Sei sulla pagina 1di 33

LA GRANDE CRISI

Tomasini Marco

31/10/2011

Tomasini Marco

Primavera 2007: si riscontrano presso le istituzioni finanziarie specializzate nel rilascio di mutui un aumento della DELINQUENCY e della FORECLOUSURE sui mutui subprime.

31/10/2011

Tomasini Marco

DELINQUENCY The percentage of loans within a loan portfolio that have delinquent payments. The delinquency rate is simply the number of loans that have delinquent payments divided by the total number of loans an institution holds. Typically, delinquency rates on loans are affected by the credit quality of the borrower and macroeconomic factors such as unemployment.

In parole semplici: i mancati pagamenti delle rate del mutuo.


31/10/2011 Tomasini Marco 3

Foreclosure is the legal process by which a mortgagee, or other lien holder, usually a lender, obtains a termination of a mortgagor's equitable right of redemption, either by court order or by operation of law. The foreclosure process as applied to residential mortgage loans is a bank or other secured creditor selling or repossessing a parcel of real property (immovable property) after the owner has failed to comply with an agreement between the lender and borrower called a "mortgage" or "deed of trust".
31/10/2011 Tomasini Marco 4

Tradotto: un esproprio con rivendita da parte della banca.

31/10/2011

Tomasini Marco

31/10/2011

Tomasini Marco

COME MAI SUCCEDE TUTTO QUESTO?


Crollo del prezzo degli immobili iniziato nel 2006.

31/10/2011

Tomasini Marco

Fino a quando i prezzi delle case aumentano, il lender, pu decidere di rivendere il collateral attraverso una auction e non solo riprendere il capitale prestato ai borrowers, ma anche ottenere un piccolo capital gain. In poche parole il collateral in continuo aumento di valore porta a far si che i lender evitino i rischi di insolvenza.

Tutto questo chiaramente dovuto ad unanomalia del mercato e ad una situazione ben precisa delleconomia mondiale e della politica economica-monetaria USA. Siamo di fronte chiaramente ad una BOLLA SPECULATIVA sui prezzi degli immobili.
31/10/2011 Tomasini Marco 8

BOLLA SPECULATIVA?
In economia si definisce bolla speculativa una particolare fase di un qualsiasi mercato caratterizzata da un aumento considerevole e ingiustificato dei prezzi di uno o pi beni, dovuto ad una crescita della domanda repentina e limitata nel tempo. Generalmente si parla di bolla speculativa con riferimento a mercati finanziari, nei quali vengono trattate azioni, obbligazioni e titoli derivati. Ma la storia delle bolle insegna che sono stati frequenti i casi di bolle speculative che hanno riguardato beni materiali, come gli immobili. Alla fase di nascita e di crescita della bolla segue poi la fase di "scoppio" che tende a ripristinare i valori originari del bene in questione.
31/10/2011 Tomasini Marco 9

Qual lorigine della bolla? La politica monetaria estremamente espansiva adottata da Greenspan dopo il 2001 per: - limitare la caduta dei prezzi per la fine della bolla azionaria dot.com - combattere la recessione del 2001 dopo attacco a torri gemelle
31/10/2011 Tomasini Marco 10

SEQUENZA:
1. Mutuatari non rimborsano prestiti 2. Lenders acquisiscono i beni che ora valgono meno a causa dello scoppio della bolla 3. Valore immobile < valore debito 4. Le istituzioni registrano perdite

31/10/2011

Tomasini Marco

11

QUESTO COSA CENTRA?


PERCHE UN PROBLEMA DI BANCHE CHE EROGANO PRESTITI IN AMERICA DOVREBBE PORTARE AD UNA DELLE RECESSIONI Pi GRANDI DELLA STORIA DEL CAPITALISMO MODERNO? . Tutta colpa della cartolarizzazione del debito e soprattutto dei mutui subprime .

31/10/2011

Tomasini Marco

12

La cartolarizzazione la cessione di attivit o beni di una societ definita tecnicamente originator, attraverso l'emissione ed il collocamento di titoli obbligazionari. Il credito viene ceduto a terzi, e il rimborso dovrebbe garantire la restituzione del capitale e delle cedole di interessi indicate nell'obbligazione. Se il credito diviene inesigibile, chi compra titoli cartolarizzati perde sia gli interessi che il capitale versato.

31/10/2011

Tomasini Marco

13

Subprime (Subprime lending), B-Paper, near-prime o second chance sono termini della lingua inglese che indicano quei prestiti che, nel contesto finanziario statunitense, vengono concessi ad un soggetto che non pu accedere ai tassi di interesse di mercato, in quanto ha avuto problemi pregressi nella sua storia di debitore. I prestiti subprime sono rischiosi sia per i creditori sia per i debitori, vista la pericolosa combinazione di alti tassi di interesse, cattiva storia creditizia del debitore e situazioni finanziarie poco chiare o difficilmente documentabili, associate a coloro che hanno accesso a questo tipo di credito. Il termine, in particolare il prefisso "sub-", fa riferimento alle condizioni inferiori a quelle ottimali del prime loan, considerando il maggior grado di rischio, del rapporto di obbligazione.
31/10/2011 Tomasini Marco 14

Le banche originano il credito erogando mutui alle famiglie ma non lo tengono in bilancio. Esse cedono il credito agli Special Purpose Vehicles (SPV) che creano titoli garantiti dai mutui (Mortgage Backed Securities o MBS; Collateralized Debt Obligations o CDO).

31/10/2011

Tomasini Marco

15

Gli SPV si procurano i fondi per pagare alle banche i mutui da cartolarizzare emettendo carta commerciale ed indebitandosi cos presso i privati. Essi vendono MBS e CDO agli investitori istituzionali distinguendo: Senior tranche, caratterizzata dalla tripla A delle agenzie di rating, destinata agli investitori meno propensi al rischio, Equity tranche, non classificata, destinata agli investitori pi propensi al rischio.
31/10/2011 Tomasini Marco 16

Si iniziano a diffondere i CDS (credit default swaps) veicolo per assicurarsi contro il rischio di insolvenza di un debitore attraverso il pagamento di una fee (premio)

31/10/2011

Tomasini Marco

17

I CDS costituiscono un veicolo per assicurarsi contro il rischio di insolvenza di un debitore: listituzione che emette il CDS e lo vende (venditore di protezione), chiamiamola A, offre di pagare allacquirente del CDS (acquirente di protezione), diciamo B, capitale e interesse in caso il debitore dellacquirente (debitore di riferimento), chiamiamolo C, sia insolvente; lacquirente del CDS paga un premio (fee) al venditore.
31/10/2011 Tomasini Marco 18

Se C non fallisce, tutto si risolve in maggiori ricavi per il venditore di protezione. Se C fallisce, A paga a B quanto gli doveva C. Ma un altro soggetto, diciamo D, pu acquistare un CDS da A che lo copre dal fallimento di C anche se D non creditore di C Egli quindi scommette sul fallimento di C. Se questo fallisce, D incamera una certa somma da A. Chi scommette sul fallimento di C, potrebbe avere interesse a accelerare il fallimento di C, ad esempio vendendo, magari allo scoperto, azioni di C. Inoltre lo stesso venditore di protezione pu vendere CDS a pi soggetti. Se C fallisce il venditore di protezione esposto su molti fronti.
31/10/2011 Tomasini Marco 19

31/10/2011

Tomasini Marco

20

Ci si mette a scommettere .! E soprattutto

31/10/2011

Tomasini Marco

21

Le banche trasferiscono il rischio di credito su una platea ampia di investitori. In ultima analisi quindi linnovazione finanziaria consente: ad una frangia di individui prima esclusi (minoranze etniche e razziali) di accedere al mercato del credito, mediante i mutui subprime, alle banche di effettuare il risk sharing mediante la cartolarizzazione dei mutui. Ma la cartolarizzazione elimina lincentivo delle banche al monitoring e riduce lincentivo allo screening dei debitori.
31/10/2011 Tomasini Marco 22

Inoltre il rischio di credito, cacciato dalla porta, tornato dalla finestra per le banche: le banche infatti hanno talvolta tenuto in portafoglio la tranche equity dei MBS come segnale di affidabilit dei titoli frutto della cartolarizzazione, esse hanno spesso garantito una linea di credito come fonte di liquidit secondaria per gli SPV qualora questi ultimi non fossero riusciti a finanziarsi sul mercato della carta commerciale.
31/10/2011 Tomasini Marco 23

- EVAPORAZIONE DELLA LIQUIDITA


- I FONDI SOSPENDONO PAGAMENTI

- I FONDI SOSPENDONO RIMBORSI - PANICO


- FLIGHT TO QUALITY! Dai fondi di investimento ai titoli di stato e sui beni rifugio il cui prezzo sale - BANK RUN
31/10/2011 Tomasini Marco 24

31/10/2011

Tomasini Marco

25

PERCHE LO STATO NON HA PAGATO DI TASCA PROPRIA?


Moral hazard Lo ha fatto dove poteva Aiutare significa immettere liquidit

31/10/2011

Tomasini Marco

26

COSA HANNO FATTO?


AIG SALVATA CON FONDI PUBLICI MERRIL LYNCH ACQUISTATA DA BANK OF AMERICA INDYMAC FALLITA BEAR STEARNS FALLITA E SALVATA CON SOLDI PUBLICI PRIVATI LEHMAN BROTHERS FALLITA NORTHERN ROCK FALLITA FANNIE MAE SALVATA FREDDIE MAC SALVATA
31/10/2011 Tomasini Marco 27

RECESSIONE E IL PIL NON CRESCE PIU

31/10/2011

Tomasini Marco

28

E cosa centrano gli stati? NO PIL NO PARTY

31/10/2011

Tomasini Marco

29

1. 2. 3. 4. 5.

Recessione Pil non cresce Non c crescita Le entrate del gettito fiscale diminuiscono Lo stato ha difficolt a pagare e a mantenere i suoi impegni nei pagamenti 6. Peggiora merito creditizio 7. Aumentano tassi di interesse 8. Aumenta debito 9. Stato fa fatica a pagare rate del debito 10. peggiora il merito creditizio 11. e la spirale continua
31/10/2011 Tomasini Marco 30

POSSIBILI SOLUZIONI?
1. In Italia 2. Nella Finanza

31/10/2011

Tomasini Marco

31

in Italia
Privatizzazioni per: - riduzione debito attraverso ricavi - diminuzione spesa pubblica Flessibilit del lavoro Puntare sulla competizione sulla qualit pi che sulla quantit (riqualificazione forza lavoro) Credibilit internazionale: - certezze del diritto - credibilit e stabilit del governo Investimenti: - infrastrutturali - riqualificazione forza lavoro
31/10/2011 Tomasini Marco 32

nella finanza
Migliorare le interconnessioni tra paesi - coordinamento delle banche centrali - coordinamento degli organi di controllo mercati e borsa Regole di finanza globale Moralizzazione ed eticizzazione della finanza Regolamentazione dei derivati Lotta alla speculazione finanziaria Aumento trasparenza e della credibilit dei mercati
31/10/2011 Tomasini Marco 33