Sei sulla pagina 1di 35

Legge Regionale 29 luglio 1998, n.

23
Norme per la protezione della fauna selvatica e per lesercizio della caccia in Sardegna. Il C onsiglio R e gionale ha approvato Il P re side nte de lla Giunta R e giona le prom ulga la se gue nte le gge : TITO LO I ( Principi fondamentali) C AP O I ( Disposizioni generali) Art.1 Finalit 1. La R e gione Autonom a de lla Sarde gna tute la la fa una se lva tica se condo m e todi di ra zionale program m a zione de l te rritorio e di uso de lle risorse na turali e disciplina il pre lie vo ve na torio ne l rispe tto de lle quilibrio a m bie nta le , avvale ndosi de lla com pe te nza prim aria di cui a llarticolo 3 de l proprio Statuto spe cia le , approva to con le gge costituzionale 26 fe bbra io 1948, n. 3. Art.2 Attuazione de lla norm ativa na zionale e com unitaria 1. Gli atti com unitari sulla tute la de lla fauna se lvatica , e d in pa rticolare le Dire ttive 79/409/C EE de l C onsiglio de l 2 a prile 1979, 85/411/C EE de lla C om m issione de l 25 luglio 1985, 91/244/C EE de lla C om m issione de l 6 m arzo 1991 e 92/43/C EE de l C onsiglio de l 21 m a ggio 1992, con i re lativi alle ga ti, conce rne nti la conse rvazione de lla fa una se lva tica e de gli ha bitat na turali e se m ina tura li, sono re ce pite e d a ttuate ne lla R e gione Sa rde gna, ne i m odi e ne i te rm ini pre visti da lla pre se nte le gge , ai se nsi de ll'a rticolo 9 de lla Le gge 9 m a rzo 1989, n. 86. 2. La pre se nte le gge costituisce , a ltre s, a ttuazione de lle C onve nzioni inte rnaziona li sulla tute la de lla fauna se lva tica, e d in particola re de lla Conve nzione di Pa rigi de l 18 ottobre 1950, re sa e se cutiva con la Le gge 24 nove m bre 1978, n. 812, de lla C onve nzione di R am sa r de l 2 fe bbraio 1971, re sa e se cutiva con il D.P.R . 13 m a rzo 1976, n. 448 e de lla C onve nzione di Be rna de l 19 se tte m bre 1979, re sa e se cutiva con la Le gge 5 a go sto 1981, n. 503. C AP O II ( Tutela della fauna selvatica e degli ambienti) Art.3 Tute la de lla fauna se lvatica 1. La fauna se lva tica costituisce be ne a m bie nta le de lla R e gione e d tute lata , insie m e a l suo habita t naturale , ne ll'inte re sse ge ne ra le de lla com unit re gionale , naziona le e d inte rna zionale . 2. La tute la de lla fauna se lvatica finalizzata a l m ante nim e nto de lla biodive rsit, com pa tibilm e nte con le e sige nze e conom iche , socia li, culturali, pe culia ri de lla R e gione e contribuisce , attrave rso inte rve nti di ge stione e va lorizzazione de lla fa una ste ssa , all'obie ttivo ge ne ra le di uno sviluppo dure vole . 3. L'e se rcizio de ll'attivit ve na toria de ve e sse re pre ordinato a d una utilizza zione soste nibile de lle spe cie di ucce lli e di m am m ife ri ogge tto di pre lie vo ve natorio e d conse ntito purch non contrasti con la conse rvazione de lla fa una se lvatica e non arre chi da nno e ffe ttivo alle produzioni agro - fore sta li. Art.4 O a si pe rm a ne nti di prote zione - Attua zione de lle dire ttive CEE 1. In attua zione de lle Dire ttive C EE e de lle C onve nzioni inte rna zionali di cui al pre ce de nte articolo 2, la R e gione istituisce oasi pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura , fina lizza te al m ante nim e nto e d alla siste m a zione de gli ha bitat ricom pre si a nche ne lle zone di m igra zione de ll'avifauna, e proce de alla re alizzazione de gli inte rve nti di ripristino de i biotopi distrutti o alla cre azione di nuovi biotopi. 2. Tutte le isole di pe rtine nza de lla Re gione a utonom a de lla Sarde gna , a d e cce zione di La Maddale na , Ca pre ra, Sa n Pie tro e Sant'Antioco, sono dichia ra te oa si pe rm a ne nti di prote zione fa unistica e di cattura . 3. Gli inte rve nti e le ope re pre visti e da re alizza re ne ll'am bito de lla pia nifica zione urbanistico-te rritoria le e di sviluppo e conom ico, com pre se le ope re infra strutturali a re te , de vono te ne re conto de lle e sige nze conne sse a lla conse rva zione de lle zone istituite in oasi pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura e di que lle individua te com e zone a

prote zione spe ciale (ZP S) in a ttuazione de lla dire ttiva 92/43 C EE. Gli ste ssi inte rve nti de vono e sse re sottoposti a pre ve ntiva valutazione de lla loro com pa tibilit con le finalit di cui al pre ce de nte com m a 1. Art.5 Spe cie tute late 1. Fa nno parte de lla fa una se lvatica, ogge tto di tute la de lla pre se nte le gge , i m am m ife ri, gli ucce lli, i re ttili e gli a nfibi de i qua li e sistono popolazioni vive nti, sta bilm e nte o te m porane a m e nte , in sta to di na tura le libe rt ne l te rritorio re giona le e ne lle a cque te rritoriali ad e sso prospicie nti. 2. La R e gione , in arm onia con le Dire ttive com unitarie e con le C onve nzioni inte rnazionali di cui a ll'articolo 2, pe rse gue lo scopo di a ssicurare la conse rvazione de lla fa una se lvatica e de l suo ha bitat, con particola re rigua rdo a lle spe cie m ina ccia te , vulne ra bili e rare , nonch a lle spe cie e sottospe cie e nde m iche . 3. E' vie tato ogni a tto dire tto, o indire tto, che de te rm ini l'uccisione e la ca ttura o il disturbo di tutte le spe cie di fauna se lvatica particola rm e nte prote tta, anche sotto il profilo sa nzionatorio, di cui a ll'alle ga to e le nco, che fa parte inte gra nte de lla pre se nte le gge . 4. Durante il pe riodo di nidifica zione de ll'avifauna vie tata qua lsiasi form a di disturbo alla m e de sim a . 5. Non conside rato disturbo l'adde stra m e nto de i cani ne i te m pi e luoghi conse ntiti da lla pre se nte le gge . 6. Le norm e de lla pre se nte le gge non si applicano ai Muridae (ra tti e topi), alla Nutria (Myocastor coypus) e alle arvicole . Art.6 C attura e abbattim ento autorizza ti 1. L'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , avvale ndosi de ll'Istituto re gionale pe r la fa una se lvatica di cui all'articolo 9 e se ntito il pa re re de l C om ita to re giona le faunistico di cui all'a rticolo 10, ha la facolt di: a) autorizzare in qua lsiasi pe riodo de ll'anno, pe r fini di studio e di rice rca scie ntifica , zoologi e rice rca tori unive rsitari o di altri istituti scie ntifici, a catturare e se m plari appa rte ne nti a lle spe cie incluse ne ll'e le nco di cui a l com m a 3 de ll'a rticolo 5, alle condizioni sta bilite da lla re la tiva a utorizza zione ; b) accordare in ogni te m po agli ste ssi sogge tti di cui a lla le tte ra a), sulla base di pre cise m oda lit , pe rm e ssi a ca ttura re piccoli na ti o pre nde re uova o nidi; c) autorizza re osse rva tori ornitologici, istituti di rice rca e singoli rice rca tori, che si occupino de llo studio de lle m igrazioni, ad e ffe ttua re in qualsia si pe riodo de ll'a nno la cattura te m porane a di ucce lli, anche di spe cie proibite a condizioni da stabilirsi volta pe r volta con la ste ssa a utorizzazione ; d) conse ntire la ca ttura di fauna se lva tica ne lle oa si pe rm a ne nti di prote zione faunistica e di cattura e ne lle zone te m porane e di ripopola m e nto e di cattura in caso di pa rticolari ne ce ssit te cniche di studio o di ripopolam e nto di altri loca lit . La fauna catturata pe r il ripopolam e nto de ve e sse re subito libe rata ne lle loca lit da ripopolare ; e ) adottare , in arm onia con i pare ri de ll'Istituto naziona le pe r la fa una se lva tica, idone i piani di inte rve nto pe r il controllo de lle popola zioni di fauna se lva tica, a nche ne lle zone vie tate a lla ca ccia pe r assicurare la m igliore ge stione de l pa trim onio zoote cnico, pe r m otivi sa nitari, pe r la tute la de l pa trim onio storico artistico, pe r la tute la de lle produzioni zoo - a gro - fore stali e d ittiche . Il controllo pratica to se le ttivam e nte m e diante l'utilizzo di m e todi e cologici; f) pre disporre pia ni di abbattim e nto, qua lora sia ve rificata l'ine fficacia de i pre de tti m e todi, la cui a ttua zione de ve e sse re affidata a l pe rsonale de l C orpo fore sta le e di vigilanza am bie ntale che potr a ltre s avva le rsi de i proprie ta ri o conduttori de i fondi sui qua li si attua no i piani m e de sim i purch m uniti di lice nza e de ll'a utorizza zione pe r l'e se rcizio ve natorio. 2. La ttivit di cattura te m pora ne a pe r linane lla m e nto de gli ucce lli a scopo scie ntifico organizzata e coordina ta da llIstituto naziona le pe r la fa una se lva tica di inte sa con lIstituto re giona le pe r la fauna se lva tica . Tale a ttivit svolta se condo lo sche m a na zionale di ina ne llam e nto pre visto da llUnione Europe a pe r linane lla m e nto (Euring). 3. La ttivit di ina ne llam e nto pu e sse re svolta e sclusivam e nte da titolari di spe cifica autorizza zione , rila sciata da llAsse ssore de lla dife sa de llam bie nte , su pare re de llIstituto naziona le pe r la fauna se lva tica e subordina ta alla pa rte cipa zione a spe cifici corsi di istruzione orga nizza ti dallo ste sso Istituto e a l supe ra m e nto de l re lativo e sam e finale . 4. E' fa tto obbligo a chiunque abbatte , cattura o rinvie ne ucce lli inane lla ti di darne notizia a ll'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte , il quale provve de a d inform a re l'Istituto naziona le de lla fauna se lva tica. 5. Entro il 31 m arzo di ogni a nno lIstituto re giona le pe r la fa una se lva tica pre dispone una re la zione sulle sta tistiche conce rne nti gli a bbattim e nti de ll'a vifa una m igra toria che sar invia ta, tram ite il Ministe ro com pe te nte , alla C om m issione de lla C om unit Europe a , a i se nsi de ll'articolo 9 de lla Dire ttiva C EE 79/409. C AP O III ( Organi preposti al governo della fauna selvatica e all'esercizio venatorio) Art.7 O rgani di tute la 1. Alla tute la , alla conse rvazione , a l m igliora m e nto sia de lle com unit anim a li sia de gli am bie nti, e alla ge stione de ll'e se rcizio ve na torio provve dono, se condo le com pe te nze loro a ttribuite da lla pre se nte le gge : a) l'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte ; b) il C om itato re giona le fa unistico;

c) le Province ; d) i C om itati provincia li faunistici; e ) i C om itati dire ttivi de gli a m biti te rritoriali di ca ccia (A.T.C .). Art.8 C om piti de ll'Asse ssora to de lla dife sa de ll'a m bie nte 1. L'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte pre posto all'a pplica zione de lla pre se nte le gge , avva le ndosi de lle proprie strutture ce ntra li e pe rife riche , de lla Azie nda de lle fore ste de m aniali de lla Re gione e de l C om itato re giona le fa unistico di cui a ll'articolo 10. Art.9 Istituto re gionale pe r la fauna se lvatica 1. Ne lla m bito de llAsse ssora to de lla dife sa de llam bie nte istituito lIstituto re gionale pe r la fa una se lvatica (IR FS) quale orga nism o te cnico scie ntifico spe cializza to pe r la conse rva zione de lla fauna se lvatica e de i suoi habita t naturali, pe r la pianifica zione faunistica e de ll'a ttivit ve natoria . 2. LIstituto re gionale pe r la fa una se lvatica oltre a i com piti e spre ssam e nte pre visti dalla pre se nte le gge , svolge ogni altra funzione ine re nte lo studio e la ge stione de lla fauna se lvatica . 3. LIstituto re gionale pe r la fa una se lvatica e splica la sua a ttivit di rice rca pe r la ge stione fa unistica e gli altri com piti attribuiti dalla pre se nte le gge attiva ndo le opportune collabora zioni con lIstituto na zionale pe r la fauna se lvatica . 4. LIstituto re gionale pe r la fa una se lvatica pu ope rare , a se guito di inte sa tra la R e gione sa rda e la P re side nza de l C onsiglio de i Ministri, com e unit ope rativa te cnico - consultiva de ce ntrata in Sarde gna de ll'Istituto na zionale pe r la fa una se lva tica. 5. LIstituto re gionale pe r la fa una se lvatica pu, inoltre , collabora re con i dipa rtim e nti di biologia de lle Unive rsit de lla Sa rde gna, con i se rvizi faunistici di altre re gioni, con dipartim e nti unive rsitari nazionali e d e ste ri, con e nti di rice rca , con com m issioni di organism i inte rnaziona li cointe re ssati a lla ge stione de l com une pa trim onio fa unistico quali sono gli ucce lli m igratori o le spe cie di pa rticolare rile va nza inte rna zionale . 6. La Giunta re giona le , su proposta de ll'Asse ssore de lla dife sa de ll'a m bie nte , se ntite le C om m issioni consilia ri com pe te nti in m ate ria di pe rsona le e di a m bie nte , provve de , e ntro novanta giorni da ll'e ntrata in vigore de lla pre se nte le gge , alla de finizione de lla dotazione orga nica de ll'Istituto re giona le pe r la fa una se lva tica. 7. All'Istituto re giona le pe r la fauna se lva tica, te nuto conto de lle sue funzioni in ca m po fa unistico, a sse gnato pe rso nale re giona le provvisto di spe cifica com pe te nza e di pro fe ssiona lit riconosciuta a ttra ve rso titoli e d e spe rie nza acquisita e docum e nta ta . 8. Q ualora il pe rsonale in se rvizio pre sso l'Am m inistrazione re giona le , e in particolare pre sso gli uffici titola ri di funzioni in m ate ria di fauna se lva tica, non sia sufficie nte o non sia ade guatam e nte qualificato pe r coprire l'inte ra dotazione orga nica, a ll'Istituto vie ne asse gnato il pe rsona le e spre ssa m e nte assunto con concorso pubblico pe r titoli e d e sa m i. 9. Le funzioni di coordinam e nto de llIstituto sono a sse gna te a pe rsonale de l ruolo unico re giona le , in se rvizio o da assum e rsi con concorso pubblico pe r titoli e d e sam i, con spe cifico titolo di studio e docum e nta ta e spe rie nza in m a te ria di fa una se lva tica. Art.10 C om itato re giona le fa unistico - Com posizione 1. E' istituito, pre sso l'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'a m bie nte , il C om itato re gionale fa unistico, quale organo te cnico - consultivo e de libe ra tivo pe r la pia nifica zione faunistico - ve natoria , la tute la de lla fauna se lvatica e l'e se rcizio de lla caccia. 2. Il C om itato com posto da: a) l'Asse ssore re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte , o un suo de le gato, che lo pre sie de ; b) un ra ppre se ntante de ll'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte , com pe te nte in m a te ria di ge stione de lla fa una e di conse rvazione de ll'a m bie nte ; c) un rappre se nta nte de ll'Asse ssora to re giona le de ll'a gricoltura e riform a a gro-pastorale , com pe te nte in m ate ria di produzioni agricole ; d) un ra ppre se ntante de ll'Asse ssorato re gionale de ll'igie ne , sanit e assiste nza sociale ; e ) due e spe rti rispe ttiva m e nte in zoologia e in agricoltura e fore ste sce lti fra doce nti de gli Ate ne i de ll'Isola , de signa ti da l C onsiglio re gionale con voto lim ita to a uno; f) un ra ppre se ntante e spe rto in zoologia, agricoltura e fore ste de signa to da ciascuna de lle Province sa rde ; g) un ra ppre se ntante de signato da cia scuna de lle tre associazioni ve natorie riconosciute , m a ggiorm e nte ra ppre se ntative , ope ranti in Sarde gna ; h) un ra ppre se ntante de signato da cia scuna de lle tre associazioni naturalistiche e di tute la de gli anim ali riconosciute , m aggiorm ente ra ppre se ntative, operanti in Sardegna ; i) un rappre se nta nte de signa to da ciascuna de lle quattro orga nizzazioni profe ssionali agricole , m a ggiorm e nte ra ppre se ntative , ope ranti in Sarde gna ; l) il coordinatore ge ne ra le de l C orpo fore stale e di vigilanza a m bie nta le de lla R e gione , o un suo de le gato;

m ) un rappre se nta nte de ll'Ente Na zionale C inofilia Ita liana; n) un ra ppre se ntante pe r ogni a m bito te rritoria le di ca ccia istituito in Sarde gna . 3. Le funzioni di se gre tario sono svolte da un funziona rio de ll'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte con qualifica non infe riore alla se ttim a . 4. I com pone nti il C om ita to sono nom inati con de cre to de l P re side nte de lla Giunta re giona le . 5. Le se dute sono valide in prim a convocazione se pre se nte la m e t pi uno de i com pone nti; in se conda convocazione richie sta la pre se nza di un te rzo de i com pone nti. Le de cisioni ve ngono adottate a m aggiora nza de i pre se nti. 6. Ai com pone nti il Com ita to com pe te il tra tta m e nto e conom ico sta bilito dalla le gge re gionale 22 giugno 1987, n. 27. Art.11 C om piti de l Com ita to re gionale faunistico 1. Il C om itato re gionale fa unistico de libe ra sulla form a zione de l cale ndario ve na torio. 2. Il C om itato re gionale fa unistico e sprim e pa re re : a) sul piano fa unistico - ve natorio re giona le e sugli atti de lla pianificazione faunistico-ve na toria ; b) sulla istituzione di divie ti te m porane i di ca ccia a l fine di salva guardare l'e quilibrio de l pa trim onio faunistico; c) sull'autorizzazione a d im m e tte re se lvaggina e strane a alla fauna indige na; d) sulla de finizione de i proce dim e nti sanziona tori pe r le violazioni alle pre scrizioni e d a i divie ti pre visti dalla pre se nte le gge ; e ) sulla dura ta de lla sospe nsione de ll'autorizzazione re giona le di ca ccia pre vista da lla le gislazione vige nte ; f) sull'istituzione di oasi pe rm ane nti di prote zione faunistica e di cattura, di zone te m pora ne e di ripopolam e nto e di cattura e sui re la tivi program m i di ge stione , di zone pubbliche o private pe r l'a lle vam e nto de lla se lva ggina a scopo di studio e ripopola m e nto; g) sui provve dim e nti re la tivi alla de te nzione e com m e rcio de lla se lvaggina viva e a l com m e rcio de lla se lvaggina m orta d'im portazione ; h) sui ricorsi pre se ntati, a i se nsi de ll'articolo 26, contro il de cre to che istituisce le oasi pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura e le zone te m porane e di ripopolam e nto e di cattura. 3. Il C om itato re gionale fa unistico form ula proposte : a) sulla vigilanza ve na toria ; b) sulle iniziative volte a ll'e ducazione ve na toria e naturalistica ; c) sulla prote zione de ll'a m bie nte dall'inquinam e nto e dagli ince ndi. 4. Il C om itato re gionale fa unistico svolge le altre funzioni ad e sso a ttribuite da lla pre se nte le gge . Art.12 C om piti de lle P rovince 1. Alle Province sono attribuiti com piti di pianificazione , di tute la de lla m bie nte , de lla fauna e in m a te ria di ca ccia ne i lim iti di cui a lla pre se nte le gge . 2. Le P rovince si a vvalgono, quali organi te cnico-consultivi, de i C om ita ti provincia li faunistici. 3. Le P rovince , in pa rticolare , provve dono: a) a pre disporre la proposta di pia no provinciale fa unistico-ve na torio; b) a pre disporre e d attuare i pia ni di m iglioram e nto am bie nta le te si a favorire la riproduzione na turale di fauna se lvatica , nonch i piani di im m issione ; c) a pre disporre e d a ttuare i piani di ge stione de lle oa si pe rm a ne nti di prote zione faunistica e di cattura e de lle zone te m poranee di ripopola m e nto e di cattura loro affida te e a pre senta re all'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte le re lazioni annua li de lle attivit svolte e de i risultati otte nuti; d) ad istituire e re gola re la ge stione de lle zone pe r l'a dde stram e nto di cani e pe r le gare de gli ste ssi, a nche su se lvaggina a llo sta to na turale ; e ) a vigila re sull'osse rvanza de i divie ti fissati da lla pre se nte le gge , da l pia no re giona le faunistico - ve natorio e da l cale ndario ve na torio; f) a se guire l'a nda m e nto de lla riproduzione de lle spe cie se lva tiche ; g) a curare l'im m issione di idone e spe cie se lva tiche autoctone ; h) ad acce rtare gli e ve ntuali da nni alle colture provoca ti dalla fauna se lva tica; i) a curare te cnica m e nte le ope razioni di pre lie vo e di im m issione di fa una se lvatica ne l te rritorio di com pe te nza; l) a colla borare con gli organism i com pe te nti pe r l'attivit di studi e indagine in ordine alla pia nifica zione de l te rritorio a fini faunistici, a lla conse rva zione de ll'a m bie nte e a lla lotta contro gli ince ndi e gli inquina m e nti, alla consiste nza , riproduzione e pre lie vo de l patrim onio faunistico, alle corre nti m igratorie e all'e se rcizio de lla ca ccia ; m ) a rila sciare i ce rtificati di abilita zione ve natoria ; n) a vigila re sull'a ttivit e sul funziona m e nto de gli organi de gli am biti te rritoria li di caccia; o) a svolge re le a ltre funzioni attribuite da lla pre se nte le gge . 4. La R e gione tra sfe risce alle P rovince risorse finanziarie pe r lo svolgim e nto de lle funzioni pre viste dal pre se nte articolo e pe r il funziona m e nto de i C om ita ti provincia li faunistici, di cui all'a rticolo 13, e de lle C om m issioni pe r l'abilita zione

ve natoria di cui all'articolo 45. Art.13 C om itati provincia li faunistici 1. I di cui al com m a 2 de ll'a rticolo 12 assum ono le iniziative attine nti a lla pianifica zione e a lla disciplina de ll'attivit fa unistico-ve na toria. 2. In pa rticolare : a) form ula no proposte in ordine alla pianificazione fa unistico - ve natoria provincia le ; b) form ula no proposte pe r l'istituzione di oasi pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura e di zone te m porane e di ripopola m e nto e di ca ttura nonch di zone pubbliche e private pe r l'alle vam e nto de lla fauna se lva tica a scopo di studio e ripopola m e nto; c) form ula no proposte in ordine all'im m issione di idone e spe cie se lvatiche ; d) form ula no proposte pe r l'istituzione di zone pe r l'adde stra m e nto di ca ni e pe r le ga re de gli ste ssi, anche su se lvaggina a llo sta to na turale ; e) re ndono pa re ri su ogni a ltra que stione che ve nga loro sottoposta da pa rte de i com pe te nti organi provinciali. Art.14 C om posizione de l C om itato provinciale faunistico 1. Il C om itato provincia le faunistico com posto: a) dall'Asse ssore provincia le com pe te nte pe r m a te ria, o un suo de le ga to, che lo pre sie de ; b) un ra ppre se ntante de signato da cia scuna de lle tre associazioni ve natorie riconosciute , m a ggiorm e nte ra ppre se ntative , ope ranti ne lla provincia; c) un rappre se nta nte de signato da ciascuna de lle tre a ssociazioni na turalistiche e di tute la de gli anim ali riconosciute , m aggiorm e nte ra ppre se ntative , ope ranti ne lla provincia; d) un ra ppre se ntante de signato da cia scuna de lle qua ttro organizzazioni profe ssionali agricole , m a ggiorm e nte ra ppre se ntative , ope ranti ne lla provincia; e ) da un re sponsa bile de i se rvizi ve te rina ri de lle a zie nde USL de lla Provincia , f) da due e spe rti in m ate ria di fauna se lva tica e di pia nifica zione ve na toria e le tti dal C onsiglio Provincia le con voto lim ita to a uno; g) dai coordinatori de gli Ispe ttorati ripa rtim e ntali de l C orpo fore stale e di vigila nza a m bie nta le ricom pre si ne lla Provincia. Art.15 Istituzione de l C om itato provinciale faunistico 1. Il C om itato provincia le faunistico istituito da lla Provincia com pe te nte pe r te rritorio e ha se de pre sso la ste ssa Am m inistrazio ne provincia le . 2. Le se dute de l C om itato sono va lide se pre se nte la m e t de i com pone nti; in se conda convocazione sufficie nte la pre se nza di un te rzo de i com pone nti. 3. Le de cisioni ve ngono a dotta te a m aggioranza de i pre se nti. 4. I com pone nti il C om ita to de cadono dalla carica in coincide nza con i rinnovi de l C onsiglio provinciale . 5. Ai com pone nti il Com ita to com pe te il tra tta m e nto e conom ico sta bilito dalla le gge re gionale n. 27 de l 1987. Art.16 C om piti de i Com ita ti dire ttivi de gli am biti te rritoria li di caccia 1. I C om itati dire ttivi de gli am biti te rritoria li di caccia (A.T.C .) e se rcitano com piti di ge stione fa unistica e di orga nizza zione de ll'e se rcizio ve natorio a ll'inte rno de llA.T.C . 2. In pa rticolare prom uovono e d organizzano le a ttivit di ricognizione de lle risorse a m bie nta li e de lla consiste nza fa unistica e program m ano gli inte rve nti pe r il m igliora m e nto de gli habita t, sulla base de l piano faunistico re gionale e de lle indicazioni fornite dall'Asse ssora to de lla dife sa de ll'a m bie nte . 3. P e r lo svolgim e nto de i com piti di cui al com m a 2, i C om itati dire ttivi si a vvalgono de lla colla bora zione di te cnici di prova ta e spe rie nza ne lla m a te ria. Art.17 C om posizione e d istituzione de i C om ita ti dire ttivi de gli am biti te rritoria li di caccia. 1. Il C om itato dire ttivo de ll'A.T.C . cos com posto: a) un ra ppre se ntante de signato da cia scuna de lle qua ttro organizzazioni profe ssionali agricole m a ggiorm e nte ra ppre se ntative a live llo te rritoriale ; b) un ra ppre se ntante de signato da cia scuna de lle tre associazioni ve natorie riconociute , m a ggiorm e nte rappre se nta tive , pre se nti in form a orga nizza ta sul te rritorio; c) un rappre se nta nte de signato da ciascuna de lle due a ssocia zioni na turalistiche e di tute la de gli a nim ali, m aggiorm e nte ra ppre se ntative , pre se nti in form a orga nizza ta ne l te rritorio;

d) due rappre se nta nti de signati da lla Provincia com pe te nte pe r te rritorio, di cui uno in rappre se nta nza de i Com uni; e ) il re sponsa bile de i se rvizi ve te rina ri de llazie nda - USL com pe te nte pe r te rritorio con funzioni consultive . 2. Il C om itato nom inato dalla Provincia com pe te nte pe r te rritorio. Se LA.T.C . si e ste nde ne l te rritorio di pi P rovince le nom ine , ne l rispe tto de lla rappre se nta nza de i te rritori m inorita ri, sono fa tte dalla Provincia che ha il m a ggior te rritorio ricom pre so ne llA.T.C .. 3. I com pone nti il C om ita to dire ttivo de cadono dalla carica in coincide nza con i rinnnovi de l C onsiglio provincia le . 4. Le pre stazioni de i com pone nti il Com ita to sono volonta rie e gratuite . Ad e ssi spe tta il rim borso de lle spe se di via ggio soste nute pe r la parte cipa zione alle se dute . Art.18 Funzionam e nto de l Com ita to dire ttivo de ll'A.T.C. 1. All'atto de ll'inse dia m e nto i com pone nti il Com ita to dire ttivo de ll'A.T.C. e le ggono il P re side nte . Le se dute de l C om itato sono va lide se pre se nte la m e t pi uno de i com pone nti. Le de cisioni ve ngono a dotta te a m aggioranza de i pre se nti. 2. L'a sse nza ingiustificata pe r tre se dute conse cutive de te rm ina la de cade nza da com pone nte de l Com itato. In tal caso l'Am m inistrazione provinciale com pe te nte provve de a lla sostituzione , acquise ndo la de signazione da parte de ll'orga nism o ra ppre se ntato in se no a l C om itato. C AP O IV ( Pianificazione faunistico-venatoria) Art.19 Piano faunistico - ve na torio re gionale - C a rta faunistica re giona le 1. Ne ll'a m bito de gli obie ttivi de l piano ge ne ra le di sviluppo e de lla pia nifica zione urbanistico - pa e sistico - am bie ntale , la R e gione a ttua il riasse tto faunistico - ve na torio de l proprio te rritorio, provve de ndo ad adotta re il piano faunistico ve natorio re gionale . 2. Il piano faunistico - ve natorio re giona le form a to m e diante il coordina m e nto de i piani fa unistico - ve natori provinciali e d finalizza to alla conse rvazione de lle e ffe ttive ca pacit riproduttive e d al conte nim e nto na turale de lle spe cie ca rnivore e de lle altre spe cie , nonch a l conse guim e nto de lla de nsit ottim ale e d a lla sua conse rvazione m e diante la riqua lificazione de lle risorse a m bie nta li e la re golam e ntazione de l pre lie vo ve na torio. 3. Il piano individua, te ne ndo conto de lla pia nifica zione te rritoriale e de lla pianifica zione faunistico - ve na toria in atto, gli are a li de lle singole spe cie se lva tiche , lo sta to fa unistico e ve ge ta zionale de gli ha bitat, ve rifica la dinam ica de lle popolazioni fa unistiche , ripa rtisce il te rritorio se condo le dive rse de stinazioni e individua gli inte rve nti volti a l m igliora m e nto de lla fauna e de gli am bie nti. 4. LIstituto re gionale pe r la fa una se lvatica pre dispone la C arta fa unistica re giona le e provve de a l suo pe riodico aggiornam e nto. La C a rta articola ta in are e faunistiche om oge ne e e pe r ognuna di e sse indica le spe cie tipiche pre se nti e la re lativa vocazione fa unistica. La C arta fa unistica re gionale vie ne a dotta ta da lla Giunta re gionale , se ntito il pa re re de l C om itato re gionale fa unistico, com e strum e nto pe r la ste sura e gli a de gua m e nti pe riodici de lla pianifica zione fa unistico - ve natoria. Art.20 Approva zione e re visione de l piano faunistico-ve natorio re gionale 1. L'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , e ntro se ssa nta giorni dall'e ntrata in vigore de lla pre se nte le gge , trasm e tte a lle Province i crite ri di om oge ne it e congrue nza pe r la pre disposizione de lla pianificazione faunistico ve natoria e lo sche m a di piano provincia le com e risultanti dalla pianificazione faunistico - ve na toria attua ta da lla R e gione . 2. Le P rovince , e ntro ce ntove nti giorni da l rice vim e nto de gli atti di cui al com m a 1, form ula no le proprie proposte in ordine alla de finizione de l pia no. 3. In caso di ine rzia da parte de lle Province ne ll'ade m pim e nto di cui a l com m a 2, trascorso il te rm ine pre visto, la Giunta re giona le , su proposta de ll'Asse ssore de lla dife sa de ll'a m bie nte , nom ina un com m issario ad acta pe r la pre disposizione de lle proposte di piano. 4. L'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , e ntro tre nta giorni dal rice vim e nto de lle proposte de lle Province , e labora , a vvale ndosi de llIstituto re giona le pe r la fauna se lva tica e se ntito il C om ita to fa unistico re gionale , la proposta di pia no re giona le faunistico ve na torio. 5. Il piano re gionale faunistico-ve na torio approvato con de cre to de l Pre side nte de lla Giunta re giona le , pre via de libe ra zione de lla Giunta m e de sim a , se ntito il pa re re de lla C om m issione consilia re com pe te nte in m ate ria. 6. Il pia no faunistico - ve natorio re gio na le sogge tto a re visione pe riodica a lm e no qua drie nnale . 7. I te rm ini pre visti ne i com m i 2, 3 e 4 si applicano a nche in caso di re visione de l piano re gionale fa unistico ve natorio. Art.21 C onte nuto de l pia no faunistico - ve natorio re gionale 1. Il piano faunistico-ve natorio re giona le de ve conte ne re , tra l'a ltro:

a) l'individuazione de i com pre nsori faunistici om oge ne i in cui re alizzare gli inte rve nti di riqualificazione de gli ha bita t de lle spe cie di m a ggiore inte re sse , coordinati con gli inte rve nti re giona li progra m m ati a tute la de ll'a m bie nte ; b) l'individuazione , te nuto conto de lla na tura de l te rre no, de lle colture e de ll'attitudine ad ospita re la fa una se lvatica stanziale e m igra toria , nonch de ll'e sige nza di tute lare e ge stire le spe cie di fauna se lvatica proprie de lla Sa rde gna: 1) de lle oasi pe rm ane nti di prote zione faunistica e di cattura, de stinate a l rifugio, a lla riproduzione e d a lla sosta de lla fa una se lva tica; 2) de lle zone te m pora ne e di ripopola m e nto e di ca ttura , de stina te alla riproduzione de lla fauna se lvatica a llo stato na tura le ; 3) de lle zone pubbliche o private pe r l'a lle va m e nto de lla fauna se lvatica a scopo di studio e di ripopolam e nto; 4) de gli a m biti te rritoriali di ca ccia (A.T.C.), con l'obie ttivo di a ssicurare la pre se nza pre de te rm inata de i cacciatori in tali unit te rritoria li di ge stione e il pre lie vo ve natorio program m ato e com m isurato alle risorse faunistiche pre se nti; 5) de i ce ntri privati di riproduzione di fauna se lva tica allo stato natura le organizza ti in form a di azie nda agricola singola, consortile o coope rativa; 6) de lle zone di a dde stram e nto pe r i cani e pe r le gare de gli ste ssi, a nche su se lvaggina a llo sta to na tura le ; 7) de i te rritori da de stina re alla costituzione di azie nde faunistico-ve na torie e di azie nde a gr i- turistico - ve natorie ; c) l'indicazione de lla de nsit ve na toria program m a ta re lativa a d ogni a m bito te rritoria le pe r la caccia e de ll'indice m assim o de lle pre se nze com patibili pe r le form e spe ciali di ca ccia ; d) l'indica zione de lla quota di pa rte cipa zione che pu e sse re richie sta ai ca ccia tori a cope rtura de lle spe se di ge stione de gli A.T.C .; e ) i crite ri pe r la ripa rtizione de gli introiti de riva nti da lle tasse di conce ssione di cui all'a rticolo 87, re lativam e nte a : 1) i contributi da e roga rsi ai proprie ta ri o conduttori pe r l'utilizzazione de i fondi inclusi ne l piano faunistico - ve na torio re giona le ai fini de lla ge stione program m ata de lla caccia; 2) i risarcim e nti da corrisponde rsi a i proprie tari o conduttori de i fondi pe r i danni, non altrim e nti risarcibili, arre ca ti alla produzione agricola e zoote cnica e alle ope re appronta te sui te rre ni coltivati e a pa scolo da lla fauna se lvatica , in pa rticolare da que lla prote tta, e da ll'attivit ve natoria ; 3) i finanziam e nti da e rogarsi a lle Province pe r i piani di m iglioram e nto a m bie nta le te si a fa vorire la riproduzione na tura le di fauna se lvatica , nonch pe r i pia ni di im m issione ; f) le priorit, i param e tri e d i crite ri di e rogazione de lle som m e ripartite com e alla pre ce de nte le tte ra e ) fra i dive rsi sogge tti de stinatari de lle provvide nze ; g) la ripa rtizione de lle risorse ne ce ssarie pe r la re alizzazione de gli inte rve nti di studi, rice rche e progra m m i, di e duca zione e inform azione e form azione te cnica de gli ope ra tori incarica ti de lla ge stione e de lla vigilanza. Art.22 Lim iti di e ste nsione de lle zone di prote zione de lla fauna se lvatica e de lle azie nde ve natorie 1. L'e ste nsione com ple ssiva de l te rritorio de stinato a prote zione de lla fauna se lva tica, com pre nde nte le oasi pe rm a ne nti di prote zione faunistica e di cattura, le zone te m porane e di ripopolam e nto e di cattura, le zone pubbliche o private pe r l'a lle va m e nto de lla fauna a scopo di studio e ripopolam e nto, i fondi chiusi e le are e de i parchi e de lle rise rve natura li, na zionali e re gionali, non de ve e sse re infe riore al 20 pe r ce nto e supe riore al 30 pe r ce nto de l te rritorio agro - silvo - pastorale de lla R e gione . In de tte pe rce ntua li sono com pre si i te rritori agro - silvo - pastora li ove sia com unque vie tata l'a ttivit ve natoria a nche pe r e ffe tto di a ltre le ggi o disposizioni. 2. Ai fini de lla pre se nte le gge pe r te rritorio a gro - silvo - pa storale si inte nde il te rritorio de stinato all'a ttivit agro - silvo - pastora le , individuato in base a i dati ISTAT, nonch il te rritorio lagunare e va llivo, le zone um ide , i la ghi, i fium i, gli incolti produttivi e d im produttivi e le zone m onta ne . 3. L'e ste nsione com ple ssiva de lle azie nde faunistico - ve natorie , de lle a zie nde agri - turistico - ve na torie e de i ce ntri privati di riproduzione de lla fauna se lvatica allo stato naturale de ve e sse re conte nuta ne lla pe rce ntuale de l 15 pe r ce nto de l te rritorio a gro - silvo - pastorale re giona le . Art.23 Finalit e dim e nsioni de lle oasi pe rm a ne nti di prote zione faunistica e di cattura 1. Le oasi pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura sono de stinate alla conse rvazione de lle spe cie se lvatiche fa vore ndo il rifugio de lla fa una stanziale , la sosta de lla fa una m igra toria e d il loro irra diam e nto natura le . 2. Esse de vono e sse re ubicate in zone pre fe ribilm e nte de m aniali di ade guata e ste nsione , sce lte opportunam e nte , te ne ndo pre se nti le ca ratte ristiche am bie ntali se condo un crite rio di dife sa de lla fauna se lvatica e de l re lativo ha bitat. 3. Le oasi pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura possono ave re dim e nsioni com unale , inte rcom unale e inte rprovincia le . 4. La fauna se lva tica che risulti in e sube ro ne lle oasi pe rm ane nti di prote zione faunistica e di cattura, pu e sse re catturata a cura de ll'organo di ge stione , sotto la sorve glianza de l C orpo fore sta le e di vigilanza am bie ntale , e d im m e ssa dove ne ce ssario il ripopola m e nto. 5. Le oasi pe rm ane nti hanno, di norm a , una e ste nsione non supe riore ai 5.000 e ttari, e possono fa re pa rte de lle zone di m assim o rispe tto de i parchi natura li.

Art.24 Zone te m pora ne e di ripopola m e nto e di ca ttura 1. Le zone te m porane e di ripopola m e nto e di cattura sono de stina te a lla riproduzione de lla fa una se lvatica a llo sta to na tura le , al suo irradiam e nto ne lle zone circostanti e d alla cattura de lla m e de sim a pe r l'im m issione sul te rritorio in m odi e te m pi utili all'a m bie nta m e nto, fino alla ricostituzione de lla de nsit faunistica ottim ale de l te rritorio. 2. Le zone di cui a l com m a 1 sono istituite in te rritori non de stinati a coltivazioni spe cializza te o susce ttibili di particolare da nne ggia m e nto pe r la rile vante conce ntra zione de lla fauna se lva tica ste ssa e d hanno la durata com pre sa fra tre e se i anni, sa lvo rinnovo. 3. La riape rtura a lla ca ccia a vvie ne conte m pora ne a m e nte pe r tutte le zone te m porane e di ripopolam e nto e cattura in scade nza ne lla ste ssa a nnata ve na toria e non pi rinnova te . 4. La riape rtura a lla ca ccia de lle zone di cui a l com m a 1 subordina ta alla istituzione di nuove zone , ne i lim iti indicati all'articolo 22 de lla pre se nte le gge , con supe rficie com ple ssiva pa ri a que lla de lle are e riape rte alla ca ccia. 5. La istituzione de lle sudde tte zone a vvie ne , di norm a , con il crite rio de lla rota zione te rritoria le . Art.25 C ostituzione e durata de lle oa si pe rm a ne nti e de lle zone te m pora ne e 1. La costituzione de lle oasi pe rm ane nti di prote zione faunistica e di cattura e de lle zone te m porane e di ripopolam e nto e di ca ttura disposta con de cre to de ll'Asse ssore re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte , se ntito il C om itato re gionale fa unistico e avva le ndosi de llIstituto re gionale pe r la fauna se lvatica . 2. Ne ll'a tto di costituzione de lle zone di cui al com m a 1 sono sta biliti, oltre ch l'organism o a cui vie ne affida ta la ge stione , anche i crite ri di pre ve nzione de i da nni a lle produzioni a gricole e le m odalit de l loro risa rcim e nto nonch gli ince ntivi pe r l'incre m e nto e la riproduzione de lla fa una se lvatica, il m igliora m e nto am bie ntale e il controllo de lle spe cie la cui e le vata de nsit dive nti e cce ssiva. 3. In conside razione de l pre m ine nte inte re sse pubblico de lle oasi pe rm ane nti di prote zione faunistica e di cattura e de lle zone te m porane e di ripopolam e nto e cattura, l'inclusione ne l loro pe rim e tro di te rre ni di proprie t priva ta disposta coattiva m e nte salvo la conce ssione de l contributo di cui a lla pre se nte le gge . 4. Ai proprie ta ri o conduttori di te rre ni di proprie t priva ta inclusi ne lle oa si pe rm a ne nti di prote zione fa unistica e di cattura e de lle zone te m porane e di ripopola m e nto e ca ttura conce sso da ll'Am m inistra zione re gionale un contributo le cui m oda lit di e rogazione sono disciplina te da l re golam e nto di attuazione de lla pre se nte le gge , te nuto conto de lle priorit , de i pa ram e tri e de i crite ri individuati dal piano faunistico - ve natorio re giona le . 5. La rota zione te rritoriale de lle zone di ripopolam e nto e di ca ttura di cui all'ultim o com m a de ll'articolo 24, disposta con de cre to de ll'Asse ssore re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte , sulla ba se de lle proposte ava nza te da i com pe te nti orga ni di ge stione . 6. La dura ta de lle zone te m porane e di ripopolam e nto e di cattura fissata con de cre to de ll'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'a m bie nte , te ne ndo pre se nti le condizioni a m bie nta li, la consiste nza de lla se lva ggina pre se nte e d il ritm o di incre m e nto de lle varie spe cie faunistiche . Art.26 O pposizione 1. Avve rso il de cre to che istituisce le oa si pe rm a ne nti di prote zione faunistica e di cattura e le zone te m pora ne e di ripopola m e nto e di ca ttura , i proprie tari e d i conduttori inte re ssati possono proporre opposizione a ll'Asse ssorato re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , e ntro se ssanta giorni dalla pubblicazione de l de cre to ne l Bolle ttino Ufficia le de lla R e gione . L'Asse ssorato, e ntro i se ssanta giorni succe ssivi a l rice vim e nto de l ricorso, de cide in ordine all'opposizione , se ntito il C om itato re giona le fa unistico. Art.27 Ge stione de lle oasi di prote zione e cattura e de lle zone di ripopola m e nto e ca ttura 1. Le oasi pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura di pre m ine nte inte re sse inte rna zionale , naziona le e re gionale, com e classifica te ne l piano faunistico-venatorio re gionale, sono ge stite dalla R e gione o dire ttam ente o pe r de le ga de lla ste ssa, da lle Province , dai Com uni, dalle a ssocia zioni na turalistiche o da lle associazioni ve na torie , a nche in form a congiunta tra gli ste ssi orga nism i. 2. P e r la ge stione dire tta de lle oasi la R e gione si avva le de ll'Istituto re giona le pe r la fauna se lva tica e de i se rvizi pe rife rici de ll'Azie nda de lle fore ste de m aniali che pe rta nto a utorizzata a d utilizzare a nche a tal fine gli stanziam e nti e d il pe rsonale de stina to all'a ttuazione de i program m i di fore sta zione e d attivit conne sse . 3. Le zone te m porane e di ripopola m e nto e di cattura sono ge stite dalle Province , o pe r de le ga de lle ste sse da i C om uni, da lle associazioni naturalistiche o dalle a ssocia zioni ve natorie , anche in form a congiunta tra gli ste ssi orga nism i. 4. Gli organi di ge stione di cui ai com m i pre ce de nti ope rano sulla base di un piano di ge stione re datto dagli ste ssi orga ni, sulla base di dire ttive disposte da ll'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte e approva to da llo ste sso Asse ssora to. Art.28

Utilizzo de i te rre ni de ll'Azie nda re giona le de lle fore ste de m a nia li 1. I te rre ni di proprie t de ll'Azie nda re gionale de lle fore ste de m aniali e que lli de m aniali non com pre si in oasi pe rm a ne nti di prote zione faunistica e di cattura o in zone te m pora ne e di ripopola m e nto e di ca ttura , possono e sse re de stinati a ll'e se rcizio de lla ca ccia progra m m a ta , purch non vie ta ta da a ltre norm e di le gge . Art.29 C e ntri pubblici e privati di riproduzione di fauna se lva tica L'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , avva le ndosi de ll'Istituto re gionale pe r la fauna , pu a utorizzare la istituzione di ce ntri pubblici e privati di riproduzione de lla fauna se lva tica allo stato natura le ne i lim iti e ne l rispe tto dei crite ri pre visti ne lla pre se nte le gge e ne l re lativo re gola m e nto di a ttua zione nonch ne l pia no faunistico re giona le . 2. I ce ntri pubblici sono finalizzati alla ricostituzione di popolazioni autoctone e sono de stinati alla produzione natura le di fa una se lva tica da utilizzare pe r l'im m issione in altri te rritori ai fini di ripopola m e nto e di re introduzione , nonch a llo studio e a lla rice rca sulle te cniche di im m issione in na tura de lla fa una se lvatica fina lizzate com unque a lle re introduzioni e al ripopolam e nto. 3. I ce ntri pubblici istituiti pre fe ribilm e nte su te rre ni de m aniali o di proprie t pubblica sono ge stiti da gli ste ssi e nti proprie tari o conduttori anche ne lle form e di cui alla Le gge 8 giugno 1990, n. 142. 4. C on le ste sse m odalit indica te al com m a 1, in are e ade guate pe r supe rficie e pe r ca ra tte ristiche am bie ntali, pu e sse re a utorizzata la costituzione di ce ntri priva ti pe r la riproduzione de lla fauna se lva tica allo stato natura le , de stinati e sclusivam e nte a lla produzione na turale di spe cie autoctone pe r fini di re introduzione e di ripopola m e nto. Il provve dim e nto di a utorizzazione de te rm ina le pre scrizioni di funzionam e nto. 5. I ce ntri priva ti possono e sse re organizzati in form a di azie nda a gricola singola , consortile o coope ra tiva . In e ssi se m pre vie tato l'e se rcizio de ll'attivit ve na toria m e ntre conse ntito il pre lie vo m e dia nte ca ttura di anim ali apparte ne nti a spe cie ca ccia bili da pa rte de l titolare de ll'im pre sa agricola o da parte di dipe nde nti de lla ste ssa o di pe rsone nom ina tiva m e nte indica te ne ll'autorizza zione . 6. I ce ntri pubblici e privati sono te nuti ad adottare un re gistro, conform e alle spe cifiche pre scrizioni conte nute ne ll'autorizza zione , riporta nte i da ti e sse nziali sull'andam e nto de lla riproduzione di fauna se lvatica de sunti da i pe riodici ce nsim e nti e dalle catture e ffe ttua te . 7. Il re gola m e nto di a ttua zione de lla pre se nte le gge , il pia no fa unistico re gionale e le dire ttive de ll'Asse ssorato de lla dife sa de ll'a m bie nte de ttano gli indirizzi e i crite ri pe r la istituzione , la durata, il controllo sa nitario, te cnico e am m inistrativo e la ge stione de i ce ntri pubblici e priva ti. 8. Il divie to di ca ccia ne i ce ntri pubblici e priva ti di riproduzione de lla fauna se lvatica de ve e sse re se gnalato m e dia nte ta be lle se gnale tiche conform i a qua nto pre visto ne ll'articolo 39 de lla pre se nte le gge . Art.30 Alle va m e nti 1. L'Asse ssore de lla dife sa de ll'a m bie nte , avva le ndosi de ll'Istituto re giona le pe r la fauna, pu autorizza re la costituzione di a lle va m e nti di spe cie appa rte ne nti alla fauna se lva tica pe r scopi alim e nta ri, di ripopola m e nto, orna m e ntale e d a m atoria le . 2. I provve dim e nti di a utorizza zione ha nno durata se tte nnale e de vono indica re il tipo di a lle va m e nto, la spe cie ogge tto di alle vam e nto, i controlli sanitari e le form e di ca ttura . L'autorizza zione rinnova bile e vie ne re vocata qua ndo la ge stione e d il funziona m e nto non sia no corrisponde nti alle pre scrizioni conte nute ne lla ste ssa a utorizzazione . 3. L'a lle va m e nto di fa una se lvatica pe r fini a lim e ntari e se rcitato dal titolare di im pre sa agricola non assogge ttato a spe cifica autorizza zione . Il titola re te nuto pe r a dare com unica zione all'Asse ssora to de lla dife sa de ll'am bie nte de ll'avvio de ll'attivit di alle va m e nto, de lle spe cie di fa una se lva tica alle vate e de lla loro prove nie nza. 4. Ne lle are e de stinate all'a lle va m e nto, a cura de l titolare de ll'autorizzazione , de vono e sse re pre disposte idone e re cinzioni o a ltre strutture idone e ad e vita re la fuoriuscita de gli anim a li. La supe rficie inte re ssata dovr e sse re altre s se gna lata con conform i ta be lle re canti la scritta "ALLEVAMENTO DI FAUNA SELVATIC A - DIVIETO DI C AC C IA". La ta be llazione non si a pplica ne i ca so di alle vam e nti ornam e nta li e d am atoriali. 5. Tutti gli a lle va m e nti sono te nuti ad adottare un re gistro, conform e alle spe cifiche pre scrizioni conte nute ne ll'autorizza zione , riporta nte i da ti e sse nziali sull'andam e nto de ll'a lle va m e nto e de lla riproduzione di fauna se lvatica , com pre se le notizie di ordine sanita rio. 6 O gni a nim ale a lle va to de ve e sse re m unito di contra sse gno m e diante ane llo inam ovibile o m archi auricolari, riporta nti il num e ro che individua l'alle vam e nto pe r spe cie e d un num e ro progre ssivo, da riportare ne l re gistro di cui a l pre ce de nte com m a 5. 7. Ne lle m anife sta zioni fie ristiche , ne lle m ostre ornitologiche e ne gli e se rcizi com m e rciali spe cializza ti possono e sse re e sposti e ve nduti e sclusivam e nte e se m pla ri m uniti di contrasse gno. 8. Gli alle vam e nti a scopo alim e ntare sono sottoposti a controllo de ll'a utorit sanitaria se condo le vige nti disposizioni in m ate ria. 9. La violazione de lle norm e conte nute ne i com m i 2, 3, 4, 5 e 6 de l pre se nte articolo com porta, oltre ch le e ve ntuali sa nzioni spe cifiche , la sanzione acce ssoria de ll'ingiunzione de lla sospe nsione de ll'a ttivit di alle vam e nto e de lla re voca de ll'autorizza zione .

Art.31 Azie nde fa unistico - ve natorie e azie nde agri - turistico - ve na torie 1. L'Am m inistrazione re giona le autorizza l'istituzione di azie nde fa unistico - ve natorie , se nza fina lit di lucro e pe r pre va le nti fina lit natura listiche e faunistiche , e di azie nde a gri - turistico - ve natorie , ai fini di im pre sa agricola , a norm a de ll'articolo 16 de lla Le gge 11 fe bbraio 1992, n. 157, se condo le m oda lit indicate ne lla pre se nte le gge , ne l piano faunistico re giona le e ne lle dire ttive di cui ai com m i 5 e 6. 2. L'a utorizzazione all'istituzione o al rinnovo de lle azie nde fa unistico - ve natorie ha validit de ce nnale . 3. L'a utorizzazione all'istituzione de lle azie nde faunistico - ve na torie e de lle a zie nde a gri - turistico - ve na torie subordinata a ll'asse nso scritto de i proprie tari o conduttori de i fondi rustici. La dom a nda di rinnovo de ve e sse re prese ntata a lm e no se i m e si prim a de lla sca de nza . La dom anda de ve esse re corre data da l consenso de i consorzi de i proprie ta ri o conduttori costituiti o de i singo li proprie ta ri sube ntrati a pre ce de nti proprie ta ri a de re nti o che a ve va no lim ita to il conse nso alla durata de lla conce ssione . 4. La R e gione , con il piano faunistico - ve natorio, re gola la de nsit, la colloca zione e l'e ste nsione m assim a com ple ssiva de lle azie nde faunistico - ve na torie e d a gri - turistico - ve natorie in ogni com pre nsorio faunistico om oge ne o, nonch la distanza di ogni a zie nda faunistico - ve na toria di nuova costituzione dalle zone di prote zione . 5. L'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , se ntito il pare re de lla C om m issione consiliare com pe te nte e de l C om itato re giona le fa unistico, individua con apposite dire ttive i crite ri di istituzione , rinnovo, re voca e ge stione te cnica de lle azie nde faunistico - ve na torie . 6. L'Asse ssore re giona le de ll'agricoltura e riform a agro-pa stora le , di conce rto con l'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , se ntito il pare re de lla C om m issione consiliare com pe te nte , con a pposita dire ttiva individua i crite ri di istituzione , rinnovo, re voca e ge stione te cnica de lle azie nde agri - turistico - ve natorie . Art.32 Istituzione e d e se rcizio ve na torio ne lle azie nde faunistico - ve na torie 1. Le a utorizza zioni pe r l'istituzione di a zie nde fa unistico - ve natorie , corre date di progra m m i di conse rva zione e di ripristino a m bie nta le a l fine di ga ra ntire l'obie ttivo na turalistico e faunistico, sono rilascia te da ll'Asse ssorato de lla dife sa de ll'am bie nte . 2. L'a utorizzazione all'istituzione di azie nde faunistico - ve na torie conce ssa a d associazioni che a dottino uno sta tuto tipo approvato con de cre to de l Pre side nte de lla Giunta re giona le , pre via de libe razione de lla Giunta m e de sim a, se ntito il pa re re de lla C om m issione consilia re com pe te nte e de l Com ita to re gionale faunistico. L'istituzione di azie nde faunistico - ve na torie de ve pre vedere un pre ciso rapporto tra num e ro di cacciatori e supe rficie inte re ssata. 3. L'e sercizio de ll'attivit ve na toria ne lla a zie nda faunistico - ve na toria rise rvato esclusivam ente agli a ssocia ti e d agli ospiti ne i lim iti pre visti dallo statuto di cui al com m a 2. 4. I soci de lle associazioni titolari di una azie nda faunistico - ve na toria non possono e se rcitare l'attivit ve na toria alla pe rnice e a lla le pre sarda al di fuori de lla ste ssa a zie nda . 5. L'a utorizzazione all'istituzione o al rinnovo di una azie nda faunistico - ve na toria com porta l'obbligo di a ssicura re la vigilanza sul te rritorio de ll'a zie nda ste ssa. Le dire ttive pre viste da l com m a 6 de llarticolo 31 disciplinano le m odalit con cui de ve e sse re assicurata la vigila nza sul te rritorio de lla a zie nda . 6. L'iscrizione alle associazioni titolari di una azie nda faunistico - ve na toria de ve risulta re , a cura de ll'organo di ge stione de lle ste sse , ne l libre tto ve na torio de l cacciatore a ssocia to. Art.33 C e ntri fa unistici a ttre zzati 1. P e r fa vorire la conosce nza de lla fauna se lva tica e la se nsibilizza zione e l'e ducazione am bie ntale ve rso le proble m atiche de lla sua conse rvazione e ge stione , nonch pe r favorire lo sviluppo de l turism o na turalistico, l'Asse ssora to de lla dife sa de ll'am bie nte pu a utorizzare la re a lizzazione di, da individuare pre fe ribilm e nte a ll'inte rno de lle aree protette , che possa no ospita re esclusivam e nte fauna autoctona . 2. I C e ntri sono costituiti da are e re cinta te di dim e nsioni idone e a lle e sige nze spe cifiche de lla fauna ospita ta. I C e ntri possono inoltre e sse re dotati di are e e strutture pe r lo svolgim e nto di a ttivit didattico - inform a tive e turistico na tura listiche . Art.34 Istituzione de lle azie nde a gri - turistico - ve natorie 1. Le a utorizza zioni pe r l'istituzione di a zie nde agri - turistico - ve na torie , fe rm e re sta ndo e ve ntualm e nte que lle pre viste da lla le gislazione sta ta le o re gionale pe r l'e se rcizio de lle singole attivit, sono rila scia te dall'Asse ssora to re giona le de ll'agricoltura e riform a a gro - pastorale , di conce rto con l'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte . Le azie nde agri - turistico - ve natorie possono e sse re istituite a nche quando, ne i te rre ni che di e sse fa nno parte , si svolga no altre attivit e conom iche com pa tibili. 2. P e r fa vorire la diffusione e la corre tta ge stione de lle azie nde agri - turistico - ve natorie conse ntita listituzione di azie nde con finalit dim ostrativa su te rre ni, pre fe ribilm e nte di scarso valore am bie ntale e fa unistico, de llAzie nda de lle

, p e conom ici, orga nizza tivi, nonch e sple ta re corsi di form azione profe ssiona le .

fore ste de m aniali de lla R e gione Sa rda e su altre te rre pubbliche o priva te in cui sa r possibile acquisire da ti te cnico 3. Ne lle azie nde agri - turistico - ve natorie possono e sse re intrapre se oltre alle gi pre viste attivit di ca ra tte re agrituristico, attivit di caratte re ve natorio, sportivo, ricre ativo e culturale . Art.35 Am biti te rritoriali de lle a zie nde agri - turistico - ve na torie 1. La supe rficie di ciascuna azie nda a gri - turistico - ve natoria non pu e sse re supe riore a i 1.200 e ttari. Art.36 Attivit ve natoria ne lle azie nde agri - turistico - ve natorie 1. Ne ll'a m bito de lle azie nde agri - turistico - ve natorie conse ntita e sclusivam e nte l'a ttivit ve natoria controlla ta e d a pa ga m e nto se condo le disposizioni conte nute ne l re golam e nto azie ndale inte rno. L'attivit ve na toria ne i confronti de lla se lvaggina natura le di passo e de lla volpe pu e sse re e se rcita ta , dai cacciatori m uniti di a utorizza zione re gionale e am m e ssi in ba se al re gola m e nto azie ndale , ne i giorni e con le lim itazioni pre viste dalla pre se nte le gge e da l cale ndario ve natorio. 2. Ne lle azie nde agri - turistico - ve natorie possono e sse re istituite zone di adde stram e nto cani con abba ttim e nto di fa una se lva tica alle vata se nza l'a utorizzazione pre vista da l com m a 1 de ll'a rticolo 38. Art.37 R e quisiti individua li pe r l'e se rcizio ve natorio ne lle a zie nde agri - turistico - ve na torie 1. L'a ttivit ve natoria controlla ta ne ll'a m bito de ll'a zie nda agri - turistico - ve na toria pu e sse re e se rcita ta da cacciatori m uniti di re gola re autorizza zione pe r il porto di fucile pe r uso di ca ccia . 2. P e r l'e se rcizio de ll'a ttivit ve natoria sulla fa una se lvatica im m e ssa o libe rata ne ll'a m bito de lle a zie nde agri - turistico - ve na torie non ne ce ssa rio il posse sso de lla autorizza zione re gionale alle se rcizio de llattivit ve na toria di cui allarticolo 45. Art.38 Adde stram e nto e alle na m e nto ca ni 1. Le P rovince , su richie sta di a ssociazioni ve natorie o cinofile riconosciute o di produttori a gricoli singoli o associati, pre vio a sse nso scritto de i proprie tari o conduttori de i fondi te rritorialm e nte inte re ssati, in a ttuazione de l piano faunistico - ve na torio, autorizza no l'istituzione e re golano la ge stione di ca m pi pe r l'a dde stram e nto e l'a lle na m e nto de i cani in are e de lim ita te . 2. Ne lle are e de stinate all'a dde stram e nto e all'alle nam e nto de i ca ni conse ntito labba ttim e nto di se lvaggina alle vata pe r ladde stra m e nto de i cani. 3. L'istituzione de lle zone di cui ai com m i 1 e 2 conse ntita ne gli A.T.C . e ne lle a zie nde agri - turistico - ve na torie . Ne lle azie nde faunistico - ve na torie sono conse ntite le attivit cinofile ne lle form e com patibili con le fina lit de l piano fa unistico - ve natorio. Art.39 Ta be lle se gna le tiche 1. I confini de lle oasi pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura , de lle zone te m pora ne e di ripopola m e nto e di cattura, de lle zone pubbliche o priva te pe r l'alle vam e nto de lla se lvaggina a scopo di studio e ripopolam e nto, de gli A.T.C., de i ce ntri privati di riproduzione di fauna se lva tica allo stato natura le e di a lle vam e nto con e sclusione di que lli orna m e ntali e am atoriali, de lle zone di a dde stram e nto pe r i ca ni e de lle a zie nde fa unistico - ve natorie e a gri - turistico - ve na torie , nonch de i fondi chiusi de bbono e sse re de lim itati, a cura de gli organism i di ge stione e de i sogge tti inte re ssa ti, con ta be lle pe rim e trali. 2. Le tabe lle de vono e sse re colloca te su pa li o albe ri a d un'a lte zza da tre o qua ttro m e tri, ad una distanza di circa 100 m e tri una dall'a ltra e , com unque , in m odo che da ogni ta be lla siano visibili le due contigue . 3. Q uando si tra tti di te rre ni contigui a corsi o spe cchi di acqua , le tabe lle possono e sse re colloca te anche su na tanti, e m e rge nti a lm e no 50 ce ntim e tri dal pe lo de ll'a cqua . 4. Le tabe lle de vono e sse re colloca te anche lungo i bordi de lle stra de inte rne de lle are e di cui a l com m a 1 se de tte strade supe ra no i tre m e tri di larghe zza; ove la larghe zza de lle strade sia infe riore a tre m e tri, le ta be lle ve ngono apposte , be n visibili, agli ingre ssi. 5. Le tabe lle pe rim e tra li, da chiunque poste in com m e rcio, de bbono e sse re conform i a lle indica zioni conte nute ne i rispe ttivi provve dim e nti di costituzione . 6. Le tabe lle pe rim e tra li de bbono e sse re m ante nute in buono sta to di conse rvazione e le ggibilit. TITO LO II ( Esercizio dell'attivit venatoria) C AP O I

C AP O I ( Esercizio della caccia - Mezzi - Requisiti) Art.40 Ese rcizio di ca ccia 1. C ostituisce e se rcizio di ca ccia ogni atto dire tto all'a bbattim e nto o alla cattura di fauna se lvatica m e diante l'im pie go de i m e zzi di cui all'a rticolo 41. 2. E' conside rato, altre s, e se rcizio di ca ccia il vaga re o il soffe rm a rsi con i m e zzi de stinati a ta le scopo o in attitudine di rice rca de lla fauna se lvatica o di atte sa de lla m e de sim a pe r abbatte rla o catturarla . 3. O gni altro m odo di a bbattim e nto vie tato, salvo che non avve nga pe r caso fortuito o pe r forza m a ggiore . 4. Ne lle zone conse ntite , la fauna se lvatica appa rtie ne a chi le gittim a m e nte la uccide o la ca ttura e que lla pale se m e nte fe rita al fe ritore .

Art.41 Me zzi pe r l'e se rcizio de ll'a ttivit ve natoria 1. L'a ttivit ve natoria conse ntita con l'uso de l fucile con canna ad anim a liscia fino a due colpi, a ripe tizione e se m ia utom atico, con carica tore conte ne nte non pi di due cartucce , oltre a que lla in ca nna , di ca libro non supe riore al 12. 2. I bossoli de lle cartucce de vono e sse re re cupe ra ti dal ca ccia tore e non la sciati sul luogo di caccia. 3. Sono vie ta te tutte le a rm i e tutti i m e zzi pe r l'e se rcizio ve na torio non e splicitam e nte a m m e ssi dal pre se nte a rticolo. 4. Il titolare de lla lice nza di porto di fucile pe r uso di ca ccia autorizza to, pe r l'e se rcizio ve natorio, a porta re , oltre alle arm i conse ntite , gli ute nsili da punta e da ta glio a tti alle e sige nze ve natorie . 5. Al cacciatore conse ntito farsi a iuta re , pe r condurre i ca ni, da pe rsone non m unite de ll'a utorizza zione re gionale di cui all'articolo 45 de lla pre se nte le gge . 6. O gni ca ccia tore non pu utilizza re pi di tre cani fa tta e cce zione pe r i ca ni da se guito durante la caccia in battuta alla volpe e al cinghiale . Art.42 R e quisiti pe r l'e se rcizio de lla caccia 1. L'a ttivit ve natoria in Sarde gna pu e sse re e se rcitata da chi a bbia com piuto il diciotte sim o anno di e t, abbia conse guito l'a bilitazione a ll'e se rcizio de lla ca ccia di cui all'a rticolo 43, sia m unito de lla lice nza di porto di fucile pe r uso di caccia, de ll'autorizza zione re gionale di cui a ll'articolo 45 e di una polizza assicura tiva pe r la re sponsabilit civile ve rso te rzi de riva nte dall'uso de lle a rm i o de gli a rne si utili all'a ttivit ve natoria e di una polizza assicurativa pe r infortuni corre la ta a ll'e se rcizio de ll'attivit ve na toria , con i m assim a li indicati da ll'articolo 12, com m i 8 e 9, de lla Le gge n. 157 de l 1992, e succe ssive m odifiche e d inte grazioni. 2. Ne i dodici m e si succe ssivi a l rila scio de lla prim a lice nza, il ca ccia tore pu pra ticare l'e se rcizio ve natorio solo se accom pagnato da cacciatore in posse sso di lice nza di porto di fucile pe r uso di ca ccia rilasciata alm e no tre a nni prim a, che non abbia com m e sso violazione a lle norm e di le gge com porta nti la sospe nsione e la re voca de lla lice nza. Art.43 C om m issione pe r l'abilitazione a ll'e se rcizio de lla caccia - Esam e di abilitazione 1. L'a bilitazione a ll'e se rcizio de lla ca ccia conse guita a se guito di e sa m i pubblici dinanzi a d a pposita Com m issione nom ina ta da ll'Asse ssore re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte pe r ogni Provincia , e com posta dal Pre side nte e da cinque e spe rti qualifica ti, di cui a lm e no due la ure ati in scie nze biologiche o in scie nze na turali o in m e dicina ve te rinaria e spe rti in ve rte bra ti om e ote rm i e di un la ure a to in agraria, com pe te nti ne lle se gue nti m ate rie : a) le gislazione ve natoria; b) zoologia a pplicata a lla ca ccia , con prove pra tiche di riconoscim e nto de lle spe cie cacciabili e non ca ccia bili; c) arm i e m unizioni da caccia, loro uso e re lativa le gislazione ; d) tute la de lla na tura e principi di salva guardia de lle colture agricole ; e) norm e di pronto soccorso. 2. L'e sam e consiste in una prova orale sulle m a te rie di cui a lle pre ce de nti le tte re a ), d) e d e ), e in una prova pra tica sulle m a te rie di cui a lle pre ce de nti le tte re b) e c). 3. L'a bilitazione conce ssa se il giudizio favore vole in tutte e cinque le prove e le nca te ne l com m a pre ce de nte . Il candidato giudica to inidone o am m e sso a ripe te re l'e sa m e , pre via dom anda, non prim a che siano tra scorsi tre m e si da lla da ta de l pre ce de nte e sam e . 4. P e r soste ne re l'e sa m e il ca ndida to de ve e sse re m unito di ce rtificato m e dico di idone it. 5. La dom anda pe r soste ne re l'e sam e de ve e sse re pre se ntata a lla Com m issione ne l cui a m bito te rritoria le il candidato risie de . 6. C on de cre to de ll'Asse ssore re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte si provve de a pubblica re e ad a ggiornare il progra m m a de lle m ate rie d'e sa m e e le m odalit di svolgim e nto de lle prove . 7. La bilitazione a lle se rcizio de lla ca ccia pre vista da lla le gge re gionale n. 32 de l 1978 e quiva le nte a ll'abilitazione alle se rcizio de lla ca ccia disciplina ta da i pre ce de nti com m i.

all e se rcizio de lla ca ccia disciplina ta da i pre ce de nti com m i. Art.44 Nom ina e dura ta de lla Com m issione 1. La C om m issione di cui all'a rticolo 43 pre sie duta dal dirige nte de l se ttore provincia le o de ll'ufficio provinciale com pe te nte in m a te ria, o suo sostituto. 2. Le funzioni di se gre tario sono svolte da un dipe nde nte de lla Provincia. 3. Il provve dim e nto di nom ina de lla C om m issione pre ve de , altre s, la nom ina de i m e m bri supple nti onde a ssicura re il re golare svolgim e nto de lle se dute . 4. Ai com pone nti la C om m issione spe tta il trattam e nto e conom ico stabilito da lla le gge re giona le n. 27 de l 1987. Art.45 Autorizza zione re gionale pe r l'e se rcizio de lla caccia 1. P e r e se rcita re l'a ttivit ve natoria in Sarde gna istituita una a utorizza zione re gio na le che vie ne conce ssa da l Pre side nte de lla Giunta re gionale a i se nsi de l succe ssivo a rticolo 46. 2. La re voca o la sospe nsione de lla lice nza di porto di fucile pe r uso di ca ccia com porta rispe ttivam e nte la re voca o la sospe nsione de ll'autorizza zione re gionale e d il dinie go de lla sua conce ssione pe r un pe riodo corrisponde nte a lla durata de lla sospe nsione o de lla re voca . 3. L'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte cura i rapporti con le com pe te nti autorit al fine di a cquisire te m pe stiva m e nte la notizia de i provve dim e nti assunti pe r violazioni a lle le ggi sull'e se rcizio de lla caccia e sulla prote zione de lla fa una , pe r la loro annota zione ne ll'a pposita a na grafe e pe r l'applicazione de lle sa nzioni a m m inistrative pre viste ne lla pre se nte le gge . Art.46 C onte nuti e m odalit di rilascio de ll'autorizza zione pe r l'e se rcizio de lla caccia 1. L'a utorizzazione re giona le pe r l'e se rcizio de lla caccia rilascia ta da l P re side nte de lla Giunta re giona le tra m ite i Sinda ci de i C om uni e pe r i non re side nti tra m ite l'Asse ssore re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte . 2. Gli inte re ssati de vono pre se nta re al Sinda co de l Com une di re side nza dom a nda dire tta a l P re side nte de lla Giunta re giona le . 3. Alla dom a nda de vono e sse re a lle gati: a) una copia de lla dom a nda in carta libe ra pe r l'Asse ssora to re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte ; b) copia a ute ntica ta de lla lice nza di porto di fucile pe r uso di caccia; c) copia a ute nticata de lle polizze a ssicura tive ; d) l'origina le o copia a ute ntica ta de lla rice vuta de l ve rsam e nto, sull'apposito conto corre nte posta le istituito dalla R e gione sarda, de lla ta ssa di conce ssione re giona le di cui a ll'articolo 87. 4. I non re side nti in Sarde gna de vono pre se nta re la dom a nda, con le form alit sopra indicate , tra il 1 aprile e d il 31 m aggio, a l P re side nte de lla Giunta re giona le tra m ite l'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte . O ltre a gli alle ga ti di cui a l com m a 3, de vono alle gare alla dom anda copia a ute nticata de l te sse rino re gionale rilascia to da lla R e gione di re side nza. 5. L'a utorizzazione re giona le pe r l'e se rcizio de lla caccia pe r i re side nti in Sa rde gna ha la ste ssa durata de lla lice nza di porto di fucile pe r uso di caccia e scade con e ssa . Lautorizzazione re giona le pe r le se rcizio de lla ca ccia pe r i non re side nti in Sa rde gna ha va lidit di un anno. La sua va lidit subordina ta al pa ga m e nto de lla tassa di conce ssione . La rice vuta o copia aute nticata de l ve rsam e nto dovr esse re alle ga ta all'a utorizzazione . 6. L'a utorizzazione re giona le contie ne , com e parte inte gra nte , un libre tto ve natorio suddiviso in fogli corrisponde nti alle stagioni ve natorie ne l qua le il cacciatore , ne l corso di ogni giornata di ca ccia e ffe ttiva, ha l'obbligo di se gna re in m odo inde le bile la data di caccia, la se lvaggina e l'a m bito te rritoriale di caccia ove vie ne e se rcita ta la caccia. La da ta e l'a m bito te rritoriale di caccia de vono e sse re se gna ti a l m om e nto de ll'inizio de ll'attivit ve natoria . La se lvaggina stanziale de ve e sse re se gna ta a m ano a m ano che vie ne incarnie rata, m e ntre la se lvaggina m igra toria de ve e sse re se gna ta a l te rm ine de lla giornata di ca ccia . 7. E' fa tto obbligo al titola re de ll'autorizza zione re gionale di trasm e tte re , tram ite l'A.T.C . di apparte ne nza, a l te rm ine de ll'anna ta ve natoria, e com unque non oltre il 31 m arzo, all'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte il foglio de l libre tto ve na torio di cui a l com m a 6, conte ne nte le annota zioni sulla se lvaggina abbattuta ne lla pa ssata stagione ve natoria. 8. Gli organi di ge stione de lle azie nde faunistico-ve natorie sono te nuti a tra sm e tte re a ll'Asse ssora to re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte , e ntro lo ste sso te rm ine di cui al com m a 7, le statistiche de gli abba ttim e nti di fa una se lva tica e ffe ttuati ne l te rritorio di com pe te nza , ne lla passa ta stagione ve na toria. 9. La conce ssione de lla autorizzazione subordinata a lla re stituzione de l libre tto ve na torio de lla pre ce de nte autorizza zione . Art.47 Docum e nti de l cacciatore 1 Durante l'esercizio de ll'a ttivit ve natoria il cacciatore de ve e sse re m unito de lla lice nza di porto di fucile pe r uso di

1. Durante l e se rcizio de ll a ttivit ve natoria , il cacciatore de ve e sse re m unito de lla lice nza di porto di fucile pe r uso di caccia, de ll'autorizza zione re gionale , de lle rice vute atte stanti il pa ga m e nto de lla tassa di conce ssione re gionale a nnua le e de l pre m io a ssicura tivo e de ve pre se nta rli ad ogni richie sta de gli age nti di vigila nza. I ca ccia tori non re side nti in Sa rde gna de vono e sse re m uniti a nche de l te sse rino di cui a l com m a 12 de ll'articolo 12 de lla Le gge n. 157 de l 1992. C AP O II ( Specie cacciabili e periodi di attivit venatoria) Art.48 Spe cie di fa una se lvatica ca ccia bile 1. Agli e ffe tti de lla pre se nte le gge e d a i fini de ll'e se rcizio ve na torio conse ntito a bba tte re solta nto e se m plari di fa una se lvatica a ppa rte ne nti a lle se gue nti spe cie : MAMMIFER I Le pre sarda (Le pus ca pe nsis) Coniglio se lva tico (O ryctolagus cuniculus) Volpe (Vulpe s vulpe s) C inghia le (Sus scrofa ) UC CELLI Stanziali Pe rnice sa rda (Ale ctoris ba rba ra ) Migratori Fischione (Anas pe ne lope ) C ana piglia (Ana s stre pe ra) Alzavola (Ana s cre cca ) Ge rm a no re ale (Anas pla tyrhynchos) C odone (Ana s a cuta ) Ma rzaiola (Ana s que rque dula ) Me stolone (Anas clype a ta ) Moriglione (Aythya fe rina) More tta (Aythya fuligula ) Q uaglia (C oturnix coturnix ) Ga lline lla d'acqua (Ga llinula chloropus) Folaga (Fulica a tra ) Pa vonce lla (Va ne llus vane llus) Be ccaccino (Gallinago gallinago) Be ccaccia (Scolopax rusticola) C olom baccio (Colum ba palum bus) Tortora se lvatica (Stre ptope ia turtur) Allodola (Alauda a rve nsis) Me rlo (Turdus m e rula ) C e se na (Turdus pilaris) Tordo bottaccio (Turdus philom e los) Tordo sa sse llo (Turdus iliacus) P asse ra sa rda (Pa sse r e spanole nsis) Passe ra m a ttugia (Pa sse r m onta nus) Pa sse ra oltre m onta na (Pa sse r dom e sticus) Storno (Sturnus vulgaris) P orciglione (R allus a quaticus) Frullino (Lym nocrypte s m inim us) Pittim a re ale (Lim osa lim osa ) C ornacchia grigia (C orvus corone cornix ) Ghiandaia (Garrulus glanda rius) 2. E' vie tato il pre lie vo ve natorio a nche de lle spe cie di m am m ife ri e di ucce lli non com pre se ne ll'e le nco di cui al pre ce de nte com m a 1, oltre che di que lle ricom pre se ne ll'alle ga to di cui a l com m a 3 de ll'articolo 5 de lla pre se nte le gge . Art.49 Pe riodo di caccia 1. Ai fini de ll'a ttivit ve natoria ne l te rritorio de lla Sarde gna conse ntito a bbatte re e se m plari di fa una se lva tica di cui all'articolo 48, ne l pe riodo com pre so tra la te rza dom e nica di se tte m bre e il 31 ge nna io de ll'anno succe ssivo, con le se gue nti e cce zioni: 4. C inghia le (Sus scrofa) dal 1 nove m bre al 31 ge nna io de llanno succe ssivo.b) C olom baccio (Colum ba palum bus) Be cca ccia (Scolopa x rusticola ) Be cca ccino (Gallinago ga llina go) Me rlo (Turdus m e rula) Tordo sa sse llo (Turdus iliacus) Tordo botta ccio (Turdus philom e los) C e se na (Turdus pilaris) Storno (Sturnus vulga ris) Marzaiola (Anas cue rcue dula ) Arzavola (Ana s cre cca ) Pa vonce lla (Vane llus va ne llus) dalla te rza dom e nica di se tte m bre fino a ll'ultim o giorno di fe bbra io de lla nno succe ssivo. Eve ntua li de roghe possono e sse re conce sse con de cre to de llAsse ssore re giona le de lla dife sa de lla m bie nte , pre via de libe razione de lla Giunta re giona le , se ntito il pa re re de l C om itato re gionale fa unistico, de llIstituto re gionale pe r la fauna se lvatica e de ll'Istituto naziona le pe r la fa una se lva tica. La le tte ra b) stata soppre ssa pe r e ffe tto de lla se nte nza de lla C orte C ostituziona le n. 323 de l 24 luglio 1998 che ne ha dichia ra to l'ille gittim it .c)Tortora se lvatica (Stre ptope ia turtur)dalla se conda dom e nica di agosto fino a ll'ultim a dom e nica di a gosto pe r un m assim o di due giorna te . 2. La ttivit ve natoria pu e sse re conse ntita pe r un m a ssim o di due giorna te la se ttim ana, com pre sa la dom e nica , oltre alle giorna te fe stive infra se ttim anali. 3. La caccia conse ntita da un'ora prim a de l sorge re de l sole fino ad un'ora dopo il tra m onto. Al m om e nto de lla e m a na zione de l cale nda rio ve natorio re datto un e le nco de lle e ffe m e ridi pe r i giorni di caccia pre visti da llo ste sso cale ndario. 4. Ne i giorni di ca ccia conse ntito re carsi pre sso il punto di ca ccia o di rie ntro, purch con il fucile scarico, in orari ante ce de nti o succe ssivi a que lli pre visti ne l com m a 3. Art.50 C ale ndario ve na torio 4. L'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte adotta, su de libe ra zione de l C om ita to re gionale faunistico, con proprio de cre to da e m a na rsi e ntro il 15 luglio, il ca le ndario ve natorio a nnuale . 2. Entro il 31 m aggio le Province , se ntiti i Com itati provinciali fa unistici e i Com itati dire ttivi de gli A.T.C ., inviano all'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte proposte , accom pa gna te da a pposite re la zioni te cnico-scie ntifiche , in ordine a lla form azione de l ca le ndario ve natorio a nnuale . 3. Il ca le ndario ve natorio re giona le , in pa rticolare , individua: 4. le spe cie ca ccia bili, le giornate di ca ccia e i lim iti orari di caccia ne ll'a m bito de i pe riodi com ple ssivi indicati ne ll'articolo 49, ne i com pre nsori fa unistico - ve natori e con le variazioni re se ne ce ssarie dal coordinam e nto de i piani fa unistico ve natori provinciali; b) il pre lie vo m assim o giorna lie ro e stagiona le de lle spe cie ca ccia bili;

b) il pre lie vo m assim o, giorna lie ro e stagiona le, de lle spe cie ca ccia bili; c) ogni altra pre scrizione rite nuta ne ce ssaria a conse guire gli obie ttivi de lla pia nificazione e ge stione de ll'attivit ve natoria se condo le disposizioni de lla pre se nte le gge . Art.51 Lim ita zioni e divie ti 4. LAsse ssore re giona le de lla dife sa de llam bie nte , avvale ndosi de llIstituto re gionale pe r la fa una se lvatica e se ntito il C om itato re giona le fa unistico e le P rovince inte re ssate , qualora ricorra la ne ce ssit di prote gge re la fa una se lva tica, pe r sopra vve nute particola ri condizioni stagionali e clim atiche , o pe r m alattie o altre cala m it, pu lim ita re o vie tare su tutto o pa rte de l te rritorio re gionale l'e se rcizio ve na torio. 2. LAsse ssore re giona le de lla dife sa de llam bie nte , avvale ndosi de llIstituto re gionale pe r la fa una se lvatica e se ntito il C om itato re giona le fa unistico e le P rovince inte re ssate , pu vie tare l'e se rcizio de ll'attivit ve na toria ne lle localit di note vole inte re sse panora m ico, pa e sistico o turistico, a tute la de ll'inte grit de i cittadini e de lla quie te de lle zone . In caso di divie to pe rm a ne nte , ta li zone sono costituite in oasi pe rm ane nti di prote zione faunistica e di cattura. C AP O III ( Organizzazione gestionale della caccia programmata) Art.52 Istituzione de ll'am bito te rritoriale di caccia program m ata - (A.T.C .) Istituzione de ll'am bito te rritoriale di caccia program m ata - (A.T.C .) 4. Ne l te rritorio re gionale de stinato a ll'attivit di ca ccia sono istituiti gli am biti te rritoria li di caccia program m ata (A.T.C .) individuati sulla ba se de lle caratte ristiche faunistico - a m bie ntali de l te rritorio, de lle consue tudini, de lle tra dizioni locali e de lla pre ssione ve natoria e se rcitabile sul te rritorio. 2. Ne ll'individua zione de ll'A.T.C . il piano faunistico - ve na torio re giona le dovr fare rife rim e nto: 4. a i confini na tura li e d a lle ope re rile va nti; b) alle e sige nze spe cifiche di conse rva zione de lle spe cie di fa una se lva tica indica te ne l piano ste sso. 3. Gli am biti te rritoriali di caccia hanno caratte re subprovinciale e sono individuati in un num e ro com pre so tra otto e se dici fatta ecce zione pe r le isole di La Maddalena, Sa nt'Antioco e San Pietro, che ve ngono im m e diatam ente istituite in A.T.C. a ll'e ntra ta in vigore de lla pre se nte le gge . 4. P e r pa rticolari e sige nze di conse rva zione de lle re a lt ge ogra fica e faunistico-am bie ntale gli am biti te rritoria li di caccia possono e ste nde rsi in te rritori di pi province . 5. La proposta di piano provincia le di cui a lla le tte ra a ), com m a 3, de ll'a rticolo 12, contie ne anche la proposta di de lim ita zione de gli a m biti te rritoriali di ca ccia . 6. La prim a de lim itazione de gli am biti te rritoriali di caccia con dim e nsione sub - provinciale ha ca ra tte re spe rim e ntale e pu e sse re m odificata, e ntro tre a nni da lla da ta di e ntra ta in vigore de lla pre se nte le gge , anche prim a de lla re visione de l piano faunistico re gionale . 7. La m odifica de lla prim a de lim ita zione de gli am biti te rritoria li di caccia a dotta ta con de cre to de l Pre side nte de lla Giunta re giona le , su proposta de llAsse ssore de lla dife sa de lla m bie nte , se ntito il pare re de lla C om m issione consiliare com pe te nte in m a te ria e de l C om ita to re giona le faunistico. Art.53 Ge stione de ll'A.T.C . 4. O gni am bito te rritoriale di caccia (A.T.C .), com e individua to da l piano faunistico-ve natorio re giona le , ge stito dal C om itato dire ttivo di cui all'a rticolo 17. 2. Il re gola m e nto di a ttua zione de lla pre se nte le gge individua i crite ri pe r la ge stione te cnica e am m inistra tiva de gli am biti te rritoriali di ca ccia. 3. Il C om itato dire ttivo provve de a disciplinare : 4. i crite ri e le m odalit de lla parte cipazione , a nche e conom ica , de i cacciatori iscritti, alla ge stione te cnico am m inistrativa de gli A.T.C .; b) l'e sple tam e nto de lle funzioni a m m inistrative , conta bili e fina nzia rie ; c) le form e di parte cipazione de m ocra tica de i sogge tti inte re ssati alla de finizione e all'a ttuazione de l program m a fa unistico - ve natorio annua le ; d) la nom ina de l colle gio de i re visori de i conti e la loro durata in ca rica. 4. P e r gravi e com provate e sige nze faunistiche e d e cce ziona li situa zioni am bie nta li o ge stiona li, il C om ita to dire ttivo de ll'A.T.C., e ntro 15 giorni dall'e m anazione de l ca le ndario ve natorio re giona le , pu proporre e ve ntuali m odifiche alle m odalit di e se rcizio de lla caccia, m e diante : 4. la m odifica de lle spe cie di m am m ife ri e di ucce lli stanziali caccia bili; b) la m odifica de l num e ro de lle giorna te se ttim a na li e de gli orari; c) la m odifica de l carnie re giorna lie ro e stagionale re lativam e nte a lla fauna sta nziale ; d) l'individuazione e la de lim itazione , pe r pe riodi lim ita ti, di zone di rispe tto sulle quali vie ta to l'e se rcizio de lla caccia. 5. Il C om itato dire ttivo de ll'A.T.C . d com unicazione de lle proposte a llAsse ssorato re gionale de lla dife sa de lla m bie nte pe r la loro a pprovazione Le lim ita zioni progra m m ate sono com unicate a l C om itato re gionale fa unistico che de ve

pe r la loro a pprovazione. Le lim ita zioni progra m m ate sono com unicate a l C om itato re gionale fa unistico che de ve e sprim e re il proprio pare re obbliga torio e vincola nte e ntro tre nta giorni da lla rice zione de lla com unicazione . Sulla base di ta le pare re l'Asse ssore de lla dife sa de ll'am bie nte de libe ra con proprio de cre to. Art.54 Ge stione fina nzia ria de ll'A.T.C . 4. C on il pia no fa unistico - ve natorio re gionale la R e gione indica l'im porto m assim o e m inim o de lla quota annua le di pa rte cipa zione che pu e sse re richie sta ai cacciatori a cope rtura de lle spe se di ge stione . La quota di parte cipazione dovuta da i cacciatori non a pparte ne nti all'A.T.C ., am m e ssi a cacce spe ciali, rapporta ta alle giornate ve na torie conse ntite e d alla quota forfe tta ria pre vista con il piano re gionale . 2. Le quote di parte cipazione sono introita te da l C om itato dire ttivo de ll'A.T.C . e d im pie gate pe r l'a ttua zione de gli inte rve nti program m ati. 3. Le a ltre e ntrate de ll'A.T.C . sono costituite : 4. dalla quota de lle tasse di conce ssione re gionale pe r i contributi da e rogarsi ai proprie tari e d a i conduttori di fondi rustici pe r l'inclusione ne gli am biti te rritoria li di caccia; b) dalla quota de lle ta sse di conce ssione re giona le pe r i risa rcim e nti da corrisponde rsi ai proprie tari e ai conduttori de i fondi pe r i danni, non altrim e nti risarcibili, provoca ti alla produzione agricola e zoote cnica e alle ope re approntate su te rre ni coltivati o a pa scolo da lla fauna se lvatica , in particola re da que lla prote tta , e dall'a ttivit ve natoria. 4. O gni Com ita to dire ttivo de ll'A.T.C. ha facolt di spe sa ne i lim iti de i com piti a ttribuiti dalla pre se nte le gge e de lle disponibilit di bila ncio. 5. Il C om itato dire ttivo de ll'A.T.C . approva il bilancio pre ve ntivo e ntro il 31 dice m bre de ll'a nno pre ce de nte que llo cui si rife risce e provve de a d invia rlo alla P rovincia e alla R e gione , corre dato de lla re lazione de l Colle gio de i re visori de i conti, e ntro i tre nta giorni succe ssivi. Esso provve de altre s a d a pprovare , e ntro il 28 fe bbraio di ogni anno, il re ndiconto te cnico - finanziario re la tivo all'e se rcizio pre ce de nte , corre dato dalla re la zione de l C olle gio de i re visori, e ad inviarlo a lla Provincia e a lla Re gione e ntro i tre nta giorni succe ssivi. Art.55 Acce sso a ll'A.T.C. 4. O gni ca ccia tore , pre via dom a nda a l com pe te nte Com ita to dire ttivo, ha diritto di acce sso in un a m bito di caccia pre sce lto pe r l'e se rcizio de ll'attivit ve na toria ne i confronti de lla fa una stanziale e stanziale nobile . Pe r gli ste ssi fini pu ave re a cce sso ad altri am biti, ne i lim iti di de nsit ve na toria, stabiliti dal pia no fa unistico-ve natorio re gionale e avuto rigua rdo a lle priorit indica te dagli articoli se gue nti. 2. L'e se rcizio ve na torio ne i confronti de lla fauna m igra toria pu e sse re e se rcita to in tutti gli A.T.C.. 3. L'opzione de ll'a m bito pre sce lto ha la dura ta di un a nno e si inte nde rinnova ta se e ntro il 31 m a ggio il caccia tore non fa pe rve nire richie sta di m odifica de ll'indicazio ne conte nuta ne l te sse rino re gio na le . 4. Il C om itato dire ttivo de ll'A.T.C . te nuto a soddisfa re le richie ste di parte cipazione de l cacciatore , fino a l lim ite di disponibilit indica to ne l piano faunistico - ve natorio re giona le e sulla ba se de lle priorit stabilite a ll'articolo 56, e ntro tre nta giorni dal rice vim e nto de ll'istanza, provve de ndo a com unicare , ne i quindici giorni succe ssivi, le de cisioni assunte all'inte re ssato e d all'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte . 5. Il C om itato dire ttivo de ll'A.T.C . provve de all'iscrizione de lle sce lte com piute ne l te sse rino re gionale di caccia. 6. La R e gione tra sm e tte ad ogni C om ita to dire ttivo de gli A.T.C . e d a lle province l'e le nco a ggiornato de i ca ccia tori re side nti e d a m m e ssi ne i te rritori di com pe te nza . 7. Avve rso il m ancato a ccoglim e nto de ll'istanza di opzione , il cacciatore pu pre se nta re ricorso alla R e gione e ntro quindici giorni dal rice vim e nto de lla re lativa com unica zione . 8. La R e gione de cide ne i quindici giorni succe ssivi a l rice vim e nto de l ricorso, a dottando anche provve dim e nti sostitutivi in caso di irre gola rit o di abusi ne l riconoscim e nto de l diritto. Art.56 Am m issione a ll'A.T.C . 4. Il ca ccia tore pa rte cipa di diritto a ll'A.T.C . com pre nde nte il C om une in cui ha la re side nza a na gra fica o risulta e sse re iscritto all'A.I.R .E. (Ana gra fe de gli ita liani re side nti a ll'e ste ro), ovve ro in cui sia stato iscritto pe r alm e no cinque anni, anche non conse cutivi. 2. In se de di prim a applica zione de lla pre se nte le gge , la pre ce de nte iscrizione pe r alm e no due anni in una associazione pe r le zone a utoge stite di ca ccia , istituite ne l te rritorio de l com pre nsorio faunistico om oge ne o a i se nsi de gli articoli 51 e 73 de lla le gge re giona le n. 32 de l 1978, d diritto a parte cipare all'A.T.C . ricom pre nde nte , a nche in pa rte , la zona autoge stita . 3. Gli ulte riori posti che risultano disponibili, dopo ave r accolto le sce lte com piute da gli ave nti diritto di cui ai com m i pre ce de nti, sono asse gnati da l C om itato dire ttivo de ll'A.T.C . ai ca ccia tori richie de nti se condo le se gue nti priorit : 4. re side nti ne lla P rovincia ove ha se de l'A.T.C .; b) re side nti ne lle altre Province de lla R e gione ; c) re side nti in altre R e gioni. 4 In ogni A T C il Com ita to dire ttivo pu am m e tte re inoltre te ne ndo conto de lle priorit indicate ne i pre ce de nti

4. In ogni A.T.C ., il Com ita to dire ttivo pu am m e tte re, inoltre , te ne ndo conto de lle priorit indicate ne i pre ce de nti com m i e pre vio a sse nso de lla Re gione , un num e ro di cacciatori supe riori alla de nsit ve natoria indicata da l pia no fa unistico - ve natorio re gionale , qua ndo siano a cce rta te m odificazioni positive de lla popolazione fa unistica o si sia m anife sta ta l'e sige nza di provve de re a spe cifici pre lie vi a tute la de lle produzioni agricole . 5. C on il re golam e nto di attua zione de lla pre se nte le gge , sara nno individuati i crite ri sull'ordine di pre ce de nza di cui bisogna te ne r conto a i fini de ll'a sse gna zione de i caccia tori agli A.T.C. pre sce lti, avuto rigua rdo alle priorit individuate ai pre ce de nti com m i. Art.57 Pa rte cipa zione all'A.T.C . 4. I ca ccia tori a m m e ssi a ll'A.T.C. parte cipa no a lla sua ge stione e corrispondono a l C om itato dire ttivo la quota annuale di cui all'a rticolo 54. A com pe nso de lle pre stazioni richie ste al cacciatore , il C om ita to dire ttivo de ll'A.T.C . pre ve de una adegua ta riduzione de lla quota di partecipazione o altre form e di riconoscim ento. 2. L'a dde stram e nto de i ca ni conse ntito al ca ccia tore ne ll'A.T.C. in cui ha fa colt di acce sso. 3. Ne ll'A.T.C . il cacciatore ha il dove re di: 4. collabora re alla ge stione faunistica , parte cipando alle a ttivit progra m m a te ; b) corrisponde re la quota di parte cipazione ne i te m pi sta biliti; c) rispe tta re le lim itazioni de ll'e se rcizio ve natorio indica te ne l progra m m a ve na torio pre disposto da l C om itato dire ttivo. C AP O IV ( Tutela delle produzioni agricole e zootecniche) Art.58 Divie to di ca ccia ne i fondi rustici 4. Il proprie ta rio o conduttore che inte nda vie tare la ca ccia ne l proprio fondo rustico de ve pre se nta re all'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte richie sta m otivata , e ntro tre nta giorni dall'a pprova zione de l piano faunistico ve natorio re gionale e , pe r gli anni succe ssivi, e ntro il 30 giugno di ogni anno. 2. L'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , e ntro se ssa nta giorni dal rice vim e nto de lla richie sta, com unica l'a ccoglim e nto o il rifiuto de lla dom a nda a ll'inte re ssa to e all'A.T.C . com pe te nte pe r te rritorio, m otivando la de cisione assunta. L'Asse ssora to pu accoglie re la dom anda se acce rta che l'e se rcizio de lla caccia a rre ca danno a ll'attivit a gricola svolta ne l fondo o contrasta con attivit sociali e d am bie ntali opportuna m e nte docum e ntate . 3. Il divie to se gnala to m e diante l'apposizione di tabe lle , e se nti da tasse , a cura de l proprie tario o conduttore de l fondo, le quali de lim itano in m a nie ra chia ra e visibile il pe rim e tro de ll'are a inte re ssa ta . La supe rficie de i fondi sottra tti alla ge stione program m ata de lla caccia e ntra a fa r parte de lla quota di te rritorio di cui all'a rticolo 22, com m a 1. 4. Il proprie ta rio o il conduttore di fondi chiusi, com e individuati alla le tte ra s) de ll'articolo 61, sono te nuti a notifica re all'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte e alla Provincia com pe te nte i dati re lativi a ta li a re e . Gli ste ssi provve dono a de lim ita re i fondi con a de guate tabe lle , e se nti da ta sse , da a pporsi a proprio ca rico. 5. Ne i fondi sottra tti a lla ge stione program m ata de lla caccia vie tato a chiunque , com pre so il proprie tario o il conduttore , e se rcitare l'attivit ve na toria fino a l ve nir m e no de l divie to. 6. Ai proprie ta ri o a i conduttori de i fondi utilizza ti a i fini de lla ge stione program m ata de lla caccia dovuto, dai C om ita ti dire ttivi de gli A.T.C ., un contributo le cui m oda lit di e roga zione sono disciplinate dal re golam e nto di attua zione de lla pre se nte le gge , te nuto conto de lle priorit, de i param e tri e de i crite ri individua ti da l piano faunistico - ve na torio re giona le . Art.59 R isarcim e nto danni 4. I danni arre cati a lla produzione agricola e zoote cnica, ivi com pre se le produzioni ittiche , o a lle ope re approntate ne i te rre ni coltivati e a pa scolo, da lla fa una se lvatica, in pa rticolare da que lla prote tta e dalla a ttivit ve natoria , sono risarciti, com e spe cifica to ai com m i se gue nti, ove non gi cope rti da polizze a ssicurative o non siano ogge tto di altre provvide nze . 2. Fa carico a lla R e gione il risa rcim e nto de i da nni provocati ne lle oa si pe rm a ne nti di prote zione faunistica e di cattura, ne lle zone te m porane e di ripopolam e nto e cattura e ne lle zone pubbliche pe r l'alle vam e nto de lla se lvaggina a scopo di studio e ripopola m e nto. 3. Fa carico a i rispe ttivi titola ri, o agli orga nism i pre posti alla ge stione , il risarcim e nto de i danni provoca ti ne i ce ntri privati di riproduzione di fauna se lvatica a llo stato naturale , ne lle a zie nde fa unistico - ve natorie , ne lle azie nde a gri turistico - ve na torie , ne gli A.T.C . e ne lle zone di adde stra m e nto pe r i cani e pe r le gare de gli ste ssi. 4. Il re gola m e nto di a ttua zione de lla pre se nte le gge disciplina le m odalit pe r l'e rogazione de i risarcim e nti di cui a l pre se nte a rticolo, te nuto conto de lle priorit, de i param e tri e de i crite ri individuati da l piano faunistico-ve natorio re giona le . TITO LO III ( Divieti, vigilanza e sanzioni) C AP O I

C AP O I (Divieti) Art.60 Divie to di ucce llagione 1. In tutto il te rritorio de lla Sarde gna vie tata ogni form a di ucce llagione .

Art.61 Divie ti 4. E' vie tato a chiunque : 4. l'e se rcizio ve na torio ne i giardini, ne i pa rchi pubblici e priva ti, ne i parchi storici e arche ologici e ne i te rre ni adibiti ad attivit sportive ; b) le se rcizio ve natorio a lla fauna stanziale ne gli am biti te rritoria li di caccia in cui il ca ccia tore non sia stato am m e sso; c) l'e se rcizio ve na torio ne i pa rchi na zionali, ne i parchi natura li re giona li e ne lle rise rve natura li, salve e ve ntua li de roghe disposte da lle le ggi istitutive de lle are e prote tte ; d) l'e se rcizio ve natorio ne lle oasi pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura e ne lle zone te m porane e di ripopola m e nto e ca ttura , ne i ce ntri privati di riproduzione di fa una se lva tica allo stato natura le , nonch ne lle fore ste de m aniali istituite in oasi pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura ; e ) l'e se rcizio ve natorio ove vi sia no ope re di dife sa de llo Sta to e d ove il divie to sia richie sto a giudizio insinda cabile de ll'autorit m ilitare , o dove e sista no be ni m onum e nta li, purch de tte zone sia no de lim ita te da ta be lle re ca nti la scritta : "ZO NA MILITAR E - DIVIETO DI C AC C IA" - "MO NUMENTO . - DIVIETO DI C AC C IA"; f) l'e se rcizio ve natorio ne lle aie e ne lle corti o a ltre pe rtine nze di fabbricati rura li; ne lle zone com pre se ne l raggio di 150 m e tri da im m obili, fabbrica ti e stabili a dibiti a d abitazione o a posto di lavoro e a distanza infe riore a cinquanta m e tri da vie di com unicazione fe rrovia ria e da strade ca rrozza bili, e cce ttuate le strade pode rali e inte rpode ra li; g) spa rare da distanza infe riore a ce ntocinqua nta m e tri con uso di fucile da caccia con ca nna a d anim a liscia , o da distanza corrispondente a m e no di una volta e m e zza la gittata m a ssim a in ca so di uso di altre arm i, in dire zione di im m obili, fabbrica ti e stabili a dibiti ad abita zione o a posto di la voro; di vie di com unicazione fe rroviaria e di stra de carrozzabili, e cce ttuate que lle pode rali e d inte rpode rali; di funivie , filovie e d a ltri im pia nti di trasporto a sospe nsione ; di stabbi, sta zzi, re cinti e d altre are e de lim ita te de stinate a l ricove ro e a ll'alim e ntazione de l be stiam e ne l pe riodo di utilizza zione a gro - silvo - pa stora le ; h) il trasporto, a ll'inte rno de i ce ntri abita ti e de lle a ltre zone ove vie ta ta l'attivit ve natoria , ovve ro a bordo di ve icoli di qualunque ge ne re e com unque ne i giorni non conse ntiti pe r l'e se rcizio ve na torio da lla pre se nte le gge , di a rm i da sparo pe r uso ve na torio che non siano sca riche e in custodia ; 4. cacciare a rastre llo in pi di tre pe rsone ovve ro utilizzare , a scopo ve natorio, scafandri o tute im pe rm e a bili da som m ozzatore ne gli spe cchi o corsi d'acqua; l) cacciare spa rando da ve icoli a m otore o da ae rom obili; m ) cacciare da ve icoli a tra zione m e cca nica da a e rom obili e da natanti spinti a ve locit supe riore a 5 Km /h; n) ca ccia re a distanza infe riore a 150 m e tri da m a cchine ope ra trici agricole in funzione ; o) ca ccia re su te rre ni cope rti in tutto o ne lla m aggior parte di ne ve ; p) ca ccia re ne gli sta gni, ne lle paludi e ne gli spe cchi d'acqua artificia li in tutto o ne lla m aggior parte cope rti da ghia ccio e su te rre ni alla ga ti da pie ne di fium e ; q) de te ne re o com m e rciare e se m plari di m am m ife ri, di ucce lli, di re ttili e anfibi catturati con m e zzi non conse ntiti dalla pre se nte le gge ; r) la ca ccia alla fola ga , a i palm ipe di e ai conigli se lvatici col siste m a de lla ba ttuta ; s) l'e se rcizio de lla caccia ne i fondi chiusi da m uro, re te m e ta llica o a ltra e ffe ttiva chiusura , di a lte zza non infe riore a m e tri 1,80 o da corsi e spe cchi d'a cqua pe re nni il cui le tto abbia la profondit di m e tri 1,50 e la larghe zza di a lm e no 3 m e tri; in de tti fondi la cattura de lla fauna se lvatica pu e sse re e ffe ttua ta a cura de l C orpo fore sta le e di vigila nza am bie ntale , su pa re re de ll'Istituto re giona le pe r la fa una se lva tica, soltanto ai fini de lla prote zione de lle colture ; la fa una se lva tica sta nzia le ca ttura ta de ve e sse re de stinata a l ripopolam e nto di altra loca lit ; t) ca ccia re o ca tturare qua lsiasi spe cie di se lvaggina da un'ora dopo il tram onto ad un'ora prim a de lla le vata de l sole , sa lvi i ca si pre visti dall'articolo 6 de lla pre se nte le gge ; u) pre nde re e de te ne re uova, nidi e piccoli nati di m am m ife ri, ucce lli, a nfibi e re ttili a pparte ne nti a lla fa una se lvatica, sa lvo che ne i casi pre visti all'a rticolo 6, o ne lle zone te m pora ne e di ripopolam e nto e di ca ttura , ne i ce ntri di riproduzione di fauna se lvatica allo stato naturale e ne lle oasi pe rm ane nti di prote zione faunistica e di cattura pe r sottrarli a sicura distruzione o m orte , purch , in ta le ultim o caso, se ne dia pronto avviso ne lle ve ntiquattro ore succe ssive alla com pe te nte a utorit di vigila nza ; v) usare richia m i vivi, al di fuori de i casi pre visti da ll'articolo 6; z) usare a fini di richia m o ucce lli vivi acce cati o m utilati ovve ro le ga ti pe r le ali e richia m i a custici a funzionam e nto m e ccanico, e le ttrom agne tico o e le ttrom e ccanico, con o se nza am plifica zione de l suono; aa ) usare m unizioni spe zzate ne lla caccia agli ungulati, e sche o bocconi a vve le na ti, vischio o a ltre sosta nze ade sive , trappole , re ti, ta gliole , lacci, arche tti o conge gni sim ila ri; fa re im pie go di cive tte , usare arm i im postate con sca tto t d ll d f i i di b l t

provocato dalla pre da; fare im pie go di bale stre ; bb) l'uso di a rm i corte , di arm i ad aria com pre ssa e a gas; cc) l'uso di arm i m unite di sile nzia tore ; dd) l'uso di m e zzi e le ttrici, di lante rne e di insidie notturne ; e e ) l'uso de l fure tto; ff) ve nde re a privati e de te ne re da pa rte di que sti re ti da ucce llagione ; gg) produrre , ve nde re e de te ne re trappole pe r la fa una se lvatica, fa tte sa lve le utilizzazioni pe r fini scie ntifici autorizza te da ll'Asse ssora to re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte ; hh) rim uove re , danne ggia re o com unque re nde re inidone e al loro fine le tabe lle le gittim a nti a pposte a i se nsi de lla pre se nte le gge a spe cifici am biti te rritoria li, fe rm a re stando l'a pplica zione de ll'articolo 635 de l codice pe na le ; ii) usare il pa ra pe ndio, il de lta pla no o ve icoli sim ila ri ne lle oasi di prote zione faunistica e ne lle zone a prote zione spe ciale (ZP S) durante il pe riodo di riproduzione de lla fauna se lva tica, in particola re de lle spe cie incluse ne ll'alle ga to II de lla C onve nzione di Be rna; ll) disturba re con m e zzi lum inosi e d acustici la fauna se lva tica , in particola re que lla inclusa ne ll'alle gato II de lla C onve nzione di Be rna e con pa rticolare riguardo alla fa scia costie ra . 4. Ne l nove ro de lle arm i da fuoco il cui uso proibito non sono com pre si conge gni non pe ricolosi de stinati e sclusivam e nte a se gnale d'a llarm e .

Art.62 Tute la de i nidi e de i siti di nidifica zione 4. Durante la cova e l'alle vam e nto de i piccoli nati vie tato e ffe ttuare fotografie o ripre se cine m a togra fiche non autorizza te agli ucce lli se lvatici inclusi ne ll'a lle gato II de lla C onve nzione di Be rna. 4. L'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , avvale ndosi de ll'Istituto re gionale pe r la fa una se lvatica, pe r m otivi pa rticolari di profe ssione o di rice rca scie ntifica pu a utorizzare pe rsone nom inativam e nte indicate a d e ffe ttua re le ripre se . L'a utorizzazione de ve spe cifica re la dura ta , il luogo, le spe cie , la dista nza m inim a di avvicinam e nto al nido, le pre cauzioni da adottare pe r m inim izza re il disturbo. La m anca ta osse rvanza de lle pre scrizioni com porta la re voca de ll'autorizza zione .

Art.63 Im m issione di fauna se lva tica e stra ne a 4. E' se m pre vie tato im m e tte re fa una se lva tica e strane a a lla fauna indige na se nza l'a utorizza zione de llAsse ssore re giona le de lla dife sa de llam bie nte , se ntito il pa re re de l C om itato re giona le fa unistico.

Art.64 Divie to di de te nzione di fauna se lvatica viva 4. Salvo che ne lle oa si pe rm a ne nti di prote zione fa unistica e ca ttura , ne lle zone te m porane e di ripopola m e nto e cattura, nonch ne i ce ntri ge stiti da lle strutture pe rife riche de ll'Asse ssorato de lla dife sa de ll'am bie nte a ci abilita te , fa tto divie to a chiunque di de te ne re fa una se lva tica viva se nza l'apposita autorizza zione rilascia ta da ll'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , se ntito l'Istituto re gionale pe r la fa una se lva tica. 4. Le disposizioni di cui al pre se nte articolo non si applicano a i giardini o istituti zoologici, alle sta zioni zoote cniche spe rim e ntali, agli osse rvatori ornitologici e alle istituzioni sim ila ri.

Art.65 Im balsam azione e concia tura 4. C oloro che e se rcitano un'a ttivit di im pa glia tore o di conciatore , sia pe r profe ssione , sia a fini am atoriali, de vono e sse re in posse sso di un'a utorizzazione rilasciata dalla P rovincia com pe te nte pe r te rritorio. 4. E' se m pre vie tata la conciatura di pe lli e la im ba lsam a zione di fauna se lvatica di cui sia vie tata la caccia nonch de lla se lvaggina in pe riodi di chiusura de lla caccia, se non die tro spe cifica autorizzazione de ll'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'a m bie nte pe r casi fortuiti e pe r scopi didattici o scie ntifici. 4. C on il re golam e nto di attua zione de lla pre se nte le gge si provve de a disciplinare l'attivit di tasside rm ia e di im ba lsam a zione .

Art.66 C om m e rcio, im porta zione e d e sportazione di fauna se lva tica m orta 4. E' vie tato a cquistare , ve nde re , de te ne re pe r ve nde re o com unque porre in com m e rcio ogni spe cie di fauna se lva tica m orta o pa rti di e ssa se non prove nie nte da a lle va m e nti pe r scopi a lim e ntari. La fauna se lvatica im portata dall'e ste ro e

que lla prove nie nte da alle vam e nti pe r scopi alim e nta ri de ve e sse re m unita di apposito contrasse gno idone o a ide ntificarne la prove nie nza . 4. E' vie tata l'e sportazione da lla Sa rde gna de lla fauna se lvatica m orta . 4. Ai cacciatori m uniti di porto d'a rm a e autorizzazione re giona le che si re chino fuori da l te rritorio de lla Sarde gna conse ntito portare con s un num e ro di capi di fa una se lva tica m orta pari a l num e ro m a ssim o conse ntito da l cale ndario ve natorio pe r una sola giornata di ca ccia , fatte salve le disposizioni di ordine sanita rio. 4. La fauna se lva tica de ve e sse re e sibita a gli age nti doga na li insie m e ai docum e nti citati. 5. Le disposizioni conte nute ne i com m i pre ce de nti non si a pplica no alla fauna se lvatica im m e ssa e abba ttuta ne lle azie nde agri - turistico - ve natorie e de lla qua le sia docum e ntata la prove nie nza , m e dia nte una dichiarazione de l titola re de ll'azie nda agri - turistico - ve natoria. Art.67 Divie to di com m e rcio di fa una se lvatica viva 4. E' se m pre vie ta to a chiunque a cquistare , ve nde re , de te ne re pe r ve nde re e com unque porre in com m e rcio ogni spe cie di fa una se lva tica viva, fa tta e cce zione pe r le strutture pe rife riche de ll'Asse ssorato re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte a ci a bilitate e pe r i ce ntri pubblici e priva ti di riproduzione , gli alle vam e nti, le organizzazioni e le pe rsone apposita m e nte autorizzate da ll'Asse ssore re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte , a i se nsi de lla pre se nte le gge .

Art.68 Divie to di ca ccia va gante ne i te rre ni in a ttualit di coltiva zione 4. E' vie tata a chiunque la caccia vaga nte in te rre ni in a ttualit di coltiva zione . 4. Sono da rite ne rsi in attua lit di coltivazione : i viva i e i giardini, le coltiva zioni flore ali e gli orti, le colture e rbacee dal m om e nto de lla se m ina fino a l raccolto principale , i prati artificiali dalla ripre sa de lla ve ge ta zione al te rm ine de l taglio; i frutte ti, gli agrum e ti e i vigne ti da lla ge rm ogliazione fino al ra ccolto; i te rre ni rim boschiti da m e no di cinque anni indica ti da a pposite tabe lle . 4. L'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , se ntito il C om itato re giona le fa unistico, pu e quipara re ai te rre ni in attualit di coltiva zione que lli ne i qua li si trovino im pianti fissi ne ce ssari alle colture . 4. Tutti gli a ge nti inca ricati de lla vigila nza sull'applicazione de lla pre se nte le gge sono te nuti d'ufficio, ovve ro su richie sta di chiunque , a re dige re im m e diatam e nte il ve rbale d'acce rtam e nto re la tivo all'infrazione e al da nno. Art.69 Divie to di ca ccia in valle da pe sca 4. La caccia pu e sse re vie tata sui te rre ni va llivi paludosi e in qualsia si spe cchio d'acqua ove si e se rciti l'a ttivit di pe sca, nonch ne i ca na li de lle valli salse da pe sca qua ndo il posse ssore sia autorizza to da ll'Asse ssora to re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte e li circondi con ta be lle pe rim e tra li ne i m odi indica ti dall'a rticolo 39 de lla pre se nte le gge . Ta li ta be lle de bbono portare la scritta "VALLE DA P ESC A - DIVIETO DI C ACC IA". 4. I te rritori di cui a l com m a 1 possono e sse re costituiti in oa si pe rm a ne nti di prote zione fa unistica e di ca ttura .

Art.70 Divie to di ca ccia in are e pa rticolari 4. Ne lle oa si pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura , ne lle zone te m porane e di ripopola m e nto e di ca ttura , ne lle zone pubbliche o priva te pe r l'alle vam e nto de lla fa una se lva tica a scopo di studio e ripopolam e nto ne i ce ntri privati di riproduzione di fauna se lvatica a llo stato naturale e ne gli alle vam e nti, sa lve le e cce zioni di cui agli articoli 29 e 30, l'e se rcizio de lla ca ccia vie tato pe r tutto il pe riodo de lla loro durata. 4. E' considerato e sercizio di ca ccia ne lle aree di cui al com m a 1 anche que llo che si e sercita lungo le vie di com unicazione , line e fe rrovia rie , torre nti, canali de lle valli salse da pe sca, a rgini re la tivi a gole ne , anche se di uso pubblico, che le attra ve rsino. 4. Q uando i confini di de tte aree siano contigui a corsi o spe cchi d'acqua, la ca ccia vie tata a chiunque fino alla distanza di 50 m e tri dal confine pe rim e tra le de lle are e ste sse .

Art.71 Adde stram e nto cani ne l pe riodo di divie to di ca ccia 4. L'a dde stram e nto de i ca ni e le prove sul te rre no, fatta salva la disciplina di cui all'a rticolo 38, ne l pe riodo di divie to de ll'attivit ve natoria , de vono e sse re a utorizzati dall'A.T.C . com pe te nte pe r te rritorio. 4. P e r l'adde stram e nto de i cani l'A.T.C . indica pe r ogni com une de ll'a re a zone facilm e nte individuabili, acce ssibili e controllabili. Indica , a ltre s, i giorni e le ore ne i qua li conse ntito l'a dde stram e nto. 4. Dal tre nte sim o giorno pre ce de nte l'a pe rtura ge ne rale de lla caccia e sso pu e sse re e ffe ttuato libe ra m e nte in tutti i te rre ni non sogge tti a vincoli ve natori in ba se alla pre se nte le gge , ad e sclusione de i due giorni pre ce de nti l'ape rtura

de lla ste ssa.

C AP O II ( Attivit di vigilanza) Art.72 Vigilanza 1. La vigilanza sull'a pplica zione de lla pre se nte le gge affidata: 4. a l C orpo fore sta le e di vigilanza am bie ntale de lla R e gione sa rda, agli ufficia li e agli a ge nti di polizia giudizia ria, a lle guardie com unali, urbane e cam pe stri, ai barra ce lli e d alle guardie giura te inca ricate dalle a zie nde fa unistico - ve natorie e agri - turistico - ve na torie ; b) alle guardie volontarie de lle a ssocia zioni ve natorie , agricole e di prote zione am bie ntale naziona li pre se nti ne l C om itato te cnico fa unistico ve natorio nazionale , a que lle de lle associa zioni re gionali pre se nti ne l C om ita to re giona le fa unistico o ne i C om itati provincia li faunistici e a que lle de lle a ssocia zioni di prote zione am bie ntale riconosciute dal Ministe ro de llam bie nte , a lle qua li sia riconosciuta la qualifica di gua rdia giurata a i se nsi de l te sto unico de lle le ggi di pubblica sicure zza, approva to con re gio de cre to 18 giugno 1931, n. 773. 4. Agli apparte ne nti al Corpo fore stale e di vigila nza a m bie nta le de lla R e gione sarda, a gli ufficiali e a gli age nti di polizia giudizia ria , e a lle guardie com unali, urba ne e cam pe stri, con com piti di vigila nza , vie ta to l'e se rcizio ve natorio ne ll'am bito de l te rritorio in cui e se rcita no le funzioni. Alle guardie volontarie , a i ba rrace lli e alle guardie giura te inca ricate dalle a zie nde fa unistico-ve na torie e dalle a zie nde a gri-turistico-ve natorie vie ta to le se rcizio ve natorio dura nte le se rcizio de lle loro funzioni. 4. L'a tte stato di idone it pe r l'otte nim e nto de lla qualifica di guardia volontaria pre visto dall'a rticolo 27, com m a 4, de lla Le gge n. 157 de l 1992, rila sciato da una com m issione nom ina ta da ll'Asse ssore de lla dife sa de ll'am bie nte e com posta da cinque m e m bri, e spe rti di le gislazione ve natoria e le gisla zione sulle arm i da ca ccia , di cui: 4. due ra ppre se ntanti de signa ti da ll'Asse ssore de lla dife sa de ll'am bie nte di cui uno con funzioni di P re side nte ; b) un ra ppre se ntante de lle organizzazioni profe ssiona li agricole , sce lto dall'Asse ssore sulla ba se di te rne di nom i indicate dalle orga nizzazioni profe ssionali agricole m aggiorm e nte ra ppre se ntative ; c) un rappre se nta te de lle associa zioni ve na torie , sce lto da ll'Asse ssore re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte sulla base di te rne di nom i indica te da lle associazioni ve na torie riconosciute e m aggiorm e nte ra ppre se ntative . d) un ra ppre se ntante de lle associa zioni a m bie nta listiche e di tute la de gli a nim a li, sce lto dall'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'a m bie nte sulla base di te rne di nom i indica te dalle associazioni am bie ntalistiche e di tute la de gli anim a li, riconosciute e m aggiorm e nte ra ppre se ntative . 4. Ai com pone nti la C om m issione spe tta il trattam e nto e conom ico stabilito da lla le gge re giona le n. 22 de l 1987 (cap. 02102). Art.73 Pote ri de gli a dde tti a lla vigila nza 4. I pote ri e i com piti de gli a dde tti a lla vigila nza ve natoria, pe r quanto non e splicitam e nte disposto da lla pre se nte le gge , sono disciplinati da ll'articolo 28 de lla Le gge n. 157 de l 1992. 4. Solo in caso di conte stazione di una de lle infrazioni di cui a lla pre se nte le gge , sanziona te pe na lm e nte e x a rticolo 30 de lla Le gge n. 157 de l 1992, gli ufficiali e gli a ge nti che e se rcitano funzioni di polizia giudizia ria proce dono al se que stro de lle arm i e de i m e zzi di caccia con e sclusione de i cani. 4. Ne i ca si di a pplica zione di sanzione a m m inistrativa, com e da articolo 74, gli adde tti alla vigilanza ve natoria inviano il ve rba le e le re la tive conte stazioni e sclusivam e nte a ll'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte e pe r conosce nza all'A.T.C . com pe te nte te rritoria lm e nte .Ne i casi di infrazione di cui a ll'articolo 30, com m a 1, le tte re a), b), c), d), e ) e l), de lla Le gge n. 157 de l 1992, gli adde tti alla vigilanza ve na toria inviano com unicazione a nche a l Q ue store , il quale pu disporre la sospe nsione ca ute la re e d il ritiro te m porane o de lla lice nza a norm a de lle le ggi di pubblica sicure zza . 4. Q uando se que strata fauna se lva tica, viva o m orta , gli ufficia li o gli age nti la conse gna no a ll'e nte pubblico loca lm e nte pre posto a lla disciplina de ll'attivit ve na toria, il quale , ne l ca so di fauna viva provve de a libe ra rla in loca lit adatta ovve ro, qualora non risulti liberabile, a conse gnarla a l com pete nte Ufficio re gionale in grado di provve de re alla sua riabilita zione e cura e alla succe ssiva re introduzione ne l suo a m bie nte natura le ; in caso di fauna viva se que strata in cam pa gna, e che risulti libe rabile , la libe ra zione e ffe ttua ta sul posto dagli age nti acce rtatori. Ne l ca so di fauna m orta , l'e nte pubblico provve de alla sua ve ndita te ne ndo la som m a ricava ta a disposizione de lla pe rsona cui sta ta conte stata l'infrazione , ove si acce rti succe ssivam e nte che non sussiste ; se , al contra rio, l'ille cito sussiste , l'im porto re lativo de ve e sse re ve rsato su un conto corre nte inte sta to alla R e gione . Gli e se m plari di re ttili e anfibi m orti ve ngono conse gnati a cura de ll'e nte pubblico agli Istituti Unive rsitari e di rice rca o a m use i. 5. De lla conse gna o de lla libe ra zione di cui al com m a 3, gli ufficiali o gli a ge nti da nno atto in a pposito ve rbale , ne l quale sono de scritte le spe cie e le condizioni de gli e se m plari se que strati e qua nt'altro possa ave re rilie vo ai fini am m inistrativi. C AP O III

(Sanzioni) Art.74 Sa nzioni 4. A chi abbatte , ca ttura o de tie ne un e se m pla re di qualsia si spe cie di fa una se m pre prote tta com m ina ta una sa nzione am m inistra tiva da lire 10.000.000 a lire 20.000.000 e vie ne altre s re voca ta l'autorizza zione re gionale alla caccia. 4. A chi abbatte , ca ttura , o de tie ne in te m pi e m odi vie tati un e se m pla re di qualsiasi spe cie di fa una pre vista ne l cale ndario ve na torio com m inata una sa nzione a m m inistrativa da lire 500.000 a lire 3.000.000 se tra ttatasi di spe cie m igratoria e da lire 1.000.000 a lire 6.000.000 se tratta si di spe cie sta nzia le . Vie ne altre s sospe sa l'autorizza zione re giona le alla caccia pe r un pe riodo da due a cinque a nni. 4. A chi supe ra i lim iti stabiliti di fa una a bbattibile com m ina ta una sanzione am m inistrativa di lire 50.000 a capo pe r la spe cie m igra toria, di lire 500.000 a ca po pe r la spe cie stanziale e di lire 1.000.000 a capo pe r la spe cie nobile stanziale . Alla sanzione pe cuniaria conse gue a ltre s la sospe nsione de ll'a utorizzazione re giona le a lla caccia pe r un pe riodo di tre m e si. O gni re cidiva com porta il raddoppio de lla sanzione pe cunia ria nonch la sospe nsione de ll'autorizza zione re gionale pe r un pe riodo di tre anni. 4. P e r le viola zioni de lle a ltre disposizioni de lla pre se nte le gge si a pplica no le sanzioni a m m inistrative pre viste da ll'articolo 31 de lla Le gge n. 157 de l 1992. 5. P e r le re sidue viola zioni de lla pre se nte le gge e non pre viste da ll'articolo 31 de lla Le gge n. 157 de l 1992 com m ina ta una sanzione am m inistrativa da lire 100.000 a lire 1.000.000. Tali sanzioni sono raddoppia te in ca so di re cidiva . 6. Alle viola zioni sa nziona te in via am m inistra tiva si a pplicano le disposizioni de lla Le gge n. 689 de l 1981 in qua nto com pa tibili. 7. Q ualora le are e di cui a ll'articolo 61, com m a 1, le tte re b), c), d), e ), s) e que lle in ge ne re ne lle quali siano vige nti divie ti o lim ita zioni di e se rcizio di attivit ve na torie , non sia no de lim ita te , ovve ro siano de lim itate in m odo difform e da quanto pre visto da ll'articolo 39, non sono a pplica bili sanzioni a carico di chi e se rcita la caccia e sse ndosi introdotto in de tte are e se nza ave r potuto consta ta re la vige nza de l divie to o de lle lim itazioni a causa de lla se gnalazione inade guata.

Art.75 Ta be llazione irre gola re 4. A coloro i qua li provve dono a ta be llare te rre ni se nza la pre scritta a utorizzazione o in m odi e luoghi diffe re nti da que lli pre visti ne lla re lativa autorizza zione com m inata una sanzione am m inistra tiva da lire 1.000.000 a lire 10.000.000.

Art.76 Proce dim e nti pe r le sa nzioni 4. Le sa nzioni am m inistra tive pre viste dalla pre se nte le gge sono irrogate dallAsse ssore re giona le de lla dife sa de llam bie nte , se ntito il pare re de l Com ita to re gionale faunistico. 4. Il C om itato re gionale fa unistico de ve e sprim e re il proprio pare re e ntro tre nta giorni dall'inse rim e nto all'ordine de l giorno de llo ste sso, in ca so contra rio si pre scinde dal pare re de l C om ita to.

Art.77 Ma ncato pagam e nto de lle sanzioni 4. Il m a ncato pagam e nto de lle sa nzioni a m m inistrative pre viste dal pre se nte C apo im porta la sospe nsione de ll'autorizza zione re gionale pe r l'e se rcizio de lla caccia fino all'inte rve nuto pa ga m e nto de lle sa nzioni ste sse .

Art.78 Ina sprim e nto de lle sa nzioni 4. Le sa nzioni am m inistra tive di cui a l pre se nte Ca po sono de cuplica te , e ntro il lim ite m a ssim o pre visto dal com m a 1 de ll'articolo 10 de lla Le gge 24 nove m bre 1981, n. 689, se le infrazioni sono com m e sse da coloro che ha nno il dove re o che com unque sono le gittim ati a d e se rcita re la vigila nza ve na toria.

TITO LO IV ( Tasse sulle concessioni regionali in materia di caccia) Art.79 Atti sogge tti a tassa di conce ssione re giona le 4. Gli atti di se guito e le ncati sono sogge tti a ta ssa di conce ssione re giona le , da corrisponde rsi con le m oda lit di cui

all'articolo 80 e ne lle m isure indica te ne ll'articolo 87: 4. il rila scio de ll'a bilitazione all'e se rcizio ve natorio, di cui a ll'articolo 43; b) l'autorizzazione a nnuale a ll'e se rcizio ve natorio, di cui a ll'articolo 45; c) l'istituzione , l'e se rcizio e d il rinnovo de lle azie nde fa unistico-ve natorie , di cui a ll'articolo 31; d) l'istituzione , l'e se rcizio e d il rinnovo de lle azie nde a gri-turistico-ve na torie , di cui all'a rticolo 31; e ) l'istituzione , l'e se rcizio e d il rinnovo de i ce ntri privati di riproduzione de lla fauna se lvatica allo stato naturale , di cui all'articolo 29; f) l'istituzione , l'e se rcizio e il rinnovo de gli a lle va m e nti di cui all'a rticolo 30, con e sclusione di que lli am atoriali. 4. Le tasse di conce ssione re gionale di cui al com m a 1 sono de stinate , se condo i crite ri stabiliti da l pia no faunistico ve natorio re gionale : 4. a i contributi da e roga rsi ai proprie ta ri o conduttori pe r l'utilizzazione de i fondi inclusi ne l piano faunistico - ve na torio re giona le ai fini de lla ge stione program m ata de lla caccia; b) ai risarcim e nti da corrisponde rsi ai proprie ta ri o conduttori de i fondi pe r i da nni, non altrim e nti risa rcibili, a rre cati alla produzione agricola e zoote cnica, ivi com pre se le produzioni ittiche e a lle ope re approntate sui te rre ni coltiva ti e a pa scolo da lla fa una se lvatica, in pa rticolare da que lla prote tta, e da ll'attivit ve na toria ; c) ai finanziam e nti da e rogarsi alle P rovince pe r i pia ni di m iglioram e nto a m bie nta le te si a favorire la riproduzione na tura le di fauna se lvatica , nonch pe r i pia ni di im m issione . Art.80 Te m pi di corre sponsione de lle ta sse 4. La tassa di rila scio de ll'abilitazione a ll'e se rcizio ve natorio de ve e sse re corrisposta e ntro e non oltre il m om e nto de lla conse gna de l re la tivo atto all'inte re ssato. Il pa ga m e nto di de tta ta ssa costituisce a ssolvim e nto de l pa gam e nto de lla prim a tassa a nnua le dovuta pe r l'ese rcizio ve natorio. 4. La tassa pe r l'e se rcizio ve natorio, pe r gli a nni succe ssivi a l prim o, de ve e sse re corrisposta e ntro il 31 m aggio di ogni anno. 4. La tassa di istituzione e di rinnovo de lle a zie nde fa unistico-ve na torie , a gri-turistico-ve natorie , de i ce ntri privati di riproduzione de lla fauna se lva tica allo stato natura le e de gli a lle va m e nti, de ve e sse re corrisposta e ntro e non oltre la da ta di e m issione de i rispe ttivi atti. La tassa annua le di e se rcizio de ve e sse re corrisposta e ntro e non oltre la data di e m issione de gli a tti pre de tti e , pe r ogni anno succe ssivo a que llo ne l quale gli atti ste ssi sono sta ti e m anati, e ntro e non oltre la scade nza de ll'a nno.

Art.81 Ese nzione da lle ta sse 4. La tassa re lativa all'a utorizzazione annuale all'e se rcizio ve natorio non dovuta qua lora durante l'anno non si inte nda e se rcitare la caccia, la si inte nda e se rcitare e sclusivam e nte all'e ste ro o si inte nda rinunciare all'e se rcizio de lla ste ssa ne ll'A.T.C.. 4. La tassa di abilita zione all'e se rcizio ve na torio de ve e sse re rim borsa ta in caso di dinie go de lla lice nza di porto di fucile pe r uso di caccia.

Art.82 Modalit di ve rsam e nto 4. Le tasse sulle conce ssioni re gionali, di cui alla pre se nte le gge , si corrispondono con ve rsa m e nto su apposito conto corre nte inte stato alla Te sore ria de lla R e gione .

Art.83 R iscossione coa ttiva de lle tasse 4. P e r la riscossione coattiva de lle tasse pre viste ne lla pre se nte le gge e de lle re la tive sopra tta sse si a pplicano le disposizioni de l te sto unico approva to con re gio de cre to 14 aprile 1910, n. 639.

Art.84 Ma ncata corre sponsione 4. Gli atti di cui alla pre se nte le gge , pe r i quali sono dovute le tasse di conce ssione re gionale , non costituiscono titolo va lido pe r l'e se rcizio de lle corrisponde nti a ttivit fino a qua ndo le tasse m e de sim e non siano state corrisposte .

Art.85 Sa nzioni pe r il m anca to pa ga m e nto de lla tassa di conce ssione

4. C hi e se rcita un'a ttivit pre vista dalla pre se nte le gge , pe r la quale ne ce ssa rio un a tto sogge tto a tassa di conce ssione , se nza ave r otte nuto l'atto ste sso o se nza a ve r a ssolto la re la tiva ta ssa, incorre ne lla sa nzione pe cuniaria da un m inim o pari a l doppio ad un m a ssim o pari a l se stuplo de lla tassa. 4. Il pubblico ufficiale che e m e tta atti sogge tti a ta ssa di conce ssione se nza che sia stato e ffe ttua to il pagam e nto de l tributo pre visto sogge tto alla sa nzione pe cuniaria da lire 5.000 a lire 50.000, oltre a l pa ga m e nto de lle tasse dovute , sa lvo pe r que ste il re gre sso ve rso il de bitore . 4. Ne l ca so di m a ncato pa gam e nto de lle tasse annuali ne i te rm ini sta biliti, in luogo de lla sanzione pe cuniaria di cui al com m a 1, si incorre : 4. in una sopra tta ssa de l 10 pe r ce nto de lla ta ssa dovuta , se que sta corrisposta e ntro tre nta giorni da lla sca de nza ; b) in una soprattassa de l 20 pe r ce nto de lla ta ssa dovuta se que sta corrisposta oltre il te rm ine di cui alla pre ce de nte le tte ra a), m a prim a de ll'a cce rta m e nto de ll'infrazione . 4. Le sa nzioni pe cunia rie irrogate dall'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'a m bie nte pe r le viola zioni pre viste da i pre ce de nti com m i sono riscosse dalla Te sore ria re gionale e d il re lativo prove nto ripartito a norm a de lla Le gge 7 fe bbra io 1951, n. 168, e succe ssive m odificazioni, inte nde ndosi sostituita la R e gione all'e ra rio agli e ffe tti di de tta le gge . Art.86 Acce rta m e nto de lle violazioni 4. Le violazioni de lle norm e di cui all'a rticolo 85 sono acce rtate , oltre che dagli orga ni pre visti da lle le ggi de llo Stato in m ate ria di tasse sulle conce ssioni gove rna tive , dagli orga ni e dai sogge tti cui a ffidata la vigila nza ai se nsi de l Ca po II de l Titolo III de lla pre se nte le gge e , lim ita tam e nte a gli acce rtam e nti com piuti in se de , da i funziona ri o im pie gati adde tti agli uffici com pe te nti al rila scio de gli a tti. 4. I proce ssi ve rbali di acce rtam e nto de vono e sse re trasm e ssi a ll'Asse ssore re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte , il quale notifica all'inte re ssa to il ve rbale di a cce rta m e nto e lo invita a pa ga re una som m a pa ri a l se sto de l m a ssim o de lla sa nzione pe cunia ria , oltre all'a m m onta re de lla ta ssa, e ntro il te rm ine di 15 giorni, ovve ro a pre se ntare ne llo ste sso te rm ine le sue de duzioni. 4. Il pagam e nto e stingue l'obbliga zione pe cuniaria na sce nte dalla violazione . 4. In caso di m anca to pa ga m e nto ne l te rm ine a sse gna to, l'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , qualora in ba se agli a tti ra ccolti e d alle de duzioni pre se ntate acce rti l'e siste nza de lla viola zione e la re sponsabilit de ll'inte re ssa to, de te rm ina con provve dim e nto m otiva to sotto form a d'ordina nza l'a m m ontare de lla sa nzione pe cunia ria . 5. Il provve dim e nto de finitivo ed notifica to al trasgressore . 6. P e r quanto non pre visto dal pre se nte a rticolo si osse rva no le disposizioni de lla Le gge 7 ge nnaio 1929, n. 4. Art.87 Im porti de lle tasse 4. Gli im porti de lle tasse re lative agli a tti spe cificati all'articolo 79, sono cos de te rm ina ti: 4. a bilitazione all'e se rcizio ve natorio 4. tassa di rila scio: a m m ontare pari al 50 pe r ce nto de lla tassa e ra riale di cui al num e ro 26, sottonum e ro I) de lla tariffa anne ssa al de cre to de l Pre side nte de lla R e pubblica 26 ottobre 1972, n. 641 e succe ssive m odifica zioni; b) autorizzazione a nnuale a ll'ese rcizio ve natorio 4. tassa a nnuale pe r tutti i tipi di fucile : am m onta re pa ri a l 50 pe r ce nto de lla ta ssa e raria le di cui a l num e ro 26, sottonum e ro I) de lla ta riffa anne ssa a l de cre to de l P re side nte de lla R e pubblica 26 ottobre 1972, n. 641 e succe ssive m odificazioni c) istituzione , e se rcizio e rinnovo di azie nde fa unistico - ve natorie 4. tassa di istituzione lire 500.000 4. tassa di e se rcizio a nnuale pe r ha lire 2.000 4. tassa di rinnovo lire 500.000 d) istituzione , e se rcizio e rinnovo di azie nde a gri-turistico-ve na torie 4. tassa di istituzione lire 300.000 4. tassa di e se rcizio a nnuale pe r ha lire 2.000 4. tassa di rinnovo lire 300.000 e ) istituzione , e se rcizio e rinnovo di ce ntri privati di riproduzione de lla fa una se lva tica allo sta to na tura le e di alle va m e nti, con e sclusione di que lli am atoriali 4. tassa di istituzione lire 600.000 4. tassa di rinnovo lire 600.000 Art.88 De le ga 4. L'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte pu de le ga re il coordina tore ge ne rale de llAsse ssora to alla firm a de gli atti pre visti da l pre se nte titolo. 4. P u altre s de le gare i re sponsa bili de i se rvizi de llAsse ssorato a lla firm a de gli a tti conce rne nti le infra zioni a lle norm e

de l pre se nte titolo. Art.89 Te rm ine pe r l'a cce rta m e nto de lle viola zioni re lative alle ta sse di conce ssione 4. L'a cce rtam e nto de lle viola zioni a lle norm e di cui al pre se nte Titolo, pu e sse re e se guito e ntro il te rm ine di de cade nza di tre anni, de corre nti dal giorno ne l quale sta ta com m e ssa la violazione . 4. Il contribue nte pu chie de re a ll'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'a m bie nte la re stituzione de lle ta sse e rrone am e nte pa ga te e ntro il te rm ine di tre anni a de corre re da l giorno de l pa ga m e nto o, in caso di rifiuto de ll'a tto sottoposto a ta ssa, alla data di com unicazione de l rifiuto ste sso. TITO LO V ( Disposizioni per il potenziamento delle strutture preposte all'attuazione della legge - Disposizioni per le associazioni venatorie) Art.90 Strum e nti pe r la form azione de l piano 4. LAsse ssora to re giona le de lla dife sa de llam bie nte utilizza prioritaria m e nte il pe rsonale , l'a ttre zzatura e d i docum e nti de ll'Am m inistrazione re gionale e de gli e nti re gionali, a l fine de lla pre disposizione de l piano fa unistico - ve natorio re giona le e de i suoi a ggiornam e nti, pe r le indagini, gli studi e le rice rche conce rne nti la biologia de lla fa una se lvatica, il re pe rim e nto de i dati te cnici sulle condizioni a m bie nta li e de lla fa una, l'introduzione di spe cie anim ali, il m iglioram e nto de lle te cniche di alle vam e nto e di am bie ntam e nto de lla fa una se lva tica autoctona , l'attiva zione de gli istituti pre visti ne l piano re giona le fa unistico - ve natorio e l'a pprofondim e nto de lle conosce nze sulla fa una se lvatica in rapporto con la pa tologia de gli a nim a li dom e stici e de ll'uom o e le m igrazioni de lla fauna. 4. P e r le ste sse finalit di cui al com m a 1, l'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte provve de a dotarsi di tutto il m a te riale te cnico scie ntifico, ivi inclusi, tra l'a ltro, cartogra fia , siste m i inform a tici, strum e ntazione te cnica , appa re cchiature e docum e ntazione scie ntifiche . 4. L'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte pu, pe r com provate e sige nze , stipulare apposite conve nzioni con Unive rsit, e nti, istituti spe cializzati e d a ssocia zioni profe ssiona li ve na torie , agricole e natura listiche riconosciute , nonch con e spe rti qualificati, singoli o associati, pe r le finalit indica te ne l com m a 1. Art.91 Progra m m i e ducativi 4. L'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , anche in collaborazione con gli istituti scola stici, gli e nti, gli orga nism i e le a ssocia zioni ope ranti ne l ca m po de lla prote zione de ll'am bie nte e de lla fauna, a ttua program m i e duca tivi e di se nsibilizzazione su proble m i de lla conse rvazione de lla fa una se lvatica e de ll'a m bie nte na tura le , m e diante la pre disposizione , l'a cquisto e la divulgazione di m ate ria le didattico.

Art.92 C orsi e borse di studio 4. L'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte istituisce e prom uove corsi a nnua li o plurie nnali di pre pa razione , aggiornam e nto e spe cializza zione , pe r i dipe nde nti de lle Am m inistra zioni pubbliche e de gli organism i di cui alla pre se nte le gge che abbiano pe r com pito la tute la e la ge stione de lla fauna se lva tica, a vvale ndosi anche di unive rsit, istituti e d e nti spe cializzati. 4. L'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte favorisce , a ltre s, m e diante l'istituzione di borse di studio e di pe rfe ziona m e nto, la fre que nza in Italia e all'e ste ro di scuole di spe cia lizzazione pe r laure a ti e di corsi di pre pa razione profe ssiona le , pe r te cnici diplom ati o la ure andi, sulla biologia , sulla conse rvazione e sulla ge stione de lla fauna se lvatica . Art.93 R iconoscim e nto de lle associa zioni ve na torie 4. Le a ssociazioni fra i cacciatori, istituite con atto pubblico, possono richie de re di e sse re riconosciute com e associa zioni ve natorie agli e ffe tti de lla pre se nte le gge . Esse sono riconosciute con de cre to de l Pre side nte de lla Giunta re giona le , pre via de libe ra zione de lla Giunta m e de sim a, su proposta de ll'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , purch posse gga no i se gue nti re quisiti: 4. a bbiano fina lit sportive , ricre ative , form a tive o te cnico-ve natorie ; b) posseggano un'e fficie nte e stabile orga nizza zione a caratte re re gionale ; c) abbia no un num e ro di soci non infe riore a un ve nte sim o de lle lice nze di caccia rila sciate ne lla R e gione ; d) pre ve dano ne i loro statuti la de m ocra tica e le zione de gli organi dire ttivi. Art.94 C ontributi a lle associa zioni ve na torie e di prote zione a m bie nta le 1. L'Asse ssora to regiona le de lla dife sa de ll'am bie nte , se ntito il pa re re de l C om itato regionale fa unistico, pu conce de re

contributi a lle associa zioni ve na torie riconosciute e alle associazioni di prote zione am bie ntale riconosciute pe r le a ttivit di vigilanza, organizza tive e e ducative ine re nti alle m ate rie ogge tto de lla pre se nte le gge praticate in Sarde gna . 2. Il re gola m e nto di a ttua zione de lla pre se nte le gge disciplina i crite ri e le m odalit pe r l'e rogazione de i contributi di cui al com m a 1. Art.95 C om piti de l Corpo fore stale # Il C orpo fore sta le e di vigila nza am bie ntale de lla R e gione collabora a ll'attua zione de lla pre se nte le gge , oltre che ne ll'am bito de ll'attivit di sorve glia nza , anche pe r il controllo de lla fauna se lva tica . A tal fine , ne ll'a m bito de l pe rsonale de l C orpo, l'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte prom uove la form azione in m ate ria faunistica con pa rticolare rife rim e nto a ll'attivit di collabora zione a progra m m i conce rne nti, tra gli a ltri, la va lutazione quantitativa de lle popolazioni, il m onitora ggio de llo status de lla fauna, la ve rifica de ll'e se cuzione de gli inte rve nti di m iglioram e nto am bie ntale e la re im m issione in natura di e se m plari fe riti. TITO LO VI ( Disposizioni finali, transitorie e finanziarie) Art.96 Applica zione tra nsitoria de lla le gge re gionale 28 a prile 1978, n. 32 # P e r i proce dim e nti sanzionatori non ancora de finiti a lla da ta di e ntra ta in vigore de lla pre se nte le gge si a pplica no le disposizioni de lla le gge re giona le n. 32 de l 1978. # Fino all'a ttivazione de gli istituti pre visti ne l piano re gionale faunistico-ve na torio e ne i te rm ini in e sso indicati, continuano ad applica rsi le disposizioni de lla le gge re giona le n. 32 de l 1978, re lativam e nte a ll'e se rcizio de ll'attivit di caccia in te rritorio libe ro e d in zone conce sse pe r l'e se rcizio de lla caccia a utoge stita, fa tto salvo l'ade gua m e nto de i m assim a li de lle a ssicura zioni ne ce ssa rie pe r lo svolgim e nto de ll'attivit ve na toria e il ve rsa m e nto de l contributo re giona le di cui all'articolo 22 de lla ste ssa le gge . # Fino alla attiva zione de gli istituti pre visti ne l piano re gionale fa unistico-ve na torio e ne i te rm ini in e sso indicati continuano ad applica rsi le disposizioni de lla le gge re giona le n. 32 de l 1978, re lativam e nte a lla istituzione e d a lla ge stione de lle oa si pe rm a ne nti di prote zione fa unistica e di ca ttura , de lle zone di ripopola m e nto e cattura , de lle zone pubbliche o private pe r la lle va m e nto de lla se lvaggina a scopo di studio e di ripopolam e nto e de lle zone di adde stram e nto pe r i cani e pe r le gare de gli ste ssi, di cui alla ste ssa le gge re gionale n. 32 de l 1978. 4. L'Am m inistrazione re giona le , anche prim a de ll'e ntra ta in vigore de l piano re gionale fa unistico - ve natorio, pu autorizza re con le m odalit pre viste da gli articoli 31 e 34 de lla pre se nte le gge la istituzione di azie nde a gri - turistico ve natorie . La supe rficie de lle a zie nde a gri - turistico - ve na torie istituite prim a de ll'e ntrata in vigore de l pia no re giona le fa unistico - ve natorio non pu e sse re supe riore al 5 pe r ce nto de l te rritorio agro - silvo - pastorale . Art.97 Lim ita zioni ne lle zone autoge stite 1. In vista de ll'a dozione de l principio de lla caccia program m ata in a m biti te rritoriali de finiti, com e pre visto ne l piano fa unistico - ve natorio re gionale , i soci apparte ne nti alle zone autoge stite sono obbligati ad e se rcitare l'attivit ve na toria alla le pre e a lla pe rnice sa rda unicam e nte e d e sclusiva m e nte ne l te rritorio de ll'autoge stita , se condo le m odalit pre viste ne l cale ndario ve na torio. 2. I pre side nti de lle zone autoge stite provve dono al controllo de gli a bbattim e nti di fauna sta nzia le e m igra toria, distinti pe r spe cie , e ffe ttuati ne lla sta gione ve natoria e sono obbligati a trasm e tte re all'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte le sta tistiche di de tti abbattim e nti e ntro il m e se di m arzo. 3. Le conce ssioni pe r l'e se rcizio de lla caccia autoge stita , disposte a i se nsi de ll'articolo 51 de lla le gge re giona le n. 32 de l 1978, ce ssano di ave re e fficacia da lla data pre vista ne l pia no fa unistico - ve natorio re gionale e com unque non oltre un anno dalla da ta di e ntrata in vigore de llo ste sso piano 4. Su richie sta de lle asse m ble e de gli a ssociati, da pre se ntarsi e ntro se ssa nta giorni dalla data di e ntrata in vigore de l piano re giona le fa unistico ve natorio, l'Asse ssore re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte autorizza la trasform a zione de lle zone autoge stite , di cui all'articolo 71 de lla le gge re giona le n. 32 de l 1978, in azie nde faunistico-ve natorie , a condizione che sia no rispe ttati i re quisiti e le m odalit pre visti pe r tali azie nde dalla pre se nte le gge e da l piano fa unistico re giona le . In ca so di a pprovazione de lla tra sform azione , la re la tiva a utorizzazione ha va lidit de ce nna le ai se nsi de l com m a 2 de ll'a rticolo 31. Art.98 Sospe nsione de lle nuove a utorizza zioni 1. Le a utorizza zioni pe r l'e se rcizio de lla caccia in Sarde gna , di cui a lla le gge re gionale n. 32 de l 1978, conse rva no la loro validit fino al na turale te rm ine di sca de nza. 2. Il rilascio di nuove a utorizza zioni pe r l'e se rcizio de lla caccia, o il rinnovo di que lle scadute a favore de i cacciatori non re side nti in Sa rde gna, sospe so fino a ll'attiva zione de gli a m biti te rritoriali di ca ccia pre visti dal pia no fa unistico ve natorio regionale , con de te rm inazione de ll'indice di de nsit ve na toria te rritoriale .

g Art.99

Proroga de i Com ita ti provincia li de lla caccia 1. I C om itati provinciali de lla ca ccia , ope ra nti ai se nsi de ll'a rticolo 75 de lla le gge re gionale n. 32 de l 1978, e le C om m issioni pe r l'a bilitazione all'e se rcizio de lla ca ccia , continua no a svolge re le proprie funzioni fino all'istituzione de i C om itati provincia li faunistici e de lle C om m issioni pe r l'abilitazione a ll'e se rcizio de lla caccia pre visti ne lla pre se nte le gge . 2. Esa uriti i com piti di cui al com m a 1, il pe rsona le de ll'Am m inistra zione re gionale , gi in se rvizio pre sso i C om itati provinciali de lla ca ccia , a sse gnato in posizione di dista cco alle rispe ttive Province ne l cui te rritorio svolgono le proprie funzioni, quale supporto te cnico e a m m inistrativo all'a ttivit di program m azione e ge stione fa unistico - ve natoria, finta nto che le Am m inistrazioni provincia li non provve de ranno con proprio pe rsona le allo svolgim e nto de i com piti attribuiti dalla pre se nte le gge . 3. Il dista cco disposto con provve dim e nto de ll'Asse ssore re giona le de gli a ffa ri ge ne rali, pe rsona le e riform a de lla R e gione , su proposta de ll'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte . La spe sa pe r il pe rsonale in posizione di distacco ai se nsi de l com m a 2 a ca rico de ll'Am m inistra zione re gionale . Art.100 Proroga de l Com ita to re gionale faunistico 1. Il C om itato re gionale fa unistico, istituito ai se nsi de lla le gge re gionale n. 32 de l 1978, continua ad ope rare sino all'inse dia m e nto de l nuovo C om ita to con le attribuzioni pre viste da lla pre se nte le gge . Art.101 Soppre ssione de ll'Ufficio re gionale pe r la fa una 1. L'Ufficio re gionale pe r la fauna di cui alla le gge re giona le n. 32 de l 1978, e succe ssive m odifica zioni e d inte grazioni soppre sso e d ogni sua funzione e dotazione di be ni tra sfe rita a ll'Istituto re giona le pe r la fauna se lvatica . 2. L'Istituto re gionale pe r la fa una se lvatica ha se de pre sso l'attua le Ufficio re giona le pe r la fa una. 1.L'Asse ssore re giona le de lla dife sa de ll'a m bie nte , di conce rto con l'Asse ssore de l pe rsona le , provve de a d asse gnare il pe rsona le di ruolo in se rvizio pre sso l'Ufficio re giona le pe r la fauna e d il pe rsonale assunto con contra tto priva tistico gi in se rvizio pre sso lo ste sso Ufficio a d a ltre strutture dipe nde nti dallo ste sso Asse ssora to. La posizione giuridica de l pe rsona le re sta im m uta ta . Art.102 R iconoscim ento ex art. 70 le gge re gionale n. 32 de l 1978 1. Si conside ra no riconosciute agli e ffe tti de lla pre se nte le gge le a ssocia zioni ve na torie gi riconosciute e d ope ranti ai se nsi de ll'articolo 70 de lla le gge re giona le n. 32 de l 1978, a condizione che possie dano i re quisiti richie sti dallarticolo 93 de lla pre se nte le gge . Art.103 Autorizza zione provvisoria alla de te nzione de lla fa una se lva tica 1. Ne i confronti di coloro che de te ngono fa una se lvatica o a i ge stori, singoli o associati, di im pianti di a lle va m e nto di fa una se lva tica a scopo di ripopola m e nto, alim e ntare o am a toriale , conce ssa dall'Asse ssora to re giona le de lla dife sa de ll'am bie nte , pre via istruttoria de i com pe te nti uffici, se ntito il Com ita to re gionale faunistico, un'a utorizzazione provvisoria a de te ne re de tti e se m pla ri sino all'approvazione de lle norm e re golam e nta ri che disciplinano la m a te ria. Art.104 R e gola m e nto di a ttua zione 1. C on il re golam e nto di attua zione de lla pre se nte le gge , che vie ne a dotta to conte stualm e nte al pia no fa unisticove natorio re gionale , sono disciplinate , oltre que lle spe cificam e nte pre viste ne lla ste ssa le gge , le se gue nti a ttivit: a) l'individuazione de gli inte rve nti e de lle ope re da sottoporre a pre ve ntiva va lutazione di com pa tibilit am bie ntale ne lle zone particolarm e nte prote tte e disciplina de l re la tivo proce dim e nto; b) l'alle vam e nto di fa una se lva tica a scopo di ripopola m e nto, alim e nta re e am a toriale ; c) l'e se rcizio ve na torio ne i fondi con pre se nza di be stia m e allo sta to brado. Art.105 Sa na toria pe r la de te nzione di trofe i di anim a li se lvatici 1. C hiunque de te nga alla da ta di e ntra ta in vigore de lla pre se nte le gge trofe i di a nim ali se lva tici de i quali vie ta ta la cattura e l'uccisione , te nuto a pre se ntare de nuncia, e ntro se ssanta giorni, al Com une dove i trofe i sono de te nuti: chi non provve de alla de nuncia sogge tto a lle sanzioni pre viste da ll'articolo 74. Art.106 Norm a finanziaria

Norm a finanziaria 1. Gli one ri de riva nti da ll'applicazione de lla pre se nte le gge sono valutati in lire 7.100.000.000 a nnui e fanno carico ai sottocitati capitoli de l bilancio plurie nna le 1996-1998 e d a i capitoli corrisponde nti de i bilanci pe r gli a nni succe sivi. 2. Ne l bila ncio plurie nna le de lla R e gione pe r gli a nni finanziari 1996-1998 sono introdotte le se gue nti variazioni: ENTR ATA In aum e nto C ap. 11604 - (Nuova Istituzione ) - 1.1.6. Ta sse sulle conce ssioni re gionali in m a te ria di caccia (a rt. 79 de lla pre se nte le gge ) 1996 lire ----------------1997 lire 5.000.000.000 1998 lire 5.000.000.000 C ap. 35009 - (De nom ina zione variata ) Prove nti de lle sanzioni a m m inistrative pe r le violazioni de lle norm e di polizia fore sta le e de lle norm e inte gra tive pe r la dife sa de i boschi dagli ince ndi (art. 11, com m a 3, Le gge 1 m a rzo 1975, n. 47) C ap. 35009/01 - (Nuova Istituzione ) -3.5.0 Ve rsa m e nti di som m e riscosse pe r sanzioni am m inistrative e pe cuniarie in a pplica zione de lla le gge re gionale sulla prote zione de lla fa una e sull'e se rcizio de lla ca ccia in Sarde gna 1996 lire --------------1997 lire 100.000.000 1998 lire 100.000.000 C ap. 35009/02 - (Nuova Istituzione ) - 3.5.0. Prove nti de riva nti dalla ve ndita de lla fauna m orta se que strata (art. 73, com m a 4, de lla pre se nte le gge ) 1996 lire --------------1997 lire 100.000.000 1998 lire 100.000.000 In dim inuzione C ap. 35003 Ve rsa m e nti de i ca ccia tori pe r il rila scio de lle autorizza zioni re giona li di caccia di cui a l titolo II, ca po I, de lla le gge re giona le 28 aprile 1978, n. 32 1996 lire ----------------1997 lire 1.500.000.000 1998 lire 1.500.000.000 soppre sso SP ESA In dim inuzione 05 - ASSESSO R ATO DIFESA AMBIENTE C ap. 05100 C ontributi a i com itati provincia li de lla caccia (a rt. 75, L.R. 28 a prile 1978, n. 32, e art. 13 de lla L.R . 15 fe bbra io 1996, n. 10) 1996 lire --------------1997 lire 300.000.000 1998 lire 300.000.000 C ap. 05101 Spe se pe r il funzionam e nto e pe r l'attua zione de i program m i de ll'Ufficio re gionale de lla fa una (a rtt. 12 e 13, L.R . 28 aprile 1978, n. 32, art. 54, L.R . 10 m a ggio 1983, n. 12, art. 70, L.R . 31 m aggio 1984, n. 26, a rt. 83, L.R. 28 m a ggio 1985, n. 12, a rt. 119, L.R . 27 giugno 1986, n. 44, art. 132, L.R. 4 giugno 1988, n. 11 e a rt. 53, L.R. 30 m a ggio 1989, n. 18) 1996 lire ----------------1997 lire 2.500.000.000 1998 lire 2.500.000.000 C ap. 05104 Spe se pe r il funzionam e nto e pe r l'assolvim e nto de i com piti de l C om ita to re giona le faunistico e de i C om itati com pre nsoriali e com una li faunistici (L.R . 28 aprile 1978, n. 32 e art. 14 de lla L.R . 15 fe bbra io 1996, n. 10) 1996 lire --------------1997 lire 600.000.000 1998 lire 600.000.000 In aum e nto 02 - ASSESSO R ATO AFFAR I GENER ALI, P ER SO NALE E R IFO R MA DELLA R EGIO NE C ap. 02016 Stipe ndi, paghe , inde nnit e altri a sse gni al pe rsonale de ll'Am m inistrazione re giona le (L.R . 17 agosto 1978, n. 51, L.R . 4 se tte m bre 1978, n. 57, L.R . 1 giugno 1979, n. 47, L.R . 28 fe bbraio 1981, n. 10, L.R . 28 luglio 1981, n. 25, L.R. 28 nove m bre 1981, n. 39, L.R . 19 nove m bre 1982, n. 42, L.R . 8 m aggio 1984, n. 18, L.R . 25 giugno 1984, n. 33, art. 3,

nove m bre 1981, n. 39, L.R . 19 nove m bre 1982, n. 42, L.R . 8 m aggio 1984, n. 18, L.R . 25 giugno 1984, n. 33, art. 3, L.R. 5 agosto 1985, n. 17, L.R . 23 a gosto 1985, n. 20, a rt. 20, L.R . 5 nove m bre 1985, n. 26, L.R. 26 agosto 1988, n. 32 e L.R. 24 ottobre 1988, n. 35 e L.R . 2 giugno 1994, n.26) (spe sa obbligatoria) 1996 lire --------------1997 lire 105.000.000 1998 lire 105.000.000 C ap. 02023 Ve rsa m e nto rite nute e contributi dovuti pe r il tra tta m e nto di assiste nza de l pe rsona le (spe sa obbligatoria) 1996 lire ------------1997 lire 15.000.000 1998 lire 15.000.000 C ap. 02093 Spe se pe r la qualifica zione , l'a ggiornam e nto, la spe cia lizzazione e la form azione profe ssiona le de l pe rsona le de ll'Am m inistrazione re gionale , spe se pe r favorire la parte cipa zione ai corsi di qua lifica zione , di aggiorna m e nto, di spe cializza zione e di form azione profe ssionale da parte de l pe rsonale de gli e nti locali, anche non te rritoria li e de gli e nti pa ra re gionali (art. 39 L.R . 17 a gosto 1978, n. 51 e art. 92, com m a 1, de lla pre se nte le gge ); nonch da pa rte de l pe rsona le de l ruolo spe ciale provvisorio di cui alle le ggi re giona li 8 m aggio 1984, n. 18 e 17 ge nnaio 1986, n. 12 (art. 123, L.R. 27 giugno 1986, n. 44) 1996 lire --------------1997 lire 100.000.000 1998 lire 100.000.000 C ap. 02102 Me daglie fisse di pre se nza , inde nnit di trasfe rta, rim borsi di spe se di viaggio e inde nnit pe r uso di a uto proprie o di m e zzi gratuiti ai com pone nti e ai se gre tari di com m issioni, com ita ti e a ltri conse ssi, istituiti dagli orga ni de ll'Am m inistrazione re gionale (art. 7 e 17 bis, L.R . 11 giugno 1974, n. 15, L.R . 19 m aggio 1983, n. 14, L.R . 27 aprile 1984, n. 13 e L.R . 22 giugno 1987, n. 27) 1996 lire ------------1997 lire 40.000.000 1998 lire 40.000.000 05 - ASSESSO R ATO DIFESA AMBIENTE C ap. 05102 - (De nom ina zione variata ) R isarcim e nto de i da nni provocati da lla fauna se lvatica a lle produzioni a gricole e zoote cniche (a rt. 59 de lla pre se nte le gge ) C ap. 05105 - (De nom ina zione variata ) C ontributi a lle associa zioni ve na torie e di prote zione a m bie nta le riconosciute pe r le a ttivit di vigila nza , organizzative , e duca tive pratica te in Sa rde gna (a rt. 94 de lla pre se nte le gge ) C ap. 05107 - (Nuova Istituzione ) - 2.1.2.1.0.3.10.14 - (06.04) Inte rve nti pe r la ge stione de lle oa si pe rm a ne nti di prote zione faunistica e di cattura, finalizzati alla tute la de gli ha bita t, nonch a l ripristino de i biotopi distrutti o a lla cre azione di nuovi biotopi - Spe se pe r le funzioni a ttribuite a ll'Istituto re giona le pe r la fa una se lva tica (a rtt. 4, 9 e 27 de lla pre se nte le gge ) 1996 lire --------------1997 lire 1.410.000.000 1998 lire 1.410.000.000 C ap. 05107/01 - (Nuova Istituzione ) - 2.1.1.5.3.2.10.14 - (06.04) Finanziam e nti alle Province pe r lo svolgim e nto de i com piti di pianificazione , di tute la a m bie nta le , di tute la de lla fa una e sull'e se rcizio de lla ca ccia ; pe r il funziona m e nto de i C om ita ti provincia li faunistici e pe r il funzionam e nto de lle com m issioni pe r l'a bilitazione ve natoria (a rtt. 12, 15, 20 e 43 de lla pre se nte le gge ) 1996 lire ----------------1997 lire 1.700.000.000 1998 lire 1.700.000.000 C ap. 05107/02 - (Nuova Istituzione ) - 2.1.1.6.2.2.10.14 - (06-04) Finanziam e nti ai C om itati dire ttivi de gli am biti te rritoria li di caccia (a rtt. 58, com m a 6, e 59 de lla pre se nte le gge ) 1996 lire ----------------1997 lire 2.200.000.000 1998 lire 2.200.000.000 C ap. 05107/03 - (Nuova Istituzione ) - 1.1.1.8.3.1.01.01 - (01.05) R e stituzione di som m e riscosse pe r la ve ndita di fauna se lva tica m orta se que stra ta , in caso di a cce rta ta m ancata infra zione (a rt. 73, com m a 4, de lla pre se nte le gge ) 1996 lire ------------1997 lire 50.000.000 1998 lire 50.000.000 C ap 05107/04 - (Nuova Istituzione ) - 1 1 1 8 2 1 01 01 - (01 05)

C ap. 05107/04

(Nuova Istituzione )

1.1.1.8.2.1.01.01

(01.05)

R im borsi de lle tasse inde bita m e nte pe rce tte sulle conce ssioni re gionali in m a te ria di caccia (artt. 81, com m a 2, e 89 de lla pre se nte le gge ) (spe sa d'ordine ) 1996 lire ------------1997 lire 30.000.000 1998 lire 30.000.000 C ap. 05107/05 - (Nuova Istituzione ) - 1.1.1.4.2.2.10.14 - (06.04) Spe se pe r la stipula di conve nzioni al fine de lla pre disposizione de l piano faunistico - ve na torio re giona le e de i suoi aggiornam e nti; pe r le indagini, lo studio e le rice rche conce rne nti la biologia de lla fauna se lvatica (art. 90, com m a 3 de lla pre se nte le gge ) 1996 lire --------------1997 lire 100.000.000 1998 lire 100.000.000 C ap. 05107/06 - (Nuova Istituzione ) - 2.1.2.1.0.3.10.14 - (06.04) Spe se pe r l'acquisto di m a te riale inform atico e te cnico - scie ntifico al fine de lla pre disposizione de l piano faunistico ve natorio re gionale e de i suoi aggiorna m e nti (art. 90, com m a 2, de lla pre se nte le gge ) 1996 lire --------------1997 lire 100.000.000 1998 lire 100.000.000 C ap. 05107/07 - (Nuova Istituzione ) - 2.1.1.6.2.2.10.14 (06.04) Spe se pe r studi e rice rche fina lizza ti a lla pre disposizione de l pia no fa unistico - ve natorio re gionale e de i suoi aggiornam e nti (a rt. 90, com m a 1, de lla pre se nte le gge ) 1996 lire ------------1997 lire 50.000.000 1998 lire 50.000.000 C ap. 05107/08 - (Nuova Istituzione ) - 2.1.1.4.1.2.10.14 - (06.04) Spe se pe r la re alizza zione di program m i e duca tivi sui proble m i de lla conse rva zione de lla fauna se lvatica e de ll'am bie nte na turale (art. 91 de lla pre se nte le gge ) 1996 lire --------------1997 lire 100.000.000 1998 lire 100.000.000 C ap. 05107/09 (Nuova istituzione ) - 1.1.1.6.1.2.10.14 - (06.04) - Borse di studio sulla biologia, conse rva zione e ge stione de lla fauna se lvatica (art. 92, com m a 2, de lla pre se nte le gge ) 1996 lire --------------1997 lire 100.000.000 1998 lire 100.000.000 C ap. 05107/10 (Nuova istituzione ) - 1.1.1.6.1.2.10.14 (06.04) - C ontributi a fa vore de i proprie tari o conduttori pe r l'inclusione di te rre ni privati ne lle oa si pe rm ane nti di prote zione fa unistica e di ca ttura e ne lle zone te m pora ne e di ripopolam e nto e cattura (art. 25 de lla pre se nte le gge ) 1996 lire ----------------1997 lire 1.000.000.000 1998 lire 1.000.000.000 3. Il ca pitolo 05107/04 iscritto ne ll'e le nco n. 1 alle ga to alla le gge di bilancio, il capitolo 05107/03 iscritto ne ll'e le nco n. 3 a lle ga to a lla ste ssa le gge . La pre se nte le gge sar pubblicata ne l Bolle ttino Ufficiale de lla R e gione . E' fatto obbligo a chiunque spe tti di osse rvarla e di farla osse rvare com e le gge de lla R e gione . ALLEGATO 1 Ele nco de lle spe cie di fa una se lvatica particola rm e nte prote tta ai se nsi de ll'a rticolo 5, com m a 3, de lla pre se nte le gge a) MAMMIFER I P R ESENTI IN SARDEGNA E NELLE SUE AC Q UE TER RITO RIALI: tutte le spe cie di ce ta ce i (C e tace a ) tutte le spe cie di Pipistre lli (C hiropte ra) Ghiro (Glis glis) Ma rtora (Marte s m arte s) Gatto se lvatico (Fe lis silve stris) Foca m ona ca (Mona chus m ona chus) C e rvo sa rdo (C e rvus e la phus corsicanus) Da ino (Dam a da m a ) Muflone (O vis m usim on) C a pra se lvatica (C apra Sp) lim ita ta m e nte alle popolazioni pre se nti ne lle isole di Ta vola ra e Molara b) UC C ELLI NIDIFIC ANTI: Sva sso m aggiore (P odice ps cristatus) Be rta m a ggiore (C alone ctris diom e de a) Be rta m inore (Puffinus puffinus) Ucce llo de lle te m pe ste (Hydroba te s pe lagicus) C orm ora no (Phala crocorax carbo sine nsis) C orm orano da l ciuffo (Phala crocorax a ristote lis de sm a re stii) Tara buso (Botaurus ste llaris) Ta ra busino (Ix obrychus m inutus) Nitticora (Nycticorax nycticorax ) Sga rza ciuffe tto (Arde ola ra lloide s) Airone guarda buoi (Bubulcus ibis) Ga rze tta (Egre tta ga rze tta ) Airone rosso (Arde a purpure a) Migna ttaio (Ple gadis falcine llus) Fe nicotte ro (Phoe nicopte rus rube r) Volpoca (Tadorna ta dorna) Fistione turco (Ne tta rufina ) More tta ta ba ccata (Aythya nyroca) Nibbio re a le (Milvus m ilvus) Grifone (Gyps

ta dorna) Fistione turco (Ne tta rufina ) More tta ta ba ccata (Aythya nyroca) Nibbio re a le (Milvus m ilvus) Grifone (Gyps fulvus) Falco di pa lude (C ircus ae ruginosus) Albane lla m inore (Circus pyga rgus) Spa rvie re (Accipite r nisus) Astore sardo (Accipite r ge ntilis a rrigonii) Poiana (Bute o bute o) Aquila re a le (Aquila chrysa e tos) Aquila de l Bone lli (Hie ra ae tus fa sciatus) Ghe ppio (Fa lco tinnunculus) Grillaio (Falco naum a nni) Lodola io (Fa lco subbute o) Falco de lla re gina (Falco e le onorae ) Pe lle grino (Falco pe re grinus) Schiribilla grigiata (Porza na pusilla ) Pollo sultano (Porphyrio porphyrio) Ga llina prataiola (Tetrax te trax ) C ava lie re d'Italia (Him antopus him antopus) Avocetta (R e curvirostra avosetta ) O cchione (Burhinus oe dicne m us) P e rnice di m a re (Glare ola pratincola) P e tte gola (Tringa totanus) Gabbia no com une (La rus ridibundus) Ga bbiano rose o (La rus ge ne i) Gabbiano corso (La rus audouinii) Ste rna zam pe ne re (Ge loche lidon nilotica) Ste rna com une (Ste rna hirundo) Fratice llo (Ste rna a lbifrons) C uculo dal ciuffo (C la m a tor glanda rius) Martin pe scatore (Alce do atthis) Ghianda ia m a rina (C oracia s ga rrulus) Picchio rosso m inore (Picoide s m inor) C ala ndra (Me la nocorypha cala ndra) Rondine rossiccia (Hirundo daurica) Spionce llo (Anthus spinole tta ) Me rlo acquaiolo (C inclus cinclus) C ulbianco (O e nanthe oe nanthe ) C odirossone (Monticola sax atilis) Ca nnare ccione (Acroce pha lus arundina ce us) Gracchio cora llino (Pyrrhocorax pyrrhocorax ) c) UCC ELLI O SP ITI NO N NIDIFIC ANTI: Strolaga m e zzana (Ga via arctica ) Airone bianco m a ggiore (Egretta alba) C icogna ne ra (C iconia nigra) C icogna bia nca (C iconia ciconia) Spatola (Pla ta le a le ucorodia ) Falco 0pe cchia olo (Pe rnis apivorus) Nibbio bruno (Milvus m igrans) Aquila di m are (Halia e tus albicilla ) Gipe to (Gypae tus barbatus) Biancone (C ircae tus gallicus) Alba ne lla re a le (Circus cya ne us) Aquila a na tra ia m aggiore (Aquila cla nga) Aquila m inore (Aquila pe nna tus) Falco pe sca tore (Pa ndion ha liae tus) Sm e riglio (Fa lco colum ba rius) Sa cro (Falco che rrug) Pivie re dorato (Pluvialis aprica ria) Croccolone (Ga llina go m e dia) C om batte nte (Philom achus pugna x ) P iro piro bosche re ccio (Tringa gla re ola) Ste rna m a ggiore (Ste rna caspia) Be ccape sc (Ste rna sandvice nsis) Migna ttino piom bato (C hlidonias hybridus) Mignattino alibia nchi (C hlidonias le ucopte rus) Migna ttino (C hlidonias nige r) Gufo di palude (Asio fla m m e us) d) RETTILI P R ESENTI IN SARDEGNA: Ta rta ruga m arina com une (Ca re tta care tta ) De rm o che lide core a ce a (De rm oche lys coria ce a ) Ta rta ruga ve rde (C he lonia m yda s) Te stuggine d'acqua (Em ys orbicula ris) Te stuggine com une (Te studo he rm anni) Te stuggine gre ca (Te studo gre ga) Te stuggine m a rginata (Te studo m a rginata) Tarantolino (P hylloda ctylus e uropa e us) Algiroide na no (Algyroide s fitzinge ri) Luce rtola di Be dria ga (Archae ola ce rta be dria gae ) Luce rtola tirre nica (P odarcis tiligue rta ra nzii e poda rcis tiligue rta toro) C olubro fe rro di cava llo (C olube r hippocre pis) Sa e ttone (Ela phe longissim a) Biscia de l colla re (Na trix na trix ce tti) Ca m ale onte (Cham ae le o cha m ae lon) e ) ANFIBI R IP R O DUC ENTISI IN SAR DEGNA: Euprotto sardo (Euproctus platyce phalus) Ge otritone de ll'Igle sie nte (Spe le om a nte s ge ne i) Ge otritone im pe riale (Spe le om ante s im pe ria lis) Ge otritone de l Supram onte (Spe le om ante s supra m ontis) Ge otritone de l Monte Albo (Spe le om ante s fla vus) Discoglosso sardo (Discoglossus sardus) R ana ve rde (R ana e scule nta) Spe cie pe r le qua li la R e gione adotta provve dim e nti prioritari atti a d istituire un re gim e di rigorosa tute la de i loro ha bitat.

Data a Cagliari, add 29 luglio 1998 Pa lom ba 2006 R e gione Autonom a de lla Sa rde gna

LEGGE REGIONALE n 23 del 29 luglio 1998 ALLEGATO 1


Elenco delle specie di fauna selvatica particolarmente protetta ai sensi dell' articolo 5, comma 3 , della presente legge

a) MAMMIFERI PRESENTI IN SARDEGNA E NELLE SUE ACQUE TERRITORIALI:

* (1) tutte le specie di cetacei (Cetacea)* tutte le specie di Pipistrelli (Chiroptera)* Ghiro (Glis glis) Martora (Martes martes) Gatto selvatico (Felis silvestris)* Foca monaca (Monachus monachus)* Cervosardo (Cervus elaphus corsicanus)* Daino (Dama dama)* Muflone (Ovis musimon)* Capra selvatica (Capra Sp) limitatamente alle popolazioni presenti nelle isole di Tavolara e Molara b) UCCELLI NIDIFICANTI:

Svasso maggiore (Podiceps cristatus)* Berta maggiore (Calonectris diomedea)* Berta minore (Puffinus puffinus)* Uccello delle tempeste (Hydrobates pelagicus) Cormorano (Phalacrocorax carbo sinensis) Cormorano dal ciuffo (Phalacrocorax aristotelis desmarestii)Tarabuso (Botaurus stellaris)Tarabusino (Ixobrychus minutus)* Nitticora (Nycticorax nycticorax)* Sgarza ciuffetto (Ardeola ralloides)* Airone guardabuoi (Bubulcus ibis)* Garzetta (Egretta garzetta)* Airone rosso (Ardea purpurea)* Mignattaio (Plegadis falcinellus)* Fenicottero (Phoenicopterus ruber)* Volpoca (Tadorna tadorna)* Fistione turco (Netta rufina)* Moretta tabaccata (Aythya nyroca)* Nibbio reale (Milvus milvus)* Grifone (Gyps fulvus) Falco di palude (Circus aeruginosus)* Albanella minore (Circus pygargus) Sparviere (Accipiter nisus)* Astore sardo (Accipiter gentilis arrigonii) Poiana (Buteo buteo)* Aquila reale (Aquila chrysaetos)* Aquila del Bonelli (Hieraaetus fasciatus) Gheppio (Falco tinnunculus)* Grillaio (Falco naumanni) Lodolaio (Falco subbuteo)* Falco della regina (Falco eleonorae) Pellegrino (Falco peregrinus) Schiribilla grigiata (Porzana pusilla)* Pollo sultano (Porphyrio porphyrio)* Gallina prataiola (Tetrax tetrax) Cavaliere d'Italia (Himantopus himantopus)* Avocetta (Recurvirostra avosetta)* Occhione (Burhinus oedicnemus)* Pernice di mare (Glareola pratincola)* Pettegola (Tringa totanus) Gabbiano comune (Larus ridibundus)* Gabbiano roseo (Larus genei)* Gabbiano corso (Larus audouinii)* Sterna zampenere (Gelochelidon nilotica)* Sterna comune (Sterna hirundo)* Fraticello (Sterna albifrons) Cuculo dal ciuffo (Clamator glandarius) Martin pescatore (Alcedo atthis)* Ghiandaia marina (Coracias garrulus) Picchio rosso minore (Picoides minor) Calandra (Melanocorypha calandra) Rondine rossiccia (Hirundo daurica) Spioncello (Anthus spinoletta)* Merlo acquaiolo (Cinclus cinclus) Culbianco (Oenanthe oenanthe) Codirossone (Monticola saxatilis) Cannareccione (Acrocephalus arundinaceus)* Gracchio corallino (Pyrrhocorax pyrrhocorax) c) UCCELLI OSPITI NON NIDIFICANTI:

Strolaga mezzana (Gavia arctica) Airone bianco maggiore (Egretta alba) Cicogna nera (Ciconia nigra) Cicogna bianca (Ciconia ciconia) Spatola (Platalea leucorodia) Falco pecchiaolo (Pernis apivorus) Nibbio bruno (Milvus migrans) Aquila di mare (Haliaetus albicilla) Gipeto (Gypaetus barbatus) Biancone (Circaetus gallicus) Albanella reale (Circus cyaneus) Aquila anatraia maggiore (Aquila clanga) Aquila minore (Aquila pennatus) Falco pescatore (Pandion haliaetus) Smeriglio (Falco columbarius) Sacro (Falco cherrug) Piviere dorato (Pluvialis apricaria) Croccolone (Gallinago media) Combattente (Philomachus pugnax) Piro piro boschereccio (Tringa glareola) Sterna maggiore (Sterna caspia) Beccapesc (Sterna sandvicensis) Mignattino piombato (Chlidonias hybridus) Mignattino alibianchi (Chlidonias leucopterus) Mignattino (Chlidonias niger) Gufo di palude (Asio flammeus) d) RETTILI PRESENTI IN SARDEGNA:

*Tartaruga marina comune (Caretta caretta) Dermochelide coreacea (Dermochelys coriacea) Tartaruga verde (Chelonia mydas)* Testuggine d'acqua (Emys orbicularis) Testuggine comune (Testudo hermanni) Testuggine greca (Testudo grega) Testuggine marginata (Testudo marginata) Tarantolino (Phyllodactylus europaeus) Algiroide nano (Algyroides fitzingeri) Lucertola di Bedriaga (Archaeolacerta bedriagae)* Lucertola tirrenica (Podarcis tiliguerta ranzii e podarcis tiliguerta toro)* Colubro ferro di cavallo (Coluber hippocrepis)* Saettone (Elaphe longissima) Biscia del collare (Natrix natrix cetti) Camaleonte (Chamaeleo chamaelon) e) ANFIBI RIPRODUCENTISI IN SARDEGNA:

Euprotto sardo (Euproctus platycephalus) Geotritone dell'Iglesiente (Speleomantes genei) Geotritone imperiale (Speleomantes imperialis) Geotritone del Supramonte (Speleomantes supramontis) Geotritone del Monte Albo (Speleomantes flavus) Discoglosso sardo (Discoglossus sardus) Rana verde (Rana esculenta)

ARTICOLO 72VIGILANZA
1. La vigilanza sull'applicazione della presente legge affidata:

a)al Corpo forestale e di vigilanza ambientale della Regione sarda, agli ufficiali e agli agenti di polizia giudiziaria, alle guardie comunali, urbane e campestri, ai barracelli ed alle guardie giurate incaricate dalle aziende faunistico venatorie e agri - turistico - venatorie; b)alle guardie volontarie delle associazioni venatorie, agricole e di protezione ambientale nazionali presenti nel Comitato tecnico faunistico venatorio nazionale, a quelle delle associazioni regionali presenti nel Comitato regionale faunistico o nei Comitati provinciali faunistici e a quelle delle associazioni di protezione ambientale riconosciute dal Ministero dell'ambiente, alle quali sia riconosciuta la qualifica di guardia giurata ai sensi del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, approvato con regio decreto 18 giugno 1931, n. 773 .

2. [abrogazione] Agli appartenenti al Corpo forestale e di vigilanza ambientale della Regione sarda, agli ufficiali e agli agenti di polizia giudiziaria, e alle guardie comunali, urbane e campestri, con compiti di vigilanza, vietato l'esercizio venatorio nell'ambito del territorio in cui esercitano le funzioni. [17] Alle guardie volontarie, ai barracelli e alle guardie giurate incaricate dalle aziende faunistico-venatorie e dalle aziende agri-turistico-venatorie vietato l'esercizio venatorio durante l'esercizio delle loro funzioni.

Note di vigenza [17] - Abrogazione da: articolo9, comma6, legge Regione Sardegna 19 luglio 2000, n. 14: Nel comma 2 dell'articolo 72 abrogato il seguente periodo: "Agli appartenenti al Corpo forestale e di vigilanza ambientale della Regione sarda, agli ufficiali e agli agenti di polizia giudiziaria, e alle guardie comunali, urbane e campestri, con compiti di vigilanza, vietato l'esercizio venatorio nell'ambito del territorio in cui esercitano le funzioni" . In vigore dal 29/07/1998 al 19/07/2000

Legge Regionale 21 gennaio 2011, n.5


Disposizioni inte grative de lla le gge re gionale 29 luglio 1998, n. 23 (Norm e pe r la prote zione de lla fauna se lvatica e pe r l'e se rcizio de lla caccia in Sarde gna). LEGGE R EGIO NALE 21 ge nnaio 2011, n. 5 Disposizioni inte grative de lla le gge re gionale 29 luglio 1998, n. 23 (Norm e pe r la prote zione de lla fauna se lvatica e pe r l'e se rcizio de lla caccia in Sarde gna). Fonte : BO LLETTINO UFFIC IALE DELLA R EGIO NE SAR DEGNA N.3 de l 29 ge nnaio 2011. Il C onsiglio R e gionale ha approvato Il Pre side nte de lla R e gione prom ulga la se gue nte le gge : Art. 1 Modifiche all'articolo 41 de lla le gge re gionale n. 23 de l 1998 (Me zzi pe r l'e se rcizio de ll'attivit ve natoria) 1. Ne l com m a 1 de ll'articolo 41 de lla le gge re gionale 29 luglio 1998, n. 23 (Norm e pe r la prote zione de lla fauna se lvatica e pe r l'e se rcizio de lla caccia in Sarde gna), dopo le parole "anim a liscia" sono aggiunte le parole "o a canna rigata". 2. Alla fine de l com m a 1 de ll'articolo 36 de lla le gge n. 23 de l 1998, dopo le parole "ne i giorni e con le lim itazioni pre viste dalla pre se nte le gge e dal cale ndario ve natorio" sono aggiunte le se gue nti: "in re lazione ai lim iti di te m po, di spe cie cacciabili e di num e ro di capi abbattibili.". Art. 2 Inte grazioni alla le gge re gionale n. 23 de l 1998 1. Al titolo II de lla le gge re gionale n. 23 de l 1998, dopo l'articolo 59, Art. 59 bis (Disciplina de i pre lie vi in de roga) 1. I principi sui pre lie vi in de roga di cui all'articolo 9 de lla dire ttiva n. 2009/147/C E de l Parlam e nto e urope o e de l C onsiglio, de l 30 nove m bre 2009, conce rne nte la conse rvazione de gli ucce lli se lvatici sono attuati ne lla R e gione in conform it alle disposizioni di cui all'articolo 16 de lla le gge 4 fe bbraio 2005, n. 11 (Norm e ge ne rali sulla parte cipazione de ll'Italia al proce sso norm ativo de ll'Unione e urope a e sulle proce dure di e se cuzione de gli obblighi com unitari), e d in arm onia alle disposizioni di cui all'articolo 1, com m i 3 e 4, all'articolo 9 e all'articolo 19 bis, de lla le gge 11 fe bbraio 1992, n. 157 (Norm e pe r la prote zione de lla fauna se lvatica om e ote rm a e pe r il pre lie vo ve natorio). 2. La R e gione adotta le de roghe di cui al com m a 1, di durata non supe riore a un m e se , e se m pre che non vi siano altre soluzioni soddisface nti, pe r le se gue nti ragioni: a) ne ll'inte re sse de lla salute e de lla sicure zza pubblica; b) ne ll'inte re sse de lla sicure zza ae re a; c) pe r pre ve nire gravi danni alle colture , al be stiam e , ai boschi, alla pe sca e d alle acque ; d) pe r la prote zione de lla flora e de lla fauna; e ) ai fini de lla rice rca, de ll'inse gnam e nto, de l ripopolam e nto e de lla re introduzione , nonch pe r l'alle vam e nto conne sso a tali ope razioni; f) pe r conse ntire , in condizioni rigidam e nte controllate e d in m odo se le ttivo, la cattura, la de te nzione o altri im pie ghi m isurati di de te rm inati ucce lli in piccole quantit. 3. L'Asse ssore re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte , pre via de libe razione de lla giunta re gionale , su proposta de llo ste sso Asse ssore d'inte sa con l'Asse ssore re gionale de ll'agricoltura e riform a agro-pastorale e con l'Asse ssore re gionale de ll'igie ne e sanit e de ll'assiste nza sociale , adotta le de roghe con provve dim e nto m otivato sulle ragioni che ne im pongono l'applicazione , se ntito l'Istituto re gionale pe r la fauna se lvatica (IR FS) ovve ro, se non ancora istituito, un aggiunto il se gue nte capo: "C apo IV bis (Pre lie vi in de roga in applicazione de ll'articolo 9 de lla dire ttiva n. 2009/147/C E)

com itato te cnico-scie ntifico com posto da un e spe rto in m ate ria di am bie nte e fauna se lvatica, un e spe rto in m ate ria di coltivazioni agricole , un e spe rto in m ate ria di salute pubblica. Il com itato te cnico-scie ntifico istituito con de libe razione de lla Giunta re gionale , su proposta de ll'Asse ssore re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte , d'inte sa con l'Asse ssore re gionale de ll'agricoltura e riform a agro-pastorale e l'Asse ssore re gionale de ll'igie ne e sanit e de ll'assiste nza sociale . 4. Il pare re de ll'organo scie ntifico di cui al com m a 3, a supporto de lla m otivazione sui pre supposti, sulla ne ce ssit e sulle m odalit di applicazione de lla de roga, d atto de lle indagini scie ntifiche svolte , pre nde ndo in conside razione anche le se gnalazioni, se pe rve nute , de gli uffici te cnici de gli Asse ssorati de lla R e gione , de gli uffici te cnici de gli asse ssorati de lla dife sa de ll'am bie nte e de ll'agricoltura de lle province , nonch de l C orpo fore stale e di vigilanza am bie ntale . 5. L'atto di de roga contie ne spe cificam e nte l'indicazione : a) de lle spe cie che ne form ano ogge tto; b) de l num e ro de i capi pre le vabili com ple ssivam e nte ne ll'inte ro pe riodo, in re lazione alla consiste nza de lle popolazioni di ogni singola spe cie , pe r le de roghe m otivate ai se nsi de l com m a 1, le tte re e ) e d f); c) de i controlli e de lle form e di vigilanza cui il pre lie vo assogge ttato; d) de lle condizioni di rischio e de lle circostanze di te m po e di luogo di applicazione de lle de roghe ; e ) de i m e zzi, de gli im pianti e de i m e todi di cattura o di abbattim e nto conse ntiti nonch de i sogge tti a ci autorizzati, fe rm o re stando quanto pre visto dai com m i 7 e 8. 6. Le de roghe di cui alla pre se nte le gge non possono e sse re attivate pe r le spe cie pe r le quali sia stata acce rtata una grave dim inuzione de lla consiste nza num e rica, durante il pe riodo di nidificazione de gli ucce lli o durante la fase di m igrazione pe r ritorno de gli ste ssi al luogo di nidificazione . 7. I pre lie vi ve natori in de roga autorizzati in applicazione de l pre se nte articolo sono e ffe ttuati e sclusivam e nte da parte de i sogge tti individuati ne ll'atto di de roga o da age nti de l C orpo fore stale re gionale . 8. I pre lie vi di cui al com m a 7 sono re alizzati con le m odalit e d i m e zzi pre visti dagli articoli 40 e 41 de lla pre se nte le gge . 9. Il num e ro di capi pre le vati annotato al te rm ine di ogni giornata ve natoria sulla sche da di rile vam e nto che i sogge tti autorizzati a parte cipare agli abbattim e nti in de roga ritirano pre sso il proprio com une di re side nza. Le sche de di rile vam e nto sono riconse gnate a cura de i sogge tti autorizzati, tram ite il com une di re side nza o avvale ndosi de lle associazioni ve natorie , alla provincia com pe te nte la quale , dopo ave r e stratto dalle sche de acquisite i dati di pre lie vo, provve de a trasm e tte rli all'Asse ssorato re gionale de lla dife sa de ll'am bie nte .". Art. 3 Abrogazioni 1. abrogata la le gge re gionale 13 fe bbraio 2004, n. 2 (Norm e in m ate ria di prote zione de lla fauna se lvatica e di pre lie vo ve natorio in Sarde gna, in attuazione de lla le gge 3 ottobre 2002, n. 221). Art. 4 Entrata in vigore 1. La pre se nte le gge e ntra in vigore il giorno de lla sua pubblicazione sul Bolle ttino ufficiale de lla R e gione autonom a de lla Sarde gna (BUR AS). La pre se nte le gge sar pubblicata ne l Bolle ttino ufficiale de lla R e gione . E fatto obbligo a chiunque spe tti di osse rvarla e di farla osse rvare com e le gge de lla R e gione . Data a C agliari, add 21 ge nnaio 2011 C appe llaci

Ultim o aggiornam e nto: 21.01.11 2011 R e gione Autonom a de lla Sarde gna