Sei sulla pagina 1di 15

SUBNETTING E

SUPERNETTING

Struttura degli indirizzi IP


Network ID Host ID
0 Classe A

1 0 Classe B

1 1 0
Classe C

1 1 1 0 Classe D (multicast)

1 1 1 1 Classe E (sperimentale)
32 bit

Network ID : identifica la sottorete


Host ID : identifica i singoli calcolatori della sottorete
Walter Cerroni 2

1
Classi di indirizzo
Classe Max # reti Max # host

A 126 16.777.214
B 16.384 65.534
C 2.097.152 254

Classe Spazio degli indirizzi

A 1.0.0.0 - 126.255.255.255
B 128.0.0.0 - 191.255.255.255
C 192.0.0.0 - 223.255.255.255
D 224.0.0.0 - 239.255.255.255
E 240.0.0.0 - 255.255.255.254
Walter Cerroni 3

Subnetting
Indirizzo di host frammentato in due sottoparti:
• la prima identifica una porzione della rete in questione
• la seconda identifica i singoli host della sottorete
Network ID Subnetwork ID Host ID
137 204 57 174

La suddivisione è indicata dalla netmask, i cui bit a 0


identificano quelli dedicati all’host ID
Notazioni:
• 11111111 11111111 11111111 00000000
• 255.255.255.0
• 137.204.57.174/24
Walter Cerroni 4

2
Subnetting: ripartizione logica e fisica

Operazione di subnetting in rete IP è solamente


logica :
• host di diverse subnet possono essere sulla
medesima rete fisica (LAN)
• host della medesima subnet possono essere su
diverse reti fisiche (LAN)

Walter Cerroni 5

Subnetting: ripartizione logica e fisica

137.204.57.0/24

137.204.59.0/24

Walter Cerroni 6

3
Subnetting: esempio
Un’azienda di grandi dimensioni possiede tre siti distribuiti
su una grande area urbana: S1, S2, S3. Ciascun sito
aziendale è dotato di infrastrutture informatiche
comprendenti, tra l'altro, una LAN ed un router di uscita
verso il mondo esterno. Tutti i siti devono essere
interconnessi tra loro con una rete MAN a maglia completa
M. Il protocollo usato è il TCP-IP.
I siti sono così divisi:
S1, S2: 50 host
S3: 20 host
Si richiede di progettare una rete di classe C a cui viene
assegnato l’indirizzo 196.200.96.0 comprensiva della
numerazione dei router, definendo le relative netmask.

Walter Cerroni 7

Architettura

S1 S2

LAN
LAN

MAN
S3
Walter Cerroni 8

4
Una possibile scelta della netmask
Ultimo byte netmask # host # subnets

00000000 254 1

10000000 126 2

11000000 62 4

11100000 30 8

11110000 14 16

11111000 6 32

11111100 2 64
Walter Cerroni 9

Soluzione 1
• Subnets: 196.200.96.0 (S1)
196.200.96.64 (S2)
196.200.96.128 (S3)
196.200.96.192 (M)

• Netmask: 255.255.255.192

• Broadcast: 196.200.96.63 (S1)


196.200.96.127 (S2)
196.200.96.191 (S3)
196.200.96.255 (M)
Walter Cerroni 10

5
Soluzione 1

196.200.96.0/26 196.200.96.64/26

196.200.96.192/26

196.200.96.128/26
Walter Cerroni 11

Soluzione 1
• Routers LAN: 196.200.96.62 (S1)
196.200.96.126 (S2)
196.200.96.190 (S3)

• Routers MAN: qualunque indirizzo tra:


196.200.96.193 e .254 (M)

• IP Hosts: qualunque indirizzo tra:


196.200.96.1 e .61 (S1)
196.200.96.65 e .125 (S2)
196.200.96.129 e .189 (S3)
Walter Cerroni 12

6
Scelta di netmask diverse
Ultimo byte netmask # host # subnets

00000000 254 1

10000000 126 2

11000000 62 4

11100000 30 8

11110000 14 16

11111000 6 32

11111100 2 64
Walter Cerroni 13

Soluzione 2

Subnet # host Indirizzi Broadcast


196.200.96.0/26 62 1 – 62 63
196.200.96.64/26 62 65 – 126 127
196.200.96.128/27 30 129 – 158 159
196.200.96.160/27 30 161 – 190 191
196.200.96.192/27 30 193 – 222 223
196.200.96.224/28 14 225 – 238 239
196.200.96.240/30 2 241 – 242 243
196.200.96.244/30 2 245 – 246 247
196.200.96.248/30 2 249 – 250 251
196.200.96.252/30 2 253 – 254 255
Walter Cerroni 14

7
Soluzione 2

196.200.96.0/26 196.200.96.64/26
196.200.96.240/30

196.200.96.244/30
196.200.96.248/30

196.200.96.128/27
Walter Cerroni 15

Supernetting
• Indirizzamento IP più flessibile senza l’uso delle
classi (CIDR – Classless Inter-Domain Routing)
• Un ente ha bisogno di circa 2000 indirizzi IP
– una rete di classe B è troppo grande (64K indirizzi)
– meglio 8 reti di classe C (8 × 256 = 2048 indirizzi)
dalla 194.24.0.0 alla 194.24.7.0
• Supernetting: si accorpano le 8 reti contigue in
un’unica super-rete:
– Identificativo: 194.24.0.0/21
– Supernet mask: 255.255.248.0
– Indirizzi: 194.24.0.1 – 194.24.7.254
– Broadcast: 194.24.7.255
Walter Cerroni 16

8
INSTRADAMENTO IP

IP: instradamento dei datagrammi


• Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati
• Direct delivery : host sorgente e destinatario
sulla stessa rete fisica; sorgente incapsula il
datagram in un frame, associa indirizzo IP ad
indirizzo fisico e spedisce direttamente al
destinatario
• Indirect delivery : host sorgente e destinatario
non sulla stessa rete, quindi il sorgente invia ad
un router i pacchetti da consegnare
• I router formano struttura interconnessa e cooperante: i
datagram passano dall’uno all’altro finché raggiungono
quello che può consegnarli direttamente

Walter Cerroni 18

9
Direct delivery

HOST1 HOST2
ROUTER1
ROUTER2

ETHERNET

MAN – WAN HOST4


HOST3

ARP request HOST1 chiede l’indirizzo MAC di HOST3


ARP reply HOST3 risponde direttamente a HOST1

MAC ADDRESS: HOST3 IP ADDRESS: HOST3 DATI

Walter Cerroni 19

Indirect delivery

HOST1 HOST2
ROUTER1
ROUTER2

ETHERNET

MAN – WAN HOST4


HOST3

ARP request HOST1 chiede l’indirizzo MAC di ROUTER1


ARP reply ROUTER1 risponde a HOST1

MAC ADDRESS: ROUTER1 IP ADDRESS: HOST4 DATI

Walter Cerroni 20

10
Tabella di instradamento

• Ciascun host ha una sua tabella di


instradamento
• La tabella associa all’indirizzo di un host o di una
rete di destinazione un “gateway” attraverso il
quale raggiungere tale destinazione
• Le destinazioni contenute nella tabella sono
solamente quelle di interesse per quell’host, non
tutte le possibili
• Si aggiunge una indicazione di default alla quale
inviare tutti i datagrammi indirizzati a destinazioni
non esplicitamente presenti in tabella

Walter Cerroni 21

Comando ROUTE
route print
visualizza la tabella di routing relativa all’host

route –p add DEST mask NETMASK GATEWAY


aggiunge alla tabella di routing una entry relativa
alla destinazione DEST indicandone la NETMASK
e il GATEWAY attraverso il quale raggiungerla

Walter Cerroni 22

11
Esempio 1: host semplice

Walter Cerroni 23

Esempio 2: multi-homed host

Walter Cerroni 24

12
Esempio 3

Walter Cerroni 25

Esempio 4

Eseguito da 137.204.57.174/24

Walter Cerroni 26

13
Esempio 5

Walter Cerroni 27

Esempio 6 (I)

Walter Cerroni 28

14
Esempio 6 (II)

Walter Cerroni 29

15