Sei sulla pagina 1di 34

Angelova Raya Valerieva

http://rayavangelova.blogspot.com/



Lasset t o mediat ico in Bulgaria dopo
la cadut a del comunismo







Tesi di Laur ea in Scienze Umanist iche della Comunicazione
Univer sit degli St udi di Fir enze, 2011
2
Indice
Ringraziamenti p. 1
Introduzione p. 4
1. La transizione dal sistema comunista alla democrazia p. 8
1.1. Dalla fondazione al comunismo p. 8
1.2. Dal sistema comunista alla democrazia p. 23
2. Lassetto della stampa, della radio, della televisione e
la sua evoluzione fino ad oggi p. 35
2.1. Lassetto della stampa p. 35
2.1.1. I quotidiani p. 41
2.1.2. I settimanali p. 42
2.1.3. Le riviste p. 43
2.1.4. La libert di stampa p. 44
2.2. Lassetto della Radio p. 45
2.3. Lassetto della Televisione p. 50
2.3.1 Emittenti via cavo p. 53
2.3.2. I personaggi del giornalismo bulgaro p. 54
2.3.3. Albi professionali p. 55
2.3.4. Le agenzie di stampa p. 55
2.3.5. Legislazione mediatica p. 56
2.3.6. Autorit normative p. 57
2.3.7. Apprendimento e sostegno p. 58
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
3
3. Luso della rete p. 60
3.1. Lutilizzo delle tecnologie dinformazione e di
comunicazione in Bulgaria p. 61
3.1.1. Lutilizzo delle tecnologie dinformazione e di
comunicazione e del commercio elettronico nelle
imprese nel 2010 p. 61
3.1.2. L'utilizzo delle tecnologie dinformazione e di
comunicazione da parte delle famiglie e degli individui
nel 2010 p. 63
3.2. I media e la rete p. 66
3.2.1. I servizi online dellassetto della stampa p. 66
3.2.2. I servizi online della Radio Bulgara p. 67
3.2.3. Iservizi online della Televisione Bulgara p. 68
3.2.4. Digitalizzazione internet e televisione p. 69
3.3. I partiti politici bulgari e la rete p. 69
Conclusioni p. 71
Bibliografia p. 73
Sitografia p. 75
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
4
Introduzione
Il seguente lavoro ha come obiettivo quello di raccontare la storia, gli
avvenimenti politici e la realt mediatica in Bulgaria. Il testo non riguarda soltanto
il periodo storico dopo la caduta del regime comunista, ma comincia dalla
fondazione del paese nel lontano anno 681, raccontando la situazione economica,
culturale e politica durante i cinque secoli del dominio ottomano fino ai giorni
nostri e lentrata della Bulgaria nella Comunit Europea.
Partendo dalle fondamenta ho potuto raccontare la realt bulgara con uno
sguardo profondo, cercando di dare in tal modo la possibilit al lettore di
conoscere e capire le vicende che hanno segnato la Bulgaria e il suo popolo. Il
Primo Regno Bulgaro comprende larco temporale dal 632 al 1018; dopo un breve
dominio bizantino dal 1018 al 1185 si arriva al Secondo Regno Bulgaro 1185
1379 rappresentato dalla dinastia degli Assen. Dopo un periodo di prosperit,
gloria ed elevato sviluppo culturale si arriva al periodo peggiore della storia
bulgara il dominio ottomano, 1397 1878. Sono cinque secoli segnati da
sangue, lotte, rivoluzioni e dallo sperato ritorno alla libert. La Bulgaria durante i
secoli della schiavit ha saputo salvaguardare la sua religione, la cultura e lo
spirito nazionale. Il punto culminante del Risorgimento bulgaro il potente
movimento nazionale rivoluzionario, sviluppatosi negli anni sessanta e settanta
del XIX secolo, per la liberazione della Bulgaria dalla dominazione ottomana.
Con le lotte rivoluzionarie sono nati anche gli eroi nazionali come Vassil Levski,
Christo Botev, Sava Rakovski, Liuben Karvelov e tanti altri. I rivoluzionari al
prezzo della loro vita hanno difeso e combattuto lonore nazionale, mantenendo
alto lo spirito del popolo. Dopo la Guerra Russo-Turca dal 1877 al 1878, il 3
marzo 1878 la Turchia firma a S. Stefano la capitolazione, riconoscendo
l'indipendenza della Bulgaria. Il Terzo Regno Bulgaro comprende gli anni dopo la
liberazione fino agli inizi del regime comunista, 1879 1946.
Il periodo comunista in Bulgaria segnato dai nomi di Georgi Dimitrov,
Vassil Kolarov, Vulko Chervenkov e Todor Zhivkov. Gli anni 80 si aprirono, per
il socialismo reale bulgaro, all'insegna di un bilancio moderatamente positivo e
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
5
di una pronunciata stabilit, considerando l'incredibile basso punto di partenza. Il
paese occupava un ruolo defilato ma redditizio all'interno della comunit
socialista, l'autosufficienza alimentare era pienamente assicurata, lo stesso poteva
dirsi di uno sviluppo economico non eccelso ma relativamente sicuro, non
mancavano caute aperture verso lOccidente, l'alleanza con l'Unione Sovietica
restava saldissima. Il 10 novembre 1989, pochi giorni dopo la caduta del muro di
Berlino, nel corso dellassemblea generale del Comitato Centrale del Partito
Comunista Bulgaro, Todor Zhivkov viene sfiduciato e costretto alle dimissioni;
cosi viene posta la fine al regime comunista.
Lassetto mediatico durante la storia bulgara ha sempre avuto un ruolo
principale nel creare un legame fra il mondo politico e le masse popolari. Le
origini della stampa periodica bulgara sono conducibili al 1844. La stampa era
eseguita fuori dai confini bulgari, in Romania, in modo da evitare la censura
ottomana. Durante le lunghe e disperate lotte rivoluzionarie, la stampa di giornali
e manifesti serviva per tenere vivo lo spirito nazionale, incoraggiare il popolo alla
partecipazione nelle rivolte per la liberazione e tenerli informati sui piani degli
insorti.
Per i due decenni dopo la liberazione, fino alla fine del XIX secolo, i due
principali partiti politici, i liberali ed i conservatori, si scomposero e
raggrupparono in una dozzina di partiti politici. Ognuno dei partiti stampava uno
o pi giornali, la maggioranza di essi non godeva di una vita lunga essendo usati
soltanto per mirati scopi politici.
Sotto il dominio comunista in Bulgaria venivano pubblicati 13 quotidiani,
5 in provincia e 8 a Sofia. I giornali venivano usati per diffondere i pensieri e gli
ideali comunisti. Come in tutti i paesi sotto regime di dittatura anche la stampa
bulgara soffriva una rigorosa censura da parte del governo. I giornali
rappresentavano uno degli strumenti pi efficaci nel controllare e indirizzare il
pensiero del popolo. Ogni giornale era destinato a un pubblico specifico all'interno
della Bulgaria comunista.
Il controllo sulla stampa bulgara sub un notevole mutamento nel febbraio
1990, alla pubblicazione dei primi numeri dei quotidiani d'opposizione Svoboden
Narod (Nazione Libera) e Democratia (Democrazia). Durante i dodici anni di
transizione in Bulgaria, l'informazione stampata ha registrato un forte aumento di
produzione, ma un gran numero di giornali e riviste oggi non si trova pi sul
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
6
mercato. Sia sotto il comunismo sia nel periodo tra il 1989 e il 1996, la Bulgaria
non ha avuto nessuna legge sul diritto di stampa, la pubblicazione di quotidiani
stata del tutto libera e non regolata; non esisteva neanche un ufficio di controllo.
La legge sulla radiotelevisione stata adottata in Bulgaria nel 1998, e da allora
stata modificata e integrata molte volte. Alcuni dei giornali che si possono trovare
sul mercato attualmente sono, Trud, 24 Chassa, 168 Chassa, Monitor ecc.
Un altro importante mezzo di comunicazione trattato nella tesi lassetto
della radio. La trasmissione radiofonica stata fondata in Bulgaria come un
monopolio di stato nel 1935; la radio di Stato esistita come un monopolista fino
al 1989. Negli anni1939-1945 e durante la Seconda Guerra Mondiale la radio era
usata come parte di una grande battaglia, diventando uno dei pi importanti
strumenti della lotta ideologica. In lingua bulgara erano trasmesse molte stazioni
radio occidentali, le cui trasmissioni sono state definite dalle autorit bulgare
come deviazione ideologica. L'ascolto di altri programmi oltre alla Radio
Nazionale Bulgara e Radio Mosca era illegale e furono ascoltate in segreto.
Nella seconda met degli anni 60 la radio ha iniziato a esplorare nuove forme di
composizione e a cercare programmi innovativi.
Dopo il 1989 la situazione mut profondamente; grazie ai mezzi di
diffusione elettronica le attivit dei nuovi attori politici, inizialmente di piccole
dimensioni, sono stati trasformati in veri fenomeni e pubblicamente riconosciuti;
in questo modo, sono state costituite le loro identit sociali. In qualche senso la
radio e la televisione in quei giorni ha fornito una dimensione importante del
processo politico e sono stati ampiamente percepiti come istituzioni politiche.
Ora la scena radiofonica dominata da un numero realmente elevato di punti di
trasmissine radio private, comprese le catene di radio nazionali e regionali.
Come la maggior parte delle istituzioni in Bulgaria, la televisione nazionale
bulgara passata attraverso diverse fasi direttamente correlate ai costanti
cambiamenti profondi del paese; ha sofferto sin dalla sua fondazione ai giorni
nostri. Dagli inizi degli anni 80 fino all89 la situazione televisiva bulgara era, la
seguente: cerano tre programmi televisivi, due canali nazionali che trasmettevano
in bulgaro e il canale russo Ostankino. Con la fine del regime comunista nel tardo
1980, la Bulgaria perse il suo controllo su tutti gli aspetti della produzione
audiovisiva. Ci ha portato a numerosi casi di violazione del copyright e alla
pirateria. La televisione ha svolto un ruolo vitale nelle trasformazioni politiche in
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
7
Bulgaria, come in ogni paese dell'Europa orientale. Fortunatamente, il sistema
televisivo cambiato in positivo negli ultimi anni.
Lultimo assetto mediatico osservato nella tesi linternet e luso della rete.
Lo sviluppo sociale e la diffusione dinternet in Bulgaria sono avvenuti
contemporaneamente con la sua penetrazione nel resto del mondo. Uno studio
indicativo effettuato da un test di mercato nel luglio 2009, dimostra che il 44,69%
della popolazione bulgara tra i 15 e 69 anni utilizza internet. Nellultima parte
della tesi lattenzione si sposta sul rapporto internet e i media online. Lo stato del
panorama dei media digitali in Bulgaria in gran parte determinato dalla struttura
base dinternet. Le caratteristiche di media online, sono rappresentate al meglio
dai mezzi di informazione specializzati, che hanno diverse soluzioni di
organizzazione.
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
8
Lunione fa la forza
1. La transizione dal sistema comunista alla democrazia
1.1. Dalla fondazione al comunismo
Lo Stato slavo-bulgaro stato fondato nel 680, in seguito a un patto di
alleanza fra i due popoli: gli slavi del sud e i protobulgari. () Nel 680, sotto il
comando del Khan Asparuch essi sconfissero presso la foce del Danubio le
numerose truppe dell'imperatore bizantino Costantino IV Pogonato, e si
stabilirono nel territorio della Dobrugia, penetrarono sempre pi all'interno, nelle
terre dellodierna Bulgaria nord-orientale, fino ai monti Balcani. I protobulgari
stabilirono un patto di alleanza con le trib slave ed in tal modo posero le basi
dello Stato slavo-bulgaro. Nel 681 Bisanzio concluse la pace con lo Stato slavo-
bulgaro. Il nuovo Stato, chiamato Bulgaria, venne riconosciuto de facto et de jure.
Sua capitale divent la citt di Pliska, mentre il confine con lo Stato di Bisanzio
venne segnato dai monti Balcani.
La struttura politico-sociale dello Stato bulgaro non si distingueva molto dallo
Stato del primo periodo feudale e poggiava su due classi fondamentali:
aristocrazia terriera e contadini liberi. I contadini prendevano in affitto le terre
degli aristocratici, ma le continue guerre, i disordini interni, le tendenze di
separatismo al vertice, le agitazioni dei contadini, le gravi imposte e l'arbitrio
degli aristocratici spinsero i contadini alla rovina, e da qui, facilmente, furono
imposte loro le catene della servit della gleba. Verso il X secolo, il feudalesimo
si afferm come sistema dominante, sistema di propriet feudale sulla terra e di
sfruttamento dei servi della gleba, soggetti a un padrone onnipotente, il khan o il
principe, investito delle prerogative del sommo potere. Dal IX al X secolo, lo
Stato bulgaro raggiunse il culmine della sua potenza militare e politica, il che
contribu anche al sorgere di una cultura propria, originale. interessante rilevare
che il popolo bulgaro, che non aveva tradizioni culturali proprie, che era senza
esperienza di governo, persino senza religione, riusc con incredibili sforzi non
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
9
solo a resistere ai numerosi assalti del potente Impero bizantino e ad estendere i
confini a sud della catena dei Balcani, ma anche a dare un contributo modesto alla
cultura e a unificare gli slavi. Lo Stato bulgaro giunse all'apogeo della sua gloria
all'epoca del noto condottiero, uomo di Stato e primo legislatore, il khan Krum
(803-814) che, dopo aver sconfitto gli avari sul fronte occidentale, accett la
guerra che gli fu imposta dall'imperatore bizantino. Krum si precipit a sud e
conquist la citt di Sofa con l'intenzione di includere nel territorio dello Stato
bulgaro gli slavi che popolavano la Macedonia e la Trachia. L'imperatore
bizantino Nikiforo I invase con numerose truppe la Bulgaria, conquist e devast
la capitale Pliska e rifiut la proposta di pace che gli fu offerta. Allora cominci la
guerra, che fin con la piena disfatta e la distruzione dell'esercito bizantino in una
delle gole dei Balcani orientali nell'811. Nel combattimento fu ferito anche lo
stesso imperatore Nikiforo I. Fu la maggiore disfatta che i bizantini avessero
subito fino allora. Questa guerra fece della Bulgaria uno Stato potente, i cui
confini giunsero, a nord-ovest, fino al fiume Tisza, a nord fino ai Carpazi, a
oriente fino al Dniester e a sud fino ai monti Rodopi e Rila. Le vittorie conseguite
e i lunghi anni di pace che seguirono, contribuirono al successivo consolidamento
della Bulgaria medioevale; favorirono una vasta attivit edilizia di palazzi, di
fortezze, di ponti e di monumenti, lo sviluppo della cultura e delle arti.
1
1
S. Russinov, La Bulgaria, il paese e il popolo, Sofia, Sofia-Press, 1974 (numerazione delle
pagine non specificata) Cfr.: http://www.bulgaria-italia.com/bg/info/storia/bulgaria_02.asp
Pur
estendendosi territorialmente ed entrando in contatto sempre pi diretto con
Costantinopoli, la Bulgaria rimaneva uno stato pagano. Nell864 per, con un
nuovo trattato di pace, Boris I obblig a convertire se stesso e il suo popolo al
cristianesimo orientale disdicendo cos i precedenti accordi con l'Impero
germanico: i messi bulgari andati a Costantinopoli per il trattato, furono
battezzati. La contesa tra la Chiesa di Roma e la Chiesa di Costantinopoli invest
anche la Bulgaria che per mantenere la sua indipendenza, nuovamente guard
verso occidente passando sotto Roma (866-870); questa nuova situazione fece
decidere a Bisanzio di concedere autonomia alle diocesi bulgare che nell'870,
durante il concilio ecumenico di Costantinopoli, tornarono sotto Bisanzio. Dopo
questo fatto i rapporti tra i due paesi furono pi amichevoli come conferma la
volont di rispettare la pace da parte degli eredi di Basilio I il macedone, da parte
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
10
del patriarca di Costantinopoli Fozio e da parte del principe Boris I.
2
All'affermazione definitiva dello Stato bulgaro e al consolidamento del regime
feudale contribu anche il Cristianesimo. () Il Cristianesimo cancell non solo le
divergenze religiose fra gli slavi e i bulgari, ma serv anche da piattaforma
ideologica. () La conversione al cristianesimo pose la Bulgaria a un livello pi
elevato nei suoi rapporti con gli Stati cristiani pi progrediti del tempo e contribu
a mettere in contatto l'ormai formata nazionalit bulgara con il patrimonio
culturale degli altri popoli e degli altri Paesi.
3
Lo sviluppo sociale, economico e culturale della Bulgaria trov ostacoli non
soltanto nelle aggressioni del potente Impero bizantino, ma anche nella mancanza
di un alfabeto e di una letteratura propria, originale. Questa esigenza storica venne
risolta nel 863 dai fratelli di Salonicco, Constantino il Filosofo (detto Cirillo) e
suo fratello Metodio. I due studiosi crearono un alfabeto destinato a essere usato
dagli slavi, esso venne chiamato glagolitico (glagolitza) e fu diffuso fino alla
fine dell'undicesimo secolo. L'alfabeto "glagolitico" non aveva niente a che fare
con gli alfabeti gi esistenti, era singolare e piuttosto complicato. () Con la
collaborazione dei loro discepoli essi tradussero in lingua slava i libri ecclesiastici
pi importanti. In tal modo l'alfabeto e le lettere slave vennero a schierarsi a
fianco degli alfabeti e delle letterature greca, latina ed ebraica, ufficialmente
riconosciute. Le lettere slave cominciarono a diffondersi in Bulgaria appena dopo
l'886, quando i discepoli di Cirillo e Metodio, Gorasd, Kliment, Naum, Anghelari,
Sava e altri, scacciati dalla Moravia furono cordialmente accolti dal principe Boris
e dal suo successore, lo zar Simeon. Questi diffusori della cultura svolsero una
nobile attivit istruttiva e letteraria fra il popolo. La Bulgaria divenne centro
dellalfabeto e della cultura slava. La lingua greca venne eliminata e tutte le
iscrizioni furono eseguite in lingua slava. Cominci a diffondersi una letteratura
ufficiale varia e, pi tardi, una letteratura apocrifa in lingua slava. Clemente di
Ocrida cre una scuola, nella quale sistruirono oltre 3.500 maestri e sacerdoti.
Durante questo periodo, chiamato Il secolo d'oro della letteratura bulgara, i
primi scrittori Konstantin Preslavski, loan Exarch, Cernorisez Hrabar e altri
svolsero una vasta attivit letteraria; Konstantin Preslavski anche il primo poeta
2
G. Brucciani, Storia Medievale della Bulgaria, (numerazione delle pagine non specificata)
Cfr., http://www.bulgaria-italia.com/bg/info/storia/medioevo/bulgaria_08.asp
3
Cfr. S. Russinov, La Bulgaria, il paese e il popolo, (cit.)
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
11
bulgaro. Lo stesso re Simeon si occupava di letteratura. Le lettere slave
costituivano un'enorme conquista non solo per la classe dirigente e per i gruppi
degli intellettuali che si stavano formando ma anche per le masse popolari. Dal
popolo emersero scrittori che crearono molte opere dal contenuto antireligioso,
opere che costituirono linizio della letteratura apocrifa. Gli autori di questa
letteratura, per soddisfare il desiderio di sapere delle masse, cercavano di dare una
risposta in forma comprensibile alle numerose questioni che non potevano trovare
soluzione nella letteratura ufficiale, severamente dogmatica. La letteratura
apocrifa, come espressione del malcontento delle masse oppresse e del loro odio
per la classe dirigente, prese anche un particolare orientamento sociale, in quanto
si svilupp in stretto rapporto con il movimento dei bogomili, chiamato cos dal
nome del suo primo predicatore, il prete (pop) Bogomil. Di forma religiosa e di
contenuto sociale-economico, questo movimento indirizzato contro l'oppressione
feudale e la chiesa ufficiale costitu uno dei primi fenomeni sociali progressisti del
popolo bulgaro. I bogomili consigliavano i servi della gleba di non lavorare per i
feudali, di non obbedire allo zar, di lottare contro la propriet privata, contro la
guerra. La vita dei bogomili e le loro idee trovarono un valido sostegno fra la
gente del popolo. Questa mossa influ molto anche sui movimenti antireligiosi
dell'Occidente: i catari dell'Italia, gli albigesi della Francia, per citare i pi noti.
Questo primo movimento antifeudale del primo Medioevo, inflisse un colpo
decisivo al sistema feudale, sollev lo spirito combattivo delle masse popolari e
divenne per molte generazioni fonte dincitamento alla lotta contro l'oppressore.
La letteratura apocrifa e ufficiale creatasi in Bulgaria verso la fine del IX secolo e
durante il X secolo contribu all'affermazione della lingua e delle lettere slave, alla
formazione e al consolidamento della nazionalit bulgara, unificata maggiormente
dalla nuova cultura originale. () Le conseguenze delle lotte continue e delle
estenuanti guerre contro i bizantini, l'impoverimento delle masse popolari, le lotte
interne fra i feudatari, specie dopo la morte del re Simeon (927) spinsero il Paese
alla decadenza. Il malcontento delle masse per la tragica situazione in cui si
trovavano, come pure gli atti separatisti dei boiardi e la debolezza dei dirigenti,
favorirono le mire aggressive di Bisanzio, che riprese le guerre per la liquidazione
della Bulgaria; nel 972 Bisanzio riusc infatti a conquistare le province orientali
bulgare. La Bulgaria occidentale, con capitale Ohrida, sotto la guida del noto
condottiero e uomo di Stato Samuil, resisteva eroicamente. I conquistatori
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
12
bizantini si diedero agli abusi, ai saccheggi, agli atti di crudelt, con lintento di
annientare l'essenza vitale dello spirito del popolo e di ucciderne la coscienza, ma
questi tentativi di assimilazione furono votati all'insuccesso. I bulgari furono
irriducibili. Due volte il popolo insorto tent di scuotersi di dosso la dominazione
straniera e di restaurare lo Stato bulgaro (1040-1041 e 1072). I temporanei
insuccessi non vinsero la fede e la fermezza del popolo, istigato non solo
dall'arbitrio dei conquistatori, ma anche dal movimento dei bogomili che
incitavano il popolo a lottare sia contro l'oppressore sociale sia contro la
soggezione politica allo straniero.
4
Dal punto di vista culturale cera una progressiva influenza bizantina negli
ambienti bulgari che costituirono una variante dello sviluppo culturale del mondo
ortodosso slavo-bizantino. Questo sviluppo fu caratterizzato dall'aumento delle
citt e dal conseguente aumento dei centri distruzione; crebbe il numero dei
letterati e delle opere originali o tradotte. Fu creata la scuola architettonica bulgara
in stile bizantino; nella letteratura penetrarono una serie di testi apocrifi e
folcloristici. Insieme ai libri religiosi, si diffusero anche libri di carattere laico, che
avevano un soggetto realistico. La letteratura si liber dagli stretti limiti imposti
Il Secondo Regno Bulgaro ebbe inizio grazie ad una riuscita insurrezione
dell'aristocrazia bulgara. Sinstaur la dinastia degli Assen e durante il regno di
Ivan Assen II (1218-1241) la Bulgaria, dopo aspre lotte interne, divent di nuovo
una grande potenza e uno degli Stati pi forti dell'Europa sud-orientale. La citt di
Turnovo fu scelta come capitale. Durante il regno degli eredi di Ivan Assen II la
Bulgaria fu sottoposta nuovamente a profonde scosse e inizi la sua decadenza.
Nel 1277 nella Bulgaria nord-orientale scoppi un'insurrezione antifeudale delle
masse contadine che si estese rapidamente nelle altre regioni del Paese. A capo
del popolo insorto fu il porcaro Ivailo Bardokva. I contadini insorti sconfissero e
scacciarono dal Paese i tatari e pi tardi anche l'esercito dello zar e conquistarono
la capitale Turnovo. Ivailo fu proclamato re. L'Imperatore Bizantino fu costretto a
inviare un esercito contro il re contadino che grazie anche all'azione dei boiardi fu
detronizzato nel 1280.
Durante il XIII e XIV secolo indipendentemente dalle vicende storiche,
favorevoli o contrarie, la cultura bulgara comp un nuovo, importante progresso.
4
Cfr. S. Russinov, La Bulgaria, il paese e il popolo, (cit.)
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
13
dalla Chiesa. Lo storico Russinov racconta che nacquero cos le opere laiche,
frutto della mente popolare, che furono testimonianza di accresciuti interessi
intellettuali. La letteratura apocrifa, che esprimeva lo stato d'animo delle masse
popolari, raggiunse un alto grado di diffusione. Molti racconti e leggende apocrife
di questo periodo provocano anche tuttoggi l'ammirazione di chi le legge per le
loro propriet artistiche, per le loro ingenue e originali concezioni, e per la logica
del loro pensiero. Le iscrizioni e i monumenti dell'arte bulgara medioevale
colpiscono tuttora per la loro armonia e ricca spiritualit. Furono costruite chiese,
monumenti, fortezze, testimonianze di una finezza rara del gusto e del senso
equilibrato della proporzione e nello stesso tempo della funzionalit.
5
5
Ci che stato risparmiato dal tempo e dall'oppressore, come alcune opere pittoriche, suscitano
tuttora un sentimento di legittimo orgoglio. Brillante esempio sono gli affreschi della chiesa di
Boiana, presso Sofia, dipinti nel 1259, che soggiogano con la forza del genio artistico che li ha
creati e costituiscono un originale manifesto artistico sul ruolo dell'arte, che rifiuta lo schematico
stile ecclesiastico dell'epoca e sceglie invece una nuova via per esprimere i pensieri e le idee del
tempo. Un'arte che illumina le tenebre prima ancora del sorgere del Rinascimento europeo. Questi
successi, conseguiti dalla letteratura e dall'arte bulgara di cui rimasto un ricordo duraturo nelle
leggende e nei monumenti costituiscono uno dei fattori che contribuisce alla conservazione della
nazionalit e della coscienza bulgara durante tutti i cinque secoli di soggezione alla crudele
dominazione ottomana.
Inoltre
sappiamo che si diffusero tra i diversi strati sociali nuove dottrine filosofico-
religiose di carattere riformatore; notevole fu l'apporto bulgaro allo sviluppo della
musica liturgica bizantino-slava. Dagli studi approfonditi di Giacomo Brucciani
sappiamo che lo sviluppo architettonico arricch la Bulgaria di citt tipicamente
medioevali che con la loro organizzazione rispecchiavano la divisione in classi
della societ. Le citt che rappresentavano questo sviluppo in stile religioso e
civile erano Turnovo, Sofia, Veliki Preslav, Sciumen, Melnik. L'istruzione era
completamente nelle mani della Chiesa: si poteva imparare a leggere e a scrivere
presso le chiese e presso i monasteri. Lo scopo era di formare preti per le chiese e
scrivani per la cancelleria dello stato. I libri utilizzati erano breviari, le vite degli
apostoli e libri ecclesiastici. Il titolo di grammatico (per il perfezionamento delle
conoscenze letterarie) offriva la possibilit di divenire maestri. Le opere pi
importanti di questo periodo sono: il vangelo di Turnovo (1273, primo libro
medioevale bulgaro scritto su carta) , il Sinodico di Boril, il vangelo di Svarliga.
Si copiavano molte opere collegate ai nomi di Cirillo e Metodio e si provvedeva
alla loro diffusione. Molti libri erano collegati ai nomi dei letterati bulgari del IX -
X secolo come Costantino di Preslav, Cernorisetz Hrabar, Giovanni l'Esarca e il
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
14
presbitero Kosma. I principali centri di diffusione culturale erano Turnovo e i suoi
monasteri e i monasteri dell'Athos (Zograf, Hilendar, San Paolo.), Vidin, il
monastero di Rila. () Il pi importante letterato bulgaro del medioevo fu il
patriarca Eftimii (1352-1402), che educato a Costantinopoli, fu autore di opere
originali quali vite di santi, laudi, opere ecclesiastico - canoniche. Durante il regno
dello zar Ivan Alexander si diffuse e si svilupp in Bulgaria una nuova scuola
letteraria, l'Esicasmo (pratica ortodossa di ascesi - liberare la coscienza dal flusso
delle immagini passionali per farla calare nel cuore, centro dell'integrazione
potenziale dell'essere completo), cui il maggior rappresentante fu il sopra citato
Eftimii.
6
Le lunghe lotte interne e le continue guerre con Bisanzio e con la Serbia
durante il XIV secolo portarono il Paese alla miseria e gettarono il popolo
nell'estrema indigenza. () Gli Stati balcanici, erano occupati in continue guerre
tra di loro e accecati da unimplacabile inimicizia reciproca, non si univano di
fronte al pericolo comune e diventarono facilmente preda della potente
organizzazione militare ottomana. Nel 1393, dopo un grave assedio, gli ottomani
conquistarono la citt di Turnovo e pi tardi, nel 1396, anche la seconda capitale
bulgara Vidin. In tal modo la Bulgaria medioevale cess di esistere come Stato
indipendente e divenne provincia dell'Impero ottomano
7
Ebbe inizio il periodo pi grave della storia del popolo bulgaro, periodo di
crudelt inaudite, di arbitri da parte dei conquistatori, di umiliazioni senza
precedenti nella storia d'Europa. Gli ottomani si abbandonarono a massacri,
devastazioni, rapimenti e profanazioni delle chiese. () Il patriarcato bulgaro
venne annientato, e la chiesa bulgara venne sottomessa al patriarca greco. I
monasteri e le biblioteche vennero bruciate. () Oltre alle imposte pagate dai
maomettani, i contadini dovevano pagare decine e decine di altre imposte
straordinarie fra cui il tributo di sangue
per ben cinque secoli.
8
6
G. Brucciani, Storia Medievale della Bulgaria, (cit.) Cfr.: http://www.bulgaria-
italia.com/bg/info/storia/medioevo/bulgaria_07.asp (numerazione delle pagine non specificata)
7
S. Russinov, La Bulgaria, il paese e il popolo, (cit.) Cfr.: http://www.bulgaria-italia.com/bg/
info/storia/bulgaria_08.asp (numerazione delle pagine non specificata)
8
Il tributo di sangue consisteva nel dover consegnare allo Stato ottomano i figli maschi, che
venivano circoncisi e islamizzati e, dopo una preparazione speciale, inclusi nei corpi del
giannizzeri per mantenere in stato di soggezione i popoli sottomessi.
(), l'imposta di diritto all'usufrutto della
terra e altre simili. Quello che lo Stato non rubava, lo rubavano i feudatari i e gli
spahi ottomani. Questo feroce sistema arrest di alcuni secoli lo sviluppo delle
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
15
forze produttive e dell'intera economia della Bulgaria. Espressione pi cospicua
della resistenza opposta dal popolo bulgaro furono le rivolte e le insurrezioni, che
scoppiavano spontaneamente o quando le truppe degli altri Paesi europei
avanzavano contro la Turchia. La pi importante fu l'insurrezione di Ciprovzi
(citt della Bulgaria nord-occidentale), nel 1688. Ma le insurrezioni vennero
soffocate con indicibile ferocia. Dopo di che la maggior parte degli insorti e dei
loro capi furono costretti a emigrare. Venne in tal modo a formarsi l'emigrazione
rivoluzionaria bulgara, che pi tardi occup un posto importante nel Risorgimento
nazionale e nella lotta per la liberazione. Altra forma di resistenza contro i turchi
fu il movimento dei cosiddetti haiduti, figli eroici del popolo che si
raggruppavano per proteggere il popolo dalle crudelt dell'oppressore e
combattevano contro le truppe ottomane. Verso la met del XIX secolo, il
movimento di questi haiduti si fuse con il movimento di liberazione nazionale.
Le insurrezioni e il movimento di liberazione nazionale durante il periodo del XV-
XVIII secolo indebolivano la resistenza dell'Impero ottomano, incoraggiando lo
spirito e la volont del popolo bulgaro a continuare la lotta fino alla vittoria.
9
Durante la seconda met del XVIII secolo ebbero luogo profondi mutamenti
nello sviluppo economico e sociale della Bulgaria. Cominci a crearsi l'industria
manifatturiera e sorsero le prime imprese industriali e capitalistiche; si
svilupparono la produzione mercantile e il commercio, cominciarono a sorgere le
relazioni di produzione capitalistica, e a poco a poco cominci a formarsi la classe
della borghesia commerciale e industriale. Lo sviluppo delle relazioni mercantili
dimostrava che le condizioni per l'annientamento del feudalesimo e per il
consolidamento del capitalismo erano ormai maturate, ma per iniziare la lotta
contro il feudalesimo si doveva prima annientare il sistema militare ottomano;
Durante questo periodo i semplici pastori bulgari, gli artigiani, i commercianti
e gli uomini di chiesa furono messi a dura prova, il che creava in loro la
consapevolezza di essere responsabili della propria identit, nazionalit, fede,
tradizioni spirituali, cultura e storia. Il popolo bulgaro conserv e fece rinascere i
propri monasteri, ristruttur le proprie citt, svilupp i propri mestieri e i
commerci, cre un sistema educativo supportato da ogni comune, un fenomeno
insolito per il contesto del tempo e fece nascere il proprio folklore.
9
S. Russinov, La Bulgaria, il paese e il popolo, (cit.)
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
16
di qui la necessit di un'ideologia nazionale, di una lotta organizzata per la
liberazione nazionale e sociale del Paese. Il primo ideologo del Risorgimento fu
Paissi Hilendarsi (1722-1798) che nel 1762 scrisse la Storia slavo-bulgara: un
appello al popolo bulgaro di conservare la propria lingua e la propria coscienza
nazionale, di detestare chi non apprezza il proprio Paese e di lottare per la causa
del Risorgimento nazionale e la liberazione del Paese. La Storia slavo-bulgara,
in cui veniva rivissuto il glorioso passato storico del popolo bulgaro, risvegli lo
spirito e la coscienza nazionale, ridest nei bulgari la fede nelle proprie forze per
lottare contro la fine della ellenizzazione del clero greco e per espellere
definitivamente dal Paese l'oppressore ottomano. La Storia slavo-bulgara influ
favorevolmente anche sullo sviluppo del movimento di liberazione nazionale.
Sotto l'influsso delle idee risorgimentali, durante la prima met del XIX secolo, in
Bulgaria si svolse una vasta attivit istruttiva e culturale. Nel 1824, il dottor Petar
Beron pubblic il suo Abbecedario col pesce (Riben bukvar) per rispondere al
desiderio di unistruzione laica, manifestato dai nuovi ambienti sociali che si
erano formati nel Paese. Una tale istruzione era richiesta dal sorgere dell'industria
e del commercio. Nel 1835 nella citt di Gabrovo, Vassil Aprilov fond la prima
scuola laica, dove furono istruiti centinaia e migliaia di giovani bulgari. Nelle citt
e nei paesi cominciarono a sorgere scuole e case di lettura (Chitalishte) con le
rispettive biblioteche e compagnie filodrammatiche. Furono istruiti insegnanti,
acquistati libri, si tenevano conferenze, si davano rappresentazioni. Cos
l'istruzione assunse un carattere democratico. I provvedimenti al riguardo furono
completamente a carico del popolo che dava in tal modo prova di patriottismo e di
elevata coscienza nazionale. Nel 1876, in Bulgaria esistevano oltre 1500 sedi
scolastiche primarie, molte delle quali con una classe sola. In tal modo il popolo
bulgaro conservava le proprie tradizioni letterarie e artistiche e nonostante gli
ostacoli frapposti dalle autorit ottomane, riusc a superare l'oppressore nel suo
sviluppo culturale. Parallelamente a questa vasta attivit istruttiva, si lottava anche
per rendere indipendente la Chiesa dal patriarcato greco che, fin da quando la
Turchia pose piede nella Penisola balcanica comp una vera opera di usurpazione,
bruciando libri bulgari, distruggendo monumenti culturali, perseguitando i
diffusori della cultura, cercando, in una parola, di assimilare i bulgari e il loro
spirito nazionale. La lotta per l'indipendenza della chiesa era necessaria non solo
per consolidare le basi economiche degli strati commerciali e industriali bulgari
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
17
contro la concorrenza della borghesia greca e la sua arma - il patriarcato di
Costantinopoli - ma anche per ottenere il riconoscimento al diritto
all'indipendenza nazionale, siccome secondo le leggi dell'Impero ottomano,
l'indipendenza nazionale porta anche all'indipendenza spirituale, al diritto di avere
una chiesa propria.
La lotta per l'indipendenza della Chiesa prese un carattere di massa, si trattava
di una lotta lunga, drammatica, nella quale morirono eminenti uomini
risorgimentali: Neofit Bosveli, i fratelli Miladinovi ed altri. Nel 1870 il governo
ottomano, per soffocare la sempre crescente indignazione e per arrestare londata
rivoluzionaria, pubblic un manifesto che rese libera la chiesa bulgara con a capo
l'esarca; con questatto venne riconosciuta la nazionalit bulgara. Ma il successivo
sviluppo economico e culturale della Bulgaria venne arrestato dalla dominazione
straniera e per eliminare ogni ostacolo, per la completa liberazione nazionale e
politica, il popolo bulgaro fu costretto a imbracciare il fucile.
10
Il culmine del Risorgimento bulgaro fu il potente ed eccezionale movimento
nazionale rivoluzionario, sorto negli anni sessanta e settanta del XIX secolo, per la
liberazione della Bulgaria dallegemonia ottomana. Il primo ideologo e
organizzatore di questo movimento fu Gheorghi Sava Rakovski (1821 - 1867),
una delle figure pi cospicue di questepoca: scienziato, poeta, giornalista, uomo
politico, ottimo organizzatore e rivoluzionario pieno di abnegazione. Le sue
concezioni rivoluzionarie si formarono sotto l'influsso dei democratici
rivoluzionari russi. Secondo Rakovski, la rivoluzione sarebbe dovuta scoppiare
quando gruppi armati organizzati avessero invaso la Bulgaria e avessero sollevato
tutto il popolo in armi. Rakovski fu anche l'organizzatore della prima forza armata
della rivoluzione nazionale, la Legione bulgara e ricevette il suo battesimo di
fuoco militando nell'esercito serbo. Rakovski invi nel Paese numerosi gruppi
dinsorti ben preparati e ben armati, che sfidarono a battaglia, sovente e ineguale,
l'esercito regolare ottomano. In questi combattimenti morirono per gran parte dei
patrioti bulgari senza che il fine desiderato fosse stato raggiunto. Ci impose la
necessit di rinnovare la tattica della lotta rivoluzionaria, la quale fu portata a
termine dal leggendario figlio del popolo bulgaro Vassil Levski (1837 - 1873),
tramite la fondazione di organizzazioni rivoluzionarie per la preparazione di
10
S. Russinov, La Bulgaria, il paese e il popolo, (cit.)
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
18
un'insurrezione generale nell'interno del Paese, coinvolgendo tutto il popolo.
Levski fu il primo che mostr l'importanza esclusiva della partecipazione delle
masse popolari alla lotta per la liberazione e la necessit che queste siano
organizzate e armate. Levski fu un rivoluzionario e democratico coerente, che
riteneva che il "sistema tirannico e dispotico ottomano" doveva essere liquidato
mediante la rivoluzione; al suo posto si doveva instaurare una "repubblica santa e
pura", edificata sulla base della giustizia sociale e dell'uguaglianza dei diritti di
tutti i popoli. Nel 1869 Liuben Karavelov e Vassil Levski costruirono a Bucarest
un comitato centrale rivoluzionario clandestino bulgaro, che prese la direzione del
movimento rivoluzionario. L'organo del Comitato, il giornale "Svoboda"
("Libert"), fu affidato alla redazione di Liuben Karavelov. Vassil Levski ritorn
in Bulgaria, dove fond unorganizzazione rivoluzionaria clandestina articolata su
una vasta rete di comitati. Nellimpegno dei preparativi di questa rivoluzione, il
suo organizzatore e ispiratore venne tradito e facilmente catturato. Levski fu
condannato a morte e impiccato nei pressi di Sofia nel 1873. Dopo la morte di
Vassil Levski, capo del Comitato centrale rivoluzionario divent il grande poeta e
rivoluzionario Christo Botev (1848 - 1876), che continu l'opera di Vassil Levski.
Christo Botev
11
11
Hristo Botev, 1868 . (Aaaio nel 1868), 1868
(.) , ,
, ;
...
... -
:
,
...
()S'incammina la schiera;
paurosa la via, ma gloriosa...
Io posso morir giovane...
Ma... questo sol mi basta a mio conforto,
se un giorno almen la gente dir potr:
per la giustizia il poveretto morto,
per la giustizia e per la libert...
era un convinto rivoluzionario democratico, un socialista utopista
che riteneva che il popolo bulgaro potesse essere liberato solo mediante la
rivoluzione, "una rivoluzione popolare immediata, disperata", che liberasse la
Penisola balcanica non solo dai turchi, ma anche da tutto ci che poteva ostacolare
la completa e "assoluta libert umana". Le idee, le poesie ardenti, l'attivit
rivoluzionaria cui si era dedicato, trasmisero uno slancio notevole alla lotta per la
liberazione che raggiunse il punto culminante nell'eroica insurrezione d'aprile del
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
19
1876. La citt di Panaghiurishte, le regioni dei monti Sredna Gora e dei monti
Rodopi settentrionali si unirono con la rapidit del lampo all'insurrezione,
scoppiata il 20 aprile a Koprivshtiza che poi si estese alla regione dei Balcani,
diffondendosi alle citt di Turnovo, Gabrovo e Sevlievo. La rivoluzione scosse
l'Impero ottomano. Il governo ottomano si scagli contro gli insorti, i
combattimenti ebbero luogo a Panaghiurishte, Klissura, Prushtiza, Batak,
Brazigovo, al monastero di Drianovo e in molti altri luoghi. In aiuto del popolo
insorto occorse Christo Botev, con un gruppo di 200 persone; questi costrinsero il
comandante del piroscafo austriaco Radezki ad ancorare in terra bulgara nei
pressi di Koslodui sul Danubio. Superando la resistenza armata delle truppe
ottomane, il gruppo di Botev raggiunse la cima Vola, presso la citt di Vratza
dove, in un grave combattimento, Botev cadde trafitto da una pallottola, mentre il
suo gruppo rimasto senza munizioni venne sconfitto. Nonostante l'eroismo senza
precedenti e l'altruismo dimostrati dal popolo insorto, le forze di quest'ultimo non
potevano resistere all'impeto furioso delle truppe numericamente superiori.
L'insurrezione venne soffocata con inaudita ferocia. Le citt e i paesi vennero
messi a ferro e a fuoco. L'insurrezione d'aprile, nonostante fosse finita con
l'insuccesso, scosse le basi dell'Impero ottomano, rivel a tutto il mondo, la
bestialit dell'oppressore, dimostr quanto risoluto fosse il popolo bulgaro a
liberarsi da esso. Una potente ondata dindignazione e di protesta si lev da tutto
il mondo civile
12
, specialmente dal popolo russo, in difesa della Bulgaria.
13
12
La giusta causa dei bulgari fu appoggiata dai pi eminenti scienziati, scrittori, esponenti della
vita pubblica, uomini famosi di tutto il mondo come Victor Hugo, Tolstoi, Dostoievski, Giuseppe
Garibaldi, Darwin, Mendeleev, Mac-Galian, Girardin, che espressero di fronte al mondo intero il
loro sdegno per le crudelt degli ottomani e difesero la necessit e il diritto del popolo bulgaro a
ottenere la propria libert. L'opinione pubblica in molti Paesi europei era notevolmente alla parte
dei bulgari, ma solo in Russia si svilupp un vero e proprio movimento delle masse per la
liberazione dei fratelli bulgari. Dopo il rifiuto del governo ottomano di concedere alla Bulgaria
l'autonomia, secondo quanto era stato stabilito, nel 1876, a Costantinopoli dalle grandi potenze, la
Russia il 24 aprile 1877, dichiar guerra alla Turchia.
13
S. Russinov, La Bulgaria, il paese e il popolo, (cit.)
La
sua soppressione ebbe l'immediata risposta e interessamento su scala
internazionale che culmin nella Guerra Russo-Turca del 1877 - 1878. Dopo il
rifiuto del governo ottomano di concedere alla Bulgaria l'autonomia, secondo
quanto era stato stabilito nel 1876 a Costantinopoli dalle grandi potenze, la
Russia, il 24 aprile 1877, dichiar guerra alla Turchia. La notizia della guerra di
liberazione venne accolta in Bulgaria con una gioia e un entusiasmo senza
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
20
precedenti. In ausilio delle truppe russe si form un reparto militare, detto degli
Opalcenzi. Nei combattimenti presso Picco Shipka, che fu di unimportanza
decisiva per la guerra in generale, i volontari bulgari manifestarono audacia ed
eroismo straordinari, difendendo il passo, i Balcani, la Bulgaria. Nei
combattimenti sanguinosi presso Svishtov, Nikopol, Pleven, Shipka, Sceinovo,
Stara Zagora, Assenovgrad, l'esercito ottomano fu completamente sconfitto. Il 3
marzo 1878 la Turchia firm a S. Stefano la capitolazione, riconoscendo
l'indipendenza della Bulgaria, nella quale vennero incluse la Bulgaria
settentrionale e meridionale e quasi tutta la Macedonia. Ma le grandi potenze
occidentali e specialmente il governo conservatore inglese di Biconsfield, non
potendo conciliarsi con i successi riportati dall'esercito russo, imposero la
convocazione del Congresso di Berlino, dove la Bulgaria venne divisa in tre parti:
il Principato di Bulgaria che comprendeva la Bulgaria settentrionale, la regione di
Sofia e la Rumelia orientale (Bulgaria meridionale) che diventarono territorio
autonomo sotto il governo immediato del Sultano; e il territorio includente la
Tracia Egea e la Macedonia, rimasero invece sotto la dominazione ottomana. Il
patto di Berlino, rispecchiava le contraddizioni tra gli Stati pi potenti d'Europa;
fu un patto reazionario indirizzato contro gli interessi nazionali del popolo bulgaro
e contro il progresso sociale economico della Penisola balcanica.
14
Il Terzo Regno Bulgaro nacque dal trattato di pace di Santo Stefano firmato il
3 marzo 1878, diventando una monarchia costituzionale con un sistema di
governo democratico e diede inizio al periodo di rapido sviluppo del capitalismo
in Bulgaria. La formazione del nuovo Stato bulgaro e le conquiste della giovane
borghesia trovarono espressione e conferma giuridica nella Costituzione di
Turnovo, la quale fu approvata dall'Assemblea costituente, nel 1879. Per il suo
tempo, fu una costituzione borghese nazionale liberale, che proclam i noti diritti
democratici: libert di parola, della stampa, di riunione, di organizzazione, diritto
elettorale per gli uomini che abbiano compiuto 21 anni. La costituzione difendeva
la propriet privata e proteggeva lo sviluppo del capitalismo. Nel 1885, dopo
l'insurrezione delle masse popolari nella Bulgaria meridionale, ha luogo
l'unificazione in un solo Stato del Principato di Bulgaria e della Rumelia orientale.
L'unificazione ebbe un ruolo progressivo di grande importanza per lo sviluppo
14
S. Russinov, La Bulgaria, il paese e il popolo, (cit.)
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
21
capitalistico della Bulgaria e non solo liquid definitivamente la dipendenza della
Bulgaria meridionale dal sultano, ma anche annient gli ostacoli artificiali
frapposti fra la Bulgaria settentrionale e meridionale e cre un vasto mercato
nazionale e condizioni per il successivo sviluppo della nazione bulgara.
15
Si
rinforz il processo di sfruttamento e dimpoverimento delle famiglie contadine,
che furono gravate di tributi, dimposte e di altri obblighi. In questambiente di
accelerata differenziazione delle classi cominciarono a formarsi i partiti politici
che esprimevano gli interessi delle diverse classi e dei diversi gruppi sociali. Il
partito conservatore e il partito Liberale furono partiti borghesi, fondamentali, che
pi tardi mutarono di forma ma non di contenuto. Nel 1891 venne fondato anche
il partito socialdemocratico, che nel 1903 si liber dagli elementi opportunisti e
prese il nome di Partito Socialdemocratico Operaio bulgaro (Partija Balgarski
Socialdemokrati erano i socialisti stretti
16
). Si formarono anche le organizzazioni
sindacali degli operai, che nel 1904 si unirono nell'Unione generale dei
sindacati.
17
Nella primavera del 1912 Bulgaria, Grecia, Serbia e Montenegro formarono
l'Alleanza balcanica contro la Turchia. Il 17 ottobre 1912 iniziarono le operazioni
militari e in soli venticinque giorni gli ottomani furono sconfitti chiedendo la
pace. In tal modo, dopo 550 anni di schiavit, tutti i popoli della Penisola
balcanica furono liberati dalla soggezione, ma la guerra non era ancora terminata e
gi gli alleati vennero in contesa per la spartizione delle terre conquistate. Le
Grandi Potenze aizzavano i Paesi balcanici l'uno contro l'altro

18
15
S. Russinov, La Bulgaria, il paese e il popolo, (cit.)
e la nazione
bulgara si trov a dichiarare guerra simultaneamente alla Serbia, al Montenegro,
alla Grecia, alla Turchia e alla Romania; ma in Bulgaria irruppero truppe
ottomane e romene, per cui il governo bulgaro fu costretto a chiedere l'armistizio.
A Bucarest fu firmato un trattato di pace che mutilava letteralmente la Bulgaria in
quanto lasci ai Paesi vicini i territori usurpati.
16
L'ala di sinistra, i cosiddetti socialisti stretti (tesni), guidata da D. Blagoev, difendeva il
marxismo, si pronunciava contro il revisionismo e il millerandismo, ed era favorevole al
centralismo e a una rigida disciplina. La corrente di destra, i socialisti larghi (siroki), guidata da
J. Sakasov, aveva concezioni liberali riguardo alla teoria, alla tattica e all'organizzazione.
Tratto da: Enciclopedia della sinistra europea nel XX secolo, Editori Riuniti, 2000
17
S. Russinov, La Bulgaria, il paese e il popolo, (cit.)
18
S. Russinov, La Bulgaria, il paese e il popolo, (cit.) Cfr.: http://www.bulgaria-italia.com/bg/
info/storia/bulgaria_13.asp (numerazione delle pagine non specificata)
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
22
Nel frattempo ebbe inizio il primo conflitto mondiale, il 3 agosto del 1914,
quando la Germania dichiar guerra alla Francia e invase il Belgio
19
I soldati risposero con entusiasmo all'appello del partito socialdemocratico
operaio bulgaro: Seguire l'esempio dei fratelli russi! In seno all'esercito
cominciarono le ribellioni che furono ferocemente soffocate dal comando zarista.
Sul fronte danubiano i soldati bulgari fraternizzavano con i soldati russi,
all'interno del Paese avevano luogo imponenti manifestazioni contro la guerra e la
fame sotto il motto per la pace e per il pane. Anche Gheorghi Dimitrov fu
imprigionato per le sue idee antibelliche. La situazione al fronte e nelle retrovie si
fece sempre pi insostenibile. I soldati al fronte volevano l'insurrezione e che
fosse instaurato un governo repubblicano. Le truppe dell'Intesa nel settembre del
1918, riuscirono a sfondare il fronte a Dobro Pol; fu la scintilla che fece
scoppiare l'insurrezione. I soldati insorti raggiunsero Kiustendil e sbaragliarono il
quartiere generale; altri reparti insorti, attraverso Gorna Giumai si diressero alla
volta di Radomir, dove proclamarono la repubblica. A capo dell'insurrezione si
mise Raiko Daskalov. La direzione del partito dei socialisti che aveva lanciato
.
Nell'ottobre del 1915, lo zar Ferdinando appoggiato dal governo traditore
trascin la Bulgaria nella prima guerra mondiale dalla parte della Germania degli
junker, con la speranza di rientrare in possesso delle terre perdute durante la
guerra precedente. Solo il partito socialdemocratico operaio (socialisti stretti) si
oppose concretamente a questo intervento, dichiarandosi contrario alla causa
sanguinaria della monarchia, esprimendo la sua ferma volont di lottare per la
pace e il socialismo. I deputati socialdemocratici al Parlamento votarono contro i
crediti a fine bellico. Contro l'intervento della Bulgaria dalla parte della Germania
si dichiar anche il capo dell'Unione dei contadini, Alexandar Stamboliiski; ma i
suoi ammonimenti suonavano troppo arditi all'orecchio dello zar Ferdinando e
questi lo fece imprigionare. (...) I lunghi anni di guerra avevano sfinito il popolo,
l'economia era stata seriamente danneggiata e l'industria era in crisi. I tedeschi
saccheggiavano il Paese e gli speculatori approfittavano della guerra per
accumulare ricchezze mediante vergognose speculazioni. La notizia del trionfo
della Rivoluzione socialista d'ottobre accese le idee rivoluzionarie al fronte e nelle
retrovie.
19
S. Robson, (2002), La prima guerra mondiale, Bologna, Il Mulino, 1998, p.7
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
23
l'appello di insorgere e i suoi membri che avevano sollevato l'insurrezione,
avendone poi sottovalutate le possibilit, restarono passivi. La posizione fu errata,
non solo, ma fatale per l'esito dell'insurrezione. Gli insorti intanto avanzarono,
raggiunsero e presero Vladaia, nei pressi di Sofia, ma qui li aspettavano i militari
del governo, appoggiati dalle truppe tedesche. (...) Migliaia di soldati furono
fucilati o imprigionati. Gli Stati dell'Intesa, per rafforzare la posizione della
monarchia e soffocare ogni tentativo rivoluzionario da parte delle masse si
affrettarono a chiedere l'armistizio. Bench soffocata, l'insurrezione incise
favorevolmente sulla situazione giacch la Bulgaria usc dalla guerra, lo zar
Ferdinando abdic in favore del figlio Boris e abbandon il Paese. Per la seconda
volta la Bulgaria fu trascinata nell'abisso della catastrofe nazionale dalla borghesia
e dalla monarchia
20
1.2. Dal sistema comunista alla democrazia
. Fino alla Seconda Guerra Mondiale l'unificazione del
popolo bulgaro continu a essere un pensiero dominante della politica sia estera
che interna dello Stato Bulgaro. La Bulgaria riusc a unire la Bulgaria
Meridionale, attraverso la vittoria senza spargimenti di sangue del 1885, cos
come parte della Macedonia dopo le Guerre Balcaniche del 1912-1913. Per due
volte, nel 1923 e nel 1934, i governi eletti democraticamente furono deposti e i
regimi autoritari ristabiliti. Gli anni Trenta furono un periodo di stabile sviluppo
economico nella storia moderna del paese. L'ideale irrealizzato dell'unificazione
nazionale fece s che la Bulgaria si alle con la Germania durante la Seconda
Guerra Mondiale, ma fu l'unica alleata a non permettere l'olocausto dei propri
Ebrei, infatti, grazie all'opposizione decisa del popolo bulgaro alla politica
antisemita fu impedita la deportazione degli ebrei bulgari nei campi di sterminio
nazisti. Il vice-presidente del parlamento Dimitar Peshev intervenne per bloccare
le deportazioni presso il re e il primo ministro. Si mobilitarono anche la societ
civile e il patriarca della Chiesa Ortodossa.
Loccupazione sovietica della Bulgaria, preceduta dalla dichiarazione di
guerra del 5 settembre 1944, fu favorita, quattro giorni dopo, a seguito del coup
20
S. Russinov, La Bulgaria, il paese e il popolo, (cit.)
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
24
dtat, dalla formazione di un governo, con a capo Kimon Georgiev, leader del
circolo politico Zveno (originariamente fondato da militari nazionalisti e che in
seguito strinse unalleanza con il partito comunista). Il nuovo governo fu
promosso e supportato dal Fronte Patriottico (Otecestven Front) che aveva
alimentato linsurrezione e che contava un ampio consenso popolare. Il Fronte
Patriottico era controllato prevalentemente dai comunisti, i quali, gi dalla prima
guerra mondiale, avevano esercitato uninfluenza politica non trascurabile.
Tuttavia, esso inglobava anche altri partiti importanti come quello
socialdemocratico e quello dellUnione Nazionale Agraria Bulgara (UNAB), con
a capo Georgi M. Dimitrov (Gemeto).
Il nuovo governo, che comprendeva i rappresentanti di tutte le forze bulgare
antinaziste, firm larmistizio di Mosca nel 28 ottobre 1944 e simpegn a
combattere contro i nazisti, a ricostituire leconomia e la pace nel paese. A tali
scopi, il governo volle riprendere i principi contenuti nella Costituzione Turnovo
del 1879, basandosi sul valore della libert e sul rispetto dei diritti fondamentali.
Istitu il Tribunale del Popolo, al quale era conferita la principale funzione di
assicurare la pace. In realt, il Tribunale del Popolo travis il proprio incarico e
divenne una micidiale arma giudiziaria che emise 9155 sentenze, delle quali, si
stima, circa 2730 furono capitali. Il governo, influenzato dai membri del partito
comunista del Fronte Patriottico, non soltanto instaur un regime di terrore,
condannando a morte gli ex tre reggenti, il principe Cirillo, il generale Michov,
l'ex primo ministro Filov, che avevano governato il paese dall'agosto 1943 in
nome del giovane zar Simeone II, figlio di Boris, ma contribu alla divisione dei
partiti di sinistra, con il chiaro intento di ottenere la maggioranza alle elezioni che
si sarebbero tenute nel 45. La scissione colp sia lUnione agraria sia il partito
socialdemocratico. Georgi M. Dimitrov, filo - occidentale, fu, infatti, costretto a
dimettersi, processato e infine condannato a morte. Al suo posto, fu nominato
Nikolaj Petkov, personalit di gran rilievo e vice Presidente del Consiglio. Dmitri
Petkov, padre di Nikolaj, era stato, a sua volta, un gran personaggio politico che
aveva ricoperto la carica di ministro degli Interni e in seguito di Presidente del
Consiglio. Dmitri fu ucciso nel marzo del 1907. Le tragedie, a sfondo politico, che
colpirono la famiglia Petkov non si arrestarono. Poco dopo la morte di Dmitri,
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
25
anche il figlio Petko perse la vita in un attentato a Sofia. Nikolaj Petkov, invece,
fu internato in Germania, durante la seconda guerra mondiale, e riusc a evadere.
Tornato in patria, prese parte allUnione agraria e al governo di Georgiev.
Tuttavia, quando fu nominato capo dellUNAB, egli si ritrov ad affrontare la
scissione del partito, operata dal partito comunista mediante la collaborazione di
Alexandr Obbov. Alla stessa sorte era destinato il partito socialdemocratico che
assistette inerme alla sua frattura, con Nejkov che si schier a fianco del Fronte
Patriottico e con Lulcev che pass allopposizione. Al momento delle elezioni,
tenute nellottobre del 1945, Petkov si rifiut di farvi parte, poich sarebbe stato
costretto a presentare il proprio partito al di fuori della lista del blocco del Fronte
Patriottico. Le elezioni si tennero ugualmente e i suoi risultati conferirono l86%
dei voti al Fronte Patriottico, il quale non aveva mancato di esercitare pressioni
politiche, commettere imbrogli e ingiustizie durante la campagna elettorale e
durante la fase del conteggio dei voti. La situazione politica bulgara impensier
gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, le quali, in una conferenza tenutasi a dicembre
dello stesso anno insieme allURSS, decisero di far includere nel nuovo governo,
presieduto sempre da Georgiev, due membri dellopposizione. Il tentativo fall,
ma le pressioni angloamericane fecero in modo che nella successiva elezione per
la Grande Assemblea Nazionale bulgara fossero presenti anche le forze politiche
dellopposizione. Nel frattempo, il partito comunista acquistava sempre maggior
controllo allinterno del governo, il quale, l8 settembre 1946 indisse un
referendum per labolizione della monarchia. Il referendum ottenne il 96% dei
voti e lo zar Simeon e la sua famiglia furono costretti a fuggire, trovando asilo in
Egitto. Lelezione della Grande Assemblea Nazionale bulgara si tenne poco dopo,
il 27 ottobre 1946. A essa partecip anche lopposizione con lUnione agraria di
Petkov e con il partito socialdemocratico di Lulcev. Durante la campagna
elettorale non mancarono atti di violenza e ingiustizie nei confronti
dellopposizione. Il risultato delle elezioni vide il Fronte Patriottico vincere
ancora con il 70% dei voti contro il 28% ottenuto dallopposizione. Alla guida del
nuovo governo, figur Georgi Dimitrov, appena ritornato da Mosca e precedente
segretario del Comintern. Dieci ministri su venti facenti parte del nuovo governo
erano comunisti. Georgi Dimitrov inizi a governare la Bulgaria con lo scopo di
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
26
accelerare e favorire il suo passaggio a stato socialista. In tal modo, mentre le
prime riforme avevano luogo, le tensioni politiche aumentarono. Quando fu
firmato il trattato di pace nel giugno del 1947 con gli Stati Uniti, il governo inizi
a eliminare lopposizione. La prima emblematica vittima di questo processo, fu
proprio Nikolaj Petkov, il quale, privato dellimmunit parlamentare, fu
processato e condannato a morte il 26 settembre dello stesso anno. Durante il
processo, Petkov mostr e mantenne la propria dignit e difese i suoi valori
politici strenuamente
21
. (...) Per quanto riguard la sorte dellUnione agraria,
privata del suo leader, essa fu inglobata nel partito comunista e assunse in pieno la
sua ideologia. Il partito socialdemocratico, rimasto libero, si fuse con il partito
comunista. In tal modo lopposizione era stata eliminata e il governo Dimitrov
instaur progressivamente un regime dittatoriale. Tra le prime iniziative cera la
riforma agraria che limitava a venti ettari lestensione della superficie della terra;
la collettivizzazione; la nazionalizzazione che comportava la riduzione del settore
privato e la pianificazione industriale, divisa in due piani quinquennali, il primo
rivolto alle industrie di base e il secondo allagricoltura. Infine, nel giugno del
1947, fu votata una nuova costituzione, ispirata a quella sovietica e iugoslava, che
definiva finalmente la Bulgaria, una nuova democrazia popolare
22
. Con
questultimo passaggio istituzionale, di natura pi formale che sostanziale, si
avvi il regime dittatoriale comunista in Bulgaria che termin 44 anni dopo, nel
1991, con la nuova costituzione che proclamava la Bulgaria una repubblica
parlamentare.
23
21
Al termine della sentenza della condanna a morte, per nome del popolo bulgaro, egli rispose:
No! Non in nome del popolo bulgaro! Sono condannato a morte per ordine dei vostri padroni
stranieri, quelli del Cremlino o di altrove. Il popolo bulgaro, schiacciato dalla cruenta tirannia che
voi vorreste far passare per giustizia, non creder alle vostre infamie!.
22
La costituzione doveva garantire l'uguaglianza dei cittadini davanti alla legge, la libert della
discriminazione, un sistema di prosperit universale, la libert di parola, di stampa e di riunione; e
linviolabilit della persona, il domicilio, e la corrispondenza. Ma tali diritti erano stati qualificati
da una clausola di divieto di attivit che metterebbe a rischio i conseguimenti della rivoluzione
nazionale del 9 settembre 1944. I cittadini erano assicurati di lavoro, ma necessariamente
dovevano lavorare per lutilit sociale. Entro la fine del 1947, tutte le industrie private erano state
confiscate e le imprese finanziarie nazionalizzate.
Cfr.: S. Courtesy, S. Stulberg, Graffiti-covered tomb of Georgi Dimitrov, first president of
communist Bulgaria, Sofia, 1991, (numerazione delle pagine non specificata)
http://bulrefsite.entrewave.com/view/bulrefsite/s129p143.htm

23
R. Suggi Liverani, La morte di Nikolaj Petkov e linizio della dittatura comunista in Bulgaria,
2003. Cfr.: http://www.storico.org/Petkov.htm (numerazione delle pagine non specificata)
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
27
Dopo la Seconda Guerra Mondiale, in seguito agli accordi tra Stalin, Churchill
e Roosevelt, la Bulgaria cadde sotto la sfera d'influenza dell'Unione Sovietica.
Grazie alle sue risorse centralizzate, la Bulgaria fu in grado di risolvere, con un
relativo successo, i problemi principali dell'industrializzazione, educazione e del
welfare sociale. Nel corso di diversi decenni, il paese divenne uno dei principali
partner economici dell'Unione Sovietica. I prodotti bulgari furono venduti sul
mercato dalla regione balcanica al Pacifico. Questa crescita a larga scala, a
confronto delle dimensioni dello stato, avvenne a discapito dei diritti e delle
libert dei cittadini. L'economia era militarizzata e legata unilateralmente al
mercato e alle scorte di materie grezze sovietiche. Non esistevano organizzazioni
non-governative. Erano ridotte le iniziative personali. In numerosi casi, le autorit
del partito (PCB) attuavano azioni repressive di massa: nell'eliminazione della
loro opposizione politica; nella forzata Macedonizzazione (ordinata da Stalin)
della popolazione bulgara che viveva nella regione macedone del Pirin, dove ai
bulgari era proibito parlare la lingua letteraria bulgara e gli veniva insegnata una
lingua macedone; nella statalizzazione dell'industria e di gran parte della
propriet urbana; nella collettivizzazione dell'agricoltura; nel processo cos
chiamato vazroditelen (risveglio), dove l'etnia turca veniva forzatamente
bulgarizzata e non le era permesso parlare il turco e praticare i propri riti
musulmani.
Il 2 luglio 1949 il primo ministro Georgi Dimitrov mor in Unione Sovietica.
Al suo posto, come primo ministro successe Vassil Kolarov mentre Valko
Chervenkov occup il posto di capo del BKP (Partito Comunista Bulgaro). Vassil
Kolarov mor nel febbraio 1950, gli successe Valko Chervenkov, il quale accentr
su di s le cariche di primo ministro, segretario del BKP e successivamente di
presidente del consiglio nazionale del Fronte Patriottico. La politica praticata in
quel periodo riflett l'influenza stalinista. Per ragioni connesse tanto con il
prefissato scopo della collettivizzazione delle terre (statalizzarne le propriet),
quanto con ragioni di ordine nazionale-etnico, furono spinti ad emigrare 44.000
ebrei su 50.000 e 150.000 turco/musulmani (Ankara, per, chiuse ben presto le
frontiere). Sulla scia del disgelo seguito alla morte di Stalin (1953) Todor
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
28
Zhivkov
24
24
Todor Zhivkov (Pravec, 7 settembre 1911 - Sofia, 6 agosto 1998) Di famiglia contadina, studi
alla scuola tecnica di disegno e incisione di Sofia e divenne operaio tipografo. Nel 1928 entr nella
giovent comunista, aderendo poi al partito nel 1932. Durante la guerra fu commissario politico di
uno dei distaccamenti partigiani della regione di Sofia che attaccarono le truppe tedesche il 9
settembre 1944. Membro del Comitato direttivo del Fronte patriottico, eletto deputato
all'Assemblea nazionale nel 1945, fu nominato nel CC della BKP (Partito Comunista Bulgaro) nel
1949 e nel Politbjuro nel 1951. Divenuto primo segretario del CC all'epoca della direzione
collegiale (1953-1954), che sostitu V. Chervenkov nel periodo della destalinizzazione, assecond
quest'ultima con prudenza. La sua posizione di leader fu temporaneamente rimessa in discussione
nel 1958, in coincidenza con la ripresa della polemica del blocco comunista contro la Jugoslavia e
il ritorno in auge di Chervenkov. Nel 1961, sull'onda del nuovo impulso impresso da N. Chruscev
alla destalinizzazione, Zhivkov si afferm definitivamente come uomo forte del regime comunista,
assumendo nel 1962 anche la carica di primo ministro; da allora mise in atto una politica di cauto
riformismo economico. Nel 1972, divenuto l'anno prima anche capo dello Stato, allent la
pressione sul settore agricolo con l'autorizzazione alla coltivazione di piccoli appezzamenti privati,
che mise fine alla penuria di prodotti sui mercati; parallelamente fu potenziato il settore
dell'industria leggera; nel decennio che segu, furono attuate una serie di riforme orientate verso il
socialismo di mercato, ricalcando con molta maggiore cautela l'esperimento del nuovo
meccanismo economico ungherese. Il regime paternalistico e sempre pi blandamente autoritario
di Zhivkov sopravvisse senza scosse e senza troppe tensioni, garantendo ai cittadini bulgari un
certo aumento del benessere materiale, grazie soprattutto all'occhio di riguardo che il patrono
sovietico riservava al pi fedele dei suoi alleati. Nel 1989 Zhivkov mostr di non opporsi all'idea
di un pluralismo socialista, con una parziale legalizzazione delle opposizioni, ma la sua
repressione della minoranza turca suscit la condanna della sessione della CSCE sui diritti
dell'uomo. Il 10 novembre 1989, due giorni dopo la caduta del muro di Berlino, Zhivkov si dimise
dall'incarico di segretario generale del partito. Ritiratosi dalla vita politica, riusc a evitare un
processo politico ma venne condannato a una blanda pena per malversazione di fondi.
Cfr.: A. Agosti, Enciclopedia della sinistra europea nel XX secolo, Editori Riuniti, 2000
fu eletto, nel 1954, primo segretario del comitato centrale del BKP, in
occasione del VI congresso. Chervenkov fu costretto alle dimissioni dalle cariche
del partito, ma mantenne ancora la carica di primo ministro. Nel 1955 la Bulgaria
ader all'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) e divent anche membro
fondatore del Patto di Varsavia, alleanza militare del blocco sovietico. In seguito
al XX congresso del PCUS, che condann lo stalinismo, nell'aprile 1956 si svolse
la seduta plenaria del Partito Comunista Bulgaro (BKP) che condann la teoria e
la pratica del culto della personalit di Valko Chervenkov, il quale fu costretto a
dimettersi anche dalla carica di primo ministro. Anton Jugov assunse la carica di
capo del governo che mantenne fino al novembre del 1962. Gli successe Todor
Zhivkov che rimase in carica fino al 1971, seppur la sua posizione sindebol dopo
la morte di Nikita S. Chrucv, suo alto protettore. La scoperta di un complotto
politico e militare a sfondo nazionalista, e la conseguente repressione,
consentirono a Todor Zhivkov, segretario del partito e Presidente del consiglio, di
consolidare il proprio potere. La Bulgaria condann la Primavera di Praga e
partecip, nell'agosto 1968, nell'ambito dell'intervento del Patto di Varsavia
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
29
all'invasione delle Cecoslovacchia. Si raffreddarono nuovamente i rapporti con la
Jugoslavia.
Il 18 maggio 1971, in seguito a referendum popolare, l'Assemblea Nazionale
promulg la nuova Costituzione della Repubblica Popolare di Bulgaria. La
Costituzione stabil che, il parlamento, eletto ogni 4 anni, fosse l'organo supremo
di governo, e che doveva nominare il primo ministro ed un Consiglio di Stato, il
cui presidente era anche Capo dello Stato. La costituzione consolid il ruolo
guida del Partito Comunista. Todor Zhivkov fu eletto Presidente del Consiglio di
Stato, e Stanko Georgiev gli successe alla guida del Governo. Negli anni
successivi si allent la pressione sul settore agricolo con l'autorizzazione di piccoli
apprezzamenti privati, che misero fine alla penuria sui mercati. Parallelamente
part il potenziamento dell'industria leggera. Nel decennio seguente furono attuate
una serie di riforme orientate verso il socialismo di mercato, ricalcando con
molte cautele l'esperimento del nuovo meccanismo economico ungherese. Nel
1975, si assist al consolidamento della politica filosovietica, al riavvicinamento
con la Chiesa cattolica e con la Grecia repubblicana. Lanno successivo Todor
Zhivkov fu rieletto Capo dello Stato. Gli anni '80 si aprirono, per il socialismo
reale bulgaro, all'insegna di un bilancio, considerando anche l'incredibilmente
basso punto di partenza, moderatamente positivo e all'insegna di una pronunciata
stabilit: il paese occupava un ruolo defilato ma redditizio all'interno della
comunit socialista, l'autosufficienza alimentare era pienamente assicurata, lo
stesso poteva dirsi per lo sviluppo economico non altissimo ma relativamente
sicuro, non mancavano caute aperture verso occidente. L'alleanza con l'Unione
Sovietica restava saldissima. (...) Nel 1981 Grisha Filipov fu nominato primo
ministro. Si svilupp negli anni successivi la cosiddetta pista bulgara in seguito
allattentato a Papa Giovanni Paolo II (maggio 1981), la quale si termin con
lassoluzione degli imputati bulgari per insufficienza di prove. Gli accertamenti
svolti dopo il 1989 sia dalla magistratura italiana sia da quella bulgara, non
portarono ad alcun elemento concreto a suffragio della pista bulgara, che
probabilmente fu un atto di depistaggio predisposto da qualche servizio segreto.
Nel 1986 fu nominato primo ministro Georgi Atanassov. Nel 1988 la Bulgaria
stabil le prime relazioni diplomatiche con l'Unione Europea. Il 10 novembre
1989, pochi giorni dopo la caduta del muro di Berlino, nel corso della seduta
plenaria del Comitato Centrale del Partito Comunista Bulgaro, Todor Zhivkov fu
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
30
sfiduciato e costretto alle dimissioni. In sua sostituzione fu eletto il Ministro degli
Esteri Petar Mladenov, il quale il 17 novembre dello stesso anno assunse anche la
carica di Presidente del Consiglio di Stato. Il 26 novembre, Il partito
socialdemocratico, vietato dal 1947, si riorganizz legalmente e riprese le sue
attivit. Il 15 dicembre furono amnistiati i prigionieri politici e il 29 dicembre
furono abolite le misure discriminatorie nei confronti dei turchi di Bulgaria. Nel
1990 si svolsero le prime elezioni multipartitiche: Z. Zhelev fu eletto presidente
della Repubblica. Lanno successivo fu adottata la nuova costituzione
25
Nel marzo 1990 lUnione delle Forze Democratiche (SDS), di 16 partiti di
opposizione, e il governo ufficiale, si accordarono per eleggere unAssemblea
Costituente. Nel voto di luglio, il Partito Socialista Bulgaro risult vittorioso. A
ottobre il BSP form un governo di coalizione presieduto da Zhelju Zhelev,
dissidente negli anni 70 e leader dellala socialdemocratica delle SDS. Il nuovo
governo di coalizione adott un programma di riforme economiche, concordate
con il
.
FMI e la Banca Mondiale, e si accord con i sindacati per una pace sociale
di 200 giorni, fino allavvio delle riforme.
Nel luglio 1991 fu approvata la nuova Costituzione, che introduceva il regime
parlamentare, la propriet privata e la libert di opinione. Dopo il voto di ottobre,
il parlamento nomin Filip Dimitrov primo ministro. Si trattava di un alleato dei
socialdemocratici e verdi fondatori delle SDS che aveva lappoggio della destra
di opposizione e del Movimento per la Libert e i Diritti Umani, MDL (di
minoranza turca).
Nel voto del gennaio 1992, con la partecipazione del 75% degli aventi diritto,
Zhelev fu eletto presidente della repubblica. Il leader della transizione politica e
dellapertura allOccidente ebbe il 54,4% dei consensi nel ballottaggio,
sconfiggendo Velko Valkanov, candidato del BSP. Nel giugno 1992 la Bulgaria
entr nel Consiglio dEuropa e nel corso dellanno lex comunista Todor Zhivkov,
tre ex ministri e un altro esponente dei governi precedenti, il 1991, furono arrestati
con laccusa di corruzione nellesercizio delle loro funzioni. La situazione
economica convinse il MDL a ritirare lappoggio a Dimitrov, causando la caduta
del governo. Ljuben Berov, del MDL, sostitu Dimitrov. Il nuovo primo ministro
25
Croce Rossa Italiana Piemonte, Progetto Internazionale con la Croce Rossa Bulgara Sliven,
La Bulgaria e la sua storia, pp. 8-10. Cfr.:http://www.cri.piemonte.it/comitato/index2.php?option
=com_docman&task=doc_view&gid=2119&Itemid=27
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
31
si disse disposto a restituire alla minoranza turca le terre confiscate dai comunisti.
Il passaggio dalleconomia pianificata al libero mercato provoc situazioni
paradossali, come luccisione di due milioni di capi di bestiame provenienti dalle
cooperative agricole ormai smantellate e che le nuove aziende private non
potevano assorbire. Il commercio estero si ridusse sensibilmente dal momento che
la ex URSS non comprava pi i due terzi delle esportazioni bulgare. Inoltre anche
le sanzioni imposte dallONU alla vicina ex Jugoslavia fecero perdere 1,5 milioni
di dollari alla Bulgaria. Nel 1993, Berov prosegu nelle riforme per leconomia di
mercato secondo un ritmo giudicato troppo lento dal FMI, provocando tensioni tra
il governo e lorganismo internazionale.
Berov cerc di mantenersi al potere fino a met 1994, grazie allappoggio di
MDL, PSB e Nuova Unione per la Democrazia, un gruppo che si era separato
dalle SDS. I restanti gruppi di opposizione accusarono in varie occasioni il primo
ministro di voler restaurare il socialismo. Inoltre, i disaccordi tra Berov e MDL
sui diritti e la situazione dei bulgari di origine turca indebolirono ancora di pi il
governo. Nel giugno 1994 Berov fece approvare la legge sulle privatizzazioni e tre
mesi dopo present le dimissioni. Dopo tre tentativi falliti di formare un nuovo
governo, il presidente Zhelev sciolse il Parlamento e convoc nuove elezioni. Il
BSP conquist la maggioranza assoluta nellAssemblea Nazionale, con 125 seggi
su 240, nel voto di dicembre, mentre gli anticomunisti SDS ottennero 69 seggi.
Nel gennaio 1995 il leader socialista Zhan Videnov, form un nuovo governo
includendo BSP, Unione Nazionale Agraria Bulgara e il Club Politico
Egoglasnost. Fu il primo governo della Bulgaria postcomunista ad avere una
maggioranza assoluta nellAssemblea Nazionale. Si moltiplicarono i motivi di
disaccordo tra Zhelev e il nuovo governo. A luglio il presidente critic le lentezze
nelle riforme per instaurare uneconomia di mercato e sugger che il BSP era
geneticamente collegato con il crimine organizzato, e il governo incapace di
sradicarlo. Petar Stoyanov, dellUnione delle Forze Democratiche, vinse il primo
turno delle elezioni presidenziali nel novembre del 1996 e un mese pi tardi
sconfisse al secondo turno con il 59,7% dei voti il candidato socialista Ivan
Marazov. Accusato dallopposizione, il primo ministro Zhan Videnov si dimise. I
gruppi conservatori che appoggiarono Stoyanov chiesero le dimissioni del
governo, sostenuto dalla maggioranza parlamentare dei socialisti e dei loro alleati.
Ci furono diverse manifestazioni pubbliche nella capitale e nelle altre citt per
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
32
chiedere nuove elezioni politiche e nel gennaio del 1997 Stoyanov assunse la
presidenza, impegnandosi ad anticipare le elezioni previste per il 1998. Le
elezioni dellaprile 1997 diedero la vittoria allUnione delle Forze Democratiche,
che ottennero 137 seggi nellAssemblea Nazionale, mentre i socialisti ne ebbero
58 e 19 lUnione di Salvezza Nazionale formata dai monarchici. Il nuovo governo
inizi una politica economica neoliberista, seguendo le indicazioni del FMI in
merito alla privatizzazione delle imprese statali considerate deficitarie, e tagli 60
mila posti di lavoro nel settore pubblico. Si liberalizzarono anche i servizi per
cercare di ridurre linflazione. Verso la fine dellanno, la Bulgaria aggrav il
contrasto con la Macedonia, Sofia negava alla Macedonia la dignit di nazione e
non riconosceva, la lingua macedone come idioma nazionale, rifiutandosi di
firmare documenti scritti in macedone. Per tale ragione venti accordi economici e
culturali tra i due stati non furono firmati.
26
Dopo la scontata vittoria del SDS (Unione delle Forze Democratiche),
allinterno del partito socialista emersero profonde divisioni: lala riformista di
Parvanov inizi a isolare Videnov e Minchev, e Lilov fu impegnato in una
difficile mediazione fra essi. Come suggeriscono Buttazzo e Graziosi nel loro
articolo, Bulgaria, Un Paese allo stremo, il governo guidato da Kostov si distinse
da subito per la totale subalternit agli Stati Uniti e FMI, mescolando il pi rigido
liberismo con disegni autoritari. Questa politica prosegu fino a un nuovo tracollo
del paese, del quale approfitt lex Zar Simeone II, aggiudicandosi a sorpresa le
elezioni politiche del giugno del 2001. La sua vittoria ebbe successo grazie a un
programma tanto demagogico quanto generico, rigorosamente trasformatosi in
una subalternit ai poteri forti, una volta al governo. Il Movimento Nazionale
Simeone II, ha ottenuto il 42,74% dei voti, con lo SDS in rotta con soli 18% dei
voti e la Coalizione per la Bulgaria con 17%. Simeone II dimostr pessime
capacit governative, e di conseguenza vide assottigliarsi sempre pi la propria
maggioranza. I motivi del suo fallimento da una parte erano causati del proprio
dilettantismo e daltra a causa del DPS di Dogan, il quale era sempre pi decisivo
per gli equilibri del governo. Alle presidenziali del novembre 2001 ci fu una

26
Rivista Telematica della Solidariet, Bulgaria, EMI - Editrice Missionaria Italiana, Bologna,
(numerazione delle pagine non specificata) Cfr.: http://www.prosol-bo.org/Testi/Mondo/Europa/
Bulgaria.htm
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
33
nuova sorpresa: la vittoria del candidato presidente dei socialisti Parvanov, contro
il candidato presidente dalla destra Stoyanov, sostenuto anche da Simeone II.
27
Nel 2006 il presidente Georgi Parvanov ha conquistato il suo secondo mandato
ottenendo il 76% di voti, contro il 24% del suo opponente Volen Siderov. La
vittoria di Parvanov era un risultato senza precedenti nella storia recente della
Bulgaria. Rispetto al primo turno il presidente ha guadagnato ulteriori
250/300mila voti, rispetto ai 10mila voti in pi raccolti da Siderov. Alla fine
Parvanov ha raccolto quasi quattro volte i voti dello sfidante, che si mantenuto
anche nel secondo turno intorno ai 600mila voti complessivi, risultato che doppia
quello della settimana precedente.
28
Dall1 gennaio 2007 con lingresso nellUE la Bulgaria ha completato il
processo di adesione alle strutture euro-atlantiche iniziata con lingresso nella
Nato il 2 aprile 2004. Se da un lato i rapporti con Mosca hanno assunto una
connotazione strategica soprattutto sul piano energetico daltro canto la Bulgaria
determinata nel voler costruire un rapporto sempre pi stretto con gli Stati Uniti.
Attenzione riservata da Sofia alla stabilizzazione e alla democratizzazione dei
Balcani occidentali. Il 5 luglio 2009 il movimento di centrodestra GERB
(Cittadini per lo Sviluppo Europeo della Bulgaria) ha stravinto la sinistra alle
elezioni parlamentari bulgare. Con unaffluenza record, attestata al 60% dei voti,
in tal modo i cittadini bulgari hanno messo parola fine alla formula di governo
formata da socialisti, monarchici e al partito della minoranza turca. () La
vittoria di GERB conseguenza del rating catastrofico del governo presieduto dal
socialista Sergey Stanishev, un esecutivo inabile di rispondere alle sfide poste
dalla membership europea della Bulgaria. Fino a 2009, la Sofia ha subito critiche
continue da parte di Bruxelles per corruzione e inefficacia del sistema giudiziario,
che hanno portato al blocco dei fondi comunitari destinati alla Bulgaria. ()
Molti bulgari hanno reagito al cinismo del leader del DPS, Ahmed Dogan, che
alcuni giorni prima delle elezioni, durante un comizio nel villaggio di Kochan,
abitato soprattutto da musulmani, ha dichiarato: Il potere concentrato nelle mie
mani, non in quelle dei deputati! Io sono lo strumento, all'interno del sistema di
27
Cfr.: C. Buttazzo, M. Graziosi, Bulgaria, Un Paese allo stremo, L'ERNESTO, 6/2003, del
01/11/2003
28
T. Mangalkova, Bulgaria: Parvanov bis, Osservatorio sui Balcani e Caucaso, 31 ottobre 2006
(numerazione delle pagine non specificata) Cfr.: http://www.balcanicaucaso.org/aree/Bulgaria/
Bulgaria-Parvanov-bis
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/
34
potere, che distribuisce le fette dei finanziamenti all'interno dello stato. Nelle
elezioni del 5 luglio le regioni abitate da turchi e bulgari musulmani hanno votato
ancora per il DPS, e il partito di Dogan ha raggiunto il record storico di voti.
Questa volta, per, l'alta affluenza ha diminuito il peso specifico del DPS. A
suscitare scontento anche le informazioni sul largo supporto a favore del DPS
nelle sezioni aperte a Istanbul, Burza e Izmir, dove vivono migliaia di cittadini
con la doppia cittadinanza. () Il leader di GERB lex-sindaco di Sofia, Boyko
Borisov. Borisov ha giocato un brutto scherzo alla classe politica bulgara, che l'ha
sempre guardato con un certo scetticismo. A venti anni dalla fine del comunismo
la vita politica in Bulgaria dominata da un'lite fino ad oggi chiusa sulle proprie
posizioni. Bate Boyko (fratellone Boyko), come i bulgari hanno ribattezzato
Borisov, rappresenta invece tutto quello che la classe politica odierna non l.
Borisov un self-made man, ex pompiere, ed ex sportivo, guardia del corpo di
Todor Zhivkov e di Simeon I. () I politologi lo definiscono un populista, che nel
passato ha dato vita a partnership economiche con figure discutibili durante i
primi anni della transizione, quelli dell'"accumulazione primaria del capitale".
Molti bulgari per sono venuti a patto con la massima di Balzac, secondo cui
dietro ogni grande patrimonio si nasconde una storia oscura, e simpatizzano
apertamente per Borisov. Numerosi giovani hanno supportato GERB, giacch il
partito, fondato nel 2005 intorno alla figura carismatica del suo leader, promette il
ritorno alla legalit.
29
29
Cfr. T. Mangalkova, Il trionfo di GERB, Osservatorio sui Balcani e Caucaso, 7 luglio 2009
(numerazione delle pagine non specificata)
Angelova Raya Valerieva http://rayavangelova.blogspot.com/