Sei sulla pagina 1di 2

Per il raggiungimento di tali obiettivi la Curia di Manfredonia - Vieste - San Giovanni Rotondo si avvarr di una partnership che mette

insieme ed in modo sinergico diversi soggetti con competenze specifiche

Curia Arcivescovile
Diocesi Manfredonia - S. Giovanni Rotondo - Vieste
www.diocesimanfredoniaviestesangiovannirotondo.it

Le partnership
Fondazione RavennAntica -Parco Archeologico di Classe, ente operante a livello internazionale nellambito della conservazione, del restauro e della valorizzazione di mosaici ed aree archeologiche www.ravennantica.it Consorzio OPUS, Consorzio di cooperative sociali di Foggia operante nei settori sociale e socio-assistenziale www.consopus.it Provincia di Foggia www.provincia.foggia.it
Provincia di FOGGIA

MosaiComEra
Per il recupero e la valorizzazione dellarea archeologica di Santa Maria di Siponto

Azienda di Promozione Turistica, presente sul territorio della provincia con centri Informazione e Accoglienza Turistica in diversi comuni della Provincia di Foggia www.pugliaturismo.com/aptfoggia Federcultura, che opera nei settori della cultura e dello spettacolo, del turismo e dei beni culturali ed ambientali, dellistruzione scolastica, della formazione, della comunicazione ed editoria, dello sport e del tempo libero, in rappresentanza delle Cooperative aderenti a Confcooperative www.federcultura.confcooperative.it Consorzio COTAP specializzato in attivit , promozionali tese a favorire i processi di internazionalizzazione delle piccole e medie imprese turistiche pugliesi - www.cotap.com LOPERA, societ che svolge la propria attivit nellambito dellICT - www.opera-bvs.it ICARO-IRSEF ente di formazione riconosciuto , dalla Regione Puglia - www.consorzioicaro.it

www.fondazioneperilsud.it

Via Mandara, 34/b - 71100 Foggia Tel. 0881 725550 - Fax 0881 757204 www.consopus.it - info@consopus.it

www.mosaicomera.it

Il progetto
Mosaicomera liniziativa promossa dalla Curia di Manfredonia - Vieste - San Giovanni Rotondo e finanziata dalla Fondazione per il Sud nellambito del bando storico artistico 2008. La caratteristica del progetto quella di coniugare laspetto della valorizzazione delle opere artistiche e monumentali attraverso la conservazione e il restauro, con lesigenza di accrescere le occasioni di sviluppo per il territorio in cui sono localizzate, favorendo la creazione di nuove opportunit lavorative anche a favore di categorie svantaggiate. Partendo dal restauro del patrimonio musivo conservato a Siponto si intende estendere successivamente e gradualmente gli interventi a tutta larea archeologica, attraverso il reperimento e lutilizzo di fondi comunitari, nazionali e regionali, di concerto con gli organi preposti alla tutela (Soprintendenze, Direzione Regionale BC) e gli enti locali. Liniziativa della Curia sinserisce in un programma pi ampio gi tracciato dalla Soprintendenza Archeologica della Puglia negli anni 60 con linclusione dellarea archeologica di Siponto fra quelle sottoposte a vincolo, percorso arricchito dallistituzione negli anni 90 del parco archeologico.

La chiesa di Santa Maria di Siponto


Siponto fu diocesi gi nel IV secolo d.C. e dalla met del secolo V rivest un ruolo di grande rilievo nella vita religiosa, legandosi al culto micaelico di Monte SantAngelo. Le tracce della citt tardo-antica si ritrovano anche nelle strutture della Chiesa paleocristiana. Nel corso degli secoli, anche a seguito di eventi traumatici non ancora ben definiti, ledificio sub importanti modifiche, anche se delle fasi storiche successive della Chiesa si sa ben poco. Inserita nel percorso dei pellegrini, la Chiesa, nonostante i danni arrecati da terremoti e dissesti della struttura, ha continuato ad esistere ed stata oggetto di interventi manutentivi e di ricostruzione fino alla met del XVIII secolo, epoca del definitivo abbandono. Solo in seguito linteresse degli studiosi verso gli edifici del romanico pugliese consent di riaccendere la curiosit ai resti della Chiesa di Santa Maria di Siponto, dettata anche dallanomala forma della costruzione. Per ulteriori notizie e approfondimenti: www.mosaicomera.it info@mosaicomera.it