Sei sulla pagina 1di 20

1

SOMMARIO PAG. 3 EDITORIALE PAG.4 ESITEVA GIA IL CELLULARE NEL 1922? PAG.6 INTERVISTA ESCLUSIVA DI DAVE SIXX A PABLITO EL DRITO ESPONENTE DELLA 8-BIT GENERATION, CI RACCONTA UN PO DELLA SUA FILOSOFIA. PAG.9 RECENSIONE PERCODICE APERTO LAVVINCENTE TECHNO-TRHILLER DEL FERRARESE FABIO DE LUIGI PAG.12 RECENSIONE PER IL LIBRO NERONE DI ANDREA BISCARO, UN NOIR STORICO IN UNA ROMA CRUDA E LIBERTINA. PAG. 14 RECENSIONE PER STAGIONI FERRARESI DI VINCENZO MARIA MONDA LA POESIA DELICATA DI UN VIANDANTE ROMANTICO. PAG.16 LA NUOVA ZELANDA E LE SUE STRANE CREATURE. PAG.19

Libro manifesto AA.VV. Nuova Oggettivit


IL LIBRO MANIFESTO FILOSOFICO CHE RACCOGLIE TUTTI I PIU GRANDI PENSATORI CONTEMPORANEI.

EDITORIALE Questo nuovo numero vorrei aprirlo con un ricordo del compianto Budd Hopkins, pioniere delle abduction aliene nato il 15 giugno 1931 nella Virginia Occidentale, pittore, scultore e diventato una figura determinante nel campo degli studi sui rapimenti alieni. Allinizio degli anni 70 insieme ad altre persone visse personalmente lesperienza di vedere un U.F.O. ci lo affascin e lo assorb totalmente, tanto che da quel momento diverr per lui largomento di principale importanza. Dopo aver pubblicato la sua esperienza, nel 1976 cominci a ricevere lettere di persone che affermavano di aver avuto esperienze di cui ricordavano pochissimo, e in cui cera stato quel che verr poi denominato missing Time ovvero tempo mancante, dicevano cio di aver dei buchi temporali in cui non ricordavano di aver fatto assolutamente nulla, ma comunque erano passati minuti o addirittura ore. Alla fine degli anni 80 fond l' Intruders Foundation , una associazione senza scopo di lucro volta a scoprire cosa sia veramente accaduto a queste persone cos diverse tra loro, ma con questi buchi in comune, avvalendosi dellaiuto di alcuni laureati che con lipnosi regressiva riescono a far affiorare i ricordi di questi soggetti. Hopkins scrisse parecchi libri sui rapimenti alieni, tra cui Missing Time. Nel 1992 esce il film Intruders ,basato sulle ricerche di Hopkins, rappresenta uno dei primi film dove il fenomeno venga definito cos chiaramente. Nel 1996 Hopkins scrive il suo ultimo libro: Witnessed, in cui descrive un classico caso di rapimento alieno avvenuto nel 1989 a New York vicino il Ponte di Brooklin. Continuamente discusso in vita sui suoi studi, non avendo una specializzazione nella materia dellipnosi che dopo qualche anno comincer ad operare da solo sui soggetti, gli viene spesso controbattuto alla sua buona fede, la possibilit che si possa in qualche modo dettare dettagli ai soggetti che poi si troverebbero nella condizione di mescolare o alterare i ricordi a piacimento dellipnotista, avendo come scopo quello di riportare a galla ricordi talmente profondi da dover scendere di moltissimo nella coscienza delle persone. I primi passi di questo pioniere sono pi di quanto ci di sia estremo nello studio del fenomeno U.F.O. che non si limita soltanto a ricercare nei cieli una piccola luce che si muove, ma si basa su casi scientifici che migliaia di volte sono stati seguiti da esperti in materia dellipnosi a cui non solo non si mai ritratto Hopkins ma anzi ha sempre chiesto che sempre pi persone del mondo scientifico si interessassero ai suoi studi e fossero presenti durante le sedute. Laltra persona a cui voglio dedicare questo numero lufologo Corrado Malanga, che in questi giorni stato vittima di un disturbo alla vista molto grave, tanto da renderlo quasi cieco. Da svariati anni sempre pi discusso anche lui, per le sue conferenze ed affermazioni sul fenomeno dellufologia, sempre pi estreme e sicuramente scomode, ha cominciato a fare studi con lipnosi regressiva come Hopkins, ma cercando di svelare una verit sicuramente scomoda e pericolosa, che ha raccontato in vari libri tra cui il pi incisivo Alieni o demoni in cui i casi di possessione demoniaca sarebbero casi di possessione aliena, come si pu vedere nel film ispirato ai suoi studi 6 giorni sulla terra, o come si potuto appurare in questo campo, falsi ricordi di rapimenti alieni sarebbero stati immessi dalle forze governative, per mescolare il falso al vero e non capire pi dove comincia una e finisce laltra. Sicuramente affermazioni tali, sono un vero pericolo, per chiunque voglia non solo far tacere le chiacchiere sugli U.F.O. ma anche per chi per secoli ha determinato la propria affermazione sulla popolazione terrestre di ogni religione. Auguriamo a Corrado Malanga una pronta guarigione e una pronta ripresa dei suoi studi cos importanti per la vera conoscenza degli Alieni e del fenomeno U.F.O. Ganzaroli Maurizio

ESISTEVA GIA IL TELEFONO CELLULARE NEL 1922? A giudicare da ci che si vede in questo video, sembra che la cosa fosse una realt ben prima che potesse anche solo esistere il cordless o un telefono come lo intendiamo adesso. Questa invenzione viene attribuita se non interamente ma almeno ideologicamente a Nikola Tesla di cui abbiamo gi parlato nel numero precedente, che con il suo genio creativo e visionario ha precorso i tempi, inventando, studiando e mettendo a punto anche solo in parte tantissime cose che nel nostro secolo sono considerate alta tecnologia. Questo video muto non solo ritenuto autentico e assolutamente senza ritocchi di alcun genere, senza nessuna attribuzione a nessun film come invece stato per il caso delluomo che sembra parlare ad un moderno cellulare nel film di Chaplin, ma se fosse davvero cos, se diverse tecnologie nel passato erano gi attuabili, perch non sono state commercializzate gi allora? Lumanit avrebbe fatto passi enormi con luso di un telefono senza fili gi a quellepoca, basti pensare al disastro del Titanic solo qualche anno prima o a quale sarebbe stata la svolta nella prima guerra mondiale. Forse qualcuno da tempi immemorabili cerca di far tacere, o nascondere cose scomode affinch la nostra tecnologia e la nostra consapevolezza rimangano frenate e pi facilmente manipolabili? Nellarticolo sotto si pu leggere che loggetto mostrato nel video potrebbe trattarsi di uninvenzione di Tesla e che conferma la veridicit del video stesso, anche se pu sembrare incredibile.

INTERVISTA ESCLUSIVA DI DAVE SIXX A PABLITO EL DRITO CIAO PABLITO, VUOI INTRODURRE IL TUO PROGETTO E PUOI DIRCI COME HAI COMINCIATO ? DA QUANTO SEI NELLA 8 BIT SCENE ? Dunque, io ho vari progetti, alcuni dei quali pi che decennali, come la mia attivit di dj techno e dub. Sono anche produttore dell'etichetta RXSTNZ (www.rexistenz.org) , che ho fondato alla fine del 2009 insieme ai miei amici a034, Hyena, Mbst8 e Manual destruction. Con la micromusic ho cominciato tre anni fa. Organizzai una serata in Conchetta, storico centro sociale milanese, in cui festeggiai il mio compleanno. Io non suonavo ancora con sti aggeggi, non sapevo manco come funzionassero. Quella sera ebbi la fortuna di conoscere Oliver Wittchow, il creatore di nanoloop, e mi regalai una cartuccia per suonare. Era la versione 1.3 di nanoloop e da li part tutto. Due mesi dopo avevo scritto il mio primo live :D CHE COSA HA FATTO SCATTARE LA SCINTILLA ? Il suono, che mi ricordava quello della mia infanzia. La semplicit dello strumento, che ti obbliga ad una sfida intellettuale per evitare di essere troppo banale. Il fatto di poter finalmente suonare con dell' hardware veramente portatile e cheap. QUAL'E' IL TUO PROCESSO DI SONGWRITING ? Gran parte delle cose che ho scritto in passato le ho realizzate durante i lunghi viaggi in treno. Ora, mi metto al parco o all'aperto e scrivo, o vado in giro in bici mi fermo in un posto accogliente e scrivo. Scrivo molto spesso sul divano o a letto... sono un pigro. IL MOMENTO PIU IMPORTANTE DELLA TUA CARRIERA CHIPTUNE ? Credo che per il momento pi emozionante sia stato suonare prima di Zu e Ovo, due dei miei gruppi preferiti. COME VEDI LA SCENA ATTUALE ITALIANA ? La vedo bene. Sta crescendo. Siamo tutti amici. IL PAESE PIU' ATTIVO NEL MONDO DELLA 8 bit music ? Stati uniti credo. COME NATO IL PROGETTO Italian Micromusic 4 Japan ? Da un'idea di Francesco Piazza, giovane micromusicista bresciano. Diciamo che io mi sono occupato della produzione. Ho compilato la playlist e provveduto al mastering, che alla fine ha curato Manual destruction, uno dei miei soci del progetto Rexistenz, uno fidato. A CHI TI ISPIRI ? Agli amici dell'editoria indipendente, Gomma e Raf Valvola di Shake Edizioni Underground e Marco Philopat di Agenzia X. Alla straripante creativit dei battitori liberi dell'underground, penso a Giacomo Spazio, Helena Velena, Matteo Guarnaccia. Alla scena musicale che venne fuori dai raves degli anni 90, quella pi attenta all'innovazione: Idroscalo records, Stripe 999, Praxis, Zhark, Rephlex. Per fortuna c' ancora gente che sa fare, e che non lecca i piedi a nessuno. Va dritta come un treno sbattendosene delle mode del momento. E'cos che si crea un qualcosa che resta nel tempo. COSA ASCOLTI DI SOLITO ? Classici techno (Underground resistance in primis, Plasticman, Liberator), la prima house e acid (Todd terry, Marrs, 808 state, Luke Vibert), il primo hip hop (da Afrika Bambaataa a Public Enemy). Dub scura e industriale (Vex'd, Distance, Scorn, Drop the lime). Ma anche pop (Blondie soprattutto...) QUALI SONO LE TUE "ARMI" (HARDWARE E SOFTWARE)?

Gameboy dmg e gameboy sp. Uso nanoloop nelle versioni 1.3, 1.5 e 2.3. Ho un sacco di vecchi strumenti, che sfortunatamente uso poco o nulla: mp7, rave-o-lution, sidbox, xoxbox, poly61, microwave II e altri... Pure un sacco di vecchi computer, che colleziono e con i quali ho fatto qualche pezzo (c64 e atari st tra gli altri) IL TUO VIDEOGAME PREFERITO ? ...E IL TUO RETROGAME PREFERITO ? Ai videogames non gioco da 10 anni: l'ultimo che mi intripp fu Gta 3. Il primo che mi tenne inchiodato un pomeriggio intero Utopia per Intelevision LE CONSOLE CHE AMI DI PIU' ? Intelevison... tutti la volevano nei primi anni 80 CONSIGLI PER I NUOVI CHIPTUNERS ? Usate la vostra testa PUOI SEGNALARCI TUTTI I TUOI LINK E CONTATTI ? http://soundcloud.com/pablitoeldrito http://www.rexistenz.org http://www.facebook.com/profile.php?id=10000084349 0094 http://www.vimeo.com/pablitoeldrito http://it.youtube.com/user/technoresistance

http://www.radiozerogravity.net/onthecorner.php?sr ch=pablito
DISCOGRAFIA, CONCERTI E PROGETTI FUTURI ? Basta cercare pablito el drito su discogs :D UN'ULTIMA IMPORTANTISSIMA FRASE PER I TUOI FANS ... Ho avuto momenti migliori, anche se non ricordo bene quando :D Video e live 8-bit scene

http://www.youtube.com/watch?v=2NLeW05_ukM&feature=related http://www.youtube.com/watch?v=rgoz_cPEM8Ahttp://www.youtube.com/watch? v=rgoz_cPEM8A! http://www.youtube.com/watch?v=opExJC12gIg http://www.youtube.com/watch?v=wDEGnwn1bFs&feature=related http://www.youtube.com/watch?v=civivkMe6R4&feature=related http://www.youtube.com/watch?v=lvDcwho2gbE http://www.youtube.com/watch?v=WIuHSp3NmtE

RECENSIONE PER CODICE APERTO DI FABIO DE LUIGI (LA CARMELINA EDIZIONI, 2010) Fabio de Luigi nasce a Ferrara nel 1963 e si occupa di sistemi innovativi di comunicazione informatica, programmazione e pubblicit. Questo il suo primo romanzo costato la fatica di 5 lunghi anni. In una Bologna dei giorni nostri, ma anche puntata verso il futuro, una tranquilla mattina come tante viene trovato morto il direttore di una ditta farmaceutica. Le circostanze misteriose in cui viene ritrovato far cadere Sofia, la segretaria ed ex amante dello stesso direttore Patrick Esteban, in una vertiginosa ragnatela telematica che linvischier senza rendersene conto in un sistema pi grande e spaventoso di quanto essa stessa non creda. Scritto con una bravura davvero mirabile e con uno stile informatico, spiana la strada al lettore, dapprima mostrandogli un men di opzioni in cui si muovono personaggi, atmosfere e flashback, poi come se si clickasse su di un mouse ecco aprirsi un sottomen molto intricato, che si svolge in spire come un serpente, verso un universo sempre pi virtuale ed elettronico. Questo universo sarebbe tanto piaciuto ad Isac Asimov: tra inseguimenti, spostamenti in citt ricostruite in maniera puntigliosa, e colpi di scena, non sar possibile per nessuno smettere di leggere questo romanzo prima di averlo terminato. Maurizio Ganzaroli

10

11

RECENSIONE PER NERONE - IL FUOCO DI ROMA DI ANDREA BISCARO (CASTELVECCHI EDITORE, 2011)

Il primo romanzo del giovane ferrarese Biscaro un romanzo storico ed avvincente, scritto come un vero thriller dei giorni nostri, dove trame di vendetta, morte e seduzione serpeggiano nella Roma antica e pi libertina. Il rapporto cos misterioso che lega Nerone al fuoco, i giochi dellarena descritti come se ci si trovasse davanti a quegli spettacoli di sangue e di morte, le urla del pubblico che chiede continuamente tributi di vite umane, sacrificate per il piacere annoiato di quellimperatore manovrato per tutta la vita da mani oscure che lo porteranno allinevitabile fine di Roma: una Roma perversa e lasciva che brucer nel pi grande rogo che la storia ricordi. Trame sottili e sortilegi si snodano in un romanzo scritto a tinte noir che rendono la lettura una sorta di film in chiave horror, ma assolutamente attinente allaria di morte che accompagnava chiunque a quei tempi, dove ogni attimo di vita era un vero regalo. Nerone si trover davanti persino il Cristo morente, in una Roma che comincia a cedere dalle sue fondamenta, con i crocchi di Cristiani nelle catacombe pronti a minare le credenze politeiste dando spazio ad una nuova fede. Avvincente, seducente e horror in certi punti, non far rimpiangere certi romanzi dei pi quotati scrittori americani del genere noir, offrendo una visione moderna allantica citt. Maurizio Ganzaroli

12

13

RECENSIONE PER STAGIONI FERRARARESI - LANNO DEL VIANDANTE DI VINCENZO MARIA MONDA (LA CARMELINA EDIZIONI, 2011) Vincenzo Maria Monda nasce a Napoli nel 1964 e dopo aver preso la laurea in chirurgia a Ferrara, vi si stabilisce definitivamente nel 1998, divenendo la sua seconda citt per affetto. Attualmente dirigente medico presso lospedale di Cento. Durante la sua permanenza a Ferrara scopre l amore per la poesia, gi forse nascosta dentro di lui ma rimasta inespressa, finch la citt estense non lha risvegliata. Il libro sebbene di poche pagine pienissimo di sentimento, espresso in una maniera gentile e garbata, che ricorda versi di altri tempi, non anacronistici, ma con una semplicit che riscalda il cuore di chi lo legge, donando sensazioni provate di continuo da chi vive nella citt di Ferrara, che al di l dei suoi problemi, con una sottile magia alla fine incanta tutti. Lopera divisa in due settori: Il primo, Stagioni Ferraresi, parla proprio del periodo in cui ha abitato in citt, di come lha vissuta, provata e sentita fino nel pi profondo dellanimo, cogliendo sfumature poetiche nelle cose anche a prima vista pi semplici ma che viste con i suoi occhi diventano importanti e vitali. Il secondo, Lanno del viandante, parla invece delle citt dItalia da lui visitate nel corso dei suoi studi e viaggi, e di quel che gli rimasto nel cuore, di tutto ci che ha provato, sentito, visto e amato in questi luoghi che appaiono quasi come delle ombre cinesi, che solo alla luce della poesia rivelano il loro vero volto. Vincenzo Maria Monda ci riporta alla memoria quel tipo di poesia, che come quella del pittore e poeta Cesare Giatti, nostro concittadino e mai riconosciuto nella sua grandezza dartista, sapeva infondere con i suoi versi, non con parole ricercate e pensate per fare sensazione, ma con parole semplici che prendono al cuore di chiunque, anche di chi mai leggerebbe una poesia in vita sua.

14

15

LA NUOVA ZELANDA E LE SUE STRANE CREATURE Non si sa il perch la Nuova Zelanda debba essere da sempre oggetto di stranezze zoologiche, ma pare che da almeno 40 anni vengano pescati, o ritrovati a riva animali che chiamare particolari a dir poco riduttivo. Da molto tempo anche soggetta a spiaggiamenti di poveri cetacei o mammiferi marini che perdendo completamente lorientamento vanno a trovare spesso la morte sulle spiagge di questa bellissima isola, ma fino a qui la spiegazione del riscaldamento globale, linquinamento magnetico, ecc. pu bastare, ma che dire della creatura pescata nel 77 al largo di Christchurch (Nuova Zelanda) dalla Zuiyo Maru un moto peschereccio giapponese, che trasse a bordo, agganciata alle sue reti una stranissima carcassa, di cui esistono solo poche fotografie, poich se ne disf subito, ributtandola in mare. Lesame delle foto e di alcuni campioni di tessuto sembrerebbe aver provato che si trattasse di uno squalo balena in avanzato stato di decomposizione, ma lascio al lettore di pensare quello che vuole, bench ci siano diverse particolari diversit tra questa carcassa e uno squalo balena o altro cetaceo dei mari.

Infatti c chi si azzardava a riconoscere in questo animale un cadburosauro

16

Che come si vede nella ricostruzione sarebbe una sorta di serpente marino, della specie assomigliante a quella della pi famosa Nessie, ma guardate queste altre foto con altri colori della stessa creatura di prima non c qualche assomiglianza?

Ma le stranezze Nuovo Zelandesi non si fermano qui, infatti pochi giorni fa, dopo uno spiaggiamento di decine di cetacei che come cita il Messaggero sarebbero 65 tra balene ed altri cetacei, sarebbero stati trovati sulla spiaggia alcune migliaia strani animali di natura sconosciuta

17

Assomiglianti a dei crostacei, tipo le canocchie o cicale di mare, ma di un genere mai visto prima: con la pelle apparentemente trasparente, dotati di zampe e con una strana conformazione che farebbe pensare a degli animali che vivano a profondit particolari, e che quindi appare strano che possano essersi piaggiate in questo modo, se non con un terremoto che potrebbe aver in qualche modo surriscaldato lacqua in modo tale, da spingere questi animaletti verso la superficie in una corsa verso la morte, oppure il riscaldamento avrebbe potuto essere tale da ucciderli immediatamente e quindi essere arrivati sulla superficie dellacqua gi morti e quindi essere stati spinti verso riva. Forse la verit che questo vecchio mondo di cui ci vanagloriamo di sapere tutto, nasconde ancora tanti di quei segreti che non immaginiamo neppure. Maurizio Ganzaroli

18

Dal sito tutto storia

11.12.2011 Libro manifesto AA.VV. Nuova Oggettivitpresentazione a Roma


*tra i 90 (e +) autori gli scrittori ferraresi: Roby Guerra, Giovanni Tuzet, Riccardo Roversi, Gaia Conventi, Maurizio Ganzaroli, Sylvia Forty e Zairo Ferrante i futuristi: Graziano Cecchini, Antonio Saccoccio, Vitaldo Conte, Stefano Vaj, Riccardo Campa, Stefano Balice, Sandro Giovannini.

Per una NUOVA OGGETTIVITA popolo partecipazione destino


Sommario Libro-Manifesto: I PARTE - Premessa:
Gian Franco Lami, Giovanni Sessa, Claudio Bonvecchio, Stefano Vaj.

II PARTE - Argomenti contributi scritti di: 1 - Metastoria-Metapolitica: Gabriele Adinolfi, Giuliano Borghi, Giandomenico Casalino, Luigi Capozza, Giovanni Damiano,
Germanico Gallerani, Carlo Gambescia, Aldo La Fata, Alberto Lombardo, Francesco Mancinelli, Luca Leonello Rimbotti, Alberto Rosselli, Marco Rossi, Andrea Scarabelli, Primo Siena, Piero Vassallo , Ubaldo Villani Lubelli.

2 - Geopolitica: Umberto Bianchi, Leonardo Clerici, Giulio Maganzini, Matteo Marconi, Marino Micich. 3 - Geofilosofia-Ecologia: Giuseppe Casale, Giuseppe Gorlani,Luigi Lombardi Vallauri, Simone Marletta, Paolo Aldo Rossi,
Gianfredo Ruggiero, Giovanni Tuzet, Eduardo Zarelli.

4 - Simbolica-Psiche: Luciano Arcella, Mario Bernardi Guardi, Davide Bigalli, Francesco Cappuccio, Riccardo Campa, Sandro
Consolato, Alessio De Giglio, Francesco Franci, Sandro Giovannini, Domenico Lancianese, Rita Catania Marrone, Roberto Sestito, Adriano Segatori. Vittorio de Pedys, Susanna Dolci, Luca Gallesi, Teodoro Klitsche de la Grange, Guglielmo Maria Lolli-Ghetti, Francesco Paolo Menna, Alberto B. Mariantoni, Riccardo Scarpa, Augusto Sinagra. Marco Canestrari, Gaia Conventi, Marco Ferrazzoli, Alberto Figliuzzi, Maurizio Ganzaroli, Biagio Luparella, Elisabetta Oggero, Giuseppe Puppo, Antonio Saccoccio, Francesco Sacconi, Luigi Sgroi. A) Arti Figurative: Ettore Bonessio di Terzet, Mario Bozzi Sentieri, Graziano Cecchini, Vincenzo Centorame, Vitaldo Conte, Alessandro Guzzi, Giuseppe Manzoni di Chiosca, Filippo Venturini, B) Poesia/Letteratura: Manlio Bichiri, Brunello De Cusatis, Giuseppe Di Gaetano, Zairo Ferrante, Cesare Ferri, Sylvia Forty, Roberto Guerra, Bruno Labate, Anna Lamberti Bocconi, Ferdinando Menconi, Raffaele Perrotta, Miro Renzaglia, Riccardo Roversi, Paolo Silvestri, C) Musica: Alberto Cesare Ambesi, Stefano Balice, Paolo Melandri, Marco Monaldi.

5 - Etica-Politica-Economia: 6 - Comunicazione: 7 - Estetica:

III PARTE - Appendice


1 - Postfazione di Giovanni Sessa; 2 - Note biobibliografiche, 3 - Elenco adesioni, 4 - Infolio di Sandro Giovannini; 5 - CD musicale di Mario Mariani In retro di copertina tavola di Gianni Chiostri

Aderenti al Manifesto: Gabriele Adinolfi, Massimiliano Afiero, Stefano Aiossa, Roberto Alfatti Appetiti, Alberto Cesare Ambesi
Luciano Arcella, Stefano Arcella, Renzo Arcon, Stefano Balice, Fabrizio Bandini, Gregorio Bardini, Simonetta Bartolini, Marco Battarra, Mario Bernardi Guardi, Gianni Bertuccioli, Umberto Bianchi, Manlio Bichiri, Davide Bigalli, Nicola Bizzi, Ettore Bonessio di Terzet, Giuliano Borghi, Mario Bozzi Sentieri, Marco Bulloni, Pierfranco Bruni, Domenico Caccamo, Riccardo Campa, Marco Canestrari, Fabio Capitanucci, Luigi Capozza, Francesco Cappuccio, Giuseppe Casale, Giandomenico Casalino, Lino Cavanna, Graziano Cecchini, Franco Cenerelli, Vincenzo Centorame, Giulio Maria Chiodi, Gianni Chiostri, Leonardo Clerici, Sandro Consolato, Mario Consoli, Vitaldo Conte, Gaia Conventi, Andrea Corradi, Gianpaolo Dabbeni, Giovanni Damiano, Brunello De Cusatis, Alessio De Giglio, Francesco Dematt, Emilio Del Bel Belluz, Alberto De Luca, Vittorio De Pedys, Dionisio Di Francescantonio, Giuseppe Di Gaetano, Serafino Di Luia, Susanna Dolci, Stefano Felician, Zairo Ferrante, Marco Ferrazzoli,Cesare Ferri, Francesco Saverio Festa, Alberto Figliuzzi, Silvia Forty, Francesco Franci, Giovanni Franchi, Germanico Gallerani, Luca Gallesi, Carlo Gambescia, Maurizio Ganzaroli, Luciano Garibaldi, Fausto Gianfranceschi, Mario Giannitrapani, Sandro Giovannini, Guido Giraudo,Federico Gizzi, Giuseppe Gorlani, Mario Grossi, Roberto Guerra, Paolo Gulminelli, Alessandro Guzzi, Angelo Iacovella, Roberto Incardona,Alfonso Indelicato, Michele Invernizzi, Tomaso Invernizzi, Teodoro Klitsche de la Grange, Bruno Labate, Anna Lamberti Bocconi,

19

Domenico Lancianese, Daniele Lazzeri, Marco Linguardo, Guglielmo Maria Lolli Ghetti, Alberto Lombardo, Andrea Lombardi, Luigi Lombardi Vallauri, Giuseppe Luciani, Biagio Luparella, Giulio Maganzini, Giuseppe Manzoni di Chiosca, Francesco Mancinelli,Simone Marletta, Gabriele Marconi, Matteo Marconi, Mario Mariani, Rita Catania Marrone, Stefano Mecenate, Oscar Mei, Paolo Melandri, Ferdinando Menconi, Francesco Paolo Menna, Marino Micich, Marco Monaldi, Gianluca Montinaro, Elisabetta Oggero, Lodovico Pace,Luisa Pesante, Raffaele Perrotta, Luciano Pirrotta, Federico Prizzi, Giuseppe Puppo, Miro Renzaglia, Luca Leonello Rimbotti, Giovanni Massimo Rinaldi, Tommaso Romano, Alberto Rosselli, Marco Rossi, Paolo Aldo Rossi, Riccardo Roversi, Gianfredo Ruggiero,Antonio Saccoccio, Francesco Sacconi, Andrea Scarabelli, Riccardo Scarpa, Adriano Scianca, Adriano Segatori, Piero Sella, Roberto Sestito,Luigi Sgroi, Primo Siena, Paolo Silvestri, Augusto Sinagra, Walter Stafoggia, Marcello Staglieno, Claudio Tedeschi, Luigi Torre, Fulvia Toscano, Giovanni Tuzet, Nicola Vacca, Piero Vassallo, Filippo Venturini, Alessandro Vicario,Ubaldo Villani-Lubelli, Ermanno Visintainer, Alex Voglino, Eduardo Zarelli. SEGRETERIA: Davide Bigalli (Presidente) davide.bigalli@tin.it Giovanni Sessa (Portavoce) Sessa_Giovanni@libero.it Sandro Giovannini giovannini.sandro@libero.it Francesco Mancinelli francescomancinelli@hotmail.com Luisa Pesante luisapesante@tiscali.it Luigi Sgroi luigisgroi@hotmail.com Ubaldo Villani-Lubelli uvillanilubelli@hotmail.com Francesco Sacconi francescosacconi@75@alice.it Vincenzo Centorame centoramevincenzo@libero.it Andrea Scarabelli scarabelli.andrea@yahoo.it Stefano Vaj stefano.vaj@gmail.com Gianni Bertuccioli gianni.bertuccioli@alice.it Roby Guerra (blogger) guerrazzi1@live.it

http://nuovaoggettivita.blogspot.com

***Il libro-manifesto edito daHeliopolis Edizioni di idee e materiali di scrittura. Ottobre 2011. 261 pagine + un INFOLIO artistico/letterario di Sandro Giovannini + 1CDmusica contemporanea del M Mario Mariani. Libro+INFOLIO+CD = Euro 25, ordini: Libreria Pandora, Fabriano

libreriapandora@gmail.comtel. fax.: 0732.22882


libraio Orazio Dell'Uomo

www.heliopolisedizioni.com

www.sandrogiovannini.com giovannini.sandro@libero.it

http://www.scribd.com/doc/74297518/Sands-From-Mars-New-Edition-n-5

20