Sei sulla pagina 1di 86

LIBRO II LA FISICA DELLARCO DI LEGNO

Sommario
La fisica dellarco, prima che la freccia voli via ................................................................................................................................2 1. Come dovrebbe essere un arco di legno? .................................................................................................................................2 2. Nozioni preliminari.....................................................................................................................................................................4 2.1 Nomenclatura e unit di misura ........................................................................................................................................6 2.2 Energia ...................................................................................................................................................................................8 2.3 Il trasferimento di energia nel tiro con larco ...................................................................................................................8 2.4 Meccanica interna del flettente ...........................................................................................................................................9 2.5 Comportamento statico nellarco .....................................................................................................................................12 2.6 Il diagramma di trazione ...................................................................................................................................................13 2.6.1 Isteresi statica ..........................................................................................................................................................................15 2.6.2 Analisi del grafico di trazione nellarco tradizionale ...............................................................................................................18 2.6.3 Lo stack ...................................................................................................................................................................................18 2.6.4 Esempi di grafici di trazione per archi tradizionali ..................................................................................................................20 2.7 Bilanciamento dei flettenti nellarco ................................................................................................................................22 3. Approccio teorico alla Balistica interna del sistema Arco - Freccia ...................................................................................22 3.1 La buona performance.......................................................................................................................................................24 3.2 Il modello matematico dellarco .......................................................................................................................................24 3.4 Parametri considerati .........................................................................................................................................................27 3.5 Coefficienti di qualit ........................................................................................................................................................27 3.6 Validazione del modello matematico ..............................................................................................................................28 4. Classificazione degli archi in funzione del modello di geometria ......................................................................................30 5. Approfondimenti: uno sguardo alle Fonti .............................................................................................................................34 5.1 Espressioni matematiche degli stress nellarco e nella corda .......................................................................................34 5.2 Effetti del brace height sulle sollecitazioni statiche .......................................................................................................37 5.3 Effetti della deformazione permanente (set ) e della pre-riflessione. ..........................................................................39 5.4 Effetti della lunghezza totale dellarco sugli stress statici.............................................................................................41 5.5 Effetti dello spessore e larghezza del profilo sulla curvatura dellarco ......................................................................44 5.5.1 Il piano neutro .........................................................................................................................................................................49 5.5.2 Stress nelle fibre ......................................................................................................................................................................51 5.6 Effetti del peso della corda sulla velocit della freccia e sullefficienza dellarco ......................................................55 5.7 Effetti della massa dei puntali e della loro resistenza allaria sul rendimento dellarco ................................................56 6. Massa virtuale .................................................................................................................................................................................57 7. Propriet delle corde ......................................................................................................................................................................62 7. Considerazioni sul Paradosso dellarciere ..................................................................................................................................67 7.1 La vibrazione delle frecce: concetti generali ........................................................................................................................67 7.2 La storia vibrazionale della freccia. .......................................................................................................................................69 7.3 Allineamento dei nodi durante laccelerazione ...................................................................................................................70 7.4 Come la freccia lascia larco ...................................................................................................................................................71 7.5 Analisi del percorso della corda e dei movimenti dellarco...............................................................................................72 7.5.1 Il rilascio ...........................................................................................................................................................................79 7.5.2 Lasta si raddrizza ...........................................................................................................................................................81 7.5.3 La seconda curva .............................................................................................................................................................82 7.5.4 La terza curva ..................................................................................................................................................................82

La fisica dellarco, prima che la freccia voli via


Questa parte risulta composto da tre ambiti fondamentali. La prima (capitoli 1 e 2) dedicata allesame preliminare del sistema arco freccia, con i principi fisici base del loro funzionamento; ha un carattere descrittivo e pu essere affrontata serenamente da chiunque senza alcuna fatica. I capitoli 3 e 4 sono un po pi approfonditi, riguardano in generale il rendimento dellarco, ma anche loro sono fondamentali per la comprensione del sistema. Il paragrafo 5 un ulteriore approfondimento, si riferisce alle Fonti storiche dello studio fisico dellarco, il cui approccio implica un po di confidenza con la fisica e la matematica (non pi profonda degli studi liceali). Per quanto possibile, ogni paragrafo contiene un sunto iniziale e delle conclusioni a cui un lettore non avvezzo alle equazioni pu ricorrere per capire al volo ci di cui si parla, senza temere di tralasciare nulla di sostanziale. Il capitolo 6 dedicato al concetto di Massa virtuale, un importante ed utile elemento per approfondire le componenti energetiche del sistema balistico interno, e il successivo dedicato alle propriet delle corde di fibra naturale. Il capitolo 9 affronta invece il mai discusso abbastanza argomento del Paradosso, dove si cercher di esaminarlo in modo olistico, includendo i fattori legati alla biomeccanica dellarciere. Chi interessato alla costruzione dellarco di legno dovrebbe naturalmente porsi dei perch; buona parte di essi, relativi al dimensionamento e alle geometrie, sono qui spiegati. Inutile scrivere che i modelli teorici presentati sono perfetti per via della loro teoricit assoluta (esiste forse un legno a densit costante?) ma le conclusioni a cui si giunge, dopo magari un percorso teorico estenuante, alla fine ci stupiscono per la loro praticit.

1. Come dovrebbe essere un arco di legno? Riporto quanto scrissi su un piccolo trattato di balistica dellarco preistorico1:
In ogni modo sia, lelaborazione teorica dei modelli matematici fa immediatamente comprendere quanto critico laspetto della geometria costruttiva per le performance del sistema; e nella stessa maniera quali siano le caratteristiche delleffetto sulla preda animale in funzione del proiettile. A questo punto, appare importante definire quali sono queste performance, poich ogni arciere pone le sue aspirazioni sullattrezzo. Ragionando quindi con una logica stringente, le aspirazioni principali di un arciere che deve utilizzare larco per il suo dovuto ruolo (caccia, pesca e combattimento tra umani dovranno essere: 1) possedere e ben utilizzare arco e frecce di qualit 2) che questo insieme arco freccia sia durevole ed efficiente; 3) che sia in grado di scagliare le frecce pi veloci possibile; 4) che esse possano penetrare nel bersaglio profondamente provocando in esso gli effetti pi devastanti, per il recupero e per neutralizzare la possibile reazione.

BRIZZI. V., Balistica dellarco e dinamica della freccia nel cacciatore preistorico, Atti del convegno di Fiav (Tn) 2002.

Questo paragrafo in corsivo fa parte di uno scritto tecnico che venne rivolto ad archeologi senza alcuna preparazione arcieristica, con lobiettivo di dimostrare lalta specializzazione necessaria alla realizzazione (e gestione) di un arco nella preistoria, partendo dalle ovvie necessit di un suo utilizzatore. La trattazione prosegue descrivendo laltrettanto alta specializzazione necessaria alluso dellarco in caccia e alla sua manutenzione, argomenti che in questo libro vengono solo sfiorati. Ma il punto di partenza, la motivazione a cui riferirsi per comprendere in profondit lintero sistema: arco, freccia, arciere e bersaglio. Questa visione olistica del tiro con larco lunico modo per considerare lintero fenomeno dallangolazione corretta. Le componenti interdipendenti in gioco (matematicamente le variabili) sono tantissime. Lunione delle parti genera un qualcosa di estremamente complesso, in cui unanalisi riduzionista (cio lanalisi puntuale di un fenomeno separatamente dagli altri, precedenti e successivi) spesso porta su una strada inconcludente. Linfluenza di un cattivo rilascio, ad esempio (e questo ovvio) modifica il modo con cui lenergia si ripartisce alla freccia, indipendentemente dalla perfezione della macchina arco realizzata, come pure lassetto del braccio dellarco e lo stile di tiro vanno ad influenzare lo spine dinamico e le interazioni con larco, mutando quantitativamente gli effetti del paradosso dellarciere. La costruzione dellarco di legno, ispirato alla storia o allancor pi antica preistoria, un insieme di tecniche complesse e affascinanti, che ricoprono uno spettro vastissimo di quelle che oggi sono chiamate tecnologie primitive2. Il processo dindagine tende alla speculazione attraverso losservazione e la sperimentazione, un ambito generale che abbraccia un panorama multidisciplinare che costringe lo sperimentatore serio ad allargare sempre di pi il suo orizzonte di ricerca. La Fisica la scienza dominante, assieme alla Botanica e alle discipline collegate3. Lo studio dei reperti archeologici impone criteri di metodo osservativi, e le considerazioni antropologiche, sociali, economiche seguono a ruota. Insomma, una finestra aperta con dei limiti sfumati, per addentrarci in un mondo ricchissimo di stimoli. Fino a 500 anni fa larco era unArma, poi soppiantata dalle armi da fuoco per il suo utilizzo bellico. Poi a met dell800 si assiste ad una sua rinascita culturale, certamente aristocratica, ed una lenta riaffermazione come disciplina sportiva. Fino agli anni 60 con la rivoluzione del compound le cose non cambiano poi di molto, anche se gi dagli anni 30 gi si assiste ad una timida intenzione di modernizzare il sistema di propulsione con lavvento di nuovi materiali di artificiali4. Solo fino a cinquanta sessanta anni fa larco era lArco, non poteva esistere una distinzione significativa tra le sue tipologie tale da evidenziare un concetto di evoluzione. Com innegabile che archi di migliaia danni fa dimostrano lestrema specializzazione dellidea, nata per necessit, intramontabile e rappresentativa di uno stadio particolare di tipo adattativo delluomo allambiente, e quindi atemporale, nel momento che larcieria risorge e si diffonde come fenomeno culturale e sportivo lo scenario si modifica, e si assiste ad una diversa deriva, nata dallesigenza di accomodare luomo alla pratica del tiro al bersaglio, conciliando i suoi tempi ridotti con lattivit diportistica. Levoluzione del mezzo va verso la direzione del miglioramento della precisione, a
sul rapporto tra lo studio e lapplicazione delle tecnologie primitive e larcheologia sperimentale si veda il capitolo in appendice. 3 naturalmente, nellindagine archeologica sui reperti, lo spettro delle scienze coinvolte si allarga a dismisura, comprendendo la chimica, la biologia, le scienze della terra, unitamente allantropologia, la psicologia e letnologia per i riscontri sul comportamento del principale attore studiato, luomo. 4 Anche se sono passati solo trentanni, la radicale modificazione dei costumi e dei consumi (anche quelli culturali) di oggi evidente, Fast Food & Fast Culture, diffusione e esaltazione degli elementi esteriori a scapito della fatica (per i pi) la parola dordineanche in arcieria. Ed un peccatoSe linvenzione dellarco e delle frecce stata una risposta adattativa allambiente delluomo, ed perdurata per migliaia di anni senza evolversi, mi piace pensare che ci che avvenuto non si discosti da questa logica. A caccia (e in guerra) si va con armi ben pi micidiali. La risposta evolutiva delluomo c quindi stata. Arco e frecce diventano una risposta (e si evolvono quindi negli aspetti tecnologici) alluso del tempo liberoe diventano gioco e sport (vedi nota 6).
2

parit dapplicazione e impegno umano, escludendo le altre forme di specializzazione (la potenza5, la velocit e labilit) forme notevolmente pi faticose e sicuramente inutili oggi rispetto allattivit ontologica6 che stata per migliaia danni. La bibliografia di mezzo secolo fa, durante la rinascita dellarcieria ludico sportiva, poteva differenziare al pi tra i noti Longbow inglesi, assurti ai primi del 900 a simbolo dellattivit sportiva (considerati allora archi tradizionali), con la loro brava sezione a D, e gli archi compositi orientali, ricurvi e corti, differenziati etnicamente tra i vari luoghi del medio ed estremo oriente per misure, rapporti dimensionali tra le parti, e varianti legate alle materie prime disponibili nel contesto. Ma alla base della tecnologia rimanendo il legno come fondamentale materia su cui lavorare le variabilit su cui speculare restavano vincolate a gesti ritrovati nella pratica dellartigiano, che con la sua esperienza e conoscenza tacitai riusciva a tirare fuori da un ramo o da un tronco il meglio possibile. Non esiste un qualsiasi concetto evolutivo che si manifesta, quindi, ma pi direzioni contemporaneamente percorse alla ricerca del miglior sfruttamento della materia prima disponibile, il Legno, con lobiettivo di ottenere il miglior risultato con il minor costo/sforzo. Ecco perch i gesti ripercorsi dellartigiano arcaio di oggi possono ricalcare (e lo fanno inevitabilmente) con estrema facilit quelli di un arcaio di ieri. Ovvio che la prospettiva sostanzialmente diversa: oggi larco evidentemente un attrezzo per fare sport, e infatti la tecnologia moderna ne ha tracciato unevoluzione snaturante da un punto di vista ontologico, seguendo pedissequamente ci che la tendenza consumistica del mondo contemporaneo pretende. Manca la necessit ontologica, luso dellarma, sostituita da una necessit sportiva, in certi casi speculativa (lo studio dellantico) o ludica, facendo molta fatica a fare cultura, come secondo me si meriterebbe. In questottica, la speculazione imitativa. Si cerca di ottenere il meglio possibile dal tronco o dal ramo , costringendosi a utilizzare utensili poveri, rinunciando alla corrente elettrica, immaginandosi di fare un viaggio nel tempo, e ottenendo, di conseguenza, in insieme di risposte che ci possono far sentire pi vicini ai nostri progenitori.

2. Nozioni preliminari
Cosa pu interessare a noi, in modo pi o meno evidente e marcato, quando decidiamo di dedicarci al tiro con larco? Banalmente, imparare a colpire un bersaglio il pi accuratamente possibile, con innumerevoli varianti. C chi desidera colpire con regolarit il centro e chi desidera essere in grado di colpirlo con lunica freccia, c chi spera di raggiungere il bersaglio interiore svelando alcune sfumature nascoste del proprio io apprendendo larte del tiro (e comunque deve colpire il bersaglio) c chi desidera catturare la selvaggina con questo mezzo, ed altre combinazioni sul tema. Comunque sia, lo scopo diretto del tiro con larco colpire il bersaglio con la freccia. E leffetto della freccia che impatta sul bersaglio (al centro, in alto, in basso, fuori non fa testo) legato alla causa - arciere che tramite larco la ha scagliata. Perch questa premessa? Questo e i prossimi capitoli saranno dedicati allesame del sistema arco freccia arciere7 da un punto di vista prettamente fisico. Le informazioni che possono darci tali esami sono utili per
5

Potenza, qui e altrove, quando non specificato diversamente, si riferisce al concetto astratto che la parola reca con s, e non della grandezza fisica associata. 6 Ontologico: larco nasce come arma per la caccia e diventa arma anche per la guerra. Il suo vero significato questo, tale da almeno 12000 anni. Ontologicamente, quindi, qualsiasi ambito che esuli da queste riposte adattative delluomo allambiente out. Larco sportivo, e la sua manifesta evoluzione tecnologica, forse tra tre o quattromila anni potr assurgere ad un ruolo di pari rango.
7 Parliamo volentieri di sistema arco freccia arciere perch impossibile ragionare sulleffetto freccia sul bersaglio partendo dalle sue singole componenti in modo autonomo, senza cio correlare le variabili strumentali tra loro e senza tenere sempre ben presente la componente umana. Nel caso dello studio

comprendere pragmaticamente un insieme di meccanismi macroscopici (impatti delle frecce, valutazione dellefficienza di un arco, ecc.) ma soprattutto credo ci possano dare consapevolezza su ci che facciamo e aggiungere qualche dato in pi per tentare di spiegarci il perch lo si fa. Ragionando quindi in termini di sistemi causa effetto, il nostro effetto freccia sul bersaglio ha come causa linsieme di eventi che coinvolgono 1) larciere (la macchina che possiede la fonte di energia e che grazie al suo sistema di muscoli e leve in grado di trasferire tale energia in un modo pi efficiente ad unaltra macchina) 2) larco (la molla pre-caricata che accumula energia elastica grazie al lavoro compiuto dai muscoli dellarciere) e 3) la freccia, il vettore intermedio tra larcierearco che trasferisce grazie al suo moto la sua energia cinetica, al bersaglio. Insomma, un sistema e tre componenti, la cui sinergia meccanica fondamentale dal punto di vista fisico. Questo studio ci porta quindi allo studio della balistica: ogni sistema balistico, cio un sistema che preveda un corpo in movimento che ha modificato il suo stato di quiete grazie ad una causa interna (come nel razzo) o esterna (il proiettile) arrivando contro un bersaglio, viene analizzato suddividendo lindagine in balistica interna, esterna e terminale. In unarma da fuoco la balistica interna lanalisi di ci che accade dentro la camera di scoppio, le propriet delle polveri e il transito del proiettile nella canna dellarma. Quella esterna relativa al tratto che il proiettile compie nellaria (e coinvolge quindi la meccanica dei corpi in movimento soggetti alla forza di gravit e alla resistenza dellaria, quella terminale studia gli impatti contro il bersaglio e gli effetti provocati dal proiettile. Nel nostro caso la balistica interna del tiro con larco studia i fenomeni fisici che avvengono nellarco mentre la freccia ancora solidale con la corda: la freccia quindi non si ancora distaccata. La comprensione delle basi fisiche del funzionamento dell'arco in questa prima fase molto importante: serve a capire il funzionamento dellintero meccanismo balistico. In questo capitolo ci occuperemo della meccanica dell'arco e dell'influenza che la sua geometria ha sul suo rendimento. Prima per necessario dare uno sguardo ai concetti di energia, tanto per fissare una terminologia appropriata.

balistico, tale componente umana viene ridotta alla macchina, cio al corpo umano inteso come struttura scheletrico muscolare (e quindi biomeccanica del gesto) senza prendere in considerazione la componente mentale.

2.1 Nomenclatura e unit di misura

Figura 1

Il presente paragrafo, per chi non avvezzo ai termini arcieristici, utile per definire una terminologia base riguardante le componenti fondamentali e le tipologie principali di arco discusse in seguito, e le unit di misura anglosassoni pi conosciute. Scopo di questa trattazione non comunque descrivere storia ed evoluzione dellarco di legno, ma evidenziare i possibili indicatori dellinsieme arco-freccia-tiratore-bersaglio, sia da un punto di vista prettamente tecnologico, sia da quello relativo al contesto culturale e ambientale dellutilizzatore. Chi volesse approfondire largomento, pu riferirsi alla bibliografia. La pi semplice e comune tipologia darco ravvisabile in un legno rastremato alle estremit con le parti terminali collegate tra loro con una corda inestensibile, ovviamente di lunghezza minore del legno in oggetto. la parte dellarco rivolta verso il tiratore che lo impugna chiamata ventre (belly8) o parte anteriore (il riferimento sempre larciere) e la parte opposta, quella rivolta verso il bersaglio il dorso (back) o parte posteriore. La parte centrale limpugnatura (handle, riser) e le estremit vengono dette puntali (tips). Altra grandezza importante, la distanza arco-corda, conosciuta come brace height (o fistmele9), naturalmente misurata ad arco incordato. Un arco che una volta scaricato rimane flesso (cio non ritorna dritto come era in partenza, proma di caricarlo) si dice che segue la corda (follow the string) e che conseguentemente acquisisce set. Le geometrie principali darco (non dritto) si classificano quando larco scarico e si differenziano tra landamento della
8 9

La nomenclatura anglosassone fa da padrone nella bibliografia, conseguentemente opportuno abituarvisi. Fistmele: lunit anglosassone di misura arco-corda nel medioevo: corrispondeva al polso pi il pollice teso.

curvatura tra flettenti e impugnatura. Un arco a flettenti riflessi (reflexed limbs) ha i flettenti la cui convessit della curvatura orientata verso il bersaglio. Al contrario, un arco la cui convessit dei flettenti verso larciere di dice a flettenti deflessi (deflexed limbs). Anche limpugnatura pu essere deflessa (curva concava verso larciere) o riflessa, come in certuni archi orientali, che ha la convessit verso larciere. Le unit di misura: anche in questo caso la letteratura anglosassone ha stabilito le regole. Lallungo (la distanza a cui viene teso larco dallarciere, draw lenght) misurato in pollici (un pollice inch = 254 mm) e la lunghezza degli archi, soprattutto nella bibliografia datata, spesso espressa in piedi (1 piede foot = 12 pollici = 300 cm.). Il carico (cio la forza necessaria a tendere larco) sempre espressa in libbre (pound, e in via abbreviata lbs) e una libbra corrisponde a 540 grammi. La velocit viene espressa in foot per second (fps). Un fps corrisponde a 2.777778 x 10-1 metri al secondo. Lenergia (quella elastica potenziale che accumula larco durante la trazione tramite il lavoro dellarciere) espressa in ft-lbs (o foot pound, si misura in Joule; gli anglosassoni utilizzano la libbraforza-piede abbreviato ft.lbs, che corrisponde a 0.738 Joule.; per convertire 30 Joule in ft.lbs., basta moltiplicare 30 per 0.738=22.1 ft.lbs.) Tutta la bibliografia sullarco utilizza il sistema anglosassone. Le configurazioni che assume larco possono essere cos riassunte: Arco scarico: la corda non collegata ai puntali si pu, in questa configurazione, apprezzare la geometria costruttiva e di conseguenza definirne i parametri fondamentali di progetto; Arco incordato, a riposo: la corda viene montata e quindi tesa tra le estremit (puntali) e larco pronto per essere teso dallarciere; Arco teso: larciere che impugna larco lo tende fino al raggiungimento del suo allungo fisiologico10. Un arco completamente costituito di legno chiamato self bow e un arco costituito da pi elementi in legno chiamato built bow; uno fatto con legno (o corno) su cui applicato tendine o pelle chiamato arco rinforzato o backed bow, un arco costituito da corno, legno e tendine chiamato composito o composite bow. La tradizione di rinforzare gli archi (e soprattutto quella di realizzare archi compositi) propriamente medio-estremo orientale e di parte delle culture nordamericane. LEuropa, nella sua storia e preistoria, ha visto prevalentemente archi di solo legno11 (sefbows). Molti vedono una storia evolutiva dellarma, da semplice bastone piegato a insieme composito di pi materiali; in realt lo sviluppo del prodotto culturale dellarco composito (corno, legno, tendine) testimoniato e databile anche se approssimativamente - da ritrovamenti e iconografia al tempo degli Assiri12, pu essere interpretato come un adattamento funzionale al clima e alle necessit duso. Come si vedr nei paragrafi seguenti, a tutti gli effetti i disegni (geometrie) darco pi efficaci (nei termini della macchina) sono quelli semplici del legno piegato, e cos evoluti esistevano gi ai tempi delle culture mesolitiche, e forse prima.

allungo fisiologico: la misura di quanto viene teso larco prima del rilascio della freccia da un determinato arciere, e dipende dalla lunghezza della freccia, dallo stile di tiro, dalla lunghezza delle braccia e spalle del tiratore. 11 Questa asserzione da prendere con le molle. Lesiguit di reperti a disposizione non ci permette di evidenziare un quadro certo, considerando la difficolt di conservazione dei reperti organici nel tempo. Il fatto che alcuni archi o frammenti darco dellEuropa preistorica (soprattutto a sezione piatta) non rilevino un apporto di tendine o pelle cruda di rinforzo (backed bow) non pu essere considerata prova conclusiva per escludere la possibilit che questo accorgimento non fosse adottato per incrementare la resistenza a flessione. Lunico arco europeo del primo neolitico, che conserva tracce evidenti di fibra organica connessa con i flettenti, larco di Maere Heathe. (Clark, 1963) anche se non ne chiara la motivazione. 12 Larco composito sempre molto pi corto di quello di solo legno, a parit di vocazione/destinazione. larma ideale per il tiro da cavallo. In pi, la struttura composita molto mal si adatta ai climi umidi del continente europeo. La colla animale, lunica in grado di connettere al legno il corno ed il tendine, svolge bene la sua funzione solo nei climi secchi.
10

2.2 Energia
L'energia che un arco accumula sinteticamente la misura del lavoro compiuto per tenderlo. Il lavoro forza X spostamento: per il nostro sistema arciere-arco-freccia, concettualmente la forza dei nostri muscoli che spostano la corda dalla sua posizione iniziale (piegando i flettenti) per lo spostamento della corda, durante la fase di apertura dellarco, fino al punto di rilascio13. Pi precisamente, ad ogni intervallo di allungo che si raggiunge nella tensione, il lavoro svolto fino a quel momento la somma delle forze necessarie a tendere larco moltiplicata per la somma dei pollici di allungo compiuti. In questo modo il sistema arco-freccia accumula energia potenziale elastica. Vediamo ora tutti i tipi di energia coinvolti nell'azione di tendere l'arco. Abbiamo spiegato il meccanismo che ci permette di accumulare la nostra energia potenziale elastica: Il concetto di energia potenziale, intuitivamente interpretabile come energia "in potenza" a disposizione, che pu essere fruita, ed in funzione della posizione del corpo e della forza in gioco che grava su di esso. 2.3 Il trasferimento di energia nel tiro con larco Un' azione di tiro coinvolge tre tipi di energia diversa; vediamo quali, anche se in modo generale. Il lavoro compiuto dall'arciere nel tendere l'arco si trasforma in energia elastica potenziale (EEPteor) accumulata dalle fibre della struttura dei flettenti14. Dal momento che avviene il rilascio della corda, questa energia si trasforma in energia cinetica (EC), cio di movimento, della cordafreccia. Appena la freccia lascia la corda, essa vince la sua energia potenziale gravitazionale a spese della sua energia cinetica. Se non esistessero attriti, l'energia dell'arciere verrebbe trasferita attraverso questi passaggi senza perdite. Cos non avviene; l'isteresi15 dellarco, la resistenza dell'aria, ed altre forme di attrito riducono l'energia risultante. Violando le regole di sicurezza si potrebbe fare un esperimento che potrebbe rendere comprensibile tutto ci. Tendendo l'arco verticale, si accumula energia potenziale elastica. Al rilascio questa energia si muta in cinetica (corda-freccia). All'uscita dall'arco la freccia possiede energia cinetica per vincere l'attrazione gravitazionale. Essa viene spesa nella salita per guadagnare energia potenziale gravitazionale. Quando la freccia si ferma, l'E. cinetica = 0, l'E. potenziale massima. Durante la discesa avviene il contrario: l'E. potenziale gravitazionale si trasforma in E.cinetica ed al momento del contatto con il terreno si trasforma a sua volta in energia termica attraverso le forze di attrito che si sviluppano durante la penetrazione nel terreno. Il ciclo compiuto. Volendo quantificare in cifre, e senza considerare gli attriti, un arco da 50 libbre richiede un lavoro per tenderlo di 251 libbre/piede (1 piede = 30,30 cm. = 16"), per tenderlo di due piedi e portarlo all'allungo di 32" presupponendo una distanza corda arco di 8"(Brace Height) si sviluppa un lavoro pari a 50 ft.lbs., di energia potenziale elastica, che viene convertita in energia cinetica e trasferita alla freccia quando viene rilasciata la corda durante il tragitto che va dai 32" di allungo alla distanza degli 8" del Brace Height. La freccia voler verticale finch non raggiunger l'altezza in cui possieder 50 ft.lbs di energia potenziale gravitazionale, e sar ferma. Se la freccia avr massa di 25 grammi (1/20 di libbra) salir ad un'altezza di 330 metri (1000 piedi) perch consideriamo la formula E.potenziale = Mgh, dove M la massa della freccia, h l'altezza
Punto di rilascio: corrisponde al punto di contatto/ riferimento fisso con il volto, che la mano della corda mantiene compiuta la trazione e durante la fase di mira. 14 Vedi prossimo paragrafo sulla struttura dei flettenti 15 Isteresi: dal punto di vista fisico il ritardo con il quale un fenomeno si manifesta rispetto all'azione delle cause che lo producono, in relazione con le trasformazioni precedentemente subite dal materiale sottoposto allo stress. Un corpo soggetto ad una sollecitazione si deforma, (il flettente). Se la sollecitazione debole e graduale, la deformazione si manifesta proporzionale alla forza, e non c' isteresi. Se invece la sollecitazione forte, la deformazione scompare con un certo ritardo dal corpo deformato, e quindi l'energia spesa non viene resa totalmente (al rilascio) dalle fibre del flettente. Vedi par. 2.6.1
13

raggiunta, g la costante di gravit, e la nostra formula diventa 50=1/20 x h, da cui h=50/1/20=1000. La nostra freccia scender da quest'altezza guadagnando energia cinetica a scapito di quella potenziale, e toccher terra con 50 ft.lbs. di E. cinetica e 0 di E.potenziale. Questo in linea di principio. Come abbiamo detto, le forze di attrito tra le componenti del sistema arco freccia, gli attriti aerodinamici, modificano questo comportamento ideale.

2.4 Meccanica interna del flettente


Spesso tra arcieri si sente parlare di potenza dell arco. Da un punto di vista intuitivo, dire che l arco A pi potente dellarco B sufficiente per far intendere come la forza necessaria per tenere teso il primo sia maggiore di quella necessaria per il secondo. E questo che generalmente si vuole comunicare. Oppure, in modo traslato, che spedisce le frecce pi velocemente e lontanoe ci trasmette la sensazione con rapidit ed immediatezza. Gli americani chiamano cast questa sensazione. Ma da un punto di vista fisico una grossa castroneria: gli attributi fisici che possiamo correttamente associare a pi archi comparati tra loro sono: La forza di trazione: la forza che necessaria per tenere tesa la corda ad un determinato allungo; lenergia immagazzinata (EEP): la somma di tutte le forze x lo spostamento esercitate per tendere la corda, valore corrispondente al lavoro necessario per tendere larco. La potenza, quindi, da un punto di vista statico non centra nulla. La potenza uguale alla forza nellunit di tempo, il che significherebbe che il nostro arco, in funzione del tempo (variabile) che impieghi a tenderlo, misurerebbe potenze diverse. Da un punto di vista dinamico si potrebbe dire che il medesimo arco diventa pi potente quando scaglia frecce pi leggerecomunque sia, poi ci toccherebbe misurare questo attributo dellarco in Watt(!!)16 Lenergia immagazzinata dallarco da dove proviene? Il motore dell'arco il sistema dei flettenti, e il flettente composto da tre strati: a) faccia posteriore, rivolto verso il bersaglio (back): lo strato sottoposto a tensione durante la trazione; b) il cuore: lo strato interno che fa da interfaccia tra i due esterni e che impedisce il reciproco scivolamento; c) faccia anteriore, verso larciere che lo tende (belly): lo strato sottoposto a compressione durante la trazione.

Volendo cavillare, potremo identificare nella potenza un parametro valido dal punto di vista qualitativo quando due archi, con la medesima energia potenziale accumulata durante la trazione (non stesso carico al medesimo allungo) scagliano le loro frecce (di massa uguale) a velocit diverse. Larco con minori masse in movimento sarebbe correttamente pi potente dellaltro e di conseguenza tirerebbe la freccia pi veloce.
16

diagramma 1

La forza di trazione dell'arco generata dalle forze di taglio17 che si sviluppano all'interno della struttura. Lo strato interno contiene lasse neutro, dove non vi trazione e compressione, ma solo forze di taglio, ed il suo posizionamento determinato dalle propriet del materiale che costituisce i flettenti. La superiorit statica dell'arco composito (intesa come capacit di accumulare energia e possibilit di essere piegato di pi) sull'arco lungo in legno ad un solo elemento costruttivo (self bow), consiste proprio in ci. I materiali che compongono quindi l'arco composito devono essere flessibili, il pi possibile leggeri ed indeformabili; il segreto sta nell'incollaggio delle parti componenti18. Nellarco composito orientale, nelle sue varianti, comunque il corno sempre sostiene la compressione ed rivolto verso larciere (belly) e il tendine verso il bersaglio, ed il suo ruolo resistere alla trazione. In mezzo c sempre (tranne in alcuni archi dei nativi damerica) il legno, spesso Acero, che ha lo scopo di contenere lo strato in cui scorre il piano neutro. Dall'esame dei diagrammi 1a,b,c possibile verificare lorientamento delle forze in atto.

La forza di taglio si genera quando due superfici diverse tentano di scorrere tra loro e non lo possono, perch sono incollate. 18 Il cuore, negli archi moderni, viene talvolta sostituito con delle "schiume" poliuretaniche invece del tradizionale "maple" (acero canadese) a piccoli strati, in un pezzo unico o in sottilissime strutture.
17

10

diagramma 2

La figura 1a del diagramma 1 mostra un sandwich composto da tre laminazioni prima dell'incollaggio reciproco, fissato alla base. Se viene applicata una forza all'altra estremit la struttura ovviamente si piega (fig. 1b). Gli strati slittano uno sullaltro e hanno lo stesso raggio di curvatura. Nella fig. 1c lingombro relativo di ogni strato cambia, in virt del differente raggio di curvatura che viene a formarsi nei due strati. Quantificando questa differenza in scala sulla figura, si pu dire che tra lo strato interno e quello esterno si viene a creare mezzo cm. di sbalzo. Ogni foglio possiede la stessa percentuale di tensione e compressione. Considerando l'arco composto da due di questi sandwich (diagramma 2), la differenza totale di lunghezza si raddoppia, 1 cm.. Ebbene, se incolliamo i tre strati insieme, e li sottoponiamo alla stessa forza (fig. 1c), l'ammontare di materiale sottoposto a stress sar proprio di 1 cm., non si verificher alcuna differenza di lunghezza tra gli strati in quanto solidamente vincolati insieme. Lo strato anteriore sar sottoposto a compressione, lo strato posteriore sar sottoposto a tensione, lo strato intermedio (la parte incollata) "medier" le due forze contrapposte. Queste forze altamente distruttive vengono bilanciate e ben distribuite nel flettente dell'arco; e sono ovviamente le responsabili della propulsione della freccia. In un arco di legno questo discorso astratto: non abbiamo strati veri e propri, ma parti del tronco con diverse propriet e orientamento delle fibre. Gli archi lunghi medievali, ad esempio, vengono ricavati dal tronco conservando la parte giovane (alburno) e dedicandola alla trazione, diventando il back dellarco. La parte in compressione (belly) il legno pi vecchio, il durame. Nel punto di unione tra le due parti si sviluppano le forze di taglio, o scorrimento. Vedremo le opportune eccezioni riscontrate in diversi reperti archeologici ed etnologici nel capitolo specifico, e gli approfondimenti su questa complessa parte della fisica applicata, pi oltre (par. 5.5.1). Le propriet strutturali di resilienza19 del materiale fanno s che il flettente ritorni alla posizione iniziale dopo essere stato piegato, cio dopo aver rilasciato la corda, in un tempo brevissimo. Negli archi di solo legno, la resilienza generalmente bassa, diversificata da essenza ad essenza, e nella stessa tra albero e albero. Come risultato, le perdite elastiche nel ritorno del flettente aumentano il passare del tempo. Il legno pu tollerare stress di 56 kg/cm2, mentre i moderni materiali (fibra,

19

Resilienza: propriet elastica dei materiali, dipendente dalla loro capacit di ritornare alla posizione di partenza una volta deformati.

11

carbonio) che costituiscono gli archi compositi d'oggi possono tollerare stress in eccesso mille volte superiore. La loro perdita elastica al ritorno, o resilienza praticamente nulla anche dopo anni di sfruttamento. Dal punto di vista della resilienza, quindi si pu affermare che con i moderni materiali l'energia elastica viene conservata, nell'ordine del 95% 98%. L'energia elastica dovrebbe cos essere trasferita dalla corda alla freccia trasformandosi in energia cinetica. Vedremo come questo valore di energia diminuisca comunque a causa di svariati fattori, che via via analizzeremo in dettaglio (Cap. 6)

2.5 Comportamento statico nellarco


Finalmente possiamo affrontare il primo dei criteri oggettivi di valutazione. Il nostro punto di arrivo la computazione del rendimento del sistema arco freccia; ma per arrivare a questo opportuno prima considerare il concetto di comportamento dellarco da due punti di vista: quello statico e quello dinamico. In questo paragrafo, che esamina la macchina arco isolata ci occuperemo del comportamento statico20. Esso proprio dellarco in s, indipendentemente dalla freccia a cui lo accoppieremo e di tutti i ragionamenti possibili legati alla massa del materiale in movimento dello scocco. Vedremo come non sempre un buon comportamento statico dellarco isolato corrisponde ad un altrettanto buon rendimento dinamico dellarco pi la freccia21. Ealtrettanto vero che difficilmente un arco con un comportamento statico scadente potr avere buoni comportamenti dinamici; come se partisse svantaggiato in partenza. Il comportamento statico ci fornisce il valore denergia pi prossimo a quello reale che verr trasferito alla freccia, e ci servir per computare da un punto di vista numerico il rendimento dinamico del sistema. In linea di massima, quindi, la valutazione del comportamento statico ci offre la possibilit di valutare a priori la qualit della geometria dellarco, e di conseguenza fornirci i dati necessari per procedere nellanalisi del sistema arco + freccia. Il rendimento di qualsiasi macchina definibile come il rapporto tra la quantit di energia sviluppata e la quantit di energia immagazzinata. Se tutta lenergia immagazzinata potesse essere impiegata allo scopo, avremmo una macchina a rendimento uguale a 1 eavremmo scoperto la macchina perfetta. Avremmo anche inventato, di conseguenza, il moto perpetuo22: un iperbole filosofica assolutamente ideale a cui filosofi, alchimisti e fisici ne corso della storia hanno rivolto le loro pi strenue ma vane energie. Il moto perpetuo sfida la legge di conservazione dellenergia23, e come scrive Max Planck: impossibile ottenere il moto perpetuo per via meccanica, termica, chimica, o qualsiasi altro metodo, ossia impossibile costruire un motore che lavori continuamente e produca dal nulla lavoro o energia cinetica.24 Parlando di archi e frecce quindi assodato che non avremo mai rendimenti pari a uno. I fattori che ci permettono di stabilire a priori se un arco ha un buon comportamento statico, cio risulti ben disegnato e realizzato, possono essere analizzati costruendo come primo passo un semplice diagramma, detto diagramma di trazione; secondariamente, per valutarne il

Il comportamento dinamico affrontato nel paragrafo 3.1 dedicato al rendimento del sistema arco-freccia. Il rendimento del sistema arco+freccia , ovviamente, condizionato dalla massa di questultima. 22 Per moto perpetuo intendiamo un moto generato da una macchina la cui efficienza definita come l'energia (o lavoro) utile prodotto in rapporto con tutta (tutta!) l'energia fornitale per il funzionamento. Da qui evidente che l'efficienza pratica non pu essere uguale o maggiore di uno (a causa di attriti, forze esterne, etc), e pu essere uguale a uno solo in un modello ideale teorico. 23 Pi precisamente il secondo principio della Termodinamica. 24 Max Planck, Trattato sulla termodinamica, Dover, New York, 1945, 3ed
20 21

12

comportamento statico, sarebbe necessario elaborare anche il diagramma di rilascio:

praticamente un diagramma partendo dallarco teso allallungo fisiologico fino alla


posizione di riposo (al Brace Height), che ci fornisce indicazioni qualitative sulle perdite per isteresi. Da questo momento in poi, il diagramma di trazione, corretto dai valori computati attraverso il diagramma di rilascio (prima serie di informazioni disponibili per descrivere qualitativamente larco in oggetto) ci accompagner a lungo. Lo troveremo nelle trattazioni dinamiche, riguardanti la balistica esterna, e ci sar comunque molto utile quando andremo ad analizzare il rendimento dinamico del sistema arco-freccia, in cui vedremo ulteriori perdite di energia dovute alla cosiddetta massa virtuale, che ridurranno ulteriormente il rendimento del sistema (cap.6). Anticipando un po i paragrafi prossimi quindi possibile determinare il comportamento statico dell'arco seguendo questa procedura: 1) misurando l'energia potenziale elastica accumulata durante la trazione con il diagramma di trazione; 2) Eseguendo loperazione al contrario, in modo pi o meno approssimato25 possibile identificare lenergia che viene realmente ripartita sul sistema durante il rilascio (prima che la freccia esca dallarco) risultando essa diminuita dalle perdite per isteresi; 3) calcolare le ulteriori perdite dovute alla Massa Virtuale dellarco; 4) determinare il rendimento dinamico del sistema arco-freccia calcolando il rapporto tra leffettiva energia restituita dallarco (3) con l'energia cinetica della freccia in volo. N.B.: Pi il rapporto si avvicina a 1 meglio , ovviamente26.

2.6 Il diagramma di trazione


Un metodo semplice per ottenere il grafico di trazione (e quello di rilascio) il seguente: bisogna prima di tutto disporre di un dinamometro con una sensibilit minima di mezza libbra (o 200 grammi) vincolarlo orizzontalmente ad un tavolo, predisporre una freccia graduata in pollici lunga almeno 30. Lideale sarebbe disporre di un piccolo verricello con il blocco di ritorno (da collegare a monte dellarco). Una volta connesso larco al dinamometro lo si tende, e pollice dopo pollice si riporta il valore in libbre corrispondente. E opportuno prima riportarlo in una tabella, poi gli stessi valori su una carta millimetrata, ove lasse delle x corrisponde allallungo, quello delle y al carico. Non fondamentale il sistema di riferimento adottato per la definizione dellallungo (standard AMO o quello netto al pivot point) basta solo tenerne conto se si vuole verificare o paragonare i propri dati a test pubblicati dalle riviste specializzate27. Il grafico in trazione cos ottenuto mostra qualitativamente, con la sua area, il valore dellE.E.P. accumulata. Il calcolo preciso necessiterebbe di strumenti di calcolo complessi, ma unidea abbastanza chiara, sufficiente per il nostro utilizzo, pu essere ricavata applicando un algoritmo che ora introduciamo . La tabella (1) di carico in funzione dellallungo:

25

Lapprossimazione dipende dalla difficolt di utilizzare strumenti sofisticati che permettano di calcolare il diagramma di rilascio (che si effettua al contrario del diagramma di trazione). Questo computo dovrebbe essere fatto alla velocit reale di chiusura dellarco, e sarebbe comunque variabile in funzione della massa della freccia adottata, per evidenziare le perdite per isteresi specifiche. Potendo disporre di una cella di carico da laboratorio ci si renderebbe possibile, in modo rigoroso. 26 E importante comprendere come i due comportamenti siano diversi: il primo (quello statico) determinato dalla geometria dellarco e dal materiale costituente; il secondo (quello dinamico) la risultante delle componenti dinamiche (grazie alle parti in movimento dellarco dotate di massa) della struttura dellattrezzo. Non sempre, come abbiamo scritto, ad un buon comportamento statico corrisponde un buon rendimento dinamico, esempio eclatante larco ricurvo composito antico.
27

nelle riviste USA si tiene conto dellallungo AMO, che lallungo netto (al pivot point) pi 1..

13

Basta sommare i dati delle libbre tra loro tranne lultimo valore, il quale va diviso per due e poi a sua volta sommato. Il risultato deve essere diviso per 12. Ci che si ottiene
rappresenta la migliore approssimazione in foot-pound dellenergia elastica potenziale accumulata durante la trazione: 1) EEPteor= 0+5+9,3+13,4+17,1+20,7+24,5+28+31,3+34,4+37,1+39,9+42,5+44,9+47,3+49,9+52,3+55,3+59,5+64 ,3+(70,6/2)]=712/12 = 59 ft.lbs

Tabella 1

pollici
8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28

libbre
0 5 9,3 13,4 17,1 20,7 24,5 28 31,3 34,4 37,1 39,9 42,5 44,9 47,3 49,9 52,3 55,3 59,5 64,3 70,6

14

1) diagramma di trazione (arco ricurvo)

70 65 60 55 50

carico (libbre)

45 40 35 30 25 20 15 10 5 0 pollici

10

11 12

13

14

15 16

17 18

19

20 21 22 23 24

25 26

27 28

allungo

Grafico 1 larea sotto la curva rappresenta lenergia elastica potenziale accumulata durante la trazione.

2.6.1 Isteresi statica


E la perdita di energia dovuta a varie cause relative al materiale costituente durante il movimento di carico/scarico della corda. Il fenomeno pi eclatante se la registrazione dei dati avviene con un movimento veloce. Il diagramma di trazione dovrebbe essere fatto senza soluzione di continuit e il pi velocemente possibile, per non dare modo alle celle del legno di assestarsi; Bisognerebbe evitare quelle pause necessarie alla registrazione su un taccuino della tabella. Nello stesso tempo, il movimento in chiusura (diagramma di rilascio) dovrebbe assomigliare il pi possibile alla reale situazione di tiro, cio larco dovrebbe chiudersi alla stessa velocit di quando si tira. In un arco in legno purtroppo difficile verificare la differenza tra il diagramma in trazione e quello in rilascio28. A livello qualitativo, la si pu apprezzare collegando larco ad un dinamometro ed effettuando la misurazione del diagramma di carico/scarico nelle due direzioni, prima tendendolo poi riducendo i pollici dallungo e misurando le libbre corrispondenti. Eseguendo queste misurazioni in modo il pi possibile accurato, e anche non disponendo di strumentazione di laboratorio, possibile ottenere comunque dati orientativi. Da un punto di vista indicativo, riassumiamo in questa tabella un quadro delle perdite di energia dovute allisteresi nei vari tipi di arco, ottenuta sperimentalmente su un campione di 122 archi29:

a meno di non disporre di strumenti elettronici di misurazione, come le celle di carico abbinate ad un microprocessore, oppure ad una strumentazione come quella di Klopsteg (vv seg.). 29 Misurazioni effettuate dallautore in prove tecniche secondo gli standard AMO con cella di carico e plotter, presso il laboratorio di Meccanica applicata del Dipartimento di Fisica dellUniversit di Bologna (1996-1999)
28

15

Arco primitivo, full working recurve

Arco primitivo, impugnatura rigida

Arco tradizionale moderno (long bow) 6-18%

Arco tradizionale moderno take down 6-20%

Arco compound Arco compound prima ultima generazione generazione

5-9%

5-12%

10-25%

10-30%

Tabella 2

Come appare evidente, il presunto progresso costruttivo dellarco non segue la tendenza del miglioramento, dal punto di vista delle perdite per isteresi. Si assiste piuttosto ad una tendenza a sovradimensionare i parametri di partenza (a lavorare su una ridondanza di materiale e tecnologica) per ottenere lincremento delle prestazioni (cosa peraltro innegabile) fregandosene delleleganza! Il fenomeno quindi osservabile. Si pu arrivare a differenze pari a valori del 5 20% nel carico allallungo. Se misuriamo il carico finale allallungo con un arco di legno, e lasciamo larco per un po in quella condizione, noteremo facilmente un calo del carico. Si pu ragionevolmente affermare che la percentuale di perdite di energia elastica potenziale dovute allisteresi siano diretta funzione del decremento di questo valore. Ne consegue che a una differenza tra un carico di 55# misurato in apertura, correlato ad un valore di 50# in chiusura, corrisponda un decremento di energia immagazzinata del 10%. Considerando che la velocit della freccia proporzionale alla radice quadrata dellenergia immagazzinata teoricamente, la medesima freccia avrebbe un decremento di velocit pari al 4.9%. (ci si calcola estraendo poi la radice quadrata del valore 1.10 (50 x 1.10 = 55#) e otteniamo un valore di 1.049). Naturalmente bisogna considerare questo assunto con cautela: ha valore solo per piccoli decrementi. Applicando la formula 1) si ottiene il valore verosimile dellenergia potenziale elastica EEPteor immagazzinata dallarco attraverso la pesatura. Dato che la freccia assorbir al momento del rilascio un valore diverso di energia potenziale dovuto allisteresi del materiale, la si pu ottenere con ragionevole approssimazione calcolando la differenza tra il carico di picco misurato in trazione e quello misurato al rilascio. La differenza percentuale tra i due carichi di picco corrisponde alla percentuale approssimata30 di perdita di energia dovuta allisteresi. Nei test americani questo dato rappresentato sotto la denominazione di static hysteresis ed espresso sia sotto forma percentuale EEPteor /EEPreal, oppure esprimendo direttamente la perdita energetica EEPteor EEPreal, in ft.lbs. I dati successivi torneranno utili al paragrafo che tratta del rendimento dinamico.

30

Lapprossimazione ovviamente dovuta alla precisione degli strumenti e alla accuratezza delle misure.

16

TABELLA DI TRAZIONE E RILASCIO

pollici 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28

libbre 0 5 9,3 13,4 17,1 20,7 24,5 28 31,3 34,4 37,1 39,9 42,5 44,9 47,3 49,9 52,3 55,3 59,5 64,3 70,6

libbre 0 4 7,9 11,5 15,2 18,4 21,6 24,6 27,4 29,9 32,7 34,7 36,4 38,5 40,6 43,6 46,9 50 54,6 60,3 70,6

Tabella 3 La tabella 3 riporta il diagrammi computati in trazione ed in accompagnamento di un arco. I due grafici si possono vedere nel Grafico 2). Risultano perdite per isteresi pari al 10,9%

3) diagramma trazione e rilascio arco tradizionale


74 69 64 59 54 49 44 39 34 29 24 19 14 9 4 -1

carico (libbre)

pol li ci

10

11

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

22

23

24

25

26

27

28

allungo (pollici)

Grafico 2 17

la curva superiore computata in trazione; quella inferiore in rilascio. Larea sottesa tra le due curve la perdita per isteresi (energia dissipata) In questo caso si possono rilevare perdite del 16%. Purtroppo non possibile effettuare queste misurazioni con un comune dinamometro a molla.

2.6.2 Analisi del grafico di trazione nellarco tradizionale


Anche se il valore dellenergia computata nel grafico di trazione al rilascio pi precisa, loggettiva difficolt nel misurarla fa si che normalmente si consideri come dato di fatto i valori computati attraverso il grafico di trazione allandata. Analizzando anche superficialmente un grafico di trazione di un arco tradizionale ci si pu rendere conto di cosa si pu manifestare nella realt. Se il grafico tracciato con opportune unit di misura, ad es. 1 cm. Corrispondente a 5 nellasse X ed a 10 lb sullasse Y, si verifica immediatamente ad occhio se larco in questione generoso oppure no. Lincremento del carico funzione dellincremento dellallungo rappresenta un dato molto importante: Maggiore il carico allallungo definito dal costruttore, maggiore di conseguenza sar lincremento di carico per pollice. Pi morbida la curva, senza impennate, migliore sar il suo comportamento dinamico. Pi gli incrementi di carico per pollice saranno alti nella prima fase della trazione, pi larco accumuler energia elastica potenziale nel migliore dei modi. Pi i valori di incremento di carico decrementeranno nella parte finale della trazione, meno stack negativo avr larco.

Il grafico ottimale di un arco progettato per un carico di 50#@28 avr una convessit pronunciata per i primi 24, a cavallo dei 15 (raggiunto il massimo incremento carico/pollice) si inizier a notare un calo, la curva diminuir la sua pendenza e raggiunger un minimo nella zona dei +/-1 dellallungo (26 ) per il quale stato progettato larco31, per poi ricominciare a crescere. Se tale arco venisse teso da un arciere con un allungo maggiore (30) gli incrementi carico/pollice sarebbero crescenti: saremmo di fronte ad un classico stack negativo.

2.6.3 Lo stack
Lo stack quando lincremento di libbre per pollice di trazione cessa di essere lineare. Se positivo, significa che la curva, nella zona considerata, si abbassa. Se vi incremento di carico, lo stack negativo e la curva si impenna. Un arco con stack negativo nella zona dellallungo dellarciere che lo usa critico: oltre alla sensazione di maggior fatica e instabilit, ogni piccola variazione di allungo determina una grossa differenza di energia accumulata e quindi elargita alla freccia dopo il rilascio. Lo stack direttamente collegato allangolo della corda con la tangente alla curvatura del flettente. Pi larco corto, a parit di geometria ed allungo, maggiore langolo e pi grande lo stack conseguente. Larco ricurvo (soprattutto quello passivo) in virt delle sue leve rigide ha la caratteristica di limitare langolo della corda, e quindi rendere possibile allunghi cospicui, a differenza di un arco dritto di uguale lunghezza.

31

analiticamente si ha il cosiddetto punto di flesso della curva

18

4) diagramma di trazione arco ricurvo 50#@28" AMO


70 60 50
) e r b40 b i l ( o c i 30 r a c

20 10 0
8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30

allungo (pollici)

Grafico 3
la curva alta rappresenta il diagramma carico allungo. La curva in basso corrisponde allandamento degli incrementi carico/pollice.

5) raffronto tra i diagrammi di trazione dello stesso arco ottenuti con brace height diversi
70 65 60 55 50 ) 45 e r b 40 b i l ( 35 o c i 30 r a c 25 20 15 10 5 0 allungo (pollici)
S2
arco A 56#@28"AMO

arco B 54#@28"AMO

S1

S1>S2 l'ar co B, pur raggiungendo all'allungo AMO di 28" un carico inferiore dellarco A, immagazzina pi EEP (area S1 sottesa tra le due curve > area S2).

19

Grafico 4 differenze di energia tra due diagrammi computati sul medesimo arco con
diversa distanza arco-corda (Brace Height)

2.6.4 Esempi di grafici di trazione per archi tradizionali


Accorciando la corda e aumentando di un pollice il Brace Height ad un arco tradizionale otterremo un carico finale allallungo lievemente superiore. Ma se effettuiamo le misurazioni di carico in trazione, ci renderemo conto di come lenergia accumulata in realt diminuisca, anche se di poco. Ogni arco deve avere la distanza arco corda corrispondente ad un valore definito, che il costruttore generalmente indica in funzione dallallungo per il quale larco risulta progettato (vedi diagramma 5). La corretta accordatura da un punto di vista statico in realt frutto di un insieme di fattori complessi, che interagiscono tra loro e sono influenzati dalla geometria globale dellarco. Nel paragrafo 5.2 si cercher di analizzare meglio il fenomeno. Nella tabella 6) abbiamo una sovrapposizione di tre diagrammi corrispondenti a tre archi tradizionali, aventi medesimo Brace Height e medesimo carico allallungo di 28. Le aree sottese dalle tre curve sono drammaticamente diverse. La curva centrale B) in effetti una retta: corrisponde ad un arco con una crescita di carico perfettamente lineare, con eguali incrementi di libra/pollice. La curva superiore A) invece denota un arco generoso, con un buon comportamento statico. La curva pi bassa caratteristica di un arco con stack negativo allallungo di 28 . Non si pu dire che una curva come quella C) sia in assoluto negativa, bisogna sempre rapportarsi allallungo di riferimento. Certamente larco in questione potr essere dedicato ad allunghi non superiori ai 25 .

6) confronto diagrammi archi tradizionali 60#@28"AMO 70


60

C) arco ineff icient e dal punto di vista st atico per B) arco a diagramma A) arco molto efficiente dal punto di vista

50

40 ) e r b b i l 30 ( o c i r a c 20

10

0
8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

allungo (pollici)
Grafico 5

Grafici ottenuti dalla tabella 4 relativa a tre archi tradizionali con il medesimo carico allallungo di 28 . La differenza di EEP accumulata molto evidente: la curva pi alta testimonia un arco molto pi efficiente dal punto di vista statico. Quella intermedia caratteristica di un arco a crescita lineare, la pi bassa contraddistingue un arco a scarso rendimento per lallungo di 28 .

20

Allungo 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27

libbre 0 6 12 16,6 21,3 25,2 28,7 32,2 35,2 37,7 40,5 42,9 44,9 47,4 49,5 52 54,2 56,6 58,8 65,2

libbre 0 4 7,9 11,5 14,8 18,1 20,8 23,6 26,5 29,4 32 34,9 37,8 40,8 43,6 46,8 50,3 53,9 58,7 63

libbre

0
2,9 6 9,2 12 15,1 18 20,6 23,1 25,5 27,8 30,5 32,9 35,6 38,8 42,1 46 50,7 57,7 65,7

Tabella 4

Nel grafico 6) viene presentato un modo per verificare graficamente lo stack negativo. Basta tracciare una linea dal punto a carico 0 al punto corrispondente lallungo finale. Se la curva sta sopra al prolungamento della linea, c stack negativo. Significa che i flettenti sono stressati pi del dovuto (langolo tra la corda e la linea tangente i flettenti > 90).

21

7 ) d ia g r a m m a d i tr a z io n e c o m p a r a t o in d iv id u a z io n e d e llo s t a c k 6 0 # @ 2 8 " AM O
80 75 70 65 60 55 50 carico (libbre) 45 40 35 30 25 20 15 10 5 0
8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 lin e a c h e c o n g iu n g e l'o r ig in e d e lla c u r v a c o n il p u n to d 'a llu n g o d e f in ito s e la c u r v a p r o s e g u e s o p r a la lin e a t r a c c ia ta c ' s ta c k n e g a tiv o

a llu n g o ( p o llic i)

Grafico 6
metodo grafico per lindividuazione dello stack negativo La curva superiore, a 28 non ha stack. Quella inferiore si.

2.7 Bilanciamento dei flettenti nellarco


Cosa accade in un arco mal bilanciato? Quasi sempre vibrazioni e contraccolpi, e la conseguente necessit di spostare il punto di incocco per bilanciare la geometria generale. Lenergia viene dissipata e larco comunque spesso impreciso, a meno che non sia una scelta di progetto (vedi archi giapponesi). Altro fattore da considerare il disegno deflettenti con larco in tensione. Pi uniforme (la curvatura) migliori sono le prestazioni e minori le sollecitazioni localizzate, in altre parole maggiori garanzie di durata nel tempo.

3. Approccio teorico alla Balistica interna del sistema Arco - Freccia


La balistica interna riguarda tutto ci che avviene prima del rilascio della freccia; il processo balistico interno del sistema arco-freccia-arciere quindi sinteticamente il meccanismo di conversione del lavoro muscolare dellarciere in potenziale elastica dellarco, piegato quindi dall azione biomeccanica. In termini fisici, la misura della quantit di energia potenziale immagazzinata e, in un certo qual modo, della sua qualit32.

32

BRIZZI, V., FERRARO, E.. , 1991, Manuale di Tiro con Larco , FIARC, Milano

22

Per qualit possiamo intendere tutta quella serie di indicatori che permettono di determinare previsioni sul funzionamento balistico dellarma, desumibili dalle propriet meccaniche del legno, dal disegno (geometria) dellarco, e da quanto e come si comporta sotto lo stress della tensione. Non importa che un arco accumuli molta energia: necessario che il processo di accumulazione di energia elastica potenziale sia graduale e comunque distribuito in modo tale da consentire unagevole azione biomeccanica e, ovviamente, la pi lunga durata allarco sotto ogni condizione. Domandarsi quanto abbia senso elaborare un modello matematico del sistema arco-freccia senza includervi larciere unottima questione. Daltra parte interessante restringere il campo ad osservazioni meccaniche pure in cui la matematica concede il lusso di elaborare modelli predittivi (sul comportamento della macchina) e da qui formulare congetture ed ottenere conferme sperimentali attraverso le ricostruzioni. A fronte di un ritrovamento archeologico, la struttura dellarco comunica in diretta labilit e la specializzazione di chi la ha ideato e realizzato. Larco una macchina il cui scopo quello di devolvere la maggior parte di energia immagazzinata durante la sua trazione per far volare in modo accurato ed efficace la freccia al suo rilascio. Diversi tipi di arco (e per diversit intendiamo geometria, costituzione e dimensioni) hanno diversi modi di comportarsi. Dal punto di vista della macchina queste componenti determinano diversi modelli matematici. Il modello matematico prescinde quindi dallarciere, funziona perfettamente come se lartefice della trazione e del rilascio fosse una macchina. Pi fine il modello (in altre parole, pi variabili tiene in considerazione) maggiore lattendibilit delle risposte. Ma la chimera che si vuole raggiungere, quella di ottenere tutte le risposte, imprescindibile dalla realizzazione di un modello matematico del tiratoreil sogno elusivo della cibernetica! Uno dei sistemi pi ovvi per studiare gli archi antichi sempre stato quello di costruirne delle repliche e fare degli esperimenti. I primo pionieri in questo campo furono Saxton Pope33, Mac Ewen e Miller34 che pubblicarono interessanti osservazioni soprattutto per quello che riguarda gli archi compositi orientali e quelli nordamericani. Lapproccio teorico e sperimentale, su cui hanno lavorato Hickman,35 Nagler e Klopsteg (autori del famoso Turkish Archery) fornisce interessanti spunti. Ancor pi efficace appare il lavoro di B.W.Kooi 36 e C.A. Bergman, che punta a descrivere in modo originale il problema. Caratteristica stretta di un modello matematico quello di essere traducibile da un elaboratore e fornire in maniera diretta dati confrontabili modificando le variabili indipendenti. Le leggi fisiche sono i parametri fissi, le quantit misurabili le variabili indipendenti. La traduzione in equazioni permette la sintesi computabile dallelaboratore. La grande massa di dati non consentirebbe una manipolazione con carta e penna, come daltra parte tutti i problemi fisici che implicano grandi quantit di variabili in gioco. La prassi quindi prevede una elaborazione teorica in cui leggi fisiche, dimensioni e parametri funzionali dinamici sono tradotte in linguaggio matematico. Il computer elabora i dati e fornisce i risultati. Il computer, a tutti gli effetti approssima le possibili soluzioni; spesso le procedure, per essere interpretate, devono essere semplificate o riadattate. In questi casi la sperimentazione fornisce una visione di confronto, ed il modello matematico pu venire rettificato alloccasione e quindi il processo di calcolo pu essere reiterato con nuovi risultati conseguenti. Il modello matematico risulta efficace soprattutto nellanalisi e nello studio dei parametri relativi al disegno (geometria) dellarco: Ovviamente il calcolo pu avvenire solo se tutti i fattori in gioco sono noti.
33 34

Saxton Pope 1974 Mac Ewen, Miller 1991 35 Hickman, 1937 - 1947 36 B.W.Kooi 1997

23

La bibliografia sullarco,da un punto di vista etnoantropologico, storico e preistorico, molto spesso vaga e superficiale (nellambito dei dati che a noi interessano). Comunque sia, lelaborazione teorica dei modelli fa immediatamente comprendere quanto critico sia laspetto della geometria costruttiva per le performance del sistema; a questo punto, appare importante definire quali sono queste performance, poich ogni arciere pone le sue aspirazioni sullattrezzo.

3.1 La buona performance


La definizione di buona performance dellarco varia in funzione delluso che di esso se ne fa: i tiratori di gittata37 vogliono enfatizzare la distanza percorsa dalla freccia, indipendentemente da tutto il resto; i tiratori al bersaglio38 desiderano un arco stabile nelle mani, facilmente governabile e semplice da mettere a punto, i cacciatori (e nel nostro caso, i tiratori darco della preistoria) ovviamente desiderano archi durevoli in grado di scagliare frecce letali sulla selvaggina 39. Negli anni 30 numerosi scienziati e ingegneri applicarono la modellistica allo studio dellarco. Hickman pubblic un primo approccio analitico nel 1947 riferendosi ad un modello semplice di arco piatto 40 ; tale modello serv per lo sviluppo di alcuni archi moderni. Il modello di Kooi discusso in questo paragrafo41 ne unevoluzione dotata di maggiore completezza e precisione: non scopo del presente scritto descriverlo dettagliatamente ma nellesaminarne i punti critici, far intravedere alcune interessanti conclusioni. Il lavoro fa parte del progetto Mary Rose 42: il modello matematico validato da una ricostruzione sperimentale di un longbow medievale ritrovato nel relitto del vascello Mary Rose, affondato nel Tamigi nel 1545 e carico di archi e frecce.

3.2 Il modello matematico dellarco


In generale, larco consiste in due bracci elastici simmetrici, spesso separati da una parte centrale rigida. Non tutti i disegni seguono questa esemplificazione, molti archi dei nativi americani 43 si curvano durante la trazione anche nella parte centrale e gli archi giapponesi sono composti di due bracci assolutamente asimmetrici. In questa trattazione, i bracci sono simmetrici e separati da una grip che non si piega. Larco incordato tra le estremit; una volta che la freccia inferita sulla corda, larciere tende larco dalla posizione di stallo alla posizione corrispondente al suo allungo fisiologico, immagazzinando energia potenziale nei due bracci (flettenti/limbs). Quando la corda rilasciata, la forza nella corda accelera la freccia e trasferisce parte dellenergia potenziale accumulata nellarco ad essa. Larco, sostenuto dallarciere, gli trasmette un piccolo rinculo tramite la mano. Dopo che la freccia ha lasciato la corda, larco ritorna nella posizione di partenza. 3.2.1 Il modello di Hickman Hickman svilupp un modello molto semplice ma efficace per determinare le forze dinamiche in gioco, le accelerazioni e le velocit della freccia, della corda e dei flettenti. Sostitu i limbs flessibili con una struttura rigida incernierata alla sezione centrale (impugnatura) attraverso due cerniere elastiche. La massa dei flettenti era come fosse concentrata alle estremit (puntali/tips). La struttura del flettente era considerata a sezione rettangolare, in modo da avere spessore uniforme lungo la sua lunghezza, ma larghezza che diminuisce gradualmente e linearmente dalla cerniera allestremit dove inferita la corda.
37

specialit in auge nellimpero ottomano, consiste in una gara che premia chi scaglia pi lontano le sue frecce. E considerata una vera e propria formula uno dellarcieria, praticata da secoli in oriente, che ha visto record ancora imbattuti. Gli archi utilizzati sono quelli di tipo composito, ricurvo e riflesso. 38 Il tiro al bersaglio moderno 39 cfr. il paragrafo 1 40 arco piatto, o flatbow un arco a sezione rettangolare. 41 B.W.Kooi 1997, 1980, 1981, 1983, 1991, 1994 42 Hardy 1992 43 ad esempio i corti archi piatti della California e quelli amazzonici

24

In questo modo, semplificato, le variabili strutturali in gioco sono ben delineate: la localizzazione delle cerniere elastiche, la loro forza, e le masse alle estremit dei flettenti determinano la conoscenza meccanica dellintera macchina. La corda considerata in estensibile (in realt non cos) e la sua massa considerata solo per un terzo associata a quella della freccia (chiamata la massa aggiunta) i due terzi rimanenti sono considerati associati ai puntali. In queste condizioni generali, qualsiasi ulteriore energia immagazzinata nelle cerniere elastiche tendendo larco dalla posizione di quiete alla posizione di massimo allungo, viene rilasciata allinsieme freccia + massa aggiunta, entrambe conseguentemente in moto alla medesima velocit dopo il rilascio. In questo modello di Hickman, dopo che la freccia si distaccata dalla corda, i flettenti e la corda, con la massa concentrata al centro di essa, oscillano intorno la posizione a riposo. In questa posizione, lenergia totale del sistema (cerniere, flettenti e corda) eguaglia lenergia potenziale nelle cerniere a riposo pi lenergia cinetica della massa aggiunta della corda in movimento dopo il rilascio della freccia. Questa istantanea individua uno scenario particolare: Dopo il tiro, la freccia accelerata e i flettenti assorbono energia cinetica. Immediatamente prima che la corda raggiunga la posizione a riposo, i flettenti decelerano con una discreta tensione (forza) presente nella corda. In questo modo, lenergia trasferita dalla corda alla freccia e alla massa aggiunta. Questo descrive larco come una macchina piuttosto efficiente. In pi, emerge la criticit della corda: minore la sua massa, minore risulta la massa aggiunta e quindi maggiore lenergia cinetica trasferita alla freccia. Se la massa della corda fosse zero, qualsiasi energia addizionale immagazzinata nellarco durante la trazione si trasferirebbe nella freccia.

diagramma 3

25

3.2.2 Il modello di Kooi In questo modello, i flettenti sono considerati come degli elementi flessibili, in cui la parte interna (ventre) si comprime e la parte esterna (dorso) di tende. Lenergia viene immagazzinata attraverso questo processo, lequazione di Eulero-Bernoulli descrive perfettamente la modificazione della curvatura degli elementi flessibili come funzione del momento flettente. Entrambe le funzioni dipendono dalla posizione sul flettente. La rigidit flessurale la costante di proporzionalit. Il momento flettente originato dalla tensione della corda, quando larco teso dallarciere, la forza esercitata sul centro della corda causa un incremento della curvatura dei flettenti. Dopo che larciere ha rilasciato la corda, il movimento dei flettenti, della corda e della freccia descritto matematicamente dalla legge di Newton sul moto. La distribuzione delle masse sullarco influenza, assieme alla rigidit flessurale, lequazione che spiega il pattern di curvatura dei flettenti.
diagramma 4

Il modello esposto da Kooi (ripreso da un suo precedente lavoro44) i flettenti sono sostituiti da elementi rigidi, la loro massa concentrata in punti equidistanti, connessi tra loro da cerniere elastiche, responsabili della rigidit flessurale. Le leggi del moto di Newton per le masse puntiformi governano le equazioni. Per archi non ricurvi la corda interpretabile nella medesima maniera, con molle elastiche al posto delle cerniere e con le masse puntiformi equidistanti. Nel caso di archi ricurvi statici (o passivi) e ricurvi attivi 45 solo due molle elastiche e due masse puntiformi vengono considerate, in posizioni equidistanti dal punto di incocco della freccia.

44 45

Kooi, 1991 cfr 2.7

26

3.4 Parametri considerati


I parametri da considerare nel modello che determinano lazione meccanica nellarco sono: arco: corda lunghezza dei flettenti lunghezza dellimpugnatura forma dei flettenti non incordati forma della sezione del flettente per tutta la sua lunghezza propriet elastiche dei materiali costituenti i flettenti massa specifica del materiale costituente i flettenti geometria della parte terminale dei flettenti (se presente cfr ricurvo passivo) massa dei puntali sulle estremit dellarco (se presenti) distanza arco corda (brace height) allungo (lunghezza alla massima trazione)

- massa della corda - propriet elastica della corda freccia massa della freccia

Questi parametri determinano il carico dellarco. In questa operazione di reverse engineering si ripercorre a ritroso ci che viene fatto dal costruttore, che rifinisce nelle operazioni di tillering 46 il suo arco finch non ottiene il carico allallungo voluto, e dallarciere che da parte sua regola la distanza arco corda modificandone la lunghezza.

3.5 Coefficienti di qualit


Per comparare le performance di diversi archi, necessario introdurre tre coefficienti di qualit:

46

tillering: loperazione che consiste nellasportare dallarco appena costruito legno (o altro materiale costituente del flettente) in modo da ridurre al carico voluto il medesimo oppure bilanciare i due flettenti tra loro in modo che siano geometricamente simmetrici durante la trazione.

27

: coefficiente di qualit statica -> misura la quantit di energia potenziale elastica realmente immagazzinata nei flettenti dellarco completamente teso; definito come lenergia immagazzinata che determina la deformazione dei flettenti e nella corda tendendo larco dalla posizione a riposo verso quella finale, ad arco completamente teso diviso il carico X lallungo; : lefficienza, misurata come energia cinetica trasferita alla freccia diviso ;
indica la quantit di energia utile disponibile alla propulsione della freccia;

: quantit proporzionale alla velocit iniziale, una costante che dipende solo dal
carico, allungo e massa dei flettenti

Per chi desidera ottenere le gittate maggiori dal proprio arco, la velocit iniziale che deve avere la freccia al distacco dalla corda estremamente importante: maggiore questa velocit, pi lunga sar la traiettoria. Ovviamente la resistenza dellaria un fattore importante da considerare e langolo di alzo, che deve essere intorno ai 45, e la superficie dimpennaggio della freccia deve essere ridotta al minimo, ma questo argomento della balistica esterna47. Il tiro al bersaglio, ed anche il tiro di caccia, necessitano archi docili, che non abbiano rinculo e vibrazioni alluscita della freccia in modo da rendere accurato il tiro il pi possibile, ed abbastanza difficile tradurre analiticamente questa qualit: sicuramente una grande efficienza un buon punto di partenza, anche se significa velocit di uscita non elevate. Larco non deve enfatizzare lerrore umano, anzi lo deve possibilmente ridurre.

3.6 Validazione del modello matematico


Un modello matematico pu essere bello ed elegante in s, ma la sua utilit si rivela solo quando la sperimentazione conferma i suoi dati predittivi. La prova di validazione di questo modello venne fatta per la prima volta su un longbow 48 ritrovato a bordo del Mary Rose, il vascello naufragato nel Solent al largo di Porthsmouth nel 1545 con a bordo ben 139 archi lunghi di tasso. Vennero misurati accuratamente i parametri dimensionali richiesti su uno specifico esemplare per ottenere le ipotetiche performance meccaniche, e venne fatta una replica accurata da Roy King, costruttore darchi del Mary Rose Trust. La differenza tra i dati previsti da modello matematico (misurando i parametri dimensionali delloriginale) e quelli ottenuti dalla replica fu inferiore all1%49 . I dati ottenuti con questo test di verifica (del modello) permisero una comparazione tra le misure previste e quelle effettuate sulla replica. Pi test sono stati eseguiti, anche su archi moderni dotati di geometrie diverse e materiali costituenti complessi (come fiberglass e resine epossidiche) ma i risultati comunque verificano lipotesi. Sono state trovate alcune discrepanze dovute al fatto che il modello non tiene conto del fattore resilienza del materiale. Apportando opportuni fattori correttivi, i risultati coincidono con la sperimentazione.

47 48

cfr. cap.3 Longbow: arco lungo e dritto con sezione a D, generalmente in tasso o olmo, tipicamente diffuso nel nord europa e soprattutto in Inghilterra durante il medioevo e utilizzato fino alla fine del 1500. 49 Hardy, 1992

28

Grafico 7

Grafico 8

29

4. Classificazione degli archi in funzione del modello di geometria Per questo studio, gli archi vengono classificati in funzione della loro geometria e delle propriet dei materiali costituenti la struttura dei flettenti. In passato vi sono state svariate classificazioni, basate sia sullaspetto esteriore che su elementi di carattere culturale. Quella che qui esponiamo la prima classificazione sintetica, una sorta di supercategorizzazione, che differenzia esclusivamente il disegno dellarco da un punto di vista fisico. Nel corso del libro troveremo altre differenziazioni relative allarco dritto a) Arco dritto (straight bow - arco a flettenti dritti): Il contatto con la corda solo allestremit (puntale)

Figura 2 Arco dritto, scarico e incordato

b) Arco Angolare (angular bow) arco ritrovato in Egitto e usato presso gli Assiri. Nella fase a riposo forma la caratteristica geometria triangolare. E definibile anche come arco ad impugnatura riflessa

Figura 3 Arco angolare scarico e incordato

c) Arco ricurvo passivo o statico Nellarco statico ricurvo (o ricurvo passivo) la parte finale del flettente ricurvata verso il bersaglio ed unita al corpo del flettente con una giunzione rigida. Nella posizione incordata e a riposo, la corda tocca il flettente, e durante la trazione se ne distacca. Il tipo persiano, scarico, ha una forma rettilinea. In questa posizione, il tipo turco ha una curvatura del flettente al di sotto delle leve con la concavit rivolta verso il bersaglio.

Figura 4 Arco ricurvo passivo scarico: turco (sin) e persiano (dx)

Figura 5 Arco ricurvo passivo carico: turco (sin) e persiano (dx)

30

d) Ricurvo attivo la forma pi consueta dei moderni archi ricurvi50 la curvatura omogenea e la leva (diversamente dal ricurvo passivo, flette senza discontinuit, la corda tocca la parte superiore del flettente in posizione a riposo. I coefficienti di qualit per i quattro tipi di arco testati dal modello si riferiscono ad archi del medesimo carico, allungo, massa dei flettenti, massa della freccia e massa della corda. tipologia Arco dritto Arco angolare Persiano(ric. passivo) Turco (ricurvo passivo) Ricurvo attivo 0.405 0.389 0.430 0.488 0.437 0.766 0.713 0.667 0.620 0.769 2.00 1.90 1.98 1.99 2.10

Tabella 5 - Rendimenti a confronto tra le diverse geometrie darco

I coefficienti di qualit statica per larco ricurvo passivo (turco e persiano) sono maggiori degli archi non ricurvi. Questo significa, ovviamente, che i primi immagazzinano pi energia potenziale elastica durante la trazione. Una sorpresa riserva il coefficiente di qualit dinamica: gli archi dritti rimangono decisamente pi efficienti (questo per via, soprattutto, della minore massa dei flettenti verso le estremit). Il coefficiente di velocit non subisce variazioni particolari, anche se in lieve percentuale avvantaggia i non ricurvi. Larco ricurvo moderno attivo unisce le qualit di entrambi: alta energia immagazzinata, alto coefficiente di qualit dinamica, alto coefficiente di velocit alluscita. E interessante a questo proposito entrare in merito ai diagrammi che mostrano il progredire del carico allaumento della trazione e il modo con cui il carico viene ripartito alla freccia durante il percorso inverso: analizzandolo in dettaglio, il grafico mostra con chiarezza cosa avviene. In conclusione, se si escludono gli archi moderni realizzati in struttura composita legno e fibra di vetro, gli archi a profilo dritto (la totalit di quelli rinvenuti in scavo e la maggior parte di quelli di cui si ha un riscontro etnografico) a sezione piatta e a impugnatura riflessa (archi caratteristici delle culture native nordamericane) sono a tutti gli effetti gli strumenti a miglior rendimento dinamico mai ideati dalluomo.

50

larco ricurvo attivo moderno qui esaminato come fosse un termine di paragone. La sua maggiore efficienza data si dal disegno ma ottenibile solo con la struttura laminata dei flettenti e la fibra di vetro.

31

La linea continua corrisponde allincremento di forza in funzione dellallungo durante la trazione. La linea tratteggiata mostra come il carico si ripartisce sulla freccia al momento del rilascio. Larea sottesa sotto ogni grafico rappresenta graficamente lenergia. La differenza tra le aree (relativa ad uno stesso arco) fa comprendere il grado di efficienza dellarco.

Grafico 9

32

Grafico 10

La freccia riceve unaccelerazione cospicua quando la corda colpisce il ponte posto in corrispondenza della giunzione tra leve rigide e flettenti. Nonostante questo, lefficienza dinamica dellarco ricurvo passivo modesta, rispetto a ci che ci si potrebbe aspettare da un grafico denergia accumulata cos generoso.

La qualit statica dellarco ricurvo passivo (sia turco che persiano) decisamente alta; non altrettanto lenergia rilasciata alla freccia. Il punto S corrisponde allinizio della distensione delle leve rigide dellarco ricurvo passivo: la curva (in trazione) modifica sensibilmente la sua pendenza e lincremento di carico/allungo diminuisce. La forte diminuzione di tensione sulla corda al rilascio di entrambi i ricurvi passivi viene spiegata dallinerzia delle leve rigide: la loro massa rallenta di conseguenza laccelerazione della corda-freccia. Da notare, nel grafico in basso, la minore differenza tra le aree trazione distensione dellarco ricurvo attivo: viene cos spiegata la sua superiore efficienza.

33

5. Approfondimenti: uno sguardo alle Fonti


Nellambito della ricerca sulle Fonti, inevitabile riferirsi agli scritti di Hickman, Nagler e Klopsteg, ampiamente citati nelle note precedenti. Il terzetto rappresent un fortissimo team che a cavallo degli anni 30 gett le basi dello studio della Fisica applicata allarco e alle frecce. Nella bibliografia a disposizione lelenco delle loro pubblicazioni, che senzaltro hanno influenzato tutti gli scritti successivi. Con la rivista pubblicata nel novembre del 1930, Ye Silvan Archer, Hickman, pubblic una serie di articoli che trattavano gli stress statici negli archi dritti. Sperimentalmente, sono dati pi che verificati.

5.1 Espressioni matematiche degli stress nellarco e nella corda

diagramma 5

34

E possibile esprimere matematicamente la tensione nella corda, la forza sulle dita che la tendono, il moto dei puntali dellarco, le tensioni interne ad esso e ovviamente il lavoro compiuto dallarciere in funzione del suo allungo. Ci sono molti modi in cui queste espressioni possono essere ottenute. Il metodo qui presentato esposto perch ci da la soluzione dei vari problemi presentati in modo molto efficace. Nello sviluppo di queste equazioni si fanno alcuni presupposti relativamente alla maniera in cui larco si incurva. I risultati quindi non saranno esatti per tutti gli archi. Comunque sia, la flessione nella maggior parte degli archi sar sufficientemente simile al modello proposto e non vi saranno errori seri. Verr dimostrato che i risultati matematici coincidono con buona approssimazione ai risultati sperimentali. Assumiamo che larco sia costituito da una corta sezione rigida centrale e due flettenti che, per ogni posizione durante lallungo, curvino seguendo un arco di cerchio. Questo assunto tutto sommato ragionevole, perch praticamente tutti i costruttori di archi realizzano i loro archi in modo che pieghino in questa forma. Essa caratterizzata da uno stress ripartito uniformemente nella struttura, che rappresenta un fattore positivo. Riferendoci al diagramma 5, sia: B = met della lunghezza dellarco; L= met della lunghezza dellimpugnatura rigida; B1= B-L lunghezza della porzione attiva di ciascun flettente; S= met lunghezza della corda; H=distanza che va dalla met dellarco alla met della linea che congiunge i puntali; P= distanza dalla cocca della freccia alla met della linea che connette i puntali; D= H+P che corrisponde allallungo; Y= met lunghezza della linea che unisce i due puntali; A= angolo tra la linea che connette il puntale e il punto O sulla linea che rappresenta la posizione del flettente a riposo (il punto O posizionato alla distanza di B1 dal puntale dellarco). sia E= angolo creato dalla corda con la linea che connette i puntali dellarco, f = forza statica a ciascun puntale in direzione tangente al suo movimento, T= tensione statica della corda, F =forza statica di tensione, Y1=Y-B1/4 L; N= distanza compiuta dal puntale durante il suo moto calcolata lungo la sua traettoria. (Pu essere verificato come la traiettoria del puntale durante la trazione sia parte di una cardioide). La porzione dellarco di cardioide percorso dal puntale approssimabile ad un arco di cerchio il cui raggio B1 e il cui centro O posizionato ad una distanza di B1 dallestremit dellarco non teso.

35

diagramma 6

Nel diagramma 6 sia B1 la lunghezza della parte incurvata del flettente. Finch il flettente piega lungo larco di cerchio, B1 larco di un cerchio avente un raggio r e un angolo , corrispondente a questa curvatura. la corda (intesa in senso geometrico, come segmento congiungente di un arco di cerchio) K = 2r sin /2 ed r = B1/ dove misurato in radianti. cos K = 2B1/ sin /2. il punto Q selezionato in modo tale che QY = 3B1/4 e QX = B1/4. XY=B1 rappresenta la lunghezza e la posizione della porzione attiva che si piega del flettente prima della trazione. langolo QXZ = /2. sia QZ =R . allora R = [B12 /16+K2 -(KB1/2) cos /2] Sostituendo i valori di K e applicando ben note operazioni trigonometriche, si dimostra che : R =( B1)(1-16 4 /9\ 6+..) finch langolo per un arco teso non eccede lunit (un radiante = 57,3) tutti i termini sotto la radice, eccetto il primo, sono ininfluenti. Quindi R= B1. Il massimo valore di per un arco medio quindi uguale a 2/3. Per questo valore di , il secondo termine sotto la radice, uguale a 16/32,805. Considerando ininfluente questo termine, risulta un errore di 2 parti su 1000. riferendoci ancora al diagramma 5, la forza f proporzionale allo spostamento N ed anche proporzionale allangolo A che corrisponde allarco N. Sia f = CA dove C una costante dipendente dalle dimensioni e dal materiale costituente dellarco. (Lindice 0 sar usato per indicare il valore di ciascuna delle seguenti variabili quando larco incordato ma non teso). Le seguenti relazioni algebriche e trigonometriche, possono ora cos ottenersi : Y1=( 3/4 B1) cos A, Y=Y1+B1/4 +L, S=Y0=(3/4 B1) cos A0+B1/4+L = Lunghezza della corda, H = cos -1 Y/S, P = S sin E = (S 2-Y 2)1/2 , D=H+P, T = f /sin(A+E) = CA/sin (A+E), T0= f/sin A0=CA0/sin A0, F = 2T sin E = (2AC sin E)/sin (A+E), N = 3B1 A/4; N0 = 3B1A0/4

36

Utilizzando queste formule, i valori delle variabili sono calcolati per vari allunghi e le curve sono espresse nelle curve del Grafico 11. il valore di C usualmente prossimo allunit in modo tale che pu essere trascurato, la forza in libbre pu essere letta per la tensione T, la forza di trazione F e lo spostamento dei puntali N. La curva per N, mostra lo spostamento dei puntali per ogni lunghezza di trazione. Va notato che questo spostamento sempre circa la met della totale trazione, dopo che larco circa la met teso. La curva per T/C, mostra la tensione nella corda per qualsiasi trazione. La tensione nella corda raggiunge valori massimi quando larco carico (incordato) ma non teso. A mano a mano che larco si tende, la tensione decresce. In altre parole, la tensione rimane ragionevolmente costante durante tutta le trazione. Come si pu notare dalla curva, la tensione sulla corda sar maggiore con larco a riposo. Pi avanti discuteremo maggiormente questo argomento. La curva che riguarda F/C mostra la forza sulle dita durante la tensione per un arco caratterizzato da un fattore C = 1 e la forza pu essere quindi letta direttamente in libbre.

Valore di N, F/C, T/C in funzione dell'allungo 70 60 50 carico (libbre) 40 30 20 10 0 0 5 10 15 20 25 30 35 allungo (pollici)

F/C N T/C

Grafico 11

5.2 Effetti del brace height sulle sollecitazioni statiche La questione dellindividuazione della corretta distanza arco-corda, un soggetto di discussioni accese tra gli arcieri. Molte regole sono state elaborate, ma ciascun arciere mette in pratica una sua preferenza. Procederemo come nel precedente paragrafo ottenendo la tensione della corda e il carico in funzione dellallungo. Se si calcolano i valori di queste variabili per le varie distanze arco corda (Brace Height) possiamo ottenere delle curve e giungere ad alcune interessanti conclusioni. 37

Consideriamo un arco alto 180 cm. con una sezione centrale di otto pollici, che non si piega. Questi valori dipenderanno dal Brace Height, nella posizione H0 andiamo a determinare questi valori per 4 differenti H0; H0= 0, H0= 3,0 H0= 6,0 H0= 9,0
Effetti del Brace Height sulla tensione della corda in funzione della forza di trazione

70

60

50

0'

carico (libbre)

40

3' 6' 9' 0'T 3'T 6'T 9'T

30

20

10

0 0 5 10 15 allungo (pollici) 20 25 30

Grafico 12

Il Grafico 12 mostra i valori di T (tensione nella corda) e F (forza sulle dita) per le quattro condizioni. Ciascuna curva indicata con il Brace Height iniziale (H0). Per H0= 0 il valore di T cresce molto rapidamente da 0 a 32 libbre poi incrementa lentamente fino a 37 libbre per 28 di trazione. per H0=3, il valore di T scende rapidamente per la prima met della trazione dopodich si incrementa nella met successiva. Grandi valori di H0 le curve per T sono decisamente simmetriche, decrescendo durante la prima met ed incrementando nella seconda met. 38

Se si studiano le curve per F, si scopre un fatto molto interessante, che spesso non viene osservato. La forza F, a trazione completa praticamente indipendente dal Brace Height della corda, in altre parole, tutte le curve confluiscono in una per tensioni oltre i 20. Questo significa che un arco incordato con alto B.H. non richiede molta maggior forza per tenderlo fino alla fine, e quando teso completamente rispetto ad un arco con Brace Height inferiore, il carico aumenta, ma molto di poco. Dal grafico si nota che la tensione della corda non si modifica un granch aumentando la trazione; la tensione allallungo massimo circa uguale a quello nella posizione H0. Ogni arciere sa che il rendimento di un arco pu essere incrementato diminuendo H0, cio il Brace Height; ma se si porta sperimentalmente H0 = 0, cio il Brace Height viene azzerato, ne risulter una resaveramente bassa (anche se il lavoro, calcolato nel grafico, indica che a valori sempre pi piccoli di H0 corrispondano valori pi alti di lavoro compiuto nel tendere larco). Paradossalmente e daltro canto, ovvio che se ponessimo H0 uguale ad un valore corrispondente allallungo massimo, avremmo come risultato il lavoro = 0. Concludendo, possiamo sintetizzare questi punti: 1) Il carico allallungo totale in sostanza indipendente dal Brace Height; 2) Il lavoro compiuto in un arco dal Brace Height maggiore apprezzabilmente inferiore a quello compiuto per tendere un arco dal Brace Height minore; 3) Lo stress delle fibre in un arco aumenta incrementando il Brace Height; 4) La tensione nella corda non cambia apprezzabilmente durante la trazione dellarco. E normalmente maggiore quando larco incordato nella posizione di riposo, raggiunge il valore minimo circa a met tensione e aumenta al termine di essa; 5) La velocit della freccia in uscita aumenta con laumentare del Brace Height, ma fino ad un certo punto, raggiunto il quale essa decresce allaumentare ulteriore del Brace Height. La misura ottimale di questo parametro funzione sempre della lunghezza dellarco. 5.3 Effetti della deformazione permanente (set ) e della pre-riflessione. Molti archi di legno assumono una curvatura permanente dopo il loro uso ripetuto. il fenomeno noto come il seguire la corda. Anche se solo incordato per qualche minuto, un arco di legno a cui viene smontata la corda mostra delle deformazioni, anche se generalmente esse sono temporanee. Dopo pochi minuti larco ritorna al suo stato iniziale. Ma a noi interessano le deformazioni permanenti: riducono notevolmente le prestazioni dellarco. I grafici 13 e 14 mostrano gli effetti della deformazione permanente in funzione della tensione sulla corda e del diagramma allungo/carico. Le curve marcate con 0 si riferiscono ad un arco nuovo, senza alcuna deformazione che si manifesta. Le curve marcate con +10 significano che langolo A (vedi fig. 1 e 2) aumentato, cio larco ha assunto una deformazione permanente di 10 gradi. Le curve marcate con -10 corrispondono ad un arco precaricato, cio con un set riflesso iniziale di 10 gradi. La struttura dei tre archi (a parte il set) analoga: stesse dimensioni (lunghezza, spessore, larghezza) stesso carico allallungo finale, ma considerevoli differenze nelle tensioni e nel diagramma di carico, come pu essere ben notato nei grafici 3 e 4. Nei grafici 5 e 6 viene mostrato un test comparativo sperimentale tra cinque archi diversi come set(-20.-10. 0. +10, +20). 39

Tensione della corda sull'arco a riposo (arco che segue la corda, senza set, precaricato) 100 90 80 carico (libbre) 70 60 50 40 30 20 10 0 0 5 10 15 20 25 30 35 allungo (pollici) T-10 T0 T +10

Grafico 13
Diagrammi di trazione comparati (arco che segue la corda, senza set e precaricato) 50 45 40 carico (libbre) 35 30 25 20 15 10 5 0 0 5 10 15 20 25 30 35 allungo (pollici) C+10 C0 C-10

Grafico 14

40

Diagrammi di trazione comparati tra archi con lo stesso carico ma con diversi set

50 45 40 35 carico (libbre) 30 25 20 15 10 5 0 0 5 10 15 allungo (pollici) 20 25 30 R+20 R+10 0 D-10 D-20

Grafico 15
Diagrammi comparati della tensione della corda su archi con diverso set 90 80 70 60 carico (libbre) R+20 50 40 30 20 10 0 0 5 10 15 allungo (pollici) 20 25 30 R+10 0 D-10 D-20

Grafico 16

41

5.4 Effetti della lunghezza totale dellarco sugli stress statici il grafico 17 mostra come varia il diagramma di trazione in funzione della lunghezza dellarco. Anche in questo caso, gli archi sono dello stesso carico allallungo finale (27,5), sono costituiti dallo stesso materiale, e hanno la medesima geometria. Lunica cosa che varia (ed facilmente comprensibile) il Brace Height: maggiore la lunghezza dellarco, maggiore sar la distanza arco-corda. Ci che balza immediatamente allocchio il lavoro di ogni arco, che cresce con la lunghezza, come pure la tensione della corda (grafico 18). In sostanza significa che larco pi lungo sar in grado di scagliare frecce pesanti ad alta velocit, cosa che non accadr con quello corto: le stesse velocit potranno essere ottenute con frecce pi leggere. Sembra una considerazione banale, per via della minore EEP accumulata, ma non lo : con le stesse frecce leggere un arco lungo (mantenendo inalterati i parametri definiti) non riuscir a scagliarle altrettanto velocemente. Su questo aspetto approfondiremo nellambito della trattazione dinamica.
Diagrammi di trazione comparativi - archi di egual carico, lunghezza diversa 50 45 40 35 carico (libbre) 30 4 25 20 15 10 5 0 0 5 10 15 allungo (pollici) 20 25 30 5 6

Grafico 17

42

diagrammi comparati della tensione della corda su archi di diversa lunghezza 70

60

50

carico (libbre)

40

4 5 6

30

20

10

0 0 5 10 15 allungo (pollici) 20 25 30

Grafico 18

Il grafico 19 mostra come influisce la lunghezza dellarco con lo stress nelle fibre. Per una data forza allallungo, larco corto mostra stress decisamente pi alti. Il grafico 20 mostra quale spessore dei flettenti necessario adottare per avere il medesimo stress su lunghezze darco diverse. Pi lungo larco, maggior spessore richiesto.

43

Stress delle fibre in funzione della lunghezza del flettente stress delle fibre (1000 lb/pollice quadro) 5 18 20 lunghezza del flettente (pollici) 22 24 26 stress Vs lunghezza 28 30 32 34 36 10 15 20 25

Grafico 19

Lunghezza del flettente in funzione del suo spessore spessore flettente (pollici) 0,15 15 17 19 lunghezza flettente (pollici) 21 23 25 27 29 31 33 35 l. flettente 0,25 0,35 0,45 0,55 0,65 0,75

Grafico 20

5.5 Effetti dello spessore e larghezza del profilo sulla curvatura dellarco

44

Se tutti gli archi fossero costituiti da materiali omogenei come lacciaio, sarebbe facile elaborare dei modelli predittivi teorici su forme, dimensioni e geometrie, e sarebbe altrettanto facile progettare archi con caratteristiche predeterminate attraverso elaborazioni teoriche. Ma non cos. Il legno, anche se costituito dalla medesima essenza, ha la caratteristica di essere diverso tra albero e albero, e nello stesso tronco, da porzione a porzione considerata. Queste variazioni sono dovute alla struttura degli anelli daccrescimento, dalla densit, dai nodi presenti, dallandamento delle fibre, dallumidit, e dalla grandezza delle celle. Tutti questi fattori determinano non solo una diversa elasticit e resilienza, ma anche e soprattutto il modo con cui larco si deformer in modo permanente dopo luso ripetuto (set). Ci vuole una grande esperienza di anni per formare quella capacit che permette di prevedere lipotetico risultato da un tronco, ed assolutamente impossibile fornire delle indicazioni per la costruzione di un arco a prova derrore, non infatti bastano le misure e i concetti, n il progetto dettagliato. In ogni caso forse vale la pena di soffermarsi su quelli che universalmente sono considerati elementi critici da un punto di vista progettuale, come ad esempio il rapporto tra la geometria e la sezione trasversale dei flettenti possano contribure a definire il modo (o la forma) di curvatura. Partiamo con la definizione delle propriet delle molle. Il flettente a tutti gli effetti una molla piatta, e in funzione del suo profilo (e delle caratteristiche fisiche del materiale costituente) essa si deformer in modo diverso. Il caso pi semplice dato dalla barra a sezione rettangolare: bloccata ad un estremo, di sezione rettangolare, a cui allaltro estremo viene applicata una forza. In fig. 6a sia l la lunghezza della barra (lunghezza libera di inflessione), w la larghezza, t lo spessore, F la forza a cui sollecitata ad un estremo. La barra vincolata alla base da un supporto fisso. Sia P un punto a distanza x dal punto di applicazione della forza F, e a distanza y dallasse della barra (o).

l w

Figura 6

45

La forza di compressione nel punto P sar proporzionale alla misura di y. Sia fy uguale alla forza per unit di area a P. (1) Allora, fywDy corrisponder alla forza per un tratto di barra avente spessore Dy e larghezza corrispondente a w. Nellaltra faccia della barra, simmetricamente a P rispetto a o sar presente una forza uguale, anche se in compressione. Conseguentemente, il momento risultante su o sar 2fy2wDy. la forza risultante quindi sar: (2) lintegrale da y = t/2 a y = o della funzione 2fy2wDy; integrando si ottiene: (3) ft3w/12, ma Fx corrisponde al momento provocato dalla forza agente, e finch vi equilibrio tra forza agente e reagente: (4) ft3w/12 corrisponde Fx oppure f=12 Fx/t3w Sia Y corrispondente al Modulo di Young, definito come il rapporto tra la forza per unit di superficie e la deflessione per unit di lunghezza; Se consideriamo un incremento di lunghezza Dx e, ricordando che la forza per unit di area in P fy=12Fxy/wt3, allora Y corrisponde al rapporto tra 12Fxy/wt3 e la deflessione in P per un incremento di lunghezza Dx, oppure (5) la deflessione in P corrisponde a 12 FxyDx/ t3wY; Allora la deflessione totale allestremit della barra, dovuta al piegamento dellintera barra data dallequazione: (6) Lintegrale da x =1 a x =o di 12Fx2dx/wt3Y, che fornisce la seguente soluzione: 4Fl3/wt3Y. Se volessimo conoscere la deflessione totale in qualsiasi altro punto della barra, che sia a distanza D dal vincolo di base, possiamo moltiplicare lequazione (5) per (x l + D)/y al posto di x/y ed integrare da x=1 a x=1 D (7) oppure lintegrale di [12 Fx (x l D) dx]/ wt3Y , da x=1 a x=1 D. Risolvendo lintegrale, otteniamo 12F (x3/2 lx2/2 + Dx2/2)/ wt3Y nellintervallo che va da x=1 a x=1 D. Sostituendo questi due limiti, otterremmo 12F (lD2/2 D3/6) / wt3Y, che permette di ottenere il grado di deflessione, in ciascun punto posto a distanza D dal vincolo nella barra. La fig.7a mostra la forma che assume un arco la cui struttura dei flettenti derivi dal modello di barra a larghezza e spessore costante esaminato. Nel disegno si nota un ispessimento centrale (corrispondente allimpugnatura) lungo circa 20 cm. Lo sviluppo della curvatura influenzato da questa discontinuit, tanto che il raggio di curvatura risulta minore in questarea, ma in ogni caso (e anche se non ci fosse questo ispessimento) la struttura esaminata mostrerebbe un incremento nel raggio di curvatura.

46

Figura 7

Usando lo stesso metodo analitico, e applicandolo ad una barra che priva di larghezza allestremit libera (Fig. 6c) a cui si applica la forza F, il sistema di equazioni varia. La deflessione calcolata in ogni punto P per una lunghezza Dx corrisponde alla (5): 12 FxyDx/ t3wY; in questo specifico caso w una variabile, che corrisponde a Wx/l. Sostituendo questo valore alla formula, si ottiene 12 FlyDx/ W t3Y (8) per la deflessione del punto P; questa deflessione non contiene il fattore x ed costante ad ogni punto, che implica come la curvatura sia costante ad ogni punto, cio ogni punto della barra appartiene ad un arco di circonferenza. Il fatto che la curvatura sia costante implica una ripartizione degli stress omogenea (differentemente dal modello precedentemente esaminato, in cui il raggio di curvatura aumenta a mano a mano che ci si allontana dal vincolo) e da un punto di vista meccanico ci rappresenta un dato positivo. Continuando la trattazione matematica, la deflessione allestremit della barra per un incremento di lunghezza Dx x/y volte maggiore di quello al punto P ed uguale a 12 FlxDx/ W t3Y. La deflessione totale alla fine della barra quindi uguale allintegrale della espressione precedente, da x=1 a x=o; integrando si ottiene (9) 6F13/ W t3Y. Questo rappresenterebbe un incremento del 50% rispetto allaltra barra (6). La deflessione di ogni 47

altro punto lungo la barra che si trova alla distanza D dal vincolo come prima (x l + D)/y volte rispetto a P in modo tale che la deflessione totale ad ogni puntop lungo la barra uguale allintegrale da x=1 a x=1 D dellespressione 12 Fl (x l + D)dx/ W t3Y. Integrando, otteniamo la (10) : 6FlD2/ W t3Y (ove la deflessione sia misurata lungo la traiettoria del punto in movimento). La fig.7b rappresenta un arco la cui struttura dei flettenti deriva dal modello di barra a larghezza che diminuisce a zero e a spessore uguale. In ogni punto, larco si piega con un raggio di curvatura costante, ed la curvatura a cui i costruttori darco tendono nei loro lavori. In teoria, la barra esaminata tenderebbe allo spessore 0 ma nella realt un arco a punte di zero larghezza non realizzabile (dove si inferirebbe la corda, nellapice?). Puntare a zero assottigliando i flettenti, pur mantenendo uno spessore adeguato perch meccanicamente si possa assicurare la corda un poco pi sotto lapice, permette comunque di ottenere una geometria di flessione simile. Se consideriamo una barra a W (larghezza) costante, ma a T (spessore) che tenda a 0 secondo una linea retta, avremo un altra interessante modellizzazione. Sia t la variabile che rappresenta il valore Tx/l. Se dovessimo trattare questo come nei casi precedenti, troveremmo una deflessione totale infinita. Se costruissimo un arco con queste caratteristiche, i flettenti, nella loro porzione finale, curverebbero bruscamente allindietro. (la curvatura si manifesterebbe principalmente nella parte superiore e inferiore dellarco, come nella figura 7c). La deflessione in ogni punto della barra, che si trova a distanza D dal vincolo, data dallequazione 12 Fl / W t3Y [log(1/l D ) D/l] ove, qualora D assuma il valore l, la flessione diventa infinita. Se la rastrematura della barra non avvenisse secondo una linea dritta e si considerasse un valore di t corrispondente a T(x/ l)1/3 come illustrato in fig. 6e, troveremmo sostituendo nellequazione (5) una deflessione in P che indipendente da x. Il significato di questa differenza sostanziale: avremmo comunque un arco di circonferenza. Attribuendo al valore di t = T(x/ l)1/3 nellequazione (6) noi avremmo, integrando, 6Fl3/WT3Y, che lo stesso che ottenemmo per la barra che si riduceva in larghezza.. La totale deflessione di ogni altro punto lungo la barra che si trovi a distanza D dal vincolo potr essere calcolato attraverso lequazione 6Fl3/WT3Y, identica alla (10). Un arco costruito con questo profilo si curver come nella fig. 7b, anche se la parte prossima alla zona dellimpugnatura si trover comunque pi stressata. La maggior parte degli archi risultano una combinazione tra questa geometria e quella della barra evidenziata dalla fig. 6c. I flettenti diventano pi spessi verso limpugnatura, e pi stretti verso i puntali. Il miglior compromesso tra queste dimensioni determina la ripartizione omogenea degli stress ed il miglior funzionamento dinamico, di cui tratteremo pi avanti. Ogni barra utilizzata in queste considerazioni analitiche possiede una sezione rettangolare. Nel prossimo paragrafo analizzeremo altre sezioni.

48

5.5.1 Il piano neutro Quando una barra simmetrica ed omogenea viene sottoposta a flessione, lelongazione di una faccia uguale alla compressione dellaltra. Se un arco ha una sezione simmetrica ed costituito di legno di uguali densit e propriet, gli allungamenti nella parte dietro (back) sono uguali alle compressioni del ventre (belly). In ogni arco fatto cos vi una sottile sezione centrale in cui non vi sono n tensioni n compressioni. Questa area chiamata piano neutro. La realt diversa: la maggior parte dei legni utilizzati per fare archi sono composti da una parte di alburno ed una di durame, oppure rinforzati sul dietro con altri materiali, o addirittura nel ventre (come nel caso dei compositi). Il piano neutro, i questi archi, non sar mai centrale, e la sua collocazione sar condizionata dallelasticit di questi materiali. Praticamente tutti gli archi non hanno una sezione simmetrica. Caso eclatante il longbow inglese con la sua brava sezione a D, cio il belly estremamente pronunciato e il back praticamente piatto. In questo caso, il piano neutro si sposta verso il back, ovviamente. E importante localizzare il piano neutro, in modo da comprendere la localizzazione dello stress lungo la struttura e prevenire le rotture. Come procedere? Assumiamo, per semplicit, di avere un legno omogeneo (tutto durame o tutto alburno) inizialmente. La sezione quella raffigurata in fig.8.

Figura 8

Sia la larghezza dellarco nel back w, lo spessore dal belly al back uguale a T, la distanza dal belly al piano neutro a, e la distanza dal back al piano neutro b. Assumiamo inoltre che la sezione della porzione che va dal piano neutro al belly sia una sezione conica (parabola), z = [c(a-y)]1/2 Quando y = 0, z = w/2, quindi z = (ca) 1/2. Questo tipo di sezione abbastanza comune negli archi tradizionali inglesi, anche se gli angoli in B e B sono spesso arrotondati e in N N, tra il profilo a parabola e quello 49

rettilineo non vi discontinuit. (N.B.:utilizziamo lasse Z per poter poi usare lasse X nel rappresentare la lunghezza dellarco nelle successive trattazioni). - sia la forza di compressione in P -> fy; - il momento della forza sullasse ZZ di un segmento Dy sia uguale a 2zfy2Dy - il momento totale della forza di compressione sia lintegrale da y = a ad y = o di 2fzy2dy; - sostituendo [c(a-y)]1/2 a z, avremo, come momento totale delle forze di compressione, lintegrale da y = a ad y = o di 2fy2dy[c (a y)] 1/2 , che risolto dar: (32/105) fa3(ac)1/2 - Nella stessa maniera potremo ottenere le forze di trazione, calcolando lintegrale da y = b a y =o di 2fz2dy, in cui z, in questo caso, costante ed uguale a w/2; - il momento delle forze di trazione quindi corrisponder allintegrale da y =b a y = o di wfy2dy, che risolto dar wfb3/3. - finch w uguale 2(ac) 1/2 , avremo come momento totale dovuto alla trazione (2/3)fb3 (ac) 1/2 Il momento delle forze di compressione risulta quindi uguale a quello delle forze di trazione. (2/3)fb3 (ac) = (32/105) fa3(ac)1/2 a3 uguale a (35/16) b3 e a uguale a 1.30 b approssimativamente. Finch lo spessore dellarco T uguale ad A + B, avremo a = .565 e b = .435 Da queste considerazioni facile vedere come se la distanza tra il belly e il piano neutro il 30% superiore alla distanza tra esso e il back, le tensioni che si sviluppano siano molto simili. Se la stessa geometria di sezione ha un rinforzo dal lato del back (backing), di uno spessore di t e un coefficiente di elasticit pari a n volte quello del legno, il piano neutro si muover verso il back. Lintegrale da y = b a y = b t di wnfy2, risolto, d (wnf/3) [b2 (b t)3], dove w = 2(ac)1/2 Sommando questi due momenti e uguagliandoli al momento della compressione, abbiamo: a3 = (35/16) [nb3 n(b t)3 + (b t)3] = (35/16) [nb3 (n 1) (b t)3 ]; sia t = mb, allora: a3 = (35/16) b3 [n (n 1) (1 m) 3] , da cui a = b3 (35/16)1/2 [n (n 1) (1 m) 3]; se n =2 e m = .1, a = b(1.30 x 1.083) = 1.41b; a = .58 T, b = .415 T Se n = 2i si avr una distanza ridotta del 5% circa. Consideriamo ora una sezione darco come quella di figura 9, ove la parte del belly un semicerchio di raggio a, e la distanza dal piano neutro al back uguale a b, e la larghezza dellarco nel back w . Seguendo le medesime procedure adottate poco fa, il momento della forza sullasse ZZ dovuto alla compressione corrisponde allintegrale da y = a ad y = 0 di 2zy2dy; ma z = (a2 y2) 1/2 ; sostituendo il valore di z e dunque risolto, fornisce il valore 3.1416fa4/8. Il momento dovuto alla compressione sar 2afb3/3. Sostituendo il valore di w =2a, il momento diventa 2afb2/3. Finch il momento dovuto alla compressione uguale al momento dovuto alla trazione, avremo: 3.1416fa4/8 = 2afb3/3, da cui a = 1.194 b.

50

Con un arco caratterizzato da questa sezione, la distanza dal piano neutro al belly circa il 20% maggiore della corrispondente distanza dal back. Questa configurazione non mostra quindi il piano neutro non cos vicina al back come la precedente parabolica, e (aggiungo) un arco con una sezione a profilo iperbolico avrebbe il piano neutro molto pi vicina di quello parabolico. Un sistema banale (ma sicuramente efficace per i non amanti della matematica) per verificare il posizionamento del piano neutro di una sezione darco quella di riprodurre in scala maggiorata (almeno 4 volte) su un cartoncino rigido un disegno accurato della sezione dellarco su cui si lavora, inclusi gli assi come nelle fig.8 e 9. Lo si ritaglia e lo si pone con uno spillo su una superficie verticale. Il punto in cui lo spillo lo attraversa (tenere fede allasse Y), se posto correttamente, dovr permettere al modello di ruotare liberamente e in modo equilibrato. Da quel punto passer lasse Z del piano neutro, sempre che il legno adottato sia omogeneo.

Figura 9

5.5.2 Stress nelle fibre Lo stress delle fibre in qualsiasi sezione darco sempre proporzionale alla distanza dal piano neutro dalle due superfici di compressione e trazione. Se la sezione simmetrica, ed il materiale omogeneo, lo stress uguale. Come si visto nel paragrafo precedente, forme asimmetriche generano stress diversi. Se la sezione rettangolare, si ottiene la massima ottimizzazione degli stress, tant vero che tra due archi del medesimo carico/allungo, quello a sezione asimmetrica (a D) avr stress ben maggiori (quindi rischi di rottura superiori o di seguire la corda) rispetto allaltro. Ora cercheremo di definire il metodo per determinare il rapporto tra il dimensionamento della sezione e il massimo stress che essa pu sopportare. Come gi visto nel paragrafo sulleffetto dello spessore e della larghezza sulla sua geometria dellarco, lequazione (3) il momento totale 51

della forza sul piano neutro, ad ogni sezione corrisponde a ft3w/12, dove t corrisponde allo spessore, w alla larghezza del flettente, e f una costante che, quando moltiplicata per la distanza con il piano neutro, d la forza per unit di superficie nel punto P considerato. E stato anche dimostrato come nellequazione (4), che fwt3/12 = Fx, dove F il carico sul puntale dellarco e x la distanza dal puntale alla sezione considerata. f quindi uguale a 12Fx/wt3 (1) Il massimo stress sar alla pi grande distanza dal piano neutro, come accennato. In questo caso, dove la sezione della barra rettangolare, il piano neutro sar nel mezzo e alla maggior distanza da esso; si trover a t/2. La forza per unit di superficie sotto tensione e allopposto, sotto compressione, sar ft/2. Applicando lequazione (1), otteniamo il massimo stress delle fibre: ft/2 = 6Fx/ wt2 (2) La tensione della corda (vv. paragrafo 2.1) nellarco carico ma a riposo, equivale al carico dellarco a tensione completa. Anche a trazione completa, la tensione della corda prossima al carico F e quindi pu essere sostituita nella formula. Esaminiamo una sezione di un arco di 40 libbre a profilo rettangolare costante, con larghezza decrescente lineare dallimpugnatura alle estremit dei flettenti. Consideriamo una sezione a trenta cm. dallestremit, con w = 1,3/8 e t = . Sostituendo questi valori nellequazione (2) abbiamo: ft/2 = (6 x 40 x 30) / (1.375 x .752) = 9.300 psi51 lo stress delle fibre al limite di elasticit per il legno di tasso (Taxus baccata) di 10100 psi mentre il carico di rottura corrisponde a 16800 psi. E evidente come questarco lavori al di sotto del limite di elasticit ed in sicurezza rispetto al limite di rottura. Se questo arco fosse a profilo omogeneo non solo nello spessore ma anche nella larghezza, lo stress sarebbe minore, e ancor pi basso nella zona prossima ai puntali; la sua curvatura avrebbe il profilo uguale a quello della figura 4a. Se la larghezza decresce verso i puntali seguendo una linea retta dallimpugnatura, la decrescita del valore di x e esattamente compensata dalla decrescita in larghezza w, in modo tale che le fibre sono stressate nel medesimo modo attraverso la lunghezza dellarco. Per esempio, se considerassimo una sezione a 15 pollici dal puntale, lo spessore sarebbe ancora ma la larghezza sarebbe solo 11/16. Sostituendo questi valori nella equazione (2) otteniamo il massimo stress delle fibre: ft/2 = (6 x 40 x 15) / (.687 x .752) = 9.300 psi Il valore degli stress della sezione a 30 corrisponde a quelli computati nella sezione a 15 . nel medesimo modo, ogni altra sezione mantiene gli stessi stress pur variando nei parametri dimensionali. Calcoliamo ora il massimo stress delle fibre in un arco di tasso realizzato da un noto costruttore. Larco ha un carico di 40 libbre ed lungo 70. Esaminando la sezione a 30 dal puntale, e rilevando il piano neutro con il sistema descritto precedentemente, registriamo uno spessore (t) di 1 e una larghezza (w) di 1, 1/8, con una forma che ci permette di posizionare il piano neutro a .55 dal belly e .45 dal back. Il momento computabile riferito alla tensione wfb3/3, dove b la distanza del piano neutro dal back. Il momento totale sul piano neutro il doppio di questo valore. Il

51

psi= pund per square inch, corrispondente a 0.068 atm. e a 6894.76 pascal

52

momento dovuto al carico F Fx, dove x la distanza dalla fine della sezione. Quindi f = 3Fx/2wb3. Sostituendo i valori in questa equazione, otteniamo: f = (3 x 40 x 30) / (2 x 1.125 x .452) = 17,600 Lo stress massimo delle fibre sar sul belly dove la distanza con il piano neutro di .55. Finch lo stress massimo delle fibre f volte questa distanza, avremo: 17600 x .55 = 9660 psi. Considerando unaltra sezione a 15 dal puntale, registriamo uno spessore (t) di .60, e una larghezza (w) di .95, con il piano neutro a .27 dal back e .33 dal belly. Utilizzando questi valori, avremo: f = (3 x 40 x 15) / (2 x .95 x .272) = 48,000 Il massimo stress delle fibre sar sul belly, che a .33 dal piano neutro, e sar uguale a : 48,000 x .33 = 15,900 psi. Ci corrisponde ad un incremento pari al 68% rispetto allo stress della sezione precedentemente calcolata, va bel oltre al limite elastico del Taxus baccata (10100 psi) ed di poco inferiore al suo limite di rottura (16800 psi.). Se si volesse mantenre inalterata la larghezza (w) bisognerebbe ridurre lo spessore, almeno della met (.562) . Sostituendo il dato nellequazione: f = (3 x 40 x 15) / (2 x .562 x .452) = .17,600 e: 17000 x .55 = 9660 psi. Con questa modifica, larco avr un miglior rendimento e eviter ogni problema. Se si adottasse una sezione non parabolica ma rettangolare per il belly, il massimo stress delle fibre sarebbe ridotto ulteriormente del 18% perch la distanza del belly con il piano neutro diventerebbe di .45 invece di .55, e larco avrebbe esattamente lo stesso carico. Se si usasse uno spessore di 1, si avrebbe un incremento di carico del 27%, nel qual caso il massimo stress delle fibre sarebbe dato dallequazione (2): f = (6 x 50.8 x 30) / (1,125 x 12) = .8,130 psi Anche con questo deciso incremento di carico (da 40 lbs a 50,8 lbs) lo stress 1530 psi inferiore alla sezione parabolica. Il motivo per cui sono state scelte queste due specifiche sezioni per dimostrare che il massimo stress esiste dove larco piega di pi. Non c infatti alcun set vicino allimpugnatura, ma molto grande a 15 dai puntali. Attenzione: precedentemente si scritto che le tensioni pi forti si sviluppano dove lo spessore della sezione maggiore, ma bene specificare come questa asserzione sia valida nel caso di archi che si piegano secondo un arco di cerchio. Ovviamente questarco preso in esame NON piega secondo un arco di cerchio! Spesso unosservazione casuale o poco attenta non rivela questa caratteristica: un apparente piccolo cambiamento della curvatura pu causare grandi differenze negli stress interni dellarco. Molti archi lavorano oltre il limite di elasticit (anche se allinterno del carico di rottura). E dimostrato52 come il modulo di rottura per compressione sia molto pi basso di quello per trazione. In tutti i test per determinare il modulo di rottura per le deformazioni statiche, la parte soggetta a compressione che cede per prima. Questo fa si che il piano neutro si sposti progressivamente, durante la
52

Ricerche compiute dal Forest Product Laboratories, Madison, Wisconsin, 1920

53

deformazione, verso la parte in trazione, in modo graduale a mano a mano che il raggio di curvatura aumenta, fino alla rottura del back. Il lettore non deve pensare che le rotture riguardino solo il belly: quando belly cede, il back viene sovraccaricato oltre il suo limite perch il piano neutro si sposta dalla sua posizione iniziale verso il back, fino a coincidere con esso. Ecco perch necessario controllare sempre il belly: i piccoli segnali di compressione (fibre compresse e compromesse, chrysals) sono avvisaglie di cedimenti e di susseguenti spostamenti del piano neutro, spesso critici. In molti legni testati, il limite di rottura per tensione risulta doppio di quello per compressione, e in modo analogo, il limite di elasticit per tensione doppio rispetto alla compressione. la sezione classica del longbow a D tale che le forze di compressione sul belly siano molto maggiori di quelle sul alto del back, ed paradossale, alla luce delle considerazioni appena fatte. Quali sono i motivi per questa scelta? Uno potrebbe essere perch cos sempre statoma poco convincente! Unaltra potrebbe essere dovuta al fatto che nei longbow di tasso la parte sottoposta a trazione costituita da alburno (la parte giovane del legno) notoriamente pi debole del durame (utilizzato nel belly) e quindi il piano neutro risulta spostato pi verso il belly compresso. E stato sperimentato come il limite elastico in compressione aumenti considerevolmente dalla presenza di fibre meno stressate. Il limite elastico nella flessione molto pi grande di quello che si manifesta nelle fibre compresse parallele alla grana del legno, dove lintera struttura sottoposta al medesimo stress. Questo probabilmente dovuto al fatto che nella flessione, solo lo strato superficiale sottoposto allo stress maggiore. Gli strati adiacenti di fibre meno stressate aiutano a sopportare quelle pi sollecitate, e questo innalza il limite a cui il manufatto pu essere sollecitate. Esiste una forte probabilit che per i legni molto omogenei come lOsage orange (Maclura pomifera) o il Lemonwood (Pittosporum eugenoides) possano fornire archi ad ottime prestazioni ribaltando la logica della sezione classica. Una sezione trapezoidale, con la parte pi larga per il belly e magari una ricopertura per il back, sicuramente fornir le migliori prestazioni. Il mistero della sezione a D del Longbow inglese rimane quindi un grande interrogativo. Oggi non si hanno sufficienti dati per poter scientificamente determinare quale sia la sezione migliore in funzione del legno adottato; esistono s criteri di massima, ma noto come in tante arti e mestieri ladozione di una forma o di un concetto sia spesso accompagnata da ragioni concrete. La costruzione di un arco unarte che si sviluppata in tantissimo tempo, con prove ed errori, e dovrebbe essere conseguenza di una strategia adattativa giungere alle migliori forme. Altrettanto, vero che le forme culturali hanno influenzato levoluzione dellarco inglese, ove la sezione a D rappresenta unapparenza, forse viziata dgli archi dellultimi due secoli di storia sportiva. Gli archi del Mary Rose, i war bow antichi, probabilmente avevano sezioni circolari o ellittiche (quindi simmetriche). E poi basti pensare alle geometrie degli archi antichi pi di diecimila anni, come Holmegaard, Mollegabet, Mudjeberg53, e tanti altri: le loro sezioni sono prevalentemente piatte e simmetriche, o pi propriamente trapezoidali, come il nostro modello suggerisce.

53

vedi cap.1

54

Figura 10

A) sezione a D del long bow inglese. La parte sottoposta a trazione esuberante. B) arco piatto a sezione rettangolare: lasse neutro divide la sezione in modo simmetrico; C) sezione a trapezio, la pi razionale perch la parte in compressione maggiore di quella in trazione, rispettando le propriet meccaniche del legno. 5.6 Effetti del peso della corda sulla velocit della freccia e sullefficienza dellarco E una nozione abbastanza intuitiva il fatto che le dimensioni della corda influenzino in modo deciso le prestazioni di un arco di legno, ma da un punto di vista quantitativo non vi mai concordanza di opinioni. Queste discordanze derivano, fondamentalmente, dal fatto che ogni arco ha dei suoi parametri ben definiti, e la sensazione del proprietario vincolata alla sua esperienza. Un processo analitico che si rispetti deve tener conto di tutte queste variabili. La sperimentazione, affrontata tenendo conto del processo di riduzione delle variabili, deve coincidere con la teoria. Lesperimento condotto da Hickman, e pubblicato nellAprile del 1931, probabilmente lunico che fornisce dati di questo tipo. Vennero utilizzate corde di lino (tipo Barbour) da 12, 14, 16, 18, 20, 22, 24, 26, 28, 30 stoppini; la corda da 12 stoppini aveva una massa di 108 grani, e quella da 30 una massa di 254 grani. Venne utilizzato nella sperimentazione un arco di Tasso di cinque piedi e otto pollici di lunghezza (170 cm.), un arco di Lemonwood di sei piedi (180 cm.) ed uno di Acero di cinque piedi e dieci pollici (176 cm.). Furono usate frecce di quattro masse diverse: 280, 370, 537 e 680 grani. Gli archi furono fissati su dei supporti appositamente concepiti per poter effettuare tiri ripetuti nelle stesse condizioni, tramite un rilascio meccanico pneumatico simulante un rilascio (mediterraneo) manuale. Il sistema comprendeva anche un misuratore di velocit in grado di verifcare laccelerazione delle frecce, anche se in questo esperimento serviva la rilevazione della sola velocit di distacco della freccia dalla corda. Il tachigrafo aveva una sensibilit di 10-5 sec., ove il tempo richiesto dalla freccia per percorrere un piede, in questi test, variava da 5,7 x 10-4 sec. a 9,3 x 10-4 sec. (in tutti i casi le misurazioni risultavano accurate con un margine inferiore dell1%). Ciascuno dei tre archi fu testato con tutte le quattro frecce, e tutte e dieci le corde. Il carico degli archi era: Tasso 47 libbre, Lemonwood 43 libbre, Acero 39 libbre. La modifica percentuale nella velocit di uscita delle frecce per le corde di massa differente fu circa la stessa per tutte e quattro, in tutti gli archi. Il cambiamento in velocit per una data massa di freccia risult lineare con la modifica delle masse delle corde, un po meno con la corda pi massiva. La velocit della freccia da 400 grs. per larco di Tasso (quello con il carico maggiore, 47 lbs) con la corda di 108 e quella di 254 grs. fu rispettivamente di 155 fps e 148 fps rispettivamente.

55

La velocit della freccia da 400 grs. per larco di Lemonwood (quello con il carico intermedio, 43 lbs) con la corda di 108 e quella di 254 grs. fu rispettivamente di 142 fps e 136 fps rispettivamente. La velocit della freccia da 400 grs. per larco di Acero (quello con il carico minore, 39 lbs) con la corda di 108 e quella di 254 grs. fu rispettivamente di 139 fps e 130 fps rispettivamente. A questo punto vennero computati i rendimenti per le diverse masse di corda. Lefficienza dellarco di Tasso risult del 68% per la corda da 108 grs. e 62% per la corda da 254 grs. Lefficienza dellarco di Lemonwood risult del 62% per la corda da 108 grs. e 59% per la corda da 254 grs. Lefficienza dellarco di Acero risult del 67% per la corda da 108 grs. e 62% per la corda da 254 grs. Conclusioni: - Il risultato dei test mostra come gli effetti di differenti masse di corda dipendono dalle dimensioni, geometrie, carichi e materia costituente gli archi; - E evidente una apprezzabile diminuzione di efficienza degli archi allaumentare della massa della corda; - La massa della corda fattore chiave in questi cali di rendimento, ma non il suo diametro (la resistenza dellaria ininfluente). Nel paragrafo 6 vedremo come il concetto di Massa Virtuale possa aiutarci a comprenderne i perch.

5.7 Effetti della massa dei puntali e della loro resistenza allaria sul rendimento dellarco Esiste una notevole confusione sullinfluenza della massa dei puntali dellarco e la dinamica della chiusura. Molti pensano che la massa sul puntale sia causa di perdite di rendimento, e preferiscono ridurre la loro massa al minimo. Altri non denunciano alcuna differenza. Altri ancora non riescono a rinunciare al fascino dei tips intagliati nel corno dei loro longbow inglesiLa sperimentazione sullaccelerazione della freccia dimostra che linfluenza relativamente scarsa. Un arco di 180 cm, dal carico di 30 libbre stato usato nel test. Gli intagli per la corda sono stati praticati direttamente sullestremit del flettente. Questi intagli sono stati praticati nel punto pi estremo possibile, il brace height stato fissato a 6 pollici, e lallungo a 25 pollici netti. Quattro frecce di massa differente sono state utilizzate nel test: 271, 370, 520 e 663 grs. Larco stato fissato al supporto meccanico, in modo da poter contare su un rilascio e un allungo costanti. Lincertezza dei valori delle misurazioni (in funzione della distanza di rilevazione) corrisponde ad %, e ripetendo le prove nelle stesse condizioni stata raggiunta la precisione dell 1%. Tutte quattro le frecce sono state scagliate dallarco con i puntali non appesantiti, e ogni velocit corrispondente stata registrata. Successivamente I puntali sono stati appesantiti, con dei perni in ottone della massa totale di 49,4 grs., e le velocit sono state ulteriormente computate. Successivamente, ulteriori masse sono state aggiunte ai puntali, tanto da raggiungere i 94,6 grs. La procedura stata ripetuta pi volte, fino a raggiungere la massa 56

ai puntali di 185 grs. e le relative velocit di uscita sono state registrate. Come ulteriore prova, tutte le masse ai puntali sono state rimosse, per ripetere il test iniziale come controllo, e i dati hanno coinciso, differenziandosi solo dell1%. Non stata rilevata sostanziale differenza di velocit per la freccia pi pesante (663 grs.) e la variazione di velocit per la freccia di minor massa non ha ecceduto dell1% (tra il flettente non appesantito e appesantito al massimo valore). Le misurazioni di velocit per le frecce di diversa massa hanno mostrato che unaggiunta di massa di 400 grs. ha causato un decremento di velocit del 25%; in contrasto a ci, la stessa massa aggiunta ai puntali riduce la velocit di uscita (anche per la freccia pi leggera) solamente dell 1, fps (circa l1%). Se si utilizzano i puntali di corno (del peso di pochi grani) quindi certo che la velocit della freccia, anche se leggera, non sar ridotta, almeno dal punto di vista della massa del puntale. E quindi stato effettuato un test simulando leggeri puntali di superficie variabile da 1 a 4 pollici quadrati. Il decremento di velocit, per le quattro frecce e per i tips di 4 pollici quadrati, in questo caso stato pi evidente: tutte le frecce hanno registrato circa due fps in meno. Concludendo, si pu asserire che se i puntali in corno non eccedono la superficie di un pollice quadrato, nessun apprezzabile decremento in velocit si ottiene, analogamente al caso dellincremento di massa. Se poi consideriamo archi di forte libbraggio, sia lincremento di massa che quello in superficie pu essere considerato nullo. Per archi di piccole dimensioni e di forte carico, come quelli da flight shooting, la perdita di velocit potrebbe essere evidente, sia per il fattore massa che per quello dovuto alla resistenza dellaria.
6. Massa virtuale

Per realizzare un arco ad ottime prestazioni, oltre alla scelta dei materiali a bassa perdita di isteresi, un buon concetto da perseguire quello dellottimizzazione della sua massa virtuale54. E una grandezza che definisce una massa che in movimento con larco alla stessa velocit della freccia allistante che essa si stacca dalla corda e che ha la medesima energia cinetica dei flettenti e della corda in quellistante. Sia K la massa virtuale dellarco: (1) rW = (m + K) v2

dove m la massa della freccia e v la corrispondente velocit. Se K indipendente dalla velocit al momento in cui lascia la corda, lequazione (1) ci permette di determinare la curva di rendimento dellarco considerato, specificamente la curva di v in funzione di m, conoscendo lenergia disponibile rW. Che K sia equiparabile ad una costante determinabile attraverso la sperimentazione, misurando cio tanti archi i parametri variabili qui espressi. Nellesperimento di Klopsteg, qui riassunto nel grafico, la procedura quella di misurare la velocit impartita da uno stesso arco a sei frecce, di massa da 250 a 700 grani, ad intervalli di 75 grani.
54

La prima dissertazione sul concetto di massa Virtuale apparve su Archery, the Technical Side ad opera di Paul Klopsteg. Egli scopr empiricamente che la velocit delle frecce su un vasto campione di archi era inversamente proporzionale alla radice cubica delle loro masse.

57

Questo range include praticamente tutte le masse di freccia usate per il tiro alla targa e per la caccia, e buona parte delle frecce per il tiro di gittata. Se si misurano due velocit v corrispondenti a due masse m (preferibilmente differenti di qualche centinaio di grani) possiamo non considerare K dallequazione (1) e risolvere per rW per ottenere una verifica sul valore rW, determinato come prima descritto. I valori di rW trovati saranno normalmente pi alti di quelli ottenuti dai metodi tradizionali, indicando che la energia disponibile in una situazione di tiro reale un po pi alta rispetto a quella computabile attraverso sistemi lenti55. Avendo stabilito che K costante per un determinato arco, possiamo utilizzare questo concetto per indagare da un altro punto di vista fatti ben noti nelle esperienze di tutti gli arcieri, ma la cui spiegazione spesso sfugge dalla logica. Quando i tiri sono lunghi (ad es. 100 yarde) logicamente preferibile utilizzare un arco di forte carico per evitare forti angoli di elevazione del tiro, ma spesso non si raggiunge che un piccolo vantaggio. Come
55

Per sistemi lenti intendiamo sistemi di misurazione dellenergia potenziale dellarco reale misurati attraverso la chiusura dalla posizione di arco teso collegata ad un dinamometro (vv 2.6.1, isteresi)

58

pure evidente, tra chi pratica il tiro di gittata, che raddoppiare il carico dellarco non porta a raddoppiare la gittata delle frecce, al massimo si ottiene un incremento del 20 o 25% della distanza raggiunta. Queste osservazioni dalla sperimentazione sono interpretabili come un effetto della massa Virtuale (fig.6). ,

Grafico 21

Famiglia di curve computata grazie alleq.(1) Quando la massa virtuale K di un arco alta, comparabile con la massa m della freccia, lefficienza dellarco prossima al 50% Se K corrisponde ad 1/3 m, lefficienza dellarco del 75% e questo si pu intendere come una ripartizione dellenergia rilasciata da esso 59

tra la massa della freccia e la massa virtuale. Ovviamente se K eccede la massa della freccia, il rendimento diventa inferiore al 50%, e se la massa della freccia superiore a K il rendimento aumenta. Un arco che scalcia ovviamente un arco che rende poco. Se K grande rispetto alla massa della freccia, la grande quantit di energia non ripartita sulla freccia si scarica sullarco. Un atro devastante esempio il dry fire, cio quando larco viene rilasciato a vuoto. La massa della freccia zero, tutta lenergia dellarco si carica su s stesso. Ecco perch nella progettazione di un arco, la riduzione massima della massa virtuale pi che augurabile, anche se la sua riduzione totale impossibile, per la costituzione fisica stessa della struttura arco/corda. Lunico modo di ridurre K ottimizzare il disegno dellarco, che in parole povere porta alla riduzione il pi possibile raffinata delle masse in movimento dellarco (flettenti e corda) pur mantenendo una specifica solidit strutturale. Pu essere fatto molto in questa direzione, il disegno deve provvedere ad esaltare le componenti legate alla tensione e compressione e tenendo conto della resistenza alla rottura di esse. Produrre un arco che abbia il massimo redimento possibile con il minimo di materiale (massa) impiegato come camminare sulla lama di un rasoio. E la ricerca del compromesso tra il minimo materiale possibile e la massima resistenza strutturale, tradotta come la ricerca di ottenere il minimo dellisteresi da una struttura solida e duratura. Tornando allequazione (1) e assegnando ad m il valore 0, si ottiene:
(2)

V = (2rW/K)1/2

Questa equazione definisce un obiettivo teorico ambizioso, una sorta di figura di meritoda un punto di vista del rendimento di un arco. Rappresenta la velocit limite che larco potrebbe impartire ad una freccia approssimando a 0 la sua massa. Ovviamente nessuna freccia tirata con questo arco potrebbe possedere una velocit superiore di quella data dallequazione (2) , il che mostra come incrementando il carico dellarco (aumentando la larghezza, quindi la massa dei suoi flettenti) non si ottengono sostanziali miglioramenti dalla figura di merito definita dallequazione (1). Qui assumiamo che nessun altra dimensione sia variata, affinch larco possa considerarsi equilibrato, e che non sia variato lo spessore dei flettenti n diminuita la sua lunghezza, mettendo a rischio la struttura. Conseguentemente, raddoppiando la larghezza dei flettenti senza modificare gli altri parametri, potremmo in modo approssimato valutare come raddoppiato il valore di K. Questo non significa che non vi sia vantaggio reale nel raddoppiare il carico dellarco, come dimostrabile sperimentalmente leggendo la tabella che segue, dove due archi uno dei quali ha il carico e la massa virtuale doppia dellaltro.

60

Effetti del raddoppio del carico e della massa virtuale di un arco sulle velocit delle frecce di differenti masse Massa della freccia Arco A: 45 lb Arco B: 90 lb Differenze nella m (lb) K1 = 0,035 lb K1 = 0,070 lb velocit Energia disponibile Energia disponibile v1 v2 (%) 1200 ft lbs 2400 ft lbs 2 m+K1 v1 v1 m+K2 v22

Un approccio al problema del far tendere a 0 la massa della freccia in un dato arco si pu affrontare nel cercare di considerare, con i flettenti simmetrici, il periodo libero di vibrazione, con la parte inerte bloccata da una morsa. Per un determinato sistema darco vi un periodo vibrante specifico. Se si assume che sotto un determinato limite non si pu scendere per questioni di solidit strutturale, lunico modo per aumentare la rigidit dei flettenti aumentarne la larghezza. Aumentando la larghezza, non decresce il periodo di vibrazione del flettente, ecco giustificato il motivo per cui due archi di cui uno ha un carico doppio dellaltro si mantengano allinterno di questa figura di merito teorizzabile.

61

7. Propriet delle corde

Come risulta influenzato il rendimento dellarco dalla natura della corda? Dagli esperimenti di Hickman appare chiaramente che la velocit della freccia in uscita diminuisce allaumentare della massa della corda. Quantitativamente, usando una corda di 200 grani al posto di una di 100, la perdita di velocit della freccia sarebbe paragonabile quella che si otterrebbe aumentando la massa della freccia di 40 grani, un decremento del 5 8%, che abbastanza risibile (par.5.6). Una delle caratteristiche pi importanti che una corda da arco deve possedere la robustezza. Lo stress che subisce la corda di due tipi: uno statico (corda montata con larco in posizione di riposo, e corda con larco in fase di trazione) e un altro dinamico (corda che accelera la freccia, e soprattutto quello che si genera nel momento in cui la freccia si distacca da essa). Lo stress statico sulla corda pu essere ben calcolato attraverso il modello proposto da Hickman. Pi larco corto, pi lo stress (statico) decresce. Qualitativamente, con gli archi corti il massimo della tensione statica la si registra a trazione totale, diversamente dagli archi lunghi, in cui il massimo dello stress lo si registra nella posizione incordata (arco scarico). Altra cosa lo stress dinamico: viene raggiunto al termine della corsa della corda quando la freccia si distacca da essa. La grandezza di questo parametro funzione di diverse variabili, le pi importanti sono lenergia dellarco restituita in chiusura e la massa della freccia. Naturalmente, chi utilizza larco per il tiro di gittata, ad esempio, non si preoccuper particolarmente delle rotture durante i lanci, baster che il limite di rottura statico sia adeguato al carico dellarco. Diversamente per i cacciatori e i tiratori al bersaglio. Diminuendo gradatamente il diametro della corda e procedendo verso il limite di rottura, sperimentalmente appare che lo stress dinamico (il carico di rottura dinamico) due volte quello statico (fig. A). Vediamo in maniera pi approfondita il rapporto tra resistenza a trazione e i diversi materiali naturali, tenendo conto che ci che stiamo cercando un materiale che abbia un alto rapporto tra resistenza e massa. La prima relazione necessaria il coefficiente di resistenza (S.C.) S.C. = S / (Sp. Gr.) Dove S la forza in lbs/pollice quadrato, oppure S =P/A con P la forza in libbre e A la sezione in pollici quadrati . Sp. Gr. la gravit specifica, riferita allacqua V/W, dove W il peso in grammi e V il volume in centimetri cubici. (V in cm3 corrisponde a V/16,4 pollici cubi). Se L la lunghezza in pollici allora V/16,4 =AL Sp.Gr. = W/16,4 ALe quindi S.C. =S/Sp.Gr. = PLx16,4/W Se si determina il peso per piede del materiale, W/f allora : S.C= S/Sp.Gr.= P(12) x (16,4)/Wf= Px198/Wf Se il peso per piede del material espresso in grani, W/fg, allora:

62

S.C. = 3040 P/Wfg Quindi, per determinare il valore appropriato per costruire una corda solo necessario misurare la resistenza del materiale in libbre, moltiplicare per 3040 e dividere per il peso in grani di un piede del materiale. Una compilazione di valori di resistenza espressa in tavola 1. I valori per S e Sp.Gr. sono tratti da dati pubblicati, mentre i valori per P sono stati ottenuti attraverso luso di macchine per la misurazione della resistenza alla trazione (Scott e Schopper tensile strenght machine) su una media tra cinque e dieci tensioni. I test dimostrano come nessun materiale possiede propriet cos buone come il Lino, tranne la seta e il Nylon, anche se la loro deformazione senzaltro superiore (La lega di Berillio, ovviamente, non cos facile da ottenere). Qualsiasi materiale che possieda un coefficiente oltre 50.000 da considerarsi buono, al di sotto di 40.000 scarso. Un ulteriore caratteristica che influenza la resistenza a trazione di una corda data dalla bont della manifattura: praticamente impossibile realizzare una corda intrecciando singoli fili in modo tale che la tensione che si ripartisce su di essi risulti assolutamente omogenea: sperimentalmente appare chiaro che lunione delle resistenze singolari (dei singoli fili) non corrisponde ( inferiore) alla resistenza della corda presa come elemento unico (resistenza totale 85% della somma delle resistenze dei singoli fili). Questo dovuto al problema meccanico della manifattura, che non pu riuscire a rendere in questa scala omogenea la resa a trazione. In pi, per garantire una sufficiente resistenza nel tempo ad una corda, bene incrementare il valori di riferimento di circa il 25%. La combinazione dei tre fattori di correzione (stress dinamico, inefficienza meccanica nella manifattura, percentuale per garantire la durata al manufatto) porta ad un fattore totale di 3; in altre parole, per un arco da 50 libbre bene calcolare una corda che abbia una resistenza al carico di 150. In questa trattazione, tutte le volte che si parla di resistenza del filamento si deve intendere il suo carico di rottura. Questo ben evidenziato nel Lino, la cui curva di deformazione mostra come il limite elastico corrisponda al 95% del carico di rottura. Questo non avviene nella seta, come si pu osservare nella tabella qui sotto:

lino seta

Resistenza al limite Elastico 10,5 lb 6,0 lb

Carico di rottura 11,,1 lb 14,8lb

% resistenza al limite elastico 2,8 2,6

% resistenza alla rottura 2,8 11

63

Deformazioni permanenti prima della rottura della fibra di Lino e di Seta La propriet che ha il lino nel raggiungere il suo carico di rottura senza raggiungere deformazioni (allungamenti) permanenti lo pone tra i materiali pi indicati per la costruzione delle corde per archi. Lumidit incrementa la resistenza a trazione del lino in maniera molto evidente. Saturando la fibra di lino con lacqua la resistenza aumenta del 50%. rispetto a una fibra priva di umidit.
Trattamento su un filamento 40/3 Bagnato e poi essiccato in aria Bagnato e poi essiccato fino a 36,5% acqua Bagnato e poi essiccato fino a 32,2% acqua Bagnato e poi essiccato fino a 27,8% acqua Bagnato e poi essiccato fino a 15,2% acqua Bagnato e poi essiccato fino a 9,5% acqua Bagnato e poi essiccato fino a 5,4% acqua Tensione (P) 10.1 14.4 14.4 12.4 11.9 11.9 10.9 W/f 0.0400 0.0630 0.0590 0.0554 0.0473 0.0442 0.0423 (S.C.) 49800 45000 48100 44100 49600 53000 50800

Processi di umidificazione della fibra di Lino Sul fatto che una corda di Lino carica di umidit sia pi forte di una completamente asciutta, non vi sono dunque dubbi. Il problema mantenere lo stesso grado di umidit nel tempo. Sperimentalmente si trovato che il tentativo di conservare lumidit con un agente igroscopico (come la glicerina, ad esempio) non appare possibile. A mano a mano che il contenuto di umidit della glicerina decresce fino a giungere allequilibrio con latmosfera, la resistenza della corda decresce. Laumento di resistenza della corda attraverso lumidificazione senza dubbio dipende dal rigonfiamento delle fibre della cellulosa. Sono stati testati diversi agenti rigonfianti, ma non si avuto alcun successo. E da evitare assolutamente, per contro, il riscaldamento della corda con lapplicazione della cera attraverso la frizione. Contrariamente alla convinzione comune, linceratura della fibra di Lino non aumenta la sua resistenza alla trazione.

Tipo di trattamento Filamento 40/3 nessun trattamento Filamento 40/3 ceratura sotto tensione attraverso frizione Filamento 40/3 ceratura senza tensione Filamento No. 14 nessun trattamento Filamento No. 14 ceratura sotto tensione attraverso frizione

Tensione (P) 11.1 11.4 9.1 85 82

W/f 0,0404 0,0515 0,0507 0,369 0,469

(S.C.) 54100 43600 35350 45400 34400

Trattamento di un filamento di Lino, condizionata a 70 gradi F (21C) e 50% di umidit per 5 giorni, prima del test di trazione La resistenza non apprezzabilmente diminuita tra loperazione di ceratura eseguita sotto tensione, perch le fibre sotto stress si presentano in modo pi uniforme e il raffreddamento della cera previene modificazioni dimensionali della corda. In questo modo, per il peso della corda aumenta fino al 25%. E probabile che la cera applicata sotto tensione nei punti di maggiore usura possa essere un buon sistema per prevenire rotture (loop, punto di incocco) e rendere solidale la corda con il serving, dove occorre.

64

TAB.1 (da Maurice C.Taylor, Bowstring, Archery, The Tecnical Side, first edition, NFAA, 1947, pp.251-258)

65

Un arco sottoposto a tre lavorifaticosi: 1. deve accelerare s stesso; 2. deve accelerare la corda 3. deve accelerare la freccia i primi due lavori corrispondono a carichi passivi, che dovrebbero essere ridotti i pi possibile, quindi la maggiore energia dovrebbe essere spesa nellottimizzare il disegno dellarco e la costituzione della corda. Una regola empirica basata su un famoso asserto di Curt Hill, un buon arco contraddistinto da un carico di pi di cinque libbre per oncia di peso, quindi un arco da 20 once dovrebbe avere un carico di 100 libbre. Hickman e Klopsteg, per continuare con queste regole pratiche, asserivano che un terzo del peso della corda dovrebbe essere considerato come il peso ottimale delle frecce da scagliare con quella stessa corda. La penalizzazione di un peso eccessivo della freccia la bassa velocit, e la velocit il maggior fattore che definisce lappiattimento della traiettoria. Per un concreto esempio, consideriamo un arco di 75 libbre di carico, dotato di una corda di 40 grani di peso e di unaltra di 70 grani. La differenza, 30 grani, equivale ad un risparmio sul peso della freccia di 10 grani. Una freccia di 200 grani (verosimilmente una freccia da flight shooting utile per raggiungere 500 yarde di distanza) con la corda da 70 grani, la velocit potrebbe incrementarsi da 300 a 306 piedi al secondi, e la distanza da 500 a 516 yarde. Se il peso della freccia venisse incrementato di 10 grani (togliendone 30 dalla corda) si ristabilirebbe lequilibrio 66

delle masse, e dinamicamente si ritornerebbe ad una situazione simile a quella di partenza, on la velocit di uscita a 300 fps ma con una distanza raggiunta un po maggiore delle 500 yarde.

7. Considerazioni sul Paradosso dellarciere

I fatti e le deduzioni qui presentate sono basate su un grande numero di lavori sperimentali compiuti da Paul Klopsteg e pubblicati nel Gennaio del 1934 su Archery Rewiew, completati da osservazioni degli autori che includono i risultati di alcune esperienze sperimentali. Una delle fasi pi importanti di questo lavoro fu la ripresa del volo della freccia con tempi di esposizione molto corti nel momento del passaggio in prossimit dellarco. Furono ricavate oltre 200 immagini estremamente definite, e fu possibile per Klopsteg ottenere da esse delle informazioni parecchio interessanti. Nel 1982 alcuni di questi esperimenti vennero ripetuti dal gruppo di lavoro composto dal sottoscritto, da Marco Marconi e Daniele Fainer dellUniversit di Bologna, completando lanalisi del volo della freccia mediante luci stroboscopiche. Tornando al lavoro di Klopsteg, egli inizi da un imponente lavoro bibliografico, che gli permise di mettere le mani su tutto ci che in passato era stato scritto sullargomento, tra cui i primissimi lavori speculativi di Horace Ford56. Molti, prima di lui, avevano affrontato largomento, anche se in modo approssimato e senza tener conto (sia quantitativamente che qualitativamente) delle forze in gioco (in quel rapidissimo istante che la freccia impiega dal momento che viene rilasciata dalle dita dellarciere e lascia la corda dellarco alla massima velocit). Si tratta di forze di grande entit che agiscono su un corpo non rigido, che variano continuamente in magnitudine e direzione in un brevissimo periodo temporale. Viene da s che lunico modo per registrare le oscillazioni sui piani della freccia sia quello di utilizzare un sistema d acquisizione immagini sofisticato, dal momento che non sono assolutamente percettibili ad occhio nudo.

7.1 La vibrazione delle frecce: concetti generali Grazie alle tecnologie di acquisizione di immagini ad alta velocit, possibile oggi (e lo era anche settanta anni fa) individuare il comportamento della freccia al rilascio e in volo. E evidente che la freccia oscilli, o meglio, subisca delle rotazioni e delle torsioni sui piani (prevalentemente su quello orizzontale). Questo paragrafo, che introduce al problema della vibrazione dei corpi in modo generale, la premessa per poter comprendere ci che accade alla freccia. Pizzicando una corda di chitarra o colpendo unasta di una freccia si viene a creare una deformazione iniziale a cui, a seguito dello stress provocato, ne consegue un movimento caratterizzato da una sua velocit. In sintesi, uninsieme di vibrazioni di frequenza diversa combinate tra loro, inizialmente casuali, ma tra le quali solo alcune permangono dopo il primo istante: sono quelle che corrispondono geometricamente al corpo in
56

Ford, H.A., 1856, Archery, Its Theory and Practice

67

vibrazione, che prendono il nome di frequenze di risonanza. Il fattore pi importante che determina questa corrispondenza geometrica il modo con cui il corpo in vibrazione vincolato, cio fissato o meno alle estremit. Per ogni frequenza di risonanza, nel corpo considerato vi sono punti specifici che rimangono stazionari, che vengono chiamati nodi, e ci sono punti che sono dotati della massima velocit di movimento, chiamati antinodi. Se una estremit del corpo bloccata, questa per definizione diventa nodo per tutte le frequenze di risonanza, come pure se laltra estremit libera, essa diventa antinodo, sempre per tutte le frequenze di risonanza. La forma che assume il corpo nella sua vibrazione (in un qualsiasi istante) corrisponde alla somma di tutte le forme di vibrazione corrispondenti alle frequenze di risonanza. I punti nodali non necessariamente coincidono tra loro nelle varie frequenze iniziali, e lunico nodo individuabile in una freccia quello corrispondente alla cocca (ancora inferita sulla corda) e lantinodo alla punta, libera di muoversi susseguentemente alla spinta della corda. Sulla stazionariet dei nodi, poi, in questo caso da notare che - fisicamente sussiste solo in un sistema di riferimento incentrato sul centro di massa della freccia, qualora esso non sia accelerato. Rispetto al pivot point, i nodi di una freccia che ha lasciato la corda transitano ad una velocit di oltre 100 piedi al secondo, trasversalmente a 50 fps, e sullasse dellasta a 3000 rotazioni al minutoaltroch stazionari! In una corda di chitarra, appena ha raggiunto il suo modo stabile di vibrazione, una frequenza di risonanza prende il sopravvento sulle altre. Il fattore principale che determina questa frequenza particolare la tensione a cui sottoposta la corda. Agendo sul sistema di accordatura si modifica la tensione della corda e conseguentemente cambia la nota principale emessa. Pi alta la tensione, maggiore la frequenza. In una freccia si possono distinguere due situazioni diverse. La prima quando la freccia, libera dalla corda, vibra nellaria. In essa non vi praticamente nessuna tensione interna. La seconda quando la freccia viene rilasciata dalle dita che tendono la corda: non vi tensione ma una altissima compressione, dovuta alla forza dellarco comunicata allasta dalla corda. Questa tensione negativa (opposta a quella positiva della corda di chitarra) e quindi la sua teorica frequenza di risonanza minore di quella che la freccia, in libero volo, possiede. In ogni caso, dato che la forza (e quindi la compressione) che agisce sulla freccia durante laccelerazione della corda varia da istante ad istante, variando la sua traiettoria sul piano orizzontale, non si pu parlare di unica frequenza di risonanza n di frequenza di risonanza principale. Per questo motivo fuorviante continuare a definire il movimento della freccia durante la spinta della corda una oscillazione. Pi corretto chiamarlo flessione o piegamento. Il comportamento di una freccia scagliata da un arco pu essere visto quindi come quello della corda di chitarra pizzicata: una prima fase la cui oscillazione caotica, formata da pi frequenze (mentre la corda accompagna la freccia nella sua accelerazione) e unaltra, dove la freccia in volo stabilizza la sua oscillazione sul piano orizzontale in una frequenza sua propria, in cui si possono definire i punti nodali. Mentre la freccia connessa alla corda, invece non viene evidenziata una frequenza di risonanza definita e quindi non vi sono punti nodali.

68

7.2 La storia vibrazionale della freccia. La prima fase, che riguarda la flessione della freccia ancora connessa alla corda, pu a sua volta essere scomposta nelle due sotto-fasi qui descritte. la prima (relativa all istante successivo al rilascio): le dita della corda imprimono ad essa un andamento sinuoso, con la prima convessit verso sinistra; la parte prossimale della freccia si muove in direzione opposta allarco; consegue una forza comunicata dalla parte distale della freccia alla finestra dellarco57 ; quando la velocit di avanzamento della punta della freccia supera la velocit della coda, il movimento di inflessione cambia direzione fino a diventare dritta; lasta in questo momento non tocca la finestra dellarco e assume via via una forma conseguente agli stress interni dellasta con velocit differenziate;

La seconda (combinazione tra il processo di flessione dovuta alla spinta della corda e la frequenza propria di risonanza della freccia libera dalla corda): formalmente, nella fase di spinta si ha la freccia con un unico nodo alla cocca (dove connessa alla corda) e un unico antinodo alla punta (dove lasta libera di muoversi); la curvatura della freccia il risultato dellapplicazione della forza tra la corda e la cocca; la forma dellinflessione dellasta in ogni istante la risultante delle due geometrie di fig.6 linflessione dellasta dovuta allinterazione tra corda e cocca sincronizzata con le vibrazioni dellasta: quando la punta (per la vibrazione) si flette lontano dallarco, anche la cocca (per la flessione) si allontana verso sinistra; la risultante (solo) apparentemente simile alla vibrazione di un corpo libero di oscillare; Linflessione della freccia nella zona della punta dominata dagli effetti vibrazionali, mentre quella della parte prossimale della freccia (cocca) dominata dalleffetto della forza comunicata dalla corda. come la freccia si sposta in avanti nel suo movimento accelerato dalla corda, la forza muta continuamente direzione e intensit, comunicando un forte stress allasta (forze compressive) che muta in continuazione.

Finch la freccia connessa alla corda non esistono dei veri punti nodali, ma se si potesse eliminare la flessione della parte connessa con la corda (tramite la cocca) avremmo solo effetti vibrazionali, crescenti man mano che la freccia prosegue nel suo moto. Dopo aver lasciato la corda, lasta della freccia si inflette in un sistema vibrazionale completo, con un antinodo alla punta ed uno alla coda. Il moto laterale e gli stress
57

nellarco moderno vi il berger button ad assorbire questa forza.

69

meccanici dellasta alluscita dalla corda sono i responsabili delle condizioni iniziali di questa vibrazione. In questa maniera, la freccia stabilizza il suo moto vibrazionale. Sul moto della freccia in volo c ancora molto da scoprire. Ci sono due fattori a complicare le cose: il primo leffetto dovuto alla resistenza aerodinamica, che genera una forza contrastante la cui entit e verso mutano continuamente durante la vibrazione, che possono favorire deviazioni dallasse di moto. In pi, durante la traiettoria, le vibrazioni si smorzano progressivamente, e se le oscillazioni (considerando la loro ampiezza) sono le maggiori responsabili dell attrito aerodinamico, linfluenza sul comportamento in volo della freccia si fa ancora pi evidente. La seconda complicazione dovuta alla punta, che crea una discontinuit nellasta (zona di maggiore rigidit) con una diversa frequenza di vibrazione. La freccia si comporta come una coppia di oscillatori in serie. Durante il volo, nellasta non vi sono particolari forze compressive in atto, e le vibrazioni si smorzano per effetto del freno aerodinamico dovuto alle oscillazioni e allimpennaggio. Luso di larghi impennaggi aumenta (logicamente) questo effetto frenante. Quando la freccia colpisce il bersaglio, anche se costituito da materiale morbido, subisce una fortissima decelerazione; la maggior parte dellenergia viene dissipata in calore, ma un po di essa si scarica attraverso stress sullasta. la punta, conficcata nel bersaglio, funge da antinodo e lasta vibra energicamente. 7.3 Allineamento dei nodi durante laccelerazione Esiste un modo qualitativo, approssimato ed empirico, per verificare lesistenza dei nodi di una freccia corrispondenti alla somma dei suoi modi vibrazionali. Basta appoggiare la freccia a due vincoli (con la punta e la cocca) ed impartirgli una forza (impugnando tra pollice e indice il centro della freccia). La freccia si flette, non importa di quanto, mostrando la pancia verso il basso. Liberando le dita, la freccia salta verso lalto, e dopo qualche tentativo, concentrandosi un po, si riesce a notare come la vibrazione pi vistosa della pancia sia controbilanciata da due vibrazioni nel verso opposto di cocca e punta, e i punti intorno ai quali si sviluppa questa inversione di direzione del moto vibrazionale possano essere individuati a circa una decina di centimetri dalle estremit58 . Come gi dichiarato, questo tipo di vibrazione non corrisponde a quello che possiede la freccia durante laccelerazione, ma corrisponde pi o meno a quello che la freccia possiede durante il volo libero. Durante la spinta, il nodo posteriore corrisponde alinterfaccia cocca-corda, e lantinodo (anteriore) risulta spostato molto pi indietro di quello che si manifesta nel volo libero. Se si potessero marcare esattamente le posizioni dei nodi della freccia libera di vibrare in volo, riprendendo con una telecamera ortogonale al piano orizzontale laccelerazione della stessa durante la spinta della corda, vedremo il comportamento di essi in relazione alle oscillazioni provocate sia dallimpulso di compressione, sia dal vettore forza disassato (vedi par. precedente).
58

Punti nodali ad una Decina di centimetri elle estremit unespressione volutamente approssimata, che indica un ordine di grandezza. Vari fattori dimensionali sono in gioco che determinano la frequenza di vibrazione della freccia e conseguentemente la posizione dei punti nodali: il diametro e la lunghezza dellasta, la resilienza del materiale; mentre lentit dellimpulso (direttamente collegabile allenergia ripartita) il disassamento tra piano di scorrimento della corda e asse di mira, e lazione biomeccanica dellarciere determinano lampiezza della deformazione (lentit delle vibrazioni) che indipendente dalla frequenza.

70

Con larco in trazione completa, poco prima del rilascio, dato che la freccia risulta spostata verso la sinistra (merito dello spessore dellimpugnatura) rispetto al piano assiale dellarco, la linea corrisponde a quella di mira.

Al rilascio, la freccia si inflette, si crea un nodo posteriore (vincolo corda cocca) e uno anteriore il nodo frontale pu muoversi a destra o a sinistra del piano di scorrimento virtuale della corda, in funzione del setup tra freccia ed arco. Il pi delle volte verso destra (abbiamo visto come limpugnatura si sposti verso destra, a meno che non sia effettuato un particolare rilascio attivo). Come la freccia si inflette, il nodo posteriore si muove lontano ( a sinistra) del p.s.v. e a sinistra, e la linea che unisce i nodi punta decisamente verso la destra del p.s.v. Ad un certo punto la linea che unisce i nodi passer alla sinistra del p.s.v. e si trover in una configurazione parallela. Durante la sua accelerazione la componente vibrazionale nella freccia aumenta. Al punto di distacco tra corda e cocca, si viene a determinare una situazione piuttosto caotica in cui la somma delle frequenze determina un modo totale di vibrazione destinato a stabilizzarsi. E comunque auspicabile che al momento del distacco della corda lasse dei nodi sia allineato e giacente su un piano parallelo a quello di scorrimento virtuale della corda.

7.4 Come la freccia lascia larco A questo punto importante definire i termini della questione. E perch il fenomeno detto paradosso? il termine greco significa incredibile, qualcosa che parrebbe assurdo e che invece si verifica. Che la freccia possa volare in modo perfettamente lineare lungo la linea immaginaria che unisce gli occhi dellarciere allineati con la freccia tesa (o leventuale riferimento) fino al bersaglio a cui si collima paradossalmente vero solo nel caso che il moto della corda sia lento come illustrato del trattato di Ford, nella successiva revisione di Butt59 e in quella tratta dal Badminton60. Il vero paradosso consiste nel fatto che la freccia voli realmente lungo la linea di collimazione, pur posizionandosi alla sinistra della sezione dellarco prima di essere scoccata. Il problema descritto dal paradosso, che consiste nella possibilit di predire la traiettoria della freccia conoscendo la linea di mira61, il carico dellarco, rigidit, massa, e le altre caratteristiche della freccia, abbastanza complesso e pu essere interpretato come un insieme di fattori interagenti tra loro. Per ogni dato arco (in riferimento alla sua forma) con determinate caratteristiche di carico, e frecce scelte conseguentemente, abbiamo una forza di discreta entit che agisce su un corpo rigido, che varia di grandezza e direzione in un tempo brevissimo. Il fatto evidente che possano essere selezionate delle frecce in grado di volare in modo costante anche se usate da archi diversi, fa supporre che esistano semplici ma fondamentali relazioni per comprendere il fenomeno.

59 60

Ford, H.A. 1887. The theory and practice of archery. Revised by W. Butt. London: Longmans, Green. Badminton Library, 1823, Volume: Archery 61 per linea di mira si intende limmaginaria linea solidale con lasta e il centro del bersaglio.

71

La prima parte del problema sicuramente comprendere come la freccia lascia larco; questo il passo preliminare ad ogni speculazione successiva, e le riprese ad alta velocit sono un ottimo sistema. Klopsteg us un sistema ottico composto da due fotocamere, una diretta sul piano orizzontale e laltra su quello verticale, evolutosi da un sistema precedentemente utilizzato per fotografare i proiettili in volo62 con il metodo della silohuette (creando delle ombre dirette sul piano di volo orizzontale del proiettile grazie ad una fonte di luce relativamente bassa). Per la freccia, il tempo minimo necessario per bloccare sulla pellicola unimmagine sufficientemente nitida di 5 milionesimi di secondo su unarea di circa un metro quadro; esso viene illuminato in modo tale da potere leggere limmagine. Un flash degli anni quaranta possedeva un intensit circa 200.000 volte superiore ad una lampada da 40 Watt, ed una durata di 5/1000 di secondo. Lesperimento venne condotto in una camera oscura, debolmente illuminata da luce rossa; lotturatore delle fotocamere veniva tenuto aperto. Un sistema elettromagnetico permetteva lattivazione del lampo, ed un sistema di specchi riflettenti consentiva una uniforme illuminazione alla freccia in uscita. Il punto pi importante dellesperimento consisteva nel definire il percorso e le oscillazioni dellasta della freccia, unitamente al movimento della mano dellarco durante il momento critico dellinterazione con il riser. Un sistema di contatti tra asta, cocca e flettenti permetteva una sequenza di impulsi elettrici progressivi, tali da far scattare i flash in un intervallo sufficiente a fermare la freccia in dodici diverse posizioni, dallo scocco alluscita della coda dal riser. Il sistema di rilevazione utilizzato da Klopsteg aveva una ulteriore componente, molto importante. Se le fotografie ottenute con i flash progressivi permettevano una registrazione delle immagini durante laccelerazione della freccia sui due piani, il moto della corda (traiettoria di moto) e i movimenti della mano che regge larco, che come vedremo, rappresentano un elemento importantissimo per la conoscenza della meccanica balistica interna (un ulteriore elemento critico da indagare e mettere in relazione con la traiettoria della freccia). E interessante osservare il metodo adottato da Klopsteg, apparentemente grezzo (abituati come siamo alle moderne tecnologie) ma straordinariamente efficace. La combinazione dei due sistemi, flash ed otturatori delle fotocamere aperti, e contatti elettrici tramite fili di rame sottilissimi collegati a piccoli illuminatori (sparks) a loro volta connessi con la parte prossimale della freccia (cocca) e impugnatura dellarco, generano un insieme di piccoli punti bianchi sulla stampa, in modo da determinare determinare graficamente la traiettoria. La sintesi tra il lavoro di Klopsteg, unitamente a quello di Nagler, Hickman e Hodgson (effettuati per con la shooting machine) rappresenta un lavoro ancora oggi insuperato63. La straordinaria operazione permise a Klopsteg di rilevare questa serie di informazioni combinate, che qui riassumiamo. 7.5 Analisi del percorso della corda e dei movimenti dellarco Grazie al sistema chiamato spark tracer photograph, la traiettoria della corda e della mano dellarco poteva essere quindi messa in relazione con laccelerazione della freccia e le sue
Philip P. Quale, 1931, Spark Photograph and Its Application to Some Problems in Ballistics, Scientific Papers of the Bureau of Standards, No.108 La descrizione puntuale del sistema adottato da Klopsteg per rilevare il tracciato del movimento della corda e dellarco esula dagli scopi di questa trattazione, ma chi volesse approfondirla pu consultare larticolo a suo nome apparso nel Dicembre 1933 su Archery Review Some new Light on The Paradox of Archery e la sua sintesi contenuta su Archery, the Technical Side, pp. 134 - 146.
63 62

72

deformazioni elastiche. Nelle immagini dellesperimento appaiono punti separati durante la prima accelerazione, e linee continue ove i movimenti risultano meno accelerati come nel caso dellimpugnatura dellarco. Il moto della cocca al rilascio appare inizialmente orientato verso sinistra in modo lieve, seguito da uno sbandamento a destra a seguito del movimento della corda in avanti64. Questo piccolo orientamento verso sinistra (fig.1.1), molto lento rispetto al moto successivo, causato dal scivolamento della corda dalle dita della mano dellarciere al rilascio. Contemporaneamente, il movimento della mano dellarco registrato sul piano verticale e combinato con quello sul piano orizzontale65 mostra una piccola escursione allindietro(fig.1.2), immediatamente dopo il rilascio, ed una successiva evidente escursione verso destra(fig.1.3) , seguita poi da un deciso spostamento in avanti e velocemente verso sinistra(fig.1.4, 1.5) ; infine un movimento altrettanto deciso verso lindietro e verso destra(fig.1.6).

64

nei lavori citati di Nagler, Hickman e Hodgson, effettuati con la shooting machine, il movimento della corda risulta molto pi evidenziato verso la sinistra, mancando il movimento delle dita o riducendolo ai minimi termini attraverso una simulazione, che, per quanto accurata, difficilmente si avvicina alla variabilit di un rilascio umano. Ricordiamo sempre che stiamo studiando un fenomeno in cui la componente umana parte dello stesso sistema(!). Il problema, poi, che consiste nel definire un movimento di rilascio umano medio, complica ulteriormente la situazione. Su questo, cfr. il paragrafo sulla biomeccanica del gesto. 65 questo movimento risulta registrato su una pellicola fotosensibile posta sui due piani, grazie ad una piccola lampada a stilo che punta verso lalto, solidale con la mano dellarco in prossimit del pivot point.

73

LINEA DI MIRA 5) massimo movimento verso sinistra dellimpugnatura dellarco.

4) massimo avanzamento dellimpugnatura dellarco, con progressivo movimento verso sinistra, la freccia oltre larco.

3) deciso movimento verso destra e avanti dellimpugnatura dellarco. La freccia abbandona la corda.

6) vibrazioni residue dellimpugnatura e massimo arretramento raggiunto da essa. 1) primo sbandamento a destra della mano dellarco, la coda della freccia piega verso sinistra 2) arretramento dellimpugnatura dellarco

fig.1 La spiegazione del movimento iniziale allindietro dellarco e della mano che lo impugna certamente non imputabile alla reazione elastica dei muscoli antagonisti del braccio in tensione; per la forza esercitata dalla mano della corda durante la tensione, espressa dalla contrazione dei muscoli della struttura scapolo omerale sinistra, si ha una forza verso destra che avrebbe come risultante, al cessare della tensione della corda, una reazione opposta di quella registrata, cio verso sinistra. Una possibile e soddisfacente spiegazione del fenomeno (lo spostamento iniziale allindietro) quindi da ricercarsi nel 25 millesimo di secondo dopo il rilascio, quando la considerevole forza esercitata dalla corda crea una reazione uguale e contraria dallimpugnatura dellarco alla mano. Durante questo brevissimo istante, il valore di questa forza pu raggiungere centinaia di libbre, ma permane per pochissimi millesimi di secondo. Un impulso di questa grandezza giustifica un arretramento dellimpugnatura, mentre la deviazione verso destra (fig.1.2 1.3) evidente dalle immagini ottenute sul piano orizzontale della freccia alla sua prima accelerazione, quando la parte distale dellasta preme a sinistra sul piatto orizzontale della finestra dellarco. Lammontare di questa flessione comunica una precisa informazione 74

sulla forza che agisce. Come intuibile e verificabile, la forza necessaria per spostare lassetto di un tiratore ad arco teso spingendo sul piatto della finestra orizzontale o sulla mano che regge larco, molto piccola. Questo moto verso destra relativamente lento, e la freccia risulta completamente passata dalla finestra quando il moto dellimpugnatura verso sinistra inizia (fig.1.4, 1.5). Nagler credeva che liniziale inflessione dellasta della freccia fosse causata dal movimento verso sinistra della corda che sfugge dalle dita. E pi che plausibile: lazione provoca una forza orientata verso sinistra applicata sulla cocca, ed in virt dellinerzia della freccia, pu causare una reazione vincolare sul piatto verticale dellarco e quindi produrre linflessione osservata. Nello stesso tempo, il fatto che la forza applicata allasta sia fuori asse rispetto al piano virtuale di scorrimento della corda (sulla sua destra) non fa che moltiplicarne gli effetti. E molto probabile che linflessione sia la risultante della somma di questi due fenomeni. Dopo che la freccia ha percorso sei/otto pollici, larco e la freccia non sono pi a contatto ravvicinato (fase 5 6 di fig. 5) perch la forza che ha provocato linflessione iniziale e lo spostamento della mano dellarco sulla destra li ha disconnessi. Ma la freccia, ora libera di proseguire il suo moto in avanti ma ancora connessa tramite la cocca alla corda, in virt delle sue propriet di resilienza e rigidit inizia piegarsi a banana con la pancia a destra sul piano orizzontale ad una somma di frequenze (o periodo, cio numero di volte al secondo) dipendente dalla rigidit e dalla densit del materiale di cui composta. E comunque da disgiungere lapparente oscillazione (le pance della banana) che la freccia ha finch risulta connessa alla corda; questa oscillazione corrisponde a quella che possiede unasta di legno percossa, pi o meno da 25 a 50 volte al secondo. Dallistante che cessa liniziale inflessione inizia quella dalla parte opposta, di vibrazione compiuta, ed il tempo trascorso va da 1/(4 x25) e 1/(4 x50) millesimo di secondo, cio da 10 millesimi a 5 millesimi di secondo (limiti stimati dallanalisi di un vasto campione di aste). Durante questo tempo, in cui lasta piegata con la parte mediana deflessa verso sinistra, la punta e la coda sono orientate verso destra, e la traiettoria della corda passa alla sinistra della linea di mira iniziale, come la maggior parte del suo percorso con la cocca ancora connessa alla corda.

evidente la divergenza tra il piano virtuale di scorrimento della corda e lasse (linea di mira) della freccia, nel momento precedente al rilascio.

75

Entit della divergenza al momento del distacco della freccia dalla corda

Se lasta fosse assolutamente rigida e larco perfettamente solidale con il terreno, la divergenza iniziale tra lasse della freccia e il piano virtuale di scorrimento della corda sarebbe destinata ad aumentare. (con un arco perfettamente simmetrico e una impugnatura con lasse in linea con le estremit dei flettenti)

fig. 2 Proprio quando si manifesta nellasta il punto di massima inflessione verso sinistra (parametro che funzione della velocit con cui larco riesce a spingerla accelerandola lungo il percorso) lasta della freccia pu essere considerata come un corpo a cui applicato un carico di punta, e linflessione direttamente proporzionale alla forza con cui la corda la spinge in avanti66. Una freccia che ha unalta frequenza di vibrazione raggiunge rapidamente la maggior inflessione, e quindi la parte posteriore sar pi lontana dallarco in modo anticipato rispetto ad una freccia con un periodo pi lento di vibrazione. Se la freccia possiede una oscillazione lenta (alto periodo di vibrazione e bassa frequenza), la cocca pu permanere pi tempo verso la destra, mantenendosi a contatto con la corda fino allistante del distacco. Nel caso opposto67 (alta frequenza di vibrazione) la freccia avr la pancia nellaltra direzione prima che la cocca si distacchi dalla corda, e questa sar sicuramente a sinistra.

fig.3

66

67

unasta troppo leggera (per un determinato arco) si inflette soprattutto per la spinta sulla corda. Leffetto dovuto al rilascio diventa trascurabile. bene precisare che una freccia ad alta frequenza di vibrazione deve essere leggera, e questo consente allarco una spinta pi veloce. Conseguentemente, il rapporto tra il periodo di vibrazione in relazione con il tempo di spinta assume una grande importanza.

76

E evidente come, fissate determinate caratteristiche dellarco (energia immagazzinata, velocit di chiusura, forma dellimpugnatura (e appartenenza dellasse longitudinale dellarco al piano di scorrimento della corda) le diverse propriet dinamiche dellasta della freccia (comunemente ma impropriamente definite spine) influenzino il paradosso e quindi il modo e la traiettoria che la freccia ha in uscita. Ma appare ancora pi lampante come il comportamento biomeccanico dellarciere sia parte integrante del sistema, e i movimenti della mano che regge limpugnatura e il braccio intero dellarco siano altrettanto pregiudiziali. Il sistema quindi complesso; visto nella sua globalit il risultato finale (limpatto della freccia) la risultante di questo insieme di variabili. Limpatto a destra o sinistra della linea di mira la cartina tornasole del paradosso, anche se le componenti in gioco possono invertire gli effetti e combinarsi in modo bizzarro. Se si effettuano esperimenti con il rilascio manuale ma con larco solidamente vincolato al terreno, lo scostamento verso destra dellimpugnatura (che permette alla freccia scagliata da un arco non finestrato di ritrovare la traiettoria corrispondente alla linea di mira) non sussiste pi. Ci determina un deciso spostamento verso sinistra della traiettoria, e per correggere il fenomeno necessario agire sulla flessibilit dellasta68. Euna prova semplicissima da fare e molto eloquente. Ci va a sostegno dellimportanza dello stile di tiro, in cui, quello esplosivo-dinamico lungo i piani (evidente trazione del braccio della corda e espansione del braccio dellarco verso il bersaglio) tenda al modello dellarco solidamente vincolato, minimizzando o neutralizzando i movimenti del braccio dellarco sul piano orizzontale, a differenza di uno stile apparentemente statico, in cui il cedimento verso lindietro e verso destra (in modo e misura variabile da arciere ed arciere) risulti praticamente inevitabile. Questo, aggiungo, risponde alle discordanze tra le osservazioni che spesso si sentono quando diversi arcieri, con stili diversi, dibattono sullimpatto delle frecce di diverso spine. Gli archi moderni, dotati di finestratura, dovrebbero ridurre gli effetti allestremo della scala, ma stata linvenzione del Berger button (bottone di pressione) regolabile sia in elongazione che in elasticit tramite la tensione di una molla interna, che ha permesso di accoppiare un vasto range di aste di diverso spine dinamico allenergia che larco distribuisce alla freccia, anche se ha introdotto (a parer mio) una serie di componenti ridondanti nel sistema (vedi nota 13). Ma nel nostro caso, fortunatamente, si vuole esaminare la situazione pi elementare, anche se la presenza di finestratura testimoniata dal reperto arcieristico pi antico e completo che si conosce, larco di Holmegaard (vedi capitolo 1).

fig.4
68

pi correttamente, la localizzazione dei punti nodali sullasta il fattore che governa il grado di interazione tra freccia e finestra dellarco, funzione della frequenza di oscillazione e funzione della velocit della freccia nella sua traiettoria balistica interna. I punti nodali della freccia ben accoppiata allarco ed allarciere, indipendentemente dalla frequenza di vibrazione, si spostano lungo un asse parallelo con il piano virtuale di scorrimento della corda, e non partecipano alla oscillazione.

77

I punti nodali, in una freccia, sono dei punti che in alcun modo teorico non partecipano alla vibrazione dellasta, e che si muovono in un moto di traslazione rettilineo coincidente o comunque parallelo allasse di mira. Se entrambi i punti nodali viaggiano sulla stessa linea corrispondente alla linea di mira, cio giacciono sul piano verticale complanare a [asse della freccia occhio dominante verticale del bersaglio] nel gergo allineati, la freccia risulta compatibile con larco, dal punto di vista dello spine dinamico e la messa a punto del sistema ok. Con ragionevole approssimazione, i punti nodali di una freccia sono posizionati da 1/6 della lunghezza della freccia dalla coda, e 1/8 dalla punta. Essi variano in funzione del baricentro statico (in altre parole, saranno pi spostati verso la punta quanto pi essa risulti pesante). Ma i punti nodali dellasta acquisiscono un senso solo nel momento in cui la freccia libera da qualsiasi interazione con larco, in altre parole si distaccata dalla corda e vola liberamente verso il bersaglio. Le oscillazioni che avvengono nel brevissimo periodo dellaccelerazione in cui la cocca solidale con la corda, non sono propriamente definibili come tali. Esse sono torsioni e rotazioni sul piano orizzontale dovute alla forza esercitata dalla corda, che cambia almeno tre volte la sua direzione in questo lasso di tempo (e che quindi si muove in modo non solidale con il piano virtuale di scorrimento per via del rilascio delle dita) e dal disassamento tra linea di mira e il piano di scorrimento stesso, sempre considerando che la forza agisce su un corpo sottile, alla cui estremit si trova una massa (la punta)69. La freccia, durante laccelerazione, deve avere propriet di rigidit (stiffness) e resilienza tali da manifestare la capacit di flettersi con la pancia verso destra e invertire la flessione, e cos via, in fase con il movimento di accelerazione guidata dalla corda, e interferire il meno possibile con il suo impennaggio al passaggio con limpugnatura, lasciando la corda. Linterferenza pi distruttiva avviene quando la coda e limpennaggio urtano, nella terza fase di oscillazione, la finestra verticale. Nel diagramma che segue, viene rappresentata una approssimazione verosimile situazione ideale. Le variabili in gioco, come si scritto, sono la frequenza di vibrazione unitamente alla velocit con cui la freccia transita oscillando allinterno dellarco (perdonatemi questa definizione impropria, ma credo renda lidea della localizzazione spaziale di questo fenomeno paradossale. Si scritto che la freccia viene accelerata dalla corda in un tempo che va da 1/25 di secondo a 1/60. La differenza di questi valori sostanziale (critica) solo se si riferisce ad essi associandoli ad uno stesso arco che accelera due frecce di diversa massa e diverse frequenze di oscillazione (dopo vedremo cosa accade). In realt, la combinazione tra la velocit di transito allinterno dellarco e la frequenza di oscillazione sono quei fattori chiave che determinano il tuning (laccordatura = messa a punto) e quindi fattori impliciti su cui si agisce in modo empirico, provando frecce di diversa frequenza (tradotto: spine dinamico) diversi pesi in punta (tradotto: posizione del baricentro statico e conseguentemente posizione dei punti nodali) diversi impennaggi (tradotto: clearance, ovvero interferenze ridotte al minimo con la finestra orizzontale dellarco al passaggio, nella fase 7/8) oppure a monte, scegliendo un arco la cui geometria costruttiva (riferendosi al piano verticale e alla presenza o meno di finestratura, caratteristica dello spessore allimpugnatura combinato con la possibile e
69

da un punto di vista statico, il fenomeno conosciuto come carico di punta.

78

voluta asimmetria dei flettenti) permettano una maggiore tolleranza. E poi che qui siamo fortunati: stiamo discutendo di archi in legno pi o meno primitivi (storici) in cui linnovazione del center shot, del rest e del berger button non cazzeccano in nessuna maniera.
7.5.1 Il rilascio

Il fenomeno del paradosso si riduce al fatto che la coda della freccia non deve interferire alluscita dallarco. In un arciere destro, la mano destra agisce sulla corda reggendone il carico assialmente. Al rilascio, la forza che la corda esercita provoca una rotazione nella mano. In questo modo si manifestano tre forze: quella della corda che punta verso la posizione corrispondente al brace height, la reazione della mano con una forza a 90 rispetto alle dita che trattengono la corda e una reazione dovuta alla frizione delle dita con la corda, parallela con essa. Queste tre forze provocano una risultante che spinge la corda verso lavanti e a sinistra (dalla parte opposta allarco). Laccelerazione laterale della corda causa linflessione della freccia, con la pancia verso destra e la coda verso sinistra, come conseguenza al fatto che la forza della corda non agisce pi solidalmente con lasse della freccia. Nello stesso tempo, laccelerazione verso il bersaglio trasferisce un carico dalle dita alla cocca. Lintento di avere un rilascio il pi possibile morbido e fluido quello di minimizzare le forze di attrito dovute alla frizione, e quindi ridurre il tempo in cui sussiste il disassamento delle forze; ma in questo caso influenzer lo spine dinamico della freccia. Pi veloce il rilascio, pi alta laccelerazione della cocca, e maggiormente si infetter lasta della freccia, perch pi alto lattrito, pi vicina la risultante sulla cocca, che si trover prossima all'asse dell'asta.

79

Il risultato che quando la forza della corda termina di agire sulla cocca essa corre attraverso lasta della freccia e la reazione alla cocca (che ad angolo retto rispetto alla superficie delle dita) punta allindietro e lontano dallarco e verso la sua sinistra.. Queste due forze si assommano e la direzione della risultante avanti e verso sinistra dallarco, e la parte posteriore della freccia continua a piegarsi allontanandosi dallarco.

80

Nel momento in cui la parte prossimale dellasta curva dalla parte opposta dellarco, viene generata una torsione sulla freccia in direzione tale da spingere lasta della freccia verso larco. Lasta, con la sua inerzia, piegandosi verso larco a causa dellaccelerazione rotazionale, si flette e scorre appoggiandosi contro la finestra dellarco. Dato che la freccia spinge verso la finestra, si manifesta una opposta reazione dallarco, che esercita una forza laterale verso la freccia. Questa forza esercita una contro-torsione alla rotazione della freccia e quindi un momento flettente si manifesta sulla freccia. Questa forza fa si che la sezione della freccia a contatto con la finestra dellarco vi ruoti intono. La sezione dellasta davanti al punto di contatto della finestra si muove oltre larco, e la sezione immediatamente dietro dentro larco. Si sa molto poco del comportamento della parte dellasta oltre larco, certo che dipende dalla sua lunghezza, massa e rigidit. Pi lunga questa parte, maggiore inerzia e minore spine dinamico possieder. E possibile che una eccessiva lunghezza possa continuare a ruotare intorno al punto di contatto con larco con la parte eccedente, formando una S.
7.5.2 Lasta si raddrizza

Se la parte prossimale della freccia continua a piegarsi verso la parte opposta dellarco la freccia potrebbe distaccarsi dalla corda. Quale il limite dellinflessione? Il modo pi logico di risolvere il problema e pensare allasta come se fosse una molla con un peso che la comprime alla base. Quando la freccia rilasciata, la parte posteriore accelera verso lavanti a una velocit maggiore della punta, che ha maggior massa e quindi alta inerzia. la lunghezza dellasta si riduce, e quindi la forza di compressione aumenta, e lasta si piega. Laccelerazione dellasta provocata dalle forze che spingono sullasta che comprendono la forza della corda attraverso la freccia e anche attraverso le forze di compressione (inflessione) che agiscono sullasta. Come la freccia si inflette, laccelerazione della punta aumenta, finch non raggiunge quella della cocca.. Ad un certo punto le due velocit si eguagliano e quindi lasta si raddrizza. Ma la punta della freccia continua a possedere una velocit pi alta della cocca (forza della corda + forza della molla) ed il fenomeno inizia a invertirsi. 81

La differenza tra la freccia dritta che abbiamo nella fase di arco teso e quella che si configura adesso che questultima sta volando, con componenti di velocit laterali. Non tutta la forza generata dal sistema a molla descritto influisce sullaccelerazione della punta, parte cospicua di essa genera laccelerazione laterale.
7.5.3 La seconda curva

Dopo che la freccia si raddrizzata, la sua inflessione inizia a cambiare orientazione , con la curva che punta dalla parte opposta dellarco (sinistra). Questa curvatura impone una piegatura alla parte posteriore della freccia simile a quella che subisce al rilascio. Leffetto della forza della corda che agisce lungo lasse della freccia e la forza di reazione della cocca punta allindietro e lateralmente, verso larco. Il movimento laterale combinato dalla torsione elastica dei flettenti, che risultano fuori asse dalla prima inflessione della freccia comunicata alla corda. La parte terminale della freccia piega verso larco mentre prosegue nel suo moto in avanti, una situazione simmetrica alla prima inflessione, senza per linterazione con la finestra dellarco che si contrappone con la forza generata dallinflessione della coda. La torsione risulta parzialmente dalla rotazione e parzialmente nella curvatura della punta, che controbilancia quella della coda (qualcosa di simile alla coda dei dinosauri, armata da possenti strutture ossee che servivano da armi, il cui movimento era possibile grazie al movimento- bilanciamento del lungo collo).
7.5.4 La terza curva

82

Dopo la seconda inflessione la freccia si raddrizza (esattamente come dopo la prima, con il medesimo processo) e poi prosegue la sua serie di inflessioni con una curvatura della coda e della punta dalla parte opposta dellarco, e la pancia verso larco, finch la cocca connessa con la corda e la accelera. Durante questo processo, intorno al punto che la freccia completa la sua seconda curvatura, essa si distacca dalla corda. Lobiettivo deve essere che si verifichi un distacco pulito tra corda e cocca, e che si verifichi che la parte distale della freccia, con limpennaggio, non interferisca con la finestra dellarco, piegandosi il pi possibile verso lesterno. Se sussistono le condizioni perch ci avvenga con la giusta sincronizzazione70, laccoppiamento corretto.

70

condizioni basate su a) velocit della freccia, o meglio accelerazione; b) lunghezza della freccia, c) spine dinamico, d) peso in punta, e)carico e f) ripartizione della spinta dellarco, g) misura del brace height, e h) forma del grafico di trazione

83

fig.5

84

Nel diagramma di fig.5, viene illustrato sinteticamente (volutamente esagerando i movimenti e le deformazioni) la dinamica dellaccelerazione della freccia dopo il rilascio per apprezzare in modo qualitativo il fenomeno interno allarco. Sono rappresentate 10 fasi campione, che rappresentano momenti critici della balistica interna e quelle immediatamente successive (la fase 7 -8 in effetti lultima in cui la freccia collegata alla corda). Naturalmente il diagramma vuole mostrare unipotesi funzionale (cio in cui larco e la freccia sono ben accoppiati)71. 1) la freccia punta verso il bersaglio, larco teso, ed evidente il di scostamento tra il piano virtuale di scorrimento (linea tratteggiata) della corda e lasse di mira (linea viola, sovrapposta allasse della freccia). Il di scostamento in questione (ovvio) un fattore critico. Come si pu notare in fig.2, langolo tra piano di scorrimento virtuale e linea di mira destinato ad aumentare a mano a mano che la freccia prosegue il suo cammino allinterno dellarco. E la base del concetto paradossale del fenomeno in oggetto: se il moto della corda e dellimpugnatura non mostrassero le pazzie che invece Klopsteg, Hickman e Nagler hanno per primi documentato con lo spark tracer, la freccia sarebbe destinata comunque ad una traiettoria a sinistra del bersaglio72. 2) rilascio: la corda subisce una prima deformazione con una pancia verso sinistra, e lasta inizia il primo ciclo di deformazioni. Lentit della deformazione dellasta funzione della rotazione delle dita, maggiore lo strappo, pi sar enfatizzata la deformazione della corda e conseguentemente la pancia dellasta verso destra. Questultima deformazione maggiorata dallentit del disassamento iniziale tra piano virtuale di scorrimento e asse di mira, e massa in punta della freccia. Contemporaneamente la mano dellarco subisce uno spostamento, verso lindietro (dovuta allistantanea liberazione della forza) e immediatamente verso destra (causata dalla spinta dellasta contro la finestra. La durata di questa spinta brevissima (nel disegno, per chiarezza, lasta mostrata subito dopo linterazione con la finestra verticale dellarco. La reazione a questa spinta un fattore variabile(e quindi lo spostamento dellimpugnatura verso destra/indietro), legato al tipo di rilascio dellarciere e alla sua impostazione, ove pi marcata sia lespansione dellasse scapolo omerale, minore risulti lo spostamento verso destra e indietro. Notare la variazione dellorientamento del piano di scorrimento della corda (linea rossa) e la traiettoria dei punti nodali della freccia, che si mantengono comunque solidali con la linea di mira iniziale (linea viola). 3) nel ciclo di oscillazioni, la pancia della freccia ancora verso destra anche se la deformazione dellasta ridotta di entit. La mano dellarco spinge in avanti e verso destra.

71

Le indicazioni destra e sinistra sono sottolineate per dare maggior enfasi (le direzioni delle oscillazioni sul piano verticale sono la quintessenza del problema) e ovviamente ci riferiamo ad un arciere che impugna larco con la mano sinistra (arciere destro). 72 la cosa pi paradossale, a parer mio, comunque unaltra (e che non tratter approfonditamente perch fuori ai nostri scopi, ma facendone solo un breve cenno qui). Linnovazione degli archi finestrati, dotati del cosiddetto center shot, in linea di principio troverebbe la sua ragion dessere nelleliminazione a priori del problema del disassamento iniziale tra asse di mira e piano virtuale di scorrimento della corda. Tecnologicamente non rappresenta una complicazione (oggi) realizzare archi con la finestra decentrata main virt del movimento della mano della corda al rilascio, comunque si imprime ad essa un moto sinusoidale che si comunica inesorabilmente alla freccia; quindi, anche eliminando il disassamento, ci si troverebbe a dover applicare compensazioni per ovviare (questa volta) ad uno sbandamento verso destra della freccia alluscita! (tutto ci corrisponde a verit, e lunico sistema per ovviare al problema lutilizzo del rilascio meccanico). Con larco finestrato infatti, il center shot va comunque spostato verso sinistra con il berger button, se si vuole riuscire nel tuningCome dire: tanta fatica per nulla!

85

4) in questa fase la freccia dritta, ed inizia il secondo ciclo di deformazioni; il suo asse solidale con quello di mira, lo scostamento dellimpugnatura sempre a destra, ma la mano dellarco la spinge avanti. 5) la pancia della freccia verso sinistra, tra questa fase e quella successiva, il di scostamento dellimpugnatura raggiunge il suo massimo verso destra. La freccia non in contatto con la finestra dellarco. 6) Limpugnatura dellarco davanti rispetto alla posizione iniziale, il braccio infatti sta reagendo alla compressione iniziale e spinge in avanti. Il secondo ciclo di oscillazione della freccia ha raggiunto il massimo e lasta inizia a raddrizzarsi. 7) il secondo ciclo terminato ed inizia il terzo. In questo istante, lasta di nuovo dritta, e avviene il distacco dalla corda. Limpugnatura prosegue il suo moto verso sinistra. 8) la freccia inizia la sua deformazione verso destra, ma praticamente fuori dallarco. Limpugnatura libera di muoversi verso sinistra. La freccia inizia la sua vibrazione intorno ai punti nodali (in verde). 9) il terzo ciclo sta terminando e limpennaggio passa oltre la faccia anteriore dellarco. Limpugnatura sta spostandosi velocemente verso sinistra. 10) fine del terzo ciclo, lasta della freccia dritta. Inizia il quarto ciclo. 11) quarto ciclo, la freccia mostra la pancia verso sinistra. proseguir le sue oscillazioni (che si smorzeranno poco alla volta) nel suo moto verso il bersaglio.

86