Sei sulla pagina 1di 124

Scuola

Anno accademico 2004/2005 Universitaria Professionale della Svizzera Italiana Dipartimento Ambiente Costruzione e Design Ingegneria Civile

Domande

GEOLOGIA GEOTECNICA
Esami 2005 Classe GC3

DOMANDE
1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. 16. 17. 18. 19. 20. 21. 22. 23. 24. 25. 26. 27. 28. 29. 30. 31. 32. 33. 34. 35. 36. 37. 38. 39. 40. 41. 42. 43. 44. 45. 46. 47. 48. 49. 50. 51. 52. 53. Classificazione delle rocce secondo la loro formazione..........................................................................................................4 Tettonica delle placche ............................................................................................................................................................6 Classificazione di un ammasso roccioso (Mattia Rossi) .........................................................................................................8 Proiezioni stereografiche e loro utilizzazione .........................................................................................................................12 Materiali sciolti, diverse formazioni.........................................................................................................................................13 Esame del terreno ..................................................................................................................................................................13 Esame del terreno e sondaggi...............................................................................................................................................15 Sondaggio a rotazione, uso ...................................................................................................................................................17 Indagini: Prove dirette ............................................................................................................................................................18 Indagini : prove indirette (Geologia 4 pg. 1,2) ...................................................................................................................20 Prove in sito ............................................................................................................................................................................21 Prova di penetrazione dinamica, rappresentazione, calcolo, uso (Pag. 6-10) ......................................................................22 Profondit delle indagini.........................................................................................................................................................23 Profondit dei sondaggi (cap. 4.3.2) .....................................................................................................................................24 Caratteristiche essenziali dei sondaggi e profondit degli stessi..........................................................................................24 Prove fisiche: pesi volumici, porosit e indice di porosit ( 3.2.1-3.2.11 Geol. Pag. 3-2/ 3-4) ............................................25 Classificazione dei terreni ......................................................................................................................................................27 Granulometria.........................................................................................................................................................................28 Limiti di Atterberg ...................................................................................................................................................................31 Classificazione USCS (in laboratorio) ....................................................................................................................................32 Classificazione dei terreni in sito (Pag. 3-25) .........................................................................................................................33 Come si pu classificare correttamente unargilla siltosa (CH )............................................................................................34 Come classificare correttamente unargilla con sostanze organiche (tipo OH) ....................................................................35 Permeabilit dei materiali (Mattia Rossi)................................................................................................................................37 Da che cosa dipende la permeabilit k e come la si determina............................................................................................39 Determinazione dell'angolo per terreni incoerenti...............................................................................................................40 Metodo di determinazione dellangolo di attrito [Pag. 1-34]..................................................................................................41 Coesione effettiva e apparente, applicazione nella pratica ...................................................................................................42 Resistenza al taglio ................................................................................................................................................................43 Prova di taglio diretto .............................................................................................................................................................44 Prova di compressione semplice...........................................................................................................................................45 Prove triassiali (cap. 1.5.6) .....................................................................................................................................................45 Prova edometrica di compressibilit......................................................................................................................................48 Prova edometrica e prova di carico con piastra ( 6 Geologia / 1.3.5 Geotecnica Pg. 6-16 / 1-15).....................................49 Prova edometrica (ME, assestamenti nel tempo)...................................................................................................................50 Prova di Proctor......................................................................................................................................................................51 Dilatometro .............................................................................................................................................................................53 Precompressione di un terreno e come determinarla............................................................................................................54 Consolidazione ( pag 1-9 + 8.3.4 pag 8-21 parte geotecnica, in pi precarico) ............................................................55 Precarico di un terreno ...........................................................................................................................................................57 Determinazione di ME sul terreno ed in laboratorio (Pag. 1-17)............................................................................................58 Acqua nel terreno ...................................................................................................................................................................59 Permeabilit dei terreni( 5.4 Geologia, Pag. 5-3 e segg. ) ...................................................................................................60 Sollecitazioni totali, effettive e neutre .....................................................................................................................................61 Fondazioni superficiali, caratteristiche e problemi dovuti ai carichi.......................................................................................62 Dimensionamento delle fondazioni superficiali secondo Terzaghi (Cap 4 32/34) .............................................................63 Dimensionamento delle fondazioni superficiali secondo Brinch-Hansen .............................................................................64 Fondazioni profonde (Vedi anche riassunto Ing. Rossi)........................................................................................................65 Dimensionamento dei pali......................................................................................................................................................66 Sistemi di calcolo dei pali.......................................................................................................................................................68 Attrito negativo sui pali ...........................................................................................................................................................70 Spinte nel terreno ...................................................................................................................................................................72 Spinata attiva, passiva e a riposo (cap. 4.2) ..........................................................................................................................73
ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 2 DI 124

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

54. 55. 56. 57. 58. 59. 60. 61. 62. 63. 64. 65. 66. 67. 68. 69. 70. 71. 72. 73. 74. 75. 76. 77. 78. 79. 80. 81. 82. 83. 84. 85. 86. 87. 88. 89. 90. 91. 92. 93. 94. 95. 96. 97. 98. 99.

Condizioni affinch si eserciti la spinta a riposo ....................................................................................................................76 Spinte sui muri (Rankine)( Cap. 4.4.1 Geotecnica Pag. 4-11) ...............................................................................................77 Condizioni affinch si eserciti la spinta passiva.....................................................................................................................78 Calcolo delle spinte secondo Coulomb Poncelet ...............................................................................................................79 Calcolo di un muro (metodo del prisma)( Geotecnica Cap 4 Pag. 60/72) .........................................................................80 Dimensionamento di un muro e verifiche ..............................................................................................................................81 Muro a L .................................................................................................................................................................................82 Calcolo di un muro a L ...........................................................................................................................................................83 Muro con mensola a sbalzo caricata .....................................................................................................................................85 Calcolo di un muro con mensola (pag 4-27) .........................................................................................................................86 Ripartizione della spinta Ea sulle pareti per terre incoerenti ..................................................................................................87 Schermi che non possono spostarsi (4.3) ...........................................................................................................................87 Dimensionamento di un muro e verifiche ..............................................................................................................................87 Stabilit di un muro al rovesciamento ed allo slittamento .....................................................................................................88 Sicurezza al ribaltamento, slittamento e sollecitazioni del terreno.........................................................................................88 Stabilit delle scarpate (caso dei terreni incoerenti) ..............................................................................................................89 Stabilit delle scarpate (metodo dei conci)(4, Pag. 60/72)..................................................................................................91 Stabilit delle scarpate (influssi di ancoraggi e/o paratie) (Pag. 4-77 4-80).........................................................................92 Determinazione di amm per una fondazione.......................................................................................................................92 Calcolo della portanza di una fondazione..............................................................................................................................92 Calcolo di un plinto di fondazione..........................................................................................................................................93 Verifica al sollevamento di una costruzione ( 8.3.3 pag 8-20 parte geotecnica) ................................................................95 Assestamenti nel tempo (previsione, controllo) .....................................................................................................................97 Calcolo di sollecitazioni e assestamenti (Newmark)( cap. 8.2.2 pagina 8-12) ...................................................................99 Calcolo di un assestamento con il metodo di Steinbrenner ................................................................................................101 Valutazione della durata di assestamento nel tempo (1.3 Geotecnica Pag. 1-9 / 1-23) ...................................................102 Criteri per ridurre i cedimenti ................................................................................................................................................103 Teorie di deformazione dei terreni........................................................................................................................................104 Calcolo delle sollecitazioni e degli assestamenti (Kany)( Geotecnica Cap 8 14/17)........................................................106 Criteri per limitare i cedimenti differenziali (fondazioni accostate).......................................................................................107 Criteri per ridurre i cedimenti di un rilevato ..........................................................................................................................107 Linea di flusso e equipotenziale sotto una palancola ..........................................................................................................108 Calcolo della quantit dacqua in uno scavo.......................................................................................................................110 Calcolo della quantit di acqua che affluisce in uno scavo.................................................................................................111 Calcolo di Q per una fossa di scavo ....................................................................................................................................112 Calcolo della quantit dacqua che affluisce allo scavo......................................................................................................113 Fosse di scavo: sicurezza al sollevamento del fondo (Terzaghi)( 6.3.3 Geot. Pag. 6-13) ...............................................113 Rottura di fondo ( 6.3 Geotecnica Pag. 6-6) ......................................................................................................................114 Sicurezza al sifonamento .....................................................................................................................................................115 Fosse di scavo (scelta del sostegno) ..................................................................................................................................116 Palancolata libera in sommit e incastrata nel terreno (Cap 4 29 e sg. + inserti corso) .................................................118 Paratie e palancole (sistemi di calcolo) ...............................................................................................................................118 Paratie e palancole...............................................................................................................................................................119 Parete chiodata/ancorata .....................................................................................................................................................122 Verifiche geotecniche secondo le nuove norme SIA ...........................................................................................................123 Stati limite e stati di servizio (SIA)( vedi introduzione swisscodes parte geotecnica pag. 15) ............................................124

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 3 DI 124

1.

Classificazione delle rocce secondo la loro formazione

Tipo di rocce
In petrologia o petrografia si usa suddividere le rocce in base al principio genetico, vale a dire secondo la loro formazione, in: rocce magmatiche (cio formatesi per raffreddamento), sedimentarie (prodottesi per deposizione e accumulo) e metamorfiche (originate da trasformazione di rocce preesistenti). Suddividiamo ulteriormente le rocce magmatiche in plutoniche (quelle formatesi in profondit) e vulcaniche (vale a dire effusive). In edilizia e nel linguaggio degli scalpellini si suddividono ulteriormente le rocce in dure e tenere, coerenti e incoerenti. Gruppi delle rocce Rocce magmatiche Rocce plutoniche Rocce magmatiche Rocce vulcaniche
Rocce conosciute

Granito, rapakivi, granodiorite, sienite, larvikite, monzonite, foyaite, diorite, diorite orbicolare, gabbro, essexiti, peridotite, duniti, pirosseniti Riolite, porfido quarzifero, daciti, trachiti, cheratofiri, latiti, fonoliti, andesite, porfiriti, basalto, melafiro, diabase, tefrite, picrite, kimberlite Quarzite, sedimentaria, arcose, grovacca, sabbie, argilla, arenarie, argillite, caolino, argilloscisto, travertino, calcari lacustri, calcari, dolomia, selce, salgemma, gesso, anidrite Gneiss, granuliti, fillade, micascisto, argilloscisto, cloritoscisto, talcoscisto, quarzite, anfibolite, eclogite, serpentinite, marmo

Rocce sedimentarle Rocce metamorfiche

Caratteristiche delle rocce: Nome Colore Peso specifico e peso specifico apparente Composizione mineralogica Struttura della roccia

Rocce magmatiche
Le rocce plutoniche e vulcaniche vengono comprese entrambe fra le rocce magmatiche (dette anche rocce ignee o magmatiti) in quanto derivano direttamente dal magma. Queste nascono a profondit tra 20 e 150 km. La temperatura di queste masse fuse compresa tra 700C e 1300C. Rocce plutoniche, lentissimo raffreddamento in profondit formando una struttura cristallina, cristalli altamente compatti Rocce vulcaniche Solidificazione del magma in superficie, presentano numerose cavit.

Rocce sedimentarie
Le rocce sedimentarie sono formate dalla deposizione di materiale litico sia sulla terraferma che in mare. Sono generalmente stratificate (da cui il sinonimo di rocce stratificate) e spesso contengono dei fossili (qualsiasi traccia di vita, orme, scheletri, ecc.). Nel caso di un complesso sedimentare esente da qualsiasi deformazione, lo strato inferiore logicamente il pi vecchio. Le rocce sedimentarie si possono raggruppare a seconda della loro origine in:

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 4 DI 124

detritiche :Le rocce senza coesione come le argille, la sabbia, la ghiaia e i ciottoli rappresentano le rocce

detritiche pi comuni.
chimiche: Sono costituite da prodotti residuali di formazione continentale (Iateriti, travertino) o depositati sui fondali marini o lacustri. organiche: Comprendono rocce d'origine biochimica, bioclastica e organica. piroclastiche :Sono prodotte dall'attivit vulcanica esplosiva e raggruppano vari tipi di rocce al confine tra le rocce ignee effusive e le roccie sedimentarie propriamente dette.

Rocce metamorfiche
Quando le rocce giungono nelle profondit della crosta terrestre, oppure giungono in contatto con il magma in fase eruttiva, in conseguenza delle alte temperature e della pressione elevata si trasformano in rocce metamorfiche (dette anche metamorfiti, rocce di trasformazione). Contengono cristalli di notevoli dimensioni, parzialmente di nuova formazione, oppure presentano una struttura parallela (scistosit), rivelandosi molto compatti. Una trasformazione cosi intensiva si chiama metamorfosi (metamorfismo ).

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 5 DI 124

2.

Tettonica delle placche

Il sollevamento delle Alpi


Nella crosta terrestre sono sempre attive forze interne e forze esterne che creano un sistema dinamico in equilibrio. Forze esterne: erosione. Lerosione causa nelle alpi un abbassamento medio di 0.25 mm lanno. Forze interne: differenze di temperatura, di densit, di pressione. Rompono gli equilibri interni e causano deformazioni della crosta terrestre. Lungo le alpi si misura un sollevamento medio di 1 mm lanno. In totale le alpi si alzano di 0.4 mm lanno.

La deriva dei continenti


Le onde di fondo, o movimenti tettonici hanno sconvolto oceani e continenti in 4 miliardi di anni di storia della terra. Nel 16 e nel 17 secolo si inizi a notare che le coste atlantiche di Africa e America del sud avevano forme molto simili. Con il progredire delle tecniche nei rilevamenti geologici si scopr che anche le rocce dei 2 continenti erano simili per et geologica e natura fisico-chimica, in pi allinterno di esse venivano trovati fossili di stesse piante e animali. Nasce il concetto di un continente iniziale unico, il Pangea, da cui derivano i continenti attuali.

Il sistema alpino
Larco alpino in senso geologico si estende dai Pirenei alla Nuova Zelanda, per una lunghezza di circa 30'000 km (2/3 della circonferenza terrestre). Questa catena montuosa soggetta quotidianamente a scosse sismiche e terremoti. Essa comprende le montagne pi alte della terra. 200 milioni di anni fa la fascia delle Alpi separava il continente sud (Gondwana, Africa, India, Australia) dal continente nord (Laurasia, Europa e Asia). Tra i 2 continenti si apr nel corso dellera secondaria il mare Tetide, che si richiuse quando i 2 continenti di riavvicinarono nellera terziaria. Da questo movimento ebbero origine le Alpi. Del mare che separava i 2 continenti oggi rimane il Mediterraneo.

Tettonica a zolle
Ad ogni aumento di volume della crosta terrestre (formazione di montagne) corrisponde una diminuzione (formazione di fosse oceaniche). La tettonica a zolle la teoria che spiega la deriva dei continenti, la formazione delle fosse oceaniche, il sollevamento dei sistemi montuosi. Essa si basa sul principio secondo cui la litosfera (strato sottostante a crosta continentale e crosta oceanica) sia composta da grandi placche, separate da fratture che possono raggiungere oltre 100 km di profondit, che penetrano nello strato del mantello della Terra, da cui sprigionano sotto altissime pressioni i materiali vulcanici. Lorigine dellenergia che genera questi movimenti ancora oggetto di studio. Essa potrebbe essere generata dal calore liberato dal decadimento radioattivo.

Genesi e massa in posto delle rocce cristalline


La geologia della Svizzera Italiana estremamente ricca e varia.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 6 DI 124

Il mare della Tetide originatosi nellera mesozoica, le glaciazioni dellera quaternaria, il modellamento dei rilievi subito da vari agenti hanno creato sul nostro territorio una situazione estremamente interessante e unica. La Svizzera Italiana contiene infatti quasi tutti i tipi di roccia conosciuti.

Il metamorfismo delle rocce


Fenomeno per cui una roccia di qualunque tipo e origine pu subire trasformazioni radicali nel corso della sua storia. La temperatura e la pressione sono in grado di modificare laspetto, la struttura e la composizione mineralogica. Il granito ad esempio pu essere trasformato in gneiss.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 7 DI 124

3.

Classificazione di un ammasso roccioso (Mattia Rossi)

Classificazione delle rocce


Si usa suddividerle secondo la loro formazione: Ignee (magmatiche), derivano a seguito del raffreddamento e cristallizzazione del magma Sedimentarie, formate dalla deposizione e accumulo di materiale sia sulla terra ferma che in mare (spesso contengono fossili) Metamorfiche, rocce preesistenti che hanno subito trasformazioni a contatto con il magma in fase eruttiva Gruppi delle rocce Ignee Plutoniche (magmatiche) Vulcaniche (eruttive) Sedimentarie Metamorfiche Granito, diorite, gabbro, peridotite Porfido quarzifero, basalto Ghiaia, breccia, arenarie, argilla, calcari, dolomia, gesso Gneiss, quarzite, marmo Esempi di rocce conosciute

Caratteristiche
Colore, in pochi casi viene usato, maggior importanza si attribuisce a chiaro o scuro Peso specifico e peso apparente, il primo il peso senza pori e cavit, il secondo invece tiene conto delle cavit e del maggior volume dei pori. Composizione mineralogica, la quantit di minerali presenti nella roccia Struttura, lo studio della formazione e dellordinamento dei minerali

Formazione
Ignee: Sedimentarie: - plutoniche: formate nelle profondit tramite un lentissimo raffreddamento - vulcaniche: solidificazione del magma in superficie - detritiche: trasporto fiumi o laghi - chimiche: origini da processi chimici, prodotti residuali - organiche: accumulo di materia organico decomposto - piroclastiche: da attivit esplosive, tra effusive e sedimentarie - nella profondit della crosta terrestre o a contatto con il magma infase eruttiva, da variazione di temperature e pressioni.

Metamorfiche:

Trasformazione delle rocce


Dovuta a fenomeni fisici, es. calore e pressione, alterazione meteorica, Che permettono la trasformazione da un tipo di roccia ad un altro.

Alterazione: passaggio da roccia a sedimenti


Chimica, produce scomposizione di minerali in nuovi composti, dovuto allazione di agenti chimici, acidi nellaria, acqua piovana, Es. dissoluzione, ossidazione, riduzione, idratazione, idrolisi, percolazione, scambio di cationi Meccanica, produce una disintegrazione della roccia in piccole particelle a causa dei cambiamenti di temperatura, dellabrasione al vento, impatto della pioggia,
ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 8 DI 124

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

Es. effetto termico, essiccazione, cristallizzazione, carico e scarico Biologica, associata allattivit di piante e animali (batteri)

Struttura della superficie del terreno


O: materia organica (radici, muschi, ...) A:massima attivit biologica B: concentrazione illuviale di sostanze eluviate da A C: materiale alterato da cui si presume sia derivato il suolo - cementazione ad opera di carbonati o di altri sali pi solubili D: Roccia in posto o bedrock Questa suddivisione utilizzata per tutti i suoli, in qualsiasi regione essi si trovino.

Trasporto del materiale sciolto verso valle


Competenza: diametro massimo grano trasportato Capacit: flusso solido massimo trasportato dal corso dacqua Rotolamento sul fondo, onde sul fondo che asportano longitudinalmente al corso del fiume e depositano lateralmente Saltazione, con correnti turbolente quando la velocit maggiore Sospensione, flusso solido del corso dacqua Sostanza disciolta

Datazione delle rocce


Suddivisa in 3 sistemi modi: datazione assoluta: basata sul decadimento radioattivo(carbonio 14, uranio - piombo) datazione relativa: basata su osservazioni sedimentologiche, strutturali, fossili e situazioni tettoniche scala geologica: combinazione dei due sistemi precedenti, riportati in una scala.

Discontinuit
Presentano delle deformazioni rispetto la loro posizione primaria Fratture in senso lato: - fratture: senza spostamento delle due parti - faglie: notevole estensione con rigetto, ossia uno spostamento relativo delle due parti - strutture monoclinali: non presentano una vera rottura ma una nuova inclinazione costante su notevoli estensioni Pieghe: inclinazione degli strati variabile. Possono essere sinclinali (concave), anticlinali (convesse) Pieghe faglie: piegano parzialmente prima di rompersi e dar luogo a una faglia Scollamenti: scorrimenti lungo i giunti di stratificazione Ricoprimenti o falde: fenomeni nel corso dei quali una falda coricata sormonta una o altre antistati scorrendovi sopra. Finestra tettonica: lacerazione di un ricoprimento, attraverso il quale appare un substrato. (es. Bassa Engadina) Klipper (scoglio): rappresenta un lembo residuo di un ricoprimento Descrizione dellammasso roccioso Generalit: per la descrizione di una roccia occorrono indagini di terreno e laboratorio. Essi sono suddivisi in due categorie:

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 9 DI 124

Descrizione e classificazione:
- propriet dellammasso roccioso (rilevamento sul terreno) - propriet del materiale roccioso (esami di laboratorio)

Esami geomeccanici:
- rilevamento sul terreno - esami di laboratorio

Esame delle discontinuit


giacitura e orientamento dei piani delle discontinuit strutturali: il metodo pi diffuso quello di Clar. Attraverso ad una bussola geologica, che fornisce gli angoli che corrispondono alla traccia orizzontale della linea di massima pendenza con al direzione Nord, e langolo che la linea di massima pendenza forma rispetto allorizzontale, posso descrivere la giacitura di un paino (fessura, strato, scistosit). I dati vengono poi rappresentati e valutati statisticamente su dei reticoli stereografici. numero di famiglie: permette di caratterizzare lo stato di fatturazione di un ammasso roccioso. Esso determinato dal numero di famiglie che interagiscono tra di loro. Spaziatura delle discontinuit strutturali: la distanza media fra le discontinuit strutturali appartenenti alla stessa famiglia. Essa misurata, calcolata o valutata. Infine le misure fatte vengono riportate su un istogramma in scala logaritmica, in quale distinguiamo la distanza tra i giunti da estremamente ravvicinata a estremamente larga. Persistenza delle discontinuit strutturali: essa generalmente rilevata misurando o valutando la lunghezza della discontinuit strutturali della traccia. Varia da Bassissima a molto alta. Inoltre esiste un valore K compreso tra 0 (roccia intatta) ed 1 (discontinuit completamente estesa). La descrizione delle fessure di da in questo modo: -x esce dallaffioramento o dalla zona indagata visibile -d interrotta da altre discontinuit -r termina in roccia Caratteristiche delle superfici delle discontinuit strutturali: importante per la prima valutazione dellangolo dattrito interno e della coesione tecnica. Un altro stemma attraverso il pettine di Barton (JRC) che viene poi paragonato ad una scala di andamenti JRC. Lapertura: la distanza perpendicolare tra le due pareti di una discontinuit. Viene definito secondo la seguente una scala: - chiuse < 0.1 mm a 0.5 mm - moderatamente aperte 0.5 mm a 10 mm - aperte > 10 mm Resistenza della parete: definita come la resistenza a compressione della porzione di roccia che si trova pi vicina ad una superficie di discontinuit. La si pu ricavare utilizzando il martello di Schmidt. Grado di alterazione chimico della roccia: la resistenza della roccia dipende da esso. Viene perci classificata: CA : roccia completamente alterata AA: roccia fortemente alterata MA: roccia mediamente alterata LA: roccia leggermente alterata FL: roccia inalterata o sana con ossidazione delle fratture F roccia inalterata o sana

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 10 DI 124

Riempimento delle discontinuit strutturali: il riempimento di materiale sciolto, esso viene esaminato secondo le caratteristiche mineralogiche, granulometriche, consolidamento, contenuto in acqua e permeabilit, entit delleventuale spostamento, caratteristiche della geometria delle discontinuit strutturali.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 11 DI 124

4.

Proiezioni stereografiche e loro utilizzazione

Il reticolo stereografico rappresenta la proiezione su di una superficie piana, di un reticolato di meridiani e paralleli definito su di una superficie sferica; il punto di vista disposto ortogonalmente rispetto al piano di proiezione. Per quanto riguarda il reticolo polare, si immagini di avere una sfera, sulla quale sono stati evidenziati meridiani e paralleli, e di asportarne la met superiore definita col piano passante per lequatore; la stessa cosa pu essere fatta per il reticolo equatoriale, solo che in questo caso la fetta asportata definita da un piano passante per i due poli. Ci sono due tipi di proiezioni che possono essere utilizzate per la generazione sia del reticolo polare che di quello equatoriale: - la proiezione con conservazione delle aree o proiezione di Schmidte - Lambert - la proiezione con conservazione degli angoli o proiezione Stereografica di Wulff

Reticolo equatoriale equiangolare

Reticolo equatoriale equiareale

Reticolo polare equiangolare

Reticolo polare equiareale

In generale i geologi preferiscono utilizzare la proiezione equiareale; in quanto, essendo il reticolo suddiviso in superfici elementari di uguale area, si hanno notevoli vantaggi nellinterpretazione immediata di campioni statistici relativi alla distribuzione dei dati geostrutturali. Gli ingegneri preferiscono, invece, la proiezione equiangolare. Le Proiezioni Stereografiche permettono di: - rappresentare su di un piano bidimensionale la giacitura di piani e di linee, - ricavare le relazioni angolari che sussistono tra piani e linee di giacitura nota, - ricavare la giacitura di piani o linee ortogonali a piani o linee di giacitura nota, - individuare la direzione delle linee di intersezione di piani di giacitura data; - stimare laddensamento relativo nello spazio di popolazioni di dati di tipo geometrico.
GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 12 DI 124

5.
??

Materiali sciolti, diverse formazioni

6.

Esame del terreno

Le caratteristiche del terreno sono fornite dalla natura e dipendono da come i materiali si sono depositati e dalle condizioni geologiche subite. Composizione del terreno : composto da grani di diverse grandezze che si sono aggregati nel tempo ma hanno lasciato tra loro uno spazio piu o meni grande (pori). I pori possono essere riempiti da acqua o aria completamente oppure dai due elementi in proporzioni diverse. Il terreno quindi un insieme di tre componenti (modello a tre fasi) : materia solida_acqua_aria. Peso volumico apparentemente umido (kN/mc) : peso per unit di volume di un terreno indisturbato. Questo peso comprende gli elementi solidi e lacqua. (kN/mc) = Ptot/Vtot Peso volumico delle parti solide s(kN/mc) : peso per unit di volume delle materia solida. Il valore di questo peso volumico varia poco e dipende dai minerali contenuti nei grani. s(kN/mc) = Ps/Vs Peso volumico dellacqua w(kN/mc) : ha un valore di 9.81 kN/mc ma spesso viene adottato come 10 kN/mc per facilitare i calcoli w(kN/mc) = Pw/Vw Peso volumico apparentemente secco d(kN/mc) : peso della materia solida contenuta in un campione rapportato al suo volume. d(kN/mc) = Ps/Vtot Peso volumico apparente saturo sat(kN/mc) : peso per unit di volume di un campione i cui pori sono riempiti completamente dacqua. sat(kN/mc) = Ptot/Vtot
Nel caso in cui non si conosce bene la disposizione dei pori e la quantit di acqua iniziale sat=

Peso volumico del terreno immerso `(kN/mc) : peso per unit di volume di terreno indisturbato e saturo immerso nellacqua. `(kN/mc) = (Ptot-Vtot * w)/Vtot Contenuto dacqua w(%) : peso dellacqua contenuta nel campione rapportato al peso della materia solida contenuta che compone il campione. w(%) = (Pw/Ps)*100 Contenuto di materie organiche : rapporto tra il peso della materia organica(la presenza puo essere percepita visivamente o olfattivamente) e quello della materia solida. Mat. organico(%) = (Porg/Ps)*100 Porg : Peso del solido prima di essere bruciato Ps : Peso del solido dopo essere stato bruciato
GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 13 DI 124

Grado di saturazione Sr(%) : rapporto tra il volume dellacqua contenuta in un campione e il volume degli interstizi del campione (puo variare da 0%(t. secco) a 100% (t. completamente saturo)) Sr(%) = (Vw/Vp)*100 Porosit n (%) : volume degli interstizi esistente tra le particelle solide rapportato al volume del campione. n(%) = (Vp/Vtot)*100 Indice di porosit e : rapporto tra il volume degli interstizi ed il colume della materia solida. (non puo essere > 1) e = Vp/Vs Indice di addensamento D e Indice di addensamento relativo Id : esprimono la compattezza del terreno D = (nmax n)/(nmax nmin) Id = (emax e)/(emax nmin)= (d max/ d)*D

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 14 DI 124

7.

Esame del terreno e sondaggi

Per esame del terreno vedi domanda 6

Sondaggi
Le perforazioni di sondaggio permettono di raggiungere notevoli profondit e di attraversare terreni in falda. I fori di sondaggio sono utilizzati sia per determinare la stratigrafia del terreno che per il prelievo di campioni rappresentativi sia per lesecuzione di prove in sito e per linstallazione di strumentazione geotecnica. Lesecuzione di sondaggi pu suddividersi in metodi a percussione e in metodi a rotazione. Perforazione a percussione : fanno ricorso a utensili molto robusti come scalpello e curetta che sono fatti avanzare nel terreno per battitura con maglio o per caduta. Lo scalpello usato per lo pi in strati lapidei o cementati. Quando il foro piccolo (100-125mm) viene collegato alla superficie mediante una batteria di aste cave e i detriti vengono portati in alto mediate circolazione di fango. La curetta invece un tubo cilindrico (100-300mm fino a 1000mm) munito di una valvola al fondo per trattenere il materiale entrato durante lavanzamento. Con questo utensile si possono raggiungere profondit di 60m. Gli inconvenienti di questo metodo sono limpossibilit di ottenere campioni indisturbati e quindi la difficolt di ricostruire landamento stratigrafico in terreni con fitte alternanze a causa del rimescolamento prodotto dagli utensili. Solo nel caso di terreni omogenei a grana grossa i campioni possono ritenersi rappresentativi. In terreni fini ci non possibile perch lacqua utilizzata per la perforazione dilava il materiale. Per questi motivi la maggior parte di sondaggi viene eseguita a rotazione. Sondaggi a rotazione : lavanzamento dellutensile avviene applicando contemporaneamente alla batteria di aste, che lo collegano alla superficie, una spinta e rotazione. Lutensile costituito da un tubo carotiere (semplice, doppio, triplo, con diametri da 75 a 150mm) che presenta allestremit una corona dentata (tagliente). La perforazione pu avvenire a secco, dove il terreno lo permette, oppure mediante limmissione di un fluido ( acqua, fango o aria compressa) attraverso le aste interne (circolazione diretta) o attraverso le pareti del foro (circolazione inversa). Limmissione di fluido aumenta la velocit di avanzamento ma rende pi complicato il carotaggio in materiali teneri o poco coesivi. In tutti i terreni, eccetto in quelli ghiaiosi per i quali si verifica una frantumazione con conseguente perdita del materiale, si possono effettuare carotaggi continui, adattando i vari parametri (velocit di rotazione, pressione sul fondo, portata del fluido, tipo di carotiere) alla natura del terreno. Infatti gli inconvenienti dovuti alla presenza del fluido (dilavamento) possono essere ridotti mediante lutilizzo di un carotiere doppio, costituito da due pareti delle quali solo lesterna ruota mentre quella interna accoglie il materiale proteggendolo dallazione dilavante del fluido. Possono essere usate anche delle trivelle (spirali a vite senza fine con diametro 50-150mm) per sondaggi poco profondi (10m) e in terreni da coesivi a poco coesivi senza elementi di grossa pezzatura se si al di sopra della falda, e solo a terreni coesivi al di sotto. I campioni ottenuti sono fortemente disturbati e spesso dilavati se prelevati sotto falda e la definizione della stratigrafia molto imprecisa. Con attrezzature meccaniche si possono raggiungere anche i 40m ma gli svantaggi del metodo fanno preferire i carotieri. Nel caso in cui non necessario recuperare la carota intatta (prospezioni petrolifere) ma solo i materiali pu essere usato il sistema Rotare che prevede delle teste particolari atte a sbriciolare la roccia. Il materiale riportato in superficie tramite il flusso di fluido di perforazione e il sondaggio pu raggiungere profondit elevate.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 15 DI 124

Pozzi : sono interventi di prospezione abbastanza costosi ma che portano informazioni in scala reale. Possono essere utilizzati per verificare la zona di posa delle fondazioni di strutture molto caricate che per accedere ad altre infrastrutture (pozzo di Sedrun). Hanno diametri variabili. Cunicoli di sondaggio : come i pozzi ma hanno delle dimensioni contenute che permettono il lavoro di personale specializzato. Solitamente sono eseguiti in zone critiche previste per lattraversamento di una galleria o per la costruzione di caverne sotterranee (cunicolo di Polmengo o di Sigirino).

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 16 DI 124

8.

Sondaggio a rotazione, uso

Lavanzamento dellutensile realizzato applicando contemporaneamente una spinta ed una rotazione.

Carotiere
Lutensile di perforazione costituito da un tubo carotiere (semplice, doppio o triplo) che presenta unestremit munita di corona dentata (tagliente). Diametri usati: 75 e 150 mm. Perforazione: a secco dove il terreno lo permette. Limmissione di un fluido di perforazione(acqua, fango o aria compressa) aumenta sensibilmente la velocit davanzamento,ma rende pi complicato il carotaggio in materiali teneri o poco coesivi. Perforazione continua ad eccezione che in terreni ghiaiosi (per i quali si verifica una frantumazione e dunque perdita di materiale) con regolazione di velocit, pressione, tipo di carotiere in base alla natura del terreno. Gli inconvenienti dovuti alla presenza del fluido possono essere minimizzati mediante impiego di un carotiere doppio, dove solo la parete esterna ruota e quella interna protegge dal dilavamento dovuto al fluito del terreno.

Trivella
Sondaggi poco profondi (10m) Terreni da coesivi a poco coesivi senza elementi di grossa pezzatura al di sopra della falda, coesivi al di sotto. Diametri: 50-150 mm Campioni: fortemente disturbati e spesso dilavati (sotto falda) Con attrezzature meccaniche possibile arrivare a profondit dellordine di 40 m (diam. foro 100300mm), ma comunque meglio usare un carotiere. Nel caso di fori per i quali non necessario recuperare la carota intatta ma solo i materiali si pu utilizzare il sistema Rotary che sbriciola la roccia.

Pozzi
Interventi di prospezione abbastanza costosi Utilizzati per verificare la zona di posa delle fondazioni Diametro: qualche metro

Cunicoli di sondaggio
Opere di dimensioni pi contenute che permettono per il lavoro di personale. Costruiti in zone critiche per lattraversamento di una galleria o per costruzione di caverne sotterranee.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 17 DI 124

9.

Indagini: Prove dirette

Generalmente puntuali, anche se di lunghezze importanti. Queste prove permettono una visione dei materiali che vengono attraversati. A dipendenza del tipo di progetto, della profondit di indagine necessaria e della qualit delle informazioni ricercate si potr scegliere tra diversi tipi di prove dirette. a) Trincee (a mano, meccaniche) Sistema molto semplice che permette di mettere a nudo il terreno che si vuole analizzare. La grande limitazione di questi interventi consiste nella limitata profondit economicamente raggiungibile, circa 1.5 m per le trincee a mano e circa 5 m per quelle meccaniche. Per queste ultime un punto importante rappresentato dalle prescrizioni di sicurezza che limitano la raccolta di dati nello scavo a partire da una certa profondit (generalmente 1.2 m). b) Sondaggi Le perforazioni di sondaggio permettono di raggiungere notevoli profondit e di attraversare anche terreni sotto falda. Oltre che ai fini della determinazione della stratigrafia e del prelievo di campioni rappresentativi, i fori di sondaggio possono essere utilizzati per l'esecuzione di prove in sito e per l'installazione di strumentazione geotecnica (piezometri, inclinometri). I procedimenti impiegati per l'esecuzione dei sondaggi possono suddividersi in metodi a percussione e metodi a rotazione. b1) Perforazione a percussione I metodi a percussione fanno ricorso a utensili molto robusti (scalpello e curetta), fatti avanzare nel terreno per battitura con maglio o per caduta. I grossi inconvenienti presentati da tale metodo sono costitutiti: - dall'impossibilit di ottenere campioni indisturbati; - dalla difficolt di ricostruire l'andamento stratigrafico in terreni con fitte alternanze a causa del forte rimescolamento prodotto dagli utensili di perforazione; - dal rifluimento del terreno nel foro dopo l'estrazione della curetta, che rende impossibile l'esecuzione delle prove in sito. A causa di tutti questi inconvenienti, la quasi totalit dei sondaggi viene oggi eseguita a rotazione. b2) Sondaggi a rotazione In questi casi l'avanzamento dell'utensile realizzato applicando contemporaneamente a una batteria d'aste, che la collegano alla superficie, spinta e rotazione. L'utensile di perforazione costituito da un tubo carotiere che presenta una estremit munita di una corona dentata (tagliente). I diametri normalmente usati variano da 75 a 150 mm. L'impiego di trivelle (spirali a vite senza fine) in genere limitato a sondaggi poco profondi (circa 10 m) e a terreni da coesivi a poco coesivi senza inclusioni di elementi di grossa pezzatura se si al disopra della falda, e solo a terreni coesivi al disotto. I diametri usuali variano da 50 a 150 mm. c) Pozzi Sono degli interventi di prospezione abbastanza costosi ma che possono portare delle informazioni in scala reale. Possono essere utilizzati per verificare la zona di posa delle fondazioni di strutture molto caricate e permettono di scegliere la profondit voluta. In generale hanno un diametro di qualche metro. Pozzi di grande diametro possono essere costruiti anche per avere accesso ad altre infrastrutture (Sedrun).
GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 18 DI 124

d) Cunicoli di sondaggio Sono delle opere di dimensioni contenute ma che permettono il lavoro di personale specializzato. Generalmente questi cunicoli vengono eseguiti in zone critiche previste per l'attraversamento di una galleria o per la costruzione di caverne sotterranee (Polmengo, Sigirino)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 19 DI 124

10. Indagini : prove indirette (Geologia 4 pg. 1,2)


Queste prove sono essenzialmente utilizzate per riconoscere grandi superfici di terreno per poterne dare le principali caratteristiche (spessore degli strati, compattezza, presenza o meno dellacqua, ecc.) Fanno parte delle indagini goegnostiche ossia quelle prove che permettono di definire il modello di terreno. Principali tipi di indagine indirette:
Sismica a rifrazione Tramite brillamento di deboli cariche presso la superficie vengono rilevate le onde sferiche che si propagano nello strato superficiale, in base ai tempi necessari alle onde per percorrere un certo tragitto possibile risalire alla profondit dei diversi strati, caratterizzati dalla loro celerit (vel. di propagazione dellonda..?). Applicazioni: ricerca della superficie della roccia sotto detriti

Condizioni: alta

pi si v in profondit pi la celerit del materiale deve essere

classificazione dei materiali progetti di gallerie problemi di vecchi alvei di fiumi ricerche idrogeologiche

Elettricit Tramite il passaggio di corrente tra un punto A e B viene misurata la diff. di potenziale in base alla quale si pu calcolare la resistivit apparente. La profondit di misura ca. AB/4, Dati indicativi: In generale , materiale fine + acqua = conduttori

materiale grossolano (ghiaia) argille su calcare = resistenti


Applicazioni : ricerche idrogeologiche indagini generali (strade, edifici,..) ricerca della forma della superficie della roccia ricerca di faglie , determinazione di spessori di ghiaia,..

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 20 DI 124

11. Prove in sito


Possiamo suddividere le prove in sito in tre categorie diverse: Prove nelle quali, elementi di un terreno seguono un percorso tensionale simile alle condizioni reali (pressiometro autoperforante, sismica) I parametri geotecnica possono essere definiti grazie a soluzioni teoriche. Prove nelle quali, elementi di un terreno seguono un percorso pensionale diverso alle condizioni reali.(carico con piastra, penetrometro). Le soluzioni teoriche forniscono dei valori medi. Prove nelle quali, elementi di un terreno seguono un percorso pensionale diverso alle condizioni reali. (SPT,penetrometro statico e dinamico). I risultati ottenuti sono legati empiricamente a certe caratteristiche del terreno. Rispetto alle prove in laboratorio, le prove in sito presentano i seguenti vantaggi: Volume in esame grande; Possibilit di definire: macrostrutture Variazioni spaziali Stratificazioni Prove su terreni per i quali non possibile (o non economico) il campionamento indisturbato; Prove del terreno nelle condizioni chimiche fisiche biologiche dellambiente naturale; Rapporto costo- beneficio favorevole; Breve durata delle prove. Ma anche i seguenti svantaggi: Limitati controlli delle condizioni circostanti; Condizioni di drenaggio incontrollate (stratigrafia sottostante); Zone di deformazione non uniformi; Inevitabile disturbo del terreno; Situazione di rottura o di deformazione molto spesso diverse da quelle di progetto; Spesso, limitata possibilit di identificazione della natura del terreno

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 21 DI 124

12. Prova di penetrazione dinamica, rappresentazione, calcolo, uso (Pag. 6-10)


Penetrometro dinamico (DPSH) La prova consiste nel far penetrare una punta di =51 mm nel terreno, unitamente alle aste di collegamento, usufruendo di un maglio di 73 kg, con altezza di caduta di 0.75 m, registrando il numero di colpi per ogni intervallo di 0.30 m di infissione. Ogni paese ed ogni impresa hanno praticamente sviluppato il loro sistema di penemometro dinamico, quindi molto difficile paragonare i risultati se non a livello locale. Permette di avere unidea sulla stratigrafia del terreno anche se non si riesce in tutti i casi a distinguere le resistenza alla penetrazione dovuta alla punta da quella allattrito. Resta comunque un mezzo con un prezzo molto conveniente. -Non vengono date indicazioni sulla rappresentazione e il calcolo, per alcune indicazioni vedi prova di penetrazione statica-

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 22 DI 124

13. Profondit delle indagini


Le indagini geognostiche si suddividono in due grandi categorie: Prove indirette (risposta del terreno ad una sollecitazione) e prove dirette (visualizzazione del terreno). Prove indirette: - Sismica a rifrazione => le onde si propagano solo in superficie e la profondit dello strato ricercato pu essere dedotta dal tempo che impiegano le onde a giungere ai geofoni tenendo presente le celerit dei diversi strati che si potrebbero incontrare. - Elettricit => la profondit di indagine proporzionale alla distanza tra i due poli, in altre parole pi allontano i poli maggiore la profondit. Prove dirette: - Trincee => la profondit economicamente raggiungibile molto limitata: - 1.5 m per le trincee a mano - 5 m per quelle meccaniche - Perforazioni a percussione => le profondit raggiungibili sono mediamente dellordine dei 60 m - Sondaggi a rotazione o perforazione carotata, pozzi e cunicoli => si possono raggiungere notevoli profondit (anche centinaia di m). In generale le indagini vanno spinte fino a raggiungere quegli strati che garantiscono adeguate caratteristiche di capacit portante. Nel caso di terreni particolarmente cedevoli si spinge il sondaggio fino a dove la pressione del sovraccarico rappresenta il 20% di quella applicata alle fondazioni. Se si incontrano strati compatti a profondit modeste, invece, lidagine deve essere spinta fino ad assicurarsi che la presenza di uno strato tenero al di sotto di essi non influenzi pi i cedimenti e la stabilit della fondazione.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 23 DI 124

14. Profondit dei sondaggi (cap. 4.3.2)


esempio:

5 piani 10 kN/m2

5 piani x 10 kN/m2 = 50 kN/m2 50 kN/m2 0.5 kg/cm2 0.5 x 9 = 4.5 m (profondit sondaggio)
9 metri

base minore

arrotondamento: 4 - 5 metri

La profondit di indagine dipende dal carico generato dalla fondazione e dalla larghezza del suo lato minore. t=pxb

15. Caratteristiche essenziali dei sondaggi e profondit degli stessi


Vedi domande 7 e 14

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 24 DI 124

16. Prove fisiche: pesi volumici, porosit e indice di porosit ( 3.2.1-3.2.11 Geol. Pag. 3-2/ 3-4)
a) Peso volumico apparente umido (C:3.2.1-P:3-2) Peso di un unit di volume (Ptot) di terreno indisturbato (non modificato dalla campionatura) sul suo volume totale (Vtot). Comprende elementi solidi e lacqua.

Ptot kN / m3 Vtot

b) Peso volumico delle parti solide (C:3.2.2-P:3-2) Peso di un unit di volume della materia solida (Ps) del campione sul volume solido (Vs).

s =

Ps kN / m3 Vs

c) Peso volumico dellacqua (C:3.2.3-P:3-2)

w =

Pw = 10 kN / m 3 Vw

d) Peso volumico apparente secco (C:3.2.4-P:3-2) Peso di un unit di volume della materia solida rapportato al volume totale.

d =

Ps kN / m3 Vtot

e) Peso volumico apparente saturo (C:3.2.5-P:3-3) Peso di un unit di volume con i pori saturi dacqua (Varia = 0).

sat =
f)

Ptot kN / m3 Vtot

Peso volumico del terreno immerso (C:3.2.6-P:3-3)

Peso di un unit di volume di terreno indisturbato, saturo immerso nellacqua.

'=

Ptot Vtot . w kN / m3 Vtot

g) Contenuto dacqua (C:3.2.7-P:3-3) Peso dacqua nel campioni rapportata al peso della materia solida del campione.

w=

Pw .100[%] Ps

h) Porosit (C:3.2.10-P:3-4)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 25 DI 124

Rapporto tra il volume dei pori (Vp) e il volume totale.

n=
i)

Vp Vtot

.100[%]

Indice di porosit (C:3.2.11-P:3-4)

Rapporto tra il volume dei pori e il volume della materia solida.

e=

Vp Vs

[]

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 26 DI 124

17. Classificazione dei terreni


La classificazione dei terreni pu avvenire secondo diversi procedimenti a seconda delle necessit e delle informazioni conosciute: Caratteristiche fisiche o o o Granulometria Limiti di Atterberg Massa volumica, porosit, ME, mv, resistenza a compressione, taglio Sostanze organiche,

Caratteristiche meccaniche o Caratteristiche chimiche o

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 27 DI 124

18. Granulometria
La granulometria un'analisi statistica che indica le percentuali in peso degli elementi di diverse grandezze che compongono il terreno. Pu essere divisa in frazioni granulometriche limitate da un diametro minimo e uno massimo. Quest'analisi viene effettuata con due prove distinte: - la vagliatura, per particelle con un diametro superiore a 0.1 mm, - la decantazione, per elementi pi piccoli di 0.1 mm Poich le particelle di terreno non sono sferiche, nella vagliatura si parla di diametro riferendosi al diametro dei fori del vaglio o alla dimensione delle maglie. Nella decantazione si tratta invece di diametri equivalenti definiti in funzione del comportamento durante il processo di decantazione. La rappresentazione della granulometria di un terreno viene fatta su un grafico (curva granulometrica) con una scala logaritmica per i diametri ed una lineare per le percentuali di passante. Per passante si intende la parte di materia (in peso) che passa attraverso le maglie di una certa dimensione. Il grafico per le curve granulometriche contiene in generale 5 frazioni granulometriche che permettono di distinguere diversi tipi di terreno: diametro inferiore diametro superiore argilla 0.002 mm limo 0.002 mm 0.06 mm sabbia 0.06 mm 2 mm ghiaia 2 mm 60 mm ciottoli 60 mm 200 mm Oltre i 200 mm, gli elementi di terreno sono definiti come blocchi e non vengono considerati nella curva granulometrica. Per caratterizzare una curva granulometrica si utilizzano tre diametri particolari (D10, D30 e D60) e due indici calcolati con questi diametri (l'omogeneit e la curvatura). Con Dn si intende il diametro per il quale il passante corrisponde a n%.

Omogeneit
L'omogeneit caratterizza la pendenza della curva, mentre, la curvatura definisce da quale parte si situa la convessit della curva. Descrizione rispetto all'omogeneit
GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 28 DI 124

U piccolo:

U [ ] =

D60 D10
U grande:

i grani hanno tutti lo stesso diametro (granulometria uniforme) (1) quasi tutte le frazioni granulometriche sono rappresentate (granulometria estesa) (2)

Descrizione rispetto alla distribuzione delle diverse frazioni (3) buona ripartizione: tutte le frazioni sono rappresentate (4) cattiva ripartizione: una frazione prevale sulle altre (5) cattiva ripartizione: praticamente manca una frazione

Curvatura
Descrizione rispetto alla curvatura C > 1 C < 1 C 1 la concavit volta verso l'alto (6) la concavit volta verso il basso (7) la curva ha un andamento pi o meno rettilineo (8)

C[] =

(D30 )2
D10 D60

Utilizzazione della curva granulometrica

- Per determinare la classificazione di un terreno secondo il metodo di laboratorio USCS o secondo altri
metodi;

- Per classificare la ghiaia (I o Il qualit) secondo le norme; - Per determinare il grado di sensibilit al gelo di un terreno; - Per definire i materiali da utilizzare come filtro in un certo tipo di terreno in modo da evitarne l'erosione
interna; - Per correggere la granulometria di un terreno per migliorarne le qualit alla compattazione.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 29 DI 124

Forma dei grani e superficie


I grani che si possono distinguere ad occhio nudo hanno una forma particolare che funzione della storia della loro formazione e del loro trasporto. Si possono distinguere due caratteristiche principali: la forma vera e propria e la qualit della superficie (ruvidezza). Per definire se la forma di un elemento piuttosto sferica (o cubica) ci si pu basare su un indice di forma che mette a confronto il diametro maggiore (a = lunghezza) con il diametro minore (c = spessore). Un elemento considerato sferico o cubico se il rapporto:

c > 0 .4 a

Forma dei grani:

1. sferica 2. poliedrica 3. prismatica

4. appiattita 5. a lancetta 6. piastrina

Superficie dei grani:

1. ad angoli vivi 2. angoloso 3. ad angoli arrotondati

4. arrotondato 5. liscio

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 30 DI 124

19. Limiti di Atterberg


LTS Laboratorio di Meccanica delle terre T. Martinenghi Geologia VSS 670 345 Limiti di Atteberg Cap 3 10/15,19 Limiti di consistenza

Detti anche limiti di consistenza si basano sul concetto che un terreno argilloso (o limi argillosi) pu esistere, in funzione del suo contenuto dacqua nei seguenti stati.
liquido plastico semisolido solido

Limiti Atterberg sono: Limite di liquidit WL: minimo contenuto dacqua per il quale il terreno scorre per effetto di una piccola pressione (come un fluido) determinato con la coppella di Casagrande; (chiusura di 1 cm in 25 colpi) Limite plastico (o di rotolamento) WP : minimo contenuto dacqua per il quale il terreno pu deformarsi plasticamente senza frantumarsi, determinato rotolando un cilindro di 3 mm fino a frantumarlo Limite di ritiro: contenuto dacqua al di sotto del quale il materiale non si ritira pi. (non trattato da VSS 670 345). Indice di plasticit = WL WP Una volta definiti i limiti si pu classificare il materiale secondo il suo stato.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 31 DI 124

20. Classificazione USCS (in laboratorio)


La classificazione si basa su tre criteri: La granulometria, determinata con la vagliatura; Le propriet plastiche, definite con i limiti di Attemberg; Il contenuto di materie organiche, definito con lessicazione del campione. I simboli USCS utilizzati provengono dalle norme americane (unified soil classification system) Si suddividono in simboli che caratterizzano il tipo di materiale: G ghiaia S sabbia M limo C argilla O materiale organico Pt torba Simboli che caratterizzano la granulometria W campione che contiene grani di tutte le dimensioni, nessuno predominante P una categoria di grani predomina sulle altre Simboli caratterizzanti il grado di plasticit H limite di fluidit elevato L basso limite di fluidit Esempio di classificazione: Se D50 > 0.06mm materiale grossolano (ghiaia, sabbia) Esistono tre tipi di suddivisioni definite dal contenuto di materiali fini (meno di 5% e tra 5% e 12%)una verifica della curvatura, C, e del grado di uniformit U permettono di suddividere in sottocategorie. (sopra il 12%) il materiale viene classificato con gli indici di due classi corrispondenti alla classificazione dei materiali grossolani soli e a quella dei materiali fini. Se D50 < 0.06mm materiale fine (limo e argilla) I materiali fini vengono separati in classi tenendo conto dei limiti di Attemberg secondo un grafico apposito. Si rimanda alla pagine 3-15 e seguenti per una migliore compressione delle suddivisioni e per lanalisi degli esempi fatti in classe.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 32 DI 124

21. Classificazione dei terreni in sito (Pag. 3-25)


La classificazione in sito dei materiali non semplice in quanto bisogna stimare diversi parametri. In questi casi, lesperienza che si acquisisce paragonando la propria classificazione con quella fatta in laboratorio molto importante. La classifi9cazione in sito utilizzata soprattutto nei casi in cui bisogna prendere una decisione e non c abbastanza tempo per poter fare delle analisi di laboratorio. In genere si procede come segue: stima della granulometria (p.e. materiale grossolano con molto materiale fine) stima della curva granulometrica determinazione della plasticit tramite le prove specifiche di terreno determinazione della presenza di materiale organico Ogni tipo di terreno ha un metodo di analisi diverso con delle tabelle per la classificazioni (vedi dispense). I metodi si diversificano per i seguenti tipi di terreno: Classificazione in sito di ghiaia e sabbia Classificazione in sito di limo e argilla (prova dello scuotimento, prova della consistenza, prova della resistenza del materiale secco) Classificazione delle torbe Consistenza dei terreni Compattezza dei terreni Classificazione delle terre (Raccomandazioni AGI (Associazione Geotecnica Italiana), 1977)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 33 DI 124

22. Come si pu classificare correttamente unargilla siltosa (CH ) CLASSIFICAZIONE USCS


classificazione si basa su tre criteri: . la granulometria, determinata con la vagliatura . le propriet plastiche, definite con i limiti di Atterberg . in contenuto in materie organiche, definito con l'essiccazione del campione

Simboli USCS utilizzati


I simboli utilizzati nella classificazione provengono dalle norme americane stabilite nel 1953 (USCS = Unified Soil Classification System). Si suddividono in simboli che caratterizzano il tipo di materiale: G S M C O pt ghiaia (gravel) sabbia (sand) limo (silt) argilla (clay) materiale organico (Organic) torba (peat),

simboli che caratterizzano la granulometria: W p H L (wellgraded) campione che contiene grani di tutte le dimensioni, nessuno predominante (poor graded) una categoria di grani predomina sulle altre, (high liquid limit) limite di fluidit elevato (Iow liquid limit) basso limite di fluidit

simboli caratterizzanti il grado di plasticit:

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 34 DI 124

23. Come classificare correttamente unargilla con sostanze organiche (tipo OH)
1) Materiale fine o grossolano? D50 < 0.06 mm D50 > 0.06 mm 2) fine grossolano

Limiti di Atterberg? wp = limite di rotolamento: stato plastico stato semisolido wL = limite di fluidit: stato plastico stato fluido Definire lindice di plasticit IP = wL-wP

3) 4)

C materiale organico? Rapporto tra limite di fluidit wL e indice di plasticit IP (Linea A)


Ip>7 e sopra linea "A" 4<Ip<7 e sopra linea "A" inorganico wL < 30% organico sopra linea "A" inorganico Materiale fine D50< 0.06 mm 30%< wL <50% organico sopra linea "A" inorganico wL > 50% organico sotto linea "A" MH OH sotto linea "A" ML OL CH Ip<4 e/o sotto linea "A" CL CL-ML ML OL CM

Una volta stabilito che si tratta di unargilla organica OH: 5) 6) 7) La percentuale di materiale grossolano (> 0.06 mm) inferiore o superiore a 30%? Percentuale di materiale grossolano? / C pi sabbia o ghiaia? C pi sabbia o ghiaia? / Qual la percentuale di sabbia o ghiaia?
ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 35 DI 124

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

0-15% > 0.06mm <30% > 0.06mm

Argilla organica

% sabbia > % ghiaia 15-30% > 0.06mm % sabbia < % ghiaia OH <15 % ghiaia % sabbia > % ghiaia >15 % ghiaia >30% > 0.06mm <15 % sabbia % sabbia < % ghiaia >15 % sabbia

Argilla organica con sabbia Argilla organica con ghiaia Argilla organica sabbiosa Argilla organica sabbiosa con ghiaia Argilla organica ghiaiosa Argilla organica ghiaiosa con sabbia

Questa classificazione vale in generale per tutti i materiali fini!!!

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 36 DI 124

24. Permeabilit dei materiali (Mattia Rossi)


Acqua dassorbimento o igroscopica: minuscolo strato attorno alle particelle minerali. Lacqua nel terreno si trova sotto diverse forme: acqua dadesione: ingloba le particelle e la loro acqua dassorbimento. acqua capillare: zone isolate sopra la falda (forze capillari), o in contato con la falda (frangia capillare dove il terreno saturo) acqua gravitazionale: acque al disotto del livello piezometrico (sgocciolare) Capillarit: forma tra le particelle dei menischi diversi in funzione della loro dimensione H capillare = peso acqua contenuta / forze esercitate contro la parete hc = Pc / ym approssimativamente: 0.3/D dove D=diametro medio grani in cm Falda: acqua gravitazionale si trova nel terreno sotto diverse forme: falda a pelo libero: si trova su uno strato impermeabile, pressione atmosferica falda in pressione o artesiana: limitato da 2 strato impermeabile, press. Superiore a quella atmosferica falda sospesa: si forma su lenti di materiale impermeabile allinterno del terreno In funzione dello stato delle falde: falda di regime permanente: invariabile nel tempo falda di regime transitorio: si modifica nel tempo. Es. pompaggi in un pozzo Permeabilit secondo Darcy: essa influisce sul fenomeno degli assestamenti, dipende dalle diverse condizioni idrauliche. Velocit di filtrazione v: quantit dacqua che in un dato tempo passa perpendicolarmente attraverso il terreno. V=k.i K = Permeabilit sec. i = cadente piezometrico h / l diff. Livello / lunghezza Velocit effettiva vs: vs = v / n corrisponde alla velocit di filtrazione / la porosit Permeabilit in laboratorio: 2 prove sviluppate: permeametro a carico costante: mantenendo carico idraulico costante su un campione di terreno, agendo sulla quantit dacqua da inserire, per materiali grossolani permeametro a carico variabile: lasciato variare laltezza del carico idraulico, per m,materiali poco permeabili quindi fini permeabilit basata sulla granulometria: per le sabbie secondo la loro granulometria con formula empirica di terzaghi: k=D102/100 D=diametro particelle al 10% della curva granulometrica in mm Permeabilit di terreni stratificati: terreni composti da depositi con impermeabilit diverse, per avere una permeabilit media: orizzontale (parallela agli strati): Km si avvicina a quella dello strato pi permeabile k = permeabilit h = altezza strato intermedio H = altezza totale verticale (perpendicolare agli strati): quello meno permeabile comanda il flusso h = altezza strato intermedio H = altezza totale

k = permeabilit

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 37 DI 124

Determinazione della permeabilit in sito: prova di pompaggio in un foro di sondaggio: basata sullabbassamento dello strato permeabile dovuto ad un pompaggio permanente prova di riempimento: al contrario della precedente si immette acqua fino a raggiungere un regime permanete prova dabbassamento: si controlla la velocit di discesa della colonna dacqua nel tubo prova dinfiltrazione: si controlla la velocit di discesa dellacqua posta in una trincea.

Ordine di grandezza del coefficiente di permeabilit

Ordine di grandezza della velocit di filtrazione

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 38 DI 124

25. Da che cosa dipende la permeabilit k e come la si determina


Dipende da:
Granulometria (Terzaghi ) Stratificazione (longitudinale, perpendicolare) ..??..

La si pu determinare in laboratorio o in sito: Laboratorio : con permeametro a carico costante o variabile

basata sulla granulometria (Terzaghi) : (D10)2 / 100 (D10 = diam a 10%)


Sito: prova di pompaggio in un foro di sondaggio prova di riempimento prova dabbassamento prova dinfiltrazione (acqua in trincea )

Permeabilit secondo Darcy: Velocit di filtrazione v = k x i i : cadente piezometrico = Dh / D l (differenza di livello / lunghezza in cui avviene la perdita di carico); Velocit effettiva (della singola particella) vn = v / n ( Velocit di filtrazione / porosit )

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 39 DI 124

26. Determinazione dell'angolo per terreni incoerenti


Langolo di atrito interno pu essere paragonato al coefficiente datrito , conosciuto dalla fisica. Langolo datrito interno influenzato dai seguenti fattori: Il grado daddensamento; Il contenuto dacqua; La granulometria; La forma dei grani. Per la valutazione approssimata dellangolo di attrito esistono i seguenti metodi: Angolo di scarpata: Accettabile per terreni incoerenti Calcolo secondo Brinch-Hansen: Risultati accettabili per terreni incoerenti fino a leggermente legati. Vedi tabella pag. 1-34 Tabelle norme VSS: necessaria una classificazione USCS per trovare il valore adeguato dalle tabelle.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 40 DI 124

27. Metodo di determinazione dellangolo di attrito [Pag. 1-34]


Langolo di attrito interno pu essere paragonato al coefficiente dattrito conosciuto nella fisica. = angolo di attrito effettivo =angolo di attrito interno u=angolo di attrito apparente Normalmente langolo di attrito interno dei terreni influenzato da diversi fattori quali: il grado di addensamento il contenuto dacqua la granulometria la forma dei grani Per una valutazione approssimata esistono diversi metodi pi o meno precisi che si basano su osservazioni e/o su risultati ottenuti in laboratorio. a) Angolo di scarpata. Accettabile per terreni incoerenti b) Calcolo secondo Brinch-Hansen e Dhawan. Fornisce risultati accettabili per terreni incoerenti fino a leggermente leganti. Si deve stimare la granulometria, la compattazione, landamento della curva granulometrica e la forma dei grani. Tramite dei fattori di calcolo si arriva a trovare il valore dellangolo di attrito. c) Tabelle norme VSS necessaria la classificazione USCS del materiale per poter trovare il valore adeguato. Estratto valori vecchia tabelle VSS 670010 Terreno (Lim/Arg) ML ML - WL<30% ML WL>30% CL-ML CL CM CH

Terreno (Ghiaia) GW GP GM GW-GM / GPGM GC GW-GC / GP-GC GC-GM

[] 40 38 35 36 31.4 34 33

Terreno (Sabbia) SW SP SM SW-SM / SP-SM SC SW-SC / SP-SC SC-SM

[] 38 36 33.6 34.4 34.8 32 35.3

[] 33.9 35 28.8 32.7 30.7 25 24

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 41 DI 124

28. Coesione effettiva e apparente, applicazione nella pratica Coesione


Corrisponde alla resistenza al taglio quando non esiste nessuna compressione perpendicolare al piano di taglio(N=O). Si possono distinguere due tipi di coesione, quella effettiva e quella apparente. a) coesione effettiva Riposa sulla carica superficiale dei minerali argillosi. Il valore della coesione effettiva dipende fortemente dalla presenza dei minerali argillosi e dal precarico subito dal terreno. b) coesione apparente Dipende dalle forze capillari dell'acqua contenuta nel campione (i grani sono compressi tra di loro dalle forze assiali e da quelle capillari). La coesione apparente sparisce con essiccazione e con la saturazione del campione. Esempio classico quello della sabbia della spiaggia. Finch la sabbia resta umida si possono costruire castelli e formine, quando questa essicca o si satura la costruzione perde la sua forma e la sabbia tende a riprendere la forma di mucchio con un angolo di scarpa corrispondente all'angolo d'attrito interno. Tipico comportamento coesivo quello dell'argilla (materiale coerente), al contrario la sabbia pulita e la ghiaia (materiali non coerenti) non presentano nessuna coesione effettiva.

Comportamento del terreno alla rottura

a) Terreno con attrito e coesione (caso normale) p.e.: materiale compatto con presenza di materiale fine; argilla sovraconsolidata

b) Terreno con attrito, senza coesione p.e.: sabbia asciutta e pulita, ghiaia

c) Terreno con coesione che non mostra attrito (cosiddetta resistenza al taglio non drenata di un'argilla satura)
Su = resistenza al taglio non drenata

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 42 DI 124

29. Resistenza al taglio


Problema principale: stabilit delle scarpate!
q

Caratteristiche principali: coesione c e angolo di attrito interno f, da trovare eseguendo almeno 3 prove in sito con carichi assiali diversi. Deformazione/taglio
1 2 3 1 2 3
1 2 3

Tensione assiale/taglio

Linea di rottura
3 2 1

Legge di Coulomb per la resistenza al taglio: Linea di rottura descritta in base a: tf = c + s . tgf tf = resistenza al taglio (kN/m2) c = coesione (kN/m ) s= tensione assiale (kN/m2) f = angolo di attrito interno ()
2

di linea

rottu

ra

Attenzione a: tensioni totali (su, per verifiche a breve termine) o effettive (s, per verifiche a lungo termine, terreno drenato) in assenza di attrito e compressione perpendicolare, la coesione corrisponde alla resistenza al taglio

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 43 DI 124

30. Prova di taglio diretto


Prova di taglio: scatola di Casagrande. provino (60 x 60 x 25 mm) posto allinterno di due telai orizzontali che possono scorrere tra loro.

Il provino sottoposto da un carico assiale costante e da una forza variabile di taglio. Valori di sollecitazione al taglio: prima della prova: =0 durante la prova: < f dove f= tau di rottura dopo la rottura: = res<= f, ho un valore di taglio residuo

Per la determinazione della resistenza al taglio viene ripetuta pi volte la prova variando il carico assiale.Si ottengono diverse curve - e dai valori il diagramma della linea di rottura.

C Secondo Coulomb: f= c+*tg tensioni totali: f= cu+*tgu , con coesione e angolo dattrito apparenti (solo materiali fini) tensioni effettive: f= c+ * tg , con =-u (materiali grossolani e fini) PS: se ho un terreno con coesione e senza attrito, es argilla, il diagramma tau-sigma sar una lina retta distante la coesione c dallasse delle ascisse e parallelo ad esso.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 44 DI 124

31. Prova di compressione semplice


Non mi ricordo assolutamente di che razza di prova si tratta Ok! Procedimento descritto nella norma VSS SN 670 352 ..Ma

32. Prove triassiali (cap. 1.5.6)


Lo stato tensionale naturale generalmente di tipo spaziale e di tipo bidimensionale come per la scatola di Casagrande. Per questo in laboratorio con la cellula triassiale si simulato in modo pi appropriato le condizioni tensioni del terreno.

La prova triassiale viene eseguita su un campione cilindrico contenuto in una membrana di gomma ed installato nella cella triassile, a tenuta stagna. Lo stato tensionale tridimensionale riprodotto da una pressione laterale esercitata dallacqua e da una compressione assiale N.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 45 DI 124

La pressione laterale, p, mantenuta costante durante tutta la durata della prova. La tensione verticale, N, trasmessa dal pistone, aumentata fino al momento della rottura del provino. Con linterazione delle tensioni 1 e 3, si creano allinterno del campione delle tensioni di taglio per le quali vale la relazione < f. La rottura del campione avverr lungo un piano sul quale le tensioni di taglio sono massime.

La rottura ha luogo quando una combinazione delle tensioni principali 1 e 3 crea in un elemento del campione delle tensioni di taglio che raggiungono f. Bisogno quindi considerare, per la rottura, le combinazioni delle due tensioni che richiedono il minimo sforzo. Siccome nella prova triassiale si mantiene costante la tensione 3, abbiamo come conseguenza che questa combinazione dipende solamente da 1. Con diverse trasformazioni si arriva al risultato seguente: = crit = 45 + /2 ed introducendo questa relazione nella formula delle tensioni principali si ottiene: 1 = 3 . tg2(45+ /2) + 2 . c . tg(45+ /2) e per: = 0 (terreno solo coesivo) c = 0 (terreno con solo attrito) 1 = 3 + 2 . c 1 = 3 . tg2(45 + /2)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 46 DI 124

Si permette allacqua di uscire

1 1 1 3

Aumentando 3 si ottiene un 1 pi grande, quindi pi il carico orizzontale grande e pi il campione resiste.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 47 DI 124

33. Prova edometrica di compressibilit


La prova viene effettuata in laboratorio con un apparecchio chiamato edometro. Carico : esercitato da un pistone (la struttura del provino non permette deformazioni laterali). La misura della compressibilit avviene nella direzione verticale (riduzione di volume dovuta alla diminuzione dei pori e allespulsione dellacqua). Campione : prova sviluppata su materiali fini (limi-argille) ev. su sabbia fine. Altezza provino 20 mm e superficie 25 cm2. Durata di carico : la consolidazione del provino terminata dopo 24 h. I valori della prova sono rappresentati nel diagramma di compressione. Sull asse delle ordinate si riportano le deformazioni specifiche h/ho (%) e su quello delle ascisse il log delle tensioni verticali. Coefficiente di compressibilit mv : questo coeff. esprime la diminuzione dei pori in un campione e quindi la sua compressibilit. Per la determinazione viene considerato un volume unitario di terreno con carico iniziale 0 sul quale si esercita una compressione pari a 1 in questo modo si ha quindi una variazione dellindice dei pori tra e0 e e1. mv = s/ e0 = Vp/Vs V p = V s * e0 Vtot = 1 Vs = (1-n0)* Vtot Vs = 1- e0/(1+ e0) s = (e0 - e1)/(1+ e0) Con h=1 s/h=s mv = s/=((e0 - e1)/(1+ e0))*(1/(1-0)) e1 = (Vp-s*1*1)/Vs s = Vs * (e0 - e1) n0 = e0/(1+ e0) Vs = 1/(1+ e0)

Comportamento dei materiali durante la prova edometrica : Sabbie: la deformazione principale avviene subito dopo la posa del carico (def. elastiche e plastiche molto ridotte). Argille : la def. principale avviene solo dopo una durata abbastanza importante (def. elastiche e plastiche importanti).

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 48 DI 124

34. Prova edometrica e prova di carico con piastra ( 6 Geologia / 1.3.5 Geotecnica Pg. 6-16 / 1-15)
La prova e di carico con piastra, detta Me, descritta nella VSS 670 317b. Questo permette di definire le curve carico assestamento per valutare la deformabilit del terreno. La prova si esegue in cantiere con lapparecchiatura specifica: Asse del camion Appoggio dello strumento sotto il camion Pompa per il sollevamento con manometro Piastra appoggiata al terreno

Si deduce quindi una pressione, data dal peso di camion sullarea della piastra, e una deformazione h del terreno.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 49 DI 124

35. Prova edometrica (ME, assestamenti nel tempo)


Edometro: misura della compressibilit mediante un pistone che comprime il provino; la struttura permette soltanto una deformazione verticale del provino e non laterale. Il modulo delasticit del terreno ME varia in funzione del tipo di carico e va dunque calcolato per diversi carichi. Le tensioni che vanno considerate nei calcoli sono le tensioni effettive.

ME =

1 = h mv

Dal grafico deformazione-tempo si distinguono tre zone o fasi del grafico: Deformazione iniziale: consolidazione elastica che avviene al momento dellapplicazione del carico Consolidazione secondaria deformazione dovuta alla consolidazione Consolidazione secondaria: deformazione viscosa dopo la consolidazione.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 50 DI 124

36. Prova di Proctor


Lo scopo di questa prova di laboratorio quello di verificare il contenuto d'acqua ottimale per ottenere la miglior costipazione di un terreno. Diversi sistemi si sono poi sviluppati, ma tutti basati sullo stesso principio. I parametri da considerare sono: - il peso volumico apparente secco, d - il contenuto d'acqua - l'energia di costipazione - il tipo di terreno (granulometria, presenza di argille, ecc.) L'energia di costipazione specifica vale:

E=

Phn [mJ mm V

Per diversi contenuti d'acqua si costipa il campione (frazione < 8 mm) in tre diversi strati e se ne calcola il peso volumico apparente secco.

La rappresentazione grafica di questi punti permette di definire il wott. In generale, la costipazione massima si raggiunge con un Sr 75%. Le curve di ugual saturazione possono essere disegnate risolvendo l'equazione seguente:

Curve Proctor:

Le curve Proctor presentano: - una parte ascendente, parte secca, che corrisponde ad un materiale relativamente secco e con un grado di saturazione basso. Il peso volumico apparente secco resta inferiore al massimo a causa dell'attrito tra i grani; - ed una discendente, parte umida, che corrisponde ad un materiale quasi saturo. Il peso volumico apparente secco diminuisce poich l'acqua occupa sempre pi spazio per rapporto al materiale solido.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 51 DI 124

Per uno stesso peso volumico apparente secco possiamo riconoscere le seguenti differenze tra la parte secca e la parte umida: - siccome sussiste un deficit d'acqua, il terreno avr tendenza ad assorbirne. Se fine rischia di gonfiarsi; - la permeabilit sar pi grande dalla parte secca; - la deformabilit sar inferiore, soprattutto per pressioni poco elevate; - la resistenza sar leggermente pi elevata; - le pressioni interstiziali saranno molto pi deboli al momento della costipazione e sotto carichi elevati; - il terreno sar pi sensibile a variazioni di contenuto d'acqua. Nel caso di materiali con una granulometria che supera gli 8 mm, si deve procedere ad una correzione dovuta al diverso assorbimento d'acqua delle particelle grossolane.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 52 DI 124

37. Dilatometro Dilatometro (DMT)


Viene eseguito in avanzamento esclusivamente in terreni a granulometria fine (sabbie, limi, argille) ed estremamente utile per risalire alla storia tensionale del terreno ed ai parametri di compressibilit (M) e di coesione non drenata (Cu). Consiste in una lama d'acciaio (230 x 85 x 14 mm) che alloggia da un lato una membrana di acciaio flessibile (4) = 60 mm, spessore 0.2 mm, in grado di espandersi usando del gas in pressione), che viene fatta penetrare nel terreno, tramite le aste di collegamento sino alla profondit prefissata o comunque all'esaurimento della spinta esercitata dall'attrezzatura di perforazione.

Ad intervalli costanti (0.20 m) si registrano le pressioni "PO" e "P1" che provocano: la prima il distacco della membrana dalla sua sede e la seconda l'espansione della stessa al suo centro, di 1 mm.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 53 DI 124

38. Precompressione di un terreno e come determinarla


Terreni che hanno subito forti pressioni, detti anche sovraconsolidati; hanno ancora le caratteristiche corrispondenti al grande carico subito in passato (deformazioni plastiche)
v
att

mass

dovuto al carico precedente

attuale

h/ho

Indice di sovraconsolidazione OCR = rapporto tra le pressioni massime subite e le pressioni attuali. OCR = sv mass/ sv att sv mass determinabile in base al grafico di Casagrande
v mass

K = punto della curva con il raggio di curvatura pi piccolo 1 = tangente a K 2 = orizzontale a K 3 = retta corrispondente alla fine della curva 4 = bisettrice tra 1 e 2

3 2 4 1

log

h/ho

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 54 DI 124

39. Consolidazione ( pag 1-9 + 8.3.4 pag 8-21 parte geotecnica, in pi precarico) Consolidazione:
I problemi dingegneria legati alla deformazione del terreno sono gli assestamenti delle fondazioni di uno stabile, assestamento delle pile di un ponte a trave continua, ecc.. che inducono sforzi complementari alle strutture e quindi una ridistribuzione dei momenti differente da quella idealizzata. Generalit: caricando un terreno con una certa pressione, se ne aumenta laddensamento in seguito ad una diminuzione del volume dei pori. Nel caso questi pori siano pieni di acqua (saturazione del terreno), per avere una deformazione bisogna che lacqua esca in quanto incompressibile. Questo fenomeno che si svolge nel tempo chiamato consolidazione. Per simulare questo fenomeno, Terzaghi ha proposto un modello detto a molle secondo il quale si imprime una pressione sul terreno saturo. Inizialmente lacqua al tempo 0 a riprendere lo sforzo; mano a mano che lacqua fuoriesce lo sforzo ripreso sempre pi dal terreno e di conseguenza subisce uno schiacciamento che descritto in un grafico. e in generale possiamo utilizzare questi fattori: Deformazione Consolidazione Consolidazione istantanea primaria secondaria Sabbia e ghiaia Preponderante Trascurabile Trascurabile Argilla 0 5% Preponderante 10 -25 % Materiale organici 0 ~ 50 % ~ 50 % Per la determinazione della consolidazione ci si basa solitamente sulla teoria di Terzaghi sulla consolidazione monodimensionale delle argille: pori saturi particelle di terreno incompressibili legge Darcy, velocit v=k*i con k costante strato terreno orizzontale con spessore costante carico ripartito uniforme tensioni distribuite porosit dipendente solo da tensioni effettive Nelle verifiche geotecniche, non ci si dovrebbe limitare a calcolare la consolidazione primaria (pi semplice da calcolare), ma si dovrebbe poter valutare anche la secondaria, o almeno tenerne conto. (vedi diagrammi pag 1-12) Grado di consolidazione U: definito come il rapporto tra lassestamento ad un certo tempo hi e U [%] = hi / h quello finale h Evoluzione della consolidazione nel tempo: sulla base del modello della consolidazione di Terzaghi, tenendo conto di alcune condizioni come il tragitto di drenaggio, la distribuzione delle sovrapressioni, ecc., si pu esprimere la funzione del tempo. Esso dipendono specialmente dalle condizioni di drenaggio (drenaggio su un lato percorso di drenaggio = d; drenaggio su due lati percorso di drenaggio = 2d) e dal fattore di tempo legato alla consolidazione e al sovraccarico (due argille diverse raggiungono uno stesso grado di consolidazione proporzionalmente al rapporto mv/k, dove mv il modulo di compressibilit e k la permeablit) 1. precarico naturale delle argille deriva da condizioni geologiche (es. peso strato soprastante di terreno poi eroso, peso ghiaccio poi disciolto, essiccazione).andamento deformazioni secondo: ME con carico tolto <400KN/m2 ME con carico tolto >400KN/m2 2. precarico artificiale
GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 55 DI 124

Principio: il terreno sovraconsolidato si assesta meno di un terreno in condizioni normali; determinazione del precarico in modo che le sollecitazioni sugli strati profondi corrispondano a quelle della futura costruzione durata precarico in modo da ottenere assestamenti negli strati fini Precarico: maggiore al carico futuro assestamenti pi velocemente Terreni fini: attenzione agli assestamenti secondari che possono essere anche importanti miglioramento con realizzazione di drenaggi verticali(fori con sabbia o guaine in geotessile; permettono di ridurre la distanza che deve percorrere lacqua per raggiungere le zone in cui la pressione minore)

3. influsso abbassamento di falda Labbassamento della falda corrisponde allaumento costante delle tensioni efficaci nel terreno al di sotto del livello iniziale della falda che corrisponde al peso dellacqua per escursione e pu anche essere utilizzata come precarico. Es. 1m di abbassamento falda (10KN/m3) = 0.5 m di precarico con terreno (20KN/m3)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 56 DI 124

40. Precarico di un terreno


Il precarico di un terreno il metodo classico per controllare o indurre gli assestamenti nel terreno stesso. Per poter adottare questo intervento necessario conoscere le seguenti caratteristiche del terreno: - stratificazione - compressibilit di ogni strato - permeabilit sia orizzontale che verticale degli strati Vantaggi di questo intervento: - relativamente poco costoso Svantaggi di questo intervento: - bisogna lasciar trascorrere molto tempo prima di ottenere lassestamento desiderato - per ridurre i tempi di assestamento sarebbero necessari dei carichi molto elevati, inoltre il precarico deve avere al minimo la stessa efficacia che avr la costruzione sugli strati profondi. Altre forme dintervento sono: - precarico con dreni verticali, - sostituzione dellargilla molle, - colonne ballastes e pali di sabbia costipati, - platee e ponti su pali, - elettroosmosi ed elettroiniezione - utilizzo di materiali leggeri ed ultraleggeri per lesecuzione di rilevati, - rilevato su pali, - colonne di terreno trattate con jetting Spesso i terreni possono aver subito un precarico naturale (si pensi ad esempio a terreni sottoposti alle forti pressioni di un ghiacciaio). Questi terreni possiedono ancora oggi le caratteristiche corrispondenti al grande carico subito. possbile definire il grado di sovraconsolidazione di un terreno determinandone lindice OCR dato dal rapporto tra le pressioni massime subite dal terreno e le pressioni a cui sottoposto attualmente. Possiamo cos classificare i terreni in: - sotto-consolidati OCR < 0.9 - normalmente consolidati 0.9 < OCR < 1.1 - sovraconsolidati OCR > 1.1

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 57 DI 124

41. Determinazione di ME sul terreno ed in laboratorio (Pag. 1-17)


ME = modulo di compressibilit Questo modulo dei terreni corrisponde al modulo delasticit dellacciaio, del legno o del beton. Esso non costante, ma varia in funzione del tipo di carico, bisogna quindi calcolarlo per i diversi carichi. Importante e da non dimenticare il fatto che si calcola la compressibilit del terreno (scheletro granulare) e quindi le tensioni che si devono considerare nei calcoli sono le tensioni effettive.

ME =

i'+1 i'
h h h 0 i +1 h0 i

Un esempio di come si pu determinare il modulo di compressibilit ME di un terreno con il grafico delledometro fornito con la figura seguente che corrisponde ad una prova su unargilla:

0.187

0.237

6.15

7.00

ME =
GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

(0.237 0.187 )1000 = 5882 kN


0.07 0.0615 m2
ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 58 DI 124

42. Acqua nel terreno


Lacqua nel terreno si trova sotto diverse forme che possono essere sintetizzate come segue : Acqua dassorbimento o igroscopica : forma un minuscolo strato attorno alle particelle minerali. Lo spessore va da qualche molecola fino a qualche migliaio e dipende dallumidit relativa dellaria mentre indipendente dalla gravit. Si elimina con temperature molto alte o calcinazione. Acqua dadesione : ingloba le particelle e la loro acqua dassorbimento. Sp. da qualche frazione di micron a 0.1 micron. Acqua capillare : si trova in zone isolate al di sopra della falda freatica . E trattenuta dalle forze capillari ed il terreno non saturo. Oppure si trova in una zona di contatto con la falda quindi si ha una frangia capillare in cui il terreno saturo. Se la falda si sposta la frangia segue il movimento. Viene eliminata per essiccazione o aerazione. L altezza della frangia capillare pu essere stimata con la formula di King Hubert : hc (cm) = 0.3/ D (cm) con D si intende il diametro medio dei grani (medio grani = medio interstizi) Acqua gravitazionale : acque al di sotto del livello piezometrico che possono sgocciolare o spostarsi in seguito a drenaggio. Falda a pelo libero : contenuta in uno strato permeabile parzialmente saturo che si trova su uno strato semipermeabile o impermeabile. Il pelo dellacqua si trova a pressione atmosferica. Falda in pressione o artesiana : contenuta in uno strato permeabile, completamente saturo, limitato da due strati impermeabili la cui pressione superiore a quella atmosferica. Falda sospesa : caso particolare di falda a pelo libero ( falda temporanea). A seconda delle condizioni meteorologiche e dellintervento delluomo le condizioni delle falde subiscono spesso dei cambiamenti. Esistono due tipi di stati delle falde : Falda in regime permanente : regime di flusso stabilizzato e invariabile nel tempo. Falda in regime transitorio : regime di flusso non stabile e variabile nel tempo.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 59 DI 124

43. Permeabilit dei terreni( 5.4 Geologia, Pag. 5-3 e segg. )


La permeabilit dei terreni ha un grande influsso sulle costruzioni in falda e sui pozzi di captazione (vedi Acquedotti). La permeabilit del terreno influisce sugli assestamenti dello stesso. Il flusso dacqua nel terreno pu dipendere da molte condizioni, ma in tutti i casi le particelle dacqua si muovono secondo linee ben definite, dette linee di flusso. Principalmente la permeabilit del terreno definita secondo Darcy come:

k=

QL [m / s] Per casi di carico costante t A h

Q = portata immessa A = sezione del terreno t = tempo h = differenza di quota L = lunghezza del terreno da attraversare La permeabilit del terreno si suddivide in due casi principali: - permeabilit orizzontale (parallela alle stratificazioni) (P:5-7)

k morizz =

k h [m / s]
i i

La permeabilit media si avvicina a quella dello strato pi permeabile permeabilit verticale (perpendicolare alle stratificazioni) (P:5-8)

k mver =

H [m / s ] hi k i

La permeabilit media si avvicina a quella dello strato meno permeabile

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 60 DI 124

44. Sollecitazioni totali, effettive e neutre Tensioni effettive


Caricando un insieme di grani componenti un terreno, questi si spostano e da una parte riducono il volume del campione mentre dallaltra trasferiscono0 lo sforzo applicato tra grano e grano. Queste tensioni sono dette tensioni effettive().

Tensioni neutre (pressione dellacqua)


Se nel materiale vi presenza dacqua (fino a saturazione) si stabilisce nel sistema una pressione idrostatica che si aggiunge alla pressione tra i grani (pressione dellacqua o tensioni neutre (u))

u = z w
Nel caso in cui un terreno saturo venga caricato senza che vi possa essere sfogo da parte dellacqua avremo un aumento della pressione dellacqua (incompressibile) e dunque una sovrapressione u oltre alla pressione u. Nel caso in cui si crei un allentamento della pressione del terreno senza che questi possa deformarsi rapidamente (scavo) si ottiene una pressione negativa dellacqua.

Tensioni totali

=' +u

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 61 DI 124

45. Fondazioni superficiali, caratteristiche e problemi dovuti ai carichi


Una fondazione considerata superficiale se t < b dove t il livello di posa sotto il terreno e b la larghezza della fondazione. Equilibrio plastico sotto le fondazioni Se si carica il terreno tramite una fondazione, questo si deforma ed a partire da un certo carico subisce una rottura e la deformazione avviene senza aumento di carico in seguito alla plastificazione del terreno.

Se il terreno piuttosto compatto o duro, avr un comportamento simile a alla curva K1 della figura a destra. L'ascissa pg definisce il limite di rottura (o capacit portante) del terreno. Nel caso di un terreno molle o sciolto, l'andamento dell'assestamento assomiglier alla curva K2 per la quale non sempre semplice definire il limite di rottura. Generalmente si assume come tensione limite quella che corrisponde al punto di passaggio dalla curva alla linea retta. Il limite Pg o P'g definisce la portanza del terreno Stato d'equilibrio sotto le fondazioni Oltre agli assestamenti, un carico sulla fondazione crea nel terreno delle tensioni di taglio. Queste aumentano con l'aumento del carico. AI momento che le tensioni di taglio raggiungono il valore f abbiamo un equilibrio plastico tra la fondazione ed il terreno. Ne consegue una rottura del terreno.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 62 DI 124

46. Dimensionamento delle fondazioni superficiali secondo Terzaghi (Cap 4 32/34)


Il primo modello di equilibrio limite per determinare la portata delle fondazioni stato determinato da Terzaghi basandosi sulle seguenti ipotesi: terreno isotropo ed omogeneo; resistenza al taglio secondo la retta di Coulomb; fondazione orizzontale ed infinita; fondazione di tipo superficiale (definizione t < b); carico verticale e centrato; sup. rugosa; resistenza alla spinta passiva considerando lequilibrio delle zone plastiche descritte da Terzaghi.

SCHEMA DI ROTTURA
zona I allo stato elastico, con una fondazione rugosa pu spostarsi unicamente verticalmente. Taglio sui piani ab, angolo con il terreno f. zona II in stato di eq. secondo Rankine. Piani de e da sono di taglio, formando cona la superficie un angolo di 45 f/2; zona III con taglio radiale (sup bd spirale log.) permette la transizione tra zona I e II. (secondo la teoria di Rankine) Equilibrio: P 2 Ep 2.C.sen f = 0 Ep poi scomposto in diversi termini secondo: resistenza dovuta al peso del blocco adbe; resistenza dovuta alla coesione sulla superficie di rottura; resistenza dovuta allattrito ed al carico sopra al liv. di fondazione; Per terreni compatti (g > 20 kN*m3) Per terreni molli (g < 20 kN*m3 ) si pu utilizzare la stessa formula prendendo solo 2/3 di c e di tgf. Per tenere conto della forma della fondazione vengono introdotti dei fattori di correzione (A1 e A2). Carico ammissibile definito con fattori di sicurezza: qa = qp / Fs Terreno denso f Fs > 35 5 35 - 30 4 < 30 3 Terreno molle qualsiasi valore 2

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 63 DI 124

47. Dimensionamento delle fondazioni superficiali secondo Brinch-Hansen


La capacit portante secondo la teoria di Hansen dipende dai seguenti fattori. Fattore di forma della fondazione, s Fattore che tiene conto dellinclinazione del carico, i Fattore che tiene conto delinclinazione della fondazione,b Fattore che tiene conto dellinclinazione del piano di campagna,g Fattore che tiene conto della profondit di posa, d Esempi in classe e teoria con formule pag 4-36

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 64 DI 124

48. Fondazioni profonde (Vedi anche riassunto Ing. Rossi)


Generalmente i pali di fondazione vengono impiegati per abbassare il piano di posa delledificio allo scopo di raggiungere degli strati di terreno con resistenza pi elevata. In alcuni casi comunque la fondazione su pali pu essere impiegata anche se non viene raggiunto uno strato a pi alta resistenza; abbassando il piano di posa in queste situazioni vengono raggiunte maggiori tensioni di confinamento e minori deformazioni. I pali inoltre possono essere utilizzati per ovviare alle corrosioni e presentano degli impiegati diversi da quelli usati classicamente. Ad esempio nel caso di una vasca questa pu rischiare di essere sollevata dalle sottopressioni dellacqua ed in questo caso i pali vengono fatti lavorare a trazione. Altri impieghi dei pali sono quelli per i quali vengono utilizzati allo scopo di assorbire gli sforzi tangenziali di scorrimento di un muro di sostegno. I pali possono anche essere accostati ed allineati allo scopo di realizzare un sistema di sostegno (BERLINESE).

1. I pali in legno
Presentano una lunghezza variabile tra i 10m e i 18m con un peso Q=1050t. Presentano una puntazza in acciaio alla base e una cuffia in sommit. Questi pali presentano basse caratteristiche meccaniche e non sono adatti per i terreni molto addensati.

2. I pali in acciaio
Possono essere a sezione a doppio T o a corona circolare. Per le sezioni a doppio T si possono raggiungere l=1030m con un peso pari a Q=40200t. In questo caso la sezione di terreno spostata ridotta, non ci sono grandi effetti dovuti allinfissione. Se il palo viene vesso in argilla allora non c una immediata dispersione, possono formarsi rigonfiamenti che sotto carico generano dei cedimenti. Per i pali a sezione chiusa vengono adottati diametri =30cm con pesi pari a Q=40150t, per le strutture offshore i diametri possono raggiungere valori di 200cm con lunghezze superiori ai 150m ed un peso di 4000t. Questo tipo di pali possono essere infissi a pianta chiusa o aperta. In Italia vengono usati poco i pali in acciaio in quanto sono molto costosi, inoltre possono presentare problemi di svergolamento.

3. I pali di calcestruzzo
Possono essere gettati oppure precompressi, sono realizzati con diametri di 0-30cm lunghezze di 10-15m ai quali corrisponde un peso di 200t. Per questo tipo di pali devono essere adottate delle attenzioni particolari per le sollecitazioni che vengono indotte in cantiere e per il loro trasporto; devono quindi presentare delle particolari armature. Questo tipo di pali sottoposto a delle notevoli sollecitazioni anche durante la fase di infissione. Un limite che presentano quello delle lunghezze limitate, potrebbero essere fatte delle giunzioni che per rappresentano dei punti di indebolimento per il palo. Per la loro posa in opera necessario conoscere bene la stratigrafia del terreno, infatti se non si riesce ad infiggere completamente il palo allora la sua distribuzione molto costosa. I problemi della fase di infissione sono quelli di un elevato rumore, delle vibrazioni indotte sul terreno e della possibilit di spostamenti laterali che tendono a far sbandare il palo. Un metodo per facilitare linfissione del palo quello di immettere tramite dei tubi interni acqua in pressione alla punta; questa iniezione deve essere sfruttata per facilitare lattraversamento degli strati intermedi pi consistenti, ma non deve essere usata per linfissione nello strato pi profondo dove stata calcolata la resistenza di punta.
GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 65 DI 124

49. Dimensionamento dei pali 4.9 Determinazione del tipo di riporto del carico
Il riporto del carico posto in testa al palo pu avvenire tramite la capacit portante della punta e/o l'attrito laterale. Formula vecchia

Formula nuova

Le superfici si conoscono abbastanza bene mentre le resistenze devono essere trovate empiricamente o tramite correlazioni con prove in sito. La ripartizione degli sforzi tra la punta e l'attrito laterale, e quindi la scelta del tipo di palo, dipende dai tipi di materiali attraversati, dalla possibilit di assestamento del palo e dal tipo di sollecitazione.

Pali portanti alla base

I pali che attraverso strati inconsistenti raggiungono un banco molto compatto trasmettono i loro carichi prevalentemente alla base. La punta dei pali deve penetrare, se possibile, per una lunghezza di almeno due diametri in questo strato.

- Pali portanti per attrito I pali portano prevalentemente per attrito quando sono infissi in terreni di consistenza uniforme e con una resistenza alla punta di valore basso. In queste condizioni,i pali troncoconici hanno una capacit portante molto maggiore di quella di pali cilindrici di pari diametro medio.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 66 DI 124

- Pali portanti per attrito e alla base Nei casi pi frequenti i pali, dopo aver attraversato strati di diversa consistenza, incontrano un banco compatto. La portanza di questi pali dovuta sia all'attrito laterale che al carico trasmesso alla punta. - Pali soggetti a trazione I pali possono essere utilizzati anche per resistere a sforzi di trazione. La resistenza alla trazione si calcola con le formule statiche escludendo il termine relativo alla portanza della punta. Si consiglia l'utilizzazione di un fattore di sicurezza superiore a quello dei pali in compressione.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 67 DI 124

50. Sistemi di calcolo dei pali 1. Portanza statica alla punta


Sforzi di taglio sotto la superficie dapplicazione Teoria di Terzaghi per la resistenza alla punta: equilibrio = resistenza massima del terreno.

qp= 1,3 . c . Nc + g . z . Nq con: qp = resistenza alla punta (kN/m2) g = peso volumico unitario (kN/m2) c = coesione (kN/m2) Nc, Nq = coefficienti di capacit portante (vedi calcolo fondazioni superficiali) z = profondit del palo La resistenza aumenta quindi con la profondit di infissione del palo.

1.1 Terreni granulari


In questo caso non c la coesione. Terzaghi: qp = g . z . Nq

In realt la capacit portante in terreni non coesivi non aumenta con la profondit di infissione del palo, ma raggiunge un valore limite (metodi DTU e Meyerhof). DTU: Meyerhof: Con: qpl = 50 . Nqmax qpl = 50 . Nqmax . tan f

qpl = resistenza alla punta (kN/m2) 50 = pressione verticale limite (kN/m2) Nqmax = coefficiente di capacit portante; per f> 40 vedi tabella pag. 4-47

1.2 Terreni coesivi


Terzaghi: con: qp= 1,3 . c . Nc

Nc = 7 o 9 oppure da calcolare formula vedi pag. 4-47.

2. Portanza statica allattrito


Dipende da: - tipo di terreno tipo di palo (lunghezza, forma, materiale, ruvidit) tipo di installazione tensioni attorno al palo
ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 68 DI 124

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

Meyerhof: con:

qs = ca + Ks . g . z . tand

Ks = coeff. di pressione delle terre ca = aderenza palo-terreno (kN/m2), in funzione di c d = angolo di attito tra palo e terreno, in funzione di f

La resistenza aumenta fino ad una profondit di 1030 diametri. Il DTU propone dei valori empirici di qs, a seconda del tipo di terreno in cui si trova il palo, se il palo trivellato, battuto o iniettato, il materiale e il rivestimento (vedi tabella pag. 4-49)

2.1 Terreni granulari


Non c coesione qs = Ks . g . z . tand per Ks e d sono proposti valori empirici che variano a seconda del materiale del palo (vedi pag. 4-50).

2.2 Terreni coesivi


Metodo a: resistenza in funzione unicamente della coesione qs = a . cu Metodo b o delle tensioni efficaci: coesione nulla e attrito in funzione delle tensioni efficaci qs = b . sv Con b vedi pag. 4-50 Metodo l: basato sullo studio di prove di carico qs = l . (sv + 2 . cu) con: l = fattore di correlazione sv = tensione effettiva verticale (kN/m2) cu = media della resistenza al taglio non drenato (kN/m2)

3. Calcolo della resistenza del palo


La capacit portante complessiva del palo da calcolare come la somma della resistenza alla punta e della portanza per attrito. Rpalo = qpl . Areapunta + qs . Areapalo

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 69 DI 124

51. Attrito negativo sui pali

Un terreno comprimibile subisce una notevole diminuzione di volume se soggetto a forti carichi che lo interessano su di una vasta superficie o se si verificano abbassamenti falda. I pali infissi prima che su tale terreno si manifestino tali fenomeni viene caricato ulteriormente con parte del peso del terreno che li circonda. (es spalla di un ponte su pali infissi: se non sono considerati gli assestamenti dei terreni comprimibili sui quali stato realizzato il rilevato. Si ha di conseguenza un cedimento dovuto alla mancanza di portanza dei pali se caricati ulteriormente; il problema si pone quando non si possono adottare misure per limitare le deformazioni del terreno, ad esempio un precarico)

Possibilit di risoluzione del problema: lubrificazione dei pali nei tronchi realizzare una camicia al palo in modo che porti soltanto alla punta.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 70 DI 124

ka coefficiente di spinta attiva in funzione delle ipotesi fatte (vedi schema riassuntivo qui sotto)

Hmin e H max, altezza degli estremi di settore considerato del muro rispetto alla quota massima del terreno eamin e eamax, del trapezio di spinta sulla superficie del muro o del terreno (dipende da come si sono ipotizzate le spinte) inclinazione della spinta rispetto allorizzontale = . La particolarit dei muri a mensola che sulle mensole agisce il peso proprio di parte del terreno , ma come spinta triangolare verso il basso, che cresce dallesterno verso linterno con una inclinazione di (vedi muri a L, angolo che tiene conto della pendenza della scarpata) rispetto allorizzontale. Ho quindi un triangolo di terreno che carica verticalmente la mensola con il suo peso proprio; su una porzione di superficie di questo triangolo di terreno agiscono le spinte attive del terreno; la porzione di superficie deriva dallangolo , ovvero la spinta del terreno si ripartisce verso il basso con quellinclinazione (vedi E5 spinta del terreno sulla superficie del triangolo e angolo , ripartizione della spinta come se avessi un carico esterno ripartito costante a livello della mensola superiore)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 71 DI 124

52. Spinte nel terreno


Nel terreno possono agire contemporaneamente le seguenti spinte: la spinta delle terre che pu essere di tre diversi tipi: - Spinta a riposo ko => si verifica solo quando il diaframma pu essere considerato fisso e rigido (non si sposta e non si deforma). il coefficiente delle terre a riposo e definito come il rapporto tra le pressioni orizzontali e quelle verticali a cui sottoposto il terreno => Ko = h / v = h / (*h) - Spinta attiva ka => si verifica in seguito ad una dilatazione del terreno dovuta ad uno spostamento del diaframma. Con ka = tg2 (45- /2) Questa spinta pu essere calcolata con la formula => Ea = *h2*ka - Spinta passiva kp => si verifica in seguito ad una compressione del terreno dovuta ad una spostamento del diaframma. Con kp = tg2 (45+ /2). Questa spinta pu essere calcolata con la formula => Ep = *h2*kp

Ea Ep

e.p = ?*h*kp

e.a = ?*h*ka

La spinta dellacqua pari a Ew = w*h2 dove

w= peso specifico dellacqua e h2 = parte del terreno che si trova sotto il livello dellacqua Non bisogna dimenticare che in questo caso anzich il peso proprio del terreno () nel calcolare la spinta delle terre attiva o passiva essa sia per lo strato che si trova sotto il livello dellacqua dovremo utilizzare = - w

LInflusso della coesione => bisogna tener conto di due casi distinti: - con adesione tra il muro ed il terreno => Ec = -2c*h*ka - senza adesione tra il muro ed il terreno (si considerano cio solo le compressioni) => Ec = -2c*h*ka + (2*c2)/ LInflusso di un carico ripartito => Ep = h*p*ka
P

Ec Ea Ew

Ep

e.a = ?*h*ka

e.w = ?.w*h

e.c = -2c*v ka

e.p = p*ka

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 72 DI 124

53. Spinata attiva, passiva e a riposo (cap. 4.2) Spinta a riposo


La pressione verticale del terreno corrisponde a: =.h

La pressione orizzontale h necessita la conoscenza della legge di comportamento del materiale determinata sperimentalmente (prova triassiale). Sappiamo che il terreno non pu deformarsi lateralmente eh = 0 quindi, in un campione drenato, dobbiamo aumentare sh per mantenere eh = 0 Il coefficiente della pressione delle terre a riposo (k0) definito come:

k0 =

h v

Spinta attiva

Se si vuole che lelemento selezionato rimanga fermo si deve applicare la stessa pressione del terreno. Se c uno spostamento verso sinistra, c un allentamento del terreno, quindi la pressione deve diminuire.

3 pressione orizzontale - 1 pressione verticale

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 73 DI 124

rottura

La tensione pu essere diminuita fino a quando la curva non tocca la linea di rottura (dilatazione del terreno). Dalla trigonometria risulta:

3 = tg 2 (45 ) = k a 2 1
Spinta passiva

, con c = 0

Se invece si ammette una deformazione laterale del terreno in compressione, si ottiene quanto segue:

1 ne risulta:

3 = tg 2 (45 + ) = k p 2 1

, con c = 0

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 74 DI 124

Relazione tra i diversi coefficienti di spinta delle terre

a = 1/1000 . H p = 1/100 . H H = altezza del sostegno Per il calcolo di ka quando c 0 si veda la teoria di Coulomb-Poncelt (vedi formala a pagina 4-24).

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 75 DI 124

54. Condizioni affinch si eserciti la spinta a riposo


Quando si hanno degli schermi fissi e rigidi (che non si spostano ne si deformano), le pressioni sul diaframma corrispondono a quelle naturali del terreno. Ovvero alla spinta a riposo k0. Es. Paratie, pareti fatte con pali. La pressione del terreno corrisponde a v = * h. La pressione orizzontale h non si pu invece definire semplicemente, necessita la conoscenza della legge di comportamento del materiale determinata sperimentalmente (prova triassale). Sapendo che il terreno non pu deformarsi lateralmente h=0 quindi, in un campione drenato, si deve aumentare h per mantenere h=0. Il coefficiente della pressione delle terre a riposo k0 = h/v Si tratta di una caratteristica intrinseca dello scheletro solido quindi si applica alle tensioni effettive. In un suolo saturo k0 = h/v h/v . Valori comunemente usati : sabbia sciolta sabbia compatta argilla molle,melma argilla norm. consolidata argilla sovraconsolidata 0.45-0.50 0.40-0.45 1 0.5 >1

Per le sabbie si pu usare una formula empirica di Jaky : k0 = 1-sin Es. ghiaia= 35-40 limo argilloso= 25 argilla satura a= 0 k0 = 1 con gmedio=38 k0 = 1-sin38=0.38 k0 = 1-sin25=0.58

Questo tipo di comportamento abbastanza particolare per uno schermo di sostegno, come esempi si possono citare i muri in calcestruzzo armato di una cantina interrata, i muri di una spalla di un ponte che sostengono i rilevati, i muri di sostegno con una grande curvatura in piano. Per un terreno omogeneo ed isotropo, k0 si pu esprimere in funzione del modulo di Poisson k0 = / (1- ) Combinando questa formula con quella di Jaky si pu esprimere il modulo di Poisson in funzione di . (Vedi tabella pag 4-11)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 76 DI 124

55. Spinte sui muri (Rankine)( Cap. 4.4.1 Geotecnica Pag. 4-11)
Spinte per schermi liberi di spostarsi, con le seguenti ipotesi: - Spostamento del muro sufficiente ad ottenere la spinta attiva/passiva - Muro verticale ( =0) - Terreno dietro orizzontale ( =0) - Nessun attrito Spinta attiva senza coesione (P:4-11)

Ea =

h 2 k a kN
2 m

kN ea = h k a 2 m

Spinta passiva senza coesione (P:4-12)

Ep =

h 2 k p kN
2

kN ep = h k p 2 m

Spinta dellacqua (P:4-12)

Ea = Ew =

'h 2 ka kN
2 2 m

kN ea = 'h k a 2 m kN ew = w h 2 m

w h 2 kN
m

Spinta di un carico ripartito sulla superficie (P:4-12)

kN Ea ( p ) = p h k a m
Coesione (P:4-13) a) Con adesione muro-terreno Si considerano compressioni e trazioni

kN e p = p ka 2 m

Ea =

h 2 ka
2

kN 2 c h ka m

kN ec = 2 c k a 2 m

b) Senza adesione muro-terreno Si considerano solo le compressioni

Ea =

h 2 ka
2

2 c h ka +

2 c 2 kN m

Quindi Rankine:

k a = tg 2 (45 ) 2
Con =0, =0, =0, c0, sovraccarico uniforme

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 77 DI 124

56. Condizioni affinch si eserciti la spinta passiva


La spinta passiva ammessa solo in caso di deformazione laterale del terreno (compressione). La deformazione minima per ottenere la spinta passiva calcolata approssimativamente rappresentata dall 1% dellaltezza del sostegno.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 78 DI 124

57. Calcolo delle spinte secondo Coulomb Poncelet


Questa teoria un caso particolare del metodo del prisma con delle limitazioni: - teoria valida per terreni sciolti, c=0; - non esistono carichi esterni sul terreno. Gli angoli del muro () e del terreno () possono essere qualsiasi. l'attrito tra il muro e il terreno inclina la spinta dei un angolo .

+ 2
2

Considerando l'equazione dell'equilibrio e introducendo in essa il valore di , si ottiene:

Con la teoria di Coulomb-Poncelet si pu anche definire la spinta passiva. Bisogna comunque essere prudenti nell'utilizzazione di questi valori poich in generale sono troppo elevati.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 79 DI 124

58. Calcolo di un muro (metodo del prisma)( Geotecnica Cap 4 Pag. 60/72)
Vedi esercizio fatto in classe. Metodo del prisma (teoria di Cullmann) Viene ipotizzato lequilibrio di un elemento di terreno tenendo conto delle forze che agiscono sullelemento (peso, carichi esterni,reazione del terreno e spinta sul muro) e dei valori di res del terreno stesso, (f, c, d). Cambiando la forma del prisma varia la spinta sul muro, raggiungendo un massimo pari al valore cercato. (minimo nel caso della spinta passiva = res del terreno)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 80 DI 124

59. Dimensionamento di un muro e verifiche


Le verifiche da effettuare per il dimensionamento di un muro sono: Verifica al ribaltamento: SLU tipo 1 Verifica allo slittamento: SLU tipo 2 Verifica stabilit della scarpata: SLU tipo 3 Verifica delle pressioni sul terreno (rottura di fondo, assestamenti ammissibili): SLU tipo 2 Verifica rottura dellelemento (flessione taglio): SLU tipo 2 Esistono essenzialmente due tipi di muri: Muri a gravit: dove il peso proprio del muro contrasta la spinta orizzontale del terreno, e la fa ricade allinterno del terzo medio della fondazione (o almeno allinterno della fondazione) Muri snelli: dove la deviazione della forza orizzontale non avviene solamente grazie al peso proprio, ma grazie anche alla forma dellelemento che genera delle forze nel terreno che contribuiscono alla stabilit globale (fondazione larga che permette di considerare il carico sovrastante nella parte a monte come se fosse peso proprio, acc.)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 81 DI 124

60. Muro a L
Dimensioni indicative per muri di sostegno a ciabatta: spessore al piede, spessore fondazione B = 0,10 H larghezza fondazione L = 0,4 0,6 H Occorre verificare: la stabilit del pendio, ribaltamento, scivolamento, pressioni sul terreno (rottura di fondo, assestamenti), verifica a flessione e taglio Per la definizione delle armature il muro viene analizzato componendolo in tre mensole distinte. La parte di collegamento fra fondazione e muro deve essere considerata come un nodo di telaio. Le armature devono essere quindi disposte in modo adeguato. Le verifiche al taglio vengono svolte analogamente a quanto visto per le fondazioni.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 82 DI 124

61. Calcolo di un muro a L

Per la determinazione delle spinte bisogna distinguere due casi: - la linea di rottura taglia il muro

Bisogna naturalmente tener conto anche del peso del muro stesso e dell'eventuale spinta dell'acqua. - la linea di rottura taglia la scarpata al disopra del muro

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 83 DI 124

Oppure

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 84 DI 124

62. Muro con mensola a sbalzo caricata


Si comporta come diversi muri a L sovrapposti. Le mensole limitano la spinta del terreno su buona parte del muro al di sotto di esse. Superfici di rottura dipendenti da f e b

E1 G
1

E2
2 3

E1

E2
1

E3

E3

E4
2

E4 E5

E5
2 3

Calcolo: somma dei momenti di tutte le spinte del terreno e delle forze del peso proprio = 0

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 85 DI 124

63. Calcolo di un muro con mensola (pag 4-27)


Muro con mensole: si comporta come diversi muri a L sovrapposti; le mensole limitano gran parte della spinta del terreno al di sotto delle mensole stesse. Procedimento di calcolo: - concezione: definire livello di posa (profondit gelo) definire dimensioni geometriche posizione del muro definire peso e spinte trovare risultanti inclinazione fondazione tensioni ribaltamento SL1 scivolamento SL2 punzonamento o capacit portante stabilit generale

verifica tensioni materiale

procedimento: definire angolo dattrito interno del materiale in funzione di attrito muro- terreno(=2/3) o terreno-terreno(=), ovvero di come considero le forze agenti inclinazione della superficie sulla quale agisce la spinta (0 se verticale, positivo in senso orario) inclinazione della superficie del terreno che trattiene il muro, rispetto per allorizzontale

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 86 DI 124

64. Ripartizione della spinta Ea sulle pareti per terre incoerenti


- Spianta attiva in un terreno senza coesione

Ea = *h2*ka

65. Schermi che non possono spostarsi (4.3)


Questo tipo di comportamento abbastanza particolare per uno schermo di sostegno, come esempi possiamo citare: i muri in calcestruzzo armato di una cantina interrata, i muri di una spalla di un ponte che sostengono i rilevati, i muri di sostegno con una grande curvatura in piano.

In questo caso si utilizza il valore della spinta a riposo k0. Per un terreno omogeneo ed isotropo1, k0 si pu esprimere in funzione del modulo di Poisson

k0 =

66. Dimensionamento di un muro e verifiche


Uguale a domanda 59.

Detto di corpo le cui caratteristiche fisiche sono uguali in tutte le direzioni.


ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 87 DI 124

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

67. Stabilit di un muro al rovesciamento ed allo slittamento


Si veda in particolare le dispense di CLS capitolo 21 Slittamento SL2: (CLS - P:21-13) Lo slittamento si verifica quando leffetto delle azioni parallelo alla superficie di scivolamento ( ET , d ) maggiore della somma del valore di dimensionamento della resistenza allo scivolamento ( RT , d ) e la resistenza del terreno sul lato frontale ( RE , d ) (solitamente uguale a 0)

ET , d RT , d + RE , d
Dove:

RT ,d = E N ,d tan d + A'd c'd


In generale vi sono due tipi di rottura per scivolamento: - Rottura per il distacco fondazione-terreno nel casso di una fondazione molto liscia - Rottura per il distacco terreno-terreno nel caso di una fondazione molto coesiva Per il scivolamento G = 0.8 Solitamente la coesione non viene considerata. Ribaltamento SL1: (CLS - P:21-11) La sicurezza al ribaltamento garantita se leccentricit della risultante dei carichi sulla fondazione non oltrepassa il doppio del limite del nocciolo.

ed egr
Dove:

1 egr = b 3
Questo permette di avere sempre compressione sotto la fondazione nel caso la risultante passasse nel nucleo e se esterna al nucleo si considera solo la parte della fondazione che lavora a compressione.

68. Sicurezza al ribaltamento, slittamento e sollecitazioni del terreno


Vedi domanda 67.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 88 DI 124

69. Stabilit delle scarpate (caso dei terreni incoerenti)


Le cause che conducono alla rottura di una scarpata o di un pendio possono avere origini diverse: Umane Naturali - scavo al piede della scarpata - alterazione della roccia - liquefazione del terreno in seguito a vibrazioni - carico posto sul bordo della scarpata - vibrazioni (infissione di palancole, brillamenti) (terremoti) - modifica delle condizioni naturali delle acque - variazioni del livello della falda (rottura di una canalizzazione, drenaggio) - correnti sotterranee Scarpate naturali La rottura delle scarpate naturali pu avvenire in condizioni diverse: - crolli (frane) - slittamenti o scivolamenti (piano, rotazionale, successivo) - deformazioni plastiche - colate di fango Scarpate artificiali - scarpate di uno scavo - scarpata di un rilevato su un terreno stabile - scarpata di un rilevato su un terreno cedevole - slittamento sotto una paratia, palancolata, muro di sostegno - dighe e sbarramenti di terra Stabilit in terreni omogenei Per il calcolo della stabilit dei terreni omogenei sono stati sviluppati dei modelli abbastanza semplici,sia analitici che semi-empirici. Possiamo distinguere tre modelli caratteristici.
a) Terreni granulari (c = O)

b) Terreni coesivi, in particolare argilla molle ( = O) Le argille presentano generalmente una coesione importante ed un angolo d'attrito molto basso che viene trascurato, trasformando la legge di Coulomb nel modo seguente: qu essendo la resistenza alla compressione semplice

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 89 DI 124

I tipi di rottura possibili si possono raggruppare in tre categorie in funzione della posizione del cerchio di rottura:

L'altezza critica per un fattore di sicurezza uguale a 1 si pu esprimere nel seguente modo:

c) Terreni con attrito e coesivi La resistenza al taglio di un terreno omogeneo, al di sopra della falda, con coesione e attrito pu essere espressa con la relazione di Coulomb:

Le prove sui terreni di questo tipo mostrano che l'influsso dell'attrito preponderante sul fattore di sicurezza. Secondo Taylor, per un valore definito di l'altezza critica della scarpata per un cerchio passante al piede si esprime con:

Il fattore di stabilit Ns utilizzato in questo caso dipendente dalla pendenza della scarpata e dall'angolo d'attrito interno .

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 90 DI 124

70. Stabilit delle scarpate (metodo dei conci)(4, Pag. 60/72)


I tipi di rottura possibili si possono suddividere in
rottura sulla scarpata; rottura al piede della scarpata; rottura oltre il piede della scarpata.

Stabilit di terreni qualsiasi Metodo di Fellinius Superficie di rottura arco di cerchio; Ipotesi principali: equilibrio dei momenti rispetto al centro di rotazione; equilibrio degli sforzi normali alla superficie di scorrimento.

Lammasso viene suddiviso in lamelle di larghezza Dx e vengono definite le forze sulla superficie di rottura. Gli sforzi di taglio e le compressioni ai lati dei conci vengono ipotizzati in equilibrio. La presenza di acqua implica unicamente lutilizzo del peso volumico immerso per la parte sotto lacqua.
Metodo di Bishop

Principio come metodo di Fellinius ma equilibrio : equilibrio dei momenti rispetto al centro di rotazione; equilibrio degli sforzi verticali. Vengono considerati gli sforzi di taglio e compressione laterale agendi sulla singola lamella, in esse viene considerato pure linflusso dellacqua.

Metodo di Janbu

Linea di scorrimento piane (in particolare per terreni sciolti o stratificati), Non si tratta pi di rotazioni bens di traslazione dellammasso. Ipotesi : equilibrio degli sforzi verticali ed orizzontali. Vengono considerati gli sforzi di taglio e compressione laterale agendi sulla singola lamella, in esse viene considerato pure linflusso dellacqua.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 91 DI 124

71. Stabilit delle scarpate (influssi di ancoraggi e/o paratie) (Pag. 4-77 4-80)
Influsso degli ancoraggi: La forza teorica dellancoraggio risulta da calcoli di stabilit. Nellequilibrio del massiccio delimitato dalla superficie di rottura si terr quindi conto solo degli ancoraggi per i quali la superficie di rottura passa nella lunghezza libera teorica, quindi nella zona ancorata. Ancoraggi la cui cipolla viene tagliata dalla superficie di rottura, o ancoraggi completamente nel massiccio, non dovranno essere considerati per il calcolo della stabilit. La forza dancoraggio devessere introdotta come sforzo interno sul punto di contatto tra lancoraggio e la superficie di rottura. Calcolo con il metodo di Fellenius:Forza dancoraggio scomposta in due parti, una normale e laltra tangenziale alla superficie di rottura. In questo modo lequilibrio delle lamelle non viene raggiunto, per questo si genera un momento supplementare che va tenuto in considerazione. Calcolo con il metodo di Bishop e Janbu: La forza dancoraggio pu essere considerata come una forza esterna e pu essere scomposta in una forza orizzontale ed in una verticale. Influenza del sostegno paratia o palancolata: Possiamo considerare due casi di calcolo di stabilit: A: La superficie di rottura passa al di sotto del sostegno: Nessuna influenza del sostegno sulla stabilit. La superficie di rottura taglia il sostegno: oltre alla resistenza al taglio del terreno va considerata anche la resistenza al taglio della parete. Lo sforzo di taglio della parete pu essere considerato solamente se al di sotto della superficie di rottura la parete sufficientemente lunga per permettere di trasferire lo sforzo al terreno. In caso contrario, si pu considerare la resistenza che si riesce trasmettere al terreno.

B:

72. Determinazione di amm per una fondazione


Vedi domanda 74

73. Calcolo della portanza di una fondazione


Vedi domanda 74

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 92 DI 124

74. Calcolo di un plinto di fondazione


Modello di Terzaghi, con fattori di correzione (fondazione rettangolare o quadrata e non infinita). Modello di Terzaghi, fondazione orizzontale infinita e superficiale (oltre che carico centrato e verticale, terreno isotropo e omogeneo, fondazione superficiale (t<b):
P p

.t+p
a

C Ep

I
b

45 -

/2

C Ep

II III
d

I : stato elastico, zona solida che pu spostarsi solo verticalmente; ab = piani di taglio II : zona in equilibrio passivo; ad e de = piani di taglio III : zona di taglio radiale Equilibrio: P = carico di rottura della fondazione Ep = spinta passiva sul piano ab C = coesione lungo ab P 2 . Ep 2 . C . senf = 0

Carico ammissibile su una fondazione rettangolare o quadrata: qp = A1 . c . Nc + (g . t + p) . Nq + . A2 . g . b . Ng

Ec: Resistenza della Eq: Resistenza del coesione carico q + terreno sup.

Ep: Resistenza terreno sottostante

con :

A1, A2 : coefficienti dipendenti dalle dimensioni della fondazione (tab. pag. 4-34) Nc: fattore di coesione (formula o grafico pag. 4-33) Nq: fattore per il carico sopra la fondazione (q + terreno soprastante) (formula o grafico pag. 4-33) Ng:fattore per il terreno sotto la fondazione(formula o grafico pag. 4-33)

Terreni molli: cambiano i coefficienti dovuti a c e tanf

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 93 DI 124

Se c falda:

1
t x

2 3 4

Caso 1: usare nel calcolo di qp al posto di g; vale anche nel caso in cui la falda sopra il livello del terreno (non separata da un foglio di plastica) Caso 2: dividere in due il calcolo di Eq, una con g . t-x per la parte di terreno sopra la falda e laltra con g . x per la parte sotto la falda; Ep da calcolare con g Caso 3: calcolare Eq con g e Ep con g Caso 4: a scelta delling: calcolare come 3 (sfavorevole) o come 5 (favorevole) Caso 5: calcolo normale Carico eccentrico: calcolo con riduzione delle dimensioni della fondazione b b; l l

Modello di Brinch-Hansen: tiene conto anche della forma della fondazione (s), dellinclinazione del carico (i), dellinclinazione della fondazione (b), dellinclinazione del terreno (g) e della profondit di posa (d). qp = c . Nc . sc . dc . ic . gc . bc +(g . t + p) . Nq . sq . dq . iq . gq . bq + . g . b . Ng . sg . dg . ig . gg . bg con : Nc, Nq, Ng da calcolare secondo formule pag. 4-36 s, d, i, g, b, secondo formule pag. 4-37

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 94 DI 124

75. Verifica al sollevamento di una costruzione ( 8.3.3 pag 8-20 parte geotecnica)

La verifica deve rispettare i criteri di equilibrio statico secondo lo stato limite ultimo SLU1 Il sollevamento di una costruzione da verificare nel caso in cui una costruzione si trovi anche solo parzialmente in falda. Ci si trova in presenza di una Spinta dArchimede che agisce sulla fondazione dal basso verso lalto, riducendo le pressioni sul terreno derivanti dai pesi della costruzione stessa e, di conseguenza, diminuendo gli assestamenti della costruzione. Nel calcolo delle tensioni bisogner tener conto di: sollecitazione dovuta alla tensione iniziale sollecitazione dovuta allo scavo (alleggerimento) sollecitazione dovuta al carico della costruzione, sommata alla spinta di Archimede:

dove J (fattore di riduzione della tensione) = verticale/p, deltasigma corrisponde alla sollecitazione data al terreno in funzione del carico ripartito omogeneo p, nel punto alla profondit data.vedi immagine di seguito

Nel calcolo delle deformazioni del terreno si tiene conto della differenza di tensioni tra lo stato iniziale e quello finale: =v2-v0. Per la verifica del galleggiamento bisogna quindi verificare che la spinta dArchimede A (determinata dal livelo massimo di falda) sia minore del peso G della costruzione (solo pesi propri con coefficiente di

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 95 DI 124

calcolo g inferiore =0,9); secondo le norme DIN il fattore di sicurezza F risultante dal rapporto tra i due valori devessere >= 1.10. ATTENZIONE alle fasi cantiere!! Provvedimenti contro il sollevamento: aumento peso proprio allargamento platea oltre il perimetro delledificio in modo da avere pi peso del terreno sulla platea drenaggi permanenti pali in trazione o ancoraggi.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 96 DI 124

76. Assestamenti nel tempo (previsione, controllo)


Innanzi tutto bene premettere che il calcolo esatto degli assestamenti molto difficile a causa dellinomogeneit delle caratteristiche degli strati del terreno, alla conoscenza approssimativa dello spessore degli strati stessi e allimprecisa conoscenza delle tensioni allinterno del terreno. Caricando un terreno con una certa pressione se ne aumenta laddensamento in seguito ad una diminuzione del volume dei pori. Nel caso questi pori siano pieni dacqua, per avere una deformazione bisogna che prima questacqua esca in quanto essa incomprimibile; ebbene il fenomeno di fuoriuscita dellacqua dovuto ad una pressione sul terreno e che si svolge con il passare del tempo prende il nome di consolidazione. La velocit di espulsione dellacqua nel tempo molto influenzata dalla granulometria del terreno: nella ghiaia lacqua esce molto pi velocemente di quanto accade in limo ed argilla! Per poter prevedere il comportamento di un terreno nel tempo bisogna analizzare la curva di consolidamento di quel terreno, con la quale viene evidenziata la deformazione del terreno in funzione del tempo (pi precisamente del logaritmo del tempo).

In generale si pu dire che i terreni possono presentare tre tipi di deformazione: - una deformazione istantanea, che dovuta allelasticit del terreno. - una consolidazione primaria, - una consolidazione secondaria, accentuata in quei terreni che presentano un forte contenuto di materiale organico. Questa caratteristica dovuto al fenomeno di scorrimento viscoso e sulla curva si presenta con un asintoto inclinato. Per avere unidea si pu dare un ordine di grandezza a questi fenomeni in funzione dei materiali che costituiscono il terreno: - per le sabbie la deformazione istantanea preponderante, mentre la consolidazione sia primaria che secondaria sono praticamente trascurabili. - Per largilla ad essere preponderante la consolidazione primaria mentre la deformazione istantanea corrisponde al 0-5% e la consolidazione secondaria al 10-25% - Per materiali organici la deformazione istantanea nulla, la consolidazione primaria e quella secondaria sono, invece, dellordina del 50%

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 97 DI 124

Levoluzione nel tempo della consolidazione pu essere definita, sulla base del modello a molle di Terzaghi, utilizzando la seguente formula: t = Tv*(d2*w)/(k*ME) dove: t => tempo trascorso dopo che il terreno stato caricato Tv => fattore di tempo per un certo grado di consolidazione U, esso pu presentare diversi Andamenti a seconda della ripartizione delle pressioni interstiziali d => tragitto di drenaggio k => permeabilit secondo Darcy ME => modulo di compressibilit del terreno Il grado di consolidazione U definito come il rapporto tra lassestamento ad un certo punto h e lassestamento finale h Un altro principio per il calcolo degli assestamenti quello ceh non tiene conto del tempo ma solo di caratteristiche e spessore dei vari strati di cui risulta costituito il terreno. In questo caso si utilizza la formula :s = /ME * h dove = aumento del carico sul terreno ME = modulo di compressibilit H = spessore dello strato consideratoLassestamento totale pari alla somma degli assestamenti dei singoli strati

Per la scelta dello spessore degli strati sono valide le seguenti regole: - la ripartizione in strati deve coincidere con la stratigrafia del terreno - nelle parti vicino al carico la ripartizione deve essere pi fitta in quanto in questaa zona che avvengono le variazioni pi grandi di tensioni. Nel caso in cui lo strato di terreno non limitata verso il basso da uno strato indeformabile si deve definire fino a che livello isogna spingere il calcolo: - In generale dipende dalla precisione che si vuole ottenere. - spesso ci si pu limitare alla profondit che corrisponde ad un aumento di tensione del 105% e cio ad una profondit z = 24b - nella pratica si ritiene che la zona di influsso del carico si possa limitare a 3 volte la larghezza del carico.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 98 DI 124

77. Calcolo di sollecitazioni e assestamenti (Newmark)( cap. 8.2.2 pagina 8-12) Griglia di Newmark
Per una profondit data, z, si pu stabilire il raggio di un carico che ci definisce una certa tensione. Utilizzando due raggi diversi e facendo la differenza di tensione otteniamo laumento di tensione dovuta allinflusso di un anello caricato. Se si fissa laumento di tensione come costante, possiamo definire diverse coppie di raggi che determinano lo stesso influsso. Newmark ha proposto di suddividere tutta la superficie disponibile in 10 anelli in modo che laumento di tensione dovuto ad ogni anello corrisponda a v = 1/10 p Per facilitare lintegrazione grafica si suddivide la superficie totale in 20 settori cos che per ogni singola superficie si possa dire che linflusso uguale a 1/200 p (0.005 p)

Osservazioni
In totale ci sono 200 aree Ogni cerchio ha lo stesso influsso nel punto centrale a una certa profondit Ogni corona influisce per 1/10 del carico (in profondit)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 99 DI 124

1. 2. 3. 4.

Procedimento per il calcolo delle sollecitazione - Newmark Decidere a che profondit si vuole calcolare la tensione (esempio z=10 m) Si considera la distanza A-B (vedi grafico di pagina 10) uguale a 2 cm Disegnare lingombro del carico in scala
Scala riportata sul grafico a pag. 10

esempio:

2cm x = 10m 8m
Z

8m

x = 1.6 cm

5. 6. 7.

Scegliere un angolo dove si vuole misurare es. Mettere al centro del grafico di pagina 10 il punto scelto ( ) e contare le aree comprese nellingombro del carico Calcolare le tensioni nel modo seguente:

n spicchi contati carico = tensione alla profondit z 200

Calcolo dellassestamento ( 8.3)

meccanica delle terre: h s ME spessore dello strato [m] assestamento [m] aumento del carico [kN/m2] modulo di compressibilit [kN/m2]

s=

h assestamento [m] ME

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 100 DI 124

esempio:

Pi la dimensione dellassestamento grande e pi si andr in profondit (per il controllo dellassestamento).

78. Calcolo di un assestamento con il metodo di Steinbrenner


Vedi altre domande (?)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 101 DI 124

79. Valutazione della durata di assestamento nel tempo (1.3 Geotecnica Pag. 1-9 / 1-23)
In generale il terreno contiene dellacqua che rilascia se compresso. La deformazione si presenta quando lacqua presente esce poich incomprimibile. Non tutti i materiali si comportano allo stesso modo. Alcuni, sabbia, hanno una deformazione istantanea molto grande una deformazione nel tempo quasi nulla; altri, argille, hanno una deformazione preponderante nella prima fase con una deformazione istantanea quasi nulla. Deformazione istantanea Sabbia e ghiaia Argilla Materiali organici Preponderante 0-5% 0% Consolidazione primaria Trascurabile Preponderante 50% Consolidazione secondaria Trascurabile 10-25% 50%

Nelle verifiche geotecniche bisognerebbe calcolare entrambi i due tipi di consolidazione.

Grado di consolidazione U (P:1-12)

U=

hi [%] h

h =

h [%] ME

Evoluzione della consolidazione nel tempo (P:1-12)

t = Tv

d 2 w [s] k ME

t = tempo trascorso dopo il caricamento del terreno d = tragitto del drenaggio Tv = fattore tempo per un certo grado U (vedi grafico) K = permeabilit secondo Darcy (dipende dal carico imposto) ME = modulo di compressibilit (dipende dal carico imposto)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 102 DI 124

80. Criteri per ridurre i cedimenti


Corretto dimensionamento della fondazione (fondazione grande: influsso in profondit; fondazione piccola: pi caricata, ma con meno influsso in profondit); Scelta tra fondazione superficiale e profonda; Sostituzione del terreno se di pessima qualit Precarico Drenaggio (riduzione delle vie di fuga, scomparsa delle tensioni dovute allacqua => assestamento pi immediato) Scavo e costruzione di piani interrati: il peso del terreno tolto funge cos da precarico. (Giunti di dilatazione per evitare danni dovuti ad assestamenti differenziati)

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 103 DI 124

81. Teorie di deformazione dei terreni Ripartizione delle pressioni secondo la rigidit del carico
Contrariamente al carico flessibile (materiale riportato, platea leggera, ...) che si adatta alla deformazione del terreno, i carichi rigidi non si deformano (E.I = 00). I due diversi comportamenti possono essere schematizzati nel modo seguente.

Il paragone tra i due tipi di carico mostra una variazione delle pressioni sul terreno abbastanza importante. Per poter trattare i carichi rigidi con la teoria dei carichi deformabili, si cercato di definire un punto k nel quale gli assestamenti dei due tipi di carico fossero uguali.

Assestamenti
l calcolo degli assestamenti corrisponde ad un calcolo di deformazione del terreno e, malgrado la grande variabilit delle caratteristiche e la non linearit delle deformazioni rispetto ai carichi, si pu dire che, tra la meccanica (o la teoria degli altri materiali da costruzione) ed il terreno, esista una certa somiglianza nei comportamenti.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 104 DI 124

Calcolo basato sulla curva edometrica


La curva edometrica fornisce la deformazione di un terreno sotto diversi carichi. Il modulo di compressibilit si pu quindi definire per ogni variazione di carico (tensione finale tensione iniziale).

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 105 DI 124

82. Calcolo delle sollecitazioni e degli assestamenti (Kany)( Geotecnica Cap 8 14/17)
Calcolo delle tensioni (kany) Contrariamente al carico flessibile il carico rigido implica una distribuzione delle tensioni nel terreno disomogenea. Per poter trattare i carichi rigidi con la teoria dei carichi deformabili si cercato di definire il punto k nel quale gli assestamenti dei due tipi di carico fossero uguali. per carichi rettangolari k situato a 0,13 x L e 0,13 x B; per carichi circolari k situato a 0,845.R; Integrando lequazione di Boussinesq per la pressione in corrispondenza della verticale in k, Kany ha definito sotto forma di tabelle o grafici le distribuzioni ( in 1/1000 del carico). Calcolo dellassestamento Analogamente alla meccanica classica, per le terre vale:

s=

h ME

Ds h ME

aumento di carico spessore dello strato modulo di compressibilit = 1/mv

Per semplificare il calcolo vengono definiti dei valori medi del carico e del modulo di compressibilit.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 106 DI 124

83. Criteri per limitare i cedimenti differenziali (fondazioni accostate)


Da controllare assieme I criteri da tenere in considerazione per non avere cedimenti differenziati sono. Riuscire ad ottenere delle sollecitazioni da trasmettere al terreno simile nelle fondazioni, se questo non fosse possibile, si pu pensare a dei diversi tipi di fondazione (profonde o non) in funzione delle sollecitazioni e della stratigrafia del terreno sottostante. -Creare dei giunti completi tra le due strutture, che porterebbero a dei cedimenti differenziati tra le varie strutture ma non arrecherebbero grossi danni alle costruzioni stesse (valutare se il progetto lo permette) Da tenere presente un eventuale compensatore di assestamenti per le condotte che attraversano i vari edifici.

84. Criteri per ridurre i cedimenti di un rilevato


Vedi domanda 80

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 107 DI 124

85. Linea di flusso e equipotenziale sotto una palancola 6. Acqua sotterranea


Linee di flusso e linee equipotenziali Flussi d'acqua appaiono quando un ammasso permeabile sottoposto a condizioni di pressioni diverse. Per eguagliare queste differenze di pressione, l'acqua scorre dal punto di pressione pi elevata verso quello meno elevato (principio dei vasi comunicanti).

Le particelle dacqua seguono una traiettoria ben definita attraverso il terreno. Questa viene chiamata Linea di flusso. Lungo questa Iinea in seguito alle forze dattrito che l'acqua deve vincere, la pressione diminuisce. Unendo sulle diverse linee di flusso i punti di ugual pressione, si ottengono le cosiddette linee equipotenziali. Sistemi di calcolo Equazioni differenziali di Laplace applicate a problemi di flusso Vengono adottate le seguenti ipotesi: - la leggedi Darcy( v = k . i ) valida - i pori del terreno sono completamente riempiti d'acqua - i volumi del terreno non sono modificati dai flussi - il terreno e l'acqua sono considerati incompressibili - nel settore considerato non ci sono n sorgenti n pozzi

Soluzione grafica

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 108 DI 124

Determinazione delle quantit d'acqua La quantit d'acqua che scorre si lascia calcolare facilmente con un reticolo di flusso. Per un singolo campo: la quantit totale d'acqua che attraversa il sistema:

Determinazione della pressione dovuta al flusso sotterraneo Con l'ausilio delle linee equipotenziali possibile definire la pressione del flusso in ogni punto del sistema. Si considera la differenza di potenziale tra due linee successive come:

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 109 DI 124

86. Calcolo della quantit dacqua in uno scavo


I modelli studiati valgono per una striscia di fossa di 1 m.

1. Fossa larga e strato impermeabile poco profondo

H t

H q := ln + h +t 2
2.k h

2 H 1 h +t 2

fondo impermeablie

con q = portata in m3/s per m di schermo k = permeabilit (vedi tab. pag. 6-31) Il punto pi critico il piede dello schermo.

2. Fossa stretta, strato impermeabile profondo


2b

b q := ln + t
2.k h

2 b + 1 t

con q = portata in m3/s per m di schermo k = permeabilit (vedi tab. pag. 6-31)

H>>b

fondo impermeablie

Il punto pi critico lintero fondo dello scavo.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 110 DI 124

3. Fosse senza schermi

L2 T

fondo impermeablie

Portata:
2

Q := k H 1 +

L1 t m + 1 + n h R H t

con:

n, m: vedi diagramma pag. 6-22 R: raggio dazione secondo Sichardt: R=3000.s.k H: altezza della falda rispetto al bordo dello scavo T: spessore dello strato permeabile sotto il fondo dello scavo t: T>H t=H T<H t=T

87. Calcolo della quantit di acqua che affluisce in uno scavo


Vedi domanda 86

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 111 DI 124

88. Calcolo di Q per una fossa di scavo


Per definire le portate da evacuare dalle fosse di scavo tra gli anni 50-60 sono stati studiati diversi modelli analitici che si basano essenzialmente su flussi bidimensionali e tengono conto di una permeabilit omogenea su tutto il perimetro della fossa di scavo. Oggi, si pu meglio tener conto della forma della fossa di scavo attraverso dei programmi basati su complessi modeli numerici, non bisogna comunque dimenticare che le formule analitiche che vengono presentate di seguito forniscono una buona approssimazione dei valori ricercati.

- Fossa larga con strato impermeabile poco profondo formulazione di Schnitter

- Fossa stretta con strato impermeabile molto profondo formulazione di Schneebell

Calcolo sulla base della costruzione di un reticolo di flusso

- Formulazione di Davidenkoff valida per una fossa rettangolare di lunghezza L1 e larghezza L2

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 112 DI 124

89. Calcolo della quantit dacqua che affluisce allo scavo


Vedi domande 86-88

90. Fosse di scavo: sicurezza al sollevamento del fondo (Terzaghi)( 6.3.3 Geot. Pag. 6-13)
Secondo Terzaghi, il sifonamento avviene quando, nella zona della parete il terreno diventa instabile al seguito della pressione dovuta al flusso. (Figura Pg: 6-13) La sicurezza per fosse larghe definita come il rapporto:

F=

G t ' [] = 2.5 A H w

Il calcolo secondo Terzaghi solo una parte dei possibili sistemi per il calcolo della rottura di fondo descritti nella prossima domanda. Per i fattori di sicurezza da usare si veda la fine della domanda 91.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 113 DI 124

91. Rottura di fondo ( 6.3 Geotecnica Pag. 6-6)


Il sifonamento o rottura di fondo dato dal gradiente idraulico critico:

icrit =

' w

Al raggiungimento del gradiente idraulico si nota: - un aumento rapido della permeabilit con conseguente aumento della quantit dacqua - una perdita della resistenza al taglio con conseguente rottura della parete di contenimento. Particolarmente pericolosi sono i terreni fini e non coesivi, come limi e sabbie fini poco compatti. La sicurezza si ottiene con:

F=

icrit ieff

I metodi per calcolare il gradiente effettivo sono diversi, in generale vale: a) Gradiente medio imed: (P:6-8)

imed = ieff =

differenza di pressione tragitto d ' inf iltrazione

b) Gradiente duscita ia (Harza): (P:6-9) Si calcola il gradiente alluscita del flusso nello scavo vicino allo schermo con la specifica tabella. c) Gradiente alla punta im (Davidenkoff): (P:6-11) Si calcola il gradiente sulla punta in fondo allo schermo con la specifica tabella. Fattori di sicurezza F: Alcuni valori consigliati di F per tipo di terreno: Costruzione provvisoria Ghiaia Sabbia Sabbia fine - argilla 2.5 3 3.5 4 Costruzione definitiva 3 4 5

Fattori di sicurezza F per tipo di calcolo: Tipo di calcolo Gradiente medio Gradiente duscita Gradiente alla punta Equilibrio di Terzaghi Sicurezza F 3.5 5 2.5 4.5 24 2.5 5

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 114 DI 124

92. Sicurezza al sifonamento


Il pericolo di una rottura di fondo si ha quando viene abbassato il livello della falda e si crea un flusso dacqua con una pressione S=i.w. Questa pressione dovuta al flusso va a modificare il peso delle particelle del terreno e per evitare una rottura deve essere verificata lequazione:

GS 0
Da questa formula si deduce che il cadente piezometrico critico rappresentato da :

icrit

' = w

i=

H L

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 115 DI 124

93. Fosse di scavo (scelta del sostegno)


Per l'esecuzione dello scavo bisogna tener conto dei seguenti elementi: - piano di situazione del manufatto; - supplemento di spazio necessario all'esecuzione dello scavo; - quota del fondo dello scavo; - sistema di fondazione previsto; - natura dei terreni vicini (particelle edificate, strade,...); - natura del sottosuolo; - livello della falda freatica. Le diverse soluzioni che vengono proposte ed eseguite sono: - scavo a scarpa senza protezione; - scavo con sostegno (sbadacchiature o ancoraggi). Per definire il metodo d'esecuzione pi soddisfacente, tenuto conto delle condizioni locali, importante conoscere il suolo, in altre parole i materiali e le condizioni idrogeologiche. La scelta del tipo di fossa pu essere cos rappresentato:

Uno scavo con pareti verticali perturba l'equilibrio interno del terreno. Affinch tali pareti siano comunque stabili occorre procedere alla loro sbadacchiatura. Nella scelta del tipo di sbadacchiatura intervengono diverse condizioni di cui occorre tener conto e che, nei casi normali, vengono distinte in due gruppi. Il primo include i dati invariabili che portano ad una scelta del tipo di sbadacchiatura: - la natura del suolo e la presenza di acqua sotterranea; - il tipo d'opera da eseguirsi in trincea; - la profondit della fossa. Solo quando questi dati sono stabiliti possibile operare una scelta corretta. Il secondo gruppo comprende: - il profilo della fossa; - il procedimento di esecuzione e la scelta dei mezzi utilizzati. L'incidenza del costo del sostegno e la sua importanza nell'opera rendono necessario il confronto delle diverse possibilit in modo che la scelta operata abbia seguito una soluzione ragionevole ed economica.
GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 116 DI 124

Si possono distinguere 3 tipi di diaframmi: Fissi e rigidi: le pressioni sul diaframma corrispondono a quelle naturali del terreno (spinta a riposo (k0) Liberi di spostarsi per calcolare le pressioni si utilizzano le teorie di Rankine e Coulomb. Se il terreno dietro al muro si dilata o si comprime sufficientemente, al momento della rottura la pressione raggiunge un valore minimo corrispondente alla spinta attiva delle terre (ka) rispettivamente un massimo (kp) corrispondente alla spinta passiva delle terre. Che non possono spostarsi, il valore della spinta varia tra i valori estremi del gruppo flessibili: precedente (ka-kp). Tipi di sostegno possibili: - puntellazioni tradizionali; - palancole; - pali giuntivi; - parete berlinese o targonata; - parete ancorata; - parete chiodata; - paratia. Cfr. Progetto coordinato + Corso di sottostrutture-5. Scavi a cielo aperto.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 117 DI 124

94. Palancolata libera in sommit e incastrata nel terreno (Cap 4 29 e sg. + inserti corso) Metodo di Blum
Viene applicato un fattore di sicurezza m (1,5 per opere provvisorie, 2 per definitive) alle spinte passive (resistenza). ? vale anche se si utilizza i fattori da norma SIA? Esempio: (schema)

95. Paratie e palancole (sistemi di calcolo)


Si rimanda alle dispense del corso, in quanto non si capisce una mazza!!!!!!!!

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 118 DI 124

96. Paratie e palancole 1. Parete di palancole


Campi dapplicazione: Le pareti di palancole sono correntemente usate per la costruzione di: opere provvisorie dove possono essere facilmente recuperate opere leggere ubicate in zone dove gli strati superiori del terreno non sopportano la costruzione di muri di sostegno Il loro impiego non conviene nel seguente caso: muri di grandi altezza che necessiterebbero di palancole con un elevato modulo di resistenza profondit di aggancio insufficiente in seguito alla presenza di trovanti nel terreno o di uno strato Normalmente si preferiscono le palancole in acciaio, per rapporto a quelle in calcestruzzo armato o in legno. Vantaggi: facile trasporto e manutenzione utilizzabili in terreni con presenza di piccoli ostacoli riutilizzabili in genere per una ventina di battiture esistenza pezzi speciali di raccordo per la realizzazione di scavi di forma particolare. costi relativamente contenuti Svantaggi: rumore durante lo battitura vibrazioni che possono comportare degli assestamenti agli edifici vicini corrosione dovuta alla ruggine ma la svantaggio principale delle palancole la loro limitata lunghezza (massimo ca. 30 m) dettata dallistallazione di battitura Obiettivi e tipi: Una parete di palancole costituita da una serie di elementi prefabbricati battuti fianco a fianco nel suolo, formando cosi un muro verticale continuo che sostiene il terreno. La palancola un elemento prefabbricato in: legno metallo calcestruzzo armato battuto o vibrato nel terreno a schiera con altri uguali per formare una parete Palancole metalliche: Vengono impiegate in ogni tipo di costruzione ad eccezione di presenza di sabbia che, con lattrito, causa una levigatura che a lungo andare pu anche causare la rottura, costruzioni portuali in presenza di sostanze chimiche che possono aggredire lacciaio, e costruzioni in climi tropicali. Le palancole in metallo sono pezzi laminati che si incastrano tra loro mediante giunti scorrevoli. Sui mercato si possono trovare numerosi profili di palancole metalliche. I diversi tipi di profili vengono suddivisi in: palancole pesanti: tipo Hoesch tipo Larssen Palancole leggere: tipo Kanaldielen Tutte le palancole in metallo vengono laminate in officina. Gli elementi dangolo e quelli di raccordo a forma di Y o di T sono fabbricati sia per mezzo della chiodatura che della saldatura. Lacciaio adoperato per le palancole ha un tenore di carbonio pi elevato del normale acciaio darmatura.
GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 119 DI 124

Costi e tempi esecutivi: Il costo medio indicativo di palancole in acciaio di ca. 100 /150.fr./m2 e comprende la battitura ed il recupero. Listallazione incide grossomodo attorno a 5000 / 10'000 fr. In generale si pu ritenere circa 150 / 200 m2/giorno

2. Paratia
Introduzione: La paratia pu esser definita come una parete sotterranea realizzata con lausilio di una benna scavatrice, che opera a settori alternati; la stabilit di questultimi garantita dallimmissione continua nella fossa di scavo di un materiale in sospensione: la bentonite. Successivamente sostituita con del calcestruzzo; creando cos linvolucro di sostegno della fossa. Usualmente, i segmenti di parete realizzati si estendono su 2-4 m di lunghezza. Lo spessore della paratia dipende dalla dimensione della benna scavatrice, normalmente fra i 40 cm e i 100 cm, di regola 60 cm. Vantaggi: Blindaggio relativamente stagno Longevit Poco rumore e vibrazioni al momento della costruzione Possono attraversare dei terreni che presentono ostacoli Resistenti a delle sollecitazioni importanti Altezza dei pannelli adattabili alle condizioni locali, importanti altezze possono essere raggiunte superando di gran lunga le possibilit offerte dalle palancole La Paratia riqida e origina solo limitate deformazioni nel terreno Resiste simultaneamente sia alle spinte delle terre sia a quelle dellacqua, in generale non necessario un importante sistema di prosciugamento, la parete pu essere facilmente integrata nella costruzione definitiva Non necessario procedere ad un abbassamento della falda Distanza minima dalle costruzioni limitrofe [min. 80 cm = (20 + 60) cm] Svantaggi: Necessit di far capo ad unimpresa specializzata Gli elementi non sono ricuperabili Il prezzo relativamente alto in rapporto alle palancole Pericolo di una rottura di fondo (sifonamento) in presenza di pressioni artesiane Una paratia non sar mai perfettamente stagna bisogna tenerne conto nel caso sintenda integrarla nella costruzione definitiva. I giunti di getto sono sempre permeabili. Una soluzione a questo problema rappresentata da una doppia parete, realizzata in muratura, dietro la quale lacqua evacuata. Costruzione: Il primo passo nella costruzione di un diaframma consiste nel determinarne strumentalmente il posizionamento sul terreno per mezzo di strumenti di tracciamento, per poi realizzare dei muretti guida in calcestruzzo gettato in opera che definiscono il tracciato del diaframma da realizzare. Una volta rimosse le casseforme dei muretti si procede allo scava del terreno allinterno delle guide, realizzato con una speciale benna mordente montata su una gru. Lo scavo viene accompagnato da un getto di fango bentonitico che, esercitando una certa pressione contro le pareti della stretta trincea, ne impedisce il
GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 120 DI 124

cedimento. La benna mordente, alzata e abbassata sempre entro il fango, continua a scavare fino a quando la trincea raggiunge la profondit desiderata, spesso pari a diversi piani interrati. In contemporanea con lo scavo si provvede anche alla realizzazione delle gabbie metalliche che costituiranno larmatura del muro di calcestruzzo che sostituir, nella trincea, il fango bentonitico. Allo scopo di facalitare lesecuzione sia dellarmatura che del getto di calcestruzzo, tubi verticali di acciaio di diametro pari alla sua larghezza vengono infilati nella trincea a intervalli predeterminati. In ognuna delle sezioni di trincea cos realizzate nelle quali ancora presente il fango bentonitico viene calata una gabbia di armatura. Il getto di calcestruzzo viene eseguito mediante un tubo sormontato da un imbuto in maniera tale che la trincea venga riempita a partire dal fondo. Mano a mano che il livello del calcestruzzo sale, il fango bentonitico viene sostituito dal calcestruzzo e viene pompato fuori dalla trincea e immesso in speciali contenitori dove viene conservato in attesa di essere riutilizzato. Tale operazione si ripete per ognuna delle sezioni della trincea. I lavori per lo scavo di fondazione possono cominciare non appena il getto di calcestruzzo si sia sufficientemente indurito, permettendo cos al diaframma di svolgere la sua funzione di contenimento delle pareti dello scavo. I diaframmi, oltre che gettati in opera, possono essere anche prefabbricati, pronti per essere calati in trincee riempite con uno speciale fango composto di bentonite, acqua e cemento Portland. Tipi di pareti: Gettate in opera Ci sono due tipi di esecuzione: con elementi consecutivi, i vari elementi vengono posati accostai con elementi alternati Prefabbricate Tipi di giunti: tubo guida elemento prefabbricato in calcestruzzo giunto con nastro Costi e tempi esecutivi Il costo al metro quadrato si aggira attorno ai 700 900 fr. I tempi desecuzione sono circa 20-25 m2 al giorno. Incidenza istallazione: circa 20'000 fr. Il diaframma (o parata) una struttura di contenimento piuttosto complessa e costosa, che risulta conveniente sotto il profilo economico soltanto quando ne sia previsto lutilizzo come muro di fondazione permanente.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 121 DI 124

97. Parete chiodata/ancorata Paratia puntellata o ancorata


Influenza della lunghezza d'infissione t La reazione del terreno al piede della paratia influenzata da: - l'infissione t - la rigidit della paratia Questo ci porta ad avere due casi: - la paratia semplicemnte appoggiata al piede - la paratia incastrata Le possibili differenze di sollecitazione al piede della parete sono schizzate alla figura che segue:

Influenza dell'infissione pu essere riassunta nel modo seguente: - l'infissione minima raggiunta quando la spinta passiva massima Il momento flettente nella paratia ugualmente massimo - pi l'infissione aumenta, pi i momenti flettenti diminuiscono - quando la spinta passiva mobilizzata da una parte e dall'altra del piede della paratia, quest'ultima si definisce come incastrata. - l'incastro "perfetto" quando il piede della paratia non subisce nessuna deformazione. Si annota, che per sollecitare una particella del terreno, quest'ultima necessita di una deformazione, dunque di uno spostamento della parete.

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 122 DI 124

98. Verifiche geotecniche secondo le nuove norme SIA 1. Stato limite ultimo (sicurezza strutturale) Stato limite tipo 1: stabilit generale
Ribaltamento Spinta di Archimede

Stato limite tipo 2: rottura della struttura o di singole parti di essa


Rottura a taglio di un rinforzo Rottura di un ancoraggio Scivolamento Rottura di fondo

Stato limite tipo 3: rottura del terreno


Stabilit globale del terreno Scivolamento e rottura di una scarpata

Stato limite tipo 4: fatica

2. Stato limite di servizio (efficienza funzionale)


Verifiche rispetto a: assestamenti globali spostamenti rotazioni deformazioni della costruzione

Verifiche tramite: dimensionamento secondo norma disposizioni costruttive provate prove su modelli di carico coefficiente di sicurezza gF 1.0

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 123 DI 124

99. Stati limite e stati di servizio (SIA)( vedi introduzione swisscodes parte geotecnica pag. 15)
SLU: sicurezza strutturale, verifica resistenza strutturale al taglio del terreno con carichi o tensioni massimi SLS: efficienza funzionale, verifica rigidit dipendente dalle condizioni di bordo, verifica deformazione puntuale o ripartita SLU: 1. stabilit generale, es ribaltamento 2. rottura struttura, es rottura al taglio di una palancola che attraversa la linea di rottura del terreno(rottura di fondo), scivolamento 3. rottura terreno 4. fatica, raro SLS: verifica assestamenti per evitare rotazione e deformazioni della costruzione verifica con dimensionamento, disposizioni costruttive, prove F=1 interazione terreno struttura da considerare considerazione comportamenti a breve e lungo termine attenzione valori superiori e inferiori

GESTIONE GEOTECNICA DOMANDE

ESAMI INGEGNERIA CIVILE 2005 PAGINA 124 DI 124