Sei sulla pagina 1di 4

ESERCIZIO 1 La valutazione delle rimanenze di magazzino (prodotti finiti) La societ Eleganza S.p.A.

. opera nel settore della commercializzazione di capi dabbigliamento. Nellesercizio X la Societ in parola ha iniziato con grande successo la commercializzazione di maglie in cachemire. I dati relativi agli acquisti e alle vendite di tale prodotto negli esercizi X e X+1 sono riportati nelle tabelle seguenti. ESERCIZIO X Data 2/2/X 5/4/X 17/5/X 5/6/X 1/9/X 10/11/X 15/12/X Operazione Acquisto Vendita Acquisto Acquisto Vendita Vendita Acquisto Quantit (numero di borse) 200 (100) 130 80 (50) (45) 30 Quantit (numero di borse) (70) 230 (80) (100) 40 Prezzo unitario (in Euro) 150 180 165 160 165 150 162 Prezzo unitario (in Euro) 180 164 120 174 168

ESERCIZIO X+1 Data Operazione 15/1/X+1 27/4/X+1 13/7/X+1 25/10/X+1 1/12/X+1 Vendita Acquisto Vendita Vendita Acquisto

Sulla base delle informazioni sopra fornite, si determini il valore delle giacenze di magazzino delle maglie in cachemire al 31/12/X e al 31/12/X+1, utilizzando i seguenti criteri di valutazione: 1) Lifo a scatti; 2) Costo medio ponderato di periodo; 3) Fifo. Si indichi inoltre quale (o quali) criteri valutativi conducono ad un valore delle giacenze civilisticamente corretto, sapendo che: alla data di chiusura dellesercizio X, il prezzo di vendita di una maglia in cachemire pari a Euro 168 e la Societ deve sostenere spese dirette di vendita per ciascuna maglia per Euro 9; alla data di chiusura dellesercizio X+1, il prezzo di vendita di una maglia in cachemire pari a Euro 174 e la Societ deve sostenere spese dirette di vendita per ciascuna maglia per Euro 13.

ESERCIZIO 2 La valutazione delle rimanenze di magazzino (materie prime e prodotti finiti) La societ Sole S.p.A., costituitasi nel corso dellesercizio X, produce parei da mare. Per la produzione di ciascun pareo occorrono 3 metri di stoffa. La societ ha quindi due magazzini: uno di stoffa (MATERIE PRIME); uno di parei (PRODOTTI FINITI). I dati relativi ai movimenti del magazzino di STOFFA nellesercizio X sono riportanti nella tabella seguente. Data 2/3/X 1/5/X 10/5/X 15/6/X 20/6/X 3/7/X Quantit (metri) 4.000 2.000 4.800 1.200 Prezzo unitario (in Euro) 8 9 11 (4.600) 10 Scarichi (metri)

(5.000)

Nel corso dellanno sono stati prodotti 3.200 parei, dei quali 400 sono in giacenza a fine esercizio. Il costo del taglio della stoffa e della cucitura stato complessivamente pari a Euro 12.000; peraltro, essendo lesercizio X il primo anno di attivit per la societ Sole, la produzione si attestata su quantit inferiori al livello normale, stimato, a regime, in 4.000 parei allanno. Sulla base delle informazioni sopra fornite, si determini il valore delle giacenze finali di stoffa e parei, con i seguenti criteri: 1) costo medio ponderato acquisto; 2) lifo di periodo; 3) fifo.

ESERCIZIO 3 La valutazione delle immobilizzazioni materiali In data 5/5/X la societ CARMINE S.p.A. acquista un nuovo macchinario necessario per la produzione. Relativamente a tale macchinario, si dispone delle informazioni di seguito riportate: costo di acquisto = 2.500.000 Euro; spese di trasporto = 4.000 Euro; spese di installazione = 2.000 Euro; oneri per collaudo = 1.500 Euro; spese generali amministrative = 8.000 Euro; vita economica utile = 10 anni; in data 1/1/X, stato ottenuto un prestito di Euro 1.000.000 da rimborsare integralmente il 31/12/X+1 al tasso di interesse annuo del 12%. Tale finanziamento stato specificatamente assunto per concorrere a finanziare lacquisto del macchinario in parola. Il finanziamento ricevuto stato utilizzato per inviare, in data 1/2/X, un anticipo di Euro 1.000.000 al fornitore del macchinario; limpianto pronto per essere utilizzato in data 1/6/X; nel corso dellesercizio X+1 la societ sostiene costi di manutenzione ordinaria per Euro 10.000 e costi di miglioramento per Euro 100.000. Si determini il valore netto contabile del macchinario al termine degli esercizi X e X+1. Si consideri che la societ intende capitalizzare gli oneri finanziari se ci consentito dai principi contabili.

ESERCIZIO 4 La valutazione delle immobilizzazioni materiali Nel corso dellesercizio X la societ BETA S.p.A. ha iniziato e concluso la costruzione in economia di un impianto. Si stima al 31/12/X di poter riferire allimpianto in parola i seguenti costi, gi registrati nel corso dellesercizio: mano dopera diretta = 350.000 Euro; progettazione = 140.000 Euro; materiali = 80.000 Euro; altri costi industriali direttamente imputabili = 62.000 Euro; messa in opera = 8.000 Euro; quota parte costi indiretti di produzione = 26.000 Euro; spese generali amministrative = 100.000 Euro. Domanda A. Si indichi quali dei costi sopra citati possono essere imputati, secondo i corretti principi contabili, allimpianto costruito in economia in ciascuna delle seguenti ipotesi: 1. la costruzione in economia avvenuta in modo occasionale e si ritiene accettabile non includere la quota parte dei costi indiretti di produzione; 2. la costruzione in economia avvenuta in modo continuativo utilizzando un apposito reparto. Domanda B. In entrambe le ipotesi sopra indicate si determini inoltre il valore dellimpianto da iscrivere nel bilancio destinato a pubblicazione, tenendo presente che sul mercato possibile acquistare un impianto con le stesse caratteristiche di quello costruito dalla BETA S.p.A., compresa la messa in opera e gli altri oneri accessori di acquisto, per euro 650.000 + IVA 20%.