Sei sulla pagina 1di 1

spettacolo indimenticabile

mosi nel susseguirsi di mazurche e czardas piene di brio e

menticabile "Coppelia". f
RIPRODUZIONERISERVATA

Labambola Coppelia,unastaticitapparente, intrisa di magia

Unaltro momento dellaversione delloperafirmata Monteverde

LEVENTO. Teatro comunaleVerdi di Lonigoincantatodalrecital Lacattiva stradaconlaPiccola BottegaBaltazar,TognazzoeOstanel

Laballata perDe Andr hail profumodi poesia


Lamusicadiventaun gioco per trovaretesti letterariadeguati
Lino Zonin
LONIGO

La voce calda di Fabrizio De Andr risuona dagli altoparlanti del teatro Comunale di Lonigo e dice: "Per parlare di certe cose, ci vuole pi spazio di una canzone". E' vero. Argomenti come la vita e la morte, la pace e la guerra, l'amore e l'odio, la felicit, la noia, l'allegria, la tristezza sono troppo grandi per poter essere compressi in quattro strofe e un accordo. Quelli che una canzone riesce a esprimere sono semmai solo frammenti di emozioni, piccoli spunti per ragionarci un po' su e da approfondire poi con calma, magari facendosi aiutare da un buon libro. Parte da qui il lavoro che i musicisti della Piccola Bottega Baltazar hanno compiuto sull'eredit musicale lasciata dal cantautore genovese e che hanno condensato in un reci-

tal intitolato "La cattiva strada. Ballata per Fabrizio De Andr", presentato con successo al teatro leoniceno. Non un'esibizione delle solite cover band che, sfruttando la voce impostata del cantante e pescando a piene mani nel vasto repertorio di Faber, mettono insieme un nostalgico repertorio di successi, ma uno spettacolo colto e pieno di pathos nel quale la musica si alterna con felice intuizione alla parola e all' immagine. Oltre ai quattro musicisti della Piccola Bottega Baltazar sono infatti in scena due altri protagonisti: Filippo Tognazzo, che legge e drammatizza alcuni testi scelti per la loro affinit di spirito e contenuto con i brani in scaletta, e Guido Ostanel, editore di un fumetto che il disegnatore Sergio Algozzino ha dedicato ad alcuni dei pi noti personaggi creati dalla fantasia di De Andr. Ostanel si ritaglia il ruolo

ConlaBaltazar ancheTognazzo
di annunciatore dei vari quadri di cui si compone lo spettacolo e le sue parole rimbalzano su uno schermo che riproduce le immagini del libro. Il gioco di trovare un testo letterario che si sposi alla vena poetica di De Andr inizia con il vibrante elogio di Geroges Brassens a "La cattiva reputazione", affiancato a due brani

Lesibizione dellaPiccola BottegaBaltazar alteatro Verdidi Lonigo. FOTO LINO ZONIN


in perfetta sintonia come "Il gorilla" e "Ottocento", che mettono subito in evidenza le qualit musicali del gruppo. Il contrabbasso di Antonio De Zanche e la batteria di Graziano Colella accompagnano con il giusto ritmo la fisarmonica di Sergio Marchesini, vero motore melodico del concerto. Giorgio Gobbo ci mette gli accordi di chitarra acustica e soprattutto una voce chiara e precisa, diversa da quella dell'artista al quale si ispira ma proprio per questo pi originale e interessante. La lauda di Jacopone da Todi "Donna de Paradiso" che Tognazzo recita con empito drammatico, si specchia, con identico dolore, nelle tristi note di "Tre madri"; "Il suonatore Jones" tratto dall'"Antologia di Spoon River" di Edgar Lee Masters, richiama sia l'omonimo brano contenuto in "Non al denaro, non all'amore n al cielo" e, con felice abbinamento, a "Il pescatore": stessa storia di solitudine e abbandono, stesso anelito, forse vano, di salvezza. Charles Baudelaire e Um-

berto Saba, uno con "Le spleen de Paris", l'altro con "La citt vecchia", sembrano fatti apposta per rievocare le prime canzoni di Faber, quelle dedicate ai vicoli pi sordidi della sua Genova, alle giovani prostitute, al "tipo strano che ha venduto per tremila lire sua madre a un nano". Sulla stessa scia, con letture tratte da "La ballata delle madri" di Pier Paolo Pasolini e dal film francese "La maman e la putain", si crea lo spazio per canzoni come "Bocca di rosa" e "Il bombarolo" e di altre ("Volta la carta", "Don Raffa" e "Hotel Supramonte") nelle quali la vena musicale di De Andr incrocia felicemente le rime del veronese Massimo Bubola. Il bis concesso dopo i fragorosi applausi del pubblico mette in mostra un'altra caratteristica della Piccola Bottega Baltazar, quella legata alla ricerca sulla musica popolare e ben illustrata dalla struggente ninna nanna "A foghi spenti". Poi, una movimentata versione di "Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers" con Filippo Tognazzo del doppio ruolo del "sire vincitor" e della pretenziosa pulzella, manda tutti a casa di buonumore. f
RIPRODUZIONERISERVATA