Sei sulla pagina 1di 2

May day May day Io son fatto cos: se un amico/a chiama, corro.

. Lequak ha bisogno di aiuto (se arrivata alle flebo di Barocco veneziano ha bisogno di aiuto) ? Saro arriva, come SuperMan e salva lei e il forum con una transazione fra P. De Nardo la musica dodecafonica ed il rock; cio quel genere musicale (e non solo) che per i non pi teen agers un po autarchici come noi, pi che esemplificarlo con i Take That, diciamo che comincia negli anni 60, col Molleggiato e Il tuo bacio come un rock piuttosto che con 24'000 baci (canzone al top nazionale della trasgressione, che Adriano present a San Remo dando le spalle al pubblico). Parliamo degli eredi di Elvis (di cui Celentano, Bobby Solo, Little Tony etc sono solo una parodia) e che in Italia si chiamano anche Don Baky, Caterina Caselli Nessuno mi pu giudicare , Patty Pravo , fino ad arrivare a Edoardo Bennato Viva la mamma , Nannini. Nella stessa epoca, confusi con i rockettari, nascono e finiscono, gli Urlatori: dei gradevoli ibridi di acuti tenorili ed atteggiamenti di rottura col passato , con Tony Dallara e Come prima , la milanesissima Betty Curtis e via via fino alla famosa Pel di Carota, ovvero Rita Pavone. Il gusto del rock nazionale, convivendo con la canzone allitaliana (cio con la produzione di CarloAlberto Rossi Varie e le personalit di Mina, Morandi, Paoli Senza fine , tutti campioni di razza), ne risulta diluito, soprattutto nella espressione pi prettamente politica. Intanto negli States impartivano lezioni di canto, originalit e funzionalit sociale Bob Dylan Mr Tambourine man e tutta la generazione che porter al 68. In quegli anni, a meno del fenomeno mondiale che furono i Beatles She loves you , il linguaggio e gli obiettivi artistici in genere si preoccuparono di esprimere meno amore e/o giri armonici, a tutto vantaggio

dellarricchimento umano della espressione musicale. Gi a quellepoca il nostro gusto artistico personale soffriva della prevalenza, sulla scena del rock, del bavo cantante solista (in genere inserito in un gruppo musicale di cui la star) a discapito dellespressione musicale di gruppo che, a nostro avviso, meglio avrebbe simbolizzato e trasmesso il concetto sociale dellunione che fa la forza. Purtroppo quello che si trova sullargomento poco rispetto a quello che possibile fare per rendere vivo e concreto questo principio di asservimento della voce singola rispetto al risultato finale del coro. Lo dimostrano bene le nicchie per appassionati della musica a cappella, ovvero di quella musica fatta unicamente e completamente da voci senza ausilio di strumenti, ben presenti sia nel Jazz che nel Samba di cui forniamo dei link esemplificativi. JAZZ A CAPPELLA http://www.youtube.com/watch?v=XqKTmEvqFSo http://www.youtube.com/watch?v=Y7zZf65cfrc http://www.youtube.com/watch? v=uCMLm838oxM&feature=fvsr SAMBA A CAPELLA http://www.youtube.com/watch?v=3IWKJ9nFI6M http://www.youtube.com/watch?v=WoiQNF5k5Bg http://www.youtube.com/watch?v=oSC-JcDdmPo Spero solo che, nel tentativo di salvarvi dalla dodecafonica, non vi abbia trascinato nel caos (a volte patologico) dei rockettari. Vi ringrazio dellattenzione

Saro