Sei sulla pagina 1di 35

ELEMENTI BASE DI COSMETOLOGIA NATURALE II PARTE

Esposito Amendola Francesca 1

STANDARD PER LA COSMESI BIOLOGICA E NATURALE


NON ESISTE ANCORA UN REGOLAMENTO COMUNITARIO DI LEGGE OBBLIGATORIO SIA LINDUSTRIA CHE LE ORGANIZZAZIONI OPERANTI NEL SETTORE DEL BIOLOGICO HANNO DATO VITA A STANDARD VOLONTARI

Esposito Amendola Francesca

STANDARD PER LA COSMESI BIOLOGICA E NATURALE


STANDARD BIOAGRICERT DA PIU DI 25 ANNI IMPEGNATA NELLA CERTIFICAZIONE DELLE PRODUZIONI BIOLOGICHE FORNISCE UNO STRUMENTO MOLTO UTILE

Esposito Amendola Francesca

STANDARD PER LA COSMESI BIOLOGICA E NATURALE


LO STANDARD E UNO STRUMENTO VOLONTARIO IN LINEA CON I PRINCIPALI STANDARD EUROPEI

Esposito Amendola Francesca

STANDARD PER LA COSMESI BIOLOGICA E NATURALE


IL PRESENTE STANDARD DEFINISCE: LE TECNICHE LE RESPONSABILITA LE MODALITA I PRODOTTI GLI ASPETTI DOCUMENTALI PER LA PRODUZIONE DI COSMETICI NATURALI E BIOLOGICI
Esposito Amendola Francesca 5

STANDARD PER LA COSMESI BIOLOGICA E NATURALE Definisce quindi i requisiti relativi allorigine degli ingredienti e le caratteristiche del prodotto

Esposito Amendola Francesca

LA CERTIFICAZIONE
Garantisce in maniera trasparente che i prodotti che riportano il marchio BIOAGRICERT siano ottenuti nel rispetto delle prerogative imposte dallo standard di riferimento

Esposito Amendola Francesca

CERTIFICAZIONE
Percorso che comporta il rilascio di un certificato di conformit ad uno standard e che quindi crea un valore aggiunto per il prodotto stesso.

Esposito Amendola Francesca

Schema riassuntivo

Esposito Amendola Francesca

Esposito Amendola Francesca

10

Esposito Amendola Francesca

11

COSMETICO NATURALE

Esposito Amendola Francesca

12

COSMETICO BIOLOGICO E NATURALE

Esposito Amendola Francesca

13

COSMETICO BIOLOGICO E NATURALE

Esposito Amendola Francesca

14

Esposito Amendola Francesca

15

FITOCOSMESI
SPECIALIZZAZIONE DELLA COSMESI FUNZIONALE RICOLLEGABILE ALLA TRADIZIONALE PRESENZA DELLE PIANTE OFFICINALI NELLE PREPARAZIONI FITOTERAPICHE E GALENICHE.
Esposito Amendola Francesca 16

FITOCOSMESI E FITOCEUTICA
DUE DIVERSE MODALITA DI UTILIZZO DEI DERIVATI VEGETALI. FITOCOSMESI FITOCEUTICA
Pi classica e tradizionalista Pi moderna e selettiva

Esposito Amendola Francesca

17

LA FITOCOSMESI
LA FITOCOSMESI TENDE AD UTILIZZARE I FITOCOMPLESSI VALE A DIRE CIO CHE SI ESTRAE IN TOTO DALLA DROGA VEGETALE: ESTRATTI, TINTURE, TINTURE MADRI, ACQUE AROMATICHE , SUCCHI, INFUSI, DECOTTI, MUCILLAGINI E GOMME, OLI , BURRI E CERE, OLI ESSENZIALI, COLORANTI OVE POSSIBILE , ECCIPIENTE COMPRESO , SI UTILIZZANO I VARI FITOCOMPLESSI
Esposito Amendola Francesca 18

LA FITOCEUTICA
PUNTA SULLUSO DI MOLECOLE CHIMICAMENTE DEFINITE O, AL PIU, DI FRAZIONI ISOLATE OMOGENEE E ALLIMPIEGO PREFERENZIALE DEI FITOSOMI.

Esposito Amendola Francesca

19

DROGA VEGETALE
Per droga vegetale si intende quella parte della pinta pi ricca di sostanze funzionali ed utilizzata tal quale come rimedio o come prodotto di partenza per la produzione di estratti.

Esposito Amendola Francesca

20

Costituenti chimici delle piante

Esposito Amendola Francesca

21

Principali preparazioni galeniche

Esposito Amendola Francesca

22

DROGA E FITOCOMPLESSO
ESEMPI DI DROGA SONO: I FIORI LE FOGLIE I FRUTTI I SEMI LE CORTECCIE LE RADICI I RIZOMI I TALLI
Esposito Amendola Francesca 23

FITOCOMPLESSO
OGNI DROGA CONTIENE CENTINAIA DI MOLECOLE DIVERSE CHE, NEL LORO INSIEME, DANNO ORIGINE AL COSIDDETTO Fitocomplesso.

Esposito Amendola Francesca

24

I principi attivi
Sono molecole prodotte dal metabolismo vegetale, dotate di attivit farmacologica e suscettibili quindi di impiego terapeutico e cosmetico

Esposito Amendola Francesca

25

Raccolta e conservazione delle droghe


Le piante contengono una quantit variabile di acqua. Dopo la raccolta, i sistemi enzimatici danno lavvio ad una distruzione totale o parziale dei principi attivi influendo sull attivit terapeutica della droga e sulle sulle sue caratteristiche organolettiche.

Esposito Amendola Francesca

26

Raccolta e conservazione delle droghe


Lacqua costituisce inotre il terreno per la proliferazione di batteri e muffe. E per questo motivo che, normalmente ,dopo la raccolta si procede allessiccazione della droga. Quando la % di aqcua scende al di sotto del 5% le reazioni enzimatiche diventano trascurabili, anche se non si interrompono mai completamente. Altri fattori che contribuiscono al deterioramento della droga sono le reazioni chimico-fisico catalizzate da luce, calore ed ossigeno.

Esposito Amendola Francesca

27

Estrazione di principi attivi


Lestrazione quellopera tecnologica che consente la separazione dei principi attivi delle droghe che li contengono.

Esposito Amendola Francesca

28

ESTRAZIONE DEI PRINCIPI ATTIVI

FRANTUMAZIONE DELLA DROGA

SCELTA DEL METODO DI ESTRAZIONE

SCELTA DEL SOLVENTE PIU IDONEO

Esposito Amendola Francesca

29

FRANTUMAZIONE DELLA DROGA


HA LO SCOPO DI AUMENTARE LA SUPERFICIE DI CONTATTO TRA LA DROGA E IL SOLVENTE, ONDE ACCRESCERNE IL POTERE DI ESTRAZIONE

Esposito Amendola Francesca

30

SCELTA DEL METODO DI ESTRAZIONE


DIPENDE DALLE CARATTERISTICHE CHIMICO-FISICHE DEL PRINCIPIO ATTIVO. IN PARTICOLARE VANNO CONSIDERARE LA SOLUBILITA, LA VOLUBILITA LA TERMOSTABILITA.

Esposito Amendola Francesca

31

SCELTA DEL SOLVENTE PIU IDONEO


SE IL PRINCIPIO ATTIVO E SOLUBILE IN PIU SOLVENTI , ANDRA UTILIZZATO QUELLO CHE ALTERA DI MENO LE SOSTANZE FUNZIONALI. LA DROGA SI DICE ESAUSTA QUANDO TUTTE LE MOLECOLE FARMACO ATTIVE SARANNO PASSATE IN SOLUZIONE. I SOLVENTI PIU UTILIZZATI PER LA PREPARAZIONE DI ESTRATTI VEGETALI SONO LACQUA , LALCOL IN DIVERSE GRADAZIONI, GLI OLI, LA GLICERINA, IL GLICOLE PROPILENICO.

Esposito Amendola Francesca

32

TEMPO BALSAMICO
ogni droga ha un suo tempo balsamico di raccolta, cio quel periodo dell'anno e dello sviluppo vegetativo, durante il quale la droga, raggiunge la massima concentrazione di sostanze attive. Il tempo balsamico dipende da diversi fattori, e pu variare da zona a zona, essendo determinato da fattori ambientali e climatici. in linea di massima il tempo balsamico per la raccolta delle varie droghe, pu essere suddiviso come segue:
Esposito Amendola Francesca 33

TEMPO BALSAMICO
a) Radici, rizomi, tuberi e bulbi si raccolgono durante il riposo vegetativo della pianta, nel tardo autunno. b) Le cortecce si raccolgono in primavera. c) Le foglie si raccolgono in primavera inoltrata, prima che la pianta fiorisca. d) Le gemme si raccolgono a inizio primavera, prima che si schiudano. e) Le erbe (sommit) si raccolgono prima o durante la fioritura. f) I fiori si raccolgono prima che siano completamente sbocciati. g) I frutti si raccolgono a completa maturazione. h) I semi si raccolgono prima della caduta spontanea.

Esposito Amendola Francesca

34

ELEMENTI BASE DI COSMETOLOGIA NATURALE FINE II PARTE


Esposito Amendola Francesca 35