientela relative ai prodotti e agli strumenti finanziari, anche non soggetti ad obbligo di deposito, ad esclusione dei fondi pensione e dei fondi sanitari, pari a : - 1 per mille annuo per il 2012 - 1,5 per mille a decorrere dal 2013. L'estratto conto o il rendiconto si considerano in ogni caso inviati almeno una volta nel corso dell'anno anche quando non sussiste un obbligo di invio o di redazione. Se gli estratti conto sono inviati periodicamente nel corso dell'anno, l'imposta di bollo dovuta rapportata al periodo rendicontato. Se il cliente persona fisica, l'imposta non dovuta quando il valore medio di giacenza annuo risultante dagli estratti e dai libretti complessivamente non superiore a euro 5.000. La comunicazione relativa agli strumenti e ai prodotti finanziari, ivi compresi i buoni postali fruttiferi, anche non soggetti all'obbligo di deposito, si considera in ogni caso inviata almeno una volta nel corso dell'anno anche quando non sussiste un obbligo di invio o di

10

redazione. L'imposta comunque dovuta una volta l'anno o alla chiusura del rapporto. Se le comunicazioni sono inviate periodicamente nel corso dell'anno, l'imposta di bollo dovuta rapportata al periodo rendicontato. L'imposta dovuta nella misura minima di euro 34,20 e, limitatamente all'anno 2012, nella misura massima di euro 1.200. Sono comunque esenti i buoni postali fruttiferi di valore di rimborso complessivamente non superiore a euro 5.000. Con decreto del Mef sono stabilite modalit di attuazione. Imposta sulle attivit emerse a seguito della normativa dello scudo fiscale. Le attivit finanziarie oggetto di emersione sono soggette a un'imposta di bollo speciale annuale del 4 per mille. Per gli anni 2012 e 2013 l'aliquota stabilita, rispettivamente, nella misura del 10 e del 13,5 per mille. L'imposta determinata al netto dell'eventuale imposta di bollo sopra indicata . Gli intermediari provvedono a trattenere l'imposta dal conto del soggetto che ha effettuato l'emersione o ricevono provvista dallo stesso contribuente, ed effettuano il relativo versamento entro il 16 febbraio di ciascun anno con riferimento al valore delle attivit ancora segretate al 31 dicembre dell'anno precedente. Per il solo versamento da effettuare nel 2012 il valore delle attivit segretate quello al 6 dicembre 2011. Gli intermediari segnalano all'Agenzia delle entrate i contribuenti nei confronti dei quali non stata applicata e versata l'imposta con le modalit di cui sopra. Per l'omesso versamento dell'imposta si applica una sanzione pari all'importo non versato. Per l'accertamento e la riscossione dell'imposta nonch per il relativo contenzioso si applicano le disposizioni in materia di imposta di bollo. Per le attivit finanziarie oggetto di emersione che, alla data del 6 dicembre 2011, sono state in tutto o in parte prelevate dal rapporto di deposito, amministrazione o gestione acceso per effetto della procedura di emersione ovvero comunque dismesse, dovuta, per il solo anno 2012, una imposta straordinaria pari al 10 per mille. Imposta sul valore degli immobili situati all'estero. Dal 2011 istituita un'imposta sul valore degli immobili situati all'estero, a qualsiasi uso destinati dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato. Soggetto passivo dell'imposta il proprietario dell'immobile ovvero il titolare di altro diritto reale sullo stesso. L'imposta dovuta proporzionalmente alla quota di possesso e ai mesi dell'anno nei quali si protratto il possesso; a tal fine il mese durante il quale il possesso si protratto per almeno 15 giorni computato per intero. L'imposta stabilita nella misura dello 0,76% del valore degli immobili risultante dall'atto di acquisto o dai contratti e, in mancanza, secondo il valore di mercato rilevabile nel luogo in cui situato. Dall'imposta si deduce, fino a concorrenza del suo ammontare, un credito d'imposta pari all'ammontare dell'eventuale imposta patrimoniale versata nello Stato in cui situato l'immobile. Per il versamento, la liquidazione, l'accertamento, la riscossione, le sanzioni e i rimborsi nonch per il contenzioso, relativamente all'imposta si applicano le disposizioni previste per l'imposta sul reddito delle persone fisiche. Imposta sul valore delle attivit finanziarie detenute all'estero. Dal 2011 istituita un'imposta sul valore delle attivit finanziarie detenute all'estero dalle persone fisiche residenti nel territorio dello Stato. L'imposta dovuta proporzionalmente alla quota e al periodo di detenzione e stabilita nella misura dell'1 per mille annuo per il 2011 e il 2012 e dell'1,5 per mille del valore delle attivit finanziarie dal 2013. Il valore quello di mercato, rilevato al termine di ciascun anno solare nel luogo in cui sono detenute le attivit finanziarie, anche utilizzando la documentazione dell'intermediario estero di riferimento per le singole attivit e, in mancanza, secondo il valore nominale o di rimborso. Dall'imposta si deduce, fino a concorrenza del suo ammontare, un credito d'imposta pari all'ammontare dell'eventuale imposta patrimoniale versata allo Stato in cui sono detenute

11

le attivit finanziarie. Per il versamento, la liquidazione, l'accertamento, la riscossione, le sanzioni e i rimborsi nonch per il contenzioso, relativamente all'imposta si applicano le disposizioni previste per l'imposta sul reddito delle persone fisiche. Con uno o pi provvedimenti del Direttore dell'Agenzia delle entrate sono stabilite le disposizioni di attuazione delle imposte sopracitate, disponendo comunque che il versamento delle imposte sul valore degli immobili e delle attivit finanziarie detenute allestero effettuato entro il termine del versamento a saldo delle imposte sui redditi relative all'anno di riferimento. Riduzioni di spesa. Costi degli apparati

Art. 22 - Altre disposizioni in materia di enti e organismi pubblici Ai fini del monitoraggio della spesa pubblica, gli enti e gli organismi pubblici, compresi quelli di diritto privato (escluse le societ) che ricevono contributi a carico del bilancio dello Stato o al cui patrimonio lo Stato partecipa mediante apporti, sono tenuti a trasmettere i bilanci alle amministrazioni vigilanti e al Mef - Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato, entro 10 giorni dalla data di delibera o approvazione. Entro sei mesi dall'entrata in vigore del presente decreto, sono riordinati gli organi collegiali di indirizzo, amministrazione, vigilanza e controllo delle Agenzie, incluse quelle fiscali e degli enti e degli organismi strumentali, assicurando la riduzione del numero complessivo dei componenti dei medesimi organi a decorrere dal primo rinnovo dei componenti successivo alla data di entrata in vigore dei regolamenti previsti. La disciplina che stabilisce la riduzione del numero di componenti degli organi di amministrazione (fino a un massimo di cinque) e di controllo (fino a un massimo di tre) viene estesa alle Agenzie e agli enti e organismi strumentali sottoposti alla vigilanza delle Regioni, delle Province autonome di Trento e di Bolzano e degli enti locali.

Art. 23 Riduzione dei costi di funzionamento delle Autorit di Governo, del CNEL, delle Autorit indipendenti e delle Province Al fine di perseguire il contenimento della spesa viene prevista la riduzione del numero dei componenti degli organi di vertice di nove Autorit indipendenti. Sono previste modalit di gestione accentrata degli appalti per i comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti ricadenti nel territorio di ciascuna provincia. Ai dipendenti pubblici chiamati a far parte del Governo e che non siano membri del Parlamento, non pu essere corrisposto un trattamento economico complessivo superiore allindennit percepita dai parlamentari. Il periodo di aspettativa comunque utile sia per la pensione che per la buonuscita, con riferimento allultimo trattamento economico in godimento. Per i dirigenti esclusa la retribuzione di risultato. Se la Commissione governativa per il livellamento retributivo Italia-Europa non completa la ricognizione e lindividuazione della media dei trattamenti economici europei dei titolari di cariche elettive e di incarichi di vertice delle pubbliche amministrazioni, il Parlamento ed il Governo, ciascuno nellambito delle proprie attribuzioni, adotteranno immediatamente appositi atti per il conseguimento del livellamento remunerativo. Cnel. Il Cnel composto da esperti, da rappresentanti delle categorie produttive e da rappresentanti delle associazioni di promozione sociale e delle organizzazioni di volontariato, in numero di 64, oltre al presidente, secondo la seguente ripartizione:

12

a) dieci esperti, qualificati esponenti della cultura economica, sociale e giuridica, dei quali otto nominati dal Presidente della Repubblica e due proposti dal Presidente del Consiglio dei Ministri; b) quarantotto rappresentanti delle categorie produttive, dei quali ventidue rappresentanti dei lavoratori dipendenti di cui tre in rappresentanza dei dirigenti e quadri pubblici e privati, nove rappresentanti dei lavoratori autonomi e delle professioni e diciassette rappresentanti delle imprese. c) sei rappresentanti delle associazioni di promozione sociale e delle organizzazioni di volontariato, dei quali, rispettivamente, tre designati dall'Osservatorio nazionale dell'associazionismo e tre designati dall'Osservatorio nazionale per il volontariato. LAssemblea elegge in unica votazione due vicepresidenti. Con Dpcm, si provvede alla nomina dei componenti del Cnel. In sede di prima applicazione, al fine di evitare soluzione di continuit nel funzionamento del Consiglio, restano confermati, fino alla nomina dei nuovi componenti, gli attuali esperti, gli attuali rappresentanti delle categorie produttive di beni e servizi, nonch gli attuali rappresentanti delle associazioni di promozione sociale e delle organizzazioni di volontariato. In sede di prima applicazione, la riduzione numerica, nonch l'assegnazione dei resti percentuali risultanti da tale riduzione, tiene conto dei seguenti criteri: a) maggiore rappresentativit nella categoria di riferimento, secondo i dati acquisiti ai fini del rinnovo della composizione per il quinquennio 2010-2015, tenendo anche conto della specificit del settore rappresentato nell'ambito della categoria di riferimento; b) pluralismo. La durata in carica dei componenti del Cnel, ha scadenza coincidente con quella dell'attuale consiliatura relativa al quinquennio 2010- 2015. Province. Spettano alla Provincia esclusivamente le funzioni di indirizzo politico e di coordinamento delle attivit dei Comuni nelle materie e nei limiti indicati con legge statale o regionale, secondo le rispettive competenze. Il Consiglio provinciale ed il Presidente della Provincia sono organi di governo della Provincia, i quali durano in carica 5 anni. Il Consiglio provinciale composto da non pi di 10 componenti eletti dagli organi elettivi dei Comuni ricadenti nel territorio della Provincia. Le modalit di elezione sono stabilite con legge dello Stato entro il 30 dicembre 2012. Il Presidente della Provincia eletto dal Consiglio provinciale tra i suoi componenti. Lo Stato e le Regioni provvedono a trasferire ai Comuni, entro il 30 dicembre 2012, le funzioni conferite dalla normativa vigente alle Province e provvedono altres al trasferimento delle risorse umane, finanziarie e strumentali per l'esercizio delle funzioni trasferite, assicurando nell'ambito delle medesime risorse il necessario supporto di segreteria per l'operativit degli organi della provincia. In caso di mancato trasferimento delle funzioni da parte delle regioni entro il 31 dicembre 2012, si provvede in via sostitutiva, con la legge dello Stato. I Comuni possono istituire unioni o organi di raccordo per l'esercizio di specifici compiti o funzioni amministrativi garantendo l'invarianza della spesa. Viene prevista la gratuit di tutte le cariche elettive degli enti territoriali non previsti dalla Costituzione.

Articolo 23-bis - Compensi per gli amministratori con deleghe delle societ partecipate dal Ministero dell'economia e delle finanze Con decreto del Mef, da emanare entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, previo parere delle Commissioni parlamentari competenti, le societ non quotate, direttamente controllate dal Mef, sono classificate per fasce sulla base di

13

indicatori dimensionali quantitativi e qualitativi. Per ciascuna fascia determinato il compenso massimo al quale i consigli di amministrazione di dette societ devono fare riferimento, secondo criteri oggettivi e trasparenti, per la determinazione degli emolumenti da corrispondere. L'individuazione delle fasce di classificazione e dei relativi compensi potr essere effettuata anche sulla base di analisi svolte da primarie istituzioni specializzate. Con decreto del Mef si provvede a rideterminare, almeno ogni tre anni, le fasce di classificazione e l'importo massimo, in considerazione di mutamenti di mercato e in relazione al tasso di inflazione programmato, nel rispetto degli obiettivi di contenimento della spesa pubblica. Gli emolumenti possono includere una componente variabile che non pu risultare inferiore al 30% della componente fissa e che corrisposta in misura proporzionale al grado di raggiungimento di obiettivi annuali, oggettivi e specifici determinati preventivamente dal consiglio di amministrazione. L'assemblea verifica il raggiungimento dei predetti obiettivi. Nella determinazione degli emolumenti da corrispondere, i consigli di amministrazione delle societ non quotate, controllate dalle societ di cui sopra, non possono superare il limite massimo indicato per la societ controllante dal decreto del Mef e devono in ogni caso attenersi ai medesimi princpi di oggettivit e trasparenza. Il decreto sottoposto alla registrazione della Corte dei Conti.

Articolo 23-ter - Disposizioni in materia di trattamenti economici

Con Dpcm, previo parere delle competenti Commissioni parlamentari, entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, definito il trattamento economico annuo onnicomprensivo di chiunque riceva a carico delle finanze pubbliche emolumenti o retribuzioni nell'ambito di rapporti di lavoro dipendente o autonomo con pubbliche amministrazioni statali, ivi incluso il personale in regime di diritto pubblico, stabilendo come parametro massimo di riferimento il trattamento economico del primo presidente della Corte di Cassazione. Ai fini dell'applicazione della disciplina devono essere computate in modo cumulativo le somme comunque erogate all'interessato a carico del medesimo o di pi organismi, anche nel caso di pluralit di incarichi conferiti da uno stesso organismo nel corso dell'anno. Il personale che chiamato, conservando il trattamento economico riconosciuto dall'amministrazione di appartenenza, all'esercizio di funzioni direttive, dirigenziali o equiparate, anche in posizione di fuori ruolo o di aspettativa, presso Ministeri o enti pubblici nazionali, comprese le autorit amministrative indipendenti, non pu ricevere, a titolo di retribuzione o di indennit per l'incarico ricoperto, o anche soltanto per il rimborso delle spese, pi del 25% dell'ammontare complessivo del trattamento economico percepito. Con il decreto di cui sopra, possono essere previste deroghe motivate per le posizioni apicali delle rispettive amministrazioni ed stabilito un limite massimo per i rimborsi spese. Le risorse rivenienti dall'applicazione delle presenti misure sono annualmente versate al Fondo per l'ammortamento dei titoli di Stato.

14

Misure per la riduzione del debito pubblico

Art. 25- Riduzione del debito pubblico Una quota (da stabilire con Dpcm) dei proventi della vendita all'asta dei diritti di emissione di Co2 viene destinata al Fondo ammortamento titoli di Stato.

Art. 26 - Prescrizione anticipata delle lire in circolazione Le banconote, i biglietti e le monete in lire ancora in circolazione si prescrivono a favore dell'Erario con decorrenza immediata. Il relativo controvalore assegnato al Fondo ammortamento dei titoli di Stato.

Art. 27 - Dismissioni immobili Il Mef - Agenzia del demanio promuove iniziative idonee per la costituzione di societ, consorzi o fondi immobiliari ai fini della valorizzazione, trasformazione, gestione e alienazione del patrimonio immobiliare pubblico di propriet dei Comuni, Province, Citt metropolitane, Regioni, Stato e degli Enti vigilati dagli stessi, nonch dei diritti reali relativi ai beni immobili, anche demaniali. Uno dei fini di realizzare una migliore cooperazione e pianificazione delle iniziative in materia di territorio da parte dello Stato, delle Regioni e degli enti locali. Soprattutto alle Regioni, con la Provincia e i Comuni interessati, affidato il compito di promuovere iniziative volte alla formazione di programmi unitari di valorizzazione per il riutilizzo funzionale e la rigenerazione degli immobili pubblici di loro propriet e degli altri soggetti pubblici. Nel caso la valorizzazione degli immobili appartenenti allo Stato comporti la loro vendita, una parte del ricavato compresa tra il 5 ed il 15% corrisposta a richiesta allente territoriale interessato. Si prevede,inoltre, la soppressione del Fondo unico destinato alle spese per canoni di locazioni di immobili assegnati alle amministrazioni dello Stato. Concorso alla manovra degli Enti territoriali

Art. 28 - Concorso alla manovra degli Enti territoriali e ulteriori riduzioni di spese A decorrere dall'anno di imposta 2011, laliquota base delladdizionale regionale allIrpef sale dallo 0,9% all1,23%. Per le Regioni a statuto ordinario, dove limposta destinata al finanziamento del Ssn, viene ridotta la compartecipazione Iva destinata al finanziamento del sistema sanitario per un importo pari allincremento di gettito derivante dalla rideterminazione dellaliquota di base.

15

La stessa aliquota si applica anche alle Regioni a Statuto Speciale e alle Province autonome di Trento e Bolzano, le quali assicurano, a decorrere dall'anno 2012, un concorso alla finanza pubblica di euro 860 milioni annui. Le Regioni Valle d'Aosta e Friuli Venezia Giulia e le Province autonome di Trento e Bolzano assicurano, a decorrere dall'anno 2012, un concorso alla finanza pubblica di 60 milioni di euro annui, da parte dei Comuni ricadenti nel proprio territorio. Limporto complessivo di 920 milioni, accantonato a valere sulle quote di compartecipazione ai tributi erariali in misura proporzionale alla media degli impegni finali registrata per ciascuna autonomia nel triennio 2007-2009. Per gli anni 2012 e successivi, il fondo sperimentale di riequilibrio e il fondo perequativo ed i trasferimenti erariali dovuti ai Comuni della Regione Siciliana e della Regione Sardegna sono ridotti di ulteriori 1.450 milioni di euro. Sempre dal 2012, il fondo sperimentale di riequilibrio, il fondo perequativo, ed i trasferimenti erariali dovuti alle Province della Regione Siciliana e della Regione Sardegna sono ridotti di ulteriori 415 milioni di euro. Per i Comuni, la riduzione ripartita in proporzione alla distribuzione territoriale dell'Imu sperimentale, mentre per le province, la riduzione ripartita proporzionalmente. Viene, inoltre, abrogata una disposizione del decreto legislativo 68/2011, per cui sarebbe stato devoluto alla provincia un gettito non inferiore a quello della soppressa addizionale provinciale all'energia elettrica. Infine, si vieta agli enti nei quali lincidenza delle spese del personale sia pari o superiore al 50% delle spese correnti di procedere ad assunzioni di personale. Al fine di potenziare il coordinamento della finanza pubblica avviata la ridefinizione delle regole del patto di stabilit interno.

Esigenze indifferibili

Art. 30 - Esigenze indifferibili Per l'anno 2011, si prevede lutilizzo delle risorse iscritte in bilancio e gi finalizzate per il trasporto pubblico locale al fine di assicurare nelle regioni a statuto ordinario i necessari servizi da parte di Trenitalia s.p.a. Il Fondo per il finanziamento del trasporto pubblico locale, anche ferroviario, nelle regioni a statuto ordinario incrementato di 800 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2012. A decorrere dall'anno 2013 il fondo alimentato da una compartecipazione al gettito derivante dalle accise sui carburanti. L'aliquota della compartecipazione stabilita entro il 30 settembre 2012 con Dpcm, su proposta del Mef. Conseguentemente, sono abrogate le norme del DLgs 68/2011 che dispongono la soppressione della compartecipazione regionale all'accisa sulla benzina. Norme specifiche sono previste nel caso del trasporto pubblico locale della laguna di Venezia. Per il 2012, la dotazione finanziaria del Fondo per la protezione civile incrementata di 57 milioni di euro. Al relativo onere si fa ricorso alla quota destinata allo Stato dell'otto per mille IRPEF per lanno 2012.

16

Disposizioni per la promozione e la tutela della concorrenza Liberalizzazioni

Art. 31 - Esercizi commerciali La liberalizzazione degli orari degli esercizi commerciali attualmente prevista, in modo sperimentale, per i comuni a vocazione turistica, resa permanente ed estesa a tutto il territorio nazionale. Costituisce principio generale dell'ordinamento nazionale la libert di apertura di nuovi esercizi commerciali sul territorio senza contingenti, limiti territoriali o altri vincoli di qualsiasi altra natura, esclusi quelli connessi alla tutela della salute, dei lavoratori, dell'ambiente (incluso lambiente urbano) e dei beni culturali. Le Regioni e gli enti locali adeguano i propri ordinamenti alla presente disposizione entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto. Concorrenza

Art. 34 - Liberalizzazione delle attivit economiche ed eliminazione dei controlli ex-ante Vengono abrogate, con effetto immediato, le disposizioni vigenti che limitano a livello soggettivo, oggettivo o di allocazione lesercizio dellattivit economica, nonch le norme di imposizione di prezzi minimi e commissioni per la fornitura di beni e servizi. Sono fatte salve unicamente le esigenze imperative di interesse generale, costituzionalmente rilevanti e compatibili con lordinamento comunitario. Sono abrogate le restrizioni nellallocazione di unattivit economica, limposizione di prezzi minimi e le commissioni per la fornitura di beni e servizi. Inoltre, l'Antitrust tenuta a dare parere obbligatorio, da rendere nel termine di 30 giorni dalla ricezione del provvedimento, sui disegni di legge governativi e i regolamenti che introducono restrizioni all'accesso e all'esercizio di attivit economiche.

Art. 35 - Potenziamento dell'Antitrust Sono ampliati i poteri dell'Autorit Garante della concorrenza e del mercato, essendo ora legittimata ad agire in giudizio contro gli atti amministrativi generali, i regolamenti ed i provvedimenti di qualsiasi amministrazione pubblica che violino le norme a tutela della concorrenza e del mercato.

Art. 36 - Tutela della concorrenza e partecipazioni personali incrociate nei mercati del credito e finanziari Ai fini di un miglioramento della concorrenza tra le imprese operanti nel settore assicurativo, finanziario e creditizio, viene vietato ai titolari di cariche negli organi gestionali, di sorveglianza e di controllo e ai vertici delle strutture organizzative, di assumere incarichi in imprese tra loro concorrenti o controllate.

17

Art. 36 bis- Ulteriori disposizioni in materia di tutela della concorrenza nel settore del credito E' considerata scorretta la pratica commerciale di una banca, di un istituto di credito o di un intermediario finanziario che, ai fini della stipula di un contratto di mutuo, obbliga il cliente alla sottoscrizione di una polizza assicurativa erogata dalla medesima banca, istituto o intermediario.

Art. 37 - Liberalizzazione del settore dei trasporti Il Governo, con uno o pi regolamenti da adottare entro 6 mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, emana le disposizioni volte a realizzare una compiuta liberalizzazione e una efficiente regolazione nel settore dei trasporti e dellaccesso alle relative infrastrutture. Verr individuata, tra le Autorit indipendenti esistenti quella che avr il compito di: garantire condizioni di accesso eque e non discriminatorie alle infrastrutture e alle reti ferroviarie, aeroportuali e portuali e alla mobilit urbana collegata a stazioni, aeroporti e porti; definire i criteri per la fissazione da parte dei soggetti competenti delle tariffe, dei canoni e dei pedaggi; stabilire le condizioni minime di qualit dei servizi di trasporto connotati da oneri di servizio pubblico o sovvenzionati. Inoltre, si stabilisce che lAutorit tenuta a rendere pubblici nei modi pi opportuni i provvedimenti di regolazione e a riferire annualmente alle Camere circa lo stato del processo di liberalizzazione.

Conclusioni

Art. 48 - Clausola di finalizzazione Le maggiori entrate erariali derivanti dal presente decreto sono riservate all'Erario, per un periodo di 5 anni, per essere destinate alle esigenze prioritarie di raggiungimento degli obiettivi di finanza pubblica concordati in sede europea. Con decreto del Mef, da emanare entro 60 giorni dalla data di entrata in vigore della legge, sono stabilite le modalit di individuazione del maggior gettito.

18