Sei sulla pagina 1di 3

Le corde vocali..la confusione riguardo questi due piccoli ma fondamentali elementi del nostro apparato fonatorio pi di quanta pensassi.

. Partiamo dalle basi: le corde vocali sono 2 e posizionate orizzontalmente, parallele al suolo per essere chiari. Mi spiace deludere i pi fantasiosi ma NON sono 4 o 5 messe in verticale, tipo chitarra:) Sono posizionate nella laringe, che posta superiormente alla trachea e anteriormente alla laringo faringe..vi siete gi persi? Eccovi uno schemetto..

Le corde vocali, molto spesso definite semplicemente come muscoli, in realt sono delle estroflessioni della membrana elastica presente nella laringe e sono ricoperte da un epitelio particolare che permette loro di non danneggiarsi durante la chiusura. Chiusura che possibile grazie al muscolo vocale, insomma le corde non sono solo muscolo ma ANCHE muscolo. Il loro movimento quello che ci permette di parlare o per meglio dire, di emettere un qualsiasi suono. Le corde si trovano fissate anteriormente alla cartilagine tiroidea, una cartilagine ialina, quindi piuttosto resistente che si trova anteriormente nel collo (il famoso Pomo dAdamo*) e posteriormente si possono muovere grazie a delle piccole cartilagini di forma piramidale che sono le

aritenoidi. Il funzionamento dato dal supporto dellaria che facendo pressione al di sotto delle corde lespinge chiudendole. Prima della fonazione (latto del parlare) la rima della glottide o glottide (cio lo spazio delimitato dalle corde vocali) chiusa e viene sollecitata dalla pressione dellaria proveniente dai polmoni. Tale sollecitazione divarica le corde, la pressione scende nellinterno della glottide e provocando un risucchio delle corde vocali che tornano ad accollarsi e il processo si ripete daccapo. Le corde vocali si spostano sia lateralmente sia dallalto verso il basso con un movimento pressoch circolare. Tanto maggiore la velocit con cui si alternano tali rarefazioni e compressioni dellaria nei dintorni della glottide tanto pi acuta risulta la voce, mentre il volume del suono determinato dallampiezza del movimento delle corde stesse. A questo punto loro iniziano a vibrare emettendo il suono che poi verr perfezionato dal nostro cavo orale il quale muovendo la lingua piuttosto che il palato molle forma una R piuttosto che una M..tanto per intenderci. La loro vibrazione pu dare frequenze diverse, pensate al falsetto per esempio! La lunghezza delle corde vocali data circa sui 3 cm. Nelluomo sono pi lunghe del 30% rispetto a quelle della donna e sono anche di massa maggiore ci determina una minore frequenza nelluomo rispetto alla donna dando una voce pi profonda. Per quel che riguarda la formazione di suoni articolati partecipano attivamente sia le corde vocali come strumenti di produzione di suoni, sia le vie aeree superiori e i seni paranasali come cassa di risonanza, sia la cavit boccale come strumento di modulazione. Ci sono poi le corde vocali false che sono poste superiormente alle vere e sono pi sottili, praticamente prive di fasci muscolari. Non solo! Le nostre corde vocali fanno anche da tappo di sicurezza: come potete notare nello schemettino precedente, la laringe coperta dallepiglottide, un cartilagine elastica che al momento della deglutizione coprela laringe evitando che il cibo che abbiamo ingoiato vada a finire nella trachea e quindi nei polmoni. Contemporaneamente allazione effettuata dallepiglottide, le corde vocali si chiudono anchesse, fornendo una sicurezza in pi, inoltre se qualcosa vi va di traverso e poi tossite liberandovene dovete ringraziare le corde vocali poich durante il colpo di tosse non fate altro che chiuderle violentemente cos da buttar fuori lelemento estraneo. Capito tutto?

Vi lascio un video in cui si vede bene il movimento delle corde durante la fonazione

. *Il pomo dAdamo presente nelluomo perch la cartilagine tiroidea, la quale ha un angolo in

posizione mediana, nel loro caso ha un angolo pi acuto di quello femminile dando cos una maggiore lunghezza alle corde e quindi una frequenza minore, nelle donne langolo ottuso e quindi le corde pi corte, dando una frequenza maggiore (ca 200Hz).