Sei sulla pagina 1di 6

I PROMESSI SPORCHI Quel ramo del lago di Bolsena che volge al tramonto era proprio una merda.

Don Asboldro stava passeggiando tranquillo nella strada che portava a casa sua mentre la Perpetua Sorcona gli stava preparando una succulenta cenetta. Ad un certo punto vide pararglisi di fronte due bravi di Don Mandingo questi cominciarono a maneggiare velocemente l'attrezzo, suscitando sgomento nel deretano del povero padre che cerc di scappare trattenendo gemiti di godimento ed eiaculazioni indotte. La strada fu breve in quanto la sveltezza dei due baldi giovani prevalse sulla lentezza senile dello sventurato. "Che volete da me?" chiese piangendo il povero padre. "Quest'orgia non s'ha da fare"; i due bravi si riferivano all'imminente matrimonio tra Spermo e Lucciola. Finito l'orrido incontro Don Asboldro rincas e dopo aver cenato si fece maneggiare l'arma da Perpetua che avvertendo un fremito nei testicoli del pretastro chiese: "C' qualcosa che la turba? Ha per caso il glande ipersensibile?", "No Perpetua, ho ricevuto delle minacce da due viados che ho incontrato, mi hanno proibito di unire in matrimonio Spermo e Lucciola; ma io che posso fare? Sono solo un povero padre che ama la masturbazione!". ----()---Spermo stava pensando al clitoride della madre di Lucciola mentre si recava a casa della sua amata. Arrivato al modesto casolare, la madre di Lucciola, Astrusa, lo accolse con un tonante peto. Spermo rispose con un languido sorriso che mirava a sconvolgere il ciclo della donna. Quando Lucciola vide il suo amato gli corse in contro togliendosi dalla carbona un fallo in mogano africano. "Amore mio, finalmente l'ora vicina, potremo avere tanti bimbi e quindi un eventuale numero imprecisato di nipotini, evviva!", "Per ora mi accontento di un bacio casto, mia porcona" ribatt Spermo e continuando disse: "Ho test parlato con la Perpetua di Don Asboldro e mi ha riferito che il prete si gravemente malato di gonorrea, si dice che abbia sodomizzato un chirichetto sessantenne infetto", "Oh no, ma io ho voglia di essere posseduta dal tuo cazzone! Non voglio tardare!" disse irosa Lucciola. "Per ora tieni questo zampone surgelato, divertiti a scioglierlo, amore". Dopo che Spermo ebbe detto ci Lucciola si ritir nelle sue stanze a smembrare il carname con le sue grandi labbra infuocate. Astrusa disse preoccupata: "Cosa facciamo adesso? La situazione grave!". Spermo avendo intuito il tono della matrona si fiond sul suo posteriore penetrandolo e provocandogli lesioni e infiammazioni. Finito il rapporto anale Spermo fece per avviarsi alla sua magione ma prima di uscire disse: "Io amo sua figlia, non vedo l'ora di sposarla" e se ne and.

----()---Don Mandingo stava cospargendosi di pepe del Madagascar il glande quando entrarono i due bravi. Alla vista dei due servi mise via il piffero e tolse la mano sinistra dal culo. "Cosa volete?" disse acidamente il nobil'uomo, "Missione compiuta padrone, Don Asboldro stato avvertito, gli abbiamo lasciato tanti ricordini in gola", "Bene ragazzi miei, ora venite e baciate le mie soavi chiappe". Compiuto il rituale saluto i servi tornarono alle loro stanze lasciando Don Mandingo alle sue pratiche feticiste. La mente del nobile era satolla di pensieri, voleva possedere Lucciola ma c'era Spermo decise che doveva eliminarlo, magari dopo averlo posseduto analmente. In quel dunque un usignolo entr fischiettando ma mor subito; allora egli cap... la felicit breve, doveva agire al pi presto! Il giorno seguente dopo una carnosa colazione a base di sfincioni si rec sui campi a visitare l'oggetto del suo desiderio mistico: Lucciola. Ella, soave e arrapata come sempre, stava inspiegabilmente raccogliendo il frumento che biondeggiava sui campi. Con un trotto deciso del suo cavallo il nobile spagnolo fu in un istante su di lei e cominciando a stimolarle il capezzolo destro disse: "Tu sei mia, il tuo amato non potr mai averti, parola di Don Mandingo Ramirez Sanchez!". Ella spaventata tolse la mano del porco dal suo seno e scapp nel mulino dove c'erano gli altri agricoltori ma non si accorse che era un tranello subito fu penetrata da un mercenario che puzzava di orina, questo poi fu seguito da un intero esercito. La donna dopo aver soddisfatto tutte le voglie torn a casa e piangendo disse alla madre: "Oh mamma, oggi successa una cosa terribile, un nobile mi vuole in moglie e ha minacciato di uccidere Spermo, che si pu fare madre mia?". La madre comprendendo la gravit della situazione disse compassionevole: "Forse una soluzione c', finch le acque non si saranno calmate meglio che stiate separati", "Ma non posso, io lo amo e voglio sposarlo, dovesse cascarmi il mondo in testa". In quel momento un pianeta sconosciuto che ora chiamato Castrone cadde in testa alla donna, ma non le fece male. La madre, ormai vinta dagli usmi di goduria del marito che giaceva sul divano con una pecora tosata, disse: "Fa come vuoi, ma io ti posso aiutare e poi se te ne andrai ti dar tutto il necessario per mantenere aperte le tue grandi labbra: vaselina, falli di bronzo e marmo greco nonch quello straordinario olietto che ti regalo tuo nonno per facilitare la penetrazione anale; se vuoi ti do anche il cagnetto, sempre molto eccitato e riuscir a tenerti su di morale", "E Spermo che fine far?", "Lui dovr lasciare Bolsena, possibilmente entro un paio di giorni, per recarsi in una grande citt", "E io dove andr?", "Tu ti ritirerai in convento con le suore dell'Immaculatta, dove di comando la famosa monaca Manza", "Se per dare a Spermo una speranza lo far, ma quando partiremo?", "Domattina, alle prime luci dell'alba. Ma ora basta interloquire, manda tuo cugino Gioberto a chiamare Spermo affinch gli riferisca di correre al pi presto qui

per riferirgli il nunzio!". ----()---Spermo era sopito in sogni di sesso sfrenato, notti arabe di orge e sadomaso, le mille e una notte di rapporti anali. Quando Gioberto entr Spermo si era gi smerdato di bianco il bonigolo (espress. colorita per indicare l'ombelico) cos disse al bimbo: "Leccami per favore, devo essere presentabile per la mia donna". Il bimbo gli pul tutto e gli pass i vestiti puliti. "Sarebbe meglio" disse Gioberto "Che si portasse via un'arma, i bravi sono ovunque, ne ho visti due per strada intenti a flagellarsi il membro". Spermo impaurito prese la prima arma che gli capit in mano, una roncola taglia-prepuzi. Fiero di s usc di casa con Gioberto che lo precedeva. Subito una freccia si scagli sui testicoli del fanciullo che gemendo mor. Spermo corse via fuorviando il pericolo. Arrivato a casa di Lucciola, Astrusa lo accolse con una delle sue solite eruttazioni rettali e dopo averlo accomodato ad un tavolo gli offr carne secca, un tozzo di pane e del sidro Scozzese. In quelle zone si dice che il sidro venga preparato dai novelli sposi evirati dopo il primo e unico rapporto della loro vita, forse per questo la bevanda ha un retrogusto di gruvea. Lucciola scese la scala pi bella che mai vestita da sposa; aveva delle calzature alte con le borchie triangolari, una calzamaglia a rete e un completo bianco come la panna che viene preparata in Islanda dai pescatori di merluzzi. Era piena di merletti di forma fallacea e aveva due coppe in prossimit del reggiseno che le sollevavano le giuggiole fino a far intravedere le ciliegine; sulla testa aveva una raggiera di spirali rosa volte ad esaltare un viso truccato con argilla malesiana e nettare di petali di rose bianche. Spermo non trattenne l'eccitazione e il suo scroto premette i testicoli provocando un'alluvione di umori all'interno delle sue brache. ----()---Dopo che Lucciola raccont a Spermo il fattaccio successo con Don Mandingo Spermo comincio ad agitarsi e aveva nella mente una sola parola: vendetta! Si disse che gli avrebbe fatto vedere lui come si cavalcava un fondoschiena e la voglia di possederlo cresceva di attimo in attimo. Ad un certo punto Astrusa grid: "Fermi tutti! Mi venuta un'idea fantastica! Spermo, perch non vai alla citt di Tilecco a chieder consiglio ad un legale? L c' un certo Azzannacespugli che ha naso per queste faccende", "Oh Astrusa" replic Spermo, "la tua idea a dir poco geniale! Vieni qui cosicch possa abbracciare la mia futura suocera" e dopo averla cosparsa di olii orientali le scivol tra le gambe applicando una posizione tantra; quanto amore c'era in quella casa! Sul pi bello entr il nonno Gepe con due bottiglie di buon Gintonic e la festa ebbe inizio. Dopo che

tutti smaltirono la sbronza Spermo and in cortile e prese una lontra giacch la suocera gli aveva detto che per andare dall'Azzannacespugli non bisognava avere le mani vuote. Appena arrivato a Tilecco chiese dove abitava il legale e dopo aver aggiunto l'abitazione vi entr. Un odore acre di vaselina andata a male circondava la cucina in mezzio alla quale stava avanzando una prosperosa donna di 50-60 anni. La donna appena vide la lontra cominci a strusciarsela sulla bernarda e in quel che entr l'Azzanna-cespugli dicendo al ragazzo di accomodarsi nel suo studio. Il dottore, alla domanda di Spermo se era legale sodomizzare una promessa sposa per averla tutta la vita, pens che il sodomizzatore fosse Spermo cos cominciando a masturbarsi il fringuello prese dal tavolo una carta e dopo averla aperta disse: "Ohib ragazzo, perch ti sei rasato i peli pubici che i facinorosi usano tenere a treccine?". Spermo rispose che lui non aveva mai avuto treccine sul pube e che anzi era solito farsi mangiare i cespuglietti del piffero dalla madre dell'amata. Il dottore iroso mand via Spermo dicendo che contro Don Mandingo non si sarebbe mai messo poich amava sollazzarsi con lui nelle giornate uggiose praticando sesso orale. Spermo fece per riprendersi la lontra ma la povera bestiola era ormai stata battuta da tutta la servit cos se ne and sconfitto. ----()---Mentre Spermo era dal dottore, le donne, tra un'orgia lesbo e un'altra, stavano cercando una soluzione e mentre Astrusa sosteneva nell'aiuto dell'Azzanna-cespugli, Lucciola diceva che doveva cercare aiuto in padre Cisborofo, un padre sodomita col vizio dell'alcool. Intanto Spermo tornava a casa di Lucciola e sedendosi si sparava una pippa con un gesto di disapprovazione raccontando alle signore presenti il fattaccio accaduto dal dottore. Astrusa era pi vogliosa che mai e vedendo il membro di Spermo vi si gett sopra senza indugi mentre le altre donne cominciavano a strusciarsi fra di loro. Finita la pratica erotica Spermo se ne tornava a casa confidando nell'aiuto di padre Cisboforo. La sera stessa per distrarsi and in un'osteria con gli amici a fumare oppio e far ingoi, che spavaldo era Spermo! ----()---La mattina d'autunno non lasciva sperare niente di buono, il paesaggio triste e due cani maschi che si ingroppavano a vicenda erano gli unici elementi evidenti in quel panorama desolato. In quel mentre padre Cisborofo usciva dal convento per andare a fricchettare con Lucciola. Cisborofo non si era sempre chiamato cos, una volta il suo nome era Losbrodico, figlio di una prostituta thailandese e di un magnaccia vicentino che si era arricchito. Losbrodico era un ragazzo di indole violenta, pi di qualche volte infatti aveva martellato il sedere della madre e masticato i testicoli del padre ma un giorno egli andando per strada trovo un nobile che pretendeva di essere lui

a fraccarglielo al suo passaggio. Losbrodico irritato rispose a tono e disse che invece doveva essere lui a farlo; cos dai paroloni passarono alle armi Losbrodico cominci a randellare il nemico con un fallo di ebano siriano e dopo averlo ucciso si rifugi in un convento di frati Capellottini che era l vicino. La folla lo difese dicendo che aveva ucciso quel birbone per difendersi. Losbrodico allora decise di farsi frate e and a chiedere perdono alla famiglia del nobile ucciso facendosi mettere il membro in tutti gli orifizi da tutti i parenti. Da allora padre Cisboforo visse in castit anale per il resto della sua vita. ----()---Subito uno dei due bravi gli cosparse il glande di miele d'acacia e diede due botte alla porta; apr un vecchio con il pene che penzolava pigramente tra le gambe, dal prepuzio sgorgava il suo umore padre Cisborofo si trattenne, voleva assaggiare quella delizia, ma rimase dritto, il vecchio allora rispettoso della persona che aveva di fronte fece strada al padre che lo segu a ruota mettendogli una mano nel boffice. Arrivati alla sala conviviale le porte si spalancarono e Cisborofo vide una di quelle scene che ti fanno salire il testosterone, Artiglio stava leccando le feci del cugino, il famigerato Don Mandingo, e tentava disperatamente di produrre un incesto violento e feticista. Quando i giovini videro il padre si eccitarono ancor di pi e lo fecero entrare. Una volta seduto il padre disse a Mandingo che voleva possederlo in privato per fargli assaggiare la sua rugiada, tuttavia il nobile lo trattenne alla tavola per farlo partecipare all'incontro. Stavano parlando della fiera lesbo che si era svolta pochi giorni prima a Castellammare di Stabia, una vera leccornia per intenditori, ma al prete questi argomenti interessavano ben poco, continuava a guardare Don Mandingo e a lanciargli dietro schizzi di sperma ancora caldo per eccitarlo all'incontro privato. Don Mandingo non resistette cos si alz e preso il prete per le gonadi lo trascin in un'altra stanza. ----()---Quando entrarono nella stanza Cisborofo cominci a randellare il culo di don Mandingo con la sua santa verga e pregandolo di lascire Lucciola in pace giacch la sua torta apparteneva a un altro. Il nobile, arroventato dalla lussuria e dalla foga, cominci a succhiare il pene del prete e quando ebbe finito ebbe il ventre pieno di spirito santo. Questo voleva dire che non voleva assolutamente scendere a patti e che lui poteva sodomizzare chi voleva in qualsiasi momento. Allora cacciato di casa Cisborofo si diresse verso l'uscio e prima di incontrare l'aere un vecchiuo gli batt sulla schiena un cazzone e gli disse che aveva visto e sentito tutto e che sapeva molte cose e che gliele avrebbe raccontate l'indomani. Il padre

quando usc dal palazzotto era sereno e il suo ano non bruciava pi per i continui frizionamenti del nobile. ----()---Intanto a casa di Lucciola Astrusa stava elaborando un piano, i due promessi dovevano andare dal curato nudi e copulare di fronte ai suoi occhi, cos l'unione avrebbe sancito lo sposalizio. Lucciola era dubbiosa ma Spermo era gi uscito per sodomizzare gli eventuali testimoni. Trov Tornio e Gerlano, due semplici paesani amici di Spermo. Astrusa si sarebbe occupata di Perpetua. Mentre Astrusa diceva di non parlare del piano a Cisborofo, quest'ultimo entr dalla porta. ----()----