Sei sulla pagina 1di 4
pro manuscript o Anno VI I I - Set t embr e 2005 - n. 9
     

pro manuscript o

 

Anno VI I I - Set t embr e 2005 - n. 9

   

volont à e perciò per Paolo, in cui t u devi vedere I ddio!

   
volont à e perciò per Paolo, in cui t u devi vedere I ddio!
   

Abbassa i t uoi occhiet t i che devono luccicare solo per lui onde il mondo con le sue insidie non t i t urbi! I pericoli sono t ant i anche per t e, anche se sei legat a. Passa per il mondo volando sopra quest e brut t ure!

 
Abbassa i t uoi occhiet t i che devono luccicare solo per lui onde il mondo
Abbassa i t uoi occhiet t i che devono luccicare solo per lui onde il mondo
Abbassa i t uoi occhiet t i che devono luccicare solo per lui onde il mondo
Abbassa i t uoi occhiet t i che devono luccicare solo per lui onde il mondo
Abbassa i t uoi occhiet t i che devono luccicare solo per lui onde il mondo
Abbassa i t uoi occhiet t i che devono luccicare solo per lui onde il mondo
Abbassa i t uoi occhiet t i che devono luccicare solo per lui onde il mondo

Se il t uo primo amore fu per lui ringrazia umilment e Dio… e cant a,

cant a fort e

 

l’inno dell’Amore:

Bollet t ino Mensile della Parrocchia Cuore I mmacolat o di Maria - Silvi Marina

Bollet t ino Mensile della Parrocchia Cuore I mmacolat o di Maria - Silvi Marina
 

“ Laudat o sii mi Signore

   

per Paolo mio in cui ammiro ed amo la t ua divina Volunt ade!”

 

 

t a a cr ear e t r a

giovani pr ovenient i da

 

diver se nazioni, con abit udini, cult ur e e

Nel legger e e medit ar e insieme quest a let t er a, ci siamo r esi cont o che, anche

 

cost umi dif f er ent i t r a lor o,

t ut t i

acco-

 

se nella societ à at t uale la f amiglia è in cr isi e un cer t o modo di “ pensar e e

par lar e” appar e anacr onist ico, la coppia cr ist iana unit a dal mat r imonio

sacr a-

ment ale può camminar e insieme se at t inge cont inuament e alla sor gent e dell’ A-

MORE che è Dio.

 

La XX Gior nat a Mondiale della Gio-

vent ù,

t enut asi

a Colonia

lo

scor so

mese di agost o,

è st at a cer t ament e

un’ esper ienza mer avigliosa e indi-

munat i dal desider io di seguir e Gesù, unico Signor e di t ut t a la t er r a. Non so-

lo eur opei, ma anche

t ant i f r at elli asia-

t ici e sudamer icani, si sono r iunit i insie-

 

ment icabile non solo per chi ha avu-

me per

esalt ar e

la f ede univer sale

di

 

 

t o la gr azia di par t ecipar vi, ma anche

una Chiesa, chiamat a ad annunciar e

per chi ne ha seguit o i moment i sa-

un r egno senza conf ini.

La pr esenza

lient i

in

t elevisione.

I n

così calor osa di

numer ose comunit à

con le migliaia di giovani

comunione pr esent i e

cr ist iane, lont ane geogr af icament e dal-

 

con

il

Sant o Padr e, t ut t i noi abbiamo

la nost r a r ealt à, ci ha r ipor t at o indiet r o

I Par r oci di Silvi, don Ant onio, don Dino, P. Ni cola e don Vinicio, sent it o il

Vescovo, sent ono la r esponsabilit à past or al e di inf or mar e i f edeli che nelle r ispet t ive par r occhie svolgono oper a di apost ol at o, in piena comu-

f emminile è pr esent e. Per t an t o, i Par r oci e i r ispet t ivi Consigli Past or ali

Par r occhiali r it engono dover oso

inf or mar e, af f inché non si ver if ichino f at -

t i che possano cr ear e divisioni, sospet t i, amar ezze e delusioni da par t e di

gioit o

della r icchezza di quest o even-

t o che, per t ant i, si è t r asf or mat o in un’ occasione per r insaldar e la pr o-

nel t empo,

al 1995, quando a Manila,

capit ale delle Filippine, è st at a celebr a- t a la X Gior nat a Mondiale della Gioven-

nione e st r et t a collabor azione con i par r oci le seguent i comunit à r eligio-

pr ia f ede e per

 

t r ovar e nuovo ent u-

t ù. Qui, Giovanni Paolo I I

venne accol-

pr ovenient i

se f emminili: nella Par r occhia di Sant a Mar ia Assunt a le Suor e Apost ole

 

Ci

t o da milioni di giovani,

del Sacr o Cuor e r esident i in via Gar ibal di 55/ 57; nella Par r occhia di S.

 

siasmo da comunicar e agli alt r i. hanno colpit o e ci

del Sacr o Cuor e r esident i in via Gar ibal di 55/ 57; nella
 

dal

cont i-

St ef ano le Suor e Ser ve del Signor e r esident i nel cent r o Past or ale di Via

invit ano

ancor a

a

pr incipalment e nent e asiat ico,

desider osi

S. St ef ano; nella Par r occhia Cuor e I mm acol at o di Mar ia Suor Mar i a delle

 

le

par ole

Figlie della Sapienza in Silville. Nessun alt r a suor a o Comunit à r eligiosa

 

r if let t er e del Pont

ef ice,

l’

in-

t ensit à br azioni

la

f est a

delle

cele-

lit ur giche,

di luci,

co-

di most r ar e al mondo l’ esist enza di una Chiesa

ancor a molt o giovane,

ancor a poco

conosciut a,

ma r icca di car ismi e im-

lor i

e suoni

che ha

pazient e di cr escer e, di

f edeli pr at ican t i e non pr at icant i, che olt r e all e Suor e sopr a cit at e e i col-

acceso la gr ande

por t ar e f r ut t i in abbon-

labor at or i laici

pr esent i nelle r ispet t ive par r occhie

che svolgono

at t ivit à

spianat a di Mar ien-

danza, di f ar conoscer e a

past or ale, car i t at iva, cat echist ica, li t ur gica, missionar ia, ecc. , in st r et t a

f eld.

Ma sopr at t ut -

t ut t i

l’

amor e di

Dio.

I n

collabor azione e comu nione con i Sacer dot i, qualsiasi alt r a per sona lo f a

t o, è st at o edif ican-

molt i di quest i paesi

a solo t it olo per sonale senza r ender e cont o

a nessuna Comunit à o Aut o-

t e per cepir e l’

int e-

( Cina, Giappone, Cor e-

r it à Ecclesiale pr esent e ed oper ant e nel t er r it or io e nelle Comunit à Eccle-

 

sa sincer a e imme-

) , la f ede cat t olica è

siali di Silvi.

diat a che si è venu-

ar r ivat a

piut t ost o

t ar di,

pr obabilment e t r a i secoli dit t o di st at o, in
pr obabilment e t r a i secoli dit t o di st at o, in

pr obabilment e t r a i secoli

dit t o di st at o, in cui or dinava lo st er minio dei cr i-

XVI I e XVI I I , e si è svilup-

st iani, come unica soluzione per sof f ocar e il ger -

pat a con non poche dif f i-

me di una “ f ollia” r it enut a per icolosissima per il

colt à, sopr at t ut t o ad oper a

paese. Andr ea Kim e Paolo Chong ebber o, con

di

missionar i

laici.

I

l

20

modalit à e t empi dif f er ent i, il compit o di r est it uir e

set t embr e,

la

lit ur gia

f a

alla comunit à dei f edeli , una guida spir it uale e

memor ia di 103 mar t ir i cor eani, uccisi nelle t r agi-

una ger ar chia. I l pr imo t ent at ivo venne at t uat o per ò solo nel 1837, quando penet r ar ono clande-

che per secuzioni

che

 

in-

st inament e in t er r it or io cor eano, un vescovo e

sanguinar ono il paese ne- gli anni 1839, 1846 e 186-

due sacer dot i dalle Missioni Est er e di Par igi, mar - t ir izzat i due anni dopo. Fu pr opr io in quest o pe-

6- 67. Tut t i insieme, uomi- ni, donne, sposat i, consa-

r iodo che si svolse il mandat o apost olico di Paolo Chong, laico er oico, nat o nel 1795 in una f amiglia

cr at i,

anziani,

giovani

e

che aveva già conosciut o la glor ia del mar t ir io.

bambini, associat i nel mar -

Egli

si pr odigò inst ancabilment e per accoglier e e

t ir io, sigillar ono con il san- gue la mer avigliosa pr ima-

sost ener e nell’ insediament o i missionar i giunt i dall’ Eur opa; viaggiò innumer evoli volt e t r a la Co-

ver a della Chiesa cor eana.

r ea e la Cina, sor r et t o da una f ede solida e genui-

Tr a

lor o

er ano pr esent i

il

 

na.

Nel 1839, un apost at a lo t r adì. Paolo venne

pr imo sacer dot e di quest a

ar r est at o, t or t ur at o e decapit at o il 22 set t embr e,

comunit à, Andr ea Kim Ta- egon, ar dent e past or e di anime, e l’ insigne apost o- lo laico Paolo Chong Ha- sang. La lor o avvent ur a ebbe inizio nel 1802,

soppor t ando la t r ibolazione con inf init a f er mezza. Successivament e, un secondo t ent at ivo per ga- r ant ir e una st abile ger ar chia alla Chiesa del pae- se, venne por t at o avant i da Andr ea Kim, il quale donò ai suoi f r at elli un nuovo vescovo e un nuovo past or e, assicur ando da quel moment o la succes-

quando il r e emanò un e-

   

sione apost olica. Cr esciut o in una f amiglia pr o- f ondament e cr ist iana e iniziat o giovanissi- mo agli or dini sacr i,

Andr ea

ot t enne

da

subit o ot t imi r isult at i

 

nella missione. Nel ’ 46, il vescovo Fer - r éol gli diede l’ inca- r ico di f ar per venir e in Eur opa alcune let - t er e giunt e da Pechi-

no; un gior no, du- r ant e l’ incont r o con le bar che cinesi, ven-

pr obabilment e t r a i secoli dit t o di st at o, in
pr obabilment e t r a i secoli dit t o di st at o, in
di di
di
di

Da

una

che

let t er a

del

Lu-

1944

Chiar a

bich

( f ondat r ice

del

Moviment o dei Focola-

r i)

aveva

inviat o

a

sua

sor ella,

giovane

sposa,

di

cui r iport ia-

mo alcuni

st r alci,

si

possono t r ar r e

spunt i

di

r if lessione

validi an-

che ai gior ni nost r i.

Sorellina mia, …. Ama- re chi? I ddio. Lui abit a nel cuore di t ut t e le creat ure. Ma t u, per- ché quella è la Sua Volont à, Lo devi amare soprat t utt o in un cuo- re: in quello di Paolo! Liliana mia: Paolo lo devi amare di più di quello che lo ami. E sai perché? I n esso devi vedere ma- nifest at a la divina volont à di Dio! I n esso devi adorare I ddio che abit a nel suo cuore. Comprendimi: per t e l’ama- re I ddio si dimostri così: amando Pao- lo più che puoi, per lui rinnega il t uo egoismo, la t ua volont à di st are rin- chiusa in t e st essa, i t uoi comodi, t ut t i

dolori e le ango- sce. Ma se t u in lui t i sforzerai di vedere Gesù…, allora, Lilianuccia mia, il t uo amore per lui non avrà fine. Nemmeno in Paradiso perché in lui non ami lui, uomo di carne ed ossa, ma ami Dio:

solo così crescerà gigant e il t uo a- more… Se poco ami Paolo, poco ami I ddio! Ricordi Sant a Rit a? Come am av a Paol o? Non sopport ava così t utt e le offe- se solament e per convert irlo, ma so-

prat t ut to perché in esso vedeva ma-

esso

nifest at a la divina volont à! I n

vedeva I ddio. Lilianuccia mia, t ieni quest e parole, leggile t ant e volt e fin- chè t i sembra di averle comprese ap- pieno. … Se t u le comprendessi! suf-

ficient ement e cont ent o sarebbe il mio cuore che t i segue con trepidazione

  • i t uoi difet t i. Per lui aument a la t ua pazienza, perfeziona le tue capacit à di mammina, sappi t acere quando qual-

cuno

sbaglia!...

perché t eme che t u soffra al pensiero che il t uo amore vada diviso! UNO SOLO E’ L’AMORE: per t e è a-

Troppo poco lo ami.

mare I ddio in Paolo t uo. Fat t i degna

Lui per t e è Dio, è la Volont à di Dio. Se t u ami Paolo t ant o da morire per

lui, come se t u t i dovessi far degna

Dio! Proprio così… Allora, facile per

lui, t u ami Dio perché Paolo è (t e lo

ripet o, onde t u

t e sarà passare nel mondo come un angelo. Fa’ che il mondo non abbia a sciupare il candore del t uo cuore: il t uo cuore è per I ddio, è per la sua

lo abbia fisso in men-

t e) la manifest azione di Dio sulla t erra.

Verranno per t e le gioie, verranno i

esser e come pr ima. È quest a la gr ande sf ida che lancia a
esser e come pr ima. È quest a la gr ande sf ida che lancia a
esser e come pr ima. È quest a la gr ande sf ida che lancia a
esser e come pr ima. È quest a la gr ande sf ida che lancia a

esser e come pr ima. È quest a la gr ande sf ida che lancia a t ut t i noi quest a GMG di Colonia. Se davver o siamo ar r ivat i f in li’ per cer car e Gesù, per ador ar l o ed of f r ir gli in dono noi st essi ci dobbiamo aspet t ar e un cambiament o pr of ondo e

dur at ur o, come f r ut t o pr ezioso del per sonale dono di gr azia che il Signor e desi- der a f ar e a t ut t i noi. Gesù ci dona luce suf f icient e per veder e un’ alt r a st r ada che dobbiamo aver e il cor aggio di imboccar e per cambiar e vit a. Anche noi, come t ant i t r a color o che hanno incont r at o Gesù, dobbiamo t r ovar e la f or za di un cambiament o r adicale: pensat e agli Apost oli. Dobbiamo conoscer e dove e come cambiar e qualcosa o t ut t o della nost r a vit a e quest o deve avvenir e a più livelli:

esser e come pr ima. È quest a la gr ande sf ida che lancia a

f or se, f or mulat o dei pr oposit i. Tut t i siamo dest inat ar i dell’ invit o f or mulat o dal Papa al t er mine dell’ omelia pr o- nunciat a dur ant e la Celebr azione eucar ist ica a Mar ienf eld:

“ ANDI AMO

AVANTI CON CRI STO E VI VI AMO LA NOSTRA VI TA DA VERI ADO-

RATORI DI DI O. ”

Con gli

ar t icoli

“ FAMI LY – POI NT”

vor r emmo t ener e vivo l’ int er esse per la

f amiglia e la coppia r ipor t ando esper ienze e par lando di t emi specif ici.

ne casualment e scoper t o e ar r est at o. Nonost ant e i pesant i int er r ogat or i al co-

spet t o delle più alt e r if iut ò di apost at ar e,

car iche dello st at o, e nonost ant e le at r oci t ort ur e, Andr ea r est ando f edele al suo Dio. Venne decapit at o il 16 set t em-

br e 1846 a Seul e canonizzat o, con t ut t i i suoi compagni, nel maggio del 1984 da Giovanni Paolo I I .

Quant e volt e in quest i mesi,

du-

r ant e gli incont r i che si sono svol-

esser e come pr ima. È quest a la gr ande sf ida che lancia a

molt i t est imoni” ( 1Tm 6- 12) …la gent e ap- punt o! La st essa domanda, per dar e al Signor e una r ispost a complet ament e di- ver sa; lo st esso panor ama visibile, lo st es- so st r ument o t angibile per dar e, con uno

sguar do dif f er ent e, un giudizio t ot alment e diver so! Pr opr io quel “ cor po” in cui la “ gent e” inciampa, è per noi il t r amit e che ci ha per messo d’ incont r ar e il Signor e e

pr opr io e solo in cont at t o st r et t o

e cost an-

t e con quel “ cor po” , cont inuar e a seguir - Lo. I l Signor e non pot eva sceglier e un e- sempio più coinvolgent e con cui spiegar e la Sua Chiesa; se si f osse f er mat o alla vit e e ai t r alci, pot r emmo dir e che se qualcuno

di f ede, di compor t ament o e di annun-

t i nei

var i gr uppi, abbiamo sent i-

cio. E si’ , pr opr io di annuncio per ché

t o quest a domanda?! ?

chi ha scoper t o Cr ist o deve por t ar e alt r i

 

E abbiamo r ispost o :

la

gent e

ver so di lui. Una gr ande gioia non la si può t ener e per sé, bisogna t r asmet t er -

dice, … della comunit à, che è viva

e bella, o che è chiusa e f r equen-

t at a dai “ peggior i”

,

o

che

c’ è

la , ci ha r icor dat o Benedet t o XVI . Sono cer t a che ciascuno di noi non r i-

quella cat echist a che è molt o af -

pr ender à la pr opr ia vit a abit uale dopo quest e gior nat e di gr azia a Colonia sen-

f abile

ma

quell’ alt r a

è

un

po’

za aver

f at t o delle scelt e signif icat ive,

scor but ica, che l’ A. C. è così e gli

che scat ur iscono da

un

r innovat o in-

Scout cosà,

che Don Vinicio pr e-

cont r o con il Signor e. La GMG è f init a, ma il cammino pr ose- gue e ciascuno di noi r educe da Colonia

o spet t at or e emozionat o da casa, ha

t r acciat o

i

pr opr i per sonali bilanci e,

dica bene o che non si sa che va

cer cando! Né più ne meno di come hanno

r ispost o

i

discepoli

di

duemila

anni f a. La gent e dice e r isponde

quello che vede ad alt ezza di oc- chi, che è anche giust o, ma ine- saur ient e, incomplet o!

Nel pr ossimo mese di ot t obr e inizier emo le assemblee gener ali del nost r o Sinodo dove Gesù ci chieder à,

Con la st essa immediat a int uizio-

ne inconsapevole della gent e, i

“ suoi”

dovr ebber o

consapevol-

ment e pot er

pr of essione

f ar e di

la

f ede

lor o

bella

davant i

a

non f unziona o non da f r ut t o, lo pot iamo o lo
non f unziona o non da
f r ut t o, lo pot iamo o lo
f r at er na,
nella f r azio-
get t iamo
via
addir it t ur a.
Se
si
f osse f er mat o
all’ e-
sempio del campo, a-
vr emmo passat o la vit a a
divider ci t r a gr ano e zizza-
nia, giust if icando cosi no-
st r i giudizi e pr egiudizi.
Ma aggr egandoci in un
cor po, non ci sono scuse,
per quant o indecor oso o
debole nessuno può f ar e
a meno di un solo mem-
br o del pr opr io cor po, anzi
lo cur a maggior ment e, ci
spiega S. Paolo. Quest a è
la misur a dell’ amor e per
la Chiesa, per la comunit à
ne del pane e nell e
pr eghier e , ” ( At 2- 42) .
Se sent iamo “ come
un f uoco ar dent e”
d’ amor e per il Signo-
r e, avendo capit o che
per cont emplar e il
Capo non si può pr e-
scinder e dal cor po,
abbiamo devot ament e
r ilet t o qualche let t er a
del nost r o Vescovo,
qualche document o
par r occhiale, abbiamo medit at o su qualche Encicli-
ca. Se abbiamo gar eggiat o nello st imar ci a vicen-
da, abbiamo avut o bisogno di conf r ont ar ci nei
gr uppi par r occhiali, poiché “ nessuna Scr it t ur a
pr of et ica va sogget t a a pr ivat a spiegazione” ( 2 Pt
par r occhiale,
di
ogni
cri-
1- 20) . Quest a cont emplazione ci
ha r eso l’ immagi-
st iano; passione car nale
per il cor po vivo del Cri-
st o, Nost r o Signor e!
Chiamat i a celebr ar e il
Sinodo da sino- dos ,
camminar e insieme, sull a
via ver so la sant it à, sedot -
t i da quest a passione, sia-
ne ver a del Signor e , ci ha messi consapevolment e
alla Sua Pr esenza .
I ncont r ando, pensando o par lando dei f r at elli della
comunit à cr ist iana, noi vediamo e
st r o st esso esser e, che glor ioso e
t occhiamo il no-
at t r aent e, o t or-
ment at o e poco allet t ant e, è il volt o del Nost r o
Signor e! E pr opr io nei limit i e nelle piaghe di cia-
scuno possiamo t est imoniar e alla gent e il
Cr ist o
mo st at i più “ assidui nell’ -
ascolt ar e
l’ insegnament o
degli apost oli e nell’ unione
aut ent ico e vivent e, per ché non abbiamo alt r o di
cui vant ar ci se non della Sua cr oce, dir ebbe S. Pa-
olo. Ogni membr o della comunit à dal più br illant e
non f unziona o non da f r ut t o, lo pot iamo o lo
non f unziona o non da f r ut t o, lo pot iamo o lo

al più “ indecor oso” mi appar t iene, è par t e di me. Ognuno è con me …le mani che sgr anano un r osar io e quelle che consacr ano per me il pane e il vino, la ment e che pensa un ar t icolo per il bollet t ino, la bocca che par la ai r agazzi del cat echismo, le br accia che puliscono la chiesa, il visino dei bambini che gioca-

no, il cuor e

che

r icor da t ut t i nella pr eghier a, . Ognuno è con me quel volt o di

Cr ist o che r ende quest a immagine visibile alla “ gent e” che guar da e Lo cer ca.

Se,

per gr azia, guar dandoci l’ uno l’ alt r o, sapr emo dir e “ t u sei…

st at o scelt o,

chiamat o ed elet t o come me dal…

Cr ist o, il Figlio del Dio vivent e”

ci sent ir emo

r isponder e da Gesù “ Ed io t i dico;

t u sei una piet r a viva e con quest a piet r a io

edif ico la mia Chiesa e le por t e degli inf er i non pr
edif ico la mia Chiesa e le por t e degli inf er i non pr evar r anno
Una piet r a insieme a t ant e alt r e,
il
volt o di ognuno per
f ar
cont r o di essa! ” .
cont emplar e alla
“ gent e” il Volt o di Cr ist o…
…come ad esempio a Colonia t ant e f ot o t esser a
di
t ant i volt i sono st at e messe insieme per r ico-
st r uir e
Giovanni
un
immagine gigant e del Ser vo di
Dio
Paolo
I
I
.
E
a pr oposit o di Colonia
e
di. .
.

so v v er t i t e………Per n ot t am en t o n el l e f amiglie, cibo t ipico, t emper at ur e bas-

sissime, lingua

r igor osament e t edesca

o al massimo inglese, insomma l’ I t alia

 

er a dist ant e ma con noi avevamo

por -

Domenica 14 agost o alle or e 19. 00

t at o la sper anza di un incont r o che ci

per noi r agazze e r agazzi di Azione

avr ebbe f at t i sent ir e a casa, al r ipar o.

Cat t olica e degli Scout della par r oc-

Cosi’ è

st at o! I t ant i moment i di pr e-

chia Cuor e I mmacolat o di Mar ia è iniziat o il lungo viaggio ver so Colo- nia. Mai avr emmo pot ut o immaginar e che a cir ca 1500 chilomet r i di dist anza le nost r e r out ine quot idiane sar ebber o st at e sovver t it e, e come sono st at e

ghier a, di cat echesi e di comunione ci hanno per messo di r icr ear e una ver a f amiglia, di apr ir e il nost r o cuor e a Cr i- st o e di incont r ar lo. Quando si incont r a ver ament e Gesù “ dopo” più nulla nella nost r a vit a può