Sei sulla pagina 1di 3

Paesi infetti

La strada dei monti appare continuamente anche in contesti diversi e degni di essere riportati nella loro interezza, laccenno che Sergio Pagano nel suo Paesi infetti, Magia, Eresie nel Tortonese nel sec. XVI illuminante. Anche le idee scelsero questa strada secondaria, atta pi al contrabbando di merci e di pensiero et al rifuggio di banditi sempre in agguato per conquistare una magra vita ,che non al transito di personaggi importanti. E nel Cinquecento che affiorano dalle evidenze darchivio realt inquietanti, paurose, di cui ben poco rimane nei ricordi. Appaiono i roghi di streghe, bagliori di fuochi sulle alture del Tortonese da Coquello a Bavantore, quando i tribunali domenicani dinquisizione stroncarono quellesplosione di forze del male dalla Val Magra. Ancora restano le dedicazioni a S.Bernardino da Siena e a S.Bernardo di Chiaravalle a Coquello, Reneuzzi, Pallavicino, a Donetta si festeggiano entrambi, solidi presidi contro il demonio incatenato e le sue seguaci. Era un secolo feroce, dopo le streghe, gli stregoni, i maghi, gli eretici. A Varzi, Monteacuto, Sale si scoprono libelli eretici di tema teologico, la vicinanza della antica mulattiera che dal Nord Europa raggiungeva Genova al riparo da dazi e controlli che la via della Scrivia sempre comportava, aveva infettato con le idee rivoluzionarie di Calvino e Lutero la Val di Staffora. Trovandomi sotto il portico di Cambi sopragionse un corriero qual venia da Genva per servitio di certi mercanti tedeschi Detto Messer Marco conduttero di mercantia, cio da Genova a Milano et in terra Todesca Proprio questo itinerario si dimostrato una delle vie maestre per lirruzione delle eresie doltralpe

Messer Giacomo mi mostr un libretto proibito del quale credo che ne fosse autore frate Martino Luthero et era un dialogo ove ragionava detto Martino con una Abadessa la quale biasimava il santo matrimonio, che potesse essa et altre monache pigliar marito!!!! altri libri credo che fussero stati trovati nella torre di Germanino in un buco serrato con pietre, ben dentro pi dun brazzo dalla Germania giungevano libri proibiti e racconti entusiasti del nuovo Vangelo, dove abitava il Signore Dio, perch se si perdeva una cosa sopra la strada, sera la mattina si trovava la sera Anche qui gli inquisitori domenicani misero fine e fecero argine a queste rivoluzionarie idee che facevano traballare le autorit religiose, unici presidi di qualche certezza. Nel 1559 a Piacenza linquisitore Domenicano Padre Malvicino organizza un grande rogo di libri sospetti, Erasmo, Melantore,Virgilio, Cicerone, Ovidio, pur anche opere di SantAgostino, il grande fal illumin sinistramente la Chiesa di Santa Maria del Tempio. Ma fu nel 1564 che a Piacenza vennero accesi ben altri roghi Alessandro Caverzago eretico recidivo viene condannato alla pena capitale mediante cremazione da vivo da eseguirsi dal Braccio Secolare in piazzetta della Torricella e confisca di tutti i beni. Grande peso sullesecuzione ebbe il Cardinale Alessandrino Ghisleri futuro Pontefice Pio V capo del Santo Uffizio.1

Oltre alle eresie, le magie. Curiose sono le testimonianze del Mago Gallinetta di Varzi.

P. Costignoli - Lattivit penale del S.Uffizio a Piacenza Boll.Stor.Piacentino Lug.2002

ho sentito dire che al pigliare dellongia da una mula che non si sia mai ferrata e meterla adosso a una Dona, che non si possa mai ingravidare Lucretia, moglie di Enrico Guidobono di Varzi in et di 40 anni, una volta, ricercando di haver pratica mia inhonesta et io ricusando di farlo, mi disse che se lui avesse voluto mi haverebbe fatto andare sopra il Monte di Lesmo nuda quando veniva il mal tempo, chio schiappasse un pomo in quattro parti, in modo che per fossero attaccate insieme et che li scrivesse queste quattro parole: Rex, Flex, Ecce, Agata e poi posto in terra allaura et a questo modo il maltempo si sarebbe levato!!