Sei sulla pagina 1di 1

LUNED 28 NOVEMBRE 2011

CM

AGRICOLTURA & PRODOTTI


Tribunali pi lenti al Sud La scarola riciclata

PROFESSIONISTI & MANAGER


Le studentesse vincitrici

TECNOLOGIA & PASSIONI

Cia: a Salerno scarola riciclata dal letame


BOJANO A PAGINA XI

La giustizia lenta frena il Pil e lo sviluppo


CASTELLANETA A PAGINA XIV

I voti sul telefonino, allAteneo di Foggia il Nokia University


A PAGINA XV

IL PUNTO

Priorit delle aziende Emerge dallindagine Confcommercio

Politica anti-crisi e rilancio delle imprese


DI GIUSEPPE GALASSO

ra le misure anticrisi del nuovo governo annunciata una vecchia conoscenza del Mezzogiorno: una maggiore tassazione dei beni fondiari per la via dellIci, ma senza escludere la via della patrimoniale. Una vecchia e ostile conoscenza da sempre, ma in specie da quando nel sistema italiano la ricchezza mobiliare ha sopravanzato la ricchezza immobiliare o ha costituito una quota molto alta della ricchezza nazionale, ossia da almeno un secolo. Si capisce: altre forme di ricchezza sono sfuggenti, camaleontiche, si autorivalutano pi velocemente, difficile individuarne i titolari; quella fondiaria , invece, tutta l, stesa al sole, e non facile che i titolari sfuggano ai controlli, del fisco o di altri. Oggi anche nel Mezzogiorno la ricchezza fondiaria non prevale pi come un tempo, ma tuttora vi rappresenta una quota della ricchezza alquanto maggiore che altrove. E come pu il Mezzogiorno reagire a questa nuova stretta? Formulare la risposta facile: incrementando la sua ricchezza non fondiaria, e, cio, la sua capacit produttiva di manufatti e di servizi, ma anche salvaguardando, innanzitutto, quel che gi c, a meno che non si tratti di un esistente obsoleto e condannato non gi dalla crisi, bens dalla sua radicale insufficienza. Proprio per una tale salvaguardia indispensabile, per, un rilancio del imprese; e a questo tema , appunto, dedicato un interessante articolo a cura della Trifir & Partners, Avvocati, apparso sul n 19 di questo novembre di HR On Line. I punti ivi sottolineati sono due: la ristrutturazione del debito delle imprese e gli interventi sul personale e sullorganizzazione aziendale. Sono due punti nevralgici, ma ad essi vanno di certo aggiunti almeno altri due punti: un ampliamento e facilitazione del credito e speciali agevolazioni fiscali, da un lato, e un fattivo aiuto allinnovazione e alla formazione, dallaltro. La politica anticrisi dovr passare per molte vie, ma il rilancio delle imprese esistenti fra quelle principalissime. Delineare un quadro di misure al riguardo , poi, essenziale anche per il Mezzogiorno, senza politiche speciali o altro di simile, e in pieno accordo con un principio di coesione nazionale e territoriale.
RIPRODUZIONE RISERVATA

Governo Monti Le richieste del Mezzogiorno


Autostrade e ferrovie preferite al Ponte di Messina E nuove regole per il lavoro e laccesso al credito
DI MICHELANGELO BORRILLO

iduzione dei costi della politica, cessioni del patrimonio pubblico, politiche per il lavoro, accesso al credito, trasporti, politiche per il turismo e per linnovazione: sono gli interventi strutturali prioritari per la crescita secondo le imprese del Mezzogiorno, cos come emerge da unindagine effettuata da Confcommercio. Quanto alle infrastrutture, il Ponte sullo Stretto lultima delle priorit (6,2%), mentre la prima il rafforzamento della rete stradale e autostradale (necessaria per il 51,4% delle imprese).
ALLE PAGINE II E III

Lanalisi Il Nord allarga la sua fetta: circa i tre quarti del totale nel Settentrione

Sud Si consuma meno del 2000


DI ANGELO AGRIPPA

consumi al Mezzogiorno risultano in termini pro capite inferiori ai livelli di dieci anni fa e con una prospettiva di assoluta stagnazione per i prossimi anni, con crescita dello zero

per cento, o poco di pi che pi obiettivamente indica uno stato recessivo. quanto emerso dai dati dellUfficio Studi di Confcommercio presentati agli Stati Generali della Confederazione tenutisi a Napoli.
A PAGINA IV

Il numero

26,6
Match Point
DI ANTONIO FIORE

La percentuale
il peso dei consumi meridionali sul totale Italia nel 2011 (nel 2010 era 28,6%)

Moretti (Fs)

Modello esportato Cosa cambia a Melfi

Divario Ovest-Est SullAdriatica non c mercato, niente Eurostar


DI ROSANNA LAMPUGNANI
A PAGINA VII

Fiat La rivoluzione Pomigliano


DI VITO FATIGUSO

Abusivo ma sacro
Chiesa abbandonata (ma non sconsacrata) con camera matrimoniale, cameretta, bagno e antenna parabolica. Accade a Napoli, nelledificio cinquecentesco del Santo Sepolcro, nel cui timpano abita da anni una famiglia. Cui la Curia ha inviato una lettera, invitandola a sloggiare: ma senza molte speranze. Le vie del Signore sono infinite, quelle dellabusivismo pure. E a volte si incrociano.
RIPRODUZIONE RISERVATA

iat non pu migliorare senza lapporto attivo dei lavoratori. Siamo disposti a discutere del futuro, ma anche lazienda deve giocare a carte scoperte e portare a Melfi una seconda produzione. Non basta pi la Punto, lo stabilimento nato per costruire due modelli dautomobili. Cos la Uil di Basilicata accoglie la decisione di Marchionne di allargare il modello Pomigliano a tutto il gruppo.
A PAGINA IX

Addio Sicilia

A Termini Imerese la speranza Dr Motor


DI ALDO CANGEMI
A PAGINA IX

La storia Sanapo, di Specchia, protagonista del coffee cumping nelle fazende centroamericane

Caff Porto Rico alla scuola salentina


Il re dei barman a San Juan per spiegare la qualit dellespresso
DI SALVATORE AVITABILE

l caff espresso italiano fa proseliti anche in Centroamerica. Il pioniere un salentino di Specchia, Francesco Sanapo, 32 anni, campione italiano di baristi di caffetteria nel 2010 e nel 2011. A Porto Rico in questi giorni protagonista del coffee cumping, in pratica sta girando le fazende pi importanti alla scoperta delle miscele speciali e poi incontrer gli esperti locali nellUniversit di San Juan. S, perch a Porto Rico la

qualit del caff davvero molto alta. Dice Sanapo: Basti pensare che, nel corso del XVIII e XIX secolo, il caff portoricano stato il favorito del Vaticano e dalle corti reali dEuropa, tanto da venir chiamato "Il caff dei Papi e dei Re". Poi aggiunge: I portoricani sanno distinguere un buon caff, e ci sono degli ottimi negozi specializzati dove si possono trovare le migliori specialit. Ma utilizzano principalmente il caff filtro: per questo, mi hanno invitato a spiegare le quali-

In azione Sanapo in unazienda di San Pedro

t di un buon espresso italiano. Ma cos il coffee cupping? Serve per selezionare le varie tipologie di caff, classificandole

secondo alcune categorie, tra cui acidit, corpo, aroma. A Porto Rico prosegue Sanapo - sceglier alcune variet da usare per le miscele speciali che, una volta rientrato in Italia, proporr nel Barista round the world, ovvero il tour mondiale che sto portando avanti, partecipando alle pi importanti competizioni nazionali del settore. Il campione italiano dei baristi cos conclude: A San Juan, inoltre, terr alcuni corsi di formazione sullespresso italiano nei vari coffee shop della capitale, e alcune lezioni presso la University of San Juan sulla cultura del caff italiano e sullarte del barista.
RIPRODUZIONE RISERVATA