Sei sulla pagina 1di 4

Noi comunisti facciamo opposizione al governo Monti per vari ordini di motivi.

Continuit con il governo Berlusconi. Con un intervento sul Corriere della Sera, una settimana prima di ricevere lincarico ufficiale, Monti ha specificato che considera la cultura marxista il motivo dellarretratezza italiana, ma che per fortuna Marchionne e il ministro Gelmini hanno indicato la strada per uscire da quel tipo di cultura. Ovviamente i nomi da fare non li ha scelti a caso, il movimento universitario e la resistenza degli operai della FIOM-Cgil sono state le due cos che hanno messo pi in imbarazzo Berlusconi negli ultimi 3 anni. Monti ci ha detto chiaramente che su lavoro e universit non intende cambiare linea. Il giorno dellinsediamento, Monti ha poi fatto sapere che tutte le proposte di legge avanzate dal governo Berlusconi sarebbero state appoggiate dal suo governo. Se eravamo contro certe politiche quando cera Berlusconi, continueremo a essere contro anche con Monti.

Il governo Monti politico.

Gi il fatto che Monti abbia confermato la linea di Berlusconi su gran parte delle questioni politiche principali, dovrebbe indicare che il governo Monti tuttaltro che tecnico. Bisognerebbe anche dire che Monti stato commissario europeo, che una carica totalmente politica, e che ha ricevuto la nomina a commissario europeo da Berlusconi stesso. E bisognerebbe anche dire che Monti ha composto il suo governo in maniera molto politica, non ha messo membri di partiti, per ha preso spartito i posti tra i poteri economici (Banca Intesa, Unicredit, San Paolo) e culturali (Politecnico di Torino, Bocconi, Universit Cattolica) e tra le varie correnti religiose (Comunit di SantEgidio, Conferenza Episcopale, Comunione e Liberazione). Per, per come la vedo io, la questione principale che non pu esistere un governo tecnico, non esistono scelte tecnicamente neutre quando si interviene sulleconomia e sulle conseguenze nella societ. Per non perdermi nelle seghe mentali, faccio un esempio legato alle questioni di questi giorni: la tassa patrimoniale. Per una settimana, a seguire tv e giornali, sembrava che una qualche forma di patrimoniale fosse una necessit tecnica condivisa da tutti. Poi nel suo discorso programmatico, Monti ha preso la questione alla larga, vedendo come pi probabile lICI sulla prima casa. Gi una scelta tra una patrimoniale propriamente detta e lICI evidentemente politica, una scelta tra tassare chi ha la yacht o tutti quelli che hanno la casa, compreso chi ha lavorato tutta la vita per farla. Ma anche se si applicasse la patrimoniale, esistono scelte politiche su come

applicarla: deve essere un intervento isolato per uscire dallemergenza o essere uno strumento continuativo per redistribuire la ricchezza? Deve essere leggera per far vedere che un po di sacrifici vengono fatti anche dalle classi dominanti ( lipotesi di Montezemolo) o deve essere un mezzo per rendere le classi dominanti un po meno dominanti ( lipotesi dei comunisti).

Il governo Monti non temporaneo.

Monti ha intenzione di arrivare fino al 2013. Ed anche naturale, i piani che annunciato non riguardano solo misure per far scendere lo spread nel breve periodo, roba che richiede tempo. Probabilmente pi di un anno e mezzo, e infatti ci sono ipotesi di Monti candidato per il Terzo Polo o addirittura Presidente della Repubblica. Ma queste sono solo ipotesi, per stare ai fatti basta vedere che Monti sta portando avanti il progetto di cambiare la Costituzione per inserire il pareggio di bilancio nellarticolo 81. Tecnicamente per cambiare la Costituzione serve la doppia approvazione da parte di Camera e Senato a distanza al massimo di 6 mesi. E abbastanza prevedibile quindi che per portare al termine questa cosa si arrivi almeno a met 2012, alle soglie dellultimo semestre della Presidenza della Repubblica di Napolitano, durante il quale le camere non possono essere sciolte anticipatamente.

Il governo Monti non risolver la crisi.

Le ipotesi pi fantasiose dicevano che sarebbe bastato far dimettere Berlusconi per far scendere lo spread di qualche centinaio di punti e tornare a navigare in acque sicure. Come abbiamo visto non stato cos, e il problema del debito pubblico si estende anche alla Germania. Secondo noi il governo Monti non pu risolvere la crisi perch il suo programma un programma recessivo: toglier reddito alla maggioranza dei cittadini che non potranno comprare beni e usufruire di servizi, fabbriche e negozi chiuderanno, si ridurr ulteriormente il reddito e quindi ci saranno meno introiti per lo stato sotto forma di tasse. lo scenario che stiamo vedendo in Grecia dove, ad ogni manovra di austerit, la recessione peggiora. Noi comunisti crediamo che Monti sia incapace di uscire da questo schema perch un teorico di questo schema. Nel campo accademico famoso per un modello economico in cui teorizza la necessit di non mettere regole alla finanza per far crescere leconomia. Se siamo daccordo che per uscire dalla crisi servono regole nuove, non sar Monti a farle.

Al governo Monti ci sono delle alternative.

Io penso che sia legittimo opporsi a delle politiche anche se non si hanno delle alternative pronte. Per, nel nostro caso, le alternative ci sono! Ci sono anche alternative provenienti dallarea conservatrice (vedi alcuni interventi sul Sole 24 Ore ( http://tinyurl.com/bt58yrf ). Ci sono politiche alternative delineate dagli economisti organici o vicini a Rifondazione e alla Federazione della Sinistra come Emiliano Brancaccio (http://tinyurl.com/d6eaeu9 ), Vladimiro Giacch

(http://tinyurl.com/bn6n9ox ) e il gruppo di Economia&Politica (http://tinyurl.com/buhm2pl ). Il tema comune di queste proposte che insistendo sulle politiche di austerit aggraveremo la nostra, mentre bisogna rilanciare una politica europea a partire da un cambiamento nella politica economica di Germania e Francia.

La nostra opposizione non quella dei leghisti e dei complottisti

Dire che Monti non ci piace non basta, dobbiamo anche andare a fondo nel giustificarlo, perch noi non siamo come la Lega n come i complottisti. La Lega ora va allopposizione urlando le sue parole dordine razziste. Sono solo degli ipocriti che cercano di usare il tempo da qui alle elezioni per far dimenticare di non aver rispettato mezza promessa. Se Berlusconi non fosse caduto avrebbero votato tutte le misure di austerit, i tagli alle pensioni e quantaltro. La nostra opposizione serve a salvare la nostra Patria, loro invece sperano che di sfasciare lItalia per completare il sogno di una padania indipendente, o quantomeno abbastanza autonoma da slegarsi dal resto dellItalia e legarsi alleconomia tedesca. Il peggiore tipo di opposizione a Monti quella fatta dai complottisti, quelli che gridano al complotto mondiale delle banche. evidente la somiglianza di questa idea a quella del complotto ebraico. I complottisti devono inventarsi complotti anche dove non ci sono (Trilateral, Bilderberg e simili sono evidentemente nostri avversari, ma operano alla luce del sole) perch non sono in grado di dare spiegazioni ai fenomeni economici e storici. Lo spiega bene Emiliano Brancaccio in questo articolo: http://tinyurl.com/bngncay . Questo tipo di opposizione molto pericolosa perch
delegittima tutte le altre, non a caso i tg e quei giornali che si sono schierati con Monti stanno dando spazio ai complottisti per poter addossare a chiunque faccia opposizione le idee del complotto ebraico, idee che, giustamente, fanno ancora schifo alla maggioranza della popolazione. Monti potrebbe fare anche cose buone.

La nostra opposizione dura ma non pregiudiziale. Proprio per non finire nel calderone dei complottisti, bisogna giudicare le cose nel merito, per questo mi sono dilungato cercando di stare attaccato ai fatti. Spero di non aver soltanto rotto le palle. Quindi, giudicando nel merito alcune cose buone potrebbero venire anche dal governo Monti. Per esempio, le ipotesi di lotta allevasione fiscale. Se verranno attuate non muoveremo un dito contro di esse. Staremo comunque a vedere.