Sei sulla pagina 1di 9

Diocesi di Teramo-Atri

PARROCCHIA CUORE IMMACOLATO DI MARIA


Silvi Marina

8.34)45&774((-.&1*
QUIN DICESIMO AN N IVERSARIO FON DAZION E DELLA PARROCCH IA
1990 - 2005
&334)*11¹*:(&7.89.&




³1RLLQYHFHDEELDPRXQ¶DOWUDPLVXUDLO)LJOLRGL'LRLOYHURXRPR´

<<E’ Lu i la misu ra d el vero u m anesim o. “ Ad u lta” non è una fed e che segu e le ond e d ella
m od a e l’u ltima novità; ad u lta e m atu ra è una fed e p rofond am ente rad icata nell’am icizia
con Cristo. È qu est’am icizia che ci ap re a tu tto ciò che è bu ono e ci d ona il criterio p er
d iscernere tra vero e falso, tra inganno e verità. Qu esta fed e ad u lta d obbiam o m atu rare, a
qu esta fed e d obbiam o gu id are il gregge d i Cristo. Ed è qu esta fed e- solo la fed e- che crea
u nità e si realizza nella carità. San Paolo ci offre a qu esto p rop osito- in contrasto con le
continu e p erip ezie d i coloro che sono come fanciu lli sballottati d alle ond e- u na bella
p arola: )$5(/$9(5,7$·1(//$&$5,7$·. N ella m isu ra in cu i ci avviciniamo a Cristo,
anche nella nostra vita, verità e carità si fond ono. La carità senza verità sarebbe cieca; la
verità senza carità sarebbe com e “ un cembalo che tintinna”.>> ( Bened etto XVI)
5HOD]LRQHGHO3DUURFR

1 . Cari am ici, in quest i quindici anni, t ant i sono st at i gli avv enim ent i e t ant e
sono st at e le opere r ealizzat e; di quest o, pr im a di t ut t o, dobbiam o ringraziar e
Dio e la m at er na prot ezione e int ercessione di Maria, alla quale la nost r a
Parrocchia sin dalla sua fondazione è st at a affidat a; dobbiam o, alt r esì,
r ingr aziare t ut t i coloro che ci hanno precedut o, m olt i dei quali sono ancora in
m ezzo a noi, alt r i sono st at i già chiam at i dal Signor e a prendere part e della sua
glor ia nel Cielo, non cit o nessuno per non r ischiare di dim ent icar ne qualcuno,
m a ciascuno di noi sa chi sono e quant o bene hanno fat t o, e sono cer t o ancora
fanno, per am ore nost r o e della nost ra Com unit à che essi hanno serv it o
fedelm ent e, con am or e, con sacr ificio, con fede, con gioia e speranza.
Possiam o guar dar e al fut ur o con speranza per ché facendo m em or ia del
passat o, non possiam o non vedere com e la nost ra Chiesa è v iv a ed è capace di
dare vit a, t ut t o quest o è vero e possibile perché il Maest ro è Vivo, ci ha
pr ecedut o, abit a in m ezzo a noi e com pie cose grandi in coloro che lo am ano e
lo seguono.

2. Per conoscere e com prender e da dove veniam o, nella nost r a chiesa


parrocchiale sono st at e realizzat e opere ar t ist iche, quali i sim boli e le vet r at e
che ci aiut ano a fare m em or ia della Ver it à: l’am or e di Dio per ogni uom o, che
non dobbiam o m ai perdere di vist a.
I sim boli e le im m agini v enivano chiam at i dal popolo, quando la st r agrande
m aggioranza era analfabet a, il Vangelo dei pover i, oggi la st r agr ande
m aggioranza sa legger e e scr ivere, m a m olt i sono “ analfabet i” nella
conoscenza dei fondam ent i e del cr edo crist iano. Voglio per ciò
illust rarv i,br evem ent e, il “ linguaggio” delle im m agini pr esent i nella nost r a
chiesa per poi passare al “ linguaggio” dei num eri e delle par ole: segni,
im m agini, num er i e par ole ci dicono e ci indicano una unica st oria, la nost r a
st or ia, la St oria della Salvezza.
™ I l prim o sim bolo che v ediam o, sulla facciat a della chiesa, è la gr ande
Croce con al cent ro il “ logo” del Grande Giubileo del 2000 con la scrit t a
“ Cr ist o ieri, oggi e sem pre” quest o perché solo in “ Lui noi viv iam o ci
m uoviam o ed esist iam o” , è Gesù Crist o, Figlio di Dio, l’inizio e il fine di
t ut t e le cose.
™ Ent r ando in chiesa, orient at a da ovest ad est , al cent r o fisico e v isiv o c’è
l’alt are, la sede, l’am bone e il t aber nacolo; t ut t i quest i “ luoghi” sono la
“ font e e il culm ine” di t ut t a la vit a della com unit à: nella Celebr azione
Eucarist ica il Sacerdot e agisce in “ Per sona Chr ist i” , nel Taber nacolo si
conserv a il Sant issim o Sacr am ent o; il Tabernacolo è st at o concepit o per
indicare, at t rav er so i giochi di luce e im m agini, che Cr ist o è il Cent ro del
cosm o e della st oria.
™ Le v et rat e sopra al pr esbit erio e quelle lat erali r ipercor rono la St or ia della
Salvezza com e è arrivat a fino a noi: la cr eazione, il peccat o originale,
l’alleanza ( Abram o) , la Legge ( Mosè) , i Profet i ( Elia e Giovanni
Bat t ist a) , Gesù Cr ist o e la Chiesa ( l’ult im a Cena) ; poi ai lat i la st or ia
della Chiesa at t r av erso il volt o dei Sant i ( a sinist r a i Sant i univ er sali, a
dest r a i Sant i Abruzzesi) . Poi c’è il font e bat t esim ale con la discesa dello

2
Spirit o Sant o, e sopra al font e, l’im m agine della “Madonna dell’Equilibrio”
che st a ad indicar ci il fr ut t o del bat t esim o cioè esercit ar e nella nost ra v it a
di cr ist iani i set t e doni dello Spir it o Sant o. I nfine sulla port a d’ingr esso è
r affigurat o il giudizio universale. Le st at ue present i in chiesa sono il
Cuore I m m acolat o di Mar ia e S. Giuseppe, Sposo di Maria e Prot et t or e
Univ er sale della Chiesa.
Cosa em erge dall’ iconografia d’insiem e della nost ra chiesa? I n est rem a sint esi:
l’Opera di Dio, l’Opera della Chiesa e il cam m ino che noi Chiesa di Crist o che
v ive a Silvi ha com piut o e deve cont inuare a com piere, cioè OD VDQWLWj
GLYHQWDUH VDQWL /D 3DUURFFKLD QHOOD &KLHVD KD XQLFDPHQWH TXHVWD
IXQ]LRQH TXHVWR VFRSR IDU LQFRQWUDUH &ULVWR D WXWWL SHUFKp WXWWL
DWWUDYHUVR&ULVWRSRVVDQRGLYHQWDUH6DQWL

3 . A quest o punt o cr edo sia im port ant e sapere com e int ende la funzione della
Parrocchia il Magist ero della Chiesa, per poi capir e perché il Vescov o di Teram o
– At r i ha v olut o ist it uir e una nuov a parrocchia a Silv i e infine vedere noi,
m em br i di quest a parrocchia cosa abbiam o fat t o, cosa facciam o e cosa
dobbiam o fare.
Dice la Christ ifideles Laici di Giov anni Paolo I I del 1998: ” /D &KLHVD
HYDQJHOL]]DWULFH SXU DYHQGR XQ¶DWWLYLWj SDVWRUDOH XQLYHUVDOH WURYD OD VXD
HVSHULHQ]D SL LPPHGLDWD H YLVLELOH QHOOD SDUURFFKLD HVVD q O¶XOWLPD
ORFDOL]]D]LRQHGHOOD&KLHVDqLQFHUWRVHQVROD&KLHVDFKHYLYHLQPH]]RDOOH
FDVH GHL VXRL ILJOL H GHOOH VXH ILJOLH« $QFKH VH D YROWH SRYHUD GL PH]]L H GL
SHUVRQH DQFKH VH D YROWH GLVSHUVD VX WHUULWRUL TXDQWR PDL YDVWL H TXDVL
LQWURYDELOHDOO¶LQWHUQRGLSRSRORVLHFDRWLFLTXDUWLHULPRGHUQLODSDUURFFKLDQRQ
q SULQFLSDOPHQWH XQD VWUXWWXUD XQ HGLILFLR q SLXWWRVWR ³ OD IDPLJOLD GL 'LR´«
(VVDqXQDFRPXQLWjHXFDULVWLFDXQDFRPXQLWjGLIHGHXQDFRPXQLWjRUJDQLFD
RVVLDFRVWLWXLWDGDLPLQLVWULRUGLQDWLHGDJOLDOWULFULVWLDQLQHOODTXDOHLOSDUURFR
±FKHUDSSUHVHQWDLO9HVFRYRGLRFHVDQR±qYLQFRORJHUDUFKLFRFRQWXWWDOD
&KLHVDSDUWLFRODUH´ I l Beat o Giovanni XXI I I la chiam ò la ³)RQWDQDGHO9LOODJJLR
DOODTXDOHULFRUURQRWXWWLSHUODORURVHWH´ I l Vescovo Ant onio Nuzzi, nelle linee
Past orali per gli anni ’90 scr ive: ³ 2FFRUUH HYLWDUH OD VFOHURWL]]D]LRQH H
O¶LQYHFFKLDPHQWR GL XQ RUJDQLVPR FRVu YLWDOH SHUFKp O¶D]LRQH HYDQJHOL]]DWULFH
UHVWLFROOHJDWDDOWHUULWRULRHVLDYHUDPHQWHFDSLOODUH …4XHLEDWWH]]DWLFKHVL
FRLQYROJRQR UHVSRQVDELOPHQWH QHOOH HVSHULHQ]H SURJUDPPDWH GHYRQR
PHWWHUH D GLVSRVL]LRQH OH ORUR FRPSHWHQ]H H VHQVLELOLWj UHQGHUVL
GLVSRQLELOLDXQFDPPLQRGLFRPXQLRQHIUDWHUQDFKHOLSRUWLDVWLPDUH
SULPDGLWXWWRHVRSUDWWXWWRLOEHQHGHOO¶XQLWjHDVFHJOLHUHHRSHUDUHLQ
WDOHVSLULWR´

4 . Da quant o ci viene det t o aut orev olm ent e dal Magist ero si capisce per ché fu
fat t a la scelt a nel 1990 di ridisegnar e i confini delle parrocchie di Silv i e di
ist it uirne una nuova: Negli anni ’60 fu eret t a parr occhia la chiesa di S. Mar ia
Assunt a nella zona nord, m a negli anni ’70 lo sviluppo urbanist ico di Silvi, che
ha una lunghezza da nor d a sud di 7 Km lungo la fascia cost iera e la SS. 16, si
è verificat o t ut t o ver so sud; da qui la necessit à di cost r uir e una chiesa per il
ser vizio lit ur gico anche nella zona sud che era servit a past or alm ent e dalla
parrocchia di S. St efano che r isult ava però m olt o decent rat a r ispet t o al nuov o

3
asset t o urbanist ico. Nel 1987 venne iniziat a la cost r uzione della chiesa e nel
1988 venne consacrat a da P. Abele Vescovo di Teram o- At ri di vener at a
m em or ia. A seguit o della not ev ole ed est esa urbanizzazione e conseguent e
im ponent e crescit a della popolazione, si rese necessario ridisegnar e i confini
delle parr occhie esist ent i nel t er rit orio perché or m ai non più rispondent i ai
bisogni; così il 1° Gennaio 1990 fu ist it uit a canonicam ent e la nuova Par rocchia
con il Tit olo di “ Cuore I m m acolat o di Maria” dal Vescovo Ant onio Nuzzi ed
ot t enne il r iconoscim ent o civ ile, con Decr et o Minist er iale, il 21 luglio 1990. La
nuova parr occhia cont av a allora circa 4400 abit ant i ed era, ed è t ut t ora, la più
gr ande per popolazione, di Silvi. Dall’anno della sua cost it uzione fino ad oggi
in parr occhia sono st at i am m inist rat i 655 Bat t esim i, 651 cresim e, 174
Mat r im oni, 254 Defunt i.

5 . Passiam o or a a v edere cosa si è fat t o in quest i anni, com e si è fat t o e


perché si è fat t o.
Nelle linee past orali diocesane è scr it t o: “ OD&RPXQLWj3DUURFFKLDOHHOD&KLHVD
3DUURFFKLDOHVRQRLOOXRJRSULYLOHJLDWRSHUODSUHSDUD]LRQHHODFHOHEUD]LRQHGHL
VDFUDPHQWLGHOODLQL]LD]LRQHFULVWLDQDGHOPDWULPRQLRHGHOODFHOHEUD]LRQHGHOOH
HVHTXLH9DHYLWDWDFRQGHFLVLRQHRJQLRSHUDGLVXSSOHQ]DVYROWDLQ6DQWXDULR
LQFKLHVHQRQSDUURFFKLDOLIDWWHVDOYHLQGLFD]LRQLGLYHUVHGDSDUWHGHO9HVFRYR«
7XWWH OH RFFDVLRQL HGXFDWLYH FKH YHQJRQR DWWLYDWH QHOOH QRVWUH FRPXQLWj
SDUURFFKLDOL GHYRQR HVVHUH ILQDOL]]DWH DOO¶HYDQJHOL]]D]LRQH /H VWHVVH
GRYUHEEHUR WUDVIRUPDUVL LQ ³ LWLQHUDUL HGXFDWLYL´ 7DOL ³ LWLQHUDUL HGXFDWLYL´
GHYRQRHVVHUHSHQVDWLHYLVVXWLFRPHLQWUHFFLRGLWXWWHOHGLPHQVLRQLGHOODYLWD
FULVWLDQD FDWHFKHWLFD OLWXUJLFD FDULWDWLYD H VHPSUH FROORFDWL GHQWUR OD YLWD
GHOODFRPXQLWj
,O*LRUQRGHO6LJQRUHHO¶DQQROLWXUJLFRVRQRLOYHURFDWHFXPHQDWRGHOSRSRORGL
'LR6HTXHVWDVRUJHQWHqYLYDWXWWRLOFDPSRGHO6LJQRUHVDUjLUULJDWRHUHVR
IHFRQGR6HTXHVWDVRUJHQWHqDVFLXWWDSRFRYDUUDQQRWXWWLJOLDOWULFRUVLFKHLQ
XQD FRPXQLWj SRVVRQR HVVHUH DWWLYDWL DQFKH FRQ FRPSHWHQ]D H SUHSDUD]LRQH
/¶LQQHVWRVDSLHQWHGHOIHGHOHQHOODFRQWLQXDFHOHEUD]LRQHGHLPLVWHULGHO6LJQRUH
±VSHFLDOPHQWHVHYLYRILQGDJOLDQQLGHOO¶LQIDQ]LDqFRPHXQDIILGDPHQWRGHO
PHGHVLPR DOOD &KLHVD 0DGUH FKH OR QXWUH OR GLIHQGH H UDGLFD LQ OXLOD SLDQWD
GHOODIHGH´
6 . Le m odalit à e le condizioni post e dal parr oco nell’am m inist r azione dei
Sacr am ent i ai fedeli che li r ichiedono sono st at e e sono sem pr e scat urit e dalle
norm e del C.I .C. , dai Diret t or ii Past or ali della C.E.I . e dalle indicazioni
past orali del Vescovo; or a, anche se può sem brare noioso, v edrem o cosa dice
la Chiesa Univer sale, Nazionale e Locale riguar do alla Lit ur gia, alla Cat echesi,
alla Ev angelizzazione e alla Carit à; quest o per ché in quest i anni e, t ut t ora,
sono st at e e sono, spesso, m ot ivo di crit ica, div isioni e incom prensioni nei
fedeli t r a di lor o, t r a gli operat ori past or ali e fedeli, oper at or i past or ali e
parroco.
I . I Sacram ent i della I niziazione Cr ist iana.
I I . I l Sacr am ent o della Confessione.
I I I . I l Sacr am ent o del Mat rim onio.
I V. I l Rit o delle Esequie.
V. Car it à.

4
7 . Voglio concludere quest a relazione con un’alt ra cit azione della “Christ ifideles
Laici” al n. 34 che rit engo sia di fondam ent ale im por t anza per ché la nost r a
Parrocchia sia sem pre viv a, e nei suoi m em bri, sia sem pr e capace di “ dar e
r agione della speranza che è in loro con ogni dolcezza e r ispet t o” .

³/
RUDqYHQXWDSHULQWUDSUHQGHUHXQDQXRYDHYDQJHOL]]D]LRQH

,QWHUL SDHVL H QD]LRQL GRYH OD UHOLJLRQH H OD YLWD FULVWLDQD HUDQR XQ WHPSR
TXDQWR PDL ILRUHQWL HFDSDFLGLGDURULJLQHD FRPXQLWjGLIHGHYLYDHRSHURVD
VRQRRUDPHVVLDGXUDSURYDHWDOYROWDVRQRSHUVLQRUDGLFDOPHQWHWUDVIRUPDWL
GDO FRQWLQXR GLIIRQGHUVL GHOO
LQGLIIHUHQWLVPR GHO VHFRODULVPR H GHOO
DWHLVPR 6L
WUDWWDLQSDUWLFRODUHGHLSDHVLHGHOOHQD]LRQLGHOFRVLGGHWWR3ULPR0RQGRQHO
TXDOH LO EHQHVVHUH HFRQRPLFR H LO FRQVXPLVPR DQFKH VH IUDPPLVWL D SDXURVH
VLWXD]LRQLGLSRYHUWjHGLPLVHULDLVSLUDQRHVRVWHQJRQRXQDYLWDYLVVXWD©FRPH
VH 'LR QRQ HVLVWHVVHª 2UD O
LQGLIIHUHQ]D UHOLJLRVD H OD WRWDOH LQVLJQLILFDQ]D
SUDWLFDGL'LRSHULSUREOHPLDQFKHJUDYLGHOODYLWDQRQVRQRPHQRSUHRFFXSDQWL
HG HYHUVLYL ULVSHWWR DOO
DWHLVPR GLFKLDUDWR ( DQFKH OD IHGH FULVWLDQD VH SXUH
VRSUDYYLYH LQ DOFXQH VXH PDQLIHVWD]LRQL WUDGL]LRQDOL H ULWXDOLVWLFKH WHQGH DG
HVVHUH VUDGLFDWD GDL PRPHQWL SL VLJQLILFDWLYL GHOO
HVLVWHQ]D TXDOL VRQR L
PRPHQWLGHOQDVFHUHGHOVRIIULUHHGHOPRULUH'LTXLO
LPSRUVLGLLQWHUURJDWLYLH
GL HQLJPL IRUPLGDELOL FKH ULPDQHQGR VHQ]D ULVSRVWD HVSRQJRQR O
XRPR
FRQWHPSRUDQHR DOOD GHOXVLRQH VFRQVRODWD R DOOD WHQWD]LRQH GL HOLPLQDUH OD
VWHVVDYLWDXPDQDFKHTXHLSUREOHPLSRQH

,QDOWUHUHJLRQLRQD]LRQLLQYHFHVLFRQVHUYDQRWXWWRUDPROWRYLYHWUDGL]LRQLGL
SLHWj H GL UHOLJLRVLWj SRSRODUH FULVWLDQD PD TXHVWR SDWULPRQLR PRUDOH H
VSLULWXDOH ULVFKLD RJJL G
HVVHUH GLVSHUVR VRWWR O
LPSDWWR GL PROWHSOLFL SURFHVVL
WUD L TXDOL HPHUJRQR OD VHFRODUL]]D]LRQH H OD GLIIXVLRQH GHOOH VHWWH 6ROR XQD
QXRYD HYDQJHOL]]D]LRQH SXz DVVLFXUDUH OD FUHVFLWD GL XQD IHGH OLPSLGD H
SURIRQGDFDSDFHGLIDUHGLTXHVWHWUDGL]LRQLXQDIRU]DGLDXWHQWLFDOLEHUWj

&HUWDPHQWH XUJH GRYXQTXH ULIDUH LO WHVVXWR FULVWLDQR GHOOD
VRFLHWj XPDQD 0D OD FRQGL]LRQH q FKH VL ULIDFFLD LO WHVVXWR
FULVWLDQR GHOOH VWHVVH FRPXQLWj HFFOHVLDOL FKH YLYRQR LQ
TXHVWLSDHVLHLQTXHVWHQD]LRQL

2UDLIHGHOLODLFLLQIRU]DGHOODORURSDUWHFLSD]LRQHDOO
XIILFLRSURIHWLFRGL&ULVWR
VRQR SLHQDPHQWH FRLQYROWL LQ TXHVWR FRPSLWR GHOOD &KLHVD $G HVVL WRFFD LQ
SDUWLFRODUH WHVWLPRQLDUH FRPH OD IHGH FULVWLDQD FRVWLWXLVFD O
XQLFD ULVSRVWD
SLHQDPHQWH YDOLGD SL R PHQR FRVFLHQWHPHQWH GD WXWWL SHUFHSLWD H LQYRFDWD
GHLSUREOHPLHGHOOHVSHUDQ]HFKHODYLWDSRQHDGRJQLXRPRHDGRJQLVRFLHWj
&LzVDUjSRVVLELOHVHLIHGHOLODLFLVDSUDQQRVXSHUDUHLQVHVWHVVLODIUDWWXUDWUDLO
9DQJHOR H OD YLWD ULFRPSRQHQGR QHOOD ORUR TXRWLGLDQD DWWLYLWj LQ IDPLJOLD VXO
ODYRUR H QHOOD VRFLHWj O
XQLWj G
XQD YLWD FKH QHO 9DQJHOR WURYD LVSLUD]LRQH H
IRU]DSHUUHDOL]]DUVLLQSLHQH]]D


5
$WXWWLJOLXRPLQLFRQWHPSRUDQHLULSHWRDQFRUDXQDYROWDLOJULGRDSSDVVLRQDWR
FRQ LO TXDOH KR LQL]LDWR LO PLR VHUYL]LR SDVWRUDOH ©1RQ DEELDWH SDXUD $SULWH
DQ]L VSDODQFDWH OH SRUWH D &ULVWR $OOD 6XD VDOYDWULFH SRWHVWj DSULWH L FRQILQL
GHJOL 6WDWL L VLVWHPL HFRQRPLFL FRPH TXHOOLSROLWLFL LYDVWLFDPSL GL FXOWXUD GL
FLYLOWj GL VYLOXSSR 1RQ DEELDWHSDXUD &ULVWR VD FRVD q GHQWURO
XRPR 6ROR
/XLORVD2JJLFRVuVSHVVRO
XRPRQRQVDFRVDVLSRUWDGHQWURQHOSURIRQGRGHO
VXR DQLPR GHO VXR FXRUH &RVu VSHVVR q LQFHUWR GHO VHQVR GHOOD VXD YLWD VX
TXHVWDWHUUD (
 LQYDVR GDOGXEELRFKHVLWUDPXWD LQGLVSHUD]LRQH3HUPHWWHWH
TXLQGLBYLSUHJRYLLPSORURFRQXPLOWjHFRQILGXFLDBSHUPHWWHWHD&ULVWRGL
SDUODUHDOO
XRPR6ROR/XLKDSDUROHGLYLWDVuGLYLWDHWHUQDª

6SDODQFDUHOHSRUWHD&ULVWRDFFRJOLHUORQHOORVSD]LRGHOODSURSULDXPDQLWjQRQ
q DIIDWWR XQD PLQDFFLD SHU O
XRPR EHQVu q O
XQLFD VWUDGD GD SHUFRUUHUH VH VL
YXROHULFRQRVFHUHO
XRPRQHOO
LQWHUDVXDYHULWjHGHVDOWDUORQHLVXRLYDORUL

6DUjODVLQWHVLYLWDOHFKHLIHGHOLODLFLVDSUDQQRRSHUDUHWUDLO9DQJHORHLGRYHUL
TXRWLGLDQL GHOOD YLWD OD SL VSOHQGLGD H FRQYLQFHQWH WHVWLPRQLDQ]D FKH QRQ OD
SDXUD PD OD ULFHUFD H O
DGHVLRQH D &ULVWR VRQR LO IDWWRUH GHWHUPLQDQWH SHUFKp
O
XRPR YLYD H FUHVFD H SHUFKp VL FRVWLWXLVFDQR QXRYL PRGL GL YLYHUH SL
FRQIRUPLDOODGLJQLWjXPDQD

/
XRPRqDPDWRGD'LR(
TXHVWRLOVHPSOLFLVVLPRHVFRQYROJHQWHDQQXQFLRGHO
TXDOH OD &KLHVD q GHELWULFH DOO
XRPR /D SDUROD H OD YLWD GL FLDVFXQ FULVWLDQR
SRVVRQR H GHYRQR IDU ULVXRQDUH TXHVWR DQQXQFLR 'LR WL DPD &ULVWR qYHQXWR
SHUWHSHUWH&ULVWRq©9LD9HULWj9LWDª *Y 

4XHVWDQXRYDHYDQJHOL]]D]LRQHULYROWDQRQVRORDOOHVLQJROHSHUVRQHPDDQFKH
DG LQWHUH IDVFH GL SRSROD]LRQL QHOOH ORUR YDULH VLWXD]LRQL DPELHQWL H FXOWXUH q
GHVWLQDWDDOODIRUPD]LRQHGLFRPXQLWjHFFOHVLDOLPDWXUHQHOOHTXDOLFLRqODIHGH
VSULJLRQLHUHDOL]]LWXWWRLOVXRRULJLQDULRVLJQLILFDWRGLDGHVLRQHDOODSHUVRQDGL
&ULVWR H DO VXR 9DQJHOR GL LQFRQWUR H GL FRPXQLRQH VDFUDPHQWDOH FRQ /XL GL
HVLVWHQ]DYLVVXWDQHOODFDULWjHQHOVHUYL]LR

,IHGHOLODLFLKDQQRODORURSDUWHGDFRPSLHUHQHOODIRUPD]LRQHGLVLPLOLFRPXQLWj
HFFOHVLDOL QRQ VROR FRQ XQD SDUWHFLSD]LRQH DWWLYD H UHVSRQVDELOH QHOOD YLWD
FRPXQLWDULDHSHUWDQWRFRQODORURLQVRVWLWXLELOHWHVWLPRQLDQ]DPDDQFKHFRQ
ORVODQFLRHO
D]LRQHPLVVLRQDULDYHUVRTXDQWLDQFRUDQRQFUHGRQRRQRQYLYRQR
SLODIHGHULFHYXWDFRQLO%DWWHVLPR

,Q UDSSRUWR DOOH QXRYH JHQHUD]LRQL XQ FRQWULEXWR SUH]LRVR TXDQWR PDL
QHFHVVDULR GHYH HVVHUH RIIHUWR GDL IHGHOL ODLFL FRQ XQD VLVWHPDWLFD RSHUD GL
FDWHFKHVL,3DGULVLQRGDOLKDQQRDFFROWRFRQJUDWLWXGLQHLOODYRURGHLFDWHFKLVWL
ULFRQRVFHQGRFKHHVVL©KDQQRXQFRPSLWRGLJUDQGHSHVRQHOO
DQLPD]LRQHGHOOH
FRPXQLWjHFFOHVLDOLª&HUWDPHQWHLJHQLWRULFULVWLDQLVRQRLSULPLHLQVRVWLWXLELOL
FDWHFKLVWL GHL ORUR ILJOL D FLz DELOLWDWL GDO VDFUDPHQWR GHO 0DWULPRQLR QHOOR
VWHVVR WHPSR SHUz GREELDPR HVVHUH WXWWL FRVFLHQWL GHO ©GLULWWRª FKH RJQL
EDWWH]]DWRKDGLYHQLUHLVWUXLWRHGXFDWRDFFRPSDJQDWRQHOODIHGHHQHOODYLWD
FULVWLDQD´

6
8 . I n quest o anno di Grazia, anno dell’Eucar ist ia, sost enut o e accom pagnat o
dall’am ore m at er no di Mar ia Madre della Chiesa e Madre nost r a, voglio a
conclusione di quest o inizio assem blear e del nost ro Sinodo Par rocchiale
pr egare il Signore per chiedere a Lui, at t rav er so l’int ercessione di t ut t i i Sant i,
il dono dell’unit à e dell’am or e:

3DGUH6DQWR, lent o a l’ir a e r icco di Grazia,


in ogni t em po t u doni ener gie nuov e alla t ua Chiesa,
e lungo il suo cam m ino m irabilm ent e la guidi e la pr ot eggi.
Con la pot enza del t uo Sant o Spir it o le assicuri il t uo sost egno,
ed essa,nel suo am or e fiducioso, non si st anca m ai d’inv ocar t i nella prov a,
e nella gioia sem pr e t i r ende grazie
per aver ci donat o il Tuo Figlio Gesù Cr ist o,
Nost ro Signor e, Salvat or e e Maest ro.
$VFROWD, Padre Misericordioso, le nost re preghiere,
donaci di com prender e il vero e il bene com e r isplende ai t uoi occhi,
e t est im oniar lo con libert à ev angelica.
,QIRQGL in noi lo Spirit o d’int ellet t o, di ver it à e di pace,
perché ci sforziam o di conoscere ciò che è gradit o a Te,
per at t uar lo nell’unit à e nella concordia.
'RQDFL di sent ire in m ezzo a noi la presenza di Gesù Cr ist o Tuo Figlio,
pr om essa a quant i sono radunat i nel suo nom e,
e fa che,nello Spir it o di v er it à e di am ore,
sperim ent iam o in noi abbondanza di luce,
di m isericordia e di pace,
per pot er essere anche noi,
com e ci ha chiest o Gesù,
luce,lievit o e sale nella nost ra Com unit à e nella nost r a cit t à.
$PHQ

7
&5,7(5,*(1(5$/,3(5,/$925,',*58332

1. DA DOVE VEN IAMO.


2. COSA SIAMO
3. COSA VOGLIAMO

AMBITI PASTORALI

¾ LITURGIA
¾ CATECH ESI
¾ CARITA’ – EVAN GELIZZAZION E

CRITERI PER I LAVORI DI GRUPPO E GEN ERALI

1 . I m p e g n i d i v i t a Pa r r o c c h i a l e

LITURGIA

¾ Prep arazione e p artecip azione alla S. Messa Dom enicale.


¾ Prep arazione e celebrazione d ei sacram enti: discip lina Ecclesiastica.
¾ Ad orazione Eu caristica Mensile.
¾ Frequ enza e p eriod icità alla Confessione sacram entale
¾ Mom enti litu rgici Forti: Avvento, Temp o d i N atale, Qu aresima, Temp o d i
Pasqu a, m and ato catechistico, p resentazione d ei cand id ati ai Sacram enti,
Festa Parrocchiale, festa d ella Fam iglia, via Cru cis, novene,…

CATECHESI

¾ Catechismo fanciulli
¾ Catechismo bambini
¾ Catechismo ragazzi
¾ Catechismo giovani
¾ Catechismo adulti
¾ Catechismo famiglie
¾ Pellegrinaggi
¾ Festa della Famiglia
¾ Bollettino parrocchiale
¾ Sito parrocchiale
¾ Incontri Diocesani, Foraniali

8
CARITA’ – EVANGELIZZAZIONE

¾ Caritas Parrocchiale
¾ Rapporti con le famiglie, scuola, società, politica….
¾ Incontri tra le realtà presenti in parrocchia: movimenti, associazioni, iniziative di
gruppo o di singoli, … e tra le parrocchie del territorio.
¾ Rapporti interpersonali: “ Gareggiate nello stimarvi a vicenda” , e con il Parroco.

DOCUMENTAZIONE

En c i c l i c h e :
ƒ Redentoris Missio – 1990
ƒ Centesimus Annus – 1991
ƒ Veritatis Splendor – 1993
ƒ Evangelium Vitae – 1995
ƒ Fides et Ratio – 1998
ƒ Ecclesia de Eucaristia – 2003

Let t ere apost olic he:


ƒ Tertio Millennio Adveniente – 1994
ƒ Dies Domini – 1998
ƒ Novo Millennio Ineunde – 2001
ƒ Rosarium virginis Mariae – 2002
ƒ Mane Nobis Domine – 2004
Po n t i f i c i o Co n s i g l i o d e l l a Gi u s t i zi a e d e l l a Pa c e
ƒ Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa.

Ca t e c h i s m o d e l l a Ch i e s a Ca t t o l i c a – 1992
C.E.I .
ƒ Catechismi -1991
ƒ Direttorio di Pastorale Familiare – 1993
ƒ L’ Iniziazione Cristiana: 1.2.3 1997; 1999; 2003
ƒ Comunicare il Vangelo in un mondo che cambia- Orientamenti Pastorali dell’ Episcopato
Italiano per il decennio 2000. 2001
ƒ Il volto Missionario delle Parrocchie in un mondo che cambia. Nota Pastorale. 2004

Do c u m e n t i Di o c e s a n i :
ƒ Linee Pastorali per gli anni 1994-96
ƒ Lettera Pastorale – 2003
ƒ Lettera Pastorale – 2004
ƒ Lettera Pastorale – 2005

Do c u m e n t i Pa r r o c c h i a l i :
ƒ Bollettino Parrocchiale “ Gioite!”
ƒ Linee Pastorali per un cammino di fede della nostra Comunità Parrocchiale: 2001 :”
Ricomincio da … “ Tutto” Cristo è tutto in tutti” .