Sei sulla pagina 1di 2

Approfondimento

-I carboidrati possono essere utilizzati subito per la sintesi di ATP oppure essere messi in riserva sotto forma di glicogeno (nelle cellule epatiche o direttamente nelle cellule muscolari). I carboidrati in eccesso vengono trasformati in acidi grassi e messi in riserva nelle cellule adipose. -Le cellule di un atleta imparano ad utilizzare glicogeno in riserva e allo stesso tempo acidi grassi, ma solo le cellule di un atleta sono riescono a fare cio. Percio chi nn allenato difficilmente ridurra il proprio peso visto che il proprio organismo nn in grado di utilizzare sostanze energetiche di origine lipidica, messe in riserva. -Un atleta durante una gare utilizza per 2/3 energia endogena (energia presente nel corpo sotto forma di riserva, acidi grassi e glicogeno) e per 1/3 energia esogena assunta durante la gara (o a colazione prima della gara). -Una persona allenata esercita una potenza maggiore quindi utilizzer piu energia. Il fattore limitante di ogni attivit sportiva la frequenza cardiaca. Attraverso il Test Conconi si puo stabilire il proprio grado di allenamento e la propria soglia anaerobica. Il numero di battiti alla soglia anaerobica e piu o meno uguale a tutte le persone (siano sportive o no). Tuttavia la potenza esercitata a tale numero di pulsazioni vari nettamente tra chi allenato e chi nn lo . Il motivo principale sta nella grandezza del cuore, infatti una persona allenata ha un cuore molto piu grande che in grado di pulsare piu sangue alle cellule rispetto a una persona nn allenata. -Con il test Conconi determiniamo la soglia anaerobica, cio lo sforzo massimo che possiamo esercitare oltre il quale nn siamo piu in grado di fornire ossigeno sufficiente alle nostre cellule sotto sforzo. -La potenza esercitata dal nostro corpo alla soglia anaerobica puo essere migliorata. L'elemento che limita la potenza l'apporto di ossigeno, infatti se la potenza aumenta ci vuole piu energia da mettere a disposizione delle cellule sotto sforzo e per avere piu energia a disposizione ci vuole piu ossigeno che libera l'energia contenuta nei legami chimici delle sostanze energetiche (tramite la RC). Quindi per aumentare la potenza il cuore deve pompare piu sangue, ricco di ossigeno, alle cellule. Tuttavia il numero di pulsazioni nn puo aumentare, puo aumentare la quantit di ossigeno che per singola pulsazione viene fornito alle cellule, questo possibile aumentando il volume del cuore che riuscir a pompare piu sangue con lo stesso numero di battiti cardiaci. Allenamento il volume del cuore aumenta=> piu ossigeno alle cellule=> maggiore disponibilit di energia da fornire alle strutture della cellula ( O2 sintetizza ATP che trasporta l'energia alle strutture cellulari)=> maggiore intensit nell'attivit fisica=> maggior lavoro (piu potenza)! - L'ingrandimento del cuore porta ad esercitare maggior potenza alla soglia anaerobica. Aumentando la velocit aumenta la potenza esercitata=> si necessita piu energia=> ci vuole piu ossigeno per sintetizzare l'ATP, che fornir l'energia alle strutture cellulari. Finch le strutture cellulari avranno abbastanza energia potranno sopportare l'aumento dell'intensit dello sforzo (cio aumento della velocit). Quando il cuore nn riuscir piu a pompare abbastanza sangue (l'ossigeno che arriva alle cellule insufficiente), inizia la respirazione cellulare anaerobica che produce acido lattico. Con la RC anaerobica l'energia che viene apportata alle strutture cellulari non sufficiente e di conseguenza le strutture cellulari nn potranno piu svolgere le proprie funzione=> l'individuo dovr fermarsi.

- Nel test Conconi la Potenza=Velocit dell'individuo - Durante la R.C. anaerobica la sintesi di ATP cala drasticamente. Infatti solo 2 molecole di ATP vengono caricate di energia rispetto alle 36 molecole di ATP nella R.C. aerobica. Solo una parte dell'energia contenuta nei legami chimici del glucosio viene trasferita nell'ATP, da questa reazione si forma l'acido lattico che una sostanza ancora energetica (si accumula nelle cellule muscolari). - Una grande quantit di ossigeno rifornito in breve tempo permette di svolgere intensit di sforzo elevate senza superare la soglia anaerobica. - Con l'aumento del volume del cuore, un atleta riesce a pompare maggiore quantit di sangue nel corpo. Alla stessa frequenza cardiaca uno sportivo riesce pompare piu sangue, tuttavia la soglia anaerobica piu o meno uguale per tutte le persone e nn possibile elevare piu di tanto questa soglia. Ma a riposo un atleta necessita meno battiti per svolgere le stesse funzioni di una persona nn allenata. - Per aumentare l'intensit dello sforzo (piu potenza), bisogna svolgere degli allenamenti con una frequenza cardiaca vicina alla soglia anaerobica=> il cuore stimolato ad ingrandirsi, cio pompare piu sangue=> potenza alla soglia anaerobica aumenter. - Per aumentare la resistenza bisogna svolgere degli allenamenti con una frequenza cardiaca piuttosto bassa, l'organismo impara a gestire sforzi prolungati(le cellule imparano a utilizzare in modo differente le riserve energetiche, esempio: imparano a immagazzinare ed utilizzare riserve lipidiche) . La potenza alla soglia anaerobica nn si modifica.

Alim./Anemia e trasporto di O2 Il ferro coinvolto in diversi processi metabolici. Tra i piu importanti c' il trasporto di ossigeno dai polmoni alle cellule. L'O2 si lega alle molecole di emoglobina presenti sulla superficie dei globuli rossi, tramite il ferro. Infatti sulla superficie dell'emoglobina ci sono 4 atomi di ferro a cui si lega l'ossigeno. Una mancanza di ferro impedisce al corpo di fornire ossigeno sufficiente alle cellule. I globuli rossi vengono sostituiti regolarmente, quindi indispensabile che ci sia sempre un corretto apporto di Ferro. Il ferro viene immagazzinato nell'organismo sotto forma di molecola proteica, la Ferritina. La mancanza di ferro chiamata anemia. I sintomi sono: stanchezza, mal di testa, diminuzione della pressione, dolori muscolari, insonnia, spossatezza. Cause: apporto insufficiente di ferro, perdita di sangue elevata, emorragie interne, problemi durante l'assimilazione del ferro nel sist. digerente.