Sei sulla pagina 1di 4

Bach + Beatles - Orchestra ClassicaViva Vigevano, 30 ottobre 2011

Ringraziamenti:

Prossimi spettacoli della stagione musicale: - marted 14 febbraio 2012, ore 21 : Il cuore sempre cuore - sabato 21 aprile 2012, ore 21: Il grande spiker: Vito Pallavicini

Una produzione NT Cultura in collaborazione con Multipath


E-mail ntcultura@gmail.comhttp://ntcultura.blogspot.com Direzione organizzativa Eleonora Bianchi e Mattia Brunello Mob. 346.6726509 - 333.4604209 Direzione artistica M Antonio Bologna testi e redazione del presente programma a cura di Ines Angelino

ClassicaViva - http://www.classicaviva.com
direzione.editoriale@classicaviva.com

pag. 8

Bach + Beatles - Orchestra ClassicaViva Vigevano, 30 ottobre 2011

Bach + Beatles - Orchestra ClassicaViva Vigevano, 30 ottobre 2011


del Conservatorio, con la quale si recato in Sud America per una Tournee. Dal 2008 collabora regolarmente con le orchestre Arcantico, Orchestra dellUniversita Statale, Nuova Cameristica, Camerata Nordica, Milano Classica, ClassicaViva, Follia Barocca, Accademia delle Opere. Si sta perfezionando in musica antica con il M C. Barbagelata e il gruppo cameristico Arcantico, con il quale sta svolgendo unintensa attivit concertistica. Stefano Ligoratti, nato nel 1986, ha svolto la sua intera formazione presso il Conservatorio G. Verdi di Milano, diplomandosi a pieni voti in Pianoforte (Triennio e Biennio), Organo, Clavicembalo, Direzione dOrchestra e Composizione. Dopo il primo concerto organistico, tenuto nel 1999, ha affiancato gli studi in Conservatorio a una intensa attivit concertistica, esibendosi per importanti enti sia in Italia che allestero, nelle vesti di solista, camerista (sia come pianista, che come organista e clavicembalista) e Direttore dOrchestra. E vincitore di diversi premi in Concorsi nazionali e internazionali, tra cui il concorso di Castrocaro per lXI Rassegna dei migliori diplomati 2006 e il prestigioso concorso pianistico europeo Mario Fiorentini di La Spezia, svoltosi nel gennaio 2010, nel corso del quale ha vinto sia il primo premio, che quello del pubblico, che quello per il pianista pi giovane. Direttore artistico del Network musicale ClassicaViva, per cui incide in esclusiva, si esibisce con grande successo alla guida dellomonima Orchestra, da lui fondata nel 2005, spesso nella duplice veste di pianista solista, clavicembalista, bassocontinuista e Direttore. L'orchestra "ClassicaViva", a organico stabile, formata da eccellenti giovani professionisti, tutti diplomati, specializzati o specializzandi presso il Conservatorio "G. Verdi" di Milano. E' stata fondata dal Maestro Stefano Ligoratti, che ne il Direttore Stabile o Principale, nell'estate 2005. E' davvero una nuova proposta: una struttura giovane, fresca, entusiasta, interamente autonoma, che si regge esclusivamente sulla propria capacit artistica e sulle capacit organizzative del Network "ClassicaViva", lavorando sempre ad alti livelli artistici e professionali.
pag. 7

BACH+BEATLES: The Peter Breiner Project Orchestra darchi ClassicaViva Direttore: Stefano Ligoratti
Solisti: Antonio Bologna (Clavicembalo) - Gianni Biocotino (Flauto) - Jamiang Santi (Violino)

Programma
J. S. Bach
Concerto per violino, archi e basso continuo in la min. BWV 1041

- [senza indicazione di tempo] - Andante - Allegro assai


Suite n. 2 in si min. BWV 1067

J. S. Bach

- Ouverture - Rondeau - Sarabande - Bourre I e II - Polonaise - Menuet - Badinerie


Beatles Concerto Grosso n. 3

P. Breiner

- OUVERTURE - The Long and Winding Road - RONDEAU - Eight Days a Week - SARABANDE - Shes Leaving Home - BOURRE - We Can Work It Out - POLONAISE - Hey Jude - BADINERIE - Yellow Submarine

Intervallo
J. S. Bach
Concerto Brandeburghese n.5 in re magg. BWV 1050

- Allegro - Affettuoso - Allegro

P. Breiner

Beatles Concerto Grosso n. 4 - Here Comes The Sun

- Michelle - Goodnight
pag. 2

Bach + Beatles - Orchestra ClassicaViva Vigevano, 30 ottobre 2011

Bach + Beatles - Orchestra ClassicaViva Vigevano, 30 ottobre 2011

York. Breiner ha inciso oltre 150 album come direttore d'orchestra o pianista. E noto per i suoi arrangiamenti, come le versioni barocche dei Beatles e di Elvis Presley, e quelli di musica popolare natalizia. Nel 2004 la sua composizione che citava e fondeva tutti gli inni nazionali del mondo stata utilizzata ad Atene dal Comitato olimpico come musica per le Olimpiadi. Il suo triplo CD "Janacek Operatic Suites", pubblicato dalletichetta Naxos, stato uno dei primi dieci CD di Classica del 2009, secondo il Chicago Tribune. Antonio Bologna, vigevanese, ha una formazione artistica fatta di lunghi anni di studio musicale, e una formazione scientifica in informatica. Suona e scrive molto, produce, qualche volta dirige, insegna in dosi omeopatiche. Tra le sue committenze: RAI, BBC, Serate musicali Milano, Pomeriggi Musicali. Premio Respighi 2006. Le sue musiche sono apprezzate in Italia e all'estero (Germania, Francia, Gran Bretagna, Giappone...). Si definisce un artigiano. Gianni Biocotino si brillantemente diplomato al Conservatorio di Milano, perfezionandosi con Maxence Larrieu, Trevor Wye e Conrad Klemm. Passato attraverso innumerevoli esperienze musicali (dalla Scuola di Musica di Fiesole ai Pomeriggi Musicali di Milano passando per l'orchestra UECO), si esibito al fianco dei pi importanti artisti in italia e in 4 dei 5 continenti. Ha perso il conto delle segnalazioni e dei premi. Docente di flauto presso lIstituto Superiore di Studi Musicali "A.Peri" di Reggio Emilia, tiene corsi di interpretazione flautistica e di musica da camera. Jamiang Santi ha iniziato lo studio del violino a cinque anni con Vittoria Cefaly Santi proseguendo presso il Conservatorio G.Verdi di Milano dove si brillantemente diplomato sotto la guida del M U. Oliveti, perfezionandosi poi con i M C. Rossi, F. Cusano e F. Luciani. Dal 2007 fa parte del Quartetto Indaco, vincitore di numerosi concorsi e con una intensa attivit concertistica, nel corso della quale si esibito con grande successo in molti festival, tra cui Spoleto Festival dei due Mondi, Podium Festival, Aldeburgh Festival, Festival della Creativita, Aosta Classica. Contemporaneamente ha partecipato attivamente alla stagione concertistica dellOrchestra Nuova Cameristica, Orchestra Filarmonica del Conservatorio e Orchestra Giovanile
pag. 6

Questo concerto: Bach e i Beatles


A parte la vicinanza alfabetica nelle enciclopedie musicali, Bach e Beatles sembrano non avere niente a che fare l'uno con gli altri. E invece, a ben guardare, le contiguit ci sono. Ne ricordiamo giusto tre: la sintesi di un'epoca, l'essere fuori dal sistema, la consapevolezza di essere emblema. La sintesi di un'epoca: sia Bach che i Beatles sono - ognuno per il proprio ruolo - i perfetti rappresentanti della propria epoca, in un modo che contemporaneamente ricco di tutto il passato ma aperto al futuro. Fuori dal sistema: tuttavia entrambi non sono assolutamente assimilabili ai propri contemporanei. In qualche modo la musica di questi giganti diventa senza-tempo. Essere emblema: dal modo con cui Bach e i Beatles hanno scelto di presentare la propria opera si intuisce la consapevolezza da parte loro di una vera e propria "missione". Tanto che, in entrambi i casi, la fine della parabola creativa ha coinciso con la fine della vita stessa. Bach infatti muore durante la stesura della sua "fuga culmine", con l'esposizione del tema formato dalle note coincidenti con il proprio nome (B-A-C-H). Opera e artista che si assimilano vicendevolmente. I Beatles, in modo quasi analogo, si sciolgono in modo apparentemente inopinato, quando stato (a loro) chiaro che non avevano pi nulla da dire insieme.

Da queste considerazioni nato, da unidea di Antonio Bologna, questo affascinante e imprevedibile concerto: Bach+Beatles: The Peter Breiner Project. Dalla straordinaria inventiva di Peter Breiner (Humenn, 1957), compositore slovacco naturalizzato americano, celebre per aver tradotto, nei suoi concerti di musica barocca, le pagine orchestrali pi celebri di Bach e i pi grandi

pag. 3

Bach + Beatles - Orchestra ClassicaViva Vigevano, 30 ottobre 2011

Bach + Beatles - Orchestra ClassicaViva Vigevano, 30 ottobre 2011


Johann Sebastian Bach (Eisenach, Turingia 1685 - Lipsia 1750), compositore tedesco di epoca barocca, nacque da una famiglia che in sette generazioni produsse pi di cinquanta musicisti illustri, da Veit Bach a Wilhelm Friedrich Ernst Bach. Johann Sebastian ricevette la prima educazione musicale dal padre, Johann Ambrosius. Rimasto orfano, and a vivere e a studiare presso il fratello maggiore, Johann Christoph, organista a Ohrdruf. Nel 1700 Bach cominci a guadagnarsi da vivere cantando nel coro della chiesa di San Michele a Lneburg. Nel 1703 entr a far parte come violinista dellorchestra da camera del principe Johann Ernst a Weimar; quello stesso anno si trasfer ad Arnstadt, dove divenne organista di chiesa. Nellottobre del 1705 ottenne un mese di licenza per studiare con il celebre organista e compositore Dietrich Buxtehude. Nel 1707 spos una cugina di secondo grado, Maria Barbara Bach, e si trasfer a Mlhausen come organista della chiesa di San Biagio. Torn a Weimar lanno seguente, occupando il posto di organista e violinista alla corte ducale di Wilhelm Ernst e vi rimase per i successivi nove anni, assumendo nel 1714 lincarico di direttore dellorchestra di corte. La moglie mor nel 1720 e lanno seguente egli spos Anna Magdalena Wilcken, valente cantante e figlia di un musicista di corte. Nel 1723 Bach si trasfer a Lipsia, dove trascorse il resto della sua vita, come direttore musicale e maestro del coro della chiesa e della scuola della Thomaskirche. Nellultimo anno della sua vita, Bach, divenuto quasi cieco, si sottopose a una operazione chirurgica gli occhi, purtroppo senza esito, e mor subito dopo a Lipsia il 28 luglio 1750. Negli anni che seguirono la sua morte, Bach fu ricordato pi come virtuoso di organo e di clavicembalo che come compositore. Le sue frequenti tournes gli avevano assicurato la fama di massimo organista dellepoca, ma le preferenze dei suoi contemporanei in generale andavano allemergente stile preclassico. Il risultato fu che nel corso dei seguenti ottantanni la sua musica fu pressoch ignorata dal pubblico. Solo nei primi decenni dell800, grazie soprattutto a Felix Mendelssohn , la sua opera venne riscoperta e rilanciata fino ad arrivare allenorme popolarit odierna. Peter Breiner, nato il 3 luglio 1957 a Humenn, nella ex Cecoslovacchia, l'attuale Slovacchia, pianista, direttore d'orchestra e compositore. Breiner ha iniziato gli studi di pianoforte all'et di quattro anni, entrando a nove al Conservatorio di Koice, in Slovacchia (dove ha studiato pianoforte, percussioni, composizione e direzione d'orchestra). Successivamente si trasferito a Bratislava, in Slovacchia, per frequentare l'Academy of Performing Arts, continuando i suoi studi di composizione sotto la guida di Alessandro Moyzes, e vi si diplomato nel 1982. Successivamente si trasferito a Toronto, in Canada, fino al 2007, anno nel quale si definitivamente stabilito a New

successi dei Beatles, nasce BACH + BEATLES. Un momento di sperimentazione moderna dal gusto raffinatamente classico. Come saranno interpretate le voci dei quattro talenti di Liverpool? Si immagini unorchestra perfettamente barocca, con tanto di concertino, armonizzare storici pezzi come Yellow Submarine, Here Comes the Sun, Hey Jude, Michelle e molto altro. Si tratta di due composizioni di Breiner presentate per la prima volta in Italia, con le note di McCartney, Lennon, Harrison e Starr, rivisitate secondo gli stilemi barocchi e in particolare anche nello stile di Johann Sebastian Bach, che rivela qui ancora una volta tutta la sua modernit. Ai concerti Grossi di Breiner si affiancano, per un confronto diretto e stimolante, le opere originali di Bach cui egli si ispirato, con un dialogo musicale serrato ed esaltante. Sotto la sapiente direzione del M Stefano Ligoratti (classe 1986), lOrchestra darchi ClassicaViva trasporter il pubblico in una dimensione musicale davvero originale, coi tratti geniali delle armonie barocche uniti a quelle moderne: due mondi che non solo si confronteranno, ma si fonderanno.

pag. 4

pag. 5