Sei sulla pagina 1di 26

ASSET-BACKED SECURITIES (ABS) Titoli di credito garantiti emessi da banche o finanziarie per conto di societ che ne assicurano il pagamento

con quote-parti dell'attivo patrimoniale ovvero attraverso il cash flow conseguente da crediti commerciali o prestiti di varia natura. La trasformazione dei crediti in titoli negoziabili viene detta "securitization". ACCRUED INTEREST Interesse/dividendo maturato ma non ancora riscosso. Viene calcolato su una base annua, moltiplicando la cedola percentuale per il numero di giorni di godimento con decorrenza dallultimo stacco. ALLA PARI Termine che riferito ad un titolo indica l'uguaglianza tra prezzo di emissione e valore nominale. AMERICAN DEPOSITARY RECEIPTS (ADR) Certificati rappresentativi di titoli azionari esteri quotati nelle Borse valori statunitensi. Permettono ai loro possessori di avvalersi di tutti i diritti dellazionista, pur non ricevendo materialmente il titolo, in particolare la riscossione di dividendi e lottenimento di eventuali capital gains (guadagni in conto capitale). ANALISI FONDAMENTALE Analisi del valore delle azioni che stima il loro valore intrinseco (valore che avrebbe un' azione se non esistessero influenze di mercato) e lo confronta con il valore di mercato per definire la convenienza o meno dell'investimento. ANALISI TECNICA Analisi dell'andamento dei mercati finanziari attraverso lo studio delle serie storiche dei prezzi e dei volumi di transazione, con lo scopo di prevedere l'evoluzione futura dei prezzi a supporto delle decisioni operative degli investitori. ANALISTA Chi studia e prevede le migliori opportunit d'investimento in titoli. ARBITRAGE PRICING TEORY (APT) Teoria finanziaria di determinazione del rendimento di un titolo, che costituisce uno sviluppo del Capital Asset Pricin Model. Presuppone un mercato perfettamente concorrenziale e fa dipendere il rendimento del titolo da un numero limitato di fattori sistematici. AREA DI ACCUMULAZIONE E' la parte di grafico dell'analisi tecnica di un titolo, conpresa in quell'intervallo di prezzi all'interno del quale gli operatori accumulano le azioni acquistandole. ASSET Termine che indica lo strumento di investimento sottostante di un derivato. ASSET ALLOCATION Procedimento posto in essere da un gestore di patrimoni e che consiste nella ripartizione del portafoglio tra i vari strumenti finanziari allinterno dei diversi mercati di investimento. ASK Termine che indica per valute, merci, o altre attivit finanziarie, il prezzo, o il tasso, al quale loperatore disposto a cedere il bene. ASKED PRICE E' il prezzo, o il tasso, al quale loperatore si impegna a vendere un'attivit finanziaria negoziata su un mercato finanziario. In genere coincide con il prezzo minimo di vendita e compare sui book di negoziazione. ASTA Vendita pubblica di beni al migliore offerente. ASTA DI APERTURA Sistema tipico di negoziazione dei mercati di borsa che prevede due fasi a) fase di pre-apertura o pre-asta che l'intervallo di tempo in cui si raccolgono le proposte di compravendita b) fase di apertura o asta definitiva che indica quel momento futuro in cui si avr la conclusione dei contratti ad un'unico prezzo (prezzo di apertura).

ASTA NON COMPETITIVA Asta tenuta dal ministero del Tesoro nella quale ad una prima assegnazione dei titoli secondo la prassi del miglior offerente, segue un'offerta che stabilisce come prezzo di riferimento la media ponderata dei prezzi ottenuti durante la competizione, cos da soddisfare tutte le richieste. AT THE MONEY Si dice per le opzioni il cui prezzo di esercizio (stike) coincide con il prezzo di mercato del sottostante cosicch per il possessore indifferente esercitare o meno il suo diritto. AUMENTO DI CAPITALE Incremento del capitale sociale di una societ che si effettua tramite emissione di nuove azioni o aumento del valore nominale di quelle esistenti. Pu essere a pagamento (dietro corrispettivo da parte degli azionisti) o gratuito (quando si distribuiscono gratuitamente azioni attingendo alle riserve di bilancio). AVANZO (SURPLUS) Differenza positiva fra i flussi in entrata e in uscita relativi a una data grandezza economica o finanziaria. AZIONI Documenti che rappresentano l'unit minima di partecipazione di un socio al capitale sociale di una societ. Hanno tutte uguale valore nominale e si suddividono varie categorie a seconda dei diritti che attribuiscono al possessore. Le tipologie pi comuni sono: ordinarie che garantiscono il diritto di partecipare, intervenire e votare in assemblea ed il diritto di percepire un dividendo; privilegiate che pur comportando una limitazione dei diritti amministrativi danno diritto a percepire un dividendo o il rimborso del capitale in via preventiva rispetto alle azioni ordinarie; risparmio che non danno diritto di voto ma danno diritto a percepire un dividendo superiore a quelle ordinarie; a voto limitato le quali sono azioni privilegiate che danno diritto di voto solo nelle assemblee straordinarie. BANCA: Istituzione finanziaria che espleta una o pi funzioni relative a depositi, investimenti, prestiti e altri servizi finanziari nei confronti della clientela. Si distingue tra commercial bank, che impiega le somme avute in deposito soprattutto in prestiti, e investment bank che utilizza gli stessi fondi operando nelle negoziazioni in titoli, per proprio conto o per conto dei clienti. BANCA DEI REGOLAMENTI INTERNAZIONALI (BRI):Organismo internazionale con sede a Basilea, fondato nel 1930 in attuazione dell'Accordo dell'Aja dai governi di Belgio, Francia, Germania, Italia e Regno Unito. Le sue funzioni riguardano l'assistenza finanziaria alle istituzioni monetarie nazionali e la promozione di regole di carattere generale che riguardano il sistema bancario mondiale. BANCA CENTRALE:Istituzione finanziaria pubblica che si occupa della politica monetaria della nazione, della difesa dall'inflazione, dellemissione della cartamoneta, della gestione della propria divisa nei rapporti con quelle estere. BANCA CENTRALE EUROPEA (BCE):ad essa affidato il compito di stabilire la politica monetaria dei paesi aderenti all'Unione Monetaria Europea (EMU). Si riunisce periodicamente per analizzare la situazione delle economie degli stati europei e per decidere di aumentare o diminuire il tasso ufficiale di sconto. BANCA EUROPEA DEGLI INVESTIMENTI:Istituzione finanziaria dell'Unione europea che si occupa di investimenti pubblici o privati in linea con gli obiettivi dell'Unione. BANCA EUROPEA PER LA RICOSTRUZIONE E LO SVILUPPO:Istituto di credito internazionale che fornisce assistenza finanziaria a quei paesi europei che avviano processi di riforma economica. BANCA MONDIALE: Istituto di credito che contribuisce allo sviluppo dei Paesi emergenti. BASE MONETARIA: lelemento di base dellofferta di moneta di un sistema economico. E'

costituito dall'insieme delle riserve della banca centrale e della valuta in circolazione e sta alla base del processo di moltiplicazione del credito e dei depositi. BASIS:Differenza tra il prezzo a pronti ed il prezzo del future di un titolo che diminuisce progressivamente con l'avvicinarsi della scadenza del future fino ad annullarsi completamente. BASIS POINT:Il basis point o punto base l'unit di variazione dei tassi di interesse e dei cambi nei rendimenti dei titoli di stato e dei prestiti obbligazionari e corrisponde di solito ad un centesimo di punto percentuale, cio allo 0.01%. BEAR MARKET: Termine utilizzato per indicare un movimento ribassista del mercato (letteralmente mercato dell'orso). BENE DI CONSUMO:Bene destinato al consumo delle famiglie. Si divide in beni di consumo durevoli e non durevoli a seconda che esauriscano la loro utilit in pi atti di consumo o in un solo atto di consumo. BENE DI INVESTIMENTO: Bene che serve a produrre altri beni o servizi. BILANCIA COMMERCIALE:Sezione della Bilancia dei Pagamenti che registra l'attivo derivante dalle esportazioni ed il passivo derivante dalle importazioni di beni e servizi. BILANCIA DEI PAGAMENTI:Documento contabile nazionale che riporta tutte le transazioni che hanno avuto luogo fra una nazione e tutto il resto del mondo. E' composta dalla bilancia delle partite correnti, dalla bilancia dei movimenti di capitali e da una bilancia dei movimenti monetari. BILANCIO:Documento contabile, redatto annualmente dagli amministratori, che riporta le attivit e passivit aziendali ed il risultato di esercizio. Si suddivide in tre parti: stato patrimoniale, conto economico e nota integrativa. BILANCIO CONSOLIDATO: Bilancio redatto dalla capogruppo tenendo conto dei risultati delle sue controllate. BILANCIO DELLO STATO: Documento contabile che tiene conto delle entrate e delle uscite statali per l'anno finanziario di riferimento. BILANCIO PREVENTIVO (o budget): Documento contabile redatto da una societ che fa una stima delle entrate e delle uscite dell'anno successivo. BLOCCHI: Termine borsistico che indica il trasferimento di grossi lotti di titoli tra compratori e venditori istituzionali. BLUE CHIPS: (Vedi anche SEGMENTO BLUE CHIPS). BOND:Obbligazione emessa da una societ per azioni, da una societ in accomandita per azioni, da un ente pubblico, o da una banca, per la raccolta di capitale di debito. E' un titolo di credito con rendimento predeterminato e rimborso del capitale alla scadenza. BONUS SHARE:Quantitativo di azioni assegnate gratuitamente a chi mantiene, per un prefissato periodo di tempo, i titoli acquistati in occasione di un'OPA; viene usato per fidelizzare gli assetti azionari e l'assegnazione proporzionale al capitale detenuto. BORSA ITALIANA S.P.A.: Societ privata responsabile dell'organizzazione e della gestione del mercato borsistico italiano. BORSA VALORI:Mercato finanziario che ha il compito di gestire e disciplinare le negoziazioni dei valori mobiliari e dei cambi. In Italia la Borsa valori telematica e viene gestita dal 1998 dalla Borsa Italiana spa. BREAK EVEN POINT: In economia aziendale identifica il punto in cui i ricavi di una societ pareggiano i costi totali. BOT:Il BOT (Buono ordinario del tesoro) un titolo emesso dal Ministero del Tesoro per provvedere al fabbisogno statale; ha durata variabile e non vengono pagate cedole periodiche ma solo il rimborso del capitale alla scadenza. BROKER:Intermediario finanziario che esegue gli ordini di acquisto e vendita ricevuti dai propri clienti ricevendone in cambio una commissione di solito espressa come percentuale del valore dell'operazione. BTP:Il BTP (Buono del Tesoro poliennale) un titolo a medio-lungo termine, emesso dal Tesoro per finanziare il debito pubblico, che garantisce un rendimento a tasso fisso.

BULL MARKET: Termine inglese (bull=toro) usato per designare un movimento rialzista del mercato. BUSINESS CONFIDENCE:In italiano fiducia affari un indice che viene elaborato sulla base di sondaggi di opinione alle imprese ed utilizzato per determinare la futura evoluzione del ciclo economico. B2B (o Business to business): E il settore delle Net Company che vendono prodotti o servizi tecnologici ad altre societ. B2C (o Business to consumer): E il settore delle Net Company che vendono prodotti o servizi direttamente ai consumatori. BUY: Termine utilizzato per indicare un ordine di acquisto. BUY BACK (o Riacquisto):Operazione di riacquisto da parte di una societ quotata di una parte delle proprie azioni o obbligazioni emesse precedentemente. Tale operazione pu avvenire direttamente sul mercato o attraverso unofferta pubblica di acquisto (OPA). CAC 40: Indice rappresentativo dellandamento della Borsa di Parigi costituito dai 40 titoli con maggiore capitalizzazione. CALENDARIO DI BORSA: Calendario predisposto dalla Consob nel quale vengono indicati i giorni di apertura e di chiusura, quelli delle scadenze tecniche e le date di stacco. CALL OPTION: Contratto di opzione che, dietro pagamento di un premio, offre al compratore il diritto allacquisto di una certa attivit ad un prezzo fissato dal contratto (prezzo di esercizio o strike price) in una data fissata od entro tale data. CAMBIO: Rapporto fra due monete indicante il valore della moneta di un Paese espresso nella moneta dell'altro. CAPITALE CIRCOLANTE: E' quella parte del capitale delle societ, costituito dai beni di breve durata, necessario allo svolgimento dei cicli produttivi (materie prime, semilavorati, spese generali); contabilmente viene iscritto fra i costi variabili. CAPITALE DI DEBITO: Capitale che unimpresa prende a prestito dalle banche o dagli obbligazionisti e sul quale paga un tasso di interesse fisso o variabile. Il tipico titolo rappresentativo del capitale di debito l'obbligazione. CAPITALE DI RISCHIO: Capitale dimpresa conferito dai soci che si assumono il rischio e che va a formare il capitale sociale. Il tipico titolo rappresentativo del capitale di rischio l'azione. CAPITALE FISSO: E' quella parte del capitale delle societ, costituito dai beni di lunga durata, necessario per predisporre la struttura tecnica dellazienda; da un punto di vista contabile corrisponde ai costi fissi. CAPITALE SOCIALE: Insieme dei valori nominali di tutte le azioni o quote emesse da una societ e corrispondente al capitale conferito dai soci alla costituzione pi gli eventuali aumenti di capitale successivi. CCT (o Certificato di credito del Tesoro): E' un titolo a medio-lungo termine, emesso dal Tesoro per finanziare il debito pubblico, che offre un rendimento a tasso variabile dotato di cedola indicizzata al rendimento dei Bot e maggiorata di un importo stabilito. CEDOLA: Documento accessorio collegato a titoli finanziari che viene staccato consentendo lincasso di interessi o dividendi. CERTIFICAZIONE DI BILANCIO: Attestazione, rilasciata dalla societ di revisione, sulla veridicit di quanto esposto in bilancio e che obbligatoria per le societ quotate in Borsa. CLEARING HOUSE: Organo tecnico che regola tutte le operazioni concluse sulla Borsa delle commodities e assicura la piena esecuzione dei contratti. CME (o Chicago Merchantile Exchange): E' la borsa merci e mercato dei futures Usa che, fondato nel 1919, rappresenta uno dei mercati di futures pi importanti al mondo. COEFFICIENTE BETA: Misura il rischio sistematico del titolo rispetto al mercato ed assume valori che oscillano tra (-1) e (+1) a seconda che il titolo varia pi che proporzionalmente o men che proporzionalmente rispetto all'indice di mercato. COLLEGIO SINDACALE: Organo collegiale di vigilanza interna che opera nelle societ di capitali.

COLLOCAMENTO ISTITUZIONALE: Collocamento azionario o quota di un collocamento destinato esclusivamente a investitori istituzionali (esperti). COMMISSARIO DI BORSA: Funzionario della Consob che si occupa di controllarne il regolare funzionamento delle riunioni di Borsa, la determinazione dei prezzi, la formazione del listino e lattivit degli operatori. CONCAMBIO: Operazione mediante cui un operatore propone di ritirare titoli in circolazione in cambio di titoli di caratteristiche diverse in un prefissato rapporto di conversione. CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE: Organo sociale cui compete per legge la gestione della societ e la direzione dellattivit dimpresa. CONSOB: Commissione nazionale per le societ e la Borsa; organismo pubblico che controlla il mercato mobiliare italiano per tutelare il pubblico risparmio. CONSUMER CONFIDENCE: Indice della fiducia dei consumatori sulla futura evoluzione del ciclo economico. Viene elaborato sulla base di sondaggi di opinione ai consumatori. CONSUMER PRICE INDEX (CPI): Termine inglese designato per indicare l'indice dei prezzi al consumo che misura il livello di inflazione in un dato Paese. CONTO ECONOMICO: Documento contabile, detto in precedenza "Conto dei profitti e perdite", in cui sono indicati i costi, i ricavi e lutile o la perdita dell'esercizio in corso. CONTROVALORE DEGLI SCAMBI: Rappresenta l'ammontare degli scambi di cui stato oggetto un titolo azionario in un determinato periodo; dato dalla sommatoria dei prodotti dei quantitativi scambiati per i rispettivi prezzi di conclusione dei contratti. COVERED WARRANT: Titolo Titolo emesso da un intermediaro che da il diritto a chi lo acquista di acquistare (call) o vendere (put) una determinata quantit di attivit sottostante ad una certa data e ad un certo prezzo (strike price). CTZ (o Certificato del Tesoro "zero-coupon"): Titolo, emesso dal Tesoro, che non ha cedola e paga linteresse solo al momento del rimborso. DATA DI GODIMENTO: Giorno dal quale maturano gli interessi dei titoli che possiedono una cedola. DATA DI REGOLAMENTO: Giorno in cui il cliente salda con lintermediario loperazione di compravendita dei titoli. DAX: Indice rappresentativo della borsadi Francoforte; per le blue-chips il Dax30.. DEFICIT: Indica la situazione in cui le uscite sono superiori rispetto alle entrate. Il Deficit Pubblico in particolare la differenza negativa fra le entrate e le uscite della pubblica amministrazione e va a formare il debito pubblico. DEFLATORE DEL PIL: Indice della variazione dei prezzi del Pil, che comprende quindi i prezzi dei beni sia di consumo sia d'investimento e delle esportazioni. DERIVATO: Strumento finanziario il cui valore collegato al prezzo di uno strumento sottostante che pu essere un'azione, un indice, una valuta, un tasso di interesse o una generica merce. DIRITTI DI OPZIONE: Diritto riconosciuto agli azionisti o ai possessori di obbligazioni convertibili di sottoscrivere un numero di azioni o obbligazioni proporzionale a quanto gi posseduto e che se non viene esercitato dal titolare pu essere venduto in Borsa. DIVIDENDO: Importo distribuito dalla societ agli azionisti, a titolo di remunerazione del capitale investito (capitale di rischio), che rappresenta la distribuzione dell'utile di esercizio. DOW JONES: Indice rappresentativo dell'andamento della borsa valori di New York. EMISSIONE: Insieme dei titoli azionari od obbligazionari relativi ad una singola operazione di finanziamento. EPS (Earning per share): Indice che serve per valutare la redditivit delle imprese ed ottenuto dal rapporto fra gli utili netti e il numero delle azioni ordinarie. EUREX: Mercato tedesco dei prodotti derivati in cui sono quotati futures e opzioni su prodotti finanziari e tassi d'interesse. EUROBBLIGAZIONE: Obbligazioni a tasso fisso emesse dagli Stati o da imprese e organizzazioni

importanti denominate in valuta diversa da quella del mercato di emissione e collocate sul mercato europeo e internazionale. EUROMOT: (Vedi anche MERCATO EUROMOT) EUROSTAT: Ufficio statistico dellUnione europea che fornisce i principali indicatori economici dei Paesi membri. EX-DIVIDENDO: Termine borsistico che sta ad indicare un titolo azionario che viene venduto decurtato del diritto a percepire i dividendi gi dichiarati. FED (Federal Reserve Bank): Banca centrale degli Stati Uniti dAmerica. FIB 30: Primo future sullindice di Borsa italiano; il numero 30 indica che lattivit sottostante il mib30. FLOATING RATE NOTE (Floater): Titoli di credito a interesse variabile espressi in valuta straniera rispetto allemittente. Vengono scambiati sul mercato di Londra e sono agganciati al Libor. Sono una valida alternativa agli eurobond e ai titoli irredimibili FLUSSI E STOCK: Grandezze economiche; i flussi forniscono unidea dinamica della grandezza, misurandone la variazione nel tempo dato; gli stock fotografano la grandezza in un dato istante. FMI: Fondo monetario internazionale; organismo che raggruppa pi di 100 Paesi membri e ha come obiettivo la sorveglianza del sistema finanziario internazionale. FRAZIONAMENTO: Operazione di riduzione del valore nominale di un' azione, con conseguente aumento delle azioni in circolazione, lasciando invariato l'ammontare del capitale sociale. FTSE100: Indice di Borsa inglese relativo ai 100 titoli pi capitalizzati e scambiati nel listino. FUSIONE: Operazione di unificazione di due o pi societ in una sola. FUTURE: Contratto di Borsa uniforme con cui una parte scambia a un prezzo stabilito una determinata quantit di attivit reali o finanziarie con consegna posticipata. Si differenziano dai contratti a premio perch in questi ultimi il compratore acquisisce il diritto ad acquistare o a vendere, qui si impegna a farlo. FUTURE MIB30: Strumento derivato, appartenete alla categoria degli stock index futures,costituito da un contratto a termine, standardizzato, sull'indice azionario MIB 30 (riferito alle blue chips), convenzionalmente trasformato nel suo controvalore monetario. FUTURE MIDEX: Strumento derivato, appartenete alla categoria degli stock index futures, costituito da un contratto a termine, standardizzato, sull'indice azionario MIDEX (riferito alle prime 25 azioni a media capitalizzazione), convenzionalmente trasformato nel suo controvalore monetario. FUTURE SU BTP A 10 ANNI: Strumento derivato, appartenente alla categoria dei BTP futures, costituito da un contratto a termine, standardizzato, relativo ad un'operazione di acquisto/vendita di una data quantit di Buoni poliennali del Tesoro, in una data futura, ad un prezzo prefissato al momento della stipula del contratto. FUTURE SU BTP A 30 ANNI: Strumento derivato, appartenente alla categoria dei BTP futures, costituito da un contratto a termine, standardizzato, relativo ad un'operazione di acquisto/vendita di una data quantit di Buoni poliennali del Tesoro, in una data futura, ad un prezzo prefissato al momento della stipula del contratto. GAAT: General Agreement on Tariffs and Trade. Accordo internazionale che si prefigge di promuovere lo sviluppo del commercio internazionale eliminando gradualmente i vincoli doganali e amministrativi posti agli scambi. GAP: Divario. A livello di decisioni di carattere gestionale, il termine gap riferito alla quantit in difetto di un certo fattore, per esempio un gap nel finanziamento di un determinato progetto rappresenta la somma che deve ancora rendersi disponibile per finanziare lo stesso. In analisi tecnica il gap si realizza nel grafico di un titolo nel momento in cui lintervallo tra prezzo massimo e minimo di quotazione in una giornata minore o superiore allo stesso intervallo di prezzo del giorno seguente, lasciando quindi un intervallo di prezzi dove non vi sono state quotazioni effettive. GIARDINETTO: Termine utilizzato per indicare un portafoglio di titoli acquistati dal piccolo risparmiatore, diversificato per tipi e settori in modo da frazionare gli investimenti e limitare i rischi

a essi legati. GIORNO DI LIQUIDAZIONE BORSISTICA: Giorno in cui sono previsti consegna e pagamento di quanto stato trattato in Borsa. GLOBAL COORDINATOR: Coordinatore globale. Banca o Societ di Intermediazione Mobiliare (SIM) che coordina il consorzio di collocamento e segue una societ in tutto il processo di offerta dei propri strumenti finanziari sul mercato. GLOBALIZZAZIONE: Il processo di crescente integrazione finanziaria dei mercati internazionali dei capitali, che ha condotto i soggetti interessati all'effettuazione di movimenti di capitale ad affacciarsi sui mercati internazionali per cercare contropartite alle operazioni. GODIMENTO: Giorno di maturazione degli interessi di un' obbligazione o dei dividendi di un' azione GOLDEN SHARE: Viene cos definita la clausola che attribuisce allo Stato, per un periodo limitato nel tempo, la potest di controllare una societ anche dopo la sua cessione ai privati. Una clausola statutaria conferisce diritti particolari ad azioni di propriet dello Stato o di un suo rappresentante. GOVERNO DELL'IMPRESA (CORPORATE GOVERNANCE): Insieme di regole alla base della gestione e del controllo delle societ. GREENSHOE: Opzione riservata agli investitori istituzionali nella fase di collocamento (OPV o OPS). Consente di acquistare al prezzo di offerta entro un breve periodo di tempo dopo la data di collocamento. GREY MARKET: Mercato dei titoli non ancora quotati ufficialmente in Borsa. Le contrattazioni solitamente avvengono nel periodo che va dalla data di annuncio fino a quella del primo giorno di scambio sul mercato ufficiale. (Vedi anche mercato grigio). GUADAGNO IN CONTO CAPITALE (CAPITAL GAIN): Guadagno proveniente dalla differenza tra il prezzo di acquisto e quello di vendita di un determinato bene o investimento. HANG SENG: Indice della borsa di Honk Kong composto dai 33 titoli di capitalizzazione. HEDGE FUND: Tipo di Fondo Comune di investimento che impegna alcuni strumenti di copertura al fine di ottenere il miglior risultato possibile in termini di rapporto rischio/rendimento. E'costituito sotto forma di societ a responsabilit limitata ed contraddistinto da un numero ristretto di soci partecipanti e dall'elevato investimento minimo richiesto. HEDGING: Operazioni di copertura dal rischio di oscillazioni indesiserate nei cambi, titoli, tassi di interesse, merci, ecc. HIGH: Massimo registrato nella giornata o nel periodo di osservazione. HIGH TECH STOCK: azione ad alta tecnologia. Titolo azionario di una societ impegnata in un settore ad alto contenuto tecnologico, per esempio quelle produttrici di materiali robotici. HKIBOR: Hong Kong Interbank Offered Rate. Tasso di riferimento per le operazioni di prestito internazionali. HOLD: Mantenere una posizione neutrale su un titolo. HOLDERS TRUST: Certificati di azioni rappresentativi di un paniere di 30- 50 titoli di societ appartenenti ad uno specifico settore economico. HOLDING COMPANY: Societ finanziaria che possiede partecipazioni azionarie in altre imprese in misura tale da controllarne lattivit. HOME BANKING: Servizio bancario orientato alla clientela privata mediante il quale l'utente privato tramite computer pu effettuare da casa operazioni quali ordini di pagamento, richieste assegni, pagamento di utenze, e pu ricevere informazioni relative alla situazione del proprio rapporto con l'istituto di credito.

HOST BOUND: uneurobbligazione a cui unito un warrant. IBEX 35: Indice rappresentativo dellandamento della Borsa di Madrid (Madrid Stock Exchange), costituito dalle prime 35 azioni a pi elevata capitalizzazione e liquidit (blue chips) negoziate sul sistema comune delle quattro Borse del Paese. ICE: Istituto nazionale per il commercio estero; ente pubblico che ha il compito di sviluppare, agevolare e promuovere i rapporti economici e commerciali italiani con l'estero, con particolare attenzione alle esigenze delle piccole e medie imprese, dei loro consorzi e raggruppamenti. ICT: Information Tecnology, qualsiasi tecnologia usata a supporto dello scambio dell'informazione. IDEM: Mercato italiano dei derivati azionari (Italian DErivatives Market) dove si negoziano futures e opzioni su indici e singoli titoli. IMMOBILIZZAZIONI:Immobili, impianti e qualsiasi altro tipo di capitale fisso o propriet, utilizzati in un'attivit economica, che non vengono consumati con l'uso o convertiti in moneta nel corso dell'esercizio. IMPORT: Acquisti di beni/servizi effettuati all'estero e immessi sul territorio nazionale. Le importazioni di beni comprendono tutti i beni (nuovi o usati) di provenienza estero che entrano nel territorio nazionale. IMMUNIZZAZIONE: Procedura che permette di proteggere il rendimento di periodo del portafoglio obbligazionario dal rischio di variazione dei tassi di interesse. INDICE: Grandezza rappresentativa dellandamento dei prezzi dei titoli quotati in Borsa. INDICE DEI PREZZI AL CONSUMO: Termine usato per indicare la media di un paniere di beni di largo consumo sul quale si basano gli adeguamenti salariali a seguito di perdita di potere d'acquisto subita dalla moneta. E' uno dei pi noti indici di riferimento per il calcolo dellinflazione. INDICE DEI PREZZI ALLA PRODUZIONE: E' uno degli indici sul quale si basa la stima della congiuntura. pi sensibile di quello dei prezzi al consumo ed in grado di anticipare landamento dellinflazione. INDICE DI LIQUIDITA': Rapporto fra attivit disponibili e passivit a breve. Esprime la capacit di un'azienda a far fronte tempestivamente ed economicamente ai propri impegni monetari. Indicatore utilizzato per la costruzione del MIB 30 e del MIDEX. INDICE DI SHARPE: Misura laffidabilit di un investimento finanziario in termini del maggiore rendimento coniugato con il minore rischio. Il metodo confronta linvestimento analizzato con quello tradizionale a rischio minimo (bot). Pi lindice di Sharpe elevato, maggiore il "valore aggiunto" del gestore finanziario INDICE NAPM: Acronimo di inglese National Association of Purchasing Managers (Associazione Nazionale dei Direttori Acquisti. Elaborato ogni mese dall'Associazione dopo un'indagine ai suoi 300 membri su vari dati (produzione, nuovi ordinativi, nuovi ordinativi dall'estero, importazioni, occupazione, scorte, prezzi, tempi di consegna, tempestivit forniture). INDICE PMI: Acronimo di Purchasing Managers Index. Indice sintetico del NAPM, ne include cinque componenti destagionalizzati: nuovi ordini, produzione, occupazione, consegne, scorte. Il PMI considerato una misura affidabile del ciclo economico USA. INDICE TOTAL RETURN: Indice di Borsa specializzato che tiene conto del prezzo dei titoli azionari e dei dividendi pagati. INDICI AREA EURO: Grandezze rappresentative dellandamento dei mercati dei paesi dellarea EURO. INDICI BORSISTICI: Indicatori che esprimono in forma sintetica landamento del mercato borsistico. In Italia sono mib, mib30, Mibrnc, mibtel, midex, mif. INDICI COMIT: IndicE di Borsa che misura l'andamento delle quotazioni delle azioni presenti nel listino ufficiale. INDICI CONGIUNTURALI: Indici della fiducia dei consumatori e degli investitori sulla futura evoluzione del ciclo economico. Vengono elaborati sulla base di sondaggi di opinione ai consumatori e alle imprese. In Italia le indagini sono a cura dell'ISAE. INDICI MEDIOBANCA: Indici elaborati da Mediobanca, relativi allandamento del mercato

borsistico italiano. INDICIZZAZIONE: Meccanismo che adegua automaticamente una grandezza economica alle variazioni di un'altra (tasso di inflazione, livello dei prezzi ecc.) per difendere il potere di acquisto della moneta. Nei mercati finanziari il termine si riferisce alladeguamento automatico della cedola o del valore capitale di un titolo al tasso di interesse medio del mercato. INDIVIDUAL STOCK OPTION: Contratto di opzione americana avente come underlying singole azioni, quotate presso la Borsa Italiana S.p.A. INFLAZIONE: Fenomeno per cui le variazioni del livello dei prezzi modificano il potere di acquisto delle attivit espresse in termini nominali. Statisticamente viene misurata da un indice che fa riferimento ad un paniere di beni predefiniti. Vedi anche indice dei prezzi al consumo. INPUT/OUTPUT: Detta anche analisi delle interdipendenze strutturali, consente di esaminare la struttura di uneconomia sotto il profilo della tecnologia della produzione. Vengono messi in evidenza le interdipendenze fra i settori produttivi e i diversi impieghi finali della produzione. INSIDER: Colui che grazie al proprio ruolo professionale possiede informazioni fondamentali, non disponibili al pubblico, su un titolo quotato o un'obbligazione sfruttandole per il proprio tornaconto. L'attivit di trading svolta da un insider considerata illegale. INSIDER TRADING: Pratica considerata illecita nella maggior parte dei mercati finanziari; consiste in operazioni di Borsa messe a punto da chi detiene informazioni privilegiate (vedi insider). INSOLVENZA: Stato in cui si trova il debitore che non pi in grado di soddisfare regolarmente le proprie obbligazioni IN THE MONEY: Locuzione inglese che si riferisce ai contratti di opzione. Una opzione call in the money se il prezzo di mercato superiore allo strike, un'opzione put in the money se il prezzo inferriore allo strike. INTERBANK RATES: Tassi interbancari. Sono i tassi del mercato interbancario degli euro depositi. INTERESSE: Remunerazione del capitale preso a prestito. INTERESSE COMPOSTO: Percentuale sul capitale che si forma quando gli interessi maturati sono aggiunti al capitale e producono a loro volta degli interessi. INTERESSE SEMPLICE: Percentuale sul capitale relativo al periodo di tempo preso in considerazione. INTER MARKET ANALYSIS: Analisi delle correlazioni che legano strumenti diversi; per esempio, un cambio e un indice azionario, una commodity e una valuta e cos via. INTEREST RATE CAP: E' una delle numerose forme di interest rate option. E' la garanzia di un certo tasso d'interesse a fronte di un prestito accordato da una terza parte. INTEREST RATE FUTURE: E' un contratto che ha come oggetto il trasferimento di un ammontare standard di titoli a una data futura prestabilita e a un dato prezzo. Si ricorre a questo tipo di contratto per coprirsi dalle oscillazioni dei tassi. INTEREST RATE OPTION: Option il cui oggetto il mantenimento di un certo tasso d'interesse lungo un determinato periodo di tempo in relazione ad un importo prestabilito. INTEREST RATE SWAP: Contratto swap sui tassi di interesse mediante il quale due parti si impegnano a corrispondersi reciprocamente le differenze fra due tassi di interesse (generalmente fra un tasso fisso e uno variabile) calcolati su un determinato ammontare. INTERMEDIARI FINANZIARI: Figura istituzionale che svolge professionalmente attivit finanziarie nei confronti del pubblico (assunzioni di partecipazioni, concessioni di finanziamenti, prestazioni di servizi a pagamento, intermediazioni di cambi). INTERNATIONAL BOUND: Obbligazione internazionale. Obbligazione emessa sia da prenditori residenti che non residenti e collocata presso investitori non residenti. INVESTIMENTI: Dal punto di vista della macroeconomia esborsi per beni e servizi che servono ad accrescere la produttivit di un Paese; dal punto di vista della microeconomia esborsi per beni e servizi che servono ad accrescere la produttivit di unimpresa. INVESTITORI ISTITUZIONALI: Soggetti come banche, assicurazioni, societ di gestione di fondi comuni e sim che investono per motivi professionali in valori mobiliari.

INVESTMENT BANK: Banca specializzata nel collocamento di titoli emessi dalla propria clientela. Al contrario della merchant bank, non svolge un ruolo di supporto coinvolgendo le proprie risorse nellimpresa del cliente. IPERCOMPRATO: Fase di eccessivo rialzo del mercato. Se utilizzato in relazione a un oscillatore, il termine rappresenta il raggiungimento di una zona estrema definita a priori, che pu evidenziare una velocit di movimento eccessiva rispetto alla storia recente del mercato. IPERVENDUTO:Fase di eccessivo ribasso del mercato. Se utilizzato in relazione a un oscillatore, il termine rappresenta il raggiungimento di una zona estrema definita a priori, che pu evidenziare una velocit di movimento eccessiva rispetto alla storia recente del mercato. IPO:Initial Public Offerings. Collocamento di una nuova azione, ossia la prima distribuzione al pubblico di un'azione che non si mai presentata sul mercato borsistico. ISAE: Istituto di studi e analisi economiche. Nato nel 1999 dalla fusione di Isco e Ispe, un ente pubblico che, sotto legida del ministero del Tesoro, si occupa dellanalisi della congiuntura economica in Italia. ISIN: Codice su 12 posizioni, che consente di identificare univocamente presso tutti i paesi membri dell'International Organization for Standardization (ISO) i titoli in circolazione alla data di partenza del progetto e quelli emessi successivamente. La funzione di ente codificatore per l'Italia attribuita all'UIC. ISTAT: Istituto centrale di statistica creato nel 1926. Cura la raccolta delle statistiche su tutti gli aspetti della realt economica e sociale italiana; alla dipendenza del Consiglio dei ministri. ISTITUZIONE FINANZIARIA: Unit che svolgono attivit di raccolta e impiego di fondi. ITALIAN STOCK EXCHANGE: Societ privata responsabile dellorganizzazione e della gestione della Borsa valori italiana e del Mercato Ristretto. JUNK BOUND: Obbligazioni ad alto rischio emesse da societ caratterizzate da un rating molto basso e che presentano pertanto un alto grado di rischio. I junk bonds hanno un rendimento superiore a quello di altri titoli a reddito fisso. JOINT VENTURE: Collaborazione fra societ spesso appartenenti a paesi diversi allo scopo di svolgere una certa attivit economica. Loggetto della collaborazione pu essere finanziario o produttivo; la messa in comune del know-how un fattore determinante. molto usato fra imprese di Paesi industrializzati e di Paesi in via di sviluppo. KEY CURRENCY: Valuta chiave. Una delle principali valute utilizzate come mezzo di pagamento delle transazioni commerciali internazionali, e che perci viene detenuta in proporzione variabile nelle riserve delle Banche centrali. Sono considerate key currency: il dollaro, lo yen giapponese, il marco tedesco e in misura inferiore la sterlina. LAST SALE: lultimo prezzo al quale stata eseguita la transazione di un certo titolo, in un qualsiasi momento della giornata. LAST DAY TRADING: Ultimo giorno in cui un contratto future pu essere trattato sul mercato. LEADER: La societ di maggior successo, che domina un settore. LEADING INDICATOR: lindice statistico di un fenomeno economico che mostra con le sue variazioni, le tendenze in un sistema economico. Il Commerce Department degli Stati Uniti fornisce mensilmente lIndex of leading indicators. LETTERA: Espressione che indica una fase delle contrattazioni di borsa o di cambio dove prevalgono le vendite. In inglese Ask. LEVA FISCALE: Indicatore che misura gli effetti della politica fiscale del governo. LEVERAGE: Detto anche "effetto leva" o "gearing" il rapporto fra il totale dei debiti di unimpresa e il valore della stessa impresa ai prezzi di mercato. In Borsa la tecnica del leverage viene utilizzata dagli speculatori e consiste nellacquisto di titoli con capitali presi a prestito. Loperazione viene effettuata in previsione di un rialzo dei prezzi dei titoli che permetter allo speculatore di restituire capitali e interessi e di lucrare un utile. LEVERAGE BUY-OUT: Indica l'acquisto di un'azienda finanziato con un minimo esborso di contanti e facendo ricorsoin gran parte a prestiti a garanzia dei quali vengono date le attivit della stessa

impresa. Tale debito sar rimborsato con gli utili futuri, o con la vendita di parte dellattivo patrimoniale dellazienda acquisita LIBOR: Acronimo di London Interbank Offered Rate. Rappresenta il tasso d'interesse a breve termine per le principali eurovalute sul mercato interbancario di Londra. LIFFE: Acronimo di London International Financial Future Exchange. Mercato inglese sul quale sono scambiati contratti future ed la piazza europea pi importante. LIMITE DI POSIZIONE: Numero massimo di strumenti derivati di una stessa categoria su un dato bene sottostante, che possono essere posseduti da un unico investitore. LIMITE DI CONTRATTAZIONE: Numero massimo di strumenti derivati che possono essere negoziati durante una seduta di Borsa sui mercati dei derivati. LINEA DI TENDENZA: Linea ottenuta unendo, sul grafico dell' analisi tecnica, i punti rappresentativi dei valori massimi o minimi di un titolo in un dato periodo di tempo. LIQUIDAZIONE DI BORSA: Procedura attraverso la quale si concludono i contratti aventi ad oggetto strumenti finanziari negoziati in Borsa. LIQUIDITA': Disponibilit di moneta; capacit attribuita a un investimento di trasformarsi in moneta in tempi brevi e senza difficolt. LISTINO DI BORSA: Elenco delle quotazioni ufficiali dei titoli trattati su un certo mercato borsistico. LOCK-UP: Periodo di tempo nel quale proibito al management e ad importanti investitori la vendita delle proprie azioni. LONG POSITION: Posizione di chi ha acquistato dei titoli che consente all'investitore di trarre profitto dal rialzo dei prezzi. LOSS: il risultato di unoperazione dove i costi sono stati superiori ai ricavi. LOW: Minimo registrato nella giornata o nel periodo di osservazione. LUNGO TERMINE: Sei mesi o un anno o pi, a seconda degli investimenti in borsa. M1: il pi ristretto fra gli aggregati monetari dellarea euro, comprendente il circolante e i depositi bancari in conto corrente. M2: Il secondo degli aggregati monetari dellarea euro in ordine di grandezza. Comprende, oltre alle componenti di M1, i depositi a risparmio bancari e postali, i buoni postali fruttiferi, la raccolta bancari con p/t (pronti contro termine) e i certificati di deposito bancari. M3: Indicatore principale della quantit di moneta presente in un sistema economico. il terzo aggregato monetario, comprendente oltre alle componenti M1 e M2 anche pronti contro termine, obbligazioni con scadenza originaria fino a due anni, quote di fondi comuni monetari e titoli di mercato monetario. MACROECONOMIA: Parte della teoria economica che studia i fenomeni economici a livello della nazione nel suo complesso. La macroeconomia studia, per esempio, la relazione tra i tassi dinteresse e le attivit economiche, oppure la relazione tra reddito nazionale e disoccupazione. MARK-UP: Locuzione inglese che corrisponde al margine lordo di profitto. MARGINE OPERATIVO LORDO (MOL): Indicatore che d la misura del risultato economico che limpresa consegue attraverso l'attivit di produzione. Si ottiene dalla differenza fra i ricavi derivanti dalla produzione e i costi sostenuti. MATRICOLA: Societ che debutta in Borsa. MEDIA MOBILE DI CONVERGENZA-DIVERGENZA: Strumento di carattere statistico utilizzato in analisi tecnica che permette di smussare le fluttuazioni erratiche dei prezzi. Si ottiene come differenza tra il valore di una media mobile esponenziale a 26 periodi e il valore di una media mobile esponenziale a 12 periodi. Le medie mobili pi comunemente utilizzate sono quelle costruite sui prezzi di beni di investimento per potere inviduare il "trend", ovvero la tendenza di breve o lungo periodo del prezzo. MERCATI EMERGENTI: Si definiscono cos i mercati finanziari dei paesi in via di sviluppo. Questi mercati offrono notevoli opportunit di ottenere elevati rendimenti, ma sono caratterizzati da un elevato grado di rischio e volatilit

MERCATO: il luogo dove si incontrano domanda e offerta di uno o pi beni o servizi, e dove questo incontro porta alla definizione di un prezzo a cui i venditori sono disposti a cedere i propri beni e gli acquirenti a comperarli. MERCATO A TERMINE: Mercato nel quale merci o prodotti finanziari vengono venduti con consegna successiva rispetto alla stipula del contratto. MERCATO AFTER HOURS: Comparto della Borsa Italiana S.p.A. in cui si negoziano azioni quotate, che presentano i requisiti di liquidit stabiliti dalla Borsa, e covered warrants su richiesta dellemittente, in orari diversi da quelli stabiliti per il Mercato Telematico Azionario e per il Mercato telematico dei covered warrants, MERCATO DEI BLOCCHI: Mercato nel quale si trattano grossi quantitativi di azioni (blocchi) che, se negoziati sul mercato ufficiale, provocherebbero delle alterazioni brusche alle quotazioni. Lintermediario deve fornirne dettagliata notizia allorgano di mercato entro 90 secondi dall'avvenuta esecuzione. MERCATO DEI DERIVATI: Mercato nel quale vengono trattati prodotti derivati. MERCATO EUROMOT: Mercato telematico (Borsa Italiana) delle Euro-Obbligazioni, delle obbligazioni di emittenti esteri e Asset Backed Securities (ABS). MERCATO EXPANDI:Mercato regolamentato, organizzato e gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. dedicato alle piccole e medie imprese con posizioni consolidate nei mercati di riferimento che presentano un track record di risultati economico-finanziari positivo. MERCATO GRIGIO: Mercato non ufficiale, nel quale vengono contrattati titoli non ancora quotati. Le contrattazioni solitamente avvengono nel periodo che va dalla data di annuncio fino a quella del primo giorno di scambio sul mercato ufficiale. MERCATO INTERBANCARIO: Mercato del denaro residuale, offerto dalle banche con eccesso di liquidit e prelevato da altre banche che allopposto necessitano di risorse liquide. Lavvento delleuro ha creato un unico, grande mercato interbancario europeo il cui tasso di riferimento lEuribor. MERCATO MTF-ETF: Mercato Telematico Fondi - segmento del Mercato Telematico Azionario della Borsa Italiana dove si negoziano: ETF (Exchange Traded Fund); Fondi Chiusi Immobiliari; Fondi Chiusi Mobiliari. MERCATO PRIMARIO: Complesso delle operazioni di sottoscrizione o collocamento dei titoli fra il pubblico dei risparmiatori. MERCATO SECONDARIO: Mercato nel quale si trattano titoli gi in circolazione. MERCATO SEDEX: Mercato telematico dove si negoziano securitised derivatives (covered warrant e certificates). MERCATO TELEMATICO: Mercato finanziario in cui sono emessi, rimborsati e scambiati strumenti mobiliari, vale a dire strumenti destinati alla circolazione e standardizzati. MERCATO TELEMATICO AZIONARIO (MTA): Comparto della Borsa valori italiana in cui si negoziano azioni ordinarie, azioni privilegiate, azioni risparmio, obbligazioni convertibili, diritti di opzione, warrant, covered warrant, certificati rappresentativi di quote di fondi chiusi mobiliari e immobiliari. MERCATO TELEMATICO DELLE OBBLIGAZIONI E DEI TITOLI DI STATO (MOT): Mercato della Borsa Italiana S.p.A. dove si negoziano Titoli di Stato e Obbligazioni non convertibili. MERCHANT BANK: Istituto di credito che investe nel capitale di rischio di imprese industriali e commerciali, seguendone direttamente lo sviluppo al fine di lucrare, nel medio lungo periodo, su l'aumento di valore della partecipazione. MIB: Indice generale che riassume in un unico valore le quotazioni ufficiali di tutti i titoli azionari quotati alla Borsa italiana. MIB30: Indice composto dai 30 titoli pi liquidi e a maggior capitalizzazione quotati sulla borsa di Milano. La revisione del paniere di titoli avviene ogni sei mesi. MIB30R: Indice sintetico della Borsa italiana calcolato sui 30 titoli pi capitalizzati e scambiati sul listino. A differenza del mib30 tiene conto dei prezzi di riferimento invece che di quelli ufficiali. MIBTEL: Indice risultante dalla media ponderata di tutti i titoli quotati del mercato italiano.

MICROECONOMIA: il ramo dellanalisi economica che studia il comportamento economico dei singoli operatori (famiglie, imprese, mercati). MID-CAP: Titoli a media capitalizzazione, cio di una media impresa, la cui quantit in circolazione pari alla media dei titoli emessi da altre societ. MIDEX: Indice di Borsa italiano dei titoli a media capitalizzazione. composto da 25 titoli selezionati tra i pi scambiati e a maggior capitalizzazione sul mercato dopo quelli inclusi nel mib30. MINIFIB30: Contratto future sul Mib 30 con rischio attenuato, appartenete alla categoria degli stock index futures. MINUSVALENZE: Ammontare economico negativo (perdita) risultante da una vendita di un'attivit ad un prezzo inferiore a quello d'acquisto. MONETA: Strumento di pagamento convenzionalmente accettato per lacquisto di beni e servizi. Costituisce il mezzo universale degli scambi. Il suo utilizzo si fonda sulla fiducia degli operatori economici nei confronti dellente emittente, la banca centrale. MONTE TITOLI:Societ per azioni (Spa) che svolge il ruolo di gestione accentrata dei titoli azionari e delle obbligazioni emesse da societ private. Gli strumenti finanziari quotati in Italia sono sottoposti al regime di dematerializzazione e all'obbligo di accentramento presso Monte Titoli che ne registra ogni passaggio di propriet. MORGAN&STANLEY CAPITAL INDEX (MSCI): Acronimo di Morgan Stanley Capital Index. Indica linsieme degli indici calcolati dalla Morgan Stanley. MOT: Comparto della Borsa Italiana S.p.A. in cui si negoziano, in quantitativi minimi o loro multipli, obbligazioni diverse dalle obbligazioni convertibili e Titoli di Stato. MTA: Comparto della Borsa valori italiana dove si negoziano contratti relativi a azioni, obbligazioni convertibili, diritti di opzioni, warrant, covered warrant ecc. MTS: Mercato telematico dei titoli di Stato al quale possono accedere solo investitori istituzionali che operano tramite il circuito telematico. MULTIPLO DI MERCATO: Rapporti tra prezzo di mercato di un titolo e voci di bilancio dell'azienda emittente. NASDAQ: Acronimo di National Association of Securities Dealers Automated Quotation. E' il mercato azionario telematico statunitense che tratta oltre 5.500 titoli, solitamente a capitalizzazione inferiore rispetto a quelli trattati sul New York Stock Exchange. il mercato delle nuove societ con forti tassi di crescita e non ha sede in un luogo fisico. L'indice principale il NASDAQ Composite Index. NASDAQ100: Indice che comprende i 100 maggiori titoli quotati al Nasdaq. NAV: Net Asset Value. Nei bilanci societari il net asset value rappresenta il valore del patrimonio che imputabile ad una determinata classe di titoli della societ. Viene utilizzato dagli analisti per valutare lo scostamento fra il patrimonio netto e la capitalizzazione del titolo in borsa e trarre quindi informazioni sulla sopravvalutazione e sottovalutazione del titolo. NEGOZIAZIONE CONTINUA: Contrattazione dei titoli che si protrae nelle diverse fasi della seduta borsistica. NEW ECONOMY: Indica linsieme delle attivit, le aziende e gli investimenti basati in grandissima parte sulla Rete. La New economy si differenzia dalla Old economy soprattutto per la possibilit delle aziende di accedere a un mercato globale eliminando molti costi di infrastrutture. NEW YORK STOCK EXCHANGE (NYSE): E' il pi grande mercato azionario nel mondo con la presenza di 500 societ straniere per le quali l'ammissione alle quotazioni ufficiali di New York rappresenta un ambito riconoscimento. Ha come sistema di contrattazione quello tradizionale alle grida. NICCHIA: Segmento di mercato dalle dimensioni ridotte in cui un'impresa per riuscita a raggiungere una quota di mercato dominante. NIKKEY225: Indice della Borsa di Tokyo (Tokyo Stock Exchange), costituito dalle prime 225 azioni quotate nella prima sezione della Borsa, a pi elevata capitalizzazione e liquidit. NOCCIOLO DURO: Gruppo di azionariato stabile. Il termine indica la la vendita di un pacchetto

rappresentativo di azioni del capitale di una societ in via di privatizzazione a un gruppo selezionato di azionisti che saranno successivamente in grado di influenzare i processi produttivi dell'azienda. NOTA INFORMATIVA: Documento inviato allinvestitore che riporta tutte le informazioni necessarie a riconoscere gli ordini impartiti: titolo, prezzo, rateo di interesse maturato, ora di esecuzione, commissioni, spese, data e luogo della transazione. NOTA INTEGRATIVA: Parte integrante del bilancio di esercizio che serve a illustrare i dati sintetici presentati nei due conti, lo stato patrimoniale e il conto economico. NUOVO MERCATO: Mercato regolamentato, organizzato e gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. dedicato alle imprese ad elevato potenziale di crescita, caratterizzate da un approccio innovativo di prodotto, processo e servizio. NYSE: Acronimo di New York Stock Exchange (vedi New York Stock Exchange). OBBLIGAZIONE: Titolo di credito rappresentativo di un prestito contratto da una persona giuridica presso il pubblico. Incorpora due diritti: la restituzione del valore nominale a scadenza e il pagamento degli interessi sull'importo (cedola). L'obbligazione frutta un interesse calcolato sul valore nominale, pu essere fisso, variabile oppure indicizzato, cio collegato con particolari meccanismi a indici dei prezzi o a tassi di riferimento. E costituito da un documento destinato alla circolazione che incorpora diritti di credito di uguale valore verso la societ emittente. OBBLIGAZIONE A TASSO FISSO: Obbligazione di tipo tradizionale, caratterizzata dal pagamento degli interessi attraverso lo stacco, con cadenza semestrale o annuale, di una cedola fissa per tutta la durata del prestito. OBBLIGAZIONE A TASSO VARIABILE: Obbligazione caratterizzata da interessi variabili al variare di un determinato parametro ( livello generale dei prezzi, quotazioni di Borsa, ecc...). OBBLIGAZIONE CON WARRANT: Titoli che danno la possibilit, a una determinata scadenza, di acquistare altri titoli a un prezzo prefissato. Tale formula molto pi elastica di quella delle obbligazioni convertibili, in quanto consente di scindere il diritto dal titolo obbligazionario. OBBLIGAZIONE CONVERTIBILE: Titolo che conferisce al proprietario la facolt di scegliere, prima della sua scadenza, se continuare a essere creditore della societ o diventarne azionista. Il prestito viene convertito in un numero predeterminato di azioni nei termini e con le modalit prefissate. OBBLIGAZIONE IN VALUTA: Obbligazione caratterizzata da cedole e rimborso del capitale denominati in una valuta diversa da quella del paese dellemittente. OBBLIGAZIONE INDICIZZATA: Tipologia di obbligazioni il cui rendimento collegato allandamento di un indice. Questo tipo di obbligazioni garantisce sempre il rimborso del capitale. OBBLIGAZIONE ZERO COUPON: Titoli obbligazionari senza cedola il cui rendimento dato dalla differenza tra prezzo di sottoscrizione e prezzo di rimborso. Ne sono esempi italiani i bot o i ctz. OCSE: Sigla di Organization for Economic Co-operation and Development, Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico. E' un organismo internazionale, con sede a Parigi, istituito per promuovere nei Paesi membri la massima espansione economica, il pieno impiego e lo sviluppo degli scambi internazionali. Ne fanno parte Australia, Austria, Belgio, Canada, Danimarca, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Irlanda, Islanda, Italia, Lussemburgo, Messico, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Spagna, Stati Uniti, Svezia, Svizzera e Turchia. OFFERTA GLOBALE: L'offerta globale la somma totale delle azioni di una societ offerte al pubblico e agli investitori istituzionali. OFFERTA PUBBLICA D'ACQUISTO (OPA): l'offerta da parte di una societ di acquistare valori mobiliari quotati in Borsa o al mercato ristretto con l'intento di acquisire il controllo di una societ o diritti di voto supplementari a quelli gi in portafoglio. Il prezzo di acquisto delle azioni generalmente superiore a quello di mercato. OFFERTA PUBBLICA D'ACQUISTO RESIDUALE: Offerta pubblica di acquisto prevista dal legislatore per tutelare gli azionisti di minoranza dalleventualit di cancellazione del titolo dalla quotazione o da un non regolare andamento della sua negoziazione. obbligato a lanciare unOpa residuale chi detiene una quota superiore al 90% del capitale ordinario di una societ quotata.

OFFERTA PUBBLICA D'ACQUISTO TOTALITARIA: Offerta pubblica di acquisto sulla totalit delle azioni ordinarie residue; vi obbligato chiunque abbia acquistato a titolo oneroso una partecipazione superiore al 30% di una societ quotata in Borsa. OFFERTA PUBBLICA DI ACQUISTO E SCAMBIO (OPAS): Operazione congiunta di acquisto e scambio in cui l'azione pu essere acquistata oppure scambiata con un'altra. OFFERTA PUBBLICA DI SOTTOSCRIZIONE (OPS): E' un'offerta di sottoscrizione , rivolta al pubblico, di azioni in corso di emissione per le quali i vecchi azionisti abbiano rinunciato all'esercizio parziale o totale del diritto di opzione. OFFERTA PUBBLICA DI VENDITA (OPV): Offerta, rivolta al pubblico, di vendita di un pacchetto di azioni da parte del gruppo di controllo, realzzata attraverso collocamento. OFFERTA PUBBLICA INIZIALE (IPO): Offerta al pubblico dei titoli di una societ che intende quotarsi su un mercato regolamentato. OPERAZIONI DI MERCATO APERTO: Acquisto e vendita di titoli di Stato effettuati dalla Banca centrale di un Paese con l'obbiettivo di regolare la quantit di base monetaria di un sistema economico. OPEN: Prezzo ufficiale di apertura della giornata. OPEN INTEREST: Sul mercato dei future indica il numero di contratti acquistati dagli operatori e non ancora rivenduti. E' quindi la somma di tutte le posizioni aperte presenti sul mercato, che dovranno essere chiuse prima della scadenza del contratto future, altrimenti avverr la consegna fisica del titolo sottostante. OPZIONE: Strumento derivato costituito da un contratto, che dietro il pagamento di un premio, conferisce la possibilit, ma non l'impegno, di acquistare (call option) o vendere (put option) un'attivit finanziaria ad un prezzo prestabilito ad una certa data o entro un periodo di tempo prefissato. OPZIONE DI ACQUISTO (CALL): Contratto che conferisce il diritto, ma non l'obbligo, all'acquirente di acquistare una certa attivit finanziaria ad un prezzo prefissato (strike) e ad una certa data o entro la stessa data. Il diritto rilasciato dal venditore in cambio del pagamento di un premio che costituisce il prezzo dellopzione.Viene acquistata da chi ha una posizione rialzista nei confronti del mercato. OPZIONE DI VENDITA (PUT): Contratto che conferisce il diritto, ma non l'obbligo, all'acquirente di vendere una certa attivit finanziaria ad un prezzo prefissato (strike) e ad una certa data o entro la stessa data. Il diritto rilasciato dal venditore in cambio del pagamento di un premio che costituisce il prezzo dellopzione. Viene acquistata da chi ha una posizione ribassista nei confronti del mercato. OPZIONE AMERICANA: Opzione che pu essere esercitata in qualsiasi momento della sua vita, non solo a scadenza. OPZIONE EUROPEA: Opzione che pu essere esercitata solo alla scadenza. ORDINE: Incarico che viene dato da un soggetto allintermediario di acquistare o vendere una quantit precisa di titoli a condizioni prefissate. Lintermediario obbligato a eseguire loperazione sulla base delle condizioni stabilite dal cliente e ovviamente secondo le condizioni di mercato, le quali possono anche causare la mancata effettuazione dellordine. Esistono di versi tipi di ordini. Da accodare: l'ordine stato ricevuto dai sistemi del broker on line e che deve essere accodato per l'immissione sul mercato. Immesso: indica che l'ordine stato inviato con successo sul mercato. Eseguito: quando il contratto stato concluso nel mercato. Eseguito parziale: indica che l'ordine stato eseguito solo in parte e che sul mercato rimane la parte rimanente in attesa di essere eseguita. Rifiutato: l'ordine stato rifiutato dal broker online, di solito perch non soddisfa i requisiti richiesti. Revocato: l'ordine stato cancellato dall'utente. Scaduto: l'ordine ha raggiunto il termine di validit senza essere stato eseguito e quindi stato rimosso dal mercato. OSCILLATORE: Indicatore statistico-matematico utilizzato nel campo dell'analisi tecnica al fine di individuare particolari situazioni di mercato (ipercomprato, ipervenduto ecc.). Pu muoversi attorno al valore 0, tra 0 e 100 oppure tra +1 e -1. Quando raggiunge un estremo superiore, il mercato in ipercomprato, quando raggiunge l'estremo inferiore in zona di ipervenduto. Va sempre considerato in abbinamento al grafico dei prezzi che la rappresentazione da considerare sempre in via prioritaria. OUT OF MONEY: Si dice di opzioni per le quali il prezzo di quotazione dell'attivit sottostante pi

basso dello strike price per un'opzione call, o pi alto dello strike price per un'opzione put. OVERNIGHT: operazione interbancaria con la quale una banca presta del denaro ad un'altra banca con l'impegno che il prestito concesso venga restituito il giorno seguente. Contestualmente all'estinzione avviene anche la liquidazione dell'interesse. PAC: E' possibile sottoscrivere un fondo tramite un unico versamento iniziale o mediante una serie di versamenti ripartiti nel tempo (PAC, piano di accumulo). In quest'ultimo caso il sottoscrittore si impegna ad effettuare un determinato numero di versamenti con una certa scadenza per importi fissi. Si tratta di una modalit che permette di diluire il prezzo medio d'acquisto. PACCHETTO AZIONARIO: Numero apprezzabile di azioni della stessa societ, possedute dalla stessa persona , impresa o istituzione finanziaria. PAESI EMERGENTI: Sono i paesi in via di sviluppo: Argentina, Brasile, Cile, Cina, Colombia, Repubblica Ceca, Egitto, Grecia, Ungheria, India, Indonesia, Israele, Giordania, Corea, Malesia, Messico, Marocco, Pakistan, Per, Filippine, Polonia, Russia, Sud Africa, Sri Lanka, Tailandia, Taiwan, Turchia, Venezuela. PANIERE: Insieme di beni e servizi acquistati dal consumatore medio. Vviene utilizzato per calcolare il costo della vita e le sue variazioni nel tempo. Si usa anche con il significato di "insieme di beni": paniere di azioni, paniere di valute eccetera. PARTECIPAZIONE DI CONTROLLO: partecipazione di maggioranza. Insieme delle azioni di propriet del gruppo o del singolo che detengono il controllo di un'impresa, attraverso il maggior numero di voti rappresentati appunto dalle azioni in loro possesso. PARTECIPAZIONE DI MAGGIORANZA: vedi partecipazione di controllo. PARTECIPAZIONE DI MINORANZA: Valore contabile delle azioni di societ non in posesso della stessa ma di propriet di singoli azionisti o di altre societ esterne. PARTECIPAZIONE INCROCIATA: Possesso reciproco di quote da parte di due societ. L'eventualit, in grado di vanificare norme in materia di trasparenza e correttezza della vita sociale su tutti i mercati sottoposta a restrizioni. PASSIVITA': Sono i debiti dell'impresa. Si possono distinguere in passivit correnti (debiti verso fornitori che stanno per essere saldati); a breve termine (obbligazioni che tendono a trasformarsi in pagamenti entro un anno); a medio e lungo termine (debiti che diventeranno esigibili da parte del creditore in un lasso di tempo superiore ai 12 mesi. PATRIMONIO: Insieme dei beni economici a disposizione dellimpresa. Il concetto contabile di patrimonio tende a coincidere con lattivo dellimpresa. PATRIMONIO NETTO: Con riferimento allo stato patrimoniale di un'azienda la differenza fra lattivo e il passivo di unimpresa. PAY-OUT: Percentuale di utili di un'impresa che viene distribuita agli azionisti sotto forma di dividendo in rapporto agli utili totali dell'impresa stessa. PERDITA DI ESERCIZIO: Risultato della gestione aziendale evidenziato nei documenti contabili e caratterizzato da un totale dei costi superiore a quello dei ricavi. PERFORMANCE: Rendimento, prestazione, guadagno o perdita di un prodotto finanziario, unimpresa in un determinato periodo di tempo. PIL: vedi prodotto interno lordo. PLUSVALENZA: Ammontare economico positivo risultante da una vendita di un'attivit ad un prezzo superiore a quello di acquisto. PORTAFOGLIO: L'insieme delle attivit reali e finanziarie posseduti da un singolo investitore POSIZIONE: Impegno preso sul mercato di acquistare o vendere dei titoli del mercato finanziario. POSIZIONE CORTA: Indica una posizione ribassista aperta mediante la vendita allo scoperto. POSIZIONE LUNGA: Indica una posizione rialzista su qualsivoglia mercato. PRE-APERTURA: Momento iniziale delle contrattazioni. In questa fase non vengono conclusi contratti ma vengono immesse una serie di posposte di acquisto /vendita che vengono poi negoziati e risolti durate l'apertura. PREMIO: Scarto, generamente espresso in termini percentuali, tra il valore nominale ed un prezzo

superiore, che riflette le condizioni di mercato. PREMIO DI CONVERSIONE: Differenza che si deve pagare in piu', convertendo un'obbligazione, quando il prezzo di conversione, come normalmente avviene, supera il corso dell'azione. Se fosse vero il contrario, si parlerebbe non di premio ma di sconto di conversione. PRESA DI BENEFICIO: Vendita di titoli azionari al culmine di una fase ascendente delle quotazioni, al fine di realizzare i guadagni in conto capitale. PREZZO BASE: Prezzo al quale il titolare di un contratto a premio ha diritto di acquistare o vendere una quantit prefissata del titolo o del bene cui si riferisce l'opzione. PREZZO D'APERTURA: Primo prezzo che si forma in Borsa in base agli ordini di acquisto ricevuti prima dell'apertura del mercato. PREZZO D'ESERCIZIO: Prezzo al quale il titolare di un contratto a premio ha diritto di acquistare o vendere una quantit prefissata del titolo o del bene cui si riferisce l'opzione. PREZZO DI CONVERSIONE: Prezzo gi fissato al momento dell'emissione di un'obbligazione convertibile, che serve a calcolare la parit di conversione in base alla quale trasformare l'obbligazione in azioni o buoni di partecipazione PREZZO DI EMISSIONE: Prezzo pagato all'emittente di un titolo quando questo viene offerto al pubblico per la prima volta PREZZO DI OFFERTA: Prezzo al quale un venditore disposto a cedere titoli, merci o divise estere. PREZZO DI RIFERIMENTO: E' il prezzo risultante dalla media ponderata dell'ultimo 10% di scambi della giornata. PREZZO FORWARD: E' il prezzo di una qualsiasi attivit finanziaria per la consegna a una data futura. PREZZO/CASH FLOW (P/CF): Indice che mette in relazione la quotazione di Borsa di un titolo con il cash flow (utili pi ammortamenti). Consente di valutare l'eventuale sopravvalutazione o sottovalutazione di un titolo. PREZZO UFFICIALE: E'il prezzo risultante della media ponderata di tutti gli scambi realizzati su di un titolo durante l'intera giornata di contrattazioni. PRICE/BOOK VALUE (P/BV): Prezzo/Patrimonio netto per azione. Multiplo di borsa che consente di confrontare la valutazione patrimoniale fatta dal mercato (prezzo) con quella espressa dal bilancio della societ (patrimonio netto). Il multiplo espresso in numero di volte e, generalmente, un valore inferiore ad 1 costituisce un segnale di sottovalutazione del titolo. PRICE/CASH FLOW (P/CF): Prezzo/(Utile netto + ammortamenti) per azione. E il rapporto tra il prezzo di mercato dellazione e il cash flow (flusso di cassa) generato dalla societ, rapportato al numero di azioni in circolazione. Questo multiplo esprime il tempo necessario affinch la somma investita in azioni ritorni allinvestitore sotto forma di cash flow.Viene utilizzato soprattutto per la valutazione di societ operanti in settori che richiedono forti spese dinvestimento iniziali, e conseguenti ingenti carichi di ammortizzazione. PRICE/EARNING (P/E): Rapporto tra il prezzo di un'azione e l'utile societario per azione. Parametro borsistico molto usato per avere un'idea della valutazione di un titolo in confronto ai suoi simili. PRIME RATE: E' il tasso applicato dalle aziende di credito ai prestiti alla clientela di primaria importanza. Il Prime Rate dipende dalle condizioni generali del mercato, dalla disponibilit di riserve e dall'ammontare del prestito; pu variare da un paese all'altro. PRODOTTO INTERNO LORDO (PIL): Principale misuratore dell'attivit economica svolta. Ccorrisponde al valore di tutti i beni e servizi finali prodotti nel Paese in un determinato periodo. PROFITTO: Quanto residua allimprenditore dopo avere pagato tutti gli altri fattori della produzione.Costituisce lo scopo economico dellimpresa. PRONTI: Il prezzo a pronti quello di uno strumento finanziario con consegna e pagamento immediato. PRONTI CONTRO TERMINE:Strumento finanziario consistente, sostanzialmente, in accordi di prestito a seguito dei quali il portatore vende i titoli, ad una banca o ad un'altra istituzione finanziaria, ad un determinato prezzo e con l'impegno di riacquistare gli stessi o simili titoli ad una data futura.

PROSPETTO INFORMATIVO: E' un documento indirizzato al pubblico, contenente dettagliate notizie sulla societ che effettua una sollecitazione al pubblico risparmio. PROVENTO: Utile conseguito da un fondo nel corso dell'anno. PUT OPTION: Contratto di opzione che, dietro pagamento di un premio, riserva al compratore la facolt di consegnare o meno una certa attivit al prezzo prefissato (detto base). PUNTO BASE (basis point): E' la centesima parte di un punto percentuale. Di solito l'unit con cui si misurano le variazioni dei tassi di interesse, dei cambi, dei rendimenti di titoli di stato e dei prestiti obbligazionari. QUOTA: La quota l'unita di misura di un fondo di investimento e rappresenta la "quota parte" in cui suddiviso il patrimonio del fondo. Quando il risparmiatore sottoscrive un fondo acquista un certo numero di quote ad un determinato prezzo e da questo momento possessore di quelle quote. Le quote possono anche essere nominative se il sottoscrittore inoltra alla societ di gestione una esplicita richiesta, oppure possono essere rappresentate da un certificato al portatore: di solito sono depositate presso la banca depositaria in un certificato cumulativo. Certificato nominativo o al portatore che rappresenta la partecipazione di un sottoscrittore a un fondo comune di investimento. Viene e emesso dalla societ di gestione del fondo che ne determina anche il valore unitario (valore complessivo del fondo diviso per il numero totale delle quote). Il valore delle quote viene reso noto giornalmente dai quotidiani. QUOTATION MANAGEMENT ADMISSION TEST (QMAT): Documento che la Borsa Italiana S.p.A. richiede di compilare alle societ che avviano il processo di ammissione a quotazione. Costituisce un test di autovalutazione delle societ quotande e delle societ che intendono quotarsi in futuro, per la verifica della sussistenza dei requisiti sostanziali per la quotazione. Deve essere presentato a Borsa italiana insieme agli altri documenti per linoltro della domanda di ammissione. Tocca tutti gli aspetti di una societ, in relazione alla sua struttura, alla condotta ed alle sue performance QUOTAZIONE: Valore, dato dall'incontro tra domanda e offerta, al quale scambiato un titolo sul mercato in un determinato momento. QUOTAZIONE DENARO: Prezzo di acquisto di un'attivit finanziaria negoziata su un mercato finanziario. QUOTAZIONE LETTERA: Prezzo di vendita di unattivit finanziaria negoziata su un mercato finanziario. QUOTE DRIVEN MARKET: Mercato mobiliare caratterizzato dalla presenza di operatori specializzati (market makers), che si impegnano ad esporre con continuit le quotazioni alle quali sono disposti ad acquistare o vendere determinate quantit di attivit (merci, titoli, valute), e ai quali devono rivolgersi, per effettuare le negoziazioni, gli altri operatori presenti sul mercato. RACCOLTA LORDA: Ammontare degli investimenti effettuati dai sottoscrittori di quote di fondi comuni di investimento in un periodo di tempo dato. Tale valore pu riferirsi a un solo fondo, a pi fondi o allintero mercato dei fondi. RAGGRUPPAMENTO: Operazione che comporta un aumento del valore nominale di un' azione, cio l'emissione di una singola azione di capitale in cambio di pi azioni di capitale ritirate dalla circolazione della stessa societ emittente. Operazione che comporta un aumento del valore nominale di un' azione, con conseguente diminuzione del numero di azioni. RAIDER: un soggetto individuale o societario che ha lobiettivo di assumere il controllo di una societ per sostituirsi al management della stessa. Pu detenere i fondi necessari al rastrellamento dei titoli, o finanziarsi tramite unemissione junk bond. RALLY (RIALZO): il periodo in cui i prezzi di uno o pi titoli segnano continui e veloci aumenti di livello. RANGE (INTERVALLO): Intervallo allinterno del quale varia il prezzo di un titolo in un certo periodo di tempo. RANGE DI PREZZO: Intervallo di prezzo allinterno del quale viene individuato il prezzo finale di sottoscrizione (IPO price) dei titoli oggetto di una Offerta pubblica iniziale (IPO).

RAPPORTO DI CONVERSIONE: Azione che il portatore di obbligazioni convertibili riceve al momento della conversione, oppure costituisce il numero di azioni che si possono acquisire esercitando un warrant. Si tratta anche delle azioni spettanti ai soci delle societ che si fondono, dando vita ad una nuova societ (fusione in senso stretto), o che vengono incorporate in una societ preesistente (fusione per incorporazione). RAPPORTO DI ESERCIZIO: Azione che il portatore di obbligazioni convertibili riceve al momento della conversione, oppure costituisce il numero di azioni che si possono acquisire esercitando un warrant. Si tratta anche delle azioni spettanti ai soci delle societ che si fondono, dando vita ad una nuova societ (fusione in senso stretto), o che vengono incorporate in una societ preesistente (fusione per incorporazione). RAPPORTO PREZZO/VALORE CONTABILE: Il rapporto tra prezzo di mercato del capitale azionario di una societ e il complesso delle sue attivit calcolate al valore contabile. RASTRELLAMENTO: Acquisti sistematici in Borsa per conquistare il controllo di una societ. RATE (TASSO): la variazione percentuale assoluta o temporale, del livello di una certa grandezza economica. Il tasso di inflazione, per esempio, indica la variazione nel livello dei prezzi che intercorre tra due periodi di tempo successivi. RATEO DI INTERESSE/DIVIDENDO: Ammontare degli interessi / dividendi maturati ma non ancora riscossi. Si tratta degli interessi / dividendi relativi al periodo che intercorre tra la data di inizio maturazione della cedola e il giorno di compravendita di un titolo obbligazionario / azionario. Viene generalmente calcolato su base annua, moltiplicando il valore percentuale della cedola per il numero di giorni di godimento maturati a partire dal giorno dell'ultimo stacco. RATE OF CHANGE (ROC): Indicatore rappresentativo della velocit del trend di un titolo azionario; Misura lo scostamento percentuale tra il prezzo corrente e il prezzo di un periodo passato. Esprime il rapporto tra la variazione del prezzo degli ultimi n-periodi ed il prezzo degli n-periodi passati in termini percentuali. RATE OF RETURN (RENDIMENTO): Risultato economico di un investimento in titoli. Il rendimento, nelle imprese, viene solitamente calcolato dividendo il risultato operativo per i mezzi propri a disposizione, o per il totale degli investimenti. Per quanto riguarda le operazioni in titoli azionari, il rendimento deriva in parte dallaumento del prezzo del titolo e in parte dallincasso dei dividendi pagati dalla societ. Nei titoli obbligazionari o azionari privilegiati, il rendimento si calcola dividendo i flussi cedolari per il prezzo di acquisto del titolo stesso. RATEO DI INTERESSE/DIVIDENDO: Ammontare degli interessi / dividendi maturati ma non ancora riscossi. RATING: lassegnazione di una valutazione solitamente qualitativa alla bont di uno strumento di debito o di un soggetto debitore, che quindi prende in esame la solidit, la sicurezza, e la capacit presente e futura di rimborso del debito esistente. Il rating viene effettuato da societ specializzate come Moodys o Standard and Poors. REAL (REALE): Quando ci si riferisce a variazioni di grandezze economiche al netto dellincremento del livello generale dei prezzi. REAL INCOME (REDDITO REALE): Reddito di un soggetto, o di unintera collettivit, espresso al netto della componente di incremento del livello generale dei prezzi, che indica perci la reale disponibilit di potere dacquisto detenuta dal soggetto. REAL INTERST RATE (TASSO D'INTERESSE REALE): Differenza tra tasso dinteresse nominale e tasso dinflazione. Mostra quale sia leffettivo costo della moneta, al netto della perdita di valore provocata dallinflazione. REAL RATE OF RETURN (RENDIMENTO REALE): il rendimento ottenuto da un investimento al netto della componente dovuta allaumento dei prezzi causato dallinflazione. RECESSIONE: Indica una temporanea diminuzione dell'attivit economica, con conseguente disoccupazione di breve periodo. La recessione, pertanto, essendo di breve durata non assume importanza tale da farla considerare una fase del ciclo economico. RECOVERY SHARES: Espressione che indica un' azione che si muove in sintonia con il ciclo

economico. REDEMPTION (RIMBORSO): Restituzione, da parte dellemittente, del capitale versato dallobbligazionista al momento della sottoscrizione o dellacquisto del titolo. REDEMPTION PRICE (PREZZO DI RIMBORSO): Importo corrisposto al possessore di un titolo alla scadenza di quest'ultimo. REFERENCE BANK (BANCA DI RIFERIMENTO): Banca primaria, i cui tassi vengono presi come riferimento per fissare periodicamente il tasso dinteresse di una floating rate note o di un prestito. REFINANCING (RIFINANZIAMENTO): la ricerca di nuovi fondi, in aggiunta a quelli gi a disposizione o che verranno rimborsati. Per esempio, attraverso lemissione di un nuovo prestito obbligazionario a fronte di uno in scadenza o della contrazione di nuovi depositi in aggiunta a quelli gi posti a copertura di operazioni di finanziamento. REGIME DI INTERESSE COMPOSTO: Regime di capitalizzazione degli interessi di un titolo quando gli interessi maturati al termine di ogni periodo vengono reinvestiti e fruttano, a loro volta, interessi. REGIME DI INTERESSE SEMPLICE: Regime di capitalizzazione degli interessi di un titolo caratterizzato da interessi calcolati sempre sul capitale iniziale e liquidati alla fine dell'investimento. REGISTERED BONDS (OBBLIGAZIONE NOMINATIVA): Obbligazione intestata a una persona fisica o giuridica. REGOLAMENTO: Documento che completa le informazioni contenute nel prospetto informativo di un fondo. Il regolamento di un fondo deve essere approvato dalla Banca d'Italia e contiene le modalit di funzionamento del fondo REGOLAMENTO PER CASSA: Procedura di estinzione degli obblighi finanziari, contratti da chi sottoscrive strumenti derivati attraverso il pagamento di un importo monetario. REGULAR WAY DELIVERY (CONSEGNA REGOLARE): la conclusione di unoperazione di compravendita di titoli, con la consegna effettiva dei titoli nel termine stabilito dalle consuetudini di Borsa, oppure da come pattuito durante la negoziazione del contratto. REINVESTMENT PRIVILEGE (DIRITTO DI REINVESTIMENTO): il privilegio che viene concesso allazionista o al possessore di quote di un fondo comune, di reinvestire in azioni o in quote i dividendi ricevuti, senza nessun costo aggiuntivo. REINVESTMENT RATE (TASSO DI REINVESTIMENTO): il tasso di rendimento originato da un investimento, quando tutti i flussi di pagamento che avvengono durante la vita dello stesso sono reinvestiti. REINVESTMENT RISK (RISCHIO DI REINVESTIMENTO): il rischio che i flussi di cassa positivi ricavati da un investimento, non possano essere reinvestiti nello stesso bene allo stesso tasso dinteresse. Un titolo obbligazionario ha un rischio di reinvestimento per lammontare dei pagamenti cedolari che non detto possano essere reinvestiti allo stesso tasso nel titolo al momento del pagamento. RELATIVE STRENGHT INDEX (RSI): In analisi tecnica, indica in quale percentuale si muove il prezzo di un titolo rispetto alle variazioni del prezzo di altri titoli o dellindice di Borsa. Per esempio, un titolo che si deprezza in misura inferiore rispetto al mercato, in caso di ribasso generalizzato delle quotazioni ha una forza relativa superiore rispetto ad altri titoli che invece calano di prezzo in misura maggiore. RELAZIONE ANNUALE DI BILANCIO: La relazione inviata ogni anno dalla societ ai soci. Essa tratta la situazione finanziaria e i risultati gestionali dell'azienda relativi all'anno precedente e reca allegati il bilancio, il conto profitti e perdite, spesso il prospetto del flusso di cassa, la relazione dei revisori dei conti ecc. RELAZIONE SEMESTRALE: Relazione obbligatoriamente redatta dalle societ per azioni (Spa) quotate in Borsa. costituita dai prospetti contabili e da una sezione di commento; la sua stesura deve conformarsi ai criteri stabiliti dalla consob. RENDIMENTO: L'utile che deriva ad un investitore dall'investimento da lui effettuato.

RENDIMENTO DI UNA AZIONE: Rapporto fra il dividendo di un'azione e il suo prezzo di mercato. RENDIMENTO EFFETTIVO: Rendimento a scadenza di un titolo obbligazionario. RENDIMENTO IMMEDIATO: Rapporto fra la cedola e il prezzo di mercato di un titolo obbligazionario. RENDIMENTO REALE: Rendimento di uno strumento finanziario o di un investimento al netto del tasso di inflazione registrato nel periodo preso in esame. REPO (PRONTI CONTRO TERMINE): Sono contratti (detti anche repurchase agreement) attraverso i quali due controparti si accordano per effettuare due operazioni in senso contrario di acquisto e di vendita a pronti e a termine, a prezzi prestabiliti. Il repo si configura come unoperazione di impiego di fondi o di finanziamento, e per questo motivo uno degli strumenti pi usati dalle Banche centrali per le necessit di regolazione a breve termine della quantit e del costo della liquidit disponibile nel sistema. REQUIRED RATE OF RETURN (RENDIMENTO RICHIESTO): E' il rendimento minimo che un investimento deve garantire per poter essere preferito ad altri investimenti dalle caratteristiche simili. RESERVE (RISERVA): un accantonamento di fondi effettuato da unimpresa nel corso di uno o pi esercizi per tutelarsi da esborsi di fondi verificabili in futuro. Il caso pi comune di riserve quello dovuto ad accantonamento di utili, che anzich essere distribuiti agli azionisti restano investiti nella societ, e potranno in questo modo soddisfare leventuale richiesta di fondi che avverr in un futuro. RESET BOND (OBBLIGAZIONI AD AZZERAMENTO): Sono titoli obbligazionari per cui prevista la facolt periodica per lemittente di modificare la cedola distribuita in modo che il prezzo del titolo diventi uguale al valore nominale. RESIDUAL SECURITY (TITOLO RESIDUALE): un titolo che viene emesso da una societ e che ha la possibilit di poter variare i rapporti fondamentali di valutazione delle azioni esistenti. Per esempio, un warrant convertibile in azioni della societ un titolo residuale, infatti se esercitato aumenta il numero dei titoli in circolazione e perci a parit di condizioni diminuisce lutile di competenza di ciascun titolo. RESISTENZA: Linea orizzontale, costituita da uno o pi livelli di prezzo di un titolo, tracciata sul grafico dell' analisi tecnica attraverso i punti rappresentativi dei massimi prezzi, che indica il livello di prezzo pi alto di un titolo in un periodo passato. Dopo essersi avvicinato a tali livelli la quotazione si fermata o addirittura indietreggiata. RESTRICTED MARKET (MERCATO CONTROLLATO): Mercato dei cambi in cui loscillazione delle valute mantenuta entro margini prefissati da parte delle autorit monetarie dei Paesi coinvolti, e dove linfluenza del mercato meno decisiva rispetto ai cambi totalmente liberi. RETAINED EARNINGS (UTILI NON DISTRIBUITI): la frazione degli utili conseguiti da unimpresa nel corso dellesercizio, non distribuita agli azionisti sotto forma di dividendi, ma che resta reinvestita nel patrimonio sociale. RETURN (RITORNO, PROFITTO): il profitto, solitamente espresso in forma percentuale sul capitale impiegato, conseguito da unimpresa nellesercizio dellattivit, o comunque derivante da un investimento qualsiasi. anche la restituzione di un bene prodotto che stato rifiutato perch non corrispondente alle caratteristiche fissate nel contratto di acquisto. RETURN ON ASSET (ROA): In analisi di bilancio indica il rendimento pecentuale conseguito dagli investimenti aziendali. Si calcola rapportando il reddito lordo al totale delle attivit (misura la redditivit del capitale investito). RETURN ON CHANGE (ROC): indicatore che esprime il rapporto tra la variazione del prezzo degli ultimi n-periodi ed il prezzo degli n-periodi passati. Esprime il tasso di variazioni dei prezzi in termini percentuali. RETURN ON EQUITY (ROE): Rapporto di bilancio che indica la percentuale del fatturato convertita in utile di esercizio lungo lesercizio di gestione. E' dato dal rapporto tra il reddito netto e il patrimonio netto di una societ, risultanti dal bilancio di esercizio.

RETURN ON INVESTMENT (ROI): Redditivit operativa, che costituisce la misura della remunerazione del capitale investito in azienda a titolo di debito o di rischio. E' dato dal rapporto tra risultato operativo e capitale investito. RETURN ON SALES (ROS): Rapporto di bilancio che indica la percentuale del fatturato convertita in utile di esercizio lungo lesercizio di gestione. Esprime il margine che riesce ad esprimire lazienda per ogni euro di fatturato. REVALUATION (RIVALUTAZIONE): In un regime di cambi fissi o controllati, una divisa si rivaluta nel momento in cui diventa pi cara rispetto a unaltra come conseguenza di decisioni delle autorit monetarie. In un regime di cambi flessibili, invece, si parla di apprezzamento della divisa. REVERSAL (INVERSIONE): Si definisce reversal, in analisi tecnica, linversione di tendenza del prezzo di un titolo. Per esempio, quando a un periodo di prezzi discendenti segue un periodo di rialzo delle quotazioni. REVERSE CONVERTIBLE: I reverse convertible sono dei titoli che subordinano il rimborso del capitale investito al prezzo futuro di unazione o di un paniere di azioni. Se alla scadenza del titolo, il prezzo dellazione (o del paniere di azioni) superiore o uguale a un valore prestabilito, il sottoscrittore ottiene il rimborso del capitale investito. In caso contrario, il sottoscrittore non viene rimborsato in contanti ma in natura, cio con un certo numero di azioni (il cui controvalore naturalmente inferiore al capitale che ha investito). Comprando un reverse convertible il sottoscrittore vende unopzione put, ovvero si impegna ad acquistare, alla scadenza del titolo, un numero prefissato di azioni a un prezzo prestabilito. Se alla scadenza il valore delle azioni salito, lemittente avr convenienza a rimborsare al sottoscrittore il capitale, mentre se il valore delle azioni scende avr tutto linteresse a esercitare lopzione put, cio a vendere al sottoscrittore le azioni a un prezzo che superiore a quello di mercato. REVERSE FLOATER BOND: Obbligazione a tasso variabile caratterizzata da rendimenti inversamente proporzionali ai tassi di interesse. RHO: Fattore numerico che quantifica la variazione del prezzo di un opzione, di un warrant, o di un covered warrant, al variare del tasso di interesse delle attivit prive di rischio, a parit degli altri fattori incidenti sul prezzo del derivato. RIACQUISTO (BUY BACK): Operazione di riacquisto da parte di una societ quotata di una parte delle proprie azioni o obbligazioni emesse precedentemente. RIGHTS OFFERING (AUMENTO DI CAPITALE): Offerta di titoli azionari di nuova emissione agli azionisti esistenti, in proporzione ai titoli posseduti, effettuata generalmente a un prezzo inferiore a quello di mercato del titolo, e di solito attraverso lintermediazione di una banca dinvestimento che garantisce la sottoscrizione dei titoli non accettati dagli azionisti esistenti. RIMBORSO (REDEMPTION): Restituzione, da parte dellemittente, del capitale versato dallobbligazionista al momento della sottoscrizione o dellacquisto del titolo. RIPARTO: Si definisce riparto l'operazione di distribuzione dei titoli secondo divisioni proporzionali alla richiesta quando questa supera l'offera al pubblico (OPV). RISCHIO DI CAMBIO: Rischio derivante dalla possibilit che un cambiamento del rapporto di cambio tra due valute incida sul risultato economico di una negoziazione in attivit finanziarie, quando il perfezionamento di tale operazione implica una conversione tra le valute in questione. RISCHIO EMITTENTE: E' la probabilit che l'emittente il prestito obbligazionario non sia in pi grado di far fronte agli impegni assunti. RISCHIO SISTEMATICO (CAPITAL ASSET PRICING MODEL): Modello di equilibrio della teoria finanziaria, che definisce il tasso di rendimento atteso di un'attivit rischiosa (azione i-esima) come il rendimento risk-free pi un premio per il rischio. RISCHIO SPECIFICO (CAPITAL ASSET PRICING MODEL): Modello di equilibrio della teoria finanziaria, che definisce il tasso di rendimento atteso di un'attivit rischiosa (azione i-esima) come il rendimento risk-free pi un premio per il rischio. ROTTURA: Termine inerente all' analisi tecnica: si ha un breakout quando il prezzo di un titolo supera il livello di resistenza, scende sotto il livello di supporto, o perfora una linea di tendenza. ROMOUR: voce, indiscrezione, notizia non ufficiale ma di una certa attendibilit.

SCALATA: Accaparramento di azioni di una societ da parte di unaltra societ che intende acquisirne il controllo. SCAMBI: Il numero complessivo di titoli trattati per ciascun valore mobiliare o nell'intero mercato durante un determinato periodo di tempo. SEGMENTO BLUE CHIP (MTA): segmento del MTA (Mercato Telematico Azionario della Borsa Italiana) che comprende i titoli delle societ con capitalizzazione superiore a 800 milioni di euro. SEGMENTO DI BORSA ORDINARIO (SBO): Segmento di Borsa Ordinario (MTA) dedicato alle societ con una capitalizzazione inferiore a 800 milioni di euro che non appartengono al segmento STAR. SEGMENTO STAR:Segmento del MTA (Mercato Telematico Azionario della Borsa Italiana) che comprende Titoli ad Alti Requisiti dedicato a societ con capitalizzazione inferiore a 800 milioni di euro, che rispondono a requisiti specifici in termini di liquidit, trasparenza e corporate governance. SCISSIONE: una societ scinde una sua parte per dare vita a una nuova societ: agli azionisti di questultima vengono assegnate azioni della nuova societ, di solito in modo proporzionale. SMALL CAPS: Titoli a piccola capitalizzazione, cio di una piccola impresa, la cui quantit in circolazione notevolmente minore alla media dei titoli emessi da altre societ. Si includono in tale categoria le azioni appartenenti all'indice MIDEX. SME (SISTEMA MONETARIO EUROPEO): Accordo di cooperazione monetaria sottoscritto nel 1979 dai Paesi membri dellUnione europea allo scopo di creare una zona di stabilit monetaria. Laccordo si concluso a fine 1998 per dare luogo allattuazione dell'Unione economica e monetaria. SOTTO LA PARI: Quotazione o prezzo di emissione di un titolo azionario o obbligazionario inferiore al valore nominale del titolo stesso. SPECIALIST: Intermediario finanziario, presente anche a Piazza Affari, autorizzato a operare nella quotazione di uno o pi titoli sui quali mantiene delle posizioni che gli consentono di intervenire quando le oscillazioni di prezzo diventano eccessive a causa di temporanei sbilanci fra domanda e offerta. SPECULAZIONE: Attivit tesa a massimizzare il guadagno a breve termine attraverso continue operazioni di compravendita di titoli, valute o beni. S&P/MIB INDICE: Indice realizzato da Standard & Poor's e Borsa Italiana. L'indicatore azionario italiano stato disegnato secondo l'approccio internazionale e riconosciuto di S&P e non ha numero fisso di compenenti. Nell'indice vengono presi in considerazione il criterio del flottante, l'ampia ed elevata liquidit, l'accurata rappresentazione dei principali settori del mercato secondo la classificazione GICS. SPLIT:Operazione di riduzione del valore nominale di un' azione, con conseguente aumento delle azioni in circolazione, lasciando invariato l'ammontare del capitale sociale. Si rende necessario quando le azioni hanno raggiunto una quotazione di Borsa cos elevata da renderne oneroso l'acquisto da parte degli investitori retail. Gli azionisti ricevono le nuove azioni, mantenendo, cos, la loro quota di capitale sociale. STOCK OPTION: Locuzione inglese che si riferisce ai contratti di opzione sui titoli azionari. STATO PATRIMONIALE: Conto che mostra l'insieme delle attivit e passivit di una societ mettendole a confronto. SUPPORTO: Indica il livello dei prezzi in cui la pressione dei compratori superiore a quella dei venditori. Questo comportamento potrebbe fermare la discesa del mercato. SURPLUS: Termine usato in economia per indicare sovrappi, avanzo, utile. SVALUTAZIONE MONETARIA: Riduzione del corso di cambio di una valuta nei confronti di quella di un altro Paese. Favorisce i produttori del Paese con moneta svalutata (si riduce il prezzo dei loro prodotti in monete forti) e mette in posizione di svantaggio i consumatori (che pagano di pi le merci importate). Di solito si applica a quelle valute che hanno un tasso di cambio fisso. TAGLIO UNITARIO: Per le azioni la frazione di capitale sociale rappresentata da un'azione. Per i titoli obbligazionari il valore al quale l'emittenti si impegnato a rimborsare il titolo alla scadenza ed l'importo su cui si calcolano gli interessi.

TASSO D'INFLAZIONE: Indice di aumento/diminuzione generalizzato dei prezzi ossia conseguente diminuzione/aumento del potere dacquisto dellunit monetaria. TASSO DI RENDIMENTO EFFETTIVO A SCADENZA (TRES): Il TRES il tasso di rendimento interno di un investimento consistente nellacquisto di un titolo che linvestitore detiene fino alla scadenza, reinvestendo le cedole allo stesso tasso di rendimento. TASSO DI RENDIMENTO IMMEDIATO (TRI): un indicatore parziale della redditivit di un titolo, poich considera solo il reddito derivante dallo stacco della cedola, in riferimento allintervallo di tempo che intercorre tra lo stacco di due cedole successive. Non considera, quindi, la vita residua dell'obbligazione e il valore di rimborso del capitale. TASSO DI RENDIMENTO NOMINALE (TRN): Indicatore di rendimento di un obbligazione a tasso fisso pari al rapporto tra una singola cedola periodica e il valore nominale del titolo. Pesa il reddito derivante dallo stacco della cedola rispetto al valore nominale, senza considerare la periodicit delle cedole e i guadagni/perdite in conto capitale (differenza tra prezzo di acquisto e prezzo di vendita) e considera una cedola sola. TITOLO A REDDITO PREDETERMINATO: Titolo le cui modalit di remunerazione sono fissate in sede di emissione e non variano nel corso della durata del titolo. TITOLO GUIDA: Azione di societ quotate in Borsa ed appartenenti al segmento di mercato a pi elevata capitalizzazione. In Italia sono dette blue chips le azioni appartenenti all'indice MIB 30. Rispetto alle altre azioni, offrono, a parit di rendimento atteso, un rischio generalmente pi basso. Il nome deriva dalle fiches blue, che nei giochi d'azzardo hanno il valore maggiore. TITOLO A BREVE TERMINE: Titolo con durata non superiore ai 18 mesi. Sono titoli a breve termine i BOT e i BTE. TITOLO A MEDIO-LUNGO TERMINE: Titolo con durata superiore ai 18 mesi. Sono titoli a medio-lungo termine i BTP, i CCT, i CTE, i CTO, i CTR, i CTS, i CTZ. TITOLO A REDDITO PREDETERMINATO: Titolo le cui modalit di remunerazione sono fissate in sede di emissione e non variano nel corso della durata del titolo. Include i titoli a reddito fisso, caratterizzati da un tasso di interesse che rimane costante per tutta la vita del titolo e i titoli di puro sconto, con un rendimento pari alla differenza tra il valore di rimborso e il prezzo di sottoscrizione/acquisto. TITOLO A REDDITO VARIABILE: Titolo che presenta rendimento variabile durante la vita del titolo stesso. TITOLO AL PORTATORE: Titolo privo di intestazione. Il possesso del titolo garantisce la piena titolarit a chi lo detiene ed sufficiente per l'esercizio dei diritti relativi. Il trasferimento del titolo avviene attraverso la consegna materiale dello stesso. TITOLO DI STATO: Obbligazione emessa dallo Stato per far fronte al debito nazionale. TITOLO NOMINATIVO: Titolo intestato ad una persona fisica o giuridica. TOKYO STOCK PRICE INDEX (TOPIX): Indice rappresentativo dellandamento delle azioni quotate nella prima sezione della Borsa di Tokyo (Tokyo Stock Exchange). TENDER OFFERT (OFFERTA DI ACQUISTO): Lofferta di acquisto di titoli azionari di una societ a un prezzo generalmente maggiore di quello di mercato, a favore sia degli azionisti di riferimento sia di quelli di minoranza. Queste operazioni vengono in genere promosse pubblicamente da quei soggetti che intendono acquisire il controllo o la globalit dei titoli di una SpA, non potendo o non volendo utilizzare il mercato per gli acquisti degli stessi titoli. TERMINE: Periodo di validit di un contratto. Il termine pu essere utilizzato per definire la durata di un titolo obbligazionario o la scadenza di un finanziamento. Pu indicare anche le condizioni generali che sono alla base di una specifica obbligazione contrattuale come per esempio, il tasso dinteresse di un finanziamento. TERM REPO (PRONTI CONTRO TERMINE): Operazione di vendita e riacquisto di titoli a date differenti, che va oltre larco di tempo di un giorno. In funzione della controparte, si struttura come unoperazione di deposito o finanziamento, garantita da titoli per il periodo stabilito. TRADING ON LINE: Sistema di compravendita di attivit finanziarie in borsa, attuato in via

telematica. UE (o Unione Europea): Organismo che nel 1992 si trasformato dall'originaria Comunit economica europea (CEE) e che riunisce 15 Stati europei allo scopo di promuovere il graduale avvicinamento delle politiche economiche negli Stati membri attraverso linstaurazione di un mercato comune. ULTIMO GIORNO DI CONTRATTAZIONE (LAST TRADING DAY): Ultimo giorno disponibile per la negoziazione di un contratto future sul relativo mercato. UNDERLYING: Sottostante. UPTREND: Movimento rialzista di un titolo. UTILE NETTO: Risultato che si ottiene sottraendo dall'utile operativo i costi finanziari. UTILE PER AZIONE: E' la relazione fra gli utili concretizzati da una societ e il numero di azioni possedute dagli investitori. VALORE AGGIUNTO: E' la differenza tra il valore di un bene o di un servizio prodotto da un sistema e il valore che esso acquista dall'esterno. VALORE ATTUALE: E' il valore di un capitale in data anteriore a quella della sua fruibilit (godibilit). VALORE CORRENTE: Indica il valore sul mercato di un bene o di un servizio. VALORE DI EMISSIONE: Importo che il sottoscrittore di un titolo deve versare all'emittente, che quota i propri titoli per la prima volta (sul Mercato primario), per entrarne in possesso ed esercitare, cos, i diritti che il titolo stesso incorpora. Le azioni non possono essere emesse per somma inferiore al valore nominale. VALORE DI MERCATO (MARKET VALUE): Importo al quale scambiato un titolo sul mercato. Si determina dall'incontro tra offerta e domanda sul mercato. Per i titoli quotati in Borsa, il valore di mercato riportato giornalmente sul listino. VALORE DI RIMBORSO (REDEMPTION PRICE): Importo corrisposto al possessore di un titolo alla scadenza di quest'ultimo. VALORE NOMINALE: Per le azioni la frazione di capitale sociale rappresentata da un'azione. Per i titoli obbligazionari il valore al quale l'emittenti si impegnato a rimborsare il titolo alla scadenza ed l'importo su cui si calcolano gli interessi. Rimane invariato nel tempo e non influenzato dalla situazione patrimoniale dell'emittente. Nel caso delle azioni pu essere modificato solo mediante una modifica dell'atto costitutivo con conseguente frazionamento o raggruppamento di azioni. Il valore nominale non coincide n con il valore di emissione (le azioni possono essere emesse per somma superiore al valore nominale, cio con sovrapprezzo; le obbligazioni possono essere emesse, oltre che sopra la pari, anche sotto la pari), n, per le azioni, con il valore reale e neanche con il valore di mercato del titolo. VALORE REALE: Valore contabile di un' azione dato dal rapporto tra il patrimonio netto della societ emittente e il numero di azioni emesse da questa. Varia nel tempo, a seconda della situazione patrimoniale della societ. VENTURE CAPITAL: Si tratta di investimenti ad altissimo rischio che proprio perch tali si possono rivelare molto remunerativi. VOLATILITA': Ampiezza delle fluttuazioni del prezzo di un titolo in un certo intervallo di tempo. Quanto maggiore la volatilit, tanto pi elevato il rendimento atteso. VOLATILITA' IMPLICITA: Misurazione che indica le aspettative degli operatori circa la volatilit futura dei prezzi degli strumenti sottostanti e che si ottiene attraverso il calcolo della volatilit corrispondente al prezzo attuale dell'opzione. VOLUME: E' il numero di contratti e azioni scambiati durante un determinato periodo di tempo. WARRANT: Strumento finanziario derivato, costituito da un buonoche attribuisce ai sottoscrittori il

diritto allacquisto (call warrant), o alla vendita (put warrant) di una certa attivit finanziaria o reale (underlying), entro una data di scadenza (warrant americano), o in una specifica data (warrant europeo), in quantit (valore nominale o multiplo) e ad un prezzo (strike price) prefissati. Si tratta di un titolo negoziabile, quotato ufficialmente presso le Borse, che pu essere venduto solo successivamente allacquisto. WHOLESALE PRICE INDEX (INDICE DEI PREZZI ALL'INGROSSO): Indice statistico che rileva landamento del prezzo allingrosso di un determinato paniere di beni, o del prezzo pagato dai produttori per acquisire un paniere di fattori di produzione. YIELD (RENDIMENTO): Risultato economico di un investimento in titoli. E' calcolato come rapporto tra il dividendo annuale del titolo e il prezzo di mercato dellazione. YIELD ADVANTAGE (PREMIO DI RENDIMENTO): Ulteriore rendimento che il possessore di unobbligazione convertibile ottiene rispetto a chi possiede il titolo azionario sottostante. ZERO COUPON (CERTIFICATI DEL TESORO ZERO COUPON): Certificati di credito del Tesoro privi di cedole. Sono titoli a tasso fisso di durata pari a 18 o 24 mesi. Il rendimento dato dalla differenza tra il valore di rimborso (pari al valore nominale) e il prezzo di emissione. Sono collocati attraverso un'asta marginale sul prezzo, cui partecipano le banche e gli altri operatori autorizzati. ZERO COUPON BOND OBBLIGAZIONE ZERO COUPON): Obbligazione priva di cedola. Si tratta di un' obbligazione a tasso fisso il cui rendimento garantito dal fatto che emessa a prezzi pi bassi del valore nominale (sotto la pari). E' pari alla differenza tra il prezzo di sottoscrizione e il valore di rimborso (valore nominale). ZERO COUPON CONVERTIBLE BOND: Titolo obbligazionario non provvisto di cedola, con possibilit di richiedere la conversione con titoli azionari determinati, nel caso in cui si verifichino le condizioni previste allatto di emissione. ZERO COUPON MORTGAGE: Titolo obbligazionario collegato a un prestito ipotecario per il quale sia il pagamento degli interessi, sia il rimborso del capitale avvengono, al termine del periodo stabilito, in ununica soluzione. ZERO GAP: Avviene quando le attivit finanziarie con una data scadenza vengono perfettamente bilanciate da altrettante passivit finanziarie. Per esempio una banca che a fronte di finanziamenti a breve termine si finanzia con lemissone di certificati di depositi aventi le stesse scadenze. ZERO MINUS TICK: Vendita di un titolo azionario a un prezzo equivalente a quello dellultima transazione eseguita, ma inferiore a quello dellultima operazione avvenuta a un differente prezzo.