Sei sulla pagina 1di 2

pro manuscripto Anno VIII - Luglio 2005 - n.

7
dell'autentica capacità di amare si rivela $]LRQH&DWWROLFDH3DSD
infatti, nel nostro tempo, l'arma più adatta e Il legame che unisce l’Azione Cattolica
più efficace per scacciare Dio dall' uomo, per al Papa è antico come l’associazione
allontanare Dio dallo sguardo e dal cuore nel senso che fin dalle origini la So-
dell'uomo". "Anche nella generazione

 
cietà della Gioventù Cattolica, primo
dei figli il matrimonio riflette il suo modello nucleo dell’Azione Cattolica Italiana,
divino, l'amore di Dio per l' uomo. Nell' uomo aveva posto la fedeltà al successore
e nella donna la paternità e la maternità, di Pietro, la “nota petrina”, tra i punti Bollettino Mensile della Parrocchia Cuore Immacolato di Maria - Silvi Marina
come il corpo e come l' amore, non si lascia- fondamentali del proprio programma.
no circoscrivere nel biologico: la vita viene Erano tempi diversi e quella fedeltà si
data interamente solo quando con la nascita
&,5&2/2«9,578262
esprimeva in una vicinanza non solo
vengono dati anche l' amore e il senso che tutti noi un segno grande e bello per-
all’insegnamento, ma alla stessa figura fisica del
rendono possibile dire sì a questa vita. Pro- ché è inequivocabile… “il Signore ogni
Papa. Nell’occasione della traslazione della salma di
prio da qui diventa del tutto chiaro quanto giorno aggiungeva alla comunità quelli
Papa Mastai, quei giovani furono vicini al feretro nel Se avete partecipato, nella nostra parrocchia, all’ammini-
sia contrario all'amore umano, alla vocazione che erano salvati” (Atti 2,48). Poi tanti
momento delle contestazioni massoniche che minac- strazione delle SS. Cresime negli ultimi due anni, siete
profonda dell' uomo e della donna, chiudere bimbi sono nati e nasceranno nei pros-
ciavano addirittura di gettare la salma nel Tevere. rimasti sicuramente colpiti dalle omelie di Monsignor Di
sistematicamente la propria unione al dono simi mesi; ed ogni vita che Dio conti-
Data fin d’allora la consuetudine di vegliare il feretro Filippo. Sia quando parla che quando scrive, don Ettore
della vita, e ancora più sopprimere o mano- nua donare è un miracolo che si rinno-
del Pontefice scomparso; una tradizione continuata spazia nel tempo e tra i vari continenti con simpatia e
mettere la vita che nasce". Non bisogna va, ed è il segno del Suo amore.
lungo i decenni, nella quale si aggiunsero via via arguzia, e come tutti gli anziani, a volte sembra perdere il
dimentica inoltre che: "L' edificazione di ogni Oltre a questo “niente di nuovo sotto il
anche i nuovi rami che andavano nascendo sulla filo del racconto.
singola famiglia cristiana si colloca nel con- sole” d’estate potremmo dire… anche i
pianta dell’Azione Cattolica: in particolare ai giovani Lo “stile” un po’ caotico, di tante cose raccontate in
testo della più grande famiglia della Chiesa, ricchi piangono, oltre che i poveri ma
si affiancarono le giovani e gli uomini. Si legge ad modo apparentemente sconnesso penso esprima tutta la
che la sostiene e la porta con sé". noi, i santi invece gioiamo, perché il





esempio nel Bollettino ufficiale dell’associazione nel ricchezza della vita cristiana! Perché ciò che confonde il
Benedetto XVI ha affer- Signore Gesù e qui con noi. Lo sguardo
 









numero del marzo 1939: “Nell’ore silenti della notte, racconto del nostro anziano vescovo non è un difetto
mato che: "Da tutto ciò scaturisce una con- del santo, l’abbiamo riconosciuto tutti
nella solenne penombra del massimo tempio, l’Azio- senile ma piuttosto lo sguardo stupito e attento a tutto, è
seguenza evidente: la famiglia e la Chiesa, (santo subito!), è quello di Giovanni
ne Cattolica ebbe il grande conforto di essere am- l’intelligenza vivida e recettiva, la sovrabbondanza di entu-
in concreto le parrocchie e le altre forme di Paolo II , critico, interessato ma mai
messa [ …] a vegliare e a pregare dinanzi alla vene- siasmo che spesso fa balbettare i bambini quando con la
comunità ecclesiale, sono chiamate alla più privo di speranza, di fede, di carità. Mai
rata salma. Non era più la moltitudine, ma piccole bocca che parla non ce la fa a stare dietro a tutto ciò che
stretta collaborazione per quel compito fon- privo della gioia di chi sa che è già
rappresentanze, primi fra tutti gli Assistenti Centrali, la mente e il cuore vorrebbero esprimere. E’ la pienezza
damentale che è costituito, inseparabilmen- stato salvato. “Paolo mesto”, ha chia-
con alcuni Giovani e Uomini di AC, i Presidenti e le della vita di grazia, è la misura pigiata scossa e traboccan-
te, dalla formazione della persona e dalla mato ironicamente qualcuno Paolo VI,
Presidenti Centrali”. In molti casi il Presidente dell’AC te che fa ritornare un anziano, bambino.
trasmissione della fede". che pure ha avuto a che fare con pro-
 








veniva ammesso nella camera stessa del Pontefice A tal proposito dando uno sguardo d’insieme alla vita della
"Oggi un ostacolo particolar- blemi non da poco durante il suo ponti-

 



 

defunto. Fu così per la morte di Pio XI: “il Presiden- nostra comunità si rischia con degli occhi poco attenti di
mente insidioso all' opera educativa è costi- ficato, ci ha lasciato l’esortazione apo-
te Generale si recava a pregare presso la Venerata vedere tante piccoli insignificanti momenti scollegati tra
tuito dalla massiccia presenza, nella nostra stolica “Gaudente in Domino” per invi-
Salma del S. Padre, mentre ancora giaceva sul letto, loro. Perdonerete allora ma solo guardando insieme, tutte
società e cultura, di quel relativismo che, tarci alla gioia cristiana tra le mille e
dove aveva tanto sofferto” e nel 1958 in occasione le cose belle che ci avvengono si coglie il “circolo virtuoso”
non riconoscendo nulla come definitivo, difficili incombenze che ci occupano.
della morte di Papa Pacelli quando “dopo che i Prela- che ruota intorno al centro unico e vitale dell’esistenza,
lascia come ultima misura solo il proprio io Perciò mentre continuiamo nella nostra
ti della Camera Apostolica avevano redatto il docu- Dio Padre e Creatore della vita, il Suo Amore, il Suo Figlio
con le sue voglie, e sotto l' apparenza della parrocchia a celebrare, nel quindicesi-
mento ufficiale di morte, i dirigenti centrali dell’Azio- Gesù Cristo. E’ il Signore che collega e significa la vita di
libertà diventa per ciascuno una prigione, mo anno dalla nascita, un Sinodo, non
ne Cattolica hanno avuto il ‘singolare privilegio’di tutti i fratelli di una comu-
perché separa l' uno dall' altro, rendendo perdiamo mai
sostare in preghiera e in raccoglimento nella disador- nità, in uno scambio reci-
ciascuno a ritrovarsi chiuso dentro il proprio questa consape-
na camera dove Pio XII, spirato nella notte, giaceva proco di servizio dato e
'io'
. Dentro a un tale orizzonte relativistico volezza; che già
composto sul letto della sua agonia stringendo tra le ricevuto. Ed è ovvio che è
non è possibile, quindi, una vera educazio- solo il fatto di
mani il crocifisso e la corona del rosario”] Una tradi- quanto si dice negli Atti
ne: senza la luce della verità; prima o poi averci costituiti
zione ripetuta anche con gli ultimi Pontefici del ‘900, degli Apostoli che si fa
ogni persona è infatti condannata a dubitare come famiglia,
ed oggi con Giovanni Paolo II, a ricordare, pur nel Parola viva. Jennett e
della bontà della sua stessa vita e dei rap- di continuare a
mutato scenario dell’associazionismo laicale e della Giulio Maria, due ragazzi
porti che la costituiscono, della validità del donarci nuove
geografia ecclesiale, il senso di una dedizione e di che quest’anno hanno
suo impegno per costruire con gli altri qual- creature, di
una fedeltà coerentemente costruita lungo gli anni chiesto di ricevere i sacra-
cosa in comune. È chiaro dunque che non averci dato un
dall’ACI e oggi resa ancora più “cattolica” da un’AC menti e diventare cristiani,
soltanto dobbiamo cercare di superare il pastore che
presente in molte nazioni del mondo con una comu- per loro scelta, senza che i
relativismo nel nostro lavoro di formazione celebra i sacra-
ne identità associativa conciliare, più volte richiamata loro genitori li abbiano
delle persone, ma siamo anche chiamati a menti per noi e
e incoraggiata da Giovanni Paolo II. Stare lì è un specificatamente guidati in
contrastare il suo predominio distruttivo con noi, è la
servizio, una grazia, un gesto della nostra fedeltà alla questo cammino sono per
nella società e nella cultura". grazia che ci
Chiesa. Ernesto Preziosi (vice presidente ACI)
garantisce il “successo”; cadere nella logica tutta terrena dei numeri, delle apparenze, del perbeni- sacrificio che mai manca, le lacrime, la Dio stesso è amore", il Santo Padre ha spiegato che per
smo, del giudizio, dello scoraggiamento è come dice Gesù, mettere una toppa di tessuto grezzo su fatica di ogni giorno, pene ed ansie, questo motivo "la vocazione all' amore è ciò che fa dell' uo-
un vestito vecchio, che produce uno strappo ancora peggiore. Animo allora; proseguiamo con i lavori saranno distillazioni di valore sovruma- mo l' autentica immagine di Dio: egli diventa simile a Dio
essendo positivi e propositivi. E con un dono in più! Ogni giovedì in questi mesi di luglio e agosto il no buttate nella pattumiera, se manca nella misura in cui diventa qualcuno che ama. Da questa
Signore ci aspetta per ascoltarLo e lasciarci ristorare da Lui. Per noi “indigeni” che in vacanza non nei componenti la coscienza sociale e fondamentale connessione tra Dio e l' uomo ne consegue
siamo, per voi turisti, che desiderate riposare l’invito è lo stesso, tenere fissi i nostri cuori la dove è la sacramentale della famiglia come picco- un' altra: la connessione indissolubile tra spirito e corpo".
vera gioia,… in Dio! la chiesa. Coscienza che "La totalità dell' uomo" - ha proseguito
permette di convogliare il Pontefice - "include infatti la dimen-
)$0,/<±32,17 Volersi ogni giorno più bene, non far caso ai tutto quel tesoro di pati- sione del tempo, e il ' sì'dell' uomo (...)

3HUIDUFUHVFHUHODIDPLJOLD difetti, non far caso ai torti, perdonare sempre, menti verso il deposito dei significa 'sempre' , costituisce lo spazio
tornare sempre ad amarsi… Allora la vita diven- valori, con cui, completando della fedeltà. Solo all' interno di esso
ta una gioia. Mentre l’indifferenza, l’egoismo, a le sofferenze di Cristo, si può crescere quella fede che dà un
Quanto accaduto in Spagna, dove una legge ap- edifica la Chiesa. E la stessa futuro e consente che i figli, frutto
che servono? Servono a creare l’inferno in terra.
provata pochi giorni fa permette il “matrimonio” gioia, la stessa sanità mora- dell'amore, credano nell'uomo. La
Due sposi che perdono tempo a non amarsi,
tra persone dello stesso sesso e… anche la possi- le, le energie in gran parte libertà del ' sì'si rivela dunque libertà
sono due creature che perdono tempo a morire.
bilità di “adottare” bambini (come già in Canada, andranno perdute sino a capace di assumere ciò che è definiti-
Se invece si amano, Dio passa tra di loro.
Olanda e Danimarca) ci ha sconcertato. Così, che non si convogliano vo: la più grande espressione della
Ecco come la casa diventa una casa di felicità,
come coppia (senza “scomodare” il Concilio o nell’alveo della Chiesa, sic- libertà non è allora la ricerca del piace-
pur in mezzo alle prove più grandi». …la fami-
una Enciclica), ci siamo sentiti spinti a “ri- chè tutto il corpo in cui si è re, (...) è invece la capacità di decider-
glia nasce dal matrimonio, che non è una festa
cercare” qualcosa che ci ri-confermasse le stra- scompaginati ne tragga si per un dono definitivo, nel quale la
per fare un pranzo o un viaggio, e poi comincia-
de da percorrere nella vita matrimoniale. Cer- beneficio: Cioè noi viviamo libertà, donandosi, ritrova pienamente
re a litigare per l’eredità, cominciare con le
cando nello studio ci è capitato tra le mani la per noi e per la Chiesa, che se stessa. In concreto, il ' sì'personale
bizze, i rancori, la distruzione dell’unità. Ma è un
biografia di una persona che conosciamo bene e è la famiglia più grande. e reciproco dell' uomo e della donna
sacramento, niente di meno: un sacramento di
che vorremmo presentarvi. Igino (1973). ….Voi sposi, aman- (...) è destinato al dono di una nuova
cui noi coniugati siamo i
Giordani (1894 -1980), storico, scrit- dovi tutta la vita, vivete una vita. Perciò questo ' sì' personale non
sacerdoti: Fidanzato e
tore cattolico, politico, ecumenista e gioventù perenne, perché l’amore non può non essere un ' sì'anche pubblicamente responsabile,
fidanzata sposandosi sono
patrologo, laico sposato con quattro ha niente a che fare con la vecchiaia, con il quale i coniugi assumono la responsabilità pubblica
i sacerdoti che ammini-
figli, (il 6 giugno 2004 si è aperto il con la musoneria, con la tristezza; l’a- della fedeltà". Papa Benedetto XVI ha ribadito inoltre che:
strano questo grande
Processo di Beatificazione) attraver- more risolve sempre in gioia. Magari ci "Le varie forme odierne di dissoluzione del matrimonio,
sacramento. (1979). …il
so la scoperta di Dio Amore, aderì saranno giorni di prova, ma alla fine come le unioni libere e il ' matrimonio di prova' , fino allo
matrimonio è la realizza-
con tutto se stesso al Movimento dei vince. L’amore vince tutti gli ostacoli e pseudo-matrimonio tra persone dello stesso sesso, sono
zione dell’amore e l’amo-
Focolari e dedicò tutta la sua vita vince anche la tristezza, la noia, perché invece espressioni di una libertà anarchica, che si fa pas-
re, dice il Concilio, l’amore
all’impegno nella difesa della fami- sostituisce la gioia alla noia. Vince an- sare a torto per vera liberazione dell' uomo. Una tale pseu-
legittimo degli sposi è
glia, nella sua vocazione all’amore che la vecchiaia: con l’amore non si può do-libertà si fonda su una banalizzazione del corpo, che
assunto nell’amore divino,
quale “piccola chiesa”. Vorremmo diventar vecchi: In realtà vivendo que- inevitabilmente include la banalizzazione dell' uomo. Il suo
cioè fa parte dell’amore
riportare in questo articolo alcune sto spirito non si ha tempo, non si ha presupposto è che l' uomo può fare di sé ciò che vuole: il
della Santissima Trinità.
sue frasi dette in occasione di incon- modo di invecchiare. (1976). suo corpo diventa così una cosa secondaria, manipolabile
Quando noi sposi in fami-
tri per famiglie e fidanzati, che ci dal punto di vista umano, da utilizzare come si vuole. Il
glia ci amiamo è la santis-
sembrano particolarmente adatte
sima Trinità che vive in 3$3$%(1('(772;9,(/$ libertinismo, che si fa passare per scoperta del corpo e del
)$0,*/,$
per meditare su ciò che veramente la famiglia è suo valore, è in realtà un dualismo che rende spregevole il
noi, noi viviamo la vita di Dio. Quindi la vita di
nel disegno di Dio per noi cristiani. ...“L’uomo e la corpo, collocandolo per così dire fuori dall' autentico essere
famiglia è un sacerdozio, è la vita sacra e la
donna, per le nozze, non sono più due ma uno. e dignità della persona".

 




 



nostra casa è un tempio come la cattedrale più









Dividersi, dopo una tale unificazione, vuol dire Il 6 Giugno 2005 nella Basilica di San
. Il Papa ha ricordato che: "La

 





bella di questo mondo. La famiglia attua la rivo-






uccidersi, svenandosi. E’la morte. Perché l’unione Giovanni in Laterano, Papa Benedetto
luzione più grande, Dio è amore e la famiglia è rivelazione biblica, (...), è anzitutto espressione di una
coniugale si conservi, non c’è altra corrente coesi- XVI ha inaugurato un Convegno Dioce-
amore, è fatta per l’amore ed è l’amore che storia d' amore, la storia dell' alleanza di Dio con gli uomini:
va che l’amore: ma un amore che viene dall’amo- sano promosso dalla Diocesi di Roma
genera la vita, la vita cresce perchè tra uomini e perciò la storia dell' amore e dell' unione di un uomo ed
re di Dio, superiore alle vicende della natura e sul tema: "Famiglia e comunità cristia-
donne c’è l’amore che li avvicina, li unisce. L’a- una donna nell' alleanza del matrimonio ha potuto essere
agli umori degli uomini. Se guardo alla mia vita, na: formazione della persona e trasmis-
more compie attraverso gli sposi la funzione assunta da Dio quale simbolo della storia della salvezza".
posso dire che il matrimonio riesce nella misura in sione della fede". Benedetto XVI ha
creatrice di Dio. Dio si serve degli sposi per "E come l' incarnazione del Figlio di Dio rivela il suo vero
cui realizza questo amore. Il suo valore sta prima presentato alcune riflessioni sul signifi-
creare la vita nel mondo (1971). …Anche nella significato nella croce, così l' amore umano autentico è
di tutto in questo, e non nei titoli bancari, nel cato che il matrimonio e la famiglia
famiglia cristiana non mancano difficoltà e donazione di sé, non può esistere se vuole sottrarsi alla
benessere, nel successo, e neppure nell’aspetto rivestono nel disegno di Dio, Creatore e
dolori, ma l’amore risolve il dolore in redenzio- croce". Il Santo Padre, enumerando alcune tendenze
prestante e gradevole. Diventa tomba dell’amore Salvatore. Il fondamento antropologico
ne, ne fa materia prima della santità. In questo negative che si oppongono al "legame profondo tra Dio e
quando, esaurite le attrazioni fisiche scambiate della famiglia. Partendo dall' idea che
scrigno sacramentale che è il matrimonio, il l'uomo, tra l' amore di Dio e l' amore umano", ha affermato
per amore, viene meno lo spirito che lo vivifica. "l'uomo è creato ad immagine di Dio, e
che: "Lo svilimento dell' amore umano, la soppressione