Sei sulla pagina 1di 4

pro manuscripto Anno IX - Settembre 2006 - n.

9
dell’albero della vita sot-
to cui far riposare i suoi
fedeli.
Il buon pastore, la cui
immagine è antica quan-
to la Bibbia è colui che si Bollettino Mensile della Parrocchia Cuore Immacolato di Maria - Silvi Marina
rispecchia in Gesù Cri-
sto, il quale ci indica la
via con la sua vita e ci *5$=,$(3$&($ con esultanza il nostro vescovo Vincenzo
insegna le verità più alte 92,'$/9(6&292 e conservando anche di quel giorno una

0,&+(/(
in maniera facile e prati- bella immagine, con la quale egli stesso
ca tanto da farci vivere significò la nostra letizia per questo e-
con la sua stessa vita. vento divino. Ricordate...come c’invitò a
Essere pastore significa Dal 24 giugno, giorno in cui volgere la nostra attenzione su Gesù,
sostenere e servire gli il Santo Padre ha nominato piuttosto che sull’asino Lo trasportava
uomini perché possano per noi un nuovo Vescovo, nel suo ingresso festoso a Gerusalem-
avere la vita, godere ho cercato d’immaginare la me?
della verità e vivere nel- gioia dei primi cristiani, quan- Con questo piccolo bagaglio di ricordi e
l’unità. do gli apostoli erano solo do- di attese nel cuore siamo andati ad ac-
dici e viaggiando, portavano cogliere Mons. Michele Seccia a Teramo
al mondo il racconto del loro e lo abbiamo seguito il giorno seguente
I Ragazzi del Catechi- incontro col Figlio di Dio. E nella sua prima visita in famiglia (come
smo delle superiori magari si ritrovavano a visita- egli stesso l’ha definita) ad Atri, col desi-
re le comunità dei credenti derio di vedere Gesù, di sperimentare
una volta ogni tanto, dopo che, come ci ha promesso, il Signore
anni o dopo sarà con noi sempre, fino
mesi; tanto alla fine del mondo!
quanto la E le nostre attese sono
nostra comu- state esaudite, siamo
$&5 nità diocesa- stati confermati nella fe-
18292&$00,1221/,1(
na ha atteso de ed ogni Parola medi-
l’arrivo di un tata prima o ascoltata
Sul sito parrocchiale www.gioiaesperanza.it è pre-
sente il nuovo cammino ACR 2006/ 2007; tutti i Pastore! nell’occasione si è com-
“navigatori” interessati potranno prenderne visio- Avendo an- piuta in maniera tangibi-
ne cora nel cuo- le; a cominciare dal salu-
Giusy Pelatti re il ricordo to che il Vescovo ci ha
di quattro rivolto! Siamo andati col
anni f a, desiderio d’incontrare
quando ac- l’Apostolo ed egli ci ha
co g l i e m m o salutati proprio con le
accoglie e dona il Salva- a donare, non scaturisce soltanto dalla potenziale fertilità di coppia.
tore. …………. l’essere umano che viene generato è di per sé portatore di una
Meditando il Vangelo dignità altissima, conferitagli da Dio stesso nel Suo atto creativo. Il dise-
proclamato durante la gno originario dell’essere umano, quindi, è ben più ampio, va oltre la
celebrazione eucaristica, fertilità e diventa fecondità con l’Amore.
Mons. Seccia ha condivi- Questo amore soprannaturale è un sole che non ammette soste al rifiori-
so con noi, il suo sentir- re della vita, perciò
si rincuorato dalle stesse perché la fertilità diventi fecondità occorre questo sole.
parole che l’angelo disse Occorre la carità che, quale raggio divino, si innesti nel rapporto uomo-
a Giuseppe rivolgendole donna e lo trasformi in Amore.
se stesso. “Non temere Ma occorre la carità anche in ogni altro rapporto umano a cominciare dal-
parole di S. Paolo; “Grazia e pace a Michele di prendere con te que- la famiglia. Nel disegno originario, infatti, ognuno di noi siamo presenza
voi” sta Chiesa generata dallo Spiri- feconda accanto all’altro.
Mi è sembrato ancora, molto bello che, to Santo!”e con paterna sempli- Dio ha creato un universo tutto intriso di rapporti fecondi, trinitari.
se un Vescovo nasce “per” e “sposa” cità ci ha trasmesso la sua fede I figli – nella circolarità dell’amore famigliare - hanno una loro fecondità
una Chiesa particolare, il nostro Pasto- e il suo abbandono. da donare ai genitori. La carità arricchisce i genitori della fecondità spiri-
re ha voluto entrare in diocesi rinno- Nel saluto finale egli ha avuto tuale che nel sacrificio e nella cura dei figli, li rende atti a spiegare loro,
vando con noi e per noi gl’impegni del- una parola davvero per tutti, con la stessa vita, il significato della vita stessa.
la sua chiamata al ministero episcopa- invitando tutti a seguirlo e so- Nel figlio la fecondità si esprime nell’inconsapevole porgere ai genitori
le, nella ricorrenza dell’anniversario stenerlo con obbedienza e doci- l’estremo bisogno delle loro cure. I genitori, nel darne risposta, arricchi-
della sua elezione! lità, nel suo mandato di servizio scono e rigenerano la loro stessa umanità.
Nella Piazza antistante la Cattedrale, nella Chiesa di Dio. Dio ha pensato le cose per la nostra felicità.
oltre a tutti i sacerdoti della nostra dio- Giubilo e applausi festosi si so- (fine prima parte)
cesi, e a tutti quelli che lo hanno ac- no ripetuti il giorno seguente La conclusione nel numero di Ottobre
compagnato dalla Puglia, si sono rac- ad Atri dove il nostro nuovo
colte intorno al Vescovo anche le auto- Pastore è stato accolto dai Ca- Maria Grazia e Loreto Mariani
rità civili presentandogli la vita di ogni nonici del Capitolo della Con-

/¶,00$*,1(',
giorno con le cose belle e le difficoltà cattedrale. preghiera.
del vivere nella nostra terra; come a Aldilà di tutte le manifestazioni
*(68¶%821
Nella nostra chiesa parrocchiale per raf-
chiedere una risposta che vada aldilà di affetto e dei discorsi di sin- forzare la presenza di Gesù tra noi è sta-
3$6725(
dei programmi umanamente realizza- cera stima, la Parola di Dio co- to posto sulla sede uno schienale con un
bili. me sempre opportuna, ha dato immagine raffigurante “Gesù buon Pasto-
La data scelta dal nostro Vescovo, l’ot- il vero senso alla nostra gioia di re”, copia di un’icona orientale risalente
to settembre, festa della natività di popolo in cammino. Il luogo dove siede il mini-
stro di una celebrazione è la al 1500 D.C.
Maria S.S., ci è già sembrata una ri- Con il profeta Isaia il nostro Il mosaico compone appunto, l’immagine
sposta chiara da dare al mondo che Vescovo ha potuto dirci “ Co- “sede”, situata di solito die-
tro l’altare. di “Gesù buon Pastore” con il Pastorale,
c’interroga: come la Madre siamo chia- raggio! Non temete ; ecco il simbolo della sua autorità, con una peco-
mati a rimandare sempre al Signore, vostro Dio.” La sede indica il compito che
il presbitero ha di presiedere rella sulle spalle, a rappresentare i suoi
dire con fede certa “Fate quello che vi E con il Vangelo di Marco ci ha fedeli e la sua croce redentrice, segno
dirà”, essere comunità che come Lei lasciato una consegna per es- l’assemblea e di guidare la
mente: è in gioco un valore Il venire al mondo di ogni uomo ap- sergli vicini, anche dalla nostra che è la parrocchia geograficamente più
troppo altro - la vita umana - al partiene alla storia d’amore fra Dio e lontana dall’Episcopio. A imitazione di Gesù, “di ritorno dalla regione di
quale l’amore coniugale è aper- l’umanità. Il dono della vita resta per Tiro, di passaggio per Sidone, e diretto verso il Mare di Galilea “ci ha e-
to. l’uomo un affascinante mistero, che sortati ad essere anche noi coraggiosi apostoli delle genti, missionari del-
Nell’ottica del disegno originario si svela tanto in quanto l’uomo riesce la Chiesa aldifuori delle sue mura, per portare ad ogni uomo la Buona
non è difficile comprendere il a percepire e ad innestarsi nel dise- Notizia, “ Dio è Amore”!
valore di queste peculiari carat- gno divino sull’umanità. Tiziana Mariani
teristiche dell’amore coniugale. La cultura dominante, invece, ci
Come non è difficile riconoscere mostra oggi tutto un altro orizzonte.
813,&&2/2*5$1'( cristiano la figura di que-

3$3$
che la fecondità nella carne ha L’individualismo che vi impera, anche sto straordinario pontefi-
significato solo nell’ambito del di fronte al mistero della vita, non ce, additandolo come e-
matrimonio. Un amore che dia esita ad addurre i diritti della singola sempio sia ai Pastori della
garanzie di forza e continuità persona, il suo benessere, la sua rea- “Che razza di sentinella sono dunque io, Chiesa, sia ai responsabili
per la crescita, l’educazione, l’- lizzazione. Il disegno originario per- che invece di stare sulla montagna a lavo- delle istituzioni civili. In-
armoniosa immissione del figlio ciò, viene spesso ignorato, disatteso, rare, giaccio ancora nella valle della debo- fatti, prima di essere no-
nel contesto sociale. se non calpestato. lezza? Però il creatore e redentore del ge- minato successore di Pie-
Nell’amore coniugale quindi è Anche noi, figli di questo nostro tem- nere umano ha la capacità di donare a me tro, Gregorio ricopre la
intrinseca la responsabilità - po, abbiamo forse finito con l’ade- indegno l’elevatezza della vita e l’efficienza carica di Prefetto della
quasi il dovere etico - della pro- guarci a questa mentalità. Per fare della lingua perché, per suo amore, non città di Roma, dimostran-
creazione. Nonostante i cambia- solo un piccolo esempio, anche tra di risparmio me stesso nel parlare di Lui”. In do eccellenti doti ammini-
menti del pensare odierno, in noi non si parla più di ‘avere figli’, queste poche righe, S. Gregorio Magno de- strative e una grande in-
fondo, la società, a chi ancora ma di fare figli… scrive tutte le difficoltà del suo ministero tegrità morale. Il suo so-
domanda di generare dei figli? Eppure non dobbiamo mai dimentica- p ast o r al e, gno però è un altro:
Alla coppia sposata. re che i figli prima di essere nostri accet t at o abbracciare la vita
sono figli di um il m ent e monastica seguendo
Dio. per amore la Regola di s. Bene-
“Non chiamate d el l ’ o b b e- detto, che da allora
mai nessuno dienza. Pro- diventa la struttura
Padre sulla ter- prio lo scor- portante della sua
ra- ci ammoni- so 3 set- esistenza. Il suo desi-
sce Gesù – t embre, derio si realizza nel
perché uno durante la 574, alla morte del
solo è il Padre recita dell’- padre; ma il Signore
vostro, quello Angelus a ha in serbo per lui
del cielo”. Castel Gan- altri progetti: papa
Una prima ri- dolfo, Bene- Pelagio II lo vuole
flessione quindi detto XVI come suo stretto col-
è che la vita, ha ricordato laboratore e lo invia
che come sposi al popolo più volte come nunzio
siamo chiamati presso l’Imperatore
d’Oriente a la vita di s. Benedet- )$0,/<32,17 dità”, vorremmo risalire alla

3HU³IDUFUHVFHUH´OD
Cost ant ino- to. I mportantissimi “sorgente della fecondità” che è
poli. Quando sono inoltre i suoi Dio, per poi, nel prossimo nume-
una terribile testi liturgici, famosi IDPLJOLD ro, concludere l’argomento met-
epidemia di per la riforma del tendo in luce altre sue manife-
peste uccide canto, che dal suo Famiglia e fecondità – stazioni.
il pontefice, nome fu det t o dall’amore ricevuto all’amore
Gregorio vie- “gregoriano”. Ma l’o- donato ………..all’inizio c’è l’innamora-
ne acclama- pera più celebre è mento “scintilla dell’amore di
to dal popolo senz’altro la Regola Se ricordate, nel numero di Gioite di Dio per accendere una famiglia”
come suo pastorale, nella quale Giugno avevamo parlato della fe- Dio poteva inventare mille e una
successore; descrive la vita del condità come fertilità (i figli) attra- soluzione per conservare e conti-
egli cerca di pastore d’anime come verso una riflessione di uno psichia- nuare sulla terra la specie uma-
sfuggire in una sintesi equilibrata tra infantile e di un teologo; a Luglio na. Fra le tante ha scelto per
ogni modo a di contemplazione e della fecondità “spirituale” con una l’uomo, fatto a immagine di Dio-
quella nomina, ma alla fine si arrende: di azione, animata dall’amore testimonianza di vita vissuta. Amore, quella più nobile, quella
lascia l’amato chiostro per compiere la verso Dio e verso gli uomini. In questo numero, utilizzando alcu- ad esso più congeniale, ma an-
volontà del Padre ed essere semplice Per la nostra comunità dioce- ni stralci della relazione tenuta dai che la più responsabilizzante:
“servo dei servi di Dio”. Nonostante la sana, che solo qualche setti- responsabili del Family –Point sulla l’amore. Ha voluto che fossero
sua salute sia cagionevole e la sua sta- mana fa ha accolto il suo nuo- “vocazione della famiglia alla fecon- due persone, un uomo e una
tura piccola e gracile, Gregorio svolge vo vescovo, mons. Michele donna ed ha immesso la for-
un’intensa missione pastorale e civile, Seccia, l’esempio di s. Grego- za generatrice proprio nel
tanto da meritarsi il titolo di “Magno”, rio Magno è più che mai im- loro amore. Un amore uma-
ossia “il Grande”. In quattordici anni di portante: al suo insegnamen- no, che ognuno dei due spe-
pontificato, dal 590 al 604, egli orga- to, sempre attuale, si sono rimenta in sé e lo ricambia
nizza la difesa di Roma minacciata dagli infatti ispirati i Padri del Conci- all’altro, un amore che è per
eserciti nemici; amministra la cosa pub- lio Vaticano II per delineare loro, che li sostiene, che li
blica con puntigliosa equità, supplendo l’immagine del Pastore di que- rende felici…
all’incuria dei funzionari imperiali; ha sti nostri tempi. Accogliendo Dio ha pensato che l’amore
cura degli acquedotti; favorisce l’inse- allora l’invito di Benedetto pr of ondam ent e umano
diamento dei coloni eliminando ogni XVI, preghiamo Maria per la (cuore, anima, corpo) della
residuo di schiavitù; promuove la mis- Chiesa particolare di Teramo- coppia, diventi premessa al
sione in Inghilterra di S. Agostino di Atri: perché nella collaborazio- suo intervento di Creatore
Canterbury e allarga lo sguardo anche ne fruttuosa con il nostro ve- per dare al mondo nuove
oltre i confini della cristianità, non sde- scovo, possiamo costruire in- vite.
gnando la cura dei piccoli problemi del- sieme il regno di Dio ed esse- Nel suo disegno originario,
la vita quotidiana. S. Gregorio Magno re gli uni per gli altri testimoni l’autentico amore coniugale
compone anche un vasto epistolario, di gioia e di speranza. è esclusivo, fedele, indisso-
mirabili omelie, un celebre commento Enrica Mariani lubile.
al libro di Giobbe e numerosi scritti sul- E non può essere diversa-