Sei sulla pagina 1di 2

A Brescia la ripresa passa per linternazionalizzazione: 400 imprese italiane allUBI International Open Day alla ricerca di nuove

opportunit nei BRIC e in Europa Centro Orientale Alle tavole rotonde, agli stand e ai workshop, oltre 400 tra imprenditori e manager italiani a colloquio con gli esperti di UBI Banca e con i professionisti e consulenti delle imprese che hanno conquistato quei mercati

22 Novembre 2011 Entrare in nuovi mercati per rispondere alla crisi e far ripartire la crescita: 400 aziende italiane hanno partecipato allUBI International Open Day, a Brixia Expo Fiera di Brescia, lappuntamento organizzato da UBI Banca per guidare le imprese verso linternazionalizzazione nei paesi BRIC ed Europa Centro Orientale mettendo a disposizione consulenti e professionisti a KM zero. Giunto alla seconda edizione, lUBI International Open Day ha offerto nelle due giornate (21 e 22 Novembre 2011) momenti di analisi delle opportunit e dei rischi dei singoli paesi attraverso tavole rotonde, workshop tematici e unarea espositiva in cui 100 professionisti, in ambito legale, tributario, amministrativo, risorse umane, immobiliare, logistico e assicurativo provenienti da ogni parte del mondo, si sono messi a disposizione delle imprese per momenti one to one. Nello specifico le tavole rotonde sui diversi mercati hanno offerto uno scenario approfondito delle dinamiche da valutare per un ingresso in Brasile, Russia, India e Cina grazie alle letture di scenario fornite dai rappresentanti degli uffici locali di UBI Banca e alle testimonianze delle aziende italiane che gi rappresentano dei casi di successo in quei paesi. La tavola rotonda Investire ed operare nel Far East: mito o realt? a cui hanno partecipato il presidente di LU-VE Iginio Liberali, Attilio Camozzi Presidente del Gruppo omonimo e Enrico Guerreschi, Direttore Vendite di VI.BE.MAC spa, ha offerto agli imprenditori e ai manager una visione non solo del mercato cinese, ma anche delle nuove realt come Corea, Indonesia, Thailandia e Vietnam, che stanno crescendo in maniera significativa sia in termini di PIL sia di consumi e dove si configurano molteplici occasioni non solo in termini di delocalizzazione produttiva ma di nuovo bacino di utenti in cui offrire i propri prodotti e servizi. La tavola rotonda Brasile nuova potenza mondiale: opportunit, vantaggi, criticit, che ha visto le testimonianze del Gruppo Sabaf e del Gruppo Acerbi, ha sottolineato come la capacit del Paese di produrre commodities abbia consentito alla sua economia di beneficiare del boom mondiale dei prezzi delle materie prime e di crescere velocemente. In Brasile la fiducia e lapertura alle imprese straniere rappresentano leve fondamentali per pianificarvi lingresso, specie in regioni particolari.

SEST LU-VE e Calzificio Bellafonte hanno partecipato a Russia: stabilit della crescita o crescita della stabilit? la tavola rotonda che ha esaminato il trend di crescita del paese che nellultimo biennio ha visto in aumento PIL, redditi e i consumi. Risulta di particolare appetibilit per le imprese italiane la possibilit di investire sfruttando le zone economiche speciali o finanziare gli importatori per trovare nuovi sbocchi di vendita in quel mercato. Molto seguito anche lappuntamento Investire ed operare in India: i nuovi trend di liberalizzazione degli Investimenti Diretti Esteri in cui grazie anche agli interventi di Guarniflon, Leonardo e Studio Broli si sono analizzate le opportunit nelle zone economiche speciali del Paese che essendo esenti da tassazione invitano gli operatori stranieri a sviluppare il business attraverso attivit di esportazione, produzione e creazione di nuove infrastrutture. UBI Banca con i suoi uffici locali e grazie alle sinergie con le societ del Gruppo a livello globale vanta una significativa presenza internazionale nelle aree BRIC e dellEuropa Centro Orientale. La forte expertise a livello di conoscenza dei mercati e le relazioni istituzionali attivate nei diversi paesi consentono ad UBI Banca di fornire alle piccole e medie imprese italiane il supporto necessario ad entrare nei mercati esteri a maggiore potenzialit, non solo attraverso il sostegno finanziario, ma favorendo accordi di cooperazione con le istituzioni locali, attivit di ricerca e di definizione di potenziali partners commerciali e industriali, consulenza legale per operazioni di joint venture e studi di fattibilit o ricerche di mercato. In un momento particolarmente delicato come quello attuale, laffiancamento di un partner come il Gruppo UBI, consente alle imprese italiane di perseguire una corretta strategia di internazionalizzazione e di sviluppare fuori confine il proprio business, valorizzando le capacit, il livello qualitativo e il know-how imprenditoriale. Per approfondire ulteriormente www.bric.ubibanca.com. il tema dellinternazionalizzazione sui mercati BRCI:

Per ulteriori informazioni: UBI Banca Simone Zavatarelli Responsabile Comunicazione Istituzionale e Relazioni con la Stampa 030/2433591 335/8268310 DAntona&Partners Marco Fusco - 02/8545701 345/6538145 m.fusco@dandp.it