Sei sulla pagina 1di 3

Al Presidente del Consiglio regionale del Piemonte

INTERROGAZIONE
ai sensi dellarticolo 18, comma 4, dello Statuto e dellarticolo 99 del Regolamento interno. Ordinarie a risposta orale in Aula Ordinarie a risposta orale in Commissione Ordinarie a risposta scritta Indifferibile e urgente in Aula Indifferibile e urgente in Commissione

OGGETTO: Conferma impegni produttivi di Fiat per FGA Officine Automobilistiche di Grugliasco S.p.a. (ex Bertone). Premesso che: il 15 febbraio 2011 la Fiat ha presentato un piano per la ripresa dellattivit produttiva delle Officine Automobilistiche di Grugliasco; il 19 aprile 2011 si tenuto presso la sede del Lingotto un incontro sulle Officine Automobilistiche di Grugliasco a cui hanno partecipato lAmministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne, i Segretari Confederali della CGIL, Susanna Camusso, della CISL, Raffaele Bonanni, della UIL, Luigi Angeletti, e il Segretario Generale della FISMIC, Roberto Di Maulo e i Segretari nazionali di FIM, FIOM e UILM. In questo incontro la Fiom ha ribadito lindisponibilit ad accettare condizioni che ricalcassero il modello Pomigliano e la Fiat si riservata di decidere sul futuro produttivo asserendo che sarebbe impossibile realizzare gli obiettivi del piano senza il consenso dellorganizzazione sindacale che conta il maggior numero di iscritti fra i dipendenti e la maggioranza nelle RSU dello stabilimento; il 3 maggio 2011 si tenuto il referendum organizzato dalla RSU sul piano presentato dalla Fiat e la maggioranza assoluta dei lavoratori ha approvato il piano di Fiat. Tale risultato era peraltro scontato poich le RSU della Fiom, maggioranza in stabilimento, hanno dato indicazione di voto favorevole in difformit con la posizione ufficiale della loro stessa organizzazione sindacale, al fine di non prestare il fianco alle accuse strumentali di compromettere il rilancio produttivo. Le RSU Fiom, subito dopo lesito referendario, hanno dato collettivamente le dimissioni con la conseguente decadenza dellintera rappresentanza sindacale dello stabilimento aprendo formalmente la procedura per il rapido rinnovo delle RSU, che per stato successivamente ostacolata dalle altre organizzazioni sindacali in commissione elettorale. La Fiat ha commentato lapprovazione del Piano dichiarando apprezzamento per il grande senso di responsabilit dimostrato dai dipendenti dello stabilimento e precisando che si attende ora di verificare la disponibilit delle Organizzazioni Sindacali a formalizzare la proposta aziendale che comporta

lapplicazione anche nelle Officine Automobilistiche Grugliasco, a partire dal 1 gennaio 2012, del Contratto collettivo specifico di primo livello gi previsto per lo stabilimento Giambattista Vico di Pomigliano dArco e per quello di Mirafiori. Confermando inoltre che, in presenza della firma di un accordo e della esistenza delle condizioni applicative necessarie, avrebbe provveduto a dare il via libera al piano di investimenti previsti dal progetto. Il giorno seguente i sindacati nazionali hanno sottoscritto l'intesa per dare il via libera all'investimento da 550 milioni e per Fiom hanno firmato solo le Rsu. Valutato che: il 28 agosto 2011 la Fiat ha diramato il seguente comunicato stampa: Dopo un colloquio telefonico con il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Maurizio Sacconi, lamministratore delegato della Fiat, Sergio Marchionne, ha confermato lavvio degli investimenti previsti per lo stabilimento di Grugliasco (Torino), dove verranno prodotte automobili con il marchio Maserati. La decisione stata presa basandosi sulle dichiarazioni del Ministro che ha confermato la determinazione del Governo a rendere operative le misure di interesse aziendale previste dal decreto del 12 agosto scorso. Considerato che: la Fiom Cgil di Torino ha chiesto al Tribunale di Torino di pronunciarsi sulla legittimit del comportamento della maggioranza dei membri della Commissione elettorale che aveva proceduto alla fissazione per i giorni 12 e 13 dicembre 2012 delle date per la consultazione elettorale delle RSU, ritenendo tale deliberazione illegittima poich in violazione dellinsieme delle disposizioni che regolano le procedure di rinnovo delle rappresentanze sindacali unitarie, determinando uningiustificata eccessiva vacanza dellorganismo elettivo di rappresentanza dei lavoratori e pregiudicando di conseguenza irrimediabilmente il loro diritto ad essere rappresentati; il tribunale di Torino con sentenza del 28 ottobre 2011 ha accolto il ricorso della Fiom contro la commissione elettorale intimando a Fiat di svolgere le elezioni dei rappresentanti sindacali entro il 15 novembre 2011; il 4 novembre 2011, in un incontro con le organizzazioni sindacali, per affrontare il nodo della cassa integrazione per ristrutturazione, che dovrebbe coinvolgere i 1.077 operai, in attesa della produzione della nuova Maserati prevista per fine 2012, la Fiat ha confermato linvestimento, ma solo a condizione che siano date garanzie da tutti i sindacati sulla governabilit dello stabilimento e il rispetto dellaccordo che estende il contratto di Pomigliano, ritenendo non pi sufficienti le firma dellaccordo da parte delle RSU Fiom e pretendendo anche la firma dellorganizzazione sindacale; in mancanza di questultima, Fiat procederebbe non pi con la cassa integrazione per ristrutturazione ma per cessazione attivit. . Considerato ancora che: il mancato avvio produttivo della FGA Officine Automobilistiche di Grugliasco S.p.a avrebbe un impatto pesantissimo sulla grave crisi occupazionale che gi colpisce la nostra regione, anche considerando le ricadute sullindotto collegato, come nel caso della Lear Corporation di Grugliasco, che ha recentemente aperto una procedura di mobilit per 464 lavoratori su 579 complessivi e che sta attraversando una difficile trattativa che verrebbe definitivamente compromessa qualora non fosse confermata la produzione della Maserati.

INTERROGA la Giunta regionale, per sapere: come intenda intervenire affinch la Fiat non smentisca gli impegni gi formalmente assunti sugli investimenti previsti per lo stabilimento di Grugliasco, per la produzione di automobili con il marchio Maserati; quante e quali siano le aziende dellindotto legate a FGA Officine Automobilistiche di Grugliasco S.p.a. direttamente interessate dallavvio produttivo e le relative ricadute occupazionali sulle stesse. Torino, 8 novembre 2011 Eleonora Artesio (PRIMA FIRMATARIA)