Sei sulla pagina 1di 12

Freiburg am Brisgau Friburgo

La citt eco-sostenibile
Per cominciare alcuni dati, Friburgo : Superficie - 153,06 km2 Abitanti 219.674 Densit 1.435 ab/km2 Densit automobilistica 42 auto ogni 100 abitanti Rete ciclabile 160 chilometri (Milano superficie 183,77 km2) (Milano abitanti 1.311.741) (Milano densit 7.137,95)

Tutto iniziato negli anni 70 con un movimento di opposizione alla costruzione di una centrale nucleare. Il Comune di Friburgo, invece di portare avanti il progetto della centrale, ha chiesto ai cittadini: Se non volete la centrale, come pensate di produrre lenergia? Oggi nella citt insediata una grande fabbrica di pannelli fotovoltaici e ununiversit tecnica per la ricerca e linsegnamento di materie ecologiche. Il Comune ha avviato nel 1993 un intervento di ristrutturazione di edifici popolari con prodotti ecologici. Ha finanziato la costruzione di edifici sperimentali come lecocentro, la casa solare, ledificio a zero impatto ambientale. Ha chiuso gli ipermercati (accettati solo piccoli supermercati di quartiere), individuati come 1

grandi produttori di inquinamento e rifiuti e responsabili dello svuotamento di punti vendita distribuiti nella citt. Met del territorio comunale di Friburgo ricoperto da foreste e riserve naturali, a cui si aggiunge una buona dotazione di parchi, giardini e laghi artificiali in area urbana. Grazie allo sviluppo di nuovi eco-quartieri che hanno fatto del verde uno degli elementi fondamentali di progetto e alla riqualificazione di aree degradate, il verde urbano stato fortemente incrementato negli ultimi dieci anni fino a raggiungere 7 milioni di metri quadrati (31 metri quadrati per abitante, quasi il 50% in pi rispetto al 1998). La citt allavanguardia nella lotta al cambiamento climatico. Le emissioni di gas serra sono diminuite del 14% rispetto al 1992 e il nuovo piano strategico approvato nel 2007 punta ad arrivare ad una riduzione complessiva del 40% entro il 2030. lelettricit da nucleare, che forniva il 60% della domanda cittadina, oggi meno del 30%. Palazzi privati, edifici pubblici e lo stadio comunale sono ricoperti in facciata o sul tetto con moduli fotovoltaici (per un totale di 10.000kW), mentre i pannelli solari termici sono arrivati a 14.000 metri quadrato. Sono molte ormai le abitazioni che utilizzano per il riscaldamento e il raffrescamento pompe di calore geotermiche, coadiuvate da solare termico e biomasse. Gi nel 1992 Friburgo aveva introdotto standard per le nuove costruzioni inferiori del 30% rispetto a quelli nazionali. Nel 2011 questi limiti saranno ancora pi vincolanti: le nuove case potranno consumare solo fino a 15 kWk/m2 anno (oggi il limite di 50 kWh/m2), contro una media europea di 200 kWh/m2 anno. Il limite previsto per il 2011 comunque gi rispettato da diverse abitazioni esistenti, concentrate in prevalenza nei due ecoquartieri di Vauban e Reiselfeld. Il Comune eroga incentivi aggiuntivi a quelli federali per coloro che coibentano e realizzano altri interventi di risparmio energetico e alcune banche tedesche hanno deciso di predisporre prestiti facilitati per queste tipologie dintervento. Friburgo ha una delle densit automobilistiche pi basse di tutta la Germania, con 42 auto ogni 100 abitanti. Il traffico cittadino stato notevolmente ridotto grazie al rafforzamento del trasporto pubblico su tran e della rete ciclabile, iniziative accompagnate da tariffazione della sosta in centro che ha fortemente scoraggiato luso dellauto privata. La rete ciclabile formata da 160 chilometri di piste a cui si aggiungono 130 chilometri di strade a ridotta velocit sicure per le biciclette e 120 chilometri di percorsi nelle zone agricole e forestali periurbane. Circa il 90% dei residenti abita in zone con limite di velocit a 30 km/ora. Rispetto al 1982 la quota degli spostamenti effettuati in bicicletta passata dal 15% al 28% e quella del trasporto pubblico dall11% al 18%, a discapito degli spostamenti in auto, diminuiti dal 38% al 30%. Leconomia locale caratterizzata da un importante settore industriale e terziario verde formato da circa 1.500 imprese che impiegano 10.000 persone (il 5% della popolazione) e producono un fatturato di oltre 500 milioni di euro. Soltanto lindustria solare impiega circa 700 persone, un valore quattro volte superiore alla media nazionale. Rieselfeld E questo un quartiere di nuova costruzione nella zona occidentale di Friburgo che offre 4.200 unit abitative per circa 11.000 abitanti. Occupa 70 ettari nel sito di un ex impianto di trattamento delle acque reflue a servizio della citt di friburgo 2

da pi di cento anni. La realizzazione del nuovo insediamento, cominciata nel 1994 con un completamento previsto nel 2010, ha sollevato grande interesse e sostegno pubblico.

La struttura urbana si sviluppa su una griglia ortogonale su cui si basa anche il piano del traffico, che d priorit a pedoni e ciclisti, a scapito delle auto. In tutta la zona vige il limite di velocit di 30 chilometri orari e ci sono numerose strade da gioco, in cui i bambini che giocano hanno la precedenza. Il trasporto pubblico per i residenti accessibile da tre fermate. Il piano energetico contraddistinto dallorientamento geografico dei corpi di fabbrica e dallobbligo di costruire edifici a basso consumo con un fabbisogno energetico massimo di 65 kWh per m2 allanno. Tutti gli edifici sono collegati alla rete di riscaldamento del quartiere, alimentata da un impianto di cogenerazione di calore ad energia, e utilizzano solo fonti rinnovabili come energia solare, riscaldamento a pellet e pompe di calore.

Il piano idrico prevede la raccolta separata di acqua piovana che, dopo la depurazione biologica in un bacino per fitodepurazione, viene rimessa in circolo nelle zone umide della riserva naturale Freiburger Rieselfeld (di 250 ettari), una delle pi vaste del paese. Questa area naturale sar regolarmente curata e mantenuta grazie a un gruppo di volontari fra gli abitanti di Rieselfeld dedicato alla protezione dellambiente naturale. Un programma di piantumazione, adatto a ogni area verde, collegher le corti dei diversi isolati a una serie di spazi verdi di qualit diffusi nel quartiere. Lobbligo di presentare anche il progetto per gli spazi pubblici contestualmente al disegno degli edifici ha consentito la realizzazione di verde pubblico a partire dalla progettazione generale. Linfrastruttura sociale include scuole primarie e secondarie, asilo e due parchi gioco, tre centro day care, un palestra privata, un centro sociale per i progetti dedicati ai giovani, un media center per bambini e adolescenti, un chiesa.

Vauban Il quartiere stato costruito sul sito di unex caserma francese. Iniziato a costruire nel 1996 e terminato nel 2009, ospita 5.000 abitanti in oltre 2.000 appartamenti e occupa unarea di 38 ettari. Il progetto stato sviluppata dalla municipalit insieme ai cittadini e ad altri partner con una formula cooperativa partecipatoria per poter rispondere a esigenze ecologiche, sociali, economiche e culturali. Il principale obiettivo delle autorit cittadine di realizzare un quartiere che potesse attrarre giovani famiglie stato raggiunto in pieno. Nel gennaio 2002 pi del 20% dei residenti erano bambini sotto i 10 anni di et. La richiesta, in particolare per progetti di co-building, era superiore alla quantit di lotti disponibili. Sono state create circa 40 cooperative di proprietari e alcune hanno reso possibile la partecipazione anche a famiglie a basso reddito. Tutte le abitazioni presentano standard elevati di riduzione dei consumi (65 kWh/m2/a) e circa 150 unit sono case passive (15 kWh/m2/anno) o case energy plus, che producono cio una quantit di energia superiore al proprio fabbisogno. Un impianto di cogenerazione ad alta efficienza alimentato da trucioli di legno (80%) e gas naturale (20%) collegato alla rete di riscaldamento

della zona. La riduzione di CO2 dovuta a coibentazione e utilizzo efficiente di calore stimata a circa il 60%. Il numero di impianti solari (collettori e moduli fotovoltaici) in continua crescita. Oggi il 65% dellelettricit necessaria prodotto localmente per mezzo di cogenerzione e fotovoltaico. Il piano della mobilit prevede una riduzione delle auto private, con parcheggi ai margini del quartiere, un efficiente trasporto pubblico e un sistema di car sharing. Circa il 40% delle famiglie ha sceltp di vivere senza unauto propria, ricevendo cos incentivi economici per non dover utilizzare il parcheggio pubblico (parcheggio pluripiano fuori terra con il tetto rivestito di celle fotovoltaiche). La nuova area residenziale costruita attorno ad alberi secolari e le aree di verde pubblico sono state sviluppate insieme ai residenti. Molte strade e aree pubbliche sono dedicate al gioco dei bambini e allinterazione sociale. Lacqua piovana raccolta separatamente per lutilizzo nelle abitazioni (wc) o sul terreno (irrigazione).

Sonnenschiff E un edificio lungo 125 metri progettato dallarchitetto Rolf disch posto allingresso del quartiere Vauban. Lesteso fronte su strada contraddistinto da due torri per ascensori ed i corpi scale. Otto case unifamiliari plusenergie a due piani, sono poste sopra la copertura, con tetti solari a spiovente. Un corpo vetrato continuo protegge le case e i giardini retrostanti da rumore e vento, e le vaste superfici trasparenti creano allinterno spazi per uffici molto luminosi. Gli elementi per la ventilazione, lisolamento termico e acustico e per la protezione dallirraggiamento solare sono integrati in apposite unit che spiccano sulla facciata anche grazie ai colori vivaci. Dal punto di vista dellefficienza energetica, il fabbisogno annuo di energia per riscaldamento si attesta fra 10 e 20 kWh/m2/anno, variabile in base alluso, la posizione e la proporzione delle superfici esterne. La mancanza di un orientamento verso sud stata compensata dalla compattezza dellintero volume, dalla elevata coibentazione dellinvolucro esterno, dal sistema di ventilazione decentralizzato con un ottimo recupero di calore, e dalluso passivo di energia solare per mezzo di vetri termici a tre strati.

Lenergia necessaria al funzionamento delledificio deriva esclusivamente da fonti rinnovabili, con un impianto di produzione calore ed elettricit a trucioli di legno. In questo modo ledificio ben al di sotto delle normative di legge in materia di risparmio energetico (inferiore al fattore 10). Sono stati installati circa 1.000 metri quadrati di celle solari con una capacit di 135 kWp sulle falde dei tetti delle penthouse in copertura e sulla testa delledificio posta a nord. Lelettricit prodotta alimenta la rete pubblica locale. Le facciate, anti-intrusione e impermeabili, garantiscono la ventilazione naturale e il raffrescamento durante la notte e in estate e nelle stagioni di mezzo. Gli stessi elementi di facciata provvedono allisolamento acustico nel fronte a ovest. Grazie allombreggiamento esterno e al sistema costruttivo che trattiene il calore, il sistema meccanico di condizionamento dellaria non necessario. Per gli interni sono stati usati materiali ecologici, non dannosi e riciclabili.

Solar Fabrik Lintero fabbisogno energetico prodotto da fonti rinnovabili, in particolare energia solare, impiegata o immagazzinata, ed il primo impianto produttivo di moduli solari in Europa privo di emissioni di CO2. Ledificio rivolto a sud e la facciata vetrata leggermente inclinata in grado di sfruttare lo scarso soleggiamento invernale per il riscaldamento solare passivo. In estate, moduli integrati in facciata proteggono dal sole ed evitano il surriscaldamento delle vetrate. La ventilazione deriva da un sistema naturale che riduce quantit di energia e costi. Laria fresca immessa tramite condotte sotterranee. La temperatura costante del sottosuolo, circa 12 centigradi, riscalda laria fresca in inverno e la raffredda in estate. Circa il 20% dellelettricit fornita da moduli solari, su una superficie totale di 575 metri quadrati, con molteplici benefici: I moduli integrati nella facciata sud forniscono ulteriore ombreggiamento; 7

I moduli in facciata continua sono dotati delle pi recenti tecnologie; Le celle solari integrate nelle vetrate termiche dimostrano che il sistema solare ha anche una forte componente estetica; I moduli a forma di vela sul tetto aggiungono allarchitettura un elemento anche decorativo.

Un impianto CHP(cogenerazione) che produce energia, calore e elettricit, alimentato a olio di colza prodotto localmente e fornisce energia supplementare, in particolare nei mesi invernali. Lemissione di CO2 da combustione era originariamente assorbita dalla coltivazione di colza durante la crescita, eliminando cos limpatto sul clima.

Centro riciclo St. Gabriel - Friburgo Il centro aperto tutti i giorni ed un centro integrato dove si raccolgono, in maniera sinergica, tutti i rifiuti riciclabili dalle abitazioni, dagli uffici e dalle industrie, 8

anche i rifiuti speciali (uno staffi chimico analizza direttamente le sostanze che provengono al centro). Si lavorano quindi : compost, plastica, metalli, legno, RAEE, ecc.. personale specializzato analizza i rifiuti portati dai cittadini e ne indirizza la successiva lavorazione. I rifiuti provenienti dalle industrie sono soggetti ad una tassa di riciclo, mentre per i cittadini lo smaltimento gratuito. Si raccolgono anche mobili ed elettrodomestici, in buono stato e funzionanti; una volta alla settimana la gente bisognosa pu accedere al centro e disporre di questi oggetti da riutilizzare. Lo stesso centro produce mediante societ private esterne, biogas e pellets da avviare alle centrali locali di produzione calore.

Stadio Badenova Friburgo Sul tetto dello stadio vi sono 1600 mq di moduli fotovoltaici per la produzione di energia elettrica. I moduli sono prodotti nella Solar Fabrik in citt. Il tetto dello stadio stato finanziato da 500 quote vendute a 200 cittadini. A fine anno i finanziatori si dividono gli utili della vendita di energia elettrica.

ISE (Istituto Fraunhofer per lenergia solare) Centro Formazione installatori, ricerca solare ed energie alternative Scuola per installatori (elettricisti ed idraulici) per pannelli solari e moduli fotovoltaici: fuori dalla scuola vi una struttura a tre livelli. Nella fascia pi alta vi sono pannelli solari ad accumulo dacqua, nella fascia intermedia vi sono i moduli fotovoltaici, nella fascia pi bassa vi sono vari tipi di pannelli solari termici. La scuola fa formazione e ricerca nellambito del solare attivo e passivo, ma anche nellenergia eolica e dellacqua.

Centrale di Cogenerazione Vauban Produce per 5500 abitanti il calore (trasportato con il teleriscaldamento) e il 30% del fabbisogno di energia elettrica. E in zona abitata. Funziona a biomasse 10

(blocchi di legno ottenuti dagli scarti della sua lavorazione). Le emissioni sono ridottissime: pari a zero (tanta CO2 assorbe il legno quando cresce, tanta ne rilascia quando brucia). Filtri molto efficaci eliminano ogni inquinamento dai fumi e dalle polveri.

Okostation Si tratta di un edificio laboratorio/sperimentale semi-interrato, che comprende un asilo, aule per la formazione nelle energie alternative, ecc.. Ledificio realizzato con caratteristiche sperimentali. La copertura in terra, allesterno si attua direttamente la fitodepurazione dei liquami biologici, qui sono installati anche ei campi fotovoltaici per produrre lenergia elettrica. Tutto ledificio realizzato con i criteri della architettura bio-climatica.

Heliotrop - Casa Solare che segue il sole (abitazione di Rolf Disch) Heliotrop, di forma cilindrica, ruota su se stessa di 2 gradi ogni 10 minuti, seguendo il percorso del sole in virt di una colonna centrale in calcestruzzo posta su una piattaforma girevole e alla quale agganciano i telai della struttura rigorosamente in legno. Il resto della magia compiuto da un impianto fotovoltaico sul tetto che si orienta autonomamente a seconda della posizione del sole; gas da cucina prodotto dalla fermentazione di liquami biologici; raccolta delle acque 11

piovane da riutilizzare per i servizi igienici; serbatoio solare che recupera il calore e che in estate si trasforma in impianto di climatizzazione.

12