Sei sulla pagina 1di 90
M. Paola Cariaggi
M. Paola Cariaggi
Pap-test Per circa 60 anni questa metodica di esame non ha subito variazioni se non
Pap-test
Per circa 60 anni questa metodica di esame
non ha subito variazioni se non per quanto
riguarda le classificazioni.
Da circa 10 anni stanno entrando in uso
dei cambiamenti “rivoluzionari”
 Lettura computer assistita
 Strato sottile per l’allestimento dei preparati
 Test ancillari per la determinazione dell’HPV
Apparecchio a “reti neurali” (Pap Net)  Il sistema si basava sul confronto delle immagini
Apparecchio a “reti neurali”
(Pap Net)
 Il sistema si basava sul confronto delle immagini
scannerizzate con quelle fornite alla memoria
della macchina
 Selezionava 64 immagini da visionare a video da
parte del citologo.
Apparecchio che utilizza algoritmi (Autopap)
 Il sistema si basa sulla digitalizzazione di immagini
che una serie di computer analizzano attraverso
algoritmi
 Viene scansionato il vetrino, analizzati 1000 campi
(FOV) e selezionati i 15 più significativi che il citologo
guarda al microscopio
Lettura computer assistita Parametri morfologici analizzati  rapporto nucleo citoplasma  volumi cellulari 
Lettura computer assistita
Parametri morfologici analizzati
 rapporto nucleo citoplasma
 volumi cellulari
 cromasia
 presenza e numero di nucleoli
Analizza le caratteristiche di singole
cellule e aggregati cellulari in
monostrato o ammassati
AUTOPAP Workstation Slide processor 210 vetrini in 24 ore scansionati a 4x e 20x
AUTOPAP
Workstation
Slide processor
210 vetrini in 24 ore scansionati a 4x e 20x
AUTOPAP Workstation Slide processor 210 vetrini in 24 ore scansionati a 4x e 20x
AUTOPAP PRIMARY SCREENING SYSTEM Seleziona come sicuramente negativi circa il 25% dei vetrini processati e
AUTOPAP PRIMARY
SCREENING SYSTEM
Seleziona come
sicuramente negativi
circa il 25% dei vetrini processati e
qualificati
da non visualizzare al microscopio
AUTOPAP PRIMARY SCREENING SYSTEM  NO FURTHER REVIEW  REVIEW qualificati  REVIEW SCANT CELLULARITY
AUTOPAP PRIMARY
SCREENING SYSTEM
 NO FURTHER REVIEW
 REVIEW
qualificati
 REVIEW SCANT
CELLULARITY
 PROCESS REVIEW
non
qualificati
 RERUN
 EMPTY
Slide Results Report(Sorted by date) Conventional glass Action: Review Barcode Processed on: Process Status:
Slide Results Report(Sorted by date)
Conventional glass
Action:
Review
Barcode
Processed on:
Process Status:
Adequacy:
Squamous:
(data)
Endocervical:
Infla/Obsc:
Scan completed
Sat
Detected
Detected
< 50%
Quintile:
5th
Action:
N.F.R
Barcode
Processed on:
Process Status:
Scan completed
Adequacy:
Sat
Squamous:
Detected
(data)
Endocervical:
Detected
Infla/Obsc:
< 50%
Quintile:
Barcode
Barcode
AUTOPAP PRIMARY SCREENING SYSTEM Review lettura delle mappe  copiando le mappe dal facsimile cartaceo
AUTOPAP PRIMARY
SCREENING SYSTEM
Review
lettura delle mappe
 copiando le mappe dal facsimile
cartaceo
 con l’ausilio dello Slide Wizard
Pap-test Le nuove metodiche, prima di entrare in routine, devono essere verificate. Cosa dobbiamo pretendere
Pap-test
Le nuove metodiche, prima di entrare
in routine, devono essere verificate.
Cosa dobbiamo pretendere da una
metodica perché possa sostituirne
una ormai collaudata da tanti anni ?
 Deve avere una sensibilità maggiore
 Oppure avere un costo inferiore
 Meglio, averli entrambi
 L’applicabilità in routine
Primo studio: Confronto in cieco tra la lettura convenzionale e quella computer assistita  Lettura
Primo studio: Confronto in cieco tra la
lettura convenzionale e quella computer
assistita
 Lettura in doppio cieco di 14.145 Pap-test
effettuata a distanza di 3-4 giorni (prima
convenzionale poi mappe)
 Diagnosi effettuate secondo un protocollo
preciso e computerizzate separatamente.
 Cronometrati i tempi di lettura di almeno
100 preparati convenzionali e 100 con mappe
AUTOPAP SYSTEM Sperimentazione Pap-test letti in doppio nel periodo settembre 2000 – aprile 2001: 14.145
AUTOPAP SYSTEM Sperimentazione Pap-test letti in doppio nel periodo settembre 2000 – aprile 2001: 14.145

AUTOPAP SYSTEM Sperimentazione

Pap-test letti in doppio nel periodo

settembre 2000 – aprile 2001: 14.145

NFR

Process Review

Review con mappe

2.398

16,95%

1.818

12,85%

9.929

70,20%

14.145  NFR  Process Review  Review con mappe 2.398 16,95% 1.818 12,85% 9.929 70,20%
AUTOPAP SYSTEM Distribuzione di 32 lesioni istologiche CIN2+     Review Conv.   Ascus- As-S/

AUTOPAP SYSTEM Distribuzione di 32 lesioni istologiche CIN2+

   

Review

Conv.

 

Ascus-

As-S/

           

Neg

R

Agus

LSIL

HSIL

CA

NFR

PR

TOT.

Neg

   

         

1

Ascus-

                 

R

3

3

As-S/

                 

Agus

1*

4

1

6

LSIL

   

2

2

   

1*

1

6

HSIL

   

1

2

11

   

1

15

CA

         

1

   

1

TOT.

1

3

8

4

11

1

1

3

32

* CIN 2-3 istologico perso dalla lettura computer assistita ° CIN 2-3 istologico perso dalla lettura convenzionale

32 * CIN 2-3 istologico perso dalla lettura computer assistita ° CIN 2-3 istologico perso dalla
Analisi dei costi L’analisi dei costi è stata fatta valutando il costo di ogni lesione
Analisi dei costi
L’analisi dei costi è stata fatta valutando il
costo di ogni lesione CIN II + reperita,
considerando i costi reali delle due
metodiche:
 Spese del personale addetto alla lettura
 Spese per il personale tecnico
 Spese per il materiale di consumo
 Spese relative a ripetizione e approfondimento
 Costo annuale della macchina
Risultati del 1° studio Sensibilità della lettura computer/assistita assimilabile a quella convenzionale Costi
Risultati del 1° studio
Sensibilità della lettura computer/assistita
assimilabile a quella convenzionale
Costi valutati per lesione trovata:
> 10% rispetto al convenzionale
Secondo studio: Applicazione della Lettura Computer Assistita in Routine Pap-test esaminati 58009 35912 22097 61,9%
Secondo studio: Applicazione della
Lettura Computer Assistita in Routine
Pap-test esaminati
58009
35912
22097
61,9%
38,1%
Autopap
Convenzionale
Nell’ anno 2002
Funzionalità dell’AutoPap: confronto fra i due studi 80 71,8 70,3 70 60 50 Screening 40

Funzionalità dell’AutoPap:

confronto fra i due studi

80 71,8 70,3 70 60 50 Screening 40 Studio 30 18,3 16,9 12,8 20 9,9
80
71,8
70,3
70
60
50
Screening
40
Studio
30
18,3 16,9
12,8
20
9,9
10
0
NFR
Review
Proc. Review
studi 80 71,8 70,3 70 60 50 Screening 40 Studio 30 18,3 16,9 12,8 20 9,9
Protocollo di lettura NFR lettura rapida del preparato (non più di 40”) Review visione dei
Protocollo di lettura
NFR
lettura rapida del preparato (non più di 40”)
Review
visione dei 15 punti allo Slide Wizard e/o:
- lettura rapida del preparato (non più di 40”)
-
in presenza di alterazioni anche minime
passaggio alla lettura convenzionale
Process Review e Scant cellularity
lettura convenzionale
VALUTAZIONE DEI COSTI ( screening) Secondo un calcolo fatto dalla U.O. di epidemiologia del CSPO
VALUTAZIONE DEI COSTI ( screening)
Secondo un calcolo fatto dalla U.O. di
epidemiologia del CSPO considerando :
 il canone annuo dimezzato (leasing di 8 anni)
 la diminuzione dei tempi di lettura con lo
Slide Wizard
Il costo di lettura del vetrino è stato stimato di
 9,5 € con AUTOPAP
 9,2 € con lettura convenzionale
Un’equivalenza teorica del costo si potrebbe
ottenere con 38.500 vetrini/anno e il 20% di NFR.
Con 45.000 vetrini/anno e il 20% di NFR il costo
per vetrino sarebbe di 8,7 €
CONSIDERAZIONI FINALI  La sensibilità della metodica è praticamente equivalente a quella della lettura
CONSIDERAZIONI FINALI
 La sensibilità della metodica è praticamente
equivalente a quella della lettura convenzionale.
 Nella nostra esperienza l’apparecchio ha apportato
un valido contributo (circa 5.000 esami letti
in più con meno personale)
 Comunque l’utilizzazione dell’apparecchio
è consigliabile a laboratori singoli o consorziati
con un carico di lavoro uguale o superiore alle
potenzialità della macchina
 Molti problemi diagnostici in citologia sono legati al prelievo.  L’allestimento manuale ed eventuali
 Molti problemi diagnostici in citologia
sono legati al prelievo.
 L’allestimento manuale ed eventuali ritardi
nella fissazione rendono alcuni preparati
non valutabile.
 La nuova metodica di allestimento dei
preparati citologici in “Strato sottile” in
parte risolve questi problemi.
 Il materiale appena prelevato viene stemperato in un barattolo contenente un fissativo particolare. 
 Il materiale appena prelevato viene
stemperato in un barattolo contenente
un fissativo particolare.
 Il materiale biologico in fase liquida viene
portato al laboratorio.
 Con l’ausilio di un apposito apparecchio
viene allestito il preparato in strato sottile
Nella valutazione delle due metodiche, prima di considerare le variazioni in termini di accuratezza e
Nella valutazione delle due metodiche,
prima di considerare le variazioni in
termini di accuratezza
e costi,
vediamo la loro differenza anche
inin terminitermini didi operatività.operatività
Stoccaggio del materiale di consumo Prelievo Trasporto dei prelievi al laboratorio Allestimento dei preparati Lettura
Stoccaggio del materiale di consumo Prelievo Trasporto dei prelievi al laboratorio Allestimento dei preparati Lettura
Stoccaggio del materiale di consumo Prelievo Trasporto dei prelievi al laboratorio Allestimento dei preparati Lettura

Stoccaggio del materiale di consumo

Prelievo

Prelievo

Prelievo
Prelievo
Prelievo
Prelievo

Trasporto dei prelievi al laboratorio

Allestimento dei preparati

Lettura degli esami

Stoccaggio del materiale biologico rimasto

dei prelievi al laboratorio Allestimento dei preparati Lettura degli esami Stoccaggio del materiale biologico rimasto
Ingombro
Ingombro
Prelievo esocervicale Prelievo endocervicale

Prelievo

esocervicale

Prelievo esocervicale Prelievo endocervicale

Prelievo

endocervicale

Prelievo esocervicale Prelievo endocervicale
Prelievo esocervicale Prelievo endocervicale Effettuato con: Spatola di Ayre Cytobrush 360 180°

Effettuato con:

Spatola di Ayre

Cytobrush

360 180°
360
180°
Prelievo esocervicale Prelievo endocervicale Effettuato con: Spatola di Ayre Cytobrush 360 180°
Prelievo esocervicale Prelievo endocervicale Effettuato con: Spatola di Ayre Cytobrush 360 180°
Prelievo esocervicale Prelievo endocervicale Effettuato con: Spatola di Ayre Cytobrush 360 180°
Previsto per il prelievo con Sure Path Spatola di plastica in sostituzione di quella di
Previsto per il prelievo con Sure Path Spatola di plastica in sostituzione di quella di
Previsto per il prelievo con Sure Path Spatola di plastica in sostituzione di quella di
Previsto per il prelievo con Sure Path
Spatola di plastica in
sostituzione di quella di legno
Previsto per il prelievo con Sure Path Spatola di plastica in sostituzione di quella di legno
Trasporto  più ingombro  rischio di stravaso  identificazione
Trasporto  più ingombro  rischio di stravaso  identificazione

Trasporto

più ingombro

rischio di stravaso

identificazione

Trasporto  più ingombro  rischio di stravaso  identificazione
Allestimento dei preparati I Pap-test convenzionali arrivano già allestiti e fissati. Devono solo essere registrati
Allestimento dei preparati
I
Pap-test convenzionali arrivano già
allestiti e fissati.
Devono solo essere registrati e coloraticolorati.
I
pap-test in strato sottile devono essere
registrati, allestiti e colorati.
Semiautomatico effettua anche la colorazione Gruppi di 12 casi per volta Circa 48 preparati ogni
Semiautomatico effettua anche la colorazione Gruppi di 12 casi per volta Circa 48 preparati ogni
Semiautomatico effettua anche la colorazione Gruppi di 12 casi per volta Circa 48 preparati ogni
Semiautomatico effettua anche la colorazione Gruppi di 12 casi per volta Circa 48 preparati ogni
Semiautomatico effettua anche la colorazione Gruppi di 12 casi per volta Circa 48 preparati ogni
Semiautomatico effettua anche la colorazione Gruppi di 12 casi per volta Circa 48 preparati ogni

Semiautomatico effettua anche la colorazione

Gruppi di 12 casi per volta Circa 48 preparati ogni ora

 Arricchimento cellulare  Trasferimento automatico delle cellule sul vetrino  Colorazione automatica
 Arricchimento cellulare
 Trasferimento automatico
delle cellule sul vetrino
 Colorazione automatica
Semiautomatico effettua
anche la colorazione
Preparati allestimento con i tre sistemi  Spazio di lettura circa un terzo di un
Preparati allestimento
con i tre sistemi
 Spazio di lettura circa un terzo di un pap convenzionale
“sembra” rappresentativo di tutto il prelievo
 Materiale in mono-strato e meglio conservato
 Questo tipo di prelievo, in base ai dati della letteratura
sembra abbia una sensibilità maggiore di quello
convenzionale
Lettura degli esami Le problematiche nella lettura dei pap- test convenzionali è spesso legate al
Lettura degli esami
Le problematiche nella lettura dei pap-
test convenzionali è spesso legate al
prelievo e all’allestimento dei preparati
Lesioni elementari della cervice uterina - Pap convenzionale vs strato sottile Morfologia Immagini di alcuni
Lesioni elementari della cervice
uterina - Pap convenzionale vs
strato sottile
Morfologia
Immagini di alcuni casi con Pap in
strato sottile effettuato a circa 15 gg
di distanza dal Pap convenzionale
(prima della colposcopia)
LSIL caratteristiche cellulari Alterazioni nucleari:  Desquamazione in cellule singole o riunite in lembi 
LSIL
caratteristiche cellulari
Alterazioni nucleari:
 Desquamazione in cellule singole o riunite in lembi
 Aumento delle dimensioni almeno 3 volte quello delle
intermedie , lieve variazione del N/C
 Modeste variazioni nella forma o variazioni marcate
per fenomeni degenerativi in presenza di HPV
 Ipercromasia lieve o picnosi nucleare
 Cromatina distribuita regolarmente o irregolarmente
con fenomeni di bi o polinucleazione
LSIL caratteristiche cellulari Modificazioni citoplasmatiche:  Citoplasmi maturi delle cellule superficiali e
LSIL
caratteristiche cellulari
Modificazioni citoplasmatiche:
 Citoplasmi maturi delle cellule superficiali e
intermedie
Tintorialità: cianofilo eosinofilo o anfofilo
Può essere presente un evidente vacuolo
perinucleare circondato da citoplasma denso
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap convenzionale 20x e 40x Pap in str. Sottile 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile
20x e 40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
LSIL-HPV: caratteristiche morfologiche Pap-convenzionale Pap in strato sottile Praticamente sovrapponibile. Forse se
LSIL-HPV: caratteristiche morfologiche Pap-convenzionale Pap in strato sottile Praticamente sovrapponibile. Forse se
LSIL-HPV: caratteristiche morfologiche
Pap-convenzionale
Pap in strato sottile
Praticamente sovrapponibile.
Forse se sufficienti
numericamente presentano
una visibilità migliore
Problematiche La frequente presenza di aloni perinucleari rende difficile stabilire il punto di passaggio fra
Problematiche
La frequente presenza di aloni
perinucleari rende difficile stabilire
il punto di passaggio fra l’alone
artefatto e quello da virus
HSIL CARATTERISTICHE CELLULARI  cellule generalmente isolate o in lembi  cellule di dimensioni ridotte
HSIL
CARATTERISTICHE CELLULARI
 cellule generalmente isolate o in lembi
 cellule di dimensioni ridotte (parabasali,
basali)
con
nucleo
ingrandito
e
conseguente rapporto N/C più elevato
 nuclei
ipercromatici
con
cromatina
a
macchia d’inchiostro o
distribuita
in
ammassi irregolari
Segue
 citoplasma generalmente immaturo tenue o denso a bordi sfrangiati, talvolta maturo e densamente cheratinizzato
 citoplasma generalmente immaturo
tenue o
denso a bordi sfrangiati,
talvolta
maturo
e
densamente
cheratinizzato
 bordi nucleari irregolari
 nucleoli assenti
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap convenzionale 20x e 40x Pap in str. Sottile 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile
20x e 40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
HSIL: caratteristiche morfologiche Pap in strato sottile vs. Pap-convenzionale  Tendenza alla formazione di piccoli
HSIL: caratteristiche morfologiche
Pap in strato sottile vs. Pap-convenzionale
 Tendenza alla formazione di piccoli
gruppi
 Cellule forse leggermente più piccole
e più sferiche
 Ipercromasia più accentuata
Problematiche  I gruppi, di dimensioni esigue, se non numerosi, possono sfuggire all’osservazione 
Problematiche
 I gruppi, di dimensioni esigue, se non
numerosi, possono sfuggire all’osservazione
 L’ipercromasia può creare problemi di
diagnosi differenziale con la metaplasia
matura
Carcinoma: caratteristiche citologiche  Cellule interessate Tutti gli strati dell’epitelio con superamento della
Carcinoma: caratteristiche citologiche  Cellule interessate Tutti gli strati dell’epitelio con superamento della

Carcinoma: caratteristiche citologiche

Cellule interessate

Tutti gli strati dell’epitelio con superamento della membrana basale

Cellule di dimensioni variabili in base al tipo istologico che tendono a desquamare singolarmente o riunite in gruppi

Modificazioni del citoplasma

Il citoplasma può essere immaturo, tenue o denso a bordi sfrangiati generalmente scarso, oppure maturo più evidente e densamente cheratinizzato

Carcinoma: caratteristiche citologiche Alterazioni nucleari  Nuclei ingranditi con notevole aumento del rapporto
Carcinoma: caratteristiche citologiche
Alterazioni nucleari
 Nuclei ingranditi con notevole aumento del
rapporto N/C, irregolari e variabili nella
forma e nella dimensione.
 Ipercromasia marcata con cromatina
macchia d’inchiostro o distribuita
in ammassi irregolari
a
 Presenza di diatesi tumorale
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Adenocarcinoma endocervicale: caratteristiche citologiche Cellule interessate Epitelio ghiandolare dell’endocervice.
Adenocarcinoma endocervicale:
caratteristiche citologiche
Cellule interessate
Epitelio ghiandolare dell’endocervice.
La desquamazione avviene di solito in
aggregati superaffollati di cellule disposte
a nastro, a rosetta, a palizzata con
fenomeni di feathering e fuochi di artificio.
Modificazioni del citoplasma
Lievi modificazioni nella dimensione con
aumento rapporto nucleo-citoplasmatico.
Adenocarcinoma endocervicale: caratteristiche citologiche Modificazioni nucleari Nuclei aumentati di volume, spesso
Adenocarcinoma endocervicale:
caratteristiche citologiche
Modificazioni nucleari
Nuclei aumentati di volume, spesso
allungati, ipercromatici con membrana
Ispessita e cromatina disposta in
piccole zolle
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Pap in str. Sottile 20x e 40x Pap convenzionale 20x e 40x

Pap in str. Sottile 20x e 40x

Pap convenzionale 20x e 40x
Pap convenzionale
20x
e
40x
Considerazioni finali Nonostante la diffidenza ancora diffusa dobbiamo riconoscere che:  I risultati riportati
Considerazioni finali
Nonostante la diffidenza ancora diffusa
dobbiamo riconoscere che:
 I risultati riportati letteratura in tema di
sensibilità sono molto incoraggianti
 I quadri morfologici delle lesioni elementari
generalmente appaiono più chiari
 Le attuali problematiche diagnostiche
possono essere in parte superate con
la maggiore esperienza
 Da non sottovalutare il fatto che dallo
stesso barattolo si possono fare più
preparati ed eventualmente il test HPV
Abbinamento LBC e lettura semiautomatica Disegno dello studio LBC ottenuto con SUREPATH Vetrini con doppia
Abbinamento LBC e lettura semiautomatica
Disegno dello studio
LBC ottenuto con SUREPATH
Vetrini con doppia lettura
Tradizionale al microscopio
Supportata da Focal Point
Lettura in doppio cieco (microscopio e Focal Point) di 3000 preparati in strato sottile: 
Lettura in doppio cieco (microscopio e Focal Point)
di 3000 preparati in strato sottile:
 vetrini allestiti con il metodo Surepath e
scannerizzati con il Focal Point,
 i preparati vengono letti al microscopio ottico e
calcolati i tempi di lettura,
 dopo 2-3 giorni i vetrini vengono letti con l’ausilio
dello Slide Wizard e calcolati i tempi di lettura,
 la lettura viene fatto da tre citologi con oltre 15 anni
di anzianità,
 valutazione della riduzione dei tempi di lettura
sia convenzionale che computer-assistita.
Tabella comparativa dei tempi Pap-test Convenzionale: tempo medio di lettura cronometrato in uno studio precedente
Tabella comparativa dei tempi Pap-test Convenzionale: tempo medio di lettura cronometrato in uno studio precedente

Tabella comparativa dei tempi

Pap-test

Convenzionale: tempo medio di lettura cronometrato in uno studio precedente

4,3’

LBC: tempo medio di lettura cronometrato in questo studio

2,02’

LBC + Focal Point: tempo medio di lettura cronometrato in questo studio

1,40’

in questo studio 2,02’ LBC + Focal Point: tempo medio di lettura cronometrato in questo studio
Tabella: numero di esami annui Numero pap-test Anno Convenzionale: secondo le linee guida (nazionali, internazionali,
Tabella: numero di esami annui
Numero pap-test
Anno
Convenzionale: secondo le linee guida
(nazionali, internazionali, gisci ecc)
7.500
LBC (SurePath) : in base ai tempi
cronometrati
“possibili”
15.000
LBC + Focal Point: in base ai tempi
cronometrati
“possibili”
18.000
 
 
  Tabella: costo unitario di lettura (teorico) Pap-test Costo medio operatore 70.000 € anno Pap Costo
  Tabella: costo unitario di lettura (teorico) Pap-test Costo medio operatore 70.000 € anno Pap Costo

Tabella: costo unitario di lettura (teorico) Pap-test

Costo medio operatore 70.000 € anno

Pap

Costo

Anno

unitario

Convenzionale:

7.500

9,3 €

LBC (SurePath) :

15.000

4,7 €

LBC + Focal Point:

18.000

3,9 €