Sei sulla pagina 1di 6

pro manuscripto Anno IX - Ottobre 2006 - n.

10

‘figlio’, sentirlo carne della loro carne, sangue del loro sangue.
“Svuotare gli orfanotrofi”: un gesto di amore che riconosce ad ogni bam-
bino il diritto di crescere in una famiglia in cui fare l’esperienza di essere
figlio e percepire, attraverso l’amore dei genitori, la paternità di Dio.
Quale fecondità più grande dell’adozione?
Bollettino Mensile della Parrocchia Cuore Immacolato di Maria - Silvi Marina
Maria Grazia e Loreto Mariani

³786(,6$&(5'27( bolezza. Qualche tempo fa,


2772%5(0(6(
3(56(035(´
in una delle mie ricerche, la

'(//(0,66,21,
mia attenzione cadde sulla
vicenda di un giovane semi-
Ogni mese, in questa modesta rubrica narista, trucidato da una
Domenica 22 Ottobre in tutte le Chie- del nostro bollettino, cerco di presen- squadra di partigiani sul fini-
se del mondo si è celebrata la giorna- tarvi le storie di alcuni uomini innamo- re della seconda guerra mon-
ta mondiale delle missioni dal titolo: rati di Dio, dal cui esempio tutti noi diale. L’esperienza di Rolan-
“DIO AMORE SORGENTE DELLE MIS- possiamo trarre consolazione e giova- do Rivi, che a soli 14 anni
SIONI”. mento. Vi confesso che per me fare preferì morire piuttosto che
Questa ricorrenza è una delle occasio- questo è davvero un grande piacere rinunciare ad indossare l’abi-
ni che la Chiesa da a ogni cristiano fatti significa amare Dio con to talare, segno distintivo
perché mi ha aiutato a capire come la
per riflettere sul comandamento più tutto se stessi sino a dare, se della sua appartenenza a Cri-
chiamata alla santità sia universale e
importante che Gesù ci ha lascito: A- necessario, anche la vita per sto e alla Chiesa, mi è torna-
come Dio operi al di là dell’umana de-
MATEVI GLI UNI CON GLI ALTRI. (Gv. lui; tanti sono i sacerdoti, i reli- ta in mente qualche giorno
15, 17). giosi/ e e laici che, anche in fa, in occasione dell’ordina-
Tramite queste giornate si ricorda a questi tempi, gli rendono su- zione sacerdotale di don An-
tutti che ogni cristiano è chiamato ad prema testimonianza di amore drea; lo scorso 21 ottobre
essere missionario e testimone ed è con il martirio. La Chiesa di in- infatti, il diacono che per due
un invito a cooperare con Dio per la china di fronte al sacrificio di anni ha servito nella nostra
salvezza di ciascuno e dell’intera uma- ogni missionario e si stringe parrocchia, è stato ordinato
nità. con la preghiera e l’amore fra- presbitero. Alla celebrazione,
“Se qualcuno vuole venire dietro di terno ai credenti che soffrono. presieduta da mons. Michele
me, rinneghi se stesso, prenda la sua Oltre che con le preghiere la Seccia nella chiesa parroc-
croce ogni giorno e mi segua”. (Lc. Chiesa si impegna anche eco- chiale di Andrea a Piano della
9,23). Questo versetto spiega come nomicamente e infatti tutte le Lenta (Teramo), la nostra
tutti i testimoni di Dio conoscano le offerte che sono state raccolte comunità ha partecipato nu-
persecuzioni a causa sua: è un’eredità in questa giornata sono state merosa. Con la preghiera e
che Gesù ha lasciato ai suoi e che cia- devolute per le opere missiona- con il canto, in comunione
scuno deve accogliere e incarnare nel- rie. con coloro che non hanno
la propria vita. Essere missionari, in- GRUPPO DEL CATECHISMO potuto essere presenti, ab-
DELLE SUPERIORI biamo reso gloria a Dio per il
grande dono fatto alla Chiesa intera. Ogni nella liturgia, Gesù è E’ Gesu’ che venendo
ordinazione infatti, è una benedizione per presentato come l’unico, sulla terra, facendosi
tutto il popolo cristiano, che riconosce nel vero Sommo Sacerdote; uomo e morendo in
novello sacerdote un nuovo ministro per il Egli conosce e compati- croce, ha ricomposto
rinnovo del sacrificio di Cristo. Come Giaco- sce le nostre infermità, nella Redenzione que-
mo e Giovanni, protagonisti dell’episodio e- “essendo stato Lui stes- sto rapporto che rientra
vangelico annunciato durante la celebrazio- so provato in ogni cosa, nel disegno originario,
ne, anche don Andrea ha scelto di vivere ac- come noi, escluso il pec- come anche Don Vinicio
canto a Gesù, di bere il suo stesso calice, di cato”. Come ci ha ricor- ci diceva nellas cate-
ricevere il suo stesso battesimo. Ma questo dato il nostro vescovo, il chesi del nove ottobre.
non deve diventare occasione di superbia; al sacerdozio non è quindi I due (uomo e donna)
contrario, Andrea dovrà farsi servo, “tutto a un privilegio di cui van- sono nuovamente chia-
tutti”, come il Figlio di Dio che “non è venuto tarsi, ma un compito di mati all’amore recipro-
per essere servito, ma per servire e dare la grande responsabilità, al co, ad essere dono l’uno per l’al- VFRPSDULUHRJQLVHQVRGLLQFDSDFLWj
propria vita in riscatto per molti”. L’esistenza quale bisogna attendere tro, sul modello dell’amore che GLLQDGHJXDWH]]D
terrena di Gesù, servo sofferente, “uomo dei con umiltà e fiducia, nel- intercorre fra le tre divine Perso-
dolori che ben conosce il patire”, deve essere la piena obbedienza alla ne. 4XDQGRSRLQRQH¶SL~il tempo del-
per don Andrea il modello sul quale costruire volontà del Padre. Sicu- Nel loro essere una carne sola è la fertilità biologica, non è certo fini-
la propria vita sacerdotale; è Lui il metro di ramente, i passi biblici iscritto l’atto da cui viene suscita- to quello della fecondità. Ogni geni-
misura, è a Lui che bisogna guardare per che hanno segnato il ta la vita che diventa anch’esso tore sa che il figlio non si genera
compiere perfettamente la volontà del Padre. lungo percorso di forma- un atto sacro. Come lo è la vita una volta sola: l’educazione, e via
Nel brano della Lettera agli Ebrei proclamato zione di don Andrea so- umana, che è sacra perché viene via la vicinanza, l’accompagnamen-
no stati tanti; ma questa da Dio ed è destinata al Paradi- to, le prove, il distacco dal figlio,
Parola in particolare de- so. continuano la nostra fecondità ma-
ve diventare per lui L’Amore che viene dall’alto è Dio turandola in maternità e paternità
“viatico nella vita sacer- stesso, Gesù stesso. Egli, attirato spirituali, sia nei confronti del figlio
dotale”, modello d’amo- dal nostro amore, viene a stabi- stesso, sia nei confronti dell’umanità
re e di servizio al quale lirsi in mezzo a noi, nella nostra che incontriamo.
tendere costantemente. casa. Dare Dio al mondo è il dono dell’a-
Accompagniamo allora La Sua divina Presenza illumina, more coniugale, che rende feconde
don Andrea in questa fa ‘vedere’, fa ‘capire’. Sorregge. anche le coppie impossibilitate a ge-
nuova avventura con il Dà energie spirituali, apre alla nerare figli nella carne.
sostegno della preghiera generosità. Dà forza per andare
e con l’augurio di non contro-corrente. Aiuta a compie- Fra le molteplici forme di fecondità
“togliere” mai, come il re delle scelte, pur dolorose a di cui si è detto, ultima, ma non
giovane Rolando Rivi, volte, che danno gioia: quella certamente per importanza, è l’ado-
l’abito talare. che il mondo non conosce. Apre zione. Quanti decidono di acco-
la coppia agli altri, dando una gliere una vita che ha conosciuto il
Enrica Mariani dimensione universale alla sua trauma dell’abbandono, a pieno tito-
IHFRQGLWj  /D 6XD SUHVHQ]D  ID lo possono pronunciare la parola
)$0,/<32,17 dei due della coppia, caratte-
&+,6212*/,$1*(/,"
3HU³IDUFUHVFHUH´OD
ri diversi e complementari
per renderli capaci di donarsi
IDPLJOLD l’uno all’altro, fino a diventa- Dice il Signore Iddio:
re una cosa sola. "Ecco io manderò il mio angelo che ti prece-
Dopo aver loro chiesto di es- derà e ti custodirà lungo la via...Rispettalo e
Famiglia e fecondità – sere fecondi ed aver dato ascolta la sua voce, sarò vicino ai tuoi nemici
e colpirò che ti colpirà" (Es.23,20-22)
dall’amore ricevuto all’amore loro il mandato di dominare
Su queste parole della Sacra Scrittura la Tra-
donato la terra, Egli li ha collocati
nel Suo giardino: Adamo ed dizione della Chiesa ha composto la preghie-
Eva, passeggiando nell’Eden, ra all’angelo custode:
Risalendo ancora verso la “sorgente "Angelo di Dio, che sei il mio custode, illumi-
arrivano a sentirne la voce, i
della fecondità” che è Dio, concludiamo na, custodisci, reggi, governa me che ti fui
passi, a rallegrarsi della Sua
il tema su “vocazione della famiglia alla affidato dalla pietà celeste. Amen".
presenza fra loro.
fecondità”, mettendo in luce anche Etimologicamente "angelo" deriva dal gre- specifico e noi lo cono-
Ma il peccato originale ha
altre sue manifestazioni. co "angelos" che significa "messaggero". Il sceremo quando sare-
bloccato questo disegno.
Interrotto il rapporto con loro primo compito è quello di essere mes- mo nell' aldilà. Una cosa
(segue articolo di Settembre) saggeri di Dio, di tenere cioè i rapporti tra è certa: gli angeli sono
Dio, si infrange anche il rap-
Nel creare, Dio ha impresso in ciascuno l'
invisibile e il visibile, tra il mistero di Dio presenti dal primo al-
porto uomo-donna impresso
nel cuore di ogni uomo, di infinito e la nostra realtà fisica. Sono creatu- l'
ultimo libro della Bib-
ogni donna come bisogno re spirituali. Sono quindi simili allo spirito bia. Sono nominati in
profondo di amare e di esse- dell'uomo. Come l' uomo, hanno intelligenza più di 300 versetti. Si
re amato. Non appena fuori e volontà, ma liberi dalle limitazioni imposte presentano sotto diver-
dal paradiso terreste, i nostri dalla materia. Sono una concentrazione as- si nomi, stanno dinanzi
progenitori si accorgono di soluta di intelligenza, di volontà, di energia al trono di Dio, ora soli
essere nudi: un primo evi- spirituale. Come l' uomo, ogni angelo ha una ora a schiere se non
dente segno che il loro rap- sua personalità distinta. Non esiste un ange- addirittura a miriadi.
porto non è più quello di pri- lo uguale ad un altro. Ognuno è un universo San Gregorio Magno
ma. La nudità, appunto, in a se. af f er ma: " L'esist enza
questo senso è proprio se- Quando gli angeli si manifestano agli uomini, degli angeli è attestata
gno della povertà, dell’inca- assumono sembianze umane bellissime e da tutte le pagine della
pacità di amare. luminosissime. Ma queste sembianze po- Sacra Scrittura". Per
Occorreva che la frattura uo- trebbero essere solo un simbolo per farci nessun credente essi
mo-Dio venisse ricomposta, conoscere la loro perfezione. possono avere l' impor-
occorreva Qualcuno capace Ma quanti sono gli angeli? La bibbia parla di tanza di una fiaba che
di ricomporre questo e ogni "miliardi". Essendo così numerosi non è pos- si racconta sorridendo
altro rapporto: tra uomo- sibile conoscere i nomi di tutti. Anche se ai bambini. Chi prende
donna, tra genitori-figli, tra molti sono a noi noti quelli che più ricordia- sul serio la Bibbia deve
uomo e creato, tra genera- mo sono : Michele, Gabriele, Raffaele. Ma prendere sul serio an-
zioni, tra popoli... certamente ogni angelo ha un suo nome che gli angeli.
vendoci alle porte del Purgatorio, doveva da- angelo- dice Iddio- e non di-
ci introdurrà nella Patria beata. re al suo sprezzarlo-. e' dovere quindi di
Amiamo, invochiamo, rispettiamo il compagno rispettarlo, comportandosi digni-
nostro angelo. Rispettiamolo com- di viaggio, tosamente alla sua presenza.
portandoci sempre davanti a lui per ricom- Colui che pecca, essendo in quel
come davanti ad un personaggio pensarlo di momento davanti all' angelo, of-
che ha l' incarico di riferire al Re tutti i servi- fende la sua presenza e in qual-
quello che noi facciamo. Quando ci gi prestati. che modo lo disprezza.
sentiamo tristi, invochiamolo, per- Dobbi am o Commetteresti tu un' azione catti-
ché porti in noi un raggio di luce, r i v o l g er ci va davanti ai tuoi genito-
una favilla di gioia purissima di cui anche noi ri?...Terresti un discorso scanda-
gli angeli sono portatori. Il nostro la stessa loso davanti agli amici più ca-
ricorso non sarà mai vano. Gli ami- domanda ri??...Certamente no!...E come
ci veri vengono considerati dallo nei riguardi hai il coraggio di commettere
Spirito Santo come un vero tesoro, del nostro cattive azioni alla presenza del
nel mondo sono pochi i veri amici. angelo cu- tuo angelo custode?.. Lo costrin-
Il più delle volte essi tradiscono e stode. In- gi, per così dire, a velarsi il volto
nel bisogno si allontanano. Ma il fatti per per non vederti peccare!... e'
nostro angelo è il secondo vero mezzo suo, noi siamo colmati di ogni bene ricordarsi dell'angelo custo-
amico (prima troviamo Gesù), che bene.... de il più sovente possibi-
/
$QJHOR&XVWRGH prende parte viva alle nostre gioie E'nostro dovere ringraziarlo sovente. le.Dobbiamo avere fiducia in lui:
L’angelo custode, questo nostro e ai nostri dolori e, mentre svolge Si dice "grazie" a chi ci fa un piccolo nella sua scienza, nella sua sa-
amico che non vediamo, ha, della la sua azione per impedire tutto ciò favore. Come non dire "grazie" all' a- pienza, nella sua bontà, nel suo
nostra vita, una responsabilità che che ci danneggia nel corpo e nello mico fedele dell' anima nostra, all' an- credito presso Dio. Pertanto ri-
non possiamo immaginare. E'l' an- spirito, ci aiuta a conquistare tutto gelo tutelare? Bisogna rivolgere il manercene in pace senza mai
gelo custode che ha l' incarico di ciò che è bene per noi. Non dimen- pensiero con frequenza al proprio turbarci, qualunque cosa possa
presentare a Dio i nostri atti di a- tichiamo perciò colui che è alla no- custode e non trattarlo come un e- capitarci, sapendo che l' angelo è
dorazione, i nostri propositi e i no- stra destra come nostro attenden- straneo: gli si rivolga una invocazio- li per "custodirci", e che possia-
stri desideri buoni. Egli vigila at- te. Non risparmiamogli la fiducia, ne mattina e sera! L' angelo custode mo contare sul suo soccorso.
tentamente sulla nostra persona e, diamogli gli incarichi più delicati e non parla all'orecchio materialmente, Non siamo mai soli: c' è con noi
come inviato dal Cielo, fa presenti, più importanti. Preghiamolo e rin- ma fa sentire la sua voce interna- sempre il celeste guardiano.
attraverso le buone ispirazioni, i graziamolo per i servizi che gratui- mente, nel cuore e nella mente. Tan-
desideri di Dio a nostro riguardo. tamente ci presta. Insegniamo ai ti buoni pensieri e sentimenti credia- 3UHJKLHUDDOO¶$QJHOR
Egli vede sempre il volto di Dio dal nostri bambini a pregare il loro mo che siano frutto nostro, mentre è Angelo santo stammi vicino,
cui trono non si distoglie mai, pur buon angelo e raccomandiamo alla proprio l'
angelo che lavora nel nostro dammi la mano sono piccino.
essendo a servizio dell'uomo, poi- loro protezione la Chiesa, il Sommo spirito. Se tu mi guidi col tuo sorriso
ché l' amore che lo divora e l'obbe- Pontefice, tutte le famiglie e le isti- -Ascoltate la sua voce!- dice il Signo- andremo insieme
dienza che pratica sono insepara- tuzioni. Egli é sempre, giorno e re. Dobbiamo perciò corrispondere in paradiso. Amen.
bili. Anche dopo questa vita sarà il notte, vicino a te. Ma durante la alle buone ispirazioni che il nostro
nostro angelo custode che, rice- giornata, con tutto lo slancio del angioletto ci dona. -Rispetta il tuo Pino Guaglianone
ne. Certi contrattempi, per bernacolo. L' anima avverte qualcosa cuore, rivolgigli frequentemente un ne celebra la festa i 2 ottobre. Il
noi anche gravi, non sono di misterioso internamente, cioè una dolce pensiero di affetto e di riconoscen- trovare un vero amico che ci aiuti
che causati dall’angelo pace, za. Il Martedì, poi giorno consacra- e sia tutto dedicato a noi con a-
custode per non lasciarci Dobbiamo fare un viaggio; potranno capi- to a Lui, ascolta la Santa Messa, more, con costanza e con disinte-
inoltrare su una via che tare pericoli per l'
anima e per il corpo. Di- accostati alla Mensa Eucaristica e resse, è cosa ben difficile. Non è
sarebbe stata nociva per ciamo: "Angioletto mio, mettimi sotto la compi qualunque altra opera buona così dell' angelo custode, un vero
noi. tua protezione ed accompagnami durante il in suo onore, chiudendo infine la amico sicuro, fedele, unico nel
viaggio". giornata con la recita della bella, suo genere che ci accompagna
6HUYLUVLGHOO
$QJHOR C'è un parente lontano di cui non si hanno efficace e consolante Corona Ange- per comando divino, con amore e
notizie, si sta in ansia. Si dia l'incarico al lica che é un inno ai Nove Cori degli senza apparire.
L’angelo custode ha cura nostro angelo custode:" Angelo di Dio, ri- Angeli. Né trascurerai, durante l' an- Per comando divino- Se abbiamo
della persona affidatagli corda a quel mio parente di mandarmi no, di onorare ancora i Santi Angeli un angelo vicino per assisterci
dal Signore; si mette a sua qualche notizia". Se questo è conforme ai nei loro rispettivi giorni di festa: 29 non è per condiscendenza sua o
disposizione quando l’ani- voleri del Signore, l' angelo custode è in settembre SS. Michele, Gabriele e nostra volontà, ma per decreto di
ma è in grazia di Dio e lo grado di suscitare nella mente della perso- Raffaele. Dio. Nei Salmi è scritto:" Egli darà
invoca di cuore. l'
angelo è na lontana il pensiero di dare notizie ai suoi ordine ai suoi angeli di custodirti
contento quando può ren- parenti. Non c' è bisogno di essere Santi per in tutti i tuoi passi. Sulle loro mani
dere servizi particolari; Questi due esempi non sono e non devono accorgerci che siamo "tutti" protetti ti porteranno perchè non inciampi
dunque lo si faccia opera- essere per noi un pretesto per non avvici- dagli angeli, sopratutto dal nostro nella pietra il tuo piede (Salmo
re. E come? narci personalmente a Nostro Signore, ma angelo custode. Se soltanto ci fer- 91,11). Oh quanto dobbiamo rin-
Noi siamo al vi ricorriamo massimo un momento in ascolto, graziare il buon Dio per questo
lavoro; non pos- solo nei mo- sentiremmo la sua presenza....lieve comando!!! Questa sua disposizio-
siamo recarci in menti in cui come un sussurro. ne garantisce la presenza dell' an-
Chiesa per fare siamo vera- Ascoltiamolo. gelo custode, vicino ad ognuno di
una visita a Ge- mente occupa- Gli angeli custodi sono angeli inca- noi indipendentemente dalla no-
sù Sacramenta- ti. ricati della custodia degli uomini; è stra santità, l' abbiamo sempre,
to. Diciamo al Questo è solo una verità che risulta da numerosi dalla nascita alla morte. L' assi-
nostro custode: l ' i n i - passi della Scrittura e dalla costan- stenza è perfetta perchè l' angelo
"Angioletto mio, zio......qualsiasi te tradizione, tanto che la Chiesa è creatura perfetta che ubbidisce
va a fare una cosa noi chie- a Dio senza debolezze, ritar-
visitina a Gesù diamo l' angelo di, infedeltà.
per me! Lodalo verrà in nostro Con amore-Gli angeli custo-
e ringrazialo a soccorso di ci vogliono bene: 1)per
nome mio! Offri rispetto a Dio perchè, a-
tu a Dio il mio Dopo il suo feli- mando Dio, amano quelli
cuore!". In un ce ritorno, il che a lui appartengono; 2)
attimo l' angelo giovane Tobia, per rispetto a noi perchè
accoglie l'
amba- domandò al siamo loro fratelli; 3) perchè
sciata ed eccolo padre quale noi siamo infelici e sofferen-
davanti al Ta- r i com p en sa ti e quindi degni di aiuto. La
custodia degli angeli è tutta amorosa e vede, l' opera dell'angelo cu- grazia, ma bisogna meritarla dei mali che può farci il demonio.
fatta con gioia, con fervore, con soavi- stode di illuminarci non po- con la nostra corrispondenza Reggerci- Si dice: reggere una persona
tà. trebbe essere più utile, né più e preghiera. quando la si sostiene, se questa per
Senza apparire- Anche se molte volte provvidenziale. Riconosciamo debolezza di gambe non può star su e
nella Sacra Scrittura e nelle vite dei dunque il dono prezioso che /
$QJHOR FXVWRGH UHJJH H non può continuare il suo cammi-
santi leggiamo di apparizioni di angeli, ci fa Dio dandoci l' angelo cu- JRYHUQD no.Questo è appunto quello che fa spiri-
ordinariamente però gli angeli operano stode, maestro infallibile ed tualmente l' angelo custode affinchè per-
invisibilmente, sia perchè tale è la loro illuminato e restiamo prudenti Il pellegrino che viaggia in severiamo nel bene. Quando i demonio
natura spirituale, sia perchè la loro ma- e vigilanti sotto la sua guida, luoghi pericolosi non può farci cadere nel male, tenta
nifestazione non è necessaria,sia infine, prudenti per udire solo la sua e sconosciuti, non solo deve almeno di impedirci di fare il bene o
per dare a noi una grande lezione di voce, vigilanti per invocarlo essere illuminato sulla retta continuare nei nostri buoni propositi
umiltà e disinteresse operando di na- sovente. L' angelo custode ci via da scegliere, ma è impor- dandoci una stanchezza spirituale o
scosto per amor di Dio. illumina su tutto quello che tante che sia custodito dai paure sconfortanti affinchè noi restiamo
L'angelo custode ci illumina: perchè la può essere di gloria a Dio e di nemici della strada, sia sor- scoraggiati, avviliti, accasciati dalla ma-
nostra mente è nata nell' ignoranza ed bene delle anime nostre. In- retto se per la stanchezza linconia e quindi ci arrestiamo nel bene.
ottenebrata dal peccato originale, quin- vochiamolo e potremo essere viene meno e finalmente sia Ecco dunque l' opera provvidenziale del-
di soggetta a molti errori. Perchè il de- illuminati sulla fede, sulle vir- governato sul suo modo di l'angelo custode di "reggere", cioè so-
monio non dorme, ma è sempre attor- tù, sui pericoli ed inganni del viaggiare se è persona impru- stenere chi sta per cadere, infondendo
no a noi per tentarci al male. Come si demonio e su qualun- dente od inesperta. Questo coraggio, pazienza nella contraddizioni,
que altra notizia che sia utile pellegrino che ha bisogno di fiducia nella Provvidenza di Dio. Special-
a noi. Se con tanto maestro il essere custodito, sorretto e mente in punto di morte, quando ai ma-
mondo è così poco illuminato governato siamo noi e a tutto li del corpo si aggiungono le pene dello
è perchè il mondo né pensa, pensa il nostro angelo custo- spirito, l'
angelo custode usa tutta la sua
ne stima, né invoca l' angelo de. Il suo ufficio è quello di: carità per essere di conforto e consola-
custode. Sebbene molte volte custodirci, sorreggerci, gover- zione per l'anima angustiata.
l 'angel o abbi a par l at o narci. Governarci- In noi abbiamo un cuore
con voce sensibile, di regola Custodirci- Che il demonio che facilmente si affeziona e desidera
insegna con dolci inviti, taciti cerchi sempre e in tutti i modi quello che non è bene. Abbiamo cinque
stimoli che sono altrettan- di farci del male ce lo dice sensi che, se non governati e mortifica-
te voci del cuore. Egli risve- chiaramente l' apostolo Pie- ti, facilmente rovinano quella grazia di
glia nella sopita memoria le tro:"Fratelli, siate sobrii e vi- Dio che Gesù Cristo ci acquistò con tan-
alte cose di Dio e ne fa cono- gilate perchè il demonio, vo- ta fatica e dolori. Che cosa fa l' angelo
scere l' importanza. La voce stro avversario, come leone custode? Egli è destinato a governare
dell'angelo non è voce umana feroce, gira sempre attorno questo nostro cuore, perchè ami solo
e sonora che tutti possono voi, cercando di divorarvi". quello che è verament e amabi-
udire, ma voce angelica, cioè Invochiamo l' aiuto dell'
angelo le,governa i nostri sensi perchè non ab-
soprannaturale e quindi è ne- custode che ci custodisca, biano a ricevere danni da tanti scandali
cessaria una grazia specia- specialmente per non cadere che sono nel mondo.Può accadere che
le per udirla. Tutti se voglia- nel peccato mortale, perchè le sue buone ispirazioni non siano ascol-
mo possiamo averla questa questo sarebbe il massimo tate e allora ci governa con la correzio-