Sei sulla pagina 1di 19

lezione 1

Algoritmo di Euclide, Teorema Cinese del resto, congruenze modulo n

Erika Damian erika damian@yahoo.it

lezione 1

Divisibilit`a e prime propriet`a Def. Dati due interi n, m Z si dice che n `e un divisore di m se esiste k Z tale che

m = nk. Si indica con

n|m

.

n|0 per ogni n Z, (0 = n · 0);

se n

= 0, allora 0 |n;

• ±1|n e ±n|n per ogni n Z. (divisori banali)

se n|1, allora n ∈ {1, 1}. Proposizione 1.

1. Se n|m e m|q, allora n|q. (transitiva)

2. Se n|m e m|n, allora m ∈ {n, n}.

Dimostrazione.

1. Ipotesi: n|m e m|q. Allora

(per def) esistono r, t Z tali che m = nr e q = mt. Quindi: q = mt = (nr)t = n(rt) n|q

2. Ipotesi: n|m e m|n. Allora esistono u, v Z

tali che m = nu e n = mv. Quindi:

m = nu = (mv)u = m(vu) m(1 vu) = 0

Quindi o m = 0 oppure 1 vu = 0.

allora n = mv = 0, quindi m = n. Se 1 = vu, allora o v = u = 1 (ossia m = n) oppure u = v = 1 (ossia m = n).

Se m = 0,

v = u = 1 (ossia m = n ) oppure u = v = −

lezione 1

Def (MCD). Dati due interi n, m Z, si dice

che d Z `e un massimo comun divisore tra n e

m se:

(D1) d|n e d|m;

(D2)

se c Z, c|n e c|m, allora c|d.

Proposizione 2. Se n, m Z e d `e un MCD tra n e m, allora anche d `e un MCD tra n e m; inoltre se d, d Z sono due MCD tra n e m, allora d ∈ {d , d }.

Dimostrazione.

(D1) (applicata a d)

d|n e d|m

(D2) (applicata a d

) d|d

Scambiando i ruoli di d e d si ha d |d. Per Prop. 1 si ha d ∈ {d , d }.

Proposizione 3 (Esistenza del MCD). Dati

n, m Z esiste il massimo comun divisore tra

n e m.

Def. Siano n, m Z, indichiamo con il MCD non negativo tra n e m.

. Def. Siano n, m ∈ Z , indichiamo con il MCD non negativo tra n

(n, m)

lezione 1

Algoritmo di Euclide

Teorema 4. Siano n, m Z. Sia n = mq + r, 0 r < m, la divisione euclidea di n per m. Allora (n, m) = (m, r).

Dimostrazione.

d := (n, m)

esistono h, k Z : n = dh e m = dk;

r = n mq = dh d(kq) = d(h kq)

d|m e d|r

d|(m, r)

.

d|r;

d := (m, r)

esistono u, v Z : m = d u e r = d v;

n = mq + r = d uq + d v = d (uq + v) d |n;

d |m e d |n

d |d
d |d

d|d , d |d e d 0, d 0 Prop. 1

d = d .

d |d d | d , d | d e d ≥ 0 , d ≥

lezione 1

ALGORITMO DI EUCLIDE

INPUT: n, m Z.

se n = 0 OUTPUT: m

se m = 0 OUTPUT: n

se nm

=

= 0 esegui la divisione euclidea

mq + r,

0

r

<

m e applica

n

l’algoritmo di Euclide alla coppia m, r.

L’Algoritmo di Euclide riceve come input due interi n, m Z e fornisce come output (n, m).

Esercizio 1. Determinare (13762, 124).

Soluzione. n 1 = 13762, m 1 = 124

q 1 = 110, r 1 = 122,

n 2 = 124, m 2 = 122

q 2 = 1, r 2 = 2,

n 3 = 122, m 3 = 2

q 3 = 61, r 3 = 0,

(2, 0) = 2 Quindi (13762, 124) = 2.

13762 = 124 · 110 + 122

e (13762, 124) = (124, 122)

124 = 122 · 1 +

2
2

e (124, 122) = (122, 2)

122 = 2 · 61 + 0

e (122, 2) = (2, 0)

lezione 1

Si noti inoltre che:

2

= 124 122 · 1 =

= 124 (13762 124 · 110) =

= 124 · (110 + 1) + 13762 · (1) =

= 124 · (111) + 13762 · (1)

Teorema 5. Siano n, m Z e sia d = (n, m). Allora esistono x, y Z tali che:

d = nx + my

Inoltre, per ogni a, b Z si ha che d divide an + bm.

lezione 1

Algoritmo di Euclide esteso

n

=

n · 1 + m · 0

m

=

n · 0 + m · 1

Iniziamo le divisioni: n = mq 1 + r 1 e estendiamo la tabella:

n

=

m

=

r 1

=

n · 1 + m · 0

n · 0 + m · 1

n · 1 m · q 1

Continuiamo le divisioni: m = r 1 q 2 + r 2 , quindi r 2 = m r 1 q 2 , usiamo le ultime due righe della tabella precedente per scrivere r 2 in termini di n e m:

n

=

n · 1 + m · 0

m

=

n · 0 + m · 1

r

1

=

n · 1 m · q 1

r

2

=

n · u 2 m · v 2

lezione 1

Alla fine uno dei resti sar`a (m, n) e la tabella avr`a l’aspetto:

 

n

=

m

=

r

1

=

r

2

=

 

.

.

(n, m)

=

 

n · 1 + m · 0

 

n · 0 + m · 1

n

= mq 1 + r 1

n · 1 m · q 1

m

=

r 1 q 2 + r 2

n · u 2 m · v 2

r 1 = r 2 q 3 + r 3

.

 

n · u + m · v

lezione 1

Esercizio 2. Determinare d = (12345, 78) e trovare x e y tali che d = 12345 · x + 78 · y.

Soluzione.

12345

= 12345 · 1 + 78 · 0

 

78

= 12345 · 0 + 78 · 1

12345 = 78 · 158 + 21

21

= 12345 · 1 + 78 · (158)

78

= 21 · 3 + 15

15

= 12345 · (3) + 78 · (1 + 3 · 158)

21

= 15 + 6

6

= 12345 · (4) + 78 · (1 4 · 158)

15

= 6 · 2 +

3
3

3

= 12345 · (11) + 78 · (3 + 11 · 158)

6 = 3 · 2 + 0

Quindi d = 3 e

3 = 12345 · (11) +78 · (3 + 11 · 158) .

6 = 3 · 2 + 0 Quindi d = 3 e 3 = 12345 ·
6 = 3 · 2 + 0 Quindi d = 3 e 3 = 12345 ·

6 = 3 · 2 + 0 Quindi d = 3 e 3 = 12345 ·

x

y

lezione 1

Minimo comune multiplo

Def (mcm). Siano n, m Z. Un numero a Z si dice minimo comune multiplo (mcm)

di m e n se:

1. m e n dividono a;

2. se c Z `e divisibile sia da m che da n, allora a divide c.

Se a `e un minimo comune multiplo di m e n, allora anche a `e un minimo comune multiplo di m e n (e questi sono gli unici mcm di m e n); nel seguito indicheremo [m, n] il minimo comune multiplo positivo di m e n.

Teorema 6. Siano m, n Z, allora esiste [m, n] e si ha

(m, n)[m, n] ∈ {mn, mn}.

lezione 1

Congruenze: Z /n Z Def. Sia n Z. Due numeri a, b Z si dicono congrui modulo n (in simboli a b mod n)

quando n divide a b, ossia esiste c Z tale

che a

= b + cn.

• ≡ b

a mod 0 se e solo se a = b.

• ≡ b

a b

a mod 1 per ogni a, b Z.

mod n se e solo se a b

mod (n).

Basta quindi considerare la relazione di congruenza modulo n 0 Lemma 7. Sia n > 0. Allora sono equivalenti i seguenti fatti:

1. a b

2. a e b divisi per n danno lo stesso resto.

mod n;

Dimostrazione.

((1)(2)) Sia a = nq 1 + r 1 e b = nq 2 + r 2 ; possiamo assumere 0 r 2 r 1 < n. Allora

((2)(1))

a b = n(q 1 q 2 ) + (r 1 r 2 ) e 0 r 1 r 2 < n. Quindi r 1 r 2 `e il resto della divisione di a b

per n e poich´e a b

Sia a = nq 1 + r e b = nq 2 + r, allora

a b = n(q 1 q 2 ), quindi a b

mod n, allora r 1 r 2 = 0.

mod n.

1 − q 2 ), quindi a ≡ b mod n , allora r 1 −

lezione 1

Esercizio 3. La relazione di congruenza `e una relazione d’equivalenza (i.e. `e riflessiva, simmetrica e transitiva).

Dimostrazione. Conseguenza del lemma precedente.

Dimostrazione. Conseguenza del lemma precedente. Dal lemma segue che le classi d’equivalenza della

Dal lemma segue che le classi d’equivalenza

della relazione “

resti distinti della divisione per n.

Sia a Z e n 0,

mod n”corrispondono ai

[a] n

= {b Z | b a

= {b Z | a e b divisi per n danno lo stesso resto}

mod n}

Quindi la congruenza modulo n con n > 0 d`a luogo a n classi:

[0] n , [1] n ,

, [n 1] n

L’insieme quoziente di Z modulo la relazione

mod n”, cio`e l’insieme delle classi resto

modulo n, che si indica con Z /n Z, ha dunque

n elementi se n > 0.

lezione 1

Esercizio 4. Descrivere le classi resto in Z /6 Z e in particolare descrivere la classe [125] 6 .

Soluzione. Z /6 Z ha 6 classi: [0] 6 , [1] 6 ,

Tali classi sono insiemi di interi che costituiscono

una partizione di Z:

, [5] 6 .

[0] 6

=

{a Z | a 0

mod 6} = {6k Z | k Z}

[1] 6

=

{6k + 1 | k Z}

[2] 6

=

[3] 6

=

.

.

.

Descriviamo [125]:

[125] 6 = {a Z | a e 125 divisi per 6 danno lo stesso resto}

Poich´e 125 = 6 · 20 +

[125] 6

=

5
5

, allora:

[5] 6 = {6k + 5 | k Z}

lezione 1

Sistemi di congruenze

x

a

mod m

x

b

mod n

(1)

Teorema 8. Il sistema (1) ha soluzione se e solo se (m, n) divide b a.

Dimostrazione. () Se una soluzione x 0 esiste, allora esistono s, t Z tali che:

x 0 a = ms

x 0 = a + ms

x 0 b = nt

x 0 = b + nt

dunque

a+ms = x 0 = b+nt ba = msnt T h.5

(m, n)|b a

() Se (m, n)|b a, allora esiste k Z tale che b a = k(m, n). Inoltre dal Teorema 5 segue che esitono u, v Z tali che (m, n) = um + vn (e li sappiamo calcolare con l’algoritmo di Euclide) quindi:

b a = kum + kvn

b kvn = a + kum

x 0 = b kvn `e soluzione di (1)

kum + kvn ⇒ b − kvn = a + kum ⇒ x 0 = b

lezione 1

Teorema (Teorema Cinese del resto). Il sistema (1) ha soluzione se e solo se (m, n) divide b a. Se x 0 `e soluzione del sistema, allora allora l’insieme di tutte le soluzioni `e {x 0 + k[m, n] | k Z} = [x 0 ] [m,n] . Esercizio 5. Risolvere (se possibile) i seguenti sistemi di congruenze:

x

x

19

7

mod 4

mod 110

x

x 7

18

Soluzione.

Consideriamo


x

19

mod

4

x

7

mod

110

mod 34

mod 26

Nelle notazioni precedenti:

a = 19, m = 4, b = 7, n = 110,

(m, n) = (4, 110) = 2

e

b a = 12

;

x

19

mod 4

x

7

mod 110

x

12

mod 25

poich´e 2 divide 12, allora il sistema ha soluzione.

Determiniamo una soluzione x 0 .

lezione 1

Con l’algoritmo di Euclide esteso determino u, v Z tali che (m, n) = um + vn:

110

= 110 · 1 + 4 · 0

 

4

= 110 · 0 + 4 · 1

110 = 4 · 27 +

2

= 110 · (1) + 4 · (27)

4 = 2 · 2 + 0

2
2

Quindi (110, 4) = 2 = 110 · (1) + 4 · (27).

Esprimo b a = (m,n) · (um + vn):

ba

7 19

=

=

7 19 (110 4 · 27) =

2

110 · (6) + 4 · (27 · 6)

7 + 110 · (6) = 19 + 4 · (27 · 6) = x 0

L’insieme delle soluzioni:

{x 0 + k[m, n] | k Z}.

[m, n](m, n) = mn

[4, 110] = 4 · 110

2

= 220

{667 + k · 220 | k Z} = [667] 220 = [7] 220

Quindi le soluzioni di questo sistema sono tutte e sole le soluzioni dell’equazione

x 7

mod 220

lezione 1

Il secondo sistema

mod 34

x 18

  mod 26

x 7

non ha soluzione perch´e (34, 26) = 2, 18 7 = 11 e 2 |11.

Il terzo sistema

 

x

19

mod 4

x

7

mod 110

x

12

mod 25

Abbiamo mostrato che l’insieme delle soluzioni del sistema costituito dalle prime due eq. coincide con l’insieme delle soluzioni dell’eq. x 7 mod 220 quindi il terzo sistema equivale al seguente:


x

7

mod 220

x

12

mod 25

Poich´e (220, 25) = 5 divide 12 7 = 5, allora il

sistema ha soluzione. Determiniamo le soluzioni di

questo sistema.

lezione 1

Scrivo (220, 25) come combinazione di 220 e 25:

220

= 220 · 1 + 25 · 0

 

25

= 220 · 0 + 25 · 1

220 = 25 · 4 + 20

20

= 220 · (1) + 25 · (8)

25

= 20 +

5
5

5

= 220 · (1) + 25 · (9)

20

= 5 · 4 + 0

Quindi (220, 25) = 5 = 220 · (1) + 25 · (9).

Scrivo 12 7 come combinazione di 220 e

25:

12 7

=

(220, 12 5) 7 (220 + 25 · 9) =

=

220 + 25 · 9

12 + 220 = 7 + 25 · 9 = x 0

[220, 25] =

220·25

(220,5) = 1100 quindi le

soluzioni del sistema sono

{232 + k1100 | k Z} = [232] 1100

lezione 1

La funzione di Eulero

Def.

Due interi m, n Z si dicono coprimi se (m, n) = 1.

Un intero n Z `e primo se n

{1, 1} e i

suoi unici divisori sono 1, ±n}.

Dal Teorema 5 segue che:

(m, n) = 1

esistono x, y Z tali che 1 = xm+yn

Def (Funzione di Eulero). Dato un intero positivo n N, si indica con ϕ(n) il numero di interi non negativi minori di n e coprimi con n:

U n = {m N | 0 m < n, (m, n) = 1} ,

ϕ(n) = |U n |

Utili regole di calcolo

Siano n, m N due interi positivi,

se (n, m) = 1 ϕ(nm) = ϕ(n)ϕ(m).

ϕ(p) = p 1

.

Se p Z `e primo, allora

Se p Z `e primo e α N `e intero positivo,

allora

ϕ(p α ) = p α1 (p 1)

.