Sei sulla pagina 1di 6

Istituto Tecnico Industriale Statale

Liceo Scientifico Tecnologico

“GUGLIELMO MARCONI”
20064 Gorgonzola (Milano)
Via Adda 1 – Tel. 02/9513516 – Fax 02/95300662 – e-mail MITF21000B@istruzione.it
Codice fiscale n° 83504190154

PIANO DI LAVORO DIDATTICO ANNUALE a.s. 2006/07


Docente Bevacqua Franco Classe II E Materia Fisica Data 10/10/2006

SITUAZIONE D’INGRESSO
Diversi alunni non hanno colmato le lacune del debito formativo e presentano ancora numerose carenze

OBIETTIVI CONTENUTI TEMPI METODOLOGIE E STRUMENTI


Obiettivi generali: TEMA 1 : INTRODUZIONE ALLA Settembre/ottobre Lezioni frontali, colloqui e
Riuscire a comprendere il metodo MECCANICA: MOTO UNIFORME. interrogazioni e attività di laboratorio
caratteristico utilizzato dalla disciplina e il e strumentazione del laboratorio di
continuo rapporto tra procedimento induttivo e La meccanica. fisica
deduttivo. - Il punto materiale.
Riuscire a cogliere i limiti propri delle leggi - La traiettoria .
Acquisire un linguaggio formalmente corretto - Sistemi di riferimento:
e rigoroso. monodimensionali, bidimensionali,
trimensionali
- Moto rettilineo uniforme. Velocità.
Obiettivi specifici di disciplina. Spazio persorso.
- Rappresentazione grafica del M.R.U.
1. Saper eseguire semplici misure di - Significato fisico della pendenza del
grandezze grafico spazio-tempo
2. Saper raccogliere, ordinare e
rappresentare i dati sperimentali.
3. Saper “leggere “ i dati sotto forma di
tabelle e grafici. TEMA 2: MOTO UNIFORMEMENTE Ottobre
ACCELERATO.
Altri obiettivi
- Analizzare un fenomeno, cogliendo le - Velocità media.
relazioni tra le grandezze. - Moto uniformemente accelerato.
- Trarre semplici deduzioni e Accelerazione.
confrontarle con i risultati sperimentali - Spazio percorso nel moto
uniformemente accelerato.
- Velocità in funzione del tempo
impiegato.
- Grafici spazio-tempo, velocità-tempo,
accelerazione-tempo.
- La caduta libera dei corpi.

TEMA 3: PRINCIPI DELLA DINAMICA E


APPLICAZIONI
- La dinamica.
- Primo principio della Dinamica.
- Concetto di massa e di forza e relative
unità di misura. Secondo principio.
- Terzo principio della Dinamica. Novembre/dicembre
- La massa ed il peso. La forza peso e il
moto di caduta dei gravi. Accelerazione di un
grave su un piano inclinato.
- La legge di gravitazione universale.
- Il pendolo.

TEMA 4 : PRINCIPI DI CONSERVAZIONE:


QUANTITÀ DI MOTO ED ENERGIA.
Obiettivi specifici:

La legge di conservazione della quantità di


moto. - Esempi di conservazione della quantità
di moto. gennaio/febbraio
- Il lavoro e la potenza.
- L’energia e le sue forme.
- L’energia cinetica.
- L’energia potenziale.
- Energia meccanica e sua conservazione.
TEMA 5: ELETTROSTATICA

- Elettrizzazione per strofinio.


- Conduttori e isolanti .
- Elettrizzazione per contatto. Elettroscopio.
- Elettrizzazione per induzione.
- La carica elettrica. Il Coulomb.
- Conservazione della carica elettrica.
- Legge di Coulomb.

marzo
TEMA 6: CAMPI E POTENZIALI
ELETTRICI

- Campo elettrico.
- Vettore campo elettrico.
- Rappresentazione grafica del campo elettrico.
- Linee di forza.
- Potenziale elettrico.
- Differenza di potenziale.

Aprile
TEMA 7 : CORRENTE ELETTRICA
CONTINUA.
Obiettivi specifici:
1. Conoscenza dei fenomeni connessi al
passaggio della corrente elettrica.
Contenuti:
- Corrente elettrica.
- Leggi di Ohm.
- Circuiti. Resistenze in serie e in
parallello
- Energia elettrica, potenza elettrica, effetto
di Joule.

TEMA 8: TERMOLOGIA

Obiettivi specifici:

1. Comprensione delle due grandezze


temperatura e calore.
2. Conoscenza delle leggi di dilatazione dei
solidi, liquidi e gas aprile/maggio
3. Acquisizione del calore come forma di
energia.
Contenuti:

- La temperatura
- Il termometro
- La dilatazione termica lineare
- La dilatazione termica dei solidi e dei
liquidi
- Temperatura di equilibrio.
- Il calore. La capacità termica e il calore
specifico. Calorimetro.

Laboratorio. maggio/giugno

La rotaia a cuscino d’aria


Moto rettilineo uniforme
Moto uniformemente accelerato
Velocità media
Il secondo principio della dinamica
Caso 1: Massa costante
Caso 2: Forza trainante costante
Applicazioni dei principi della dinamica: il
pendolo semplice
Relazione tra periodo e
lunghezza del pendolo
Misura dell’accelerazione di
gravità
Principio di conservazione della quantità di
moto
Principio di conservazione dell’energia

Fenomeni elettrostatici
Elettroscopio a foglie
Uso degli strumenti: amperometri, voltmetri e
tester digitale
Verifica della prima legge di Ohm
Resistività e II legge di Ohm
Metodo volt-amperometrico per la misura di
resistenze
Resistenze in serie e in parallelo.
Termologia: termometri.
Dilatazione lineare
Calorimetri
Il calore specifico dei corpi
Misura della massa equivalente di un
calorimetro ad acqua.

LIVELLI DI APPRENDIMENTO MINIMI


Conoscere gli argomenti: Metodo sperimentale, Moto uniforme, Moto uniformemente accelerato, Principi della dinamica, principi si conservazione,
elettostatica, campi e potenziali elettrici
Saper eseguire semplici misure di grandezze
Saper raccogliere, ordinare e rappresentare i dati sperimentali.
Saper “leggere “ i dati sotto forma di tabelle e grafici.

STRUMENTI DI VERIFICA
Colloqui orali, risoluzione scritta e orale di problemi, relazioni sull’attività di laboratorio da esporre in forma orale o scritta.

CRITERI DI VALUTAZIONE
Per la valutazione si fa riferimento alla tabella dei voti approvata dal Collegio Docenti
La valutazione dell’allievo si baserà sul grado di acquisizione delle capacità deduttive e induttive, della capacità di risolvere problemi e sullo sviluppo di abilità
sperimentali.

INIZIATIVE DI RECUPERO/APPROFONDIMENTO
Verrà attivato uno sportello di consulenza soprattutto per quegli studenti che vogliano:
- colmare particolari lacune
- avere chiarimenti su argomenti specifici
- richiedere approfondimenti su argomenti di interesse dell’alunno