Sei sulla pagina 1di 333

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.

1 Rapporto Calabria

Attivit per lidentificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturali delle Regioni Obiettivo 1 e delle azioni prioritarie per la loro realizzazione

CALABRIA

Luglio 2003

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

INDICE
EXECUTIVE SUMMARY .........................................................................................................................6 1. 2. ATTIVIT SVOLTE ........................................................................................................................ 10 ANALISI DEL CONTESTO: STRUMENTI E PROGRAMMI OPERATIVI............................... 14 2.1. ANALISI DEL POR...................................................................................................................................................... 14 2.2. I PROGETTI INTEGRATI TERRITORIALI................................................................................................................. 16 2.3. LE PROVINCE.............................................................................................................................................................. 21 2.4. I COMUNI..................................................................................................................................................................... 22 2.5. LE CAMERE DI COMMERCIO.................................................................................................................................... 22 2.6. LE ASSOCIAZIONI IMPRENDITORIALI.................................................................................................................... 23 3. CRITICIT/OPPORTUNIT: ASPETTI GENERALI E DI SISTEMA......................................25 4. ANALISI DELLE POTENZIALIT DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIONI PRODUTTIVE ED ISTITUZIONALI ...................................................................................................28 4.1 FILIERE PRODUTTIVE................................................................................................................................................. 28 4.1.1 Quadro logico di analisi............................................................................................................................................ 28 4.1.2 Aree di specializzazione produttive ........................................................................................................................... 28 4.1.3 Criteri alternativi di analisi della specializzazione territoriale.................................................................................... 34 4.1.4 Indagini territoriali realizzate................................................................................................................................... 38 4.2 IDENTIFICAZIONE DELLE POTENZIALIT DI INTERNAZIONALIZZAZIONE ................................................... 43 4.2.1 Il quadro regionale.................................................................................................................................................... 43 4.2.2 Il quadro provinciale................................................................................................................................................. 49 4.2.3 Conclusioni .............................................................................................................................................................. 50 4.3 PARTENARIATO INTERREGIONALE E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE .................................................... 50 4.3.1 La cooperazione interregionale nellambito del programma INTERREG III B ....................................................... 51 4.3.2 Le iniziative di cooperazione transnazionale dei GAL in Leader II ......................................................................... 51 4.3.3 La cooperazione internazionale del mondo produttivo ................................................................................................ 52 5. INDICAZIONI STRUTTURATE RILEVANTI PER LINTERNAZIONALIZZAZIONE............56 5.1 SUGGERIMENTI E INDICAZIONI............................................................................................................................... 56 5.2 PRE-CONDIZIONI, INTERLOCUTORI STRATEGICI E INTERAZIONE CON IL TERRITORIO.............................. 60 6 CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI........................................................................................62 ALLEGATI ...............................................................................................................................................64 A) MAPPE E CARTOGRAFIE REGIONALI DEI SISTEMI LOCALI, DELLA LORO DINAMICA E RILEVANZA .................................................................................................................................................................... 65 B) SCHEDE DI FILIERA E DI SISTEMA LOCALE .............................................................................................. 92 1. I distretti industriali di Bisignano e di Maierato............................................................................................................. 93 2: I Sistemi locali del lavoro ............................................................................................................................................... 95 3: Il microsistema imprenditoriale comunale del tessile a Cetraro (CS) .............................................................................. 102 4: Il microsistema imprenditoriale comunale della rubinetteria a Nocera Terinese (CZ)..................................................... 104 5: Il microsistema imprenditoriale comunale del legno a Serrastretta (CZ)......................................................................... 106 6: Il microsistema imprenditoriale comunale del gelato a Pizzo (VV)............................................................................... 108 7: Il proto-distretto dellarea PIT Valle Crati.................................................................................................................. 110 8: Il proto-distretto dellarea PIT Savuto.......................................................................................................................... 111 9: Il proto-distretto dellarea PIT Sila Crotonese .............................................................................................................. 112 10: Il proto-distretto dellarea PIT Alto Ionio Cosentino.................................................................................................. 113 11: Il proto-distretto dellarea PIT Aspromonte ............................................................................................................... 114 12: Il proto-distretto dellarea PIT Lamezia .................................................................................................................... 115 13: Il proto-distretto dellarea PIT Medio Tirreno Cosentino............................................................................................ 116 14: Il proto-distretto dellarea PIT Sila Jonica.................................................................................................................. 117 15: Il proto-distretto dellarea PIT Alto Tirreno Cosentino .............................................................................................. 118
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 2

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

16: Il proto-distretto dellarea PIT Alto Crotonese ........................................................................................................... 119 17: Il proto-distretto dellarea PIT Serre Cosentine........................................................................................................... 120 18: Il proto-distretto dellarea PIT Pollino ....................................................................................................................... 121 19: Il proto-distretto dellarea PIT Crotone ...................................................................................................................... 122 20: Gli agglomerati di Sviluppo Industriale inseriti nellAPQ "Infrastrutturazione per lo sviluppo locale"........................ 123 21: Il settore metalmeccanico nella provincia di Vibo Valentia ......................................................................................... 125 22: La filiera del legno nella provincia di Vibo Valentia ................................................................................................. 128 C) DOCUMENTAZIONE STATISTICA SULLE PROVINCIE ........................................................................ 131 D) INTERVISTE............................................................................................................................................................ 146 Elenco dei soggetti intervistati durante la prima fase.......................................................................................................... 146 Commenti sulle interviste realizzate nella seconda fase ...................................................................................................... 147 1 Amarelli fabbrica di liquirizie sas di Marco Amarelli & C., settore Agroalimentare.................................................... 148 2 Salumificio f.lli Dodaro & C. snc, settore Agroalimentare ............................................................................................ 151 3 Giacinto Callipo Conserve Alimentari s.p.a., settore Agroalimentare ............................................................................ 153 4 Cooperativa Annunziata p.s.c.a.r.l., settore Legno Arredamento................................................................................... 156 5 Sila Gum srl, settore Agroalimentare (incontro del 31 marzo 2003)............................................................................. 159 6 Cantine Lento s.c.r.l., settore Agroalimentare (incontro del 1 aprile 2003) .................................................................... 161 7 Sir Meccanica srl, settore Metalmeccanico ...................................................................................................................... 163 8 Travel Ticket, settore Logistica (incontro del 2 aprile 2003).......................................................................................... 165 9 Metalcoop scrl, settore Metalmeccanico (incontro del 2 aprile 2003) ............................................................................... 168 10 Prevarin Aldino, settore Metalmeccanico (incontro del 2 aprile 2003) ......................................................................... 170 11 Gelateria Sublime, settore Agroalimentare (incontro del 2 aprile 2003)....................................................................... 172 12 Ranieri Cantieri Nautici s.r.l., settore Fabbricazione mezzi di trasporto ..................................................................... 174 13 Mauro Demetrio s.p.a., settore Agroalimentare........................................................................................................... 176 14 Agronomica Daniele srl, settore Industria chimica....................................................................................................... 178 15 Cellulosa 2000 srl, settore Industria della carta .......................................................................................................... 180 E) SCHEDA DEL FOCUS GROUP........................................................................................................................... 182 F) ANALISI PRELIMINARE DELLE POTENZIALIT DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIONI AMBIENTALI E/O CULTURALI ........................................................................................................... 184 1 TURISMO ........................................................................................................................................................................ 184 1.1 Quadro dellarea tematica nella regione ...................................................................................................................... 184 1.2 Potenzialit e criticit emergenti ................................................................................................................................. 184 1.3 Ipotesi di progetto esaminate....................................................................................................................................... 185 1.4 Caratteristiche del progetto analizzato........................................................................................................................ 185 1.5 Raccomandazioni per lo sviluppo dellinternazionalizzazione dellarea con i fondi strutturali ...................................... 187 2 CULTURA ........................................................................................................................................................................ 188 2.1 Premessa ................................................................................................................................................................... 188 2.2 Quadro dellarea tematica nella regione ...................................................................................................................... 188 2.3 Potenzialit e criticit emergenti ................................................................................................................................. 190 2.4 Ipotesi di progetto esaminate....................................................................................................................................... 191 2.5 Caratteristiche del progetto analizzato........................................................................................................................ 191 2.6 Raccomandazioni per lo sviluppo dellinternazionalizzazione dellarea con il contributo dei fondi strutturali................ 192 3. AMBIENTE .................................................................................................................................................................... 192 3.1 Quadro dellarea tematica nella regione ...................................................................................................................... 192 3.2 Potenzialit e criticit emergenti ................................................................................................................................. 197 3.3 Ipotesi di progetto esaminate....................................................................................................................................... 199 G) SCHEDE DELLE AZIONI/PROGETTI DI ECCELLENZA IN AMBITO TURISMO, CULTURA E AMBIENTE..................................................................................................................................................................... 201 H) RIFLESSIONI PER LINTERNAZIONALIZZAZIONE IN CALABRIA................................................ 204 1 Le forme dellinternazionalizzazione....................................................................................................................... 204 2 Gli strumenti per linternazionalizzazione .............................................................................................................. 207 I) ANALISI DELLE MISURE DEL POR ................................................................................................................. 209 1. Misure dirette di internazionalizzazione ...................................................................................................................... 209 2. Misure indirette di internazionalizzazione ................................................................................................................... 215 L) GLI INTERVENTI EXTRA-POR: LE INIZIATIVE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 1994-1999 ............................................................................................................................................................................................ 257 1. Mutamenti socio-economici nel periodo del Programma Operativo Plurifondo 1994/99 ................................................ 257
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 3

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

2. Le iniziative di internazionalizzazione nella programmazione 1994/99 ..................................................................... 260 3. Programma diniziativa Comunitaria PMI 1994/99 ................................................................................................. 269 M) GLI INTERVENTI EXTRA-POR: LE INIZIATIVE DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE (LEADER II) ................................................................................................................................................................... 271 1. GAL Serre Calabresi ................................................................................................................................................. 272 2. GAL Monte Poro....................................................................................................................................................... 274 3. GAL V.A.T.E......................................................................................................................................................... 277 N) GLI INTERVENTI EXTRA-POR: INIZIATIVE NEL PROGRAMMA INTERREG III B .................. 279 1. Progetto N. 1: Accessibilit e intermodalit ................................................................................................................. 279 2. Progetto n. 2: Urbanizzazione costiera e aree rurali a elevata strutturazione storica: un modello dintervento URBA COST............................................................................................................................................................................. 281 3. Progetto n. 3: Cibi meridiani, monumenti paralleli....................................................................................................... 282 4. Progetto n. 4: Terme Mediterranee, Thermed................................................................................................................ 284 O) LE INIZIATIVE DI SUCCESSO: PRESENTAZIONE DI DUE PROGETTI DECCELLENZA .. 285 1. I porti di Ulisse ........................................................................................................................................................... 285 2. VisMusicae, Il parco sonoro tra i due mari Rassegna internazionale del patrimonio musicale ed ambientale del Mediterraneo.................................................................................................................................................................... 288 P) SINTESI DEGLI INCONTRI REALIZZATI NELLA PRIMA FASE.......................................................... 290 Dr. Pecoraro, ex direttore generale del Dipartimento Industria, Commercio, Artigianato. ................................................. 290 Dr. Rocco Mercurio, responsabile Politiche internazionali e cooperazione allo sviluppo,...................................................... 291 D.ssa Maria Russo, misura 2.2 \ Dr. Giacinto Gaetano, misura 2.1............................................................................. 292 D.ssa Commisso misura 3.16.......................................................................................................................................... 293 Avv. Caterina Salerno, Assessorato Cultura, Provincia di Catanzaro.............................................................................. 294 dr. Filippo Capellupo, Assessorato alle attivit produttive, Provincia Catanzaro .............................................................. 295 Dr.ssa Evelina Rizzo, Presidenza Regione Calabria,Politiche internazionali ................................................................... 296 dr. Zito della SVI Calabria ............................................................................................................................................ 297 D.ssa Tucci, membro della Struttura Operativa di Gestione (SOG)................................................................................. 298 Dr. Anastasi, dirigente del settore Promozione turistica e responsabile della misura 3.6 ................................................ 299 Dr. Mauro Cervini responsabile della Misura 2.3, Aiuti ai servizi alle imprese POP Calabria 1994/99. .................. 300 Dr. Ranieri, dirigente del settore Commercio ed artigianato / Dr. Anastasi, dirigente del settore Promozione turistica....... 302 Dr. Mamone, dirigente del Settore Informatico e Statistico. ............................................................................................... 303 D.ssa Catia Zumpano, membro della Struttura Operativa di Gestione............................................................................. 305 Dr. Mario Diano, Consorzio operatori turistici Jonica Holiday GAL Alta Locride.................................................... 306 Ing. Pietro Fuda, presidente dell'Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria............................................................ 307 Prof. Ostuni, docente di storia economica del corso di laurea in Economia aziendale. ......................................................... 308 Avv. Vecchio, Assessore provinciale alle Attivit produttive, Vibo Valentia.................................................................... 309 dr. Ferrara, Segretario generale della Camera di Commercio Catanzaro ........................................................................... 310 Dr. Turatto, Direttore Generale Dipartimento Bilancio/Autorit di gestione del POR Calabria. .................................... 311 Dr. Lamanna, direttore dell'Associazione Provinciale degli Industriali, Catanzaro........................................................... 312 Dr. Novellis, responsabile dell'Ufficio Europa Provincia di Cosenza. ............................................................................... 313 D.ssa Molezzi, Direttore Generale /Dr. Acri responsabile dell'Ufficio Europa del Comune Cosenza. ............................. 314 D.ssa Chirico dell'azienda speciale PromoCosenza, Camera di Commercio....................................................................... 315 Prof. Sorriso Valvo, direttore CNR-IRPI (Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica).......................................... 316 Prof. Michele Galimi, Presidente della Comunit Parco Nazionale dAspromonte............................................................ 317 Prof. De Bartolo, preside Economia, dr. Scarpelli, dirigente amministrativo, prof. Barberi, del dipartimento di Fisica. ...... 318 Dott. Antonino Tropea del settore marketing dell'Azienda Speciale IN.FORM.A. ........................................................ 319 Prof. Perna, Presidente del Parco Nazionale dellAspromonte. ......................................................................................... 320 Prof.ssa Milella, Assessore cultura provincia Reggio Calabria, d.ssa Periti, Ufficio Cooperazione internazionale............... 321 Dr Michele Priolo, direttore dellAssociazione Industriali di Reggio Calabria. .................................................................. 322 Dr. Paonni, direttore Confindustria Regionale, Catanzaro. .............................................................................................. 323 Dr. Cantafio, Segretario Generale della CCIAA di Vibo Valentia, d.ssa Megna, funzionario dei Servizi di Promozione. ........................................................................................................................................................................................ 324 Avv. Maria Limardo, Assessore Attivit Produttive Comune Vibo Valentia. ................................................................ 325 D.ssa Romeo, vice segretario, dr. Cortese, funzionario del Settore Promozione / sportello unico per le imprese, CCIAA CROTONE. ................................................................................................................................................................. 326 D.ssa Timpano, dirigente Politiche Comunitarie, D.ssa Bompignano, Attivit Produttive, Provincia di Crotone. .............. 329 Dr. Scalise, Direttore della Riserva Marina Capo Rizzuto. ............................................................................................. 331
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 4

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

EXECUTIVE SUMMARY
Lattivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione della regione Calabria, condotta nel periodo ottobre 2002 aprile 2003, ha messo in luce una realt molto dinamica e complessa, facendo emergere criticit e fabbisogni del mondo istituzionale e del settore economico. Lanalisi ed il confronto tra i risultati ottenuti hanno permesso di giungere alla definizione dei maggiori problemi che rallentano il successo delle politiche dinternazionalizzazione nella regione. Le attivit sono state svolte in due fasi successive. Durante la prima fase lattenzione stata incentrata sulla mappatura delle strumentazioni europee, nazionali e regionali rivolte allinternazionalizzazione, in modo da chiarire le opportunit che il territorio potrebbero cogliere. Successivamente, sulla base delle interviste rivolte agli operatori territoriali -funzionari pubblici, rappresentanti di organizzazioni di categoria, di istituzioni di ricerca, responsabili di agenzie di promozione imprenditoriale e altri soggetti pubblico/privati stato possibile scoprire iniziative non adeguatamente promosse e capacit propositive non sufficientemente sfruttate, ma anche verificare gli elementi di forza e debolezza dei sistemi locali calabresi. La ricognizione dei progetti ha messo in risalto la numerosit di iniziative anche di eccellenza e le esperienze di cooperazione e partenariato attivate negli ultimi anni, sia dalla regione e sia dalle associazioni imprenditoriali, per favorire lo sviluppo del tessuto produttivo calabrese. Nella seconda fase lattenzione stata, invece, focalizzata sul mondo produttivo. I risultati conseguiti confermano e rilevano lassenza o la debolezza di distretti o filiere ben definite, mettendo in risalto una realt frammentata in cui le attivit produttive sono sparse sul territorio. La maggiore difficolt insita in questa fase della ricerca stata quella di identificare settori e zone in cui rintracciare almeno delle caratteristiche riconducibili a cluster produttivi. La classificazione dei comuni in aree di specializzazione produttiva sulla base della loro vocazione stata effettuata incrociando tutte le informazioni raccolte dalle indagini di marketing territoriali condotte recentemente dalle camere di commercio. Accanto a questa classificazione sono state considerate ulteriori informazioni relative alla presenza di protodistretti nelle aree PIT, di microsistemi imprenditoriali comunali, di poli specializzati a livello provinciale e di agglomerati industriali di eccellenza. Emerge per la Calabria, dunque, un quadro di estrema frammentazione dei sistemi economici subregionali e di deboli interdipendenze fra le imprese e le comunit locali, tra i luoghi di lavoro e i luoghi di residenza, da addebitare innanzi tutto alla marginalit degli addensamenti produttivi e al dominio diffuso delleconomia amministrativa, del lavoro pubblico, delle specializzazioni burocratiche e commerciali dei comuni leader dei sistemi locali.1 A questo si aggiunge la dimensione puntiforme delle imprese e questo nanismo imprenditoriale maggiormente aggravato dal fatto che le imprese non sono capaci di fare rete, raramente hanno rapporti di funzionalit produttiva, commerciale o tecnologica con altre imprese. Questo particolare aspetto stato confermato dai testimoni privilegiati che, nel corso delle interviste effettuate e del focus group, hanno rilevato lassenza di mentalit associativa. Superate, in ogni modo, tutte le difficolt della ricerca, insite proprio nella natura della realt considerata, stato possibile delineare una mappatura descrittiva e dettagliata, sebbene a macchia di leopardo, delluniverso produttivo calabrese. La lettura congiunta dei risultati conseguiti dallanalisi desk, dallindagine sul territorio nonch i dati statistici ha confermato la chiusura della regione verso i mercati esteri. Solo alcuni comparti produttivi hanno un maggior peso nelle esportazioni
1 Il modello di sviluppo della Calabria. Caratteristiche strutturali e trasformazioni recenti, di D. Cersosimo, G. Anania e R. Nistic, in Scelte pubbliche, strategie private e sviluppo economica in Calabria a cura di G. Anania, Rubettino.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

regionali e sono quelli relativi ai prodotti chimici, alle macchine e apparecchi meccanici, ai prodotti alimentari e ai prodotti tessili. Tali risultati sono a volte determinati non tanto dal fatto che esistano aree territoriali o filiere produttive consolidate con particolari capacit in termini di export, quanto piuttosto dalleffetto statistico determinato da realt puntuali, rappresentate da singole aziende operanti in un contesto in cui sono le uniche ad esportare per cui il valore assunto dalle esportazioni in un determinato comparto talmente elevato rispetto ai restanti valori da modificare la variabilit della distribuzione alterandone la struttura. In tali casi si parla, in sostanza, di outliers, cio di valori anomali. Comunque lanalisi dei dati sullexport relativi allultimo triennio indica lemergere di un tessuto produttivo dinamico e consapevole dellimportanza dei processi di internazionalizzazione che necessita per svilupparsi adeguatamente, del supporto di idonee strategie di sostegno, finalizzate in primo luogo alla creazione e/o al miglioramento delle condizioni indispensabili al sistema export Calabria per decollare. Questo dinamismo non particolarmente correlato ad un settore o ad unarea specifica e caratterizza lintero contesto regionale, ma bisogna sottolineare che, poich la Calabria una regione in cui il processo di internazionalizzazione debole, potenzialmente tutti i settori produttivi e tutte le realt territoriali sono suscettibili di crescita significativa in termini di apertura verso lesterno. Il settore che, comunque, appare essere pi dinamico e pronto verso il processo di internazionalizzazione quello agroalimentare, sia perch in grado di produrre prodotti di elevata e riconosciuta qualit, sia perch composto da imprese particolarmente snelle e flessibili che riescono a gestire le frequenti oscillazioni dei mercati internazionali senza compromettere la propria struttura produttiva. Fino a questo momento le aziende calabresi hanno operato in maniera non strutturata, limitandosi al mercato locale e basando le proprie strategie sullindividuazione dei vantaggi competitivi allinterno dellazienda stessa, attraverso la riduzione dei costi, la contrazione dei salari, le forme di lavoro irregolare e il restringimento dei margini di profitto dellimprenditore. Inoltre lincapacit di consociarsi e il ridotto livello di relazioni interaziendali hanno causato notevoli deficienze produttive. Linsieme di questi elementi ha costituito un ostacolo il cui effetto stato quello di pregiudicare lampliamento delle esportazioni di servizi e di prodotti verso il mercato europeo e mondiale, poich le imprese hanno avuto accesso in maniera isolata ai flussi di informazioni sui mercati, sulla concorrenza e sulle opportunit. Tuttavia il mondo imprenditoriale ha preso coscienza del fatto che per essere competitivi nei mercati internazionali necessario puntare sulla qualit e linnovazione del prodotto e sulla produttivit del lavoro e non sul costo del lavoro o sugli aiuti finanziari allinvestimento iniziale. Al fine di raggiungere i mercati extraregionali necessario, quindi, programmare una strategia di sviluppo a rete in modo da introdurre le imprese calabresi nelle reti di relazioni produttive, tecnologiche, commerciali e finanziarie delle regioni pi sviluppate in Italia e in Europa e trarre i vantaggi sia in termini di vendite sia di innovazione tecnologica ed organizzativa. Pertanto indispensabile porre le basi per creare le condizioni necessarie a innescare questo processo laddove il tessuto produttivo ancora incapace o troppo fragile per internazionalizzarsi e per sostenerlo laddove gi stato avviato. In generale i fattori che, a detta degli intervistati, ostacolano e/o rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI sono: la non adeguata conoscenza degli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; linadeguatezza del sistema infrastrutturale;
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 7

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

la scarsissima propensione allassociazionismo, determinata probabilmente da motivi culturali; gli elevati costi di trasporto; la lontananza dai mercati europei ed extra-europei; la mancanza di sinergie fra gli operatori economici e fra questi e le istituzioni; la gestione non efficiente da parte delle strutture regionali del sistema fieristico; lassenza di supporto/tutela da parte delle istituzioni; la scarsa diffusione delle informazioni; la scarsa professionalit e la non adeguata preparazione delle strutture e dei consulenti in tema di commercio estero e di investimenti produttivi.

Per favorire tale processo e sostenere le imprese nel superamento delle difficolt che incontrano per penetrare i mercati esteri gli interlocutori suggeriscono di: favorire la maggiore diffusione di informazioni in tema di incentivi allinternazionalizzazione; prevedere delle forme di finanziamento allexport e, in particolare, predisporre strumenti che consentano la riduzione del costo della distanza, favoriscano le forme di associazionismo, tutelino i prodotti; razionalizzare lorganizzazione degli eventi fieristici in modo da considerare le specifiche esigenze e le aspettative delle imprese partecipanti, anche attraverso una maggiore pubblicizzazione delle manifestazioni e la definizione oggettiva di criteri di selezione delle imprese partecipanti; potenziare gli sportelli per linternazionalizzazione costituti presso le Camere di Commercio; incentivare i servizi specifici, quali il ricorso a consulenze nei settori legale, marketing, finanziario, gli studi di fattibilit e le ricerche di mercato per consentire alle imprese di predisporre adeguate strategie produttive e commerciali che rispondano alle aspettative dei mercati esteri, i servizi di merchandising collettivo in reti distributive, la promozione e la pubblicit; migliorare il sistema infrastrutturale.

Gli interlocutori, infine, auspicano una maggiore efficienza da parte della pubblica amministrazione che non riesce a sostenere i ritmi aziendali, unadeguata assistenza da parte delle istituzioni e una maggiore competenza e professionalit da parte delle stesse. A questo proposito per quel che concerne la pubblica amministrazione stato evidenziato come la conoscenza del territorio sia il requisito indispensabile e propedeutico per le attivit di programmazione pubblica. A tal fine sarebbe necessario intraprendere una serie di azioni finalizzate a:

monitorare quanto gi fatto nel passato; individuare le aziende trainanti e i punti di forza del sistema produttivo calabrese, tenendo conto dei fattori extra-economici che pesano sulla produttivit delle imprese, quali i costi della distanza dai grandi mercati, i costi dellenergia e i limiti del sistema bancario, in modo da aver chiare le potenzialit del territorio; valorizzare quei settori che manifestano spiccata vocazione per linternazionalizzazione; effettuare unattenta analisi dei mercati internazionali; elaborare unadeguata strategia programmatica che nasca dal basso e che tenga conto delle effettive esigenze degli imprenditori.

Conoscere per programmare in modo che quanto previsto sia aderente ai fabbisogni e di facile attuazione. Inoltre, secondo gli intervistati, gli incentivi, se non sono basati su una strategia di lungo termine, possono trasformarsi in un meccanismo perverso che spinge le imprese ad andare al di l delle proprie possibilit. In Calabria si registra un elevato tasso di natalit di imprese ma altrettanto alto il tasso di mortalit e quello che a prima vista appare come un punto di forza si trasforma in un punto di debolezza. importante, quindi, far crescere e non far nascere le imprese. Da qui lesigenza di pensare a meccanismi che: consentano di superare le difficolt legate alla commercializzazione;
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 8

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

favoriscano la nascita di adeguati servizi di assistenza; riducano i costi della distanza; promuovano la cultura della qualit puntando sulla specializzazione produttiva; sostengano le forme di associazionismo; ottimizzino le modalit di promozione del sistema Calabria attraverso una programmazione intelligente delle fiere e altri canali di pubblicizzazione.

Tra le strozzature che incontra lavvio del processo di internazionalizzazione e, in generale, il cammino verso lo sviluppo stata sottolineata la mancanza di cultura a 360 gradi, in tutti i settori pubblici e privati, mancanza che affonda le sue radici nella storia della regione. Tra gli interventi necessari per superare gli ostacoli determinati dallassenza di una cultura imprenditoriale si reputa che sia indispensabile: investire nella qualificazione delle imprese e favorirne la crescita professionale, in modo da migliorare le competenze nei diversi settori; creare pacchetti qualificati di prodotti e servizi e facilitare la specializzazione e la diversificazione dei prodotti da offrire sui mercati esteri in modo da aumentare la competitivit delle imprese; favorire il trasferimento di metodologie e di competenze, anche attraverso la creazione di un consorzio regionale tra imprese esportatrici che mettano la propria esperienza a disposizione delle piccole imprese, in modo che queste ultime possano usufruire di servizi che da sole non potrebbero permettersi (ad esempio servizi di traduzione, supporto allorganizzazione di fiere, ecc.); promuovere la creazione di marchi per tutelare e garantire la qualit dei prodotti; incentivare la diffusione di un sistema premiante che obblighi al consorzio.

Tuttavia per rendere produttivi gli strumenti indispensabile porsi in una logica diversa da quella seguita finora, basata essenzialmente sul bisogno, e modificare i ruoli delle parti in causa. Se da un lato la classe dirigente non ha fornito prova di grandi capacit, dallaltro necessario che anche il mondo imprenditoriale spicchi un salto di qualit, come stato pi volte ribadito dai soggetti intervistati. Questi ultimi reputano che sia necessario da parte degli imprenditori: comprendere che pi efficace unazione congiunta di un contatto puntuale; divenire consapevoli del ruolo trainante svolto nellambito della societ e dei compiti che tale ruolo impone; convincersi dellimportanza di superare i campanilismi.

Soprattutto fondamentale essere propositivi attraverso lo sviluppo delle capacit progettuali per dar luogo a progettazioni di sistema da pubblicizzare adeguatamente in modo da essere in grado di generare il consenso. Occorre che vi sia una convergenza di intenti, proveniente dall'azione coordinata di istituzioni e di imprenditori, tesa a dare reale e concreto avvio al processo di internazionalizzazione, che tenga conto di quegli enti, in particolare le Camere di Commercio, che hanno gi assunto la funzione di catalizzatori del territorio valorizzandone lesperienza acquisita in questo campo in modo da fornire un ulteriore e qualificato supporto allo sviluppo di tale processo.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

1. ATTIVIT SVOLTE
Quanto predisposto dal Team Calabria, brevemente T-Cal, ha sviluppato, nei sette mesi di lavoro previsti per lAzione 1 -Identificazione dei programmi e degli altri strumenti attualmente operativi e per l'Azione 2 - Rilevazione ed analisi delle potenzialit del territorio, un intenso piano di lavoro operativo, fondato sullo sviluppo sia di unintensa analisi desk, sia di unampia e diffusa analisi di campo verso le istituzioni pubbliche, le imprese e le organizzazioni private delle cinque province calabresi. La Tavola che segue confronta il Piano di lavoro definito nel progetto esecutivo con il lavoro svolto dal Team Calabria.
PIANO DI LAVORO comune per i Team regionali
Azione Preparatoria 0.A 0.B 0.C 0.D

ATTIVIT del T-Cal

OUTPUT del T-Cal

Presentazione alla Regione Calabria e condivisione del programma di lavoro Definizione metodo e strumenti di rilevazione (*) e comunicazione Formazione e team building Impostazione banca dati Azione 1: Identificazione dei programmi Programmazione attivit operative Interviste presso la Regione e identificazione contatti Analisi programmi a livello nazionale e Comunitari (*) Rilevazione dati attraverso interviste Analisi della documentazione Redazione draft Report 1 Incontri con MAE/MAP per discussione draft Finalizzazione e consegna Report Azione 2: Rilevazione ed analisi potenzialit Identificazione interlocutori del territorio (**) Analisi contesto socio-economico Analisi fonti e letteratura Programmazione delle attivit operative Rilevazione dati attraverso interviste

Riunione in Regione in data 4 novembre Consenso sul piano di lavoro e piano di 2002 incontri con gli uffici regionali Verifica e messa a punto delle schede di Schede di rilevazione e di intervista rilevazione Riunioni di formazione del T-Cal tenute a Equipe coesa e con metodologie di lavoro Catanzaro dal 24 ottobre 2002 omogenee Elaborazione progetti Progetti calabresi nella banca dati centrale

1.A 1.B 1.C 1.D 1.E 1.F 1.G 1.H

Predisposizione del piano di lavoro operativo Attivit realizzata dal 4 novembre 2002 Attivit realizzata dal 24 ottobre 2002 Attivit realizzata dall 8 novembre 2002 Attivit realizzata dal 24 ottobre 2002 Dicembre 2002 Gennaio 2003 Marzo 2003

Incontri ed interviste agli interlocutori per linternazionalizzazione Interviste approfondite ad 8 diversi uffici regionali con competenze congrue Analisi dei programmi nazionali e comunitari per linternazionalizzazione Interviste alle 5 Province, a 2 grandi Comuni, alle 3 5 CCIAA, altri 7 soggetti Rielaborazione della documentazione progettuale sullinternazionalizzazione Elaborazione della bozza di report con 6 allegati, tra cui 37 report di intervista Incontro di verifica del 21 gennaio Rielaborazione e revisione del report di fase 1

2.A 2.B 2.C 2.D 2.E

Verifica con le associazioni degli imprenditori calabresi e le CCIAA Ricerca bibliografica ed incrocio con i dati dalle interviste (febbraio-aprile 2003) Ricerca bibliografica ed elaborazione dei dati raccolti (febbraio-aprile 2003) Programmazione delle interviste di campo per lAzione 2 Incontri con le imprese e focus group Integrazione con il gruppo di esperti dedicato per lanalisi del territorio Elaborazioni realizzate nel febbraio-aprile 2003 Redazione secondo lindice indicato dal capo progetto (aprile - maggio 2003)

2.F

Rilevazione dei principali progetti per la cultura, lambiente ed il turismo (***) 2.G Analisi della documentazione 2.H
(*)

Redazione draft Report 2


di concerto con il Nucleo Centrale

Lista delle interviste con gli imprenditori e dei partecipanti ai focus group Quadro complessivo ed articolato del contesto; elaborate 15 mappe originali Dati dettagliati per provincia sullexport e sui sistemi produttivi locali Incontri con gli imprenditori e preparazione del focus group Interviste a 15 imprenditori e focus group con 7 imprenditori calabresi Scenari sintetici dei tre settori in regione e identificazione di progetti significativi Sistematizzazione del quadro dinsieme grazie al raffronto tra le fonti Report di fase 2 articolato in 4 parti con 8 gruppi di allegati

(**) col supporto dell'esperto in sistemi locali (***) con gli esperti tematici cultura, ambiente e turismo

Nella prima fase del lavoro (ottobre-dicembre 2002) sono state realizzate le attivit per la realizzazione della linea dazione 1 e per lavvio di alcune attivit della linea dazione 2.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 10

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Dal 24 ottobre 2002, a seguito della riunione di presentazione/avvio tenutasi a Roma il 21 ottobre 2002 presso la sede dellIstituto Diplomatico, sono state svolte le seguenti attivit:

ricognizione preliminare:
delle Misure e delle Azioni con valenza di internazionalizzazione sviluppate nel corso della scorsa programmazione 1994-1999; dei progetti con valenza di internazionalizzazione realizzati nellambito di Iniziative Comunitarie, come Interreg e Leader; delle Misure e delle Azioni previste nel POR Calabria con la programmazione 2000-2006, individuando anche lo stato di avanzamento delle misure;

interviste di campo per comprendere i progetti potenziali o in atto suscettibili di internazionalizzazione,


rivolte a: 5 Assessorati e 3 altri uffici della Regione Calabria; le 5 Province calabresi, sentendo sovente pi assessorati ed uffici; 2 grandi Comuni; le 5 Camere di Commercio; le 2 principali associazioni industriali della Calabria, nonch la confederazione regionale; 2 Universit ed il CNR di Rende; altri soggetti istituzionali protagonisti dello sviluppo locale, un consorzio di operatori turistici e 3 Aree protette.

Le interviste realizzate nel periodo novembre-dicembre 2002 sono state in totale 43, ed hanno fornito informazioni interessanti per effettuare valutazioni del potenziale di internazionalizzazione del contesto calabrese. Le interviste hanno riguardato: -

Regione:

Ufficio Emigrazione, Sportello Unico per linternazionalizzazione delle PMI, Settore Politiche internazionali, Assessorato Attivit Produttive, settore Industria, Assessorato Attivit Produttive, settore Turismo, Assessorato Bilancio e Affari Comunitari, Assessorato Beni Culturali, Cultura e Ricerca Scientifica, Assessorato Agricoltura (responsabile Leader II);

Amministrazioni provinciali: Catanzaro: - Assessorato alle attivit produttive, - Assessorato alla cultura, Cosenza: - Ufficio Europa, Crotone: - Assessorato alle attivit produttive, Reggio Calabria: - Presidente, - Assessorato alla cultura, - Ufficio Cooperazione Internazionale; Vibo Valentia: - Assessorato alle attivit produttive; Comuni: Cosenza:
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 11

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

- Direttore Generale, - Ufficio Europa; Vibo Valentia: - Assessorato alle Attivit Produttive; -

Camere di Commercio:
Catanzaro, Cosenza, Crotone, Reggio Calabria, Vibo Valentia; Catanzaro, Reggio Calabria;

Associazioni provinciali degli Industriali:

Confederazione regionale degli Industriali Universit ed enti di ricerca:


Universit Magna Graecia (Catanzaro), Universit della Calabria (Cosenza), CNR - IRPI (Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica, Rende, CS); SVI Calabria, BIC Calabria, Consorzio operatori turistici Jonica Holiday (Reggio Calabria), Riserva Marina di Isola Capo Rizzuto, Ente Parco Nazionale d'Aspromonte, Comunit Parco Nazionale d'Aspromonte.

Altri Soggetti:

Ci ha consentito di costruire un quadro articolato degli interventi per linternazionalizzazione attuati, in corso di realizzazione e programmati in Calabria, e anche, in stretta collaborazione con il referente dell'UTI, ha permesso di individuare primi fabbisogni di attivit di assistenza tecnica alla Regione Calabria. La seconda fase del lavoro, svoltasi nei mesi di febbraio-maggio 2003, ha completato il quadro emerso nel corso della prima fase realizzando: un confronto con le associazioni imprenditoriali e le CCIAA calabresi per individuare le imprese pi significative del territorio, che possono trainare con il loro esempio una nuova cultura dellinternazionalizzazione; unanalisi accurata della letteratura e dei dati per individuare i sistemi produttivi locali che hanno significative potenzialit di sviluppo e di internazionalizzazione; lelaborazione dei dati relativi ai sistemi produttivi locali, poi tradotti nelle 15 mappe originali elaborate dal T-Cal, che evidenziano la ricchezza di potenzialit del territorio calabrese; tali mappe sono state molto apprezzate in sede di focus group per le informazioni riassunte; la raccolta e lelaborazione dei dati sui rapporti di scambio internazionali di ogni provincia, evidenziando i settori pi vivaci; la preparazione del focus group e delle interviste alle imprese; il coordinamento con gli esperti tematici per la cultura, lambiente ed il turismo per la redazione della parte relativa a tali problematiche, riportata in allegato al rapporto; tale parte del lavoro ha portato alla definizione di tre scenari dei settore sulle problematiche della cultura, dellambiente e del turismo in Regione, ed allidentificazione di progetti da sviluppare significativi per linternazionalizzazione del settore; la realizzazione di 15 interviste ad imprese calabresi significative, utili per comprendere le potenzialit di internazionalizzazione del sistema produttivo; le interviste hanno riguardato:
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 12

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

7 il settore agroalimentare, 3 il settore metalmeccanico, 1 il settore legno arredamento, 1 il settore della logistica, 1 il settore della fabbricazione di mezzi di trasporto, 1 il settore della chimica, 1 il settore della carta; la realizzazione di un focus group con 7 imprenditori con ruoli associativi ed istituzionali, utili per la comprensione delle politiche pi utili nel contesto per linternazionalizzazione; la redazione del report di seconda fase, poi fuso con il report di prima fase in questo rapporto delle azioni 1 e 2.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

13

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

2. ANALISI DEL CONTESTO: STRUMENTI E PROGRAMMI OPERATIVI


Lanalisi del contesto ha interessato in primo luogo lindividuazione di misure e strumenti per linternazionalizzazione nellambito del Programma Operativo Regionale 2000/2006 e dei Complementi di Programmazione sui fondi strutturali comunitari. Lattivit di ricerca, poi ha interessato il processo di progettazione integrata avviato nel contesto socioeconomico regionale, gli enti amministrativi locali (province e comuni), gli enti pubblici territoriali (camere di commercio) e le associazioni di categoria degli imprenditori. Dal punto di vista finanziario, altre fonti possibili di indagine ed analisi sono: quelle comunitarie (P.I.C. quali Leader, Interreg, Equal, altre), nazionali (Intese Istituzionali di Programma e relativi Accordi di Programma Quadro, contratti di programma, patti territoriali, leggi nazionali di settore, altre fonti nazionali), regionali (bilancio regionale, altre fonti regionali) e private. La Calabria durante il periodo precedente di programmazione dei fondi strutturali (1994-99) stata, mediamente, una delle regioni pi dinamiche del Paese, segnando un tasso medio annuo di crescita del PIL pari al 2,2% (superiore, quindi, sia a quello medio dellarea meridionale, pari al 2,0%, sia a quello medio nazionale, pari al 1,9%). Tale vantaggio stato conseguito prevalentemente nellultima parte del periodo. , infatti, nellanno 2000 e, soprattutto, nellanno 2001 che si registra la pi elevata crescita del PIL. Obiettivi di maggiore apertura ai rapporti e collegamenti con paesi, mercati e realt estere, erano presenti nella programmazione precedente. Il percorso di sviluppo individuato dalla Regione Calabria nel periodo 94-99 stato basato sulla definizione di strategie capaci di collegare, in modo funzionale, gli obiettivi generali della crescita globale con quelli pi specifici, riconducibili ai settori considerati pi incisivi rispetto alla peculiarit ed alle specificit della realt calabrese. Gli strumenti messi in campo erano essenzialmente quelli degli aiuti di Stato (regime de minimis e L.488/92), delle azioni di accompagnamento (finanziate al 100%) e il cofinanziamento di studi di ricerca (presentati da universit ed imprese private).

2.1. Analisi del POR


Lindagine ha evidenziato lesistenza di misure nel POR 2000-2006 che direttamente o indirettamente influenzano lobiettivo di internazionalizzazione della regione: Asse I - Risorse naturali: - misura 1.10: Rete Ecologica; Asse II Risorse culturali: - misura 2.1, Interventi di conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale, - misura 2.2, Servizi pubblici per la valorizzazione del patrimonio culturale, - misura 2.3, Sviluppo delle iniziative imprenditoriali nel settore dei beni culturali; Asse III Risorse umane: - misura 3.10, Adeguamento delle competenze della pubblica amministrazione, - misura 3.16, Sistema regionale per la ricerca e linnovazione; Asse IV Sistemi locali di sviluppo: - misura 4.1, Crescita e competitivit delle imprese industriali, artigiane, del commercio e dei servizi, - misura 4.2, Promozione dei sistemi produttivi locali, - misura 4.3, Promozione e fruizione dellofferta turistica; Asse VI Reti e nodi di servizio: - misura 6.3, Societ dellinformazione.

Tra queste, l'unica Misure direttamente finalizzata al perseguimento di strategie di internazionalizzazione la Misura 4.2, mentre le altre sono Misure che possono contribuire indirettamente all'attivazione di processi di internazionalizzazione. La Misura 4.2 - Promozione dei sistemi produttivi locali (Asse IV - Sistemi locali di sviluppo; settore sviluppo
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 14

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

imprenditoriale locale; fondo FESR; costo totale della misura: 237.652.000 euro) vede come amministrazione responsabile la Regione Calabria, Dipartimento Industria, Commercio e Artigianato, mentre la sua attuazione avviene attraverso i PIT ed i PIS (progetti integrati strategici). Approfondendo i contenuti della misura 4.2 si evince che linternazionalizzazione particolarmente considerata nellazione c) e nellazione d). Nel primo caso -azione c) Attrazione diniziative imprenditoriali strategiche per lo sviluppo regionale e sviluppo della cooperazione produttiva interregionale si propongono azioni di marketing territoriale che rimandano ad un processo dinternazionalizzazione di tipo passivo basato su un modello di crescita esogeno neo-classico, con importazione di innovazione tecnologica e capacit imprenditoriale in cambio delle agevolazioni previste dai PIA (Pacchetto Integrato di Agevolazione). un modello che mette in competizione realt territoriali deboli, come quella calabrese, per accaparrarsi imprese da contesti pi evoluti in un cosiddetto gioco a somma zero. Tuttavia, uno spiraglio lasciato alle nuove forme di internazionalizzazione, con la possibilit di realizzare progetti di cooperazione produttiva sia tra singole imprese sia tra sistemi dimprese. Nel secondo caso -azione d) Sostegno ai processi dinternazionalizzazione delle imprese si prevede la creazione di servizi di assistenza alle imprese e di network operativi per favorire la conoscenza dei mercati esteri e, dunque, si intendono creare le premesse perch le imprese possano intraprendere dei processi dinternazionalizzazione attiva. Gli interventi previsti sono tre: la costituzione di uno sportello regionale per linternazionalizzazione; agevolazioni finanziarie per progetti dinternazionalizzazione; il sostegno ai consorzi per lexport.

In generale, si registra un ritardo nellattuazione di questa misura, nessun intervento stato ancora attivato, a parte alcuni progetti compatibili. Altre due misure rivestono notevole rilevanza, se pur indirettamente, per linternazionalizzazione dei sistemi locali: la misura 4.1 -Crescita e competitivit delle imprese industriali, artigiane, del commercio e dei servizi - e la 3.16 Sistema regionale per la ricerca e linnovazione. La prima rientra tra gli interventi basilari per irrobustire lambiente imprenditoriale regionale. In particolare, lazione a) Potenziamento e sviluppo della competitivit delle PMI industriali, artigiane e dei servizi, puntando allaumento della competitivit e la riqualificazione dei processi produttivi (con innovazioni di prodotto e di processo e il miglioramento ambientale delle condizioni produttive), diviene fondamentale al fine di creare un contesto dinternazionalizzazione. Anche lazione b) Pacchetti Integrati di Agevolazioni (PIA) per la creazione e lo sviluppo delle PMI industriali, artigiane e dei servizi, dando priorit agli interventi realizzati in settori innovativi (new economy, tecnologie ambientali, ecc) e volendo stimolare la nascita dimprese nei settori high-tech con priorit a quelle generate attraverso spin-off da industrie high-tech o da centri di ricerca pubblici e privati si propone, almeno nelle intenzioni, come una misura molto orientata a favorire linternazionalizzazione. Anzi, in contesti come quello calabrese caratterizzati da unaccentuata debolezza imprenditoriale e una limitatissima capacit dexport, questa azione pu avere effetti ben pi rilevanti della stessa 4.2. Lazione c) Commercio promuove strategie di valorizzazione dellofferta commerciale quali la realizzazione e lo sviluppo di reti integrate per la distribuzione di prodotti e servizi attraverso accordi di cooperazione tra imprese, o attraverso forme di affiliazione o franchising, con particolare riguardo alla commercializzazione e valorizzazioni di produzioni locali e alla realizzazione di logo e marchi commerciali che, come si scritto in precedenza, sono tutte iniziative fondamentali del make together, cio delle nuove forme di internazionalizzazione. Le azioni d) Servizi alle imprese ed e) Servizi dingegneria finanziaria alle imprese assumono un ruolo fondamentale in unottica di penetrazione su nuovi mercati; in particolare, la seconda azione diviene fondamentale per ridurre, ad esempio con i fondi di garanzia, il rischio che il singolo imprenditore deve sostenere nellintraprendere ad esempio una sole venture. Nella procedura dattuazione dellazione a), e dunque nella gestione delle agevolazioni, la Regione ha stipulato una convenzione con lArtigiancassa, mentre per le azioni b), c) e d) si prevede il ricorso a PIS e PIT, sebbene la loro complessit procedurale di costituzione e approvazione di fatto renda difficile laccesso ai fondi.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 15

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Infine, per lazione e) si deve ancora attivare un sistema di convenzioni con soggetti specializzati (venture capitals, business angels, fondi di garanzia, ecc.). Nonostante la misura abbia notevole rilevanza per lo sviluppo regionale, anche in questo caso la fase dellattuazione sembra essere ancora lontana. Per quanto riguarda la misura 3.16, questa ha quale obiettivo il potenziamento del sistema regionale della R&S, promovendo linserimento della comunit scientifica in reti di cooperazione internazionale e, soprattutto, favorendo linternazionalizzazione delle imprese pi innovative mediante azioni di cooperazione transnazionale con le imprese europee che partecipano ai progetti dei Piani Regionali per lInnovazione della rete RIS/RITTS. Anche in questo caso le intenzioni appaiono ottime, e la misura sembra facilmente integrabile con la 4.1 e la 4.2, in modo da creare ununica cabina di regia regionale, una sorta di grande bureau dellinnovazione e dellexport, capace di gestire i fili di un knowledge management territoriale e di attivare uneconomia dei network. A un minore livello di rilevanza per le politiche dinternazionalizzazione si situano le misure 2.2 -Servizi pubblici per la valorizzazione del patrimonio culturale, 2.3 Sviluppo delle iniziative imprenditoriali nel settore dei beni culturali, 4.3 Promozione e fruizione dellofferta turistica e 6.3 Societ dellinformazione. Le prime tre sono strettamente legate alla valorizzazione del patrimonio culturale, principalmente in chiave turistica, e quindi rimandano parzialmente a un processo dinternazionalizzazione culturale. Parzialmente, poich le iniziative tendono non a promuovere collegamenti con sistemi ed istituzioni estere o reti di servizi e circuiti internazionali della cultura, bens seguono la naturale tendenza ad accrescere il valore del patrimonio locale cos da generare afflussi di turisti, magari dallestero. Ci confermato dal fatto che, molte imprese del settore turistico, in teoria, potrebbero accedere anche alle azioni delle misure 4.1 e 4.2. Tale confusione di intenti pi evidente nellanalisi delle misure dedicate dal POR Calabria a cultura e ambiente, dove lo sforzo della regione rischia di confluire in unazione a sostegno del turismo. Per quanto riguarda la misura 6.3, interessante qui sottolineare lintenzione manifestata dalla Regione di finanziare un progetto di digitalizzazione degli antichi manoscritti sacri, numerosamente presenti nelle biblioteche calabre. Ci permetterebbe alla Regione di avviare un partenariato euromediterraneo su una biblioteca tematica digitale (Biblioteche del Mediterraneo). In tal senso, esistono gi dei contatti per uniniziativa comune con lUniversit di Gerusalemme.

2.2. I Progetti Integrati Territoriali


Il POR Calabria ha individuato nei sistemi istituzionali di governo locali una delle leve principali per il raggiungimento degli obiettivi prefissati nel Programma. Il territorio regionale stato suddiviso attraverso un processo di concertazione che ha coinvolto i soggetti del partenariato regionale e locale. Le aree PIT individuate sono 23 (cfr. tabella 1) e la zonizzazione stata definita nel rispetto di due vincoli territoriali: a) il principio di contiguit tra i comuni appartenenti allo stesso PIT; b) i confini provinciali.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

16

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Tabella 1: Elenco dei PIT per provincia Provincia di Cosenza 1. Alto Tirreno Cosentino 2. Medio Tirreno Cosentino 3. Pollino 4. Alto Ionio Cosentino 5. Val di Crati 6. Sila Jonica 7. Basso Tirreno Cosentino 8. Serre Cosentine 9. Sila Provincia di Reggio Calabria 19. Piana di Gioia Tauro 20. Aspromonte 21. Locride 22. Stretto 23. Area Grecanica Provincia di Catanzaro 14. Lamezia 15. Valle del Crocchio 16. Serre Calabresi

10. Savuto Provincia di Vibo Valentia 17. Serre Vibonesi 18. Monte Poro

Provincia di Crotone 11. Alto Crotonese 12. Sila Crotonese 13. Crotone

Tale zonizzazione stata effettuata dagli studi realizzati dalla Regione e dalle Universit calabresi e considerando le ripartizioni territoriali gi esistenti quali Comunit Montane, Enti Parco, Leader II (GAL), Patti territoriali ed altro. La versione finale della zonizzazione come base per la costituzione delle aree PIT stata adottata dalla Giunta regionale con delibera n.354 del 27 aprile 2001 di concerto con gli altri organismi coinvolti (province, UPI, ecc.). La procedura seguita per lelaborazione dei PIT da parte dei partenariati locali ha previsto tre fasi: 1. costruzione del quadro generale, nel quale analizzata la situazione attuale, valutati i punti di forza e debolezza del territorio dellarea PIT e individuata lidea strategica; tale quadro deve essere inoltrato allUnit di 2 coordinamento entro i trenta giorni successivi alla pubblicazione delle Linee guida e discusso per approvazione o modifiche entro trenta giorni dalla data di invio; dettaglio delle operazioni, in cui sono individuate le singole iniziative intese a realizzare lidea strategica in forma integrata; il documento deve essere inoltrato allUnit di coordinamento entro i tre mesi successivi allapprovazione del quadro generale e discusso per approvazione o modifiche entro tre mesi dalla data di invio; valutazione del PIT, finalizzata allesame delle singole iniziative e del Progetto nel suo complesso; deve avvenire, in fase ex ante, alla presentazione, discussione ed approvazione della documentazione richiesta, sia per quanto attiene gli aspetti generali, sia per quanto attiene le singole operazioni.

2.

3.

Tali fasi sono sinteticamente schematizzate nella figura 1 che segue.

2 LUnit di coordinamento composta dal Dipartimento Bilancio e Programmazione della Regione Calabria, nella figura del Dirigente di Settore della programmazione, con funzioni di presidenza, dallAutorit di gestione del POR Calabria, dai responsabili del coordinamento dei fondi FSE, FEOGA e SFOP, o loro delegati; dal NVVIP con ruolo di istruttoria di progetto.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

17

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Fig.1: Principali fasi di costituzione dei PIT


Studi, analisi e ricerche sulle caratteristiche e le specializzazioni del territorio calabrese Zonizzazione derivante dal Leader (GAL), dai Patti territoriali, da Comunit Montane, Parchi e zone marginali in aree rurali

Zonizzazione di base

Tavolo di concertazione con Province, UPI, ANCI, UNCEM Consiglio Regionale

Zonizzazione finale e Convezione di costituzione PIT

Tavolo di concertazione con Sindacati Tavolo con il partenariato Socio-economico Incontri con i Comuni

Approvazione Convenzione da parte dei Consigli comunali

Costituzione degli Organi di gestione dei PIT Linee guida

Redazione dei Progetti

Fonte: Linee guida PIT Calabria febbraio 2003

Gli aspetti di internazionalizzazione dei PIT calabresi sono stati rilevati dalla lettura delle schede progettuali attualmente disponibili, presentate dai partenariati locali e non ancora definitive. Dallanalisi di tali schede si evince e si conferma quanto emerso dagli incontri avuti con i soggetti intervistati, e cio che il tessuto socio-economico calabrese non ancora pronto per affrontare il processo di internazionalizzazione. Tra le azioni propedeutiche da perseguire ci sono le azioni di formazione rivolte sia al mondo imprenditoriale sia alle istituzioni, lincentivazione dellassociazionismo, la valorizzazione e promozione delle risorse naturalistiche e culturali, il miglioramento della competitivit delle imprese favorendo linnovazione tecnologica, la creazione di marchi di qualit, la specializzazione delle produzioni ed altro. Nei programmi dei PIT elencati di seguito non stato rilevato alcun aspetto specificamente legato allinternazionalizzazione.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

18

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria PIT Valle del Crocchio Lamezia Locride Serre Calabresi Sila Alto Tirreno Cosentino Crotone Pollino Serre Consentine Area Grecanica Savuto Alto Ionio Cosentino Aspromonte Basso Tirreno Cosentino Medio Tirreno Cosentino Serre Vibonesi Idea strategica Lorganizzazione delle competenze esistenti per la competitivit del territorio Nel cuore della Calabria tra mare e monti e risorse produttive Dai laboratori per lo sviluppo alla costruzione del Sistema Locride Un modello di sviluppo turistico ecosostenibile nelle Serre Calabresi Sistema turistico locale Sila - Dall'habitat al patto tra generazioni per l'occupazione e lo sviluppo sostenibile della Sila La riviera nel Parco PIT agora (P-rogetto I-ntegrato T-uristico azioni g-iovani/impresa o-ccupazione r-ilancio a-rcheologia/mbiente/-rtigianato/-gricoltura) Progetto Integrato Territoriale per lo sviluppo compatibile e durevole dellarea Pollino Lo sviluppo tra memoria e innovazione I Calavra Dikma La nostra Calabria Dalle radici di una storia antica alle nuove risorse sulla strada di uno sviluppo sostenibile del territorio Savuto: Integrazione e sostenibilit: Un progetto per costruire un nuovo equilibrio tra ambiente, comunit locali e sviluppo economico Sibari, un marcatore di identit per avviare un processo di sviluppo locale integrato La Montagna che accoglie la sfida del tempo Emersione Occupazione Sviluppo (E.O.S) Dalle tradizioni ad uno sviluppo sostenibile

Altri PIT invece hanno adottato impostazioni strategiche che rispondono soprattutto allesigenza di attuare azioni preparatorie per linternazionalizzazione, mentre alcune schede fanno riferimenti espliciti ad interventi specifici di internazionalizzazione, evidenziati nella tabella che segue.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

19

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
PIT Valle Crati Aspetti di internazionalizzazione rilevati Sono stati rilevati espliciti riferimenti allinternazionalizzazione nei seguenti obiettivi: Obiettivo 1: PMI ed artigianato (Asse IV Misure 4.1; 4.2; 4.15) Obiettivo 2: Servizi alle imprese (Asse IV Misure 4.2; 4.13) Obiettivo 7: Valorizzazione prodotti locali (Asse IV Misura 4.3) Obiettivo 12: la creazione di consorzi e centri di ricerca (Asse IV mis. 4.1 - 4.2) Si intende, in particolare, incentivare la realizzazione di consorzi anche per l'export. La variabili sulle quali si vuole incidere sono la capacit di esportazione, la capacit di attrazione di investimenti esteri, la capacit di esportazione, capacit di attrazione dei consumi turistici Valorizzazione delle risorse per un Ben-Essere fra Terra, Acqua e Lidea strategica articolata in quattro azioni: Cultura (1) Polo del benessere e della salute, relativo ai settori Termalismo Medicina dello Sport Ambiente Salute. (2) Polo produttivo della montagna crotonese, relativo ai settori Filiera del legno - certificazione dei Sistemi di Gestione Ambientale nel settore foresta-legno Polo Tecnologico del legno. (3) Circuito turistico Marchio di Qualit Ambientale Ecolabel, relativo ai settori Ambiente - cultura archeologia religione (4) Valorizzazione e rafforzamento delle PMI a vocazione, relativo ai settori internazionalizzazione e.business qualit totale ingegneria finanziaria. Lidea di innestare un nuovo processo di internazionalizzazione delle imprese che pu assumere due differenti forme, quella mercantile (le esportazioni) e quella produttiva (gli investimenti allesterno) e prevede un apposito sistema di sostegni finanziari spesso poco conosciuti e utilizzati dagli imprenditori locali. Questa direttrice ha la finalit di contribuire alla diffusione di alcune informazioni sulle agevolazioni previste dal legislatore in materia di internazionalizzazione. Gli obiettivi che si intendono perseguire sono: 1. Creare una cultura imprenditoriale capace di esportare le produzioni locali; 2. Creare una cultura imprenditoriale capace di attrarre investimenti esteri; 3. Avviare e sostenere i processi finalizzati alla commercializzazione dei prodotti delle imprese. Oltre il porto, per lo sviluppo della piana di Gioia Tauro. Potenziare le Gli aspetti di internazionalizzazione sono deducibili dagli indicatori previsti, in particolare imprese che diventato reti istituzionali, tutelare e valorizzare le specificit territoriali, esportatrici. promuovere la cooperazione tra le imprese, manutenere il capitale sociale. Tre volti per lo sviluppo: Progetto di valorizzazione integrata del territorio Gli aspetti di internazionalizzazione sono previsti nella linea dazione d) che prevede la realizzazione di servizi innovativi alla societ e alle imprese e le infrastrutture di supporto per aiutarne la competitivit, la capacit ad esportare e ad attrarre capitali esterni allarea in settori pregiati quale il turismo, il termalismo, lagriturismo, lagroalimentare (ASSE 4. M4 // A5 M2// A6. .M3). Percorsi di sviluppo guidati da vini deccellenza - Progetto di Gli aspetti di internazionalizzazione sono deducibili dagli indicatori previsti, in particolare imprese che diventato valorizzazione integrata del territorio esportatrici. Riqualificazione dellofferta turistica nellArea PIT Monte Poro Gli aspetti di internazionalizzazione sono previsti nellobiettivo 4: Sviluppare il sistema di commercializzazione. Le variabili di rottura sulle quali si intende incidere sono la capacit di esportare; il grado di indipendenza economica; la capacit di attrazione dei consumi turistici; la capacit innovativa. Gli indicatori considerati sono le esportazioni/PIL; le importazioni nette/PIL; le presenze turistiche per abitante; lindice di specializzazione tecnologica (ITS); lincremento annuo di arrivi e presenze. Sulla strada della costruzione dellArea Metropolitana dello Stretto Uno degli obiettivi del PIT di potenziare lArea Metropolitana dello Stretto come nodo funzionale strategico per gli (dallAspromonte al mare) scambi culturali e commerciali tra lEuropa e i Paesi del Sud del Mediterraneo. Gli aspetti dio internazionalizzazione sono, inoltre, deducibili dagli indicatori previsti, in particolare imprese che diventato esportatrici. Sistema Valle Crati Idea strategica

Sila Crotonese

Piana di Gioia Tauro Sila Jonica

Alto Crotonese Monteporo

Stretto

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

20

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

2.3.

Le Province

Le Province Calabresi (specialmente quelle di nuova costituzione, Vibo Valentia e Crotone) si sono dimostrate molto attente alle problematiche legate agli aspetti dell allinternazionalizzazione. In particolare, attraverso fondi del bilancio provinciale, sono state avviate una serie di iniziative: tutte hanno istituito, sebbene con diversa denominazione, "lUfficio Europa" che svolge importanti funzioni di informazione, orientamento e animazione territoriale sulle tematiche comunitarie in genere (tale funzione svolta in modo continuo in favore del personale interno, del personale dei comuni del territorio provinciale ed, infine, in favore di privati); hanno partecipano attivamente, di concerto con le CCIAA, allorganizzazione e attivazione dello sportello provinciale per l'internazionalizzazione delle imprese (assicurando, altres, la partecipazione attiva di propri rappresentanti ai lavori dello sportello che operano nellambito della segreteria); organizzano la partecipazione alle fiere stabili di carattere nazionale e, saltuariamente, a fiere internazionali per le quali l'Amministrazione fornisce un supporto all'organizzazione e al finanziamento degli stand (pagamento degli spazi espositivi e delle spese di spedizione dei prodotti); sono state promosse attivit di marketing territoriale verso territori del Nord Italia ed europei, attraverso la pubblicazione e divulgazione di materiale informativo e incontri con imprenditori di tali territori. La Provincia di Vibo Valentia e quella di Crotone hanno partecipato al progetto Russia promosso da Mondimpresa, che prevedeva un programma di scambi con imprenditori russi finalizzato alla promozione delle imprese calabresi.

Si riscontrato, altres, un intenso programma di scambi con le aree Sud del Mediterraneo. In tale contesto, lAssessorato alla cultura dellAmministrazione Provinciale di Catanzaro ha organizzato, a partire dal 2001, una rassegna internazionale di musica e valorizzazione del patrimonio artistico-ambientale Vis Musicae Il parco sonoro tra i due Mari. Altra iniziativa in ambito Mediterraneo quella portata avanti dallAmministrazione Provinciale di Reggio Calabria e lUniversit per gli stranieri Dante Alighieri di Reggio Calabria. Si tratta di progetti di scambi di studenti e ricercatori con i Paesi del Nord Africa. In particolare, stato avviato un progetto di cooperazione decentrata con lUniversit di Gafsa sud, finanziato dal programma PHDL e finalizzato alla formazione di operatori tunisini e a sensibilizzare le istituzioni ed amministrazioni pubbliche sui temi della solidariet sociale e dellimmigrazione. Iniziative in campo economico interessano sempre la Provincia di RC, che ha stipulato una convenzione con le autorit maltesi per promuovere gli scambi di know-how tra le imprese dei due territori, e la promozione del porto di Gioia Tauro come sito per investimenti dagli USA nel settore della logistica e del traffico marittimo. Iniziative in campo culturale sono state condotte, altres, dalla Provincia di Vibo Valentia con il progetto Traiano finanziato con fondi comunitari del programma Cultura 2000, in partenariato con istituzioni spagnole, tedesche e rumene. ancora in ambito culturale che si concentra lazione di internazionalizzazione della Provincia di Crotone. Il Servizio Politiche Comunitarie ha evidenziato la collaborazione con una societ francese per la predisposizione di un progetto nellambito del IV Programma Quadro a favore della Cultura. Scopo principale di tale progetto lo sviluppo del turismo culturale in Europa, attraverso la realizzazione di una rete informatica certificata (Itinerari Turistici e Culturali Europei). La Provincia di Crotone partecipa al progetto con litinerario La via della Magna Graecia. Infine le Amministrazioni si sono dimostrate molto sensibili nellinternazionalizzazione del settore sociale, in particolare alle problematiche relative all'integrazione con la comunit di stranieri provenienti da diverse aree (nord Africa, Balcani, ecc.). Per favorire tale processo (v. Amministrazione Provinciale di Vibo Valentia) stato costituito un apposito ufficio che ha il compito di fornire assistenza ad ampio raggio (sanit, corsi di lingua italiana, legislazione, economia, ecc.). Un quadro dei progetti analizzati nel corso dellindagine, finanziati dalle Province calabresi, riportato nella tabella che segue, insieme ai progetti dei Comuni e delle Camere di Commercio.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

2.4.

I Comuni

Dagli incontri effettuati emersa una realt locale molto interessata alle tematiche internazionali. Le Amministrazioni comunali, con fondi propri, partecipano e promuovono la partecipazione delle PMI alle maggiori rassegne fieristiche nazionali (quali Milano, Bologna, Bari, ecc.) per la commercializzazione dei prodotti tipici dei settori trainanti (Turismo, Agricoltura e Pesca) e, in misura minore, internazionali. Il Comune di Vibo Valentia ha avviato unindagine quanti-qualitativa volta ad individuare ed analizzare le PMI locali che hanno affari con lestero, al fine di programmare iniziative di promozione commerciale e produttiva con paesi esteri (in particolare dellarea del Nord Africa). Il Comune, altres, impegnato nella costituzione di un locale sportello per linternazionalizzazione nellambito delle competenze dellAssessorato alle Attivit Produttive. Il Comune di Cosenza ha attivato al suo interno fin dal 1998 l'Ufficio Europa con il quale fornisce alla popolazione, cittadini ed imprese, informazioni sui programmi e le politiche comunitarie. Da circa due anni, il Comune fa parte della Federazione Mondiale dei Comuni Uniti (FMCU). In questi anni l'Amministrazione Comunale si impegnata attivamente nel campo internazionale partecipando a diverse iniziative nell'ambito di diversi programmi quali Interreg II e URB-AL. Di particolare rilievo risultato un progetto finanziato con il programma comunitario URB-AL (favorisce la cooperazione con i paesi dell'America Latina nel settore della pianificazione e problematiche urbane): "Accesibilidad y mobilidad en los contestos historicos URB-AL". Il settore d'intervento quello della Riqualificazione Urbana; ed stato svolto in partenariato con i Comuni di Ragusa, Cosenza, Girona (E), Granada (Nicaragua), Montevideo (Uruguay), Santa Tecla (El Salvador). Non sono state registrate iniziative o progetti a carattere internazionale che vedano coinvolte le Comunit Montane. Un quadro dei progetti analizzati nel corso dellindagine, finanziati dalle Comuni calabresi, riportato nella tabella che segue, insieme ai progetti delle Province e delle Camere di Commercio.

2.5.

Le Camere di Commercio

Sul tema dellinternazionalizzazione le Camere di Commercio sono particolarmente attive e impegnate nella fornitura di informazioni e servizi istituzionali. Attraverso il fondo perequativo nazionale dellUnioncamere e in particolare in occasione di progetti avviati a livello nazionale (es. progetto VAL-MEZ), le CCIAA hanno, spesso di concerto con le amministrazioni provinciali, attivato lo "Sportello per l'internazionalizzazione delle imprese", che rappresenta una prima interfaccia con le PMI e il mondo delle associazioni e un primo livello di assistenza rispetto alle esigenze della singola impresa. Lo sportello infatti attrezzato per offrire all'operatore la conoscenza degli elementi fondamentali relativi alle opportunit di business nelle diverse realt geo-economiche e sui mercati esteri e consentire l'accesso ai progetti GLOBUS e SCHEDE EXPORT e alle Politiche di Internazionalizzazione. Inoltre fornisce servizi di informazione, formazione e prima assistenza alle piccole e medie imprese che intendono operare o che gi operano nei mercati esteri. Questo per ripianare la mancanza di unadeguata base di informazione-formazione negli imprenditori. Rappresenta, in altre parole, uno strumento di prima assistenza alle imprese che esprimono fabbisogni nei loro percorsi di internazionalizzazione garantendo informazione in merito a: procedimenti di rilascio delle autorizzazioni necessarie allesportazione ed allimportazione; diffusione dei servizi di carattere finanziario, assicurativo, informativo e promozionale, inerenti le opportunit e gli strumenti internazionali, comunitari, nazionali e regionali per linternazionalizzazione delle imprese; informazioni preliminari concernenti i bandi e lo svolgimento di gare internazionali; informazione sugli adempimenti necessari per ottenere agevolazioni, contributi ed incentivi ed il supporto per metterli in atto; indicazione ed attivazione degli interlocutori pubblici e/o privati pi qualificati nel fornire le soluzioni specialistiche richieste.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 22

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

La CCIAA di Cosenza ha demandato alla sua azienda speciale PromoCosenza il compito di promuovere linternazionalizzazione e i servizi reali afferenti (SRI): servizi di informazione, formazione e prima assistenza alle piccole e medie imprese che operano o che sono orientate a operare nei mercati esteri. Anche per quanto riguarda la CCIAA di Reggio Calabria si registra la presenza di unazienda speciale, IN.FORM.A., che gestisce il locale sportello per linternazionalizzazione. Nel quadro delle azioni parallele allistituzione dello sportello provinciale per linternazionalizzazione stata realizzata la Borsa Merci Telematica del Mediterraneo (BMT), che ha sede a Gioia Tauro. Inaugurata nel giugno 2002, la BMT ha funzioni informative, statistiche, gestionali ed operative. Lagenzia IN.FORM.A responsabile del funzionamento e della gestione della BMT. La CCIAA di Vibo Valentia, oltre ad aver costituito lo sportello per linternazionalizzazione, ha realizzato e pubblicato una guida per lexport, distribuendola alle PMI del suo territorio. La CCIAA di Crotone impegnata nelle attivit di marketing territoriale, e in particolare nella definizione di Pacchetti Localizzativi per lattrazione di investimenti extraregionali, sia nel settore industriale sia dei servizi. Altre iniziative che vedono coinvolte le CCIAA sono quelle legate a promuovere la "mentalit associativa" negli imprenditori locali, poco disponibili a consorziarsi, per operare allestero. Negli ultimi anni, le CCIAA hanno operato nel senso di favorire la nascita di consorzi e avviato richieste di marchio di qualit per prodotti alimentari tipici. Infatti, il principale settore di interesse delle CCIAA, rispetto al processo di internazionalizzazione, quello agroalimentare, mentre sono considerate aree prioritarie il Nord Africa, i Balcani e le aree che vantano la presenza di comunit italiane (Canada, Stati Uniti, Germania, Argentina, Australia). Un quadro dei progetti analizzati nel corso dellindagine, finanziati dalle Camere di Commercio calabresi, riportato nella tabella che segue, insieme ai progetti delle Province e dei Comuni.

2.6.

Le Associazioni Imprenditoriali

Il processo di internazionalizzazione delle PMI calabresi vede impegnate le associazioni provinciali e regionali di categoria degli imprenditori in diverse iniziative. Il settore che si reputa essere di maggior interesse quello agroalimentare. Le aree prioritarie sono i Balcani, la Cina, gli Stati Uniti, il Canada, la Germania, lArgentina ed il Nord Africa. Tra le iniziative avviate dall'Assindustria di Catanzaro vi la costituzione di un consorzio di imprenditori del settore agroalimentare, "Calabria Export", non ancora attivo. Inoltre, lassociazione provinciale ha avviato contatti con associazioni di imprenditori della Bosnia e della Cina (con visita dei rispettivi ambasciatori in Calabria). Anche la Federazione Regionale dellAssindustria ha previsto la creazione di un Consorzio Regionale per le Esportazioni, ed ha presentato tre proposte di progetti di formazione nel settore dell'internazionalizzazione sul bando del MAE-DG Italiani allEstero, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 197 del 23 agosto 2002 e relativo allAzione D misura II.1, PON-ATAS, QCS 2000-2006.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

23

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Tab. n. 4: Progetti finanziati dalle Province, dai Comuni e dalle Camere di Commercio
Efficacia per Internazionalizzazzione buona buona buona buona buona Beneficiario prevalente Rilevanza per politiche regionali intern.zione Altro settore eventuale Coerenza con politiche regionali intern.zione buona buona buona buona buona Localizzazione Ente attuatore

Provenienza risorse

Presenza Partners italiani

Settore prevalente

Presenza Partners stranieri

Presenza Cofinanziamenti

Aree/Stati esteri interessati

Stato attuazione

Provincia di Catanzaro

Provincia di Vis Musicae, Il parco Catanzaro sonoro tra i due Mari

155.000 Extra POR

si

musica, cultura e ambiente

no

non precisato

si

si

Grecia

concluso

2002

Anni attuazione

Ente attuatore

Valore ()

Titolo

buona

Provincia di Reggio Calabria

Provincia di Crotone

Provincia di Progetto di Reggio cooperazione Calabria decentrata con l'Universit tunisina di Gafsa sud Provincia di La Via della Magna Crotone Graecia Progetto "Traiano"

24.273

Extra POR

si

cultura

no

studenti, docenti e operatori economici non precisato non precisato PMI

si

si

Tunisia

concluso

1 anno

sufficiente sufficiente sufficiente

Extra POR 100.000 Extra POR non Extra precisato POR 248.954 Extra POR

si

cultura e turismo storia

no

si

Francia

concluso non precisato

buona

Provincia di Provincia di Vibo Valentia Vibo Valentia Provincia di Provincia di Vibo Valentia Vibo Valentia Comune di Comune di Ragusa Cosenza

si

cultura e storia

no

no

si

Progetto "Russia"

si

marketing territoriale Riqualificazione urbana

no

no

si

Spagna, Germanie, Romania Russia

in itinere

12 mesi previsti per la realizzazione concluso non precisato

buona

buona

"Accessibilidad y mobilidad en los contestos historicos URB-AL"

si

no

non precisato

Comune di Cosenza

si

CCIAA di Catanzaro

Provincia di "TEAM - tecnologia Catanzaro per l'Azienda ed il management

non Extra precisato POR

si

management aziendale

no

PMI

no

no

Girona in itinere (Spagna), Granada (Nicaragua), Montevideo (Uruguay), Santa Tecla (El Salvador) no in itinere

2 anni

buona

2003

sufficiente sufficiente sufficiente

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

3. CRITICIT/OPPORTUNIT: ASPETTI GENERALI E DI SISTEMA


Lattivit di indagine e analisi ha permesso di evidenziare le criticit e opportunit, sia generali sia di sistema, che particolarmente influenzano le scelte e le politiche di internazionalizzazione dei sistemi locali economici, istituzionali e culturali, di cui pi ampia illustrazione stata fatta nel POR Calabria 2000-2006. A livello di Amministrazione Regionale Il processo di individuazione dei responsabili di Misura, dimostratosi ben pi lungo e laborioso rispetto alle previsioni, non si ancora concluso: infatti, non tutti i responsabili di misura sono stati nominati e alcuni hanno nel frattempo dato le dimissioni. Le azioni legate allinternazionalizzazione non sono state ancora avviate. La spesa ad esse imputabili quindi non impegnata. Ai fini di rendicontare lavanzamento della spesa sono stati inseriti i cosiddetti progetti compatibili. La Regione sui temi dellinternazionalizzazione ha evidenziato la necessit di acquisire know-how e metodologie progettuali da enti esterni alla regione. Spesso i responsabili di misura non hanno chiaro i percorsi che potrebbero essere perseguiti per caratterizzare in termini internazionali dei temi che intrinsecamente hanno a che fare con lestero, come il turismo e il patrimonio culturale. Gli impegni della Regione verso la promozione delle PMI calabresi vanno in concorrenza con altre iniziative pubbliche, piuttosto che avvalersi delle esperienze congiunte e ritagliarsi competenze e ruoli complementari. Gli interventi finanziari del POR verso il settore della ricerca non prevedono alcuna forma di incentivazione del processo di internazionalizzazione delle imprese o centri di ricerca impegnati a sviluppare nuove tecnologie o processi innovativi. Il settore delle Politiche internazionali e Cooperazione allo sviluppo della Regione (Presidenza della Giunta) non ha competenze sulla programmazione dei fondi strutturali in Regione. Ci comporta il fatto che i progetti finanziati nellambito delle iniziative dirette della CE non sono coordinate con gli obiettivi, le azioni ed i progetti avviati dal POR, e spesso non sono stati tradotti nemmeno in azioni della programmazione regionale successiva. Allo stesso modo, il Bilancio regionale non contempla un capitolo ad hoc per la preparazione dei progetti da presentare su Interreg III, ponendo in difficolt il Settore che non riesce ad anticiparne la spesa o a effettuare una valutazione ex ante delle proposte progettuali. Gli scarsi progetti di cooperazione allo sviluppo avviati dal Settore non sono stati sostenuti e ritenuti strategici dal contesto politico regionale, minando cos una possibile soluzione di internazionalizzazione della Regione in settori non primari per leconomia regionale. Infine, stata sottolineata l'assenza di coordinamento da parte delle strutture regionali, la farraginosit delle procedure pubbliche regionali e dell'apparato burocratico, un numero troppo elevato di interlocutori e di tavoli di discussione, una scarsa legislazione regionale di indirizzo sui temi dello sviluppo economico, della cooperazione allo sviluppo e decentrata, sui partenariati istituzionali a carattere internazionale. La Regione, a seguito della Riforma del Titolo V della Costituzione, pu rivestire un ruolo prioritario nella programmazione di interventi pubblici a sostegno delle imprese e dei sistemi istituzionali sui temi dellinternazionalizzazione, quali le politiche di sostegno finanziario a supporto delle PMI, la scelta dei mercatiobiettivo per la promozione di prodotti e di collaborazioni istituzionali, le strategie di marketing territoriale per lattrazione di IDE, le politiche della formazione professionale, di programmazione di eventi ed iniziative in ambito culturale ed artistico, promozione e valorizzazione dellimmagine della regione e dei patrimoni, culturale, artistico, naturale, paesaggistico. A livello di progettazione integrata Il processo di attuazione dei PIT presenta notevoli ritardi rispetto a quanto previsto dai CdP. Questi ritardi sono stati determinati principalmente da due fattori:
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

a) per quanto riguarda lAutorit di Gestione, dallesigenza di riformulare le linee guida. stato, infatti, necessario precisare le risorse finanziarie destinate a queste iniziative, gli apporti dei diversi fondi strutturali e le quote di riparto destinate alle singole iniziative a valere delle diverse misure del programma, elementi che non erano stati ben definiti nelle precedenti linee guida; b) per quanto concerne gli organi di gestione dei PIT, dalle difficolt di concepire progetti organici e sinergici di superare i localismi. Poich le nuove linee guida sono state approvate solo di recente, le proposte di PIT, elaborate sulla base delle precedenti linee guida, devono essere riviste, soprattutto per verificarne la congruit verso la nuova ripartizione finanziaria e verso le misure. Ci pu aprire interessanti spazi per proporre iniziative finalizzate allinternazionalizzazione. Gli organi di gestione dei PIT dovranno infatti sviluppare il dettaglio delle operazioni che dovr essere valutato dallUnit di coordinamento. I progetti integrati territoriali (PIT) rappresentano una delle principali modalit di attuazione delle politiche per lo sviluppo locale in Calabria nei prossimi anni e assumono nella loro strategia di fondo il tema dello sviluppo endogeno e del potenziamento dei sistemi locali produttivi. Per questo motivo le politiche importanti, come dovrebbe essere quella dellinternazionalizzazione del sistema produttivo, dovranno passare anche attraverso i PIT. A livello di enti amministrativi locali Le amministrazioni provinciali e comunali, nonostante dispongano in alcuni casi (Province e Comuni capoluoghi di Provincia) delle capacit progettuali ed esecutive in tema di internazionalizzazione, hanno sottolineato soprattutto le difficolt di reperire le risorse finanziarie necessarie per promuovere gli interventi locali, in particolare la possibilit di presentare progetti nellambito di Interreg per mancanza di fondi regionali destinati alla predisposizione di tali progetti. Altre criticit riscontrate nella PAL sono: la difficolt di coinvolgere le micro imprese locali nei programmi di promozione che si avviano sui mercati esteri; una scarsa consapevolezza nella promozione di progetti ed iniziative con altre amministrazioni locali di paesi esteri nei settori del turismo, della cultura, dellarte e del patrimonio ambientale e paesaggistico.

Gli enti amministrativi locali rivestono un ruolo prioritario, per la loro caratterizzazione locale, nella progettazione integrata e nella promozione di programmi negoziati che valorizzano sistemi di sviluppo infraregionali. Lo stesso ruolo potrebbe essere svolto nel tavolo di orientamento MAE-MAP-Regione sullinternazionalizzazione. A livello di Camere di Commercio Le difficolt emerse dai contatti avuti con le Camere di Commercio sono legate al reperimento di risorse finanziarie, in questo caso integrative rispetto a quelle disponibili, che possano consentire di rendere pi incisivi gli interventi attivati dalle stesse. Si rilevato, inoltre, che le CCIAA hanno costituito delle aziende speciali le cui attivit, tuttavia, sono finalizzate allerogazione di servizi generici e non specialistici. Le CCIAA, in veste di soggetto promotore dello sviluppo economico (limitatamente al territorio di propria competenza), sono risultate attivamente impegnate nei processi di interazione con le istituzioni regionali, nazionali ed internazionali per la realizzazione di programmi di sviluppo economico nei diversi settori. Promuovono progetti di marketing territoriale, hanno predisposto sportelli informativi sullinternazionalizzazione diffusi sul territorio regionale, sviluppano indagini e analisi economiche sulle PMI e sui processi di internazionalizzazione che permettono di procedere a programmi e progetti da parte degli enti amministrativi locali. A livello delle associazioni imprenditoriali Fra le criticit riscontrate nellazione delle associazioni imprenditoriali vi sono:
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 26

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

la difficolt di incidere sulle decisioni programmatiche delle istituzioni regionali; l'assenza di coordinamento delle associazioni provinciali nel dialogo con le strutture regionali relativamente alle attivit degli enti e soggetti coinvolti nel processo di internazionalizzazione; lincapacit di definire e proporre allente pubblico un'efficace politica di accompagnamento strutturale e di sostegno alle azioni delle imprese che si rivolgono ai mercati esteri; linadeguatezza di iniziative di formazione degli imprenditori; l'assenza di una strategia mirata alla conoscenza ed all'analisi dei mercati esteri,; lincapacit di promuovere una cultura associativa tra le imprese per affrontare i mercati esteri.

La tavola che segue sintetizza le criticit e le opportunit per linternazionalizzazione emerse nel corso dellindagine, distinguendo tra gli aspetti generali che riguardano il contesto calabrese e quelli relazionali e di sistema.

Criticit
Aspetti generali: Aspetti generali:

Opportunit
culturale, ambientale ed

Isolamento e perifericit del sistema economico Ampio patrimonio rispetto ai principali mercati nazionali. archeologico.

Assenza di reti di relazioni visibili, stabili, fitti, n in Presenza di infrastrutture di interesse comunitario e campo istituzionale, n sociale, n economico con mondiale (porto intercontinentale di Gioia Tauro). Paesi esteri. Sistema regionale universitario diffuso e Assenza di finanziamenti allinternazionalizzazione particolarmente attivo nella collaborazione della ricerca ed innovazione tecnologica. internazionale della cultura e della ricerca. Inadeguatezza della burocrazia regionale e degli enti locali ai processi di programmazione e gestione per progetti, per capacit, dinamismo, efficienza e competenza tecnica e professionale sui temi dellinternazionalizzazione. Riforma del Titolo V della Cost. e deferimento alla Regione di compiti di indirizzo, programmazione e coordinamento verso il territorio e le istituzioni locali sui temi dello sviluppo economico, della formazione professionale e della promozione dei sistemi locali istituzionali e dei patrimoni della regione.

Incapacit delle associazioni degli imprenditori di promuovere una cultura associativa tra le PMI, per Presenza nel POR di Misure idonee a promuovere affrontare i mercati esteri. processi di sviluppo delle PMI sui mercati esteri. Aspetti di sistema: Aspetti di sistema: Scarso dialogo tra le associazioni imprenditoriali locali Ricchezza accumulata sia in termini di nuovi sistemi di e tra il sistema camerale regionale su iniziative comuni imprese e di nuovi lavori, sia in termini di intercettazione di flussi crescenti di turismo culturale e e di sistema. di qualit. Assenza di reti corte infraregionali, che migliorano la capacit di programmare e progettare localmente, Gioia Tauro riveste un ruolo potenziale per diventare impediscono laggregazione delle risorse, la un importante distretto della logistica europeo, in valorizzazione integrata delle eccellenze regionali, il grado di attrarre investimenti industriali e operatori conseguimento di economie di scala e di scopo, che della distribuzione internazionali (immagine moderna, sono gli assetti di base per frequentare con successo i efficiente, produttiva per il riscatto della Regione). mercati internazionali. Progressiva diffusione e presa di coscienza Il permanere dellinefficienza burocratica continua a dellimportanza che riveste per lo sviluppo locale la produrre diseconomie di sistema per le attivit cooperazione internazionale e le politiche del fare insieme tra le istituzioni regionali. economiche e sociali. Partecipazione a progetti internazionali da parte della PAL in grado di fertilizzare i sistemi locali e promuovere cos partenariati e scambi con realt istituzionali ed economiche estere. Presenza di azioni per linternazionalizzazione nella progettazione integrata. Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 27

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

4. ANALISI DELLE POTENZIALIT DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIONI PRODUTTIVE ED ISTITUZIONALI


4.1 Filiere produttive
4.1.1 Quadro logico di analisi La Calabria caratterizzata da un tessuto di imprese manifatturiere di piccola e piccolissima dimensione di cui quasi il 90% ha un numero di addetti inferiore a 10. Le microimprese prevalgono tanto nel settore industriale quanto in quello agricolo, turistico e commerciale. Inoltre le imprese sono disperse sul territorio regionale, senza che sia possibile rilevare apprezzabili fenomeni di concentrazione n settoriale-funzionale n territoriale. Nella regione non sono presenti significativi distretti industriali, piuttosto si evidenzia la debolezza o lassenza di vere e proprie filiere produttive o di cluster di imprese. Si pu, invece, parlare di protosistemi produttivi che risultano circoscritti ad ambiti territoriali delimitati e di modesto impatto sulleconomia complessiva della regione, ovvero di bacini produttivi locali, cio di aree di specializzazione produttiva, composte da raggruppamenti di comuni omogenei a livello provinciale, o ancora di microsistemi a livello comunale con particolari vocazioni produttive. Mutuando da alcune recenti ricerche di marketing territoriale condotte dalle camere di commercio calabresi (alcune in corso di pubblicazione) i modelli in base ai quali classificare le aree di specializzazione e integrando i risultati conseguiti da tali ricerche con le ulteriori informazioni acquisite stato possibile definire una mappa delle variegate realt produttive. I modelli generali di sviluppo dipendono dalla connotazione produttiva assunta da un territorio. La connotazione produttiva di un territorio a sua volta costituita dal profilo settoriale, dimensionale e per forma giuridica delle imprese ivi insediate.3 I modelli utilizzati per la classificazione delle aree omogenee dal punto di vista produttivo sono stati i seguenti: Modello di sviluppo agricolo ed agroindustriale: si contraddistingue per la intensa presenza del settore agricolo che in alcune aree si integra a valle con una industria di trasformazione dei prodotti della terra, basata su un tessuto di piccole e medie imprese; Modello di sviluppo basato sull'industria manifatturiera "leggera": in parte in connessione con le tradizioni artigiane radicate sul territorio si sviluppata una industria manifatturiera, specificamente nei settori del legno arredamento, del tessile abbigliamento, della lavorazione dei minerali non metalliferi, della carta e dell'editoria, cui si aggiunge l'industria chimica, della gomma e della plastica; Modello di sviluppo basato sullindustria pesante: si tratta di aree che si sono sviluppate secondo un modello basato sulla grande industria a elevata intensit di scala, in particolare si tratta di alcuni poli caratterizzati da una specializzazione manifatturiera in settori quali quello metalmeccanico e dell'energia; Modello di sviluppo turistico: accanto alle tradizionali aree estive e balneari, possibile individuare aree territoriali caratterizzate dal patrimonio artistico e culturale, aree la cui offerta turistica basata sulle bellezze naturalistiche ed ambientali (Sila, Aspromonte, Serre, Pollino, Riserva marina di Isola Capo Rizzuto) e aree termali.

4.1.2 Aree di specializzazione produttive Una volta definiti i modelli sono state elaborate delle tabelle sintetiche, qui di seguito riportate, in cui sono indicate le diverse aree di specializzazione produttive ripartite per modello e per provincia.

3 Progetto di marketing territoriale. Strategia di Promozione del Territorio e d'Attrazione di Investimenti. Rapporto generale anno 2000, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Crotone, in collaborazione con il gruppo VALET, (MediaCamere; Assocamerestero; Mondimpresa; I.G. Tagliacarne)

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

28

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Aree di specializzazione produttiva basate sul Modello agricolo ed agroindustriale4 (cfr. Allegato A, carta n. 1)
Provincia di Cosenza Denominazione Area SIBARI Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area (*) Coltivazioni ortofrutticole, olivicole, vitivinicole, produzioni olearie, prodotti a base di carne, lavorazione cereali e ortofrutta Albidona, Alessandria del Carretto, Amendolara, Cassano allo Ionio, Castoregio, Montegiordano, Oriolo, Plataci, Roseto Capo Spulico, Trebisacce, Villapiana, Terranova da Sibari, Corigliano Calabro, S. Cosmo Albanese, S. Demetrio Corone, S. Giorgio Albanese, Vaccarizzo Albanese Zootecnia, lattiero caseario, Acri, Celico, Bisignano, Cervicati, Cerzeto, lavorazione carne, cereali e ortofrutta, Mongrassano, S. Sofia d'Epiro, Cariati, Scala produzioni olearie Coeli, Terravecchia, Fagnano Castello, Malvito, S. Caterina Albanese, Acquaformosa, Firmo, Lungro, Campana, Mandatoriccio, Pietrapaola, Roggiano Gravina, S. Marco Argentano, Mottafollone, S. Donato di Ninea, San Sosti, S. Agata di Esaro, Bocchigliero, Caloveto, Cropalati, Longobucco, Spezzano Sila Coltivazioni seminative, lavorazione Cerchiara di Calabria, Francavilla Marittima, cereali e panetteria, produzioni olearie S. Lorenzo Bellizzi, Canna, Nocara, Rocca Imperiale

COSENTINO INTERNO

NORD COSENTINO

Provincia di Crotone Denominazione Area BACINO PRODUTTIVO LOCALE AREA DEL VINO BACINO PRODUTTIVO LOCALE AREA DELLALTO CROTONESE BACINO PRODUTTIVO LOCALE AREA INTERNA

Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area (*) Vite, olivo, agrumi e coltivazioni Cir, Cir Marina, Crucoli, Melissa, Strongoli frutticole. Produzione di vini speciali, industria olearia. Cerealicoltura, ortive. Industria olearia, Carfizzi, Pallagorio, San Nicola dellAlto, panetteria Savelli, Umbriatico, Verzino

Olivocoltura. Industria olearia, lattiero Mesoraca, Petilia Policastro, Roccabernarda, caseario, lavorazione del grano e San Mauro Marchesato, Santa Severina panetteria, prodotti a base di carne.

Provincia di Reggio Calabria Denominazione Area Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nellarea BACINO PRODUTTIVO LOCALE AREA AGROALIMENTARE IONICA BACINO PRODUTTIVO LOCALE ASPROMONTE BACINO PRODUTTIVO LOCALE AREA Produzione e trasformazione di prodotti dellagricoltura Gerace, Grotteria, Locri

Produzione e trasformazione di prodotti dellagricoltura Produzione e trasformazione di prodotti dellagricoltura

Careri, Cosoleto, Delianuova, Oppido Mamertina, Plat, San Luca, Santa Cristina dAspromonte, Sinopoli, Scido, Taurianova, Varapodio Bagnara Calabra, Laureana di Borrello, Melicucc, Rosarno, Seminara

4 Le informazioni riportate sono state desunte dagli studi di marketing territoriale condotte dalla Camere di Commercio.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

29

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria AGROALIMENTARE TIRRENICA BACINO PRODUTTIVO LOCALE CINQUEFRONDI

Produzione e trasformazione di prodotti dellagricoltura

Cinquefrondi, Giffone, Maropati, San Giorgio Morgeto

Provincia di Vibo Valentia Denominazione Area Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area FILIERA AGROALIMENTARE Produzione e trasformazione di prodotti dell'agricoltura e della zootecnica Cessaniti, Drapia, Filandari, Francica, Limbadi, Maierato, Nicotera, Pizzo, S. Calogero, S. Costantino Calabro, S. Gregorio d'Ippona, Stefanaconi, Tropea, Vibo Valentia, Rombiolo, Zungri

Provincia di Catanzaro Denominazione Area LAMETINO

Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area Agroalimentare Asse Lamezia Terme-Catanzaro

Aree di specializzazione produttiva basate sul Modello dell'industria manifatturiera leggera5


Legno Arredamento, Tessile Abbigliamento, Lavorazione dei minerali non metalliferi, Industria della carta e dell'editoria, Industria chimica, della gomma e della plastica (cfr. Allegato A, carta n. 2) Provincia di Cosenza Denominazione Area Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area (*) PAOLA - RENDE Legno Arredamento - Legno e prodotti Bonifati, Cetraro, Fagnano, Castello, in legno, mobili Acquappesa, Fuscaldo, Paola, Belvedere Marittimo, S. Lucido, Montalto Uffugo, Rende, Torano Castello S.GIOVANNI IN FIORE Legno Arredamento - Legno e prodotti S. Giovanni in Fiore, Bocchigliero, Spezzano in legno, mobili Piccolo SCALEA AREA TIRRENICA CETRARO AREA SETTENTRIONALE BISIGNANO CASTROVILLARI CARTA EDITORIA Legno Arredamento - Legno e prodotti Scalea, S. Maria del Cedro, Verbicaro in legno, mobili Tessile Abbigliamento Tessile Abbigliamento Tessile Abbigliamento Lavorazione dei minerali non metalliferi - Attivit produttive legate alle lavorazioni edili Lavorazione dei minerali non metalliferi - Attivit produttive legate alle lavorazioni edili Industria della carta e dell'editoria Produzione di carta, pasta carta, stampa ed editoria Verbicaro, Grisolia, Diamante, Scalea, Praia a Mare Bonifati, Cetraro, S. Agata di Esaro, Fagnano Castello, Mongrassano, Torano Castello, Roggiano Gravina Castrovillari, Spezzano Albanese, S. Demetrio Corone, S. Giorgio Albanese Bisignano, Luzzi, Rose, Castiglione Cosentino, Zumpano, Spezzano Piccolo Castrovillari Rende - Cosenza

5Le informazioni riportate sono state desunte dagli studi di marketing territoriale condotte dalla Camere di Commercio.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

30

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria Provincia di Crotone Denominazione Area BACINO PRODUTTIVO LOCALE CROTONE Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area (*) Metallurgia, chimica di base, produzione di carta Crotone, Cutro, Rocca di Neto

Provincia di Reggio Calabria Denominazione Area Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area BACINO PRODUTTIVO LOCALE AREA NORD BACINO PRODUTTIVO LOCALE AREA CENTRALE BACINO PRODUTTIVO LOCALE AREA SUD BACINO PRODUTTIVO LOCALE GIOIOSA IONICA BACINO PRODUTTIVO LOCALE REGGINO Legno Arredamento Legno Arredamento Grotteria, Laureana di Borrello, San Pietro di Carid Cinquefrondi, Gerace, Giffone, Molochio, Polistena, Rizziconi, San Giorgio Morgeto Bagaladi, Cardeto Gioiosa Ionica, Roccella Ionica

Legno Arredamento Tessile Abbigliamento

Chimica, gomma, plastica

Campo Calabro, Reggio Calabria

Provincia di Vibo Valentia Denominazione Area Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area (*) FILIERA LEGNO ARREDAMENTO FILIERA TESSILE ABBIGLIAMENTO FILIERA DELLE COSTRUZIONI Lavorazione del legno e produzioni di mobili o loro componenti, o di prodotti in carpenteria in legno Preparazione e tessitura di materie tessili, produzioni di articoli di maglieria Lavorazione dei minerali non metalliferi ed edilizia Dinami, Fabrizia, Mongiana, Serra San Bruno, Simbario, Sorianello, Soriano Calabro, Spadola, Vallelonga, Vazzano Ionadi, Mileto, Rombiolo, S.Costantino Calabro, S.Gregorio d'Ippona, Stefanaconi, Vibo Valentia Filogaso, Gerocarne, Ionadi, Limbadi, Maierato, Rombiolo, S.Calogero, S.Costantino Calabro, S.Gregorio d'Ippona, S.Onofrio, Stefanaconi, Vazzano, Vibo Valentia

Provincia di Catanzaro Denominazione Area PIT LAMEZIA PIT LAMEZIA PIT VALLE DEL CROCCHIO PIT VALLE DEL CROCCHIO

Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area Legno Arredamento Industria della carta e dell'editoria Industria della carta e dell'editoria Lavorazione dei minerali non metalliferi Serrastretta Soveria Mannelli, Catanzaro Catanzaro Squillace

(*) Sono evidenziati i Comuni che fungono da baricentro delle aree

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

31

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Aree di specializzazione produttiva basate sul Modello dellindustria pesante6

Industria metalmeccanica, Energia (cfr. Allegato A, carta n. 3) Provincia di Cosenza Denominazione Area Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area (*) ROSSANO Settore metalmeccanico - Macchine ed Corigliano Calabro, Rossano apparecchi meccanici AREA CENTRALE Settore metalmeccanico - Metallo e Montalto Uffugo, Rende, Castrolibero prodotti in metallo, macchine ed apparecchi meccanici POLO DELLENERGIA Produzione energia elettrica Castrovillari, Rossano

Provincia di Reggio Calabria Denominazione Area Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nellarea BACINO Metalmeccanica PRODUTTIVO LOCALE AREA METALMECCANICA REGGINA BACINO Metalmeccanica PRODUTTIVO LOCALE AREA NORD METALMECCANICA BACINO Metalmeccanica PRODUTTIVO LOCALE SAN VINCENZO Reggio Calabria

Anoia, Galatro, Rizziconi, San Ferdinando

San Vincenzo Valle Rovereto, Balsorano

Provincia di Vibo Valentia Denominazione Area Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area FILIERA METALMEC- Lavorazione del ferro, produzione di CANICA prodotti in metallo o di carpenteria metallica Provincia di Catanzaro Denominazione Area PIT LAMEZIA Filogaso, Francica, Ionadi, Maierato, Pizzo, Francavilla Angitola, Monterosso Calabro, Pizzoni, Polia, Stefanaconi, Vibo Valentia

Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area Trattamento e rivestimento dei metalli Nocera Terinese, Falerna (rubinetteria)

(*) Sono evidenziati i Comuni che fungono da baricentro delle aree

6 Le informazioni riportate sono state desunte dagli studi di marketing territoriale condotte dalla Camere di Commercio.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

32

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Aree di specializzazione produttiva basate sul modello di sviluppo turistico7

Turismo balneare, turismo artistico e culturale, turismo naturalistico ed ambientale, turismo termale (cfr. Allegato A, carta n. 4) Provincia di Cosenza Denominazione Area Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area (*) ALTO COSENTINO AREA INTERNA Turismo balneare Area culturale ed archeologica Cariati, Paola, Rossano, Scalea, Belmonte Calabro, San Lucido, Amantea, Praia a mare Bocchigliero, Calopezzati, Caloveto, Campana, Cerchiara di Calabria, Cerisano, Cropalati, Frascineto, Lattarico, Mandatoriccio, Mirto Crosia, Paludi, Pietrapaola, Rossano, Terravecchia, Saracena, Scala Coeli, S. Giovanni in Fiore, Bisignano, Rende, Castrovillari, Cosenza, Belmonte Calabro, San Lucido, Montalto Uffugo, Altomonte, Laino Castello, Papasidero Cassano allo Ionio, Cerchiara di Calabria, Guardia Piemontese

AREA TERMALE

Turismo termale

Provincia di Crotone Denominazione Area AREA COSTIERA AREA COSTIERA AREA INTERNA

Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nellarea Turismo balneare Area culturale e archeologica Turismo ambientale Sila Isola di Capo Rizzuto, Crotone, Strongoli, Melissa, Cir Marina, Cir, Crucoli Cerenzia, Umbriatico, Santa Severina, Mesoraca, Cir, Carfizzi, Casabona, Crucoli, Isola di Capo Rizzuto, Strongoli, Melissa Castelsilano, Caccuri, Savelli, Cotronei, Verzino, Petilia Policastro

Provincia di Reggio Calabria Denominazione Area Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area BACINO PRODUTTIVO LOCALE TURISMO BALNEARE BACINO PRODUTTIVO LOCALE TURISMO CULTURALE, STORICO ED ARTISTICO BACINO PRODUTTIVO LOCALE TURISMO AMBIENTALE E NATURALISTICO Turismo balneare Bianco, Bova Marina, Melito di Porto Salvo, Palmi, Roccella Ionica, Scilla Bagnara Calabra, Gerace, Gioiosa Ionica, Grotteria, Locri, Mammola, Monasterace, Reggio Calabria

Turismo culturale, storico ed artistico

Turismo ambientale e naturalistico

Agnana Calabra, Canolo, Martone, San Giovanni di Gerace

7 Le informazioni riportate sono state desunte dagli studi di marketing territoriale condotte dalla Camere di Commercio.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

33

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Provincia di Vibo Valentia Denominazione Area Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area FILIERA TURISMO ESTIVO FILIERA TURISMO ESTIVO Turismo balneare Turismo basato sulla fruizione delle risorse ambientali e naturali o di tipo agrituristico-rurale Pizzo, Vibo Valentia, Briatico, Zambrone, Parghelia, Tropea, Ricadi, Jappolo, Nicotera Arena, Brognaturo, Fabrizia, Filogaso, Maierato, Mongiana, Rombiolo, San Calogero, Monterosso Calabro, Nardodipace, Serra San Bruno, Simbario, Spadola

Provincia di Catanzaro Denominazione Area

Specializzazione produttiva prevalente Comuni rientranti nell'area Gasperina, Montauro Davoli, Montepaone, Petrizzi, Satriano, Soverato Badolato, Guardavalle, Isca sullo Ionio, San Sostene, Santa Caterina dello Jonio e SantAndrea Apostolo Belcastro Botricello, Cerva, Cropani, Sellia Marina, Sersale, Soveria Simeri Catanzaro, Borgia, Simeri Crichi, Squillace, Staletti Albi, Petron, Sorbo San Basile, Taverna, Zagarise Curinga Conflenti, Decollatura, Falerna, Gizzeria, Motta Santa Lucia, Nocera Terinese, Platania, Lamezia Terme

PIT Serre Calabresi Turismo balneare Distretto turistico marino PIT Serre Calabresi Turismo balneare Distretto turistico marino PIT Serre Calabresi Turismo balneare Distretto turistico marino PIT Valle del Crocchio Distretto turistico marino PIT Valle del Crocchio Distretto turistico marino PIT Valle del Crocchio Distretto turistico marino PIT Valle del Crocchio Distretto turistico montano PIT Lamezia - Distretto turistico marino PIT Lamezia - Distretto turistico integrato Turismo balneare Turismo balneare Turismo balneare Turismo ambientale e naturalistico Turismo balneare Turismo balneare; ambientale e naturalistico; culturale, storico ed artistico; termale

(*) Sono evidenziati i Comuni che fungono da baricentro delle aree

Come mostrano le mappe elaborate sulla base di tali dati, riportate in allegato, i diversi Modelli talora si sovrappongono sullo stesso territorio, e comunque le aree cos individuate costituiscono indubbiamente importanti punti di partenza per lo sviluppo locale e per lo sviluppo della dimensione internazionale. 4.1.3 Criteri alternativi di analisi della specializzazione territoriale A tali aree di specializzazione produttiva si aggiungono quelle legate alla logistica, precisamente il bacino portuale reggino comprendente il comune di Reggio Calabria ed il bacino portuale di Gioia Tauro, che comprende i comuni di Gioia Tauro, Rosarno e San Ferdinando, la cui importanza quale nodo per lo sviluppo delleconomia regionale sicuramente molto alta. Inoltre, sulla base dellanalisi della documentazione raccolta, stato possibile confrontare tali risultati con altri approcci che mirano a definire le specializzazioni produttive del territorio regionale. Tali approcci, sinteticamente descritti di seguito, sostanzialmente confermano, ma a volte integrano, i risultai raggiunti con i 4 Modelli di sviluppo del territorio. I distretti industriali LAtlante delle competitivit delle province italiane8, elaborato dallUnioncamere, individua in Calabria solo due distretti
8 L'Atlante della competitivit delle province un prodotto che consiste di una banca dati composta da oltre 500 indicatori a livello provinciale (con riepiloghi regionali, per macro ripartizione e nazionale) organizzati in nove macro-aree: Popolazione e territorio, Il tessuto

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

34

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

industriali, quello di Bisignano (provincia di Cosenza) e quello di Maierato (provincia di Vibo Valentia), entrambi specializzati nel settore alimentare (cfr. Allegato A, carta n. 5; Allegato B, scheda n.1). I sistemi locali del lavoro lIstat ha individuato 74 sistemi locali del lavoro, non pochi dei quali sono composti da due o tre comuni; questo risultato determinato, probabilmente, dallelevata quota di popolazione dedita ad attivit agricole e da un tasso di attivit particolarmente basso, ragion per cui gli spostamenti per lavoro non giustificano in misura significativa il sistema delle relazioni tra gli individui (cfr. Allegato A, carte n. 6 e 7; Allegato B, scheda n.2). Microsistemi imprenditoriali comunali Alcune ricerche condotte dallUniversit della Calabria hanno individuato dei microsistemi imprenditoriali comunali; specificamente si tratta di: a) b) c) d) Cetraro, specializzato nella produzione di maglieria (cfr. Allegato A, carta n. 11; Allegato n. 2, scheda n. 3); Nocera Terinese, specializzato nella produzione di rubinetteria (cfr. Allegato A, carta n. 11; Allegato B, scheda n. 4); Serrastretta, specializzato nella produzione di sedie (cfr. Allegato A, carta n. 11; Allegato B, scheda n. 5); Pizzo, specializzato nella produzione di gelati (cfr. Allegato A, carta n. 11; Allegato B, scheda n. 6).

Proto distretti Alcuni proto-distretti sono stati individuati nelle aree PIT; specificamente si tratta dei seguenti proto-distretti (cfr. Allegato A, carte n. 8, 9, 10; Allegato B, schede da n. 7 a n. 19):

imprenditoriale, Il mercato del lavoro, I principali risultati economici, Apertura dei mercati, Tenore di vita, Competitivit del territorio, Contesto sociale, Qualit della vita.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

35

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Proto-distretti nei PIT


AREA PIT Valle Crati PROTO-DISTRETTI Settore/i predominante/i: A) agroalimentare composto da numerose aziende agricole e di trasformazione dei prodotti agricoli. In particolare si registra una forte concentrazione di imprese e di addetti attivi nella filiera di coltivazione, lavorazione, conservazione e commercializzazione di ortaggi e frutta. Savuto Settore/i predominante/i: A) agroalimentare, legno, prodotti per ledilizia; B) Si segnala la presenza di alcune imprese di un certa consistenza afferenti al settore della gomma e delle macchine elettriche. Figline Vegliaturo il comune con la maggiore specializzazione nel comparto della produzione di articoli in gomma; Mangone quello maggiormente specializzato nel comparto della fabbricazione di apparecchiature elettriche; Pedivigliano , invece, il comune con il pi elevato indice di specializzazione nella produzione di prodotti in legno. Sila Settore/i predominante/i: A) turismo ed ecoturismo. Di rilievo il dinamismo del comune di Santa Severina per le Crotonese attivit turistico-culturale Si registra una forte presenza di disponibilit di posti letto a Cotronei, localizzati nelle frazioni turistiche Silane tra Trepid e Villaggio Palumbo; B) Importante la dotazione naturale boschiva e della quantit di legname legate alla filiera del legno, presente su tutta larea montana come prima lavorazione e localizzata nei territori di Petilia Policastro e Mesoraca; C) Di grande interesse sono le Terme in agro di Cotronei legate alla possibilit di creare una filiera a vocazione per la produzione destratti e olii essenziali per la cosmesi naturale e per lindustria farmaceutica, nonch avviare un distretto del polo del benessere; D) Di molto valore tutto il bacino idrico e la dotazione delle acque per lo sfruttamento, nonch lautoproduzione dellenergia alternativa abbattendo i costi desercizio. Alto Ionio Settore/i predominante/i: A) agroalimentare (oleifici, industrie di conservazione della frutta, di trasformazione Cosentino agrumaria, di surgelati) nellarea di Sibari. La rete di piccole e medie imprese agro-industriali ha fatto s che si costituisse un nucleo di strutture cooperative di servizi alla produzione e alla promozione commerciale. Aspromonte Settore/i predominante/i: A) legno; B) metallurgia leggera (anche artistica); C) pasticceria; D) produzione agroalimentare caratteristica locale (miele, lattiero-casearia, insaccati, stocco, dellolio di qualit, dellortofrutta ). Lamezia Settore/i predominante/i: A) legno nella zona di Serrastretta; B) attivit di pulitura metalli nella zona di Falerna e Nocera Terinese. Medio Settore/i predominante/i: A) fabbricazione di maglie e di articoli di maglieria, nel territorio comunale di Cetraro. Tirreno Secondo il censimento intermedio Istat, nel 1996 il sistema imprenditoriale della maglieria di Cetraro conta 23 Cosentino unit locali e 255 addetti; mentre in base a informazioni derivanti da unindagine diretta sul campo il comparto risulta composto da 42 imprese con almeno 600 addetti. Nel 1996, si stimato che lapparato produttivo locale della maglieria abbia prodotto in volume oltre 400.000 maglie per un valore complessivo superiore ai 2 miliardi di lire. Sila Jonica Settore/i predominante/i: A) produzione agroalimentare, con prevalenza per la lavorazione delle olive, per la lavorazione del legno, concentrate nei comuni di Cariati, Crosia, Mandatoriccio e Longobucco.; B) proto-distretto culturale con centro a Cariati, buone le potenzialit di sviluppo nel settore culturale e ambientale dellintero territorio PIT. Alto Tirreno Settore/i predominante/i: A) Area a prevalente vocazione naturalistica - Pollino (distretto latente con connotazioni Cosentino escursionistiche/paesaggistico); B) Alto Tirreno (distretto latente posizionato sullintrattenimento notturno e il turismo da irradiazione disorganizzato con eccessiva presenza di seconde case). Alto Settore/i predominante/i: A) agroalimentare, in espansione soprattutto per quanto attiene la produzione Crotonese vitivinicola e olearia; B) proto-distretto etnico-culturale dato dalla presenza di tre comuni di minoranza etnica albanese; C) proto-distretto culturale enogastronomico. Serre Settore/i predominante/i: A) innovazione tecnologica e ricerca. Cosentine Pollino Settore/i predominante/i: A) produzione agricola (colture agrumicole, peschicole e del fungo cardoncello). Crotone Settore/i predominante/i: A) turismo, Comune di Isola Capo Rizzuto; B) produzione di pane, Cutro C) produzione di pecorino crotonese, tutta larea.

Agglomerati di Sviluppo Industriale Nell'ambito dell'Accordo di Programma Quadro "Infrastrutturazione per lo sviluppo locale" sono stati individuati alcuni Agglomerati di Sviluppo Industriale strategici. LAccordo di Programma Quadro si pone come obiettivo laumento del grado di attrattivit del sistema produttivo calabrese, soprattutto nei confronti delle iniziative imprenditoriali extraregionali. Al fine di garantire maggiore incisivit al programma tramite la concentrazione degli investimenti previsti, la Regione Calabria ha individuato alcune aree di rilevanza strategica tra quelle attualmente esistenti sulle quali concentrare gli interventi. Si tratta specificamente dei seguenti agglomerati (cfr. Allegato A, carta n. 12, Allegato B, scheda n. 20):
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 36

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

lagglomerato industriale di Gioia Tauro (Reggio Calabria - specializzazione settoriale: logistica); l'agglomerato industriale di Lamezia Terme (Catanzaro - specializzazione settoriale: agroalimentare, lavorazione minerali non metalliferi), compresi i nuclei industriali di Rotoli, Maida e Curinga, limitrofi e funzionalmente integrati allagglomerato industriale principale; l'agglomerato industriale di Crotone (Crotone - specializzazione settoriale: lavorazione minerali non metalliferi, chimica, alimentari di base); l'agglomerato di industriale di Schiavonea (Cosenza - specializzazione settoriale: agroalimentare, carpenteria metallica, legno arredamento); l'agglomerato industriale di Porto Salvo (Vibo Valentia - specializzazione settoriale: carpenteria metallica, conserviero-alimentare), compreso lagglomerato "Aeroporto" limitrofo e funzionalmente integrato allagglomerato industriale principale (specializzazione settoriale: tessile); l'agglomerato industriale di Bisignano (Cosenza - specializzazione settoriale: agroalimentare, lavorazione minerali non metalliferi); il Polo Metalmeccanico localizzato nella provincia di Vibo Valentia (cfr. Allegato A, carta n. 13, Allegato B, scheda n. 21).

Analisi settoriali Il polo metalmeccanico della provincia di Vibo Valentia Riguardo specificamente alla specializzazione metalmeccanica a livello territoriale, nel censimento intermedio Istat 1996, risultavano nella provincia di Vibo Valentia 25 comuni con almeno 5 addetti in unit locali metalmeccaniche. Questi comuni sono stati classificati in 4 tipologie sulla base del confronto tra i valori assunti dall'indice di densit manifatturiera e quello di densit metalmeccanica9 e gli indici provinciali. I risultati sono riportati nella tabella seguente. Tipologie di comuni metalmeccanici
Tipologia A Definizione Comuni ad elevata specializzazione metalmeccanica e manifatturiera Comuni ad alta specializzazione metalmeccanica e bassa specializzazione manifatturiera Comuni a bassa specializzazione metalmeccanica ed alta specializzazione manifatturiera Comuni a bassa specializzazione metalmeccanica e manifatturiera Descrizione Comuni indice di densit metalmeccanica > Ionadi, Vibo Valentia e Maierato indice medio provinciale indice di densit manifatturiera > indice medio provinciale Rombiolo indice di densit metalmeccanica > indice medio provinciale indice di densit manifatturiera < indice medio provinciale indice di densit metalmeccanica < Soriano Calabro e Zungri indice medio provinciale indice di densit manifatturiera > indice medio provinciale indice di densit metalmeccanica < indice medio provinciale indice di densit manifatturiera < indice medio provinciale Cessaniti, Filadelfia, Francavilla Angitola, Nicotera, Parghelia, Pizzo, Ricadi, Sant'Onofrio, Tropea, Mileto, San Costantino Calabro, Stefanaconi, Das, Drapia, Fabrizia, San Calogero, Serra San Bruno, Spilinga, Zambrone

Fonte: nostra elaborazione da "Il Polo Metalmeccanico Vibonese", a cura di D. Cersosimo e A. Fortunato, Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Vibo Valentia

9 - Indice di densit manifatturiera, dato dal rapporto tra gli addetti alle unit locali manifatturiere e la popolazione residente al 1996; - Indice di densit metalmeccanica, dato dal rapporto tra gli addetti alle unit locali metalmeccaniche e la popolazione residente al 1996.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

37

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

La filiera del legno-mobile La filiera del legno-mobile della provincia di Vibo Valentia (cfr. Allegato A, carta n. 14, Allegato B, scheda n. 22) si concentra maggiormente nell'area delle Serre. Grazie alla notevole presenza di risorse legnose nell'area delle Serre Vibonesi sono nate numerose aziende artigiane ed industriali che operano nella trasformazione e produzione del legno dando vita ad una filiera la cui struttura comprende tre tipologie di produzioni: 1. 2. 3. I lavorazione, attraverso la quale si effettua la prima trasformazione delle materie prime grezze (segherie); II lavorazione, con la quale si effettua la successiva trasformazione in materiale da lavoro (sfogliate, tranciati, compensati etc.) ed il recupero di sottoprodotti di lavorazione (segatura, trucioli etc.) e di altri materiali legnosi (cassette ortofrutticole, pallets, bancati, etc.); III lavorazione, con la quale i semilavorati sono trasformati in prodotti finiti (porte, finestre, pavimenti, mobili in legno).

Secondo un'indagine condotta da Infocamere, alla fine del III trimestre 2001 risultavano 260 imprese nel comparto dell'industria del legno, esclusi i mobilifici. L'incidenza media rispetto al complesso delle aziende manifatturiere si attesta intorno al 18%. Di queste il 60% costituito da falegnamerie artigianali, il 20% da industrie boschive e il 20% da imprese per la realizzazione di manufatti in legno. Si tratta, comunque, di piccole e piccolissime aziende: 6 sono societ di capitali; 22 sono societ di persone; le restanti 230 ditte individuali. La filiera del legno presenta una scarsa propensione all'export a causa dello scarso livello di differenziazione delle produzioni locali, della prevalenza di produzione di semilavorati destinati all'edilizia, della finalizzazione alla produzione della carta e del carbone. I dettagli relativi a queste realt individuate sono riportati nelle schede di filiera e di sistemi locali, allegato B, mentre le cartografie sono riportate nellallegato A. 4.1.4 Indagini territoriali realizzate La finalit attribuita dal T-Cal alle indagini realizzate sul territorio stata quella di integrare le informazioni desunte dallanalisi desk con elementi non deducibili dalla documentazione raccolta. Lattenzione stata rivolta in particolare ad approfondire le criticit incontrate dal mondo produttivo calabrese nel percorso seguito per internazionalizzarsi e ad individuare i fabbisogni in tema di internazionalizzazione. In tal modo stato possibili acquisire informazioni sugli elementi caratterizzanti del percorso che definisce i passi fondamentali da intraprendere da parte delle imprese che ancora non esportano. Le indagini, i cui risultati sono riportati nei paragrafi seguenti, sono state condotte seguendo due metodologie: interviste dirette a testimoni privilegiate; focus group.

4.1.4.1 Le interviste a testimoni privilegiati


Lindagine diretta stata realizzata attraverso interviste face to face rivolte a testimoni privilegiati. Si sono considerate testimoni privilegiati le imprese esportatrici, cio quelle imprese in grado di raccontare lesperienza maturata nel conseguire tale risultato e dunque consapevoli sia degli ostacoli incontrati sia degli strumenti e delle strategie messe in atto per superare le difficolt incontrate. Agli imprenditori che esportano stato somministrato un questionario composto da 35 domande e ripartito in cinque sezioni, decritto di seguito: 1. La prima sezione, Anagrafica azienda, stata finalizzata a raccogliere gli elementi utili per identificare limpresa, quali il settore di appartenenza, lattivit svolta, lindicazione dei principali prodotti/servizi, la classe di fatturato (la domanda ha previsto 4 modalit di risposta: classe 1:< 500.000 euro; classe 2: 500.000 1.500.000; classe 3: 1.500.000 3.000.000; classe 4: > 3.000.000), lorganizzazione, il numero di addetti (ripartiti tra amministrazione e produzione), il sistema di certificazione qualit.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 38

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

2.

3.

4.

5.

La seconda sezione, Azienda e mercati esteri, ha avuto per obiettivo quello di stabilire se lazienda esporta e se dispone di ufficio export interno, quali servizi di consulenza richiede allesterno (marketing, finanziario, legale, export, altro), qual la percentuale dellexport sul fatturato e come tale fatturato si ripartisce in termini percentuali tra mercati comunitari ed extra-comunitari, quali sono i principali paesi (UE ed extra UE) verso i quali si esporta e le ragioni della presenza in tali paesi. La terza sezione, Progetti futuri allestero, stata diretta a determinare se lazienda sta perseguendo dei progetti di espansione (commerciale e non), quali siano i paesi obiettivo e le finalit del progetto (espansione delle esportazioni, ricerca di agenti locali, joint-venture, produzione su licenza, produzione diretta allestero con lapertura di unit produttiva allestero, assistenza tecnica, trasferimento di know-how, sub-fornitura, fornitura macchinari e attrezzature, altro). La quarta sezione ,Conoscenza del contesto, stata mirata a capire se gli interlocutori sono a conoscenza di altre imprese calabresi operanti sui mercati esteri, quali sono i punti di forza e i punti di debolezza del proprio settore in tema di internazionalizzazione, quali sono le potenzialit di crescita nei mercati esteri del settore, quale valutazione dare della capacit associativa nella regione. La quinta sezione, Politiche e strumenti per linternazionalizzazione, stata rivolta a raccogliere informazioni circa le valutazioni relative agli strumenti/incentivi attualmente in vigore per favorire il processo di internazionalizzazione; alladeguatezza della strategia pubblica regionale finalizzata allo sviluppo del processo di internazionalizzazione, alle iniziative di internazionalizzazione promosse da soggetti privati o altri enti (consorzi di imprese, camere di commercio, associazioni di categoria), alladeguatezza delle competenze delle strutture di assistenza/consulenza per gli investimenti produttivi nella regione a suggerire quale strategia pubblica dovrebbe essere intrapresa per aumentare il grado di internazionalizzazione della regione, quali strumenti e servizi sarebbe opportuno attivare. Per esprimere tali valutazioni gli interlocutori potevano assegnare dei punteggi compresi tra 0 (valore minimo) e 5 (valore massimo). (In allegato sono presentate le interviste e unindicazione delle condizioni di contorno delle imprese).

La valutazione media del potenziale di crescita nei mercati esteri di ciascun settore pari a 4,1310. Questo valore indica unampia fiducia da parte degli imprenditori nelle possibilit offerte da tali mercati; tale fiducia si basa sulla convinzione e la consapevolezza dellalto livello qualitativo delle proprie produzioni che, se ben promosse, sono in grado di superare agevolmente le barriere allentrata e acquisire nuovi spazi sui mercati esteri. Questo atteggiamento di fiducia trova conferma nelle strategie che la totalit delle aziende intervistate intende perseguire. La gran parte dei progetti futuri finalizzata alla penetrazione in nuovi mercati, al consolidamento e/o allespansione delle posizioni attuali. La valutazione media della capacit associativa del territorio invece bassissima, pari a 1,07, a conferma di quanto gi emerso dallanalisi della documentazione, sulla scarsa propensione allassociazionismo. Le valutazioni espresse sulle politiche e gli strumenti per linternazionalizzazione sono riportate nella tabella seguente.
Politiche e strumenti per linternazionalizzazione Sintesi delle valutazioni Domande Media delle opinioni espresse d. 28: Valutazione strumenti/incentivi in vigore 4 d. 29: Adeguatezza strategia pubblica regionale per 1,35 linternazionalizzazione d. 30: Valutazione iniziative di internazionalizzazione promosse da 2,85 soggetti privati o da altri enti d. 31: Adeguatezza strutture consulenza/assistenza in materia di 1,95 investimenti produttivi Non sa 11 5 1 2 Mancata risposta 2 0 1 2

La valutazione media relativa alla domanda 28 (Come valuterebbe gli strumenti/incentivi attualmente in vigore per favorire il processo di internazionalizzazione?) non significativa, perch calcolata sulle due uniche risposte utili fornite dagli intervistati che, tuttavia, hanno fatto esplicito riferimento solo alle normative di agevolazione finanziarie quali la legge 488/92, la 215/92 e altro. La maggior parte degli interlocutori non conosce gli strumenti disponibili per favorire il processo di
10 Il calcolo dei valori medi stato effettuato a partire dal punteggio attribuito a ciascuna risposta dagli intervistati, punteggio i cui valori sono ricompresi nel range 0-5.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

39

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

internazionalizzazione. La valutazione media circa ladeguatezza della strategia pubblica per favorire il processo di internazionalizzazione molto bassa, pari a 1,35, calcolata su 10 risposte, poich cinque interlocutori non sono a conoscenza di tale strategia, mentre le iniziative promosse da soggetti privati o altri enti sono state valutate meglio, mediamente pari a 2,85. La valutazione media circa ladeguatezza delle strutture di consulenza/assistenza in materia di investimenti produttivi pari a 1,95, a conferma della non elevata qualit e specializzazione dei servizi in ambito regionale. In generale i fattori che, a detta degli intervistati, costituiscono ostacoli e/o rallentamenti per il processo di internazionalizzazione delle PMI sono: la non adeguata conoscenza degli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; linadeguatezza del sistema infrastrutturale; la scarsissima propensione allassociazionismo, determinata probabilmente da motivi culturali; gli elevati costi di trasporto; la lontananza dai mercati europei ed extra-europei; la mancanza di sinergie fra gli operatori economici e fra questi e le istituzioni; la gestione non efficiente da parte delle strutture regionali del sistema fieristico; lassenza di supporto/tutela da parte delle istituzioni; la scarsa diffusione delle informazioni; la scarsa professionalit e la non adeguata preparazione delle strutture e dei consulenti in tema di commercio estero e di investimenti produttivi.

Per favorire tale processo e sostenere le imprese nel superamento delle difficolt che incontrano per penetrare i mercati esteri, gli intervistati hanno formulato i seguenti suggerimenti: favorire la maggiore diffusione di informazioni in tema di incentivi allinternazionalizzazione; prevedere delle forme di finanziamento allexport ed, in particolare, predisporre strumenti che consentano la riduzione del costo della distanza, favoriscano le forme di associazionismo, tutelino i prodotti; razionalizzare lorganizzazione degli eventi fieristici in modo da considerare le specifiche esigenze e le aspettative delle imprese partecipanti, anche attraverso una maggiore pubblicizzazione delle manifestazioni e la definizione oggettivi di criteri di selezione delle imprese partecipanti; potenziare gli sportelli per linternazionalizzazione costituti presso le Camere di Commercio; incentivare i servizi specifici, quali il ricorso a consulenze nei settori legale, marketing, finanziario, gli studi di fattibilit e le ricerche di mercato per consentire alle imprese di predisporre adeguate strategie produttive e commerciali che rispondano alle aspettative dei mercati esteri, i servizi di merchandising collettivo in reti distributive, la promozione e la pubblicit; migliorare il sistema infrastrutturale.

Gli intervistati, infine, auspicano una maggiore efficienza da parte della pubblica amministrazione che non riesce a sostenere i ritmi aziendali, unadeguata assistenza da parte delle istituzioni ed una maggiore competenza e professionalit da parte delle stesse.

4.4.1.2 Il focus group


Lincontro ha visto come protagonisti autorevoli rappresentanti associativi ed istituzionali dellimprenditoria locale, ed ha rappresentato un momento di confronto diretto ed aperto tra i diversi punti di vista ed opinioni dei presenti, su un tema cos importante per lo sviluppo economico della regione. Nel corso dell'incontro, svoltosi in un clima di grande interesse e collaborazione, sono stati posti cinque interrogativi di fondo:
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 40

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Quale strategia pubblica sarebbe auspicabile per favorire il processo di internazionalizzazione dei sistemi? Quali strumenti sarebbero congrui con tale strategia? Quali incentivi e regimi di aiuto sarebbero coerenti con la crescita dei processi di internazionalizzazione dei sistemi? Qual il giudizio sugli strumenti e sugli incentivi attualmente in vigore? Quali sono le principale strozzature che frenano linternazionalizzazione? Quale dovrebbe essere il ruolo dei privati e delle organizzazioni pubbliche?

I risultati della discussione11 si possono cos sintetizzare:

I partecipanti al Focus Group sono stati concordi nel ritenere che lapertura verso lesterno costituisca una grande opportunit di sviluppo economico e sociale per la Calabria. Chi si limitato al mercato locale diventato pi povero.
Dall'incontro si pu evincere un sostanziale accordo tra i partecipanti nel ritenere che i problemi da affrontare sono molteplici. Nel corso della discussione stato sottolineato come la conoscenza del territorio sia il requisito indispensabile e propedeutico per le attivit di programmazione pubblica. A tal fine sarebbe necessario intraprendere una serie di azioni finalizzate a: monitorare quanto gi fatto nel passato; individuare le aziende trainanti e i punti di forza del sistema produttivo calabrese, tenendo conto dei fattori extraeconomici che pesano sulla produttivit delle imprese, quali i costi della distanza dai grandi mercati, i costi dellenergia e i limiti del sistema bancario, in modo da aver chiare le potenzialit del territorio (il sistema esterno non anti-industriale, bens a-industriale, a-imprenditoriale); valorizzare quei settori che manifestano spiccata vocazione per linternazionalizzazione; effettuare unattenta analisi dei mercati internazionali; elaborare unadeguata strategia programmatica che nasca dal basso e che tenga conto delle effettive esigenze degli imprenditori.

Dunque conoscere per programmare in modo da evitare il verificarsi della situazione progettualit calata dallalto che sicuramente incontrerebbe maggiori difficolt attuative se non rispecchia le reali esigenze del mondo produttivo. E conoscere per programmare soprattutto perch non si arrivi a predisporre qualunque strategia, purch sia! in considerazione della innegabile situazione di chiusura della regione, il cui livello delle esportazioni appena pari allo 0,1% del complesso delle esportazioni dellItalia (come di nuovo ribadito dagli interlocutori). Questo comporta delle scelte che, tuttavia, finora sono state determinate da spinte localistiche diffusissime. mancato lapproccio sistematico, perch ognuno vede il sistema a secondo del ruolo dellosservatore. Per quel che concerne gli strumenti gli interlocutori reputano che quelli attualmente in essere non sono efficaci e forse sono troppi. In alcuni casi le incentivazioni costituiscono un meccanismo perverso, illusorio che alimenta un mercato di procacciatori, che droga le economie sane e spinge a fare il passo pi lungo della gamba. In Calabria si registra un elevato tasso di natalit di imprese, ma altrettanto alto il tasso di mortalit, e quello che a prima vista appare come un punto di forza si trasforma in un punto di debolezza. importante, quindi, far crescere e non far nascere le imprese. Da qui lesigenza di pensare a meccanismi che: consentano di superare le difficolt legate alla commercializzazione, favoriscano la nascita di adeguati servizi di assistenza, riducano i costi della distanza, promuovano la cultura della qualit puntando sulla specializzazione produttiva, sostengano le forme di associazionismo, ottimizzino le modalit di promozione del sistema Calabria attraverso una programmazione intelligente delle fiere.

11 Nel prosieguo della trattazione relativa ai risultati della discussione quanto indicato tra virgolette ed in corsivo riporta testualmente frasi e/o espressioni dei partecipanti al focus group.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

41

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

A proposito di questultimo punto tutti hanno convenuto sullimportanza delle fiere come strumento per linternazionalizzazione. La fiera vista come unoccasione di aggiornamento e di confronto, un momento di delocalizzazione temporanea dellazienda allestero per cui oltremodo importante fornire unimmagine positiva non soltanto dellimpresa, ma anche del sistema Calabria. Tuttavia necessario che i soggetti regionali, cui demandato il compito di scegliere le manifestazioni alle quali partecipare e le aziende da invitare, si pongano dei criteri oggettivi di selezione dei settori e delle imprese basati sulla qualit e sulle capacit produttiva delle stesse. Questo deve essere accompagnato da preventive analisi dei possibili mercati esteri e da azioni di supporto quali, per esempio, interventi pubblicitari su riviste specializzate. stato inoltre sottolineato come alle fiere spesso ci siano gli uomini sbagliati al posto giusto, cio coloro che vi partecipano non sempre sono gli interlocutori naturali. In caso contrario le fiere non riescono a garantire alcun ritorno degli investimenti sostenuti per parteciparvi e servono solo a buttare fumo negli occhi. necessario, altres, attivare altre modalit di promozione, quali potrebbero essere, per esempio, i canali televisivi o, ancora lorganizzazione di fiere al contrario, fiere, cio, in cui vengono invitati i potenziali clienti. Tra le strozzature che incontra lavvio del processo di internazionalizzazione e, in generale, il cammino verso lo sviluppo stata sottolineata la mancanza di cultura a 360 gradi, in tutti i settori pubblici e privati, mancanza che affonda le sue radici nella storia della regione. Tra gli interventi necessari per superare gli ostacoli determinati dallassenza di una cultura imprenditoriale si reputa che sia indispensabile: investire nella qualificazione delle imprese e favorirne la crescita professionale, in modo da migliorare le competenze nei diversi settori; creare pacchetti qualificati di prodotti e servizi e facilitare la specializzazione e la diversificazione dei prodotti da offrire sui mercati esteri in modo da aumentare la competitivit delle imprese; favorire il trasferimento di metodologie e di competenze, anche attraverso la creazione di un consorzio regionale tra imprese esportatrici che mettano la propria esperienza a disposizione delle piccole imprese, in modo che queste ultime possano usufruire di servizi che da sole non potrebbero permettersi (ad esempio servizi di traduzione, supporto allorganizzazione di fiere, ecc.); promuovere la creazione di marchi per tutelare e garantire la qualit dei prodotti; incentivare la diffusione di un sistema premiante che obblighi al consorzio.

Tuttavia per rendere produttivi gli strumenti indispensabile ribaltare le logiche ed i metodi adottati finora, logiche alla cui base posto il bisogno. Questo comporta anche un mutamento nei ruoli assunti fino a questo momento. Se da un lato la classe dirigente non ha fornito prova di grandi capacit, dallaltro necessario che anche il mondo imprenditoriale spicchi un salto di qualit, come stato pi volte ribadito dai partecipanti al focus group. Questi reputano che sia necessario da parte degli imprenditori: comprendere che pi efficace unazione congiunta di un contatto puntuale che insegue singolarmente i canali della diplomazia parallela; divenire consapevoli del ruolo trainante svolto nellambito della societ e dei compiti che tale ruolo impone, convincersi dellimportanza di superare i campanilismi.

Soprattutto fondamentale essere propositivi attraverso lo sviluppo delle capacit progettuali per dar luogo a progettazioni di sistema da pubblicizzare adeguatamente in modo da essere in grado di generare il consenso. Occorre che vi sia una convergenza di intenti, proveniente dall'azione coordinata di istituzioni e di imprenditori, tesa a dare reale e concreto avvio al processo di internazionalizzazione, che tenga conto di quegli enti, in particolare le Camere di Commercio, che hanno gi assunto la funzione di catalizzatori del territorio
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 42

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

valorizzandone lesperienza acquisita in questo campo in modo da fornire un ulteriore e qualificato supporto allo sviluppo di tale processo.

4.2 Identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione12


4.2.1 Il quadro regionale

Un aspetto particolarmente critico delleconomia calabrese la sostanziale chiusura agli scambi internazionali. Leconomia calabrese sempre stata caratterizzata da un ridotto livello di apertura verso i mercati esteri: le esportazioni regionali rappresentano mediamente lo 0,1% dellexport nazionale e l1% circa di quello dellItalia meridionale. Il peso del settore agricolo nelleconomia calabrese ancora molto rilevante sia per il contributo alla formazione del valore aggiunto (7%) ma soprattutto in termini di unit di lavoro impiegate (24%): quasi un quarto delle forze lavoro calabresi trova occupazione in agricoltura (contro un 8% per lItalia). Il settore industriale estremamente limitato (17% del valore aggiunto totale contro un livello nazionale del 30%, Centro-Nord, 33% Mezzogiorno, 22%). Il variegato settore dei servizi occupa una posizione preminente (pi del 70% del valore aggiunto) nelleconomia calabrese. Al suo interno, i servizi non destinabili alla vendita, cio fondamentalmente i servizi forniti dal settore pubblico, contribuiscono con quasi il 25% alla formazione del valore aggiunto e con il 23% alloccupazione complessiva (Italia rispettivamente a 14 e 19%; Centro-Nord: 12% e 17%; Mezzogiorno: 21% e 22%). Tra i servizi privati si nota una forte prevalenza dei comparti del commercio (20%) e dei trasporti (10%), con quote leggermente pi alte rispetto a Italia e Centro-Nord. A fronte di questo quadro, la Regione Calabria, nellultimo triennio, ha registrato importanti evoluzioni che stanno ad indicare un cambiamento della struttura del mercato regionale. Tale processo di crescita economica frutto di azioni diversificate su tutto il territorio calabrese che hanno interessato tre direttrici fondamentali: La creazione e potenziamento di poli infrastrutturali (di interscambio e di produzione) in grado di sfruttare la posizione di centralit che la regione ha nel bacino del Mediterraneo; Il recupero delle colture e delle produzioni tradizionali in vari settori (da quello agricolo a quello artigianale) attraverso la leva dellassociazionismo tra gli imprenditori e la nascita di nuove imprese che puntano ad integrare le nuove tecnologie (Internet ad esempio) e la tradizione per individuare nuovi mercati di sbocco e migliorare le strategie di promozione e comunicazione dei prodotti; Il potenziamento delle politiche di promozione dellimmagine della Calabria in Italia e allestero, per stimolare la crescita dei flussi turistici.

Queste scelte stanno cominciando ad incidere sullandamento economico complessivo della regione, riducendo, in parte, lendemico ritardo rispetto al resto del paese: si sono, infatti, registrate, negli ultimi due anni, la pi elevata incidenza di creazione di nuove realt imprenditoriali a livello nazionale, un forte incremento dellexport ed un lieve calo della disoccupazione. Se si analizza il periodo compreso tra il 1995 ed il 2002 si pu notare come landamento del valore delle esportazioni sia stato piuttosto altalenante. I dati esposti nella tabella di seguito riportata mostrano, infatti, dei valori delle esportazioni che aumentano e diminuiscono quasi ad anni alterni; il valore pi basso quello del 1995, mentre quello pi alto quello del 2000.

12 Le informazioni riportate in questo paragrafo sono state elaborate sulla base dei dati Istat e dei dati riportati nellAtlante delle competitivit delle province italiane, UnionCamere..

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

43

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
Andamento delle esportazioni in valori assoluti (1995-2002) - Italia Meridionale, Calabria, Province calabresi valori in euro (a) Anni Italia Meridionale Calabria Cosenza Catanzaro Reggio Calabria Crotone Vibo Valentia 14.044.290.390 184.126.866 59.593.343 49.928.612 67.821.882 5.368.488 1.414.541 1995 14.088.037.642 226.638.691 63.213.288 47.012.107 66.986.504 17.902.944 31.523.848 1996 15.291.326.375 212.356.160 55.337.503 26.924.303 68.575.288 22.594.081 38.924.985 1997 17.511.635.028 241.316.110 59.033.503 26.883.491 76.610.232 16.022.716 62.766.168 1998 17.374.731.356 230.679.433 64.760.754 24.182.616 95.178.817 14.219.125 32.338.120 1999 20.747.069.276 310.665.282 86.890.006 27.257.535 105.610.808 12.833.676 78.073.259 2000 22.118.495.797 296.250.032 95.079.472 33.245.368 111.006.409 22.222.817 34.695.966 2001 21.526.348.252 285.168.991 74.446.930 29.060.482 109.250.995 26.459.077 45.951.508 2002 TOTALE 142.701.934.116 1.987.201.565 558.354.799 264.494.514 701.040.935 137.622.924 325.688.395
(a)

fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT I valori monetari relativi al periodo 1995-1998 sono rilevati in lire e convertiti in 'eurolire'.

Nel grafico successivo si riporta landamento delle esportazioni a livello regionale e provinciale.
Andamento delle esportazioni: totale regionale e totali provinciali (1995-2002)
350,000,000

300,000,000

250,000,000

200,000,000 euro

Cosenza Catanzaro Reggio Calabria Crotone Vibo Valentia CALABRIA

150,000,000

100,000,000

50,000,000

0 1994

1995

1996

1997

1998 anni

1999

2000

2001

2002

2003

Rispetto al totale esportazioni dellItalia Meridionale la media percentuale registrata dalla Calabria nel periodo 1995-2002 pari all1,40%, mentre la media percentuale delle province calcolata rispetto al totale regionale nello stesso periodo pari rispettivamente al 28,13% per Cosenza, al 14,04% per Catanzaro, al 35,18% per Reggio Calabria, al 6,9% per Crotone e al 15,75% per Vibo Valentia. La quota percentuale appare fondamentalmente stabile per le province di Cosenza e Reggio Calabria, mentre molto discontinua e in rilevante calo quella della provincia di Catanzaro.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

44

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Andamento delle esportazioni in valori percentuali (1995-2002) - Calabria e Province Calabria (a) 1,31% 1,61% 1,39% 1,38% 1,33% 1,50% 1,34% 1,32% 1,40% Cosenza (b) 32% 28% 26% 24% 28% 28% 32% 26% 28,13% Vibo Valentia Catanzaro Reggio Calabria Crotone (b) (b) (b) (b) 27% 37% 3% 1% 21% 30% 8% 14% 13% 32% 11% 18% 11% 32% 7% 26% 10% 41% 6% 14% 9% 34% 4% 25% 11% 37% 8% 12% 10% 38% 9% 16% 14,04% 35,18% 6,90% 15,75%

Anni 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002


MEDIA DEL PERIODO

fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT a) La percentuale stata calcolata sul totale delle esportazioni realizzate nell'Italia Meridionale b) La percentuale stata calcolata sul totale delle esportazioni realizzate in Calabria

Nella tabella successiva si riportano i valori delle variazioni annue delle esportazioni calcolate sempre nel periodo 1995-2002 che mettono in risalto landamento discontinuo gi evidenziato dallanalisi dei valori assoluti.
Esportazione: Variazioni annue (1995-2002) - Italia Meridionale, Calabria, Province calabresi

Anni 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002

Italia Meridionale

0% 9% 15% -1% 19% 7% -3%

Calabria

23% -6% 14% -4% 35% -5% -4%

Cosenza

6% -12% 7% 10% 34% 9% -22%

Catanzaro Reggio Calabria -6% -1% -43% 2% 0% 12% -10% 24% 13% 11% 22% 5% -13% -2%

Crotone

233% 26% -29% -11% -10% 73% 19%

Vibo Valentia 2129% 23% 61% -48% 141% -56% 32%

fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT La variazione annua stata calcolata considerando la seguente formula a partire dall'anno 1995: (t1-t0)/t0

In ogni caso, a parte le oscillazioni, uno degli aspetti pi significativi lincremento del valore dellexport registrato nellultimo triennio che pone la regione ai primi posti per crescita tra quelle italiane. Interessante lanalisi dellandamento delle esportazioni per attivit economiche.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

45

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Calabria - Andamento delle esportazione per attivit economiche in valori assoluti (1995-2002) (Valori in Euro)
Attivit economica A-PRODOTTI DELL'AGRICOLTURA, DELLA CACCIA E DELLA SILVICOLTURA B-PRODOTTI DELLA PESCA E DELLA PISCICOLTURA C-MINERALI ENERGETICI E NON ENERGETICI D-PRODOTTI TRASFORMATI E MANUFATTI K-PRODOTTI DELLE ATTIVITA' INFORMATICHE, PROFESSIONALI ED IMPRENDITORIALI O-PRODOTTI DI ALTRI SERVIZI PUBBLICI, SOCIALI E PERSONALI R-MERCI DICHIARATE COME PROVVISTE DI BORDO, MERCI NAZIONALI DI RITORNO E RESPINTE, MERCI VARIE TOTALI fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT 1995 33.126.674 1996 34.006.142 1997 28.567.895 1998 31.021.722 1999 29.773.339 2000 43.880.245 2001 51.934.757 2002 35.133.348

1.106.000 848.497 147.816.026

807.257 81.130 190.736.698

801.819 277.003 182.010.294

733.886 229.108 208.300.315

829.698 136.958 198.099.538

1.210.153 1.583.393 263.400.805

1.150.892 1.199.665 230.203.630

1.592.954 1.522.325 240.373.030

2.558

89.250

5.712

22.772

67.162

2.009

28.521

13.588

2.066

176.547

45.058

16.685

5.299

72.778

1.225.045 184.126.867

918.215 226.638.692

516.889 212.356.159

1.008.309 241.316.112

1.727.680 230.679.433

571.993 310.665.283

11.727.268 296.250.032

6.460.969 285.168.992

Il settore trainante rappresentato dai prodotti trasformati e dai manufatti che in media ha registrato un livello di esportazione pari all83,64% del totale regionale.
Calabria - Andamento delle esportazione per attivit economiche in valori percentuali (1995-2002)
Attivit economica A-PRODOTTI DELL'AGRICOLTURA, DELLA CACCIA E DELLA SILVICOLTURA B-PRODOTTI DELLA PESCA E DELLA PISCICOLTURA C-MINERALI ENERGETICI E NON ENERGETICI D-PRODOTTI TRASFORMATI E MANUFATTI K-PRODOTTI DELLE ATTIVITA' INFORMATICHE, PROFESSIONALI ED IMPRENDITORIALI O-PRODOTTI DI ALTRI SERVIZI PUBBLICI, SOCIALI E PERSONALI R-MERCI DICHIARATE COME PROVVISTE DI BORDO, MERCI NAZIONALI DI RITORNO E RESPINTE, MERCI VARIE fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT 1995 17,99% 1996 15,00% 1997 13,45% 1998 12,86% 1999 12,91% 2000 14,12% 2001 17,53% 2002 12,32% MEDIA DEL PERIODO

14,52% 0,42% 0,28% 83,64% 0,01% 0,02% 1,11%

0,60% 0,46% 80,28%

0,36% 0,04% 84,16%

0,38% 0,13% 85,71%

0,30% 0,09% 86,32%

0,36% 0,06% 85,88%

0,39% 0,51% 84,79%

0,39% 0,40% 77,71%

0,56% 0,53% 84,29%

0,00%

0,04%

0,00%

0,01%

0,03%

0,00%

0,01%

0,00%

0,00%

0,00%

0,08%

0,00%

0,02%

0,01%

0,00%

0,03%

0,67%

0,41%

0,24%

0,42%

0,75%

0,18%

3,96%

2,27%

Nellambito di tale settore, per come esposto nella tabella di seguito riportata, i principali prodotti di esportazione sono rappresentati: dai prodotti chimici e fibre sintetiche ed artificiali che coprono circa il 26% della produzione regionale totale; dalle macchine e dagli apparecchi meccanici, con il 24% circa; dai prodotti alimentari, bevande e tabacco, con il 18%.

Gli altri settori presentano percentuali di export, rispetto al totale regionale, al di sotto del 10%: Tessile e abbigliamento (il 9,68%), Articoli in gomma e materie plastiche (poco sopra il 7%), per citarne alcuni, seguiti dagli ultimi con percentuali ancora minori.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 46

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Calabria - Andamento delle esportazioni nel settore manifatturiero in valori percentuali (1995-2002)
ATTIVITA' ECONOMICHE D-PRODOTTI TRASFORMATI E MANUFATTI DA-PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO DB-PRODOTTI DELLE INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAMENTO DC-CUOIO E PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI DD-LEGNO E PRODOTTI IN LEGNO DE-PASTA DA CARTA, CARTA E PRODOTTI DI CARTA; PRODOTTI DELL'EDITORIA E DELLA STAMPA DF-COKE, PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI E COMBUSTIBILI NUCLEARI DG-PRODOTTI CHIMICI E FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DH-ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE DI-PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI DJ-METALLI E PRODOTTI IN METALLO DK-MACCHINE ED APPARECCHI MECCANICI DL-MACCHINE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE, ELETTRONICHE ED OTTICHE DM-MEZZI DI TRASPORTO DN-ALTRI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE MANIFATTURIERE Fonte: nostra elaborazione dati ISTAT 1995 100% 16% 13% 0% 1% 0% 0% 29% 7% 1% 4% 20% 1% 4% 1% 1996 100% 17% 10% 0% 1% 0% 0% 23% 7% 1% 8% 29% 1% 3% 1% 1997 100% 16% 8% 0% 1% 1% 0% 29% 7% 1% 11% 22% 1% 1% 1% 1998 100% 15% 7% 1% 2% 1% 0% 23% 6% 1% 7% 33% 2% 2% 1% 1999 100% 20% 11% 1% 2% 1% 0% 28% 7% 2% 3% 17% 4% 4% 2% 2000 100% 18% 11% 0% 1% 1% 0% 20% 7% 2% 4% 30% 2% 2% 2% 2001 100% 19% 11% 0% 2% 1% 0% 26% 8% 2% 3% 18% 3% 4% 3% 2002 100% 19% 6% 0% 2% 0% 0% 28% 10% 2% 4% 22% 2% 3% 2% MEDIA DEL PERIODO 100% 17,73% 9,68% 0,48% 1,49% 0,61% 0,08% 25,71% 7,36% 1,47% 5,35% 23,69% 1,96% 2,68% 1,72%

Calabria - Andamento delle esportazioni nel settore manifatturiero in valori assoluti (1995-2002) (Valori in Euro)
ATTIVITA' ECONOMICHE D-PRODOTTI TRASFORMATI E MANUFATTI DA-PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO DB-PRODOTTI DELLE INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAMENTO DC-CUOIO E PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI DD-LEGNO E PRODOTTI IN LEGNO DE-PASTA DA CARTA, CARTA E PRODOTTI DI CARTA; PRODOTTI DELL'EDITORIA E DELLA STAMPA DF-COKE, PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI E COMBUSTIBILI NUCLEARI DG-PRODOTTI CHIMICI E FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DH-ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE DI-PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI DJ-METALLI E PRODOTTI IN METALLO DK-MACCHINE ED APPARECCHI MECCANICI DL-MACCHINE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE, ELETTRONICHE ED OTTICHE DM-MEZZI DI TRASPORTO DN-ALTRI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE MANIFATTURIERE Fonte: nostra elaborazione dati ISTAT 1995 147.816.026 23.666.217 19.071.777 726.335 1.992.969 345.834 636.506 42.596.866 11.003.019 1.389.515 6.388.663 29.935.624 1.885.407 6.077.073 2.100.221 1996 190.736.698 33.263.526 18.271.828 806.938 2.065.271 942.315 131.236 43.196.742 12.504.384 2.299.238 14.540.520 55.090.433 974.677 4.948.661 1.700.930 1997 182.010.294 29.879.219 15.094.918 888.692 1.971.209 1.474.289 17.763 52.846.435 12.827.872 2.521.473 19.387.376 39.323.121 2.046.843 2.090.336 1.640.749 1998 208.300.315 31.417.792 14.443.959 1.598.363 3.427.309 1.421.798 39.774 48.014.762 13.442.464 2.456.815 13.702.594 67.929.098 4.336.463 3.498.047 2.571.077 1999 198.099.538 39.832.971 22.195.749 990.946 3.776.154 1.489.780 12.878 55.255.335 13.895.147 3.572.651 6.233.367 33.007.608 7.044.237 7.074.488 3.718.227 2000 263.400.805 47.694.837 28.769.395 951.050 3.240.522 1.970.166 661 53.182.737 18.238.931 4.634.668 9.936.024 79.007.242 5.027.653 4.642.450 6.104.469 2001 230.203.630 44.461.984 25.670.390 1.063.112 4.308.991 1.586.758 42.438 60.237.181 18.242.167 4.415.280 7.141.862 41.349.848 6.782.688 8.640.636 6.260.295 2002 240.373.030 46.542.570 15.437.570 877.867 4.167.478 1.055.664 164.508 67.025.944 22.887.406 3.791.726 8.657.567 51.879.288 5.378.340 6.784.192 5.722.910

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

47

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Andamento delle esportazioni dei prodotti trasformati e manufatti nella Regione Calabria
100%

90%

80%

70%

60%

50%

40%

30%

20%

10%

0% 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002

DN-ALT RI P RODOT T I DELLE INDUST RIE MANIFAT T URIERE DM-MEZZI DI T RASP ORT O DL-MACCHINE ELET T RICHE ED AP P ARECCHIAT URE ELET T RICHE, ELET T RONICHE ED OT T ICHE DK-MACCHINE ED AP P ARECCHI MECCANICI DJ-MET ALLI E P RODOT T I IN MET ALLO DI-P RODOT T I DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON MET ALLIFERI DH-ART ICOLI IN GOMMA E MAT ERIE P LAST ICHE DG-P RODOT T I CHIMICI E FIBRE SINT ET ICHE E ART IFICIALI DF-COKE, P RODOT T I P ET ROLIFERI RAFFINAT I E COMBUST IBILI NUCLEARI DE-P AST A DA CART A, CART A E P RODOT T I DI CART A; P RODOT T I DELL'EDIT ORIA E DELLA ST AMP A DD-LEGNO E P RODOT T I IN LEGNO DC-CUOIO E P RODOT T I IN CUOIO, P ELLE E SIMILARI DB-P RODOT T I DELLE INDUST RIE T ESSILI E DELL'ABBIGLIAMENT O DA-P RODOT T I ALIMENT ARI, BEVANDE E T ABACCO

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

48

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

4.2.2 Il quadro provinciale


A livello provinciale i comparti produttivi che hanno registrato il maggior volume in termini di esportazioni sono stati (cfr. tabelle e grafici riportati nelle pagine seguenti): per la provincia di Catanzaro: macchine ed apparecchi meccanici, prodotti alimentari, mezzi di trasporto, gomma e materie plastiche; per la provincia di Cosenza: gomma e materie plastiche, prodotti alimentari, prodotti tessili, macchine ed apparecchi meccanici; per la provincia di Crotone: prodotti alimentari, metalli e prodotti in metallo, prodotti chimici, macchine elettriche ed apparecchiature elettriche, elettroniche ed ottiche; per la provincia di Reggio Calabria: prodotti chimici, prodotti alimentari, prodotti tessili, macchine ed apparecchi meccanici; per la provincia di Vibo Valentia: macchine ed apparecchi meccanici, metalli e prodotti in metallo, prodotti alimentari, prodotti tessili.

Per quel che concerne le transazioni con l'estero a livello provinciale dall'analisi dei dati UnionCamere del 2000 relativi alla graduatoria dei primi dieci paesi, europei e non, in cui vengono collocate le esportazioni e dai quali provengono le principali merci importate si evince che: provincia di Catanzaro: le principali merci esportate sono rappresentate dai prodotti alimentari, articoli in materie plastiche, navi e imbarcazioni, mentre i prodotti principalmente importati sono pesci conservati e trasformati, autoveicoli e macchine per impieghi speciali. I paesi dove vengono collocate le esportazioni sono principalmente quelli europei, tra i quali si inseriscono comunque Stati Uniti, Canada e Corea del Sud, mentre i primi tre paesi dai quali si importa sono Germania, Spagna e Francia; provincia di Cosenza: le principali merci esportate sono rappresentate da prodotti legati all'agricoltura, articoli in gomma e provviste di bordo; mentre i beni maggiormente importati sono i prodotti a base di carne, i prodotti dell'agricoltura e gli autoveicoli Tra i mercati dove vengono collocate le esportazioni, oltre ai principali paesi europei, emergono gli Stati Uniti e Canada, mentre i paesi dai quali principalmente si importa sono Germania, Francia e Spagna e, da sottolineare, al nono e decimo posto la presenza di Israele e India; provincia di Crotone: i prodotti principalmente esportati dalla provincia sono i preparati e le conserve di frutta, i prodotti chimici di base e le bevande, mentre tra le merci importate ai primi posti troviamo i prodotti agricoli, lattiero-caseari e chimici. I mercati sui quali vengono collocate le esportazioni vario; oltre ai principali paesi europei si inseriscono gli Stati Uniti, la Turchia, il Giappone e le Antille Olandesi. Prettamente europei risultano invece i principali paesi dai quali si importa, in particolare Francia, Germania e Spagna; provincia di Reggio Calabria: i prodotti maggiormente esportati sono i prodotti chimici, tessuti e conserve di frutta, mentre i principali beni importati sono macchine per impiego speciale, carne e prodotti a base di carne e prodotti dell'agricoltura. Le esportazioni provinciali vengono collocate soprattutto in Spagna, Germania e Francia, mentre al decimo posto troviamo il Qatar. Le importazioni pi importanti provengono principalmente da paesi europei (Germania, Austria e Spagna nell'ordine), seguiti dagli USA e Cina, mentre il decimo posto occupato dall'Albania. provincia di Vibo Valentia: le merci maggiormente esportate sono rappresentate dai prodotti dell'industria meccanica come macchine per la produzione di energia meccanica e macchinari per impieghi generali e speciali; mentre i prodotti maggiormente importati sono collegati all'industria della trasformazione e conservazione del pesce.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

49

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

I mercati sui quali vengono collocate le esportazioni particolarmente vario, infatti ai primi tre posti sono presenti Russia, Arabia Saudita e Qatar. Tra i principali paesi esportatori si trovano anche Nigeria, Algeria e il Kazakistan. Si sottolinea come, per quel che concerne l'export, l'economia vibonese sia scarsamente dipendente dall'Europa: in graduatoria, tra i paesi europei, compare solo la Francia, al settimo posto. Per contro, i principali paesi d'origine dell'import vibonese sono europei (Francia, Spagna e Paesi Bassi nell'ordine) anche se, allo stesso tempo, si sottolinea la presenza tra i primi dieci posti della Colombia, dell'Equador e di Taiwan. In allegato sono riportati analisi e dati di dettaglio riguardanti la proiezione internazionale delle cinque province calabresi. 4.2.3 Conclusioni La lettura congiunta dei risultati conseguiti dallanalisi desk, dallindagine sul territorio e dei dati statistici raccolti, confermano la chiusura della regione verso i mercati esteri. Solo alcuni comparti produttivi hanno un peso significativo nelle esportazioni regionali e sono quelli relativi ai prodotti chimici, alle macchine e apparecchi meccanici, ai prodotti alimentari e ai prodotti tessili. Tali risultati sono determinati non tanto dal fatto che esistono aree territoriali o filiere produttive consolidate con particolari capacit di esportazione, ma piuttosto dal fatto che, in un contesto che non esporta, le poche aziende che sono le uniche ad esportare - come, per esempio, i Cantieri Nautici Ranieri in provincia di Catanzaro - da sole pesano molto sullexport provinciale. Se dunque a Catanzaro, tra le principali merci esportate risultano le navi e le imbarcazioni, questo non significa che esista un polo specializzato in tale produzione, ma solo che vi unazienda, il cui fatturato costituito per il 55% dalle vendite effettuate allestero, che incide pesantemente sul totale provinciale delle esportazioni. Comunque, oltre tali effetti statistici fuorvianti, landamento dellultimo triennio testimonia una certa vivacit del tessuto produttivo; tale dinamismo non legato ad un settore o ad unarea specifica, ma caratterizza il contesto regionale nel suo insieme. Tuttavia, partendo la Calabria da livelli di export bassissimi, le iniziative di poche imprese possono indurre fenomeni di crescita anche molto rapidi. Bisogna, tuttavia, sottolineare che il settore alimentare , indubbiamente, quello che pi di altri pu essere da subito coinvolto in processi sempre pi estesi di internazionalizzazione, sia perch in grado di realizzare prodotti di elevata e riconosciuta qualit, sia perch composto da imprese particolarmente snelle e flessibili che riescono a gestire le frequenti oscillazioni dei mercati internazionali senza compromettere la propria struttura produttiva. Quindi, se da un lato lanalisi dei dati riconferma unaltra volta la chiusura della regione verso i mercati esteri, dallaltro mostra una realt dinamica, con grandi potenzialit, consapevole dellimportanza dei processi di internazionalizzazione di cui ha bisogno per svilupparsi adeguatamente, ma bisognosa del supporto di idonee strategie di sostegno, finalizzate, in primo luogo alla creazione e/o al miglioramento delle condizioni indispensabili perch il sistema dellexport della Calabria possa decollare. Inoltre la considerazione che nella regione il processo di internazionalizzazione complessivamente debole, rende tutti i settori produttivi e tutte le realt territoriali potenzialmente suscettibili di crescita in termini di apertura verso lesterno, purch possano affrontare processi di consolidamento e di sviluppo. Per intervenire sullinternazionalizzazione occorre, dunque, sia porre le basi per creare le condizioni al contorno tali da innescare un processo di base di crescita di un tessuto produttivo molto spesso ancora incapace o troppo fragile per internazionalizzarsi, sia sostenere adeguatamente le imprese sia stanno muovendo i primi passi oppure che hanno gi avviato un processo di internazionalizzazione.

4.3 Partenariato interregionale e cooperazione internazionale


Nel corso della prima fase di indagine stato possibile tracciare uno spaccato del sistema economico ed istituzionale calabrese molto articolato, che evidenzia grandi potenzialit diffuse e al contempo molte debolezze e frammentazione.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

50

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Inatteso stato, infatti, lemergere di unampia presenza di progetti di cooperazione, tanto interistituzionale quanto per lo sviluppo dei paesi terzi. Molti territori hanno, infatti, avviato gemellaggi, programmi di sviluppo, iniziative transnazionali, nellambito di programmi comunitari. Il quadro d la sensazione di una certa casualit ed episodicit delle iniziative, non inserite in un contesto di intervento strutturato nel tempo e quindi di scarsa sostenibilit. Difatti l'aspetto critico emergente dallindagine l'assenza di un coordinamento delle iniziative, che dipende dalla mancanza di un polo strategico ben individuato che veicoli l'informazione in materia, definisca le strategie, "coaguli" e sostenga le diverse iniziative, indirizzi i diversi attori coinvolti. Ci ha determinato e determina uneccessiva frammentazione delle iniziative e, di conseguenza, la difficolt di creare reti e connessioni, la cui occasionale nascita demandata alla buona volont e/o alle conoscenze di pochi soggetti. Le possibilit, quindi, che tale contesto possa migliorare se adeguatamente sostenuto e coordinato sono molto ampie. 4.3.1 La cooperazione interregionale nellambito del programma INTERREG III B Il secondo programma, lINTERREG III B (programma MEDOC Mediterraneo Occidentale), promuovendo la cooperazione interregionale nei Paesi dellEuropa Mediterranea occidentale, pu creare potenzialmente interessanti processi dinternazionalizzazione; tuttavia la stretta connotazione territorialista nelle gestione delle iniziative rende prioritari altri aspetti. La Regione Calabria presente in 4 iniziative (sinteticamente esposte nella la tabella, di seguito riportata) che rappresentano un valore aggiunto per i processi dinternazionalizzazione culturale e, in senso lato, per quelli dinternazionalizzazione economica. In particolare, sia il progetto Accessibilit ed intermodalit che quello Urbanizzazione costiera e aree rurali a elevata strutturazione storica: un modello dintervento URBA COST rivestono una valenza urbanistica. Invece nei progetti Cibi meridiani, monumenti paralleli e Terme mediterranee, Thermed lelemento qualificante rappresentato dalla creazione di punti deccellenza turistica in un contesto di network. I progetti presentano una rilevante valenza in termini dinternazionalizzazione, sebbene questo non sia il focus delliniziativa. Tuttavia tali iniziative, hanno comunque un impatto positivo sui processi dinternazionalizzazione, ed anzi costituiscono delle condizioni necessarie perch si possano sviluppare prospettive dinternazionalizzazione, in quanto creano un contesto in cui operare in dimensione internazionale naturale. 4.3.2 Le iniziative di cooperazione transnazionale dei GAL in Leader II Lobiettivo prioritario che il programma Leader II si poneva era sviluppare una solidariet attiva tra le aree rurali europee, con lelaborazione, la realizzazione e la commercializzazione in comune di prodotti e servizi in tutti i campi dello sviluppo rurale. La Calabria stata la regione italiana con la pi elevata partecipazione in termini di numero di progetti (18 progetti) e per cinque di queste iniziative i GAL calabresi hanno svolto il ruolo di coordinatori. I due terzi dei progetti di cooperazione sono stati rivolti alla valorizzazione dei prodotti tipici che, sebbene su piccola scala, sviluppando sistemi relazionali transnazionali e maturando una nuova propensione a mettere in comune esperienze ed iniziative. In particolare, tra gli obiettivi del progetto Rete di cooperazione transnazionale per la commercializzazione dei prodotti tipici locali, coordinato dal GAL Monte Poro, vi la creazione di strumenti stabili per la commercializzazione di prodotti tipici locali mediante lattivazione di circuiti permanenti fra le aree interessate dallintervento transnazionale. Nella tabella, di seguito riportata, sono sinteticamente esposte le cinque iniziative di cooperazione
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 51

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

transnazionale nelle quali i GAL calabresi hanno svolto il ruolo di coordinatore: GEOART, coordinato dal GAL Serre Calabresi, "Rete di Cooperazione Transnazionale per lo sviluppo del turismo rurale", coordinato dal GAL Monte Poro, "Rete di cooperazione transnazionale per la commercializzazione dei prodotti tipici locali", anche questo coordinato dal GAL Monte Poro, "Gastronomia locale/Rete di ristoratori del Mediterraneo", coordinato dal GAL V.A.T.E., "Catalogo per la promozione di prodotti tipici di qualit", pure coordinato dal GAL V.A.T.E..

4.3.3 La cooperazione internazionale del mondo produttivo


Per quanto riguarda il settore produttivo innegabile che la Calabria necessiti di una decisa apertura che le consenta di entrare in reti interregionali di cooperazione e complementarit produttiva. Anche iniziative di cooperazione interregionale in prospettiva sono utili per linternazionalizzazione in quanto aprono la strada al dialogo con lesterno, e quindi creano la cultura necessaria per poi poter affrontare con pi sicurezza i mercati esteri. Oltre alle iniziative intraprese negli altri settori, di cui sono illustrati numerosi esempi progettuali nel secondo capitolo di questo rapporto, in questi anni si cercato di incentivare e favorire patti, gemellaggi, partnership, accordi di subfornitura tra imprese esterne e imprese calabresi, tra territori e distretti industriali extraregionali e aree e distretti in formazione calabresi. In questo contesto anche la cooperazione produttiva Nord-Sud diventa una componente essenziale della strategia di sviluppo industriale regionale. I gemellaggi interregionali rappresentano uno strumento nuovo di promozione dello sviluppo industriale nel Mezzogiorno. Non si tratta solo di attrarre flussi di investimento nel Sud, ma di creare forme di partnership tra imprenditorialit del Nord e del Sud che favoriscano la diffusione di modelli organizzativi nelle imprese locali idonei a sostenere la concorrenza internazionale. a questo che hanno mirato le iniziative di seguito riportate. Si tratta di alcune delle attivit pi rilevanti svolte negli ultimi anni in tema di partenariato istituzionale e di cooperazione decentrata (per esempio attraverso protocolli dintesa) avviate dalla Regione e, soprattutto, dalle associazioni imprenditoriali. Tuttavia queste iniziative non hanno prodotto risultati rilevanti. Alle fasi di incontro non sono seguiti accordi di carattere collaborativo tra le imprese calabresi e quelle settentrionali. Le difficolt incontrate dagli imprenditori nel gestire i consorzi hanno fatto s che questi siano rimasti inattivi. A questo si aggiunta la mancanza di unefficace attivit di supporto alle imprese, necessaria dopo la conclusione degli incontri, perch i contatti avviati tra le imprese si concretizzassero in fattivi rapporti di cooperazione. Non si pu, comunque, negare la validit delle motivazioni alla base di tali iniziative che testimoniano in ogni caso sia la fragilit del sistema Calabria nel suo complesso che la sua indiscutibile volont di affrontare e superare gli ostacoli che si frappongono sul cammino verso lo sviluppo.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

52

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Progetti finanziati nellambito dei Programmi Interreg III B e Leader II


Rilevanza per politiche regionali intern.zione Coerenza con politiche regionali intern.zione Efficacia per Internazionalizzazzion e buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona buona Localizzazione Ente attuatore Provenienza risorse Settore prevalente Presenza Partners italiani Presenza Partners stranieri

Presenza Cofinanziamenti

Stato attuazione

Aree/Stati esteri interessati

Regione Regione Accessibilit ed Calabria Calabria intermodalit Regione Regione Urbanizzazione Calabria Calabria costiera e aree rurali a elevata strutturazione storica: un modello di intervento URBAN COST Regione Regione Cibi meridiani, Calabria Calabria momumenti praralleli

2.692.500 Interreg III B 1.687.000 Interreg III B

si

trasporti

ambiente

non precisato non precisato

si

si

Spagna

concluso 23/12/1999- buona buona buona 31/12/2001 concluso 1999-2001

si

sviluppo ambiente territoriale ed urbano

si

si

Spagna

1.825.000 Interreg III B

si

turismo ed enogastronomia termalismo

ambiente

Regione Regione Terme, M editerranee, Calabria Calabria Thermed

2.858.113 Interreg III B

si

turismo

Regione Regione GEOART Calabria Calabria Regione Regione Rete di cooperazione Calabria Calabria transnazionale per lo sviluppo del turismo rurale Regione Regione Rete di cooperazione Calabria Calabria transnazionale per la commercializzazione dei prodstotti tipici Regione Regione Gastronomia locale e Calabria Calabria rete di risatoratori del M editerraneo Regione Regione Catalogo per la Calabria Calabria promozione dei prodotti tipici di qualit

non Leader II precisato non Leader II precisato

si

artigianato

turismo

si

turismo rurale

no

non Leader II precisato

si

agroalimenta cultura re

operatori turistici e collegati al settore operatori turistici e collegati al settore Piccole imprese e artigianato Piccole imprese operanti nel settore operatori del settore

si

si

Spagna e Portogallo

concluso

1999-2001

si

si

Spagna e Francia

concluso

1999-2001

si

si

Spagna

concluso

1999-2001

si

si

Grecia e Spagna

concluso

1999-2001

si

si

Portogallo

concluso

1999-2001

non Leader II precisato 20.000 Leader II

si

agroalimenta cultura re agroalimenta cultura re

operatori del settore operatori del settore

si

si

Portogallo

concluso

1999-2001

si

si

si

Portogallo

concluso

1999-2001

Anni attuazione

Ente attuatore

Altro settore eventuale

Beneficiario prevalente

Valore ()

Titolo

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

53

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Progetti di cooperazione interregionale ed internazionale del mondo produttivo calabrese


TITOLO Progetto Nord-Sud (1995) SETTORE Qualificazione delle risorse umane SOGGETTO ATTUATORE/ PROMOTORE Confartigianato, IN.EC.ART (societ di formazione della Confartigianato) e BIC Calabria PARTNERS 40 piccole e medie imprese artigiane regionali (10 del settore legnomobili-complementi darredo, 10 del settore agroalimentare, 10 del settore della produzione di oggetti in ceramica, 10 del settore metallurgico OBIETTIVI Favorire la creazione di una cultura economico-organizzativa manageriale e professionale omogenea fra imprenditori e personale dipendente di imprese artigiane; favorire la creazione di una cultura manageriale ricettiva verso lo sviluppo, aperta allo scambio di informazioni e di collaborazione in termini di aspetti innovativi, tecnici, gestionali, metodologici e operativi tra imprese artigiane del Nord e del Sud; contribuire attraverso unidonea preparazione delle risorse umane a rendere operante e sempre pi efficace una rete permanente di collaborazione tra le imprese del Nord e del Sud. Realizzazione di una serie di seminari/incontri di cinque giorni per ciascun settore prescelto, ai quali hanno partecipato gli imprenditori del Nord e quelli calabresi, incontri tenuti in Calabria, in Veneto (legno), Emilia Romagna (agroalimentare), Toscana (ceramica) e Lombardia (settore metallurgico); monitoraggio delle imprese calabresi; e attivazione della rete. Riproporre il bacino del Mediterraneo come area di sviluppo economico-sociale e culturale; sfruttare le rispettive posizioni geografiche delle due regioni interessate: la Lombardia come porta dingresso ai mercati continentali per le imprese calabresi e la Calabria come piattaforma ideale per entrare nei mercati del mediterraneo e dellEstremo Oriente; valorizzare le forti complementarit esistenti fra le due aree dal punto di vista della dotazione di risorse naturali ed ambientali, delle produzioni agricole, della struttura industriale e dei servizi, dei beni artistici e culturali e dei flussi turistici; incoraggiare lo sviluppo di nuove attivit e la creazione di capacit produttiva aggiuntiva rispetto a quella esistente.

Protocollo dintesa tra la Regione Calabria e la Regione Lombardia, (1997)

Progetto Euromednet (1999)

Sviluppo delle PMI, turismo e valorizzazione dei beni ambientali e artistici, reti informative (banche dati su imprese per lavvio di forme di cooperazione tra imprese delle due regioni), programmi congiunti di innovazione e sviluppo istituzionali, sanit e non profit, servizi finanziari per le PMI. Sviluppo delle PMI

Dipartimento della Presidenza

Regione Calabria, Regione Lombardia

BIC Calabria

BIC Calabria, Bic Galicia, Social Fund for Development (SFD) Egitto struttura governativa egiziana per lo sviluppo di piccole imprese

Favorire il trasferimento di informazioni e know-how tra i partner; realizzazione di un network tra le tre societ; favorire forme di cooperazione tra le imprese.

Progetto BC-NET (1998) Progetto Euragro (fiera tenutasi presso lincubatore del BIC di Settingiano, gg. 1 e 2 di ottobre 1998) Progetto Tema

Sviluppo della cooperazione tra PMI Sviluppo del partenariato tra PMI Informazione, qualificazione delle risorse umane

BIC Calabria BIC Calabria

Favorire la cooperazione tra imprese di diverse regioni europee Favorire lavvio di forme di partenariato internazionale tra le imprese in campo commerciale, finanziario, produttivo, tecnico e il trasferimento di tecnologie e know-how. Imprese artigiane operanti sul territorio nazionale in 14 aree a forte vocazione artigiana, tra cui 23 imprese del settore del legno e mobilio della provincia di Cosenza Soddisfare la domanda latente o esplicita di servizi di natura informativa, formativa e di consulenza, qualificazione dellente associativo quale soggetto di stimolo e sostegno dellimprenditoria artigiana, creando presso le sedi provinciali una risorsa junior (agente locale di sviluppo) capace di monitorare le esigenze del comparto e realizzare servizi promozionali di assistenza alle imprese; accrescimento del know-how allinterno delle imprese

Promosso dallIstituto Tagliacarne e dal Ministero dellIndustria e Artigianato, con il coinvolgimento della Confartigianato della provincia di Cosenza

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

54

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Club Nord-Sud (1995) Protocollo dintesa siglato il 24/3/1998 dallAmministrazione Provinciale, dalla Camera di Commercio, dallAssociazione degli Industriali della Provincia di Reggio Calabria e dalle Associazioni Industriali di Treviso e Vicenza Intesa raggiunta per tramite dellagenzia di sviluppo locale Svi. Pro. Re Invest in Vibo Valentia (1999) Protocollo dintesa siglato dallAssociazione degli Industriali di Vibo Valentia e la Banca Popolare di Crotone (1999) Protocollo dintesa siglato dallAssociazione degli Industriali di Vibo Valentia e quella di Parma per il settore agro-alimentare (1999)

Sviluppo della cooperazione tra PMI Sviluppo delle PMI

Confindustria Associazione degli industriali di Reggio Calabria

Associazioni degli industriali di Matera, Cosenza, Siracusa, Pesaro, Lecco e Assogomma di Milano Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria, Camera di Commercio di Reggio Calabria, Associazioni Industriali di Treviso e Vicenza

Scambio di esperienze e testimonianze; stimolare forme di collaborazione tra le imprese, avvio di rapporti di subfornitura Instaurare fattivi rapporti di collaborazione fra le Camere di Commercio e le Associazioni Industriali delle tre province; offrire opportunit formative ed occupazionali ai giovani della provincia di Reggio Calabria; contribuire a dare una risposta alle esigenze occupazionali delle imprese delle province di Treviso e Vicenza; favorire una maggiore conoscenza fra i rispettivi territori e realt economiche per lavvio di forme di collaborazione sul piano produttivo e del lavoro

Promozione Sviluppo delle PMI

Camera di Commercio di Vibo Valentia Associazione degli industriali di Vibo Valentia

Promuovere il territorio della provincia per attrarre investitori italiani ed esteri Incoraggiare, assistere e coadiuvare gli operatori economici interessati a creare o trasferire nella provincia di Vibo nuove attivit produttive

Sviluppo delle PMI

Associazione degli Industriali di Vibo Valentia

Incentivare gli investimenti produttivi da parte di imprese emiliane in Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

55

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

5. INDICAZIONI STRUTTURATE RILEVANTI PER LINTERNAZIONALIZZAZIONE 5.1 Suggerimenti e indicazioni


Dalle rilevazioni effettuate nel corso dellindagine sono emerse indicazioni utili per uneventuale fase di riprogrammazione del POR o per avviare politiche di promozione e sviluppo locale, economico, culturale ed istituzionale in ambito internazionale. Come pi volte ribadito, la realt calabrese in tema di internazionalizzazione si presenta come un quadro molto vario e vivace, spesso non in sinergia con le numerose iniziative attivate nei settori rilevanti per lo sviluppo locale, la crescita culturale ed istituzionale degli enti pubblici locali. Tuttavia, le attivit a carattere internazionale avviate dagli enti amministrativi locali (regione, provincia, comune e comunit montana) sono scollegate tra loro. necessaria unazione forte della Regione in termini di riferimento strategico e coordinamento progettuale con cui i vari soggetti istituzionali e di interesse pubblico, gli assessorati regionali, Province, Comuni, le CCIAA, le agenzie di sviluppo, etc., possano interrelazionarsi e programmare interventi congiunti e di sistema. Altra criticit rilevante emersa che gli enti coinvolti in progetti di internazionalizzazione spesso non trovano il sostegno finanziario necessario per il prosieguo di quanto realizzato e non sono in grado di creare delle reti fisse e strutturate. il caso, per esempio, dei progetti di cooperazione internazionale avviati dai GAL nellambito del programma Leader II e di quelli realizzati dalla Regione e dalle Province con Interreg II che, pur valutate come progetti di eccellenza dalla CE, non hanno trovato una naturale consequenzialit nella programmazione regionale 2000-2006 o avviato ulteriori progetti con un partenariato consolidato su temi comuni. Unanalisi approfondita dei risultati conseguiti nellambito di tali progetti, una maggiore valorizzazione di tali potenzialit allinterno dei processi di programmazione della struttura regionale, pu consentire alla Regione di meglio precisare alcuni obiettivi e strumenti di intervento, oltre che a portare avanti degli argomenti e materie di comune interesse e programmazione con taluni territori di paesi comunitari (in particolare i Paesi Mediterranei dellUnione Europea). Uno dei temi di possibile discussione internazionale per lelaborazione di proposte e progetti quello delle grandi reti europee di trasporto, di energia e telecomunicazioni che interessano il Mediterraneo, rispetto alle quali la Calabria pu rivestire un ruolo strategico e centrale data anche la sua posizione geografica -periferica rispetto allUE e centrale rispetto al Mediterraneo- e lestrema necessit di infrastrutturazione del suo territorio per superare la condizione di marginalit economica e geografica dal resto dellEuropa. Una rilevante opportunit per linternazionalizzazione del tessuto economico regionale il successo riscontrato dalle aggregazioni sociali, economiche e istituzionali che hanno dato vita a numerose forme e casi di eccellenza nello sviluppo locale (Patti Territoriali, Contratti d'Area, Progetti Integrati, ecc.), capaci di generare valori (distretti industriali, culturali, conferenze di servizi, sportelli unici, snellimento burocratico, iniziative di microfinanza, etc.) che possono essere promossi e migliorate in partenariato con realt analoghe estere (progetti di gemellaggio, di institutional building, di formazione, di cooperazione allo sviluppo, etc.). Per quel che concerne il mondo imprenditoriale stata rilevata da pi parti la necessit di accompagnare le imprese calabresi nellacquisizione e nella crescita competitiva sui mercati esteri attraverso: una fase propedeutica finalizzata a formare gli imprenditori rispetto alle problematiche legate allinternazionalizzazione; attivare le azioni necessarie a rendere competitive le aziende locali, quali per esempio un adeguato servizio di tutoraggio verso le imprese neofite alle procedure di import-export e di marketing internazionale; lincentivazione dellinnovazione tecnologica, necessaria per uscire dalla stretta chiusura territoriale in cui versano le imprese locali.
56

Ci scaturisce da alcune considerazioni.


Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Il sistema produttivo calabrese un sistema chiuso. Le imprese locali sono fortemente legate ai mercati locali, con evidenti difficolt nell'accesso al resto del mercato nazionale e ai mercati internazionali (come si evince dalla bassissima propensione all'export dell'industria locale). La produttivit stessa delle imprese pi bassa rispetto alla media nazionale, ed evidente la tendenza alla produzione a basso valore aggiunto. Tuttavia, si registra una crescente vivacit di alcune imprese e aggregazioni di imprese locali verso forme di apertura del mercato locale, e se si aggiunge l'interesse alla cooperazione con imprese di altre regioni italiane (cooperazione Nord-Sud), si pu notare la nascita di fenomeni di prima internazionalizzazione dovuta alla creazione di reti di relazioni fra imprese calabresi e del Nord Italia, nonch una pi efficace attivit di promozione per l'attrazione degli investimenti da tali regioni. Linternazionalizzazione, quindi, sembra essere la strada principale per uscire dalla marginalit economica e dal localismo. Infatti, il POR direttamente dedica una Misura allinternazionalizzazione nellAsse IV dedicato espressamente allo sviluppo locale e al sistema delle imprese. Tale scelta permette di fare delle supposizioni: la Calabria preferisce puntare pi sullo sviluppo internazionale delle imprese piuttosto che sui sistemi della cultura e delle reti istituzionali di partenariato con paesi esteri; la Calabria reputa pi possibili eventuali iniziative dinternazionalizzazione passiva piuttosto che contare nella crescita dellexport dellindustria regionale; la Calabria crede nellindustria locale, ma ritiene debba prima strutturarsi per consorzi, migliorare la propria qualit ed aumentare la produttivit per poi affrontare i mercati internazionali.

Tuttavia, essendo lintervento del POR limitato, almeno in forma esplicita, alla misura 4.2., questa collocazione sembra riduttiva anche ad alcuni degli intervistati che suggeriscono alcuni rafforzamenti delle politiche regionali verso: la cooperazione allo sviluppo non tenuta nella debita considerazione per lo sviluppo locale, ma di grande potenzialit per lapertura dei sistemi regionali verso i paesi ed i mercati esteri; la promozione di reti internazionali per il sistema regionale della ricerca ed innovazione tecnologica non esistono incentivi per favorire la creazione di collegamenti tra imprese locali ed enti di ricerca non residenti sul territorio regionale su progetti di ricerca applicata e trasferimento di tecnologia verso le imprese calabresi; progetti pilota di accompagnamento strutturale alle imprese che si rivolgono ai mercati esteri; lorganizzazione di un sistema formativo per la pubblica amministrazione in tema dinternazionalizzazione.

In linea di principio, gli obiettivi e gli strumenti posti dalla Misura 4.2 c) e d) sono adeguati ad uninternazionalizzazione attiva, sebbene questultima andrebbe sostenuta da una migliore strutturazione del sistema produttivo locale. In generale, il ritardo nellattuazione di questa misura -nessun intervento stato ancora attivato, a parte alcuni progetti compatibili- non permette giudizi n sugli effetti diretti n su quelli indiretti. Per quanto riguarda i compiti di diffusione dellinformazione sui mercati esteri e le procedure di importazione ed esportazione, si registra una diffusa presenza sul territorio di sportelli informativi su base provinciale. Questi potrebbero essere coordinati con il costituendo Sportello unico regionale in un'unica azione di sistema. Al contempo, unattenta azione di affiancamento consulenziale alle PMI necessaria perch queste siano in grado di progettare degli interventi efficaci sui mercati esteri e accedere alle agevolazioni finanziarie, nazionali e/o regionali, sullinternazionalizzazione. In una visione pi ampia dellintervento della Regione a supporto dellinternazionalizzazione dei suoi sistemi economici, porta a riconsiderare quanto programmato nella Misura 4.1 e soprattutto nella Misura 3.16. Attualmente, la strada scelta stata quella della separazione delle azioni dal settore della ricerca calabrese ancora di limitate dimensioni . Lo stesso liaison office, che dovrebbe fare da raccordo tra universit, centri di ricerca e industria, cos concepito, rischia di non essere in grado di operare effettivamente unazione di networking internazionale. Tra le righe si legge che il vero obiettivo della misura non una crescita delle produzioni innovative, bens il finanziamento delle strutture di ricerca locali nella speranza di creare alcuni centri di eccellenza. Obiettivo indubbiamente rilevante ma che si scontra con una congenita debolezza regionale nel
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 57

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

settore della ricerca e dellinnovazione tecnologica (la Calabria allultimo posto in Italia per brevetti presentati, dati EPO). Anche la procedura a sportello, e non a bando pubblico, non agevola il ricorso a collaborazioni con istituzioni di ricerca esterne, poco disposte ad investire risorse su iniziative a cos alto rischio. Anche per quanto riguarda le altre Misure, se pur meno rilevanti per le politiche dinternazionalizzazione, qui possibile tracciare alcune considerazioni ed indicazioni. Per le Misure 2.2, 2.3 e 4.3 i loro obiettivi di valorizzazione del patrimonio culturale, principalmente in chiave turistica, hanno un impatto economico e sono promossi come prodotti locali. Questo per snatura la possibilit di avviare iniziative di carattere culturale quali eventi progettati con istituzioni estere su temi ed itinerari storico-artistici mediterranei, la progettazione di una rete di biblioteche del Mediterraneo, oppure la progettazione di studi ed interventi innovativi per la valorizzazione di aree naturali e storiche di notevole pregio per la comunit internazionale (Mediterraneo e Balcani). Temi questi sottolineati e di interesse degli stessi interlocutori intervistati.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

58

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

POR CALABRIA STATO D'ATTUAZIONE AL 31.12.2002


INTERNAZIONALIZZAZIONE - MISURE: Costi complessivi degli interventi di cui sostenuti dal settore privato Spesa pubblica totale di cui FESR Impegni al 30.09.02 al 31.12.02 *
di cui impegni nei confronti dei beneficiari finali di cui progetti compatibili

DIRETTE INDIRETTE MISURA 4.2 MISURA 1.10 MISURA 2.1 MISURA 2.2 MISURA 2.3 MISURA 3.10 MISURA 3.16 237.652.000 103.573.000 58.072.000 29.040.000 48.397.000 12.117.000 45.126.000 89.120.000 32.995.000 0 0 19.359.000 577.000 5.636.000 148.532.000 70.618.000 58.072.000 29.040.000 29.038.000 11.540.000 39.490.000 74.266.000 35.309.000 29.036.000 14.520.000 14.519.000 8.078.000 19.475.000 74.744.949 88.486.175 53.392.174 10.381.318 11.515.717 2.478.993 11.866.053 2.478.993 2.478.993 838.093 32.863.343 32.936.863 32.936.863 32.936.863 9.573.809 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0

MISURA 4.1 MISURA 4.3 MISURA 4.7 MISURA 6.3 343.686.000 67.582.000 8.171.000 86.140.000 133.266.000 0 2.073.000 18.140.000 210.420.000 67.582.000 6.098.000 68.024.000 105.210.000 33.971.000 3.049.000 34.012.000 17.533.339 27.025.139 27.025.139 0 21.402.214 0 0 0 0 0 11.728.233 16.528.504 10.758.967 5.461.194 5.475.799

Pagamenti * dati provvisori; Fonte: documentazione predisposta in occasione dell'ultimo Comitato di Sorveglianza del 14 febbraio 2003

0 50.936.456 24.000 115.452.195 24.000 52.951.808 0 15.012.486 0 52.951.809

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

59

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

5.2 Pre-condizioni, interlocutori strategici e interazione con il territorio


Le precondizioni per rimuovere gli ostacoli e le criticit riscontrate sono configurabili brevemente nellelenco che segue. Azioni rivolte verso la Regione e le istituzioni pubbliche locali: messa a regime dello Sportello unico regionale per linternazionalizzazione; costituzione ed avvio del tavolo di orientamento strategico regionale sullinternazionalizzazione, coinvolgendo di volta in volta e su tematiche specifiche, altri soggetti regionali, istituzionali e della societ civile, economica e culturale, oltre al MAE e MAP; elaborazione di un programma di governo per lo sviluppo locale, economico, culturale ed istituzionale, centrato sullinternazionalizzazione dei sistemi.

Azioni rivolte verso il mondo imprenditoriale: promozione di una cultura consociativa verso le imprese, anche attraverso il sostegno finanziario pubblico ai consorzi export; orientare le politiche pubbliche verso un miglioramento del rapporto impresa-banca, al fine di ridurre gli impedimenti ed i costi di accesso al credito per operazioni di import-export e di cooperazione produttiva e commerciale con partner sui mercati esteri; concentrazione dellazione privata imprenditoriale sulla creazione di marchi, sviluppo di brevetti e prodotti propri caratterizzati da qualit ed innovazione; crescita della cultura e formazione imprenditoriale sui temi dellinternazionalizzazione.

Azioni rivolte verso il mondo della cultura: creazione di reti fisse e basate su progetti e programmi condivisi e comuni; programmazione degli interventi ed eventi culturali collocandoli in contesti extraregionali.

Gli interlocutori strategici per lattuazione di tali azioni, gi impegnati con proprie strutture in interventi e progetti diretti ed indiretti allinternazionalizzazione, possono essere: il settore programmazione e bilancio della Regione; i servizi competenti degli assessorati alle Attivit Produttive, alla Cultura e Ricerca Scientifica ed Innovazione Tecnologica della Regione, alla Formazione; il Servizio politiche internazionali, immigrazione ed emigrazione della Regione; i responsabili PIT ed i soggetti responsabili dei Patti Territoriali e dei G.A.L.; i servizi competenti degli assessorati di settore delle Province e dei Comuni capoluoghi di Provincia; lUnione delle Camere di Commercio calabresi.

Le interazioni con il territorio possono essere conseguite attraverso la costituzione di un tavolo di concertazione con il partenariato economico locale (consorzi di imprese maggiormente rappresentativi, associazioni di categoria, associazioni ambientaliste, associazioni culturali e del terzo settore maggiormente rappresentate e coinvolte nella cooperazione allo sviluppo, universit e centri di ricerca), a valenza regionale. Gli strumenti progettuali potrebbero essere: i progetti integrati o un progetto integrato su base e a regia regionale; la progettazione negoziata;
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 60

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

gli accordi di programma a base regionale; un centro di riferimento regionale (Sportello, Osservatorio, Settore della Regione) per la programmazione ed il coordinamento; una rete regionale di eccellenze per la promozione, predisposizione e gestione di progetti internazionali.

Le azioni amministrative necessarie in Calabria per lavvio di un processo di internazionalizzazione possono essere: riordino dellorganizzazione della pubblica amministrazione regionale; riqualificazione della spesa pubblica, regionale, statale e comunitaria, di competenza regionale; adeguamento della legislazione regionale alle nuove competenze concesse dalla riforma del Titolo V della Costituzione italiana e che direttamente incidono sullinternazionalizzazione, quali le competenze sulla regolamentazione, promozione e sviluppo dellimpresa locale, del patrimonio artistico e culturale, la difesa e valorizzazione dellambiente, gli scambi di esperienze e buone pratiche istituzionali con enti ed istituzioni pubbliche estere; predisposizione di un programma di sviluppo regionale, pluriennale, dedicato almeno in parte, a sostenere linternazionalizzazione della regione; sostenere e promuovere la programmazione a livello subregionale, al fine di stimolare altre realt, economiche, sociali, culturali ed istituzionali, ad interagire con le realt extraregionali ed internazionali, sia in fase di programmazione sia in fase di progettazione di interventi diretti allo sviluppo locale.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

61

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

6. CONCLUSIONI E RACCOMANDAZIONI
Le indagini condotte durante la prima e la seconda fase della ricerca hanno messo in risalto criticit e fabbisogni sia delle strutture pubbliche sia del mondo produttivo calabrese rispetto al processo di internazionalizzazione. Mentre la prima fase dell'analisi, incentrata sulle iniziative poste in essere nella regione da enti pubblici e da altri soggetti, ha evidenziato alcuni progetti di eccellenza, la seconda fase ha rivolto lattenzione alle esigenze e caratteristiche della realt produttiva. La Calabria, con un bassissimo livello di internazionalizzazione ha bisogno di internazionalizzarsi per svilupparsi, ma anche di crescere per rafforzare la sua proiezione internazionale. I due processi, crescita interna e proiezione esterna vanno di pari passo, e quindi nessuno dei due pu essere lasciato in ombra, puntando invece sullaltro. Gli amministratori e gli imprenditori calabresi hanno indicato con molta chiarezza e lucidit che cosa necessario fare: i risultati delle interviste, ma soprattutto del focus group sono molto precisi, ed indicano un percorso molto preciso di investimento sia da parte degli imprenditori sia da parte degli operatori pubblici. In primo luogo stata fortemente biasimata lassenza di coordinamento delle iniziative poste in essere da diversi soggetti pubblici e privati che d luogo, i9n un contesto di carenza di risorse, ad inutili duplicazioni e, di conseguenza, ad un utilizzo non razionale di quanto disponibile. La causa sta soprattutto nellassenza di un centro di decisione strategico a livello regionale, e tale assenza determina anche la mancanza di adeguate azioni di pianificazione e programmazione in grado di indirizzare le attivit sul territorio e di renderle cos efficaci ed efficienti. In secondo luogo, come conseguenza diretta di quanto detto, si rilevata la necessit di azioni di informazione e di formazione rivolte sia ai soggetti pubblici che privati. La mancanza di informazione/formazione in materia di internazionalizzazione determina lincapacit e/o limpossibilit da parte delle strutture pubbliche di rispondere alle esigenze del mondo produttivo, mentre anche questultimo non in grado di ricorrere agli strumenti in vigore poich non li conosce. Inoltre entrambi non sono dotati di sufficienti capacit progettuali tali da poter suggerire o avviare i processi dello sviluppo e dellinternazionalizzazione. In terzo luogo stata confermata lassenza o la debolezza di distretti o filiere ben definite, sottolineando una realt frammentata in cui le attivit produttive sono sparse sul territorio. Peraltro dallindagine emerso che il territorio calabrese molto articolato e ricco di potenzialit r competenze diversificate che potrebbero, se aiutate a crescere, svilupparsi. Quello che esiste oggi invece un sistema debole, afflitto da atavici problemi connaturati con le peculiarit storiche, sociali ed economiche della Regione; tuttavia tale sistema sta sempre pi prendendo coscienza del fatto che, per attivare adeguatamente un processo di sviluppo, necessario aprirsi al resto del mondo. Ci confermato, infatti, dalle numerosissime iniziative realizzate sul territorio e dalla consapevolezza che il mondo imprenditoriale sta assumendo rispetto ai problemi da affrontare. In conclusione si raccomanda limportanza di concentrare ogni possibile sforzo nelle direzioni di seguito indicate:

pubblica amministrazione:
individuazione di un centro propulsore che coordini e pianifichi a livello regionale le attivit riguardanti linternazionalizzazione; qualificazione delle risorse interne attraverso attivit specifiche di formazione; creazione di sinergie e collaborazioni con soggetti operanti nel territorio che hanno gi acquisito esperienze e competenze specifiche nella materia (quali le Camere di Commercio e le Amministrazioni Provinciali);

mondo produttivo:
interventi di base laddove il tessuto produttivo ancora incapace o troppo debole per internazionalizzarsi, tesi soprattutto a: favorire lassociazionismo in modo da sostenere la nascita o il consolidamento di filiere e cluster produttivi;
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 62

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

tutelare la qualit dei prodotti con marchi; a creare centri di diffusione di informazione specialistica e non; incentivare linnovazione, in modo da consentire il superamento dei limiti del sistema delle PMI calabresi;

prevedere azioni dirette a rafforzare il processo di internazionalizzazione laddove questo si sia gi innescato, mirate soprattutto a: la formazione degli imprenditori e dei consulenti; la predisposizione di incentivi diretti alla riduzione dei costi della distanza; lincentivazione di attivit conoscitive (quali studi di fattibilit, analisi dei mercati esteri, ecc.) e di promozione (fiere, pubblicit allestero, ).

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

63

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

ALLEGATI

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

64

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

A) MAPPE E CARTOGRAFIE REGIONALI DEI SISTEMI LOCALI, DELLA LORO DINAMICA E RILEVANZA
Le cartografie qui di seguito riportate sono state elaborate con lausilio del software ArcView. ArcView un G.I.S. (geographical information system) che consente la gestione e lintegrazione di dati geografici con dati alfanumerici. Per giungere alla produzione di ciascuna cartografia stato dunque necessario creare dei data base contenenti le informazioni raccolte ed associarle successivamente ai dati geografici disponibili in formato vettoriale. Alcuni esempi di data base, costruiti dal T-Cal come base per lelaborazione cartografica, sono riportati alla fine dellallegato A, per mostrare come una volta raccolti i dati si sia poi passati alla loro interpretazione e valutazione, base necessaria per la loro rappresentazione. Elenco delle carte: N: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 TITOLO Aree di specializzazione produttive basate sul modello agricolo ed agroalimentare (fonte: nostra elaborazione su dati CCIAA) Aree di specializzazione produttive basate sull'industria manifatturiera leggera (fonte: nostra elaborazione su dati CCIAA) Aree di specializzazione produttive basate sull'industria pesante (fonte: nostra elaborazione su dati CCIAA) Aree di specializzazione produttive basate sul modello di sviluppo turistico (fonte: nostra elaborazione su dati CCIAA) Distretti industriali (fonte: nostra elaborazione su dati Atlante della competitivit delle province italiane, Unioncamere) Sistemi locali del lavoro (fonte: nostra elaborazione su dati Atlante della competitivit delle province italiane, Unioncamere) Sistemi locali del lavoro Totale imprese e imprese manifatturiere (fonte: nostra elaborazione su dati Censimento intermedio dellindustria e dei servizi 1996, Istat) Aree PIT (fonte: linee guida PIT, Regione Calabria) Aree PIT Totale imprese e imprese manifatturiere (fonte: nostra elaborazione su dati Censimento intermedio dellindustria e dei servizi 1996, Istat) Aree PIT Proto distretti (fonte: nostra elaborazione su dati estratti da schede progettuali PIT) Microsistemi imprenditoriali comunali (fonte: nostra elaborazione da dati dedotti da varie pubblicazioni Agglomerati industriali di rilevanza strategica (fonte: nostra elaborazione su dati Accordo di Programma Quadro "Infrastrutturazione per lo Sviluppo Locale") Il Polo Metalmeccanico di Vibo Valentia - Tipologie comunali (fonte: nostra elaborazione su dati CCIAA di Vibo Valentia) La filiera del legno - Provincia di Vibo Valentia - Tipologie comunali (fonte: nostra elaborazione su dati CCIAA di Vibo Valentia) Patrimonio culturale e naturalistico (fonte: nostra elaborazione su fonti diverse)

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

65

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

66

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

67

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

68

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

69

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

70

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

71

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

72

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

73

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

74

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

75

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

76

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

77

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

78

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

79

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

80

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

ESEMPIO DI DATA BASE ALFANUMERICO UTILIZZATO PER REALIZZARE LA CARTA N. 1 - AREE DI SPECIALIZZAZIONE PRODUTTIVE BASATE SUL MODELLO AGRICOLO ED AGROALIMENTARE
COD_REG COD_PRO PROVINCIA COD_ISTAT COMUNE 18 102 VV 18079097 PIZZO 18 102 VV 18079070 MAIERATO 18 102 VV 18079155 VIBO VALENTIA 18 102 VV 18079028 CESSANITI 18 102 VV 18079144 STEFANACONI 18 102 VV 18079149 TROPEA 18 102 VV 18079109 SAN GREGORIO D'IPPONA 18 102 VV 18079159 ZUNGRI 18 102 VV 18079045 DRAPIA 18 102 VV 18079050 FILANDARI 18 102 VV 18079054 FRANCICA 18 102 VV 18079107 SAN COSTANTINO CALABRO 18 102 VV 18079104 ROMBIOLO 18 102 VV 18079106 SAN CALOGERO 18 102 VV 18079086 NICOTERA 18 101 KR 18079150 UMBRIATICO 18 101 KR 18079019 CARFIZZI 18 101 KR 18079090 PALLAGORIO 18 101 KR 18079124 SAVELLI 18 101 KR 18079154 VERZINO 18 101 KR 18079113 SAN NICOLA DELL'ALTO 18 101 KR 18079119 SANTA SEVERINA 18 101 KR 18079102 ROCCABERNARDA 18 101 KR 18079093 PETILIA POLICASTRO 18 101 KR 18079111 SAN MAURO MARCHESATO 18 101 KR 18079076 MESORACA 18 101 KR 18079038 CRUCOLI 18 101 KR 18079031 CIRO' 18 101 KR 18079032 CIRO' MARINA 18 101 KR 18079075 MELISSA 18 101 KR 18079145 STRONGOLI 18 80 RC 18080093 TAURIANOVA 18 80 RC 18080055 OPPIDO MAMERTINA 18 80 RC 18080095 VARAPODIO 18 80 RC 18080030 COSOLETO 18 80 RC 18080078 SANTA CRISTINA D'ASPROMO 18 80 RC 18080089 SINOPOLI 18 80 RC 18080084 SCIDO 18 80 RC 18080031 DELIANUOVA 18 80 RC 18080060 PLATI' 18 80 RC 18080023 CARERI 18 80 RC 18080074 SAN LUCA 18 80 RC 18080046 MAROPATI 18 80 RC 18080037 GIFFONE 18 80 RC 18080027 CINQUEFRONDI 18 80 RC 18080071 SAN GIORGIO MORGETO 18 78 CS 18078069 LUNGRO 18 78 CS 18078115 SAN DONATO DI NINEA 18 78 CS 18078001 ACQUAFORMOSA 18 78 CS 18078054 FIRMO 18 78 CS 18078128 SAN SOSTI 18 78 CS 18078104 ROGGIANO GRAVINA 18 78 CS 18078085 MOTTAFOLLONE 18 78 CS 18078123 SAN MARCO ARGENTANO 18 78 CS 18078131 SANT'AGATA DI ESARO 18 78 CS 18078073 MALVITO 18 78 CS 18078133 SANTA SOFIA D'EPIRO 18 78 CS 18078129 SANTA CATERINA ALBANESE C_A_P_ 88026 88010 88018 88010 88010 88038 88010 88030 88030 88010 88010 88010 88015 88010 88034 88070 88070 88070 88077 88070 88070 88070 88070 88053 88070 88052 88070 88071 88072 88070 88078 89029 89014 89010 89050 89056 89020 89010 89012 89039 89030 89030 89020 89020 89021 89017 87010 87010 87010 87010 87010 87017 87010 87018 87010 87010 87048 87010 REGIONE Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria NAME_AGR agroalim agroalim agroalim agroalim agroalim agroalim agroalim agroalim agroalim agroalim agroalim agroalim agroalim agroalim agroalim alto kr alto kr alto kr alto kr alto kr alto kr ar_interna ar_interna ar_interna ar_interna ar_interna area vino area vino area vino area vino area vino asprom asprom asprom asprom asprom asprom asprom asprom asprom asprom asprom cinquefr cinquefr cinquefr cinquefr cs interno cs interno cs interno cs interno cs interno cs interno cs interno cs interno cs interno cs interno cs interno cs interno

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

81

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

ESEMPIO DI DATA BASE ALFANUMERICO UTILIZZATO PER REALIZZARE LA CARTA N. 2 - AREE DI SPECIALIZZAZIONE PRODUTTIVE BASATE SULL'INDUSTRIA MANIFATTURIERA LEGGERA
COD_REG COD_PRO PROVINCIA COD_ISTAT COMUNE 18 78 CS 18078045 COSENZA 18 79 CZ 18079138 SOVERIA MANNELLI 18 79 CZ 18079023 CATANZARO 18 80 RC 18080018 CAMPO CALABRO 18 80 RC 18080063 REGGIO DI CALABRIA 18 79 CZ 18079142 SQUILLACE 18 102 VV 18079070 MAIERATO 18 102 VV 18079106 SAN CALOGERO 18 78 CS 18078017 BISIGNANO 18 78 CS 18078070 LUZZI 18 78 CS 18078106 ROSE 18 78 CS 18078030 CASTIGLIONE COSENTINO 18 78 CS 18078155 ZUMPANO 18 102 VV 18079121 SANT'ONOFRIO 18 102 VV 18079051 FILOGASO 18 102 VV 18079057 GEROCARNE 18 102 VV 18079067 LIMBADI 18 80 RC 18080037 GIFFONE 18 80 RC 18080027 CINQUEFRONDI 18 80 RC 18080071 SAN GIORGIO MORGETO 18 78 CS 18078018 BOCCHIGLIERO 18 80 RC 18080040 GROTTERIA 18 80 RC 18080036 GERACE 18 80 RC 18080042 LAUREANA DI BORRELLO 18 78 CS 18078132 SANTA MARIA DEL CEDRO 18 78 CS 18078015 BELVEDERE MARITTIMO 18 78 CS 18078002 ACQUAPPESA 18 78 CS 18078058 FUSCALDO 18 78 CS 18078081 MONTALTO UFFUGO 18 78 CS 18078119 SAN GIOVANNI IN FIORE 18 78 CS 18078091 PAOLA 18 78 CS 18078122 SAN LUCIDO 18 79 CZ 18079129 SERRASTRETTA 18 102 VV 18079152 VALLELONGA 18 102 VV 18079132 SIMBARIO 18 102 VV 18079136 SORIANO CALABRO 18 102 VV 18079140 SPADOLA 18 102 VV 18079135 SORIANELLO 18 102 VV 18079128 SERRA SAN BRUNO 18 102 VV 18079044 DINAMI 18 102 VV 18079079 MONGIANA 18 80 RC 18080075 SAN PIETRO DI CARIDA' 18 102 VV 18079046 FABRIZIA 18 80 RC 18080065 RIZZICONI 18 80 RC 18080061 POLISTENA 18 80 RC 18080051 MOLOCHIO 18 80 RC 18080022 CARDETO 18 80 RC 18080006 BAGALADI 18 78 CS 18078102 RENDE 18 78 CS 18078144 SPEZZANO PICCOLO 18 78 CS 18078051 FAGNANO CASTELLO 18 78 CS 18078138 SCALEA 18 78 CS 18078153 VERBICARO 18 78 CS 18078019 BONIFATI 18 78 CS 18078040 CETRARO 18 78 CS 18078148 TORANO CASTELLO 18 102 VV 18079153 VAZZANO 18 101 KR 18079037 CROTONE C_A_P_ 87100 88049 88100 89052 89100 88069 88010 88010 87043 87040 87040 87040 87040 88016 88010 88010 88030 89020 89021 89017 87060 89043 89040 89023 87020 87021 87020 87024 87046 87055 87027 87038 88040 88020 88020 88017 88020 88010 88029 88010 88020 89020 88020 89016 89024 89010 89060 89060 87036 87050 87013 87029 87020 87020 87022 87010 88010 88074 REGIONE Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria IND_M_LEG carta carta carta chimica chimica lav_min_n_met lav_min_n_met_ed lav_min_n_met_ed lav_min_n_met_ed lav_min_n_met_ed lav_min_n_met_ed lav_min_n_met_ed lav_min_n_met_ed lav_min_n_met_ed lav_min_n_met_ed lav_min_n_met_ed lav_min_n_met_ed legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno legno_carta legno_lav_min_n_met_ed legno_tessile legno_tessile legno_tessile legno_tessile legno_tessile legno_tessile legno_tessile__lav_min_n_met_ed metal_chimica

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

82

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

DATA BASE ALFANUMERICO UTILIZZATO PER REALIZZARE LA CARTA N. 3 AREE DI SPECIALIZZAZIONE PRODUTTIVE BASATE SULL'INDUSTRIA PESANTE

COD_REG COD_PRO PROVINCIA COD_ISTAT COMUNE 18 78 CS 18078081 MONTALTO UFFUGO 18 78 CS 18078102 RENDE 18 78 CS 18078031 CASTROLIBERO 18 80 RC 18080063 REGGIO DI CALABRIA 18 80 RC 18080065 RIZZICONI 18 80 RC 18080035 GALATRO 18 80 RC 18080097 SAN FERDINANDO 18 80 RC 18080003 ANOIA 18 102 VV 18079070 MAIERATO 18 102 VV 18079051 FILOGASO 18 102 VV 18079155 VIBO VALENTIA 18 102 VV 18079144 STEFANACONI 18 102 VV 18079062 IONADI 18 102 VV 18079097 PIZZO 18 102 VV 18079054 FRANCICA 18 102 VV 18079053 FRANCAVILLA ANGITOLA 18 102 VV 18079100 POLIA 18 102 VV 18079082 MONTEROSSO CALABRO 18 102 VV 18079098 PIZZONI 18 79 CZ 18079087 NOCERA TIRINESE 18 79 CZ 18079047 FALERNA 18 78 CS 18078033 CASTROVILLARI 18 78 CS 18078044 CORIGLIANO CALABRO 18 78 CS 18078108 ROSSANO

C_A_P_ 87046 87036 87040 89100 89016 89054 89026 89020 88010 88010 88018 88010 88010 88026 88010 88020 88027 88020 88010 88047 88042 87012 87064 87067

REGIONE Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria

NAM_IP area centrale area centrale area centrale area metalmeccanica reggina area nord metalmeccanica area nord metalmeccanica area nord metalmeccanica area nord metalmeccanica filiera metalmeccanica filiera metalmeccanica filiera metalmeccanica filiera metalmeccanica filiera metalmeccanica filiera metalmeccanica filiera metalmeccanica filiera metalmeccanica filiera metalmeccanica filiera metalmeccanica filiera metalmeccanica pit lamezia pit lamezia polo energia rossano rossano, polo energia

PROD_IP prodotti in metallo, macchine apparecchi meccanici prodotti in metallo, macchine apparecchi meccanici prodotti in metallo, macchine apparecchi meccanici metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico metalmeccanico rubinetteria rubinetteria energia macchine e apparecchi meccanici macchine e apparecchi meccanici, energia

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

83

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

ESEMPIO DI DATA BASE ALFANUMERICO UTILIZZATO PER REALIZZARE LA CARTA N. 4 - AREE DI SPECIALIZZAZIONE PRODUTTIVE BASATE SUL MODELLO DI SVILUPPO TURISTICO
COD_REG COD_PRO PROVINCIA COD_ISTAT COMUNE 18 102 VV 18079070 MAIERATO 18 102 VV 18079051 FILOGASO 18 102 VV 18079082 MONTEROSSO CALABRO 18 102 VV 18079106 SAN CALOGERO 18 102 VV 18079132 SIMBARIO 18 102 VV 18079140 SPADOLA 18 102 VV 18079128 SERRA SAN BRUNO 18 102 VV 18079079 MONGIANA 18 102 VV 18079046 FABRIZIA 18 102 VV 18079104 ROMBIOLO 18 101 KR 18079124 SAVELLI 18 101 KR 18079154 VERZINO 18 101 KR 18079093 PETILIA POLICASTRO 18 101 KR 18079022 CASTELSILANO 18 101 KR 18079015 CACCURI 18 101 KR 18079035 COTRONEI 18 79 CZ 18079146 TAVERNA 18 79 CZ 18079095 PETRONA' 18 79 CZ 18079134 SORBO SAN BASILE 18 79 CZ 18079002 ALBI 18 79 CZ 18079157 ZAGARISE 18 102 VV 18079014 BROGNATURO 18 102 VV 18079006 ARENA 18 102 VV 18079084 NARDODIPACE 18 80 RC 18080047 MARTONE 18 80 RC 18080072 SAN GIOVANNI DI GERACE 18 80 RC 18080020 CANOLO 18 80 RC 18080002 AGNANA CALABRA 18 102 VV 18079155 VIBO VALENTIA 18 102 VV 18079097 PIZZO 18 79 CZ 18079023 CATANZARO 18 79 CZ 18079142 SQUILLACE 18 78 CS 18078091 PAOLA 18 78 CS 18078138 SCALEA 18 101 KR 18079037 CROTONE 18 78 CS 18078101 PRAIA A MARE 18 80 RC 18080067 ROCCELLA IONICA 18 102 VV 18079149 TROPEA 18 102 VV 18079086 NICOTERA 18 101 KR 18079032 CIRO' MARINA 18 78 CS 18078025 CARIATI 18 78 CS 18078010 AMANTEA 18 79 CZ 18079130 SERSALE 18 79 CZ 18079027 CERVA 18 79 CZ 18079009 BELCASTRO 18 79 CZ 18079036 CROPANI 18 79 CZ 18079012 BOTRICELLO 18 79 CZ 18079139 SOVERIA SIMERI 18 79 CZ 18079127 SELLIA MARINA 18 79 CZ 18079133 SIMERI CRICHI 18 79 CZ 18079011 BORGIA 18 79 CZ 18079039 CURINGA 18 79 CZ 18079143 STALETTI 18 79 CZ 18079080 MONTAURO 18 79 CZ 18079056 GASPERINA 18 79 CZ 18079081 MONTEPAONE 18 79 CZ 18079094 PETRIZZI 18 79 CZ 18079137 SOVERATO C_A_P_ 88010 88010 88020 88010 88020 88020 88029 88020 88020 88015 88077 88070 88053 88070 88070 88073 88055 88050 88050 88050 88050 88020 88012 88020 89040 89040 89040 89040 88018 88026 88100 88069 87027 87029 88074 87028 89047 88038 88034 88072 87062 87032 88054 88050 88050 88051 88070 88050 88050 88050 88021 88022 88060 88060 88060 88060 88060 88068 REGIONE Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria TURISMO ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale ambientale balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare balneare

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

84

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

ESEMPIO DI DATA BASE ALFANUMERICO UTILIZZATO PER REALIZZARE LA CARTA N. 6 SISTEMI LOCALI DEL LAVORO
COD_REG COD_PRO PROVINCIA COD_ISTAT COMUNE 18 78 CS 18078103 ROCCA IMPERIALE 18 78 CS 18078086 NOCARA 18 78 CS 18078024 CANNA 18 78 CS 18078087 ORIOLO 18 78 CS 18078082 MONTEGIORDANO 18 78 CS 18078107 ROSETO CAPO SPULICO 18 78 CS 18078032 CASTROREGIO 18 78 CS 18078011 AMENDOLARA 18 78 CS 18078007 ALESSANDRIA DEL CARRETTO 18 78 CS 18078149 TORTORA 18 78 CS 18078063 LAINO BORGO 18 78 CS 18078006 ALBIDONA 18 78 CS 18078064 LAINO CASTELLO 18 78 CS 18078100 PLATACI 18 78 CS 18078120 SAN LORENZO BELLIZZI 18 78 CS 18078005 AIETA 18 78 CS 18078150 TREBISACCE 18 78 CS 18078036 CERCHIARA DI CALABRIA 18 78 CS 18078033 CASTROVILLARI 18 78 CS 18078084 MORMANNO 18 78 CS 18078083 MORANO CALABRO 18 78 CS 18078041 CIVITA 18 78 CS 18078101 PRAIA A MARE 18 78 CS 18078092 PAPASIDERO 18 78 CS 18078057 FRASCINETO 18 78 CS 18078154 VILLAPIANA 18 78 CS 18078056 FRANCAVILLA MARITTIMA 18 78 CS 18078125 SAN NICOLA ARCELLA 18 78 CS 18078130 SANTA DOMENICA TALAO 18 78 CS 18078088 ORSOMARSO 18 78 CS 18078136 SARACENA 18 78 CS 18078029 CASSANO ALLO IONIO 18 78 CS 18078111 SAN BASILE 18 78 CS 18078138 SCALEA 18 78 CS 18078069 LUNGRO 18 78 CS 18078153 VERBICARO 18 78 CS 18078115 SAN DONATO DI NINEA 18 78 CS 18078001 ACQUAFORMOSA 18 78 CS 18078132 SANTA MARIA DEL CEDRO 18 78 CS 18078044 CORIGLIANO CALABRO 18 78 CS 18078054 FIRMO 18 78 CS 18078142 SPEZZANO ALBANESE 18 78 CS 18078060 GRISOLIA 18 78 CS 18078009 ALTOMONTE 18 78 CS 18078146 TERRANOVA DA SIBARI 18 78 CS 18078121 SAN LORENZO DEL VALLO 18 78 CS 18078048 DIAMANTE 18 78 CS 18078071 MAIERA' 18 78 CS 18078020 BUONVICINO 18 78 CS 18078128 SAN SOSTI 18 78 CS 18078145 TARSIA 18 78 CS 18078104 ROGGIANO GRAVINA 18 78 CS 18078085 MOTTAFOLLONE 18 78 CS 18078118 SAN GIORGIO ALBANESE 18 78 CS 18078108 ROSSANO 18 78 CS 18078114 SAN DEMETRIO CORONE 18 78 CS 18078047 CROSIA 18 78 CS 18078123 SAN MARCO ARGENTANO C_A_P_ 87074 87070 87070 87073 87070 87070 87070 87071 87070 87020 87014 87070 87015 87070 87070 87020 87075 87070 87012 87026 87016 87010 87028 87020 87010 87076 87072 87020 87020 87020 87010 87011 87010 87029 87010 87020 87010 87010 87020 87064 87010 87019 87020 87042 87010 87040 87023 87020 87020 87010 87040 87017 87010 87060 87067 87069 87060 87018 REGIONE Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria SIST_LOC ROCCA IMPERIALE ROCCA IMPERIALE ROCCA IMPERIALE CASSANO ALLO ION CASSANO ALLO ION CASSANO ALLO ION CASSANO ALLO ION CASSANO ALLO ION CASSANO ALLO ION PRAIA A MARE MORMANNO CASSANO ALLO ION MORMANNO CASSANO ALLO ION CERCHIARA PRAIA A MARE CASSANO ALLO ION CERCHIARA CASTROVILLARI MORMANNO CASTROVILLARI CASTROVILLARI PRAIA A MARE SCALEA CASTROVILLARI CASSANO ALLO ION CERCHIARA SCALEA SCALEA SCALEA CASTROVILLARI CASSANO ALLO ION CASTROVILLARI SCALEA LUNGRO SCALEA S_AGATA ESARO LUNGRO SCALEA CORIGLIANO LUNGRO SPEZZANO ALBANES SCALEA CASTROVILLARI SPEZZANO ALBANES SPEZZANO ALBANES DIAMANTE DIAMANTE DIAMANTE S_AGATA ESARO SPEZZANO ALBANES S_MARCO ARGENTAN S_AGATA ESARO CORIGLIANO ROSSANO CORIGLIANO CROSIA S_MARCO ARGENTAN

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

85

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

DATA BASE ALFANUMERICO UTILIZZATO PER REALIZZARE LA CARTA N. 7 SISTEMI LOCALI DEL LAVORO TOTALE IMPRESE E IMPRESE MANIFATTURIERE
S IS T _ L O C C O U N T S U M _ M A N _ IM S U M _ IM P ACRI 2 1 1 9 ,0 0 0 0 9 9 5 ,0 0 0 0 AMANTEA 4 1 1 9 ,0 0 0 0 9 5 5 ,0 0 0 0 BADO LATO 3 4 1 ,0 0 0 0 3 6 6 ,0 0 0 0 B E L V E D E R E M A R IT T 3 8 8 ,0 0 0 0 7 5 8 ,0 0 0 0 B IA N C O 7 4 7 ,0 0 0 0 4 3 1 ,0 0 0 0 B IS IG N A N O 5 1 0 6 ,0 0 0 0 5 9 3 ,0 0 0 0 B O T R IC E L L O 4 4 6 ,0 0 0 0 3 8 0 ,0 0 0 0 B O V A L IN O 7 1 2 4 ,0 0 0 0 9 6 3 ,0 0 0 0 C A R IA T I 3 6 5 ,0 0 0 0 4 6 3 ,0 0 0 0 C A S S A N O A L L O IO N 11 2 0 3 ,0 0 0 0 2 1 4 4 ,0 0 0 0 C A S T R O V IL L A R I 7 2 4 8 ,0 0 0 0 2 1 3 7 ,0 0 0 0 CATANZARO 18 6 5 7 ,0 0 0 0 7 0 2 5 ,0 0 0 0 C E R C H IA R A 3 4 8 ,0 0 0 0 2 7 9 ,0 0 0 0 CETRARO 3 8 9 ,0 0 0 0 6 8 4 ,0 0 0 0 C H IA R A V A L L E 10 8 9 ,0 0 0 0 7 3 3 ,0 0 0 0 C IR O ' M A R IN A 3 1 1 0 ,0 0 0 0 8 8 7 ,0 0 0 0 CONDOFURI 7 9 7 ,0 0 0 0 8 2 2 ,0 0 0 0 C O R IG L IA N O 5 2 1 2 ,0 0 0 0 1 8 6 5 ,0 0 0 0 COSENZA 33 1 2 1 1 ,0 0 0 0 1 1 6 4 7 ,0 0 0 0 COTRONEI 4 6 1 ,0 0 0 0 3 9 9 ,0 0 0 0 C R O S IA 2 6 1 ,0 0 0 0 4 5 1 ,0 0 0 0 CROTONE 7 5 1 0 ,0 0 0 0 4 3 8 6 ,0 0 0 0 D E L IA N U O V A 4 6 0 ,0 0 0 0 2 8 8 ,0 0 0 0 D IA M A N T E 3 5 0 ,0 0 0 0 5 2 2 ,0 0 0 0 D IN A M I 4 4 9 ,0 0 0 0 3 1 7 ,0 0 0 0 F A B R IZ IA 4 2 8 ,0 0 0 0 2 0 7 ,0 0 0 0 FAG N A N O C ASTELLO 3 5 5 ,0 0 0 0 3 5 1 ,0 0 0 0 G IO IO S A IO N IC A 3 4 5 ,0 0 0 0 4 9 9 ,0 0 0 0 G IR IF A L C O 3 5 7 ,0 0 0 0 4 1 4 ,0 0 0 0 G U AR D A VALLE 2 4 7 ,0 0 0 0 2 8 1 ,0 0 0 0 L A M E Z IA T E R M E 10 5 6 0 ,0 0 0 0 4 3 9 2 ,0 0 0 0 LO C R I 8 2 2 6 ,0 0 0 0 1 9 4 6 ,0 0 0 0 LU N G R O 3 2 2 ,0 0 0 0 2 4 5 ,0 0 0 0 M A IE R A T O 3 3 1 ,0 0 0 0 1 5 3 ,0 0 0 0 M A N D A T O R IC C IO 3 3 6 ,0 0 0 0 2 9 5 ,0 0 0 0 M A R IN A D I G _ I 3 7 0 ,0 0 0 0 6 2 2 ,0 0 0 0 M E L IT O P _ S 5 8 1 ,0 0 0 0 6 9 3 ,0 0 0 0 M O N T E B E L L O IO N IC 2 5 7 ,0 0 0 0 4 8 3 ,0 0 0 0 MORMANNO 3 3 4 ,0 0 0 0 3 3 9 ,0 0 0 0 N IC O T E R A 4 8 0 ,0 0 0 0 6 4 0 ,0 0 0 0 N O C E R A T IR IN E S E 5 5 9 ,0 0 0 0 4 8 3 ,0 0 0 0 O P P ID O M A M E R T IN A 2 8 4 ,0 0 0 0 3 5 1 ,0 0 0 0 PALM I 6 3 2 0 ,0 0 0 0 2 6 5 8 ,0 0 0 0 PAO LA 2 7 3 ,0 0 0 0 9 3 0 ,0 0 0 0 P E T IL IA P O L IC A S T 5 1 1 7 ,0 0 0 0 8 5 7 ,0 0 0 0 P IZ Z O 6 1 1 6 ,0 0 0 0 1 0 9 1 ,0 0 0 0 P R A IA A M A R E 3 7 1 ,0 0 0 0 8 1 7 ,0 0 0 0 R E G G IO C A L A B R IA 12 9 9 8 ,0 0 0 0 9 9 4 4 ,0 0 0 0 R O C C A IM P E R IA L E 3 2 6 ,0 0 0 0 2 0 4 ,0 0 0 0 R O C C E L L A IO N IC A 4 7 6 ,0 0 0 0 7 7 2 ,0 0 0 0 R O G L IA N O 17 1 4 4 ,0 0 0 0 1 0 9 7 ,0 0 0 0 R O M B IO L O 2 4 8 ,0 0 0 0 2 3 8 ,0 0 0 0 ROSARNO 13 4 1 6 ,0 0 0 0 2 7 9 6 ,0 0 0 0 ROSSANO 2 1 8 2 ,0 0 0 0 1 5 3 2 ,0 0 0 0 S_A G ATA E SAR O 4 5 1 ,0 0 0 0 3 1 3 ,0 0 0 0 S _ E U F E M IA D _ A 3 4 4 ,0 0 0 0 2 8 9 ,0 0 0 0 S_M AR C O A R G EN TAN 2 7 0 ,0 0 0 0 6 4 7 ,0 0 0 0 S A N L U C ID O 3 3 9 ,0 0 0 0 4 6 6 ,0 0 0 0 SCALEA 8 1 6 7 ,0 0 0 0 1 5 6 4 ,0 0 0 0 SERRA SAN BRUNO 5 7 3 ,0 0 0 0 4 2 2 ,0 0 0 0 SER S ALE 4 7 2 ,0 0 0 0 5 8 7 ,0 0 0 0 S O R IA N O C A L A B R O 5 7 1 ,0 0 0 0 4 0 7 ,0 0 0 0 SOVERATO 8 1 5 8 ,0 0 0 0 1 4 8 9 ,0 0 0 0 S O V E R IA M A N N E L L I 11 1 3 6 ,0 0 0 0 7 8 8 ,0 0 0 0 SPE ZZA N O ALB AN ES 4 1 1 4 ,0 0 0 0 7 7 3 ,0 0 0 0 S P E Z Z A N O S IL A 5 7 8 ,0 0 0 0 5 6 3 ,0 0 0 0 Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione 0 0 S T IL O 6 4 9 ,0 0 4 4 4 ,0 0 0 0 STR O N G O LI 2 6 6 ,0 0 0 0 4 0 5 ,0 0 0 0 T A U R IA N O V A 3 1 2 5 ,0 0 0 0 8 7 3 ,0 0 0 0 TAVERNA 5 3 2 ,0 0 0 0 2 7 9 ,0 0 0 0 TO R AN O C A STE LLO 2 4 3 ,0 0 0 0 2 2 9 ,0 0 0 0 TROPEA 9 1 1 9 ,0 0 0 0 1 2 2 0 ,0 0 0 0 V E R Z IN O 6 6 1 ,0 0 0 0 3 5 1 ,0 0 0 0 V IB O V A L E N T IA 11 3 2 2 ,0 0 0 0 3 0 7 8 ,0 0 0 0

86

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

ESEMPIO DI DATA BASE ALFANUMERICO UTILIZZATO PER REALIZZARE LA CARTA N. 8 AREE PIT
COD_REG COD_PRO PROVINCIA COD_ISTAT COMUNE 18 78 CS 18078103 ROCCA IMPERIALE 18 78 CS 18078086 NOCARA 18 78 CS 18078024 CANNA 18 78 CS 18078087 ORIOLO 18 78 CS 18078082 MONTEGIORDANO 18 78 CS 18078107 ROSETO CAPO SPULICO 18 78 CS 18078032 CASTROREGIO 18 78 CS 18078011 AMENDOLARA 18 78 CS 18078007 ALESSANDRIA DEL CARRETTO 18 78 CS 18078149 TORTORA 18 78 CS 18078063 LAINO BORGO 18 78 CS 18078006 ALBIDONA 18 78 CS 18078064 LAINO CASTELLO 18 78 CS 18078100 PLATACI 18 78 CS 18078120 SAN LORENZO BELLIZZI 18 78 CS 18078005 AIETA 18 78 CS 18078150 TREBISACCE 18 78 CS 18078036 CERCHIARA DI CALABRIA 18 78 CS 18078033 CASTROVILLARI 18 78 CS 18078084 MORMANNO 18 78 CS 18078083 MORANO CALABRO 18 78 CS 18078041 CIVITA 18 78 CS 18078101 PRAIA A MARE 18 78 CS 18078092 PAPASIDERO 18 78 CS 18078057 FRASCINETO 18 78 CS 18078154 VILLAPIANA 18 78 CS 18078056 FRANCAVILLA MARITTIMA 18 78 CS 18078125 SAN NICOLA ARCELLA 18 78 CS 18078130 SANTA DOMENICA TALAO 18 78 CS 18078088 ORSOMARSO 18 78 CS 18078136 SARACENA 18 78 CS 18078029 CASSANO ALLO IONIO 18 78 CS 18078111 SAN BASILE 18 78 CS 18078138 SCALEA 18 78 CS 18078069 LUNGRO 18 78 CS 18078153 VERBICARO 18 78 CS 18078115 SAN DONATO DI NINEA 18 78 CS 18078001 ACQUAFORMOSA 18 78 CS 18078132 SANTA MARIA DEL CEDRO 18 78 CS 18078044 CORIGLIANO CALABRO 18 78 CS 18078054 FIRMO 18 78 CS 18078142 SPEZZANO ALBANESE 18 78 CS 18078060 GRISOLIA 18 78 CS 18078009 ALTOMONTE 18 78 CS 18078146 TERRANOVA DA SIBARI 18 78 CS 18078121 SAN LORENZO DEL VALLO 18 78 CS 18078048 DIAMANTE 18 78 CS 18078071 MAIERA' 18 78 CS 18078020 BUONVICINO 18 78 CS 18078128 SAN SOSTI 18 78 CS 18078145 TARSIA 18 78 CS 18078104 ROGGIANO GRAVINA 18 78 CS 18078085 MOTTAFOLLONE 18 78 CS 18078118 SAN GIORGIO ALBANESE 18 78 CS 18078108 ROSSANO 18 78 CS 18078114 SAN DEMETRIO CORONE 18 78 CS 18078047 CROSIA 18 78 CS 18078123 SAN MARCO ARGENTANO C_A_P_ 87074 87070 87070 87073 87070 87070 87070 87071 87070 87020 87014 87070 87015 87070 87070 87020 87075 87070 87012 87026 87016 87010 87028 87020 87010 87076 87072 87020 87020 87020 87010 87011 87010 87029 87010 87020 87010 87010 87020 87064 87010 87019 87020 87042 87010 87040 87023 87020 87020 87010 87040 87017 87010 87060 87067 87069 87060 87018 REGIONE Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria PIT ALTO IONIO CS ALTO IONIO CS ALTO IONIO CS ALTO IONIO CS ALTO IONIO CS ALTO IONIO CS ALTO IONIO CS ALTO IONIO CS ALTO IONIO CS ALTO TIRRENO CS POLLINO ALTO IONIO CS POLLINO ALTO IONIO CS POLLINO ALTO TIRRENO CS ALTO IONIO CS ALTO IONIO CS POLLINO POLLINO POLLINO POLLINO ALTO TIRRENO CS ALTO TIRRENO CS POLLINO ALTO IONIO CS ALTO IONIO CS ALTO TIRRENO CS ALTO TIRRENO CS ALTO TIRRENO CS POLLINO ALTO IONIO CS POLLINO ALTO TIRRENO CS POLLINO ALTO TIRRENO CS MEDIO TIRRENO CS POLLINO ALTO TIRRENO CS ALTO IONIO CS POLLINO ALTO IONIO CS ALTO TIRRENO CS VAL DI CRATI ALTO IONIO CS ALTO IONIO CS ALTO TIRRENO CS ALTO TIRRENO CS ALTO TIRRENO CS MEDIO TIRRENO CS VAL DI CRATI VAL DI CRATI MEDIO TIRRENO CS ALTO IONIO CS ALTO IONIO CS VAL DI CRATI SILA JONICA MEDIO TIRRENO CS

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

87

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

SINTESI DEL DATA BASE ALFANUMERICO UTILIZZATO PER REALIZZARE LA CARTA N. 9 AREE PIT TOTALE IMPRESE E IMPRESE MANIFATTURIERE

PIT COUNT SUM_MAN_IM SUM_IMP ALTO CROTONESE 12 226,0000 1641,0000 ALTO IONIO CS 24 732,0000 6474,0000 ALTO TIRRENO CS 14 288,0000 2903,0000 ASPROMONTE 23 558,0000 3304,0000 BASSO TIRRENO CS 12 234,0000 2283,0000 CROTONE 6 521,0000 4388,0000 GRECANICA 12 195,0000 1693,0000 LAMEZIA 26 808,0000 6107,0000 LOCRIDE 39 645,0000 5728,0000 MEDIO TIRRENO CS 16 345,0000 2731,0000 MONTEPORO 26 621,0000 5603,0000 PIANA G_TAURO 10 503,0000 4014,0000 POLLINO 13 282,0000 2573,0000 SAVUTO 19 151,0000 1138,0000 SERRE CALABRESI 25 362,0000 3012,0000 SERRE COSENTINE 16 846,0000 8786,0000 SERRE VIBONESI 24 269,0000 1838,0000 SILA 11 205,0000 1667,0000 SILA CROTONESE 9 178,0000 1256,0000 SILA JONICA 13 219,0000 1552,0000 STRETTO 13 1030,0000 10198,0000 VAL DI CRATI 17 552,0000 3921,0000 VALLE CROCCHIO 29 789,0000 8197,0000

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

88

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

DATA BASE ALFANUMERICO UTILIZZATO PER REALIZZARE LA CARTA N. 10 AREE PIT PROTO DISTRETTI

PIT COUNT TIP_PR_DIS ALTO CROTONESE 12 agroalimentare ALTO IONIO CS 24 agroalimentare ALTO TIRRENO CS 14 turismo ASPROMONTE 23 legno,ind.man.legg.,prod.tipici BASSO TIRRENO CS 12 CROTONE 6 turismo,prodotti tipici GRECANICA 12 LAMEZIA 26 legno,ind.man.leggera LOCRIDE 39 MEDIO TIRRENO CS 16 tessile maglieria MONTEPORO 26 PIANA G_TAURO 10 POLLINO 13 produzione agricola SAVUTO 19 agroal.,legno,edilizia,in.m.legg. SERRE CALABRESI 25 SERRE COSENTINE 16 innovazionetecnologica,ricerca SERRE VIBONESI 24 SILA 11 SILA CROTONESE 9 turismo,legno,cosmesi SILA JONICA 13 agroalimentare STRETTO 13 VAL DI CRATI 17 agroalimentare VALLE CROCCHIO 29

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

89

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

DATA BASE ALFANUMERICO UTILIZZATO PER REALIZZARE LA CARTA N. 12 AGGLOMERATI INDUSTRIALI DI RILEVANZA STRATEGICA

COD_ISTAT 18078044 18079160 18078017 18079155 18079037 18080038

COMUNE CORIGLIANO CALABRO LAMEZIA TERME BISIGNANO VIBO VALENTIA CROTONE GIOIA TAURO

C_A_P_ 87064 88046 87043 88018 88074 89013

REGIONE Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria

AGG_IND agroalimentare, carpenteria metallica, legno arred agroalimentare, lavorazione minerali non metallife agroalimentare, lavorazione minerali non metallife carpenteria metallica, conserviero-alimentare lavorazione minerali non metalliferi, chimica, ali logistica

AGG_IND_N Schiavonea Lamezia Terme Bisignano Porto Salvo/Aeroporto crotone Gioia Tauro

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

90

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

DATA BASE ALFANUMERICO UTILIZZATO PER REALIZZARE LA CARTA N. 13 - IL POLO METALMECCANICO DI VIBO VALENTIA - TIPOLOGIE COMUNALI

COD_PRO 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102 102

PROVINCIA COD_ISTAT COMUNE VV 18079155 VIBO VALENTIA VV 18079070 MAIERATO VV 18079062 IONADI VV 18079104 ROMBIOLO VV 18079136 SORIANO CALABRO VV 18079159 ZUNGRI VV 18079106 SAN CALOGERO VV 18079128 SERRA SAN BRUNO VV 18079046 FABRIZIA VV 18079097 PIZZO VV 18079149 TROPEA VV 18079086 NICOTERA VV 18079158 ZAMBRONE VV 18079091 PARGHELIA VV 18079101 RICADI VV 18079144 STEFANACONI VV 18079053 FRANCAVILLA ANGITOLA VV 18079121 SANT'ONOFRIO VV 18079078 MILETO VV 18079107 SAN COSTANTINO CALABRO VV 18079028 CESSANITI VV 18079045 DRAPIA VV 18079049 FILADELFIA VV 18079141 SPILINGA VV 18079041 DASA'

C_A_P_ 88018 88010 88010 88015 88017 88030 88010 88029 88020 88026 88038 88034 88030 88035 88036 88010 88020 88016 88014 88010 88010 88030 88023 88037 88013

REGIONE Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria Calabria

TIPOL_MET alta metalmeccanica, alta manifatturiera alta metalmeccanica, alta manifatturiera alta metalmeccanica, alta manifatturiera alta metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, alta manifatturiera bassa metalmeccanica, alta manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera bassa metalmeccanica, bassa manifatturiera

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

91

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

B) SCHEDE DI FILIERA E DI SISTEMA LOCALE


Nel seguito sono sintetizzate le informazioni ricavate dallanalisi della documentazione raccolta relativa alle filiere ed ai sistemi locali presenti nella Regione Calabria, con lobiettivo di rintracciare, laddove possibile, i seguenti aspetti: delimitazione territoriale; consistenza e specializzazione; natura e grado di internazionalizzazione; soggetti coinvolti (imprese, istituzioni e altri soggetti); principali progetti relativi allinternazionalizzazione; evoluzioni recenti; potenzialit di sviluppo e domanda di policy.

Le fonti a tal fine consultate sono state:

per i distretti industriali ed i sistemi locali del lavoro:

Atlante delle competitivit delle province italiane, Unioncamere;

per i microsistemi imprenditoriali comunali del tessile, della rubinetteria, del legno e del gelato:

Maglie, rubinetti e sedie. I caratteri del capitalismo paesano, di Domenico Cersosimo, Giuseppe Farace e Alfredo Fortunato (da Scelte pubbliche, strategie private e sviluppo economico in Calabria. Conoscere per decidere a cura di Giovanni Anania, Rubettino); La sedia: Serrastretta di Francesco Aiello e Maurizio Rizzuto da Citt, paesi, distretti Trame e nodi della realt meridionale, a cura di Domenico Cersosimo, Meridiana Libri, Corigliano Calabro (CS), 1999); Un paese di mare. Pizzo Calabro, di Michele Costabile e Andrea Lanza (da Citt, paesi, distretti Trame e nodi della realt meridionale, a cura di Domenico Cersosimo, Meridiana Libri, Corigliano Calabro (CS), 1999);

per i proto-distretti individuati nelle aree PIT: per gli Agglomerati di Sviluppo Industriale:

le schede progetto predisposte dai soggetti gestori dei PIT; l'Accordo di Programma Quadro "Infrastrutturazione per lo sviluppo locale";

per il Polo Metalmeccanico di Vibo Valentia:

Il Polo Metalmeccanico Vibonese. Tipologie imprenditoriali, contoterzismo, potenzialit di sviluppo delle imprese metalmeccaniche della provincia di Vibo Valentia, a cura di Domenico Cersosimo e Alfredo Fortunato, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Vibo Valentia, collana Studi e Ricerche, volume n. 3, dicembre 2002;

per la filiera del legno-mobile di Vibo Valentia:

Risorse ed imprese della filiera legno-mobile della provincia di Vibo Valentia. Opportunit di business e possibili strategie di sviluppo, con la collaborazione di Business International spa, Camera di Commercio

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

92

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

1. I distretti industriali di Bisignano e di Maierato


Il distretto di Bisignano (codice Istat 579) comprende cinque comuni (Bisignano, Cervicati, Cerzeto, Mongrassano, Santa Sofia d'Epiro) localizzati nella provincia di Cosenza, mentre quello di Maierato (codice Istat 616) include tre comuni (Capistrano, Maierato, San Nicola da Crissa) situati nella provincia di Vibo Valentia. La specializzazione produttiva di entrambi i distretti legata al settore alimentare. Gli indicatori descrittivi della struttura demografica dei distretti sono riportati nella tabella 1, mentre nella tabella 2 riportato il numero di unit locali presenti in modo da identificare la struttura del tessuto imprenditoriale. Tabella 1: Struttura demografica Indicatori demografici Numero di comuni Superficie territoriale (in kmq) Popolazione Totale -di cui Maschi -di cui Femmine Densit abitativa Numero di famiglie Numero medio di componenti per famiglia Indice di dipendenza strutturale13 Indice di dipendenza strutturale giovanile Indice di dipendenza strutturale degli anziani Indice di vecchiaia Indice di struttura Indice di ricambio Bisignano 5 193,63 18.250 9.107 9.143 94,25 6.718 2,72 48,72 23,75 24,97 105,13 75,05 93,01 Maierato 3 80,16 5.052 2.432 2.620 63,02 1.980 2,55 59,48 26,06 33,42 128,24 72,04 86,86

Fonte: nostra elaborazione da "Atlante delle competitivit delle province italiane", UnionCamer

13 Indice di dipendenza strutturale: il rapporto fra la somma della popolazione nella fascia di et compresa fra 0 e 14 anni e maggiore di 64 anni e la popolazione in et compresa fra i 15 ed i 64 anni. Indice di dipendenza strutturale giovanile: il rapporto fra la popolazione nella fascia di et compresa fra 0 e 14 anni e la popolazione in et compresa fra i 15 ed i 64 anni. Indice di dipendenza strutturale degli anziani: dato dal rapporto fra la popolazione con pi di 64 anni e la popolazione in et compresa fra i 15 ed i 64 anni. Indice di vecchiaia: il rapporto fra la popolazione con pi di 64 anni e la popolazione appartenente alla classe di et 014. Indice di struttura: il rapporto fra la popolazione nella fascia di et compresa fra i 40 ed i 64 anni e la popolazione in et compresa fra i 15 ed i 39 anni. Indice di ricambio: il rapporto fra la popolazione nella fascia di et compresa fra i 60 ed i 64 anni e la popolazione in et compresa fra i 15 ed i 19 anni. 93 Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Tabella 2: Il tessuto imprenditoriale Numero di unit locali A Agricoltura, caccia e silvicoltura B Pesca, piscicoltura e servizi connessi C Estrazione di minerali D Attivit manifatturiere E Prod. e distrib.energ.elettr., gas e acqua F Costruzioni G Comm.ingr. e dett.-rip. beni pers. e per la casa H Alberghi e ristoranti I Trasporti,magazzinaggio e comunicaz. J Intermediaz.monetaria e finanziaria K Attiv.immob.,noleggio,informat.,ricerca L Pubbl.amm. e difesa; assic.sociale obbligatoria M Istruzione N Sanit e altri servizi sociali O Altri servizi pubblici, sociali e personali P Serv.domestici presso famiglie e conv. X Imprese non classificate Totale Fonte: Atlante delle competitivit delle province italiane, UnionCamere

Bisignano 630 1 1 202 140 374 54 28 7 21 1 4 2 51 74 1.590

Maierato 133 2 55 2 44 102 19 12 2 10

12 20 413

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

94

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

2. I Sistemi locali del lavoro


I sistemi locali del lavoro (SLL) sono aggregazioni di comuni effettuate a partire dai dati relativi al pendolarismo dei componenti delle famiglie per motivi di lavoro rilevati dall'Istat nel Censimento Generale della Popolazione del 1991. In particolare sono aggregazioni comunali al cui interno massimo il flusso di trasferimento giornaliero casalavoro. Costruita una griglia sul territorio determinata dai movimenti dei soggetti per motivi di lavoro, l'ambito territoriale che ne discende rappresenta l'area geografica in cui maggiormente si addensano quei movimenti. I criteri adottati per la definizione dei SLL sono l'autocontenimento, la contiguit, la relazione spazio-tempo14 Derivano da una ricerca condotta da Istat ed Irpet in collaborazione con l'Universit di Newcastle Upon Tyne Sistemi. In Calabria ne sono stati individuati 74, riportati nella tabella seguente Nelle tabelle che seguono per ciascun sistema locale si riportano i principali indicatori descrittivi della popolazione, del tessuto imprenditoriale e dell'occupazione.

14 Autocontenimento: si intende un territorio dove si concentrano attivit produttive e di servizi in quantit tali da offrire opportunit di lavoro e residenziali alla maggior parte della popolazione che vi insediata. Contiguit: i comuni contenuti all'interno di un SLL devono essere contigui. Relazione spazio-tempo: si intende la distanza e tempo di percorrenza tra la localit di residenza e la localit di lavoro.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

95

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
POPOLAZIONE Sistema locale del lavoro Acri Amantea Belvedere Marittimo Bisignano Cariati Cassano Allo Ionio Castrovillari Cerchiara di Calabria Cetraro Corigliano Calabro Cosenza Crosia Diamante Fagnano Castello Lungro Mandatoriccio Mormanno Paola Praia A Mare Rocca Imperiale Rogliano Rossano San Lucido San Marco Argentano Sant'Agata di Esaro Scalea Spezzano Albanese Spezzano Della Sila Torano Castello Dinami
Sigle n_comuni sup_ter pop_tot dens_ab n_famig comp_fam dip_strut dip_strg dip_stra ind_vec ind_strut ind_ric

2 4 3 5 3 11 7 3 3 5 33 2 3 3 3 3 5 2 5 3 17 2 3 2 4 8 4 5 2 4
Indicatori

297,53 24.921 83 19.223 98,41 13.615 193,63 18.250 115,32 10.818 625,78 45.537 493,62 39.805 153,82 7.039 101,46 14.397 299 44.398 1238,45 232.677 43,72 9.597 59,96 8.947 84,55 7.422 69,29 6.894 192,62 6.912 233,1 10.193 102,92 25.374 233,68 20.717 107,65 4.808 341,84 28.119 191,36 36.856 76,53 10.352 122,83 15.348 203,23 7.842 315,8 25.981 148,67 17.979 445,07 13.796 53,79 6.207 123,34 9.624

83,76 231,59 138,35 94,25 93,81 72,77 80,64 45,76 141,9 148,49 187,88 219,52 149,22 87,78 99,49 35,88 43,73 246,54 88,65 44,66 82,26 192,6 135,27 124,95 38,59 82,27 120,93 31 115,39 78,03

8.866 6.973 5.205 6.718 3.598 17.126 14.071 2.869 5.044 13.985 81.206 3.111 3.384 2.640 2.582 2.623 3.831 8.758 7.569 1.783 10.103 12.289 3.812 5.365 3.039 9.438 6.155 5.061 2.095 3.460

2,81 2,76 2,62 2,72 3,01 2,66 2,83 2,45 2,85 3,17 2,87 3,08 2,64 2,81 2,67 2,64 2,66 2,9 2,74 2,7 2,78 3 2,72 2,86 2,58 2,75 2,92 2,73 2,96 2,78

47,57 50,44 50,13 48,72 47,35 51,04 52,35 56,28 44,94 49,69 46,26 44,46 55,73 52,01 50,22 53,79 56,59 49,77 46,02 56,18 53,79 0 58,58 50,02 61,7 50,59 47,44 50,42 71,23 60,68

24,15 24,97 21,59 23,75 28,73 21,4 26,96 22,08 22,67 31,12 24,19 29,36 24,72 24,27 22,73 25,74 23,12 26,26 24,41 25,47 24,61 0 30,63 27,58 24,17 25,26 26,24 24,38 28,45 30,72

23,42 25,47 28,55 24,97 18,61 29,63 25,38 34,2 22,27 18,57 22,07 15,1 31,01 27,74 27,49 28,05 33,47 23,51 21,61 30,72 29,18 0 27,95 22,44 37,52 25,33 21,2 26,04 42,78 29,95

96,97 101,97 132,23 105,13 64,78 138,43 94,14 154,86 98,21 59,66 91,2 51,44 125,47 114,29 120,95 108,95 144,78 89,52 88,54 120,62 118,56 0 91,27 81,39 155,25 100,29 80,79 106,8 150,35 97,49

74,54 76,34 88,9 75,05 69,04 85,71 81,71 88,13 78,39 69,45 77,07 68,7 84,53 75,87 91,18 78,38 88,03 74,35 81,99 80,63 77,78 0 76,51 72,92 86,29 75,51 71,51 75,81 93,68 77,03

78,89 77,93 104,91 93,01 53,75 98,01 79,38 110,33 73,01 60 76,89 56,44 99,82 71,5 105,35 87,69 109,38 62,07 81,9 106,42 88,83 0 72,93 69,81 93,53 74,63 71,9 84,81 115,02 72,23

Fonte: nostra elaborazione su dati "Atlante della competitivit delle province italiane", UnionCamere n_comuni: Numero di comuni sup_ter: Superficie territoriale (in kmq) pop_tot: Popolazione Totale dens_ab: Densit abitativa n_famig: Numero di famiglie comp_fam: Numero medio di componenti per famiglia Sigla Indicatori Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione dip_strut: Indice di dipendenza strutturale dip_strg: Indice di dipendenza strutturale giovanile dip_stra: Indice di dipendenza strutturale degli anziani ind_vec: Indice di vecchiaia ind_strut: Indice di struttura ind_ric: Indice di ricambio

96

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
P O P O L A Z IO N E S is te m a lo c a le d e l la v o r o F a b r iz ia M a ie r a to N ic o te r a P iz z o R o m b io lo S e rra S a n B ru n o S o r ia n o C a la b r o T ro p e a V ib o V a le n tia B ia n c o B o v a lin o C o n d o fu ri D e lia n u o v a G io io s a Io n ic a L o c ri M a r in a d i G io io s a Io n ic a M e lito d i P o r to S a lv o M o n te b e llo Io n ic o O p p id o M a m e r tin a P a lm i R e g g io d i C a la b r ia R o c c e lla Io n ic a R o s a rn o S a n t 'E u f e m i a d 'a s p r o m o n t e S tilo T a u r ia n o v a C ir o ' M a r in a C o tro n e i C ro to n e P e tilia P o lic a s tr o S tr o n g o li V e r z in o B a d o la t o B o tr ic e llo C a ta n z a ro C h ia r a v a lle C e n tr a le G ir ifa lc o G u a r d a v a lle N o c e r a T ir in e s e S e r s a le S o v e ra to S o v e r ia M a n n e lli T a v e rn a L a m e z ia T e r m e
S ig le n _ c o m u n i: s u p _ te r: p o p _ to t: dens_ab: n _ f a m ig : c o m p _ fa m : n_com uni s u p _ te r p o p _ to t dens_ab n _ fa m ig

(s e g u e )
c o m p _ fa m d ip _ s tr u t d ip _ s tr g d ip _ s tr a in d _ v e c in d _ s tr u t in d _ r ic

4 3 4 6 2 5 5 9 11 7 7 7 4 3 8 3 5 2 2 6 12 4 13 3 6 3 3 4 7 5 2 6 3 4 18 10 3 2 5 4 8 11 5 10
In d ic a to r i

4 ,5 7 0 ,1 6 1 3 ,4 2 ,5 1 1 ,3 4 0 ,4 1 1 2 ,9 3 ,6 5 3 ,0 3 7 ,4 2 1 0 ,5 9 ,9 9 5 ,5 3 7 ,5 4 4 ,4 3 4 ,3 2 2 0 ,8 2 ,3 7 7 ,5 8 5 ,2 3 2 ,2 2 4 ,7 9 4 ,4 1 9 ,4 3 8 ,1 9 4 ,1 5 1 ,5 7 9 ,1 5 3 3 ,2 9 ,3 7 3 6 ,2 6 ,4 8 7 7 ,5 1 0 1 ,3 1 5 5 7 ,6 5 1 6 9 ,6 6 8 2 ,0 5 1 0 1 ,6 4 1 1 1 ,4 6 1 6 3 ,3 2 1 2 9 ,6 7 2 8 0 ,5 1 2 1 8 ,3 1 4 3 5 ,5 5

12 8 1 18 4 11 1 13 24 20 3 25 9 5 16 13 2 10 8 17 44 18 33 6 16 9 16 19 6 34 1 23

6 .9 4 5 .0 5 1 5 .4 2 2 7 .2 3 6 .5 6 1 0 .4 6 9 .7 2 2 3 .5 7 6 6 .1 1 1 1 .5 3 2 6 .6 7 1 7 .7 9 6 .6 9 8 .2 5 3 8 .7 7 1 3 .4 2 1 7 .3 2 1 3 .3 1 7 .8 8 5 4 .0 7 2 2 2 .0 2 1 7 .3 9 6 9 .0 4 7 .0 1 1 0 .9 0 1 9 .1 3 2 0 .9 5 9 .8 7 8 9 .5 6 2 4 .7 9 9 .3 4 8 .5 2 7 .1 9 7 .4 8 1 4 0 .3 9 1 8 .0 0 1 0 .9 0 7 .5 6 1 2 .6 0 1 2 .7 9 2 8 .2 6 1 7 .8 3 6 .3 3 9 5 .8 9

2 2 3 6 9 8 4 0 1 5 0 4 6 6 6 8 3 4 7 1 9 7 4 6 5 9 7 4 0 5 3 9 5 4 1 0 4 7 8 3 4 2 8 0

5 5 ,7 3 6 3 ,0 2 136 1 4 9 ,2 3 1 5 8 ,8 8 9 4 ,8 1 8 6 ,1 3 1 7 6 ,3 5 2 7 2 ,0 3 5 5 ,6 1 8 5 ,8 9 6 8 ,4 4 7 0 ,0 9 1 4 3 ,4 8 2 3 5 ,8 2 9 9 ,9 7 7 8 ,4 6 1 3 0 ,0 6 9 0 ,0 6 3 0 8 ,5 7 5 0 2 ,0 8 9 4 ,1 5 2 0 6 ,4 6 1 0 1 ,0 5 6 4 ,8 4 2 0 3 ,2 8 1 2 9 ,7 1 4 9 ,5 8 1 4 1 ,4 4 7 0 ,9 7 6 8 ,6 3 6 ,0 7 9 2 ,8 4 7 3 ,8 7 2 5 1 ,7 5 1 0 6 ,0 9 1 3 2 ,8 9 7 4 ,4 5 1 1 3 ,1 2 7 8 ,3 3 2 1 7 ,9 8 6 3 ,5 7 2 9 ,0 3 2 2 0 ,1 6

1 7 2

2 .5 2 8 1 .9 8 0 5 .2 4 3 9 .6 7 7 2 .3 5 3 3 .7 4 3 3 .4 8 9 8 .5 7 7 0 .5 6 3 4 .1 5 1 9 .2 3 0 6 .7 5 5 2 .3 4 5 2 .8 3 0 3 .3 3 7 4 .8 8 5 6 .1 9 7 4 .9 2 8 2 .8 2 4 8 .6 2 2 8 .1 0 2 6 .6 7 7 4 .0 2 0 2 .4 2 6 3 .9 7 8 6 .5 8 4 6 .8 0 3 3 .5 3 1 9 .3 5 0 8 .0 7 5 3 .1 4 2 3 .2 7 3 2 .7 8 4 2 .6 7 9 9 .1 0 1 6 .8 2 4 3 .9 8 2 2 .7 6 9 4 .7 4 9 4 .4 3 8 0 .1 8 3 6 .7 7 2 2 .3 1 5 3 .8 6 2

,7 5 ,5 5 ,9 4 ,8 1 ,7 9 2 ,8 2 ,7 9 2 ,7 5 3 ,2 2 2 ,7 8 2 ,8 9 2 ,6 3 2 ,8 6 2 ,9 2 2 ,9 1 2 ,7 5 2 ,8 2 ,7 2 ,7 9 2 ,9 2 ,8 4 2 ,6 1 2 ,8 7 2 ,8 9 2 ,7 4 2 ,9 1 3 ,0 8 2 ,8 3 ,0 5 3 ,0 7 2 ,9 7 2 ,6 1 2 ,5 8 2 ,7 9 2 ,8 6 2 ,6 4 2 ,7 4 2 ,7 3 2 ,6 5 2 ,8 8 2 ,7 8 2 ,6 3 2 ,7 4 2 ,8 3

2 2 2 2 2

6 3 ,4 5 9 ,4 8 5 6 ,4 7 5 3 ,8 7 5 8 ,2 7 6 5 ,3 2 5 6 ,7 8 5 3 ,8 3 4 8 ,1 7 5 9 ,6 4 6 3 ,9 4 5 6 ,5 5 6 9 ,3 8 7 9 ,5 1 5 0 ,8 1 5 7 ,8 1 5 2 ,1 2 5 5 ,0 9 5 8 ,7 6 5 1 ,3 4 5 1 ,3 4 5 6 ,3 1 5 6 ,3 8 5 7 ,7 9 5 9 ,9 2 5 3 ,8 1 4 7 ,1 9 5 2 ,8 5 4 7 ,3 7 5 5 ,1 7 4 8 ,3 2 5 9 ,6 6 2 ,3 3 5 3 ,5 9 4 7 ,5 6 5 8 ,0 6 5 4 ,0 6 6 0 ,5 5 5 4 ,0 7 5 4 ,8 9 4 6 ,8 8 5 6 ,9 5 6 2 ,4 6 4 8 ,2 1
S ig la d ip _ s tr u t : d ip _ s tr g : d ip _ s tr a : in d _ v e c : in d _ s tr u t : in d _ r ic :

3 2 ,2 5 2 6 ,0 6 3 1 ,4 3 2 7 ,0 1 3 3 ,6 9 3 0 ,1 4 3 0 ,3 9 2 6 ,5 4 2 7 ,4 4 3 0 ,5 3 4 ,7 8 2 4 ,1 9 3 3 ,6 3 2 7 ,4 9 2 6 ,3 6 2 8 ,1 5 2 6 ,0 7 2 6 ,1 8 2 8 ,9 1 2 9 ,7 9 2 6 ,1 2 5 ,2 7 3 2 ,8 1 3 2 ,1 8 2 9 ,6 3 2 9 ,5 5 2 9 ,3 1 2 7 ,0 3 3 0 ,4 3 2 ,1 1 2 9 ,4 4 2 3 ,3 2 2 5 ,2 2 2 9 ,5 3 2 5 ,6 9 2 5 ,9 8 2 5 ,0 7 3 2 ,8 4 2 5 ,9 6 3 0 ,4 5 2 4 ,7 2 4 ,9 7 2 9 ,4 2 2 6 ,7 8
In d ic a to r i

3 3 2 2 2 3 2 2 2 2 2 3 3 5 2 2 2 2 2 2 2 3 2 2 3 2 1 2 1 2 1 3 3 2 2 3 2 2 2 2 2 3 3 2

1 ,1 5 3 ,4 2 5 ,0 4 6 ,8 6 4 ,5 7 5 ,1 7 6 ,3 9 7 ,2 9 0 ,7 3 9 ,1 5 9 ,1 6 2 ,3 6 5 ,7 5 2 ,0 2 4 ,4 5 9 ,6 6 6 ,0 5 8 ,9 1 9 ,8 4 1 ,5 5 5 ,2 4 1 ,0 4 3 ,5 7 5 ,6 2 0 ,2 8 4 ,2 6 7 ,8 9 5 ,8 2 6 ,9 7 3 ,0 7 8 ,8 8 6 ,2 8 7 ,1 1 4 ,0 6 1 ,8 7 2 ,0 8 8 ,9 9 7 ,7 1 8 ,1 1 4 ,4 4 2 ,1 8 1 ,9 8 3 ,0 4 1 ,4 3

9 6 ,5 9 1 2 8 ,2 4 7 9 ,6 9 9 9 ,4 6 7 2 ,9 4 1 1 6 ,6 9 8 6 ,8 2 1 0 2 ,8 7 5 ,5 6 9 5 ,5 7 8 3 ,8 4 1 3 3 ,8 1 0 6 ,2 9 1 8 9 ,2 2 9 2 ,7 7 1 0 5 ,3 7 9 9 ,9 1 1 1 0 ,4 2 1 0 3 ,2 2 7 2 ,3 5 9 6 ,6 8 1 2 2 ,8 4 7 1 ,8 4 7 9 ,6 1 1 0 2 ,2 8 2 ,1 1 6 1 ,0 2 9 5 ,5 1 5 5 ,8 4 7 1 ,8 4 6 4 ,1 2 1 5 5 ,6 1 4 7 ,1 3 8 1 ,4 8 8 5 ,1 1 1 2 3 ,5 1 1 5 ,6 5 8 4 ,3 7 1 0 8 ,2 7 8 0 ,2 8 8 9 ,8 3 1 2 8 ,0 4 1 1 2 ,3 2 8 0 ,0 1

6 8 ,9 9 7 2 ,0 4 6 9 ,3 7 5 ,4 5 6 5 ,5 3 7 5 ,7 4 6 9 ,6 7 8 0 ,0 5 6 9 ,9 8 7 5 ,5 3 7 1 ,9 8 5 ,0 1 6 9 ,5 2 7 5 ,8 3 7 5 ,3 4 7 3 ,3 5 7 6 ,0 1 8 0 ,5 1 7 1 ,3 1 6 8 ,1 5 8 0 ,4 1 8 1 ,0 6 6 9 ,2 7 6 7 ,6 9 7 4 ,8 1 6 8 ,9 2 6 6 ,6 4 7 5 ,1 8 6 8 ,9 8 6 5 ,8 5 6 6 ,0 5 8 4 ,6 1 8 2 ,4 3 7 0 ,1 6 7 6 ,6 8 0 ,3 8 8 3 ,6 8 7 2 ,6 4 7 6 ,1 5 7 3 ,2 3 7 9 ,0 7 8 0 ,1 6 7 8 ,1 4 7 0 ,7 1

7 8 7 7 6 8 6 8 6 7 6 9 8 6 6 7 7 6 6 7 8 6 7 7 5 5 7 5 5 6 10 10 6 7 7 9 6 8 6 7 9 8 6

4 ,0 2 6 ,8 6 3 ,5 5 3 ,9 5 9 ,4 2 0 ,8 7 4 ,8 9 9 ,0 5 5 ,1 6 0 ,0 8 5 ,1 9 0 ,9 5 1 ,2 2 9 ,5 7 6 6 ,6 6 ,4 3 6 ,1 3 7 ,9 5 9 ,0 1 1 ,1 6 4 ,3 2 3 ,3 2 1 ,9 8 8 ,4 1 3 ,8 4 5 ,6 6 1 ,7 7 6 ,1 2 8 ,3 8 8 ,6 8 4 ,1 5 4 ,7 2 1 ,9 2 7 ,5 7 0 ,2 5 2 ,6 5 2 ,0 8 7 ,0 8 7 ,4 9 9 ,6 2 2 ,1 7 2 ,0 1 6 ,0 8 2 ,9 7

F o n te : n o s t r a e la b o r a z io n e s u d a ti " A tla n te d e lla c o m p e t it iv it d e lle p r o v in c e ita lia n e " , U n io n C a m e r e N u m e ro d i c o m u n i S u p e r fic ie t e r r it o r ia le ( in k m q ) P o p o la z io n e T o ta le D e n s it a b ita t iv a N u m e r o d i fa m ig lie N u m e r o m e d io d i c o m p o n e n t i p e r f a m ig lia

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

97

In d ic e d i d ip e n d e n z a s t r u t t u r a le In d ic e d i d ip e n d e n z a s t r u t t u r a le g io v a n ile In d ic e d i d ip e n d e n z a s t r u t t u r a le d e g li a n z ia n i In d ic e d i v e c c h ia ia In d ic e d i s tru ttu ra In d ic e d i r ic a m b io

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
TESSUTO IMPRENDITORIALE (Numero di unit locali) Sistema locale del lavoro Acri Amantea Belvedere Marittimo Bisignano Cariati Cassano Allo Ionio Castrovillari Cerchiara di Calabria Cetraro Corigliano Calabro Cosenza Crosia Diamante Fagnano Castello Lungro Mandatoriccio Mormanno Paola Praia A Mare Rocca Imperiale Rogliano Rossano San Lucido San Marco Argentano Sant'Agata di Esaro Scalea Spezzano Albanese Spezzano Della Sila Torano Castello Dinami
ul_agric ul_pesca ul_miner ul_manif ul_energ ul_costr ul_comm ul_albris ul_trasp ul_interm ul_immob ul_pa ul_istruz ul_sanit ul_altri ul_serdom ul_nclas totale

392 166 65 630 198 1.214 720 468 55 1.673 1.544 102 82 145 98 114 355 60 120 318 374 862 42 467 148 208 888 216 122 240

0 2 0 1 3 7 1 0 8 7 14 1 2 1 0 0 1 0 7 0 0 2 4 0 0 3 0 0 0 0

3 3 3 1 1 6 5 1 6 8 44 2 1 0 2 0 4 1 8 0 8 1 10 1 3 6 5 1 3 4

208 187 145 202 101 383 451 60 174 493 2.398 102 86 96 53 65 102 154 220 33 230 343 88 137 76 342 199 95 72 89

2 0 3 0 0 3 4 0 0 3 28 0 0 2 0 0 1 2 1 0 5 3 0 0 1 3 0 0 0 2

258 211 220 140 114 509 420 68 115 434 2.722 72 130 90 47 57 105 193 311 50 231 335 161 132 58 524 173 106 45 62

596 649 386 374 301 1.438 1.399 191 360 1.517 7.697 298 259 229 147 175 313 616 782 113 606 1.055 292 465 174 1.003 534 300 150 179
Sigla ul_interm: ul_immob: ul_pa: ul_istruz: ul_altri: ul_serdom: ul_nclas: totale:

105 116 94 54 66 337 154 34 110 207 891 62 104 27 23 53 37 119 302 25 111 148 52 56 36 249 63 89 22 27
Indicatori

53 33 41 28 16 93 82 18 30 106 557 18 23 23 10 12 29 21 65 10 42 51 14 33 21 61 60 15 17 16

18 25 17 7 9 36 64 2 9 47 450 7 15 8 4 3 4 31 27 3 17 49 7 16 5 26 13 7 2 3

50 78 68 21 23 135 147 3 49 118 1.524 22 56 13 6 10 37 89 159 4 47 104 33 40 6 249 34 22 12 12

0 0 0 1 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0 2 0 0 0 0

7 16 5 4 1 17 24 1 8 27 128 4 2 1 4 2 4 7 8 1 8 20 3 9 3 6 7 3 1 3

5 5 8 2 4 13 12 1 2 11 142 1 3 0 1 1 3 10 9 1 10 12 2 9 0 10 5 2 1 0

76 76 62 51 24 159 149 14 56 145 956 31 46 23 20 18 36 85 109 18 68 111 48 53 20 131 63 38 17 13

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0

81 1.854 116 1.683 114 1.231 74 1.590 38 899 263 4.613 267 3.899 11 872 68 1.050 278 5.074 1.845 20.941 35 757 62 871 29 687 17 432 35 545 30 1.061 108 1.496 163 2.292 16 593 101 1.858 158 3.254 35 791 63 1.481 25 576 254 3.077 84 2.129 52 946 28 492 21 671

Fonte: nostra elaborazione su dati "Atlante della competitivit delle province italiane", UnionCamere Sigle Indicatori ul_agric: A Agricoltura, caccia e silvicoltura ul_pesca: B Pesca,piscicoltura e servizi connessi ul_miner: C Estrazione di minerali ul_manif: D Attivita' manifatturiere ul_energ: E Prod.e distrib.energ.elettr.,gas e acqua ul_costr: F Costruzioni ul_comm: G Comm.ingr.e dett.-rip.beni pers.e per la casa ul_albris: H Alberghi e ristoranti ul_trasp: I Trasporti,magazzinaggio e comunicaz. J Intermediaz.monetaria e finanziaria K Attiv.immob.,noleggio,informat.,ricerca L Pubbl.amm.e difesa;assic.sociale obbligatoria M Istruzione

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione ul_sanit: N Sanita' e altri servizi sociali


O Altri servizi pubblici,sociali e personali P Serv.domestici presso famiglie e conv. X Imprese non classificate Totale

98

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
T E S S U T O IM P R E N D IT O R IA L E (N u m e ro d i u n it lo c a li - s e g u e ) S is te m a lo c a le d e l la vo ro F a b rizia M a ie ra to N ic o te ra P izzo R o m b io lo S e rra S a n B ru n o S o ria n o C a la b ro Tro p e a V ib o V a le n tia B ia n c o B o va lin o C o n d o fu ri D e lia n u o va G io io s a Io n ic a L o c ri M a rin a d i G io io s a Io n ic a M e lito d i P o rto S a lvo M o n te b e llo Io n ic o O p p id o M a m e rtin a P a lm i R e g g io d i C a la b ria R o cc e lla Io n ic a R o sa rn o S a n t'E u fe m ia d 'a s p ro m o n te S tilo Ta u ria n o va C iro ' M a rin a C o tro n e i C ro to n e P e tilia P o lic a s tro S tro n g o li V e rzin o B a d o la to B o tric e llo C a ta n za ro C h ia ra va lle C e n tra le G irifa lc o G u a rd a va lle N o ce ra T irin e s e S e rs a le S o ve ra to S o ve ria M a n n e lli Ta ve rn a L a m e zia T e rm e
u l_a g ric u l_ p e sc a u l_m in er u l_ m an if u l_e n e rg u l_ co str u l_ co m m u l_ alb ris u l_ tra sp u l_in te rm u l_im m o b u l_ p a u l_ is tru z u l_ sa n it u l_altri u l_s erd o m u l_n cla s to ta le

112 133 443 345 224 114 171 405 833 148 319 203 342 26 213 60 178 83 576 1 .0 5 8 692 164 2 .2 4 3 249 128 500 515 237 1 .9 3 1 771 532 402 46 230 983 182 187 83 104 223 165 294 99 1 .3 2 5

0 0 2 1 0 1 0 3 14 1 0 1 0 0 1 3 0 1 0 4 48 1 1 1 1 0 2 0 36 0 1 0 1 0 5 0 0 0 1 0 1 0 0 4

0 2 4 1 0 4 8 3 20 1 8 1 3 0 13 5 5 6 5 45 27 3 48 2 11 3 0 13 1 6 0 0 1 16 2 1 1 1 2 2 2 1 8

52 55 150 200 69 127 117 191 686 100 239 180 115 86 470 153 163 110 161 762 1 .9 9 0 164 832 80 97 238 219 102 1 .0 7 4 192 140 91 90 85 1 .3 3 8 159 95 67 129 119 287 169 41 976

0 2 0 1 0 0 0 0 7 1 0 0 1 0 3 0 0 0 0 5 9 1 1 0 1 0 1 2 11 0 1 0 0 1 12 0 0 0 2 2 2 1 3 7

47 44 130 217 60 88 108 213 709 125 276 152 63 66 393 138 176 118 91 568 1 .6 4 3 176 585 95 117 137 242 108 1 .3 6 0 209 124 71 132 108 1 .4 3 2 179 80 95 90 123 370 171 68 964

131 102 473 751 132 289 326 657 2 .2 0 9 225 631 534 147 397 1 .3 7 4 565 516 301 197 2 .3 0 7 7 .2 2 9 514 2 .2 6 6 210 314 800 609 242 3 .0 6 5 537 259 157 211 295 5 .3 6 3 437 246 254 417 426 1 .0 6 6 447 176 3 .4 7 8
S ig la ul_in te rm :

24 19 56 130 14 38 22 307 233 35 65 77 17 28 154 56 59 44 17 202 593 86 158 12 45 44 92 58 418 72 35 24 46 41 579 62 40 40 101 69 187 72 35 347
In d ic ato ri

14 12 41 45 9 20 12 58 194 29 79 54 20 22 128 52 61 36 33 309 595 57 269 20 30 64 49 17 459 87 60 14 17 41 421 60 15 18 31 77 88 37 9 247

3 2 16 27 4 4 4 12 107 10 19 15 3 10 57 14 20 13 9 102 418 16 69 6 4 16 17 8 134 10 3 4 6 8 256 9 6 3 9 13 36 10 4 161

7 10 38 53 6 28 12 69 316 24 46 47 13 25 140 24 45 23 25 265 1 .0 7 5 49 149 11 22 56 39 25 446 36 22 2 23 20 920 28 19 17 28 41 105 24 15 399

0 0 0 3 0 0 0 0 2 0 1 0 0 0 0 0 1 0 0 0 4 0 2 0 1 0 0 0 3 0 0 0 0 0 17 1 0 0 1 0 1 1 1 4

0 0 5 6 0 5 1 6 50 3 2 3 1 1 14 2 3 1 2 25 109 4 17 1 0 5 3 3 43 4 3 0 2 1 59 1 2 2 4 5 12 5 1 26

0 0 2 5 0 1 3 1 25 4 7 9 2 3 12 1 7 2 4 22 133 5 23 2 1 6 2 4 40 3 2 0 2 3 74 7 5 0 3 9 6 1 33

13 12 44 76 7 33 28 72 214 19 69 66 13 27 135 42 73 26 14 169 741 58 143 21 27 41 53 32 304 51 26 18 24 28 488 50 36 14 34 34 112 54 12 272

0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0 0 0 0

15 20 106 156 26 60 48 145 658 74 158 71 46 54 259 96 86 51 48 511 1 .5 3 8 130 443 48 64 147 104 66 1 .0 5 3 80 82 29 79 54 1 .7 3 4 92 45 47 89 85 370 112 26 1 .0 5 4

418 413 1 .5 1 0 2 .0 1 7 551 812 860 2 .1 4 2 6 .2 7 7 799 1 .9 1 9 1 .4 1 3 786 745 3 .3 6 6 1 .2 1 1 1 .3 9 3 815 1 .1 8 2 6 .3 5 4 1 6 .8 4 4 1 .4 2 8 7 .2 4 9 756 854 2 .0 6 5 1 .9 5 0 904 1 0 .3 9 0 2 .0 5 3 1 .2 9 6 812 679 916 1 3 .6 9 8 1 .2 6 9 777 641 1 .0 4 1 1 .2 2 2 2 .8 1 3 1 .4 0 5 492 9 .3 0 5

F onte: n os tra e la bora zio ne s u da ti "A tlan te de lla c om pe titivit de lle p rovinc e italiane ", U nio nC am e re S ig le In d ica to ri ul_ agric : A A g ric oltura, c ac c ia e silvico ltu ra ul_ pe sc a : B P e sc a ,pis cico ltu ra e s ervizi co nn es s i ul_m ine r: C E s tra zio ne di m ine rali u l_ m an if: D A ttivita ' m anifa tturie re ul_ en erg : E P ro d.e dis trib.en erg .e lettr.,g as e a cq ua ul_c os tr: F C os tru zio ni u l_ co m m : G C om m .ing r.e d ett.-rip.be ni pe rs .e pe r la ca s a u l_a lb ris : H A lb erg hi e ris to ran ti u l_tras p : I T ras po rti,m aga zzinag gio e c o m un ic az. J In te rm e dia z.m on etaria e fina nziaria

ul_im o b: K A ttiv.im m ob .,no leg gio ,info rm a t.,rice rc Unit Tecnicaul_pa ml'Internazionalizzazione oc iale obbalig atoria per: L P u bb l.a m m .e d ife sa ;a s sic.s ul_is truz: ul_s an it: ul_altri: ul_s erd om : ul_nc la s : to ta le: M Is tru zio ne N S a nita' e altri s ervizi s oc iali O A ltri s ervizi pu bb lic i,s oc iali e p ers o nali P S erv.do m e stic i pre s so fam iglie e co nv. X Im pre s e n on c la ss ific ate T o ta le

99

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
O C C U P A Z IO N E

S is t e m a lo c a le d e l la v o r o A c ri A m a n te a B e lv e d e r e M a r ittim o B is ig n a n o C a r ia ti C a s s a n o A llo Io n io C a s tr o v illa r i C e r c h ia r a d i C a la b r ia C e tr a r o C o r ig lia n o C a la b r o C osenza C r o s ia D ia m a n te F a g n a n o C a s te llo L u n g ro M a n d a to r ic c io M o rm a n n o P a o la P r a ia A M a r e R o c c a Im p e r ia le R o g lia n o R ossano S a n L u c id o S a n M a r c o A r g e n ta n o S a n t'A g a ta d i E s a r o S c a le a S p e z z a n o A lb a n e s e S p e z z a n o D e lla S ila T o r a n o C a s te llo D in a m i
S ig le pop_m 15: occup: in _ c e r _ o c c : to t_ fo r la v : n o fo r la v :

pop_m 15

occup

in _ c e r _ o c c

t o t _ f o r la v

n o f o r la v

pop_p15

p o p _ to t

t _ a t t iv

t_ o c c u p

t _ d is o c c

4 .0 1 7 3 .1 3 9 1 .9 5 2 2 .9 7 7 2 .1 5 0 7 .3 7 6 7 .2 5 7 909 2 .1 8 2 9 .3 0 8 3 7 .9 4 3 1 .9 3 6 1 .4 0 2 1 .2 2 4 1 .0 1 4 1 .1 4 2 1 .4 9 2 4 .3 8 5 3 .4 1 1 728 4 .5 8 1 7 .0 5 4 1 .9 5 0 2 .8 5 2 1 .1 4 9 4 .3 4 6 3 .2 4 3 2 .2 4 5 1 .0 5 5 1 .7 3 7
In d ic a t o r i

6 .8 4 0 5 .2 5 5 3 .7 5 0 4 .9 5 7 2 .9 4 4 1 2 .1 9 8 1 1 .3 5 5 1 .8 2 5 4 .0 0 6 1 1 .7 7 0 6 6 .7 4 0 2 .6 3 4 2 .5 5 5 2 .0 6 8 1 .8 7 6 1 .8 7 3 2 .8 7 5 6 .9 3 8 6 .1 7 0 1 .2 4 7 7 .6 9 9 1 0 .0 3 4 2 .8 9 8 4 .2 1 6 1 .9 7 7 7 .1 7 5 5 .0 5 8 3 .8 0 7 1 .4 6 7 2 .2 4 8

2 .5 1 3 1 .8 2 5 1 .2 5 5 1 .7 1 4 1 .0 8 4 4 .3 7 4 3 .7 7 6 606 1 .3 9 0 3 .9 5 6 2 1 .2 1 3 984 842 725 627 647 793 2 .7 2 9 1 .7 5 5 430 2 .6 0 0 3 .5 7 3 1 .0 1 8 1 .4 8 2 649 2 .4 6 3 1 .8 2 6 1 .3 3 6 501 795

9 .3 5 3 7 .0 8 0 5 .0 0 5 6 .6 7 1 4 .0 2 8 1 6 .5 7 2 1 5 .1 3 1 2 .4 3 1 5 .3 9 6 1 5 .7 2 6 8 7 .9 5 3 3 .6 1 8 3 .3 9 7 2 .7 9 3 2 .5 0 3 2 .5 2 0 3 .6 6 8 9 .6 6 7 7 .9 2 5 1 .6 7 7 1 0 .2 9 9 1 3 .6 0 7 3 .9 1 6 5 .6 9 8 2 .6 2 6 9 .6 3 8 6 .8 8 4 5 .1 4 3 1 .9 6 8 3 .0 4 3

1 1 .6 9 6 9 .1 8 7 7 .0 2 3 8 .7 4 1 5 .2 3 8 2 2 .0 7 0 1 9 .9 3 5 3 .5 1 4 6 .9 2 2 1 9 .8 2 5 1 0 9 .5 2 7 4 .3 1 7 4 .6 9 6 3 .9 2 4 3 .5 4 2 3 .5 8 0 5 .2 6 1 1 1 .6 1 8 9 .7 2 9 2 .4 6 5 1 3 .8 0 9 1 6 .0 0 9 5 .0 7 6 7 .1 8 9 4 .1 0 8 1 2 .5 8 3 8 .7 6 4 7 .0 1 5 3 .0 5 8 4 .5 3 5

2 1 .0 4 9 1 6 .2 6 7 1 2 .0 2 8 1 5 .4 1 2 9 .2 6 6 3 8 .6 4 2 3 5 .0 6 6 5 .9 4 5 1 2 .3 1 8 3 5 .5 5 1 1 9 7 .4 8 0 7 .9 3 5 8 .0 9 3 6 .7 1 7 6 .0 4 5 6 .1 0 0 8 .9 2 9 2 1 .2 8 5 1 7 .6 5 4 4 .1 4 2 2 4 .1 0 8 2 9 .6 1 6 8 .9 9 2 1 2 .8 8 7 6 .7 3 4 2 2 .2 2 1 1 5 .6 4 8 1 2 .1 5 8 5 .0 2 6 7 .5 7 8

2 5 .0 6 6 1 9 .4 0 6 1 3 .9 8 0 1 8 .3 8 9 1 1 .4 1 6 4 6 .0 1 8 4 2 .3 2 3 6 .8 5 4 1 4 .5 0 0 4 4 .8 5 9 2 3 5 .4 2 3 9 .8 7 1 9 .4 9 5 7 .9 4 1 7 .0 5 9 7 .2 4 2 1 0 .4 2 1 2 5 .6 7 0 2 1 .0 6 5 4 .8 7 0 2 8 .6 8 9 3 6 .6 7 0 1 0 .9 4 2 1 5 .7 3 9 7 .8 8 3 2 6 .5 6 7 1 8 .8 9 1 1 4 .4 0 3 6 .0 8 1 9 .3 1 5

4 4 ,4 3 4 3 ,5 2 4 1 ,6 1 4 3 ,2 8 4 3 ,4 7 4 2 ,8 9 4 3 ,1 5 4 0 ,8 9 4 3 ,8 1 4 4 ,2 4 4 4 ,5 4 4 5 ,6 4 1 ,9 7 4 1 ,5 8 4 1 ,4 1 4 1 ,3 1 4 1 ,0 8 4 5 ,4 2 4 4 ,8 9 4 0 ,4 9 4 2 ,7 2 4 5 ,9 4 4 3 ,5 5 4 4 ,2 2 39 4 3 ,3 7 4 3 ,9 9 4 2 ,3 3 9 ,1 6 4 0 ,1 6

3 2 ,5 3 2 ,3 3 1 ,1 8 3 2 ,1 6 3 1 ,7 7 3 1 ,5 7 3 2 ,3 8 3 0 ,7 3 2 ,5 2 3 3 ,1 1 3 3 ,8 3 3 ,1 9 3 1 ,5 7 3 0 ,7 9 3 1 ,0 3 3 0 ,7 3 2 ,2 3 2 ,6 3 4 ,9 5 3 0 ,1 1 3 1 ,9 4 3 3 ,8 8 3 2 ,2 3 3 2 ,7 2 2 9 ,3 6 3 2 ,2 9 3 2 ,3 2 3 1 ,3 1 2 9 ,1 9 2 9 ,6 6

2 6 ,8 7 2 5 ,7 8 2 5 ,0 7 2 5 ,6 9 2 6 ,9 1 2 6 ,3 9 2 4 ,9 6 2 4 ,9 3 2 5 ,7 6 2 5 ,1 6 2 4 ,1 2 2 7 ,2 2 4 ,7 9 2 5 ,9 6 2 5 ,0 5 2 5 ,6 7 2 1 ,6 2 2 8 ,2 3 2 2 ,1 5 2 5 ,6 4 2 5 ,2 5 2 6 ,2 6 26 2 6 ,0 1 2 4 ,7 1 2 5 ,5 6 2 6 ,5 3 2 5 ,9 8 2 5 ,4 6 2 6 ,1 3

F o n te : n o s tr a e la b o r a z io n e s u d a ti " A tla n te d e lla c o m p e titiv it d e lle p r o v in c e ita lia n e " , U n io n C a m e r e S ig la In d ic a t o r i pop_p15: p o p _ to t: t_ a ttiv : t_ o c c u p : t_ d is o c c : P o p o la z io n e c o n p i d i 1 5 a n n i P o p o la z io n e to ta le T a s s o d i a ttiv it T a s s o d i o c c u p a z io n e T a s s o d i d is o c c u p a z io n e P o p o la z io n e c o n mUnit Tecnica iper e t e n o d i 1 5 a n n d i l'Internazionalizzazione O c c u p a ti P e r s o n e in c e r c a d i o c c u p a z io n e T o ta le fo r z e d i la v o r o ( O c c u p a ti + P e r s o n e in c e r c a d i o c c u p a z io n e ) N o n F o r z e d i la v o r o

100

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
O C C U P A Z IO N E (s e g u e )

S is t e m a lo c a le d e l la v o r o F a b r iz ia M a ie r a to N ic o te r a P iz z o R o m b io lo S e rra S a n B ru n o S o r ia n o C a la b r o T ro p e a V ib o V a le n tia B ia n c o B o v a lin o C o n d o fu r i D e lia n u o v a G io io s a Io n ic a L o c ri M a r in a d i G io io s a Io n ic a M e lito d i P o r to S a lv o M o n te b e llo Io n ic o O p p id o M a m e r tin a P a lm i R e g g io d i C a la b r ia R o c c e lla Io n ic a R o s a rn o S a n t'E u fe m ia d 'a s p r o m o n te S tilo T a u r ia n o v a C ir o ' M a r in a C o tr o n e i C r o to n e P e tilia P o lic a s tr o S tr o n g o li V e r z in o B a d o la to B o tr ic e llo C a ta n z a r o C h ia r a v a lle C e n tr a le G ir if a lc o G u a r d a v a lle N o c e r a T ir in e s e S e r s a le S o v e r a to S o v e r ia M a n n e lli T a v e rn a L a m e z ia T e r m e

pop_m 15

occup

in _ c e r_ o c c

to t_ fo rla v

n o fo r la v

pop_p15

p o p _ to t

t_ a ttiv

t_ o c c u p

t_ d is o c c

1 .3 9 2 965 2 .9 6 1 4 .7 4 0 1 .4 1 1 2 .0 8 2 1 .9 1 1 4 .0 6 8 1 1 .9 8 4 2 .2 1 0 5 .3 7 9 2 .9 2 0 1 .3 6 4 1 .5 2 4 6 .7 2 1 2 .4 1 6 2 .9 7 0 2 .2 1 5 1 .4 6 2 1 0 .8 6 1 3 7 .9 9 1 2 .8 2 0 1 4 .1 9 1 1 .5 2 1 2 .0 7 6 3 .7 0 7 4 .1 2 0 1 .6 4 6 1 9 .7 1 5 5 .1 5 6 1 .8 2 5 1 .2 8 2 1 .1 9 8 1 .4 2 5 2 4 .4 8 5 3 .0 8 3 1 .8 3 9 1 .4 8 9 2 .2 4 1 2 .6 2 0 4 .7 8 1 2 .8 0 8 1 .1 3 5 1 7 .1 9 5

1 .7 0 6 1 .5 6 1 4 .0 4 3 7 .2 1 6 1 .6 9 5 2 .6 6 2 2 .5 5 9 6 .1 2 2 1 8 .0 3 0 2 .9 1 5 6 .7 1 0 4 .8 5 1 1 .5 9 9 2 .0 6 5 1 0 .2 1 3 3 .4 2 8 4 .8 7 2 3 .5 4 4 1 .9 6 3 1 3 .9 9 1 5 8 .7 5 3 4 .5 2 7 1 7 .4 4 7 1 .7 7 9 2 .8 4 6 4 .9 5 8 5 .6 1 1 2 .5 6 3 2 4 .6 8 7 6 .1 5 2 2 .5 1 3 2 .1 6 2 1 .9 2 5 2 .0 2 1 4 0 .1 2 8 5 .0 4 6 3 .0 6 9 1 .9 0 6 3 .5 1 7 3 .4 5 2 8 .1 1 1 4 .6 9 7 1 .6 5 8 2 6 .5 0 5

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione


t o t _ f o r la v : n o f o r la v : pop_p15: T o t . f o r z e la v o r o N o n F o r z e d i la v o r o

627 514 1 .4 5 4 2 .4 7 3 626 910 930 2 .1 6 7 6 .4 3 3 1 .0 1 8 2 .4 4 9 1 .6 2 2 572 737 3 .5 8 7 1 .2 2 7 1 .6 8 9 1 .2 4 2 712 5 .2 6 5 2 2 .2 6 7 1 .5 8 0 6 .9 6 8 653 992 1 .8 0 1 1 .9 2 5 889 8 .5 1 0 2 .3 8 6 953 754 655 716 1 3 .3 5 8 1 .6 9 4 1 .0 5 8 681 1 .2 5 8 1 .2 1 7 2 .8 3 4 1 .6 0 9 564 1 0 .0 4 3

2 .3 3 3 2 .0 7 5 5 .4 9 7 9 .6 8 9 2 .3 2 1 3 .5 7 2 3 .4 8 9 8 .2 8 9 2 4 .4 6 3 3 .9 3 3 9 .1 5 9 6 .4 7 3 2 .1 7 1 2 .8 0 2 1 3 .8 0 0 4 .6 5 5 6 .5 6 1 4 .7 8 6 2 .6 7 5 1 9 .2 5 6 8 1 .0 2 0 6 .1 0 7 2 4 .4 1 5 2 .4 3 2 3 .8 3 8 6 .7 5 9 7 .5 3 6 3 .4 5 2 3 3 .1 9 7 8 .5 3 8 3 .4 6 6 2 .9 1 6 2 .5 8 0 2 .7 3 7 5 3 .4 8 6 6 .7 4 0 4 .1 2 7 2 .5 8 7 4 .7 7 5 4 .6 6 9 1 0 .9 4 5 6 .3 0 6 2 .2 2 2 3 6 .5 4 8

3 .3 0 8 2 .8 6 1 7 .4 7 5 1 3 .2 7 3 3 .0 4 3 4 .7 4 2 4 .6 6 2 1 1 .4 8 5 3 0 .6 7 3 5 .3 9 5 1 2 .5 2 7 9 .5 4 1 3 .2 9 9 3 .8 9 1 1 7 .9 8 8 6 .6 1 2 8 .7 1 0 6 .7 3 3 3 .8 4 5 2 4 .5 2 2 1 0 1 .7 6 7 9 .0 0 1 3 0 .6 0 6 3 .3 1 0 5 .6 0 8 8 .8 2 6 9 .9 3 7 4 .7 0 4 4 4 .1 6 6 1 2 .2 5 9 4 .5 4 1 4 .7 6 5 3 .8 9 0 3 .5 9 6 6 7 .1 3 8 9 .7 6 9 5 .5 9 4 3 .6 5 6 6 .3 0 5 6 .2 0 6 1 3 .7 8 2 8 .9 5 4 3 .0 3 5 4 3 .8 8 4

5 .6 4 1 4 .9 3 6 1 2 .9 7 2 2 2 .9 6 2 5 .3 6 4 8 .3 1 4 8 .1 5 1 1 9 .7 7 4 5 5 .1 3 6 9 .3 2 8 2 1 .6 8 6 1 6 .0 1 4 5 .4 7 0 6 .6 9 3 3 1 .7 8 8 1 1 .2 6 7 1 5 .2 7 1 1 1 .5 1 9 6 .5 2 0 4 3 .7 7 8 1 8 2 .7 8 7 1 5 .1 0 8 5 5 .0 2 1 5 .7 4 2 9 .4 4 6 1 5 .5 8 5 1 7 .4 7 3 8 .1 5 6 7 7 .3 6 3 2 0 .7 9 7 8 .0 0 7 7 .6 8 1 6 .4 7 0 6 .3 3 3 1 2 0 .6 2 4 1 6 .5 0 9 9 .7 2 1 6 .2 4 3 1 1 .0 8 0 1 0 .8 7 5 2 4 .7 2 7 1 5 .2 6 0 5 .2 5 7 8 0 .4 3 2

7 .0 3 3 5 .9 0 1 1 5 .9 3 3 2 7 .7 0 2 6 .7 7 5 1 0 .3 9 6 1 0 .0 6 2 2 3 .8 4 2 6 7 .1 2 0 1 1 .5 3 8 2 7 .0 6 5 1 8 .9 3 4 6 .8 3 4 8 .2 1 7 3 8 .5 0 9 1 3 .6 8 3 1 8 .2 4 1 1 3 .7 3 4 7 .9 8 2 5 4 .6 3 9 2 2 0 .7 7 8 1 7 .9 2 8 6 9 .2 1 2 7 .2 6 3 1 1 .5 2 2 1 9 .2 9 2 2 1 .5 9 3 9 .8 0 2 9 7 .0 7 8 2 5 .9 5 3 9 .8 3 2 8 .9 6 3 7 .6 6 8 7 .7 5 8 1 4 5 .1 0 9 1 9 .5 9 2 1 1 .5 6 0 7 .7 3 2 1 3 .3 2 1 1 3 .4 9 5 2 9 .5 0 8 1 8 .0 6 8 6 .3 9 2 9 7 .6 2 7

4 1 ,3 6 4 2 ,0 4 4 2 ,3 8 4 2 ,2 4 3 ,2 7 4 2 ,9 6 4 2 ,8 4 1 ,9 2 4 4 ,3 7 4 2 ,1 6 4 2 ,2 3 4 0 ,4 2 3 9 ,6 9 4 1 ,8 6 4 3 ,4 1 4 1 ,3 2 4 2 ,9 6 4 1 ,5 5 4 1 ,0 3 4 3 ,9 9 4 4 ,3 2 4 0 ,4 2 4 4 ,3 7 4 2 ,3 5 4 0 ,6 3 4 3 ,3 7 4 3 ,1 3 4 2 ,3 2 4 2 ,9 1 4 1 ,0 5 4 3 ,2 9 3 7 ,9 6 3 9 ,8 8 4 3 ,2 2 4 4 ,3 4 4 0 ,8 3 4 2 ,4 5 4 1 ,4 4 4 3 ,1 4 2 ,9 3 4 4 ,2 6 4 1 ,3 2 4 2 ,2 7 4 5 ,4 4

3 0 ,2 4 3 1 ,6 2 3 1 ,1 7 3 1 ,4 3 3 1 ,6 3 2 ,0 2 3 1 ,3 9 3 0 ,9 6 3 2 ,7 3 1 ,2 5 3 0 ,9 4 3 0 ,2 9 2 9 ,2 3 3 0 ,8 5 3 2 ,1 3 3 0 ,4 3 3 1 ,9 3 0 ,7 7 3 0 ,1 1 3 1 ,9 6 3 2 ,1 4 2 9 ,9 6 3 1 ,7 1 3 0 ,9 8 3 0 ,1 3 3 1 ,8 1 3 2 ,1 1 3 1 ,4 2 3 1 ,9 1 2 9 ,5 8 3 1 ,3 9 2 8 ,1 5 2 9 ,7 5 3 1 ,9 1 3 3 ,2 7 3 0 ,5 7 3 1 ,5 7 3 0 ,5 3 3 1 ,7 4 3 1 ,7 4 3 2 ,8 3 0 ,7 8 3 1 ,5 4 3 2 ,9 5

2 6 ,8 8 2 4 ,7 7 2 6 ,4 5 2 5 ,5 2 2 6 ,9 7 2 5 ,4 8 2 6 ,6 6 2 6 ,1 4 2 6 ,3 2 5 ,8 8 2 6 ,7 4 2 5 ,0 6 2 6 ,3 5 2 6 ,3 2 5 ,9 9 2 6 ,3 6 2 5 ,7 4 2 5 ,9 5 2 6 ,6 2 2 7 ,3 4 2 7 ,4 8 2 5 ,8 7 2 8 ,5 4 2 6 ,8 5 2 5 ,8 5 2 6 ,6 5 2 5 ,5 4 2 5 ,7 5 2 5 ,6 3 2 7 ,9 5 2 7 ,5 2 5 ,8 6 2 5 ,3 9 2 6 ,1 6 2 4 ,9 7 2 5 ,1 3 2 5 ,6 4 2 6 ,3 2 2 6 ,3 5 2 6 ,0 7 2 5 ,8 9 2 5 ,5 2 2 5 ,3 8 2 7 ,4 8

101

F o n t e : n o s t r a e la b o r a z io n e s u d a t i " A t la n t e d e lla c o m p e t it iv it d e lle p r o v in c e it a lia n e " , U n io n C a m e r e S ig le In d ic a to ri pop_m 15: occup: in _ c e r _ o c c : P o p o la z io n e c o n m e n o d i 1 5 a n n i d i e t O c c u p a ti P e r s o n e in c e r c a d i o c c u p a z io n e p o p _ to t: t _ a t t iv : t_ o c c u p : P o p o la z io n e t o t a le T a s s o d i a t t iv it T a s s o d i o c c u p a z io n e

P o p o la z io n e c o n p i d i 1 5 a n n i

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

3. Il microsistema imprenditoriale comunale del tessile a Cetraro (CS)


Il comune di Cetraro (11 mila abitanti circa) specializzato nella produzione di maglieria, con 23 unit locali e 255 addetti secondo le rilevazioni ISTAT15 che costituiscono i 3/5 dell'occupazione manifatturiera locale. Questo sistema imprenditoriale caratterizzato da dimensioni medie moderatamente elevate, pari a poco pi di 11 addetti per unit produttiva, contro gli 8,8 della media nazionale del settore. Recentemente questa attivit si allargata ad alcuni comuni confinanti con Cetraro, soprattutto Fagnano, Castello e Malvito, dove la presenza di lavoro femminile a basso costo e l'assoluta assenza di altre opportunit lavorative consente un'altissima compressione dei costi del lavoro. L'attivit imprenditoriale cetrarese presenta una struttura produttiva e gestionale alquanto elementare, anche se, a differenza degli altri due "capitalismi paesani", risulta attivo un consistente numero di imprese che si sono costituite sotto forma di cooperativa. Le imprese lavorano esclusivamente a faon, ricevendo le pezze dai committenti del centro-nord e focalizzando la produzione su una sola fase del ciclo produttivo, cio l'assemblaggio finale o cuciture dei capi o, tutt'al pi su altre fasi estremamente semplici e ad alta intensit di lavoro, come, per esempio, la cucitura delle molle, delle maniche o della vita. A causa delle limitate capacit produttive, la quasi totalit dei contoterzisti cetraresi ha un solo committente, con i rischi che ovviamente ne conseguono. Inoltre a questo va aggiunta l'assoluta precariet dei rapporti di subfornitura, testimoniata dalla mancanza di qualsiasi contratto di tipo formale con i committenti. I rapporti delle imprese locali con i committenti risultano per lo pi mediati: buona parte degli imprenditori locali non riesce ad avere contatti diretti con i committenti finali e, pertanto, costretta ad affidarsi ad un intermediario puro locale, che procura le commesse e le distribuisce ai laboratori in riferimento alle loro capacit produttive, senza, tuttavia, essere dotato di proprie strutture commerciali e senza, dunque, occuparsi della vendita dei prodotti. In definitiva i laboratori cetraresi possono essere considerati come dei subfornitori di tipo chiuso, in quanto hanno rapporti esclusivamente di manufacturing con i committenti, e non partecipano all'ideazione dei capi, n hanno rapporti di esclusiva con i committenti. I lavoratori hanno un livello di specializzazione molto basso ed alta la presenza di donne, preferibilmente nubili. Questo sistema locale, cos come anche gli altri due, riceve una scarsa attenzione da parte delle istituzioni pubbliche e private. Questo dovuto, da un lato, di una precisa scelta imprenditoriale che tende a mimetizzare l'attivit produttiva alla scopo di restare nascosti al fisco, agli ispettori del lavoro e sanitari e evitare interferenze della criminalit locale, dall'altro lato dall'incapacit degli organismi istituzionali di individuare queste realt produttive sul territorio e di rispondere efficacemente alle loro esigenze. Scarsi sono i rapporti con le associazioni di categoria, gli unici interlocutori esterni sono le banche, anche se i rapporti tra istituti di credito ed imprenditori locali sono occasionali ed esclusivamente volti ad effettuare operazioni routinarie. Il ricorso ai finanziamenti agevolati assolutamente inesistente.

15 Dallindagine diretta condotta presso gli interlocutori locali risulterebbero addirittura 42 imprese ed almeno 600 addetti.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

102

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Caratteristiche di base INDICATORI CETRARO Specializzazione Maglie Dimensioni Piccola (11 addetti per unit) Forma giuridica prevalente Ditta individuale - Cooperative Tipo di localizzazione Atipica Decentramento produzione Faon Organizzazione produttiva No Fasi produttive Solo produzione Difficolt delle lavorazioni Medio - bassa Barriere all'entrata Basse Modalit di acceso ai mercati, compreso il mercato degli input di produzione, ed il livello della concorrenza INDICATORI CETRARO Mercati di sbocco della produzione/lavorazione Nazionale Aree di approvvigionamento Materie prime e lavorati Committenti Macchinari ed impianti Committenti centro-nord Materiali di consumo Locali- committenti Rapporti con i mercati/committenti Diretto/Mediato (intermediario locale) Livello di concorrenza Alta Concorrenti Locali-Esteri Organizzazione del lavoro
INDICATORI CETRARO

Livello di specializzazione Incidenza lavoro femminile Presenza di familiari Modalit di reperimento manodopera Sindacalizzazione Flessibilit Relazioni tra i sistemi locali indagati e l'ambiente esterno
INDICATORI

Scarso Alta Alta Diretta e tramite segnalazione di amici e parenti Bassa Alta
CETRARO

Cooperazione interaziendale Rapporti con le istituzioni Rapporti con le istituzioni intermedie

No Nessuno Scarsi

Fonte: nostra elaborazione da Maglie, rubinetti e sedie. I caratteri del capitalismo paesano, di Domenico Cersosimo, Giuseppe Farace e Alfredo Fortunato

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

103

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

4. Il microsistema imprenditoriale comunale della rubinetteria a Nocera Terinese (CZ)


Nel comune di Nocera Terinese (5 mila abitanti) sono sorte piccole imprese specializzate nel trattamento e nel rivestimento dei metalli (nel seguito TRM), nella fattispecie, rubinetteria. La nascita di queste imprese ha, fino ad ora, seguito due vie: 1) attraverso emigrati di ritorno; 2) attraverso spin-off aziendali. Nel 1996 l'ISTAT ha individuato 5 unit locali e complessivamente 60 addetti al TRM e complessivamente 20 strutture produttive e 93 lavoratori nelle attivit connesse (2/3 dell'occupazione manifatturiera complessiva). Attualmente risultano attive 11 imprese di pulitura che occupano complessivamente circa 200 addetti, mentre altre iniziative sono sul punto di avviare l'attivit operativa, con interessanti fenomeni di espansione della produzione anche ai comuni ed alle contrade limitrofe (Falerna e Pietre Bianche). Le imprese di Nocera si occupano esclusivamente della fase di pulitura dei rubinetti, che a sua volta si articola in altre due fasi, la smerigliatura, consistente nella levigatura del pezzo con speciali nastri abrasivi, e la lucidatura, che realizzata con l'utilizzo di sisal e tela fine ed una pasta abrasiva comunemente chiamata "grasso". Questo sistema imprenditoriale dotato di strutture produttive abbastanza semplici e con bassi investimenti "fissi", organizzata "artigianalmente" ed basata su un intenso utilizzo del lavoro. Il livello di specializzazione richiesto ai lavoratori molto basso e le competenze necessarie a svolgere le attivit si acquisisce esclusivamente lavorando. Quello della pulitura considerato un lavoro esclusivamente 2maschile2. La presenza femminile in questo settore , pertanto, inesistente. Anche a Nocera, come gi a Cetraro, l'elementariet dell'organizzazione produttiva incide profondamente sulla scelta ubicazionale dei laboratori, che nella maggior parte dei casi si trovano in locali asfittici, ricavati in magazzini o in piani terra di abitazioni comuni, dove macchine e lavoratori sono ammassati senza alcuna possibilit di conseguire geometrie e layout funzionali ed efficienti. Il rapporto tra le imprese locali ed i committenti del tipo "subfornitura satellite" di lavorazione, in quanto le prime si occupano solo della fase di pulitura dei rubinetti, mentre le imprese committenti provvedono alla realizzazione di altre fasi, sia "a monte" del ciclo di produzione. Le rubinetterie del Nord determinano l'ammontare ed il tipo degli articoli da lavorare, stabiliscono il prezzo, le modalit ed i tempi di consegna. Di conseguenza, la sopravvivenza dell'attivit di pulitura nocerese dipende esclusivamente dall'ottenimento, da parte delle imprese del Nord di un flusso continuo e costante di pezzi da lavorare. A differenza di quanto avviene a Cetraro ogni imprenditore nocerese intrattiene rapporti con pi committenti, in modo da ridurre gli effetti negativi indotti dai bad time e attenuare i problemi legati al basso grado di utilizzo dei fattori produttivi. curioso che, secondo gli imprenditori noceresi, un ruolo determinante nell'attribuzione delle commesse sia svolto dall'autotrasportatore, il quale, per via del suo lavoro, intrattiene continui rapporti con gli imprenditori del nord. Ruolo importante giocato anche dal magazziniere dellazienda committente, perch molto spesso colui che assegna le commesse, in quanto gode della fiducia del titolare. Anche per questo sistema bisogna registrare una scarsa attenzione da parte delle istituzioni pubbliche e private, un'inesistente utilizzo della finanza agevolata e scarsi rapporti sindacali, per le ragioni che gi indicate per il sistema presente a Cetraro.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

104

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Caratteristiche di base INDICATORI NOCERA TERINESE Specializzazione Rubinetti Dimensioni Piccola (12 addetti per unit) Forma giuridica prevalente Ditta individuale Tipo di localizzazione Atipica Decentramento produzione Subfornitura Organizzazione produttiva S, raramente Fasi produttive Solo lavorazione Difficolt delle lavorazioni Medio - bassa Barriere all'entrata Basse Modalit di acceso ai mercati, compreso il mercato degli input di produzione, ed il livello della concorrenza INDICATORI NOCERA TERINESE Mercati di sbocco della produzione/lavorazione Nazionale Aree di approvvigionamento Materie prime e lavorati Committenti Macchinari ed impianti Nord Ovest Materiali di consumo Locale Centro - Nord Rapporti con i mercati/committenti Diretto/Mediato (trasportatore/magazziniere) Livello di concorrenza Alta - Media Concorrenti Nazionali - Esteri Organizzazione del lavoro INDICATORI NOCERA TERINESE Livello di specializzazione Scarso Incidenza lavoro femminile Bassa Presenza di familiari Medio/alta Modalit di reperimento manodopera Diretta e tramite segnalazione di amici e parenti Sindacalizzazione Bassa Flessibilit Alta Relazioni tra i sistemi locali indagati e l'ambiente esterno INDICATORI NOCERA TERINESE Cooperazione interaziendale No Rapporti con le istituzioni Rari Rapporti con le istituzioni intermedie Nessuno
Fonte: nostra elaborazione da Maglie, rubinetti e sedie. I caratteri del capitalismo paesano, di Domenico Cersosimo, Giuseppe Farace e Alfredo Fortunato

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

105

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

5. Il microsistema imprenditoriale comunale del legno a Serrastretta (CZ)


Serrastretta un piccolo centro di 3.700 abitanti posto in prossimit della Sila Piccola, a nord tra Lametia Terme e Catanzaro. In questo paese si nasconde un saper fare che ha radici antiche, quello della produzione di sedie. La nascita di questo tipo di attivit imprenditoriale stato favorito, in quella zona, dalla presenza di un'importantissima risorsa naturale, il legno di faggio, anche se attualmente il taglio degli alberi vietato dall'Ispettorato dipartimentale delle foreste per ragioni di temporaneo riequilibrio territoriale dell'area. Nell'attesa che l'utilizzo del faggio venga nuovamente autorizzato, gli imprenditori di Serrastretta sono costretti a rivolgersi alle segherie del paese per l'acquisto della materia prima. Le piccole imprese legate alla trasformazione del legno al 1999 erano 27, classificate in quattro gruppi a seconda del bene prodotto: - i seggiolai tradizionali, gruppo costituito da 9 artigiani che producono esclusivamente un tipo di sedia, il modello 13bis, di qualit medio-bassa utilizzata per arredare ristoranti ed ambienti rustici domestici; - i nuovi seggiolai, gruppo rappresentato da 3 imprese che producono differenti modelli di sedie; - gli artigiani-mobilieri, gruppo composto da 12 imprese che realizzano arredo su misura - gli altri artigiani, gruppo formato da 3 imprese che svolgono attivit diverse dagli altri gruppi. Le fasi della lavorazione della sedia caratteristica di Serrastretta, la "13 bis", vengono realizzate per lo pi all'interno della bottega dell'artigiano, ad eccezione della fabbricazione della seduta in vuda, realizzata manualmente dalle 'mburdatrici (impagliatrici), e della fase di commercializzazione, che avviene servendosi dei grossisti del sistema locale. Negli ultimi anni la figura della 'mburdatrice sta scomparendo, a causa della mancanza di ricambio generazionale, con la conseguente perdita di relazioni e saperi contestuali non pi riproducibili, tenendo anche conto che i rapporti tra seggiolaio ed impagliatrice si tramandano di padre in figlio, dal momento che i giovani seggiolai ricevono in eredit non solo la bottega artigiana, ma tutta la serie delle relazioni sociali ed economiche con le impagliatrici stesse. Le imprese sediarie hanno un livello di dipendenza dall'esterno meno evidente rispetto agli altri due sistemi produttivi considerati, dal momento che lavorano sia per commessa che per il mercato finale. In particolare i seggiolai vendono la "13 bis" direttamente sul mercato, in prevalenza locale e regionale, attraverso il canale dei commercianti e dei grossisti. Le imprese non tradizionali, cio che non producono esclusivamente la "13-bis", oltre a produrre direttamente per il mercato finale lavorano su commessa per imprese del Nord Italia. A differenza di Nocera e Cetraro, dove l'intero ciclo di lavorazione si svolge pressoch internamente all'interno delle mura aziendali, qui si realizza una forma di decentramento, che interessa i seggiolai tradizionali i quali, come abbiamo visto, si rivolgono alle 'mburdatrici per la seduta in vuda. Inoltre, a differenza degli altri due sistemi produttivi, in cui la scarsa specializzazione richiesta, i modesti capitali necessari per l'avvio dell'attivit e la possibilit di ricevere in comodato i macchinari determinano scarse barriere sia all'entrata che all'uscita ( a causa dei modesti sunk cost associati alla chiusura dei laboratori), a Serrastretta presente un certo grado di difficolt all'entrata, dovuto alla necessit di acquisire un sapere tecnico legato alle specifiche tradizioni locali. I rapporti con i committenti sono diretti, anche se la sedia tradizionale non venduta direttamente sul mercato dai seggiolai, ma da grossisti esterni. Il livello di concorrenza, infine, diversamente dagli altri due comparti considerati nei quali massiccia la concorrenza di imprese sia nazionali che estere, si riferisce esclusivamente al mercato locale e nazionale. L'organizzazione produttiva elementare e la precariet dei laboratori, infine, rappresentano, cos come per gli altri due sistemi, dei grossi vincoli alla crescita dimensionale delle strutture imprenditoriali, ampliamento, cio della capacit produttiva e problemi di adeguamento alle normative igienicosanitarie e sulla sicurezza del lavoro.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

106

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Caratteristiche di base INDICATORI SERRASTRETTA Specializzazione Sedie Dimensioni Piccolissima (4 addetti per unit) Forma giuridica prevalente Ditta individuale Tipo di localizzazione Atipica Decentramento produzione Commessa Organizzazione produttiva S, raramente Fasi produttive Produzione e vendita diretta Difficolt delle lavorazioni Medio - bassa; media Barriere all'entrata Basse Modalit di acceso ai mercati, compreso il mercato degli input di produzione, ed il livello della concorrenza INDICATORI SERRASTRETTA Mercati di sbocco della produzione/lavorazione Nazionale - Regionale - Estero Aree di approvvigionamento Materie prime e lavorati Locale - regionale Macchinari ed impianti Centro - Nord Materiali di consumo Locale - Regionale Rapporti con i mercati/committenti Diretto /Mediato (grossisti di Soriano Calabro) Livello di concorrenza Alta Concorrenti Locali - Nazionali Organizzazione del lavoro
INDICATORI SERRASTRETTA

Livello di specializzazione Incidenza lavoro femminile Presenza di familiari Modalit di reperimento manodopera Sindacalizzazione Flessibilit Relazioni tra i sistemi locali indagati e l'ambiente esterno
INDICATORI

Scarso Assente Alta Diretta e tramite segnalazione di amici e parenti Assente Medio/bassa
SERRASTRETTA

Cooperazione interaziendale Rapporti con le istituzioni Rapporti con le istituzioni intermedie

No Frequenti Scarsi

Fonte: nostra elaborazione da Maglie, rubinetti e sedie. I caratteri del capitalismo paesano, di Domenico Cersosimo, Giuseppe Farace e Alfredo Fortunato

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

107

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

6. Il microsistema imprenditoriale comunale del gelato a Pizzo (VV)


La tradizione del gelato a Pizzo risale alla seconda met del secolo scorso. Non esistendo ancora i sistemi di refrigerazione, i gelati (granite e sorbetti) erano prodotti utilizzando la neve portata dalle vicine Serre ad opera dei cosiddetti massari nivari. Questi contadini lungimiranti scavavano in estate delle profonde buche a forma di parallelepipedo, le rivestivano di felci e poi, dinverno, raccoglievano la neve appena caduta e la conservavano, pressata, nella buca apposita. Una volta colma, la buca era ricoperta con felci e paglia e si attendeva larrivo della bella stagione e del primo caldo. Allora i massari ritornavano alle buche divenute enormi celle frigorifere e con apposite seghe dacciaio squadravano il ghiaccio in balle da vendere ai caffetteri, precursori degli odierni gelatai di Pizzo. Questo primo modello produttivo stato dominante per molto tempo almeno fino alla met degli anni trenta. Sono lintroduzione e la diffusione del frigorifero che hanno cambiato significativamente lassetto del sistema produttivo. Dagli anni 50 in avanti in avanti il numero delle gelaterie cresce in modo lento ma stabile, e si registrano notevoli fenomeni di trasferimento delle competenze da gelaterie esistenti a nuove imprese, fino ad arrivare ai moderni gelati di oggi e allormai famoso Tartufo di Pizzo. Ci che avvenuto a Pizzo negli ultimi decenni lascia intravedere i presupposti della nascita di un distretto del gelato artigianale. Sulla base delle informazioni acquisite durante la realizzazione dell'indagine in loco, attualmente sono presenti 14 gelaterie e, tra queste, 4 laboratori artigianali in grado di far fronte ad una produzione molto esigua. Tra le iniziative intraprese di concerto tra produttori, Camera di Commercio di Vibo Valentia, Pro-loco e Amministrazione Provinciale la creazione di un consorzio finalizzato alla tutela della qualit del prodotto.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

108

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Caratteristiche di base INDICATORI PIZZO Specializzazione Gelati artigianali Dimensioni Piccolissima Forma giuridica prevalente Ditta individuale Tipo di localizzazione Atipica Decentramento produzione Commessa Organizzazione produttiva S, raramente Fasi produttive Produzione e vendita diretta Difficolt delle lavorazioni Medio Barriere all'entrata Basse Modalit di acceso ai mercati, compreso il mercato degli input di produzione, ed il livello della concorrenza INDICATORI PIZZO Mercati di sbocco della produzione/lavorazione Nazionale - Regionale Aree di approvvigionamento Materie prime e lavorati Locale - regionale Macchinari ed impianti Centro - Nord Materiali di consumo Locale - Regionale Rapporti con i mercati/committenti Diretto /Mediato Livello di concorrenza Alta Concorrenti Locali - Nazionali Organizzazione del lavoro Livello di specializzazione Medio Incidenza lavoro femminile Basso Presenza di familiari Alta Modalit di reperimento manodopera Diretta e tramite segnalazione di amici e parenti Sindacalizzazione Assente Flessibilit Medio/bassa Relazioni tra i sistemi locali indagati e l'ambiente esterno INDICATORI PIZZO Cooperazione interaziendale No Rapporti con le istituzioni Scarsi Rapporti con le istituzioni intermedie Scarsi

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

109

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

7: Il proto-distretto dellarea PIT Valle Crati


PRESENZA DI PROTO-DISTRETTI Nellarea presente in forma embrionale un distretto agroalimentare composto da numerose aziende agricole e di trasformazione dei prodotti agricoli. In particolare, si registra una forte concentrazione di imprese e di addetti attivi nella filiera di coltivazione, lavorazione, conservazione e commercializzazione di ortaggi e frutta. COMUNI DELLAREA PIT: Altomonte, Tarsia, Roggiano Gravina, San Demetrio Corone, Santa Sofia dEpiro, Acri, Bisignano, Cerzeto, Mongrassano, Torano Castello, Luzzi, San Martino di Finita, Lattarico, Rota Greca, Montalto Uffugo, San Benedetto Ullano, Rose NOTE: Livello delle dotazioni in beni culturali: notevole la dotazione delle risorse culturali dellarea. Sono presenti numerosi siti con reperti archeologici e numerose testimonianze della cultura rurale e produttiva (mulini, frantoi, forni, ecc.). La quasi totalit dei Comuni del PIT ha origini antiche e conservano nuclei storici che rappresentano un vero e proprio patrimonio, sia edilizio (abitazioni, palazzi, ecc.) che storico artistico (per la tradizione culturale che essi evidenziano come singoli edifici e come tessuto urbano complessivo). Di particolare suggestione sono le peculiarit artistiche e storiche presenti nel Comune di Altomonte, che ha ottenuto il marchio turistico di qualit. Inoltre, bisogna sottolineare come in molti Comuni dellarea sono radicate comunit albanesi che da secoli mantengono intatte le specificit linguistiche e culturali. Sono poi numerosi i palazzi, le chiese, i musei, ecc. con enorme valore artistico e architettonico. Situazione ambientale: il patrimonio naturale dellarea si presenta sostanzialmente intatto e ben conservato. Non si registrano rischi legati a fenomeni di inquinamento del suolo, dellacqua e dellatmosfera. Nel territorio PIT sono presenti copiosi numerosi siti e habitat ambientali protetti e di grande valore ecologico. In particolare, bisogna sottolineare la riserva naturalistica Oasi Fiume Crati. AREA PIT Valle Crati SETTORE I settori di attivit economica prevalenti nel territorio della Valle Crati sono lagricoltura, il commercio, le attivit manifatturiere e ledilizia. Scarsamente sviluppati sono invece il turismo e le attivit di servizi alle imprese e alle persone.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

110

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

8: Il proto-distretto dellarea PIT Savuto


PRESENZA DI PROTO-DISTRETTI Dai dati Istat 96 predominano largamente le produzioni protette legate ai mercati locali e, in special modo, i prodotti agro-industriali, in legno e quelli input delledilizia. Lunica particolarit dellarea data dalla presenza di alcune imprese di un certa consistenza afferenti al settore della gomma e delle macchine elettriche. Lanalisi della distribuzione delloccupazione conferma una specializzazione in tali produzioni. Figline Vegliaturo il comune con la maggiore specializzazione nel comparto della produzione di articoli in gomma; Mangone quello maggiormente specializzato nel comparto della fabbricazione di apparecchiature elettriche; Pedivigliano , invece, il comune con il pi elevato indice di specializzazione nella produzione di prodotti in legno. COMUNI DELLAREA PIT: Piane Crati, Paterno Calabro, Figline Vegliaturo, Santo Stefano di Rogliano, Cellara, Mangone, Rogliano, Parenti, Belsito, Marzi, Malito, Grimaldi, Carpanzano, Bianchi, Altilia, Colosimi, Scigliano, Pedivigliano, Panettieri NOTE: Livello delle dotazioni dei beni culturali: elevata presenza di Centri storici caratterizzati dalla presenza di antichi palazzi patrizi, edifici di culto ed ecclesiastici (chiese, abbazie, etc.), costituenti un apprezzabile patrimonio artistico, e culturale; risultano presenti, inoltre, ponti di epoca romana in ottimo stato di conservazione sparsi lungo tutta la Valle del fiume Savuto, di notevole importanza archeologica. Il Comune di Rogliano in particolare vanta la presenza di opere artistiche e palazzi che testimoniano labilit delle antiche maestranze artigianali (scuola dellintaglio del legno e del tufo). Situazione ambientale: buone possibilit di ottimizzare le grandi risorse naturalistico-ambientali offerte dal territorio. In particolare si evidenzia la presenza del bacino idrografico del fiume Savuto, che caratterizzato da notevoli bellezze naturali e di testimonianze storico-culturale e dellarea montana della Presila ad alto valore naturalistico ambientale. AREA PIT Savuto SETTORE

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

111

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

9: Il proto-distretto dellarea PIT Sila Crotonese


PRESENZA DI PROTO-DISTRETTI Il territorio caratterizzato da unArea ad alto valore naturalistico. Dallanalisi dei dati e da indagini sul campo si evidenzia nellArea PIT offerta assai significativa nei segmenti del turismo e dellecoturismo, con una forte presenza di disponibilit di posti letto a Cotronei, localizzati nelle frazioni turistiche Silane tra Trepid e Villaggio Palumbo. Importante la dotazione naturale boschiva e della quantit di legname legate alla filiera del legno (che dura da secoli), presente su tutta larea montana come prima lavorazione e localizzata nei territori di Petilia Policastro e Mesoraca. Di rilievo il dinamismo del comune di Santa Severina per le attivit turistico-culturale a seguito dellopera di recupero del Castello (sec. XI), il quale si creato unimportante quadrante di servizi a supporto delle stesse. Di grande interesse sono le Terme in agro di Cotronei legate alla possibilit di creare una filiera a vocazione per la produzione destratti e olii essenziali per la cosmesi naturale e per lindustria farmaceutica, nonch avviare un distretto del polo del benessere. Di molto valore tutto il bacino idrico e la dotazione delle acque per lo sfruttamento, nonch lautoproduzione dellenergia alternativa abbattendo i costi desercizio. COMUNI DELLAREA PIT: Castelsilano, Cerenzia, Caccuri, Santa Severina, Cotronei, Roccabernarda, Petilia Policastro, San Mauro Marchesato, Mesoraca NOTE: Livello delle dotazioni in beni culturali: sul territorio sono presenti potenzialit che se, coordinate in una progettualit di sistema integrato territoriale, consente di perseguire obiettivi concreti di sviluppo strutturale. Allinterno del territorio del PIT sono presenti significative testimonianze di carattere culturale: Caccuri - Castello Barracco, Resti di Terme romane; Castelsilano, Centro storico; Cerenzia - Antico sito Acerenthia; Cotronei - Palazzo Verga, Testimonianze dellet della pietra; Mesoraca - Resti dellAbbazia di S. Angelo in Frigilio, Convento del SS. Ecce Homo, Chiesa del Ritiro; Petilia Policastro - Convento della SS. Spina, Chiese Centro Storico, Grotte Brasiliane, Archeologia industriale del legno; Roccabernarda - Convento di S. Francesco, Resti di ville romane; San Mauro Marchesato - Centro storico; Santa Severina Castello Normanno-Bizantino, Reperti archeologici della Magna Grecia, Il Battistero, Le Chiese, il Museo Diocesano gi tutto collegato al PIS approvato dalla Regione Calabria sugli itinerari del Barocco a favore della Arcidiocesi di Crotone-S.Severina. Situazione ambientale: necessario ricondurre ad un adeguato sistema lutilizzo delle acque termali presenti per qualit e quantit nella Presila Crotonese. Tutta larea dotata di risorse ambientali e naturali con sistemi idrografici di notevole interesse. La dotazione naturale dellarea richiede uno sforzo per una corretta riqualificazione e valorizzazione della montagna, sia in funzione dei favorevoli aspetti microclimatici, che per il valore aggiunto derivante dalla filiera legno che dal sottobosco. Il patrimonio forestale dellarea assume un ruolo di primaria importanza. Oggi il bosco costituisce una riserva e una risorsa di inestimabile valore ambientale e produttivo, un bene naturale di alto interesse fitogeografico e conservazionistico, un sistema biologico complesso in continua evoluzione e riproducibile, la cui utilizzazione razionale comporta la risoluzione di una serie di problemi selvicolturali, socioeconomici e di tecnica gestionale. Circondata dal mare, la Sila Crotonese, nasconde al suo interno montagne di insospettabile bellezza. Ancora praticamente vergine, non sfruttato turisticamente; laltipiano della Sila Crotonese offre a chiunque ami godersi la natura in posti tranquilli ed incontaminati dove poter assaporare i gusti di una cucina tradizionale, dove alimenti come latte, formaggio e carne, conservano ancora tutta la genuinit di un tempo. Tra le possibilit offerte stanno: trekking nei posti di maggiore interesse naturalistico e paesaggistico, escursioni con gli sci di fondo, risalita di gole fluviali, itinerari culturali. Necessaria lopera di riqualificazione ambientale dei centri storici e di diverse periferie urbane, frutto nei decenni passati, di un incontrollato abusivismo edilizio. Notevole la presenza nellArea di risorse idriche naturali che possono dare valore aggiunto allarea mediante uno sfruttamento intelligente. AREA PIT Sila Crotonese SETTORE

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

112

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

10: Il proto-distretto dellarea PIT Alto Ionio Cosentino


SETTORE PRESENZA DI PROTO-DISTRETTI Lagricoltura costituisce certamente uno dei settori portanti Nellarea di Sibari negli ultimi trentanni si delleconomia dellarea. La coltivazione che interessa il maggior consolidata una rete di piccole e medie numero di aziende e di superficie agricola utilizzata imprese agro-industriali (oleifici, industrie di lolivicoltura, diffusa soprattutto in collina. Consistente risulta, conservazione della frutta, di trasformazione inoltre, la numerosit delle aziende dedite alla coltivazione di agrumaria, di surgelati) integrate frutteti (pescheti e agrumeti) e di ortaggi, che si concentrano orizzontalmente, innovative e fortemente prevalentemente nelle aree di pianura. orientate al mercato. Accanto a queste Altro settore importante per leconomia locale il turismo. Nel imprese si venuto via via costituendo un 1999 nellAlto Ionio sono attive 35 strutture alberghiere (con nucleo di strutture cooperative di servizi alla 2359 camere e 4776 posti letto), pari al 13% circa di quelle produzione e alla promozione commerciale. presenti a livello provinciale e il 5% di quelle regionali. Il settore Nellinsieme, dunque, la Piana di Sibari turistico mostra forti segnali di espansione soprattutto nellarea di presenta una significativa tendenza alla Sibari. Particolarmente sviluppata risulta poi lofferta di posti distrettualizzazione di tipo agroalimentare, letto in strutture extralberghiere. Nellarea sono presenti 22 che potrebbe trovare una fortissima campeggi e villaggi turistici con pi di 20904 posti letto, pari a integrazione e connessione con la filiera pi della met di quelli provinciali, concentrati unicamente nei turistico-culturale. Comuni marini (Istat 2001). Rilevante inoltre la numerosit di unit locali e addetti operativi nel settore della pesca che si concentrano prevalentemente nei Comuni di Corigliano, Cassano, Rossano e Trebisacce. Nel 1999 le iniziative imprenditoriali sono complessivamente 10 ed occupano 107 addetti, pari al 58% delloccupazione provinciale e ad un quarto di quella regionale (Infocamere 2001). COMUNI DELLAREA PIT: Rocca Imperiale, Nocara, Canna, Oriolo, Montegiordano, Roseto Capo Spulico, Castroregio, Amendolara, Alessandria del Carretto, Albidona, Plataci, Trebisacce, Cerchiara di Calabria, Villapiana, Francavilla Marittima, Cassano allo Ionio, Corigliano Calabro, Spezzano Albanese, Terranova da Sibari, San Lorenzo del Vallo, San Giorgio Albanese, Rossano, San Cosmo Albanese, Vaccarizzo Albanese NOTE: Livello delle dotazioni in beni culturali: larea presenta unampia dotazione di beni culturali. Di notevole valenza il patrimonio archeologico che si concentra soprattutto nel parco di Sibari, in cui si trovano gli scavi delle antiche citt di Sibari, di Thurii e di Copia. Anche nel resto del territorio PIT vi sono siti con importanti vestigia di insediamenti minori di et greca o romana e di centri dellet del bronzo e di epoche ancora precedenti. Molti dei reperti portati alla luce sono fruibili nel Museo archeologico della Sibaritide. Anche le testimonianze successive alla fine dellet antica sono numerose e importanti. In particolare, consistente la documentazione di tutto un insieme di fenomeni che caratterizzano linsediamento del cristianesimo, e le sue specifiche forme di spiritualit, legate alla tradizione greco-ortodossa e al prevalere di un persistente flusso bizantino lungo tutto il Medioevo calabrese. Il territorio vede pure il radicamento di numerose comunit arbereshe, caratterizzate da una forte specificit linguistica e culturale, ancora oggi conservatesi fino a rappresentare uno dei casi pi interessanti di enclave linguistica del territorio europeo. Di rara bellezza sono poi i nuclei storici di molti centri urbani, sia grandi che piccoli, del territorio, che costituiscono un patrimonio storico-artistico ancora in gran parte sconosciuto e sotto-rappresentato. Situazione ambientale: la dotazione naturalistica dellarea davvero notevole, caratterizzata dalla compresenza di scenari montani e marini di grande suggestione. Lambiente naturale sostanzialmente integro e ben conservato, tant che buona parte della superficie territoriale costituita da aree protette. I Comuni di Francavilla M., Plataci, Cerchiara di Calabria, Alessandria del Carretto e Castroregio fanno parte del Parco Nazionale del Pollino e vi sono inoltre tre importanti riserve naturali: Trenta Coste, Giganti del Pesco e Foce del Fiume Crati. Anche la qualit delle acque marine buona: molti Comuni costieri hanno ottenuto la Bandiera blu mentre nel Comune di Amendolara prevista listituzione di una riserva marina speciale. AREA PIT Alto Ionio Cosentino

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

113

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

11: Il proto-distretto dellarea PIT Aspromonte


SETTORE PRESENZA DI PROTO-DISTRETTI Agricoltura: gli ultimi dati disponibili (Istat 91) registrano una Seppur assenti allo stato attuale, la ricognizione contrazione del settore agricolo con una variazione effettuata in sede di indagine empirica e lanalisi percentuale rispetto al valore rilevato nel 71 pari a 36.21%, del territorio consentono di individuare i in crescita rispetto al dato intermedio 81-91 (-23.26%). La seguenti distretti potenziali: del legno, della contrazione del settore agricolo confermata dalla variazione metallurgia leggera (anche artistica), della pasticceria, negativa del valore della SAU (nel periodo 82-90) pari a della produzione agroalimentare caratteristica locale 9,69 %a fronte del 3,95 del dato provinciale. (miele, lattiero-casearia, insaccati, stocco, Industria: nello stesso periodo registra un calo pi contenuto dellolio di qualit, dellortofrutta ) ma certo rilevante (-24.06% la variazione 71-91) COMUNI DELLAREA PIT: Serrata, Candidoni, San Pietro di Carid, Laureana di Borrello, Galatro, Feroleto della Chiesa, Anoia, Maropati, Giffone, Cittanova, Cinquefrondi, San Giorgio Morgeto, Taurianova, Oppido Mamertina, Varapodio, Molochio, Terranova Sappo Minulio, Cosoleto, Santa Cristina dAspromonte, Sinopoli, Sant'Eufemia dAspromonte, Scido, Delianuova NOTE: Livello delle dotazioni di beni culturali: discreto il patrimonio archeologico e quello risalente ad epoca medievale. Nei centri storici di numerosi Comuni chiese di pregio (Candidoni, Cittanova, Laureana, Taurianova) custodiscono anche opere lignee e marmoree rinascimentali (Gagini). Vantano un centro storico settecentesco Cittanova, Cinquefrondi e Giffone; di impianto medievale S. Giorgio M.to. Quasi tutti i Comuni dellarea si caratterizzano per il centro storico e palazzi gentilizi dotati di pregevoli portali. Di rilievo, a Cittanova, la Villa Comunale e il museo di storia naturale. Situazione ambientale: ottima e favorevole a processi di sviluppo tale situazione attestata prioritariamente dallarea protetta del Parco Nazionale dellAspromonte per il 24% coincidente con il PIT Aspromonte (12 Comuni) che custodisce rarit florofaunistiche (felce tropicale, woodwardia radicans, aquila del Benelli). Larea si connota per alcune emergenze: acque termali (Galatro) e sulfuree (Feroleto), sorgenti minerali (Oppido, Taurianova) e cascate (Molochio); le foreste di abete bianco dAspromonte (Molochio, S. Cristina, Delianuova). Il paesaggio caratterizzato tra laltro dai Pianalti di Carmelia (Delianuova) e Zerv (Scido); dalla localit Zomaro (Cittanova). AREA PIT Aspromonte

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

114

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

12: Il proto-distretto dellarea PIT Lamezia


PRESENZA DI PROTO-DISTRETTI Lamezia Le attivit terziarie gi nei dati Istat 91 assorbivano la maggior parte della Caratteristiche di proto popolazione attiva dellarea PIT con unincidenza del 56,8%, il settore secondario distretti potrebbero assorbiva il 27,5% della popolazione attiva, il rimanente 15,8% era assorbito dal avere il settore del legno settore agricolo. Lanalisi settoriale delle unit locali extragricole mette in evidenza la nella zona di forte polarizzazione delle strutture produttive nelle attivit commerciali, seguono i Serrastretta ed in parte servizi alle imprese, lindustria manifatturiera , delle costruzioni e degli alberghi e anche le attivit di pubblici esercizi. pulitura metalli nella zona Larea PIT, rispetto alla provincia ed alla regione mostra una leggera specializzazione di Falerna e Nocera nei settori dellindustria manifatturiera e degli alberghi e servizi pubblici. Terinese. COMUNI DELLAREA PIT: Motta Santa Lucia, Soveria Mannelli, Decollatura, Martirano, Conflenti, Carlopoli, Martirano Lombardo, San Mango d'Aquino, Cicala, Nocera Tirinese, Gimigliano, Platania, San Pietro Apostolo, Serrastretta, Lamezia Terme, Falerna, Miglierina, Gizzeria, Amato, Feroleto Antico, Tiriolo, Pianopoli, Maida, San Pietro A Maida, Jacurso, Curinga NOTE: Livello delle dotazioni in beni culturali: nellarea sono presenti tipologie varie di beni archeologici e architettonici e centri storici di rilevante valore capaci di diventare poli di eccellenza al fine di attrarre flussi turistici; rilevante inoltre la presenza di importanti istituzioni museali (Museo Archeologico, La Casa del libro antico, il Museo Diocesano), la presenza dei Santuari Mariani e di importanti siti archeologici. Situazione ambientale: il contesto ambientale rappresenta un punto di forza dellanalisi dellarea; uno scenario tra i pi ricco di patrimoni morfologici, naturalistici nel quale insistono strade panoramiche, boschi di particolare pregio ambientale e paesaggistico, cime montane e area termale nonch fasce frangivento costiere. Il tutto contenuto in tre sub-sistemi (Area Costiera, Area Collinare, Area Montana) aventi proprie caratteristiche e specifiche risorse da valorizzare ed integrare tra loro che offrono una potenzialit di notevole sviluppo anche per il fatto che i tre sub sistemi sono tra loro collegabili velocemente realizzando un punto di eccellenza ottimale nel rapporto mare/monti. AREA PIT SETTORE

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

115

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

13: Il proto-distretto dellarea PIT Medio Tirreno Cosentino


AREA PIT SETTORE Medio Tirreno I settori di attivit economica prevalenti Cosentino nellarea sono il commercio, lagricoltura, ledilizia e il turismo. Bisogna poi menzionare la presenza di alcuni significativi agglomerati di medie e piccole imprese afferenti al comparto manifatturiero della maglieria e del tessile abbigliamento nei Comuni di Cetraro, Malvito e di Fagnano Castello. PRESENZA DI PROTO-DISTRETTI Da molti anni il territorio comunale di Cetraro registra la presenza di una piccola e operosa comunit di laboratori dediti alla fabbricazione di maglie e di articoli di maglieria. Secondo il censimento intermedio Istat, nel 1996 il sistema imprenditoriale della maglieria di Cetraro conta 23 unit locali e 255 addetti; mentre in base a informazioni derivanti da unindagine diretta sul campo il comparto risulta composto da 42 imprese con almeno 600 addetti. Nel 1996, si stimato che lapparato produttivo locale della maglieria abbia prodotto in volume oltre 400.000 maglie per un valore complessivo superiore ai 2 miliardi di lire. COMUNI DELLAREA PIT: San Donato di Ninea, San Sosti, Mottafollone, San Marco Argentano, Belvedere Marittimo, Sant'Agata di Esaro, Malvito, Sangineto, Santa Caterina Albanese, Bonifati, Fagnano Castello, Cetraro, Cervicati, Guardia Piemontese, Acquappesa, Fuscaldo NOTE: Livello delle dotazioni in beni culturali: notevole la dotazione delle risorse culturali dellarea. Sono presenti numerosi siti con reperti archeologici e numerose testimonianze della cultura rurale e produttiva. La quasi totalit dei Comuni del PIT ha origini antiche e conservano nuclei storici che rappresentano un vero e proprio patrimonio, sia edilizio (abitazioni, palazzi, ecc.) che storico artistico (per la tradizione culturale che essi evidenziano come singoli edifici e come tessuto urbano complessivo) da valorizzare a fini turistici. Sono poi numerosi i palazzi, le chiese, i musei, ecc. con enorme valore artistico e architettonico. Situazione ambientale: il patrimonio naturale dellarea si presenta sostanzialmente intatto e ben conservato. Non si registrano rischi legati a fenomeni di inquinamento del suolo, dellacqua e dellatmosfera. Qualche preoccupazione si evidenzia in merito al fenomeno dellerosione della costa che negli ultimi anni sta creando alcuni problemi alle popolazioni locali. Nel territorio sono presenti molti Comuni, numerosi siti e habitat ambientali protetti e di grande valore ecologico, che fanno parte del Parco Nazionale del Pollino.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

116

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

14: Il proto-distretto dellarea PIT Sila Jonica


SETTORE PRESENZA DI PROTO-DISTRETTI Il settore agricolo dellarea si caratterizzava al Censimento del 1990 In generale larea si caratterizza per per una apprezzabile densit di aziende agricole, con 9,1 aziende produzione agroalimentare, con prevalenza ogni 100 residenti a fronte delle 10,2 della Provincia e della per la lavorazione delle olive, per la Regione. Sempre con riferimento al 1990 su una superficie totale di lavorazione del legno. Dall'analisi dei dati 83.838 ha la superficie agricola utilizzata era di 32.034 ha. Il Istat 1990 risultato, inoltre, che Cariati e maggior numero di aziende agricole era nel Comune di Campana Crosia presentavano la maggiore (532, pari al 13,3% del PIT), Bocchigliero (10,8%), e Crosia (10%). concentrazione nel maggior numero di Ad esclusione di Mandatoriccio, anche tutti gli altri Comuni sezioni di attivit economiche, seguite da avevano un buon numero di aziende. Mandatoriccio e Longobucco. Per quanto Nel 1996 leconomia locale, come quella provinciale e regionale, attiene ai proto-distretti culturali la aveva come settore saliente quello del commercio, ridistribuzione e presenza pi significativa si individua a intermediazione dei flussi di merci e servizi prodotti allesterno Cariati, lintero territorio PIT presenta dellarea. Al secondo posto si trovava lindustria manifatturiera che per forti potenzialit di sviluppo nel assorbiva il 13,8% delle u.l., seguita dai servizi alle imprese e dal settore culturale e ambientale. settore delle costruzioni con il 12,4%, poi da quello alberghiero e dei servizi pubblici. COMUNI DELLAREA PIT: Crosia, Calopezzati, Cropalati, Paludi, Pietrapaola, Mandatoriccio, Caloveto, Scala Coeli, Cariati, Longobucco, Terravecchia, Campana, Bocchigliero NOTE: Livello delle dotazioni in beni culturali: il territorio ricco di emergenze. Sono presenti centri storici da riqualificare, vi sono tre siti archeologici di grande interesse, ed altri minori, un castello, palazzi e numerose chiese. Esistono 2 musei ed una pinacoteca. scarsa la dotazione di servizi culturali, quali le biblioteche. Il patrimonio naturale ragguardevole, con grotte, grave, boschi, oltre ad habitat di flora e fauna particolare. Situazione ambientale: molti comuni hanno aree definite a rischio idrogeologico. Scala Coeli segnala a rischio idrogeologico l80% del suo territorio, mentre il 60% viene dato per Cropalati e Mandatoriccio AREA PIT Sila Jonica

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

117

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

15: Il proto-distretto dellarea PIT Alto Tirreno Cosentino


AREA PIT Alto Tirreno Cosentino SETTORE Dai dati Istat 1990 risulta che larea nel suo complesso annovera 5.367 aziende agricole, la maggior parte delle quali localizzata nei tre comuni interni di Buonvicino, Orsomarso e Verbicaro. PRESENZA DI PROTODISTRETTI Nel Documento di Riferimento della Regione Calabria in merito alla programmazione regionale del settore turismo, con riferimento al PIT 1 Alto Tirreno Cosentino, si parla di distretto latente in due accezioni: 1) Area a prevalente vocazione naturalistica - Pollino (distretto latente con connotazioni escursionistiche/paesaggistico); 2) Alto Tirreno (distretto latente posizionato sullintrattenimento notturno e il turismo da irradiazione disorganizzato con eccessiva presenza di seconde case).

Le attivit commerciali sono, invece, concentrate nei comuni litoranei (Praia a Mare, S.Maria del Cedro, Diamante e Scalea).

Nel comparto manifatturiero si registra la presenza di quattro blocchi produttivi: industrie alimentari (panifici e caseifici), industrie del legno e dei prodotti del legno (prodotti di falegnameria) produzione di infissi metallici e del tessile-abbigliamento (subfornitori di abbigliamento esterno ed interno localizzati nellasse Praia a Mare-Aieta e Orsomarso-Verbicaro). Con riferimento al settore alberghiero (dati Istat 1999) larea PIT conta 67 strutture alberghiere 3.131 camere e 6.214 posti letto- ( 25% del totale provinciale e il 10% del dato regionale) concentrate per lo pi nei comuni costieri in ragione del maggior tasso di sviluppo turistico balneare (18 alberghi a Praia a mare, 15 a Diamante, 14 a Scalea). Pi sviluppata lofferta relativa ai posti letto in strutture extra-alberghiere (17 campeggi e villaggi turistici con 9.800 posti letto pari a un terzo di quelli provinciali). COMUNI DELLAREA PIT: Tortora, Aieta, Praia a Mare, Papasidero, San Nicola Arcella, Santa Domenica Talao, Orsomarso, Scalea, Verbicaro, Santa Maria del Cedro, Grisolia, Diamante, Maier, Buonvicino NOTE: Beni Culturali e risorse naturali: elevato risulta il livello di risorse naturali costiere (Isola di Dino, Isola di Cirella) collinari e montane ( Valle del Fiume Argentino, Valle del Fiume Lao riserve naturali statali- Valle del Torrente Abatemarco) inserite nella rete europea Natura 2000. Il litorale estremamente vario, sabbioso in alcuni tratti, con ampi arenili, roccioso in altri punti. La costa, caratterizzata a tratti da rigogliosa vegetazione suggestiva dal punto di vista paesaggistico. Sia gli operatori pubblici che gli imprenditori privati sono consapevoli delle notevoli potenzialit turistiche dellarea, favorite dalle splendide risorse naturali (oltre al mare su cui si incentra limmagine turistica, le montagne, i boschi) e dalle notevoli risorse artistiche, storiche e culturali, che dovrebbero essere valorizzate, rese accessibili e collegate allattuale offerta turistica esclusivamente di tipo balneare passiva. Nella stessa area rilevante il patrimonio artistico (chiese, palazzi, castelli, centri storici),quello archeologico (Grotta del Romito, Blanda), il patrimonio rurale ossia linsieme delle usanze e delle tradizioni delle popolazioni contadine, ancora profondamente radicate nel territorio, la presenza di prodotti di nicchia derivanti dallartigianato tradizionale artistico e dalla trasformazione di prodotti tipici dellagricoltura (Cedro), il patrimonio eno-gastronomico. Situazione ambientale: se da un lato la zona dellentroterra ancora sufficientemente integra, dallaltro il tratto costiero stato oggetto di unurbanizzazione spesso priva di armonia con lambiente circostante. Restano comunque ampi margini di recupero del degrado ambientale causato dallassenza di programmazione dellespansione urbana e ampi tratti di costa, dove linaccessibilit del territorio ne ha consentito un buono stato di conservazione. Un punto di debolezza dellofferta turistica dellarea e una minaccia per il futuro sviluppo costituita dal problema dellinquinamento costiero e dalla scarsa pulizia di spiagge e centri urbani. Nellarea la forma principale di inquinamento del mare di natura organica di origine civile ed causata dal mancato o non efficiente funzionamento delle reti fognarie e degli impianti di depurazione. Tali carenze sono legate ai rilevanti investimenti che sarebbero necessari per adeguare gli impianti alle maggiori presenze estive, non effettuati a causa della modesta durata della stagione turistica che non rende conveniente un simile impegno da parte degli enti locali. Un altro elemento che rappresenta una minaccia per il futuro lo sviluppo disordinato dal punto di vista urbanistico, spesso connotato da abusivismo legato al fenomeno dellelevata presenza di seconde case. Una recente ricerca sul turismo nellanno 1998 stima in circa 226.000 il totale dei posti letto dellarea per lelevata delle seconde case. Tale situazione crea un sovrautilizzo delle risorse naturali, dei centri urbani e delle infrastrutture di servizio e dei trasporti dellarea costiera in un periodo limitato di tempo (periodo estivo) e con un basso ritorno in termini di spesa e di reddito per il territorio. Lattuale offerta turistica, infatti, non solo concentrata quasi esclusivamente sul turismo balneare estivo ma attrae una tipologia di clientela medio bassa a permanenza lunga concentrata sulla fascia costiera soprattutto nei mesi di luglio e agosto. Tale target di domanda quindi non stimola tutte le conseguenti attivit di incoming legate ad un alto turn-over delle presenze turistiche. Rimangono estranei allarea i trend attuali del mercato turistico - ricerca di nicchie dofferta specializzate ( turismo culturale e naturalistico), offerta customizzata, frammentazione della domanda di vacanza in pi periodi, pi brevi nellarco dellanno - che favoriscono la destagionalizzazione del mercato e che potrebbero essere soddisfatti dalle enormi attrattive naturali, artistiche e storiche dei comuni interni.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

118

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

16: Il proto-distretto dellarea PIT Alto Crotonese


SETTORE PRESENZA DI PROTO-DISTRETTI Il settore agricolo presentava al 1990 una densit di Lunico proto-distretto di cui si pu parlare aziende pari a 12,4 ogni 100 residenti, superiore a quella nellarea quello del settore agroalimentare, il quale della Provincia del 9,2 e della Regione 10,2. Lanalisi del in espansione soprattutto per quanto attiene la settore extra agricolo, operata sui dati del censimento produzione vitivinicola e olearia. Per quanto intermedio ISTAT del 1996, mette in rilievo che oltre il riguarda proto-distretti culturali, la zona ne evidenzia 43% delle unit locali nel settore delle attivit uno determinato dalla presenza di tre comuni di commerciali, un incidenza simile a quella provinciale (43%) minoranza etnica albanese, mentre si pu parlare e regionale (44,2%). anche di proto-distretto culturale del settore Il secondo settore economico per importanza era quello quanto meno enologico, se non enogastronomico, delle industrie manifatturiere con il 13,5%, seguito dal considerata la densit di iniziative esistenti ed in settore della costruzione con il 12,5%, i servizi alle imprese progetto attorno allo studio del settore e delle sue con il 10,9%, infine le imprese alberghiere ed i pubblici tradizioni. Questultima si accompagna allinteresse esercizi con il 7,5%. I dati del 1996 mettevano in rilievo nel per gli studi sulla civilt contadina e sullartigianato settore manifatturiero la presenza di industrie alimentari artistico locale. (28,9%), produzione di infissi metallici (19,4%) e falegnameria (15,5%). COMUNI DELLAREA PIT: Crucoli, Cir, Cir Marina, Umbriatico, Carfizzi, Pallagorio, Savelli, Melissa, Verzino, San Nicola dell'Alto, Casabona, Belvedere di Spinello NOTE: Livello delle dotazioni in beni culturali: il territorio ricco di emergenze. Sono presenti centri storici da riqualificare, siti archeologici, torri e due castelli, palazzi e numerose chiese. Esistono 7 musei, di cui uno dedicato alla cultura arbhereshe. scarsa la dotazione di servizi culturali, quali le biblioteche. Il patrimonio naturale ragguardevole, con grotte, grave, boschi, oltre ad habitat di flora e fauna particolare. Situazione ambientale: tutti i comuni hanno aree definite a rischio idrogeologico e perimetrate nel PAI regionale. Cir inserito tra i comuni ad alto rischio. San Nicola dellAlto indica il 50% del proprio territorio a rischio. Nella media i Comuni indicano attorno al 20% il proprio territorio minacciato. Sulla costa vi rischio erosione ed il comune pi colpito Melissa. Nellarea montana vi sono stati disboscamenti. AREA PIT Alto Crotonese

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

119

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

17: Il proto-distretto dellarea PIT Serre Cosentine


AREA PIT Serre Cosentine SETTORE La distribuzione settoriale risente della presenza di una forte aggregazione urbana: presenza massiccia di attivi nel settore del terziario con valori di gran lunga superiori a quelli della provincia e della regione (rispettivamente 77, 52, 59 per cento); una presenza non trascurabile si registra nel settore industriale con il 20,6 per cento degli addetti (dato non molto distante dai valori degli altri due contesti di riferimento); una irrilevante percentuale si riscontra nel settore dell'agricoltura che con un valore del 2,5 per cento (nettamente inferiore ai valori provinciali e regionali) si configura come settore "di nicchia". COMUNI DELLAREA PIT: San Pietro in Guarano, Rende, San Vincenzo la Costa, Castiglione Cosentino, San Fili, Lappano, Zumpano, Cosenza, Castrolibero, Marano Marchesato, Marano Principato, Mendicino, Cerisano, Dipignano, Carolei, Domanico NOTE: Livello delle Dotazioni di Beni Culturali: il territorio del P.I.T. Serre Cosentine si caratterizza come un sistema di centri storici, alcuni di notevoli dimensioni, con una elevata presenza di beni culturali, emergenze artistiche e architettoniche, musei, biblioteche e archivi storici, ma anche un patrimonio diffuso, naturale e antropico, connotato da un elevato valore ed interesse grazie il mantenimento di caratteri ed impianti originari. Situazione Ambientale: le risorse ambientali presenti nellarea, quali la montagna e il sistema di aste fluviali, sono scarsamente sfruttate e quindi tutelate solo in parte, su cui promuovere occasione di sviluppo sostenibile e compatibile con un equilibrio ambientale. La presenza limitata del sistema industriale ha salvaguardato l'area nel suo complesso da una sofferenza ambientale, che si manifesta soprattutto nell'area di maggiore aggregazione urbana, anche per la presenza di grosse polarit attrattive (il centro storico cosentino, larea universitaria, il centro direzionale e commerciale) a causa di elevati flussi di traffico, per lo pi privato e con mezzi su gomma. PRESENZA DI PROTODISTRETTI Esistono nell'area elementi di protodistretto relativamente ai settori dell'innovazione tecnologica e della ricerca

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

120

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

18: Il proto-distretto dellarea PIT Pollino


PRESENZA DI PROTODISTRETTI Pollino Allinterno dellarea il settore primario rappresenta ancora uno dei comparti Bisogna evidenziare che al di l trainanti delleconomia locale, infatti, allinterno dello stesso risulta della sola agricoltura sono quasi occupato circa il 26% del totale della popolazione residente attiva e si inesistenti legami e concentrazioni registra una densit media di 13.5 aziende ogni 100 abitanti dato di tipo funzionale, sia di tipo nettamente superiore sia a quello registrato nella Provincia (10.1) che nella settoriale che intersettoriale che Regione (10,2). Prendendo in considerazione il settore extragricolo si nota prefigurino lesistenza di un una netta prevalenza del settore commercio che nellarea rappresenta oltre distretto. Nel settore agricolo il 47% del totale delle unit locali. Laltro settore che, in ordine dell'area (per ci che riguarda le dimportanza, assume un ruolo prevalente quello dei servizi alle imprese colture agrumicole, peschicole e (15.7%) seguito dallindustria manifatturiera (11.1%) e dal settore del fungo cardoncello) si registra costruzioni (9.5%). Analizzando meglio nel dettaglio il segmento un discreto ispessimento delle dellindustria manifatturiera notiamo, nellordine, una prevalenza delle relazioni interaziendali che hanno attivit riferite allindustria alimentare (30.8%) seguita dallindustria del generato, tra l'altro, la nascita, in legno (16.7), dalla produzione di metallo e fabbricazione di prodotti in un'area pi vasta di quella del solo metallo (14%), dallindustria tessile (8.7) e dalla lavorazione di prodotti non PIT, di un indotto strettamente metalliferi (8%). Da notare la scarsa consistenza del settore ricettivo connesso al settore in questione. rappresentato da solo 9 strutture con 300 posti letto e la situazione non migliore per quanto attiene gli esercizi complementari rappresentati da 7 affittacamere e 5 strutture agrituristiche (con unincidenza del 6,7% sulla capacit alberghiera e del 6% circa sugli esercizi complementari della provincia). COMUNI DELLAREA PIT: Laino Borgo, Laino Castello, San Lorenzo Bellizzi, Castrovillari, Mormanno, Morano Calabro, Civita, Frascineto, Saracena, San Basile, Lungro, Acquaformosa, Firmo NOTE: Livello delle dotazioni di beni culturali: sono presenti ben 17 siti archeologici che coprono un arco temporale che va dal paleolitico superiore fino all'alto Medioevo, con una prevalente concentrazione, nel territorio di Castrovillari, di ville romane (la pi alta della Calabria). Tali emergenze possono essere offerte sul mercato turistico insieme alle tante chiese, abbazie, santuari e cappelle (periodo XI - XVIII secolo) presenti nel territorio. A ci va aggiunto, quale elemento culturale fortemente caratterizzante il territorio, che 6 dei 13 comuni del PIT, rappresentanti una popolazione pari a circa il 20% del totale d'area, sono di origine arbresch. Per quanto attiene l'archeologia industriale, elemento caratterizzante il territorio rappresentato dalla Salina di Lungro cui si aggiungono filande e mulini ad acqua sparsi sul territorio. Situazione ambientale: dal punto di vista ambientale, complessivamente, il territorio non presenta rilevanti problematiche e se si escludono alcuni siti per i quali necessario un intervento di riqualificazione possiamo affermare che, anche per la presenza del Parco, siamo in unarea che non stata sottoposta ad una distruzione del proprio patrimonio locale in termini di risorse naturali e culturali. AREA PIT SETTORE

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

121

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

19: Il proto-distretto dellarea PIT Crotone


AREA PIT Crotone SETTORE Il comparto che maggiormente contribuisce alla composizione della ricchezza economica nella provincia di Crotone e nellarea PIT quello dei Servizi (commercio, turismo, trasporti, credito ed assicurazioni, servizi non destinabili alla vendita, altro), seguito dallIndustria (manifatturiero e costruzioni) e, solo in minima parte, dallAgricoltura, nonostante lelevata numerosit imprenditoriale. Settore agricolo: il settore agricolo costituito da piccole-medie aziende zootecniche (allevamento di bovini e ovino-caprini) e da piccole-medie e grandi aziende che operano nel comparto cerealicolo, orticolo, olivicolo e vitivinicolo (cantina Val di Neto, vino S. Anna ed altri). Tali produzioni sono prevalentemente di tipo estensivo, considerata la presenza di vaste distese di terreni. Settore industriale: larea ha usufruito in questi ultimi anni di incentivi di natura fiscale, del lavoro e di strumenti finanziari (L. 488/92, Sovvenzione Globale e Contratto dArea, Prestito dOnore e LEADER) che hanno favorito la nascita di numerose piccole-medio aziende, prevalentemente dislocate nei comuni di Crotone, Cutro e Isola Capo Rizzuto. Si profila la realizzazione di un vero e proprio distretto di produzione di energia da biomasse e da gas metano che trova significativa presenza nei comuni di Crotone, Cutro, Strongoli e Scandale. Settore artigiano: sono presenti sul territorio piccole aziende artigiane che operano prevalentemente nel settore della lavorazione ferro, del legno, del marmo e dellalluminio. Il comparto, tuttavia, risulta frammentato e molto disomogeneo dal punto di vista delle produzioni. In via di crescita il settore dei derivati del latte (pecorino crotonese, mozzarelle, ricotte, provole), della gioielleria (si ricorda la presenza sul territorio del grande orafo internazionale Gerardo Sacco) e della produzione del pane tipico locale di Cutro, antica tradizione del territorio. Settore del commercio e della ristorazione: larea presenta un certo dinamismo, considerata la nascita di piccole-medie aziende che operano nel settore. Di contro i rapporti commerciali con lestero sono scarsi. Una certa vivacit imprenditoriale si rileva nel settore della ristorazione, grazie alla presenza di numerose pizzerie, ristoranti e aziende di catering. Settore turistico: larea, pur particolarmente attraente dal punto di vista culturale, ha sviluppato nella zona costiera un turismo basato esclusivamente sulla fruizione del mare. La maggiore presenza turistica concentrata nel comune di Isola Capo Rizzuto, di Crotone e nella zona costiera del territorio di Cutro, grazie anche alla presenza di grandi villaggi e allalta concentrazione di campeggi. Nel comune di Strongoli, di Isola e di Cutro diffusa la presenza di seconde case sul litorale con un uso prevalentemente estivo. Esiste altres un consistente patrimonio edilizio, generalmente al rustico. Ancora poco diffuso lagriturismo, nonostante la presenza di numerose aziende che, in realt, si limitano ad offrire semplicemente servizi di ristorazione. COMUNI DELLAREA PIT: Strongoli, Crotone, Rocca di Neto, Scandale, Cutro, Isola di Capo Rizzuto NOTE: Livello delle dotazioni in beni culturali: larea caratterizzata dalle presenza di moltissimi siti archeologici, appartenenti a diverse epoche storiche (dallet arcaica alla civilt industriale). Pi in dettaglio: nel Comune di Crotone presente il parco archeologico e naturalistico di Capo Colonna (periodo Magno-greco), il castello Carlo V, il centro storico, chiese e palazzi baronali di diverse epoche, altri reperti archeologici magno-greci in quasi tutta larea adiacente il fiume Esaro e nella medesima citt, il sito paleontologico di Vrica e Stuni (geotipo internazionale); nel Comune di Strongoli il centro Storico, resti archeologici dellantica Petelia e di Makalla (a Murge), il castello di Fasana, il palazzo vescovile, il castello di epoca normanna, chiese e monasteri; nel Comune di Isola Capo Rizzuto il castello aragonese di Le Castella, la Torre, chiese; nel Comune di Rocca di Neto grotte rupestri di origine achea; nel Comune di Cutro il palazzo comunale; nel Comune di Scandale il sito archeologico Leonia di epoca Bizantina. Situazione ambientale: la costa presenta un basso livello di inquinamento ambientale, dovuto principalmente alla chiusura delle grandi aziende produttive e alla messa in funzione, ovvero adeguamento, dei depuratori esistenti sia di tipo biologico che industriale. Larea interessata ad un intervento di disinquinamento della costa, in attuazione del progetto varato dal Commissario straordinario per il disinquinamento e lo smaltimento dei rifiuti. PRESENZA DI PROTODISTRETTI presente sul territorio il proto-distretto del turismo nel Comune di Isola Capo Rizzuto, il proto distretto del pane a Cutro e del pecorino crotonese in tutta larea.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

122

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

20: Gli agglomerati di Sviluppo Industriale inseriti nellAPQ "Infrastrutturazione per lo sviluppo locale"
Lanalisi delle aree industriali calabresi ha avuto avvio dal lavoro Studi di settore finalizzati alla promozione della localizzazione di imprese industriali e di servizi nella regione Calabria - ricognizione dellofferta dei fattori insediativi per le attivit industriali della Calabria e dei sistemi locali, del luglio 2000, effettuato dallATI Arthur Andersen MBA S.r.l.- I.S.R.I. S.Coop. a.r.l. Lo studio, finanziato nellambito del POP 1994-1999, indicato dal Complemento di Programmazione del P.O.R. Calabria 2000-2006 come riferimento analitico preliminare di cui tener conto per lattuazione delle azioni della Misura 4.2. Nel suddetto lavoro sono riportate dettagliate informazioni relative alle tredici zone di insediamento industriale esistenti in Calabria, di seguito richiamate: Provincia di Catanzaro, n.1 area: Area di Lamezia Terme; Provincia di Cosenza, n. 6 aree: Area di Cammarata; Area di Follone; Area di SantIrene; Area di Schiavonea; Area di Bisignano; Area di Piano Lago; Provincia di Reggio Calabria, n. 3 aree: Area di Campo Calabro; Area di Gioia Tauro; Area di Saline Ioniche; Provincia di Vibo Valentia, n. 2 aree: Area di Aeroporto; Area di Portosalvo; Provincia di Crotone, n.1 area: Area di Crotone.

Tra questi agglomerati industriali la Regione ha individuato sei agglomerati di eccellenza nei quali concentrare gli interventi di infrastrutturazione primaria a servizio delle attivit produttive. La selezione stata effettuata tenendo conto dei seguenti indicatori: accessibilit delle aree; dotazione infrastrutturale; area disponibile per nuovi insediamenti; domanda previsionale del sistema delle imprese ;specializzazione settoriale; presenza dello sportello unico.

Gli agglomerati selezionati sono i seguenti: Lamezia Terme (Catanzaro) Bisignano (Cosenza) Schiavonea (Cosenza) Crotone (Crotone) Gioia Tauro (Reggio Calabria) Porto Salvo e Aeroporto (Vibo Valentia)

Di ciascuno si riportano le informazioni relative alla localizzazione, alla consistenza delle imprese esistenti nellarea e alla specializzazione produttiva. Lagglomerato industriale di Lametia Terme (CZ) Larea risulta compresa tra il torrente Maida a Nord, il mar Tirreno a ovest, il torrente Turrina a sud e la linea ferrovia Battipaglia-Reggio Calabria ad est. Le unit locali attive ammontano a 27, di cui 5 localizzate nellarea ex SIR, con 1300 addetti, di cui 500 relativi al Centro Servizi. Si segnala una rilevante domanda di nuovo insediamento (62 richieste). Specializzazione settoriale: agroalimentare, lavorazione minerali non metalliferi.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

123

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Lagglomerato industriale di Bisignano (CS) Larea localizzata a 6 km dal centro di Bisignano, nella parte pianeggiante del comprensorio che si estende sulle rive dei fiumi Crati e Muccone, a circa 25 km a nord da Cosenza. Attualmente le unit locali attive nellarea sono sei, operanti prevalentemente nel settore manifatturiero, per complessivi 186 addetti. Le imprese in costruzione o che hanno in progetto linsediamento nellagglomerato ammontano complessivamente a 34. Specializzazione settoriale: agroalimentare, lavorazione minerali non metalliferi. Lagglomerato industriale di Schiavonea (CS) Larea si trova a 9 Km dal centro di Corigliano sul litorale ionico settentrionale della provincia cosentina. Il capoluogo provinciale dista circa 65 Km. Nella zona industriale sono insediate 41 unit locali con un numero di addetti complessivo pari a 732 unit. Le imprese in costruzione o che hanno richiesto lotti ammontano a 85. Specializzazione settoriale: agroalimentare, carpenteria metallica, legno arredamento. Lagglomerato industriale di Crotone (KR) Larea si trova sul litorale ionico calabrese, adiacente al centro capoluogo. Dista 72 km da Catanzaro e 115 Km da Cosenza. Le unit locali attive nellarea sono 99 per complessivi 1299 addetti. Il sistema produttivo insediato si presenta piuttosto diversificato. Le realt industriali inattive ammontano a 27, mentre quelle in programma sono 46. Specializzazione settoriale: lavorazione minerali non metalliferi, chimica, alimentari di base. Lagglomerato industriale di Gioia Tauro (RC) Larea compresa entro gli ambiti amministrativi dei Comuni di Gioia Tauro, Rosarno e San Ferdinando, sul litorale tirrenico della provincia reggina. Larea dista circa 60 km da Reggio Calabria. Attualmente le unit locali attive nellarea sono 6, di cui una a carattere stagionale. Il numero di addetti attualmente occupati nelle suddette attivit si aggira intorno alle 96 unit. Risultano in costruzione o in programma 69 nuove aziende. Specializzazione settoriale: logistica Lagglomerato industriale di Porto Salvo (VV) Comprende due agglomerati: lagglomerato industriale di Porto Salvo: Larea ubicata nel Comune di Vibo Valentia, fra i centri di Briatico e Bidona sulla costa tirrenica a margine di Vibo Marina, in direzione sud. Attualmente le unit locali attive nellarea sono 37 con un numero di addetti pari a 743. Le imprese in costruzione e/o in programma ammontano a 13. Specializzazione settoriale: carpenteria metallica, conserviero-alimentare; Lagglomerato industriale di Aeroporto: Larea si colloca nel Comune di Vibo Valentia, a circa 7 km dal centro urbano lungo la SS 18 in direzione sud. Le aziende attive ubicate nellarea ammontano a 27 per complessivi 314 addetti. Tra queste si distingue, per la rilevanza occupazionale, la ditta Pamela Sud, operante nel settore tessile della maglieria, avente circa 100 dipendenti. Si registrano, inoltre, 24 unit in costruzione e/o in programma. Specializzazione settoriale: tessile.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

124

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

21: Il settore metalmeccanico nella provincia di Vibo Valentia


Quanto di seguito riportato costituisce parte dei risultati di un'indagine condotta dalla Camera di Commercio di Vibo Valentia in corso di pubblicazione. L'analisi stata condotta a partire dai dati Istat del censimento intermedio sull'industria e sui servizi del 1996 dai quali risulta che il settore metalmeccanico ha un peso rilevante nell'economica della provincia di Vibo Valentia. Infatti nell'anno considerato le 230 imprese operanti in tale settore rappresentavano il 26% circa delle imprese manifatturiere presenti nella provincia e occupavano 865 addetti16, pari ad un terzo della forza lavoro.La tipologia di produzione preponderante era relativa alla fabbricazione e lavorazione di prodotti in metallo e, a seguire, la fabbricazione di macchine elettriche ed apparecchiature elettriche ed ottiche e la fabbricazione di mezzi di trasporto. Relativamente alle caratteristiche dimensionali ed organizzative, in media la dimensione aziendale era pari a 4,8 addetti per unit locale17. Le unit locali afferenti alla fabbricazione di macchine ed apparecchi meccanici erano di dimensioni pi consistenti, pari in media a 22 addetti, mentre quelle del comparto della fabbricazione di mezzi di trasporto contavano solo 2 addetti in media. Valori occupazionali medi molto elevati si registravano in due comparti: fabbricazione di attrezzi di uso non domestico per refrigerazione e ventilazione, con 141,5 addetti; fabbricazione di altre macchine per impieghi speciali (120 addetti).

Questo stato determinato dalla presenza di due unit locali di rilevanza, quali il Nuovo Pignone spa, che nel 1996 contava 280 addetti e nel 2002 ne conta 150, e la Snamprogetti spa che, nello stesso periodo, aveva 236 addetti. Considerando la distribuzione delle unit locali e degli addetti per classe di addetti si rilevato che quasi i due terzi delle unit locali erano monoaddetto ed erano concentrate soprattutto nel comparto della produzione di metallo e loro leghe. Il comparto in cui operavano imprese di dimensioni pi consistenti era quello delle macchine ed apparecchi meccanici. La forma giuridica rilevante era quella di ditta individuale, cui seguivano le societ di persone e di capitale, mentre era irrilevante la presenza di forme consortile e cooperative. Il tessuto metalmeccanico vibonese era caratterizzato dalla presenza di microimprese a prevalente gestione individuale, poco strutturate e scarsamente dinamiche, obbligate ad affrontare ostacoli insormontabili nell'ampliamento delle strutture produttive, nel marketing, nell'introduzione di innovazioni tecniche, nell'accesso al credito. Dopo aver rilevato le caratteristiche del comparto, l'indagine stata finalizzata a verificare la presenza nella provincia di aree o sistemi territoriali in cui le imprese metalmeccaniche si sono sedimentate Si partiti dal considerare quei comuni che, nel censimento intermedio Istat 1996, presentavano almeno 5 addetti alle unit locali metalmeccaniche e ne sono stati evidenziati cos 25. Questi comuni sono stati classificati in 4 tipologie sulla base del confronto tra i valori assunti dall'indice di densit manifatturiera e quello di densit metalmeccanica e gli indici provinciali. I risultati sono riportati nella tabella seguente.

16 Addetto (definizione ISTAT): con tale termine si definiscono le persone dipendenti e indipendenti occupate (a tempo pieno, o a part-time o per contratto di formazione e lavoro) presso le unit economiche ubicate sul territorio nazionale anche se temporaneamente assente per servizio, ferie, malattia, sospensione dal lavoro, Cassa integrazione guadagni ecc..). 17 Unit locale: si intende il luogo variamente denominato (stabilimento, laboratorio, negozio, officina, ristorante, albergo, bar, ufficio, agenzia, magazzino, studio professionale, abitazione, scuola, ospedale, dogana, intendenza, ecc.) in cui si realizza la produzione di beni o nel quale si svolge o si organizza la prestazione di servizi destinabili o non destinabili alla vendita.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

125

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Tipologie Comunali
Tipologia A Definizione Comuni ad elevata specializzazione metalmeccanica e manifatturiera Comuni ad alta specializzazione metalmeccanica e bassa specializzazione manifatturiera Comuni a bassa specializzazione metalmeccanica ed alta specializzazione manifatturiera Comuni a bassa specializzazione metalmeccanica e manifatturiera Descrizione Comuni indice di densit metalmeccanica > indice Ionadi, Vibo Valentia e Maierato medio provinciale indice di densit manifatturiera > indice medio provinciale indice di densit metalmeccanica > indice Rombiolo medio provinciale indice di densit manifatturiera < indice medio provinciale indice di densit metalmeccanica < indice Soriano Calabro e Zungri medio provinciale indice di densit manifatturiera > indice medio provinciale indice di densit metalmeccanica < indice medio provinciale indice di densit manifatturiera < indice medio provinciale Cessaniti, Filadelfia, Francavilla Angitola, Nicotera, Parghelia, Pizzo, Ricadi, Sant'Onofrio, Tropea, Mileto, San Costantino Calabro, Stefanaconi, Das, Drapia, Fabrizia, San Calogero, Serra San Bruno, Spilinga, Zambrone

Fonte: nostra elaborazione da "Il Polo Metalmeccanico Vibonese", a cura di D. Cersosimo e A. Fortunato, Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Vibo Valentia

Successivamente tutti i comuni della provincia sono stati classificati in base ad un indicatore di strutturazione comunale costruito su 6 indicatori quantitativi18 ricavati dai dati del Censimento intermedio dell'Istat del 1996. Le classi individuate sono state tre per come indicate nella tabella seguente.
CLASSE 1 CARATTERISTICHE Area della marginalit industriale: comprende 14 comuni prevalentemente dell'area interna della provincia, contraddistinti da una bassa densit metalmeccanica e manifatturiera; caratterizzata da una situazione di debolezza economica e scarsa consistenza imprenditoriale. Comuni intermedi: comprende 32 comuni con tassi di imprenditorialit e densit metalmeccanica e manifatturiera al di sotto della media provinciale; non si riscontrano significativi addensamenti metalmeccanici. COMUNI Brognaturo, Cessaniti, Filadelfia, Joppolo, Limbadi, Mongiana, Nardodipace, Nicotera, San Costantino Calabro, San Gregorio d'Ippona, San Nicola da Crissa, Simbario, Sorianello, Vallelonga Acquaro, Arena, Briatico, Capistrano, Dasa', Dinami, Drapia, Fabrizia, Filandari, Filogaso, Francavilla Angitola, Francica, Gerocarne, Mileto, Monterosso Calabro, Parghelia, Pizzo, Pizzoni, Polia, Ricadi, San Calogero, Sant'Onofrio, Serra San Bruno, Soriano Calabro, Spadola, Spilinga, Stefanaconi, Tropea, Vazzano, Zaccanopoli, Zambrone, Zungri Ionadi, Maierato, Rombiolo, Vibo Valentia

Area a pi forte strutturazione industriale: comprende 4 comuni con livelli di densit e imprenditorialit metalmeccanica e manifatturiera al di sopra della media provinciale

Fonte: nostra elaborazione da "Il Polo Metalmeccanico Vibonese", a cura di D. Cersosimo e A. Fortunato, Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di Vibo Valentia

L'analisi della dinamica di lungo periodo ha evidenziato che nel vibonese il settore metalmeccanico ha subito una graduale espansione in termini di unit locali e di addetti nel periodo 1951-1991 e si stabilizzato negli anni
18 Gli indici considerati sono: Indice di densit metalmeccanica, dato dal rapporto tra gli addetti alle unit locali metalmeccaniche e la popolazione residente al 1996; Tasso di imprenditorialit metalmeccanica, dato dal rapporto tra unit locali metalmeccaniche e popolazione residente al 1996; Indice di densit manifatturiera, dato dal rapporto tra gli addetti alle unit locali manifatturiere e la popolazione residente al 1996; Tasso di imprenditorialit manifatturiera, dato dal rapporto percentuale tra unit locali manifatturiere e popolazione residente al 1996; Indice di crescita metalmeccanica, dato dal rapporto percentuale tra unit locali metalmeccaniche operanti nel 1991 e unit locali metalmeccaniche operanti nel 1996; Indice di concentrazione, dato dal rapporto percentuale tra unit locali metalmeccaniche e unit locali manifatturiere al 1996.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

126

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

novanta. Ha, comunque, buone prospettive di crescita di fatturato e occupazionale. Si segnala un blando declino delle imprese con meno di 15 dipendenti e un rafforzamento di quelle con oltre 50 addetti. Questo sta a indicare un indirizzo delle imprese verso assetti dimensionali pi robusti e meno polverizzati. Le imprese hanno una buona propensione ad utilizzare finanziamenti pubblici (488/92) e tra le criticit che segnalano ci sono il reperimento di manodopera qualificata e di risorse finanziarie e l'inadeguatezza dei servizi di comunicazione. Dal punto di vista della competitivit l'orizzonte si concentra entro il perimetro provinciale e tra imprese con identiche caratteristiche strutturali. La chiusura competitiva non favorisce l'innovazione aziendale e concentra la capacit competitiva delle imprese sul prezzo praticato. Bisogna, infine, sottolineare che il processo generativo di imprenditorialit nel settore metalmeccanico in tale area stato determinato soprattutto dallo spinoff conseguente alla mobilit in uscita di lavoratori dipendenti del Nuovo Pignone. innegabile, infatti, l'effetto culturale determinato da tale impresa, consistente nella possibilit di sviluppare e trasmettere conoscenze di tecniche manageriali, di processi produttivi, di cultura finanziaria, di logistica che altrimenti nel vibonese non sarebbero mai maturate.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

127

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

22: La filiera del legno nella provincia di Vibo Valentia


La filiera del legno comprende l'intero territorio della provincia di Vibo Valentia, con una concentrazione maggiore nell'area delle Serre. La superficie boschiva della Provincia , secondo il censimento ISTAT del 1996, pari a 25.928 ha (26% dell'intero territorio provinciale), di cui un'area pari al 59% ricade in aree poste ad un'altezza superiore a 700 metri. Il legname pi consistente quello di faggio, abete bianco e castagno. In base ad una stima ISTAT, nel 1997 sono state effettuate 388 tagliate, corrispondenti a 6.894 metri cubi di legname. Di questi, il 64% stato destinato alla produzione di legname da lavoro, il restante per la combustione e il carbone. Grazie alla notevole presenza di risorse legnose nell'area delle Serre vibonesi sono nate numerose aziende artigiane ed industriali, che operano nella trasformazione e produzione del legno, creando ad una filiera la cui struttura comprende tre tipologie di produzioni: I lavorazione, attraverso la quale si effettua la prima trasformazione delle materie prime grezze (segherie); II lavorazione, con la quale si effettua la successiva trasformazione in materiale da lavoro (sfogliate, tranciati, compensati etc.) ed il recupero di sottoprodotti di lavorazione (segatura, trucioli etc.) e di altri materiali legnosi (cassette ortofrutticole, pallets, bancati etc.); III lavorazione, con la quale i semilavorati vengono trasformati in prodotti finiti (porte, finestre, pavimenti, mobili in legno). Secondo un'indagine condotta da Infocamere, alla fine del III trimestre 2001 vi erano 260 imprese nel comparto dell'industria del legno, esclusi i mobilifici. L'incidenza media rispetto al complesso delle aziende manifatturiere si attesta intorno al 18%. Di queste il 60% costituito da falegnamerie artigianali, il 20% da industrie boschive e il 20% da imprese per la realizzazione di manufatti in legno. Si tratta, in ogni modo, di piccole e piccolissime aziende: 6 sono societ di capitali; 22 sono societ di persone; le restanti 230 ditte individuali. La maggior parte opera esclusivamente attraverso l'attivit del titolare o con una manodopera che raramente supera le 3/5 unit. L'industria del legno nella provincia di Vibo Valentia si configura, infatti, come un sistema di piccole e piccolissime imprese presenti in ciascuna delle fasi tecnico-economiche, con una particolare concentrazione a monte, cio nelle fasi concernenti la produzione e la prima trasformazione del legno. Invece c' una scarsa presenza di aziende collocate nella fase che convenzionalmente nel comparto della lavorazione del legno definita della seconda lavorazione, mentre la fase a valle, cui demandato l'utilizzo della materia prima semilavorata per la realizzazione del prodotto finito, si caratterizza per la presenza di numerosissime piccole imprese artigiane di modeste dimensioni, principalmente impegnate nella produzione di infissi e similari. Per quel che concerne i mercati di destinazione, partendo dalle industrie boschive, la produzione di tronchi destinata alle segherie locali solo per il 50% mentre la restante quota generalmente destinata ai mercati nazionali, in particolare Sicilia, Puglia, Campania ed in piccole quantit Toscana. Il legname da ardere per la quasi totalit venduto in loco ed diretto a soddisfare la domanda privata. I semilavorati prodotti dalle segherie sono diretti al mercato locale delle imprese artigiane solo per il 15% della produzione totale. Una quota equivalente destinata a rimanere in Calabria, soprattutto per la produzione di cellulosa, mentre il restante 70% destinata al mercato della Sicilia e del Centro - Nord. Infine occorre rilevare che le falegnamerie si approvvigionano a livello locale per quantitativi ridottissimi (circa il 20%), mentre per la maggior parte (il restante 80%) della produzione si fa ricorso a materie prime importate, quali l'iroko, il pino, il rovere, il noce, il douglas e altri legnami ritenuti qualitativamente pi idonei alla realizzazione di porte ed infissi con prezzi concorrenziali rispetto all'offerta locale. Tuttavia, la filiera del legno presenta una scarsa propensione all'export. Ci a causa dello scarso livello di differenziazione delle produzioni locali, alla prevalenza di produzione di semilavorati destinati all'edilizia, alla produzione della carta e del carbone. Lanalisi condotta dalla Camera di Commercio ha messo in risalto i punti di forza e di debolezza della filiera in termini di possibilit competitive e specificamente:

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

128

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

punti di forza19: le Serre vibonesi presentano una superficie forestale di assoluto rilievo nel panorama nazionale caratterizzato da una prevalenza di fustaie; presenza di aree montane boscate con elevata superficie forestale coperta da fustaie di faggio e abetina e cellule di castagno che, per una quota significativa, presentano interessanti caratteristiche qualitative; il faggio e il castagno dei lotti di qualit si prestano ad essere utilizzati come legno massello per la produzione di scale, pavimenti, sedie, oggetti in legno per arredamento; il legnatico e gli scarti di produzione delle segherie rappresentano una rilevante risorsa attraverso la quale produrre pannelli di truciolato e pallet per il riscaldamento; la presenza di un numero elevato di imprese che operano nel settore della produzione e della prima lavorazione del legno e nella produzione di porte e infissi; un livello di integrazione elevato tra aziende di produzione del legno e imprese di prima trasformazione; presenza di maestranze nella lavorazione del legno, frutto di secoli di esperienza tramandata di padre in figlio; presenza di condizioni favorevoli per la localizzazione di imprese di medie e grandi dimensioni operanti nella seconda e terza lavorazione del legno e dei suoi derivati; presenza di infrastrutture importanti, in particolare il porto di Gioia Tauro, per la movimentazione di merci e prodotti voluminosi.

punti di debolezza20: eccessiva polverizzazione dell'offerta dei privati e scarso utilizzo di quella pubblica in termini di prelievi di legno; mancato rispetto dei piani di assestamento e ritardi nella nuova programmazione dei prelievi di legno con danni per la qualit della materia prima; concentrazione quasi esclusiva delle aziende locali sulla produzione di materiale per l'edilizia e scarsa valorizzazione della materia prima di una certa qualit presente in zona; scarsa integrazione del sistema legno delle Serre Vibonesi nelle fasi a valle della filiera tecnico - economica che possano assorbire parte della produzione locale di legno e semilavorati; mancata attuazione di tecniche silvicole in grado di migliorare la media della qualit legnosa e di strutture di assistenza tecnica, anche associative, in grado di accompagnare in tale percorso sia la pubblica amministrazione sia i privati; assoluta assenza di strutture per la ricerca e lo sviluppo tecnologico.

Le opportunit di crescita delle imprese rispetto alle differenti tipologie di lavorazione sono le seguenti: per l'edilizia tramite la realizzazione di medio-grandi investimenti attuati attraverso processi di delocalizzazione per servire il mercato del Meridione d'Italia e processi di generazione endogena e delocalizzazione focalizzati sui contenuti tecnologici e sulle problematiche di marketing; III lavorazione: andrebbe incentivata la produzione di prodotti in legno per l'arredamento tramite investimenti di piccole/medie dimensioni attuati attraverso processi di generazione endogena e delocalizzazione, focalizzati sui contenuti tecnologici e sulle problematiche di marketing e sul recupero di maestranze e tradizioni locali ed attraverso integrazione con altri comparti produttivi dell'area per l'acquisizione di prodotti in ferro e di sintesi da utilizzare per l'arredamento in abbinamento al faggio ed al castagno locale. riciclaggio dei prodotti di scarto: andrebbe incentivata la produzione di pallet per riscaldamento. Nell'economia di riqualificazione della filiera legno i privati investono un ruolo di base. Ad essi, infatti, riconducibile la titolarit di circa l'80% della superficie forestale della provincia e su di essi, quindi, ricade il ruolo
19 Da Risorse ed imprese della filiera legno-mobile della provincia di Vibo Valentia. Opportunit di business e possibili strategie di sviluppo, a cura della Camera di Commercio di Vibo Valentia, collana Studi e Ricerche, n. 4, 2002, pag. 99 20 Da Risorse ed imprese della filiera legno-mobile della provincia di Vibo Valentia. Opportunit di business e possibili strategie di sviluppo, a cura della Camera di Commercio di Vibo Valentia, collana Studi e Ricerche, n. 4, 2002, pag. 100

II lavorazione: andrebbe incentivata la produzione di truciolati, MDF, masonite e similari e di prodotti in legno

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

129

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

di attivare processi di miglioramento della superficie forestale, auspicati affinch la straordinaria ricchezza di materia prima legnosa di quest'area si possa tradurre con maggiore sistematicit in qualit del prodotto finito. Sarebbe inoltre auspicabile concentrare l'offerta e la gestione imprenditoriale della superficie boscata, coinvolgere i privati nella pianificazione dei tagli, da parte di soggetti istituzionali promuovere attivit di assistenza tecnica volta a qualificare la gestione del patrimonio boschivo. Da parte delle imprese sarebbe importante promuovere forme di associazionismo volte a favorire la competitivit della filiera anche attraverso il ricorso al finanziamento pubblico, favorire la nascita di centri servizi per l'export e l'innovazione tecnologica, rendere flessibili ed orientati i processi produttivi delle fasi a monte della filiera del legno e promuovere nuovi investimenti di completamento della filiera nelle fasi della II e della III lavorazione. Dal canto suo la pubblica amministrazione dovrebbe: promuovere una pi oculata gestione e valorizzazione del patrimonio boschivo demaniale anche attraverso affidamenti esterni in gestione; supportare direttamente ed indirettamente, l'azione partenariale volta a definire ed attuare le strategie di sviluppo della filiera e del sistema territoriale delle Serre Vibonesi; sostenere finanziariamente il processo di riqualificazione della filiera favorendo procedure negoziali promosse da sistemi integrati di PMI attuare processi di infrastrutturazione funzionali ai processi di riqualificazione delle filiera del legno nell'area delle Serre Vibonesi

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

130

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

C) DOCUMENTAZIONE STATISTICA SULLE PROVINCIE

PROVINCIA DI CATANZARO Esportazioni nel settore manifatturiero: graduatoria della media dei valori percentuali calcolati sul periodo 1995-2002 COMPARTI
DK-MACCHINE ED APPARECCHI MECCANICI DA-PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO DM-MEZZI DI TRASPORTO DH-ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE DJ-METALLI E PRODOTTI IN METALLO DB-PRODOTTI DELLE INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAMENTO DL-MACCHINE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE, ELETTRONICHE ED OTTICHE DG-PRODOTTI CHIMICI E FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DN-ALTRI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE MANIFATTURIERE DI-PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI DC-CUOIO E PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI DD-LEGNO E PRODOTTI IN LEGNO DE-PASTA DA CARTA, CARTA E PRODOTTI DI CARTA; PRODOTTI DELL'EDITORIA E DELLA STAMPA DF-COKE, PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI E COMBUSTIBILI NUCLEARI Fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT

media del periodo 28,01% 25,16% 11,34% 9,97% 9,62% 6,18% 3,06% 2,52% 2,26% 1,08% 0,30% 0,22% 0,22% 0,07%

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

131

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
Andamento delle esportazioni dei prodotti trasformati e manufatti nella provincia di Catanzaro

100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002

DN-ALTRI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE M ANIFATTURIERE DM -M EZZI DI TRASPORTO DL-M ACCHINE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE, ELETTRONICHE ED OTTICHE DK-M ACCHINE ED APPARECCHI M ECCANICI DJ-M ETALLI E PRODOTTI IN M ETALLO DI-PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI M INERALI NON M ETALLIFERI DH-ARTICOLI IN GOM M A E M ATERIE PLASTICHE DG-PRODOTTI CHIM ICI E FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DF-COKE, PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI E COM BUSTIBILI NUCLEARI DE-PASTA DA CARTA, CARTA E PRODOTTI DI CARTA; PRODOTTI DELL'EDITORIA E DELLA STAM PA DD-LEGNO E PRODOTTI IN LEGNO DC-CUOIO E PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIM ILARI DB-PRODOTTI DELLE INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAM ENTO DA-PRODOTTI ALIM ENTARI, BEVANDE E TABACCO

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

132

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Provincia di Catanzaro: Principali transazioni con l'estero - 200021

(Valori in Euro) Esportazioni Paese 1 2 3 4 5 6 7 Germania Spagna Francia Stati Uniti d'America Regno Unito Svizzera Finlandia Valore 6.266.428 4.977.670 2.795.604 2.502.808 1.846.128 1.314.639 1.239.275 930.004 897.145 759.418 23.529.119 Totale Merci Natura Altri prodotti alimentari Articoli in materie plastiche Navi e imbarcazioni Preparati e conserve di frutta Autoveicoli Agricoltura e orticoltura Macchine utensili Macchine produzione energia mecc. Provviste di bordo Bevande Totale Valore 3.682.487 3.064.300 2.863.260 2.464.330 2.056.380 2.027.110 1.991.383 1.863.415 1.856.033 1.642.632 23.511.330 (Valori in Euro) Importazioni Paese 1 Germania 2 Spagna 3 Francia 4 Danimarca 5 Paesi Bassi 6 Svezia 7 Belgio 8 Svizzera 9 Regno Unito 10 Austria Totale Valore 25.985.430 19.046.837 7.747.482 7.477.884 5.566.412 4.559.897 4.279.925 4.238.518 4.042.712 3.338.088 86.283.185 Merci Natura Pesci trasformati, conservati Autoveicoli Altre macchine per impieghi speciali Provviste di bordo Fili e cavi isolati Agricoltura e orticoltura Prodotti lattiero-caseari e gelati Animali vivi Carne, prod. a base di carne Orologi Totale Valore 14.826.106 10.329.147 9.292.531 5.931.031 5.046.107 4.973.539 3.766.897 3.490.424 3.330.742 2.848.319 63.834.843

8 Canada 9 Austria 10 Corea del Sud

21 Fonte: nostra elaborazione da Atlante delle competitivit delle province italiane, Unioncamere

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

133

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

PROVINCIA DI COSENZA Esportazioni nel settore manifatturiero: graduatoria della media dei valori percentuali calcolati sul periodo 1995-2002 COMPARTI
DH-ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE DA-PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO DB-PRODOTTI DELLE INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAMENTO DK-MACCHINE ED APPARECCHI MECCANICI DN-ALTRI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE MANIFATTURIERE DD-LEGNO E PRODOTTI IN LEGNO DI-PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI DL-MACCHINE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE, ELETTRONICHE ED OTTICHE DE-PASTA DA CARTA, CARTA E PRODOTTI DI CARTA; PRODOTTI DELL'EDITORIA E DELLA STAMPA DG-PRODOTTI CHIMICI E FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DJ-METALLI E PRODOTTI IN METALLO DM-MEZZI DI TRASPORTO DC-CUOIO E PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI DF-COKE, PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI E COMBUSTIBILI NUCLEARI fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT

media del periodo 27,40% 22,44%

20,77% 4,57% 4,42% 4,31% 3,53% 3,02% 2,66% 2,31% 1,89% 1,70% 0,97% 0,01%

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

134

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Andamento delle esportazioni dei prodotti trasformati e manufatti nella provincia di Cosenza

100%

80%

60%

40%

20%

0% 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002

DN-ALTRI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE M ANIFATTURIERE DM -M EZZI DI TRASPORTO DL-M ACCHINE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE, ELETTRONICHE ED OTTICHE DK-M ACCHINE ED APPARECCHI M ECCANICI DJ-M ETALLI E PRODOTTI IN M ETALLO DI-PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI M INERALI NON M ETALLIFERI DH-ARTICOLI IN GOM M A E M ATERIE PLASTICHE DG-PRODOTTI CHIM ICI E FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DF-COKE, PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI E COM BUSTIBILI NUCLEARI DE-PASTA DA CARTA, CARTA E PRODOTTI DI CARTA; PRODOTTI DELL'EDITORIA E DELLA STAM PA DD-LEGNO E PRODOTTI IN LEGNO DC-CUOIO E PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIM ILARI DB-PRODOTTI DELLE INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAM ENTO DA-PRODOTTI ALIM ENTARI, BEVANDE E TABACCO

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

135

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Provincia di Cosenza: Principali transazioni con l'estero - 200022

(Valori in Euro) Esportazioni Paese 1 Germania 2 Regno Unito 3 Francia 4 Stati Uniti d'America 5 Spagna 6 Canada 7 Austria 8 Polonia 9 Svezia 10 Grecia Valore Merci Natura Agricoltura e orticoltura Articoli in gomma Provviste di bordo Preparati e conserve di frutta Altri articoli di abbigliamento Altri prodotti tessili Altri prodotti alimentari Gioielli e articoli di oreficeria Oli grassi vegetali e animali Pesca Valore 33.672.802 12.958.847 7.285.398 4.983.516 4.827.582 4.515.143 2.306.865 1.913.397 1.417.323 1.085.173 (Valori in Euro) Importazioni Paese 1 Germania 2 Francia 3 Spagna 4 Paesi Bassi 5 Austria 6 Regno Unito 7 Stati Uniti d'America 8 Belgio 9 Israele 10 India Valore 35.063.067 18.754.341 13.990.545 9.937.513 7.230.716 5.387.060 4.763.108 4.632.036 4.476.459 2.530.749 Merci Natura Carne, prod. a base di carne Agricoltura e orticoltura Autoveicoli Altre macchine per impieghi speciali Provviste di bordo Macchine per ufficio Prodotti lattiero-caseari e gelati Legno tagliat, piallato Apparecchi elettrici, n.c.a. Animali vivi Valore 16.667.143 14.209.693 13.663.243 8.691.653 7.424.754 6.697.841 5.937.698 5.544.773 3.536.171 3.160.185

24.608.357 13.301.722 9.969.313 5.375.843 5.334.898 4.265.222 3.017.969 2.431.995 1.902.081 1.776.834

22 Fonte: nostra elaborazione da Atlante delle competitivit delle province italiane, Unioncamere

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

136

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

PROVINCIA DI CROTONE Esportazioni nel settore manifatturiero: graduatoria della media dei valori percentuali calcolati sul periodo 1995-2002 COMPARTI
DA-PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO DJ-METALLI E PRODOTTI IN METALLO DG-PRODOTTI CHIMICI E FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DL-MACCHINE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE, ELETTRONICHE ED OTTICHE DB-PRODOTTI DELLE INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAMENTO DK-MACCHINE ED APPARECCHI MECCANICI DN-ALTRI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE MANIFATTURIERE DM-MEZZI DI TRASPORTO DC-CUOIO E PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI DI-PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI DH-ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE DE-PASTA DA CARTA, CARTA E PRODOTTI DI CARTA; PRODOTTI DELL'EDITORIA E DELLA STAMPA DD-LEGNO E PRODOTTI IN LEGNO DF-COKE, PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI E COMBUSTIBILI NUCLEARI Fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT

media del periodo 28,04% 27,77%

18,93% 6,67% 6,62% 6,17% 2,72% 1,05% 0,61% 0,53% 0,41% 0,24% 0,23% 0,01%

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

137

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Andamento delle esportazioni dei prodotti trasformati e manufatti nella provincia di Crotone

10 0 %

80%

60%

40%

20%

0% 19 9 5 19 9 6 19 9 7 19 9 8 19 9 9 2000 2001 2002

DN-ALTRI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE M ANIFATTURIERE DM -M EZZI DI TRASPORTO DL-M ACCHINE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE, ELETTRONICHE ED OTTICHE DK-M ACCHINE ED APPARECCHI M ECCANICI DJ-M ETALLI E PRODOTTI IN M ETALLO DI-PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI M INERALI NON M ETALLIFERI DH-ARTICOLI IN GOM M A E M ATERIE PLASTICHE DG-PRODOTTI CHIM ICI E FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DF-COKE, PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI E COM BUSTIBILI NUCLEARI DE-PASTA DA CARTA, CARTA E PRODOTTI DI CARTA; PRODOTTI DELL'EDITORIA E DELLA STAM PA DD-LEGNO E PRODOTTI IN LEGNO DC-CUOIO E PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIM ILARI DB-PRODOTTI DELLE INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAM ENTO DA-PRODOTTI ALIM ENTARI, BEVANDE E TABACCO

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

138

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Provincia di Crotone: Principali transazioni con l'estero - 200023


(Valori in E uro) E sportazioni P aese 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Stati Uniti d'A merica G ermania T urchia G iappone A ntille O landesi Francia Svizzera Emirati A rabi Uniti Spagna G recia Valore 4.643.281 4.302.961 1.576.704 1.541.642 1.253.773 832.979 590.437 468.609 413.156 394.017 Merci N atura Preparati e conserve di frutta Prodotti chimici di base Bevande O li grassi vegetali e animali A ltre macchine impiego generale Macchine per ufficio A pp. distribuzione energia A gricoltura e orticoltura Manufatti tessili Sale Valore 3.096.070 2.073.706 1.818.519 1.502.172 1.405.399 1.386.775 1.328.056 1.218.910 1.040.400 935.754 (Valori in E uro) Im portazioni P aese 1 Francia 2 G ermania 3 Spagna 4 Regno Unito 5 Belgio 6 A ustria 7 G iappone 8 Romania 9 Bulgaria 10 A ustralia Valore 17.240.043 16.763.932 7.565.571 3.605.087 1.748.311 1.723.966 959.754 875.443 866.989 675.119 Merci N atura A gricoltura e orticoltura Prodotti lattiero-caseari e gelati Prodotti chimici di base A nimali vivi Macchine utensili Strumenti ottici C arne, prod. a base di carne A ltre macchine impiego generale Pasta da carta G hiaia, sabbia e argilla Valore 19.071.258 12.437.823 5.766.708 5.100.910 1.971.669 1.250.018 1.220.482 1.184.236 959.775 866.989

23 Fonte: nostra elaborazione da Atlante delle competitivit delle province italiane, Unioncamere

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

139

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

PROVINCIA DI REGGIO CALABRIA Esportazioni nel settore manifatturiero: graduatoria della media dei valori percentuali calcolati sul periodo 1995-2002 COMPARTI
DG-PRODOTTI CHIMICI E FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DA-PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO DB-PRODOTTI DELLE INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAMENTO DK-MACCHINE ED APPARECCHI MECCANICI DH-ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE DI-PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI DD-LEGNO E PRODOTTI IN LEGNO DJ-METALLI E PRODOTTI IN METALLO DL-MACCHINE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE, ELETTRONICHE ED OTTICHE DM-MEZZI DI TRASPORTO DN-ALTRI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE MANIFATTURIERE DC-CUOIO E PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI DF-COKE, PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI E COMBUSTIBILI NUCLEARI DE-PASTA DA CARTA, CARTA E PRODOTTI DI CARTA; PRODOTTI DELL'EDITORIA E DELLA STAMPA Fonte: nostra elaborazione su dati ISTAT

media del periodo

60,38% 19,40% 7,77% 3,11% 1,51% 1,45% 1,45% 1,36% 1,20% 0,97% 0,76% 0,41% 0,14% 0,08%

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

140

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Andamento delle esportazioni dei prodotti trasformati e manufatti nella provincia di Reggio Calabria
100%

80%

60%

40%

20%

0% 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002

DN-ALTRI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE MANIFATTURIERE DM-MEZZI DI TRASPORTO DL-MACCHINE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE, ELETTRONICHE ED OTTICHE DK-MACCHINE ED APPARECCHI MECCANICI DJ-METALLI E PRODOTTI IN METALLO DI-PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI DH-ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE DG-PRODOTTI CHIMICI E FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DF-COKE, PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI E COMBUSTIBILI NUCLEARI DE-PASTA DA CARTA, CARTA E PRODOTTI DI CARTA; PRODOTTI DELL'EDITORIA E DELLA STAMPA DD-LEGNO E PRODOTTI IN LEGNO DC-CUOIO E PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI DB-PRODOTTI DELLE INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAMENTO DA-PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

141

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Reggio Calabria 2002: principali transazioni con lestero

(Valori in E uro) E sportazioni P aese 1 Spagna 2 G ermania 3 Francia 4 Stati Uniti d'A merica 5 Regno Unito 6 Paesi Bassi 7 Portogallo 8 Polonia 9 Emirati A rabi Uniti 10 Q atar Valore M erci N atura A ltri prodotti chimici T essuti Preparati e conserve di frutta A gricoltura e orticoltura N avi e imbarcazioni lavori di falegnameria O li grassi vegetali e animali A ltri prodotti alimentari Prodotti ceramici non refrattari Prodotti chimici di base Valore

16.882.084 16.673.987 11.973.879 10.826.560 9.664.737 5.136.869 3.480.661 3.468.412 2.549.057 2.144.634

53.657.890 10.593.632 10.517.556 8.971.398 2.532.928 2.412.833 2.338.461 2.061.819 1.820.199 1.664.164
(Valori in E uro)

Im portazioni P aese 1 G ermania 2 A ustria 3 Spagna 4 Stati Uniti d'A merica 5 C ina 6 Francia 7 Paesi Bassi 8 Irlanda 9 Belgio 10 A lbania Valore M erci N atura A ltre macchine per impieghi speciali C arne, prod. a base di carne A gricoltura e orticoltura Prodotti lattiero-caseari e gelati Pesci trasformati,conservati A ltri prodotti chimici Provviste di bordo A nimali vivi Prodotti ceramici non refrattari Prodotti chimici di base Valore

31.308.663 25.256.808 18.652.490 17.781.160 16.484.975 16.396.753 7.271.638 6.977.080 4.931.371 4.305.960

25.203.289 17.618.239 15.600.321 14.644.694 13.251.341 11.717.995 9.437.620 5.856.290 5.246.371 5.167.079

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

142

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

PROVINCIA DI VIBO VALENTIA Esportazioni nel settore manifatturiero: graduatoria della media dei valori percentuali calcolati sul periodo 1995-2002 COMPARTI
DK-MACCHINE ED APPARECCHI MECCANICI DJ-METALLI E PRODOTTI IN METALLO DA-PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO DB-PRODOTTI DELLE INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAMENTO DM-MEZZI DI TRASPORTO DN-ALTRI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE MANIFATTURIERE DL-MACCHINE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE, ELETTRONICHE ED OTTICHE DC-CUOIO E PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI DH-ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE DI-PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI DG-PRODOTTI CHIMICI E FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DD-LEGNO E PRODOTTI IN LEGNO DE-PASTA DA CARTA, CARTA E PRODOTTI DI CARTA; PRODOTTI DELL'EDITORIA E DELLA STAMPA DF-COKE, PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI E COMBUSTIBILI NUCLEARI

media del periodo 85,66% 3,77% 2,75%

2,59% 2,49% 1,53% 0,53% 0,28% 0,13% 0,12% 0,11% 0,02% 0,01% 0,00%

Fonte: nostra elaborazione dati ISTAT

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

143

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Andamento delle esportazioni dei prodotti trasformati e manufatti nella provincia di Vibo Valentia

100% 90% 80% 70% 60% 50% 40% 30% 20% 10% 0% 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002

DN-ALTRI PRODOTTI DELLE INDUSTRIE MANIFATTURIERE DM-MEZZI DI TRASPORTO DL-MACCHINE ELETTRICHE ED APPARECCHIATURE ELETTRICHE, ELETTRONICHE ED OTTICHE DK-MACCHINE ED APPARECCHI MECCANICI DJ-METALLI E PRODOTTI IN METALLO DI-PRODOTTI DELLA LAVORAZIONE DI MINERALI NON METALLIFERI DH-ARTICOLI IN GOMMA E MATERIE PLASTICHE DG-PRODOTTI CHIMICI E FIBRE SINTETICHE E ARTIFICIALI DF-COKE, PRODOTTI PETROLIFERI RAFFINATI E COMBUSTIBILI NUCLEARI DE-PASTA DA CARTA, CARTA E PRODOTTI DI CARTA; PRODOTTI DELL'EDITORIA E DELLA STAMPA DD-LEGNO E PRODOTTI IN LEGNO DC-CUOIO E PRODOTTI IN CUOIO, PELLE E SIMILARI DB-PRODOTTI DELLE INDUSTRIE TESSILI E DELL'ABBIGLIAMENTO DA-PRODOTTI ALIMENTARI, BEVANDE E TABACCO

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

144

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Provincia di Vibo Valentia: Principali transazioni con l'estero24

(Valori in E uro) E sportazioni P aese 1 Russia 2 A rabia Saudita 3 Q atar 4 N igeria 5 A lgeria 6 Kazakistan 7 Francia 8 Iran 9 Emirati A rabi Uniti 10 Brasile Valore M erci N atura A ltre macchine impiego generale A ltre macchine per impieghi speciali M acchine produzione energia mecc. C ostruzioni metalliche Pesci trasformati,conservati A gricoltura e orticoltura A rticoli a maglia C isterne , serbatoi A rticoli in materie plastiche O li grassi vegetali e animali Valore

6.898.415 5.083.452 4.308.954 4.019.846 3.607.766 3.187.830 1.290.944 868.421 795.042 632.158

23.213.969 4.436.182 1.949.427 1.849.394 1.091.575 780.146 398.712 304.103 129.677 105.104
(Valori in E uro)

Im portazioni P aese 1 Francia 2 Spagna 3 Paesi Bassi 4 G ermania 5 Stati Uniti d'A merica 6 C olombia 7 A ustria 8 Ecuador 9 Belgio 10 T aiwan Valore M erci N atura Pesci trasformati,conservati Pesca A gricoltura e orticoltura A nimali vivi C arne, prod. a base di carne A utoveicoli Legno tagliat, piallato A pp. distribuzione energia A rticoli in gomma M acchine produzione energia mecc. Valore

6.733.713 3.719.361 3.340.899 2.710.952 1.622.962 951.953 860.675 722.070 665.222 613.686

6.727.466 6.300.551 1.952.919 1.603.876 1.416.951 1.144.725 834.989 829.681 767.927 744.175

24 Fonte: nostra elaborazione da Atlante delle competitivit delle province italiane, Unioncamere

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

145

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

D) INTERVISTE
Elenco dei soggetti intervistati durante la prima fase
(i rendiconti sono contenuti negli allegati al primo rapporto) dr. Pecoraro, ex direttore generale del Dipartimento industria, commercio, artigianato, Regione Calabria dr. Rocco Mercurio, responsabile Politiche internazionali e cooperazione allo sviluppo, regione Calabria d.ssa Maria Russo, misura 2.2 \ dr. Giacinto Gaetano, misura 2.1, Regione Calabria d.ssa Commisso misura 3.16, Regione Calabria avv. Caterina Salerno, Assessore alla cultura, Amministrazione Provinciale di Catanzaro dr. Filippo Capellupo, Assessore alle attivit produttive, Amministrazione Provinciale di Catanzaro dr.ssa Evelina Rizzo, Presidenza Regione Calabria, Politiche internazionali dr. Zito, SVI Calabria d.ssa Tucci, membro della struttura operativa di gestione (SOG), Regione Calabria dr. Anastasi, dirigente del settore Promozione turistica e responsabile della misura 3.6 del POP 1994-99, Regione Calabria dr. Cervini, responsabile della misura 2.3, Aiuti ai servizi alle imprese POP Calabria 1994/99 dr. Ranieri, dirigente del settore Commercio ed artigianato / dr. Anastasi, dirigente del settore Promozione turistica, Regione Calabria dr. Mamone, dirigente del settore informatico e statistico, Regione Calabria d.ssa Catia Zumpano, membro della struttura operativa di gestione (SOG), Regione Calabria dr. Mario Diano, consorzio operatori turistici Jonica holiday e GAL Alta Locride ing. Pietro Fuda, presidente dell'Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria prof. Ostuni, Universit della Magna Graecia di Catanzaro, docente di storia economica del corso di laurea in economia aziendale avv. Vecchio, Assessore alle attivit produttive, Amministrazione Provinciale di Vibo Valentia dr. Ferrara, segretario generale della Camera di Commercio Catanzaro dr. Turatto, direttore generale dipartimento bilancio/autorit di gestione del POR Calabria dr. Lamanna, direttore dell'Associazione Provinciale degli industriali di Catanzaro dr. Novellis, responsabile dell'ufficio Europa, Amministrazione Provinciale di Cosenza d.ssa Molezzi, direttore generale /dr. Acri responsabile dell'ufficio Europa del Comune di Cosenza d.ssa Chirico dell'azienda speciale Promocosenza, Camera di Commercio di Cosenza prof. Sorriso Valvo, direttore Cnr-Irpi (Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica) prof. Michele Galimi, presidente della Comunit Parco Nazionale dAspromonte prof. De Bartolo, preside facolt di economia, dr. Scarpelli, dirigente amministrativo, prof. Barberi, del dipartimento di fisica, Universit della Calabria, Rende (CS) dott. Antonino Tropea del settore marketing dell'azienda speciale In.Form.A., Camera di Commercio di Reggio Calabria prof. Perna, Presidente del Parco Nazionale dellAspromonte prof.ssa Milella, Assessore alla cultura, Amministrazione Provinciale di Reggio Calabria, d.ssa Periti, ufficio cooperazione internazionale dr Michele Priolo, direttore dellAssociazione provinciale degli industriali di Reggio Calabria dr. Paonni, direttore Confindustria regionale, Catanzaro dr. Cantafio, segretario generale della Camera di Commercio di Vibo Valentia, d.ssa Megna, funzionario dei servizi di promozione avv. Maria Limardo, Assessore alle attivit produttive, Comune di Vibo Valentia d.ssa Romeo, vice segretario, dr. Cortese, funzionario del settore promozione / sportello unico per le imprese, Camera di Commercio di Crotone. d.ssa Timpano, dirigente Politiche comunitarie, d.ssa Bompignano, Attivit produttive, Amministrazione Provinciale di Crotone.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

146

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

dr. Scalise, direttore della Riserva Marina di Capo Rizzuto Ing. Pietro Polimeni, Responsabile divisione progetti del C.R.I.C. (O.N.G.), dott. Eric Van Monckhoven Responsabile della parte operativa dei progetti

Commenti sulle interviste realizzate nella seconda fase


Nello specifico sono state intervistate 7 imprese del settore agroalimentare, 3 del settore metalmeccanico ed 1 rispettivamente nei settori del legno arredamento, della logistica, della fabbricazione di mezzi di trasporto, dellindustria chimica e dellindustria della carta. settore agroalimentare legno arredamento metalmeccanico logistica Fabbr.mezzi di trasporto industria chimica industria della carta totale N. 7 1 3 1 1 1 1 15

La classe di fatturato prevalente delle imprese superiore ai 3 milioni di euro annui, con un numero medio di addetti pari a 42, un numero minimo di 3 ed un massimo di 150. Classe fatturato 500.000 euro 500.000 1.500.000 1.500.000 3.000.000 > 3.000.000 totale N. 2 4 3 6 15 Addetti n.ro medio minimo massimo mancata risposta N. 42 3 150 1

Nove imprese sono certificate, quattro imprese stanno per ottenere tale riconoscimento e solo unimpresa non risulta esserlo. Qualit si no in corso N. Aziende 9 1 4

Le aziende che esportano sono dodici. In media la percentuale di fatturato dovuto alle esportazioni pari a 30,7% e tale percentuale si ripartisce, sempre in termini medi, per il 66,7 % tra fatturato derivante da esportazioni sul mercato UE e fatturato determinato da esportazioni su mercati extra comunitari per il 33,3%. Percentuale di fatturato determinato delle esportazioni sul totale di cui UE di cui Extra-UE 30,7 % 66,7 % 33,3 % 1% 35 % 0% 70 % 100 % 65 %

media minimo massimo

Solo sei aziende si avvalgono di consulenti esterni per le problematiche legate allinternazionalizzazione, soprattutto per le tematiche concernenti il marketing ed il settore legale.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

147

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

1. Amarelli fabbrica di liquirizie sas di Marco Amarelli & C., settore Agroalimentare
Il referente intervistato il giorno 24 marzo 2003, stato il dr. Fortunato Amarelli, responsabile dellarea organizzativa. Il questionario stato, invece, sottoposto alla signora Pina Amarelli in qualit di responsabile delle strategie di comunicazione e pubbliche relazioni. Lincontro si svolto presso la sede della Amarelli S.a.s., C/da Amarelli (SS 106), Rossano Calabro. Per il T-Cal era presente il dr. Promenzio. Anagrafica Azienda Ragione sociale: Amarelli fabbrica di liquirizie S.a.s di Marco Amarelli & c. Indirizzo: SS 106 C/da Amarelli 879068 Rossano cs Web site e e-mail: www.amarelli.it, www.museodellaliquirizia.it, amarelli@amarelli.it Settore attivit svolta: Agroalimentare Descrizione attivit svolta: Produzione e vendita di liquirizia Principali prodotti/servizi: Liquirizia pura, Liquirizia aromatizzata, Liquirizia gommosa, Liquirizia confettata, Torroncini alla liquirizia, Tagliolini alla liquirizia, Grappa alla liquirizia Classe fatturato: compreso tra 1.500.000 e 3.000.000 Euro Numero addetti: 31 (amministrazione 5, produzione 25, gestione 6) Sintesi dellincontro Cenni storici La Amarelli S.a.s. si trova a Rossano Calabro, antico centro bizantino della Calabria, ma anche, da sempre, citt della liquirizia. In questo territorio la famiglia Amarelli (baroni, nonch agricoltori attenti alla conduzione dei propri feudi ed in particolare alle coltivazioni alternate) sfrutta i rami sotterranei di una pianta che nasce spontanea sulla costa ionica, la liquirizia25, la cui raccolta e vendita diventarono fiorenti intorno al 1500. La prima organizzazione per la trasformazione delle radici in succo di liquirizia e la loro successiva concentrazione nasce nel 1731, dando vita ad una tradizione fondata sulla qualit delle procedure di produzione. Oggi tali procedure si fondano su un efficiente connubio tra tradizione e tecnologia: nonostante tutti i collegamenti avvengano on - line e le varie fasi della produzione siano computerizzate, sono ancora vivi metodi artigianali di consuetudine secolare. La Amarelli S.a.s. si adeguata ai parametri contemplati dal manuale di auto controllo (HACCP) previsto dalla legislazione vigente (d.lgs. 155/97) ed ha conseguito nel 1999 la certificazione UNI EN ISO 9002. La Amarelli S.a.s (il cui vertice prevede: un amm/re unico, un addetto alle Pubbliche relazioni ed un responsabile dellarea organizzativa) conta nel complesso 31 addetti, cos distinti: 5 in amministrazione, 25 distribuiti nellarea produzione e 6 nella area gestione. Export Nel complesso la Amarelli S.a.s registra mediamente un fatturato compreso tra 1.500.000 e 3.000.000 Euro. Di
25 Secondo lautorevole voce dell Enciclopedia Britannica, la migliore liquirizia del mondo nasce in Calabria. Pianta spontanea appartenente alla famiglia delle leguminose, la "Glycyrrhiza glabra" conosciuta da oltre 35 secoli. Dai suoi rami sotterranei si estrae un succo, dal gradevole gusto dolce-amaro e dalle benefiche virt: giova alla digestione, regolandola perfettamente in ogni sua fase, protegge lapparato respiratorio e lenisce la gola.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

148

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

questo, il 20% proviene da vendite effettuate allestero (tramite agenti) cos articolato: il 75% esportato nei mercati europei (Francia, Spagna, Germania, Olanda, Inghilterra, Danimarca) mentre il restante 25% esportato nei paesi extraeuropei (Stati Uniti, Canada, Brasile, Australia, Nuova Zelanda).

Paesi di distribuzione

Mercati Extra-europei 25%

Mercati Europei 75%

Lidentificazione di determinati paesi piuttosto che altri stata determinata fondamentalmente da due diversi momenti del processo di espansione produttivo dellazienda: durante il primo (relativo al primo approccio verso i mercati esteri) la scelta caduta su quei paesi che registravano una forte presenza di emigrati italiani ( il caso della Germania, degli Stati Uniti, del Canada, ecc.); successivamente, la sempre meno sporadica partecipazione a fiere/promozioni ha consentito di far conoscere meglio il prodotto e penetrare i mercati di altri paesi. Attualmente, considerato che la liquirizia un prodotto di nicchia, come tale apprezzato da un pubblico esigente e educato alla qualit alimentare, le potenzialit di crescita ulteriore nei mercati esteri non sono molte elevate. In ogni caso, le strategie future dellAzienda mireranno, da un lato al consolidamento del mercato nei paesi in cui gi presente e, dallaltro, ad attivare azioni positive per aggredire il mercato giapponese. Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione Allinterlocutore sono state successivamente poste domande tese ad ottenere informazioni sul grado di conoscenza delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione che sono state sintetizzate nel report fase II. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI: lontananza dai mercati; inadeguatezza del sistema infrastrutturale; elevati costi di trasporto; cattiva gestione da parte delle strutture pubbliche del sistema fieristico; non adeguata conoscenza strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

149

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

generale linternazionalizzazione. Ci per due motivi fondamentali: - scarsa diffusione delle necessarie informazione; - scarsa professionalit ed inadeguata preparazione delle strutture e dei consulenti in tema di investimenti produttivi. - scarsa propensione allassociazionismo. Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI: maggiore pubblicizzazione e trasparenza circa la possibilit di partecipare a fiere/manifestazioni (magari con video pubblicazioni e campagna stampa); razionale organizzazione degli eventi fieristici (non devono essere organizzate sulla base di criteri causali che nulla hanno a che vedere con le specifiche esigenze e le aspettative delle imprese partecipanti; mappatura delle risorse valorizzazione delle risorse specie agroalimentari; potenziamento sportelli unici e meccanismi seri e trasparenti di selezione delle aziende; maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

150

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

2. Salumificio f.lli Dodaro & C. snc, settore Agroalimentare


Il referente intervistato il giorno 24 marzo 2003, stato la d.ssa Antonella Dodaro del Salumificio f.lli Dodaro & c. Snc. Per il T-Cal era presente il dr. Promenzio. Anagrafica Azienda Ragione sociale: Salumificio f.lli Dodaro & c. Snc Indirizzo: Via Leonardo da Vinci 55/c Castrolibero (CS) Web site e e-mail: www.consorzio.ciac.it Settore attivit svolta: Agroalimentare Descrizione attivit svolta: Produzione e vendita di salumi Principali prodotti/servizi: Lavorazione delle carni e confezionamento Classe fatturato: superiore a 3.000.000 Euro Numero addetti: mancata risposta Sintesi dellincontro Cenni storici I Salumi Dodaro ripropongono il gusto della tradizione attraverso un processo produttivo che si fonda sulla tradizione: dall'allevamento dei capi (con metodi naturali e tecniche "antistress") alla lavorazione delle carni, dalla stagionatura alla distribuzione. Primi in Europa ad adottare il sistema di confezionamento in atmosfera protettiva, i Salumi di Calabria Dodaro non presentano alcuno degli inconvenienti legati alla distribuzione di un prodotto di salumeria tipica: all'interno dell'involucro, le carni "respirano" una speciale miscela di gas naturali antiossidanti ad elevata azione stabilizzante; inoltre, l'elevata tecnologia consente caratteristiche organolettiche e di colore inalterate nel tempo, assenza di muffe e del calo di peso, massima igiene, grande facilit di stoccaggio del prodotto. Export Nel complesso il Salumificio Dodaro registra mediamente un fatturato superiore ai 3.000.000 Euro. Di questo, appena l1% proviene da vendite effettuate allestero essenzialmente nei mercati comunitari (i principali sono Francia e Germania). Le strategie future sono essenzialmente legate alla prossima apertura del nuovo stabilimento che consentir di incrementare notevolmente la produzione e soddisfare cos la domanda proveniente dai mercati esteri, finora rimasta quasi completamente inevasa. Ci consentir, innanzitutto, di rafforzare la presenza dei prodotti del Salumificio Dodaro nei mercati europei (anche attraverso lindividuazione di nuovi partner commerciali) e, successivamente, si passer allindividuazione di nuovi mercati, anche al di fuori dellUnione Europea, puntando soprattutto su quei paesi in cui forte la presenza di consumatori etnici per definizione. Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione Le conoscenze relative alle politiche e agli strumenti per favorire i processi di internazionalizzazione sono risultate scarse.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

151

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI: lontananza dai mercati europei; inadeguatezza del sistema infrastrutturale; elevati costi di trasporto; non adeguata conoscenza strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione. bassa propensione culturale allassociazionismo.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI: maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione. finanziamenti allexport per ridurre il costo della distanza; attivit di commercializzazione collettiva per precise filiere (trade company di settore) che operano direttamente sui mercati esteri; potenziamento sportelli unici e meccanismi seri e trasparenti di selezione delle aziende; incentivare le campagne pubblicitarie; incentivare i servizi di merchandising collettivo in reti distributive.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

152

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

3. Giacinto Callipo Conserve Alimentari s.p.a., settore Agroalimentare


Il referente intervistato il giorno 25 marzo 2003, stato il dr. Filippo Callipo, in qualit di amministratore unico della Giacinto Callipo Conserve Alimentari Spa. Lincontro si svolto presso la sede dellazienda, localizzata nel comune di Maierato (VV), al km. 1,6 della S.S. 110. Per il T-Cal erano presenti la d.ssa Console ed il dr. Promenzio. Anagrafica Azienda Ragione sociale: Giacinto Callipo Conserve Alimentari Spa Indirizzo: SS 110, Km. 1+600 Maierato (VV) Web site e e-mail: www.callipo.com; infocallipo@callipo.com Settore attivit svolta: Agroalimentare Descrizione attivit svolta: Conserve ittiche Principali prodotti/servizi: Produzione di ventresca e tonno di tonnara, bottarega di tonno, filetti di tonno in vasetti di vetro, tonno con vegetali, filetti di sgombro, filetti di alici. Classe fatturato: superiore a 3.000.000 Euro Numero addetti: 150 (amministrazione 4, produzione 118, gestione 28) Sintesi dellincontro Cenni storici L'azienda, che ha sede a Pizzo - cittadina situata nel cuore del Golfo di S. Eufemia - stata fondata nel 1913 da Giacinto Callipo ed stata la prima in Calabria e tra le prime in Italia ad inscatolare il pregiatissimo tonno del Mediterraneo. L'attivit dell'azienda inizi con la lavorazione dei quantitativi che eccedevano il consumo di tonno fresco del Mediterraneo: si trattava di un'attivit stagionale poich era utilizzato solo il prodotto locale fornito dalle "Tonnare" della zona nel periodo primavera-estate. Oggi lo stabilimento conta 150 dipendenti e una superficie totale di 34.000 mq di cui 9.000 coperti. Nel corso degli anni l'azienda ha ottenuto numerosi riconoscimenti e raggiunto importanti traguardi: nel 1926 stata insignita del Brevetto della Real Casa; nel 1994 ha ottenuto l'autorizzazione dal F.D.A. (Food and Drug Administration) per l'esportazione negli U.S.A.; dal gennaio 1996, in largo anticipo rispetto alla Direttiva Comunitaria, operativo il sistema di autocontrollo HACCP; nel maggio 1996, nel corso della fiera Cibus, i Filetti di Tonno Callipo in vasetto di vetro sono stati premiati con l'Oscar A.I.D.A; nel febbraio 1997; tra le prime aziende nel settore, ha conseguito la certificazione del Sistema Qualit Certificato ISO 9002 nell'ottobre 2001; la prima certificazione di tonno in Italia.

Export Oggi la realt Callipo, attenta alle richieste del mercato, produce e distribuisce tante variet in scatola e in vetro che commercializza in gran parte in Italia (circa il 90%) mentre il 10% viene esportato nei paesi esteri: Europei
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

153

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

(per il 35%. Germania, Francia, Austria, Inghilterra, Svizzera) ed Extra-Europei (per il 65%. Canada, Australia, Stati Uniti, Giappone). In Italia la presenza sempre stata costante, fin dalla prima edizione, alla Fiera "Cibus" di Parma che, si rilevata un'ottima "vetrina", permettendo alla Callido spa di farsi conoscere a un ampio pubblico internazionale, quale quello che ogni due anni sempre pi numeroso, visita questa prestigiosa fiera. Infine, da ormai ventanni la Callido spa partecipa a numerose fiere internazionali, tra cui: il Fancy Food di New York, Anuga di Colonia, K U K di Vienna, SIAL di Parigi.
Paesi di distribuzione

Mercati Europei 35%

Mercati Extra-europei 65%

Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione La conoscenza delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione risultata scarsa. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI: elevati costi di trasporto, determinati dalla lontananza dai mercati europei ed extra-europei e dallinadeguatezza del sistema infrastrutturale; cattiva organizzazione di fiere/promozioni da parte delle strutture pubbliche (il livello notevolmente pi alto quando le stesse sono organizzate dal Sistema Camerale); non adeguata conoscenza strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione. difficolt delle imprese di penetrare i mercati esteri; mancanza di sinergie fra gli operatori economici e fra questi e le istituzioni; mancanza di adeguate ricerche di mercato; bassa propensione allassociazionismo, probabilmente per motivi culturali.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI: maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

154

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

finanziamenti allexport per ridurre il costo della distanza; potenziamento sportelli per linternazionalizzazione di recente costituzione presso le Camere di Commercio; incentivare ricerche e studi di mercato per consentire alle imprese di predisporre adeguate strategie produttive e commerciali che rispondano alle aspettative dei mercati esteri; incentivare il ricorso a consulenze specialistiche (legale, marketing, finanziaria, ecc.); maggiori finanziamenti per lexport. organizzazione di fiere intelligenti (settoriali e multisettoriali).

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

155

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

4. Cooperativa Annunziata p.s.c.a.r.l., settore Legno Arredamento


Il referente intervistato il giorno 31 marzo 2003, stato il sig. Angelo Aiello, amministratore unico e legale rappresentante della Cooperativa Annunziata p.s.c.a.r.l. Lincontro si svolto presso la sede della Cooperativa Annunziata sita in localit Macchia, nel comune di Serrastretta (CZ). Per il T-Cal erano presenti la d.ssa Console ed il dr. Promenzio. Anagrafica Azienda Ragione sociale: Cooperativa Annunziata p.s.c.a.r.l Indirizzo: Contrada Macchia, Serrastretta (CZ) Web site e e-mail: www.coopannunziata.it; info@coopannunziata.it Settore attivit svolta: Produzione mobili Descrizione attivit svolta: Produzione di tavoli e sedie Principali prodotti/servizi: Sedie e tavoli Classe fatturato: compreso tra 500.000 e 1.500.000 Euro Numero addetti: 11 (amministrazione 3, produzione 8) Sintesi dellincontro Cenni storici Lazienda cooperativa nata nel 1976 per opera di un gruppo di nove giovani di Serrastretta e ha iniziato con la produzione artigianale di sedie. Attualmente, oltre alle sedie, produce anche tavoli, attraverso la lavorazione del legno che viene reperito esclusivamente dai boschi della Calabria (noce, castagno, ontano, faggio e quercia) A partire dagli anni 80 limpresa comincia lascesa verso lattuale posizione di leader del settore nella zona. La presenza della cooperativa ha generato effetti di traino su tutto il microsistema produttivo, sia perch stata capace di risvegliare la cultura della sedia nel periodo di maggiore crisi, sia perch ha alimentato la fase di start-up di altre imprese del settore. La Cooperativa Annunziata sta per ottenere il rilascio della certificazione di qualit. Gli obiettivi dellAzienda sono: il lavoro e gestione in comune; il recupero della tradizione artigianale; la valorizzazione delle risorse locali; il pieno rispetto dellambiente; la garanzia della qualit del prodotto.

Export La Cooperativa Annunziata dalla sua recente costituzione notevolmente cresciuta e si sviluppata in una dimensione nazionale e internazionale: oggi in grado di soddisfare pienamente le richieste dei Clienti e di proporre soluzioni sempre pi adeguate alle loro necessit. La Cooperativa Annunziata produce e commercializza i suoi prodotti in gran parte in Italia (circa l80%) mentre il 20% viene esportato nei mercati esteri: Europei (per il 50%. Germania, Francia, Inghilterra) ed Extra-Europei (per il 50%. Stati Uniti, Emirati Arabi).
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

156

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

In tal senso, stata ed tuttora fondamentale la partecipazione alle principali fiere nazionali di maggior interesse (organizzate dalle CCIAA, Unioncamere, Ice).

Paesi di distribuzione

Mercati Extra-europei 50%

Mercati Europei 50%

Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione Il grado di conoscenza delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione scarso. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI: elevati costi di trasporto (in tal caso incide in maniera determinante il volume delle sedie); lontananza dai mercati europei ed extra-europei; inadeguatezza del sistema infrastrutturale; non adeguata conoscenza strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione. difficolt delle imprese di penetrare i mercati esteri; mancanza di sinergie fra gli operatori economici e fra questi e le istituzioni; assistenza alle imprese in tema di commercio estero; mancanza di adeguate ricerche di mercato; bassa propensione allassociazionismo, probabilmente per motivi culturali.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI: maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione. finanziamenti allexport per ridurre il costo della distanza; potenziamento sportelli per linternazionalizzazione di recente costituzione presso le Camere di Commercio;
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

157

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

incentivare ricerche e studi di mercato per consentire alle imprese di predisporre adeguate strategie produttive e commerciali che rispondano alle aspettative dei mercati esteri; incentivare il ricorso a consulenze specialistiche (legale, marketing, finanziaria, ecc.); maggiori finanziamenti per lexport. organizzazione di fiere intelligenti; procedure amministrative pi semplici e snelle.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

158

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

5. Sila Gum srl, settore Agroalimentare (incontro del 31 marzo 2003)


I referenti intervistati il giorno 1 aprile 2003, per la Sila Gum s.r.l sono stati: la sig.ra Concetta Rijillo, in qualit di responsabile dellUfficio Commerciale ed il rag. Saverio Catrambrone, in qualit di Responsabile amministrativo. Lincontro si svolto presso la sede della Sila Gum s.r.l, sita nella zona industriale di Lamezia Terme (CZ). Per il T-Cal erano presenti la d.ssa Console ed il dr. Promenzio. Anagrafica Azienda Ragione sociale: Sila Gum srl Indirizzo: zona industriale di Lamezia Terme (CZ) Web site e e-mail: www.silagum.it; silagum@tiscalinet.it Settore attivit svolta: Produzione alimentare Descrizione attivit svolta: Produzione di caramelle gommose Principali prodotti/servizi: Caramelle gommose, gelatine morbide e soffiate e pastigliaggi per un totale di 45 tipi diversi Classe fatturato: superiore ai 3.000.000 Euro Numero addetti: 35 (amministrazione 4, produzione 31) Sintesi dellincontro Cenni storici La Sila Gum srl, costituita nel 1989, un azienda che produce dal 1992 caramelle gommose, gelatine morbide e soffiate e pastigliaggi per un totale di 45 tipi di caramelle diverse. L'azienda nata dallidea imprenditoriale di due soci (uno dei quali era gi socio e responsabile dei settori di ricerca e sviluppo e controllo di qualit di un azienda localizzata a Lecco, la ICAM spa, leader nella produzione dei semilavorati di cacao e caramelle) poi realizzatasi grazie alle agevolazioni previste dalla l. 44/86. Successivamente, la Sila Gum, allo scopo di rispondere prontamente alla crescente domanda di mercato nel settore delle caramelle estruse e allo stesso tempo consentire una migliore ripartizione dei costi fissi, ha provveduto allampliamento della linea di produzione della caramella di tipo gommosa e alla realizzazione di una nuova linea di produzione di caramelle a base di liquirizia estrusa grazie alle agevolazioni previste dalla legge 488/92. Si segnala, infine, che lazienda Sila Gum srl ha conseguito, di recente, la certificazione del Sistema Qualit Certificato ISO 9002. Export Negli anni la Sila Gum ha fatto registrare una continua e costante crescita sia del fatturato sia del numero degli addetti grazie soprattutto al mercato internazionale. Infatti, dallinsediamento nellarea del nucleo industriale di Lamezia Terme e dallavvio della sua attivit, lazienda ha riscosso un considerevole successo di mercato, in particolare allestero, cui viene destinata circa il 50% della produzione (grazie al ricorso di consulenti esterni in tema di marketing, legale, assicurazione di crediti allestero). Relativamente alla produzione diretta ai mercati internazionali, l80% circa viene esportata nei mercati europei (Germania, Francia, Inghilterra, Svizzera, Finlandia, Danimarca, Norvegia), mentre il restante 20% circa viene esportata nei mercati extra-europei (Australia, Nuova Zelanda).
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

159

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
Paesi di distribuzione

Mercati Extra-europei 20% Mercati Europei 80%

Il 50% della produzione destinata ai mercati italiani distribuita equamente fra distributori e grossisti. Le future strategie dellazienda sono rivolte allo sviluppo del marchio, allespansione nel settore biologico e allallargamento del mercato. Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione Il grado di conoscenza delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione scarso. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI:

elevati costi di trasporto; lontananza dai mercati europei ed extra-europei; inadeguatezza del sistema infrastrutturale; scarsa conoscenza strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; mancanza di sinergie fra gli operatori economici e fra questi e le istituzioni; bassa propensione culturale allassociazionismo.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI: finanziamenti allexport per ridurre il costo della distanza; creazione di strutture ad hoc per la diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; incentivare il ricorso a consulenze (legale, marketing, finanziaria, ecc.), studi e ricerche di mercato per consentire alle imprese di predisporre adeguate strategie produttive e commerciali che rispondano alle aspettative dei mercati esteri; maggiori finanziamenti per lexport; procedure amministrative pi snelle.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

160

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

6. Cantine Lento s.c.r.l., settore Agroalimentare (incontro del 1 aprile 2003)


Il referente intervistato il giorno 1 aprile 2003, stato la d.ssa Manuela Lento, responsabile del settore commerciale. Lincontro si svolto presso la sede delle Cantine Lento scrl, in via del progresso, 1 - Lamezia Terme. Per il T-Cal erano presenti la d.ssa Console ed il dr. Promenzio. Anagrafica Azienda Ragione sociale: Cantine Lento scrl Indirizzo: Via del progresso, 1 - Lamezia Terme Web site e e-mail: www.cantinelento.it; info@cantinelento.it; cantinelento@tiscalinet.it Settore attivit svolta: Produzione e lavorazione uve Descrizione attivit svolta: Produzione vini Principali prodotti/servizi: Vini e olio Classe fatturato: compreso tra 500.000 e 1.5000.000 Euro Numero addetti: 30 (amministrazione 5, produzione 25) Sintesi dellincontro Cenni storici La Cantine Lento, situata a Lamezia Terme, un'azienda che appartiene a una famiglia che da pi generazioni impegnata nella viticoltura e nella produzione di vini La produzione viticola prevalentemente ottenuta nei fondi "Romeo" e "Caracciolo" che ricadono entrambi nell'area della DOC Lamezia. Il fondo Romeo si trova in una zona collinare particolarmente votata alla viticoltura, sia per l'altitudine e sia per i benefici del microclima apportati dalla vicinanza del Mar Tirreno. qui che si producono le uve da cui si ottengono il Federico II e il Lamezia rosso Riserva. Nel podere Caracciolo, invece, anticamente appartenuto ad una nobile famiglia feudale, vengono coltivate le migliori qualit di uve bianche, tipo il Greco e la Malvasia. Il sistema qualit delle Cantine Lento Scrl certificato da CISQ CERT. La tecnologia ed il know-how utilizzati nel processo produttivo si fondano sull'utilizzo di uve di prima scelta che consentono, attraverso il controllo continuo del processo, di attestare la produzione ad un livello qualitativo alto, in conformit con quanto stabilito dal nostro Sistema Qualit, in accordo alla norma UNI EN ISO 9002 e nel rispetto delle tradizioni, dell'ambiente e della pi alta cultura enologica. Il mercato-obiettivo dell'azienda il segmento dei vini di qualit, destinati ad una fascia di consumatori orientati verso vini eleganti e raffinati. Export Nel complesso le Cantine Lento scrl registrano mediamente un fatturato compreso tra 500.000 e 1.500.000 Euro. Di questo, il 45% proviene da vendite effettuate allestero cos articolato: il 35% esportato nei mercati europei (Germania, Austria, Svizzera, Russia) mentre il restante 65% esportato nei paesi extraeuropei (Stati Uniti, Canada, Australia, Giappone).

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

161

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
Paesi di distribuzione

Mercati Extra-europei 65%

Mercati Europei 35%

Le future strategie dellazienda sono rivolte al consolidamento del marchio nei paesi in cui gia presente, alla ricerca di nuovi mercati (attraverso grossisti locali ripartiti territorialmente). Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione La conoscenza delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione scarsa. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI : lontananza dai mercati; inadeguatezza del sistema infrastrutturale; elevati costi di trasporto; cattiva gestione da parte delle strutture pubbliche del sistema fieristico; non adeguata conoscenza strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; scarsa propensione allassociazionismo per motivi culturali; forte concorrenza nel mercato.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI : maggiore pubblicizzazione e trasparenza circa la possibilit di partecipare a fiere/manifestazioni (magari con video pubblicazioni e campagna stampa); razionale organizzazione degli eventi fieristici (non devono essere organizzate sulla base di criteri causali che nulla hanno a che vedere con le specifiche esigenze e le aspettative delle imprese partecipanti; potenziamento sportelli unici e meccanismi seri e trasparenti di selezione delle aziende; maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; efficienti politiche del turismo mirate ad una maggiore conoscenza dei prodotti locali; procedure amministrative pi semplici e snelle.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

162

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

7. Sir Meccanica srl, settore Metalmeccanico


Il referente intervistato il giorno 1 aprile 2003, stato il sig. Stefano Siracusa, in qualit di amministratore unico della Sir Meccanica srl. Lintervista si svolta in parte telefonicamente e i risultati sono stati inoltrati via e-mail. Anagrafica Azienda Ragione sociale: Sir Meccanica srl Indirizzo: Catanzaro, Viale Europa, 37 Web site e e-mail: www.sirmeccanica.com Settore attivit svolta: Industria Descrizione attivit svolta: Produzione e commercializzazione di macchine utensili Principali prodotti/servizi: Macchine utensili portafili multifunzionale Classe fatturato: compreso tra 1.500 e 3.0000.000 Euro Numero addetti: 28 (amministrazione 2, produzione 20, gestione 6) Sintesi dellincontro Cenni storici La SIR MECCANICA, fondata nel 1991, ha sede legale e stabilimento di produzione nell'area industriale di Catanzaro. Lo stabilimento, che si estende su una superficie di 2000 mq coperti, attrezzato delle pi avanzate tecnologie di processo, fra cui centri di saldatura e taglio, e numerose macchine multiutensili a controllo numerico finalizzate al conseguimento di una elevata qualit. L'azienda opera nel settore dei sistemi e delle macchine utensili e propone nuove tecniche, soprattutto portatili, per effettuare lavorazioni di rettifica nella produzione e nella manutenzione di superfici cilindriche interne ed esterne, in carpenterie metalliche pesanti e leggere nei settori delle macchine movimento terra, edili, agricole, stradali, industriali, in macchine ed impianti per i trasporti e l'energia, mezzi ferroviari, navi mercantili e passeggeri, torri estrattive gas e petrolio, mezzi militari e minerari di ogni marca e dimensione. Quasi tutte le fasi di produzione sono realizzate internamente all'Azienda, o provengono da fornitori comunque certificati. Le misure e i collaudi effettuati nei vari momenti produttivi assicurano un autentico Controllo della Qualit. I tempi immediati e precisi di soluzione alle problematiche sono il risultato della gestione del flusso di richieste (consulenza, servizi e prodotti). L'obiettivo del Customer Service di ottenere la Total Customer Satisfaction. Export La sempre crescente richiesta del mercato di prodotti qualificati ha ormai rivoluzionato in tutti i settori i concetti di produzione oltre che di marketing. L'evoluzione tecnologica nel campo produttivo e le procedure gestionali sempre pi specifiche sono attualmente elementi basilari per il raggiungimento degli obiettivi di ogni azienda inserita nel contesto del mercato globale. Tali concetti, unitamente alla volont imprenditoriale, hanno tracciato il continuo sviluppo della SIR MECCANICA che considera la qualit uno dei veicoli principali per il successo, e per fare qualit, si ritiene che l'intero ciclo produttivo deve essere realizzato all'interno dell'azienda. Questo obiettivo perseguito dalla SIR MECCANICA con ampi investimenti in macchinari, impianti e formazione del personale, confermando ancora di pi il concetto di standardizzazione e di produzione in serie, necessario per conseguire il migliore rapporto qualit-prestazioni/prezzo ed il conseguente successo di vendita, su un mercato in galoppante crescita.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

163

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

L'azienda in costante sviluppo sia per quanto riguarda la gamma dei prodotti sia per quanto riguarda le ramificazioni commerciali. Il trend naturale dei suoi prodotti, trova la massima collocazione nell'esportazione, infatti il 90% della produzione trova immediato riscontro nei mercati esteri e oggi SIR MECCANICA presente in 103 Nazioni: del 90% della produzione, l80% viene commercializzato in tutti i mercati europei ed il restante 20% nei mercati Extra-Europei (Paesi Arabi, Russia, Magreb).
Pae si di distribuzione
Mercati Extra-europei 20%

Mercati Europei 80%

Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione Nonostante la Sir Meccanica esporti il 90% della sua produzione allestero, del tutto scarse sono risultate le conoscenze delle politiche e degli strumenti (nazionali e non) tese a favorire i processi di internazionalizzazione delle PMI. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI: lontananza dai mercati europei ed extra-europei; scarsa conoscenza degli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; inadeguatezza del sistema infrastrutturale; elevati costi di trasporto; bassa propensione culturale allassociazionismo.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; finanziamenti allexport per ridurre il costo della distanza; maggiori finanziamenti per lexport in generale; attivazione di opportunit commerciali internazionali da parte delle istituzioni pubbliche; razionalizzare il sistema delle fiere; news, statistiche e pubblicazioni; migliorare la competenza e la conoscenza in tema di internazionalizzazione degli amm/ri pubblici.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

164

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

8. Travel Ticket, settore Logistica (incontro del 2 aprile 2003)


Il referente intervistato il giorno 2 aprile 2003, stato il geom. Tarantino, in qualit di amministratore delegato della Travel Ticket. Lincontro si svolto presso la sede della Travel Ticket, localizzata presso la zona industriale di Gioia Tauro, nel comune di S. Ferdinando (RC) Per il T-Cal erano presenti la d.ssa Console e ling. Pace. Anagrafica Azienda Ragione sociale: Travel Ticket Indirizzo: Zona industriale di Gioia Tauro, S. Ferdinando (RC) Web site e e-mail: www.inlog.it Settore attivit svolta: Descrizione attivit svolta: Logistica Principali prodotti/servizi: Fumigazione di containers, distribuzione, progetti di trasferimenti Classe fatturato: compreso tra 500.000 e 1.500.000 Euro Numero addetti: 11 (amministrazione 8, produzione 3) Sintesi dellincontro Cenni storici La Travel Ticket la capofila di un gruppo di aziende che comprende la Saimare srl e la Saimare spa. Lattivit prevalente quella della distribuzione e del project cargo. La Saimare s.r.l. un'azienda operante nel settore delle spedizioni il cui core business principalmente concentrato nel comparto doganale con una presenza capillare sul territorio nazionale con uffici nei principali porti del Tirreno (Genova, La Spezia, Livorno, Napoli, Salerno e Gioia Tauro) e, nell'Adriatico, a Ravenna. L'assistenza si articola in diversi comparti del settore spedizioni e riguarda: servizi doganali servizi logistici integrati servizi di agenzia marittima servizi di agenzia portuale

La societ certificata con il Sistema Qualit conforme alla norma Uni Iso 9002. Il lungo rapporto instaurato dalla Saimare S.P.A. con importanti operatori del settore ha permesso alla Saimare Gioia Tauro s.r.l di acquisire particolare competenza nella gestione di assistenza import ed export e di assistenza marittima portuale e di affermarsi, quindi, come una delle agenzie pi competitive nell'area portuale di Gioia Tauro. La Saimare Gioia Tauro s.r.l. annovera tra le compagnie di navigazione: Uasc Lloyd Triestino Evergreen Cho Yang Line Zim Israel
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

165

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

e tra le compagnie feeder: BCL CMN MCF

Export Nel complesso la Travel Ticket, che registra mediamente un fatturato compreso tra 500.000 e 1.500.000 Euro, esporta il 20% della sua produzione: di questo, il 90% diretto ai mercati dei paesi europei (Germania, Spagna, Danimarca) mentre il restante 10% esportato nei paesi extraeuropei (Cina, Turchia, Algeria, Marocco).
Paesi di distribuzione
Mercati Europei 10%

Mercati Extra-europei 90%

Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione La conoscenza delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione scarsa. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI : lontananza dai mercati; inadeguatezza del sistema infrastrutturale; elevati costi di trasporto; assenza di supporto/tutela da parte delle istituzioni in termini di lotta alla criminalit organizzata; debolezza del tessuto produttivo; non adeguata conoscenza strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione. scarsa propensione allassociazionismo.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI: maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione;
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

166

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

maggiore assistenza e tutela da parte delle istituzioni; potenziamento delle infrastrutture portuali dellarea di Gioia Tauro; agevolare il ricorso a consulenze specialistiche; affidare a societ altamente specializzate lelaborazione di studi di pianificazione strategica.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

167

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

9. Metalcoop scrl, settore Metalmeccanico (incontro del 2 aprile 2003)


Il referente intervistato il giorno 2 aprile 2003, stato il sig. Barilano Antonio, in qualit di Presidente della Metalcoop. Lincontro si svolto presso la sede della Metalcoop, localizzata nella zona industriale di Porto Salvo (VV). Per il T-Cal erano presenti la d.ssa Console e ling. Pace Anagrafica Azienda Ragione sociale: Metalcoop scrl Indirizzo: la zona industriale di Porto Salvo (VV) Web site e e-mail: www.metalcoop.it; metalcoop@tiscalinet.it Settore attivit svolta: Metalmeccanica Descrizione attivit svolta: Turbine a gas Principali prodotti/servizi: Classe fatturato: compreso tra 500.000 e 1.500.000 Euro Numero addetti: 28 (amministrazione 8, produzione 20) Sintesi dellincontro Cenni storici La Metalcoop scrl nata 40 anni fa e il suo cuore produttivo formato da sette linee specializzate per la realizzazione dei componenti essenziali della scaffalatura e quattro cabine specializzate consentono di offrire al cliente una vasta gamma di colori RAL oltre le tinte standard. L'azienda utilizza sempre acciai qualificati, garantisce la rintracciabilit dei materiali, ha tabelle di portata omologate, esegue i calcoli in modo chiaro e conforme al regolamento di autoqualificazione ACAI. Nel corso del 2000 l'azienda ha ricevuto la certificazione ISO 9001. Export Dai nuovi uffici la Metalcoop prende lo slancio per consolidare le posizioni acquisite nellanno 2000 e la spinta verso importanti investimenti nellarea produttiva, decisivi per affrontare la crescita futura: sono in corso di realizzazione una nuova linea di produzione dei piani della scaffalatura ST30 e una nuova linea di saldatura per le travi delle scaffalature ST60 e ST90. Nuovi investimenti sono previsti anche per la ristrutturazione e la razionalizzazione dei magazzini, in modo da migliorare le quantit in stock e velocizzare le consegne. La Metalcoop non esporta direttamente ma tramite il Nuovo Pignone. Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione Scarsa risultata la conoscenza delle politiche e degli strumenti tesi a favorire i processi di internazionalizzazione. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI: lontananza dai mercati;
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

168

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

inadeguatezza del sistema infrastrutturale; elevati costi di trasporto; assenza di supporto/tutela da parte delle istituzioni; non adeguata conoscenza strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI: maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; agevolare laccesso al credito; sostenere la formazione di consorzi per agevolare i programmi di export.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

169

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

10. Prevarin Aldino, settore Metalmeccanico (incontro del 2 aprile 2003)


I referenti intervistati il giorno 2 aprile 2003, sono stati il dr. Adriano Prevarin e il dr. Antonio Greco, rispettivamente responsabile della qualit e amministratore della Prevarin Aldino. Lincontro si svolto presso la sede della Prevarin Aldino, localizzata presso la zona industriale di Porto Salvo (VV) Per il T-Cal erano presenti la d.ssa Console e ling. Pace Anagrafica Azienda Ragione sociale: Prevarin Aldino Indirizzo: la zona industriale di Porto Salvo (VV) Web site e e-mail: www.prevarin.com Settore attivit svolta: Metalmeccanica Descrizione attivit svolta: Alettatura Tubi Principali prodotti/servizi: Tubi alettati di tipo G ed L e di tipo estruso Classe fatturato: compreso tra 1.500.000 e 3.000.000 Euro Numero addetti: 17 (amministrazione 2, produzione 15) Sintesi dellincontro Cenni storici La PREVARIN ALDINO, fondata nel 1971, opera su tutto il territorio nazionale da quasi 30 anni ed specializzata nel settore dei sollevamenti, montaggi e movimentazioni industriali e di noleggio autogr. La sede situata nella zona industriale di Porto Salvo, e dista 5 km dal porto di Vibo Valentia Marina, 15 Km dallo svincolo dellautostrada A3 Salerno-Reggio Calabria, 35 km dallaeroporto di Lamezia-Terme, e 47 km dal porto di Gioia Tauro (Reggio Calabria) in cui l'azienda dispone di un proprio Terminal per le operazioni di carico e scarico. Da quasi 10 anni costruisce imballaggi per l'esportazione in tutto il mondo di macchinari e accessori per impianti industriali; in questi ultimi anni si mirato ai mercati dell'estero avviando la produzione di tubi alettati e refrigeranti ad aria (air-coolers). I servizi offerti dalla Prevarin Aldino possono essere cos sintetizzati: produzione tubi alettati tipo Embedded ed Extruded; produzione Air coolers e Scambiatori di Calore; sollevamenti; noleggio Autogr; impresa portuale c/o Terminal Gioia Tauro. movimentazioni e montaggi industriali; imballaggi industriali;

Export Nel complesso la Prevarin Aldino registra mediamente un fatturato compreso tra 1.500.000 e 3.000.000 Euro. Di questo, il 20% proviene da vendite effettuate allestero cos articolato: il 50% esportato nei mercati europei (Francia, Germania, Inghilterra) mentre il restante 50% esportato nei paesi extraeuropei (Cina, Turchia e Iraq).
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

170

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Paesi di distribuzione
Mercati Extra-europei 50%

Mercati Europei 50%

Lidentificazione dei paesi sopraindicati avvenuta tramite partecipazione a fiere, a contatti diretti allausilio di clienti italiani che svolgono funzione di agenti. Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione La conoscenza delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione scarsa. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI: lontananza dai mercati; inadeguatezza del sistema infrastrutturale; elevati costi di trasporto; assenza di supporto/tutela da parte delle istituzioni; non adeguata conoscenza strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione. scarsa propensione allassociazionismo.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI: maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; maggiore assistenza e tutela da parte delle istituzioni regionali.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

171

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

11. Gelateria Sublime, settore Agroalimentare (incontro del 2 aprile 2003)


Il referente intervistato il giorno 2 aprile 2003, stato il sig. Domenico Procopio, in qualit di tecnico della Gelateria Sublime. Lincontro si svolto presso la Gelateria Sublime localizzata a Pizzo (VV). Per il T-Cal erano presenti la d.ssa Console e ling. Pace Anagrafica Azienda Ragione sociale: Ditta Individuale Gelateria Sublime Indirizzo: Via Colosimo, Pizzo Marina Web site e e-mail: www.gelateriasublime.it Settore attivit svolta: Alimentare Descrizione attivit svolta: Produzione gelato Principali prodotti/servizi: Creme per coni gelato, granite, sorbetti, semifreddi, pezzi duri (fra cui il famoso tartufo di Pizzo) Classe fatturato: inferiore ai 500.000 Euro Numero addetti: 3 (il numero degli addetti aumenta nei periodi estivi) Sintesi dellincontro Cenni storici La tradizione del gelato risale alla seconda met del secolo scorso. Non esistendo ancora i sistemi di refrigerazione, i gelati (granite e sorbetti) erano prodotti utilizzando la neve portata dalle vicine Serre ad opera dei cosiddetti massari nivari. Questi contadini lungimiranti scavavano in estate delle profonde buche a forma di parallelepipedo, le rivestivano di felci e poi, dinverno, raccoglievano la neve appena caduta e la conservavano, pressata, nella buca apposita. Una volta colma, la buca era ricoperta con felci e paglia e si attendeva larrivo della bella stagione e del primo caldo. Allora i massari ritornavano alle buche divenute enormi celle frigorifere e con apposite seghe dacciaio squadravano il ghiaccio in balle da vendere ai caffetteri- precursori degli odierni gelatai- di Pizzo. Questo primo modello produttivo stato dominante per molto tempo almeno fino alla met degli anni trenta. Lintroduzione e la diffusione del frigorifero hanno cambiato significativamente lassetto del sistema produttivo. I moderni sistemi di refrigerazione e i grandi banconi frigoriferi permettendo una serie lunghissima di innovazioni di prodotto e di processo hanno consentito la nascita delle prime gelaterie artigianali. Dagli anni 50 in avanti in avanti il numero delle gelaterie cresciuto in modo lento ma stabile, e si sono registrati notevoli fenomeni di trasferimento delle competenze da gelaterie esistenti a nuove imprese, fino ad arrivare ai moderni gelati di oggi e allormai famoso Tartufo di Pizzo. La ditta individuale Gelateria Sublime, sottoposta allintervista, rappresenta degnamente la tradizione del gelato a Pizzo. Export La ditta individuale Gelateria Sublime, che registra mediamente un fatturato inferiore ai 500.000 Euro, esporta, nelle altre regioni italiane (le principali sono Lazio, Puglia, Campania, Basilicata) il 50% circa dellintera produzione. Fra le strategie future dellazienda si segnala la creazione di un consorzio (con il sostegno della camera di commercio, dellAmministrazione provinciale di VV e la Proloco di Pizzo) fra tutte le gelateria del posto per la
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

172

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

creazione di un marchio di qualit. Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione Scarsa risultata la conoscenza delle politiche e degli strumenti tesi a favorire i processi di internazionalizzazione. Ci, probabilmente a causa delle ridotte dimensione dellazienda intervistata Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI: dimensione ridotte; scarsa propensione allassociazionismo; mancanza di un consorzio; ridotte capacit finanziarie;

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; maggiore assistenza e tutela da parte delle istituzioni; creazione di un consorzio; maggiore promozione e pubblicit del prodotto; migliore organizzazione delle fiere.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

173

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

12. Ranieri Cantieri Nautici s.r.l., settore Fabbricazione mezzi di trasporto


Il referente intervistato il giorno 3 aprile 2003, stato il sig. Salvatore Ranieri, in qualit di direttore delle vendite della Ranieri Cantieri Nautici srl. Lincontro si svolto a Soverato (CZ), Corso Umberto I. Per il T-Cal erano presenti la d.ssa Console, il dr. Promenzio e ling. Pace. Anagrafica Azienda Ragione sociale: Ranieri Cantieri Nautici srl Indirizzo: Soverato (CZ), Corso Umberto I Web site e e-mail: www.ranieriboat.com; info@ranieriboat.com Settore attivit svolta: Costruzioni imbarcazioni Descrizione attivit svolta: Produzione e vendita barche Principali prodotti/servizi: Barche open (non cabinate) e cruise (cabinate) Classe fatturato: superiore ai 3.0000.000 Euro Numero addetti: 50 (amministrazione 4, produzione 45) Sintesi dellincontro Cenni storici Nello stabilimento, in localit Caldarello di Soverato, lazienda produce barche Open (non cabinate) e Cruise (cabinate) fino a 8 metri. Tradizione e tecnologia convivono in perfetta armonia garantendo un prodotto di elevata qualit. Le particolari caratteristiche del prodotto commercializzato (barche di alto profilo e, di conseguenza, di costo elevato) ha indotto lAzienda ha puntare sulla completa soddisfazione del cliente, attraverso adeguate politiche di comunicazione e differenziazione. Il costante impegno della Direzione nel perseguire un continuo processo di miglioramento ha conseguito, di recente, la certificazione del Sistema Qualit Certificato ISO 9002. Export La Politica della Qualit, anche a discapito di un costo superiore alla concorrenza, rappresenta un obiettivo di fondamentale importanza e di grande impegno per lAzienda. Del fatturato complessivo dellAzienda il 55% proviene da vendite allestero: l85% del prodotto commercializzato in quasi in tutti i mercati europei, mentre il restante 15% nei mercati Extra-Europei (Emirati Arabi, Russia, Etiopia).

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

174

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Paesi di distribuzione
Mercati Extra-europei 15%

Mercati Europei 85%

Le future strategie dellazienda sono legate alla prossima apertura nel nuovo stabilimento localizzato nellarea PIP di Isca sullo Ionio. La nuova struttura consentir di produrre nuovi modelli, di maggiori dimensioni e, quindi, di aggredire nuovi mercati. Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione Scarsa si rilevata la conoscenza delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI: lontananza dai mercati europei ed extra-europei; elevati costi di trasporto; inadeguatezza del sistema infrastrutturale; numero insufficiente dei porti turistici e dei posti barca; costo elevato delle materie prime; scarsa conoscenza degli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; bassa propensione culturale allassociazionismo; lentezza delle procedure amm/ve nellerogazione delle agevolazioni.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; finanziamenti allexport per ridurre il costo della distanza; maggiori finanziamenti per lexport in generale; ampliamento dei porti turistici, del numero dei posti barca e, soprattutto, dei servizi connessi; maggiore promozione dei prodotti tipici regionali, non solo del settore agroalimentare.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

175

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

13. Mauro Demetrio s.p.a., settore Agroalimentare


Il referente intervistato il giorno 3 aprile 2003, stato ling. Pasquale Mauro, in qualit di Presidente della Mauro Demetrio spa. Lincontro si svolto presso la sede dellAzienda localizzata nella zona industriale di Villa S. Giovanni (RC). Per il T-Cal erano presenti la d.ssa Console ed il dr. Promenzio. Anagrafica Azienda Ragione sociale: Mauro Demetrio spa Indirizzo: Zona industriale di Villa S. Giovanni (RC) Web site e e-mail: www.caffemauro.com Settore attivit svolta: Agroalimentare Descrizione attivit svolta: Torrefazione di caff Principali prodotti/servizi: Caff Classe fatturato: superiore ai 3.0000.000 Euro Numero addetti: 60 (amministrazione 10, produzione 30, gestione 50) Sintesi dellincontro Cenni storici Nello stabilimento di Villa San Giovanni (RC), fra i pi moderni in Europa, inaugurato nel 1997, l'uomo e la tecnologia convivono in perfetta armonia, garantendo costantemente l'eccellenza qualitativa del prodotto ed il pi completo rispetto per l'ambiente. La struttura sorge su un'area di 37.000 mq, "affacciata" sull'incantevole scenario dello Stretto di Messina. LAzienda Mauro certificata secondo i parametri degli standard ISO 9002. Vuol dire che tutti i processi, i metodi ed i controlli rispettano procedure standard fissate e riconosciute a livello mondiale. Per il consumatore questo si traduce in molteplici garanzie: costanza della qualit dei prodotti, controlli continui sulla materia prima e sul prodotto finito, risposte adeguate a bisogni che si evolvono sempre. Export LAzienda, attenta alle richieste del mercato, produce e distribuisce tante variet di caff che commercializza in gran parte in Italia (circa il 90%) mentre il 10% esportato: nei mercati europei per il 50% (Germania, Francia, Belgio, Inghilterra, Spagna, Svizzera, est europeo) ed Extra-Europei per il restante 50% (Canada, Australia, Stati Uniti, Giappone, Cina, Emirati Arabi, Kuwait, Russia). In Europa la presenza sempre stata costante, fin dalla prima edizione, alla Fiera Anuga di Colonia che ha permesso alla Mauro caff di farsi conoscere ad un ampio pubblico internazionale, quale quello che ogni due anni sempre pi numeroso, visita questa prestigiosa fiera.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

176

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
Paesi di distribuzione

Mercati Extra-europei 65%

Mercati Europei 35%

Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione La conoscenza delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione scarsa. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI : elevati costi di trasporto, determinati dalla lontananza dai mercati europei ed extra-europei e dallinadeguatezza del sistema infrastrutturale; cattiva organizzazione di fiere/promozioni da parte delle strutture pubbliche (il livello notevolmente pi alto quando le stesse sono organizzate dal Sistema Camerale); non adeguata conoscenza strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione. difficolt delle imprese di penetrare i mercati esteri; mancanza di sinergie fra gli operatori economici e fra questi e le istituzioni; bassa propensione culturale allassociazionismo.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI : maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione. finanziamenti allexport per ridurre il costo della distanza; potenziamento sportelli per linternazionalizzazione di recente costituzione presso le Camere di Commercio; incentivare ricerche e studi di mercato per consentire alle imprese di predisporre adeguate strategie produttive e commerciali che rispondano alle aspettative dei mercati esteri; incentivare il ricorso a consulenze specialistiche (legale, marketing, finanziaria, ecc.); maggiori finanziamenti per lexport.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

177

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

14. Agronomica Daniele srl, settore Industria chimica


Il referente intervistato il giorno 7 aprile 2003, stato il sig. Antonio Daniele, in qualit di amministratore unico della Agronomica Daniele srl. Lintervista stata realizzata in parte telefonicamente e i risultati sono stati inviati via e-mail. Anagrafica Azienda Ragione sociale: Agronomica Daniele srl Indirizzo: SS 106 Loc. Passovecchio, Crotone Web site e e-mail: www.agrnomicadaniele.com; info@agronomicadaniele.com Settore attivit svolta: Cosmetico Industria chimica Descrizione attivit svolta: Produzione e commercializzazione di prodotti fito-cosmetici Principali prodotti/servizi: Shampoo, bagnoschiuma, creme, detergenti mani, latte detergente, tonico, ecc. Classe fatturato: inferiore ai 500.000 Euro Numero addetti: 5 (amministrazione, 2, produzione 2, gestione, 1) Sintesi dellincontro Cenni storici LAgronomica Daniele srl nata nel 1989 per gestire la conduzione di colture innovative di interesse industriale per conto delle attivit di diversificazione dell'Agip-Petroli ivi compresa la preparazione di una speciale linea cosmetica a base di olio di jojoba formulata per le griffe pi qualificate. LAgronomica Daniele srl, dopo aver maturato una considerevole esperienza nel campo delle coltivazioni di essenze che costituiscono la base di molti prodotti cosmetici, ha avuto la possibilit di realizzare unofficina di produzione in grado di compiere ricerca e sviluppo di prodotti fito-cosmetici (nel 2001 stato completato a Crotone l'Opificio di circa 1900 mq. per la formulazione e produzione di fito-cosmetici). A tal fine, lazienda si avvalsa della collaborazione di formulatori di provata esperienza che, tenuto conto delle linee di sviluppo dettate dal management, ricercano continuamente nuove possibilit di prodotti da offrire al mercato continuando a presentare soluzioni di efficacia e qualit. Obiettivo dellazienda di utilizzare per lo pi olio di jojoba, bergamotto e prodotti di apicoltura nella preparazione di cosmetici di alta qualit. Tutti i prodotti sono certificati dall'Istituto di Microbiologia dell'Universit di Catanzaro: il marketing aziendale prevede lo sviluppo di 4 marchi (con formulazioni specifiche) da destinare a momenti diversi di distribuzione: DADA: mass-market, G.D. e G.D.O.; PRODOTTO D'ERBE: erboristerie e farmacie; LINEA MARE: Tourist-market e canali tradizionali; OS: Alta profumeria. Export LAgronomica Daniele srl dalla sua recente costituzione notevolmente cresciuta sebbene, attualmente, la sua produzione sia rivolta soltanto al mercato nazionale in grado di soddisfare pienamente le richieste dei Clienti e di proporre soluzioni sempre pi adeguate alle loro necessit. Le strategie future sono rivolte essenzialmente ai mercati europei (Francia, Spagna e Russia)
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

178

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione Considerata la recente costituzione ed essendo la produzione diretta solo ai mercati nazionali risultata scarsa la conoscenza delle politiche e degli strumenti (nazionali e non) tese a favorire i processi di internazionalizzazione delle PMI. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI: inadeguatezza del sistema infrastrutturale; non adeguata conoscenza strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione. bassa propensione culturale allassociazionismo.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI: maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione. finanziamenti allexport per ridurre il costo della distanza; incentivare il ricorso a consulenze specialistiche (legale, marketing, finanziaria, ecc.); finanziamenti mirati allexport. procedure amministrative pi semplici e snelle.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

179

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

15. Cellulosa 2000 srl, settore Industria della carta


Il referente intervistato il giorno 7 aprile 2003, stato il dr. Matteo Ambrosio, in qualit di collaboratore Direttore finanziario della Cellulosa 2000 spa. Lintervista stata realizzata in parte telefonicamente ed i risultati sono stati inviati via e-mail. Anagrafica Azienda Ragione sociale: Cellulosa 2000 spa Indirizzo: SS 106 Zona Industriale, Crotone Web site e e-mail: www.cellulosa2000.com; info@cellulosa2000.com Settore attivit svolta: Manifatturiero Descrizione attivit svolta: Produzione di cellulosa bianchita da linters di cotone Principali prodotti/servizi: Cellulosa bianchita da linters di cotone per applicazioni cartarie e chimiche (eteri, esteri, viscosa) Classe fatturato: superiore a 3.0000.000 Euro Numero addetti: 95 (amministrazione 8, produzione 61, gestione 26) Sintesi dellincontro Cenni storici Cellulosa 2000 una Societ per Azioni costituita in data 24.09.1998 con Atto Notaio Dr. Proto, per iniziativa della Fincalabra S.p.A. (30%) e Prisma 2000 S.p.A. (70%). La nascita della Societ trae origine dalla dismissione dellex Cellulosa Calabra S.p.A. (produzione pasta semichimica da legno), a seguito di una perdurante crisi aziendale che ne aveva determinato la cessazione dellattivit produttiva fin dal 1997 con la messa in cassa integrazione del personale dipendente. Un piano concordato nel settembre 1998 presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, prevedeva la costituzione di Cellulosa 2000 da parte di nuovi soggetti interessati ad un progetto di riorganizzazione mirato al rilancio dellattivit industriale produttiva, e che avrebbe dato garanzia sul piano occupazionale al personale proveniente dalla preesistente Societ. Il progetto di riorganizzazione industriale si basava sulla realizzazione di una linea produttiva di cellulosa bianchita da linters di cotone, con un ciclo di lavorazione totalmente innovativo, tecnologicamente il pi avanzato nel settore. La Societ, infatti, ha acquistato il diritto esclusivo per lutilizzazione del processo NACO per la produzione in Europa di cellulosa bianchita da fibre vegetali. Cellulosa 2000 ha ottenuto lapprovazione di un progetto industriale, ammesso alle agevolazioni finanziarie a valere sulla Sovvenzione Globale per larea di crisi di Crotone gestita da Crotone Sviluppo. Il progetto stato realizzato e regolarmente finanziato per come previsto. Nel rispetto degli impegni assunti presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Cellulosa 2000 S.p.A. ha provveduto a: assunzione con passaggio diretto e immediato di n66 unit lavorative dalla preesistente Cellulosa Calabra S.p.A., con collocazione di esuberi presso altre iniziative del Gruppo; acquisizione da Cellulosa Calabra S.p.A. di immobili e parte di impianti, che sono stati opportunamente integrati nel nuovo progetto dinvestimento.
180

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Export Nel complesso la Cellulosa 2000 registra mediamente un fatturato compreso superiore ai 3.000.000 Euro. Di questo, il 60% proviene da vendite effettuate allestero, cos articolato: il 70% esportato nei mercati europei (Francia, Spagna, Germania, Finlandia, Austria, Inghilterra, Paesi Bassi) mentre il restante 30% esportato nei paesi extraeuropei (Stati Uniti, Carabi, Giappone).
Paesi di distribuzione
Mercati Extra-europei 30%

Mercati Europei 70%

Conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione La conoscenze delle politiche e degli strumenti per linternazionalizzazione scarsa. Spunti di riflessione Fattori che ostacolano/rallentano il processo di internazionalizzazione delle PMI: scarsa conoscenza degli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; inadeguatezza del sistema infrastrutturale; lontananza dai mercati europei ed extra-europei; elevati costi di trasporto; del tutto assente la capacit di associarsi.

Strategie suggerite per favorire il processo di internazionalizzazione delle PMI: maggiore diffusione delle informazione relative agli strumenti/incentivi per favorire la penetrazione commerciale allestero e pi in generale linternazionalizzazione; finanziamenti allexport per ridurre il costo della distanza; maggiori finanziamenti per lexport in generale; migliorare le infrastrutture (autostrade, aeroporti, porti, ecc.).

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

181

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

E) SCHEDA DEL FOCUS GROUP


Nel seguito si riporta una scheda sintetica del focus group realizzato in Calabria. Per quel che concerne i commenti raccolti ed i risultati conseguiti si rimanda al paragrafo 2.1.2 del rapporto finale. Premessa Il focus group una tecnica di rilevazione per la ricerca sociale basata sulla discussione tra un piccolo gruppo di persone alla presenza di uno o pi moderatori, focalizzata su un argomento che si vuole indagare in profondit (S. Corrao). Nel focus group un gruppo di 6/10 persone stimolato a discutere apertamente e in profondit su un argomento proposto da un moderatore, che focalizza la discussione sugli aspetti rilevanti del tema di interesse in modo non direttivo. Lobiettivo quello di raccogliere opinioni, giudizi e valutazioni di professionisti, esperti, e utenti sullo specifico argomento di indagine, attraverso la libera espressione dei diversi punti di vista. Diversamente dalla tradizionale tecnica dellintervista, in cui un intervistatore pone delle domande precise ad un soggetto che dar singole risposte, nel focus group invece proposto un argomento sul quale i partecipanti sono liberi di interagire; attraverso tale interazione si ha modo di approfondire ed arricchire le idee, nonch di cogliere gli atteggiamenti dei partecipanti sul tema. Il moderatore ha il compito di dirigere la discussione allinterno del gruppo, stimolando i partecipanti a esprimere il proprio punto di vista e interviene al solo fine di centrare la discussione sui punti chiave. Il moderatore viene di solito affiancato da un osservatore che ha il compito di registrare le reazioni, le risposte e gli atteggiamenti allinterno del gruppo. Gli argomenti sono predeterminati e trattati in sequenza in modo accurato seguendo una traccia-guida di intervista. La sequenza di domande che sono poste finalizzata a dirigere la discussione e non la versione verbale di un questionario. Il testo guida dell'incontro formato da poche domande chiave non strutturate e che non suggeriscono alcuna risposta potenziale. Le domande sono inizialmente di carattere pi generale, per diventare poi pi specifiche e sono poste in ordine di importanza in relazione agli scopi della ricerca. Sintesi Il Focus Group, tenutosi il 17 aprile presso la Sala Convegni della Camera di Commercio di Catanzaro, stato volto a conoscere l'opinione del mondo imprenditoriale operante sul territorio calabrese riguardo le politiche e gli strumenti per favorire il processo di internazionalizzazione in Calabria.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

182

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Partecipanti NOME Paolo Filippo Paolo Alessandro Franco Sarino Igor Valentino Elena Giuseppe COGNOME Abramo Callipo Failla De Medici Lucia Branda Paonni Bobbio Console Promenzio ENTE DI APPARTENENZA Presidente della CCCIAA di Catanzaro Presidente della Confindustria regionale Presidente della sezione Turismo dellAssindustria di Catanzaro Presidente del Consorzio Catanzaro Turismo Presidente della CIA regionale Direttore dellAssindustria di Cosenza Direttore della Confindustria regionale UTI MAE/MAP UTI MAE/MAP UTI MAE/MAP

Domande poste Quale strategia pubblica sarebbe auspicabile per favorire il processo di internazionalizzazione dei sistemi? Quali strumenti sarebbero congrui con tale strategia? Quali incentivi e regimi di aiuto sarebbero coerenti con la crescita dei processi di internazionalizzazione dei sistemi? Qual il giudizio sugli strumenti e sugli incentivi attualmente in vigore? Quali sono le principale strozzature che frenano linternazionalizzazione? Quale dovrebbe essere il ruolo dei privati e delle organizzazioni pubbliche? Risultati Cfr. paragrafo 2.1.2 del rapporto.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

183

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

F) ANALISI PRELIMINARE DELLE POTENZIALIT DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE AZIONI AMBIENTALI E/O CULTURALI 1 Turismo
1.1 Quadro dellarea tematica nella regione Tra tutte le regioni ricadenti nellObiettivo 1 la Calabria quella che pi si trova in una posizione critica rispetto alla domanda turistica nazionale e internazionale cos come dimostrato dalle statistiche settoriali che evidenziano un decremento nelle presenze legate al turismo balneare e una fase di stallo relativamente ai flussi riconducibili al turismo culturale. Tuttavia, la Calabria la prima regione del Sud Italia che con il suo 8,9% nel periodo luglio-settembre si pone dietro lEmilia Romagna come destinazione caratterizzata da pernottamenti superiori alle 4 notti. Con i suoi 4.576.000 di presenze complessive (turisti italiani e stranieri) registrati nelle strutture ricettive alberghiere regionali (di cui 4 a 5 stelle, 73 a 4 stelle, 346 a 3 stelle, 183 a 2 stelle e 84 a 1 stella) la Calabria tra gli ultimi posti in Italia per domanda turistica appena prima della Basilicata e del Molise. Questa situazione ha fatto s che in fase di elaborazione dei P.O.R siano stati presi in considerazione le problematiche che di fatto hanno portato a questo stato di cose e che condizionano pesantemente il passaggio da risorsa turistica a prodotto turistico dellintera offerta calabrese: stagionalit dei flussi turistici dovuta al turismo balneare, scostamento tra qualit attesa, promossa e percepita dellofferta turistica, bassa professionalit (ad asclusione di alcune eccellenze), scarsa propensione allassociazionismo, sistema dei trasporti interni deficitari, forte incidenza del lavoro sommerso e relativa dequalificazione dellofferta, assenza di strategie intersettoriali a livello regionale in grado di incidere nellimplementazione, distribuzione e commercializzazione dei prodotti turistici locali e della relativa promozione sui mercati esteri, assenza di una strategia di internazionalizzazione in campo turistico finalizzata alla riconversione dellimmagine Calabria e alla presentazione di nuove opportunit di vacanza fruibili sul territorio regionale.

1.2 Potenzialit e criticit emergenti Dallo studio del P.O.R. regionale emerge chiaramente la volont di promuovere azioni di cooperazione ed integrazione con imprese extra regionali e di ridurre il grado di competitivit interna tra aziende del settore turistico perseguendo una politica di aggregazione ed integrazione tra le stesse in unottica di miglioramento della qualit dei servizi offerti. A dimostrazione di ci significativo lo studio dei Sistemi Turistici Locali che di fatto, attraverso lo sviluppo di grandi attrattori, mirano ad integrare i sistemi turistici attualmente riconosciuti come tali dalla domanda turistica organizzata e non, e i sistemi marginali emergenti o potenzialmente tali. Da una lettura approfondita dei Sistemi Turistici Locali emerge, tuttavia, uno scollamento pericoloso tra quello che il territorio offre e quello che la domanda turistica moderna richiede. Il rischio quello di creare pericolose aspettative negli imprenditori locali, se non saranno attuati -allinterno delle misure 2.1.1., 2.1.2, 2.1.3, 2.1.4, 4.2.10, 4.4.1, 4.4.2, 4.4.3- appositi studi, in merito alle richieste dei turisti stranieri e dei maggiori tour operators di riferimento, rispetto agli standards di prodotto minimi per lattivazione di flussi turistici destagionalizzati e continui, in grado di contribuire fattivamente allallungamento della stagione turistica calabrese e alla creazione
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

184

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

dellindotto necessario per la creazione di nuove imprese turistiche accessorie a quelle operanti nella ricettivit turistica balneare. Tra le cose pi interessanti emerse dal P.O.R. riveste una particolare importanza la programmazione per Sistemi Turistici Locali che hanno lobiettivo di integrare i sistemi pi forti con quelli pi marginali attraverso lo sviluppo di grandi attrattori e riposizionare lofferta locale con azioni di promozione e distribuzione mirate. I sistemi turistici identificati sono:
Sistemi Turistici Locali Pollino e Sila Sibaritide Crotone Reggio Calabria Locride Gioia Tauro Rossano Grecanica Alto Tirreno Aspromonte Soverato Vibo Valentia Punti di forza Risorse naturalistiche Offerta turistica differenziata e consistente Punti di debolezza Scarsa competenza tessuto imprenditoriale Assenza di integrazione tra attivit promozionali e risorse locali Offerta turistica balneare Offerta ricettiva poco differenziata

Risorse culturali Turismo business, risorse enogastronomiche e insediamenti archeologici Integrazione risorse balneari e archeologiche Scarsa presenza strutture alberghiere e pessimi collegamenti infrastrutturali Rapporti commerciali Criminalit organizzata e scarsa dotazione di infrastrutture di collegamento Risorse storiche-etnografiche Scarsa presenza di strutture ricettive e basso impegno degli operatori nellinserirsi nei circuiti di commercializzazione Risorse storico-culturali, etnogra-fiche e Scarsit di strutture ricettive e di infrastrutture di naturalistiche collegamento, bassa preparazione operatori pubblici privati Elevata e diffusa offerta ricettiva Scarsi flussi turistici dallestero e deboli infrastrutture di collegamento Risorse naturalistiche Assenza di strutture e servizi di ospitalit Risorse balneari e diffusione di strutture Forte presenza di turismo sommerso, scarsa ricettive extralberghiere diversificate integrazione tra imprese ed incapacit ad utilizzare le nuove tecnologie Fascia costiera di pregio con fenomeni di degrado limitati, strutture ricettive in linea con standard qualitativi e dimensionali richiesti dal mercato organizzato, buona integrazione con tour operator ed agenzie di viaggi

Fonte: P.O.R Calabria 2000-2006 10 Rapporto sul turismo

1.3 Ipotesi di progetto esaminate Oltre ai due progetti di eccellenza emersi in fase di mappatura (I porti di Ulisse e Vis Musicae), il dirigente dellAssessorato regionale al turismo ha segnalato come progetto di eccellenza uniniziativa denominata Borghi e Castelli dEuropa finalizzata alla: preparazione, allestimento e messa in scena di spettacoli che possano proporre la storia, le leggende e le tradizioni proprie dei popoli europei attraverso un percorso di studio e di preparazione artistica comune da proporre e realizzare nei pi bei castelli e borghi dEuropa, cornice e scenografia storica di grande fascino e valore culturale. 1.4 Caratteristiche del progetto analizzato Il progetto ha durata triennale e prevede la partecipazione di alcuni partners europei e della ex Unione Sovietica. Il soggetto proponente ha riportato allinterno della scheda riepilogativa la disponibilit degli enti, preventivamente informati, a collaborare con lo stesso per garantire la dimensione transnazionale e il cofinanziamento necessario alla copertura del progetto il cui costo complessivamente pari a 1.500.000,00 euro, di cui euro 900.000,00 a carico della UE, euro 75.000,00 quale 5% del contributo cofinanziatore ed euro 525.000,00 proventi da beni e servizi nella misura del 35%. Ad oggi il progetto non stato inserito in nessun
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

185

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

progetto europeo e lintenzione del dirigente di candidarlo allinterno di Cultura 2000 una volta approfonditi gli aspetti operativi ed economici. Per il primo anno il progetto prevede la produzione di uno spettacolo originale contemporaneo (teatro e musica) in grado di raccontare la storia antica dei popoli di Europa con il contributo di artisti di tutti i paesi presenti allinterno del progetto, nonch lallestimento di una mostra itinerante sui castelli e la loro storia. Il titolo della manifestazione Dalle leggende alla storia. La seconda annualit del progetto caratterizzata dal tema Tradizioni e feste popolari nei borghi antichi ed finalizzata alla rappresentazione di spettacoli folkloristici musicali, corali e strumentali con uso di strumenti appartenenti alla tradizione tipica di ogni paese con laggiunta di mimi ed artisti di strada in grado da ricreare le atmosfere di tradizione popolare e nazionale. Liniziativa composta anche da una mostra itinerante sul tema delle tradizioni popolari di ciascun paese e dallallestimento di stands di degustazione di prodotti tipici nei borghi antichi con la presenza degli artisti. Per il terzo anno si prevede la produzione e realizzazione di opere inedite ed originali di autori (Musica, Danza, Teatro) del 900 e contemporanei appartenenti ai paesi aderenti al progetto il cui titolo . Kontemporaneafestival- nonch un lavoro di elaborazione comune quale confronto culturale attraverso lutilizzo di tecniche di realizzazione innovative e multimediali. Anche in questo caso previsto lallestimento di una mostra sui contenuti delle rappresentazioni, sugli autori e gli interpreti, con fotografie, video e supporti multimediali. Le tre annualit prevedono inoltre la produzione di una serie di strumenti informativi quali (a titolo dimostrativo e non esaustivo): sito internet multilingue con forum permanente, pubblicazione illustrativa con allegato dvd e cd rom sul tema degli spettacoli e delle informazioni turistiche relative ai paesi coinvolti nel progetto, pubblicazione multilingue relative agli autori e alla storia del 900.

Per valorizzare adeguatamente lidea progettuale affinch la stessa possa rispondere a politiche di internazionalizzazione e integrarsi con il comparto turistico regionale sarebbe necessario prevedere: il coinvolgimento degli operatori turistici operanti nei bacini della domanda turistica internazionale e dellofferta turistica locale; una maggiore attenzione allanimazione territoriale delliniziativa in termini di comunicazione interna ed organizzazione di eventi preparatori; una migliore calendarizzazione degli eventi compatibilmente alla stampa dei cataloghi turistici; il coinvolgimento degli enti territoriali preposti alla promozione turistica; una pi approfondita tematizzazione della ricettivit alberghiera ed extra-alberghiera delegata ad ospitare i turisti potenzialmente interessati al progetto oggetto di studio.

Pertanto indispensabile, per dare alliniziativa uno spirito di innovazione ed internazionalizzazione, un coinvolgimento verticale con la domanda turistica straniera nonch con gli uffici periferici dellEnit e degli Istituti Italiani di Cultura, quali diffusori culturali e potenziali ricettori di indicatori operativi ed economici relativi alla fattibilit ed economicit del progetto stesso, nonch alla codificazione di prassi che garantiscano un trasferimento permanente delle culture attraverso la sensibilizzazione degli operatori turistici locali che vivano larricchimento culturale come un valore aggiunto della loro offerta turistica. Opportunamente contestualizzato, il progetto pu offrire buone opportunit di internazionalizzazione con conseguenti ricadute in termini occupazionali e pi specificatamente:
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

186

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
Linee Guida Implementazione di pacchetti turistici direttamente collegati alle proposte culturali del progetto Creazione di una rete di offerta turistica culturale riconoscibile dallesterno Protagonisti Operatori della ricettivit locale Operatori dei servizi turistici locali Operatori della domanda straniera Operatori della ricettivit locale Operatori dellintermediazione turistica locale Operatori turistici e culturali stranieri Operatori turistici e culturali locali Amministrazione regionale Risultati attesi Creazione di proposte definite sulla base delle caratteristiche della domanda potenziale Promozione e distribuzione del prodotto turistico/culturale tematico direttamente allinterno delle nicchie Aumento del senso di appartenenza al territorio e riconoscimento del valore aggiunto rappresentato dallaspetto culturale delliniziativa, nonch maggiore visibilit sui mercati esteri Creazione di economie e vantaggi competitivi secondo unottica di benchmarking

Contestualizzazione dellofferta turistico/culturale tematica nelle varie declinazioni e nel rispetto dei Sistemi Turistici Locali attraverso ladozione di prassi comuni volte al soddisfacimento della domanda turistica internazionale Promozione su scala internazionale dello spessore culturale del progetto e del relativo valore aggiunto attraverso limplementazione di un modello commerciale ad hoc che consenta la riproduzione di strategie commerciali innovative Rendere turisticamente fruibili le sagre, le feste ed i singoli momenti di aggregazione culturali ipotizzati nel progetto (rispetto dei tempi di programmazione e promozione) Implementazione del materiale informativo (brochures, cd, dvd, vhs etc) secondo gli standards della domanda internazionale Definizione degli argomenti internazionali che definiscano coerentemente il valore aggiunto dei castelli e dei borghi calabresi rispetto ad offerte similari di paesi concorrenti

Gestori del progetto Network culturali internazionali

Operatori turistici e culturali locali Amministrazione Regionale Divulgatori culturali internazionali Operatori turistici e culturali locali Amministrazione Regionale Divulgatori culturali internazionali Amministrazione Regionali Enit Istituti Italiani di Cultura Opinion Leaders internazionali

Passaggio da risorsa turistica a prodotto turistico delle singole componenti del progetto con evidenti ricadute in termini di spesa diretta, indiretta ed indotta Maggiore penetrazione della nicchia di riferimento con conseguente risposta adeguata relativamente allofferta turistica culturale collegata al progetto Efficace posizionamento nel mondo della cultura internazionale dei patrimoni storici ed archeologici calabresi

1.5 Raccomandazioni per lo sviluppo dellinternazionalizzazione dellarea con i fondi strutturali


Cos come rilevato in quasi tutte le regioni dellObiettivo 1, anche in Calabria linternazionalizzazione viene spesso confusa con la cooperazione transnazionale. Pertanto attualmente lapproccio agli scambi di esperienze con paesi terzi viene effettuato allinterno dei progetti Leader + e altri, che di fatto affinano le procedure di collaborazione allargata ma non hanno risultati tangibili e durevoli. La gestione dei fondi strutturali allinterno del QCS 2000-2006 non pu non tenere conto delle mutate esigenze del settore turistico che non basa pi la propria dimensione di internazionalizzazione esclusivamente sulla partecipazione alla fiere e borse turistiche ed a pochi altri interventi strutturali. Allinterno delle varie misure del P.O.R Calabria ci sono gli spazi per inquadrare interventi di internazionalizzazione innovativi che vedano al primo posto la condivisione a livello locale della necessit di aggregazione tra imprese in campo turistico secondo laccezione della l. 135/2001, nonch sullanimazione culturale verso i mercati esteri, pertanto in maniera sintetica e non esaustiva, la Regione Calabria dovrebbe effettuare i seguenti steps per raggiungere lobiettivo di un posizionamento efficace allinterno dellofferta turistica del Sud Italia e contemporaneamente garantire lefficacia di progetti a medio/lungo termine come quello proposto ai punti precedenti: monitoraggio dello stato dellofferta turistica classificata ed emergente nonch delle strutture operative 365 giorni lanno volto allidentificazione di uno stile Calabria che possa essere ottimizzato ed orientato alla
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

187

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

soddisfazione della domanda turistica internazionale; studio della domanda espressa, inespressa e latente dei principali generatori della domanda turistica nelle principali nazioni europee con particolare riferimento ai bacini di utenza direttamente ricollegabili allofferta culturale, ambientale ed enogastronomica della Calabria; definizione di standard qualitativi internazionali minimi rispetto alla domanda rilevata per singola nicchia di mercato (congressuale, termale, etc.) e stesura di un disciplinare Calabria che ne enfatizzi le vocazioni regionali; monitoraggio della qualit attesa e percepita del prodotto turistico Calabria da parte della clientela internazionale in modo da abbassare il livello dei reclami intervenendo successivamente su ogni singolo prodotto / servizio fruibile in loco; definizione delle strategie allestero in collaborazione con gli Istituti di Cultura e gli uffici Enit allestero attraverso lorganizzazione di eventi culturali dimpatto e dimmagine nei principali bacini di generatori di domanda turistica straniera; formazione dei tour leaders stranieri direttamente in Calabria per fornire ad essi unimmagine obiettiva dei patrimoni locali e lattivazione di un sistema di diffusori culturali internazionali definizione di alleanze e strategie con le compagnie aeree che si impegnino ad abbattere il problema del doppio scalo ed avvicinino la Calabria ai bacini generatori della domanda turistica internazionale; messa a sistema di tutti gli enti ed organismi a matrice pubblica e privata che operano in Calabria onde poter finalizzare la raccolta e lo studio dei dati relativi al turismo internazionale ad una conoscenza preventiva della domanda turistica.

2. Cultura
2.1 Premessa
Come partecipazione allattivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economicoculturale della Regione , sono state studiate documentazioni, contattate le autorit locali, prese in considerazione le opinioni di esperti di valore internazionale nel campo della cultura delleconomia e dellambiente. Lattivit di identificazione stata costituita da : studio delle azioni fase 1 e 2 studio del report integrativo studio del P.O.R. regionale e delle misure dambito colloqui diretti con interlocutori regionali effettuati nel corso della ricognizione identificazione di un progetto deccellenza dinteresse regionale

2.2 Quadro dellarea tematica nella regione


Gli istituti di antichit e darte, gestiti dal Ministero per i Beni e le Attivit Culturali, sono distinti nelle seguenti tipologie: musei, gallerie e pinacoteche, monumenti e scavi (come castelli, palazzi, ville, chiostri, ecc.), zone archeologiche aperte al pubblico. Nella Regione sono presenti complessivamente 38 istituti di cui 13 monumenti, 9 Soprintendenze, 8 aree archeologiche, 7 musei archeologici e 1 museo artistico e storico. Relativamente alla tipologia si rileva che il 34 % costituito da monumenti, il 24 % da Soprintendenze, il 21 % da aree archeologiche e il 18 % da musei archeologici. La regione Calabria presenta un consistente patrimonio pubblico di edilizia civile, industriale, religiosa e militare, spesso diffuso sul territorio in contesti paesaggistici e naturalistici di pregio o concentrato in centri storici di particolare rilievo. Complessivamente conta 1521 edifici di interesse architettonico, a cui occorre aggiungere il complesso delle 131 torri costiere. Uno studio regionale ha censito 387 manufatti fortificati, distinti in 148 castelli, 196 torri, 17 cinte murarie e 26
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

188

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

strutture fortificate (case, palazzi, forti, porte). Larchitettura difensiva strettamente connessa ai processi di formazione e trasformazione dellassetto territoriale e, al pari dei percorsi, degli insediamenti e di ogni altro segno antropico, ne costituisce una significativa componente. Il ruolo e le ragioni localizzative degli apprestamenti difensivi calabresi cambiano notevolmente da una fase storica ad unaltra. soprattutto tra il IX e il X secolo che, dai prima Castra sorti intorno al VII-VIII secolo quali presidi e rifugi, si passa alla formazione di centri urbani distribuiti in aree interne, in posizione difensiva a notevole distanza dalla costa. Intorno allanno Mille, il sistema difensivo calabrese , pertanto, imperniato sulle strutture di Bova, Gerace, Scilla, Squillace, Scalea, Oppido, S. Severina e Aiello. Nel periodo Normanno-Svevo (1060-1265) viene avviata una fase di ristrutturazione dei manufatti che interessa le strutture difensive di S. Marco Argentano, Cosenza, Morano, Bisignano, Aiello, Belvedere, Castrovillari, Corigliano, Scalea, S. Severina (ricostruzione), Squillace, Nicastro, Maida, Strongoli, Scilla, Caulonia, Roccella. Ma soprattutto nel periodo che va dagli Angioini agli Spagnoli (1265-1734) che viene avviata la costruzione di torri costiere che, pi che svolgere funzioni propriamente difensive, svolgono quasi esclusivamente il ruolo di avvistamento e segnalazione delle incursioni marittime. Il potenziamento delle strutture difensive contempla anche la ristrutturazione di diversi castelli o la loro costruzione ex novo. Importante il patrimonio costituito dal sistema dei castelli e delle fortificazioni costiere (Crotone-Sibari, Area dello Stretto), dalle aree di archeologia industriale (le ferriere della Calabria, le filande, la produzione del tabacco, etc.), dalle reti e dai caselli ferroviari dismessi nelle aree interne e dal sistema delle "case forestali". Sulla base delle informazioni raccolte e dei contatti avuti, emerge il seguente quadro attuativo e di impegno finanziario: le misure 2.1. e 2.2 dellasse II -Risorse culturali, prevedono una modalit di attuazione attraverso progetti integrati strategici (PIS), progetti integrati territoriali (PIT) e progetti specifici (PS). La somma impegnata pari a 22,912 milioni di euro per la misura 2.1. e pari a 9,207 milioni di euro per la misura 2.2. A seguito dellincontro avuto presso la sede della Cultura della Regione Calabria apparso chiaro che i principi ai quali la politica regionale in materia di patrimonio monumentale si richiama sono principi conservativi di tutela dei monumenti, memorie storiche da preservare senza tuttavia estraniarle dal contesto territoriale e sociale in un isolamento museale. Analizzando lelenco dei progetti specifici finanziati sono emerse alcune idee relative agli itinerari della Magna Grecia, alle minoranze linguistiche, alla rete virtuale delle biblioteche (Digital-Library). In questultimo caso la misura 2.2 prevede la realizzazione di una rete informatica di collegamento tra le biblioteche calabresi, di concerto con quanto previsto nella misura 6.3 Societ dellInformazione. La Regione intende costituire centri regionali di restauro che siano caratterizzati dalla innovazione tecnologica legata al restauro e al recupero archeologico. Tali centri potrebbero essere collegati allUniversit per stranieri presente in Calabria e a istituti di ricerca, e potrebbero essere riferimenti internazionali importanti per scambi scientifici e formazione di alto livello nel campo della conservazione-restauro. La Regione particolarmente favorevole alla richiesta, avanzata dalle autorit greche, che i bronzi di Riace appaiano quale simbolo delle prossime Olimpiadi ateniesi. I bronzi (per lalto valore tecnologico legato al loro restauro e recupero archeologico, alla loro eventuale riproduzione), diverrebbero un veicolo di conoscenza e interesse internazionale delle potenzialit innovative italiane nel campo del restauro e inoltre avrebbero la funzione di volno di un nuovo turismo culturale della Calabria. Molto positiva stata valutata, durante lincontro, leventualit di inserire negli ambiti del patrimonio monumentale iniziative darte contemporanea. Con grande attenzione stato considerato il rapporto che eventualmente si potrebbe instaurare tra le varie forme di arte contemporanea e lantico patrimonio, non solo in termini di riuso degli antichi monumenti, ma anche in riferimento ad ambiti territoriali caratterizzati da valori monumentali che verrebbero rivitalizzati da eventi culturali di valenza internazionale. Gli obiettivi generali delle Azioni vanno dal recupero e gestione del patrimonio, alla sua conoscenza, alla formazione degli operatori. Tali obiettivi sono cos definiti:

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

189

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

consolidare, estendere e qualificare le azioni di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio archeologico, architettonico, storico-artistico, paesaggistico e rurale del Mezzogiorno nonch quelle relative alle attivit di spettacolo e di animazione culturale; creare, potenziare e migliorare la qualit dei servizi culturali per favorire la conoscenza, laccesso e la fruizione del patrimonio culturale regionale di propriet pubblica.

La misura 2.1 si articola in due azioni che comprendono, rispettivamente, gli interventi relativi alla valorizzazione del patrimonio archeologico della Magna Grecia e quelli relativi alla valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico regionale di natura pubblica o di rilevante interesse pubblico. La misura 2.2 prevede la creazione, potenziamento e miglioramento della qualit dei servizi culturali per favorire la conoscenza, laccesso e la fruizione del patrimonio culturale regionale di propriet pubblica attraverso la creazione e lincentivazione dei seguenti servizi: servizi aggiuntivi per la gestione e la valorizzazione del patrimonio culturale; servizi per laccesso al patrimonio delle biblioteche e degli archivi regionali allo scopo di consentire laccesso al patrimonio culturale regionale attraverso la realizzazione di progetti in grado di estendere il Sistema Bibliotecario Nazionale (SBN) su tutto il territorio regionale, attraverso lindividuazione di dodici distretti e la creazione, in ogni distretto, di una mediateca, coerente con il programma Mediateca 2000, che funger da nodo di un sottosistema che andr a caratterizzarsi sulla base di peculiarit territoriali; sistemi multimediali per valorizzare il patrimonio culturale regionale attraverso interventi finalizzati allo sviluppo di sistemi multimediali interattivi e portali telematici accessibili sulla rete Internet, con riferimento tanto alle utenze remote che alla fruizione diretta in musei, siti, biblioteche, archivi e teatri.

La misura 2.2 inoltre prevede la promozione e la realizzazione di iniziative culturali innovative che valorizzino il patrimonio culturale e le identit locali attraverso eventi culturali innovativi, nonch la creazione di network culturali per la realizzazione di progetti integrati innovativi promossi da reti di operatori pubblici e privati operanti su scala regionale o locale, finalizzati alla valorizzazione integrata del patrimonio culturale (materiale o immateriale) per specifici temi o ambiti territoriali. I progetti devono integrare al loro interno attivit di studio, ricerca, informazione, formazione, promozione e sperimentazione

2.3 Potenzialit e criticit emergenti


La Regione dispone di risorse naturali e culturali di elevato valore intrinseco. Ha un alto potenziale di attrazione turistica e naturalistica. C una grande disponibilit di risorse diffuse nel territorio, con siti e beni culturali, storici, archeologici e paesistici di rilievo internazionale.Vi disponibilit di rilevanti quote di patrimonio culturale ancora valorizzabili. Esiste un grande patrimonio di edifici di valore architettonico di propriet di Enti pubblici. Vi disponibilit di aree destinate a parco. Notevoli opportunit inoltre si devono allinserimento dei centri storici minori nei circuiti turistici; alla crescente domanda di servizi legati al patrimonio culturale; alla promozione delle attivit artigianali e delle tradizioni locali. alla eccezionale ricchezza di elementi del sistema difensivo: torri, castelli, cinte murarie; alla presenza di centri storici abbandonati da valorizzare e tutelare. Tuttavia da notare che vi sono molti siti archeologici e monumenti non adeguatamente pubblicizzati. Una parte rilevante del patrimonio storico-culturale degradata. Sono in stato di relativo abbandono ampi segmenti del patrimonio storico anche di pregio. Vi inadeguatezza di reti di trasporto e di accesso. Le infrastrutture sono insufficienti. Vi scarsa promozione allestero del patrimonio storico-culturale. Inoltre sono da notare: assenza del Piano Paesistico Regionale; diffusi fenomeni di abbandono dei centri storici; stagionalit del turismo culturale; scarsa qualit dei servizi aggiuntivi; marginalit dei centri storici minori; assenza di catalogazione e georeferenziazione dei beni culturali; presenza di edifici e spazi di interesse pubblico degradati o inutilizzati; assenza di sistemi multimediali per la valorizzazione del patrimonio culturale; presenza di centri storici abbandonati.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

190

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

2.4 Ipotesi di progetto esaminate


Dai colloqui con gli interlocutori regionali emerso che le principali azioni su cui far convergere limpegno delle iniziative di carattere culturale sono quelle relative al patrimonio archeologico della Magna Grecia, al patrimonio del sistema dei castelli normanni e federiciani, al patrimonio culturale delle varie minoranze etniche. stato considerato il ruolo di rilievo della Calabria nel dialogo dellintegrazione tra i popoli e nel processo di pacificazione dellarea Mediterranea. A questi antichi monumenti e culture si attribuisce una forte componente simbolica. Si prevede il recupero, la valorizzazione, e la eventuale rifunzionalizzazione degli elementi di maggiore pregio del patrimonio architettonico regionale, per la costruzione di reti tematiche (itinerario dei castelli e delle fortezze, itinerario dell'archeologia industriale, itinerari religiosi, itinerari delle locande nelle case cantoniere, itinerari paesaggistici attraverso le linee ferroviarie interne, itinerari letterari, itinerari della cultura contadina, etc.) che permettano una fruizione integrata del patrimonio architettonico e culturale della regione. In linea con le priorit espresse, gli interventi dellAsse II Beni Culturali del POR Calabria vengono attuati attraverso progetti integrati, con riferimento o a specifiche aree territoriali o a reti tematiche, oppure attraverso progetti strategici. Le relative azioni comprendono gli interventi destinati alla valorizzazione del patrimonio archeologico della Magna Grecia e quelli per la valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico regionale di natura pubblica o di rilevante interesse pubblico. La Regione Calabria ha proposto uno studio di fattibilit per un progetto pilota finalizzato alla valorizzazione dell'area archeologica di Sibari, che da sola rappresenta pi della met dei 4.000 ettari sottoposti a vincolo archeologico nella regione. Il progetto intende valorizzare l'area archeologica attraverso la costituzione di un parco archeologico all'interno di un sistema integrato con le aree limitrofe ad elevata attrazione naturalistica (Parco Nazionale del Pollino e della Sila, Oasi del Crati) e storico artistica (centri storici di Castrovillari, Corigliano, Rossano e altri centri minori). L'intervento dovr intendersi come progetto pilota da estendere agli altri parchi archeologici, testimonianza della civilt Magno-Greca nella regione. Si prevede inoltre la realizzazione di parchi archeologici, anche a carattere tematico, nelle aree archeologiche e nelle aree dove sono localizzate le minoranze etniche della regione di origine magno-greca. Gli ambiti territoriali prioritari per la localizzazione dei parchi devono caratterizzarsi per la presenza di importanti evidenze archeologiche e culturali e dalla compresenza di valori storici, paesaggistici o ambientali, da valorizzare come 'musei all'aperto' attraverso itinerari di visita reali e virtuali che ne permettano la fruizione integrata di tutte le componenti (storico, culturale, ambientale).

2.5 Caratteristiche del progetto analizzato


La porzione pi consistente del patrimonio archeologico della Calabria attribuito all'epoca della Magna Grecia. Le iniziative riguardanti tale patrimonio si attuerebbero attraverso la costituzione di un sistema dell'archeologia Magno-Greca della Regione, che che dovrebbe poi far parte del pi vasto sistema Mediterraneo. Si vuole realizzare un sistema attraverso interventi specifici di tutela e valorizzazione delle aree archeologiche calabresi (comprendente sia i parchi di maggiore importanza che gli altri siti con minore visibilit) e dei musei archeologici presenti sul territorio di propriet statale o comunale. Le operazioni previste saranno realizzate in una logica di rete, in particolare riguardano: il recupero e la qualificazione delle aree archeologiche, anche attraverso la dotazione di impianti complementari finalizzati a migliorarne le condizioni di sicurezza, accesso e fruibilit e il miglioramento delle infrastrutture e dei servizi dei musei archeologici, anche attraverso la dotazione di impianti complementari finalizzati a migliorarne le condizioni di sicurezza, accesso e fruibilit. Il Progetto integrato potrebbe prevedere un sostegno a varie forme di promozione e animazione culturale, attraverso la creazione di reti di operatori, istituzioni ed organizzazioni, e integrarsi in modo efficace con i circuiti della produzione culturale internazionale (uno scambio con gli istituti italiani di cultura al fine di garantire visibilit internazionale alle iniziative culturali della Regione stata condivisa e presa in considerazione con molto interesse dal responsabile della cultura.). Inoltre il Progetto dovrebbe considerare un collegamento strutturato al sistema di formazione locale.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

191

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

La qualificazione del sistema delle risorse culturali dovrebbe essere resa pi efficace da una formazione mirata e dalla realizzazione di una serie di strutture avanzate per la ricerca e linnovazione tecnologica.

2.6 Raccomandazioni per lo sviluppo dellinternazionalizzazione dellarea con il contributo dei fondi strutturali
Il Progetto integrato, per corrispondere agli obiettivi dinternazionalizzazione, dovrebbe prevedere appropriate azioni in relazione alle tematiche dellalta tecnologia nel restauro, delleditoria, della salvaguardia e difesa dei monumenti, dei rapporti interetnici e dei processi di pace, dei centri antichi e della loro rivitalizzazione,. Naturalmente ciascuna di tali tematiche ha una propria specifica articolazione . Le azioni del Progetto dovrebbero essere mirate a: a. b. la formazione ad alto livello di esperti nazionali e stranieri nel campo del patrimonio storicomonumentale, dalla formazione terziaria e post lauream alla formazione di tecnici esperti di restauro, alla formazione di esperti di gestione di beni culturali, alla formazione di esperti nellambito del turismo culturale ; la comunicazione, ovvero la divulgazione adeguata di esperienze importanti dal punto di vista tecnologico e scientifico, di eventi culturali ed artistici nonch della loro gestione. Tali azioni andranno attuate mediante simposi e seminari internazionali, programmi televisivi, e per quanto riguarda la penetrazione negli adeguati ambienti culturali stranieri, mediante incontri ad hoc da affidare ai nostri Istituti di cultura allestero. la promozione dellimmagine del patrimonio e delle varie attivit a questo legate, dovrebbe essere portata avanti mediante campagne pubblicitarie pensate su ampia scala e di forte risonanza. Non solo quindi comunicazione basata sullutilizzo di pubblicit destinata ad ambiti molto ristretti, bens comunicazione effettuata con pubblicit curata e articoli di famosi scrittori per importanti organi di stampa italiani ed esteri. Films (non documentari sullarcheologia) di famosi registi italiani e stranieri (per intenderci Bertolucci, Bellocchio, Gert Conrad, che sappiano creare tensioni e sappiano comunicare attraverso una forte carica di suggestione rappresentativa, lintensit della realt SUD, dando ai monumenti antichi un ruolo importante e vitale). Gli antichi monumenti, testimonianza di diverse popolazioni che nel corso dei secoli sono state presenti in Calabria rivestono un forte valore simbolico rispetto al ruolo che la Regione pu avere nellarea Mediterranea, e sono di grande impatto diretto e indiretto per quanto riguarda linternazionalizzazione della Regione, dal punto di vista del turismo culturale ed anche in considerazione del ruolo di rilievo della Calabria nel dialogo dellintegrazione tra i popoli e nel processo di pacificazione dellarea Mediterranea. Congressi e seminari sul patrimonio, sul patrimonio ed il processo di pace; eventi artistici di rilievo con la partecipazione di artisti in partcicolare dellarea Mediterranea, se collegati agli ambiti monumentali potrebbero essere di estrema rilevanza internazionale. Tali manifestazioni dovrebbero essere comunicate allestero con adeguati mezzi di comunicazione per ottenere una reale visibilit internazionale. I Paesi potenzialmente interessati potrebbero essere i Paesi nord europei, gli Stati Uniti, il Giappone, i Paesi del Mediterraneo, i Paesi dellarea Balcanica.

c.

Per la elaborazione dei termini di riferimento dello studio di fattibilit della componente di internazionalizzazione del Progetto sono necessarie 30 giornate lavorative di uno specialista di progettazione per linternazionalizzazione.

3. Ambiente
3.1 Quadro dellarea tematica nella regione
In questi ultimi anni la Calabria ha avviato una serie di iniziative e interventi tesi a tutelare il proprio patrimonio naturale. La politica regionale in questo settore si fatta intensa, con significative operazioni strategiche che
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

192

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

hanno portato anche allottenimento di finanziamenti per la tutela e la valorizzazione della natura. In particolare, importante ricordare che la Calabria capofila per il Meridione del progetto nazionale A.P.E., Appennino Parco dEuropa, che si prefigge lambizioso obiettivo di creare una rete ecologica delle aree protette per lintero Arco Appenninico. Il programma operativo della Regione stato quindi elaborato con lobiettivo generale di assicurare la sostenibilit ambientale di tutti gli interventi, riconoscendo nella tutela e nella valorizzazione delle risorse naturali, le precondizioni indispensabili per la realizzazione di strategie di sviluppo e crescita compatibili e durature nel tempo. Per identificare le potenzialit di internazionalizzazione e dei programmi del POR della Regione Calabria aventi carattere ambientale si proceduto alla lettura integrata del POR, dei PIT e dei PIS e della Valutazione ambientale Strategica del 31 dicembre 200 predisposta dallAutorit Ambientale 2. In Particolare la Valutazione ambientale ex ante del 31 dicembre 2002 stata utilizzata al fine di descrivere la situazione ambientale della Regione. 3.1.1 Aria In generale, per tutte le componenti della tematica Aria, seppur a differenti livelli, si registrano carenze sia per quanto attiene la copertura dei fenomeni indagati, sia soprattutto per la pressoch totale assenza di coordinamento nellimpostazione dei modelli di riferimento per la raccolta ed il trattamento delle informazioni, nella raccolta delle informazioni, nella successiva elaborazione e diffusione. Premesso ci, possibile affermare che, dai dati a disposizione, la qualit dellaria nella regione Calabria complessivamente buona. Le emissioni diffuse indicano, infatti, valori in linea o inferiori rispetto alle altre aree geografiche del paese. Emerge, daltro canto, che tanto il trasporto su strada quanto quello marittimo incidono in maniera significativa sul totale delle emissioni regionali, in particolare per quelle di CO2, rispettivamente per il 32,7% e per il 18,7%. Nel trattare la componente aria, una particolare attenzione merita il sistema energetico della Regione, in virt dellinfluenza che tale sistema ha sulle emissioni. La Calabria presenta, dal 1975 in poi, un bilancio energetico sempre in attivo, che pone la Regione in una posizione di esportatrice. Questa situazione favorita, anche, dal basso consumo pro-capite di energia che, rispetto alla media nazionale, circa dimezzato. Analizzando la qualit della produzione, invece, emerge che, nel 2000, il 72% del prodotto proviene da impianti termoelettrici, mentre ancora molto bassa la produzione da fonti rinnovabili. 3.1.2 Acqua La Regione Calabria, non avendo individuato i corpi idrici significativi secondo i criteri stabiliti dal D.L.vo 152/99, non ha ancora avviato un programma regionale di monitoraggio dei corpi idrici secondo i criteri stabiliti dallo stesso decreto. I corsi dacqua designati dalla Regione Calabria, ai sensi del D.L.vo 130/92, in totale sono 42. Su 12 corpi idrici parzialmente monitorati e 7 corpi idrici totalmente monitorati, uno solo di questi, ovvero il fiume Trionfo in provincia di Cosenza, risultato conforme ai criteri del D.L.vo 130/92. Tutti gli altri corpi idrici oggetto dellindagine sono risultati conformi con riserva. 3.1.3 Acque sotterranee Si pu affermare che il quadro conoscitivo dello stato degli acquiferi, sia in termini di sfruttamento che in termini di contaminazione, molto limitato. Una prima percezione del problema, in termini di contaminazione degli acquiferi, pu essere dedotta attraverso lindagine condotta dallIRSA-CNR di Roma dal titolo Lo stato di contaminazione delle acque sotterranee utilizzate a scopo potabile in Italia (G. Giuliano, G. Carone, A. Corazza, 1999).

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

193

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Complessivamente, a livello nazionale, sono stati raccolti i dati relativi a 674 casi di inquinamento, in Calabria sono stati censiti 15 casi,risultano 9 casi di inquinamento puntuale e 6 casi di inquinamento di tipo diffuso. Nella regione sono prevalenti i casi dinquinamento dorigine civile, rispetto a quelli dorigine industriale, agricola e zootecnica, inoltre si ha una notevole presenza di siti inquinati dovuti allo sfruttamento delle falde sotterranee costiere. Rilevante anche linquinamento indotto dal percolato delle discariche. Facendo un raffronto percentuale con gli altri casi censiti nellItalia meridionale e insulare, risulta che in Calabria sono concentrati il 16,5 % dei siti contaminati con inquinamento dorigine industriale; il 6% dei siti contaminati da inquinamento dorigine civile; il 21% dei siti contaminati dai liquami dorigine zootecnica; il 2,7% dei siti contaminati da inquinamento di tipo agricolo; il 25% dei siti contaminati dai liquami percolati dalle discariche; ed infine l11,4 % dei siti caratterizzati dallavanzamento dei cunei salini nelle falde acquifere costiere (Elaborazioni su dati IRSA-CNR, 1999). 3.1.4 Salinit delle acque di falda In Calabria in atto una tendenza drammatica di allargamento dei cunei salini nelle falde acquifere in corrispondenza delle zone a pi alto sfruttamento agricolo. Il fenomeno insiste in particolar modo sulla fascia costiera ionica (piana di Sibari, Cariati-Crotone, Area dello Stretto di Messina), sulle pianure tirreniche (Gioia Tauro, S. Eufemia). Oltre ai fenomeni oggettivi climatologici, che riguardano maggiormente il basso e lalto Ionio,sono determinanti le cause antropiche. Tutto l'acquifero costiero di Reggio Calabria caratterizzato da una forte intrusione di acqua di mare, causata da una distribuzione quasi omogenea di pozzi di emungimento su tutto il bacino sotteso dall'acquifero. da rilevare, infatti, che il fabbisogno idrico (civile, agricolo, industriale) della citt di Reggio Calabria, per lassenza quasi totale di acque superficiali o torrentizie perenni, viene soddisfatto prevalentemente dalla risorsa idrica sotterranea. stato stimato (Italpros, 1989) che annualmente vengono estratti mediamente 30 milioni di m3 di acqua. Le zone pi soggette al fenomeno dell'intrusione, sono la vallata del Calopinace e quella del Valanidi, in cui il contenuto di cloro nell'acqua di falda ha superato il limite di potabilit. 3.1.5 Gestione dellacqua Lo stato delle conoscenze della sotto tematica, a livello regionale, pu essere ritenuto soddisfacente. Le informazioni disponibili, inerenti i volumi idropotabili erogati nella regione, indicano la presenza di un efficiente sistema di monitoraggio da parte degli uffici preposti. Stessa considerazione, non pu essere fatta per, per quanto concerne il sistema delle perdite nella fase di adduzione e distribuzione. Non esistono n strumenti in grado di fare letture di portata in ingresso e in uscita dai vari sistemi, n meccanismi che implementino un sistema di monitoraggio in grado di definire tale informazione. 3.1.6 Reti fognarie Dal censimento realizzato dalla societ NAUTILUS per conto della Regione Calabria stato verificato che, al 1999, tutti i comuni calabresi sono dotati di servizio di fognatura per un totale di 1061 reti fognarie indipendenti. Gli abitanti serviti da fognatura ammontano a circa 1.850.000, pari circa all89% della popolazione residente. Il totale della rete fognaria calabrese risulta di circa 5.700 Km. Il monitoraggio effettuato dal Commissario Delegato per lemergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti solidi urbani ha evidenziato una situazione complessiva di degrado dellintera rete che in alcuni tratti presenta gravi carenze con conseguenti pericoli per ligiene pubblica e che quindi necessita di interventi di recupero, ammodernamento, miglioramento ed ampliamento.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

194

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

3.1.7 Impianti di depurazione Per quanto riguarda gli impianti di depurazione delle acque reflue, a seguito dellindagine condotta dalla societ NAUTILUS, su un totale di 409 Comuni in Calabria sono stati censiti 765 impianti di depurazione. Nonostante tale numero risulti di molto superiore al numero dei comuni della regione, ben 29 Comuni calabresi risultano ancora sprovvisti di qualsiasi impianto per il trattamento delle acque reflue. Il 13% degli impianti regionali censiti richiede adeguamenti tecnologici al fine di migliorarne la funzionalit e lefficienza. 3.1.8 Acque marino costiere LIspettorato Centrale per la Difesa del Mare del Ministero dellAmbiente, nellambito delle proprie competenze per la tutela dellambiente marino e costiero, ha affidato attraverso specifiche convenzioni il monitoraggio di queste tipologie di acque alle Regioni. In riferimento alla regione Calabria le indagini sono state focalizzate solo su 7 aree inquinate significative, localizzate lungo le coste: 5 di queste sono state scelte come aree critiche, da confrontare con lo stato di qualit di altre 2 aree, individuate come aree di controllo. Nonostante la quantit di dati disponibili sullo stato chimico delle acque marine costiere, molto difficile poter assegnare un giudizio di qualit (o classificazione) alle acque cos controllate. Per far ci necessario un approccio allambiente marino pi globale, che tenga in considerazione altre matrici oltre lacqua. 3.1.9 Erosione Costiera La Calabria possiede 715,7 km di costa. Lanalisi dei contenuti della situazione relativa allerosione costiera, si condensa nelle seguenti informazioni: sul complesso di 114 comuni costieri, 26, pari al 22,8%, sono soggetti a un rischio molto alto, 19, pari al 16,6%, sono quelli soggetti a un rischio alto, mentre 69 comuni, per una percentuale del 60,5%, sono soggetti a un rischio di erosione media. Sono quindi forniti i comuni costieri distinti per provincia e con indicate le fasce di rischio. 3.1.10 Rischio Sismico La storia della regione stata da sempre caratterizzata da terremoti di intensit pi o meno elevata. La Calabria e in particolare la sua estremit pi meridionale, tra le aree a maggiore potenziale sismico della penisola italiana. 3.1.11 Difesa del suolo Il territorio calabrese fortemente caratterizzato dalla presenza di una diffusa pericolosit e vulnerabilit che non riguarda solo le aree montane e collinari, ma investe anche le aree costiere. La quasi totalit dei comuni calabresi interessata da livelli di attenzione per il rischio idrogeologico. Secondo quanto rilevato in diverse indagini compiute a pi riprese sul territorio i comuni interessati dal rischio idrogeologico sono circa il 40% per la provincia di Cosenza, il 59.8% per la provincia di Reggio Calabria, il 33.8% per la provincia di Catanzaro, il 33.3% per la provincia di Crotone e il 16% per la provincia di Vibo Valentia. Il 40% del territorio calabrese interessato da livelli di attenzione per rischio idrogeologico che vanno dallelevato al molto elevato. Il programma nazionale di lotta alla Desertificazione e Siccit, individua la Calabria tra le regioni meridionali ad alto rischio. Dallanalisi preliminare dei periodi non piovosi registrati dallUfficio Idrografico e Mareografico di Catanzaro, durante il periodo 1921-1999 e 1990-1999, risulta che le aree calabresi esposte a rischio di desertificazione e quindi pi vulnerabili sono: la Piana di Sibari, la provincia di Crotone nellarea compresa tra il fiume Neto ed il fiume Tacina ed il basso Ionio.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

195

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Dallindagine sui siti potenzialmente inquinati da rifiuti nella Regione Calabria, effettuata dallUfficio del Commissario Delegato per lemergenza RSU, finalizzata alla redazione del Piano regionale di bonifica e ripristino ambientale delle aree inquinate in Calabria pubblicata nei primi mesi del 1999, traspare la fotografia di un territorio fortemente deturpato dallelevato numero di discariche e dagli effetti che esse determinano. Nei 409 comuni calabresi sono stati censiti 696 siti potenzialmente inquinati da rifiuti con un volume superiore ai 250 mc. Lelevato numero di siti utilizzati per lo smaltimento dei rifiuti, spropositato rispetto alla popolazione regionale (una discarica ogni 2974 abitanti), le errate ubicazioni e la mancanza delle opere necessarie a prevenire linquinamento, mettono in luce la scarsa attenzione alla tutela ambientale del territorio regionale. Le discariche preesistenti, utilizzate quasi sempre da singoli comuni, a servizio quindi di pochi abitanti, sono risultate carenti delle opere necessarie a prevenire linquinamento (sistema di raccolta del percolato, delle acque meteoriche, impermeabilizzazione del fondo e delle pareti) e il 63% di esse ubicato a meno di 150 m dai corsi dacqua. Solo 39 discariche (il 5.6%) sono state costruite con le necessarie opere di prevenzione dellinquinamento. Dei 696 siti, al giugno 1999, risultavano 58 discariche attive, 17 interessate da ampliamenti, adeguamenti o costruzione, 636 siti con necessit di messa in sicurezza e/o bonifica di cui 300 rappresentate dalle discariche dismesse. Dallanalisi dei risultati si evidenzia una situazione di grave degrado per la mole di siti potenzialmente inquinati sul territorio regionale e la necessit di attuare interventi di bonifica da valutarsi caso per caso. 3.1.12 Rifiuti La Calabria, in merito alla gestione dei rifiuti, ha vissuto una situazione di particolare difficolt che ha determinato la proclamazione dello stato di emergenza nel settembre 1997, termine prorogato, con D.P.C.M. 14 Gennaio 2002 al 31 Dicembre 2002. LUfficio del Commissario delegato per lemergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti urbani, per fronteggiare la situazione di emergenza, ha elaborato il Piano degli interventi di emergenza nel settore dello smaltimento dei RSU e assimilabili che confluito, assieme al Piano Generale della Raccolta Differenziata, nellattuale Piano di Gestione dei rifiuti che costituisce, in mancanza di una legge regionale di settore, lunico strumento normativo in materia. Il Piano, nellottica di una gestione autosufficiente dei rifiuti, suddivide il territorio regionale in cinque ATO, corrispondenti alle cinque province calabresi, conformemente a quanto previsto dallart. 23 del Decreto n.22/97. A tal fine il Piano d vita ad un Sistema Integrato Regionale di Smaltimento dei RU e assimilabili, gi previsto dal Piano di Emergenza, costituito da nove impianti di selezione secco/umido e di valorizzazione della RD e da due impianti di termovalorizzazione di CDR, con recupero energetico Linsufficiente rete di controllo e monitoraggio delle condizioni ambientali e la bassa qualit della dotazione infrastrutturale hanno da sempre rappresentano reali impedimenti allo sviluppo di una corretta politica ambientale nella regione. Per quanto riguarda la produzione e il trattamento dei rifiuti speciali risulta dal Piano che le quantit smaltite e trattate in Regione superano le quantit prodotte, segno dellesistenza di flussi di import/export dei rifiuti da e verso le altre regioni che sfuggono a un controllo puntuale. Altra criticit continua a registrarsi nel settore della raccolta differenziata che ha toccato livelli bassissimi rispetto alla media europea e che non ha ancora raggiunto il livello minimo del 15% previsto dalla normativa. 3.1.13 Natura e biodiversit Il reperimento delle notizie relative allo stato delle conoscenze sulle politiche di tutela delle risorse naturali risulta ancor oggi profondamente ostacolato dalla mancanza di una struttura che sistematizzi le numerose informazioni presenti sul territorio. Lanalisi della situazione ambientale evidenzia lelevata ricchezza delle risorse naturalistiche presenti sul territorio regionale, rispetto a quelle presenti in altre Regioni italiane. In particolare, la Calabria dispone di ambienti soggetti tanto a sottoutilizzo quanto a sovrautilizzo delle risorse. I principali gruppi montuosi, tra loro pressoch totalmente interconnessi, sono: il Massiccio del Pollino, la
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

196

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Catena Costiera, lAltopiano della Sila, le Serre Calabresi, il Massiccio dell'Aspromonte. La conoscenza sugli ecosistemi naturali limitatissima, anche all'interno delle aree protette esistenti. Manca ancora, infatti, la Legge Regionale sulle aree protette che disciplini la politica di conservazione della natura, in recepimento della Legge Quadro nazionale (L. 394/91). Tale situazione determina, a livello regionale e locale, la totale assenza di integrazione tra interventi di conservazione della natura ed azioni di promozione dello sviluppo promossi sul territorio. Tra le azioni finalizzate alla difesa della biodiversit in Calabria, particolare importanza assume listituzione di nuove aree protette. A tal proposito, operazioni quali la recente istituzione del Parco Nazionale della Sila, la designazione delle Zone di Protezione Speciale (ZPS) e delle aree proposte come Siti di Interesse Comunitario (pSIC), in attesa di riconoscimento formale, previsto entro lanno 2006, nonch la futura istituzione di aree protette promossa dalla Regione Calabria tramite la P.L. 283/5a Legislatura, rappresentano una chiara manifestazione della volont di determinare un notevole aumento della superficie protetta regionale. Fanno ancora difetto, invece, azioni concrete per lattivazione di una procedura per la redazione della Carta della Natura e della Carta dei principali Habitat, analogamente a quanto si riscontra, tuttavia, in altre Regioni italiane. Al fine di giungere alla messa in sistema delle aree naturali protette afferenti al territorio regionale, nellambito del primo periodo della programmazione comunitaria, lAssessorato allAmbiente della Regione Calabria ha presentato un primo disegno della Rete Ecologica Regionale. Il patrimonio forestale della Regione Calabria presenta, inoltre, interessanti peculiarit. La superficie interessata da formazioni boschive (fondamentali anche per la difesa dei suoli regionali, caratterizzati da elevati livelli di rischio idro-geologico) copre il 38% circa del territorio regionale, cui corrisponde un indice di boscosit tra i pi elevati del Paese. Tali dati forniscono la misura dellentit del patrimonio ambientale calabrese, portando cos alla luce unaltra emergenza nella salvaguardia del territorio: il rischio di incendi. La Calabria, infatti, una delle Regioni italiane che annualmente viene colpita dal maggior numero di incendi; solo nellanno 2000 sono andati distrutti circa 24.000 ha di superficie totale, pari al 20% circa della superficie totale nazionale percorsa dal fuoco nel periodo considerato. 3.1.14 Industrie a rischio di incidente rilevante Dato il basso livello di industrializzazione, la regione Calabria registra rispetto alle altre regioni italiane un numero estremamente ridotto di siti a rischio di incidente rilevante, la cui disciplina attualmente affidata al nuovo Decreto Legislativo n. 334 del 17 agosto 1999, attuativo della direttiva 96/82/CE (cosiddetta direttiva Seveso 2). Il numero degli impianti soggetti a relazione o a notifica sono, infatti, complessivamente dieci, di cui sette sono depositi di gas liquefatto e i restanti tre sono depositi di oli minerali. Osservando la distribuzione la provincia di Vibo Valentia ad avere la maggiore concentrazione di impianti. Non risulta che in Calabria si siano verificati incidenti rilevanti in impianti classificati come Seveso. 3.2 Potenzialit e criticit emergenti LAnalisi della Situazione Ambientale finalizzata ad esprimere una valutazione che metta in evidenza, per ciascuna componente ambientale e sulla base delle informazioni fornite dagli indicatori di contesto, lesistenza di criticit e/o opportunit. Le proposizioni scaturite dallanalisi sono riportate nel seguente quadro di sintesi. Lobiettivo di rendere leggibili le pressioni pi rilevanti, le emergenze, le aree di criticit e le opportunit al fine di indirizzare la successiva descrizione degli effetti ambientali attesi e lindividuazione delle disposizioni ambientali per ciascuna misura del P.O.R.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

197

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
COMPONENTE AMBIENTALE SINTESI DELLANALISI CRITICIT denza negativa delle centrali termoelettriche sulle emissioni; denza negativa dei trasporti su strada e dei trasporti marittimi sulle emissioni. OPPORTUNIT tione di una buona qualit dellaria; uppo delle fonti di energia rinnovabile; uzione delle emissioni gas serra per effetto della produzione di energia da fonti rinnovabili; entralizzazione del sistema energetico; lioramento dellefficienza di distribuzione dellenergia sul territorio. esenza di perdite, nelle diverse fasi di: adduzione, sfioro dai esenza di sistemi informativi territoriali, localizzati, gi serbatoi, distribuzione della risorsa idrica, dovute a: preesistenti in ambito regionale ed in possesso alle i diversi dal settore idropotabile, ad esempio irriguo o industriale, amministrazioni (SIT delle sorgenti, pozzi, etc. in non definibili, in quanto non certificati, dagli uffici zonali; Calabria; vedi allegato); tust delle reti di distribuzione, con perdite diffuse e localizzate vio degli ATO e definizione dei relativi Piani dAmbito da una parte, problemi di igiene pubblica, (anche dovuta al fatto partendo dallanalisi della situazione di riferimento che molte condotte del gas passando al di sopra di preesistenti descritta nellambito del presente documento. esenza di sistemi informativi territoriali, localizzati, gi reti idriche, possono causare infiltrazione) dallaltra; tivit di prelievo abusivo, soprattutto nella fase di adduzione; preesistenti in ambito regionale ed in possesso alle piego non efficiente dei serbatoi: la risorsa viene persa per sfioro amministrazioni (es.data base NAUTILUS); eguamento degli impianti presenti allinizio del periodo nel periodo invernale, quando disponibile in quantitativi di programmazione e costruzione di nuovi impianti maggiori rispetto al necessario. Nel periodo estivo invece, si secondo quanto previsto dal Dlgs 152/99 e circolari registra una situazione di deficit quantitativo. esenza di uninformazione localizzata per i soli interventi DG TAI Ministero dellambiente. direttamente gestiti dallufficio del Commissario; senza di informazioni, direttamente accessibili, per gli interventi non gestiti dallufficio del Commissario; esenza di stime inerenti la popolazione allacciata alla rete fognaria e mancanza di informazioni dirette e sistematizzate. eelevato impatto ambientale di alcuni interventi di messa in vit di monitoraggio e raccolta dati in funzione di sicurezza dei siti inquinati; completamento di banche dati locali e nazionali e in ervento sui sintomi pi che sulle cause dellinquinamento dei siti; generale di ampliamento della base conoscitiva dello chi derivanti dal trasporto dei rifiuti ai fini di un trattamento o stato dellambiente; smaltimento in un luogo diverso (tipologia di trattamento off lioramento della conoscenza e della capacit di controllo del territorio da parte delle pubbliche site); autorit; collaborazione tra i diversi attori istituzionali per quanto concerne la tematica suolo ha spesso creato conflitti con effetti zzo di tecnologie avanzate a basso impatto ambientale nel trattamento dei siti inquinati (es. biotecnologie); negativi sulla pianificazione delle attivit regionali; ncanza di attivit, da parte della P.A., di studi, ad una scala di namento e riqualificazione del territorio; dettaglio regionale, inerenti il rischio sismico e di izzazione di studi specifici, da parte degli enti locali, desertificazione; inerenti il rischio idraulico, di frana ed erosione vraemungimento delle falde acquifere nelle zone a vocazione costiera, al monitoraggio del territorio attraverso il agricola; miglioramento dello stato conoscitivo ad una scala di nomeni di eutrofizzazione causati da un eccessivo carico di dettaglio inferiore rispetto quella prodotta nutrienti provenienti da attivit agricole di tipo intensivo; dallautorit di bacino; evata frammentazione e polverizzazione delle propriet agricole, sibilit da parte degli enti locali di divenire attori del soprattutto nelle zone montane e collinari; processo di traduzione sul territorio, attraverso opolamento delle campagne. norme di attuazione e misure di salvaguardia, e . attraverso ladeguamento dei propri strumenti urbanistici, a quanto previsto dalla legislazione vigente in materia del PAI; enza di sistemi informativi territoriali, localizzati, gi preesistenti in ambito regionale ed in possesso alle amministrazioni (PAI Autorit di Bacino Calabria); sibilit da parte della P.A. di integrare i programmi nazionali, regionali e sub regionali di sviluppo economico e uso del suolo, i piani territoriali e programmi regionali, i piani di risanamento delle acque, i piani di smaltimenti dei rifiuti, di disinquinamento e di bonifica, con le attivit della difesa del suolo (art.17 c.4 L 183/89); ela degli ecosistemi agricoli che svolgono unazione di salvaguardia del territorio; venzione di rischi di erosione e desertificazione del territorio; ntenimento del presidio del territorio e inversione del processo di spopolamento delle zone interne; alorizzazione delle produzioni locali, in connessione

ARIA

ACQUA

SUOLO

SUOLO

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

198

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria
COMPONENTE AMBIENTALE SINTESI DELLANALISI CRITICIT OPPORTUNIT con gli interventi in campo turistico, ambientale e culturale; servazione del paesaggio agricolo calabrese. azionale dello discarica come modalit primaria di smaltimento; zzazione dei circuiti di raccolta, trasporto, riciclaggio, controllo del territorio; recupero e smaltimento dei rifiuti a livello di ATO, a ciente rete di controllo e monitoraggio; partire dalla fase a regime; ti ambientali sulla localizzazione degli impianti. perativit dellARPACal; re le lacune conoscitive del territorio da parte della Pubblica amministrazione; perativit delle Societ per lattivazione della Raccolta Differenziata nei 14 sottoambiti. one di strategie di sviluppo socio-economico sostenibili dal punto di vista ambientale; a ricchezza di risorse naturali (per numero delle aree e efficienza dei sistemi di monitoraggio e controllo dello stato superficie complessiva); dellambiente; one di nuove aree protette; to recepimento della Legge Quadro sulle aree protette (L. mentazione della Rete Ecologica Regionale (messa in 394/91); rete delle aree naturali protette); o rischio idro-geologico; vazione del Disegno di Legge 380/6a Legislatura, o rischio di incendi boschivi; riguardante il recepimento della Legge Quadro n. ta redazione della Carta della Natura e della Carta dei principali 394/91; Habitat; mentazione attivit ARPACal (sviluppo del Sistema o livello di antropizzazione delle zone costiere e periurbane; Informativo Regionale per lAmbiente S.I.R.A.); a densit e bassa efficienza delle infrastrutture viarie; scarsa o patrimonio boschivo; qualit dei servizi di trasporto pubblico; nimento e sviluppo della biodiversit; o livello di antropizzazione delle zone montane ed interne; osizione al rischio della popolazione residente nelle aree circostanti allimpianto.

RIFIUTI

RIFIUTI

NATURA E BIODIVERSIT

RISCHIO TECNOLOGICO

3.3 Ipotesi di progetto esaminate


La politica regionale a favore di uno sviluppo sostenibile ha sicuramente preso avvio in un contesto storico e politico rinnovato e in grande movimento, stimolata soprattutto da unincisiva campagna di sensibilizzazione da parte dellUnione Europea. Lo sviluppo sostenibile diventato sinonimo di tutte le forme di sviluppo economico, che enfatizzano l'importanza della qualit ambientale e la conservazione degli assetti della natura. In questa prospettiva, la misura 1.10, attraverso la realizzazione della Rete ecologica regionale, prevede sia interventi finalizzati alla tutela delle risorse naturali e ambientali, sia interventi atti a sostenere e promuovere azioni di sviluppo locale eco-sostenibile. In particolare lAssessorato allAmbiente della Regione Calabria ha promosso un Progetto Integrato Strategico (PIS) a valersi sulla misura 1.10.del CdP per la realizzazione della Rete Ecologica Regionale (RER) che prevede sia interventi finalizzati alla tutela delle risorse naturali e ambientali, sia interventi atti a sostenere e promuovere azioni di sviluppo locale eco-sostenibile. Con Deliberazione Giunta Regionale 4 novembre 2002, n. 1000, ha approvato le linee di indirizzo Progetto Integrato Strategico Rete Ecologica Regionale POR 2000-2006. Misura 1.10. In questa prospettiva, si ritiene che il PIS Rete ecologica, possa essere identificato il progetto di internazionalizzazione della regione Calabria.

3.3.1 Caratteristiche del progetto analizzato


Il Modello del PIS rete ecologica sar realizzato con lausilio di un sistema di supporto complesso per la gestione sostenibile del territorio, quale il sistema informativo territoriale(SIT), gestito da un apposito Osservatorio territoriale, che funger da coordinamento e promozione di tutte le azioni necessarie allattuazione ed alla gestione dei piani, attenuando cos i punti di discrepanza tra le programmazioni territoriali di strutture che agiscono oggi in modo autonomo, puntando a programmi organici e razionalizzando i finanziamenti. Il SIT si pone come strumento snello che attraversa istituzionalmente tutte le istituzioni e gli organi regionali permettendo di costruire una banca di raccolta dati socio economici e ambientali e informazioni da rimettere in circolo durante
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

199

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

le operazioni di programmazione o di pianificazione. LOsservatorio si traduce quindi in un organismo tecnico in collegamento diretto con gli enti territoriali che valuta lefficacia di un provvedimento attuativo, verifica dualit o conflitti fra le azioni sul territorio ed evita scollamenti . Sono individuati i seguenti obiettivi strategici: conservazione, tutela ed incremento del patrimonio naturale, riqualificazione delle parti degradate del territorio; recupero e valorizzazione del patrimonio storico, artistico ed ambientale; valorizzazione turistica, agricola, artigianale e promozione di attivit produttive e di servizi ecocompatibili. un sistema di gestione territoriale consente inoltre di instaurare un sistema di raccolta e monitoraggio dati quantificati relativi alla qualit ambientale, economica e sociale del territorio, che potranno essere diffusi e condivisi con i principali attori coinvolti nelle attivit di pianificazione territoriale.. Il sistema permette di definire un programma di miglioramento ambientale attraverso la definizione di obiettivi, il cui raggiungimento monitorato attraverso indicatori di prestazione adeguati alla realt territoriale in esame. realizzazione di prodotti turistici verdi finalizzati a dotare le aree della Rete Ecologica delle infrastrutture e strutture di servizio per la fruizione turistica e a stimolare la creazione di reti di collaborazione per la promozione di prodotti turistici locali a livello internazionale . promozione imprenditorialit verde .Questa tipologia individua una serie di operazioni volte a dotare le aree della Rete Ecologica dei servizi di offerta turistica a supporto dellofferta turistica verde. Si tratta essenzialmente di incentivi a favore di piccole imprese, a sostegno sia delle attivit connesse allavviamento sia degli investimenti per ladeguamento alle esigenze dellofferta verde, come ad esempio la qualificazione degli esercizi alberghieri verso i criteri dellospitalit ecologica.

3.3.2 Raccomandazioni per lo sviluppo dellinternazionalizzazione dellarea con il contributo dei fondi strutturali La realizzazione del PIS rete ecologica, soprattutto in veste di progetto di internazionalizzazione non pu prescindere dallapprovazione del Disegno di Legge 380/6a Legislatura, riguardante il recepimento della Legge Quadro n. 394/91(legge quadro sulle aree protette), e dalla redazione della Carta della Natura e della Carta dei principali Habitat. Si rammenta che lutilizzo dei Fondi Comunitari, indica quale requisito imprescindibile, il rispetto della normativa comunitaria. Considerato che dallesame della Valutazione ambientale ex ante risulta che le zone costiere e le relative risorse naturali, marine e terrestri, sono state fortemente compromesse da una mancata pianificazione e una errata gestione territoriale, urbanistica e ambientale che sta portando al loro progressivo -e in alcuni casi gi irreversibile e quindi inevitabile- degrado, sar opportuno definire una strategia di gestione integrata nel contesto della quale i progetti dovranno essere finalizzati a ridurre gli impatti ambientali. Per perseguire gli obiettivi di sviluppo del PIS rete ecologica si raccomanda inoltre di privilegiare Progetti che contribuiscono in maniera esplicita allaccrescimento dellofferta di beni e servizi finalizzati alla sostenibilit.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

200

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

G) SCHEDE DELLE AZIONI/PROGETTI DI ECCELLENZA IN AMBITO TURISMO, CULTURA E AMBIENTE


FUNZIONI DI VALORIZZAZIONE INTERNAZIONALE DI UN POLO MONUMENTALE

A.1. Inserimento del Monumento nel dibattito scientifico internazionale:


A) PROMOZIONE curare la considerazione del Monumento nellambito del dibattito scientifico concernente larcheologia, la storia dellarte. curarne la giusta considerazione nella bibliografia scientifica internazionale etc.; inserire il Monumento (o reperti che da esso provengono) nellambito delle grandi mostre internazionali; approfondire (eventualmente in partenariato con altri istituti) la ricerca storica ed artistica connessa al Monumento (o di altre discipline connesse: il restauro e la ricerca sui materiali, lambientazione naturalistica, etc.) organizzare conferenze scientifiche in loco ed allestero;

A.2. Inserimento del Monumento nellambito di circuiti internazionali (o interregionali) di monumento coevi od affini (cd. sistema omologo).
individuazione e concettualizzazione del sistema monumentale sopranazionale (o sovraregionale) in cui il Monumento ritrova inserito; collegamento con organismi di gestione di altra regione o paese per lesecuzione in comune di campagne di scavo, restauro, etc.; collegamento con organismi scientifici internazionali per lesecuzione in comune di contributi al dibattito scientifico (secondo le modalit gi indicate in A.1) concernenti lintero sistema omologo;

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

201

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

B.1. Valorizzazione in chiave internazionale delle risorse umane applicate alla gestione del Monumento (fatta comunque salva una verifica preliminare di congruit dellorganico):
B) VALORIZZAZIONE DI RISORSE UMANE assicurare la presenza di manager ed operatori stranieri in collaborazione costante (retribuita) con la gestione del Monumento; assicurare la partecipazione stabile (o molto frequente) a circuiti internazionali di programmazione di eventi, studi, mostre, etc; assicurare la partecipazione costante del management a progetti di cooperazione internazionale; associazione del management del sistema omologo (cfr.A.2) ai processi di alta formazione specialistica.

B.2. Formazione didattica di alto livello presso istituzioni formali, nazionali ed internazionali:
organizzazione di cicli didattici dedicati al monumento (ed il sistema omologo) presso Universit, Istituti culturali di fama, in Italia ed allEstero (corredati di escursioni e permanenze di studio); organizzazione di presentazioni strutturate presso scuole secondarie in Italia ed allestero in collaborazione con le direzioni didattiche, ed inserimento negli itinerari del turismo giovanile scolare; processi formativi per divulgatori specializzati (Guide Turistiche e Divulgatori culturali di cui ai punti che seguono);

B.3.Processi formativi di carattere informale applicati alla grande utenza sociale :


organizzazione di cicli didatti ci di breve periodo (differenziati per approccio tematico e livello scientifico) da erogare allutenza turistica internazionale presente nel territorio (presso alberghi, ristoranti, altre istituzioni disponibili); organizzazione di cicli didattici presso vettori di trasporto specializzati (navi da crociera, voli charter, etc.) concernenti il Monumento ed il sistema omologo; organizzazione di una offerta di informazioni di alto profilo scientifico per i visitatori del Monumento e del sistema omologo.

B.4. Redazione testi scientifici e divulgativi per le molteplici esigenze didattiche indicate ai punti precedenti:
testi redatti dal management del monumento; testi redatti da terzi con vigilanza scientifica del management.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

202

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

C.1.Marketing strategico:
intensificare e migliorare (calibrandola rispetto alla caratterizzazione scientifica e culturale) la presenza del Monumento nellofferta multimediale internazionale; disegno della caratterizzazione dimmagine del monumento (e protezione della sua immagine nella comunicazione di terzi); disegno campagne pubblicitarie mirate ai diversi target formativi indicati nella Sez.B;

C.2. Rafforzamento della presenza del monumento nellimmaginario collettivo internazionale:


C) COMUNICAZIONE promuovere limpiego del monumento come sede di manifestazioni artistiche, culturali (performing arts) di grande rilievo internazionale; promuovere limpiego del monumento come sede di manifestazioni sociali o politiche consone al suo pathos; favorire limpiego dellimmagine del monumento nella iconografia divulgativa o di collezionismo (edizioni numerate di medaglie, monete, francobolli, oggetti di pregio, etc.); favorire in forma scientificamente assistita limpiego dellimmagine del monumento nella produzione di beni di consumo corrente (riproduzioni per marketing turistico, riproduzioni su oggetti di abbigliamento, etc.); favorire, ove possibile, limpiego del monumento come set cinematografico, nel rispetto del pathos (es.: il paesaggio urbano di Noto nel film Lavventura di Antonioni) e del significato storico del documento (il Palazzo di Donnafugata ne Il Gattopardo di Visconti); favorire lospitalit, presso il monumento, di artisti, operatori culturali e didattici, nellambito di stages o workshop interdisciplinari.

C.4.Allestimento materiale per la comunicazione, ai diversi livelli divulgativi indicati nella Sez B:
realizzazione progetto grafico unitario programmazione delleditoria multimediale connessa al Monumento

C.5.Aggiudicazione e monitoraggio delle campagne di marketing e comunicazione. D.1. Incentivi/ accordi con artigianato locale del procurement turistico (ricerca ed assistenza allutenza di nicchia di cui ai A e B). D.2Incentivi/accordi con Industria Alberghiera locale per assicurare:
offerta residenziale ai molteplici livelli dellutenza sociale prevista in B (con speciale attenzione allofferta residenziale personalizzata); offerta di spazi per la programmazione di corsi didattici di carattere informale.

D) INCENTIVI e/o ACCORDI

D.3Raccordi con tour operators per la fruizione integrata dei circuiti internazionali in cui il Monumento si trova inserito D.4 . Incentivi/accordi con Editoria Locale per la pubblicistica internazionale di cui al punto B.4; D.5 .Incentivi ed accordi con sistema della divulgazione multimediale internazionale D.6 .Incentivi ed accordi con il settore delle performing arts

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

203

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

H) RIFLESSIONI PER LINTERNAZIONALIZZAZIONE IN CALABRIA 1. Le forme dellinternazionalizzazione


Prima di addentrarsi nellanalisi dei diversi modelli dinternazionalizzazione emersi dalle interviste, occorre premettere che lo stesso concetto dinternazionalizzazione, passando dal campo economico a quello culturale, presenta connotazioni non proprio identiche. Certamente, lallargarsi delle prospettive, specialmente per una regione poco dotata nei settori produttivi, pu divenire una ricchezza a patto che siano chiari gli elementi base dei processi da avviare, pena il farsi strada di un stato di confusione, incertezza e scetticismo che sarebbe unulteriore zavorra allo sviluppo. Affinch le idee e le strategie possano divenire una ricchezza necessario che gli elementi basilari dellinternazionalizzazione vengano condivisi tra gli operatori, legittimando in tal modo le iniziative. In tal senso: alcuni intervistati hanno definito linternazionalizzazione come tutto quel che serve per entrare in contatto con il mondo; altri, invece, tutto ci che serve per potenziare la localizzazione di nuove imprese estere, promuovere e sostenere la cooperazione transregionale, al fine dincrementare le capacit di esportazione delle imprese calabresi; altri ancora non hanno distinto internazionalizzazione da azioni con carattere internazionale; altri, infine, hanno limitato il concetto di internazionalizzazione al loro ambito di attivit: in tal senso, ad esempio, il dirigente del settore promozione turistica della Regione definisce internazionalizzazione come linsieme delle attivit tese a favorire, migliorare e potenziare le politiche di promozione e pubblicizzazione della risorsa turistica; chi si occupa di Aiuti ai servizi alle imprese finalizza le attivit di internazionalizzazione ad incrementare lo sviluppo delle attivit delle PMI locali in ambito nazionale ed internazionale, ecc..

Ognuna di queste definizioni possiede una parte di verit, sebbene a tutte manchi un quadro completo e organico, questo complica la scelta degli indirizzi progettuali e degli strumenti applicativi. Anche nella letteratura specialistica sono varie le accezioni con cui viene inteso il termine internazionalizzazione. In generale, quando si parla di "processo di internazionalizzazione" si intendono principalmente due tipi di iniziative: a) l'orientamento al marketing internazionale, noto come internazionalizzazione passiva; b) il commercio internazionale, conosciuto come internazionalizzazione attiva. L'impresa in condizioni di internazionalizzazione passiva quando sono altri operatori economici a trovare conveniente comprare il suo prodotto e venderlo in un altro paese. I caratteri distintivi di tale forma di processo di internazionalizzazione sono: la saltuariet dei rapporti commerciali; l'assenza della ricerca del cliente; la mancanza della conoscenza del mercato; la non attuazione di una politica promozionale; la presenza di un esportatore/importatore, che si accolli il rischio di collocazione del prodotto sui mercati esteri.

Questa prima accezione di internazionalizzazione impegna poco limpresa dal punto di vista finanziario ed organizzativo e appare utile qualora si verifichino dei surplus produttivi. La gran parte delle imprese cosiddette internazionalizzate calabresi sembra far parte di questa categoria, confermando uno status di sviluppo protoindustriale. Anche tra gli operatori intervistati, specialmente tra quelli legati al settore cultura, traspare una forte propensione a questa tipologia: si pensi alle iniziative di promozione e pubblicizzazione di itinerari culturali regionali, di festival internazionali, alle partecipazioni a fiere nazionali e internazionali del turismo, a progetti quali VisMusicae26, o allattivit di marketing territoriale (per esempio la realizzazione di opuscoli illustranti le opportunit di localizzazione industriale esistenti nella regione).
26 Si tratta di un progetto di carattere culturale realizzato dallAmministrazione provinciale di Catanzaro rilevato durante la prima fase di analisi.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

204

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Si parla, invece, di internazionalizzazione attiva quando l'impresa in grado di trasferire all'estero almeno la fase distributiva della propria attivit economica ed parte promotrice dei propri prodotti. In tal caso, gli agenti e commissionari all'export operano nel paese d'origine per conto dell'impresa produttrice e, quindi, si occupano di cercare i clienti sul mercato non domestico, mentre nel paese di destinazione l'impresa agir mediante agenti di vendita, distributori grossisti e distributori finali. I caratteri fondamentali di tale forma di internazionalizzazione sono: la sistematicit dei rapporti commerciali; la selezione dei mercati di sbocco della propria offerta; la ricerca della clientela "target"; l'utilizzo di politiche promozionali.

Inevitabilmente, linternazionalizzazione attiva, sebbene foriera di maggiori opportunit di sviluppo, impone unorganizzazione industriale matura e strategie pi a lungo termine, cose di cui la Calabria al momento non sembra ricca. Eppure, circa un terzo degli intervistati ha fatto riferimento abbastanza diretto a strategie attive, che certamente hanno maggiore fascino in fase di programmazione, ma che, se comprese nella loro reale portata, non sembrano riproducibili per il contesto produttivo calabrese. Tuttavia, se si considera che questi due diversi modi dinternazionalizzazione sono fasi di un unico processo evolutivo dellimpresa, le strategie non si escludono necessariamente a vicenda. La Tab.1 evidenzia gli effetti dell'orientamento al marketing internazionale da parte dell'impresa sul prodotto, sulla capacit produttiva, sulla rete distributiva internazionale e sul coinvolgimento aziendale. I vari orientamenti al marketing sono cos schematizzabili: No Marketing: la produzione rivolta al mercato domestico e il coinvolgimento aziendale limitato all'eventuale esecuzione di commesse all'estero; Marketing saltuario: implica una estensione diretta del prodotto, oppure l'introduzione del bene nel mercato estero senza alcuna modifica. Vengono esportati solo degli eventuali surplus produttivi. Non si ha alcun grado di controllo della rete distributiva. Questa forma di orientamento corrisponde all'internazionalizzazione passiva; Marketing regolare: una quota costante di produzione viene destinata all'estero ed il prodotto viene adattato alle preferenze della clientela ed alle condizioni locali. Esiste la presenza di un ufficio esportazione che si occupa di controllare i canali di marketing (ossia la rete distributiva) internazionali mediante forme di accordi di distribuzione o di franchising; Marketing totale: corrisponde alla forma di internazionalizzazione attiva. Si ha la creazione di un prodotto studiato ad hoc per il mercato non domestico. La produzione effettuata mediante impianti situati all'estero costruiti grazie ad investimenti diretti o joint venture. Si ha un pieno controllo della rete distributiva. Il management considera tutti i mercati, anche quello domestico, come mercati esteri.
Prodotti per l'estero
No Marketing Marketing saltuario Marketing regolare Marketing totale NO NO

Tab. n. 1 - Orientamento al marketing internazionale

Orientamento produttiva

capacit Rete internazionale

distributiva Coinvolgimento iniziale

NO NO solo casi eccezionali (commesse) produzione saltuaria per presente, ma non si ha saltuario (solo in caso di surplus l'estero alcun controllo su di esse produttivi) lievi modifiche di quota costante di Controllata costante, ma limitato (priorit al prodotto rispetto al produzione per l'estero mercato interno) mercato domestico studiato ad hoc per i presenza di impianti gestita in via diretta Totale mercati internazionali all'estero

Per poter passare dalla fase di internazionalizzazione passiva a quella attiva di marketing internazionale, l'impresa deve prima acquisire un certo controllo dell'operazione di internazionalizzazione, e questo significa poter valutare il livello di rischio nel tempo che si impiega nel processo. A tal riguardo, osservando la Fig.1 appare chiaro che l'esportazione indiretta offre il minor grado di rischio, di controllo e di preparazione in termini di tempo. La forma della licenza presenta lo stesso grado di controllo dell'esportazione diretta con agenti o distributori,
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

205

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

sebbene la prima presenti un minor grado di rischio rispetto alla seconda che condizionata dalla presenza di scorte sui mercati internazionali. L'esportazione diretta con propria filiale ha solo un maggior grado di controllo rispetto a quella equivalente svolta mediante agenti o distributori. La joint venture permette di avere un elevato controllo dei propri prodotti, ma presenta un elevato rischio e maggiori tempi di attuazione. L La sole venture rappresenta la forma pi rischiosa, pi lunga in termini di attuazione e con il maggior controllo sul prodotto. In unottica di strategia regionale, e questo dalle interviste traspare, appare prioritario puntare sia su interventi mirati dinternazionalizzazione passiva, specialmente nel campo cultura, sia su interventi propedeutici allinternazionalizzazione attiva. Per comprendere meglio cosa fare per un efficace marketing internazionale, occorre riferirsi alle cosiddette Nuove Forme di Internazionalizzazione (NFI), conosciute inizialmente come Nuove Forme di Investimento all'estero per contrapporle alla forma classica di esportazione e di investimento diretto all'estero (IDE), che sono emerse negli ultimi anni accanto alle forme tradizionali. Queste consentono di concentrare limpresa su modalit di collaborazione esterna che permettono di integrare il prodotto o il processo con componenti, servizi, macchine, materiali, software e sapere acquisito da altre imprese.
Figura 1 - Percorso evolutivo delle forme di internazionalizzazione

Nota: Le linee che uniscono i punti stanno ad indicare il percorso evolutivo solo di alcune forme di internazionalizzazione.

Queste nuove forme organizzative si basano sulla filosofia del make together, vale a dire della cooperazione e della logica distrettuale che appaiono pi efficienti ed efficaci per affrontare il crescente dinamismo dei mercati. Perch queste forme si possano affermare, occorre che si sviluppino dei sistemi relazionali transnazionali. Dando peso al contenuto e alle finalit economiche, queste NFI possono essere raggruppate in tre tipologie: joint venture a partecipazione minoritaria che si caratterizzano per le modalit di contributo al capitale di rischio che vincolano pi strettamente, rispetto ad altre soluzioni, l'investitore ai risultati economici dell'attivit produttiva oltre frontiera; subappalti e decentramenti produttivi internazionali extragruppo che costituiscono uno stadio iniziale di coinvolgimento estero, indotto da opportunit di disintegrazione verticale delle fasi del ciclo produttivo e dall'affidamento di una parte di esse (in genere quelle pi labour intensive) a imprese localizzate in Paesi a basso costo del lavoro; altri accordi di cooperazione industriale internazionale tra imprese, tra cui si possono includere "pacchetti" contrattuali non equity, che configurano rapporti di collaborazione tra imprese di paesi a diverso grado di sviluppo, prolungati nel tempo e prevalentemente orientati a servire il mercato interno del paese di destinazione. Fanno parte di questa categoria le forniture di interi complessi produttivi "chiavi in mano" o "prodotto in mano", integrate da accordi di assistenza tecnica e di formazione del personale, o da contratti di management e di franchising.

Sulla filosofia del make together, alla base delle NFI, alcuni intervistati hanno richiamato quale ostacolo lassenza, a scala regionale, di una mentalit associativa negli imprenditori locali, poco disponibili a consorziarsi. Il valore
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

206

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

di questo capitale sociale ha spinto diversi intervistati a ritenere prioritaria listituzione o il rafforzamento di misure dincentivazione alla costituzione di consorzi su una base distrettuale, altri allistituzione di un consorzio regionale per lesportazioni (che tuttaltra cosa). Tuttavia la maggioranza stata concorde nella limitazione del problema alla scala locale. Le NFI hanno, invece, ancora pi senso in unottica di partnership di tipo internazionale. Su questo punto, molti hanno posto laccento sullimportanza delle fiere internazionali, altri sulla necessit di creare agenzie dedite alla ricerca di partners, moltissimi sulla necessit di costruire network internazionali. In generale, lesigenza di fare network internazionali sembra pi avvertita nel settore cultura, piuttosto che in quello industriale, sia a livello di pubblica amministrazione che di organizzazioni private. Approfondendo lanalisi delle tre tipologie, in ciascuna pu rientrare, diversamente combinata nel contratto, la cessione di licenze e brevetti che rappresenta la parte maggiormente quantizzabile del capitale intellettuale. Questultimo divenuto un oggetto di scambio privilegiato, ben pi importante dei beni fisici e dei fattori produttivi, ed imperniato su flussi di conoscenza che possono essere interni alle imprese o esterni, a seconda del tipo di relazione. Un flusso di conoscenza interno rappresentato dal modello di un'impresa multinazionale e di consociate produttive, uno esterno da accordi di cooperazione con imprese estere. Tuttavia, la conoscenza un tipico bene esclusivo e, dunque, difficilmente scambiabile sulla base di accordi asimmetrici, dal momento che il possesso dell'oggetto scambiato irreversibile una volta che sia condiviso dalle parti. Per di pi, in unottica dinamica, l'accumulazione di conoscenza pi rapida in un regime di cooperazione. Negli accordi di R&S l'approccio simmetrico pi frequente, dal momento che spesso tali accordi sono stipulati tra imprese e istituzioni senza fini di lucro o tra organizzazioni i cui obiettivi non sono direttamente in concorrenza. Molti studi confermano una capacit operativa nellexport da parte di imprese che, a prima vista, dovrebbero essere sprovviste delle conoscenze, delle relazioni e delle risorse per operare in modo efficiente tale attivit. Nella realt calabrese, dove il potenziale innovativo appare relativamente basso -costellato da alcune situazioni deccellenza, peraltro isolate- la riflessione che occorre sviluppare in questa fase riguarda le possibili relazioni che si verrebbero a creare tra una proiezione su mercati pi ampi e limpulso allinnovazione dei prodotti-processi aziendali. Il nesso tra innovazione e posizionamento sul mercato stato pi volte evidenziato nelle analisi dei processi esportativi, tanto che il livello del grado di diffusione dei processi di innovazione stato considerato alla base dei processi di spillover tecnologici che aumentano la competitivit delle economie territoriali e favoriscono una maggiore penetrazione nei mercati esteri. Tuttavia, ben pochi degli intervistati hanno messo in risalto limportanza di strategie per la ricerca e linnovazione al fine di aumentare la propensione allinnovazione delle imprese calabresi e, dunque, allinternazionalizzazione. La ricchezza di opportunit dinternazionalizzazione, fin qui esposte, rischia di essere perduta a causa dellimpreparazione degli operatori regionali, di carenze organizzative dellamministrazione regionale, di una mancanza di coordinamento tra le iniziative e della lentezza e complessit delle procedure di finanziamento. Tuttavia, alcuni punti emergono come prioritari: la necessit di formazione dei funzionari locali sullinternazionalizzazione, e pi in generale sulle politiche di sviluppo; lopportunit di affiancare le due strategie dinternazionalizzazione passiva ed attiva; limportanza di politiche di sostegno alla creazione di consorzi locali orientati allexport; il valore dei network internazionali; la rilevanza della R&S nei processi dinternazionalizzazione

Infine, il continuo progredire della cosiddetta societ dellinformazione sta portando sempre di pi allabbandono di logiche territoriali per alcune produzioni, e a un loro contemporaneo rafforzamento per produzioni di tipo tradizionale (vedi distretti). Ci induce le amministrazioni locali ad investire sempre pi in iniziative ad alto tasso dinnovazione, che al contempo non riescono a soddisfare lofferta di lavoro locale, ben pi tradizionale.

2. Gli strumenti per linternazionalizzazione


Nelle interviste si continuamente fatto riferimento a quegli strumenti operativi regionali, nazionali ed europei, che costituiscono le principali opportunit di finanziamento e dincentivo per le strategie regionali
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

207

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

dinternazionalizzazione. Tuttavia tutti gli interlocutori hanno lamentato la frammentariet e la disomogeneit di leggi, iniziative e programmi in corso, che hanno seminato una notevole confusione sia negli operatori che nei beneficiari, facendo da un lato accrescere la debolezza istituzionale nel tracciare direttive prioritarie e nellindividuare i necessari interventi strutturali, e dallaltro provocando una generale sfiducia degli imprenditori nei confronti delle politiche regionali. Tali debolezze rischiano, inoltre, di far prevalere comportamenti di tipo opportunistico sia nelle pubbliche amministrazioni -pressate dalla necessit di erogare i finanziamenti ottenutiche nei privati -spinti a richiedere finanziamenti non per reale necessit o per propria convinzione, ma perch ve n lopportunit- riducendo il valore essenzialmente strategico della pianificazione. Nel prossimo paragrafo lattenzione sar rivolta al P.O.R. Calabria, ai Progetti Integrati Territoriali, ai progetti dinternazionalizzazione non regionali (tra cui le iniziative di cooperazione transnazionale e le iniziative inserite in altri programmi europei) e alle cosiddette iniziative di successo. Quale filtro di analisi si porranno i concetti dinternazionalizzazione esposti nel paragrafo precedente, che andranno a costituire anche una base per un matching tra lanalisi dei programmi e i suggerimenti emersi dalle interviste.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

208

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

I) ANALISI DELLE MISURE DEL POR 1. Misure dirette di internazionalizzazione


Misura 4.2 - Promozione dei sistemi produttivi locali
(Asse IV - Sistemi locali di sviluppo; Settore: Sviluppo imprenditoriale locale; Fondo: FESR)

Amministrazione responsabile

Regione Calabria, Dipartimento Industria, Commercio e Artigianato.

Descrizione e finalit della misura

Obiettivi: la misura finalizzata a potenziare e migliorare la dotazione e la funzionalit delle infrastrutture per la localizzazione e la logistica delle imprese e delle infrastrutture di servizio, a promuovere e sostenere la cooperazione tra imprese attraverso progetti per lintegrazione e il potenziamento delle filiere e dei poli produttivi regionali con potenzialit di crescita e promuovendo progetti di cooperazione produttiva interregionale e transnazionale.

Articolazione della misura.


La misura si articola in quattro azioni: Azione 4.2.a: Potenziamento e valorizzazione delle infrastrutture per la localizzazione delle attivit produttive; Azione 4.2.b: Rafforzamento dei sistemi produttivi esistenti ed in via di formazione localizzati sul territorio regionale e sostegno allintegrazione e al potenziamento delle filiere produttive regionali; Azione 4.2.c: Attrazione di iniziative imprenditoriali strategiche per lo sviluppo regionale e sviluppo della cooperazione produttiva interregionale; Azione 4.2.d: Sostegno ai processi di internazionalizzazione delle imprese. favorire lo sviluppo e laumento di competitivit e di produttivit di iniziative imprenditoriali nei settori gi presenti che hanno dimostrato buone capacit di sviluppo, incentivando la promozione delle migliori tecnologie disponibili dal punto di vista ambientale. favorire la creazione ed il rafforzamento dei servizi alle imprese ed in particolare la loro connessione allinterno delle logiche di filiera, focalizzando gli interventi sul lato della domanda (anche al fine di ridurre il potenziale inquinante, il quantitativo di rifiuti da smaltire, luso delle risorse naturali) favorire la nascita e la localizzazione di nuove attivit che assicurino buone prospettive di crescita e di integrazione con il territorio e lambiente, in unottica di valorizzazione dei cluster delle filiere produttive, anche attraverso attivit di animazione permanente. migliorare la dotazione e la funzionalit delle infrastrutture per la localizzazione e la logistica delle imprese e delle infrastrutture di servizio e supporto per la loro forza lavoro, in particolare il lavoro femminile.

Tipologia di interventi:

Modalit d'attuazione:

Attraverso Progetti Integrati Strategici (PIS) e dei Progetti Integrati Territoriali (PIT).

Tipologia delle operazioni

Azione 4.2.a: Potenziamento e valorizzazione delle infrastrutture per la localizzazione delle attivit produttive
Tipologie di interventi previsti Lazione finalizzata alla riqualificazione e allampliamento funzionale dellofferta insediativa regionale. Nello specifico tale azione supporta prioritariamente il recupero delle aree dismesse e la riqualificazione di quelle esistenti con lobiettivo di rendere subito operative e competitive alcune aree strategiche della regione che presentano gi un potenziale di crescita. In queste aree saranno sostenuti e coordinati direttamente
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

209

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

dallAmministrazione regionale progetti volti a potenziare le infrastrutture e i servizi connessi per la localizzazione delle attivit produttive.

Azione 4.2.b: Rafforzamento dei sistemi produttivi esistenti ed in via di formazione localizzati sul territorio regionale e sostegno allintegrazione e al potenziamento delle filiere produttive regionali.
Tipologie di interventi previsti Obiettivi: lazione sostiene interventi finalizzati a rafforzare i sistemi produttivi esistenti o in via di formazione sul territorio regionale (territori che gi hanno mostrato segni di vitalit imprenditoriale e che presentano una sufficiente concentrazione di attivit produttive) attraverso la promozione di reti di cooperazione tra le imprese e lo sviluppo di servizi comuni (logistica, ricerca e innovazione, commercializzazione, gestione ambientale). Si tratta in particolare di favorire la creazione o potenziare lazione di centri per lerogazione di servizi reali costituiti direttamente dalle imprese utenti, di societ darea per la promozione di nuovi investimenti e la gestione degli interventi realizzati con sovvenzioni pubbliche (societ di capitali in forma consortile con forte presenza degli Enti Locali, ma con la partecipazione dei privati).

Azione 4.2.c: Attrazione di iniziative imprenditoriali strategiche per lo sviluppo regionale e sviluppo della cooperazione produttiva interregionale.
Tipologie di interventi previsti Obiettivi: gli interventi previsti da questazione mirano anzitutto ad attrarre in Calabria iniziative imprenditoriali strategiche e che garantiscano significative ricadute sul territorio anche in termini di integrazione con i sistemi produttivi locali (indotto, reti tra imprese, innovazione tecnologica,). La prima fase dellazione consiste nella realizzazione di specifiche azioni di marketing territoriale, per un primo insieme di aree territoriali e settori di attivit, per individuare investimenti imprenditoriali eccellenti sia interni che esterni alla regione. Per lindividuazione dei territori e dei settori di attivit su cui focalizzare le azioni di marketing ci si avvarr anche degli studi effettuati nellambito del POP Calabria 94/99. Lazione sar attivata, per questo tipo dinterventi, sia attraverso la partecipazione al finanziamento dei contratti di programma, nellambito dellAccordo di Programma Quadro Sistemi Locali di Sviluppo che sar sottoscritto tra Governo Nazionale e Regione Calabria, che attraverso contratti di investimento da realizzare mediante specifici bandi di gara. La selezione sar effettuata in collaborazione con il NVVIP della Regione Calabria. I contratti di investimento saranno implementati attraverso lo strumento dei PIA (Pacchetto Integrato di Agevolazione). La realizzazione di attrattori di investimenti produttivi, quali il polo fieristico regionale, in connessione con la promozione delle filiere e dei sistemi locali regionali. La realizzazione degli attrattori sar valutata dal NVVIP sulla base di specifici studi di fattibilit. prevista, inoltre, la realizzazione di progetti di cooperazione fra imprese calabresi e imprese di altre regioni o Paesi. Si tratta di sostenere le imprese regionali nellattuazione dei piani di impresa necessari per adeguare i sistemi di produzione e commercializzazione alle specifiche esigenze del progetto di cooperazione produttiva. Lazione prevede due tipologie di interventi: la prima tipologia finalizzata a promuovere e creare le condizioni per realizzare i progetti di cooperazione interregionale attraverso interventi promossi dalle associazioni imprenditoriali, dalle banche e dalle Istituzioni. Rientrano in questa categoria: i) accordi, gemellaggi, protocolli dintesa e le connesse attivit di promozione, preparazione e supporto; ii) sperimentazioni di azioni di partenariato fra attori locali e extraregionali coinvolti nella definizione di politiche per le PMI; iii) organizzazioni di reti locali di subfornitura qualificata; iv) sostegno alla mobilit interregionale dei lavoratori e degli imprenditori per lacquisizione di tecniche e metodi di produzione innovativi; v) sostegno alla realizzazione di studi di fattibilit per progetti dinvestimento promossi in partnership da aziende locali e extraregionali; vi) sostegno alla creazione di rapporti di collaborazione fra centri servizi finalizzati al trasferimento tecnologico, alla consulenza e alla formazione;
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

210

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

la seconda tipologia finalizzata alla realizzazione dei progetti di cooperazione produttiva sia tra singole imprese che tra sistemi di imprese. I piani di impresa relativi ai progetti di cooperazione produttiva saranno realizzati attraverso lutilizzo dei Contratti di programma e dei Pacchetti Integrati di Agevolazioni (PIA). In particolare saranno avviati: - Progetti di Cooperazione Produttiva Interregionale. Lintervento prevede la realizzazione di un bando di selezione dei progetti di cooperazione produttiva interregionale proposti da singole imprese o da sistemi di imprese. - Contratti di programma: Al fine di contribuire allavvio di nuove attivit produttive e per stimolare la creazione di relazioni solide e durature tra imprese locali ed extraregionali saranno sostenuti investimenti promossi da gruppi di imprese esterne e/o di distretti extraregionali da realizzarsi in specifiche aree del territorio regionale che, per la loro posizione geografica e le infrastrutture preesistenti, possono offrire significativi vantaggi per la localizzazione di nuovi investimenti industriali. Si prevede, nello specifico, di avviare, anche, in collaborazione con la rappresentanza dei distretti industriali, almeno due contratti di programma.

Azione 4.2.d: Sostegno ai processi di internazionalizzazione delle imprese


Obiettivi: lazione sostiene gli interventi volti a supportare le imprese nellattivazione di progetti di internazionalizzazione. In particolare, verranno predisposti servizi di assistenza alle imprese e interventi per il collegamento/creazione di network operativi che possano consentire alle imprese di utilizzare servizi per la conoscenza dei mercati esteri. Queste attivit verranno sviluppate con il supporto del Ministero degli Affari Esteri e del Ministero del Commercio Estero, anche in collaborazione con lICE, che forniranno assistenza tecnica alla Regione Calabria nellambito delle attivit previste dal PON Assistenza Tecnica (ci possibile attraverso il Programma Operativo MAE/MAP mis.1.2) Tipologie di interventi previste Gli interventi attivabili allinterno dellazione, che a regia regionale, possono essere ricondotti alle seguenti tipologie: costituzione e operativit dello Sportello per linternazionalizzazione: lo Sportello rappresenta lo strumento operativo di collegamento tra strutture nazionali (Ministero Commercio Estero, ICE, SACE, SIMEST, etc..) e territorio regionale al fine di implementare attivit di assistenza tecnica, di formazione, di supporto alle iniziative promozionali e per la partecipazione a fiere ed eventi allestero, nonch servizi finanziari e di orientamento ai mercati internazionali,. Lo Sportello, inoltre, dovr puntare alla creazione di relazioni funzionali con il sistema delle Camere di Commercio e con tutti gli altri soggetti (associazioni imprenditoriali, consorzi fidi, istituti di credito, etc..) che operano per linternazionalizzazione delle imprese e per lo sviluppo di servizi per lexport. Nello specifico, lo sportello erogher servizi promozionali (informazioni statistiche, doganali, fiscali, valutarie, assistenza di base, organizzazione e partecipazione a fiere ed eventi, formazione per manager e specialisti in commercio estero), servizi finanziari, servizi di assistenza e consulenza, studi di fattibilit per progetti di internazionalizzazione dei sistemi e delle filiere produttive regionali, servizi assicurativi, etc.; agevolazioni finanziarie per progetti di internazionalizzazione: lobiettivo implementare un sistema agevolativo, attraverso convenzioni con Banche, Consorzi fidi e altri istituti di credito, che sostenga le imprese nella realizzazione di progetti di penetrazione commerciale allestero. sostengo ai consorzi export: lobiettivo sostenere la costituzione di strumenti consortili finalizzati alla promozione commerciale allestero delle PMI, al finanziamento di programmi di internazionalizzazione comuni a pi imprese, al finanziamento dei crediti export (eventualmente attraverso fondi di garanzia).

Beneficiari finali

Per tutte le Azioni: Regione Calabria - Dipartimento Industria, Commercio e Artigianato. Per le specifiche Azioni: Enti Locali, ASI, Consorzi di imprese e/o societ consortili costituite ai sensi degli articoli 17,18,19, 27 e 34 della legge 317/91 se stazioni appaltanti (Azione 4.2.a);
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

211

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

ICE, Ministero Commercio Estero, SACE, SIMEST e altri Soggetti selezionati attraverso procedure di evidenza pubblica (Azione 4.2.d); MTBPE, enti sub regionali (Az. 4.2.c); Soggetti strumentali selezionati attraverso procedura di evidenza pubblica (Azione 4.2.a, Azione 4.2.b); Partenariati locali responsabili della gestione dei Programmi Integrati (Azione 4.2.a, Azione 4.2.b)

Per le specifiche Azioni:

Soggetti destinatari dellintervento


PMI secondo la definizione prevista dalla vigente normativa comunitaria, appartenenti alle sezioni C, D ISTAT 91 con le limitazioni e le esclusioni previste dalla normativa comunitaria vigente (Azione 4.2.a; Azione 4.2.c; Azione 4.2.d); PMI di servizio, costituite sotto forma di societ regolari, operanti nei settori di cui alle divisioni K72, K73, K74 e O90 della classificazione delle attivit economiche ISTAT 91, con le limitazioni e le esclusioni previste dalla normativa comunitaria vigente (Azione 4.2.a); Enti locali, ASI (Azione 4.2.a); Societ consortili a capitale misto pubblico e privato, di cui agli art. 27 e 34 della legge 317/91, aventi come scopo statutario la prestazione di servizi per linnovazione tecnologica, gestione e organizzativa alle piccole imprese industriali, commerciali, di servizi e alle imprese artigiane di produzione di beni e servizi, costituite ed aventi oggetto sociale per come definito dai comma 2, 4 e 7 dellart. 27 della legge 317/91 (Azione 4.2.b) Consorzi e societ consortili costituiti, di cui al comma 1 dellart. 17 della legge 317/91, anche in forma cooperativa, fra piccole e medie imprese industriali, o fra tali imprese e piccole imprese commerciali e di servizi, costituite anche in forma cooperativa, aventi lo scopo di fornire servizi, anche nellambito del terziario avanzato, diretti a promuovere lo sviluppo, anche tecnologico, e la razionalizzazione della produzione, della commercializzazione e della gestione delle imprese consorziate, composti e aventi oggetto sociale per come definito dagli articoli 18 , 19 e 34 della legge 317/91 (Azione 4.2.a; Azione 4.2.b); Consorzi e societ consortili fra imprese artigiane di produzione di beni e servizi, di cui al comma 2 dellart. 17 della legge 317/91, costituiti ai sensi dellart. 6 della legge 443/85, nonch i consorzi e le societ consortili costituiti dalle predette imprese e dalle imprese di cui al comma 1 dellart. 17 della legge 317/91, composti e aventi oggetto sociale per come definito dagli articoli 18 e 19 della legge 317/91 (Azione 4.2.a; Azione 4.2.b); Imprese di Piccola, Media e Grande dimensione secondo la definizione e le limitazioni previste dalla normativa comunitaria vigente (Azione 4.2.c). Rappresentanze dei distretti industriali, societ consortili, PMI, Enti strumentali (Azione 4.2.c); Associazioni imprenditoriali, Camere di Commercio, Unioncamere, societ consortili, enti strumentali (Azione 4.2.c; Azione 4.2.d/A); Istituti di credito (Azione 4.2.c); Consorzi export costituiti da almeno 5 PMI (cosi come definite dalla vigente normativa comunitaria) che hanno come scopo sociale esclusivo lesportazione dei prodotti delle imprese consorziate e/o attivit promozionale necessaria per realizzarla utilizzati dalle consorziate stesse. Sono esclusi i consorzi costituiti da imprese operanti nei settori della produzione, manipolazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti dellallegato I del Trattato (prodotti agricoli) (Azione 4.2.d/C).

Procedure amministrative, tecniche e finanziarie per la realizzazione delle azioni e modalit di selezione delle operazioni

Azione 4.2.a

Le operazioni previste nellazione sono realizzate prioritariamente nellambito dei Progetti Integrati Strategici (PIS) e dei Progetti Integrati Territoriali (PIT). Per le operazioni della azione che non rientrano nei PIS e nei PIT si proceder secondo le modalit descritte nel seguito: Fase 1: Attivit preliminari allattuazione dellazione (assistenza alla progettazione e realizzazione di tutti gli strumenti informativi, gestionali, di valutazione necessari per la gestione dellazione; assistenza alla promozione e gestione dei bandi di gara previsti; assistenza alle attivit di monitoraggio e controllo dei progetti.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

212

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Fase 2: Individuazione, attraverso bandi di gara, delle operazioni da realizzare Fase 3: Attuazione, monitoraggio e controllo delle operazioni

Azione 4.2.b

Le operazioni previste nellazione sono realizzate prioritariamente nellambito dei Progetti Integrati Strategici (PIS) e dei Progetti Integrati Territoriali (PIT). Per le operazioni della azione che non rientrano nei PIS e nei PIT si proceder secondo le modalit descritte per lAzione 4.2.a. La selezione dei sistemi produttivi esistenti da sostenere con gli interventi dellazione riguarder le aree territoriali che soddisfano almeno uno dei seguenti criteri: aree oggetto di interventi di programmazione negoziata (patti territoriali, contratti darea, contratti di programma, etc.); sistemi produttivi esistenti ed in via di formazione individuati nellAccordo di Programma Quadro Sistemi Locali di Sviluppo tra Stato e Regione Calabria.

Azione 4.2.c

Le operazioni previste nellazione sono realizzate prioritariamente nellambito dei Progetti Integrati Strategici (PIS) e dei Progetti Integrati Territoriali (PIT). Per le operazioni della azione che non rientrano nei PIS e nei PIT si proceder secondo le modalit descritte per lAzione 4.2.a. Le azioni di marketing saranno realizzate ricorrendo a strutture individuate mediante procedure di evidenza pubblica. Per limplementazione dello sportello per linternazionalizzazione lAmministrazione Regionale realizzer specifici accordi con il Ministero del Commercio Estero, con lICE, con altri Soggetti tra quelli individuati dalla delibera CIPE del 29 giugno 2000, con eventuali soggetti strumentali selezionati attraverso procedure di evidenza pubblica. Contestualmente saranno promosse forme di collaborazione con il sistema delle Camere di Commercio e con altri soggetti (associazioni imprenditoriali, consorzi fidi, istituti di credito, etc..) finalizzate: alla diffusione dei servizi e delle attivit prestate dallo Sportello ed alla loro messa in rete con le strutture attivate a questo scopo presso le Camere di Commercio; alla pi ampia integrazione con le attivit e con i servizi promossi dallUfficio Regionale ICE.

Azione 4.2.d

Lattivit operativa dello sportello sar supportata da un Comitato di Coordinamento composto dallAssessore regionale alle Attivit Produttive (o suo rappresentante), da un rappresentante del Ministero Commercio Estero (o suo rappresentante), da un rappresentante rispettivamente di ICE, SACE e SIMEST, da un rappresentante di ogni altro soggetto (Camere di Commercio, Associazioni imprenditoriali, etc.) con cui saranno attivate collaborazioni per il funzionamento dello sportello, da due esperti di elevata qualificazione nominati dalla Regione. Al fine di rafforzare lattivit dello sportello, la Regione proceder con apposita procedura a bando ad attivare una rete di animazione territoriale con il compito di raccordare lattivit dello sportello con le esigenze delle imprese e rappresentanze di imprese presenti sul territorio regionale. Per lattivazione degli interventi connessi ai progetti di internazionalizzazione, lAmministrazione Regionale stipuler apposita convenzione con Soggetti terzi scelti attraverso procedure di evidenza pubblica (Banche, Consorzi fidi , enti strumentali ecc.). LAmministrazione Regionale, inoltre, definir un programma promozionale annuale in raccordo con il programma ICE. Per la realizzazione del programma saranno promossi accordi con il Mincomes (accordi di programma Mincomes-Regione-ICE), ed altri soggetti, nonch intese per iniziative di marketing da realizzare anche attraverso progetti comuni con le Camere di Commercio e le Associazioni imprenditoriali. Per i progetti di internazionalizzazione saranno attivati collegamenti con gli interventi previsti dal Progetto di Assistenza Tecnica MAE-Mincomes e con gli studi di fattibilit finanziati a valere sul detto Progetto. Il sostegno allattivit dei Consorzi export avverr attraverso il recepimento delle deleghe derivanti dalla legge 83/89. Per lattivazione degli interventi lAmministrazione Regionale si avvarr del supporto di ICE, e di eventuali altri soggetti competenti individuati attraverso procedure di evidenza pubblica.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

213

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Tasso di partecipazione

Fondo Strutturale: Costo Totale della Misura: Totale Risorse Pubbliche della Misura: Risorse Comunitarie (FESR): Contributi Privati: Tasso di Partecipazione Fondo Strutturale:

FESR 237.652.000 euro 148.532.000 euro 74.266.000 euro 89.120.000 euro 50% della spesa pubblica 31,2% della spesa ammissibile

Piano finanziario previsionale per annualit (euro)


Anno 2000 Anno 2001 15.483.000 Anno 2002 Anno 2003 Anno 2004 Anno 2005 Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008 31.345.500 32.118.500 37.312.000 37.073.500 39.902.500 34.151.000 17.266.000

Indicatori di realizzazione
Tipologia di Progetto Sub - Tipologia Progetto Aree attrezzate Infrastrutture produttive Edifici attrezzati Incubatori d'impresa Aiuti all'industria, artigianato e commercio (PMI) Servizi comuni alle PMI e all'artigianato Centri informazione/servizi Reti di imprese Azione di cooperazione interregionale Internazionalizzazione/ esportazione Indicatori di Realizzazione Interventi Superficie Interventi Soggetti attuatori Imprese beneficiarie Interventi Interventi Progetti Imprese interessate Imprese beneficiarie Unit di Misura Numero Ha Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Valore Atteso Indicatore di Realizzazione (Anno 2008) 5 50 3 1 80 5 2 4 30 15

Servizi di consulenza alle imprese (PMI)

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

214

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Indicatori di risultato
Note Imprese localizzate nelle aree infrastrutturate (di cui esterne) % imprese coinvolte in progetti di cooperazione produttiva interregionale Investimenti privati indotti nelle aziende sovvenzionate (effetto leva) Imprese che diventano esportatori Imprese che esportano in nuovi mercati % di imprese soddisfatte dei servizi ricevuti Unit di Misura Numero Numero Euro (e in % su totale investimento) Numero Numero Numero Unit di Misura Numero assoluto e % dei posti di lavoro totali Euro Numero Euro Numero Valore Valore Anno 2000 Anno 2006 Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Indicatori di impatto
Note Occupazione lorda/netta creata o mantenuta dopo due anni Aumento del volume daffari delle imprese sovvenzionate (dopo 18 mesi) Rapporti di collaborazione produttiva di imprese di altre regione grazie allintervento (dopo un anno) % degli export sul fatturato delle imprese sovvenzionate dopo 18 mesi % di imprese che dichiarano di avere migliorato la propria performance grazie ai servizi ricevuti

2. Misure indirette di internazionalizzazione


Misura 1.10- Rete Ecologica
(Asse I- Risorse Naturali; Settore Ambiente; Fondo FESR)

Amministrazione Responsabile

Regione Calabria Dipartimento Urbanistica e Ambiente Obiettivi: realizzazione della Rete ecologica regionale, nellambito della Rete ecologica nazionale, per la valorizzazione degli ambiti territoriali caratterizzati dalla presenza di valori naturali e culturali, attraverso la promozione di processi di sviluppo compatibili con le specificit ambientali delle aree interessate.

Descrizione e finalit della misura

Articolazione della misura.

La misura si articola in due azioni: Azione 1.10.a: Tutela delle risorse naturali e ambientali, Azione 1.10.b: Valorizzazione e sviluppo delle attivit economiche non agricole27

Tipologia di interventi

La misura verr realizzata attraverso la realizzazione di:

27 Non sono ammissibili alla misura gli interventi nel settore agricolo che comprende, oltre alla produzione dei prodotti della terra , anche la loro trasformazione, commercializzazione e promozione. Questi interventi sono ammissibili nellambito delle misure del Programma Operativo finanziate dal FEOGA.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

215

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

interventi di miglioramento delle condizioni ambientali di aree con risorse sottoutilizzate e di aree con risorse sovrautilizzate, volti a limitare limpatto ambientale causato dalle attivit antropiche); interventi per il sostegno e la promozione di iniziative di sviluppo locale, finalizzate a valorizzare in termini economici il patrimonio naturale (valorizzazione delle attivit turistiche, delle attivit connesse alla produzione e alla commercializzazione dei prodotti tipici, alla promozione dellartigianato locale, ).

Modalit d'attuazione

Gli interventi, saranno realizzati attraverso progetti integrati. Per il sostegno alle attivit agricole (produzione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti tipici e dellagricoltura sostenibile) si utilizzeranno, allinterno delle aree territoriali della rete ecologica, gli interventi previsti nelle misure per lo sviluppo delle aree rurali cofinanziate dal FEOGA.

Tipologia delle operazioni

Azione 1.10.a - Tutela delle risorse naturali e ambientali

Obiettivi: miglioramento dellambiente naturale, sia in ambiti con risorse sottoutilizzate, sia in ambiti con risorse sovrautilizzate. Tipologie di interventi previste ricerche (flora, fauna, difesa del suolo e ingegneria naturalistica, risorse storico culturali, turismo, prodotti tipici ecc.); implementazione del SIT regionale relativo alla Rete Natura 2000; elaborazione di piani di gestione e di sviluppo per i siti Natura 2000 e per le aree protette; sensibilizzazione delle comunit locali sui temi relativi alle ricerche effettuate; educazione ambientale; interventi finalizzati al recupero di aree degradate; interventi finalizzati al mantenimento di paesaggi naturali e antropizzati; interventi finalizzati alla conservazione della flora; interventi finalizzati alla conservazione della fauna.

Azione 1.10.b - Valorizzazione e sviluppo delle attivit economiche non agricole28

Obiettivi: Promozione di processi di sviluppo locale sostenibile, in particolare legati al turismo, alla valorizzazione di prodotti e allo sviluppo dellartigianato locale. Tipologie di interventi previste Realizzazione di prodotti turistici verdi Questa tipologia individua una serie di interventi finalizzati a dotare le aree della Rete Ecologica delle infrastrutture e strutture di servizio per la fruizione turistica e a stimolare la creazione di reti di collaborazione per la promozione di prodotti turistici locali (interventi previsti: centri visita; piccole strutture museali; sentieristica; aree attrezzate per la ricreazione allaria aperta; promocommercializzazione). Promozione imprenditorialit verde Questa tipologia individua una serie di operazioni volte a supportare i servizi di offerta turistica delle aree della Rete Ecologica. Si tratta essenzialmente di incentivi (erogati secondo la regola del de minimis) a favore di piccole imprese, a sostegno sia delle attivit connesse allavviamento sia degli investimenti per ladeguamento alle esigenze dellofferta verde, come ad esempio la qualificazione degli esercizi alberghieri verso i criteri dellospitalit ecologica (interventi previsti: ricettivit; animazione ambientale e turistica; sport; ristorazione tipica). Promozione dellospitalit diffusa Questa tipologia individua una serie di operazioni, di carattere integrato, che mirano a dotare alcuni centri abitati delle aree interne, in particolare quelli con sottoutilizzazione delle risorse naturali, di sistemi locali diffusi di ricettivit turistica. Questi interventi sono finalizzati non solo a stimolare lofferta di servizi ricettivi, ma anche a rafforzare lattrattivit turistica dei centri abitati minori (interventi previsti: recupero di centri storici interessati da
28 Non sono ammissibili alla misura gli interventi nel settore agricolo che comprende, oltre alla produzione dei prodotti della terra , anche la loro trasformazione, commercializzazione e promozione. Questi interventi sono ammissibili nellambito delle misure del Programma Operativo finanziate dal FEOGA.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

216

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

iniziative di ospitalit diffusa; interventi per la sistemazione delle abitazioni da adibire ad ospitalit diffusa; arredamento abitazioni da adibire a ospitalit diffusa; interventi per il recupero e la valorizzazione delle botteghe artigiane presenti nei centri storici; verde e arredo centri storici interessati da progetti di ospitalit diffusa).

Beneficiari finali
Enti Parco; Enti Locali; Partenariati Locali responsabili dellattuazione dei progetti integrati. Per lAzione 1.10.a: Amministrazioni locali e loro consorzi; Popolazione civile. Per lAzione 1,10.b: Imprese, loro consorzi e cooperative; Operatori turistici; Associazioni

Soggetti destinatari dellintervento


Procedure amministrative, tecniche e finanziarie per la realizzazione delle azioni e modalit di selezione delle operazioni
Le operazioni previste nella misura sono realizzate attraverso progetti integrati. I progetti integrati che verranno attivati inizialmente sono quelli relativi alle aree della rete ecologica gestite dagli Enti Parco dellAspromonte e del Pollino.

Tasso di partecipazione

Fondo Strutturale: Costo Totale della Misura: Totale Risorse Pubbliche della Misura: Risorse Comunitarie (FESR): Contributi Privati: Tasso di Partecipazione Fondo Strutturale:

FESR 103.573.000 euro 70.618..000 euro 35.309.000 euro 32.955.000 euro 50% della spesa pubblica 34,1% della spesa ammissibile

Piano finanziario previsionale per annualit (euro)


Anno 2000 Anno 2001 6.748.000 Anno 2002 13.662.000 Anno 2003 13.998.000 Anno 2004 16.261.000 Anno 2005 16.158.000 Anno 2006 14..339.500 Anno 2007 14.882.500 Anno 2008 7.524.000

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

217

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Indicatori di realizzazione
Tipologia di Progetto Recupero, rinaturalizzazione siti e alvei Miglioramento dell'ambiente Sotto-Tipologia di Progetto Inicatore di Realizzazione Superficie Unit di Misura Ha Ha Ha Numero Numero Numero Mq Km Numero Mq 100 120 1.000 120 300.000 400 10 60.000 Valore Atteso Indicatore di Realizzazione (Anno 2008) 1.000 500

Protezione del patrimonio Superficie naturale e culturale Rigenerazione siti contaminati per usi Superficie impropri Strutture ricettivi e servizi Imprese Aiuti alla ricettivit e complementari servizi complementari Posti letto Servizi complementari Interventi Superficie Strutture per la fruizione Aree attrezzate del patrimonio ambientale Lunghezza Sentieri Riqualificazione urbana Verde pubblico Arredo urbano Interventi Superficie

Indicatori di risultato
Note Popolazione interessata dagli interventi Abitanti che vivono nelle vicinanze (nel raggio di un KM) delle zone interessare dagli interventi Investimenti privati indotti nelle aziende sovvenzionate (effeto leva) Imprese (verdi) avviate nel settore del turismo e dellartigianato Utenti dei servizi Soddisfazione degli utenti per i servizi ricevuti Marchi realizzati (turismo verde, agricoltura nelle aree protette, prodotti tipici, etc.) Itinerari escursionistici realizzati Pacchetti turistici realizzati Unit di Misura Numero Numero Numero Numero Numero Numero Km Numero Unit di Misura Kmq Numero Numero assoluto e % dei posti di lavoro totali Euro Numero Valore Anno 2000 Valore Anno 2006 Valore Anno 2000 Valore Anno 2006

Indicatori di impatto
Note

Percentuale del territorio regionale costituito da aree protette


Visitatori nelle aree protette Occupazione lorda/netta creata o mantenuta dopo due anni Valore aggiunto prodotto dopo due tre anni nelle zone beneficiarie Imprese sovvenzionate ancora attive dopo due anni

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

218

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Misura 2.1 Interventi di conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale


(Asse II - Risorse culturali; Settore: Patrimonio culturale; Fondo: FESR)

Amministrazione Responsabile

Regione Calabria, Dipartimento Cultura, Istruzione, Beni Culturali, Affari Sociali, Politica della Famiglia

Descrizione e finalit della misura

Obiettivi: Consolidare, estendere e qualificare le azioni di salvaguardia e valorizzazione del patrimonio archeologico, architettonico, storico-artistico, paesaggistico e rurale del Mezzogiorno nonch quelle relative alle attivit di spettacolo e di animazione culturale. La misura si articola in due azioni che comprendono, rispettivamente, gli interventi relativi alla valorizzazione del patrimonio archeologico della Magna Grecia e quelli relativi alla valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico regionale di natura pubblica o di rilevante interesse pubblico ai sensi del D. Lgs. n. 490 del 29.10.1999: Azione 2.1.a: Valorizzazione del patrimonio archeologico della Magna Grecia, Azione 2.1.b: Valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico.

Articolazione della misura

Conservazione, restauro e consolidamento del patrimonio storico-artistico, archeologico e paesaggistico, religioso e militare, infrastrutture per attivit culturali e per lo spettacolo attraverso il recupero di immobili dismessi, strutturazione dei sistemi territoriali funzionali al rafforzamento dellofferta culturale complessiva.

Tipologia di interventi

Modalit d'attuazione

Attraverso progetti integrati con riferimento o a specifiche aree territoriali o a reti tematiche ovvero attraverso progetti strategici.

Tipologia delle operazioni

Azione 2.1.a: Valorizzazione del patrimonio archeologico della Magna Grecia


Tipologie di interventi previste Costituzione di un sistema dellarcheologia Magno-Greca della Regione Obiettivi: valorizzare il patrimonio archeologico attribuito allepoca della Magna GreciaProgetto pilota per la valorizzazione dellarea archeologica di Sibari Obiettivi: costituzione di un parco archeologico allinterno di un sistema integrato con le aree limitrofe ad elevata attrazione naturalistica (Parco Nazionale del Pollino e della Sila, Oasi del Crati) e storico artistica (centri storici di Castrovillari, Corigliano, Rossano e altri centri minori). Lintervento dovr intendersi come progetto pilota da estendere agli altri parchi archeologici, testimonianza della civilt Magno Greca nella regione. Creazione di parchi tematici Obiettivi: realizzazione di parchi archeologici, anche a carattere tematico, nelle aree archeologiche e nelle aree dove sono localizzate le minoranze etniche della regione di origine magno-greca.

Azione 2.1.b: Valorizzazione del patrimonio architettonico e paesaggistico


Obiettivi: recupero della parte pi pregiata e di qualit del patrimonio pubblico e di interesse pubblico (come definito dal D. Lgs. n. 490 del 29.10.1999) di edilizia civile, industriale, religiosa e militare. Tipologie di interventi previste Recupero, valorizzazione e rifunzionalizzazione degli elementi di maggior pregio del patrimonio architettonico e culturale regionale.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

219

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Obiettivi: recupero, valorizzazione ed eventuale rifunzionalizzazione degli elementi di maggiore pregio del patrimonio architettonico regionale per la costruzione di reti tematiche (itinerario dei castelli e delle fortezze, itinerario dellarcheologia industriale, itinerari religiosi, itinerari delle locande nelle case cantoniere, itinerari paesaggistici attraverso le linee ferroviarie interne, itinerari letterari, itinerari della cultura contadina, etc.). Riqualificazione e valorizzazione dei centri storici Obiettivi: recupero e rifunzionalizzazione degli edifici di maggiore valenza storica, culturale e architettonica dei centri storici dei comuni calabresi integrati con specifici interventi di qualificazione (ambientale e di arredo) degli elementi urbani di maggiore pregio (piazze, scalinate, chioschi, fontane, etc.). Gli interventi dovranno essere parte integrante di specifici progetti integrati di valorizzazione dei singoli centri storici, di competenza delle Amministrazioni comunali inseriti funzionalmente nelle reti tematiche di cui al punto precedente. LAmministrazione regionale coordiner direttamente la promozione e la valorizzazione di una rete dei centri storici di eccellenza presenti in Calabria. Realizzazione di centri polifunzionali per lintegrazione dellofferta culturale Obiettivi: realizzazione e potenziamento di centri polifunzionali per lintegrazione dellofferta culturale localizzati in via prioritaria allinterno degli edifici recuperati nellambito delle azioni di valorizzazione del patrimonio architettonico e dei centri storici regionali di cui ai punti precedenti. Incremento della dotazione di infrastrutture per attivit culturali e per lo spettacolo Obiettivi: recupero e valorizzazione di edifici adibiti ad attivit culturali (teatri, cinema, etc.), di piazze e luoghi caratteristici, di aree allaperto nei centri storici pi suggestivi per la realizzazione di manifestazioni culturali. Tutela del paesaggio secondo le linee di intervento previste dal piano paesistico regionale Obiettivi: recupero e valorizzazione del paesaggio sia nelle aree di concentrazione del patrimonio culturale che nelle aree a maggiore valenza paesaggistica regionale (anche in collegamento con le azioni previste dalla rete ecologica regionale). Per i Progetti Strategici: Regione Calabria Dipartimento Cultura, Istruzione, Beni Culturali, Affari Sociali, Politica della Famiglia; Amministrazioni Provinciali ed Enti Locali; Ministero per i Beni e le Attivit Culturali; Soggetti selezionati attraverso bando pubblico. Per i Progetti Integrati: Partenariati locali responsabili della gestione dei Programmi Integrati; Amministrazioni Provinciali ed Enti Locali; Soggetti selezionati attraverso bando pubblico.

Beneficiari finali

Soggetti destinatari dellintervento

Per tutte le Azioni: Enti pubblici proprietari del patrimonio culturale; Enti ecclesiastici proprietari del patrimonio culturale; Organizzazioni coinvolte nelle azioni di valorizzazione del patrimonio culturale (associazioni, imprese, istituzioni, etc.); Cittadini, turisti ed in generale fruitori del patrimonio culturale.

Procedure amministrative, tecniche e finanziarie per la realizzazione delle azioni e modalit di selezione delle operazioni
Le operazioni previste nella misura sono realizzate nellambito dei Progetti Integrati Strategici (PIS) e dei Progetti Integrati Territoriali (PIT).

Tasso di partecipazione

Fondo Strutturale: Costo Totale della Misura: Totale Risorse Pubbliche della Misura: Risorse Comunitarie (FESR): Contributi Privati: Tasso di Partecipazione Fondo Strutturale: 5

FESR 8.072.000 euro 58.072.000 euro 29.036.000 euro 0 euro 50% della spesa pubblica 0% della spesa ammissibile
Anno 2006 8.040.000

Piano finanziario previsionale per annualit (euro)


Anno 2000 Anno 2001 3.783.000 Anno 2002 Anno 2003 Anno 2004 Anno 2005 7.659.000 7.848.000 9.118.000 9.060.000 Anno 2007 Anno 2008 8.345.000 4.219.000

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

220

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Indicatori di realizzazione
Tipologia di Progetto Sotto -Tipologia di Progetto Indicatore di Realizzazione Unit di Misura Numero Numero Mq Numero Ha Numero Mq Numero Numero Numero Numero Mq Numero 30 1.000 2.000 3.100 2 Valore Atteso Indicatore di Realizzazione (Anno 2008) 100 21 56.800 9 4.000 6 4.000

Restauro beni mobili Interventi Restauro ristrutturazione Interventi allestimento museale Restauro paesaggistico e Superficie area interessata ambientale Recupero/ conservazione Interventi Aree Archeologiche del patrimonio culturale Superficie area interessata Interventi Restauro architettonico Superficie area interessata Restauro e ristrutturazione del Interventi patrimonio culturale Centri di informazione e Interventi accoglienza Allestimento spazi per la Strutture e spazi destinati Capienza (posti) strutture fruizione del patrimonio a attivit socio-culturali e spazi culturale Strutture e spazi destinati Capienza (posti) strutture a spettacoli e spazi Altri servizi per i visitatori Superficie strutture/ spazi Studi di fattibilit Studi di fattibilit

Indicatori di risultato
Note Popolazione beneficiaria (che utilizza le strutture restaurate) Costo medio di una visita Durata media della visita (al parco, al museo, etc.) Soddisfazione degli utenti Servizi offerti dalle nuove strutture Numero di avvenimenti culturali Immobili dimessi riconvertiti per attivit culturali Unit di Misura Numero Euro Ore-minuti Alta-bassa Numero Numero Numero Unit di Valore Valore Misura Anno 2000 Anno 2006 Numero/anno Numero Numero assoluto e % dei posti di lavoro totali Numero Euro Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Indicatori di impatto
Note Visitatori dei siti interessati dagli interventi % di visite da parte di turisti stranieri Occupazione lorda/netta creata o mantenuta dopo due anni % di abitanti che dichiara di volere vivere nei centri storici interessati dagli interventi nei prossimi cinque anni Valore aggiunto nelle aree interessate dagli interventi

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

221

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Misura 2.2 Servizi pubblici per la valorizzazione del patrimonio culturale


(Asse II - Risorse culturali; Settore: Patrimonio culturale; Fondo: FESR)

Amministrazione responsabile

Regione Calabria, Dipartimento Cultura, Istruzione, Beni Culturali, Affari Sociali, Politica della Famiglia

Descrizione e finalit della misura

Obiettivi: Creazione, potenziamento e miglioramento della qualit dei servizi culturali per favorire la conoscenza, laccesso e la fruizione del patrimonio culturale regionale di propriet pubblica.

Articolazione della misura


La misura articolata in due azioni: Azione 2.2.a: Servizi pubblici per laccesso e la fruizione del patrimonio culturale regionale, Azione 2.2.b: Promozione e realizzazione di iniziative culturali innovative che valorizzano il patrimonio culturale e le identit locali.

Tipologie di intervento

Interventi relativi ai servizi pubblici per laccesso e fruizione del patrimonio culturale regionale ed interventi per la promozione di iniziative culturali innovative che valorizzano il patrimonio culturale e le identit locali.

Modalit d'attuazione

Attraverso progetti integrati con riferimento a specifiche aree territoriali o a reti tematiche ovvero attraverso progetti strategici.

Tipologia delle operazioni

Azione 2.2.a: Servizi pubblici per laccesso e la fruizione del patrimonio culturale regionale
Tipologie di interventi previste Servizi aggiuntivi per la gestione e la valorizzazione del patrimonio culturale Obiettivi: la creazione e lincentivazione dei seguenti servizi: il servizio editoriale e di vendita riguardante i cataloghi e i sussidi catalografici, audiovisivi e informatici, ogni altro materiale informativo, e le riproduzioni di beni culturali; i servizi riguardanti beni librari e archivistici per la fornitura di riproduzioni e il recapito del prestito bibliotecario; la gestione di raccolte discografiche, di diapoteche e biblioteche museali; la gestione dei punti vendita e l'utilizzazione commerciale delle riproduzioni dei beni; i servizi di accoglienza, ivi inclusi quelli di assistenza e di intrattenimento per l'infanzia, i servizi di informazione, di guida e assistenza didattica, i centri di incontro; i servizi di caffetteria, di ristorazione, di guardaroba; lorganizzazione di mostre e manifestazioni culturali, di iniziative promozionali. Per lerogazione dei servizi aggiuntivi sopradescritti, le amministrazioni pubbliche promuoveranno e sosterranno lo sviluppo dellimprenditorialit profit e non profit legata alla filiera del turismo culturale. Servizi per laccesso al patrimonio delle biblioteche e degli archivi regionali Obiettivi: consentire laccesso al patrimonio culturale regionale attraverso la realizzazione di progetti in grado di estendere il Sistema Bibliotecario Nazionale (SBN) su tutto il territorio regionale, attraverso lindividuazione di dodici distretti e la creazione, in ogni distretto, di una mediateca, coerente con il programma Mediateca 2000, che funger da nodo di un sottosistema che andr a caratterizzarsi sulla base di peculiarit territoriali. Sistemi multimediali per la valorizzazione del patrimonio culturale regionale Obiettivi: valorizzare il patrimonio culturale regionale attraverso interventi finalizzati allo sviluppo di sistemi multimediali interattivi e portali telematici accessibili sulla rete Internet, con riferimento tanto alle utenze remote che alla fruizione diretta in musei, siti, biblioteche, archivi e teatri.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

222

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Azione 2.2.b: Promozione e realizzazione di iniziative culturali innovative che valorizzano il patrimonio culturale e le identit locali
Tipologie di interventi previste Promozione e realizzazione di eventi culturali innovativi Obiettivi: realizzazione di iniziative di valenza e visibilit nazionale, promosse o direttamente dalla Amministrazione regionale o da altri soggetti pubblici nonch da partenariati di soggetti pubblici e privati locali, che valorizzando il patrimonio culturale regionale e le identit locali, riescano ad attrarre flussi significativi di turismo culturale. Promozione e creazione di network culturali Obiettivi: realizzazione di progetti integrati innovativi promossi da reti di operatori pubblici e privati operanti su scala regionale o locale finalizzati alla valorizzazione integrata del patrimonio culturale (materiale o immateriale) per specifici temi o ambiti territoriali. I progetti devono integrare al loro interno attivit di studio, ricerca, informazione, formazione, promozione e sperimentazione con particolare attenzione al coinvolgimento delle nuove generazioni.

Beneficiari finali

Per i Progetti Strategici: Regione Calabria Dipartimento Cultura, Istruzione, Beni Culturali, Affari Sociali, Politica della Famiglia; Amministrazioni Provinciali; Ministero per i Beni e le Attivit Culturali; Soggetti selezionati attraverso bando pubblico. Per i Progetti Integrati: Partenariati locali responsabili della gestione dei Programmi Integrati; Soggetti selezionati attraverso bando pubblico. Per tutte le Azioni: Enti pubblici proprietari del patrimonio culturale; Enti ecclesiastici proprietari del patrimonio culturale; Organizzazioni coinvolte nelle azioni di valorizzazione del patrimonio culturale (associazioni, imprese, istituzioni, etc.); Cittadini, turisti ed in generale fruitori del patrimonio culturale.

Soggetti destinatari dellintervento

Procedure amministrative, tecniche e finanziarie per la realizzazione delle azioni e modalit di selezione delle operazioni
Le operazioni previste nella misura sono realizzate nellambito dei Progetti Integrati Strategici (PIS) o dei Progetti Integrati Territoriali (PIT). Per le operazioni della misura che non rientrano in Progetti Integrati Strategici (PIS) o in Progetti Integrati Territoriali (PIT) lAmministrazione regionale provveder a: lindividuazione, attraverso atti amministrativi di programmazione, delle operazioni da realizzare nei progetti integrati, la selezione, attraverso procedure di evidenza pubblica, delle operazioni da realizzare, lattuazione, monitoraggio e controllo delle operazioni. FESR 29.040.000 euro 29.040.000 euro 14.520.000 euro 0 euro 0% della spesa pubblica 50% della spesa ammissibile

Tasso di partecipazione

Fondo Strutturale: Costo Totale della Misura: Totale Risorse Pubbliche della Misura: Risorse Comunitarie (FESR): Contributi Privati: Tasso di Partecipazione Fondo Strutturale:

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

223

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Piano finanziario previsionale per annualit (euro)


Anno 2000 Anno 2001 1.892.000 Anno 2002 3.830.000 Anno 2003 3.925.000 Anno 2004 4.560.000 Anno 2005 4.530.000 Anno 2006 4.020.000 Anno 2007 4.173.000 Anno 2008 2.110.000

Indicatori di realizzazione
Tipologia di Progetto Sotto-Tipologia di Progetto Indicatore di Realizzazione Unit di Misura Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Mq Numero Numero Numero Numero Valore Atteso Indicatore di Realizzazione (Anno 2008) 115 75 90 100 12 120 30 900 1.000 3.000 100 180 1 1

Investimenti immateriali per la promozione della conoscenza e della fruizione del patrimonio culturale

Allestimento spazi per la fruizione del patrimonio culturale

Azioni promozionali Interventi Realizzazione nuovi pacchetti/prodotti Interventi turistici Eventi espositivi/mostre Interventi Manifestazioni Interventi Interventi di catalogazione e di ricognizione del Interventi patrimonio Prodotti multimediali Interventi Centri di informazione e Interventi accoglienza Strutture e spazi destinati Capienza (posti) strutture a attivit socio culturale e spazi Strutture e spazi destinati Capienza (posti) strutture a spettacoli e spazi Altri servizi per i visitatori Superficie strutture/ spazi Sportelli attivati Postazioni/terminali installati Banche dati Soggetti attuatori

Servizi telematici

Indicatori di risultato
Note UTENTI DEI SERVIZI Soddisfazione degli utenti % del patrimonio culturale regionale accessibile attraverso strumenti multimediali e telematici (POR % di biblioteche integrate Incremento % degli eventi culturali (oppure numero di persone che partecipano agli eventi) Unit di Misura Numero Alta-bassa Numero Numero Numero Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

224

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Indicatori di impatto
Note VISITATORI % di visite da parte di turisti stranieri Occupazione lorda/netta creata o mantenuta dopo due anni Valore aggiunto generato dagli interventi Unit di Valore Valore Misura Anno 2000 Anno 2006 Numero/anno Numero Numero assoluto e % dei posti di lavoro totali Euro

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

225

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Misura 2.3 Sviluppo delle iniziative imprenditoriali nel settore dei beni culturali
(Asse II - Risorse culturali; Settore: Patrimonio culturale; Fondo: FESR)

Amministrazione responsabile

Regione Calabria, Dipartimento Cultura, Istruzione, Beni Culturali, Affari Sociali, Politica della Famiglia

Descrizione e finalit della misura

Obiettivi: Promuovere lo sviluppo dellimprenditorialit e la crescita delle organizzazioni legate alla valorizzazione del patrimonio culturale per creare e favorire la nascita di strutture ad alta specializzazione per la gestione degli interventi di restauro, sviluppando attivit di formazione sul campo per la riqualificazione e la creazione di competenze legate al patrimonio e alle attivit culturali. Articolazione della misura La misura articolata in tre azioni: Azione 2.3.a: Recupero, restauro, valorizzazione e gestione del patrimonio architettonico e paesaggistico privato di interesse pubblico, Azione 2.3.b: Sostegno alle iniziative imprenditoriali per la valorizzazione e la gestione del patrimonio culturale pubblico e privato regionale, Azione 2.3.c: Sostegno alle iniziative imprenditoriali nel settore del restauro, della conservazione e della valorizzazione del patrimonio culturale regionale.

Modalit d'attuazione

Attraverso progetti integrati con riferimento a specifiche aree territoriali o a reti tematiche ovvero attraverso progetti strategici come definiti nella misura 2.1.

Tipologia delle operazioni

Azione 2.3.a: Recupero, restauro, valorizzazione e gestione del patrimonio architettonico e paesaggistico privato di interesse pubblico
Obiettivi: recupero e restauro del patrimonio di edilizia civile, industriale, religiosa e militare di pregio a condizione che tali investimenti facciano parte di un progetto di valorizzazione dellimmobile finalizzato alla creazione di attivit imprenditoriali nei settori del turismo culturale e naturalistico, dellartigianato di restauro e tipico, dei servizi connessi alla filiera della cultura. Le tipologie di interventi ammissibili e relative modalit di attuazione sono quelle definite per il patrimonio culturale pubblico nella Misura 2.1. Gli investimenti realizzati sono vincolati alla realizzazione del progetto di valorizzazione per un periodo di tempo sufficiente ad ammortizzare linvestimento pubblico e comunque non superiore a 10 anni. Il progetto pu prevedere prioritariamente la partecipazione, per le attivit di valorizzazione del patrimonio, di soggetti diversi dai proprietari con priorit alle nuove imprese formate in prevalenza da giovani.

Azione 2.3.b: Sostegno alle iniziative imprenditoriali per la valorizzazione e la gestione del patrimonio culturale pubblico e privato regionale
Tipologie di interventi previste Servizi aggiuntivi per la gestione e la valorizzazione del patrimonio culturale Obiettivi: valorizzare il patrimonio culturale regionale di propriet privata attraverso interventi che mirino a migliorare la qualit della gestione (progetti in grado di aprire e ampliare gli orari di apertura dei siti culturali, a prestare servizi professionali personalizzati per i visitatori, a fornire assistenza e accoglienza, ad organizzare eventi per promuovere attivit collaterali presenti sul territorio, sensibilizzare alla pratica culturale le popolazioni, produrre materiali informativi e didattici, anche di natura pubblicitaria per valorizzare limmagine del sito e del bene culturale presenti sul territorio.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

226

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Servizi specialistici per la valorizzazione del patrimonio culturale Obiettivi: valorizzare il patrimonio culturale attraverso lattivazione di tipologie di servizi specialistici alle imprese della filiera finalizzati al marketing dei prodotti culturali, alle strategie e agli strumenti di comunicazione, alla consulenza tecnica e organizzativa per la gestione dei servizi e degli eventi, allassistenza alla cooperazione transnazionale e allinternazionalizzazione. Servizi di rete per la valorizzazione e la gestione integrata del patrimonio culturale Obiettivi: incentivare la nascita di servizi finalizzati alla valorizzazione integrata, a scala territoriale o tematica, del patrimonio culturale regionale. Questi servizi comprendono ambedue le tipologie precedenti.

Azione 2.3.c: Sostegno alle iniziative imprenditoriali nel settore del restauro, della conservazione e della valorizzazione del patrimonio culturale regionale
Obiettivi: sostenere la crescita delle attivit connesse al restauro e alla conservazione del patrimonio culturale (manufatti, mobili, quadri, libri, attrezzi, ) ed alla produzione artigianale di strumenti e oggetti caratteristici della cultura locale (strumenti musicali, oggetti della cultura contadina e pastorale, etc.). Gli interventi vengono realizzati per gruppi omogenei di soggetti e per temi attraverso progetti integrati che prevedono azioni di ricerca, formazione, progettazione e sperimentazione finalizzati a preservare i mestieri tradizionali e il loro impiego nelle attivit di conservazione, restauro e produzione. Sono previsti incentivi per le imprese e i lavoratori autonomi che partecipano positivamente ai progetti integrati per lacquisto di impianti e attrezzature - coerenti con le attivit di restauro e conservazione del patrimonio culturale - e per la produzione di strumenti e oggetti caratteristici della cultura locale.

Beneficiari finali

Per i Progetti strategici: Regione Calabria, Dipartimento Cultura, Istruzione, Beni Culturali, Affari Sociali, Politica della Famiglia; Amministrazioni Provinciali; Ministero per i Beni e le Attivit Culturali; Enti ecclesiastici proprietari del patrimonio culturale; Soggetti selezionati attraverso bando pubblico. Per i Progetti integrati: Partenariati locali responsabili della gestione dei Programmi Integrati; Soggetti selezionati attraverso bando pubblico. Per tutte le Azioni: Enti pubblici proprietari del patrimonio culturale; Enti ecclesiastici proprietari del patrimonio culturale; Organizzazioni coinvolte nelle azioni di valorizzazione del patrimonio culturale (associazioni, imprese, istituzioni, ); Cittadini, turisti ed in generale fruitori del patrimonio culturale.

Soggetti destinatari dellintervento

Procedure amministrative, tecniche e finanziarie per la realizzazione delle azioni e modalit di selezione delle operazioni
Le operazioni previste nella misura sono realizzate nellambito dei Progetti Integrati Strategici (PIS) e dei Progetti Integrati Territoriali (PIT) Per le operazioni della misura che non rientrano in Progetti Integrati Strategici (PIS) o in Progetti Integrati Territoriali (PIT) lAmministrazione regionale provveder a: lindividuazione, attraverso atti amministrativi di programmazione, delle operazioni da realizzare nei progetti integrati, la selezione, attraverso procedure di evidenza pubblica, delle operazioni da realizzare, lattuazione, monitoraggio e controllo delle operazioni. FESR 48.397.000 euro 29.038.000 euro 14.519.000 euro 19.359.000 euro 50% della spesa pubblica 30% della spesa ammissibile
227

Tasso di partecipazione

Fondo Strutturale: Costo Totale della Misura: Totale Risorse Pubbliche della Misura: Risorse Comunitarie (FESR): Contributi Privati: Tasso di Partecipazione Fondo Strutturale:

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Piano finanziario previsionale per annualit (euro)


Anno 2000 Anno 2001 3.153.000 Anno 2002 6.383.000 Anno 2003 6.540.500 Anno 2004 7.598.500 Anno 2005 7.550.000 Anno 2006 6.700.500 Anno 2007 6.955.000 Anno 2008 3.516.500

Indicatori di realizzazione
Tipologia di Progetto Sotto -Tipologia di Progetto Indicatore di Realizzazione Unit di Misura Numero Numero Mq Mq Numero Numero Numero Mq Numero Numero Numero Numero Numero Numero Valore Atteso Indicatore di Realizzazione (Anno 2008) 12 5 6.000 4.000 10 500 500 1.000 6 40 50 15 16 55

Recupero/ conservazione del patrimonio culturale

Allestimento spazi per la fruizione del patrimonio culturale

Investimenti immateriali per la promozione della conoscenza e della fruizione del patrimonio culturale

Iniziative imprenditoriali nel settore del restauro, conservazione e Servizi comuni alle valorizzazione del imprese patrimonio culturale regionale

Restauro ristrutturazione Interventi allestimento museale Interventi Archivi Restauro paesaggistico e Superficie area interessata ambientale Restauro architettonico Superficie area interessata Centri di informazione e Interventi accoglienza Strutture e spazi destinati Capienza (posti) strutture a spettacoli e spazi Strutture e spazi destinati Capienza (posti) strutture a attivit socio-culturale e spazi Altri servizi per i visitatori Superficie strutture/ spazi Azioni promozionali Interventi Realizzione nuovi pacchetti/prodotti Interventi turistici Eventi espositivi/mostre Interventi Manifestazioni Interventi Interventi di catalogazione e di ricognizione del Interventi patrimonio Prodotti multimediali Interventi Altri investimenti (marketing di prodotti, strumenti di Imprese interessate comunicazione, consulenza tecnica, assistenza) Aiuti alle imprese Imprese beneficiarie Interventi attivati Imprese coinvolte

Numero

10

Numero Numero Numero

130 15 45

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

228

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Indicatori di risultato
Note AUMENTO DEI SERVIZI PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE % Patrimonio culturale restaurato e valorizzato % di imprese che operano nel settore della cultura Investimenti privati indotti nelle aziende sovvenzionate (effetto leva) Aumento della produzione artigianale Unit di Misura Numero Numero Numero Euro (e in % su totale investimento) Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Indicatori di impatto
Note VISITATORI % di visite da parte di turisti stranieri Numero di nuove imprese sovvenzionate attive dopo due anni Occupazione lorda/netta creata o mantenuta dopo due anni (numero assoluto e % dei posti di lavoro totali) Valore aggiunto generato dagli interventi Unit di Valore Valore Misura Anno 2000 Anno 2006 Numero/anno Numero Numero Numero assoluto e % dei posti di lavoro totali Euro

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

229

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Misura 3.10 - Adeguamento delle competenze della pubblica amministrazione


(Asse III - Risorse umane; Settore: Lavoro e risorse umane; Fondo: FSE)

Amministrazione responsabile

Regione Calabria, Dipartimento Formazione Professionale e Politiche del Lavoro Obiettivi: sviluppare politiche di valorizzazione del capitale umano delle organizzazioni pubbliche e dei soggetti del partenariato a livello regionale, con interventi di formazione, tutoraggio, assistenza tecnica, ecc. finalizzati al miglioramento dei processi di programmazione, progettazione e gestione dei servizi pubblici e di quelli inerenti la programmazione comunitaria, alladeguamento delle competenze in materia di politiche del lavoro e della formazione, allattuazione dei processi connessi con il decentramento amministrativo.

Descrizione e finalit della misura

Articolazione della misura


La misura articolata in tre azioni: Azione 3.10.a: Formazione, Azione 3.10.b: Dispositivi e strumenti a supporto della qualificazione del sistema di governo, Azione 3.10.c: Servizi, Azione 3.10.c: Sensibilizzazione, informazione e pubblicit.

Tipologia di interventi

Progettazione e realizzazione di specifici piani di formazione e sviluppo organizzativo per i seguenti ambiti di intervento: utilizzazione degli strumenti della societ dellinformazione e acquisizione degli elementi di base della lingua inglese; realizzazione e gestione di programmi strategici (es. Programma Operativo Regionale, Accordi di Programma, Programmi di Iniziativa Comunitaria, etc.); creazione di reti di cooperazione tra Enti per la realizzazione di servizi comuni (es. sportelli unici per le imprese, gestione integrata di servizi pubblici, etc.); acquisizione di competenze chiave per il personale della Pubblica Amministrazione (metodologie di programmazione e progettazione, tecniche di gestione di progetti, strumenti di controllo di gestione e di finanza di progetto, tecniche di monitoraggio e valutazione dei programmi, metodologie e strumenti per la valutazione di impatto ambientale, tecniche di comunicazione e moderazione, sviluppo della qualit dei servizi pubblici, promozione di azioni di cooperazione transnazionale, etc.).

Tipologia delle operazioni

Azione 3.10.a: Formazione


Tipologie di interventi previste Programmi di formazione per funzionari e operatori pubblici

Azione 3.10.b - Dispositivi e strumenti a supporto della qualificazione del sistema di governo
Tipologie di interventi previsti Attivit di studio e analisi di carattere economico e sociale Obiettivi: gli interventi previsti sono finalizzati alla realizzazione di studi, indagini e analisi preliminari alla definizione degli interventi previsti nellambito di tutta misura. Orientamento, consulenza e formazione Obiettivi: Questa tipologia di interventi finalizzata al rafforzamento delle competenze degli operatori delle Parti Sociali coinvolte nella concertazione.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

230

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Monitoraggio e valutazione Obiettivi: Gli interventi sono finalizzati alla progettazione e messa a punto di un adeguato sistema statistico delle azioni di formazione nella Pubblica Amministrazione ed alla valutazione dellimpatto della misura utilizzando detto sistema. Creazione e sviluppo di reti/partenariati Obiettivi: la finalit degli interventi quella di favorire la costruzione di reti e partenariati che ha una valenza strategica fondamentale. Lo scambio di esperienze e la sperimentazione di nuovi percorsi, metodologie e strumenti di formazione richiedono un lavoro di rete tra i Soggetti che operano in ambito regionale, e tra questi e quelli che operano nelle altre regioni. Nellambito di questa linea di intervento, anche con il coordinamento del Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, saranno avviati specifici progetti di cooperazione interregionale sui temi pi innovativi della formazione per la P.A.

Azione 3.10.c: Servizi


Tipologie di interventi previste Si tratta di interventi rivolti alle persone, alle imprese ed agli enti pubblici, quali, per esempio: interventi destinati a soggetti non completamente autonomi in modo da garantire a tali soggetti la fruizione dei servizi formativi offerti(predisposizione di ausili informatici ed elettronici, pubblicazione in braille dei materiali didattici nelle iniziative formative che coinvolgono soggetti non vedenti, utilizzo di metodologie didattiche mirate alle specifiche esigenze dei soggetti disabili, ); interventi di diagnosi organizzativa e di progettazione delle funzioni e dei ruoli finalizzata alla elaborazione dei piani di formazione e di sviluppo organizzativo degli Enti pubblici; interventi per la diffusione, il trasferimento delle conoscenze ed il consolidamento delle capacit necessarie per sviluppare negli Enti Locali la propensione alla cooperazione; interventi finalizzati alla creazione di figure professionali in grado di individuare i bisogni formativi della propria organizzazione, in riferimento anche alla capacit di agire in forma associata nella gestione dei servizi, e di realizzare i relativi progetti sfruttando tutte le opportunit offerte dai Fondi Strutturali.

Azione 3.10.c: Sensibilizzazione, informazione e pubblicit


Tipologie di interventi previste Gli interventi sono finalizzati a promuovere e a far conoscere il sistema di formazione per la P.A. nella regione.

Beneficiari finali

Regione Calabria; Amministrazioni Provinciali; Enti Pubblici; Centri Regionali di Formazione Professionale ed Organismi di formazione (solo se accreditati a partire dal 30.06.2003); Enti Bilaterali, Associazioni dei datori di lavoro, Associazioni di categoria economica, Organizzazioni sindacali di rappresentanza dei lavoratori; Associazioni del volontariato sociale; Imprese pubbliche.

Soggetti destinatari dellintervento

Funzionari e operatori della Pubblica Amministrazione; Parti Sociali; Amministratori pubblici.

Procedure amministrative, tecniche e finanziarie per la realizzazione delle azioni e modalit di selezione delle operazioni
I progetti da realizzare, classificati per le specifiche tipologie, verranno individuati nellambito della programmazione annuale e/o biennale elaborata dallAmministrazione Regionale e concertata con le Amministrazioni Provinciali, con le Parti Sociali e le Autonomie Locali. La selezione dei progetti verr realizzata attraverso bandi con procedura di evidenza pubblica per lassegnazione dei finanziamenti ai soggetti attuatori.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

231

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Tassi di partecipazione

Fondo Strutturale: Costo Totale della Misura: Totale Risorse Pubbliche della Misura: Risorse Comunitarie (FSE): Contributi Privati: Tasso di Partecipazione Fondo Strutturale:

FSE 12.117.000 euro 11.540.000 euro 8.078.000 euro 77.000 euro 70% della spesa pubblica 66,7% della spesa ammissibile

Piano finanziario previsionale per annualit (euro)


Anno 2000 Anno 2001 789.500 Anno 2002 1.598.500 Anno 2003 1.638.000 Anno 2004 1.902.500 Anno 2005 1.890.500 Anno 2006 1.678.000 Anno 2007 1.741.500 Anno 2008 880.500

Indicatori di realizzazione, di risultato e di impatto

Il sistema degli indicatori della misura strutturato secondo le indicazioni comunitarie, recepite tecnicamente dallISFOL a livello nazionale.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

232

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Misura 3.16 - Sistema regionale per la ricerca e linnovazione


(Asse III - Risorse umane; Settore: Ricerca e innovazione; Fondo: FESR) Regione Calabria, Dipartimento Cultura, Istruzione, Beni Culturali, Affari Sociali, Politica della famiglia Obiettivi: la misura si pone come obiettivi: linserimento della comunit scientifica in reti di cooperazione internazionale, lorganizzazione e la messa in rete del sistema di ricerca e di sviluppo regionale e lelaborazione di programmi di ricerca comuni e in partenariato con Centri di Eccellenza nazionali ed internazionali, la valorizzazione dei risultati della ricerca di eccellenza realizzata in Calabria allinterno della Comunit scientifica internazionale attraverso azioni di diffusione (partecipazione a convegni, mostre, ) e progetti di cooperazione scientifica e tecnologica. lapplicazione industriale dei risultati della ricerca di eccellenza sviluppata nelle Universit e nei centri di ricerca calabresi attraverso la promozione ed il sostegno di progetti di cooperazione industriale per la realizzazione di prototipi e prodotti. linternazionalizzazione delle imprese pi innovative della regione attraverso azioni di cooperazione transnazionale con le imprese europee che partecipano ai progetti dei Piani Regionali per linnovazione della Rete RIS/RITTS. (Regional Innovation Strategies).

Amministrazione responsabile

Descrizione e finalit della misura

Articolazione della misura


La misura si articola in quattro azioni: Azione 3.16.a: Potenziamento e valorizzazione del sistema regionale della R&STI Azione 3.16.b: Strutture dedicate al trasferimento tecnologico a favore di specializzazioni produttive locali Azione 3.16.c: Servizi per lanalisi della domanda di innovazione delle imprese regionali Azione 3.16.d: Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese regionali

Tipologie di interventi
Sono finalizzati a: per quanto riguarda il sistema di offerta, rafforzamento e valorizzazione dei centri e dei laboratori di ricerca regionali, incoraggiandone la specializzazione, la messa in rete e una maggiore attenzione ai fabbisogni di R&STI del sistema produttivo calabrese; per quanto concerne la domanda, sostegno allemersione e alla messa in rete dei fabbisogni innovativi delle imprese; specifici interventi finalizzati ad ispessire e rendere stabili le relazioni tra domanda e offerta quali: azioni di sistema (costituzione della Consulta Regionale per la Ricerca) per lelaborazione e laggiornamento costante della strategia regionale per la ricerca e linnovazione; creazione di laboratori tecnologici e di liaison office (uffici di raccordo tra universit, centri di ricerca e imprese); supporto alla realizzazione di progetti di R&STI delle imprese, in collaborazione con i laboratori e centri di ricerca specializzati.

Nellambito della presente misura gli interventi di R&STI sono finanziati secondo una procedura a sportello a seguito di uno specifico processo di valutazione. La misura consente il finanziamento sia delle sole attivit di ricerca e sviluppo realizzate dalle imprese che delle attivit di ricerca inserite allinterno di piani di sviluppo strategici delle aziende che vengono realizzati attraverso i Pacchetti Integrati dAgevolazione (PIA). Gli interventi finanziabili sono: studi di fattibilit, ricerca industriale, ricerca pre-competitiva, progetti dimostrativi.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Modalit dattuazione

233

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Tipologia delle operazioni

Azione 3.16.a: Potenziamento e valorizzazione del sistema regionale della R&STI


Tipologie di interventi previste Programma strategico per il potenziamento e la realizzazione degli investimenti in R&S nella regione Obiettivi: lazione finalizzata a risolvere il problema della mancanza di coordinamento e programmazione delle politiche di R&STI in Calabria attraverso listituzione della Consulta Regionale per la Ricerca Scientifica e Tecnologica. La consulta avr il compito di predisporre la strategia regionale per il potenziamento del sistema della R&STI per razionalizzare lutilizzo delle risorse finanziarie disponibili a livello comunitario, nazionale e regionale. Ricerca e sviluppo nei settori strategici per la Calabria Obiettivi: lazione mira a promuovere e sostenere lo sviluppo e la competitivit del sistema regionale attraverso lacquisizione di nuove conoscenze e il trasferimento delle stesse nei contesti applicativi. I settori prioritari sono la valorizzazione dei beni culturali, la tutela e la valorizzazione ambientale, lagroindustria e le reti di trasporto. Gli interventi dovranno essere realizzati in cooperazione tra centri di ricerca e tra questi e i soggetti che esprimono la domanda di innovazione. Gli interventi dovranno raccordarsi con le attivit previste dalla misura 1.3 Ricerca e sviluppo nei settori strategici del Mezzogiorno del PON Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione secondo le modalit previste nel Protocollo dintesa tra il MIUR e le regioni dellobiettivo 1. Valorizzazione della ricerca di eccellenza realizzata in Calabria Obiettivi: quello di promuovere, a livello internazionale, le attivit di ricerca realizzate in Calabria, al fine di: favorire lapplicazione industriale dei risultati della ricerca di eccellenza sviluppata in Calabria; sostenere la concreta realizzazione di accordi di cooperazione transnazionali tra i centri e i laboratori regionali con laboratori di eccellenza internazionali ed imprese leader attraverso la realizzazione di progetti di cooperazione industriale; attrarre investimenti imprenditoriali ad alto contenuto tecnologico che valorizzino i risultati di ricerca prodotti e le competenze presenti nei laboratori e nei centri regionali.

Tipologie di interventi previste:


azioni di diffusione, promozione e marketing dei risultati della ricerca di eccellenza prodotta in Calabria e delle competenze presenti nei laboratori e nei centri regionali; sviluppo di progetti di cooperazione scientifica, tecnologica e industriale strategici per la regione e per il suo sistema scientifico e produttivo.

Azione 3.16.b: Strutture dedicate al trasferimento tecnologico a favore di specializzazioni produttive locali
Tipologie di interventi previste Rete regionale per linnovazione Obiettivi: lazione tende a potenziare e qualificare lofferta regionale di servizi per linnovazione alle imprese attraverso lintegrazione e la specializzazione delle funzioni e dei servizi degli attori del sistema. La strategia che si vuole adottare quella di forzare alla cooperazion i centri di offerta regionali attraverso un processo continuo di concertazione e sperimentazione sul campo degli effetti positivi del cooperare per competer. Rafforzamento dei laboratori tecnologici regionali collegati a centri di competenza delle universit e dei centri di ricerca Obiettivi: la valorizzazione del patrimonio di conoscenze, esperienze e attrezzature di ricerca presenti allinterno delle universit e dei centri di ricerca, attraverso la creazione di laboratori tecnologici e liaison office (uffici di raccordo tra universit, centri di ricerca e industria) al fine di di favorire limmediato trasferimento dei risultati di ricerca alle imprese e agli enti locali con il massimo dellefficacia e dellefficienza, anche tramite la formazione e la qualificazione di nuove figure professionali per il marketing dellinnovazione da utilizzare allinterno dei laboratori tecnologici. Interfaccia unica per le imprese per laccesso ai servizi ed ai prodotti dei centri di offerta (One-stop-shop)
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

234

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Obiettivi: fornire alle imprese un servizio integrato e di semplice utilizzazione per una prima individuazione dei prodotti/servizi dei centri di offerta di loro interesse. Si tratta di qualificare e valorizzare i prodotti/servizi dei centri di offerta attraverso una maggiore integrazione e specializzazione ed evitando nel contempo duplicazioni, che creano spreco di risorse pubbliche e disorientamento negli utenti.

Azione 3.16.c - Servizi per lanalisi della domanda di innovazione delle imprese regionali
Tipologie di interventi previste Azioni sperimentali per lindividuazione dei fabbisogni di innovazione delle singole imprese (audit aziendali) e per la messa in rete della domanda dinnovazione per le filiere produttivi regionali Obiettivi: il sostegno alle imprese nellindividuazione dei fabbisogni di R&STI e innovazione attraverso la realizzazione di specifici audit aziendali e lelaborazione di specifici piani dintervento finalizzati ad accrescerne la competitivit. Sistema regionale di benchmarking per le imprese dei settori agroindustriale, manifatturiero e turistico Obiettivi: la realizzazione di un sistema di benchmarking in grado di fornire agli imprenditori un insieme di strumenti e servizi per lautodiagnosi della propria impresa attraverso il confronto omogeneo con aziende che operano nello stesso comparto in aree diverse. Il sistema, che sar sviluppato e integrato con sistemi analoghi realizzati a livello nazionale e internazionale, fornir alle imprese, alle associazioni imprenditoriali, ai centri di offerta ed alle istituzioni regionali preposte al governo delle politiche per linnovazione, uno strumento strategico di informazione, orientamento e valutazione Osservatori della domanda e dellofferta di innovazione nei settori agroindustriale, manifatturiero e turistico Obiettivi: la realizzazione di Osservatori regionali, per il monitoraggio della domanda e dellofferta dinnovazione nei settori economici di maggiore rilevanza. Gli Osservatori costituiranno uno strumento di supporto alle decisioni degli Enti preposti alla definizione delle politiche per linnovazione nella regione, creando le condizioni conoscitive per mettere a sistema la domanda e lofferta di innovazione e le occasioni sistematiche di confronto per lindividuazione di azioni e progetti di interesse comune.

Azione 3.16.d - Ricerca e sviluppo tecnologico nelle imprese regionali


Tipologie di interventi previste Azioni di R&STI cooperativa per le imprese Obiettivi: Le azioni permetteranno alle imprese di sviluppare in proprio, o in cooperazione con altre imprese e centri di ricerca, progetti di R&S cooperativa finalizzati allinnovazione dei prodotti e dei processi di produzione. Lazione correlata con la Misura 1.1 Ricerca e sviluppo tecnologico nellindustria - del PON Ricerca Scientifica, Sviluppo Tecnologico, Alta Formazione. previsto, in particolare, che i progetti economicamente pi significativi siano finanziati nellambito del PON. Laboratori di innovazione tecnologica e organizzativa nelle imprese Obiettivi: la creazione di laboratori dimostrativi dati dallaggregazione di progetti di R&STI cooperativa esemplari e di interesse comune sviluppati dalle singole. Per ogni laboratorio dimostrativo costituito verr elaborato e realizzato uno specifico programma di valorizzazione e diffusione dei risultati. Lindividuazione delle imprese per i laboratori dimostrativi sar orientata a favorire la costituzione di cluster di imprese con interessi e problematiche comuni che alla fine del processo potranno stabilire rapporti di partenariato stabili (anche attraverso la costituzione di consorzi) sia tra di loro che con i centri di offerta impegnati nei progetti. Patti per linnovazione per le filiere produttive regionali Obiettivi: I patti per linnovazione saranno finalizzati a sostenere i processi di innovazione in alcune filiere strategiche regionali sulla base dei fabbisogni individuati. Le azioni prioritarie che saranno sostenute nellambito dei patti sono la creazione di reti tra imprese, lesternalizzazione di servizi comuni, la specializzazione produttiva, la cooperazione per il mercato, la ricerca cooperativa, la cooperazione interregionale, la creazione di nuove imprese innovative. Cooperazione transnazionale tra le imprese coinvolte nei Piani Regionali per lInnovazione della rete RISRITTS Obiettivi: favorire linternazionalizzazione delle imprese pi innovative della regione attraverso azioni di cooperazione transnazionale con le imprese europee che partecipano ai progetti dei Piani Regionali per lInnovazione della Rete RIS/RITTS.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

235

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Beneficiari finali

Per tutte le Azioni: Regione Calabria, Dipartimento Cultura, Istruzione, Beni Culturali, Affari Sociali, Politica della famiglia

Soggetti destinatari dellintervento


Azione 3.16.a: Istituzioni, Organismi Pubblici, Universit, Centri di R&STI, Associazioni Imprenditoriali; Universit, Centri di R&STI; Azione 3.16.b: Istituzioni, Organismi Pubblici,Universit, Centri di R&STI e Agenzie di Sviluppo e Innovazione; Universit, Centri di R&STI; Istituzioni, Organismi Pubblici, Imprese, Consorzi dimprese e partenariati tra imprese; Azione 3.16.c: Imprese, Consorzi dimprese e partenariati tra imprese; Associazioni Imprenditoriali, Istituzioni, Organismi Pubblici,Universit, Centri di R&STI e Agenzie di Sviluppo e Innovazione; Agenzie di Sviluppo e Innovazione, Associazioni Imprenditoriali, Istituzioni locali. FESR 45.126.000 euro 39.490.000 euro 9.745.000 euro 5.636.000 euro 50% della spesa pubblica 43,8 della spesa ammissibile

Tassi di partecipazione

Fondo Strutturale: Costo Totale della Misura: Totale Risorse Pubbliche della Misura: Risorse Comunitarie (FESR): 1 Contributi Privati: Tasso di Partecipazione Fondo Strutturale:

Piano finanziario previsionale per annualit (euro)


Anno 2000 Anno 2001 2.940.500 Anno 2002 5.952.500 Anno 2003 6.099.500 Anno 2004 7.084.500 Anno 2005 7.039.000 Anno 2006 6.248.500 Anno 2007 6.484.000 Anno 2008 3.277.500

Indicatori di realizzazione
Note Interventi (per sottotipologia) Universit/Centri di ricerca coinvolti Progetti di R&S comuni finanziati Laboratori tecnologici e liaison office realizzati Imprese beneficiarie Unit Misura Numero Numero Numero Numero Numero di Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

236

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Indicatori di risultato
Note Centri aderenti alla rete Servizi offerti dalla rete % di imprese che utilizzano i servizi della rete % di progetti giunti a buon fine Crescita degli investimenti per R&STI da parte di aziende coinvolti in progetti comuni Imprese che si rivolgono ai laboratori tecnologici Imprese regionali coinvolti nei progetti di ricerca Investimenti privati indotti sovvenzionate (effetto leva) nelle aziende Unit Misura Numero Numero Numero Numero Euro Numero Numero Euro (e in % su totale investimento) Numero di Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Laboratori e centri regionali interessati dai programmi per la realizzazione di reti/rapporti di cooperazione internazionali

Indicatori di impatto
Note % delle imprese soddisfatte dei servizi offerti dalla rete Commesse di ricerca derivanti dallesterno Utilizzo dei risultati della ricerca realizzata in Calabria da parte di soggetti esterni Numero dimprese avviate nei settori avanzati Numero dimprese esterne insediatesi in Calabria operanti nei settori avanzati % di imprese che dichiarano di avere risolto problemi (migliorato la propria performance) dopo essersi rivolti ai laboratori Incremento % della spesa per attivit di R&S nella regione (spese in R&S su PIL) Valore aggiunto derivante dai progetti di ricerca assistiti Numero di imprese regionali che dichiarano di avere avuto un ritorno positivo dal progetto di ricerca (entro 18 mesi dalla fine del progetto) Innovazioni di prodotto o processo realizzate dalle imprese beneficiarie Numero di nuovi prodotti/servizi commercializzati da parte delle aziende sovvenzionate Numero di brevetti ricavati dallattivit di ricerca sovvenzionata Numero di accordi di collaborazione tra istituti di ricerca e imprese sovvenzionate (dopo un anno) Occupazione lorda/netta creata o mantenuta dopo due anni Unit Misura Numero Numero Numero Numero Numero Numero Euro Euro Numero Numero Numero Numero Numero Numero assoluto e % dei posti di lavoro totali di Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

237

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Misura 4.1 - Crescita e competitivit delle imprese industriali, artigiane, del commercio e dei servizi
(Asse IV - Sistemi locali di sviluppo; Settore: Sviluppo imprenditoriale locale; Fondo: FESR) Regione Calabria, Dipartimento Industria, Commercio e Artigianato.

Amministrazione responsabile

Descrizione e finalit della misura

Obiettivi: rafforzare il tessuto produttivo regionale, attraverso interventi mirati alla crescita ed alla competitivit delle imprese esistenti, al sostegno alla nascita di nuove imprese, alla riqualificazione del sistema dei servizi reali e dei mercati finanziari, alla modernizzazione del settore commerciale.

Articolazione della misura


La misura si articola in cinque azioni: Azione 4.1.a: Potenziamento e sviluppo della competitivit delle piccole e medie imprese industriali, artigiane e dei servizi, Azione 4.1.b: Pacchetti Integrati di Agevolazioni (PIA) per la creazione e lo sviluppo delle PMI industriali, artigiane e dei servizi, Azione 4.1.c: Commercio, Azione 4.1.d: Servizi alle imprese, Azione 4.1.e: Servizi di ingegneria finanziaria alle imprese.

In attuazione a quanto previsto nel POR, almeno il 25% delle risorse previste dalla misura dovranno essere finalizzate, attraverso bandi dedicati e/o graduatorie separate, al sostegno dellartigianato locale e, in particolare, ad azioni, integrate con altre misure del POR, finalizzate alla: valorizzazione delle produzioni locali, in connessione con gli interventi in campo turistico, ambientale e culturale; formazione mirata allo sviluppo di professionalit funzionali alle esigenze del settore, anche attraverso lutilizzo dello strumento dellapprendistato e la valorizzazione di percorsi in alternanza scuola/bottega (in collegamento con le Misure dellAsse III); costituzione di forme di aggregazione tra imprese (per esempio consorzi di ricerca, di marchio, di commercializzazione con progetti di investimento a ricaduta su tutti i consorziati); emersione dal sommerso (anche in collegamento con la Misura 3.12).

Tipologia delle operazioni

Azione 4.1.a: Potenziamento e sviluppo della competitivit delle piccole e medie imprese industriali, artigiane e dei servizi
Obiettivi: supportare lo sviluppo e la crescita delle piccole e medie imprese industriali, artigiane e di servizio regionali sostenendo, con specifici regimi di aiuto, progetti aziendali finalizzati allaumento della competitivit, alla riqualificazione dei processi produttivi, al miglioramento della compatibilit ambientale delle attivit produttive. Gli interventi attivabili allinterno dellazione possono essere ricondotti a due tipologie di interventi descritte di seguito. Tipologie di interventi previste Miglioramento della competitivit delle imprese industriali, artigiane e dei servizi con particolare riferimento allinnovazione di prodotto e di processo (L. 1329/65; L. 598/94; L. 266/97; 949/52, art. 37) Obiettivi: sostegno agli investimenti aziendali finalizzati allintroduzione di innovazione nei processi produttivi, nei sistemi di qualit aziendali e nei sistemi di organizzazione e gestione alfine di favorire laumento della capacit produttiva e il miglioramento della competitivit delle imprese, agevolando lacquisto di macchinari, impianti e attrezzature e lacquisizione di servizi reali connessi allo sviluppo imprenditoriale determinato dagli investimenti promossi (formazione del personale, licenze, acquisizione di brevetti e software, ecc.).
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

238

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Miglioramento ambientale delle condizioni produttive (L. 598/94) Obiettivi: sostegno ad investimenti aziendali finalizzati al miglioramento della compatibilit ambientale delle attivit produttive sia sotto il profilo dellefficienza ambientale dei processi (minimizzazione dei rifiuti e della loro pericolosit, riduzione delle emissioni inquinanti, trattamento e recupero dei rifiuti), che sotto il profilo dellimplementazione di sistemi di gestione ambientale, promuovendo ladeguamento delle imprese alla domanda di certificazione e qualit ambientale crescente sui mercati esteri (EMAS e Ecolabel). Inoltre saranno finanziati prioritariamente interventi finalizzati alla delocalizzazione di attivit industriali a rischio dal punto di vista dellimpatto ambientale.

Azione 4.1.b: Pacchetti Integrati di Agevolazioni (PIA) per la creazione e lo sviluppo delle PMI industriali, artigiane e dei servizi
Tipologie di interventi previste Obiettivi: lazione prevede lutilizzazione di un efficiente sistema integrato di aiuti pubblici per la creazione e lo sviluppo delle imprese della regione denominato PIA Pacchetto Integrato di Agevolazioni. Attraverso tale strumento una impresa, o una rete di imprese formalmente costituita (consorzio, societ consortile, .) pu avanzare una singola richiesta per un piano aziendale pluriennale di sviluppo per ottenere contestualmente agevolazioni per differenti tipologie di interventi, quali lacquisto di terreni, la costruzione di stabilimenti, lacquisto di impianti e attrezzature, lacquisto o la produzione interna di servizi e beni immateriali (R&S, servizi finanziari, di consulenza e di marketing, miglioramento della qualit, internazionalizzazione), la formazione del personale, la riduzione del costo del lavoro per nuovi occupati. Lazione si rivolge sia alle imprese esistenti che alle nuove iniziative imprenditoriali con priorit agli interventi realizzati in settori innovativi (new economy, tecnologie ambientali, etc.), finalizzati alla valorizzazione di produzioni di nicchia e miranti al completamento delle filiere produttive. Si intende, inoltre, stimolare la nascita di imprese nei settori hi-tech con priorit a quelle generate attraverso spin-off da industrie di alta tecnologia o da centri di ricerca pubblici e privati. Lazione - per stimolare la nascita e sostenere lo sviluppo di nuove imprese costituite in prevalenza da giovani disoccupati, da donne o da soggetti svantaggiati - prevede in connessione con quanto previsto dalla Misura 3.11 Sviluppo e consolidamento dellimprenditorialit con priorit ai nuovi bacini occupazionali: la realizzazione di azioni di sensibilizzazione per la promozione della cultura dimpresa e la diffusione del lavoro autonomo; attivit di accompagnamento e tutoraggio per la progettazione e la preparazione del piano di impresa; servizi di accompagnamento allo start up. Inoltre, per queste tipologie di imprese previsto il finanziamento parziale anche delle spese di funzionamento per i primi anni di attivit nel rispetto dei limiti e delle tipologie indicate nel Regime di Aiuti a finalit regionale per le PMI. Accanto alle nuove imprese promosse a livello regionale lazione supporta la creazione di nuove iniziative imprenditoriali sul territorio regionale promosse da imprese esterne che si caratterizzino per avere alte potenzialit di sviluppo, operare in segmenti produttivi strategici, e per la capacit di attivare sostanziali relazioni di partenariato e cooperazione produttiva con le imprese locali. Lazione, allo scopo di favorire un impiego delle risorse pienamente funzionale alle strategie di sviluppo dei sistemi locali individuati sul territorio regionale, prevede che, per quanto attiene i PIA, la selezione delle proposte avvenga, in linea generale, sulla base di bandi di gara realizzati a livello regionale, indicando le priorit e i criteri di selezione per aree territoriali. Si sottolinea, infine, che potranno essere previsti dei PIA semplificati per particolari tipologie di imprese Azione 4.1.c: Commercio Tipologie di interventi previste Obiettivi: lazione supporta, in coerenza con le indicazioni del QCS Obiettivo 1, la riqualificazione del sistema distributivo regionale attraverso interventi integrati volti a:
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

239

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

favorire e incentivare iniziative ed attivit che stimolino lintroduzione di sistemi innovativi nelle reti di vendita e distribuzione, ed in particolare e-commerce e e-business, da un lato, e il sistema logistico, dallaltro; incentivare e realizzare forme innovative di distribuzione nelle aree svantaggiate (aree rurali), dove risulta pi difficile il reperimento di alcune tipologie di beni.

Gli interventi attivabili allinterno dellazione possono essere ricondotti alle seguenti tipologie: Logistica e servizi comuni: in tale ambito le iniziative finanziabili riguardano: i) la realizzazione di sistemi logistici e di strutture ed attrezzature per lapprovvigionamento e la distribuzione fisica delle merci e per la gestione dei servizi connessi; ii) la realizzazione di reti telematiche che consentano laccesso a servizi innovativi, a servizi di assistenza e ad altre informazioni offerte da imprese appartenenti alla stessa filiera produzione-distribuzione o a settori economici collegati; Valorizzazione dellofferta commerciale. i progetti finanziabili debbono riguardare: i) la realizzazione e lo sviluppo di reti integrate per la distribuzione di prodotti e servizi attraverso accordi di cooperazione tra imprese, o attraverso forme di affiliazione o franchising, con particolare riguardo alla commercializzazione e valorizzazione di produzioni locali e alla realizzazione di logo e marchi commerciali; ii) realizzazione e promozione di sistemi associativi fra imprese che impegnino gli associati a garantire standards omogenei di qualit del prodotto, leventuale creazione di organismi di controllo e la certificazione della qualit con un apposito marchio o logo; Riqualificazione delle attivit commerciali nei contesti rurali e montani. In tale ambito risultano finanziabili progetti strategici che mirino: i) alla riqualificazione e rivitalizzazione del sistema distributivo nei contesti rurali e montani, ivi compresi interventi per i mercati e centri commerciali naturali; ii) a garantire lofferta commerciale in aree rurali e montane scarsamente popolate.

Azione 4.1.d: Servizi alle imprese


Tipologie di interventi previste Obiettivi: lazione sostiene la domanda di servizi delle PMI regionali. Le tipologie di servizi che, sulla base delle analisi effettuate negli ultimi anni, risultano prioritarie per le imprese sono le seguenti: servizi per linnovazione; servizi per la certificazione di qualit; servizi per certificazione ambientale (sistemi di gestione ambientale, procedure di certificazione e audit ambientale (EMAS), etichettatura ecologica (Ecolabel); servizi per la promozione, linternazionalizzazione e la penetrazione organizzata su nuovi mercati.

Azione 4.1.e: Servizi di ingegneria finanziaria alle imprese


Tipologie di interventi previste Obiettivi: lazione prevede interventi volti a rafforzare il sistema, il ruolo, i margini di azione e lefficacia dei meccanismi di erogazione di garanzie collettive che sono molto utilizzate dalle imprese calabresi. In parallelo saranno sostenuti interventi diretti a qualificare e rafforzare la struttura finanziaria delle PMI attraverso prestiti partecipativi e fondi di capitale di rischio per la realizzazione degli investimenti pi innovativi. Lazione punta complessivamente a sostenere la diversificazione della domanda di strumenti finanziari delle imprese, riducendo il peso dellautofinanziamento. Gli interventi previsti allinterno dellazione, che a titolarit regionale, possono essere ricondotti alle seguenti tipologie: Capitalizzazione delle PMI; Fondi di garanzia; Servizi reali per favorire ingegneria finanziaria.

Beneficiari finali

Per tutte le Azioni: Regione Calabria, Dipartimento Industria, Commercio e Artigianato.


Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

240

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Per le specifiche Azioni: Mediocredito Centrale, Artigiancassa e/o altri Soggetti convenzionati (Azione 4.1.a); Amministrazioni centrali in regime di convenzione con lAmministrazione Regionale (Azione 4.1.b); Partenariati locali responsabili della gestione dei Programmi Integrati (Azione 4.1.b); Soggetti selezionati attraverso procedura di evidenza pubblica dallOrganismo Responsabile (Azione 4.1.b, Azione 4.1.c; Azione 4.1.d, Azione 4.1.e).

Soggetti destinatari dellintervento

Per tutte le Azioni: PMI industriali e artigiane secondo la definizione prevista dalla vigente normativa comunitaria, appartenenti alle sezioni C, D, E e F ISTAT 91 con le limitazioni e le esclusioni previste dalla normativa comunitaria vigente; PMI di servizio, costituite sotto forma di societ regolari, operanti nei settori di cui alle divisioni K72, K73, K74 e O90 della classificazione delle attivit economiche ISTAT 91, con le limitazioni e le esclusioni previste dalla normativa comunitaria vigente. Per le specifiche Azioni: Societ consortili, Cooperative, Consorzi di cooperative, Centri operativi delle unioni volontarie, Gruppi di acquisto a condizione che siano costituiti a maggioranza numerica da PMI secondo la definizione prevista dalla vigente normativa comunitaria che esercitano attivit commerciale allingrosso ed al dettaglio, ivi comprese le societ cooperative di consumo. Tra gli altri associati possono essere ricompresi imprese appartenenti agli stessi o ad altri settori economici collegati, Enti pubblici e Associazioni di categoria, anche attraverso societ o organismi da loro controllati (Azione 4.1.c).

Procedure amministrative, tecniche e finanziarie per la realizzazione delle azioni e modalit di selezione e acquisizione delle operazioni
Lazione sar realizzata, in via generale, attraverso una convenzione tra Regione Calabria e Mediocredito Centrale, soggetto gestore delle leggi 1329/65, 598/94, 266/97. Il Mediocredito Centrale potr stipulare convenzioni con le banche regionali in modo da garantire una maggiore diffusione delle informazioni sugli strumenti agevolativi e una pi attiva partecipazione del sistema bancario regionale ai programmi di investimento delle imprese. Per la gestione delle agevolazioni di cui allart. 37 della legge 949/52 e successive modifiche ed integrazioni, la Regione Calabria ha stipulato in data 28/06/2000 una apposita convenzione con la Cassa per il Credito alle Imprese Artigiane S.p.a (Artigiancassa S.p.a). Lazione attivata secondo la procedura valutativa a sportello. Le procedure per lacquisizione dei progetti sono quelle previste rispettivamente dalla legge 1329/65 e successive modifiche ed integrazioni, dalla legge 598/94 e successive modifiche ed integrazioni e dalla legge 266/97 e successive modifiche ed integrazioni, dalla legge 949/52, art. 37 e successive modifiche ed integrazioni. LAmministrazione regionale fisser entro il 31 dicembre di ciascuna annualit del ciclo di programmazione, a partire dallanno 2000, le risorse da assegnare a questa azione anche sulla base dei risultati conseguiti nelle annualit precedenti.

Azione 4.1.a

Azione 4.1.b

Le operazioni previste nellazione sono realizzate prioritariamente nellambito dei Progetti Integrati Strategici (PIS) e dei Progetti Integrati Territoriali (PIT). Per le operazioni dellazione che non rientrano nei PIS e nei PIT la Regione, che potr comunque avvalersi per lattuazione dellazione di un Soggetto esterno selezionato attraverso procedura di evidenza pubblica ai sensi della normativa vigente, proceder attraverso uno o pi bandi di gara.

Azione 4.1.c

Le modalit di selezione e attuazione delle operazioni previste dalla Azione 4.1.c sono identiche a quelle della Azione 4.1.b per la parte che non viene attuata allinterno dei progetti integrati.

Azione 4.1.

Le modalit di selezione e attuazione delle operazioni previste dalla Azione 4.1.d sono identiche a quelle della Azione 4.1.b per la parte che non viene attuata allinterno dei progetti integrati. Lazione potr essere attivata in tutto o in parte attraverso convenzioni con Soggetti specializzati scelti attraverso procedura di evidenza pubblica ai sensi della normativa vigente.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

241

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Per quanto riguarda gli interventi di capitalizzazione delle PMI e i fondi di garanzia lazione sar attivata attraverso un sistema di convenzioni con Soggetti specializzati scelti secondo una procedura di evidenza pubblica ai sensi della normativa vigente. Lazione attivata secondo la procedura valutativa a sportello.

Azione 4.1.e

Tassi di partecipazione

Fondo Strutturale: Costo Totale della Misura: Totale Risorse Pubbliche della Misura: Risorse Comunitarie (FESR): Contributi Privati: Tasso di Partecipazione Fondo Strutturale:

FESR 343.686.000 euro 210.420.000 euro 105.210.000 euro 133.266.000 euro 50% della spesa pubblica 30,6% della spesa ammissibile Anno 2004 Anno 2005 Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008

Piano finanziario previsionale per annualit (euro)


Anno 2000 Anno 2001 Anno 2002 Anno 2003

22.391.000 45.331.500 46.449.000 53.959.000 53.614.500 47.582.500 49.388.500 24.970.000

Indicatori di realizzazione
Tipologia di Progetto Aiuti alle PMI Indicatori di Sub tipologia Progetto Realizzazione Imprese beneficiarie Imprese beneficiarie Unit di Misura Numero Numero Valore Atteso Indicatore di Realizzazione (Anno 2008) 600 1200

Artigianato PMI Piani Aziendali Progettazione/Marketing Gestione/organizzazione / certificazione Servizi di consulenza alle Start up/ tutoraggio PMI e all'artigianato Internazionalizzazione/ esportazione Innovazione tecnologica Tecnologie dell'informazione Servizi comuni alle PMI e Servizi promozionali all'artigianato Reti di imprese Strumenti finanziari Fondi rotativi innovativi

Imprese beneficiarie

Numero

700

Interventi Interventi Strumenti attivati

Numero Numero Numero

5 3 3

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

242

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Indicatori di risultato
Note Investimenti privati indotti nelle aziende sovvenzionate (effeto leva) % di imprese avviate in settori innovativi % di imprese che soddisfano le norme di certificazione in materia ambientale % di imprese con certificazione di qualit % di imprese che adottano Eco-label Donne titolari di progetti nel settore privato Imprese beneficiarie che hanno avviato lattivit nel settore ambientale Riduzione dei costi energetici delle PMI % di imprese soddisfatte da i servizi Imprese che diventano esportatori Imprese che esportano in nuovi mercati % di imprese con siti per il commercio elettronico Riduzione dei tempi di distribuzione Imprese avviate/potenziate (finanza) Unit di Misura Euro (e in % su totale investimento) Numero Numero Numero Numero Numero Numero Euro Numero Numero Numero Numero Giorni Numero Unit di Misura Euro Numero assoluto e % dei posti di lavoro totali Numero Numero Euro Euro Euro Euro/numero Numero Valore Valore Anno 2000 Anno 2006 Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Indicatori di impatto
Note Aumento del volume daffari delle imprese sovvenzionate (dopo 18 mesi) Occupazione lorda/netta creata o mantenuta dopo due anni (numero assoluto e % dei posti di lavoro totali) % di nuove imprese, create attraverso il programma di supporto, che sono ancora attive (dopo 18, 24 e 36 mesi) Nuovi prodotti o processi introdotti Impatto ambientale delle imprese sovvenzionate Aumento delle vendite di prodotti eco-comatibili Volume di affari delle imprese sovvenzionate nel settore ambientale dopo due anni % degli export sul fatturato delle imprese sovvenzionate dopo 18 mesi % di vendite realizzate tramite e-commerce Tasso di sopravvivenza delle imprese sovvenzionate dopo 18 mesi Rapporto sofferenze/impieghi

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

243

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Misura 4.3 Promozione e fruizione dellofferta turistica


(Asse IV - Sistemi locali di sviluppo; Settore:Turismo; Fondo: FESR) Regione Calabria, Dipartimento Pianificazione del Turismo

Amministrazione Responsabile

Descrizione e finalit della misura

Obiettivi: aumento delle presenze turistiche nella regione attraverso azioni di marketing strategico (posizionamento dellofferta) e di distribuzione del prodotto; aumento della competitivit dellofferta turistica regionale su segmenti di consumo economicamente pi qualificati; miglioramento delle condizioni logistiche di accesso e di fruibilit del territorio.

Articolazione della misura


Sono previste tre azioni: Azione 4.3.a: Promozione dei prodotti turistici regionali, Azione 4.3.b: Commercializzazione dei prodotti turistici regionali, Azione 4.3.c: Fruizione dellofferta turistica regionale.

Tipologie di interventi:

La misura sostiene la promozione e la fruizione dellofferta turistica regionale attraverso un insieme integrato di interventi finalizzati ad accrescere limmagine e la riconoscibilit del prodotto Calabria. Prevede, altres, di potenziare e completare la presenza dei pacchetti di offerta turistici regionali allinterno dei sistemi di commercializzazione nazionali ed internazionali, ridurre i costi e i tempi di viaggio dei turisti dai luoghi di provenienza ai luoghi di soggiorno e visita. Si vuole arrivare, inoltre, alla progettazione e alla realizzazione di un sistema di monitoraggio e valutazione del sistema turistico regionale che dovr supportare la definizione di strategie e piani operativi ai vari livelli territoriali e istituzionali. Il sistema sar basato sullanalisi delle caratteristiche della domanda di pacchetti turistici per specifici target di utenti e sulla misurazione periodica del livello di soddisfazione dei turisti che visitano la Calabria.

Modalit d'attuazione:

Gli interventi previsti dalla misura hanno conseguentemente carattere sistemico e saranno realizzati sulla base della programmazione regionale di settore.

Tipologia delle operazioni

Azione 4.3.a: Promozione dei prodotti turistici regionali


Obiettivi: promozione dellimmagine della Calabria e delle sue risorse, naturali e culturali, sui mercati nazionali e internazionali. Tipologie di interventi previste campagne di comunicazione e promozione che possono utilizzare tutti i media; attivit di comunicazione e di promozione, quali partecipazione e/o allestimento fiere e mostre, allestimento e realizzazione di eventi folcloristici, enogastronomici, dellartigianato, culturali, sportivi, di spettacolo e di intrattenimento, realizzazione materiale promo-pubblicitario, video, pubblicazioni, sponsorizzazioni etc.; servizi di interesse pubblico a supporto dellazione di promozione, in Italia e allestero (relazioni, organizzazione, logistica, informativi, etc.); studi ed indagini e monitoraggio del sistema turistico, servizio di osservatorio del turismo; azioni di promozione di sistemi e reti di offerta turistica (materiale promo-pubblicitario, inserimento in cataloghi , sia tradizionali che in rete, partecipazione a fiere, eventi, etc.); interventi atti a sostenere e promuovere il turismo di ritorno.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

244

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Azione 4.3.b: Commercializzazione dei prodotti turistici regionali


Obiettivi: Lazione prevede interventi per la connessione dellofferta regionale ai grandi sistemi di prenotazione e distribuzione info-telematica e interventi per linserimento e laggiornamento dellofferta turistica regionale nei cataloghi degli operatori specializzati che operano a livello nazionale e internazionale. Si tratta, in questultimo caso, di promuovere e realizzare specifici accordi commerciali di distribuzione anche attraverso lorganizzazione di incontri tra operatori turistici regionali e operatori nazionali e internazionali Tipologie di interventi previste servizi di interesse pubblico per la connessione dellofferta regionale ai sistemi nazionali ed internazionali di commercializzazione e distribuzione, sia di tipo innovativo che tradizionali; marketing specifico per promuovere la commercializzazione dei prodotti turistici regionali.

Azione 4.3.c: Fruizione dellofferta turistica regionale


Obiettivi: ridurre i costi e i tempi di viaggio dei turisti dalle principali localit nazionali e internazionali ai luoghi di soggiorno e visita. Tipologie di interventi previste realizzazione di accordi con i principali vettori, con i gestori aeroportuali e portuali e con i tour operator per programmare servizi di trasporto dei turisti adeguati alla domanda (frequenza, tempi di percorrenza e qualit del servizio) e politiche dei costi adeguate a mantenere competitiva lofferta regionale nel suo complesso; potenziamento e miglioramento dei trasporti tra i principali punti di arrivo dei turisti nella regione (aeroporti, stazioni ferroviarie di snodo, porti) e le localit di soggiorno, anche attraverso lattivazione di forme di trasporto integrate e originali. Le operazioni potranno essere realizzate anche sotto forma di contribuzione al costo di viaggio del turista Per tutte le Azioni: Regione Calabria; Dipartimento Pianificazione del Turismo; Enti ed Organizzazioni strumentali; Enti e soggetti subregionali.

Beneficiari finali

Soggetti destinatari dellintervento

Per tutte le Azioni: Associazioni in qualsiasi forma costituite; Imprese o altri soggetti che svolgono o intendono svolgere attivit di interesse turistico; Enti pubblici e privati; Organizzazioni ed Enti strumentali; Fruitori dellofferta turistica.

Procedure amministrative, tecniche e finanziarie per la realizzazione delle azioni e modalit di selezione delle operazioni
La misura sar attuata sulla base degli studi, delle analisi e delle indagini previsti nellambito dellAzione 4.3.a, che costituiranno il supporto per lelaborazione di programmi di attivit annuali e pluriennali, e quindi per lindividuazione delle operazioni da realizzare. Le procedure di attuazione, in generale, prevedono le seguenti fasi principali: 1. Attivit propedeutiche allattuazione.Realizzazione di appositi studi e ricerche finalizzati a migliorare le conoscenze relative alla misura e alla sua implementazione e per la redazione dei programmi annuali e pluriennali, ricorrendo, se del caso, a strutture specializzate esterne; definizione del progetto di osservatorio del turismo; individuazione degli eventuali soggetti terzi cui affidare in tutto o in parte lattuazione delle azioni e loro convenzionamento. Individuazione / Selezione delle operazioni. Individuazione delle singole operazioni che compongono lazione di promozione, sulla base dei programmi predisposti nella Fase 1); predisposizione della documentazione di gara e affidamento a strutture specializzate selezionate con le procedure previste dal decreto legislativo n.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

2.

245

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

3.

4.

157/95; stipula dei contratti e avvio delle attivit di realizzazione. Si procede analogamente per laffidamento del servizio di osservatorio; Attuazione e sorveglianza delle operazioni e della misura Erogazione in quote (o revoca) del contributo concesso e svolgimento delle attivit di osservazione, sorveglianza, verifica e controllo in itinere, da parte delleventuale organismo delegato e, comunque, dellAmministrazione responsabile; eventuale attivit di assistenza tecnica e tutoraggio dei soggetti destinatari; monitoraggio e valutazione della spesa; preparazione e realizzazione di interventi correttivi e di riprogrammazione dellazione. Conclusione e chiusura degli interventi Controlli finali ed eventuale collaudo, erogazione del saldo (o revoca del contributo) e svincolo di eventuali fideiussioni; attivit amministrative e di reporting connesse con la conclusione degli interventi; certificazione della spesa e conclusione dellazione. FESR 67.582.000 euro 67.582.000 euro 33.791.000 euro 0 euro 50% della spesa pubblica 50% della spesa ammissibile Anno 2007 9.712.000 Anno 2008 4.910.000

Tasso di partecipazione Fondo Strutturale: Costo Totale della Misura: Totale Risorse Pubbliche della Misura: Risorse Comunitarie (FESR): Contributi Privati: Tasso di Partecipazione Fondo Strutturale:

Piano finanziario previsionale per annualit (euro)


Anno 2000 Anno 2001 4.403.000 Anno 2002 8.914.000 Anno Anno Anno Anno 2003 2004 2005 2006 9.133.000 10.610.000 10.543.000 9.357.000

Indicatori di realizzazione
Tipologia di Progetto Sotto -Tipologia di Progetto Indicatore di Realizzazione Interventi Soggetti Attuatori Studi Interventi Imprese interessate Interventi Prodotti Interventi Imprese interessate Unit di Misura Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Valore Atteso Indicatore di Realizzazione (Anno 2008) 12 6 6 10 20 8 6 100

Promozione dell'offerta di Fiere fruizione turistica delle imprese Studi e ricerca di settore Azioni promozionali Marketing territoriale Iniziative per la Manifestazioni valorizzazione turistica del Prodotti multimediali territorio Servizi al turista

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

246

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Indicatori di risultato Note Popolazione raggiunta tramite le campagne di comunicazione (in Italia e allEstero) Presenza dell'offerta turistica regionale nei cataloghi dei principali tour operator nazionali ed internazionali (cataloghi estivi ed invernali) (siti internet, prenotazioni on-line, ecc.) Servizi disponibili (informazioni; prenotazione ecc) tramite tour operator Grado di soddisfazione degli utenti Riduzione dei costi di trasporto (aereo) Voli aggiuntivi (charter, ecc.) Nuove localit raggiungibili tramite trasporto pubblico Unit di Misura Numero Numero Numero Alta-bassa Euro Numero Numero Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Indicatori di impatto
Note Incremento di turisti (dallItalia e dallEstero) Incremento annuo del fatturato degli operatori turistici per ciascun sistema locale o rete di offerta turistica Valore aggiunto creato Occupazione lorda/netta creata o mantenuta dopo due anni Percentuale di turisti presenti all'interno di ciascun sistema locale o rete di offerta turistica che utilizzano sistemi di trasporto pubblici o ad hoc predisposti Unit di Misura Numero Numero Euro Numero assoluto e % dei posti di lavoro totali Numero Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

247

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Misura 4.7- Commercializzazione dei prodotti agricoli di qualit


(Asse IV- Sistemi locali di sviluppo; Settore:Agricoltura e pesca; Sottosettore: Sviluppo dei sistemi agricoli e agroindustriali; Fondo: FEOGA)

Amministrazione Responsabile

Regione Calabria, Dipartimento Agricoltura e Foreste

Descrizione e finalit della misura

Obiettivi:Migliorare la competitivit dei sistemi agricoli ed agroindustriali in un contesto di filiera Articolazione della misura:La misura prevede ununica azione. Tipologia di interventi: Gli interventi previsti sono tutti finalizzati ad aumentare la competitivit e il valore aggiunto dei prodotti agricoli regionali di qualit, contribuendo alla creazione di un regime di qualit regionale.

Tipologia delle operazioni


Misura 4.7- Commercializzazione dei prodotti agricoli di qualit Tipologie di interventi previste La misura ha come obiettivo di sostenere: le attivit connesse allo sviluppo della qualit dei prodotti agricoli di base e trasformati gi riconosciuti con marchio comunitario, in corso di riconoscimento o per i quali si intende inoltrare la richiesta di riconoscimento; la creazione di reti telematiche per il commercio elettronico.

Beneficiari finali

Regione Calabria - Dipartimento Agricoltura e Foreste Settore Politiche di Sviluppo Rurale. Tuttavia lapplicazione della L.R. n. 9 del 23 luglio 1998, che attribuisce agli Enti locali (Province, Comunit Montane, Comuni) le funzioni amministrative in materia di agricoltura, foreste, caccia, pesca, sviluppo rurale, agriturismo, alimentazione, potr comportare una diversa individuazione dei beneficiari finali ed, in tal caso, sar necessario aggiornare il Complemento di Programmazione. Consorzi e societ consortili agricole; Consorzi e imprese in forma associata per la promozione e la tutela di produzioni di qualit (Reg. 2081/92; Reg. 2082/92) e dei vini (Reg. 2392/89); Associazioni temporanee di impresa o in qualsiasi forma costituite (con almeno il 60% di rappresentanti dei produttori di base).

Soggetti destinatari dellintervento

Procedure amministrative, tecniche e finanziarie per la realizzazione delle azioni e modalit di selezione delle operazioni
La selezione dei progetti avviene attraverso un bando di gara a cadenza annuale per lintera durata del periodo di programmazione (2000-2006) aperto alla partecipazione dei soggetti sia in forma associata che singola individuati quali destinatari della misura e in possesso, laddove previsto, dei requisiti di accesso. Relativamente alle procedure amministrative di attuazione della misura, possibile individuare le seguenti quattro fasi descritte: Fase 1: Informazione ai soggetti beneficiari e realizzazione dei bandi di gara, Fase 2: Presentazione dei progetti e verifica della loro ammissibilit, Fase 3: Valutazione e selezione dei progetti, Fase 4: Attuazione dei progetti finanziati.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

248

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Tasso di partecipazione
-

Fondo Strutturale: Costo Totale della Misura: Totale Risorse Pubbliche della Misura: Risorse Comunitarie (FEOGA): Contributi Privati: Tasso di Partecipazione Fondo Strutturale:

FEOGA 8.171.000 euro 6.098.000 euro 3.049.000 euro 2.073.000 euro 50% della spesa pubblica 37,3% della spesa ammissibile

Piano finanziario previsionale per annualit (euro)


Anno 2000 Anno 2001 533.000 Anno 2002 1.078.500 Anno 2003 1.104.500 Anno 2004 1.282.500 Anno 2005 1.274.000 Anno 2006 1.131.000 Anno 2007 1.174.000 Anno 2008 593.500

Indicatori di realizzazione
Tipologia di Progetto Sotto-Tipologia di Progetto Studi e progettazione per il riconoscimento di prodotti di qualit Reti di commercio elettronico Commercializzazione Sistemi di controllo prodotti di qualit Indicatore di Realizzazione Studi Progetti Prodotti Reti Aziende coinvolte Progetti Aziende Superficie Prodotti Marchi Prodotti Superficie Consorzi Aziende Superficie Prodotti Unit di Misura Numero Numero Numero e Quintali Numero Numero Numero Numero Ha Numero e Quintali Numero Numero e Quintali Ha Numero Numero Ha Numero e Quintali Valore Atteso Indicatore di Realizzazione (Anno 2008) 127

10 200 12

Creazione marchi

16

Costituzione e avvio Consorzi ed associazioni

12

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

249

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Indicatori di risultato
Note Superficie destinata a produzioni di qualit su superficie totale per comparto Sistemi di qualit aziendale e di certificazione attuati Investimenti privati indotti sovvenzionate (effetto leva) nelle aziende Unit di Misura Ha Numero Euro (e in % su totale investiment o) Quintali Numero Numero Numero Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Produzione con marchi/ produzione totale Aziende facenti parte di consorzi di tutela ecc Imprese che introducono innovazioni di processo/prodotto/mercato % di imprese con siti per il commercio elettronico

Indicatori di impatto
Note Quantit di prodotto con marchio di certificazione di qualit su quantit totale per comparto Incidenza volume commercializzato dei prodotti di qualit rispetto al volume totale del comparto/ prodotto Incremento export prodotti tipici e di qualit Incremento del fatturato riconducibile a prodotti tipici e di qualit Vendite effettuate tramite e-commerce Unit di Misura Quintali Quintali Quintali Euro Euro Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

250

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Misura 6.3 - Societ dellinformazione


(Asse VI: Reti e nodi di servizio; Settore: Telecomunicazioni; Fondo: FESR)

Amministrazione responsabile

Regione Calabria Dipartimento Bilancio, Finanza, Politiche Comunitarie e Sviluppo Economico

Descrizione e finalit della misura

Obiettivi: sostenere e diffondere la societ dellinformazione con particolare riferimento ai settori della pubblica amministrazione, delleducazione pubblica e dei sistemi produttivi.

Articolazione della misura


articolata in quattro linee d'intervento: Azione 6.3.a: Pianificazione Strategica Regionale per lo Sviluppo della Societ dell'Informazione, Azione 6.3.b: Promozione della Societ dell'Informazione, Azione 6.3.c: Diffusione della Societ dellInformazione nel settore pubblico, Azione 6.3.d: Diffusione della Societ dellInformazione nei sistemi produttivi.

Tipologie di interventi

Sono finalizzate a favorire e a sostenere lo sviluppo della Societ dellInformazione in particolare a sostegno delladozione delle TIC a supporto dellattivit sia del settore pubblico sia di quello privato e mirano alla realizzazione di progetti che possano creare sinergia fra lo sviluppo dei servizi di telecomunicazione e lo sviluppo locale. In particolare, gli interventi della Misura si propongono di: aumentare la consapevolezza sullimportanza della Tecnologie dellInformazione e della Comunicazione (TIC) e potenziare la capacit di Pianificazione Strategica nellarea della Societ dellInformazione; accelerare la transizione delle pubbliche amministrazioni regionali e locali verso il governo elettronico, garantendo le sinergie con le iniziative intraprese su scala nazionale dal Governo attraverso il Piano di Azione per lE-government; promuovere ed incentivare ladozione delle TIC presso le PMI ed accelerare la transizione verso il commercio elettronico; garantire laccesso alla Societ dellInformazione a tutte le categorie sociali, con particolare attenzione per le aree e le categorie svantaggiate.

Tipologia delle operazioni

Azione 6.3.a: Pianificazione Strategica Regionale per lo Sviluppo della Societ dell'Informazione
Obiettivi: potenziare la capacit di Pianificazione Strategica degli attori locali nellarea della Societ dellInformazione. Tipologie di interventi previste aggiornamento periodico della Strategia Regionale e del Piano dAzione per lo Sviluppo della Societ dellInformazione in Calabria; sviluppo di specifici piani regionali per i settori che possono avere un significativo impatto sullo sviluppo economico e sociale; realizzazione di una fattiva collaborazione con lAssociazione eris@ (Associazione delle Regioni Europee per la Societ dell'Informazione) in materia di politiche regionali per lo sviluppo della Societ dellInformazione e per lindividuazione di nuovi progetti ed iniziative di interesse per il settore pubblico e privato; monitoraggio del processo di sviluppo della Societ dell'Informazione in Calabria attraverso indicatori standard;
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

251

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

realizzazione di accordi strategici e partnership tra soggetti pubblici, operatori di telecomunicazioni, fornitori di servizi e gruppi di utenti, riguardanti larea delle TIC; studi ed analisi del quadro normativo per individuare eventuali criticit che comportino diseconomie e/o disarticolazioni funzionali nello sviluppo della Societ dellInformazione.

Azione 6.3.b: Promozione della Societ dell'Informazione


Obiettivi: accrescere la consapevolezza di cittadini, imprese ed operatori del settore pubblico sullimportanza della Societ dellInformazione; stimolare la domanda di TIC da parte delle organizzazioni pubbliche e private; individuare e divulgare le migliori pratiche di servizi sanitari on-line; promuovere uno o pi centri di competenza che, con la disponibilit di appropriate tecnologie e di adeguate competenze, possano assolvere le funzioni di prototyping e di validazione di nuove soluzioni architetturali ed applicative Tipologie di interventi previste Conferenze, dibattiti, servizi stampa e TV, diffusione di best practices, realizzazione e diffusione di materiale informativo, spot pubblicitari, road show, seminari gratuiti per specifiche aree/settori, convegni tematici, realizzazione del Portale Informativo dellAttuazione del POR (per come previsto nellambito della Misura 7.1).

Azione 6.3.c: Diffusione della Societ dellInformazione nel settore pubblico


Obiettivi: realizzare di servizi per cittadini ed imprese da parte del settore pubblico sostenendo anche lautomazione delle procedure amministrative e dei sistemi informativi di back-office al fine di incrementare lefficienza della Pubblica Amministrazione. Tipologie di interventi previste Realizzazione di una Intranet regionale della P.A. (standard Rete Unitaria Pubblica Amministrazione, RUPA); ammodernare (o realizzare) i Sistemi Informativi Interni adottando tecnologie e standard che siano compatibili e perfettamente integrabili con applicazioni di front offic; realizzare sistemi per laccesso on-line alle informazioni pubbliche; realizzare applicazioni altamente innovative per laccesso ai vari servizi pubblici attraverso piattaforme e reti per il commercio elettronico; realizzare progetti pilota per utilizzare postazioni pubbliche per laccesso alla rete Internet ed ai servizi quali certificazione, acquisizione modulistica, eccetera; realizzare un sistema informativo regionale di supporto alle decisioni (anche attraverso limpiego di tecniche e strumenti avanzati di knowledge discovery e di data-warehousing) con particolare riferimento alle seguenti aree: controllo di gestione; gestione e monitoraggio dei flussi finanziari; programmazione strategica; realizzare Sportelli URP (Ufficio Relazioni con il Pubblico) e Sportelli per le Imprese (Sportello Unico) accessibili via rete Internet per lespletamento di pratiche; realizzare reti civiche per favorire l'interazione in rete tra le diverse componenti pubbliche e private delle comunit locali e per lerogazione di servizi informativi, culturali, formativi, ricreativi e di intrattenimento, anche per il sostegno ai disabili e ad agli anziani al fine di migliorarne l'autonomia e la qualit della vita; integrare ove necessario i sistemi telematici per la Tutela e il Monitoraggio Ambientale al fine di supportare adeguatamente le strutture competenti nella gestione e tutela delle risorse naturali; realizzare un ambiente prototipo per il marketing delle Risorse Territoriali; sostenere e coordinare la presenza delle PMI calabresi nella Rete anche mediante la realizzazione di un portale regionale di 2 livello. realizzare soluzioni di eccellenza per lo sviluppo delle TIC nellambito della promozione e commercializzazione del prodotto turistico sia sul versante dellofferta territoriale regionale che su quello della domanda; realizzare servizi on-line per laccesso alle informazioni sanitarie (orari, medici, ecc.), la prenotazione ed il pagamento di prestazioni sanitarie e soluzioni di eccellenza nel settore sanitario e nellassistenza domiciliare per ottimizzare le attivit di teleconsulto, di gestione e di concentrazione dei dati relativi alle strutture sanitarie regionali attraverso un sistema centrale di riferimento avente funzione di piattaforma;
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

252

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

realizzare applicazioni per avviare il telelavoro nelle istituzioni pubbliche.

Azione 6.3.d: Diffusione della Societ dellInformazione nei sistemi produttivi


Obiettivi: sostenere ladozione delle TIC da parte delle PMI per incrementare la competitivit, migliorare la comunicazione intra e inter-aziendale, favorire la cooperazione tra PMI (networking) ed ampliare i mercati di riferimento (in particolare attraverso il ricorso al commercio elettronico). Tipologie di interventi previste Realizzare (o ammodernare/completare sistemi pre-esistenti) sistemi informativi aziendali integrati, in grado di garantire linteroperabilt delle principali applicazioni (produzione, marketing, acquisti, vendite, fatturazione, magazzino, etc); realizzare sistemi di comunicazione elettronica intra ed inter-aziendale (posta elettronica, sistemi di supporto al lavoro cooperativo, videocomunicazione, etc.). Gli interventi da realizzare devono prevedere leventuale formazione del personale; realizzare interventi per la sperimentazione e lattuazione del telelavoro; realizzare applicazioni di commercio elettronico, garantite da marchi di affidabilit e certificazioni di sicurezza, ed, eventualmente, di tipo multilingue; realizzare applicazioni che supportino le PMI nella gestione della enorme quantit di informazione disponibile in rete; creare nuove imprese innovative operanti nel settore delle tecnologie dellinformazione e delle comunicazioni.

Beneficiari finali

Per tutte le Azioni: Regione Calabria - Dipartimento Bilancio, Finanze, Politiche Comunitarie e Sviluppo Economico; Enti Locali. Per le specifiche Azioni: Soggetti individuati attraverso procedure di evidenza pubblica.

Soggetti destinatari dellintervento


Cittadini; Imprese; Enti Pubblici.

Procedure amministrative, tecniche e finanziarie per la realizzazione delle azioni e modalit di selezione delle operazioni
Per tutte le Azioni: per gestire il Project management system della Misura l'Amministrazione regionale farricorso al processo metodologico, al team di lavoro ed allorganizzazione previsti dal progetto RISI+, anche oltre la sua conclusione, finanziandone le spese a valere sullAzione 6.3.a. La selezione dei progetti sar effettuata attraverso le fasi descritte nel seguito: Fase 1: Fase didentificazione del progetto, Fase 2: Selezione dei progetti, Fase 3: Attuazione e sorveglianza dei progetti, Fase 4: Conclusione e chiusura degli interventi. FESR 86.164.000 euro 68.024.000 euro 34.012.000 euro 18.140.000 euro 50% della spesa pubblica 39,5% della spesa ammissibile

Tassi di partecipazione

Fondo Strutturale: Costo Totale della Misura: Totale Risorse Pubbliche della Misura: Risorse Comunitarie (FESR): Contributi Privati: Tasso di Partecipazione Fondo Strutturale:

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

253

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Piano finanziario previsionale per annualit (euro)


Anno 2000 Anno 2001 Anno 2002 Anno 2003 Anno 2004 Anno 2005 Anno 2006 Anno 2007 Anno 2008

5.614.000 11.366.000

11.644.50 13.526.500 13.441.500 11.929.500 12.382.000 6.260.000 0 Valore Atteso Indicatore di Realizzazione (Anno 2008) 3.750 5.000 4 25 7 35 500.000 10.000 80 20.000 4.000 1 200 100 100 500 100 15 20 50 100 50 5.000 100 500 150 300 100 20
254

Indicatori di realizzazione
Tipologia di Progetto Piani e Programmi Settoriali Studi e Ricerche di Settore Sotto-Tipologia di Progetto Indicatore di Realizzazione Unit di misura Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero

Societ dell'informazione Giornate/uomo Societ dell'informazione Giornate/uomo

Interventi Progetti di SI avviati in collaborazione con reti di Innovazione Siti Informativi su Siti/reti Informative Societ dell'Informazione Internet Interventi Popolazione di Audiovisivi/materiale Societ dell'Informazione Riferimento Imprese Interessate Eventi/Manifestazioni Popolazione di Manifestazioni/Eventi Societ dell'Informazione Riferimento Imprese Interessate Infrastrutture di Centri di Eccellenza Infrastrutture di RSTI Competenza Tecnologica sulle TIC creati Sistemi Informativi Interventi Sviluppo applicazioni e Sistemi di Comunicazione Interventi sistemi Informativi Interventi all'interno della PA Servizi Telematici Telelavoratori nella PA Enti Collegati Infrastrutture di base Nodi di Rete Rete Regionale PA della Societ Sistemi Informativi dell'Informazione Collegati Servizi per il pubblico Servizi telematici per il attivati Servizi telematici pubblico Postazioni installate Servizi per PMI attivati Imprese Beneficiarie Servizi telematici Servizi telematici per PMI Postazioni/Terminali Installati Interventi Applicazioni di commercio elettronico Servizi telematici Applicazioni telematiche Nr. Di Telelavoratori Imprese Coinvolte Universit/Centri Ricerca coinvolti Diffusione e Reti/clusters per Collaborazione Pubblico l'innovazione Privata di RST
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Aiuti all'industria, Industria commercio, artigianato

Nuove Imprese Create nel settore delle TIC

Numero

10

Indicatori di risultato
Note Nuovi servizi attivati nellarea delle TIC % di utenti soddisfatta dei servizi % Comuni che forniscono servizi tramite internet Numero di terminali pubblici per l'accesso ad Internet ed ai a servizi pubblici per ogni 1000 abitanti % delle interazioni con il servizio pubblico di base effettuate on-line % degli appalti pubblici gestiti on-line % di incremento del numero di accessi ai siti web della Pubblica Amministrazione % di strutture sanitarie che utilizzano il teleconsulto % di strutture sanitarie collegate ad una rete regionale ed alla rete Internet % degli abitanti che utilizzano carte intelligenti per laccesso ai servizi S.I. e/o per effettuare transazioni % di lavoratori impegnati nel telelavoro % di imprese con siti per il commercio elettronico % di siti per il commercio elettronico dotati di marchi di affidabilit, marchi di sicurezza o altri tipi di certificazione % delle imprese che effettuano oltre il 10% delle proprie transazioni per via elettronica Tempi medi dattesa per usufruire di un servizio pubblico Tempi medi di decisione della P.A Soddisfazione dei beneficiari delle consulenze Imprese che sviluppano e vendono servizi nel campo della tecnologia dellinformazione Unit di Misura Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Numero Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Numero Numero Numero Minuti-oregiorni Minuti-oregiorni Alta-bassa Numero Numero

Indicatori di impatto
Note Occupazione lorda/netta creata o mantenuta dopo due anni % della popolazione che usufruisce dei nuovi servizi dopo un anno Crescita di richieste di servizi (TIC) % di penetrazione del PC nei nuclei familiari % di nuclei familiari con accesso ad Internet Numero di PC per 100 studenti % di scuole dotate di collegamento ad Internet e Unit di Misura Numero assoluto e % dei posti di lavoro totali Numero Numero Numero Numero
255

Valore Valore Anno 2000 Anno 2006

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

con collegamenti a banda larga (compresi i collegamenti via satellite) % dei lavoratori dotati delle competenze di base in campo informatico % di siti web multilingue % di penetrazione di reti a banda larga Costo di unora di collegamento ad Internet (per utenti occasionali) % di imprese che dichiarano di avere ottenuto vantaggi dagli interventi

Numero Numero

Numero

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

256

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

L) GLI INTERVENTI EXTRA-POR: LE INIZIATIVE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE 1994-1999


Scopo del presente capitolo quello di fornire un primo quadro degli interventi attivati nellambito della programmazione 1994/99 che, direttamente o indirettamente, hanno riguardato il sostegno e la promozione di iniziative di internazionalizzazione. A tal fine, si provveder: preliminarmente, a esporre, in sintesi, i mutamenti socioeconomici e le conseguenze determinate dallattuazione del POP Calabria e delle altre forme di intervento a titolarit regionale relative al periodo di programmazione 1994/99; successivamente, lanalisi si incentrer su quelle Misure e Forme di intervento che hanno previsto attivit di promozione e sostegno alle politiche di internazionalizzazione.

Considerato che in tutte le fonti consultate (rapporti di esecuzione, relazioni varie, rapporti di valutazione, schede-progetto, ecc.), le informazioni relative ai dati finanziari sono espresse in lire, per comodit espositiva, stata mantenuta la stessa impostazione. Limpostazione seguita per descrivere le Misure del POP e delle altre Forme di intervento a titolarit regionale prese in considerazione stata articolata nei seguenti punti: tipologia delle attivit previste; strategie dintervento e degli obiettivi programmati; agevolazioni previste e della normativa di riferimento; grado di ottenimento dei risultati conseguiti; dati di attuazione finanziaria; caratteristiche delle iniziative ammesse a finanziamento; spunti di riflessione (best practices, criticit attuative, ecc.) suggeriti, oltre che dalla lettura della documentazione raccolta, dalle interviste effettuate con testimoni privilegiati della Regione, dirigenti dellamministrazione regionale, soggetti attuatori, ecc.

1. Mutamenti socio-economici nel periodo del Programma Operativo Plurifondo 1994/99


Nellambito del Q.C.S. 1994-99, la Regione Calabria ha attuato, tra il 1995 ed il 2001 (termine ultimo per leffettuazione della spesa), il relativo Programma Operativo Plurifondo. In tale periodo la Calabria risultata, mediamente, una delle regioni pi dinamiche del Paese, segnando un tasso medio annuo di crescita del PIL pari al 2,2% (superiore, quindi, sia a quello medio dellarea meridionale, pari al 2,0%, sia a quello medio nazionale, pari al 1,9%). Tale vantaggio stato conseguito prevalentemente nellultima parte del periodo. , infatti, nellanno 2000 e, soprattutto, nellanno 2001 che si registra la pi elevata crescita del PIL: nellanno 2000, il PIL regionale (ai prezzi di mercato) cresciuto del 3,7% a fronte di una media nazionale del 2,9% e di una media dellarea meridionale pari al 2,6%; nellanno 2001, la crescita stata pari, addirittura, al 4%, risultando il valore pi elevato tra tutti quelli registrati a livello regionale - superando ampiamente sia la media dellarea meridionale, pari al (+2,2%) sia quella nazionale (+1,8%).

Tale crescita stata supportata, in particolare: da una ripresa dellattivit delle costruzioni; da una forte crescita nel settore degli alberghi, pubblici esercizi e dei trasporti (anche effetto di una positiva stagione turistica), oltre che da un buon contributo dellindustria in senso stretto.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

257

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Va sottolineato, altres, che il trend di crescita del PIL rientra in una tendenza, piuttosto generalizzata: in tutta larea dellObiettivo 1, ove si registrata una riduzione delle differenze degli indicatori regionali di sviluppo, anche se persiste, tuttora, una chiara connotazione dualistica dello sviluppo delleconomia nazionale. , in ogni caso, significativo che nel periodo compreso tra il 1995 ed il 2001 il PIL pro capite della Calabria sia passato dal 60,4% al 63,8% di quello medio nazionale, con un guadagno proporzionalmente pi elevato di quello conseguito da tutta larea meridionale (passata, invece, dal 66,4% al 67,7%). Nello stesso periodo, se da un lato, la produttivit (intesa come prodotto per unit di lavoro) notevolmente cresciuta, dallaltro, il livello occupazionale ha mantenuto una sostanziale stabilit (pari a 556 mila unit nel 1995 ed a 559 mila unit nel 2001). Parallelamente il tasso lordo di occupazione (cio il rapporto tra le unit di lavoro e la popolazione residente) ha registrato un incremento in misura estremamente limitata, passando dal 26,8% del 1995 al 27,4% del 2001 (cio dello 0,6% in 6 anni) mentre il tasso di disoccupazione regionale passato dal 22% circa del 1995 al 26% del biennio 2000/2001 dopo aver raggiunto addirittura il 28% nel 1999. Il generale sviluppo socio-economico, registratosi nellarco del periodo di attuazione del POP, se da un lato, appare moderatamente positivo (con unevoluzione pi evidente nellultimo biennio), dallaltro, ancora fortemente condizionato da una serie di caratteristiche strutturali che penalizzano seriamente il sistema economico della regione. In tale situazione, gli interventi attuati dal POP hanno certamente avuto un effetto positivo, anche se non in grado di modificare sostanzialmente la situazione di partenza. In estrema sintesi, quella che si registra strutturalmente in Calabria uneccessiva dipendenza economica dai trasferimenti esterni che -sia pure in tendenziale contrazione per effetto del declino relativo dei trasferimenti stessi a seguito delle politiche restrittive di bilancio- assume ugualmente un carattere patologico e trova origine, in primo luogo, nella gracilissima base produttiva. Agricoltura e industria contribuiscono in misura inferiore a un quarto del reddito complessivamente prodotto in Regione. Per di pi, il peso di entrambi i settori si progressivamente ridotto, assottigliando ulteriormente la struttura produttiva regionale. Particolarmente preoccupante la tendenza al regresso delle attivit industriali. Attualmente, il settore secondario produce appena il 17% circa del prodotto totale regionale (meno della met dellanaloga incidenza nel Centro-Nord). lindustria in senso stretto a mostrare il deficit pi acuto: il suo contributo alla formazione del reddito regionale si attesta al di sotto del 10% (mentre nel Centro-Nord di il 25%). Nettamente sovradimensionato, al contrario, il settore terziario, che produce il 75% del reddito calabrese (anche se lelevata incidenza del terziario locale riconducibile, per un verso, alla debole consistenza delle attivit agricole e industriali e, per laltro, allipertrofica presenza del terziario pubblico). Il settore dei servizi lunico a registrare nel periodo in esame unespansione occupazionale. Al contrario, loccupazione agricola e industriale assume un peso sempre meno rilevante nellambito della struttura occupazionale regionale, con incidenze particolarmente esigue per lindustria manifatturiera. Lagricoltura, infatti, nonostante le dinamiche negative degli ultimi ventanni, occupa circa il 20% degli addetti totali, mentre produce solo il 7% del prodotto complessivo. Pi preoccupante il modesto peso ed il declino relativo della quota di occupazione assorbita dal settore industriale. Del tutto marginale poi il peso delloccupazione dellindustria in senso stretto. Da circa dieci anni questo comparto assorbe circa il 7-8% delloccupazione regionale, a fronte di unincidenza nel Centro-Nord del 24-25%. Un aspetto particolarmente critico delleconomia calabrese anche la sostanziale chiusura agli scambi internazionali. Le esportazioni regionali risultano pari mediamente allimpercettibile 0,1% dellexport nazionale. Lincidenza del valore delle esportazioni sul Pil regionale appena superiore all1,%, a fronte del 35% nel CentroNord e del 12 % nel Mezzogiorno. Caratteristiche peculiari della struttura produttiva regionale sono, inoltre, la spinta specializzazione in settori e comparti tradizionali, da un lato, e la polverizzazione dimensionale delle aziende, dallaltro. Secondo i dati del censimento intermedio Istat del 1996, la specializzazione settoriale della Calabria riguarda esclusivamente il settore del commercio, che denuncia unincidenza occupazionale dell83% in pi rispetto al Centro-Nord: le costruzioni (+68%), gli altri servizi pubblici (+29%) e gli alberghi e ristoranti (+28% in entrambi i casi). Questi settori coincidono, tuttavia, proprio con le attivit produttive meno dinamiche, poco esposte alla concorrenza
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

258

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

esterna e rivolte pressoch unicamente ai mercati di sbocco locali. Corrispondentemente, la Calabria tradisce ancora una scarsa rappresentativit dei settori moderni e caratterizzati da una pi spinta concorrenza e apertura agli scambi interregionali. Le attivit manifatturiere, ad esempio, assorbono in Calabria il 52% in meno di occupati rispetto al Centro-Nord, i servizi di intermediazione monetaria e finanziaria accusano un gap negativo del 35% e i trasporti e comunicazioni del 32%. Per ci che riguarda la polverizzazione dimensionale delle aziende, sufficiente evidenziare che, sempre al 1996, linsieme delle imprese extragricole calabresi raggiunge una soglia dimensionale media di appena 2,1 addetti contro i 4,5 del Centro-Nord. Di dimensioni particolarmente ridotte risultano le imprese manifatturiere (3 addetti, in media, in Calabria a fronte di 10 nel Centro-Nord) e quelle di intermediazione monetaria e finanziaria (4,5 addetti in media in Calabria contro 10 nel Centro-Nord), che rappresentano le attivit produttive potenzialmente pi esposte alla concorrenza nazionale ed estera. Guardando al complesso della struttura economica calabrese, il 70% delle imprese extragricole regionali occupa un solo addetto contro il 51,4% delle imprese che operano nel Centro-Nord; di contro, solo 5 imprese tra le 91 mila operative in Calabria hanno dimensioni superiori ai 500 addetti fissi. Il ritardo di sviluppo della Calabria connesso altres alla sottodotazione quanti-qualitativa dello stock infrastrutturale. Posto uguale a 100 il bagaglio infrastrutturale fisico medio italiano, la Calabria raggiunge un valore pari ad appena 50, il pi basso tra le regioni italiane. Il deficit infrastrutturale regionale tuttavia addebitabile in larga misura alla spinta carenza di infrastrutture economiche, che accusano rispetto alla media nazionale un gap negativo del 60%. In particolare, le sottodotazioni pi marcate sono da attribuire alle infrastrutture idriche ed energetiche, che raggiungono rispettivamente soltanto il 17% e il 31% delle dotazioni medie nazionali. Naturalmente, la Calabria non un indistinto deserto sottosviluppato, tanto meno unarea unitariamente refrattaria alla crescita e alla modernizzazione economica. Imprese di successo, microsistemi economici territoriali e abbozzi di filiere produttive sono emersi negli ultimi anni e cominciano timidamente a differenziare la geografia regionale. Si tratta, per, soprattutto di esperienze casuali, disperse, anche se in aree pi vocate, come ad esempio nella Piana di Sibari, nel nord cosentino, sintravedono segni incipienti di distrettualizzazione agroindustriale. N mancano i punti di vera e propria eccellenza, come il porto di Gioia Tauro, che nel giro di un triennio ha conquistato la leadership dellattivit di movimentazione di containers nel Mediterraneo, oppure come i poli turistici di Tropea-Capo Vaticano, del Soveratese e di Isola Capo Rizzuto, che hanno registrato, di recente, unimpennata di presenze turistiche italiane e straniere. Ci che manca quasi del tutto la rete, linterconnessione tra i punti di eccellenza e le imprese dinamiche, la strutturazione di sistemi economico-territoriali coesi, integrati; cosicch, lo sviluppo si presenta come evento eccezionale, puntiforme, privo di effetti moltiplicativi e di diffusione nel territorio. Da lungo tempo la Regione mostra indici di natalit imprenditoriale sistematicamente pi elevati di quelli medi nazionali e sovente anche di quelli riferiti alle regioni nordorientali; allo stesso tempo, anche il tasso di mortalit aziendale calabrese puntualmente superiore, per cui il tasso netto di crescita del sistema imprenditoriale assai contenuto. Lo sviluppo non dunque del tutto estraneo alla Calabria; n si pu dire che la Regione sia intrinsecamente impermeabile allinsediamento produttivo, allintrapendenza economica, alle relazioni di mercato. Nellambito del quadro evolutivo esposto, e con i vincoli strutturali evidenziati, dal 1995 al 2001 stata data attuazione al POP, la cui realizzazione non poteva che risultarne fortemente condizionata, soprattutto durante i primi 4-5 anni: le diseconomie esterne hanno condizionato direttamente la operativit degli interventi finanziati e determinato nellambiente, nel quale gli interventi stessi si andavano ad inserire, condizioni che ne hanno ridotto pi o meno sensibilmente gli effetti positivi, anche di ordine strutturale.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

259

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

2. Le iniziative di internazionalizzazione nella programmazione 1994/99


Considerazioni di carattere generale
Il percorso di sviluppo individuato dalla Regione Calabria si basato sulla definizione di strategie capaci di collegare, in modo funzionale, gli obiettivi generali della crescita globale con quelli pi specifici, riconducibili ai settori considerati pi incisivi rispetto alla peculiarit ed alle specificit della realt calabrese: la creazione di nuova occupazione; la competitivit del sistema regionale in termini di produzione e di reddito, con particolare riguardo alla valorizzazione del patrimonio storico-culturale e degli antichi centri urbani, al sostegno dellindustria (segnatamente alle PMI e allartigianato), al potenziamento del sistema infrastrutturale e valorizzazione delle forti potenzialit turistiche; il miglioramento della qualit della vita e lo sviluppo sociale.

La scelta di questi obiettivi va ricondotta allanalisi specifica del loro apporto allo sviluppo regionale. Secondo tale analisi gli obiettivi dovevano essere in grado di: presentare i migliori ricettori per un consolidamento del tessuto produttivo; garantire una maggiore spendibilit delle risorse; essere coerenti rispetto agli obiettivi delle riforme dei Fondi Strutturali del ciclo di programmazione 199499; presentare maggiori sinergie e ricadute; essere pi combinabili con le altre azioni considerate al di fuori del Programma; presupporre ricadute occupazionali dirette ed indotte concrete; collegarsi in modo ottimale con le priorit individuate per lo sviluppo regionale.

Le strategie complessivamente individuate hanno sostanzialmente tradotto limportanza attribuita al Programma, inteso sia come un insieme di azioni coerenti in grado di intervenire sui nodi strutturali dello sviluppo sia come unoperazione metodologica orientata a contribuire a ridurre il divario che si era venuto a creare tra la Calabria e lesterno.

Le politiche dinternazionalizzazione nellambito del POP Calabria 1994/99


Nellambito del Programma Operativo Plurifondo 1994/99, possono essere individuate diverse Misure che, direttamente o indirettamente, hanno previsto attivit di promozione e sostegno alle iniziative di internazionalizzazione: Misura 2.1, Incentivi allindustria; Misura 2.3,Aiuti ai servizi alle imprese; Misura 3.6, Promozione e commercializzazione dell'offerta turistica; Misura 4.4, Ricerca scientifica e tecnologica.

Misura 2.1, Incentivi allindustria


Descrizione
Attraverso lattuazione della Misura 2.1 Incentivi allIndustria, prevista dal Sottoprogramma 2 Artigianato PMI e Servizi del POP 1994/99, la Regione Calabria ha inteso avviare un complesso di attivit tese alla promozione di un processo dindustrializzazione e dinternazionalizzazione del tessuto economico. A tal fine la Misura ha previsto una serie di attivit volte alla creazione di nuove iniziative produttive, facendo ricorso allimprenditoria locale ed a processi di localizzazione di imprese esterne alla Regione, nonch il consolidamento e lampliamento di quelle esistenti. Il sistema di interventi programmato, caratterizzato da notevoli innovazioni, ha previsto, infatti, una vasta gamma
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

260

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

di attivit (studi, assistenza tecnica e finanziaria, tutoraggio, commercializzazione, ecc.) finalizzata a sostenere la nascita, il consolidamento, lo sviluppo produttivo e di mercato di aziende nel settore manifatturiero regionale. La Misura nata, nella sua configurazione attuale, a seguito della Decisione C(97)837 del 3.04.97 che ratificava la trasformazione della originaria previsione del POP di una Sovvenzione Globale (avente analoghe finalit) in una Misura del POP stesso affidata in concessione ad un Soggetto Attuatore esterno (SVI Calabria) allo scopo di realizzare tre distinte Azioni: Azione A, Promozione dimpresa; Azione B, Regime di aiuto alle imprese; Azione C, Assistenza e tutoraggio.

Obiettivi strategici

Attraverso la realizzazione della Misura 2.1, per ciascunazione suindicata, si inteso realizzare, rispettivamente, i seguenti obiettivi specifici: individuare priorit territoriali e settoriali, sviluppare un insieme di attivit volte a promuovere, sollecitare e indirizzare il processo di creazione-localizzazione-ampliamento di impresa, superare la strozzatura conoscitiva che ha rappresentato nel passato un impedimento alla creazione di nuova imprenditoria e diffondere la conoscenza delle opportunit offerte sia dalle istituzioni imprenditoriali italiane e comunitarie sia da singoli imprenditori; promuovere e favorire nuovi progetti di investimento, la creazione di nuove imprese nonch lampliamento delle imprese esistenti, mediante la concessione di incentivi finanziari agli investimenti, privilegiando: la realizzazione delle strategie territoriali, settoriali e di filiera individuate, i nuovi progetti di investimento delle PMI e la localizzazione nelle aree di Cosenza-Rende, Catanzaro-Lametia, Rossano e Corigliano; assistere le imprese dalla fase di decisione e di pianificazione dellinvestimento alla fase di realizzazione dellattivit produttiva; assistere le imprese esistenti nel processo di ampliamento produttivo e occupazionale; promuovere lutilizzo di strumenti finanziari nuovi per la regione (prestiti partecipativi e capitale di rischio).

Il sostegno finanziario agli investimenti avvenuto nel rispetto del decreto-legge 22 ottobre 1992 n. 415, convertito con modificazioni dalla legge 19 dicembre 1992 n. 488 e successive modificazioni nonch dai decreti e circolari di attuazione. Lazione B, nel dettaglio, ha previsto il sostegno agli investimenti mediante la concessione di contributi in conto capitale. Lintensit massima degli aiuti, la tipologia ed i settori produttivi delle imprese beneficiarie, le spese ammissibili sono stati definiti in coerenza con la normativa nazionale e le decisioni comunitarie (in particolare DM 20/10/95 N. 527). Il contributo massimo riconoscibile, per le PMI, stato fissato nel 50% in ESN e nel 15% in ESL delle spese ammissibili (suolo aziendale, opere murarie; infrastrutture aziendali; macchinari, impianti ed attrezzature; programmi informatici, brevetti; spese tecniche di progettazione, direzione lavori e collaudi in corso dopera e finali). Per le imprese che superavano le caratteristiche dimensionali delle PMI, lESN riconoscibile stato pari, invece, al 50% delle spese ammissibili.

Caratteristiche delle agevolazioni e normativa di riferimento

Attuazione della Misura

Lavvio della Misura stato molto faticoso: diverse sono state, infatti, le cause che ne hanno notevolmente rallentato lattuazione, fra queste si segnalano: sostanziale riprogrammazione e contestuale definizione, nellaprile del 1997, con relativa decisione da parte della Commissione Europea, delle nuove modalit di concessione del contributo comunitario e delle relative procedure attuative, inizialmente previste nella forma di sovvenzione globale. La struttura programmatica della misura ha presentato forti analogie con quella tipica di una sovvenzione globale, della quale ha conservato lapproccio iniziale nella struttura delle tre azioni in cui si articola la Misura;
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

261

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

conseguente ritardo, rispetto allavvio del Programma, della formalizzazione dei rapporti tra la Regione Calabria ed il Soggetto Attuatore della Misura, mediante la stipula della relativa convenzione, sottoposta, nella prima riunione utile tenutasi nei giorni 29 e 30 settembre 1997, alla preventiva approvazione del Comitato di Sorveglianza; modifiche apportate al regime di aiuti in favore delle imprese beneficiarie. Infatti, il Comitato di Sorveglianza, riunitosi nei giorni 14-15 aprile 1999, nel prendere atto dellerrore contenuto nella scheda descrittiva della misura (che prevedeva lerogazione di un contributo massimo per le PMI pari al 60% ESN del costo dellinvestimento ammissibile) ha proceduto, di conseguenza, alla modifica con i seguenti valori: 50% in ESN e 15% in ESL. Inoltre, il Comitato ha approvato ladeguamento della percentuale di partecipazione dei privati al costo totale dellinvestimento per renderla coerente con leffettiva incidenza del contributo pubblico erogabile, espresso in ESN e in ESL, rispetto allo stesso costo totale dellinvestimento.

Tutti questi fattori hanno determinato uno slittamento nel tempo delle fasi propedeutiche allavvio della Misura. Basti ricordare che: lo schema di convenzione stato approvato, con delibera G.R. n. 5026, in data 28.10.97; la convenzione stata, poi, regolarmente stipulata in data 14.11.97 e registrata presso lUfficio Reg. di Catanzaro il 19.11.97 al n. 2358 sez. 3; infine, soltanto alla fine del 1997 la Regione ha disposto lerogazione al Soggetto Attuatore della prima anticipazione necessaria per lavvio della Misura 2.1.

Pertanto, a differenza delle altre Misure del POP Calabria 1994/99, la Misura 2.1 stata, di fatto, avviata solo allinizio del 1998. Le risorse finanziarie disponibili, per lattuazione delle iniziative programmate, sono state pari a 139.244 milioni di lire (di cui 124.889 di quota pubblica e 14.355 di quota privata). Ovviamente la gran parte delle risorse, 130.336 milioni di lire, sono state destinate allattuazione dellazione B. Sono state effettuate erogazioni per complessivi 138.793 milioni di lire (pari al 99,68% del costo totale programmato).

Descrizione delle iniziative ammesse a finanziamento

A seguito dellistruttoria delle domande validamente pervenute, il Comitato Tecnico di Valutazione ha provveduto alla selezione delle stesse ed alla redazione della graduatoria finale per lammissione al finanziamento, successivamente approvata dal Consiglio di Amministrazione della SVI-Calabria, in data 22 settembre 1999. Sulla base di questa graduatoria sono state ammesse a finanziamento e completamente realizzate 20 iniziative: nel dettaglio, sono state create 15 nuove imprese e 5 nuove unit produttive, per una spesa complessiva di 124.321 milioni di lire, di cui 109.340 (pari al 95,38% delle risorse complessivamente disponibili) di quota pubblica e 14.921 di quota privata. La dimensione media delle 20 iniziative finanziate i cui beneficiari sono costituiti per la quasi totalit da societ di capitali, e precisamente da societ a responsabilit limitata, con lunica eccezione rappresentata da una societ in nome collettivo - stata di poco superiore ai 6 miliardi di lire. Nello specifico la dimensione media: di 12 iniziative stata di poco superiore a 2 miliardi di lire; di 6 iniziative stata di poco superiore a 8 miliardi di lire; di 2 iniziative, infine, stata di poco superiore a 24 miliardi di lire.

Al fine di promuovere il processo dinternazionalizzazione del tessuto economico, fra gli indicatori, utilizzati per la selezione delle iniziative e la redazione della graduatoria finale, stato previsto il rapporto tra fatturato estero sviluppato dalliniziativa ed il fatturato complessivo a regime (ossia, limporto netto del volume di affari relativo alle vendite realizzate con clientela residente allestero ovvero con strutture distributive proprie basate fuori del territorio nazionale). A tal riguardo, 9 iniziative delle 20 finanziate hanno previsto nel business plan, confermato in sede di collaudo (al momento, cio, dellentrata in funzione dellinvestimento), che parte dellattivit produttiva fosse rivolta
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

262

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

allestero. Nel dettaglio il rapporto tra fatturato estero ed il fatturato complessivo a regime stato stimato: al 10% per 3 iniziative, tra il 50-70% per 3 iniziative, al 90% per altre 2 ed, infine, al 100% per unaltra. I mercati di sbocco, a parte i casi particolari, sono rappresentati dai paesi dellU.E. per il 65% circa e per il restante 35% dai paesi fuori dallU.E. La met delle imprese ha indicato tra gli obiettivi dellinvestimento anche lintroduzione di innovazioni tecnologiche nel processo produttivo, fattore cruciale specialmente per le imprese gi attive sul territorio che hanno colto le opportunit offerte dalla Misura per modernizzare e rendere maggiormente competitive le proprie produzioni. Tracciando un bilancio complessivo degli effetti della Misura 2.1, va senzaltro detto che gli incentivi erogati hanno avuto un impatto positivo sul tessuto produttivo calabrese, incentivando la nascita e/o lammodernamento di iniziative imprenditoriali consentendo, cos, da incrementare la produttivit. Lentrata in funzione29 delle suddette iniziative ha determinato un sensibile ampliamento della base produttiva che consentir allentrata a regime30 (ci vuol dire tra il 2003 ed il 2004) - di ottenere consistenti benefici economici e sociali valutabili sia in termini macroeconomici (effetti sul prodotto lordo e sulloccupazione regionale; si prevede, infatti, lassunzione di 654 unit lavorative) sia in termini microeconomici (indicatori fisici e di risultato).

Risultati conseguiti

Spunti di riflessione

I risultati conseguiti hanno evidenziato come lerogazione di incentivi, finalizzati allattrazione di nuovi progetti di investimento, sia stata essenziale per la nascita di nuove iniziative imprenditoriali. emersa, per, ancora una volta, uneccessiva dipendenza delle imprese calabresi verso la concessione di finanziamenti agevolati: in assenza di tali aiuti, infatti, la decisione di investire sarebbe stata, nella maggior parte dei casi, quantomeno rinviata se non abbandonata del tutto. Lerogazione degli incentivi ha svolto, pertanto, un ruolo determinante nella decisione dellinvestimento: emersa limportanza riconosciuta allaspetto finanziario delle agevolazioni, sia in termini di efficacia delle procedure di erogazione che in termini di disponibilit di fonti di finanziamento supplementari, che confermano come la scarsa dotazione di capitale proprio e la difficolt di accesso al credito siano alcuni tra i principali vincoli allo sviluppo imprenditoriale locale. Del resto, lo sviluppo del tessuto industriale seguito dalla Calabria nonch dal Mezzogiorno nel suo insieme ha fatto dellassistenzialismo pubblico, con i limiti che ci implica, uno dei fattori trainanti per la crescita economica.

Misura 2.3, Aiuti ai servizi alle imprese


Descrizione
Il tessuto industriale della Calabria, pur evidenziando i connotati tipici delle aree caratterizzate da un ritardo di sviluppo tecnologico ed economico-manageriale, ha presentato in questi ultimi anni incoraggianti segnali di dinamismo. Ci si evince, altres, dalla crescente domanda che si registrata in Calabria relativamente ai servizi reali alle imprese. Ancora oggi vi sono numerosi ostacoli che limitano lo sviluppo economico-imprenditoriale: la strutturale arretratezza dei sistemi di produzione; la prevalenza di aziende operanti in settori ormai saturi; la polverizzazione dimensionale delle aziende; la conseguente scarsa attitudine alla cooperazione; la limitata attenzione allo sviluppo delle attivit in ambito internazionale.

29 Lentrata in funzione coincide con la data di ultimazione degli investimenti (avvenuta per tutte entro il 31 dicembre 2001). 30 Lentrata a regime rappresenta il momento in cui i componenti della produzione si integrano fra di loro (tale momento, per contratto, deve avvenire entro 24 mesi dalla data di entrata in funzione).

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

263

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

In questo contesto, la Misura 2.3, Aiuti ai servizi alle imprese, ha completato il sistema degli interventi di aiuto e sostegno alla crescita del tessuto produttivo previsti, in generale, dallAsse 2, Industria, interessando due aspetti fondamentali del ciclo di produzione: la sviluppo e la disponibilit per le imprese di servizi reali alla produzione; lorganizzazione e la promozione del sistema di commercializzazione dei prodotti regionali.

Obiettivi strategici

Gli interventi a sostegno dellutilizzo dei servizi reali hanno inteso colmare alcune delle suddette lacune: il pi importante, dirigere le imprese verso lo sviluppo sui mercati nazionali e internazionali al fine di favorire limplementazione di quelle condizioni tecniche e organizzative necessarie per cogliere le opportunit offerte da una espansione commerciale. Questa misura stata finalizzata, nello specifico, a promuovere commercialmente l'ingresso delle imprese calabresi in mercati nazionali ed esteri, e sviluppare partnerships con realt nazionali ed estere, attraverso associazioni di categoria e societ di promozione imprenditoriale. A tal fine sono state attivate iniziative rivolte alla sicurezza sul luogo di lavoro, alla certificazione di qualit, allinnovazione tecnologica, al marketing strategico, al miglioramento ambientale, allinformatica ed alla telematica.

Caratteristiche delle agevolazioni e normativa di riferimento

Per la realizzazione delle iniziative programmate, in favore dei soggetti beneficiari stato previsto un contributo pari al 70% dellinvestimento complessivo. Limporto massimo ammissibile alle agevolazioni stato fissato in 150 milioni di lire per singola impresa. La misura ha previsto interventi sinergici in favore delle PMI calabresi considerate come un insieme omogeneo per quanto riguarda le problematiche dei servizi reali, indipendentemente dal settore economico di appartenenza. Gli interventi sono stati realizzati attraverso societ consortili di cui agli artt. 17-27-34 della Legge n. 317/91, selezionate con avviso pubblico, successivamente convenzionate con la Regione. Alla presente Azione sar applicata la regola de Minimis di cui alla Decisione CE (96) /C 68/06 Le risorse destinate allattuazione di questa Misura sono state pari a 96.663 milioni di lire: di queste, il 70% erano a carico della spesa pubblica (per un importo di 67.664 milioni di lire) mentre il restante 30% a carico dei privati (per un importo pari a 28.999 milioni di lire). A chiusura del programma le risorse utilizzate sono state 84.240 milioni di lire (pari al 87% circa del costo totale programmato).

Attuazione della Misura

Descrizione delle iniziative ammesse a finanziamento

La Misura 2.3 stata rivolta alle piccole e medie imprese calabresi operanti nel settore dellindustria, dellartigianato manifatturiero e del terziario avanzato. I servizi reali da agevolare per le piccole e medie imprese e per lartigianato, hanno riguardato prioritariamente il miglioramento della qualit aziendale, il miglioramento ambientale, la ricerca e linnovazione, la promozione dellattivit di vendita, la partecipazione a gare ed appalti, la promozione commerciale e le attivit e gli interventi specificatamente previsti dagli artt. 19, unico comma e 27, VII Comma della L. 317/91.

Risultati conseguiti

Sono state ammesse a finanziamento 1126 iniziative.

Spunti di riflessione

Limportanza dei servizi reali nella vita delle imprese ha trovato conferma nellentit delle risorse investite. Nellultimo quinquennio, infatti, la domanda di servizi delle imprese cresciuta notevolmente: gli ultimi dati confermano, infatti, che nei bilanci delle imprese una buona fetta dei ricavi (tra il 15 ed il 40%) stata investita in servizi reali. Appare evidente, insomma, che i servizi reali - specialmente se riguardano aspetti di carattere strategico (come

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

264

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

linnovazione tecnologica, la formazione manageriale e tecnico-professionale, lo sviluppo internazionale dellimpresa) - se da soli non sono sufficienti a favorire lo sviluppo delle PMI calabresi, contribuendo ad accrescere la capacit produttiva e manageriale, incidono in modo significativo sullo sviluppo e la competitivit delle PMI meridionali. In tal senso, numerose ricerche hanno dimostrato che lo sviluppo delle PMI difficile in mancanza di reti dofferta di servizi reali che consentano lespansione della capacit produttiva e manageriale evitando, cos, il rischio di un irrigidimento delle strutture aziendali. A fronte delle considerazioni suesposte sono emerse, per, alcune difficolt strutturali che hanno ridotto limpatto dei servizi reali e, conseguentemente lo sviluppo manageriale delle PMI: fra le altre, si segnala la diffidenza delle imprese verso i servizi reali. I benefici e la qualit dei servizi reali, infatti, non sono valutabili prima dellacquisto e, molto spesso, neanche subito dopo lerogazione; in tal senso fondamentali ogni forma di incentivazione finalizzata allabbassamento dei loro costi e alla riduzione del rischio percepito. Le aree aziendali a maggiore criticit sono state individuate in quelle legate ai servizi pi innovativi: ricerca e sviluppo, marketing, formazione del personale (manageriale e tecnico).

Misura 3.6, Promozione e commercializzazione dell'offerta turistica


Descrizione
Il POP Calabria 1994-99 ha puntato al miglioramento della qualit dellofferta turistica ed, in particolare, alla sua diversificazione per superare i limiti della stagionalit dei flussi turistici. Il turismo un fattore strategico di sviluppo con grandi prospettive di espansione nel breve-medio termine e un settore che, adeguatamente supportato e orientato, consente un processo di valorizzazione delle risorse coerente con le diverse sostenibilit territoriali: ecologica, economica, culturale. In fase di definizione degli obiettivi programmatici, pertanto, emersa la volont di perseguire il rafforzamento qualitativo e quantitativo dellofferta turistica regionale, agendo, oltre che sul tradizionale potenziamento della dotazione infrastrutturale31 in senso ampio (ricettiva, complementare, produttiva, sportivo-ricreativa), soprattutto sulle attivit di valorizzazione del patrimonio turistico-culturale e sulla promozione dellimmagine della Regione Calabria. La Calabria una regione caratterizzata: da una notevole ricchezza di risorse ambientali, storiche, artistiche ed antropologiche; da un enorme sviluppo costiero; da unimponente presenza di aree montane (quali l'Aspromonte, le Serre, la Sila e il Pollino). Un patrimonio di eccezionale valore intrinseco che, da solo, non assolutamente sufficiente per un considerevole sviluppo delle attivit turistiche.

31 Ci stato reso possibile attraverso lattuazione delle seguenti Misure: Misura 3.1, Aiuti agli investimenti turistici. Attraverso la spesa di 420.507 milioni di lire (di cui il 55% a carico dei privati) si perseguito, come obiettivo primario, quello della costruzione, ammodernamento, ampliamento e recupero delle strutture ricettive in appositi ambiti turistici, al fine di migliorare il patrimonio turistico alberghiero ed extra-alberghiero esistente e recuperare la concorrenzialit dellofferta turistica regionale, con lallungamento della stagionalit, la qualificazione e la diversificazione dellofferta (sono state finanziate pi di 200 iniziative con un incremento di 7.000 posti letto); Misura 3.2, Infrastrutture produttive. Attraverso una spesa di 96.504 milioni di lire circa, sono state realizzare pi di 40 macroinfrastrutture complementari allattivit ricettiva (ad esempio, campi da golf, parchi divertimento, piccoli porti turistici, centri congressi, ecc) nel rispetto dei vincoli ambientali e paesaggistici e nellambito di aree ben determinate, al fine di determinare un richiamo turistico destagionalizzato e permanente; Misura 3.3,Termalismo. Anche se con una spesa di appena 10.608 milioni di lire, sono stati realizzati interventi nellarea del termalismo al fine di valorizzare le potenzialit terapeutiche, strutturali, occupazionali e turistiche; in particolare si inteso promuovere il patrimonio termale e le localit termali, realizzare nuove captazioni e nuovi impianti, costruire, trasformare e ammodernare strutture ricettive per uso diretto di stabilimenti termali e realizzare strutture per loccupazione del tempo libero nellambito termale; Misura 3.4,Beni culturali. Con una spesa di 73.762 milioni di lire, si provveduto alla tutela, conservazione e valorizzazione del patrimonio culturale e storico della regione (pi di 100 interventi fra aree archeologiche e monumentali, musei, biblioteche, beni mobili, ecc..); Misura 3.5, Infrastrutture ricreative e sportive. Con una spesa di 68.608 milioni di lire, si provveduto al completamento/ristrutturazione (15 interventi) ed alla costruzione (pi di 30) di nuove infrastrutture sportive prevalentemente pubbliche, al fine di differenziare le tipologie di impianti tenendo conto della preminente diffusione di campi di calcio e da tennis, contro la scarsit di piscine e infrastrutture per latletica leggera.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

265

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

In tale ottica si inserita la Misura 3.6 del POP Calabria attraverso la quale si inteso realizzare un insieme di interventi diretti a favorire, migliorare e potenziare le politiche di promozione e pubblicizzazione della "risorsa" turistica calabrese, secondo una nuova logica di promozione in senso diversificato, comprendendo iniziative finalizzate a creare, anche ai fini della commercializzazione, un prodotto al massimo competitivo. In tal senso le aree di intervento ed i relativi obiettivi sono stati: promozione dell'offerta turistica, propriamente detta realizzata attraverso: - propaganda attraverso gli strumenti pubblicitari, i mezzi di informazione e azione di marketing; - partecipazione a fiere, mostre, esposizioni e altre forme organizzative della commercializzazione, promuovendo anche la presenza della rappresentanza degli operatori turistici; - realizzazione o acquisizione di materiale pubblicitario ed editoriale, nonch delle attrezzature tecniche necessarie per la produzione e diffusione; - realizzazione di iniziative in Italia e all'estero programmate e finanziate anche in collaborazione con Enti turistici strumentali, enti locali, consorzi di operatori, addetti alle attivit turistiche, operatori turistici singoli ed associati; sostegno ai Tour Operators ed imprese di viaggi per favorire la commercializzazione dell'offerta al fine di: - favorire l'inserimento della Calabria su un maggior numero di mercati e di cataloghi di T.O.; - rendere l'offerta competitiva superando per quanto possibile l'handicap della distanza e del conseguente maggior costo del trasporto; - stimolare l'impegno dei T.O. contribuendo all'affermazione del prodotto turistico calabrese sul mercato nazionale ed internazionale.

Obiettivi strategici

I contributi previsti dalla Misura 3.6 (pari 100% del costo del servizio, equamente distinti fra U.E. e Stato membro) sono stati erogati nel rispetto del regime "de minimis". Le procedure seguite sono quelle indicate nelle seguenti leggi regionali: n. 13 del 28.3.85, n. 10 del 21.3.83 (integrata e modificata dalla legge regionale n. 21 del 30.05.1986 e n. 6 del 7.3.1995. Le risorse previste per lattuazione delle iniziative programmate, pari a 88.722 milioni di lire, sono state completamente utilizzate: circa l80% sono state destinate alle attivit di promozione dell'offerta turistica, propriamente detta; mentre il restante 20% stato utilizzato per lerogazione di contributi ai Tour Operators ed imprese di viaggi per favorire la commercializzazione dell'offerta turistica.

Caratteristiche delle agevolazioni e normativa di riferimento

Attuazione della Misura

Descrizione delle iniziative ammesse a finanziamento

Le imprese che si sono avvalse dei benefici individuati dalla misura sono state, sostanzialmente, i soggetti pubblici e privati della regione che operavano nel settore del turismo in tutte le sue manifestazioni. Oltre alla prima tipologia di attivit rappresentata dallattivit di promozione dell'offerta turistica propriamente detta - realizzata attraverso propaganda (tramite i consueti strumenti pubblicitari e i mezzi di informazione); partecipazione a fiere, mostre, esposizioni e altre forme organizzative della commercializzazione; realizzazione o acquisizione di materiale pubblicitario ed editoriale pi incisive sono state le iniziative volte a sostenere i Tour Operators ed imprese di viaggi per favorire la commercializzazione dell'offerta. Tali attivit sono state effettuate nel rispetto delle disposizioni sancite dalla legge regionale n. 6 del 7 marzo 9532: ai soggetti beneficiari stato riconosciuto, nel rispetto di alcune condizioni - soggiorno non inferiore a 6 giorni, gruppo minimo di 25 persone, nei periodi di bassa stagione (escluso, cio, il periodo compreso tra il 15 luglio ed il 25 agosto) - un contributo pari al: 25%, per i voli charter e di linea; 35%, per i trasporti per ferrovia, su gomma e via mare;

32 Recante disposizioni relative allincentivazione del flusso turistico attraverso i trasporti aerei, ferroviari, su gomma e via mare.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

266

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

40%, nei casi di trasferimento con autopulman dagli scali aeroportuali, dai porti e dalle stazioni ferroviarie calabresi alle destinazioni ricettive e viceversa.

Tali contributi rendendo l'offerta pi competitiva e superando, cos, l'handicap della distanza e del conseguente maggior costo del trasporto, hanno stimolato l'affermazione del prodotto turistico calabrese sul mercato nazionale ed internazionale.

Risultati conseguiti

La Misura, essendo stata rivolta al sostegno delle iniziative tese a favorire la promozione e quindi la commercializzazione dell'offerta turistica calabrese, ha creato un sistema di servizi di informazione finalizzato al miglioramento della conoscenza da parte del turista delle peculiarit della Regione e dei servizi correlati alla promozione ed al marketing a livello nazionale ed internazionale delle potenzialit turistiche calabresi. Ci ha determinato: un miglioramento della conoscenza delle "risorse" turistiche; una maggiore sensibilizzazione della popolazione residente verso la politica dell'accoglienza; un incremento della durata media dei soggiorni ed un conseguente incremento delle presenze turistiche (in particolare provenienti dallestero); un prolungamento della stagione turistica; un incremento del periodo lavorativo stagionale e, quindi, un incremento dei posti fissi.

Spunti di riflessione

La Misura, per le sue caratteristiche di azione trasversale rispetto allasse 3, Turismo nel suo complesso, ha svolto un importante ruolo strategico in termini sinergici anche con altre Misure del Programma Operativo, con particolare riferimento a quelle legate alle infrastrutture a sostegno delle attivit produttive. Infatti, se si intende migliorare l'offerta turistica regionale per rendere il settore pi competitivo nei mercati nazionali ed internazionali, necessario che agli investimenti produttivi siano collegati interventi di sostegno fisici ed immateriali capaci di qualificare i servizi offerti e tali da consentire ai turisti la fruizione di tutte le peculiarit che pu offrire lambiente di riferimento.

Misura 4.4, Ricerca scientifica e tecnologica


Descrizione
La Misura 4.4, Ricerca scientifica e tecnologica, stata attuata nellintento di migliorare i livelli di ricerca e sviluppo tecnologico. In tal senso, le Universit regionali, gli istituti di ricerca, i consorzi scientifici e le imprese sono state chiamate a presentare proposte di programmi ed attivit tese ad accompagnare l'innovazione ed il trasferimento di tecnologie direttamente applicabili allo sviluppo economico della regione. Tra le azioni previste dal IV Programma Quadro di ricerca scientifica e tecnologica, che ha rappresentato il riferimento normativo per l'attuazione della presente Misura, la Regione ha individuato quelle maggiormente efficaci per il raggiungimento degli obiettivi della crescita e dello sviluppo, sia economico che occupazionale. Al fine di aumentare l'impatto benefico delle iniziative finanziate sul testo economico/ sociale della Regione, evitare sprechi e/o sovrapposizioni con attivit gi in corso o programmate, nonch permettere una selezione rigorosa delle proposte di ricerca, sono state considerate prioritarie quelle che presentavano un buon grado di dettaglio progettuale, un profilo ottimale secondo criteri di rilevanza e dimensione regionale e che offrivano maggiori garanzie di competenza ed esperienza da parte dei proponenti.

Obiettivi strategici

L'obiettivo principale riguarda la creazione di una sinergia tra la politica di ricerca e sviluppo e la politica di coesione economica e sociale, allo scopo di promuovere quelle attivit di ricerca maggiormente legate alla crescita economica ed occupazionale della regione.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

267

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Caratteristiche delle agevolazioni e normativa di riferimento

Il finanziamento erogabile previsto stato pari al 100% del costo ammissibile per universit, centri o istituti pubblici di ricerca o consorzi da loro formati. Per le imprese qualificate (ovvero, consorzi da loro formati) il contributo massimo erogabile stato, invece, pari al 60% dei costi ammissibili. Le risorse programmate per lattuazione delle iniziative previste sono state pari a circa 33 miliardi di lire. A fronte di tali risorse, sono stati realizzati 95 studi per una spesa complessiva di circa 31 miliardi di lire. Di questi: 57 studi, sono stati presentati dalle Universit (29 dallUniversit della Calabria e 14, rispettivamente, dallUniversit Magna Graecia e da quella di Reggio Calabria); 17 studi, invece, sono stati presentati da altri soggetti pubblici (istituti di ricerca, parchi scientifici, ecc.); 21 studi, infine, sono stati presentati da soggetti privati.

Attuazione della Misura

Gli interventi ammessi a finanziamento previsti, sono stati finalizzati al potenziamento della Regione nel campo della ricerca e delle innovazioni tecnologiche per quei settori considerati strategici per il suo sviluppo. In tal senso sono state incentivate le seguenti iniziative: attuazione di programmi di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione, attraverso la cooperazione con e tra le imprese, i centri di ricerca e le universit; promozione della cooperazione in materia di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione comunitari con i paesi terzi e le organizzazioni internazionali; diffusione e valorizzazione dei risultati delle attivit in materia di ricerca, sviluppo tecnologico e dimostrazione comunitari; impulso alla formazione e alla mobilit dei ricercatori della comunit.

Descrizione delle iniziative ammesse a finanziamento

A tal fine sono state considerate prioritarie alcune aree di intervento, fra le quali: tutela dell'ambiente e del territorio; recupero, tutela e valorizzazione di beni culturali per facilitarne la loro fruizione turistica; difesa del litorale e delle risorse marine; energie rinnovabili ed il risparmio energetico; ricerche nel campo biomedico e le biotecnologie; settore industriale in genere. In tal caso, lattivit di ricerca, sviluppo ed innovazione stata finalizzata alla promozione di attivit produttive esistenti ed alla creazione di nuove imprese attraverso la realizzazione di servizi informatici e telematici di supporto allo sviluppo delle piccole e medie imprese, linnovazione tecnologica nel campo dei materiali o delle costruzioni civili, lo sviluppo e la promozione di nuove tecnologie pulite, con l'obiettivo del mercato costituito dall'area mediterranea.

Risultati conseguiti

Lerogazione del contributo previsto ha determinato una intensificazione delle attivit di ricerca collegate allo sviluppo produttivo della Regione e dei rapporti di collaborazione tra i centri di ricerca e le imprese calabresi. Gli effetti socioeconomici hanno riguardato, da un lato, il potenziamento delle strutture di ricerca scientifica e tecnologica a livello regionale, dallaltro, il trasferimento di nuove tecnologie in favore delle piccole e medie imprese regionali e il miglioramento del livello di ricerca applicata.

Spunti di riflessione

Coerentemente con le finalit della Misura sono state promosse le attivit di ricerca maggiormente legate alla crescita economica ed occupazionale e rivolte a migliorare la cooperazione tra imprese, centri di ricerca ed universit.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

268

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

A tal proposito, in relazione alla scarsa dotazione infrastrutturale della Regione, sarebbe stata forse auspicabile una quota maggiore di progetti di ricerca applicata alla realizzazione di infrastrutture, anche al fine di sviluppare sinergie nel settore della ricerca regionale e di creare le premesse per la realizzazione di ulteriori progetti. Uno degli aspetti cruciali nel settore della ricerca stata la creazione di una partnership con altri soggetti da coinvolgere a vario titolo nella realizzazione del progetto: nel complesso, le universit sono risultate i soggetti maggiormente coinvolti in forme di partnership, anche a causa del loro ruolo istituzionale svolto nel settore della ricerca (nel 40% dei casi si trattato di strutture nazionali e nel 35% di strutture regionali. Ridotto risulta, ancora, il grado di coinvolgimento delle universit estere (il 10%). Il settore pubblico stato coinvolto nelle partnerships realizzate anche tramite gli Enti pubblici di ricerca e gli Istituti di ricerca. Come nel caso precedente, solo nel 10% dei casi gli enti coinvolti sono stati di provenienza internazionale, mentre nel 25% dei casi si trattato di soggetti regionali e nazionali. In futuro, per dare maggiore impulso e sostengo alla cooperazione internazionale nel campo della ricerca scientifica e tecnologica, sarebbe auspicabile prevedere una forma di agevolazione differenziata o la predisposizione di bandi espressamente finalizzati alla ricerca internazionale e quindi tesi a favorire il coinvolgimento di soggetti esteri (siano essi universit, soggetti pubblici diversi dalle universit o privati) nella costituzione di partnerships per la realizzazione del progetto.

3. Programma diniziativa Comunitaria PMI 1994/99


Descrizione
Il Programma diniziativa Comunitaria PMI 1994/99 stato approvato con decisione C(96) 1333 del 24/06/1996. Successivamente, il CIPE, con deliberazione 8 agosto 1996 (pubblicata sulla GUCE 8 ottobre 1996), ha proceduto alla definizione, coordinamento e finanziamento del programma degli interventi finanziari a fronte del FESR da effettuarsi negli anni 1996-98. Sempre nel 1996 la Regione ha avviato, innanzitutto, le procedure per lindividuazione dei soggetti ai quali affidare lattuazione delle azioni che compongono il programma succitato e, successivamente, quelle rivolte alla presentazione dei progetti nellambito del programma di iniziativa comunitaria PMI. Il programma, che ha attivato una spesa complessiva di oltre 73 miliardi di lire per il periodo 1994-99, si articolato in tre azioni (A, B e C): lazione A, ha riguardato iniziative dimostrative connesse alladozione di sistemi di qualit globale, allintroduzione di tecnologie pulite, allimpiego di servizi avanzati di telecomunicazioni, allinformatizzazione dei procedimenti di produzione; lazione B, ha previsto, invece, lerogazione di incentivi per favorire la cooperazione tra PMI sul piano regionale e trasnazionale anche al fine di costituire servizi comuni; lazione C, ha previsto, infine, sovvenzioni a favore delle PMI per lattuazione di piani strategici aziendali e per laccesso al capitale di rischio.

Lobiettivo fondamentale di tale iniziativa ha riguardato: la rimozione degli ostacoli alla competitivit delle imprese; il rafforzamento delle strutture e servizi utili a favorire ladattamento al nuovo scenario internazionale. In particolare, le attivit finanziate nellambito dellazione B sono state finalizzate al rafforzamento complessivo del tessuto industriale attraverso il sostegno di iniziative derivanti da accordi fra imprese locali e imprese nazionali/internazionali (joint ventures, contratti di subfornitura, accordi di licenza, costituzione di GEIE). Il contributo massimo riconoscibile stato fissato nella misura del 50% del costo del servizio. Limporto massimo ammissibile alle agevolazioni stato fissato in 200 milioni di lire per singola impresa, nel rispetto della regola de Minimis di cui alla Decisione CE (96) /C 68/06
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Obiettivi strategici

Caratteristiche delle agevolazioni e normativa di riferimento

269

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Attuazione della Misura

Rispetto alle risorse disponibili, alla chiusura del programma, i pagamenti sostenuti sono stati di poco superiori ai 47 miliardi di lire (pari al 64,73% circa del programma). Nello specifico: lAzione A lazione B, a fronte di un costo complessivo pari a 22 miliardi di lire circa, ha sostenuto pagamenti per 13.405 milioni di lire (pari al 60,93%).

Descrizione delle iniziative ammesse a finanziamento.

I servizi ammessi al finanziamento sono stati rivolti: alla definizione degli strumenti di marketing (prodotto, prezzo, immagine, strategia di sbocco), alla ricerca di aziende partners per la cooperazione, alla consulenza per la partecipazione a filiere o attivit similari, allorganizzazione di incontri con responsabili degli acquisti di grandi imprese.

Risultati conseguiti

I risultati, seppur apprezzabili, non sono stati del tutto soddisfacenti, e gli obiettivi sono stati conseguiti solo parzialmente. Le cause principali di tale risultato vanno ricercate: nellimpossibilit/incapacit, da parte delle imprese, di rispettare il vincolo della cooperazione (molte imprese, infatti, hanno rendicontate spese, poi non riconosciute, per lacquisto di servizi che prescindevano da un contesto di cooperazione); della difficolt/impossibilit di finanziare, con propri mezzi, una quota pari a oltre il 50% del costo dei programmi, corrispondente in valore assoluto, nella maggioranza dei casi, a importi dellordine di 100/200 milioni di lire.

Spunti di riflessione

Per come esposto nel punto precedente, una delle cause che hanno impedito di ottenere risultati apprezzabili stata la difficolt/impossibilit di finanziare, con propri mezzi, una quota pari a oltre il 50% del costo dei programmi. In futuro, al fine di stimolare gli imprenditori ad aprirsi ai processi di internazionalizzazione e a confrontarsi con omologhi sistemi di altre aree geografiche, allo scopo di trovare forme di integrazione e di collaborazione nei principali settori produttivi e/ commerciali, sarebbe auspicabile prevedere delle forme di agevolazioni pi adeguate, al fine di abbassare il costo del servizio e ridurre ulteriormente il rischio di rivolgere parte dellattivit produttiva verso paesi, fino a ieri del tutto sconosciuti.

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

270

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

M) GLI INTERVENTI EXTRA-POR: LE INIZIATIVE DI COOPERAZIONE TRANSNAZIONALE (LEADER II)


La cooperazione transnazionale costituisce una grossa opportunit di crescita per le aree rurali poich offre agli attori locali la possibilit di avviare proficui rapporti di collaborazione e di scambio (economici, sociali, culturali) con altre realt, nazionali ed europee, e di proiettarsi cos verso lesterno in contesti pi ampi. L'obiettivo primario della cooperazione transnazionale infatti quello di sviluppare una solidariet attiva fra le aree rurali europee attraverso lelaborazione, la realizzazione e la commercializzazione in comune di prodotti e servizi in tutti i campi dello sviluppo rurale (Comunicazione n.94/C 180/12 del 15 giugno 1994). per questo motivo che la Commissione Europea ha messo a disposizione di queste aree uno strumento aggiuntivo nell'ambito dell'Iniziativa LEADER II33, specificamente la misura C, pensato appositamente per consentire e valorizzare le esperienza di cooperazione transnazionale. Alla misura C stato riservato, a livello europeo, un importo pari a circa 140 milioni di euro cui si sono aggiunti 4 milioni di Euro che la Commissione Europea, consapevole delle difficolt che lavvio di un progetto di cooperazione comporta, ha messo a disposizione dei Gruppi LEADER perch questi potessero sostenere le eventuali spese di assistenza nelle prime fasi di ideazione dei progetti. Questa assistenza, affidata allOsservatorio Europeo per lo sviluppo rurale, si configurata in un supporto finanziario e tecnico relativamente ad attivit per: l'organizzazione degli incontri iniziali (fase a: dallidea al progetto), per cui poteva essere concesso un finanziamento massimo di 5.000 Euro, la verifica della fattibilit del progetto (fase b: dal progetto allazione), per cui poteva essere concesso un finanziamento massimo per progetto di 20.000 Euro.

I territori rurali italiani hanno risposto positivamente allopportunit offerta loro dalla Commissione ed hanno avviato una serie di scambi e di collaborazioni con altre realt rurali europee. Tutto ci si concretizzato nellavvio di 144 idee-progetto, di cui 107 si sono trasformate in progetti concreti, attualmente in fase di completamento. Progetti attivati dai GAL italiani Regione Abruzzo Bolzano Basilicata Calabria Campania Emilia Friuli Lazio Liguria Lombardia Marche N.ro progetti per regione 3 13 18 4 14 4 11 3 2 7 Regione Molise Piemonte Puglia Sardegna Sicilia Toscana Trento Umbria Valle d'Aosta Veneto N.ro progetti per regione 3 12 14 7 4 13 1 13 2 7

Fonte: nostra elaborazione da Banca Dati Rete Leader II - INEA

La Calabria la regione che vanta la pi alta partecipazione in termini di numero di progetti visto che sono diciotto i progetti che vedono coinvolti Gal calabresi in iniziative di cooperazione e il cui elenco riportatto nella tabella che segue.
33 Le informazioni riportate sono state tratte dalle seguenti pubblicazioni: INEA, Repertorio dei progetti di cooperazione transnazionale, Roma, dicembre 2001 Rete Leader, rivista quadrimestrale della Rete nazionale per lo Sviluppo Rurale, numero 8, autunno2001 INEA, Esperienze e progetti per lo svilupop di aree rurali, Una raccolta di casi innovativi dal Leader II, vol. 1, Roma ficembre 2001

Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

271

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

Progetti in cui sono coinvolti GAL Calabresi


NOME TITOLO PROGETTO Alto Jonio Cosentino Sviluppo turistico e itinerari culturali-Grecia/Magna-Grecia Due Consorzio Sviluppo Alto Formazione collettiva e scambi di savoir faire per lo sviluppo di Crotonese azioni di trasferimento di tecnologie e di animazione specifiche alle attivit di allevamento da latte del bacino mediterraneo Alta Locride Gestione e commercializzazione del prodotto ecomuseo V.A.T.E. Gastronomia locale/Rete di ristoratori del Mediterraneo V.A.T.E. Parallelo 40:rete Commercializzazione V.A.T.E. Catalogo per la promozione di prodotti tipici di qualit Area Grecanica Scambio know-how e apertura nuovi mercati Serre Calabresi EURETNICA Serre Calabresi GEOART Serre Calabresi Locride Valle del Crati Valle del Crocchio G.A.L.A.T.I.C.A. Monte Poro Monte Poro Monte Poro Asprogal Serre Vibonesi SETTORE DI INTERVENTO Turismo rurale Valorizzazione prodotti tipici

Ambiente e cultura Valorizzazione prodotti tipici Valorizzazione prodotti tipici Valorizzazione prodotti tipici Valorizzazione prodotti tipici Turismo rurale Piccole imprese, artigianato e servizi zonali REPREM-Rete di prodotti rurali dellEuropa Mediterranea Valorizzazione prodotti tipici Utilizzo del legno nella costruzione e nel restauro di edifici" Valorizzazione prodotti tipici Prodotti locali e antiche tradizioni rurali nei piatti tipici delle feste Valorizzazione prodotti tipici La valorizzazione della castagna Valorizzazione prodotti tipici ECODESAROLLO Valorizzazione prodotti tipici Rete di cooperazione transazionale per lo sviluppo del turismo Turismo rurale rurale La sostenibilit dei sistemi agricolinelle zone marginali dellarea Valorizzazione prodotti tipici Mediterranea Rete di cooperazione transnazionale per la commercializzazione dei Valorizzazione prodotti tipici prodotti tipici locali Lintegrazione dellambiente naturale allinterno dello sviluppo del Ambiente e cultura territorio/Valorizzazione sistema ambientale e turistico Aspromonte Rete di cooperazione transazionale per lo sviluppo del turismo Turismo rurale rurale

Nei paragrafi successivi riportata la sintesi di cinque iniziative di cooperazione transnazionale nelle quali i GAL calabresi hanno funto da coordinatore. Si tratta dei seguenti progetti: GEOART, coordinato dal GAL Serre Calabresi, "Rete di Cooperazione Transnazionale per lo sviluppo del turismo rurale", coordinato dal GAL Monte Poro, "Rete di cooperazione transnazionale per la commercializzazione dei prodotti tipici locali", anche questo coordinato dal GAL Monte Poro, "Gastronomia locale/Rete di ristoratori del Mediterraneo", coordinato dal GAL V.A.T.E., "Catalogo per la promozione di prodotti tipici di qualit", pure coordinato dal GAL V.A.T.E..

1. GAL Serre Calabresi


Descrizione dell'area Il territorio del GAL Serre Calabresi localizzato nellarea del Versante Ionico catanzarese, nel tratto che corrisponde alla parte pi stretta della Calabria e comprende i comuni di Amaroni, Argusto, Badolato, Cardinale, Cenadi, Centrache, Chiaravalle Centrale, Davoli, Gagliato, Gasperina, Girifalco, Guardavalle, Isca sullo Ionio, Montauro, Montepaone, Olivadi, Palermiti, Petrizzi, San Sostene, San Vito sullo Ionio, Santa Caterina dello Ionio, SantAndrea Apostolo dello Jonio, Satriano, Squillace, Stalett, Torre di Ruggiero, Vallefiorita. Si tratta di un territorio prevalentemente montuoso e collinare da sempre interessato da uneconomia chiusa e povera in cui le popolazioni locali hanno sofferto per lungo tempo lisolamento. L'area caratterizzata da unagricoltura di tipo tradizionale, con coltivazioni arboree: agrumi, vigneti e oliveti, i cui elementi distintivi sono rappresentati da una forte frammentazione aziendale e da una scarsa meccanizzazione. Altre produzioni tipiche sono costituite dal nocciolo e dalle castagne. Per queste ultime funzionano due centri di raccolta e di commercializzazione. Sono presenti svariati caseifici, di piccole dimensioni, che collocano i propri prodotti sul mercato locale.
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

272

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

ancora significativa la presenza di forme di artigianato artistico e tradizionale che si articola principalmente nel settore tessile, del legno, del ferro e della ceramica Il flusso turistico si limita ai pochi mesi estivi ed penalizzato dalla mancanza di infrastrutture di supporto. In ogni caso, larea in questione, al pari di altre della regione, esprime una forte vocazione allagriturismo tradizionale ed a quello tematico (salutistico, ambientale e culturale). Tra le altre specificit dell'area si segnala la presenza di un vasto e ricco patrimonio boschivo e di resti di insediamenti greco-romani. Titolo delliniziativa :GEOART Piccole imprese, artigianato e servizi zonali

Settore di intervento

Soggetto capofila Altri Partners

GAL Serre Calabresi Italia: Antico Frignano, Flaminia-Cesano, Eugubino Gualdese Perugino; Spagna: Alpujarra Il progetto GEOART nato dall'esigenza comune dei partner di promuovere e valorizzare l'artigianato artistico presente nelle diverse aree coinvolte. Sebbene, infatti, la lavorazione artistica della ceramica abbia antiche e profonde radici, il settore appare un po' in crisi per diversi motivi: l'esodo rurale, la mancanza di canali di commercializzazione europei e non, l'incapacit di tenere il passo in modo competitivo con l'evoluzione del sistema. Obiettivo generale del progetto stato quello di innescare occasioni di sviluppo economico, rivitalizzando conoscenze e abilit specifiche, risorse e produzioni locali in un processo che coinvolga sia il mercato interno che il mercato esterno. Nello specifico, il progetto ha inteso rivalutare e sviluppare l'artigianato tradizionale legato alla lavorazione della ceramica nonch promuovere, valorizzare e commercializzare i prodotti dell'artigianato attraverso la realizzazione di stage e seminari formativi rivolti ai giovani; l'organizzazione di eventi da tenere nelle botteghe artigiane e negli istituti d'arte di ciascun territorio; la pubblicazione di un testo sulla lavorazione della ceramica con descrizione delle tecniche e dei materiali utilizzati e di un cd-rom comune. Inoltre nell'ambito della valorizzazione e della commercializzazione dei prodotti dell'artigianato, stata prevista la creazione di un logo comune GEOART, la realizzazione di una scheda tecnico-didattica quali-quantitativa, di un pieghevole GEOART, di un filmato, di una vetrina comune e di un sito web. I gruppi hanno beneficiato direttamente dei finanziamenti previsti per la verifica della fattibilit e i 20.000 EURO ricevuti dall'Osservatorio Europeo sono stati utilizzati per realizzare diversi incontri-workshop, nel corso dei quali sono state fissate le modalit d'intervento. In fase di attuazione i gruppi hanno coinvolto gli artigiani mettendo in atto insieme a essi azioni comuni e locali. Le azioni congiunte di carattere promozionale hanno riguardato la realizzazione di materiale pieghevole in pi lingue, il filmato promo-pubblicitario sulla ceramica "GEOART", che il risultato dell'assemblaggio dei filmati rappresentativi di ciascun territorio, il sito web www.geoart.it, una vetrina espositiva contenente le ceramiche realizzate da ogni partecipante, e lo striscione GEOART. I workshop realizzati nell'ambito del progetto si sono tenuti tra giugno 2000 e marzo 2001 presso il GAL spagnolo e sono stati l'occasione per presentare i risultati. Tali workshop, suddivisi in sessioni operative e pratico-dimostrative, hanno coinvolto gli artigiani locali dei rispettivi paesi (per il GAL Serre Calabresi il Consorzio Le ceramiche di Squillace), beneficiari del progetto. Nella sessione pratico dimostrativa gli artigiani dei GAL hanno avuto la possibilit di insegnare e apprendere le diverse tecniche di lavorazione, consolidando in tal modo oltre alla rete di informazioni gi avviata in altri
Unit Tecnica per l'Internazionalizzazione

Sintesi delliniziativa

273

Attivit di identificazione delle potenzialit di internazionalizzazione economico-culturale delle Regioni Ob.1 Rapporto Calabria

momenti, lo scambio di know-how e di valori generalmente condivisi dagli artigiani che, a prescindere dal paese e dalla cultura, operano con la consapevolezza di "preservare" la propria identit, di sviluppare la capacit di costruire azioni comuni e di organizzarsi intorno a nuove idee. A livello locale il GAL Serre Calabresi ha istituito il Polo di Osservazione GEOART. stato organizzato per maggio 2001 un concorso europeo sulla ceramica artistica rivolto ad artigiani, studenti, artisti e un simposio che ha riguardato sia le esperienze a confronto sia le prospettive future del progetto e che ha costituito l'occasione per la premiazione delle opere vincitrici del concorso europeo e la diffusione del catalogo telematico. Infine stata erogata una borsa di studio a uno studente spagnolo che potr ricevere grazie a essa, l'attestato di qualifica (3 anno del Diploma di Post q