Sei sulla pagina 1di 80

MASTER DI SECONDO LIVELLO IN METODI E TECNICHE DI PREVENZIONE E CONTROLLO AMBIENTALE

TESI SPERIMENTALE DI MASTER

REALIZZAZIONE DEL CATASTO CENTRALIZZATO GEOREFERENZIATO


DEGLI IMPIANTI

RADIO-TELEVISIVI

PRESENTI SUL TERRITORIO DELLA REGIONE VENETO

Relatore:

dott. Renzo Biancotto

Correlatore/Tutor: dott.ssa Sabrina Poli

Studente:

ing. Alberto Valente

Matricola n. VR099018 ANNO ACCADEMICO 2010/2011

Sommario
Tra i compiti attribuiti alle regioni dalla normativa vigente (Legge Quadro 36/2001) in materia di tutela della popolazione dall'esposizione ai campi elettromagnetici a radiofrequenze prevista anche la realizzazione del catasto delle sorgenti fisse di campi elettromagnetici a radiofrequenza. Questo lavoro di tesi descrive lo studio e la realizzazione del Catasto centralizzato georeferenziato degli impianti radio-televisivi presenti sul territorio della Regione Veneto eseguito presso il Servizio Osservatorio Agenti Fisici del Dipartimento ARPAV Provinciale di Verona. Dopo una breve introduzione sulla normativa vigente, partendo dalla descrizione delle caratteristiche del sistema di broadcast del segnale radio-televisivo cos come recentemente modificato dalla transizione al digitale terrestre, verr descritto lo studio preliminare, la progettazione e la realizzazione del Catasto RTV. Il Catasto composto da un applicativo web interfacciato ad un database relazionale centralizzato, permette l'accesso multi-utente ed dotato di strumenti webGIS per la gestione delle informazioni geografiche. Verranno infine proposte alcune future estensioni di prossima realizzazione volte a migliorare la fruibilit dei dati da parte dei soggetti coinvolti: enti pubblici e cittadinanza.

Indice generale
Capitolo 1. Inquadramento normativo .............................................................................9 1.1 Normativa europea .................................................................................................9 1.2 Normativa nazionale ............................................................................................10 1.3 Normativa regionale .............................................................................................13 1.4 Il ruolo di ARPAV ................................................................................................15 Capitolo 2. Impianti di telecomunicazioni terrestri .......................................................19 2.1 Tipologie di impianti e tecnologie .......................................................................19 2.2 Impianti di diffusione radio televisivi in Italia .....................................................19 2.2.1 Note storiche ................................................................................................19 2.2.2 Caratteristiche della rete ...............................................................................20 2.2.3 Copertura del territorio .................................................................................21 2.2.4 Struttura di un impianto radio televisivo ......................................................23 2.3 Impianti di telecomunicazioni telefoniche audio e dati in Italia ..........................26 2.4 WIMAX e WI-FI .................................................................................................27 2.5 RADAR ................................................................................................................27 2.6 Ponti radio ............................................................................................................28 Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV ......................................................31 3.1 Obiettivi ...............................................................................................................31 3.2 Struttura del catasto RTV .....................................................................................32 3.3 Applicativo web FMTV-OnLine ..........................................................................33 3.4 Attori nei flussi informativi del catasto ................................................................35 3.5 Studio del problema .............................................................................................36 3.5.1 Analisi della rete degli impianti RTV ...........................................................36 3.5.2 Informazioni contenute nel catasto RTV e struttura delle tabelle ................37 3.6 Struttura delle tabelle del database ......................................................................38 3.6.1 Tabella TBL_IMPIANTO ............................................................................41 3.6.2 Tabella TBL_SOSTEGNO ...........................................................................42 3.6.3 Tabella TBL_SOGGETTO ...........................................................................43 3.6.4 Tabella TBL_PERSONA ..............................................................................44 3.6.5 Tabella TBL_SEDE_OPERATIVA ..............................................................45 3.6.6 Tabella TBL_SOGGETTO_RIFERIMENTO ..............................................45 3.6.7 Tabella TBL_TIPO_SOGGETTO ................................................................46 3.6.8 Tabella TBL_TIPO_IMPIANTO .................................................................46 3.6.9 Tabella TBL_INDIRIZZO ...........................................................................46 3.6.10 Tabella TBL_COMUNE ............................................................................47 3.6.11 Tabella TBL_PROVINCIA ........................................................................47 3.6.12 Tabella TBL_REGIONE ............................................................................47 3.6.13 Tabella TBL_POSIZIONE .........................................................................48 3.6.14 Tabella TBL_MACRO_SITO ....................................................................48 3.6.15 Tabella TBL_INFO_RAN ..........................................................................49 3.6.16 Tabella TBL_MARCHIO ...........................................................................49 3.6.17 Tabella TBL_INFO_DAB ..........................................................................50 3.6.18 Tabella TBL_INFO_DVBT ........................................................................50 3.6.19 Tabella TBL_CANALE .............................................................................50 3.6.20 Tabella TBL_MUX ....................................................................................51 3.6.21 Tabella TBL_ANTENNA ...........................................................................51

3.6.22 Tabella TBL_ANTENNA ELEMENTARE ...............................................52 3.6.23 Tabella TBL_ANTENNA_ANTENNA_ELEM ........................................52 3.6.24 Tabella TBL_POLARIZZAZIONE ...........................................................53 3.6.25 Tabella TBL_MODELLO_ANTENNA .....................................................53 3.6.26 Tabella TBL_INFO_DIP_FREQ ................................................................54 3.6.27 Tabella TBL_STATO_IMPIANTO ............................................................54 3.6.28 Tabella TBL_LOG .....................................................................................55 Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate ..............................................................57 4.1 Struttura hardware e software del Catasto RTV ...................................................57 4.2 Applicativo web lato server .................................................................................57 4.2.1 Pagina index.php ..........................................................................................58 4.2.2 Parametri di configurazione .........................................................................60 4.2.3 Librerie di funzioni ......................................................................................60 4.2.4 Pagine HTML ...............................................................................................61 4.2.5 Interrogazioni AJAX ....................................................................................62 4.3 Applicativo web lato client ..................................................................................64 4.3.1 Libreria jQuery e jQuery UI .........................................................................66 4.3.2 Menu superfish .............................................................................................66 4.3.3 Fogli di stile esterni CSS ..............................................................................66 4.4 Interfaccia geografica ...........................................................................................67 Capitolo 5. Catasto RTV: funzionamento e flussi di informazione ...............................69 5.1 Struttura dell'applicativo ......................................................................................69 5.1.1 Visualizza impianto ......................................................................................70 5.1.2 Nuovo impianto ............................................................................................71 5.1.3 Modifica impianto ........................................................................................73 5.1.4 Visualizza/nuovo/modifica soggetto ............................................................74 5.1.5 Visualizza/nuovo/modifica persona .............................................................75 5.1.6 Visualizza/nuovo/modifica sede operativa ...................................................76 5.1.7 Visualizza sostegno ......................................................................................76 5.1.8 Nuovo/modifica sostegno .............................................................................77 Capitolo 6. Conclusioni e sviluppi futuri .......................................................................79 6.1 Conclusioni ..........................................................................................................79 6.2 Sviluppi futuri ......................................................................................................79

Indice delle illustrazioni


Fig. 2.1: copertura da Velo Veronese...............................................................................22 Fig. 2.2: traliccio RTV.....................................................................................................24 Fig. 2.3: Locale tecnico di un traliccio RTV...................................................................24 Fig. 2.4: antenna TV........................................................................................................25 Fig. 2.5: diagramma antenna TV.....................................................................................25 Fig. 2.6: schiera di antenne TV........................................................................................25 Fig. 2.7: array di antenne radio........................................................................................25 Fig. 2.8: simulazione 3D di un diagramma di irradiazione.............................................26 Fig. 2.9: RADAR del Centro Meteo ARPAV di Teolo....................................................28 Fig. 2.10: Ponte radio su traliccio RTV...........................................................................29 Fig. 3.1: formulari per l'inserimento dati in FMTV-OnLine...........................................34 Fig. 3.2: menu di scelta per la consultazione degli impianti inseriti in FMTV-OnLine..35 Fig. 3.3: Diagramma ER del Catasto RTV......................................................................40 Fig. 4.1: struttura HTML di una pagina...........................................................................62 Fig. 4.2: esempio di pagina web del Catasto RTV..........................................................65 Fig. 4.3: menu di navigazione realizzato con Superfish..................................................66 Fig. 4.4: widget webGIS per visualizzare la posizione dei sostegni...............................68 Fig. 5.1: maschera filtro impianti....................................................................................70 Fig. 5.2: pagina visualizza impianto............................................................................71 Fig. 5.3: pagina "nuovo impianto"...................................................................................72 Fig. 5.4: pulsanti "aggiungi" e "aggiorna".......................................................................73 Fig. 5.5: finestra errori e avvertimenti.............................................................................73 Fig. 5.6: menu funzioni della pagina "modifica impianto".............................................74 Fig. 5.7: pagina "nuovo soggetto"...................................................................................75 Fig. 5.8: pagina "visualizza sostegno".............................................................................77 Fig. 5.9: scelta delle coordinate di un nuovo sostegno....................................................78

Indice delle tabelle


Tabella 1: Limiti introdotti dal DPCM 8/7/2003.............................................................12 Tabella 2: Campi tabella TBL_IMPIANTO....................................................................41 Tabella 3: Campi tabella TBL_SOSTEGNO...................................................................42 Tabella 4: Campi tabella TBL_SOGGETTO...................................................................43 Tabella 5: Campi tabella TBL_PERSONA.....................................................................44 Tabella 6: Campi tabella TBL_SEDE_OPERATIVA......................................................45 Tabella 7: Campi tabella TBL_SOGGETTO_RIFERIMENTO......................................45 Tabella 8: Campi tabella TBL_TIPO_SOGGETTO........................................................46 Tabella 9: Campi tabella TBL_TIPO_IMPIANTO.........................................................46 Tabella 10: Campi tabella TBL_INDIRIZZO.................................................................46 Tabella 11: Campi tabella TBL_COMUNE....................................................................47 Tabella 12: Campi tabella TBL_PROVINCIA................................................................47 Tabella 13: Campi tabella TBL_REGIONE....................................................................47 Tabella 14: Campi tabella TBL_POSIZIONE.................................................................48 Tabella 15: Campi tabella TBL_MACRO_SITO............................................................48 Tabella 16: Campi tabella TBL_INFO_RAN..................................................................49 Tabella 17: Campi tabella TBL_MARCHIO...................................................................49 Tabella 18: Campi tabella TBL_INFO_DAB..................................................................50 Tabella 19: Campi tabella TBL_INFO_DVBT...............................................................50 Tabella 20: Campi tabella TBL_CANALE.....................................................................50 Tabella 21: Campi tabella TBL_MUX............................................................................51 Tabella 22: Campi tabella TBL_ANTENNA..................................................................51 Tabella 23: Campi tabella TBL_ANTENNA_ELEMENTARE......................................52 Tabella 24: Campi tabella TBL_MODELLO_ANTENNA.............................................52 Tabella 25: Campi tabella TBL_MODELLO_ANTENNA.............................................53 Tabella 26: Campi tabella TBL_INFO_DIP_FREQ........................................................54 Tabella 27: Campi tabella TBL_STATO_IMPIANTO....................................................54 Tabella 28: Campi tabella TBL_LOG.............................................................................55

Capitolo 1. Inquadramento normativo

Nel campo della protezione dalle Radiazioni Non Ionizzanti solitamente vengono considerati separatamente i campi con frequenze di oscillazione tra 0 e 100 kHz -denominati ELF, Extremely Low Frequency- da quelli con frequenze che vanno da 100 kHz a 300 Ghz denominati RF, Radio Frequency. Le frequenze ELF vengono tipicamente utilizzate dalle linee di trasmissione dell'energia elettrica per usi domestici e industriali, mentre le frequenze RF vengono utilizzate dai sistemi di telecomunicazioni. Il catasto oggetto di questo lavoro considera soltanto impianti radio-televisivi; conseguentemente tutte le considerazioni radioprotezionistiche, legislative, etc. verranno svolte esclusivamente per la banda RF.

1.1 Normativa europea


L'ICNIRP (International Commission on Non Ionizing Radiation Protection), che costituisce il principale organismo di riferimento mondiale in tema di protezione dagli effetti delle radiazioni non ionizzanti (campi elettromagnetici), ha emanato nel 1998 alcune linee guida per la limitazione dell'esposizione ai campi elettromagnetici 1. Tale pubblicazione stabilisce i criteri per limitare lesposizione della popolazione e dei lavoratori ai campi elettromagnetici in modo da ottenere la massima protezione contro gli effetti negativi noti sulla salute umana. Le linee guida si basano su unattenta valutazione di tutta la documentazione scientifica esistente sui possibili effetti sanitari acuti e fissano limiti di esposizione individuati come segue: Limiti di base: limitazioni allesposizione ai campi elettromagnetici variabili nel tempo che si fondano direttamente su effetti accertati sulla salute umana e su considerazioni di ordine biologico. Vengono espressi tramite grandezze fisiche strettamente correlate agli effetti sanitari. Livelli di riferimento: sono indicati a fini pratici di valutazione dellesposizione in modo da determinare se siano probabili superamenti dei limiti di base. Alcuni sono derivati dai limiti di base attraverso misurazioni e/o tecniche informatiche; altri si riferiscono alla percezione e agli effetti nocivi indiretti dellesposizione. Sono definiti mediante identificazione di livelli di campo elettromagnetico misurabili con una strumentazione adeguata. Il rispetto di tutti i livelli di riferimento garantisce il rispetto dei limiti di base. Qualora invece il valore delle grandezze misurate superi i livelli di riferimento, non consegue
1 ICNIRP: "Guidelines for limiting exposure to Time-varying Electric, Magnetic and Electromagnetic Fields (up to 300 GHz)", 1998

Capitolo 1. Inquadramento normativo necessariamente il superamento dei limiti di base, ma sar necessario effettuare una valutazione per decidere se i livelli di esposizione siano inferiori a quelli fissati per il limiti di base. Il CENELEC (Comit Europen de Normalisation Electrotecnique), ente tecnico normatore, ha approvato nel novembre 1994 le linee guida sperimentali relative allesposizione umana applicabili agli intervalli 0 Hz 10 kHz e 10 kHz 300 GHz. Tali norme, che fissano valori limite di base e di riferimento coerenti con le linee guida ICNIRP, sono state pubblicate in Italia dal CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) nel maggio 19952 e ritirate dopo la pubblicazione della raccomandazione Europea 1999/512/CE. Con la Raccomandazione 1999/512/CE del 12 luglio 1999 3, che riprende integralmente le linee guida dellICNIRP, il Consiglio dellUnione Europea raccomanda che gli Stati membri adottino un quadro di limiti e di livelli di riferimento che utilizzi lallegato I.B come base. Negli allegati II e III vengono riportati, rispettivamente, i limiti di base ed i livelli di riferimento, che riprendono quelli proposti dallICNIRP, fermo restando che gli Stati membri hanno facolt di fornire un livello di protezione pi elevato di quello indicato nella Raccomandazione stessa. Lallegato IV, infine, riporta formule che permettono di valutare le situazioni di esposizione dovute a sorgenti di frequenza diversa.

1.2 Normativa nazionale


Nel settembre 1998 il Ministero dell'Ambiente, dintesa con il Ministero della Sanit e il Ministero delle Comunicazioni, ha emanato, in attuazione della legge 249/1997, il DM 381/1998 "Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana" 4. Secondo il dettato del DM 381/1998, la realizzazione, la progettazione e ladeguamento degli impianti deve avvenire in modo da produrre valori di campi elettromagnetici pi bassi possibili, compatibilmente con la qualit del servizio svolto, al fine di minimizzare lesposizione della popolazione. Le motivazioni di questo approccio al problema sono sintetizzate in un documento congiunto ISPELSISS del 29 gennaio 19985 relativo alla protezione dallesposizione a campi elettromagnetici tra 0 e 300 GHz, nel quale si osserva testualmente: "in una comunit nella quale si sospetti un danno alla salute a causa di determinate esposizioni ambientali, il rapporto di fiducia
2 CENELEC/CEI: "Esposizione umana ai campi elettromagnetici. Alta frequenza (10 KHz-300 GHz), Norma Europea Sperimentale CEI ENV 50166 2". Vedi anche: CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano): CEI ENV 50166 1 e CEI ENV 50166 2, Maggio 1995. 3 Raccomandazione 1999/512/CE del 12 luglio 1999: "Raccomandazione del Consiglio relativa alla limitazione dellesposizione della popolazione ai campi elettromagnetici da 0 a 300 GHz" 4 D.M. 10 settembre 1998 N. 381: "Regolamento recante norme per la determinazione dei tetti di radiofrequenza compatibili con la salute umana". 5 ISPESL, ISS: Documento congiunto dellIstituto Superiore per la Prevenzione e la Sicurezza del Lavoro e dellIstituto Superiore di Sanit sulla problematica della protezione dei lavoratori e della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici a frequenze comprese tra 0 Hz e 300 GHz (29 gennaio 1998).

10

Capitolo 1. Inquadramento normativo con i tecnici potr rompersi se lincertezza sar invocata per giustificare la mancanza di azioni a carattere preventivo. In campo ambientale, infatti, sono la regola, e non leccezione, le situazioni in cui i dati scientifici sono insufficienti per sostenere una conclusione definitiva, e nonostante questo una decisione va presa. Ladozione di questo tipo di approccio comporta labbandono del limite di esposizione inteso come limite sanitario, a favore delladozione di obiettivi di qualit, da raggiungere in un certo arco di tempo in modo differenziato per diversi scenari di esposizione". Attualmente la normativa in vigore la legge 22 febbraio 2001 N. 36 6, legge quadro di iniziativa governativa sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, la cui finalit, indicata nellart.1, di dettare i principi fondamentali diretti ad assicurare la tutela della salute dei lavoratori e della popolazione dallesposizione ai campi elettromagnetici con frequenze comprese tra 0 e 300 GHz, nonch la tutela dellambiente e del paesaggio. La fissazione di valori limite numerici veniva tuttavia rinviata a successivi decreti attuativi. Per quanto riguarda l'esposizione della popolazione alle radiazioni non ionizzanti, la LQ 36/2001 introduce le seguenti definizioni: Limite di esposizione: valore che non deve essere superato in alcuna condizione di esposizione, ai fini della tutela della salute dagli effetti acuti. Valore di attenzione: valore che non deve essere superato negli ambienti abitativi, scolastici e nei luoghi adibiti a permanenze prolungate (superiori alle quattro ore). Esso costituisce la misura di cautela ai fini della protezione da possibili effetti a lungo termine. Obiettivo di qualit: criteri localizzativi, standard urbanistici, prescrizioni nella scelta delle tecnologie e valori di campo da conseguire nel breve, medio e lungo periodo per minimizzare lesposizione della popolazione e dei lavoratori con riferimento alla protezione da possibili effetti a lungo termine. Il DPCM 8/7/20037, fissa i valori numerici dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualit introdotti dalla LQ 36/2003 (v. Tabella 1) e introduce la procedura di riduzione a conformit per il risanamento delle situazioni emissive con valori superiori ai limiti. Sia il DM 381/1998, che la LQ 36/2001 con il DPCM 8/7/2003, implementano un approccio radioprotezionistico basato sul concetto di prudent avoidance (evitare con prudenza), che esprime limportanza di evitare o ridurre per quanto possibile unesposizione ad un agente esterno, nel caso sorgano dubbi sulla sua potenziale pericolosit per la salute umana La Legge Quadro, oltre alla tutela dalla salute, prevede anche l'individuazione di misure per la salvaguardia dellambiente e del paesaggio mediante la fissazione di criteri ben precisi per la costruzione degli impianti. Inoltre essa attribuisce specifiche competenze allo Stato, alle Regioni, alle Province, ai
6 Legge 22 febbraio 2001 N. 36, "Leggequadro sulla protezione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici. 7 DPCM 8 luglio 2003 Fissazione dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualit per la protezione della popolazione dalle esposizioni a campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici generati a frequenze comprese tra 100 kHz e 300 GHz

11

Capitolo 1. Inquadramento normativo Comuni e alla ARPA: lo Stato determina i limiti di esposizione, i valori di attenzione e gli obiettivi di qualit, la promozione delle attivit di ricerca e di sperimentazione tecnicoscientifica nonch di ricerca epidemiologica e lo sviluppo di un catasto nazionale delle sorgenti; le Regioni determinano le modalit per il rilascio delle autorizzazioni allinstallazione degli impianti, la realizzazione del catasto regionale delle sorgenti, lindividuazione di strumenti e azioni per il raggiungimento di obiettivi di qualit; i Comuni e le Province svolgono le rispettive funzioni di controllo e vigilanza. le ARPA regionali svolgono attivit di vigilanza e controllo e di supporto tecnico agli enti locali per le relative funzioni assegnate; Intensit Intensit Densit di di campo di campo Soglia potenza elettrico magnetico (W/m2) (V/m) (A/m)
Limite di esposizione 0.1 <f 3 MHz 3 <f 3000 MHz 3 <f 300 GHz 60 20 40 0.2 0.05 0.01 1 4 Da non superare in alcuna condizione di esposizione della popolazione. Da non superare allinterno di edifici adibiti a permanenze non inferiori a 4 ore giornaliere e loro pertinenze esterne che siano fruibili come ambienti abitativi come balconi, terrazzi e cortili esclusi i lastrici solari. Da rispettare allaperto nelle aree intensamente frequentate. (incluse superfici edificate ovvero attrezzate permanentemente per il soddisfacimento di bisogni sociali, sanitari e ricreativi)

Valore di attenzione (3 MHz-300 GHz)

0.016

0.10

Obiettivo di qualit (3 MHz-300 GHz)

0.016

0.10

Tabella 1: Limiti introdotti dal DPCM 8/7/2003 Di successiva approvazione alla LQ 36/2001 il D.Lgs 259/2003 Codice delle comunicazioni elettroniche8 che definisce, agli art. 87-88, le modalit su scala nazionale per linstallazione degli impianti per telefonia mobile e per gli apparati di radio-telecomunicazione. Tale decreto inoltre prevede che linteressato chieda autorizzazione o effettui denuncia di inizio attivit -a seconda si tratti di trasmettitori con potenza superiore o inferiore a 20 W- presso lente locale, allegando la documentazione tecnica del caso, inclusa la valutazione dimpatto elettromagnetico per gli impianti sopra i 20 W, nel rispetto delle soglie di campo elettromagnetico fissate dalla normativa.
8 Decreto Legislativo 1 agosto 2003, n. 259 Codice delle comunicazioni elettroniche G.U. 15 settembre 2003, n. 214 Supplemento Ordinario n.150

12

Capitolo 1. Inquadramento normativo Il D.Lgs 259/2003 prevede inoltre che sulla documentazione prodotta vi sia un pronunciamento dellARPA o di altro organismo indicato dalla Regione, entro 30 giorni dal ricevimento dellistanza/D.I.A. (Denuncia di Inizio Attivit). Il pronunciamento dellAgenzia avviene con verifica del rispetto dei valori di emissione elettromagnetica fissati per lintero territorio nazionale dal DPCM 8/7/2003. Di recente pubblicazione (introdotto dall'articolo 5-bis, comma 1, legge n.73/2010) l'art. 87 bis del D.Lgs 259/2003 che semplifica l'iter autorizzatorio per gli impianti di trasmissione dati in banda larga (UMTS ed evoluzioni) per i quali viene richiesta soltanto una denuncia di inizio attivit (DIA) all'ARPA di competenza. Di successiva pubblicazione la legge n.111 del 15 luglio 2011 (DL 98/2011) che al comma 4 dell'art. 35 introduce una ulteriore semplificazione per l'installazione di alcune tipologie di impianti per i quali basta una comunicazione all'ente locale e alle ARPA contestuale all'attivazione dell'impianto.

1.3 Normativa regionale


Nell'ambito dei campi elettromagnetici generati da impianti di teleradiocomunicazione, la normativa di riferimento della Regione Veneto cos costituita: Legge Regionale del Veneto n. 29/19939 Tutela igienico sanitaria della popolazione dalla esposizione a radiazioni non ionizzanti generate da impianti per teleradiocomunicazioni. Circolare regionale n. 14 del 9 agosto 200010 Deliberazione della Giunta Regionale n. 1194 del 24 aprile 200711 Deliberazione della Giunta Regionale n. 2050 del 3 luglio 200712 Deliberazione della Giunta Regionale n. 2052 del 3 luglio 200713 Deliberazione della Giunta Regionale n. 2186 del 21 settembre 201014
9 Legge Regionale del Veneto n. 29 del 9 luglio 1993 Tutela igienico sanitaria della popolazione dalla esposizione a radiazioni non ionizzanti generate da impianti per teleradiocomunicazioni 10 Circolare regionale n. 14 del 9 agosto 2000 - Legge regionale 29/1993 D.M. 381/1998 D.G.R.V. 5268/1998. Tutela igienico sanitaria della popolazione da radiazioni non ionizzanti generate da impianti per teleradiocomunicazioni Direttive di applicazione. 11 Deliberazione della Giunta Regionale n. 1194 del 24 aprile 2007 - Approvazione della circolare del Presidente della Giunta regionale "Indicazioni applicative circa l'esercizio delle funzioni sanzionatorie in materia di campi elettromagnetici. Legge regionale 9 luglio 1993 n. 29. Legge 22 febbraio 2001 n. 36. Decreto Legge 23 gennaio 2001 n. 5, convertito con modificazioni dalla Legge 20 marzo 2001 n. 66." 12 Deliberazione della Giunta Regionale n. 2050 del 3 luglio 2007 - Legge regionale n. 29 del 09 luglio 1993 Tutela igienico sanitaria della popolazione dalla esposizione a radiazioni non ionizzanti generate da impianti radiocomunicazioni, art. 8, comma 5, cos come modificata dalla normativa nazionale successiva. 13 Deliberazione della Giunta Regionale n. 2052 del 3 luglio 2007 - Inserimento e gestione dati identificativi impianti per teleradiocomunicazioni. Approvazione modulistica per la comunicazione di detenzione e istanza di autorizzazione di impianti radiofonici e televisivi, sia in tecnica analogica che in tecnica digitale 14 Deliberazione della Giunta Regionale n. 2186 del 21 settembre 2010 - Trasmissione televisiva in

13

Capitolo 1. Inquadramento normativo La Legge Regionale 29/1993 regolamenta l'installazione degli impianti: per potenze superiori a 150W (es. impianti radiotelevisivi) prevede l'autorizzazione preventiva del Presidente della Provincia, con il parere tecnico dell'ARPAV, mentre per gli impianti tra 7-150W (es. Stazioni Radio Base) prevista solamente la comunicazione dell'avvenuta installazione alla Provincia per il tramite del Dipartimento Provinciale ARPAV competente. La stessa legge assegna all'ARPAV l'attivit di controllo degli impianti e prevede anche le procedure di risanamento (e le eventuali sanzioni) per i gestori che non rispettano le indicazioni della legge. La Delibera della Giunta Regionale n. 1194 del 24 aprile 2007 specifica le indicazioni applicative circa lesercizio delle funzioni sanzionatorie in materia di campi elettromagnetici e individua nel comune lAmministrazione competente ad irrogare le sanzioni di attribuzione regionale. La Delibera della Giunta Regionale n. 2050 del 3 luglio 2007 specifica la procedura di demolizione degli impianti per teleradiocomunicazioni con potenza efficace massima totale allantenna superiore a 150 Watt nel caso in cui linstallazione, la modifica e lo spostamento degli stessi siano avvenuti senza la prevista autorizzazione provinciale (art. 8, comma 5, L.R.29/93). Con la Delibera regionale n. 2052 del 3 luglio 2007 la Giunta Regionale approva la modulistica per la comunicazione di detenzione e istanza di autorizzazione di impianti radiofonici e televisivi sia in tecnica analogica che in tecnica digitale. Tale modulistica, come specificato dalla delibera, consente ad ARPAV di assicurare un costante aggiornamento della banca dati degli impianti presenti sul territorio come previsto dalla LQ 36/2001. Le schede allegate alle delibera sono le seguenti: Allegato A - modulo A: comunicazione di detenzione Allegato B - modulo B: istanza di autorizzazione Allegato C - scheda FMTV-1: dati generali del Gestore e dell'impianto Allegato D - scheda FMTV-2: caratteristiche del sito Allegato E - scheda FMTV-3: tipologie di antenne utilizzate In occasione della transizione dal sistema di trasmissione analogico a quello digitale terrestre, nel caso di modifica agli impianti comportanti solo una riduzione di potenza e/o solo il cambio di frequenza, la Delibera n. 2186 del 21 settembre 2010 introduce la seguente procedura semplificata: i gestori sono tenuti solo alla mera comunicazione alla Provincia, per il tramite del competente dipartimento provinciale ARPAV ai sensi della L.R. 29/1993 e della successiva D.G.R.V. n. 2052 del 3 luglio 2007, entro 30 giorni dallattivazione dellimpianto presentando la specifica modulistica.

tecnica digitale terrestre. Entrata a regime (switch-off: 27 novembre 15 dicembre 2010). Procedura amministrativa.

14

Capitolo 1. Inquadramento normativo

1.4 Il ruolo di ARPAV


Le ARPA affiancano gli enti locali nella gestione delle tematiche ambientali fornendo competenze e strumentazioni specializzate in grado di svolgere le attivit di prevenzione e protezione ambientale. Per quanto riguarda i campi elettromagnetici a radio frequenze, le ARPA si occupano della valutazione modellistica nell'ambito del procedimento autorizzatorio in capo agli enti locali per l'installazione di impianti di telecomunicazioni. Inoltre le ARPA si occupano di verificare il rispetto dei limiti normativi di esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici effettuando, anche in collaborazione con la Regione o con i singoli enti, misure puntuali o campagne di monitoraggio automatico dei valori di campo nei siti ritenuti critici a causa della presenza di impianti di telecomunicazioni in vicinanza di luoghi adibiti alla permanenza della popolazione. In caso di superamento dei livelli normativi, ARPA si occupa, lavorando a supporto delle amministrazioni competenti ed in sinergia col Ministero dello Sviluppo Economico, delle procedure di risanamento e della riduzione a conformit degli impianti interessati dal superamento del limite. I compiti di ARPAV sono specificati nella LR 32/1996 15 Norme per l'istituzione ed il funzionamento dell'Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto (ARPAV). In particolare l'art.3 di tale legge riguarda espressamente i campi elettromagnetici: LR 32/1996 Art. 3 - Funzioni dell'Agenzia. 1. L'ARPAV svolge le attivit tecnico-scientifiche di cui all'articolo 1 del decreto legge n. 496/1993 convertito nella legge n. 61/1994, connesse all'esercizio delle funzioni pubbliche per la protezione dell'ambiente relative: a) alla prevenzione e controllo ambientale con riferimento a: [..] 2. aria, compreso l'inquinamento acustico ed elettromagnetico negli ambienti di vita; La LQ 36/2001 all'art.14 individua le ARPA come soggetto di supporto agli enti locali per la vigilanza ambientale: LQ 36/2001 - Art. 14 - Controlli 1. Le amministrazioni provinciali e comunali, al fine di esercitare le funzioni di controllo e di vigilanza sanitaria e ambientale per l'attuazione della presente legge, utilizzano le strutture delle Agenzie regionali per la protezione dell'ambiente, [] Il D.Lgs 259/2003 impone che l'autorizzazione all'installazione di nuovi impianti venga rilasciata dagli enti locali previa verifica, da parte delle ARPA, della compatibilit del
15 LR 32/1996 Norme per l'istituzione ed il funzionamento dell'Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto (ARPAV)

15

Capitolo 1. Inquadramento normativo progetto con i livelli di campo esistenti: D.Lgs 259/2003 - Art. 87 Procedimenti autorizzatori relativi alle infrastrutture di comunicazione elettronica per impianti radioelettrici 1. L'installazione di infrastrutture per impianti radioelettrici e la modifica delle caratteristiche di emissione di questi ultimi [] viene autorizzata dagli Enti locali, previo accertamento, da parte dell'Organismo competente ad effettuare i controlli, di cui all'articolo 14 della legge 22 febbraio 2001, n. 36, della compatibilit del progetto con i limiti di esposizione, i valori di attenzione e gli obiettivi di qualit, stabiliti uniformemente a livello nazionale in relazione al disposto della citata legge 22 febbraio 2001, n. 36, e relativi provvedimenti di attuazione. Per quanto riguarda la realizzazione del catasto regionale delle sorgenti fisse di campi elettromagnetici, la LR 32/1996 Norme per l'istituzione ed il funzionamento dell'Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto (ARPAV) all'art.3 Funzioni dell'Agenzia specifica che: LR 32/1996 - Art. 3 - Funzioni dell'Agenzia. [..] 2. Nellambito delle attivit di cui al comma 1, lARPAV provvede, in particolare, a: [..] o) organizzare e gestire il sistema informativo regionale per il monitoraggio ambientale ed epidemiologico in relazione ai fattori ambientali, ed in particolare sui rischi fisici, chimici e biologici, anche mediante lintegrazione dei catasti e degli osservatori regionali esistenti, in collaborazione con il sistema informativo delle unit locali socio sanitarie e con il Sistema informativo nazionale per lambiente (SINA); La LQ 36/2001, all'articolo 8 Competenze delle regioni, delle province e dei comuni, attribuisce alle Regioni l'incarico della realizzazione del catasti regionali delle sorgenti fisse di campi elettrici. LQ 36/2001 - Art.8 - Competenze delle regioni, delle province e dei comuni 1. Sono di competenza delle regioni, nel rispetto dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualit nonch dei criteri e delle modalit fissati dallo Stato, fatte salve le competenze dello Stato e delle autorit indipendenti: 16

Capitolo 1. Inquadramento normativo [...] d) la realizzazione e la gestione, in coordinamento con il catasto nazionale di cui all'articolo 4, comma 1, lettera c), di un catasto delle sorgenti fisse dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, al fine di rilevare i livelli dei campi stessi nel territorio regionale, con riferimento alle condizioni di esposizione della popolazione; La Regione Veneto, con l'art. 81 della sezione VII della LR 11/2001 16 attribuisce ad ARPAV la realizzazione e gestione dei catasti delle sorgenti di inquinamento luminoso, atmosferico ed elettromagnetico. LR 11/2001 Sezione VII Tutela dall'inquinamento acustico, luminoso, atmosferico ed elettromagnetico Art. 81 - Funzioni dellARPAV. 1. LARPAV esercita le funzioni relative: a) alla formazione e allaggiornamento dell'elenco regionale delle fonti di emissione; In questo contesto si inserisce questo lavoro di tesi, volto alla realizzazione del catasto degli impianti radio televisivi presenti sul territorio della Regione Veneto.

16 LR 11/2001 Conferimento di funzioni e compiti amministrativi alle autonomie locali in attuazione del decreto legislativo 31 marzo 1998, n.112

17

Capitolo 2. Impianti di telecomunicazioni terrestri

2.1 Tipologie di impianti e tecnologie


Le principali sorgenti fisse di campi elettromagnetici a radiofrequenza possono essere raggruppate nelle seguenti categorie: impianti radio-televisivi (radio AM-FM, DVB-T, DAB) stazioni radio base per telefonia cellulare (GSM, DCS, UMTS) impianti per diffusione televisiva su terminali mobili (DVB-H) impianti per l'accesso ad internet wireless in banda larga (WIMAX, WI-FI) radar ponti radio Di seguito descriveremo approfonditamente le caratteristiche degli impianti radiotelevisivi e faremo un breve accenno alle altre tipologie.

2.2 Impianti di diffusione radio televisivi in Italia


2.2.1 Note storiche I primi esperimenti di utilizzo della radio come mezzo di comunicazione di massa vennero effettuati, a partire dagli anni '20, dall'URI (Unione Radiofonica Italiana), poi EIAR (Ente Italiano Audizioni Radiofoniche) che per poche ore al giorno diffondeva notizie e musica nelle zone raggiunte dal segnale. Nel 1938 il numero di abbonati alla radio raggiunse un milione di persone. Prima e durante la seconda guerra mondiale la rete di stazioni radio divent obiettivo strategico perch, grazie alla sempre pi capillare diffusione dei ricevitori, permetteva alle forze governative di trasmettere notizie e propaganda di guerra. Fu durante gli anni '50, grazie al costo sempre pi basso degli apparati ricevitori ormai diventati alla portata di tutte le famiglie, che la radio visse il proprio momento di massima espansione e, grazie anche all'invenzione dell'autoradio e del transistor, divenne parte integrante della vita quotidiana soprattutto dei pi giovani nell'epoca del boom economico del dopoguerra. Il primo esperimento di diffusione televisiva in Italia risale al 1954; come per la radio si trattava di un servizio pubblico gestito dallo Stato in regime di monopolio nonostante fossero numerose le richieste da parte di privati cittadini di poter esercire impianti radio 19

Capitolo 2. Impianti di telecomunicazioni terrestri e televisivi privati. Solo nel 1974 -per la televisione- e nel 1976 -per la radio- tramite sentenze della Corte Costituzionale venne cancellato il regime di monopolio e da quel momento nacquero -o vennero riconosciute ufficialmente- centinaia di emittenti radio e televisive private sia di carattere locale che nazionale. La sentenza n. 202 della Corte Costituzionale oltre a dichiarare illegittimo il monopolio della RAI, riconobbe oltre 400 emittenti radio libere che fino a quel giorno erano state definite pirata. Nel 1978 le radio libere arriveranno ad essere 2800. Da fenomeno di costume e affermazione di libert la radio e la televisione divennero sempre pi realt imprenditoriali attirando sponsor e creando opportunit di lavoro e investimento. Le radio libere si trasformarono in radio private e negli anni '90 nacquero i primi network radiofonici nazionali. Nel 2000 venne introdotta una nuova tecnologia radiofonica che avrebbe dovuto rivoluzionare il mercato: sull'onda della rivoluzione digitale, anche la radio, fino a quel momento analogica sia in modulazione di frequenza FM che in modulazione di ampiezza AM, veniva trasformata in flusso di bit di informazione, permettendo di raggiungere una qualit audio paragonabile a quella di un CD. Il cosiddetto DAB, Digital Audio Broadcasting, non ebbe il successo ipotizzato probabilmente a causa del fatto che per ricevere le trasmissioni DAB sarebbe stato necessario sostituire tutti gli apparati di ricezione analogici ormai onnipresenti in tutte le case, automobili, esercizi commerciali, etc. Attualmente il DAB conta pochissime stazioni e soprattutto non previsto nessun investimento da parte delle emittenti per il suo sviluppo. Anche la rete televisiva terrestre ha recentemente subito un profondo cambiamento: tutti gli impianti televisivi sul territorio nazionale sono passati dall'utilizzo di una modulazione analogica ad una digitale. Questa transizione viene detta switch-off o passaggio al digitale terrestre ed avvenuta secondo un calendario stabilito del Ministero dello sviluppo economico di concerto con l'Autorit garante per le comunicazioni(AGCOM). La transizione avvenuta inizialmente in Sardegna (2009), Valle d'Aosta, Piemonte occidentale, Trentino alto Adige, Lazio, Campania (2009), Piemonte orientale, Lombardia, Emilia Romagna, Veneto, Friuli Venezia Giulia (2010) e proseguir in Liguria, Toscana, Umbria, Marche, Molise, Abruzzo (2011) ed infine Basilicata, Puglia, Sicilia e Calabria (2012). Il passaggio al digitale terrestre si reso necessario per adempiere alle richieste delle direttive europee 2002/21/CE, 2002/20/CE, 2002/77/CE volte alla transizione ai sistemi televisivi digitali nei Paesi membri dell'unione. 2.2.2 Caratteristiche della rete Le porzioni di spettro elettromagnetico assegnate alle trasmissioni radio vanno da 88 a 108 MHz per le radio in modulazione di frequenza (FM), da 153 KHz a 30 MHz per le radio in modulazione di ampiezza (AM) e da 1452 a 1492 MHz per le radio DAB. A livello radioprotezionistico gli impianti radio possono creare criticit perch utilizzano potenze molto elevate (da alcuni Watt ad alcune decine di KWatt) per coprire vaste porzioni di territorio e talvolta sono posti in prossimit di centri abitati o di luoghi frequentati. Per quanto riguarda la televisione opportuno fare una distinzione tra televisione 20

Capitolo 2. Impianti di telecomunicazioni terrestri satellitare e terrestre. La televisione satellitare richiede che gli apparati riceventi siano dotati di una antenna direttiva ad alto guadagno (solitamente un riflettore parabolico) puntata verso un satellite in orbita geostazionaria che trasmette in banda larga un bouquet di programmi televisivi che viene poi demodulato dal decoder collegato all'apparecchio ricevente. Questo tipo di televisione non utilizza impianti localizzati sul territorio: l'emittente che crea il contenuto lo invia tramite link punto-punto al satellite in orbita il quale lo ritrasmette illuminando tutto il territorio nazionale. Il campo elettromagnetico prodotto dal satellite raggiunge al suolo livelli molto bassi ed proprio per questo che necessaria una antenna ad alto guadagno per poter ricostruire il segnale ricevuto. I satelliti per telecomunicazioni non richiedono attenzioni dal punto di vista radioprotezionistico proprio per i ridotti livelli di campo prodotti al suolo. Con televisione terrestre invece si intende il sistema di diffusione di contenuti in broadcast che trasporta il segnale televisivo dallo studio di registrazione agli apparecchi ricevitori domestici utilizzando una rete di ripetitori e di diffusori localizzati sul territorio. Le frequenze utilizzate per la televisione terrestre vanno da 50 MHz a 900 MHz. Gli apparecchi ricevitori devono essere dotati di una antenna direttiva (spesso si tratta di antenne Yagi-Uda o logperiodiche) puntata verso l'impianto di diffusione che assicura la qualit migliore del segnale (tipicamente il pi vicino o quello con il cammino diretto meno ostruito da ostacoli). A livello radioprotezionistico gli impianti televisivi possono creare problemi di inquinamento elettromagnetico perch le potenze utilizzate sono abbastanza elevate (da alcuni Watt ad alcune decine di KWatt) e talvolta gli impianti sono posizionati a ridosso dei centri abitati che servono. 2.2.3 Copertura del territorio Nella trattazione seguente gli impianti di diffusione radio e televisiva verranno spesso considerati assieme perch le caratteristiche dei sistemi radianti sono simili e spesso entrambe le tipologie sono presenti negli stessi siti di installazione. Gli impianti RTV vengono detti di broadcast perch le informazioni fluiscono soltanto dall'impianto verso le utenze; al contrario le stazioni radio base per telefonia cellulare hanno un traffico bidirezionale da e verso i terminali mobili. Per questo motivo il bacino servito da un impianto RTV limitato soltanto dalla qualit del segnale che raggiunge l'antenna ricevente dell'utenza; un impianto ben posizionato e alimentato con una potenza adeguata pu servire un bacino di utenza con dimensioni anche di centinaia di chilometri (a differenza per esempio delle stazioni radio base che raramente vanno oltre qualche centinaio di metri). Per questo motivo gli impianti RTV vengono tipicamente installati su alture in modo da ridurre al minimo gli ostacoli fisici sul cammino diretto tra l'antenna trasmittente e le antenne riceventi delle utenze poste sui tetti delle case che andranno puntate verso i siti di trasmissione che garantiscono la migliore qualit del segnale ricevuto. In Fig. 2.2 (immagine tratta dalla relazione finale Aree di Localizzazione degli impianti di diffusione televisiva necessarie per servire le Aree Ricorrenti di Utenza con oltre 5000 Abitanti. Accordo di Ginevra (GE 06) - gruppo interdisciplinare di studio e di lavoro per lanalisi delle incidenze dellAccordo nel Territorio del Veneto ) visibile l'area di 21

Capitolo 2. Impianti di telecomunicazioni terrestri copertura stimata per gli impianti localizzati sul Monte Stolze di Velo Veronese.

Fig. 2.1: copertura RTV da Velo Veronese Per i motivi sopra esposti gli impianti RTV vengono tipicamente installati su alture (sommit di colline, fianchi di montagne, edifici particolarmente elevati rispetto a quelli adiacenti, etc.). Il Ministero dello Sviluppo Economico (ex Ministero delle Comunicazioni) rilascia ai Gestori RTV, per ogni impianto, una concessione per la trasmissione dei propri contenuti con un determinato valore di potenza, di frequenza e di puntamento del sistema d'antenna in modo da evitare interferenze. Un Gestore RTV che voglia diffondere i propri programmi sul territorio deve progettare una costellazione di impianti in grado di coprire tutta l'area di interesse col minore numero di impianti possibile per minimizzare le spese in attrezzature, canoni di locazione, manutenzione, etc. Una tipica rete di copertura RTV di un Gestore include alcuni impianti di grossa potenza situati su rilievi che offrono una grande copertura e da altri impianti di potenza inferiore che vanno a coprire le zone d'ombra non raggiunte dagli impianti principali (piccoli centri abitati situati sul fondo di vallate, su fianchi di montagna, etc.). I requisiti che deve possedere una rete di diffusione RTV per coprire tutto il territorio di interesse (regionale nel nostro caso) sono gli stessi per tutti i Gestori; proprio per questo motivo si verifica solitamente una concentrazione di impianti di Gestori diversi in quei siti che offrono buone caratteristiche di visibilit radio. Sia per motivi legati alla 22

Capitolo 2. Impianti di telecomunicazioni terrestri tutela del paesaggio -per evitare un numero eccessivo di tralicci- sia per contenere le spese, molto spesso sullo stesso sostegno trovano alloggiamento diversi sistemi d'antenna indipendenti tra loro. Inoltre, grazie ad opportuni apparati, ogni sistema d'antenna pu essere utilizzato da pi di un impianto. Grazie a queste caratteristiche possibile individuare alcuni luoghi dove il numero di impianti installati molto elevato in un'area molto ristretta. In questa trattazione ci riferiremo a questi luoghi utilizzando l'espressione macro-sito per differenziarla da sito con cui si intende la singola postazione di uno o pi impianti collocati sullo stesso supporto. 2.2.4 Struttura di un impianto radio televisivo Un impianto RTV solitamente composto da un locale tecnico contenente le strumentazioni elettroniche e da un traliccio di sostegno che ospita uno o pi sistemi di antenna. Il funzionamento di un impianto RTV pu essere cos descritto: tramite un link puntopunto con un altro impianto o tramite link satellitare viene ricevuto il segnale da diffondere, gli apparati presenti nel locale tecnico rigenerano il segnale ricevuto riportandolo ad un buon rapporto segnale rumore, amplificano il segnale e lo modulano sulla frequenza desiderata e lo inviano al sistema d'antenna che lo immette sul canale radio. Nel locale tecnico trovano posto tutte le apparecchiature di elaborazione del segnale: il demodulatore per il segnale ricevuto, banchi di filtraggio per la pulizia del segnale, amplificatori di potenza, modulatori, combinatori, etc. Dal locale tecnico ai sistemi d'antenna il segnale viaggia su cavi coassiali opportunamente dimensionati per non introdurre attenuazioni eccessive o sfasamenti. I sistemi d'antenna possono essere collocati su sostegni esistenti (campanili, edifici, etc.) oppure su tralicci appositamente realizzati con altezze che vanno da alcuni metri ad alcune decine.

23

Capitolo 2. Impianti di telecomunicazioni terrestri

Fig. 2.2: traliccio RTV

Fig. 2.3: Locale tecnico di un traliccio RTV Grazie all'utilizzo di dispositivi denominati combinatori possibile inviare sullo stesso sistema d'antenna pi segnali a frequenza diversa che trasportano diversi contenuti anche di gestori diversi; il limite al numero di segnali trasmissibili da uno stesso sistema d'antenna dato dalle caratteristiche dell'antenna che deve poter sostenere il carico complessivo di potenza e permettere una buona separazione spettrale 24

Capitolo 2. Impianti di telecomunicazioni terrestri delle portanti. I sistemi d'antenna RTV solitamente sono composti da una schiera di antenne elementari posizionate spazialmente le une rispetto alle altre in modo da ottenere un diagramma di irraggiamento complessivo ottimizzato per la copertura che il gestore desidera ottenere da quel sito. Le antenne elementari che solitamente vengono utilizzate per impianti TV sono pannelli di dimensioni circa 100 cm x 50 cm x 20 cm. Un esempio rappresentato in Fig. 2.4 e il relativo diagramma direttivo visibile in Fig. 2.5. Un esempio tipico di schiera di pannelli televisivi visibile in Fig. 2.6. Per le radio invece le antenne sono solitamente dipoli, Yagi o logperiodiche. Un esempio visibile in Fig. 2.7.

Fig. 2.4: antenna TV

Fig. 2.5: diagramma antenna TV

Fig. 2.7: array di antenne radio 25 Fig. 2.6: schiera di antenne TV

Capitolo 2. Impianti di telecomunicazioni terrestri La progettazione dei sistemi radianti permette ai Gestori di ottenere diagrammi complessivi in grado di indirizzare la maggior parte della potenza radioelettrica disponibile nelle direzioni desiderate; risulta molto importante minimizzare la dispersione sulla parte posteriore, verso il basso e verso l'alto per cercare di concentrare il fascio verso i centri abitati da servire. In Fig. 2.8 possibile vedere una simulazione tridimensionale del volume di rispetto di un impianto RTV (porzione dello spazio dove il campo elettrico generato dall'impianto superiore a 6V/m).

Fig. 2.8: Simulazione 3D volume di rispetto

2.3 Impianti di telecomunicazioni telefoniche audio e dati in Italia


Nel 1991 in Europa venne lanciato il sistema di trasmissione digitale per telefonia mobile denominato GSM che sostitu i predecessori analogici (in Italia il sistema ETACS) e dal 2000 al GSM si affianc la tecnologia UMTS, anch'essa digitale ma con caratteristiche tecniche pi avanzate quanto a larghezza di banda, utenze servibili, robustezza della modulazione. I sistemi GSM utilizzano una banda di frequenze attorno ai 900 e 1800 MHz, i sistemi UMTS invece attorno ai 2100 MHz. La rete cellulare permette ai terminali mobili (telefoni cellulari) di inviare e ricevere chiamate e dati da qualunque punto del territorio coperto da segnale. Proprio per questo 26

Capitolo 2. Impianti di telecomunicazioni terrestri motivo gli operatori hanno interesse ad ottenere una copertura completa di tutto il territorio senza zone d'ombra in cui sarebbe impossibile telefonare. Per ottimizzare la copertura il territorio viene diviso in celle (da cui il nome cellulare) che sono porzioni approssimativamente esagonali di dimensioni dell'ordine di alcune centinaia di metri, al cui centro posizionata una Stazione Radio Base (SRB) col compito di instradare le chiamate e il traffico dati da e per i terminali mobili che si trovano nella cella. Per ottimizzare la copertura e massimizzare il numero di terminali servibili da una cella necessario che le dimensioni della medesima non siano eccessivamente elevate e che la potenza emessa sia mantenuta al minimo indispensabile in modo da poter riutilizzare le frequenze nelle celle adiacenti senza creare interferenze. Le Stazioni Radio Base per telefonia cellulare, nonostante le potenze utilizzate siano solitamente ridotte -dell'ordine delle decine di Watt- possono creare criticit radioprotezionistiche perch per fornire la connettivit nei centri abitati devono essere installate a ridosso dei medesimi; di conseguenza quindi, soprattutto in citt, nei pressi di abitazioni, uffici ed in generale di luoghi ad alta frequentazione. Negli ultimi anni stanno prendendo piede sistemi che forniscono connettivit dati per terminali mobili come telefonini, notebook, netbook, tablet, etc. Le reti di queste tecnologie (EDGE, LTE, DVB-H) hanno le stesse caratteristiche delle reti per telefonia vocale mobile: copertura completa del territorio, riutilizzo delle frequenze, alto numero di impianti di trasmissione. Ai fini radioprotezionistici gli impianti per fornitura di connettivit dati mobile possono essere assimilati alle Stazioni Radio Base per telefonia cellulare.

2.4 WIMAX e WI-FI


L'acronimo WiMAX, che sta per Worldwide Interoperability for Microwave Access, indica uno standard tecnico di trasmissione per l'accesso a reti wireless in banda larga. La tecnologia WiMAX viene utilizzata per fornire connettivit a zone abitate non coperte da una rete dati cablata in grado di sostenere tecnologie di accesso in banda larga (fibre ottiche, ADSL, etc.). In Italia le frequenze attribuite al WiMAX vanno da 3,4 a 3,6 GHz e gli impianti utilizzano solitamente potenze dell'ordine di alcune decine di Watt. La sigla WI-FI invece identifica lo standard tecnico che permette di creare reti locali wireless in ambienti ristretti sia indoor (uffici, aeroporti, biblioteche, etc.) che outdoor (piazze, strade, etc.). Tramite una rete di punti di accesso WI-FI i terminali abilitati (notebook, palmari, smartphone) sono in grado di comunicare e, se la rete locale dotata di un gateway verso l'esterno, di connettersi ad internet. La frequenza utilizzata dai sistemi WI-FI 2,4 GHz e le potenze installate sono solitamente dell'ordine del Watt. Sia gli impianti WiMAX che WI-FI solitamente non creano problemi radioprotezionistici perch, nonostante siano solitamente installati in prossimit di luoghi densamente frequentati, le potenze utilizzate sono cos basse da non generare criticit. 27

Capitolo 2. Impianti di telecomunicazioni terrestri

2.5 RADAR
Con il termine RADAR, che deriva dall'inglese RAdio Detection And Ranging, vengono individuati tutti i sistemi che emettendo un brevissimo impulso elettromagnetico ed elaborando il segnale riflesso che ritorna sull'antenna riescono a creare una mappatura di quanto si trova sulla direzione di emissione. A questa categoria appartengono i RADAR degli aeroporti per il monitoraggio del traffico aereo e i RADAR meteorologici in grado di mappare le precipitazioni in atto nel raggio di alcune centinaia di chilometri. I RADAR utilizzano impulsi elettromagnetici caratterizzati da un duty cycle molto basso. Il ciclo di funzionamento composto da un periodo di emissione e da uno in cui il trasmettitore spento e il sistema resta in ascolto del campo riflesso: la durata del tempo di emissione di alcuni ordini di grandezza inferiore al tempo di ricezione. Si parla appunto di campo pulsato. Le frequenze solitamente utilizzate dai RADAR vanno da 1 GHz a 110 GHz, a seconda del tipo di applicazione. A livello radioprotezionistico i RADAR generalmente non creano problemi di inquinamento elettromagnetico perch, anche se le potenze in gioco sono molto elevate, i tempi di funzionamento sono brevi e con un duty cycle estremamente basso quindi il campo medio a cui esposta la popolazione non raggiunge livelli degni di nota.

Fig. 2.9: RADAR del Centro Meteo ARPAV di Teolo

2.6 Ponti radio


Il termine ponte radio identifica tutte le connessioni che vengono effettuate tra due punti ben definiti. I ponti radio non servono per diffondere contenuti alla popolazione ma per trasportare un segnale da un impianto ad uno limitrofo; per esempio un ponte radio pu servire per portare il segnale televisivo dagli studi di registrazione agli impianti di diffusione sul territorio oppure per instradare le chiamate entranti in una 28

Capitolo 2. Impianti di telecomunicazioni terrestri cella verso la centrale telefonica connessa con la linea terrestre. I ponti radio vengono realizzati con antenne ad alto guadagno (spesso riflettori parabolici) puntate perfettamente in linea di vista ed utilizzano una potenza molto bassa (dell'ordine di alcuni Watt) proprio perch non devono diffondere il loro segnale su un territorio molto vasto ma soltanto farlo giungere all'altra antenna collimata. A livello radioprotezionistico i ponti radio non creano problemi di inquinamento elettromagnetico proprio perch i livelli di campo sono molto bassi e, visto che la direzione di puntamento deve essere sgombra da ostacoli che interromperebbero la comunicazione, tipicamente le antenne vengono installate in punti elevati e non accessibili dalla popolazione.

Fig. 2.10: Ponte radio su traliccio RTV

29

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV

3.1 Obiettivi
La realizzazione del catasto regionale delle sorgenti fisse di campi elettromagnetici prevista dalla LQ 36/2001 art.8 LQ 36/2001 Art. 8 Competenze delle regioni, delle province e dei comuni 1. Sono di competenza delle regioni, nel rispetto dei limiti di esposizione, dei valori di attenzione e degli obiettivi di qualit nonch dei criteri e delle modalit fissati dallo Stato, fatte salve le competenze dello Stato e delle autorit indipendenti: [...] d) la realizzazione e la gestione, in coordinamento con il catasto nazionale di cui all'articolo 4, comma 1, lettera c), di un catasto delle sorgenti fisse dei campi elettrici, magnetici ed elettromagnetici, al fine di rilevare i livelli dei campi stessi nel territorio regionale, con riferimento alle condizioni di esposizione della popolazione; ARPAV ha gi realizzato, a partire dal 2000 con il progetto ETERE, il catasto regionale centralizzato georeferenziato delle Stazioni Radio Base per telefonia cellulare che, oltre agli impianti per servizi vocali (GSM, UMTS, DCS), contiene anche tutti gli impianti con tecnologie DVB-H e WIMAX. Per assolvere agli obblighi di cui alla LQ 36/2001 restava quindi da realizzare il catasto centralizzato degli impianti RTV presenti sul territorio della Regione Veneto. L'utilit di un catasto centralizzato e georeferenziato va oltre all'adeguamento alle richieste di legge: ARPAV opera per la tutela ed il controllo dell'ambiente e per la prevenzione e promozione della salute collettiva svolgendo lavoro di supporto alla regione, alle province, ai comuni ed a tutti gli enti pubblici ed ai privati. Per quanto concerne la protezione della popolazione dalle esposizioni alle radiazioni non ionizzanti, in particolare per i campi elettromagnetici a Radio Frequenza, diventa fondamentale possedere una conoscenza completa e aggiornata di tutti gli impianti installati sul territorio regionale. Il fatto che il catasto sia centralizzato permette a tutti gli utenti di avere sempre a disposizione informazioni aggiornate ed evita che si creino ridondanze ed inconsistenze nei dati in quanto tutti gli utenti del catasto hanno accesso 31

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV alla stessa copia dei dati: in caso di aggiunte o modifiche le nuove informazioni sono istantaneamente disponibili a tutti gli utenti senza l'utilizzo di procedure di allineamento tipiche delle banche dati distribuite. La georeferenziazione dei dati sulla cartografia regionale permette inoltre di analizzare con strumenti geografici la situazione di copertura e di esposizione della popolazione e di individuare dove possono essere concentrate eventuali criticit. La conoscenza degli impianti RTV installati sul territorio risulta utile sia ai funzionari regionali che ai tecnici ARPAV; questi ultimi possono aver bisogno di sapere, prima di recarsi ad effettuare una campagna di misure, quali sono le strutture presenti in un determinato sito e possono essere aiutati nell'interpretazione dei risultati delle misure. I tecnici che si occupano di modellistica previsionale preventiva all'installazione di nuovi impianti hanno bisogno di conoscere le caratteristiche degli impianti esistenti nel luogo di futura installazione dell'impianto di cui stanno eseguendo la valutazione. L'organizzazione delle informazioni all'interno di un database relazionale permette di sviluppare funzionalit avanzate di ricerca e di analisi dei dati e facilita la creazione di meccanismi automatici per la redazione di report periodici o di analisi temporale delle modifiche intercorse al panorama radioelettrico regionale. Tra i compiti dell'ARPAV vi anche la comunicazione ai cittadini rispetto alle questioni ambientali di interesse comune. La banca dati ETERE per le stazioni radio base per telefonia cellulare permette per esempio di presentare alla cittadinanza alcuni dati in essa contenuti: sul sito web dell'Agenzia presente un applicativo webGIS che rappresenta sulla cartografia regionale la posizione delle stazioni radio base e per ciascuna permette di interrogare il database riguardo alcuni dati (gestore, indirizzo, tecnologie installate, etc.). Il catasto RTV permette di svolgere la stessa funzione grazie alla possibilit di integrare i dati in esso contenuti all'interno di un layer geografico sovrapponibile alla cartografia regionale mediante un applicativo webGIS. Analogamente al progetto ETERE anche per il catasto RTV l'alimentazione della banca dati con i nuovi impianti avviene in collaborazione con i gestori che inseriscono le informazioni richieste dalla normativa vigente all'interno di un applicativo web presente sul sito dell'Agenzia da cui i tecnici ARPAV possono trasferire i dati, previa validazione, direttamente nel catasto.

3.2 Struttura del catasto RTV


Il catasto degli impianti Radio Televisivi della Regione Veneto composto dai seguenti sistemi: applicativo web FMTV-OnLine per l'inserimento dei dati degli impianti da parte dei Gestori applicativo web Catasto-RTV: per la consultazione e gestione dei dati da parte dei tecnici ARPAV Inoltre in futuro prevista la pubblicazione di un applicativo web per la presentazione alla cittadinanza e agli enti locali delle informazioni presenti nel catasto. 32

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV L'applicativo FMTV-OnLine, pur essendo parte integrante del Catasto RTV non verr analizzato approfonditamente ma sar descritto brevemente nel prossimo paragrafo.

3.3 Applicativo web FMTV-OnLine


L'applicativo web FMTV-OnLine stato realizzato in occasione della transizione al digitale terrestre per agevolare i gestori nella comunicazione dei dati tecnici degli impianti come richiesto dalla normativa vigente. Questo applicativo, a cui si accede tramite password direttamente dal sito web ARPAV, permette ai gestori di visualizzare una serie di pagine contenenti dei formulari compilabili che ricalcano gli allegati B-CD-E alla DGRV n.2052 3 luglio 2007 (schede FMTV), richiesti in fase di istanza di autorizzazione all'installazione di impianti radio-televisivi (vedi Fig. 3.1). Questi formulari possono essere compilati sia in modo manuale che in modo automatico caricando nell'applicativo file precompilati secondo un opportuno formato; in questo modo i gestori possono estrarre dai propri database le informazioni richieste dalla normativa ed esportarle direttamente nel file utilizzato per precompilare i campi dell'applicativo FMTV-OnLine, riducendo al minimo il tempo necessario per presentare la documentazione necessaria.

33

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV

Fig. 3.1: formulari per l'inserimento dati in FMTV-OnLine I tecnici dei dipartimenti ARPAV provinciali possono accedere all'applicativo (vedi Fig. 3.2) per consultare le schede degli impianti inserite dai gestori; in questo modo possono controllare la correttezza delle informazioni inserite e richiedere eventuali correzioni o integrazioni.

34

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV

Fig. 3.2: menu di scelta per la consultazione degli impianti inseriti in FMTV-OnLine

3.4 Attori nei flussi informativi del catasto


Il catasto, realizzato dal Servizio Osservatorio Agenti Fisici di ARPAV, pensato per gestire flussi informativi da diversi attori anche esterni all'agenzia: tecnici dell'Osservatorio, tecnici dei Dipartimenti ARPAV provinciali, gestori di impianti RTV, regione, province, comuni e popolazione. Il popolamento iniziale dei dati avviene a cura dei gestori che in fase di richiesta di installazione di un impianto inseriscono nell'applicativo FMTV-OnLine le informazioni richieste dalla normativa regionale. La validazione dei dati dei nuovi impianti e il loro inserimento nel catasto, oltre ad eventuali aggiornamenti, correzioni ed integrazioni, vengono gestiti dai tecnici dei dipartimenti ARPAV provinciali. Interventi di manutenzione straordinaria, implementazione di nuove funzionalit e risoluzione di problemi software vengono realizzati all'interno del Servizio Osservatorio Agenti Fisici. Mediante opportune procedure automatiche i dati possono essere riversati dal catasto regionale RTV al catasto nazionale gestito da ISPRA come richiesto dalla normativa vigente. I funzionari della Regione Veneto possono consultare tutti i dati contenuti nel catasto RTV utilizzando, oltre agli stessi applicativi usati dai tecnici ARPAV, anche alcune interfacce geografiche webGIS. Gli Enti, quali Comuni o Province, possono consultare tutti i dati degli impianti installati sul proprio territorio di competenza e nelle zone limitrofe. La cittadinanza, tramite il sito web dell'Agenzia, pu accedere all'elenco completo di tutti gli impianti in funzione sul territorio regionale e per ciascuno di questi, tramite un apposito applicativo webGIS, pu conoscerne alcuni dati quali posizione, tecnologie 35

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV installate, foto, etc.

3.5 Studio del problema


Lo scopo del Catasto di contenere tutte le informazioni ed i dati tecnici necessari ad ARPAV per svolgere le attivit di controllo dei campi elettromagnetici prodotti dagli impianti radio-televisivi sul territorio. Lo studio del problema e la modellazione mediante database relazionale ha seguito le seguenti fasi: analisi della struttura della rete di impianti radio televisivi e individuazione delle entit base da rappresentare nel database scelta delle informazioni da inserire nel catasto progettazione delle tabelle del database relazionale per modellare il problema 3.5.1 Analisi della rete degli impianti RTV Per meglio comprendere la struttura ed il funzionamento della rete terrestre di broadcast radio-televisivo sono stati presi in considerazione tutti i soggetti coinvolti (produttori di contenuti, gestori di impianti, etc.) e sono state analizzate le relazioni da diversi punti di vista (accordi commerciali tra soggetti, responsabilit dei valori di campo emessi, propriet dei contenuti e delle strutture fisse, etc.). Da questo studio ne deriva che l'organizzazione solitamente diversa tra la radio e la televisione, specialmente dopo il passaggio al digitale terrestre. Per le radio solitamente il soggetto che produce i contenuti anche il detentore della concessione ministeriale per la frequenza ed il responsabile dell'emissione elettromagnetica nell'ambiente. Per la televisione invece si assiste ad una separazione tra la creazione dei contenuti e la loro immissione sul canale radio. Il passaggio al digitale terrestre ha introdotto una netta separazione di ruoli tra fornitori di contenuti ed operatori di rete. I primi si occupano della creazione di programmi televisivi che poi vengono ceduti ad uno o pi operatori di rete che si occupano di diffonderli sul canale televisivo. La propriet e la gestione degli impianti sul territorio esclusiva degli operatori di rete che solitamente sono soggetti fiscali diversi dall'editore che produce i contenuti. A titolo di esempio, per quanto riguarda le emittenti nazionali, RAI fornitore di contenuti che vengono distribuiti sul territorio da RAIWAY. Nel caso delle piccole emittenti pu esserci una separazione tra fornitore di contenuti ed operatore di rete, anche se spesso lo stesso soggetto svolge entrambe le funzioni. A livello di infrastrutture la rete di broadcast RTV composta da una costellazione di tralicci posti solitamente in luogo elevati (vette di monti) che, anche se lontani da centri abitati, permettono di ottenere un campo di visione in linea diretta tale da coprire anche numerose province e conseguentemente di ottenere un bacino di utenza molto vasto (che pu arrivare anche ad alcuni milioni di persone). Oltre a questi impianti di potenza elevata esistono una moltitudine di piccoli impianti che servono piccole porzioni di 36

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV territorio non raggiungibili altrimenti (centri abitati a fondovalle o in zone in ombra, etc.). Il segnale da trasmettere arriva agli impianti tramite ponte radio o pi frequentemente tramite link satellitare. Accade molto frequentemente che sullo stesso traliccio siano installati diversi sistemi di antenna di gestori diversi e addirittura che lo stesso sistema d'antenna sia utilizzato per la trasmissione contemporanea di pi segnali. La condivisione dello stesso traliccio da parte di sistemi radianti di proprietari diversi viene definita co-siting, la condivisione dello stesso sistema d'antenna per la trasmissione di segnali diversi invece viene detta n-plexing. Spesso sulla cime delle alture che garantiscono una buona visibilit radioelettrica verso la pianura si trovano installati numerosi impianti a distanza di alcune decine di metri uno dall'altro; in questo modo si creano dei macro-siti dove il numero di installazioni pu essere anche molto elevato. Grazie allo studio della struttura della rete stato possibile modellare il problema utilizzando le seguenti entit base: l'oggetto centrale l'impianto, costituito dagli apparati di elaborazione del segnale gli impianti sono collegati a dei soggetti, che possono essere emittenti o concessionari per le radio analogiche, operatori di rete o fornitori di contenuti per le TV digitali. agli impianti o ai soggetti possono essere associate una o pi persone, intese come referenti con cui i tecnici ARPAV possono interfacciarsi ad ogni impianto associato un soggetto che ne rappresenta il responsabile legale l'impianto collegato ad una antenna una antenna solitamente costituita da una cortina di antenne elementari una antenna pu essere condivisa da pi impianti uno stesso sostegno (traliccio, edificio, etc.) pu ospitare pi impianti pi sostegni nelle vicinanze possono individuare un macro-sito 3.5.2 Informazioni contenute nel catasto RTV e struttura delle tabelle Le tipologie di informazioni contenute nel catasto possono essere cos riassunte: informazioni anagrafiche sui soggetti (emittenti e concessionari radio, fornitori di contenuti ed operatori di rete DVB-T) dati tecnici sui sistemi d'antenna (diagrammi d'irradiazione, struttura dei sistemi radianti, potenze, puntamenti, sfasamenti, etc.) dati amministrativi stato in cui si trova l'iter amministrativo dell'impianto. Le informazioni anagrafiche permettono ai tecnici ARPAV di recuperare agevolmente i recapiti dei soggetti che eserciscono impianti RTV. I dati tecnici permettono di conoscere la struttura dei sistemi radianti e di effettuare stime previsionali sui valori di campo presenti al suolo e nei luoghi accessibili alla popolazione. Forniscono inoltre, in sede di misure sul campo, un riscontro sugli impianti installati e autorizzati. 37

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV Oltre a questi dati, per ogni impianto viene memorizzata la cronologia dell'iter amministrativo dell'impianto come previsto dalla normativa vigente. Quando un gestore vuole attivare un nuovo impianto invia ad ARPAV, a seconda della potenza dell'impianto, una comunicazione o una istanza di autorizzazione. Il dipartimento ARPAV di competenza, dopo aver effettuato opportuni controlli sulla documentazione e sui livelli di campo che questo impianto andrebbe a generare, rilascia un parere che pu essere positivo o negativo. In seguito a parere positivo il gestore pu accendere l'impianto e deve darne comunicazione entro trenta giorni ad ARPAV. Nel Catasto RTV vengono memorizzate le date di ciascuno dei passaggi dell'iter amministrativo di ogni impianto. La scelta dei campi da inserire nel catasto RTV stata effettuata in collaborazione con i tecnici dei dipartimenti provinciali ARPAV tenendo conto degli altri catasti esistenti con funzioni simili, in particolare il catasto del Ministero dello Sviluppo Economico (ex Ministero delle Comunicazioni) e dell'AGCOM. La struttura del catasto inoltre stata pensata per essere facilmente interfacciabile con il catasto nazionale delle sorgenti di campi elettromagnetici gestito da ISPRA. Grazie allo studio del problema illustrato al par. 3.5.1 ed in particolare all'individuazione delle relazioni tra le diverse unit atomiche (la condivisione della stessa antenna da parte di impianti diversi, la condivisione dello stesso sostegno da parte di impianti diversi, la presenza di pi impianti localizzati nelle vicinanze) stato possibile progettare una struttura di tabelle per database relazionale in grado di descrivere con buona flessibilit la dinamicit della realt della rete RTV. La scelta dei campi informativi inseriti in ciascuna tabella tiene conto sia delle relazioni tra le unit atomiche, in modo da evitare inutili ridondanze, ma anche del fatto che i gestori devono dichiarare una serie di dati richiesti dalla normativa vigente e talvolta possibile riscontrare delle difformit tra i dati dichiarati da soggetti diversi per la stessa entit utilizzata in condivisione: in alcuni casi si deciso di memorizzare l'informazione dichiarata dal gestore anche se rappresenta un duplicato proprio per tenere traccia di quanto dichiarato in sede di richiesta di autorizzazione. In caso di difformit sar cura dei tecnici ARPAV interpellare i gestori per richiedere chiarimenti in merito. Una serie di campi funge da chiave esterna per creare le relazioni tra le tabelle (solitamente questi campi sono denominati ID_nome_del_campo. Di seguito si riportano tutte le tabelle ed una breve spiegazione dei campi in esse contenuti.

3.6 Struttura delle tabelle del database


Il database realizzato per il catasto RTV di tipo relazionale e permette di creare collegamenti tra i record delle tabelle in modo da descrivere in modo strutturato la rete RTV regionale. Grazie a questi collegamenti possibile risalire a tutti gli impianti eserciti da un particolare Gestore, oppure a tutti gli impianti installati su uno stesso traliccio, all'interno di un macro-sito oppure dei confini comunali o provinciali. Per realizzare queste funzionalit alcune tabelle vengono popolate dai tecnici ARPAV 38

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV con le informazioni sui gestori e sugli impianti cos come vengono dichiarate in fase istruttoria, altre tabelle invece contengono valori fissi (dati geografici come comuni, province e regioni, sostegni, etc.).

39

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV

Fig. 3.3: Diagramma ER del Catasto RTV

40

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.1 Tabella TBL_IMPIANTO La tabella principale del catasto denominata TBL_IMPIANTO ed ogni suo record corrisponde ad un impianto RTV. In caso di sostanziali modifiche all'impianto che richiedano il rilascio di un nuovo parere da parte di ARPAV, il record dell'impianto originario verr conservato in stato DISMESSO e ne verr creato uno nuovo con le caratteristiche aggiornate. Questa procedura verr descritta al paragrafo 5.1.3.
ID_IMPIANTO_ARPAV ID_TIPO_IMPIANTO ID_MODULAZIONE POTENZA_AUTORIZZATA COSTRUTTORE ID_SOSTEGNO ID_ANTENNA ID_RIF ID_INFO_RAN ID_INFO_DAB ID_INFO_DVBT ID_STATO_IMPIANTO DATA_CREAZIONE_IMP DATA_RIC_PAR DATA_PAR_OK_NON_COM DATA_PAR_NOK DATA_PAR_OK_COM DATA_DISMESSO DATA_TEMP DATA_TROVATO_CON_MIS NOTE ID_PADRE FOTO_IMP Int Int Int PK Identificativo univoco dell'impianto FK a TBL_TIPO_IMPIANTO FK A TBL_MODULAZIONE

Varchar Potenza autorizzata al connettore d'antenna Varchar Costruttore dell'impianto Int Int Int Int Int Int Int Data Data Data Data Data Data Data Data FK a TLB_SOSTEGNO FK A TBL_ANTENNA FK a TBL_PERSONA che individua un soggetto di riferimento per l'impianto in oggetto FK a TBL_INFO_RAN FK a TBL_INFO_DAB FK a TBL_INFO_DVBT FK a TBL_STATO_IMPIANTO Data inserimento nel catasto Data richiesta parere Data emissione parere favorevole Data emissione parere non favorevole Data comunicazione accensione Data dismissione Data impostazione impianto in stato temporaneo Data in cui l'impianto stato trovato effettuando misure strumentali ID dell'impianto da cui quello in oggetto stato generato in seguito a dismissione

NOME_DATO_DAL_GESTORE Varchar Nome dato dal gestore all'impianto in oggetto

Varchar Annotazioni Int

Varchar Percorso al file immagine

Tabella 2: Campi tabella TBL_IMPIANTO

41

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.2 Tabella TBL_SOSTEGNO Nella tabella TBL_SOSTEGNO vengono salvati i sostegni (tralicci, edifici, etc.) che ospitano impianti RTV. Ogni record di questa tabella pu comparire in pi record della TBL_IMPIANTI ID_SOSTEGNO COD_MIN_POSTAZIONE ID_INDIRIZZO ID_POSIZIONE COORD_GB_X COORD_GB_Y COORD_GB_VERIFICATE COORD_WGS_X COORD_WGS_Y Int Int Int Float Float Int Float Float PK identificativo univoco del sostegno FK a TBL_INDIRIZZO FK a TBL_POSIZIONE Coordinata x GaussBoaga fuso Ovest Coordinata y GaussBoaga fuso Ovest Flag: coordinate ARPAV verificate dai tecnici

Varchar Codice ministeriale della postazione

Coordinata x WGS84 (Longitudine) Coordinata y WGS84 (Latitudine) Flag: coordinate ARPAV verificate dai tecnici

COORD_WGS_VERIFICATE Int QUOTA_SLM QUOTA_VERIFICATA ELEMENTO_CTR ID_MACRO_SITO ID_RIF NOTE FOTO SHAPEFILE MAPPA Float Int Int Int

Quota in metri sul livello del mare Flag: quota verificata dai tecnici ARPAV FK a TBL_MACRO_SITO FK a TBL_PERSONA

Varchar Numero elemento Carta Tecnica Regionale

Varchar Annotazioni sul sostegno Varchar Percorso al file contenente una foto del sostegno Varchar Percorso al file contenente lo shapefile del sostegno Varchar Percorso al file contenente la mappa di campo simulato nei dintorni del sostegno

Tabella 3: Campi tabella TBL_SOSTEGNO

42

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.3 Tabella TBL_SOGGETTO Nella tabella TBL_SOGGETTO vengono memorizzati tutti i gestori di impianti RTV: emittenti e concessionari radio analogici, fornitori di contenuti ed operatori di rete DVBT. ID_SOGGETTO ID_TIPO_SOGGETTO DENOMINAZIONE ID_INDIRIZZO TEL FAX EMAIL PEC SITO_WEB P_IVA COD_FISCALE REA ID_SEDE_OP NOTE Int Int Varchar Int Varchar Varchar Varchar Varchar Varchar Varchar Varchar Varchar Int Varchar PK identificativo univoco del soggetto FK a TBL_TIPO_SOGGETTO Denominazione del soggetto (ragione sociale) FK a TBL_INDIRIZZO Numero di telefono del soggetto Numero di fax del soggetto Indirizzo email del soggetto Indirizzo pec del soggetto Sito web del soggetto Partita IVA del soggetto Codice fiscale del soggetto Codice REA del soggetto FK a TBL_SEDE_OPERATIVA Annotazioni sul soggetto

Tabella 4: Campi tabella TBL_SOGGETTO

43

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.4 Tabella TBL_PERSONA Nella tabella TBL_PERSONA vengono memorizzati tutti i soggetti (intesi come persone fisiche) che sono in qualche modo collegate con gli impianti RTV: possono essere referenti per un singolo impianto, rappresentanti legali della societ, tecnici o referenti amministrativi per la documentazione. ID_SOGGETTO ID_TIPO_SOGGETTO DENOMINAZIONE ID_INDIRIZZO TEL CELLULARE FAX EMAIL PEC P_IVA COD_FISCALE NATO_A NATO_IL NOTE Int Int Int PK identificativo univoco del soggetto FK a TBL_TIPO_SOGGETTO FK a TBL_INDIRIZZO

Varchar Denominazione del soggetto (ragione sociale) Varchar Numero di telefono del soggetto Varchar Numero di cellulare del soggetto Varchar Numero di fax del soggetto Varchar Indirizzo email del soggetto Varchar Indirizzo pec del soggetto Varchar Partita IVA del soggetto Varchar Codice fiscale del soggetto Varchar Luogo di nascita del soggetto Varchar Data di nascita del soggetto Varchar Annotazioni sul soggetto

Tabella 5: Campi tabella TBL_PERSONA

44

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.5 Tabella TBL_SEDE_OPERATIVA Talvolta le societ hanno un domicilio fiscale che non coincide con la sede dove svolgono fisicamente il loro lavoro (studi televisivi, etc.) e che solitamente viene definito sede operativa per differenziarlo dalla sede legale. Nel catasto possibile memorizzare questa informazione nella tabella TBL_SEDE_OPERATIVA. ID_SEDE_OPERATIVA Int PK identificativo univoco della sede operativa DENOMINAZIONE ID_INDIRIZZO TEL FAX EMAIL SITO_WEB P_IVA COD_FISCALE REA NOTE Varchar Denominazione della sede operativa (ragione sociale) Int FK a TBL_INDIRIZZO Varchar Numero di telefono della sede operativa Varchar Numero di fax della sede operativa Varchar Indirizzo email della sede operativa Varchar Sito web della sede operativa Varchar Partita IVA della sede operativa Varchar Codice fiscale della sede operativa Varchar Codice REA della sede operativa Varchar Annotazioni sulla sede operativa

Tabella 6: Campi tabella TBL_SEDE_OPERATIVA

3.6.6 Tabella TBL_SOGGETTO_RIFERIMENTO Per ogni gestore memorizzato nella TBL_SOGGETTO potrebbe essere necessario memorizzare pi di una persona di riferimento (rappresentante legale, tecnico addetto agli impianti, referente amministrativo, etc.) e ogni persona della TBL_PERSONE potrebbe essere collegata a pi di un soggetto. Questa tabella m x n svolge questa funzione: ogni record contiene l'ID di una persona e del soggetto a cui si riferisce. Il campo NOTE permette di memorizzare eventualmente il ruolo che la persona svolge rispetto al soggetto considerato. ID_SOGGETTO ID_PERSONA NOTE Int Int Varchar FK a TBL_SOGGETTO FK a TBL_PERSONA Annotazioni

Tabella 7: Campi tabella TBL_SOGGETTO_RIFERIMENTO

45

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.7 Tabella TBL_TIPO_SOGGETTO I soggetti memorizzati nel catasto RTV possono essere: Concessionario radio analogica Emittente radio analogica Editore DVB-T Operatore di rete DVB-T Questa tabella contiene valori fissi. ID_TIPO_SOGGETTO TIPO_SOGGETTO CAT_SOGGETTO Int Varchar Int PK identificativo soggetto Nome della tipologia Flag: soggetto o persona univoco della tipologia

Tabella 8: Campi tabella TBL_TIPO_SOGGETTO 3.6.8 Tabella TBL_TIPO_IMPIANTO Questa tabella, che contiene valori fissi, permette di discriminare la tipologia di impianto che pu essere: Radio analogica Radio digitale DAB Televisione digitale terrestre DVB-T

ID_TIPO_IMPIANTO TIPO_IMPIANTO

Int

PK identificativo univoco tipo impianto

Varchar Nome della tipologia

Tabella 9: Campi tabella TBL_TIPO_IMPIANTO 3.6.9 Tabella TBL_INDIRIZZO I record della tabella TBL_INDIRIZZO vengono utilizzati da varie tabelle: TBL_SOSTEGNO, TBL_SOGGETTO, TBL_PERSONA, TBL_SEDE_OPERATIVA. Il campo ID_ISTAT_COMUNE, rimanda ai record della tabella TBL_COMUNE (precompilata) che contiene tutti i comuni italiani e permette, tramite opportune relazioni, di ricavare provincia e regione del comune. ID_INDIRIZZO Int PK identificativo univoco dell'indirizzo VIA Varchar Indirizzo per esteso FK a TBL_COMUNE ID_ISTAT_COMUNE Int

Tabella 10: Campi tabella TBL_INDIRIZZO

46

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.10 Tabella TBL_COMUNE La tabella TBL_COMUNE precompilata e contiene tutti i comuni italiani con il proprio codice ISTAT e con quelli della relativa provincia e regione. ID_ISTAT_COMUNE COMUNE ID_ISTAT_REGIONE CAP Int PK identificativo univoco del comune FK a TBL_PROVINCIA FK a TBL_REGIONE

Varchar Denominazione del comune Int

ID_ISTAT_PROVINCIA Int

Varchar Codice di Avviamento Postale

Tabella 11: Campi tabella TBL_COMUNE 3.6.11 Tabella TBL_PROVINCIA La tabella TBL_PROVINCIA precompilata e contiene tutte le province italiane, il loro codice ISTAT e quello della loro regione e la sigla. ID_ISTAT_PROVINCIA Int PROVINCIA SIGLA ID_ISTAT_REGIONE ORD PK identificativo univoco della provincia

Varchar Denominazione della provincia Varchar Sigla automobilistica Int Int FK a TBL_REGIONE Campo numerico per dare priorit ad alcune voci per la realizzazione di menu a scomparsa.

Tabella 12: Campi tabella TBL_PROVINCIA 3.6.12 Tabella TBL_REGIONE La tabella TBL_REGIONE precompilata e contiene tutte le regioni italiane e il loro codice ISTAT. Il campo ORD permette di mettere al primo posto la Regione Veneto nei menu di scelta. ID_ISTAT_REGIONE Int REGIONE ORD Int PK identificativo univoco della regione Campo numerico per dare priorit ad alcune voci per la realizzazione di menu a scomparsa.

Varchar Denominazione regione

Tabella 13: Campi tabella TBL_REGIONE

47

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.13 Tabella TBL_POSIZIONE La tabella TBL_POSIZIONE precompilata e permette di identificare dove posizionato l'impianto. I valori possibili sono: su edificio al suolo (pianura) su fianco di monte su vetta altro ID_POSIZIONE POSIZIONE Int Varchar PK identificativo univoco Testo descrittivo

Tabella 14: Campi tabella TBL_POSIZIONE

3.6.14 Tabella TBL_MACRO_SITO La tabella TBL_MACRO_SITO contiene le informazioni sui macro-siti, ossia quei luoghi caratterizzati da una alta presenza di impianti. ID_MACRO_SITO MACRO_SITO Int PK identificativo univoco del macro-sito

Varchar Denominazione del macro-sito

Tabella 15: Campi tabella TBL_MACRO_SITO

48

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.15 Tabella TBL_INFO_RAN Nella tabella TBL_INFO_RAN viene creato un record per l'impianto in oggetto solo se si tratta di una radio analogica; in questo caso vengono memorizzate alcune informazioni tipiche di questa tecnologia. Con emittente si intende il soggetto che produce e trasmette i contenuti, con concessionario si intende la societ che ha ricevuto dal ministero la concessione all'esercizio dell'impianto. Si rende necessario introdurre questa differenziazione per gli impianti radio analogici perch spesso si assiste a cessioni di rami aziendali, nascita di consorzi e holding che raggruppano pi emittenti radiofoniche. ID_INFO_RAN FREQUENZA ID_EMITTENTE N_PROT_CONC_MIN ID_MARCHIO Int Float Int PK identificativo univoco del record Frequenza di trasmissione FK a TBL_SOGGETTO FK a TBL_SOGGETTO concessione

ID_CONCESSIONARIO Int

Varchar Numero di protocollo della ministeriale relativa all'impianto Int FK a TBL_MARCHIO

Tabella 16: Campi tabella TBL_INFO_RAN

3.6.16 Tabella TBL_MARCHIO La tabella TBL_MARCHIO contiene le denominazioni delle radio analogiche per favorire l'identificazione della stazione: solitamente coincidono con i nomi delle stazioni radio. ID_MARCHIO NOME_MARCHIO Int PK identificativo univoco marchio

Varchar Denominazione marchio

Tabella 17: Campi tabella TBL_MARCHIO

49

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.17 Tabella TBL_INFO_DAB Nella tabella TBL_INFO_DAB viene creato un record per l'impianto in oggetto solo se si tratta di una radio digitale DAB; in questo caso vengono memorizzate alcune informazioni tipiche di questa tecnologia. ID_INFO_DAB FREQUENZA CANALE PROGRAMMA Int Float Varchar Varchar PK identificativo univoco del record Frequenza di trasmissione Canale di trasmissione Programma trasmesso FK a TBL_SOGGETTO

ID_CONCESSIONARIO Int

Tabella 18: Campi tabella TBL_INFO_DAB 3.6.18 Tabella TBL_INFO_DVBT Nella tabella TBL_INFO_DVBT viene creato un record per l'impianto in oggetto solo se si tratta di una televisione digitale; in questo caso vengono memorizzate alcune informazioni tipiche di questa tecnologia. Con concessionario si intende l'operatore di rete che detiene la concessione ministeriale di esercire l'impianto in oggetto. ID_INFO_DVBT ID_CANALE ID_MUX ID_CONCESSIONARIO Int Int Int Int PK identificativo univoco del record FK a TBL_CANALE FK a TBL_MUX FK a TBL_SOGGETTO

Tabella 19: Campi tabella TBL_INFO_DVBT 3.6.19 Tabella TBL_CANALE La tabella TBL_CANALE precompilata con tutti i canali in cui diviso lo spettro elettromagnetico nella banda assegnata alle trasmissioni televisive. ID_CANALE NUMERO_CANALE FREQUENZA BANDA Int PK identificativo univoco del canale

Varchar Numerazione del canale Varchar Frequenza di centro banda Varchar Banda (UHF, VHF, etc.)

Tabella 20: Campi tabella TBL_CANALE

50

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.20 Tabella TBL_MUX Nella televisione digitale terrestre con MUX si intente un bouquet di programmi che vengono unificati e trasmessi sulla stessa frequenza. La tabella TBL_MUX contiene tutti i multiplex DVB-T (MUX) diffusi sul territorio regionale. ID_MUX MUX Int PK identificativo univoco MUX

Varchar Denominazione MUX

Tabella 21: Campi tabella TBL_MUX 3.6.21 Tabella TBL_ANTENNA Nella tabella TBL_ANTENNA vengono memorizzate le informazioni sul sistema radiante dell'impianto in questione. Ogni antenna collegata alle antenne elementari che la compongono tramite una tabella m x n (TBL_ANTENNA_ANTENNA_ELEM). ID_ANTENNA ALTEZZA_C_EL GUAD_TOT NOTE N_ANTENNE FILE_ANT_TOT FILE_PRJ Int Float Float PK identificativo univoco dell'antenna Altezza del centro elettrico in metri dal suolo Guadagno totale in dBm

DIR_MAX_RISP_NORD Varchar Direzione/i di massimo rispetto al Nord Varchar Annotazioni sull'antenna Int Numero di antenne elementari di cui composta Varchar Percorso al file ant dell'antenna complessiva Varchar Percorso al file prj del sistema radiante

Tabella 22: Campi tabella TBL_ANTENNA

51

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.22 Tabella TBL_ANTENNA ELEMENTARE Nella tabella TBL_ANTENNA_ELEMENTARE viene creato un record per ogni antenna che compone il sistema radiante dell'impianto in oggetto. Per ciascuna vengono memorizzate alcune informazioni di posizionamento e di alimentazione. ID_ANTENNA_ELEM C_EST_SCHERMO_IMPIANTO Int PK identificativo univoco dell'antenna elementare

Float Coordinata est dello schermo dal centro dell'impianto

C_NORD_SCHERMO_IMPIANTO Float Coordinata nord dello schermo dal centro dell'impianto DIST_VERT_DA_CENTRO_EL AZIMUT_NORD TILT_MECCANICO RIBALTAMENTO Float Distanza verticale dal centro elettrico Float Azimut di puntamento Float Inclinazione meccanica Float Rotazione del pannello

Tabella 23: Campi tabella TBL_ANTENNA_ELEMENTARE 3.6.23 Tabella TBL_ANTENNA_ANTENNA_ELEM Questa tabella m x n permette di collegare ogni antenna con le antenne elementari che la compongono. ID_ANTENNA PERCENTUALE_POTENZA FASE_ALIMENTAZIONE ID_POLARIZZAZIONE ID_MODELLO_ANTENNA Int FK a TBL_ANTENNA FK a TBL_ANTENNA ELEMENTARE

ID_ANTENNA_ELEMENTARE Int

Float Percentuale di potenza che fluisce su questa antenna elementare Float Fase di alimentazione di questa antenna elementare Int Int FK a TBL_POLARIZZAZIONE FK a TBL_MODELLO_ANTENNA

Tabella 24: Campi tabella TBL_MODELLO_ANTENNA

52

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.24 Tabella TBL_POLARIZZAZIONE La tabella TBL_POLARIZZAZIONE precompilata con i valori: Orizzontale Verticale ID_POLARIZZAZIONE POLARIZZAZIONE Int PK identificativo univoco polarizzazione

Varchar Denominazione polarizzazione

3.6.25 Tabella TBL_MODELLO_ANTENNA Per ogni sistema radiante possono essere utilizzati uno o due modelli commerciali di antenne. Questa tabella memorizza queste informazioni. ID_MODELLO_ANTENNA MARCA MODELLO ALTEZZA LARGHEZZA PROFONDITA PESO INIZIO_BANDA FINE_BANDA DIST_INTERASSE_MAX DATASHEET FILE_ANT_PANNELLO ID_ANTENNA Int PK identificativo antenna univoco modello di

Varchar Marca dell'antenna Varchar Modello dell'antenna Varchar Dimensione geometrica verticale Varchar Dimensione geometrica orizzontale Varchar Dimensione geometrica profondit Varchar Peso in Kg Varchar Limite inferiore banda di utilizzo Varchar Limite superiore banda di utilizzo Varchar Distanza pannelli massima consigliata tra due

MAX_POTENZA_AMMESSA Varchar Massima potenza ammissibile al connettore

Varchar Percorso al file datasheet dell'antenna Varchar Percorso al file ant dell'antenna Int FK a TBL_ANTENNA

Tabella 25: Campi tabella TBL_MODELLO_ANTENNA

53

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.26 Tabella TBL_INFO_DIP_FREQ Per ogni modello di antenna possibile memorizzare alcune informazioni specifiche che dipendono dalla frequenza a cui viene utilizzato. ID_INFO_DIP_FREQ ID_MODELLO_ANTENNA FREQUENZA GUADAGNO Int Int Float PK identificativo univoco record FK a TBL_MODELLO_ANTENNA Guadagno alla frequenza di utilizzo Coordinata x del centro elettrico dallo schermo dell'antenna Coordinata y del centro elettrico dallo schermo dell'antenna Return loss

Varchar Frequenza di utilizzo

C_X_CENTRO_EL_SCHERMO Float C_Y_CENTRO_EL_SCHERMO Float RETURN_LOSS Float

Tabella 26: Campi tabella TBL_INFO_DIP_FREQ 3.6.27 Tabella TBL_STATO_IMPIANTO Questa tabella precompilata con i possibili stati in cui si pu trovare un impianto: Temporaneo Richiesta parere Parere OK ma non comunicato Parere non OK Parere OK e comunicato Dismesso Trovato con misure ID_STATO_IMPIANTO Int STATO_IMPIANTO PK identificativo univoco stato impianto

Varchar Descrizione stato impianto

Tabella 27: Campi tabella TBL_STATO_IMPIANTO

54

Capitolo 3. Il catasto regionale degli impianti RTV 3.6.28 Tabella TBL_LOG La tabella TBL_LOG viene utilizzata per memorizzare tutte le modifiche che vengono apportate agli impianti. Ogni volta che un utente modifica un campo viene creata una riga contenente la data, il nome dell'utente, il campo modificato, il valore vecchio e il valore nuovo. ID_LOG DATA_LOG AUTORE ID_IMPIANTO CAMPO OLD_VALUE NEW_VALUE Int Data Varchar Int Varchar Varchar Varchar PK identificativo univoco record Data creazione record Autore della modifica FK a TBL_IMPIANTO Campo modificato Valore precedente Valore modificato

Tabella 28: Campi tabella TBL_LOG

55

Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate

4.1 Struttura hardware e software del Catasto RTV


Le strumentazioni hardware che permettono al Catasto RTV di funzionare sono ospitate nel centro di elaborazione dati del Servizio Organizzazione e Sviluppo Sistemi Informativi (SOSSI) di ARPAV situato a Padova. Il SOSSI si occupa di garantire il funzionamento del sistema e l'effettuazione di backup periodici. Il database del Catasto RTV un db Oracle 10.1.4 installato su un rack Linux mentre gli applicativi lato server girano su una macchina virtuale VMware Ubuntu Server con Apache 2.2.12 dotato di motore PHP5 con estensioni oci8, per dialogare con db Oracle, e gd_lib per la generazione di grafica in PHP. I sorgenti dell'applicativo lato server sono scritti in PHP5 e producono come output pagine web in linguaggio HTML standard. Le interfacce dell'applicativo lato client sono rese interattive tramite alcune librerie Javascript. Gli accessi al database avvengono attualmente solo dall'interno della rete intranet ARPAV tramite qualunque browser in grado di gestire i pi recenti standard del World Wide Web Consortium.

4.2 Applicativo web lato server


L'applicativo lato server si occupa di leggere e scrivere i dati sul database e di generare dinamicamente le pagine web di interfaccia. Le pagine lato server sono sviluppate nel linguaggio PHP versione 5. Le pagine che compongono l'applicativo possono essere raggruppate funzionalmente come segue: pagina principale index.php file di configurazione contenenti parametri di funzionamento dell'applicativo librerie di funzioni file che contengono algoritmi di elaborazione dei dati frammenti di pagine web HTML che vengono assemblate in tempo reale dall'applicativo e che permettono di tenere separata la parte HTML dal codice PHP per facilitare lo sviluppo e la manutenzione pagine per interrogazioni AJAX che permettono a funzioni AJAX di eseguire specifiche interrogazioni al database Di seguito saranno descritte nel dettaglio le tipologie di file.

57

Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate 4.2.1 Pagina index.php La pagina principale dell'applicativo index.php che viene richiamata automaticamente dal browser al momento della prima connessione. La pagina strutturata con una ramificazione di condizioni if che, a seconda del contenuto delle variabile POST e GET inviate dal browser in fase di connessione, seleziona la pagina da generare e gli algoritmi da eseguire. A titolo di esempio si riporta un estratto di questo albero di selezione.
if (isset($_POST['intro'])) { intro_page(); } elseif (isset($_GET['impianti'])) { view_imp_page(); } elseif (isset($_POST['savenewimp'])) { save_new_imp(); } // [...]

Il comportamento di questo estratto di codice pu essere cos spiegato: SE la variabile POST 'intro' esiste caricare pagina introduttiva ALTRIMENTI SE la variabile GET 'impianti' esiste caricare pagina visualizzazione impianti ALTRIMENTI SE la variabile GET 'savenewimp' esiste eseguire la funzione di salvataggio dati save_new_imp. Le funzioni contenute all'interno di index.php possono essere divise in queste categorie funzionali: creazione dinamica di pagine web salvataggio/aggiornamento/cancellazione dati sul db A titolo di esempio si riporta il codice della funzione che assembla la pagina di visualizzazione degli impianti view_imp_page().
function view_imp_page() { include("header.php"); include('head_view_imp.php'); include("footer.php"); }

I file richiamati dalle istruzioni include (header.php, head_view_imp.php, footer.php) contengono codice HTML che viene assemblato dinamicamente. Di seguito viene riportato il codice della funzione save_new_sogg() che salva un nuovo Gestore nel database

58

Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate


function save_new_sogg() { $incomingData = $_POST; $nextSoggetto = nextId('ID_SOGGETTO', 'TBL_SOGGETTO'); $nextIndirizzo = nextId('ID_INDIRIZZO', 'TBL_INDIRIZZO'); saveAddress($incomingData, $nextIndirizzo); $statementSogg = "INSERT INTO TBL_SOGGETTO (ID_SOGGETTO, ID_TIPO_SOGGETTO, DENOMINAZIONE, ID_INDIRIZZO, TEL, FAX, SITO_WEB, EMAIL, PEC, P_IVA, COD_FISCALE,REA, ID_SEDE_OP, NOTE) VALUES (:idSogg,:idTipoSogg,:nomeSoggetto,:idIndirizzo,:tel,:fax, :sitoWeb,:email,:pec,:pIva,:cFiscale,:rea,:idSedeOp,:noteS ogg)"; $bindArgs = array(); array_push($bindArgs, array('idSogg', $nextSoggetto, -1)); array_push($bindArgs, array('idTipoSogg', $incomingData['idTipoSogg'], -1)); array_push($bindArgs, array('nomeSoggetto', $incomingData['nomeSoggetto'], -1)); array_push($bindArgs, array('idIndirizzo', $nextIndirizzo, -1)); array_push($bindArgs, array('tel', $incomingData['tel'], -1)); array_push($bindArgs, array('fax', $incomingData['fax'], -1)); array_push($bindArgs, array('sitoWeb', $incomingData['sitoWeb'], -1)); array_push($bindArgs, array('email', $incomingData['email'], -1)); array_push($bindArgs, array('pec', $incomingData['pec'], -1)); array_push($bindArgs, array('pIva', $incomingData['pIva'], -1)); array_push($bindArgs, array('cFiscale', $incomingData['cFiscale'], -1)); array_push($bindArgs, array('rea', $incomingData['rea'], -1)); array_push($bindArgs, array('idSedeOp', $incomingData['idSedeOp'], -1)); array_push($bindArgs, array('noteSogg', $incomingData['note'], -1)); $r = db_insert($statementSogg, $bindArgs); if ($incomingData['listaRiferimenti'] != '') { $rifArray = explode(';', substr($incomingData['listaRiferimenti'], 0, -1)); foreach ($rifArray as $i) { $statementSoggRif = "INSERT INTO TBL_SOGGETTO_RIFERIMENTO (ID_SOGGETTO, ID_PERSONA, NOTE) VALUES (:idSogg,:idPers,:note)"; $bindArgs = array(); array_push($bindArgs, array('idSogg', $nextSoggetto, -1)); array_push($bindArgs, array('idPers', $i, -1)); array_push($bindArgs, array('note', $incomingData['noteRif' . $i], -1)); $r = db_insert($statementSoggRif, $bindArgs);

59

Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate


} }

$_SESSION['messaggio'] = '<ul><li>Soggetto salvato correttamente con ID=' . $nextSoggetto . "</li></ul>"; new_sogg_page(); }

La funzione riceve attraverso la variabile POST i dati inseriti dall'utente nei form presenti nella pagina web nuovo soggetto, li processa e li salva nel database. 4.2.2 Parametri di configurazione Per il funzionamento del Catasto RTV sono necessari alcuni parametri di configurazione che sono stati raggruppati all'interno del file catasto_config.php. In questo file sono contenuti: le credenziali di accesso al database gli indirizzi delle directory locali dove l'applicativo memorizza i file alcuni parametri che permettono di ottimizzare il funzionamento per esempio limitando quando possibile le chiamate al database. 4.2.3 Librerie di funzioni Per comodit le funzioni di supporto al funzionamento del catasto sono state raggruppate in alcuni file: catasto_db.php contiene tutte le funzioni che permettono all'applicativo di interfacciarsi col database catasto_functions.php contiene tutte le funzioni che vengono utilizzate per elaborare i dati e creare gli output. Il fatto che tutte le funzioni specifiche di interfacciamento con il database siano riunite all'interno di un solo file permette, se fosse necessario cambiare il database di supporto, di riscrivere semplicemente il file catasto_db.php utilizzando le funzioni specifiche del nuovo database senza andare a modificare i sorgenti delle altre pagine. Tutte le funzioni che dialogano col database utilizzano chiamate generiche: db_select() per interrogare il database db_insert() per creare nuovi record db_delete() per eliminare record A titolo di esempio si riporta il frammento di codice della funzione list_sostegni() che richiede al database tutti i sostegni presenti e crea un menu select nella pagina web.
function listSostegni() { $query = 'SELECT ID_SOSTEGNO, COD_MIN_POSTAZIONE, COORD_GB_X, COORD_GB_Y, ID_MACRO_SITO FROM TBL_SOSTEGNO ORDER BY COD_MIN_POSTAZIONE';

60

Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate


$response = db_select($query); echo '<option value="">[seleziona una voce..]</option>' . "\n"; foreach ($response as $row) { echo '<option value="' . $row['ID_SOSTEGNO'] . '">' . $row['COD_MIN_POSTAZIONE'] . '(' . $row['COORD_GB_X'] . ' ; ' . $row['COORD_GB_Y'] . ')' . '</option>' . "\n"; } }

4.2.4 Pagine HTML Per migliorare la leggibilit e la riusabilit del codice e per favorire la manutenzione si cercato per quanto possibile di mantenere separato il linguaggio PHP dai frammenti di pagina HTML non dinamici. Tramite opportune chiamate include() le pagine web vengono generate dinamicamente assemblando i frammenti ed integrandoli con le informazioni restituite dal database. A titolo di esempio si riporta il codice sorgente della funzione utilizzata per assemblare la pagina di creazione di un nuovo soggetto.
function new_sogg_page() { include("header.php"); include('head_new_sogg.php'); include("footer.php"); }

Il file header.php contiene l'intestazione comune a tutte le pagine del catasto (titolo, parametri di configurazione, caricamento librerie comuni, etc.). Il file head_new_sogg.php contiene il codice HTML per la visualizzazione degli impianti. Il file footer.php contiene il pi di pagina comune a tutto il catasto. La divisione dei tre file visibile in Fig. 4.1.

61

Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate

Fig. 4.1: struttura HTML di una pagina

4.2.5 Interrogazioni AJAX Per migliorare l'interattivit delle pagine web stata utilizzata la tecnologia AJAX. L'acronimo AJAX, che sta per Asynchronous JavaScript And XML, identifica un insieme di metodologie web che permettono di creare applicazioni interattive sul lato client. Con AJAX le pagine web possono inviare e ricevere dati da un server in modo asincrono cio in background senza ricaricare la pagina. Solitamente per fare ci vengono utilizzate chiamate all'oggetto XMLHttpRequest. Nonostante il nome contenga l'acronimo XML non esistono vincoli al formato dei dati scambiati con chiamate AJAX. Nel Catasto RTV ad esempio i dati vengono inviati in formato JSON pi snello di XML. Per utilizzare le metodologie AJAX sono state realizzate alcune pagine php che, a seconda di alcuni parametri ricevuti tramite la variabile GET, interrogano il database restituendo le informazioni richieste sotto forma di oggetto JSON che viene poi passato alla funzione AJAX in grado di gestirlo. A titolo di esempio si riporta la pagina jGetAntenna.php. 62

Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate


<?php if (isset($_GET['idAnt'])) { $idAnt = $_GET['idAnt']; } require('catasto_functions.php'); $query = "SELECT ID_ANTENNA, ALTEZZA_C_EL, GUAD_TOT, DIR_MAX_RISP_NORD, NOTE, N_ANTENNE, FILE_ANT_TOT, FILE_PRJ FROM TBL_ANTENNA WHERE ID_ANTENNA=" . $idAnt; $response = db_select($query); foreach ($response as $row) { $arrAnt['idAntenna'] = $row['ID_ANTENNA']; $arrAnt['hCentroEl'] = strval($row['ALTEZZA_C_EL']); $arrAnt['guadTot'] = strval($row['GUAD_TOT']); $arrAnt['dirMax'] = $row['DIR_MAX_RISP_NORD']; $arrAnt['noteAnt'] = $row['NOTE']; $arrAnt['nAntenne'] = strval($row['N_ANTENNE']); $arrAnt['fileAntTot'] = $row['FILE_ANT_TOT']; $arrAnt['filePrj'] = $row['FILE_PRJ']; } echo json_encode($arrAnt); ?>

Questa procedura, dopo aver ricevuto attraverso la variabile GET l'identificativo di un'antenna. interroga il database e recupera tutti i dati relativi alla stessa. Le informazioni ricevute vengono memorizzate all'interno di un array associativo che poi viene convertito in formato JSON e ritornato sotto forma di stringa di testo alla funzione AJAX che ha lanciato la richiesta. Il codice sorgente della funzione getAntennaView, relativa al file jGetAntenna.php, riportato di seguito; si noti alla terzultima riga la chiamata alla pagina jGetAntenna.php.
function getAntennaView(idAnt) { if (window.XMLHttpRequest){ // code for IE7+, Firefox, Chrome, Opera, Safari xmlhttp2=new XMLHttpRequest(); } else{ // code for IE6, IE5 xmlhttp2=new ActiveXObject("Microsoft.XMLHTTP"); } xmlhttp2.onreadystatechange=function(){ if (xmlhttp2.readyState==4 && xmlhttp2.status==200){ obj = jQuery.parseJSON(xmlhttp2.responseText); document.getElementById("hCentroEl").value=myParseFloat(obj.hC entroEl); document.getElementById("guadTot").value=myParseFloat(obj.guad Tot); document.getElementById("dirMax").value=obj.dirMax; document.getElementById("noteAnt").value=obj.noteAnt; document.getElementById("nAntenne").value=parseInt(obj.nAntenn e);

63

Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate


document.getElementById("divFileAntTot").innerHTML= '<a href="'+obj.fileAntTot+'" onclick="window.open(this.href);return false;">'+obj.fileAntTot+'</a>'; document.getElementById("divFilePrj").innerHTML= '<a href="'+obj.filePrj+'" onclick="window.open(this.href);return false;">'+obj.filePrj+'</a>'; } } xmlhttp2.open("GET","jGetAntenna.php?idAnt="+idAnt,true); xmlhttp2.send(); }

Questa funzione AJAX riceve l'oggetto JSON creato dal file jGetAntenna.php sotto forma di stringa di testo e lo interpreta grazie alla funzione parseJSON che produce in output un array associativo con le informazioni estratte dal database. Successivamente tramite chiamate a funzioni DOM (document.getElementById().value, .innerHTML) i dati vengono inseriti nei rispettivi campi della pagina web.

4.3 Applicativo web lato client


Sul lato client l'applicativo composto da una serie di pagine web dinamiche realizzate in linguaggio HTML con l'ausilio di fogli di stile esterni CSS; le pagine vengono assemblate in tempo reale a seconda delle richieste e dei parametri forniti dall'utente. Alcune funzioni interattive di interfaccia e validazione dati sono realizzate tramite l'utilizzo di librerie Javascript. In Fig. 4.2 un esempio di pagina web del Catasto RTV.

64

Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate

Fig. 4.2: esempio di pagina web del Catasto RTV

65

Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate 4.3.1 Libreria jQuery e jQuery UI Per migliorare l'usabilit del sito e per evitare di dover scrivere ex-novo funzioni di accesso facilitato molto comuni si deciso di utilizzare le librerie open source jQuery e jQueryUI realizzate dal jQuery Project, soggetto che fa parte dell'organizzazione nonprofit Software Freedom Conservancy dedita all'ospitalit di progetti software open. La libreria jQuery (detta anche jQuery Core) una libreria Javascript veloce e concisa che semplifica la navigazione all'interno delle strutture documentali HTML, la gestione degli eventi nelle pagine web, l'animazione dei contenuti e le interazioni AJAX per velocizzare lo sviluppo di applicativi web. La libreria jQuery UI (che sta per User Interface) fornisce un layer di astrazione per interazioni e animazioni di basso livello all'interno delle pagine web, permette di realizzare facilmente effetti grafici, includere widget e creare facilmente applicativi web interattivi sfruttando tutte le potenzialit di jQuery. Sia jQuery che jQuery UI sono rilasciate sotto doppia licenza MIT o GPL Version 2. 4.3.2 Menu superfish Per creare un menu di navigazione a scomparsa stata utilizzata la libreria Superfish basata su jQuery che permette di realizzare facilmente menu sia verticali che orizzontali e di configurare animazioni, ritardi, effetti grafici, funzioni di callback, etc. In Fig. 4.3 visibile il menu di navigazione del Catasto RTV

Fig. 4.3: menu di navigazione realizzato con Superfish 4.3.3 Fogli di stile esterni CSS Per controllare l'aspetto grafico del Catasto sono stati utilizzati fogli di stile esterni realizzati con tecnologia CSS Cascading Style Sheet. 66

Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate L'utilizzo di fogli esterni permette di mantenere uniti tutti i parametri che influenzano lo stile delle pagine (colori, sfondi, margini, caratteri, etc.). Questo facilita l'integrazione stilistica degli applicativi web all'interno di altri portali.

4.4 Interfaccia geografica


Una delle caratteristiche fondamentali del Catasto RTV la georeferenziazione delle informazioni. Per avere una completa conoscenza del territorio ai fini di tutela della popolazione dalle esposizioni ai campi elettromagnetici infatti necessario conoscere l'esatta ubicazione delle fonti di pressione, nello specifico degli impianti RTV. I valori di campo elettromagnetico al suolo dipendono, oltre che dalle caratteristiche tecniche degli impianti, anche dalla distanza dal centro elettrico del sistema radiante e dalla somma dei contributi di tutti gli impianti presenti nelle vicinanze. Proprio per questi motivi fondamentale che la georeferenziazione degli impianti sia effettuata con precisione in modo da poter conoscere con precisione il clima radioelettrico e per svolgere ragionamenti e pianificare riorganizzazioni volte ad una minimizzazione dell'esposizione della popolazione ai campi elettromagnetici. Nel Catasto RTV le coordinate sono associate non tanto ai singoli impianti, quanto ai sostegni che li ospitano; ci permette di facilitare i gestori ed i tecnici nella localizzazione degli impianti evitando errori di inserimento delle coordinate a volte determinati anche dalle difficolt di rilevare la posizione corretta e convertire i dati da un sistema di riferimento ad un altro. Il Catasto RTV utilizza il formato ufficiale della Regione Veneto: sistema cartografico Gauss-Boaga fuso Ovest associato al sistema geodetico ROMA40 Nelle pagine web del Catasto sono presenti alcuni widget webGIS in grado di visualizzare sulla cartografia regionale le informazioni di georeferenziazione degli impianti. Questi webGIS utilizzano la libreria open source OpenLayers che permette di operare facilmente con dati geografici lato client in ambiente Javascript. Le basi cartografiche utilizzate sono quelle fornite dal portale della Regione Veneto: carta speditiva a colori, carta tecnica regionale a colori, ortofoto digitali.

67

Capitolo 4. Catasto RTV: tecnologie utilizzate In Fig. 4.4 visibile un widget webGIS per visualizzare la posizione degli impianti sulle ortofoto a colori del territorio regionale.

Fig. 4.4: widget webGIS per visualizzare la posizione dei sostegni

68

Capitolo 5. Catasto RTV: funzionamento e flussi di informazione

5.1 Struttura dell'applicativo


Il Catasto RTV diviso nelle seguenti sezioni: Impianti permette di operare sugli impianti presenti nel database o di aggiungerne di nuovi visualizza nuovo modifica Soggetti permette di operare sui soggetti (emittenti, concessionari, fornitori di contenuti, operatori di rete, persone fisiche, sedi operative) Soggetto visualizza nuovo modifica Persona visualizza nuovo modifica Sede operativa visualizza nuovo modifica Sostegni permette di operare sulle postazioni (tralicci, sostegni, edifici) che ospitano impianti RTV visualizza nuovo modifica 5.1.1 Visualizza impianto La pagina visualizza impianto consente di cercare gli impianti tramite una maschera in cui possibile impostare alcuni parametri come: tipologia (Radio o TV), provincia, 69

Capitolo 5. Catasto RTV: funzionamento e flussi di informazione gestore, sostegno. Il pop-up contenente la maschera di filtro visibile in Fig. 5.1.

Fig. 5.1: maschera filtro impianti Dopo aver impostato i parametri di interesse l'applicativo propone gli impianti corrispondenti; scegliendone uno dal menu a scomparsa verranno caricati i dati nella finestra principale.

70

Capitolo 5. Catasto RTV: funzionamento e flussi di informazione

Fig. 5.2: pagina visualizza impianto 5.1.2 Nuovo impianto Nella pagina nuovo impianto possibile inserire un nuovo record nel database. I dati possono essere inseriti manualmente dall'utente oppure importati direttamente da FMTV-OnLine.

71

Capitolo 5. Catasto RTV: funzionamento e flussi di informazione

Fig. 5.3: pagina "nuovo impianto"

Nel primo caso il tecnico deve inserire nei formulari tutti i dati tecnici reperibili sulle pratiche inviate dalle emittenti. Nel secondo caso, premendo sul pulsante Carica da FMTVonline, viene proposto un menu di scelta contenente tutti gli impianti inseriti in FMTV-OnLine; scegliendone uno verranno caricati i suoi dati e verranno inseriti nei campi del formulario della pagina. A cura dell'utente verr lasciato il controllo di correttezza dei dati e l'integrazione di alcuni dati non presenti direttamente in FMTVOnLine (stato impianto, date dei procedimenti amministrativi, etc.) Per sfruttare le potenzialit del database relazionale alcuni campi non vengono digitati ma viene scelto il valore desiderato tramite opportuni menu. il caso della tipologia di impianto, della modulazione, del sostegno, dello stato dell'impianto, del soggetto gestore. Per ciascuna di queste voci presente un menu a scomparsa che contiene tutte le voci possibili. In questo modo possibile tenere traccia, per esempio, del collegamento tra un sostegno e tutti gli impianti ospitati, tra un gestore e tutti i suoi impianti, etc. Se queste informazioni venissero inserite in modo testuale verrebbe a crearsi una possibile fonte di errori perch, per esempio, lo stesso soggetto potrebbe essere scritto in modo leggermente diverso (maiuscole/minuscole, lettere accentate, sigle SPA/spa/s.p.a. etc.) e questo andrebbe a rendere difficoltoso il riconoscimento 72

Capitolo 5. Catasto RTV: funzionamento e flussi di informazione delle relazioni tra entit. Nel caso che una voce di interesse non sia presente nel men possibile andare ad inserirla utilizzando il pulsante aggiungi e il pulsante aggiorna per ricaricare il contenuto del menu.

Fig. 5.4: pulsanti "aggiungi" e "aggiorna" Prima di poter salvare i dati sul database necessario premere il pulsante controlla dati che esegue alcuni algoritmi di validazione per controllare la correttezza dei dati; il sistema controlla che non vengano inserite stringhe di testo in campi che devono essere di tipo numerico o che vengano omessi dati obbligatori. Oltre agli errori vengono riportati alcuni avvertimenti in caso che alcuni dati risultino fuori dai range (potenza troppo elevata, etc.) Eventuali errori vengono segnalati nella parte in alto a destra della finestra (vedi Fig. 5.5).

Fig. 5.5: finestra errori e avvertimenti Se i dati inseriti sono corretti ed esaustivi la pressione del pulsante Controlla dati non generer errori ma un messaggio di conferma Dati corretti pronti per l'inserimento e il pulsante Salva dati fino a quel momento disabilitato verr abilitato. 5.1.3 Modifica impianto La struttura della pagina modifica impianto identica a quella di nuovo impianto con l'aggiunta della maschera di ricerca impianti. Dopo aver impostato i parametri desiderati possibile scegliere l'impianto di interesse; verranno caricati i dati relativi e sar possibile effettuare le modifiche. Alcuni campi non sono modificabili perch secondo la normativa vigente in materia di radioprotezione dalle radiazioni elettromagnetiche a radiofrequenze, a fronte di variazioni sostanziali alla natura dell'impianto che ne modifichino le caratteristiche di emissione, necessario che il gestore richieda una nuova istanza di autorizzazione. Per questi casi prevista la procedura di cessione dell'impianto, attuabile sempre dall'interno della pagina modifica impianto. Questa procedura cambia lo stato dell'impianto in dismesso e crea un nuovo impianto copiando tutti i dati del precedente. Inoltre viene creata una relazione tra l'impianto vecchio e quello generato dalla riconfigurazione utilizzando il campo 73

Capitolo 5. Catasto RTV: funzionamento e flussi di informazione ID_PADRE, in cui viene salvato l'identificativo univoco dell'impianto dismesso. In Fig. 5.6 visibile il menu funzioni della pagina modifica impianto.

Fig. 5.6: menu funzioni della pagina "modifica impianto" 5.1.4 Visualizza/nuovo/modifica soggetto Tramite la pagina visualizza soggetto possibile consultare i dati anagrafici dei soggetti inseriti nel catasto. I soggetti possono essere: emittenti radio analogiche concessionari radio analogiche fornitori di contenuti DVB-T operatori di rete DVB-T Con modalit analoghe alla gestione degli impianti, tramite le pagine visualizza, nuovo e modifica soggetto possibile intervenire sulle informazioni contenute nel Catasto RTV o aggiungerne di nuove. I soggetti contenuti in questa sezione del Catasto vengono utilizzati per creare dinamicamente i menu di scelta di cui si parlato al paragrafo 5.1.2.

74

Capitolo 5. Catasto RTV: funzionamento e flussi di informazione

Fig. 5.7: pagina "nuovo soggetto"

5.1.5 Visualizza/nuovo/modifica persona Capita spesso che i tecnici ARPAV si interfaccino con un referente tecnico per gli impianti o per la rete di broadcast di un gestore. In questa sezione del sito vengono memorizzate le informazioni sulle persone fisiche referenti degli impianti radiotelevisivi presenti nel catasto: rappresentanti legali, referenti tecnici, referenti amministrativi, etc.

75

Capitolo 5. Catasto RTV: funzionamento e flussi di informazione 5.1.6 Visualizza/nuovo/modifica sede operativa Non sempre la sede legale di un gestore coincide con la sede dove viene fisicamente svolto il lavoro (studio di registrazione, etc.). Nel Catasto si deciso di memorizzare anche le informazioni su queste sedi, dette sedi operative, perch talvolta pu essere utile sapere dove realmente si trovano i tecnici e le apparecchiature che permettono il funzionamento della rete di broadcast. In questa sezione del sito possibile visualizzare, inserire o modificare le informazioni sulle sedi operative. 5.1.7 Visualizza sostegno In questa sezione del sito vengono gestite le informazioni sulle postazioni (tralicci, edifici, etc.) che ospitano impianti radio-televisivi. Tutte le postazioni sono codificate dal Ministero dello Sviluppo Economico attraverso un identificativo composto dalla sigla della provincia, seguita da un numero progressivo che individua il macro sito a cui talvolta segue una lettera che individua il singolo traliccio se nel sito ne sono presenti diversi (per esempio PD1B corrisponde ad un traliccio posto sul Monte Cero -macrosito 1- in provincia di Padova). Per visualizzare le informazioni relative ad un sostegno possibile selezionarlo dal menu a scomparsa: i dati verranno caricati dal database ed andranno a compilare i campi del formulario. Come visibile in Fig. 5.8 nella pagina viene caricata anche la foto del sostegno e nel widget webGIS viene visualizzata la posizione del medesimo sulla cartografia regionale.

76

Capitolo 5. Catasto RTV: funzionamento e flussi di informazione

Fig. 5.8: pagina "visualizza sostegno"

5.1.8 Nuovo/modifica sostegno Nella pagina nuovo sostegno possibile creare una nuova postazione inserendone manualmente tutti i dati. Per quanto riguarda le coordinate Gauss-Boaga possibile inserirle direttamente oppure possono essere ricavate, tramite un widget webGIS 77

Capitolo 5. Catasto RTV: funzionamento e flussi di informazione inserito nella pagina, individuando la posizione dell'impianto sulla cartografia regionale.

Fig. 5.9: scelta delle coordinate di un nuovo sostegno

78

Capitolo 6. Conclusioni e sviluppi futuri

6.1 Conclusioni
Con questo lavoro si voluto presentare lo studio, la progettazione e la realizzazione del Catasto centralizzato georeferenziato degli impianti radio-televisivi presenti sul territorio della Regione Veneto. La LQ 36/2001 assegna alle Regioni la realizzazione del catasto regionale delle sorgenti fisse di campi elettromagnetici a radiofrequenze. Per la Regione Veneto il catasto stato realizzato dal Servizio Osservatorio Agenti Fisici di ARPAV con il supporto tecnico del Servizio Organizzazione e Sviluppo Sistemi Informativi di ARPAV. L'importanza dell'esistenza di una banca dati centralizzata georeferenziata delle sorgenti fisse di campi elettromagnetici a radiofrequenza fondamentale in quanto permette un'approfondita conoscenza del territorio e delle possibili fonti di pressione di inquinamento elettromagnetico, consente di effettuare simulazioni per prevedere i livelli di campo a cui esposta la popolazione ed eventualmente di studiare i possibili scenari di risanamento per riportare i livelli di campo entro i limiti di legge. Soltanto uno strumento in grado di tenere traccia con precisione delle caratteristiche tecniche e della localizzazione degli impianti sul territorio pu permettere di svolgere efficacemente i compiti di prevenzione e controllo dell'inquinamento elettromagnetico ai fini di tutela della salute della popolazione attribuiti ad ARPAV.

6.2 Sviluppi futuri


La realizzazione di un progetto come quello del catasto degli impianti radio-televisivi difficilmente pu considerarsi conclusa: i tecnici del Servizio Osservatorio Agenti Fisici di ARPAV stanno gi lavorando per aggiungere e migliorare alcune funzioni e sicuramente molte saranno le richieste di sviluppo da parte degli utilizzatori del catasto quando il suo funzionamento entrer completamente a regime. Anche per il Catasto RTV gi in fase di realizzazione, analogamente a quanto avviene con la banca dati degli impianti per telefonia cellulare presenti in Veneto (ETERE), un applicativo webGIS da integrare nel portale web ARPAV per consentire alla cittadinanza di consultare i dati contenuti nella banca dati. Oltre all'interfaccia per la pubblicazione dei dati alla cittadinanza sono in fase di realizzazione anche opportune pagine per consentire agli enti locali (province, comuni, etc.) di accedere ai dati tecnici degli impianti situati sul territorio di competenza per 79

Capitolo 6. Conclusioni e sviluppi futuri valutare l'esposizione della popolazione o pianificare eventuali sviluppi della rete di broadcast radio-televisivo. I principali utilizzatori del catasto sono i tecnici dell'Agenzia e i funzionari degli Enti con cui ARPAV collabora quindi prevedibile e auspicabile che possa instaurarsi una positiva sinergia tra utenti e sviluppatori del catasto -che viene realizzato completamente all'interno di ARPAV- in modo da facilitare la progettazione dei futuri interventi di manutenzione evolutiva dell'applicativo.

80