Sei sulla pagina 1di 6

Viviloloratorio Centro Giovanile

di Bolgare
Ora decima 2007-2008 prima parte

La carne e lo spirito

LO SPIRITO È PRONTO
MA LA CARNE È DEBOLE
I VIZI CAPITALI/3: L’AVARIZIA

mercoledì 21 novembre
Istruzione
e catechesi dialogata
con momento
di preghiera iniziale
Preghiera di
Invocazione allo Spirito Santo

Nel nome del Padre...

Rit: Vieni vieni Spirito d’amore...

Vieni, Spirito santo, Dio, Signore:


riempi con il favore della tua grazia
l’animo e la mente dei credenti,
accendi in loro il fuoco del tuo amore.

Con lo splendore dell’eterna luce,


tu radunasti in una sola fede
un popolo da tutte le nazioni:
noi inneggiamo a te, Spirito santo.

Santa luce, sicuro luogo di rifugio:


illumina ai credenti la Parola.
Donaci la vera conoscenza di Dio
e la gioia di chiamarlo Padre.

Preservaci, o Santo, dagli errori,


perché Cristo
sia il nostro unico maestro,
e aderendo a lui grazie a una fede retta
confidiamo in lui
con tutto il nostro cuore.

MARTIN LUTERO (1483-1546)


Quello che non ho
è una camicia bianca
quello che non ho è un segreto in banca
quello che non ho sono le tue pistole
per conquistarmi il cielo per guadagnarmi il sole.

Quello che non ho è di farla franca


quello che non ho è quel che non mi manca
quello che non ho sono le tue parole
per guadagnarmi il cielo per conquistarmi il sole.

Quello che non ho è un orologio avanti


per correre più in fretta e avervi più distanti
quello che non ho è un treno arrugginito
che mi riporti indietro da dove sono partito.

Quello che non ho sono i tuoi denti d'oro


quello che non ho è un pranzo di lavoro
quello che non ho è questa prateria
per correre più forte della malinconia.

Quello che non ho sono le mani in pasta


quello che non ho è un indirizzo in tasca
quello che non ho sei tu dalla mia parte
quello che non ho è di fregarti a carte.

Quello che non ho è una camicia bianca


quello che non ho è di farla franca
quello che non ho sono le sue pistole
per conquistarmi il cielo per guadagnarmi il sole.

Quello che non ho...

FABRIZIO DE’ ANDRE


MASSIMO BUBOLA, Quello che non ho
Lettura dei passi biblici
che riguardano il tema
di questa sera
1. Evangelo di Luca 4,1-12
Gesù, pieno di Spirito Santo, si allontanò dal Giordano e fu condotto dallo Spirito nel
deserto dove, per quaranta giorni, fu tentato dal diavolo. Non mangiò nulla in quei giorni;
ma quando furono terminati ebbe fame. Allora il diavolo gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, dì
a questa pietra che diventi pane». Gesù gli rispose: «Sta scritto: Non di solo pane vivrà
l'uomo». Il diavolo lo condusse in alto e, mostrandogli in un istante tutti i regni della terra,
gli disse: «Ti darò tutta questa potenza e la gloria di questi regni, perché è stata messa nelle
mie mani e io la do a chi voglio. Se ti prostri dinanzi a me tutto sarà tuo». Gesù gli rispose:
«Sta scritto: Solo al Signore Dio tuo ti prostrerai, lui solo adorerai». Lo condusse a
Gerusalemme, lo pose sul pinnacolo del tempio e gli disse: «Se tu sei Figlio di Dio, buttati
giù; sta scritto infatti:
Ai suoi angeli darà ordine per te,
perché essi ti custodiscano;

e anche:
essi ti sosterranno con le mani,
perché il tuo piede non inciampi in una pietra».

Gesù gli rispose: «È stato detto: Non tenterai il Signore Dio tuo». Dopo aver esaurito ogni
specie di tentazione, il diavolo si allontanò da lui per ritornare al tempo fissato.

Ricordiamo ancora gli otto “loghismoi”, patologie dei rapporti:


1. Ingordigia, voracità
2. Lussuria, fornicazione.
3. Avarizia
4. Collera, aggressività
5. Tristezza
6. Acedia
7. Vanagloria
8. Orgoglio
2. Atti degli Apostoli 20,17-19.32-35
Da Milèto, Paolo mandò a chiamare subito ad Efeso gli anziani della Chiesa. 18 Quando essi
giunsero disse loro: "Voi sapete come mi sono comportato con voi fin dal primo giorno in cui
arrivai in Asia e per tutto questo tempo: 19 ho servito il Signore con tutta umiltà, tra le lacrime
e tra le prove che mi hanno procurato le insidie dei Giudei. (...)
Ed ora vi affido al Signore e alla parola della sua grazia che ha il potere di edificare e di
concedere l`eredità con tutti i santificati. 33 Non ho desiderato né argento, né oro, né la veste
di nessuno. 34 Voi sapete che alle necessità mie e di quelli che erano con me hanno provveduto
queste mie mani. 35 In tutte le maniere vi ho dimostrato che lavorando così si devono
soccorrere i deboli, ricordandoci delle parole del Signore Gesù, che disse: Vi è più gioia nel
dare che nel ricevere!".

3. Prima lettera di Paolo a Timoteo 6,7-10


Fratelli, non abbiamo portato nulla in questo mondo e nulla possiamo portarne via. 8 Quando
dunque abbiamo di che mangiare e di che coprirci, contentiamoci di questo. 9 Al contrario
coloro che vogliono arricchire, cadono nella tentazione, nel laccio e in molte bramosie
insensate e funeste, che fanno affogare gli uomini in rovina e perdizione. 10 L`attaccamento al
denaro infatti è la radice di tutti i mali; per il suo sfrenato desiderio alcuni hanno deviato
dalla fede e si sono da se stessi tormentati con molti dolori.

4. Evangelo di Matteo 6,19-21


Gesù disse “Non accumulatevi tesori sulla terra, dove tignola e ruggine consumano e dove
ladri scassinano e rubano; 20 accumulatevi invece tesori nel cielo, dove né tignola né ruggine
consumano, e dove ladri non scassinano e non rubano. 21 Perché là dov`è il tuo tesoro, sarà
anche il tuo cuore".

5. Lettera di Paolo ai Colossesi 3,1-5


Fratelli, se dunque siete risorti con Cristo, cercate le cose di lassù, dove si trova Cristo assiso
alla destra di Dio; 2 pensate alle cose di lassù, non a quelle della terra. 3 Voi infatti siete morti e
la vostra vita è ormai nascosta con Cristo in Dio! 4 Quando si manifesterà Cristo, la vostra
vita, allora anche voi sarete manifestati con lui nella gloria. 5 Mortificate dunque quella parte
di voi che appartiene alla terra: fornicazione, impurità, passioni, desideri cattivi e quella
avarizia insaziabile che è idolatria.

6. Evangelo di Luca 16,13


Gesù disse: “Nessun servo può servire a due padroni: o odierà l`uno e amerà l`altro oppure si
affezionerà all`uno e disprezzerà l`altro. Non potete servire a Dio e a mammona".
7. Atti degli Apostoli 4,32
32
La moltitudine di coloro che eran venuti alla fede aveva un cuore solo e un`anima sola e
nessuno diceva sua proprietà quello che gli apparteneva, ma ogni cosa era fra loro comune.

Catechesi dialogata...

Padre nostro...

Momento di agape fraterna


nel Bar dell’Oratorio...

Grazie per la tua presenza!


Arrivederci
al prossimo incontro:

MERCOLEDÌ 28 NOVEMBRE
ORE 20.45 IN CAPPELLINA

Istruzione
e catechesi dialogata
con momento
di preghiera iniziale

I vizi capitali/4:
La collera
6