Sei sulla pagina 1di 48
OGG ETTO: Ampliamento di un area commer ciale posta nel Comune di Città Sant’Angelo, c
OGG ETTO: Ampliamento di un area commer ciale posta nel Comune di Città Sant’Angelo, c
OGG ETTO: Ampliamento di un area commer ciale posta nel Comune di Città Sant’Angelo, c

OGG ETTO:

Ampliamento di un area commer ciale posta nel Comune di Città Sant’Angelo, c ontrada Moscarola

COMMITT ENTE:

CittàCittàCittàCittà Sant’AngeloSant’AngeloSant’AngeloSant’Angelo OutletOutletOutletOutlet VillaVillaVillaVilla gegegege SpASpASpASpA via Meuccio Ruini, 10 - 42100 R eggio Emilia (RE)

STUSTUSTUSTUDIODIODIDI OO PRELIMINAREPRELIMINAREPRELIMINAREPRELIMINARE AMBIAMBIAMBIAMBI ENTALEENTALEENTALEENTALE

---- sintesisintesisintesisintesi ----

DATA:

30/06/2011

Cod.: V_RL.01

GRUPPO DI LAVOR O:

---- DATA: 30/06/2011 Cod.: V_RL.01 GRUPPO DI LAVOR O: Coordinamento studi e valutazi oni Dott. Arch.

Coordinamento studi e valutazi oni Dott. Arch. Maur o D’INCECCO (PhD)

Studi su Programmazione e Sta to dell’Ambiente Dott. A gr. Nicola TAVANO

Studi per la realizzazione e Mit igazioni Arch. R oberta TOMAIUOLO

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

.

S T

U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

INTRODUZIONEINTRODUZIONEINTRODUZIONEINTRODUZIONE   3 PREMESSAPREMESSAPREMESSAPREMESSA 4 1.1.1.1.

INTRODUZIONEINTRODUZIONEINTRODUZIONEINTRODUZIONE

 

3

PREMESSAPREMESSAPREMESSAPREMESSA

4

1.1.1.1.

CARATTERISCARATTERISCARATTERISCARATTERIS TICHETICHETICHETICHE DELDELDELDEL PROGETTOPROGETTOPROGETTOPROGETTO

 

6

1.1.1.1.1.1.1.1.

DDDDIMENSIONIMENSIONIMENSIONIMENSION IIII DELDELDELDEL PROGETPROGETPROGETPROGETTOTOTOTO

7

1.2.1.2.1.2.1.2.

CCCCUMULOUMULOUMULOUMULO CCCC ONONONON ALTRIALTRIALTRIALTRI PROGPROGPROGPROGETTIETTIETTIETTI

8

1.2.1.1.2.1.1.2.1.1.2.1.

CCCCITTÀITTÀITTÀITTÀ SSSSANANAA

NTNTTT’A’A’A’ANGELONGELONGELONGELO VVVVILLAGEILLAGEILLAGEILLAGE ---- OOOOUTLETUTLETUTLETUTLET

8

1.2.2.1.2.2.1.2.2.1.2.2.

PPPPIANOIANOIANOIANO DEDEDEDE

LLALLALLALLA VIABILITÀVIABILITÀVIABILITÀVIABILITÀ DELDELDELDEL CCCCOMUNEOMUNEOMUNEOMUNE DIDIDIDI CCCCITTÀITTÀITTÀITTÀ SSSSANTANTANTANT’A’A’A’ANGNGNGNG

ELOELOELOELO

9

1.2.3.1.2.3.1.2.3.1.2.3.

APQAPQAPQAPQ –––– MMMM

OBILITÀOBILITÀOBILITÀOBILITÀ DELLADELLADELLADELLA PPPPROVINCIAROVINCIAROVINCIAROVINCIA DIDIDIDI PPPPESCARAESCARAESCARAESCARA

10

1.2.4.1.2.4.1.2.4.1.2.4.

SSSSTUDIOTUDIOTUDIOTUDIO DDDD

IIII FFFFATTIBILITÀATTIBILITÀATTIBILITÀATTIBILITÀ PERPERPERPER LALALALA REREALIZZAZIONEREREALIZZAZIONEALIZZAZIONEALIZZAZIONE DIDIDIDI UNUNUNUN NUNUNUNUOOOO VOVOVOVO CASELLOCASELLOCASELLOCASELLO A14A14A14A14

11

1.3.1.3.1.3.1.3.

AAAASPETTISPETTISPETTISPETTI RERERERE ALIZZATIVIALIZZATIVIALIZZATIVIALIZZATIVI

 

12

1.3.1.1.3.1.1.3.1.1.3.1.

UUUUTILIZZAZTILIZZAZTILIZZAZTILIZZAZ IONEIONEIONEIONE DIDIDIDI RISORISORISORISORSERSERSERSE NATURALINATURALINATURALINATURALI ININININ FASEFASEFASEFASE DIDIDIDI CANTIERCANTIERCANTIERCANTIER

EEEE

12

1.3.2.1.3.2.1.3.2.1.3.2. PPPPRODUZIORODUZIORODUZIORODUZIO 1.3.3.1.3.3.1.3.3.1.3.3. IIIINQUINAMNQUINAMNQUINAMNQUINAM

1.3.4.1.3.4.1.3.4.1.3.4.

RRRRISCHIOISCHIOISCHIOISCHIO DD

NENENENE DIDIDIDI RIFIUTIRIFIUTIRIFIUTIRIFIUTI ININININ FASEFASEFASEFASE DIDIDIDI CANTIERECANTIERECANTIERECANTIERE ENTOENTOENTOENTO EEEE DISTURDISTURDISTURDISTURBIBIBIBI AMBIENTALIAMBIENTALIAMBIENTALIAMBIENTALI ININININ FASFASFASFASEEEE DIDIDIDI CANTICANTICANTICANTI EREEREEREERE DIDIII INCIDENTIINCIDENTIINCIDENTIINCIDENTI ININININ FASEFASEFASEFASE DIDIDIDI CANTIERECANTIERECANTIERECANTIERE

13

15

15

1.4.1.4.1.4.1.4.

AAAASPETTISPETTISPETTISPETTI GEGEGEGE

STIONALISTIONALISTIONALISTIONALI

16

1.4.1.1.4.1.1.4.1.1.4.1.

UUUUTILIZZAZTILIZZAZTILIZZAZTILIZZAZ IONEIONEIONEIONE DIDIDIDI RISORISORISORISORSERSERSERSE NATURALINATURALINATURALINATURALI ININININ FASEFASEFASEFASE DIDIDIDI ESERCIZESERCIZESERCIZESERCIZ IOIOIOIO

 

16

1.4.2.1.4.2.1.4.2.1.4.2.

PPPPRODUZIORODUZIORODUZIORODUZIO

NENENENE DIDIDIDI RIFIUTIRIFIUTIRIFIUTIRIFIUTI ININININ FASEFASEFASEFASE DIDIDIDI ESERCIZIOESERCIZIOESERCIZIOESERCIZIO

17

1.4.3.1.4.3.1.4.3.1.4.3.

IIIINQUINAMNQUINAMNQUINAMNQUINAM

ENTOENTOENTOENTO EEEE DISTURDISTURDISTURDISTURBIBIBIBI AMBIENTALIAMBIENTALIAMBIENTALIAMBIENTALI ININININ FASFASFASFASEEEE DIDIDIDI ESERCESERCESERCESERC IZIOIZIOIZIOIZIO

18

1.1.4.4.1.1.4.4.4.4.4.4.

RRRRISCHIOISCHIOISCHIOISCHIO DD

DIDIII INCIDENTIINCIDENTIINCIDENTIINCIDENTI ININININ FASEFASEFASEFASE DIDIDIDI ESERCIZIOESERCIZIOESERCIZIOESERCIZIO

18

2.2.2.2.

LOCALIZZAZLOCALIZZAZLOCALIZZAZLOCALIZZAZ IONEIONEIONEIONE DELDELDELDEL PROGETTOPROGETTOPROGETTOPROGETTO

 

20

2.1.2.1.2.1.2.1.

UUUUTILIZZAZITILIZZAZITILIZZAZITILIZZAZI ONEONEONEONE ATTUALEATTUALEATTUALEATTUALE DELDELDELDEL TERRITORIOTERRITORIOTERRITORIOTERRITORIO

21

2.2.2.2.2.2.2.2.

RRRRICCHEZZAICCHEZZAICCHEZZAICCHEZZA

RELATIVARELATIVARELATIVARELATIVA

21

2.3.2.3.2.3.2.3.

CCCCAPACITÀAPACITÀAPACITÀAPACITÀ DD DIDIII CARICOCARICOCARICOCARICO DEDEDEDELLLLLLLL’’’’AMBIENTEAMBIENTEAMBIENTEAMBIENTE NATURALENATURALENATURALENATURALE

 

22

33.33

CARATTERISCARATTERISCARATTERISCARATTERIS TICHETICHETICHETICHE DELL’IMPATTODELL’IMPATTODELL’IMPATTODELL’IMPATTO POTENZIALEPOTENZIALEPOTENZIALEPOTENZIALE

24

3.1.3.1.3.1.3.1.

PPPPORTATAORTATAORTATAORTATA DDDD ELLELLELLELL’’’’IMPATTOIMPATTOIMPATTOIMPATTO

24

3.2.3.2.3.2.3.2.

NNNNATURAATURAATURAATURA ((((NNNN

ONONONON)))) TRANSFRONTALIERATRANSFRONTALIERATRANSFRONTALIERATRANSFRONTALIERA DELDELLDELDELLLL’’’’IMPATTOIMPATTOIMPATTOIMPATTO

26

3.3.3.3.3.3.3.3.

OOOORDINERDINERDINERDINE DIDIDIDI GRANDEZZAGRANDEZZAGRANDEZZAGRANDEZZA EEEE COMPLESSITÀCOMPLESSITÀCOMPLESSITÀCOMPLESSITÀ DELLDELLDELLDELL’’’’IMPATTOIMPATTOIMPATTOIMPATTO

 

27

3.4.3.4.3.4.3.4.

DDDDURATAURATAURATAURATA,,,, FFFF

REQUENZAREQUENZAREQUENZAREQUENZA EEEE REVERSIBREVERSIBREVERSIBREVERSIBILITÀILITÀILITÀILITÀ DELLDELLDELLDELL’’’’IMPATTOIMPATTOIMPATTOIMPATTO

35

4.4.4.4.

DESCRIZIONDESCRIZIONDESCRIZIONDESCRIZION EEEE DELLEDELLEDELLEDELLE MISUREMISUREMISUREMISURE PREVISTEPREVISTEPREVISTEPREVISTE

 

36

4.1.4.1.4.1.4.1.

MMMMISUREISUREISUREISURE DIDIDIDI

MITIGAZIONEMITIGAZIONEMITIGAZIONEMITIGAZIONE

36

4.1.1.4.1.1.4.1.1.4.1.1.

IIIINTERVENNTERVENNTERVENNTERVEN

TITITITI PERPERPERPER LALALALA RIDRIDRIDRIDUZIONEUZIONEUZIONEUZIONE DDELLADDELLAELLAELLA CONGESTIONECONGESTIONECONGESTIONECONGESTIONE STRSTRSTRSTR

ADALEADALEADALEADALE

36

4.1.2.4.1.2.4.1.2.4.1.2.

IIIINTERVENNTERVENNTERVENNTERVEN

TITITITI PERPERPERPER ILILILIL CONCONCONCONTENIMENTOTENIMENTOTENIMENTOTENIMENTO DEGLIDEGLIDEGLIDEGLI IMPAIMPAIMPAIMPATTITTITTITTI ATMOSFATMOSFATMOSATMOS FERICIFERICIERICIERICI

38

4.1.3.4.1.3.4.1.3.4.1.3.

IIIINTERVENNTERVENNTERVENNTERVEN

TITITITI PERPERPERPER LALALALA CONCONCONCONTINUITÀTINUITÀTINUITÀTINUITÀ ECECOLOGICAECECOLOGICAOLOGICAOLOGICA DEIDEIDEIDEI FOSSIFOSSIFOSSIFOSSI

38

4.1.4.4.1.4.4.1.4.4.1.4.

IIIINTERVENNTERVENNTERVENNTERVEN

TITITITI PERPERPERPER ILILILIL CONCONCONCONTENIMENTOTENIMENTOTENIMENTOTENIMENTO DELLDELLDELLDELL’’’’IMPATTOIMPATTOIMPATTOIMPATTO ACUSTIACUSTIACUSTIACUSTI

COCOCOCO

40

4.1.5.4.1.5.4.1.5.4.1.5.

IIIINTERVENNTERVENNTERVENNTERVEN

TITITITI PERPERPERPER LALALALA ROADROADROADROAD ECOLOGYECOLOGYECOLOGYECOLOGY EEEE LALALALA SICURESICURESICURESICUREZZAZZAZZAZZA STRSTRSTRSTR ADALEADALEADALEADALE

41

4.1.6.4.1.6.4.1.6.4.1.6.

IIIINTERVENNTERVENNTERVENNTERVEN

TITITITI PERPERPERPER ILILILIL CONCONCONCONTENIMENTOTENIMENTOTENIMENTOTENIMENTO DELLDELLDELLDELL’’’’IMPERMEABILIZZIMPERMEABILIZZIMPERMEABILIZZIMPERMEABILIZZ AZIONEAZIONEAZIONEAZIONE DELDELDELDEL TERRENOTERRENOTERRENOTERRENO42

4.1.7.4.1.7.4.1.7.4.1.7.

IIIINTERVENNTERVENNTERVENNTERVEN

TITITITI DIDIDIDI SCHERMASCHERMASCHERMASCHERMATURATURATURATURA DALDALDALDAL VEVENTOVEVENTONTONTO

42

4.1.8.4.1.8.4.1.8.4.1.8.

IIIINTERVENNTERVENNTERVENNTERVEN

TITITITI PERPERPERPER LALALALA MITMITMITMITIGAZIONEIGAZIONEIGAZIONEIGAZIONE VISIVAVISIVAVISIVAVISIVA

43

4.2.4.2.4.2.4.2. MMMMONITORAONITORAONITORAONITORA GGIOGGIOGGIOGGIO

43

BIBLIOGRAFIABIBLIOGRAFIABIBLIOGRAFIABIBLIOGRAFIA

45

ALLEGATI

48

1.1.1.1. ELABORATIELABORATIELABORATIELABORATI GGGG RAFICIRAFICIRAFICIRAFICI A3A3A3A3

 

48

2.2.2.2. QUADROQUADROQUADROQUADRO D’ID’ID’ID’I NSINSINSINSIEMEEMEEMEEME DEGLIDEGLIDEGLIDEGLI INTERVENTIINTERVENTIINTERVENTIINTERVENTI DIDIDIDI MITIGAZIOMITIGAZIOMITIGAZIOMITIGAZIO NENENENE

48

3.3.3.3. STUDIOSTUDIOSTUDIOSTUDIO DIDIDIDI TTTT RAFFICORAFFICORAFFICORAFFICO

 

48

4.4.4.4. ANALISIANALISIANALISIANALISI CHICHICHICHI MICHEMICHEMICHEMICHE DELLADELLADELLADELLA QUALITQUALITQUALITQUALITÀÀÀÀ DELL’ARIA,DELL’ARIA,DELL’ARIA,DELL’ARIA, DELLDELLDELLDELL ’ACQUA’ACQUA’ACQUA’ACQUA EEEE DELLEDELLEDELLEDELLE

TERRETERRETERRETERRE

 

48

5.5.5.5. GESTIONEGESTIONEGESTIONEGESTIONE RIRIRIRI FIUTIFIUTIFIUTIFIUTI

 

48

6.6.6.6. CICLOCICLOCICLOCICLO DELLEDELLEDELLEDELLE ACQUEACQUEACQUEACQUE

48

7.7.7.7. BILANCIBILANCIBILANCIBILANCI ENEENEENEENE RGETICIRGETICIRGETICIRGETICI

48

8.8.8.8. GESTIONEGESTIONEGESTIONEGESTIONE DDDD ELELELEL RUMORERUMORERUMORERUMORE

48

9.9.9.9. NOTANOTANOTANOTA URBANURBANURBANURBAN ISTICAISTICAISTICAISTICA

48

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

.

S T

U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

INTRINTRINTRINTR ODUZIONEODUZIONEODUZIONEODUZIONE

INTRINTRINTRINTR ODUZIONEODUZIONEODUZIONEODUZIONE Il presente doc umento ha per oggetto l’amplia mento del “Città

Il presente doc umento ha per oggetto l’amplia mento del “Città Sant’Angelo Villag e”, già parzialmente realizzato ed in es ercizio dal 2009.

Il progetto di amp liamento è stato preventivamente sot toposto a “Verifica di assoggettabili tà” a Valutazione Ambientale St rategica, prevista

di un “Rapporto

Preliminare” dal

Comunale di Citt à Sant’Angelo) ha emesso il provve dimento di verifica escludendo il pr ogetto dalla valutazione, in quan to diverso da un piano/programm a poiché attuato ai sensi dell’art.5 de l D.P.R. 20 ottobre 1998, n. 447 e s.m.i

dall’art.12 del D. Lgs 152/2006 s.m.i

parte del proponente, l’autorità com petente (Consiglio

Previa redazione

Con il presente St udio Preliminare Ambientale, redatto a i sensi dell’Allegato 5 alla Parte secon da del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. (“Codi ce dell’Ambiente”)

identificativo dei

sottopone il proge tto in oggetto a Verifica di assoggetta bilità a Valutazione d’Impatto Ambien tale.

di cui all’art. 20, si

Criteri per la Verifica di assoggettabilità

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

3

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

PREMPREMPREMPREM ESSAESSAESSAESSA

PREMPREMPREMPREM ESSAESSAESSAESSA Il presente “Studi o Preliminare Ambientale” (SPA) ind ividua, descrive e valuta gli

Il presente “Studi o Preliminare Ambientale” (SPA) ind ividua, descrive e

valuta gli effetti

diretti ed indiretti, positivi e negativ i, del progetto di

ampliamento del Città Sant’Angelo Village sui seguenti f attori:

l’uomo, la f auna e la flora;

il suolo, l’ac qua, l’aria, il clima ed il paesaggio;

i beni mater iali ed il patrimonio culturale;

l’interazione

all’outlet già La presente sintesi

5 alla Parte secon da del D.Lgs 152/2006 e s.m.i. (“Codi ce dell’Ambiente”) identificativo dei C riteri per la Verifica di assoggettabilità di cui all’art. 20.

tra i sopraccitati fattori e l’effett o cumulo rispetto realizzato. (da 1 Mb) dello SPA è stata redatta a i sensi dell’Allegato

Lo Studio Prelimi nare Ambientale è redatto sulla sc orta dei seguenti elaborati di proge tto:

All. A

Relazi one tecnica

All. B

Relazi one geologica

All. C

Docu mentazione fotografica

All. D

Verific a scarpate

All. E

Rend er

Tav. 01

Inqua dramento urbanistico

Tav. 02

Indivi duazione del comparto e proprietà

Tav. 03

Zonizz azione stato attuale e stato modificato

Tav. 04

Piano quotato e sezioni ambientali

Tav. 05

Plani metria generale e sezioni ambientali

Tav. 06

Verific a standard urbanistici

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

4

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

Tav. 07 Indivi duazione spazi pubblici Tav. 08 Lotto 1 Planimetria generale, Piante Tav. 09

Tav. 07

Indivi duazione spazi pubblici

Tav. 08

Lotto 1 Planimetria generale, Piante

Tav. 09

Lotto 1 Prospetti, Sezione

Tav.10

Lotto 2 Planimetria generale, Piante

Tav.11

Lotto 2 Prospetti, Sezione

Tav.12

Lotto 3 Planimetria generale, Piante

Tav.13

Lotto 3 Prospetti, Sezione

Tav.14

Lotto 4 Planimetria generale, Piante

Tav.15

Lotto 4 Prospetti, Sezione

Tav.16

Lotto 5 Planimetria generale, Piante

Tav.17

Lotto 5 Prospetti, Sezione

Ai sopraccitati e laborati si aggiungono quelli segu enti, prodotti dal committente su ric hiesta della Regione Abruzzo.

Tav. 01A

Inqua dramento urbanistico

Tav. 01B

P.R.G . stato attuale e stato modificato

Tav. 03A

Zonizz azione stato attuale e stato modificato

Tav. 05A

Plani metria generale e sezioni ambientali

Tav. 06A

Verific a standard urbanistici

Tav. 07A

Indivi duazione spazi pubblici

Tav. 03Bis

Verific a al PAI

L’ultimo elaborato

Piano di Assetto Id rogeologico.

è stato prodotto dal committente

per la verifica del

A questi elaborati se ne aggiungono altri specifici che rig uardano gli aspetti della depurazione .

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

5

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

1.1.1.1. CARACARACARACARA TTERISTICHETTERISTICHETTERISTICHETTERISTICHE DEDEDEDELLLL PPPP ROGETTROGETTROGETTROGETTOOOO

1.1.1.1. CARACARACARACARA TTERISTICHETTERISTICHETTERISTICHETTERISTICHE DEDEDEDELLLL PPPP ROGETTROGETTROGETTROGETTOOOO

L’interven to oggetto di studio riguarda l’ampli amento di un’area

commerciale già

viene denominata “ Outlet” secondo quanto previsto dalla L .R.A. n. 11/2008 art.

1 comma 3 lett.

denominato “Comp any Store Village”. L’Outlet, def inibile come “polo della moda”, è costi tuito da una grande struttura di vendita all’interno della quale sono collocate ta nte piccole unità con diversi marchi di ve ndita che commercializzano prodotti del le collezioni passate

da realizzarsi viene

esistente. Tale area è edificata ed in e sercizio per l’80% e

H, lett. I. Diversamente, l’intervento

(cfr. Errore. L'origin e riferimento non è stata trovata. - Errore.

L'origine riferimento

non è stata trovata.)

.

IlIl CompanyCompany StoreStore VillageVillage èè inveceinvece costituitocostituito dada medimedi ee strutturestrutture didi venditavendita

indipendenti tra lo ro. In ognuna di essa viene comm ercializzato un solo

una maggiore varietà dello stesso p rodotto garantendo

marchio, che offre

quindi una offerta f ortemente vantaggiosa sotto il profilo eco nomico.

del progetto che

vengono considera te tenendo conto, in particolare:

Il

presen te

capitolo

descrive

le

caratteristiche

del le dimensioni del progetto in oggetto,

del

cumulo con altri progetti pertinenti e p resenti nel contesto

ter ritoriale di riferimento,

produzione di rifiuti,

del l’inquinamento e disturbi ambientali, de l rischio di incidenti,

quanto riguarda, in particolare, le sost anze o le tecnologie

util izzate. Gli intervent i di mitigazione ambientale saranno tr attati nel corso del

del l’utilizzazione di risorse naturali, della

per

capitolo 4 “DESCRI ZIONE DELLE MISURE PREVISTE”. Nei parag rafi che seguono si da conto delle prece denti anticipazioni.

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

6

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

1.1.1.1.1.1.1.1.

1.1.1.1.1.1.1.1. DDDDimimimim ensioniensioniensioniensioni deldeldeldel progettoprogettoprogettoprogetto Funzionale 2 ,

DDDDimimimim ensioniensioniensioniensioni deldeldeldel progettoprogettoprogettoprogetto

Funzionale 2, sono

dettate dallo stato commerciale già

zonizzazione gene rale, della sopraccitata area commercial e, è stato approvato

1). Il progetto di

di diritto e dalla capacità edificatori a residua dell’area

Le dimensio ni del progetto, denominato Programma

realizzata

(Programma

Funzionale

con D.G.C. n. 13

urbanistica/edilizia in base ai seguenti parametri:

del 06/02/2009 e s.m.i., e prevede

la trasformazione

Super ficie territoriale Super ficie fondiaria Sup. l orda di pavimento totale

= mq 128.14 5,00

= mq 103.74 2,00

62.24 5,20

= mq

Tuttavia, a f ronte della capacità edificatoria ricono sciuta all’area, sono

stati realizzati solo

come Superficie e dificabile dall’art.81 del Regolamento Ed ilizio comunale), da cui una capacità ed ificatoria residua secondo lo schema seg uente:

30.398mq di SLP (Sup. lorda di pavim ento meglio definita

SLP t otale realizzabile SLP P rogramma Funzionale 1 SLP r esidua

= mq 62.245 ,20

= mq 30.697 ,00

= mq 31.548 ,20

La SLP res idua sarà materializzata attraverso l a realizzazione del

Programma Funzi onale 2 che prevede la realizzazione di 5 lotti edificatori con

destinazione funzi onale commerciale di interesse sovra superfici di vendita) .

comunale (medie

dei 5 lotti saranno 50% di superficie a

parcheggio, per og ni 100mq di SLP. Oltre alla medie super fici di vendita, divise

realizzati 80mq di

Ai sensi del l’art.5 del D.M. 1444/1968, in ciascuno

superficie a standard, di cui almeno il

in attività commer ciali e paracommerciali, saranno reali zzati spazi pubblici,

e parcheggi privati e verde privato a d uso pubblico pari

parcheggi pubblici

almeno al 15% dell a Superficie fondiaria (art.52 delle N.T.A. ).

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

7

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

1.2.1.2.1.2.1.2.

1.2.1.2.1.2.1.2. CCCCuuuu mulomulomulomulo conconconcon alalalaltritritritri progettprogettprogettprogett iiii paragrafo

CCCCuuuu mulomulomulomulo conconconcon alalalaltritritritri progettprogettprogettprogett iiii

paragrafo individua i piani, i program mi d’intervento ed i

progetti che interes sano il contesto di riferimento e che risu ltano pertinenti nella

generazione di effe tti cumulativi sulle componenti ambiental i.

che l’area oggetto

d’intervento è tot almente esterna al S.I.N. “Tavo-Sali ne” (per ulteriori e

specifici approfon dimenti si rimanda al cap. 2 “LOC ALIZZAZIONE DEL

PROGETTO”, ed in

Il presente

In primo luo go, è di assoluta rilevanza sottolineare

particolare al par. 2.3) pertanto l’individ uazione ricade su:

Città Sa nt’Angelo Village - Outlet (il Program ma funzionale 1 già realizzat o ed in esercizio per l’80%),

Piano de lla viabilità del Comune di Città Sant’An gelo (approvato con D.C.C. 2 1 dicembre 2006 n.71),

cui è già stata già

esperita la gara di appalto integrato per la realiz zazione delle opere previste) ,

Studio d i Fattibilità per la realizzazione di un nu ovo casello A14 (in

APQ –

Mobilità della Provincia di Pescara (di

qualità d i mera citazione). Quest’ultima istanza progettuale non viene analizzat o in termini di effetti

in quanto, all’attu alità, lo Studio di Fattibilità svolto da l Comune di Città

stato ancora recepito dai programmi d i sviluppo delle reti

Sant’Angelo non è infrastrutturali.

1.2.1.1.2.1.1.2.1.1.2.1. CitCitCitCit tàtàtàtà Sant’AngeloSant’AngeloSant’AngeloSant’Angelo VillageVillageVillageVillage ---- OutletOutletOutletOutlet

zonizzazione riferita al comparto “zo na commerciale di

interesse sovraco munale 4.52” è stata già realizzata con

denominato “Prog ramma Funzionale 1”. Il Programm a Funzionale 1 è

completato, collau dato ed in esercizio per circa l’80% pavimento previst a (comprensiva dei sub programmi A

30.398mq.

il primo intervento

Parte della

e la Sup. lorda di e B) ammonta a

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

8

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

1 e dal Programma Funzionale 2 rigua rda tutte le componenti ambientali analiz zate nel

1 e dal Programma

Funzionale 2 rigua rda tutte le componenti ambientali analiz zate nel corso della

gli impatti generati,

direttamente o in direttamente, dall’incremento della gra vitazione dei flussi –

veicolari indagati

riguardante la verif ica di funzionalità della viabilità di acces so e di competenza

Studio di traffico

seconda parte de l presente studio, ed in particolare

L’effetto cum ulo generato dal Programma Funzionale

e

modellizzati

nell’ALLEGATO

3

all’Outlet Village

superfici di vendita (maggio 2011).

Città Sant’Angelo, in previsione del l’ampliamento delle

1.2.2.1.2.2.1.2.2.1.2.2. PiaPiaPiaPia nononono delldelldelldellaaaa viabilitàviabilitàviabilitàviabilità deldeldeldel CCCC omuneomuneomuneomune didididi CittàCittàCittàCittà SSSS ant’Angeloant’Angeloant’Angeloant’Angelo

profonde modifiche

urbanistiche legate alla presenza del casello autostradale d i Pescara Nord-Città

Sant’Angelo (tra i

abruzzese) che pe r la sua posizione strategica ha portato alla realizzazione di

un’importante area

provinciale e regio nale: il Centro Commerciale Pescara

ampliato. e l’Outlet. I flussi veico lari connessi alla presenza di questo p olo commerciale ha obbligato l’Ammini strazione Comunale di Città Sant’Ang elo a dotarsi di un Piano della Viabilit à per la zona della Marina di Città San t’Angelo. Il nuovo

prescindere dalla

riorganizzazione vi aria di tale Piano Comunale che è stato approvato nel 2006

intervento del C ompany Store Village non può

di utenza a scala Nord, recentemente

più importanti per volumi di traffico del la rete autostradale

L’area di i ntervento è stata caratterizzata da

commerciale costituita da un bacino

ed alla quale è st ata apportata una successiva variante n el 2009 successiva alla realizzazione d ell’Outlet Village.

dell’Amministrazione

ha dato gli indirizzi di modifica/adegua mento della viabilità

esistente. Conside rando che i flussi di traffico provengon o principalmente da sud: dall’uscita A1 4 di Pescara Nord, dalla SS N. 16 e dalla variante alla SS16.

Il Piano d ella Viabilità elaborato dal consulente

Comunale, TPS,

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

9

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

Questi flu ssi saranno condotti al centro comme rciale mediante tre arterie stradali: ∑ la

Questi flu ssi saranno condotti al centro comme rciale mediante tre arterie stradali:

la strada dei Fi ori (oggetto di potenziamento);

la nuova viabili tà lungo il fiume Saline, parallela all’attua le via Lungofino che corre in adiace nza al fiume e raccoglie i flussi di traff ico provenienti dalla Statale Adriati ca e dall’autostrada A14 e la realizzazi one della nuova via Moscarola con caratteristiche adeguate al nuovo carico di traffico;

la strada Provi nciale di via Lungofino su cui sono stati r ealizzati interventi di miglioramento prima dell’apertura dell’Outlet Village. In questo c aso l’effetto cumulo generato dal Progr amma Funzionale 2

(che si somma a l Programma Funzionale 1) e dal P iano della Viabilità Comunale riguard a, direttamente o indirettamente, la gr avitazione dei flussi veicolari che si dis tribuiscono in relazione ad una maggio r offerta di trasporto (espressa dal pot enziamento e dalla nuova realizzazio ne di infrastrutture stradali).

1.2.3.1.2.3.1.2.3.1.2.3. APAPAPAP QQQQ –––– MMobiMMobiobiobilitàlitàlitàlità delladelladelladella ProvProvProvProv inciainciainciaincia didididi

PescarPescarPescarPescar aaaa

Il contesto d ’intervento è interessato anche dal prog etto di realizzazione

del lotto Nord della

ha indotto la Prov incia di Pescara nell’ambito della delib era CIPE n. 3/06 –

Accordo di Progra mma Quadro in materia di mobilità progetto per la rea lizzazione di un sistema di viabilità di

variante alla SS 16 ed i Comuni di Montesilvano e Città San t’Angelo in modo da alleggerire la viab ilità costiera dalle componenti di scam bio con la Città di Pescara. Dal discip linare di gara n.09_20CP si evince che:

variante alla SS 16 (circonvallazione d i Montesilvano) che

– a predisporre un collegamento tra la

L’intervento prevede la realizzazione di un nuovo si stema di assi viari di

S. Angelo, poste

collegamento tra

la

località

Montesilvano

e

Città

rispettivamente sul la riva sinistra e sulla riva destra del Fium e Saline.

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

1 0

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

… (omissis) … viabilità esistente per un totale di circa 5 chilometri, la realizzazione di

… (omissis) …

viabilità esistente per

un totale di circa 5 chilometri, la realizzazione di nuova via bilità per un totale di

circa 2,5 chilometri , la sistemazione ed ottimizzazione di n. sulla viabilità es istente e n. 3 attraversamenti del

corrispondenza di via Tamigi, via Fosso Foreste ed in pros simità della S.S. 16.

L’obiettivo principa le sarà quello di razionalizzare il traffico dei centri abitati ub icati sulle due rive del Fiume Saline.

di attraversamento

12 “nodi di svincolo” Fiume Saline in

Questa oper a prevede, oltre al potenziamento della

di Pescara ha predisposto un conco rso di progettazione

(Bando di Proced ura Aperta prot. n. 50382 del 14.5.20 09 pubblicato sulla

G.U.R.I. n.59 del

n.120 del 12.10.20 09 e successivamente ha emanato un Aperta (prot. n. 9 4279 del 08.10.2009, pubblicato sulla

22/05/2009) i cui esisti sono stati pub blicati sulla G.U.R.I.

Bando di Procedura G.U.R.I. n.123 del

19/10/2009) per la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori già chiuso ed aggiudicato.

La Provincia

1.2.4.1.2.4.1.2.4.1.2.4. StuStuStuStu diodiodiodio didididi FFFFattibilitàattibilitàattibilitàattibilità perperperper lalalala realizzrealizzrealizzrealizz azioneazioneazioneazione didididi unununun nuovonuovonuovonuovo cascascascas elloelloelloello A14A14A14A14

Si preci sa inoltre che nel periodo sette mbre/ottobre 2009

l’Amministrazione

dell’area ricompres sa tra il fiume Saline e la via Leonard o Petruzzi in stretto rapporto con le art erie di collegamento in ingresso ed in u scita, costituite dalla

autostrada A14 e

Comunale ha elaborato uno studio sis tematico del traffico

dalla SS 16. In questo studio viene ip otizzata anche una

nuova uscita dell’A utostrada A14, confermata dal P.T.C.P. c he viene individuata

a sud dell’attuale c asello, prima del centro commerciale og getto della presente

istanza, mentre il

traffico in direzione nord dovrebbe es sere assorbito dagli

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

1 1

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

interventi di pote nziamento della rete viaria presente Montesilvano e Citt à Sant’Angelo. fra il

interventi di pote nziamento della rete viaria presente Montesilvano e Citt à Sant’Angelo.

fra

il

territorio

di

Con rifer imento all’effetto cumulo generabile i n coincidenza della realizzazione di qu esta istanza d’intervento e del Programm a Funzionale 2 (che si somma al Pro gramma Funzionale 1), lo studio d i fattibilità per lo

spostamento del

in quanto, all’att ualità, non è stato recepito da al cuno strumento di programmazione v igente alle varie scale. Tuttavia, è del t utto evidente che gli effetti non potrebb ero che essere positivi in quanto tale n uova localizzazione introdurrebbe un in cremento dell’accessibilità all’area d’inter vento.

in considerazione

casello autostradale non viene preso

1.3.1.3.1.3.1.3.

AspAspAsAs pettipettiettietti realizzativirealizzativirealizzativirealizzativi

Nel prese nte paragrafo si anticipano gli effetti pot enziali sull’ambiente,

determinati dalla re alizzazione del nuovo intervento, durant e la fase di cantiere (realizzazione). La successione diacronica delle realizzazio ni dei vari lotti, di cui

si

compone l’interv ento, avverrà a seconda delle esigenze d el mercato (contratti

di

vendita con gli

operatori finali, cercando di prediligere l e aree di intervento

adiacenti all’outlet già realizzato). Si stima un tempo mass imo di realizzazione

di circa 18 mesi co n completamento entro la fine del 2013.

Per gli appr ofondimenti sugli impatti ambientali regi strabili nella fase di cantiere si rimanda al cap. 3.

1.3.1.1.3.1.1.3.1.1.3.1. UtiUtiUtiUti lizzazionelizzazionelizzazionelizzazione didididi risorserisorserisorserisorse nananana turalituralituraliturali inininin fasefasefasefase didididi cantierecantierecantierecantiere

naturali, impiegate ai fini della trasfor mazione urbanistica

dell’area d’interven to oggetto del presente Studio Prelimina re Ambientale , sono

perlopiù identificabi li in: Suolo, Acqua ed Energia.

Le risorse

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

1 2

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

concerne l’impiego della risorsa “ suolo ”, la trasformazione opera di un cantiere la realizzazione

concerne l’impiego della risorsa “suolo ”, la trasformazione

opera di un cantiere

la realizzazione di

fondazioni ed area di stoccaggio delle terre di scavo che, ov e possibile, saranno

impiegate, insieme

della scarpata in

nel quale saranno

urbanistica dell’are a d’intervento comporterà la messa in

previsti piste di cantiere, scavi per

Per quanto

ad altro materiale proveniente da cav e di prestito, per il

risarcimento geom orfologico e per il consolidamento

prossimità del foss o.

L’impiego d’ acqua ad uso industriale, il cui appro vvigionamento sarà effettuato attraver so l’allaccio temporaneo alle reti tec niche e di servizio

esistenti, sarà i ndirizzato alla stabilizzazione delle (contenimento dell e polveri), alla lavorazione dei materiali di inerti ed alla prod uzione di calcestruzzo.

piste di cantiere di scavo, al lavaggio

Per la realiz zazione dell’intervento in oggetto, si r ende indispensabile l’utilizzazione di en ergia sottoforma di:

energ ia elettrica, la cui fornitura sarà eff ettuata direttamente

cantiere, ai fini

dall’E nte gestore con un allaccio di

dell’il luminazione e dell’alimentazione delle at trezzature operative;

carbu rante per l’alimentazione dei veicoli opera tive di cantiere.

e delle macchine

1.3.2.1.3.2.1.3.2.1.3.2. ProProProPro duzioneduzioneduzioneduzione didididi rifiutirifiutirifiutirifiuti inininin fasfasfasfas eeee didididi cantiercantiercantiercantier eeee

Le attività

di cantiere vedranno una produzione d i rifiuti che saranno

gestiti e smaltiti sec ondo la procedura gestionale descritta n el capitolo 3.3.

In questa fase, la produzione di rifiuti riguarderà seguenti tipologie d i rifiuto:

prevalentemente le

rifiuti della produzione, formulazione, fornitura ed uso di plastiche, gom me sintetiche e fibre artificiali;

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

1 3

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

∑ rifiuti di imballaggi; ∑ rifiuti delle operazioni di costruzione e demoliz ione. Le tipolog

rifiuti di imballaggi;

rifiuti delle operazioni di costruzione e demoliz ione.

Le tipolog ie di rifiuti speciali, il codice CER e la d escrizione del rifiuto sono meglio identifi cati dalla tabella riportata di seguito.

Elenco rifiuti spec iali (codice CER e descrizione rifiuto)

07 02

07 02

15 01

rifiuti della

gomme sint etiche e fibre artificiali

13

produzione, formulazione, fornitura ed uso

rifiuti pl astici

(PFFU) di plastiche,

rifiuti di imb allaggi (compresi i rifiuti urbani di imballagg io oggetto di raccolta differenziata )

15

01

01

imballa ggi in carta e cartone

15

01

02

imballa ggi in plastica

15

01

03

imballa ggi in legno

15

01

05

imballa ggi in materiali compositi

17

rifiuti delle

operazioni di costruzione e demolizione

(compreso il terreno

proveniente da siti contaminati)

17

02

04

vetro, p lastica e legno, contenenti sostanze pericolose

17

04

05

ferro e acciaio

17

04

11

cavi, di versi da quelli di cui alla voce 17 04 10

17

05

04

terra e rocce, diverse da quelle di cui alla voce 17 05 03

17

08

02

materia le da costruz. a base di gesso diversi da quelli d i cui alla voce 17 08 01

17

09

04

rifiuti m isti dell’attività di costruzione e demolizione div ersi da quelli di cui alla

voce 17 09 0 1, 17 09 02, 17 09 03.

Fig. 1

Elenco dei rifiuti spe ciali potenzialmente prodotti nella fase di cantiere.

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

1 4

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

1.3.3.1.3.3.1.3.3.1.3.3. IIIInqnqnqnq uinamentouinamentouinamentouinamento eeee disturbidisturbidisturbidisturbi amamamam

1.3.3.1.3.3.1.3.3.1.3.3. IIIInqnqnqnq uinamentouinamentouinamentouinamento eeee disturbidisturbidisturbidisturbi amamamam bbbbientaliientaliientaliientali inininin fasefasefasefase didididi cantierecantierecantierecantiere

Alla fase di disturbo ambientale

cantiere sono ascrivibili le potenzialità identificabili nelle seguenti categorie:

d’inquinamento e di

em issioni in atmosfera derivanti dall’at tività dei motori a co mbustione dei mezzi e delle macchine o perative di cantiere;

pr oduzione di polveri aerodisperse con nessa all’attività di sc avo ed alla movimentazione dei mezz i e delle macchine op erative sulla viabilità di cantiere;

sm altimento delle acque meteoriche e reflu e di cantiere;

all’esercizio ed alla

alt erazione del clima acustico connesso

m ovimentazione di uomini, mezzi e materia li;

m odifica dello stato geomorfologico, super ficiale e sotterraneo, de l suolo dovuta ai lavori di scavo ed ai mo vimenti di terra;

attraverso l’espianto,

tra sformazione del sistema vegetazionale

ed il parziale reimpianto, degli esemplari pr eesistenti.

1.3.4.1.3.4.1.3.4.1.3.4. RRRRisisisis chiochiochiochio didididi incidentiincidentiincidentiincidenti inininin fasefasefasefase didididi cantierecantierecantierecantiere

La valutazio ne e la gestione dei rischi da incide ntalità nelle aree di cantiere è regolat a dal Piano di Sicurezza e Coordina mento, previsto dal

Dalla letteratura di settore è p ossibile desumere i

D.Lgs 81/2008 e

cantiere. Essi sono

riconducibili alle se guenti categorie:

potenziali rischi d’i ncidentalità che riguardano le attività di

ca dute dall’alto di uomini e materiali;

inv estimento di uomini da parte dei veico li e delle macchine op erative;

ro ad mortality (rischio d’incidentalità e mo rtalità per esemplari

di specie animali presenti nell’area d’inte rvento) dovuta alla

m ovimentazione di veicoli e di macchine op erative;

pe rdite e sversamenti accidentali di sostan ze inquinanti.

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

1 5

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

1.4.1.4.1.4.1.4.

AspAspAsAs pettipettiettietti gestionaligestionaligestionaligestionali

pettipettiettietti gestionaligestionaligestionaligestionali territorio determinati attività economiche da insediarsi

territorio determinati

attività economiche da insediarsi nel n uovo intervento. Per

manufatti una volta

realizzati. Consider ando che sono necessari circa due ann i prima della entrata “a pieno regime” d ella struttura, si assume il 2015 come a nno in cui le attività

economiche inse diate nel centro commerciale sara nno perfettamente funzionanti. Per gli appr ofondimenti sugli impatti ambientali regi strabili nella fase di esercizio si rimand a al cap. 3.

dall’esercizio delle “fase di esercizio”

Nel present e paragrafo si anticipano gli effetti sul

si intende la gestione funzionale dei

1.4.1.1.4.1.1.4.1.1.4.1. UUUUtitititi lizzazionelizzazionelizzazionelizzazione didididi risorserisorserisorserisorse nananana turalituralituraliturali inininin fasefasefasefase didididi esercizioesercizioesercizioesercizio

naturali impiegate nella fase di ese rcizio delle attività

economiche insed iabili nel progetto d’intervento, una vo lta realizzato, sono

perlopiù identificabi li, anche in questo caso, in suolo, acqua ed energia.

concerne l’impiego della risorsa “suolo ”, la trasformazione

urbanistica dell’ar ea d’intervento comporterà un cam biamento dell’uso, attualmente prev alentemente agricolo, a servizi qu asi esclusivamente commerciali.

Le

risorse

Per quanto

La risorsa id rica sarà prevalentemente impiegata pe r:

il fun zionamento dei servizi igienici;

le atti vità di ristorazione;

il sist ema antincendio;

l’irrig azione delle superfici a verde.

Per quanto

concerne la risorsa energia, essa è ut ilizzabile per attività

endogene ed esog ene. Alle attività endogene sono riconduc ibili:

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

1 6

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

∑ il funz ionamento dell’impianto di illuminazion e interno ed esterno al cen tro commerciale;

il funz ionamento dell’impianto di illuminazion e interno ed esterno

al cen tro commerciale;

di

condi zionamento interno degli spazi de dicati alle attività econo miche insediate;

l’impi anto antincendio;

l’eser cizio dei sistemi termomeccanici tra

i

quali

quelli

i mec canismi per l’irrigazione delle superfici a verde;

gli im pianti di comunicazione, acustica e visiva .

Gli usi esoge ni riguarda l’impiego di energia sotto for ma di carburante:

per il

conferimento delle merci da parte dei

nella l ogistica;

vettori che operano

per la raccolta dei rifiuti;

per l’a rrivo degli utenti presso il centro comme rciale.

1.4.2.1.4.2.1.4.2.1.4.2. ProProProPro duzioneduzioneduzioneduzione didididi rifiutirifiutirifiutirifiuti inininin fasfasfasfas eeee didididi esercizesercizesercizeserciz ioioioio

La destin azione d’uso degli edifici, da realizza rsi con l’intervento oggetto del presen te studio, è di tipo commerciale e paraco mmerciale, pertanto non vengono svo lte attività legate a processi produtt ivi (manifatturieri o industriali), ma sol o attività di vendita e stoccaggio di me rce prodotta in altri luoghi.

Dunque,

i rifiuti prodotti sono classificabili come:

rifiuti speciali, provenienti dagli operatori de lla grande superficie

di ven dita (Retail Park) o dai manutentori;

rifiuti solidi urbani, provenienti dall’utenza fin ale.

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

1 7

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

1.4.3.1.4.3.1.4.3.1.4.3. IIIInqnqnqnq uinamentouinamentouinamentouinamento eeee disturbidisturbidisturbidisturbi amamamam

1.4.3.1.4.3.1.4.3.1.4.3. IIIInqnqnqnq uinamentouinamentouinamentouinamento eeee disturbidisturbidisturbidisturbi amamamam bientalibientalibientalibientali inininin fasefasefasefase didididi esercizioesercizioesercizioesercizio

Alla fase di

esercizio delle attività economiche, i nsediate nel centro

potenzialità

commerciale

d’inquinamento e d i disturbo ambientale identificabili nelle s eguenti categorie:

ogge tto

del

presente

studio,

sono

ascriv ibili

le

emiss ioni

in

atmosfera

derivanti

dall’atti vità

dei

motori

a

comb ustione interna dei mezzi:

o

destinati

al

conferimento

delle

me rci

da

parte

degli

operatori logistici;

 

o

per la raccolta dei rifiuti;

o

degli utenti che arrivano presso il centro commerciale.

 

produ zione di rumore derivante dall’esercizi o e dall’attività dei motor i a combustione interna dei mezzi:

o

destinati

al

conferimento

delle

me rci

da

parte

degli

operatori logistici;

 

o

per la raccolta dei rifiuti;

o

degli utenti che arrivano presso il centro commerciale.

 

smalti mento delle acque meteoriche e reflue.

1.4.4.1.4.4.1.4.4.1.4.4. RisRisRisRis chiochiochiochio didididi incidentiincidentiincidentiincidenti inininin fasefasefasefase didididi esercizesercizesercizeserciz ioioioio

Dalla lettera tura di settore è possibile desumere

i potenziali rischi

riguardano l’esercizio delle attività com merciali. Essi sono

d’incidentalità che

riconducibili alle se guenti categorie:

invest imento di uomini da parte dei mezzi o peranti nella catena logisti ca delle attività economiche insediate;

incide ntalità stradale dovuta all’intensità di tr affico sulle strade di acces so al centro commerciale;

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

1 8

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

mortality (rischio d’incidentalità per e semplari di specie anima li presenti nell’area d’intervento) do vuta

mortality (rischio d’incidentalità per e semplari di specie

anima li presenti nell’area d’intervento) do vuta all’intensità di traffic o sulle strade di accesso al centro comm erciale;

perdit e e sversamenti accidentali di sostan ze inquinanti nelle

road

acque

superficiali.

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

1 9

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

2.2.2.2. LOCALOCALOCALOCA LIZZAZIONELIZZAZIONELIZZAZIONELIZZAZIONE DELDELDELDEL PRPRPRPR OGETTOOGETTOOGETTOOGETTO L’area

2.2.2.2. LOCALOCALOCALOCA LIZZAZIONELIZZAZIONELIZZAZIONELIZZAZIONE DELDELDELDEL PRPRPRPR OGETTOOGETTOOGETTOOGETTO

L’area ogget to d’intervento è ubicata nel Comune di Città Sant’Angelo, in Contrada Moscarol a e la sua localizzazione geografica è e ffettuabile attraverso le seguenti coordin ate geografiche UTM:

33 T427782 E4707174

alt. 45m s.l.m

Il sito, po sto a Nord del fiume Saline, è delimitato :

dall’autostrada A14 “Adriatica”, a 3 ,6 km dal casello

a Sud-Est

autostradale

“Pescara Nord” ed ad 4,0 metri dalla SS

16 “Adriatica”;

a Nord-Ove st da terreni agricoli che precedono gl i edifici della clinica

privata “Villa

Serena”;

ad Sud-Ov est dal parcheggio pertinenziale dell ’Outlet Village, già esistente;

a Nord-Est

da un fosso naturale.

già esistente; ∑ a Nord-Est da un fosso naturale. Fig. 2 Localizzazione dell’ area di intervento

Fig. 2

Localizzazione dell’ area di intervento (Fonte: Google, DigitalGlobe, Cnes/Spot I mage, GeoEye, Eurpean Space Imaging, Map data TeleA tlas, 2011).

L’interven to si colloca nella fascia pedecollinar e della Provincia di

Pescara, a circa

presenta con anda mento di tipo collinare con un leggero de clivio verso Sud-Est.

3Km dalla linea di costa. Il terreno, a llo stato attuale, si

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

2 0

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

L’area, la cui quota lembo di debole sc arpata alluvionale alta, antica, in sinistra idrografica

L’area, la cui quota

lembo di debole sc arpata alluvionale alta, antica, in sinistra idrografica del fiume

Saline. Ha prevale ntemente destinazione agricola, per un a superficie dei suoi 2/3, ed una destina zione a viabilità ed attrezzature di inter esse sovracomunale per la restante part e.

media di riferimento è di 45 m s.l.m. c a., si sostanzia in un

intenso e variegato sottolinea le ottime

potenzialità econo mico e commerciali (location). La parzial e urbanizzazione ha

L’area è s ita in C.da Moscarola, già oggetto di un processo di urban izzazione e di infrastrutturazione che

fatto perdere l’or iginaria connotazione rurale dell’area , attribuendole un carattere “periurba no” (di frangia).

2.1.2.1.2.1.2.1.

UUUUtitititi lizzazionelizzazionelizzazionelizzazione attualeattualeattualeattuale deldeldeldel territorioterritorioterritorioterritorio

annuali, è contigua

in direzione Ovest al centro commerciale Città Sant’Angelo Outlet Village il cui edificato si insinua al suo interno: da un punto di vista funzi onale e di attrazione

commerciale, è da intendersi una futura fusione tra i due int erventi. Ad Est, la nuova area d’intervento perimetra con u n fosso senza nome

luogo l’ampia zona

urbana e commerc iale di San Martino Alta. A Nord insiste l’ agglomerato urbano

centro di cura Villa Serena, prospicie nte la SP per Città

l’area tange la piattaforma autostradale

nucleo urbano di S an Martino Bassa.

è dunque da intendersi come il limite re cente della crescita

pedecollinare urba na, che va poi ad interconnettere e a c onsolidare aree già precedentemente t rasformate.

oltre la quale vi è il

(affluente in sinist ra del Saline), superato il quale trova

L’area pre scelta, attualmente utilizzata con coltivi

incentrato su noto Sant’Angelo; a Sud

La zona

2.2.2.2.2.2.2.2.

RRRRicicicic chezzachezzachezzachezza relrelrelrelativaativaativaativa

è individuabile nella

sua posizione perif erica rispetto al tessuto urbano e produ ttivo locale, dunque

nella presenza di

diffuse e non marginali aree rurali. Q ueste inducono una

La ricchez za relativa posseduta da quel territorio

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

2 1

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

mitigazione immed iata e radicale delle criticità tipiche della città commerciale e residenziale; si c

mitigazione immed iata e radicale delle criticità tipiche della città commerciale e residenziale; si c ostituiscono come potenziali “ampi co rridoi ecologici” da valorizzare e da u tilizzare in un progetto urbanistico amp io per uno sviluppo sostenibile delle fut ure trasformazioni urbane.

2.3.2.3.2.3.2.3.

CCCCaaaa pacitàpacitàpacitàpacità didididi caricocaricocaricocarico dell’amdell’amdell’amdell’am bientebientebientebiente naturanaturanaturanatura lelelele

Lo svilupp o insediativo goduto dalla vallata del Fi no – Tavo – Saline, sia esso residenzia le che produttivo, ha certamente indotto fenomeni di criticità ambientale legati e ssenzialmente al ciclo delle acque.

ben noto come lungo quella fascia p erifluviale sia stato

individuato e class ificato un Sito d’Interesse Nazionale “S IN – Fiumi Alento -

Saline - Tavo - F ino” per le bonifiche, originato certam ente da inadeguati

processi di smaltim ento e/o depurazione di reflui industriali

E’ infatti

e civili.

L’interve nto in oggetto è esterno al SIN e ness un lavoro afferente alle attività in ogg etto sarà realizzato all’interno del peri metro del SIN 1 .

Esse, vic eversa, saranno condotte a termine nell ’ambito dell’area già

Nord del tracciato elevata rispetto al

catastalmente ed autostradale A14 fondovalle.

Parimenti , è da registrare come in quell’area

importanti snodi

dell’importante Cas ello autostradale Pescara Nord e dalla di traffico da e pe r la Circonvallazione di Pescara (Var. dell’asse locale di p enetrazione mare – monti.

urbanisticamente

definita,

posta

a

e in zona morfologicamente ben più

vi sia uno dei più

traffico costiero generato in particol are dalla presenza

confluenza dei flussi S.S. 16 ter), nonché

1 Il Sito di Interesse Nazional e “Fiumi Saline e Alento”, incluso nell’elenco dei siti di bonifi ca di interesse nazionale dal D.M. 468/01 è stato perimetr ato con Decreto 3/3/2003, pubblicato su G.U. del 27/5/200 3.

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

2 2

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

Dunque, s e da un lato quel territorio appalesa una elevatissima rendita maggiore intensità di

Dunque, s e da un lato quel territorio appalesa una elevatissima rendita

maggiore intensità di

di posizione, in mo do “circolare” essa poi alimenta una

traffico che genera azione di richiamo su nuove istanze inse diative.

Questo in tervento tiene conto di tali emergenze a mbientali che di fatto costituiscono gli ob iettivi elementi di criticità areali. Il proge tto viene dunque ad

verificato al fine di minimizzare in p articolare gli impatti

aggiuntivi sulla qu alità delle acque (superficiali e di falda ) e sulla intensità /

gestibilità del traffic o automobilistico da parte della trama via ria locale.

essere modulato e

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

2 3

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

3.3.3.3. CARACARACARACARA TTERISTICHETTERISTICHETTERISTICHETTERISTICHE DELLDELLDELLDELL’I’I’I’I

3.3.3.3. CARACARACARACARA TTERISTICHETTERISTICHETTERISTICHETTERISTICHE DELLDELLDELLDELL’I’I’I’I MPATTOMPATTOMPATTOMPATTO POTEPOTEPOTEPOTE NZIALENZIALENZIALENZIALE

È noto da lla letteratura (es. cfr. ENEA, 2004) e d all’esperienza fin qui

acquisita che le p ressioni ambientali connesse alla real izzazione dei centri

commerciali siano

prevalentemente rinvenibili in:

1.

alteraz ione del contesto socio-economico;

2.

alteraz ione del paesaggio;

 

3.

interfe renze con suolo, sottosuolo, acque supe rficiali e sotterranee;

4.

increm ento del carico urbanistico (produ zione di rifiuti e smalti mento acque reflue);

5.

increm ento del traffico veicolare;

 

6.

inquin amento atmosferico;

 

7.

inquin amento acustico;

 

8.

consu mo di energia.

Nel

succ essivi

capitoli

3.3

e

3.4

saranno es plicitati l’Ordine di

grandezza e co mplessità dell’impatto nonché la Du rata, frequenza e

dalla gestione del

reversibilità

progetto in oggetto e dall’effetto cumulo rispetto al Outlet gi à realizzato.

dell’im patto

generato dalla

realizzazione

e

3.1.3.1.3.1.3.1.

PPPPoooo rtatartatartatartata dell’impattodell’impattodell’impattodell’impatto

registra la portata

dell’impatto dipend e dal bacino di utenza (catching area) d el Città Sant’Angelo

attrattiva dell’offerta

commerciale eroga ta e dalla quale proviene la maggior pa rte del potenziale di vendite. Alla defini zione di tale area concorrono diversi fatt ori, riconducibili alle seguenti fattispecie :

Village: area geog rafica nella quale si esplica la forza

La

mass ima

estensione

dell’area

su

cui

si

1. dis tanze (espresse in spazio o in tempo) e

2. for ze concorrenziali che esercitano press ioni sul mercato di rife rimento;

barriere geografiche;

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

2 4

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

3. me ccanismi psicologici che inducano mod ifiche sulle abitudini di acquisto dei residenti dell’area

3. me ccanismi psicologici che inducano mod ifiche sulle abitudini

di acquisto dei residenti dell’area analizzata .

La combi nazione di questi elementi porta a definir e il bacino di utenza (mercato di riferime nto) delle strutture distributive. Per megl io identificare l’entità del bacino d’uten za teorico del CSA-Village, si des crivono di seguito

l’accessibilità dai

comuni limitrofi raggruppati per lim iti di percorrenza

automobilistica di 1 0’, 20’ e 30’: sono le isocrone, luoghi d ei punti caratterizzati

da uguale distanza in termini di tempi di percorrenza da un

punto dato.

Tempi di access o al Città Sant’Angelo Village

Comuni

Po polazione residente (F onte: ISTAT, 2001)

0-10 min.

Montesilvano (PE) Silvi (TE)

40.700

14.478

 

Città Sant’Angelo (PE) Cappelle sul Tavo (PE) Picciano (PE) Pineto (TE) Spoltore (PE)

11.952

3.714

10-20 min.

1.367

13.095

15.417

 

Atri (TE) Cepagatti (PE) Chieti (CH) Collecorvino (PE) Elice (PE) Francavilla al Mare (CH) Loreto Aprutino (PE) Miglianico (CH) Morro d’Oro (TE) Moscufo (PE) Notaresco (TE) Pescara (PE) Roseto degli Abruzzi (TE) San Giovanni Teatino (CH) Torrevecchia Teatina (CH)

11.260

9.097

52.486

5.399

1.731

22.883

7.615

20-30 min.

4.503

3.317

3.163

6.770

116.286

22.978

10.048

3.746

Totale

Bacino d’utenza teorico

382.005

Fig. 3

Definizione della cat ching area (Fonte: via michelin)

d’utenza interessato dagli esercizi co mmerciali, insediati

nell’Outlet già reali zzato ed insediabili nella proposta di am pliamento, ammonta a 382.005 residen ti che si concentrano prevalentement e nella Provincia di

Pescara. Ma la

concorrenzialità del centro commercia le, che diminuisce

Il bacino

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

2 5

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

all’aumentare dei t empi di percorrenza sulla rete, non è d iretta agli esercizi di

all’aumentare dei t empi di percorrenza sulla rete, non è d iretta agli esercizi di vicinato.

all’impatto sulle altre componenti ambi entali è possibile far

riferimento alla suc cessiva tabella.

In relazione

Impatto potenzia le

Componente

Portata

Alterazione del cont esto socio-economic o

Economia e società

Local e, in relazione al bacino d’influenza

Alterazione del paes aggio

Paesaggio Flora e Fauna

Locale

Interferenze con su olo, sottosuolo, acque sup erficiali e sotterranee

Suolo e sottosuolo Acqua

Locale

Incremento del car ico urbanistico (produzio ne di rifiuti e smaltimento a cque reflue)

Rifiuti

 

Acqua

Locale

Incremento del traf fico veicolare

Trasporti Aria e fattori climatici Salute umana

Local e, in relazione al bacino d’influenza

 

Aria

Local e, in relazione al bacino d’influenza

Inquinamento atmosf erico

Salute umana

 

Fattori climatici

 

Inquinamento acus tico

Salute umana

Locale

Consumo di energ ia

Energia

Locale

Fig. 4

Tabella di correlazio ne tra impatti ambientali, portata degli impatti e componenti antrop iche, ambientali e beni materiali.

3.2.3.2.3.2.3.2.

NNNNatatatat ururururaaaa (non)(non)(non)(non) transfrontatransfrontatransfrontatransfronta lieralieralieraliera dell’imdell’imdell’imdell’im pattopattopattopatto

Il progett o di ampliamento dell’area commerci ale in oggetto non genera impatti tran sfrontalieri, ma ha ricadute esclusivame nte locali in quanto il suo bacino gravitaz ionale è sub-provinciale. Non sono rilevabili effetti della trasformazione in P aesi Membri diversi dall’Italia ed in Reg ioni diverse dall’Abruzzo.

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

2 6

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

3.3.3.3.3.3.3.3.

3.3.3.3.3.3.3.3. OOOOrrrr dinedinedinedine didididi grandezzagrandezzagrandezzagrandezza eeee cocococo

OOOOrrrr dinedinedinedine didididi grandezzagrandezzagrandezzagrandezza eeee cocococo mplessitàmplessitàmplessitàmplessità dell’imdell’imdell’imdell’im pattopattopattopatto

di grandezza e la

effetti sul territorio determinati dalla real izzazione del nuovo fase di cantiere (realizzazione), sia i n fase di esercizio

(gestione). Nel c ap. 6.2 l’entità dell’impatto viene sti mata attraverso la definizione di spec ifici “indicatori di pressione” che consen tono di misurare gli effetti dell’intervent o sulle diverse componenti ambientali. Si descriv ono di seguito le pressioni che generano gli impatti potenziali evidenziati all’origin e del presente capitolo.

complessità degli intervento, sia in

Nel pres ente paragrafo si individuano l’ordine

ALTERAZIONE DE L CONTESTO SOCIO-ECONOMICO

In termini socio – economici la realizzazione del n uovo centro, fase di cantiere e di eserci zio, contribuirà:

termini diretti che

- all’incr emento locale dell’occupazione, sia in come indotto (logistica, servizi connessi, ecc.);

- al

allo sviluppo

dell’ins ediamento urbano in quel tratto dista le della vallata del

Saline e della prospiciente zona costiera;

fondiarie coinvolte

dall’es ecuzione dei lavori in progetto con lo sv iluppo (centrifugo) di maggi ori rendite fondiarie di posizione;

una più estesa

segme ntazione merceologica del polo com merciale locale, in

compe tizione con altri poli di valenza region ale (oggi prevalenti

razionalizzazione

dell’ac cessibilità viaria.

lo sviluppo socio –

nella

consolidamento della propensione

- la ces sione a titolo oneroso delle superfici

- ad u na ulteriore concentrazione e ad

Val Pescara), anche per una

pertanto, di dinamiche orientate verso

Trattasi,

economico locale e dunque da intendersi ad impatto positiv o.

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

2 7

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

ALTERAZIONE DE L PAESAGGIO Quel terri torio è tipicamente alluvionale da terra zzo alto: morfologia

ALTERAZIONE DE L PAESAGGIO Quel terri torio è tipicamente alluvionale da terra zzo alto: morfologia

scarpate mai severe, che consente una

visuale ampia della

planiziale, alternata

ampia fascia fluvial e in destra e in sinistra Saline. La fase di cantiere determinerà:

- la per dita di 99.768mq di superficie agr aria, oggi costituita

essen zialmente da terreno vegetale privo di co lture di pregio;

- l’utilizz azione di materie prime (materiali aridi, calcestruzzi, acciaio

provenienti da opifici au torizzati ed operanti

da cos truzione, ecc

)

nel ris petto delle normative vigenti;

La fase di esercizio determinerà:

- la sost ituzione, al paesaggio agrario e peri – u rbano locale, di altro

per l’introduzione di nuove forme arch itettoniche a scapito

skyline

di stile mi locali consolidati;

- lo sp ostamento ed una parziale riduzione conten ute, tuttavia, dalla articola viabilità di

perime tra il nuovo edificato.

delle visuali libere servizio che cinge e

- Il pote nziamento del corridoio ecologico costitu ito dai due fossi che perime trano i lati orientale ed occidental e dell’area globale d’inter vento.

Gli aspett i floristici sono banalizzati dalle coltiva zioni agricole e dal

delle campagne (per una loro più redd itizia trasformazione

urbanistica). Il patrimo nio faunistico segue l’appiattimento floris tico e vegetazionale:

la zona è frequent ata da specie ubiquitarie prive di elemen ti di rarità. Sia sulle specie terrestri ch e sull’avifauna è l’agricoltura, li cond otta da decenni in

con largo uso di presidi sanitari, a d aver indotto una

rarefazione estesa delle presenze faunistiche di rilievo. Tra gli in terventi previsti di mitigazione, vi è du nque un importante rimboschimento n aturalistico che coronerà gli impluvi che cingono ad est e ad ovest l’insediament o urbanistico complessivo. Il rimboschim ento, con l’utilizzo di

maniera intensiva

recente abbandono

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

2 8

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

specie autoctone sortirà significativi e ffetti paesaggistici. Sull’area i nteressata non si appalesa alcune patri

specie autoctone

sortirà significativi e ffetti paesaggistici. Sull’area i nteressata non si appalesa alcune patri monio architettonico, monumentalistico o d archeologico.

con i suoli locali,

coerenti con l’ambiente bio – climatico

e

INTERFERENZE SOTTERRANEE Suolo e

CON SUOLO, SOTTOSUOLO, ACQU E SUPERFICIALI E

sottosuolo - Le fasi di cantie re e di esercizio

determine ranno:

- L’impe rmeabilizzazione di parte delle superfi ci disponibili, per la

delle aree carrabili e

edifica zione degli edifici e la pavimentazione pedon abili.

Il suolo c ostituisce senz’altro l’ecosistema maggio rmente danneggiato

profondi, di discreta

fertilità agronomic a, potenzialmente irrigabili. La realizz azione delle opere

la perdita della sua destinazione d’us o, in larga parte la

profilo. Il terreno vegetale rimarrà in sito solo in coincidenza

che saranno oggetto

di sistemazione ag raria e paesaggistica. E’ però d a rammentare che, stante la natura reg olitica del sub-strato

pedogenetico (cost ituito com’è da alternanza di sabbie, limi ed argille) lo stesso, se privato dei man ufatti, previa lavorazione, concimazione ed ammendamento,

si ricostituisce più o

Allo stato attuale porzione cospicua della superfic ie d’interesse risulta già priva del terren o vegetale sostituita da misto di cava : tutte le superfici in predicato di trasf ormazione sono prive di colture agr arie di rilievo, con particolare riguardo al vigneto, all’oliveto e/o a colture serric ole. Il sottosu olo non manifesta fenomeni di disequilib rio; l’esecuzione dei

sortirà alcun effetto

lavori, come si evi nce dagli allegati studi specialistici, non

sulla stabilità del su bstrato geo-litologico. Acque su perficiali e di falda - Le fasi di cantiere e di esercizio:

delle superfici a ve rde, con particolare riferimento a quelle

determinerà in toto ablazione del suo

dalla prevista trasf ormazione: trattasi di terreni alluvionali

meno rapidamente in terreno agrario.

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

2 9

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

- non de termineranno impatto apprezzabile sull a dinamica e sulla qualità delle acque di

- non de termineranno impatto apprezzabile sull a dinamica e sulla

qualità delle acque di superficie e di falda. Infatti, il p rogetto prevede il rispetto delle incisio ni orientate verso il Saline e che dre nano le acque meteoriche del versan te. Per le superfici

pavimentate (v. all egato Progetto Architettonico) è prevista una idonea rete per

il drenaggio delle

disoleazione e vas ca di prima pioggia) ed infine, la sua recettori finali.

acque bianche, il suo primo tratt amento (grigliatura,

confluenza verso i

di falda, non riscontrate in sito nei l ivelli più superficiali

interessati dal pro gettuo, non sono di fatto significativam ente interessate dai

lavori (scavi di sba ncamento e a sezione obbligata).

Le acque

INCREMENTO DE L CARICO URBANISTICO (PRODUZI ONE DI RIFIUTI E SMALTIMENTO A CQUE REFLUE) La fase di cantiere determinerà:

gestiti in impianti

- produzi one di rifiuti etero tipici che saranno

autorizzat i;

- di acqu e nere, in primis per servizi all’uomo, a nch’esse smaltite a

norma di l egge presso impianti di depurazione in l oco. I volumi li mitati di rifiuti previsti e la presenza di dis cariche e depuratori

autorizzat i ed operanti sul territorio, garantisc ono il loro corretto smaltimen to. La fase di esercizio determinerà:

- produz ione di rifiuti etero tipici che saranno v eicolati giornalmente

le isole ecologiche previste in progetto, dunque alla raccolta

presso

differe nziata e al recupero quando previsto;

- produz ione di acque nere che saranno veicolat e in continuo presso il loca le depuratore progettato e commisu rato alle esigenze

le acque, una volta idrografico, senza sistema depurativo

compl essive dell’ampliamento (Ratail Park); depur ate, saranno convogliate al reticolo interfe rire in alcun modo con la zona SIN. Il

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

3 0

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

interno , evita qualunque ulteriore appesant imento sul sistema depur ativo territoriale intercomunale. INCREMENTO DE

interno , evita qualunque ulteriore appesant imento sul sistema depur ativo territoriale intercomunale.

INCREMENTO DE L TRAFFICO VEICOLARE La fase di cantiere determinerà:

- l’aume nto del traffico veicolare sulla viabi lità pubblica per il

passa ggio degli automezzi (prevalentemente m edi e pesanti) per il

di consumo. Questi

sono temporanei, certamente assorbibi li dal tessuto viario

locale e non inducono alcuna modificazione du revole alla dinamica

locale del traffico. La fase di esercizio determinerà:

- la cres cita diuturna dei volumi di traffico sulla viabilità pubblica, in ingres so e in uscita dall’outlet durante l’ora rio di apertura, con

e giornate definite

traspo rto degli addetti ai lavori e dei materiali

flussi

manife stazioni di rush hour in momenti

nell’all egato studio sul traffico;

- un’azi one di richiamo del traffico dagli alt ri analoghi poli di comm ercio distribuiti sul territorio interregionale . Le alteraz ioni sulla dinamica del traffico indotte d alla fase di esercizio sono da intende rsi irreversibili e direttamente colle gate al successo commerciale del C SA Village. Sono pre viste opere di mitigazione a valere sug li effetti indotti dalla prevista concentraz ione di traffico veicolare, ovvero:

- razion alizzazione e potenziamento degli acces si carrabili al nuovo

centro ;

- predis posizione di spazi esterni per il traspor to pubblico (fermata

a ridurre, anche se

autobu s), per il car pooling 2 questi ultimi volti con lo giche diverse, il n°di automezzi / utente.

2 Il car pooling (auto di gruppo)

gruppo di persone, con il fine principale di ridurre i costi del trasporto. È uno degli ambiti

sostenibile e nel caso del CSA

percorrenze autostradali effet tuando l’ingresso nel vicino casello dell’A14.

è una modalità di trasporto che consiste nella condivisione di automobili private tra un

di intervento della mobilità

Village si offre la possibilità di parcheggiare a coloro che dev ono affrontare lunghe

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

3 1

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

- realizz azione di ampie superfici boscate, cont igue agli accessi, ai parche ggi e

- realizz azione di ampie superfici boscate, cont igue agli accessi, ai parche ggi e alla viabilità interna, da cui positiv i effetti sulla qualità

e cattura di CO 2 ),

sull’ab battimento dei rumori e delle polv eri e sulla qualità

dell’ari a (produzione di sostanza organica

paesa ggistica percepita.

INQUINAMENTO

del nuovo centro,

un sensibile carico aggiuntivo per imm issione di composti, combustione di derivati del petrolio, po lveri e luce da corpi

irradianti notturni. Temi rilevan ti per cui il progetto propone scelte tecni che avanzate capaci di minimizzare le in terferenze con l’intorno. Si produrrà t emporaneamente maggiore inquinament o in fase di cantiere,

per:

subirà localmente gas di scarico dalla

ATMOSFERICO

L’ecosistem a atmosfera, prefigurata la costruzione

- il traffi co veicolare, il movimento terra, l’edifica zione dei manufatti, la rea lizzazione degli interventi di mitigazi one ambientale, la gestio ne in sicurezza del cantiere. Maggiore inq uinamento per tutta la fase dei esercizio :

generato dall’outlet

e

caldaia previsti nel

- di poll uzioni in atmosfera per traffico veicolare

(utenti , logistica, manutenzione, guar diania, ecc

secon dariamente per i modesti impianti a

)

compl esso dell’edificato;

- di illu minazione notturna, generato dall’impian to esterno, a pieno

nelle ore buie invernali di apertura , a regime ridotto

(sicure zza e guardiania) in quelle notturne post -chiusura. Il nuovo int ervento, che ripropone secondo schem i moderni ed attuali funzioni comme rciali già in essere altrove nel territor io interregionale, in termini assoluti no n induce aumenti nell’uso di combustib ili fossili (da traffico veicolare), principa le scaturigine di gas climalteranti. Le innova zioni tecnologiche importate nel proge tto, con particolare riguardo alla parzi ale produzione locale di energia da f onti rinnovabili, alla

regime

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

3 2

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

attenzione posta a lla questione ottimizzazione dei flussi delle code, produzi one di ampi parcheggi,

attenzione posta a lla questione ottimizzazione dei flussi

delle code, produzi one di ampi parcheggi, tendono a ridurr e le emissioni di gas

di traffico, riduzione

climalteranti per ute nte e/o per unità di prodotto commercial izzato.

INQUINAMENTO

ACUSTICO

La fase di cantiere determinerà:

- l’immis sione nel territorio circostante di inq uinamento acustico comun que generato da macchine, attrez zature ed impianti

(UE e nazionale) e

autoriz zati ai sensi della normativa vigente condo tte nel rispetto degli orari di lavoro.

La fase di esercizio determinerà immissione di rum ore generato da:

- rete es terna (di megafoni) per la comunicazion e commerciale;

- chiller

ed altri impianti termo meccanici a

servizio dei locali

comm erciali.

acustica imputabile al nuovo traffico v eicolare (autovetture

degli utenti, mezz i medi e pesanti per la logistica, l e manutenzioni, la

guardiania, ecc

A14 prossima al sit o d’intervento. Trattasi, tutt avia, di sorgenti sonore legate esse nzialmente al turno giornaliero di apert ura.

assorbito dalla fascia di pertinenza acu stica dell’autostrada

L’emissione

) è

CONSUMO DI EN ERGIA

cantiere determinerà consumi energ etici riconducibili a

macchine e autom ezzi per il movimento terra, il carico, tra sporto e scarico dei

opere di mitigazione

ambientale. I cons umi energetici atterranno, dunque, ad en ergie da fonti fossili,

prioritariamente g asolio da trazione e secondariament e energia elettrica acquisita da locali s tazione Enel.

materiali di consum o, l’edificazione dei manufatti e delle

La fase di

In fase di

esercizio si produrranno diuturni consum i energetici:

a) “endogen i” al CSA Village, destinati:

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

3 3

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

∑ al fun zionamento dell’impianto di illuminazion e interno ed esterno al cen tro commerciale

al fun zionamento dell’impianto di illuminazion e interno ed esterno al cen tro commerciale e agli impianti di comun icazione, acustica e visiva .

all’es ercizio dei sistemi termomeccanici tr a i quali quelli di condi zionamento interno degli spazi de dicati alle attività econo miche insediate;

all’im pianto antincendio ed ai meccanismi p er l’irrigazione delle super fici a verde.

b) “esogen i” al CSA Village e necessari:

per il

conferimento delle merci da parte dei

nella l ogistica;

vettori che operano

per la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti;

per a rrivo e partenza degli utenti (auto pr opria, autobus, car

sharin g, car pooling).

I consumi e ndogeni, sebbene fondati su fonti fos sili (f.e.m.), saranno

parzialmente soste nuti con produzione locale da fonti rinn ovabili (acqua calda sanitaria, f.e.m. d a fotovoltaico): per maggiori dettagli v . allegata relazione tecnica.

I consumi e sogeni sono da fonti fossili non immedia tamente surrogabili, anche parzialmente , con fonti rinnovabili.

INTERAZIONE TR A I FATTORI AMBIENTALI Le interazio ni tra i vari fattori ambientali possono e ssere intesi come di

un punto di vista

non rilevante valo re assoluto, dunque sostenibili sia da

ambientale che p aesaggistico, a condizione che v engano portate ad

esecuzione quelle

scelte di progetto volte:

- alla ott imizzazione dei flussi di traffico;

- alla ri duzione dei consumi energetici locali

da fonti fossili con

l’introd uzione di sistemi produttivi da fonti rinno vabili;

- alla co rretta gestione e smaltimento delle acqu e bianche e nere;

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

3 4

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

- al con tenimento dell’invasività paesaggistica d ell’intervento nel suo dei due “corridoi compl esso,

- al con tenimento dell’invasività paesaggistica d ell’intervento nel suo

dei due “corridoi

compl esso, grazie anche al potenziamento

ecolog ici” che cingono ad est e ad ovest l’interv ento globale.

3.4.3.4.3.4.3.4.

DDDDuuuu rata,rata,rata,rata, frequenzafrequenzafrequenzafrequenza eeee revereverevereve rsibilitàrsibilitàrsibilitàrsibilità dell’imdell’imdell’imdell’im pattopattopattopatto

Il present e paragrafo è sintetizzato dalla tabella se guente che descrive

si distribuiscono

le modalità con

le

quali

gli

effetti

dell’intervento

geograficamente e cronologicamente sul contesto territorial e di riferimento.

IMPATTO

DURATA

FREQUEN ZA

REVERSIBILITÀ

Alterazione del co ntesto socio-econom ico

Fase di gestione

Settimana le

Totale

 

Fase di

   

Alterazione del pa esaggio

realizzazione

Unica

Nessuna

Interferenze con suolo, sottosuolo, acque superficiali e s otterranee

Fase di

   

realizzazione

Unica

Totale

Incremento del carico urbanistico (produzione di rifiuti e s maltimento acque reflue )

Fase di realizzazione Fase di gestione

Giornalie ra

Totale per le acque Parziale per i rifiuti

Incremento del traffic o veicolare

Fase di gestione

Settimana le

Totale

Inquinamento atm osferico

Fase di gestione

Settimana le

Totale

Inquinamento ac ustico

Fase di gestione

Settimana le

Totale

Consumo di en ergia

Fase di realizzazione Fase di gestione

Giornalie ra

Nessuna

Fig. 5

Impatti ambientali, d urata, frequenza e reversibilità

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

3 5

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

4.4.4.4. DESCDESCDESCDESC RIZIONERIZIONERIZIONERIZIONE DELLEDELLEDELLEDELLE MISMISMISMIS UREUREUREURE PREVPREVPREVPREV

4.4.4.4. DESCDESCDESCDESC RIZIONERIZIONERIZIONERIZIONE DELLEDELLEDELLEDELLE MISMISMISMIS UREUREUREURE PREVPREVPREVPREV ISTEISTEISTEISTE

4.1.4.1.4.1.4.1.

MisMisMisMis ureureureure didididi mitigazionemitigazionemitigazionemitigazione

Gli intervent i finalizzati a contenere gli impatti am bientali del progetto sono riconducibili a :

Inter venti per la riduzione della congestione s tradale;

Inter venti per il contenimento degli impatti atm osferici;

Inter venti per la continuità ecologica dei fossi;

Inter venti per il contenimento dell’impatto acu stico;

Inter venti per la road ecology;

Inter venti per il contenimento dell’imper meabilizzazione del terre no;

Inter venti per la mitigazione visiva;

Inter venti di schermatura dal vento.

4.1.1.4.1.1.4.1.1.4.1.1. IntIntIntInt erventierventierventierventi perperperper lalalala riduzionriduzionriduzionriduzion eeee delladelladelladella congescongescongesconges tionetionetionetione stradalestradalestradalestradale

contenere gli impatti derivanti dall’incr emento del traffico

sono stati introdotti

interventi di miglio ramento della viabilità stradale, così c ome evidenziati nel

paragrafo 6.3.9.1

evidenziate” dell’a llegato 3 “Studio di traffico riguard ante la verifica di funzionalità della v iabilità di accesso e di competenza al l’Outlet Village Città

“Indicazioni progettuali per la risolu zione delle criticità

veicolare generato

Al fine

di

dall’attrattività

del CSA

VILLAGE,

Sant’Angelo, in pre visione dell’ampliamento delle superfici d i vendita”.

Con riferi

mento alla Errore. L'origine riferimento n on è stata trovata. si

riportano di seguito alcuni esempi tratti dal sopraccitato stud io.

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

3 6

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

Per quan to riguarda l’intersezione C, nella qual e risulta critico solo l’approccio sud n

Per quan to riguarda l’intersezione C, nella qual e risulta critico solo l’approccio sud n el caso di massima domanda (Alte rnativa B orizzonte

temporale 2025), c i si limita in questa sede a suggerire pe r la risoluzione della

criticità citata l’intr oduzione di una corsia dedicata per la

l’approccio est. Ta le accorgimento evita che il flusso pr oveniente da est e diretto sul braccio n ord (verso i nuovi comparti) si immetta s ull’anello, favorendo pertanto l’immissio ne dall’approccio sud. Inoltre è pos sibile aumentare la larghezza della co rsia d’immissione dell’approccio sud di 0,5 m, portandolo a

3,8 m, riducendo

dell’approccio nord il quale non risulta particolarmente critic o.

di tali accorgimenti consente la risolu zione della criticità

quale si riporta la

se necessario la larghezza dell’is ola di separazione

svolta a destra per

L’adozione evidenziata come

mostra

la

seguente

tabella,

nella

valutazione col me todo SETRA dell’accorgimento proposto.

L’intersez ione G, come già detto, presenta livelli di servizio scadenti (D) sui due approc ci nord ed ovest , i quali sono interessati prevalentemente da

nord-ovest e ovest-

Nord.

reciprocamente dal

momento che per ciascun approccio le manovre di immiss ione sull’anello della

rotatoria sono com unque condizionate dalle manovre di braccio, poiché l’u tente si immette solo quando è certo sopraggiunge effet tua svolta per uscire.

minore risulta essere

flussi per le mano vre di attraversamento della rotatoria:

Tali flussi

non si intersecano, ma si influenzano

uscita sullo stesso che il mezzo che

Pertanto

tale influenza è tanto maggiore quanto

la larghezza di se parazione tra la corsia di entrata e la c orsia d’uscita, e nel caso in esame tale larghezza è addirittura pari a zero per l’a pproccio ovest.

Utilizzando il meto do SETRA, si evince che aumentando

rotatoria fino ad a vere per i due approcci critici una lar ghezza della corsia

d’immissione pari

livello di servizio

peggiore pari a C e

l’approccio nord (cf r. Errore. L'origine riferimento non è s tata trovata.).

riserva di capacità minima pari al 16% che si registrano per

funzionamento rie ntra nel campo dell’accettabilità con

5,5 m ed una larghezza di separazio ne pari a 5,6 m, il

le dimensioni della

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

3 7

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

4.1.2.4.1.2.4.1.2.4.1.2. IntIntIntInt erventierventierventierventi perperperper ilililil

4.1.2.4.1.2.4.1.2.4.1.2. IntIntIntInt erventierventierventierventi perperperper ilililil contenimecontenimecontenimecontenime ntontontonto deglideglideglidegli impattiimpattiimpattiimpatti atmosfericiatmosfericiatmosfericiatmosferici

in atmosfera riveste

particolare rilievo

funzione della prop ria morfologia e della propria ubicazione .

Queste s ono state distinte in due gruppi: are e ripariali ed aree

urbanizzate. Le p rime individuabili rispettivamente sui

dell’intera area des tinata al Città Sant’Angelo Village, le se conde all’interno dei singoli lotti del nuo vo intervento (Programma Funzionale 2) ed in adiacenza alla

lati N-E ed S-O

la sistemazione delle aree a verde, i l cui trattamento è

Da un pu nto di vista dei bilanci delle emissioni

viabilità carrabile d i progetto (cfr. allegato 2). In entrambe l e aree si è trattato le

con una piantumazione di tipo intensi vo ed ad alto fusto scelta delle specie, le prescrizioni di le gge (L.R. 29 marzo

superfici a verde rispettando, nella

1994, n. 15) ed il p atrimonio vegetale esistente già consolid ato.

4.1.3.4.1.3.4.1.3.4.1.3. IntIntIntInt erventierventierventierventi perperperper lalalala continuitcontinuitcontinuitcontinuit àààà ecologecologecologecolog icaicaicaica deideideidei fossifossifossifossi

Da un pu nto di vista faunistico possiede particola re rilievo la prevista

sistemazione natur aleggiante del fosso senza nome che p erimetra a Nord-Est

l’area d’intervento. trova origine nelle

confluire con un an damento sub- rettilineo nel Saline in loc. San Martino Basso.

alveo, debolmente incassato, denot a una evoluzione

blandamente erosi va. Asciutto per lungo periodo in estate,

è capace di portate

di qualche rilievo in

Il progett o di sistemazione, limitato alla sez ione interclusa nel

perimetro comples sivo d’intervento, si prefigge i seguenti ob iettivi:

del tratto di alveo dai rifiuti etero tip ici ammassatisi nel

Modesto affluente in sinistra idrografi ca del Saline, esso propaggini collinari site a NE (oltre Co lle di Moro) per poi

Il

suo

quello invernale e primaverile.

- pulizia

tempo , con smaltimento degli stessi a discarica autorizzata;

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

3 8

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

- consol idamento delle scarpate e/o delle quote interve nti di ingegneria naturalistica, natura lizzate,

- consol idamento delle scarpate e/o delle quote interve nti di ingegneria naturalistica, natura lizzate, palificate, ecc ;

- taglio

di fondo con mirati

quali: gabbionate

e trasporto a rifiuto delle essenze arbo reo – arbustive non

autoct one (in particolare: Robinia pseudo acacia e Ailantus altissi mum) soprannumerarie e dunque in ficianti la fruizione

minim a dei luoghi;

proprie della fascia

fluviale

sessat e di genere maschile;

(gen. Salix e Populus), dando maggi ore spazio a piante

- fornitu ra e messa a dimora di piante arboree

marzo 1994, n. 15

a dimora per ogni

neonato a seguit o di registrazione anagrafica (Attuazio ne della legge 29

113)”, disciplina le essenze che posso no essere messe a dalla linea di costa e fino a 300 m sul li vello del mare:

“Disciplina delle tip ologie delle essenze arboree da porre

L’art. 3

“Biotipologie forestali” della L.R. 29

gennaio 1992, n. dimora entro 10 Km

Roverella (Quercus pu bescens) Farnia (Quercus robur) Leccio (Quercus ilex) Pino d’Aleppo (Pinus h alepensis) Pino marittimo (Pinus p inaster) Pino domestico (Pinus pinea) Alloro (Laurus nobilis) Corbezzolo (Arbutus u nedo)

Frassino ossifillo (F raxinus oxycarpa) Orniello (Fraxinus o rnus) Acero campestre (A cer campestre) Acero minore (Acer monspessulanum) Sorbo comune (Sor bus domestica) Tamerice (Tamarix africana) Carpino bianco (Ca rpinus betulus)

Partendo da questo presupposto l’area ripariale verr à trattata lasciando

inalterata la veget azione esistente in prossimità della pa rte più bassa. Man mano che ci si al lontana dall’alveo del fosso si piantum eranno delle piante

tipiche delle zone

Nigra e Populus a lba), il carpino (Ostrya carpinifolia) e l’ Ontano Nero (Alnus

ripariali quali: il salice bianco (salix alb a); i pioppi (Populus

Glutinosa) e siepi

miste (Ligustrum vulgare, Sambucus eb ulus, Crategus, etc.).

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

3 9

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

La disposizione de lla vegetazione seguirà un andamento all’andamento del f osso. Nelle aree a

La disposizione de lla vegetazione seguirà un andamento all’andamento del f osso.

Nelle aree a verde privato di uso pubblico si piantum erà una vegetazione

varietà di piante di

tipo boschivo ad a lto fusto con differente accrescimento. L e aree in questione saranno caratterizz ate da piante: di elevato numero, dalle d imensioni ridotte ed a crescita veloce ( Cercis siliquastrum, laurus Nobilis); alt ernate da un ridotto

di grandi dimensioni ed a crescita lenta , come gli aceri e le

compatibile con le

lineare e parallelo

prescrizioni di legge e costituite da una

numero di piante,

querce. Verranno r eimpiantati alberi maturi di ulivo già esp iantati nel corso del primo intervento.

utilizzare tutte le aree a verde con una vegetazione di tipo

intensiva è stata de ttata dall’esigenza di avere una mitigazi one immediata degli

alterare l’ecosistema vocazione originaria.

E’ important e sottolineare che il potenziamento dell a rete ecologica nel

fosso garantisce il

mantenimento dell’habitat naturale de lla fauna locale. Le

impatti su un territ orio in trasformazione in modo da non esistente, garanten do nel tempo il mantenimento della sua

La scelta di

aree a verde ad iacenti saranno tra loro collegate d a alcuni punti di attraversamento pe r la migrazione della fauna.

4.1.4.4.1.4.4.1.4.4.1.4. IntIntIntInt erventierventierventierventi perperperper ilililil contenimecontenimecontenimecontenime ntontontonto dell’imdell’imdell’imdell’im pattopattopattopatto acusticoacusticoacusticoacustico

il carico emissivo

connesso alle attività di cantiere e pe r l’attuazione di una

azione di contenim ento della propagazione del rumore sono :

utilizzo di m acchine, attrezzature ed impianti di can tiere omologati che

rispettano i limiti di

legge, in seguito e lencati, rappresentano gli standard pre stazionali di minimo che potranno esse re migliorati utilizzando i modelli con m igliori caratteristiche prestazionali.

emissione sonora previsti per legge. I l imiti di emissione di

complessivamente

Gli intervent i di mitigazione necessari per ridurre

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

4 0

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

Per mitigar e l’impatto acustico, specie se in prossimità di aree residenziali, si poss ono

Per mitigar e l’impatto acustico, specie se in

prossimità di aree

residenziali, si poss ono adottare i seguenti accorgimenti op erativi:

barriere

perimetralm ente all’area di cantiere, e mobili,

prossimità d elle attrezzature mobili;

antirumore

fonoassorbenti:

fisse,

da posizionare da posizionare in

ottimizzazio ne del layout di cantiere localizzando l e fonti rumorose in zone più isol ate;

adeguata fo rmazione agli addetti alle operazioni rum orose finalizzata alla

riduzione e/o

riduzione dei rumori complementari.

4.1.5.4.1.5.4.1.5.4.1.5. IntIntIntInt erventierventierventierventi perperperper lalalala roadroadroadroad ecoecoecoeco sicurezsicurezsicurezsicurez zazazaza stradalestradalestradalestradale

logylogylogylogy eeee lalalala

Per salvagu ardare le specie animali presenti local mente evitandone la

mortalità dovuta all ’investimento accidentale da parte dei v eicoli, ma ancor più per salvaguardare la sicurezza delle persone che transita no in auto sono stati introdotti accorgim enti specifici. Per quegli animali c he si introducono impropriamente in cantiere, è necessario delimitare le aree di cantiere con una recinzione adeguat amente alta ed a maglia fitta. Parte dell a rete (20 cm) deve essere interrata pe r evitare che gli animali possano scavare al di sotto.

principale di accesso al CSA VILLA GE, via Moscarola,

dei dissuasori visivi per gli animali, il cui obiettivo è quello di

Sulla strada verranno installati

segnalare il limite s tradale ed evitare l’avvicinamento della fauna circostante. Il sistema denominat o Wildlife Warning Reflector (sinteticam ente indicato WWR)

è costituito da ele menti verticali di 20 cm a sezione trian golare, posizionati a

di circa 50 m l’uno

terra lungo il cigli o stradale, ad una distanza regolare

dall’altro, con due facce riflettenti la luce dei veicoli stradali nelle aree adiacenti la strada, ogni vo lta che passa un veicolo. Questo p roduce un continuo cambiamento dell a luminosità del ciglio stradale, pertant o funge da avviso

ottico per la fauna

circostante che viene messa in fuga.

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

4 1

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

Pertanto da creare un habitat incremento della s pecie, dall’altra, però la fauna viene circ

Pertanto da creare un habitat

incremento della s pecie, dall’altra, però la fauna viene circ oscritta all’interno di determinate aree c he non devono essere oltrepassate.

locale cercando di possa garantire un

una parte si cerca di tutelare la fauna similare a quello già esistente e che

4.1.6.4.1.6.4.1.6.4.1.6. IntIntIntInt erventierventierventierventi perperperper ilililil contenimecontenimecontenimecontenime ntontontonto dell’imdell’imdell’imdell’im permeabilizzazionepermeabilizzazionepermeabilizzazionepermeabilizzazione deldeldeldel terrenoterrenoterrenoterreno

contenere la quantità di superficie i mpermeabile, come

intervento di mitiga zione si utilizzerà per i percorsi pedonali una pavimentazione permeabile. Quest a, attorno all’albero, in combinazione co n il suolo strutturale, costituito da pietris co e ghiaia, crea delle condizioni otti mali per la pianta a causa dell’increme nto della superficie filtrante di acqua che entra nel terreno.

Al

fine

di

4.1.7.4.1.7.4.1.7.4.1.7. IntIntIntInt erventierventierventierventi didididi schermaturaschermaturaschermaturaschermatura daldaldaldal ventoventoventovento

essere intercettato, deviato o smorza to dall’ostruzione di

vento determinando,

di forte corrente i cui effetti non sono co nfortevoli. Le piante

controllano la pot enza del vento attraverso azioni qu ali: l’ostruzione, lo

smorzamento, il fi ltraggio. La riduzione dell’effetto del dall’altezza della b arriera. Nelle parti più esposte saranno

alti e sempreverd i, disposti in filari. Al fine di ottimi zzare gli effetti di smorzamento del v ento è opportuno alternare arbusti di div ersa altezza in modo tale che il flusso vie ne smorzato e deviato al di là della barri era vegetale.

edifici, pareti o pia nte. Gli edifici condizionano il flusso del

talvolta condizioni

Il vento può

vento è dipendente ubicati gli alberi più

formazione di un viene notevolmente

mitigata. In inverno , infatti si ha una temperatura meno rig ida rispetto a quella esterna, ed in estat e si beneficia dell’effetto ombreggiante d el verde.

Gli effetti s ul territorio circostante incidono sulla microclima in cu i la temperatura invernale ed estiva

MAUROMAUROMAUROMAURO D’INCECD’INCECD’INCECD’INCEC COCOCOCO

P .

4 2

. S T U D I

E

V A L U T A Z I O N I

.

Sede legale: via C. Ciglia n. 56, 65128 Pescara, ph. & fax 0852192451, dir. 3281218197, mauro.dincecco@archiworld.it

4.1.8.4.1.8.4.1.8.4.1.8. IntIntIntInt erventierventierventierventi perperperper lalalala

4.1.8.4.1.8.4.1.8.4.1.8. IntIntIntInt erventierventierventierventi perperperper lalalala mitigaziomitigaziomitigaziomitigazio nenenene visivavisivavisivavisiva

meno impattante l’effetto visivo dei m anufatti edilizi nelle

verranno piantumate di mitigare l’impatto

visivo. Questa inte rvento, comunque, non crea l’occultame nto del fabbricato, in

delle essenze arbo ree ad alto fusto il cui scopo è quello

aree a verde ad us o pubblico, adiacenti agli stessi edifici,

Per rendere

quanto almeno uno dei lati è adiacente al parcheggio estern o di pertinenza.

4.2.4.2.4.2.4.2.

MoMoMoMo nitoraggionitoraggionitoraggionitoraggio

Nella tab ella seguente si riporta l’elenco degli in dicatori di pressione

di campionamento

da utilizzare per il

monitoraggio ambientale. La frequenza

proposta è di tipo a nnuale.

COD.

COMPONENTE

IMPATTO POTENZIALE

INDICATORE

IP

1

Aria

inquinamento atmosferico

emissioni mass ime di NOx (g) da traffico veicolare sull e strade urbane e locali

IP

2

Aria

inquinamento atmosferico

emissioni massim e di HC (g) da traffico veicolare sulle s trade urbane e locali

IP

3

Aria

inquinamento atmosferico

emissioni mass ime di SO2 (g) da traffico veicolare sull e strade urbane e locali

IP

4

Aria

inquinamento atmosferico

emissioni massi me di PM10 (g) da traffico veicolare sull e strade urbane e locali

IP

5

Aria

inquinamento atmosferico

emissioni mass ime di C6H6 (g) da traffico veicolare sull e strade urbane e locali

IP

6

Paesaggio e Beni Cult urali

Alterazione del paesaggio

Concentra zione di verde urbano (mq/mq)