Sei sulla pagina 1di 2

40 CONVEGNO NAZIONALE, 7-10 SETTEMBRE 2011, UNIVERSIT DEGLI STUDI DI PALERMO

AIAS ASSOCIAZIONE ITALIANA PER LANALISI DELLE SOLLECITAZIONI

ANALISI STRUTTURALE DI CERCHIONI MOTOCICLISTICI


D. Sandonia, A. Zucchellia, L. Bagnolib
a

Universit di Bologna, Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni Meccaniche, Nucleari, Aeronautiche e di Metallurgia, Viale del Risorgimento, 2 40135 Bologna, e-mail: davide.sandoni@studio.unibo.it, a.zucchelli@unibo.it b Ducati Motor Holding S.p.A., Via Cavalieri Ducati, 3 40132 Bologna, e-mail: leonardo.bagnoli@ducati.com

Parole chiave: cerchione, omologazione, elementi finiti, analisi statiche, fatica I cerchioni motociclistici devono essere sottoposti a test affaticanti e dimpatto per poter essere omologati alluso stradale. Lo studio che si intende presentare concentrato sullo sviluppo di modelli agli elementi finiti e di analisi statiche per simulare tali test domologazione e valutare le tensioni e le deformazioni dei cerchioni analizzati. Nel presente lavoro si fatto riferimento alle normative Tv (tedesca) e Jaso (giapponese), che richiedono le prove affaticanti di momento flettente, momento torcente, rotolamento e, solo per la normativa Jaso, un test dimpatto. Nel lavoro stata condotta unanalisi di convergenza al variare del tipo e della dimensione degli elementi finiti [1] col fine di determinare la migliore discretizzazione dei cerchioni che combini qualit e velocit di ottenimento dei risultati. Particolare importanza stata data alla ricerca del modulo di elasticit del pneumatico partendo dal valore della rigidezza radiale del copertone ottenuto sperimentalmente [2]. Dopo aver determinato i carichi mediante le formule riportate nelle normative, le tre prove affaticanti sono state realizzate considerando diversi step di simulazione per tenere conto dello spostamento dei carichi. Le tensioni risultanti da tali loadstep sono state elaborate analiticamente per determinare dei coefficienti di sicurezza [3] indicativi dello stato tensionale a fatica dei cerchioni. Si sono inoltre eseguiti affinamenti dei modelli delle apparecchiature di carico per valutare eventuali differenze nei risultati. Sono stati sviluppati e indagati modelli per la determinazione del valore del carico da applicare nella simulazione del test dimpatto [4, 5] senza dover ricorrere ad una prova sperimentale.

Risultati I calcoli della resistenza a fatica dei cerchioni hanno portato ad un esito positivo (come confermato dallevidenza sperimentale), con valori dei coefficienti di sicurezza maggiori dellunit. Si sono confrontati inoltre i due standard normativi considerati, valutando le differenze nei relativi risultati, evidenziando la maggiore severit dello standard Tv.

Si implementata e testata una procedura per la realizzazione delle analisi simulanti le prove domologazione, col fine di impostare facilmente il calcolo a fatica.

Figura 1: Modello del cerchione-pneumatico e tensioni di VonMises per la prova di rotolamento Tv

Bibliografia [1] F. Cesari, Introduzione al metodo degli elementi finiti, ed. Pitagora (1995) [2] V. Cossalter, A. Doria, Identificazione delle caratteristiche meccaniche dei pneumatici motociclistici, Dipartimento di Ingegneria Meccanica, Universit di Padova, Padova (2003) [3] J. E. Shigley, C. R. Mischke, R. G. Budynas, Progetto e costruzione di macchine, ed. McGrawHill (2005) [4] R. C. Juvinall, K. M. Marshek, Fondamenti della progettazione dei componenti delle macchine, ETS (1993) [5] C. L. Chang, S. H. Yang, Simulation of wheel impact test using nite element method, Engineering Failure Analysis, p. 1711-1719 (2009)