Sei sulla pagina 1di 85

Universit degli Studi di Firenze

Esercitazione per il corso di Dinamica delle Strutture e ingegneria sismica


Progettazione di un edificio in zona sismica

Prof. Ing. Andrea Vignoli
Dott. Ing. Barbara Ortolani

Giovanni Stabile














2 Indice
1 Indice
1 INDICE ..................................................................................................................................................... 2
2 INTRODUZIONE ................................................................................................................................... 6
2.1 Normativa di riferimento ............................................................................................................................. 6
2.2 Azioni di calcolo .......................................................................................................................................... 6
2.2.1 SLU..................................................................................................................................................................... 6
2.2.2 SLE ..................................................................................................................................................................... 7
2.3 Caratteristiche dei materiali ........................................................................................................................ 8
2.3.1 Calcestruzzo ...................................................................................................................................................... 8
2.3.2 Acciaio ............................................................................................................................................................... 8
2.4 Descrizione della struttura ........................................................................................................................... 8
2.4.1 Solaio ............................................................................................................................................................... 10
2.4.2 Travi ................................................................................................................................................................. 10
2.4.2.1 Travi di bordo ......................................................................................................................................... 10
2.4.2.2 Travi di spina ........................................................................................................................................... 10
2.4.2.3 Travi di mezzo piano ............................................................................................................................... 11
2.4.3 Cordoli ............................................................................................................................................................. 11
2.4.4 Pilastri .............................................................................................................................................................. 11
2.4.4.1 Pilastri di spina ........................................................................................................................................ 11
2.4.4.2 Pilastri di bordo ...................................................................................................................................... 11
2.4.5 Fondazioni ....................................................................................................................................................... 11
2.4.6 Blocco scala ..................................................................................................................................................... 12
2.4.6.1 Rampa e pianerottoli .............................................................................................................................. 12
2.4.6.2 Vano ascensore ...................................................................................................................................... 12
2.4.7 Setti verticali.................................................................................................................................................... 13
2.5 Zona sismica .............................................................................................................................................. 13
3 ANALISI DINAMICA DELLA STRUTTURA .................................................................................. 14
3.1 Modellazione degli elementi strutturali ..................................................................................................... 14
3.2 Vincoli esterni ........................................................................................................................................... 15
3.3 Modellazione elementi non strutturali ....................................................................................................... 15
3.4 Risultati dellanalisi modale. ...................................................................................................................... 16
3.5 Risultati ..................................................................................................................................................... 17
3.5.1 Prima forma modale T=0.77 s ......................................................................................................................... 17
3.5.2 Seconda forma modale T=0.74 s ..................................................................................................................... 17
3.5.3 Terza forma modale T=0.69 s .......................................................................................................................... 18
4 ANALISI DEI CARICHI ...................................................................................................................... 19

3 Indice
4.1 Solaio tipo ................................................................................................................................................. 19
4.1.1 Carichi permanenti .......................................................................................................................................... 19
4.1.1.1 Carico dovuto al p.p. del solaio .............................................................................................................. 19
4.1.1.2 Carico dovuto al peso dei tramezzi ........................................................................................................ 20
4.1.2 Carichi Variabili................................................................................................................................................ 20
4.1.2.1 Carico duso ............................................................................................................................................ 20
4.1.3 Riassunto carichi solaio ................................................................................................................................... 20
4.2 Solaio di copertura .................................................................................................................................... 21
4.2.1 Carichi permanenti .......................................................................................................................................... 21
4.2.1.1 Carico dovuto al p.p. del solaio .............................................................................................................. 21
4.2.2 Carichi variabili ................................................................................................................................................ 21
4.3 Pareti perimetrali esterne .......................................................................................................................... 21
4.4 Scale ......................................................................................................................................................... 22
4.4.1 Pianerottolo .................................................................................................................................................... 22
4.4.1.1 Carichi permanenti ................................................................................................................................. 22
4.4.1.2 Carichi accidentali ................................................................................................................................... 22
4.4.2 Rampa ............................................................................................................................................................. 22
4.4.2.1 Carichi permanenti ................................................................................................................................. 22
4.4.2.2 Carichi accidentali ................................................................................................................................... 23
4.5 Carichi per metro lineare sugli elementi strutturali. ................................................................................... 24
4.5.1 Piano tipo ........................................................................................................................................................ 25
4.5.1.1 Trave di spina negli ambienti distributivi ............................................................................................... 25
4.5.1.2 Trave di bordo scale e trave di mezzo piano .......................................................................................... 25
4.5.1.3 Trave di bordo di pertinenza agli appartamenti ..................................................................................... 25
4.5.1.4 Trave di spina di pertinenza agli appartamenti ...................................................................................... 26
4.5.1.5 Trave di bordo trasversale ...................................................................................................................... 26
4.5.1.6 Trave di spina scale ................................................................................................................................. 26
4.5.1.7 Trave di bordo negli ambienti distribuitivi ............................................................................................. 27
4.5.2 Piano di copertura ........................................................................................................................................... 27
4.5.2.1 Trave di bordo ........................................................................................................................................ 27
4.5.2.2 Trave di spina.......................................................................................................................................... 28
4.5.2.3 Trave di bordo trasversale ...................................................................................................................... 28
5 CALCOLO AZIONE SISMICA. ........................................................................................................... 29
5.1 Metodi di analisi ........................................................................................................................................ 29
5.1.1 Analisi statica lineare ...................................................................................................................................... 29
5.1.2 Analisi statica non lineare ............................................................................................................................... 29
5.1.3 Analisi dinamica lineare .................................................................................................................................. 29
5.1.4 Analisi dinamica non lineare ........................................................................................................................... 29
5.2 Scelta del fattore di struttura. .................................................................................................................... 30
5.3 Spettro di risposta elastico SLV .................................................................................................................. 31
5.4 Spettro di progetto SLV ............................................................................................................................. 34

4 Indice
5.5 Spettro di progetto SLD ............................................................................................................................. 35
5.6 Effetti torsionali accidentali ....................................................................................................................... 36
5.6.1 Stato limite di salvaguardia della vita.............................................................................................................. 36
5.6.2 Stato limite di danno ....................................................................................................................................... 38
6 COMBINAZIONE DEI CARICHI ...................................................................................................... 39
6.1 Carichi verticali .......................................................................................................................................... 39
6.2 Combinazione dei modi di vibrare.............................................................................................................. 39
6.3 Load Cases ................................................................................................................................................ 41
6.4 Combinazione per azioni sismiche ............................................................................................................. 41
6.5 Combinazioni di progetto .......................................................................................................................... 42
6.5.1 SLU................................................................................................................................................................... 42
6.5.2 SLE ................................................................................................................................................................... 42
7 VERIFICHE ALLO STATO LIMITE DI DANNO ........................................................................... 43
7.1 Verifiche degli elementi strutturali in termini di contenimento del danno agli elementi non strutturali. ..... 43
8 VERIFICHE ALLO SLV ...................................................................................................................... 45
8.1 Travi .......................................................................................................................................................... 45
8.1.1 Trave di bordo ................................................................................................................................................. 45
8.1.1.1 Verifica a flessione .................................................................................................................................. 46
8.1.1.2 Verifica a taglio. ...................................................................................................................................... 47
8.1.1.3 Prescrizioni geometriche ........................................................................................................................ 49
8.1.2 Trave di spina .................................................................................................................................................. 50
8.1.2.1 Verifica a flessione .................................................................................................................................. 52
8.1.2.2 Verifica a taglio. ...................................................................................................................................... 52
8.1.2.3 Prescrizioni geometriche ........................................................................................................................ 55
8.2 Pilastri ....................................................................................................................................................... 56
8.2.1 Sollecitazioni di calcolo ................................................................................................................................... 56
8.2.2 Verifiche di resistenza ..................................................................................................................................... 56
8.2.3 Pilastro di spina ............................................................................................................................................... 56
8.2.3.1 Verifica a pressoflessione ....................................................................................................................... 57
8.2.3.2 Verifica a taglio ....................................................................................................................................... 59
8.2.3.3 Prescrizioni geometriche ........................................................................................................................ 60
8.2.4 Pilastro di bordo .............................................................................................................................................. 61
8.2.4.1 Verifica a pressoflessione ....................................................................................................................... 61
8.2.4.2 Verifica a taglio ....................................................................................................................................... 63
8.2.4.3 Prescrizioni geometriche ........................................................................................................................ 64
8.3 Setto ......................................................................................................................................................... 65
8.3.1 Sollecitazioni di calcolo ................................................................................................................................... 65
8.3.1.1 Momenti flettenti ................................................................................................................................... 65

5 Indice
8.3.1.2 Taglio ...................................................................................................................................................... 66
8.3.2 Verifiche .......................................................................................................................................................... 67
8.3.2.1 Verifica a pressoflessione ....................................................................................................................... 67
8.3.2.2 Verifica a taglio ....................................................................................................................................... 69
8.3.2.3 Prescrizioni geometriche ........................................................................................................................ 72
8.4 Vano ascensore ......................................................................................................................................... 72
8.4.1 Sollecitazioni di calcolo ................................................................................................................................... 72
8.4.2 Verifiche a pressoflessione .............................................................................................................................. 72
8.4.3 Verifica a taglio ................................................................................................................................................ 77
8.4.4 Limitazioni geometriche .................................................................................................................................. 77
8.5 Fondazione ................................................................................................................................................ 78
8.5.1 Sollecitazioni di calcolo ................................................................................................................................... 78
8.5.1.1 Momento flettente ................................................................................................................................. 78
8.5.1.2 Taglio ...................................................................................................................................................... 79
8.5.2 Verifica a flessione. ......................................................................................................................................... 79
8.5.3 Verifica a taglio ................................................................................................................................................ 81
9 APPENDICE ......................................................................................................................................... 82
9.1 Calcolo del carico indotto dai tramezzi interni ............................................................................................ 82
9.2 Calcolo dei nodi master e assegnazione dei baricentri di piano. .................................................................. 82
9.3 Aree di influenza verticali per il calcolo dei nodi master ............................................................................. 83
9.4 Calcolo della costante elastica assegnata ad i nodi di fondazione ............................................................... 83
9.4.1 Calcolo rigidezza nodi elementi frame. ........................................................................................................... 84
9.4.2 Calcolo rigidezza nodi elementi Shells ............................................................................................................ 85



6 Introduzione
2 Introduzione
Lesercitazione riguarda lanalisi sismica e la progettazione degli elementi strutturali di un edificio
multipiano intelaiato in c.a. Ledificio gi stato trattato in precedenza nellesercitazione di dinamica delle
strutture. Di esso abbiamo eseguito unanalisi dinamica mediante la quale si scelto la corretta posizione
dei setti al fine da regolarizzare le prime tre forme modali.
Gli effetti dellazione sismica saranno valutati mediante unanalisi dinamica in campo elastico lineare. Sar
quindi svolta unanalisi modale adottando per lo spettro di risposta, in termini di accelerazioni,
lespressione fornita dalla normativa.
Stabilito lo spettro di risposta che induce le sollecitazioni dovute al sisma andremo a considerare i carichi
verticali agenti sui vari elementi strutturali che, combinati opportunamente mediante le varie combinazioni
di carico, saranno utilizzati per il loro dimensionamento.
La modellazione della struttura stata effettuata tramite lutilizzo del programma agli elementi finiti SAP
2000.
2.1 Normativa di riferimento
Le norme tecniche attualmente vigenti alle quali si fa riferimento nel proseguo della trattazione sono le
seguenti:
Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008 Nuove norme tecniche per le costruzioni
Circolare Ministeriale 2 febbraio 2009 Istruzioni per lapplicazione delle Nuove norme tecniche
per le costruzioni

2.2 Azioni di calcolo
2.2.1 SLU
Per le azioni di calcolo agli stati limite ultimi valuter la combinazione per le azione sismiche agli SLV:

..

dove:

azioni derivanti dallazione sismica.

valore caratteristico delle azioni permanenti dovute agli elementi strutturali.

valore caratteristico delle azioni permanenti dovute agli elementi non strutturali.
valore caratteristico della forza di precompressione.

valore caratteristico dell azione di base di ogni combinazione.

valori caratteristici delle azioni variabili tra loro indipendenti.

coefficiente di combinazione per le azioni variabili fra loro indipendenti.






7 Introduzione
2.2.2 SLE
Per le azioni di calcolo agli stati limite di esercizio valuter, essendo le verifiche agli stati limite di esercizio
per carichi verticali, gi verificate per lesercitazione del corso di tecnica delle costruzioni, solamente la
combinazione agli SLD e le relative verifiche.



Tabella in cui si riportano i coefficienti di combinazione per le azioni variabili.




8 Introduzione
2.3 Caratteristiche dei materiali
2.3.1 Calcestruzzo
Si utilizza calcestruzzo classe 28/35

Le resistenze a compressione e a trazione sono le seguenti:

-
Resistenza caratteristica cubica a compressione: 35
ck
R N/mm
2
- Resistenza caratteristica cilindrica a compressione: 28
ck
f N/mm
2

- Resistenza media a trazione: 8 . 2 3 , 0
3
2

ck ctm
R f N/mm
2

- Resistenza caratteristica a trazione: 9 . 1 7 , 0
ctm ctk
f f N/mm
2

- Resistenza di calcolo: 9 . 15 85 . 0 *
5 , 1

ck
cd
f
f N/mm
2

- Modulo elastico del calcestruzzo:


2.3.2 Acciaio

Si utilizza acciaio classe B450C

- Resistenza caratteristica di snervamento: 450
yk
f N/mm
2


Per lo Stato Limite Ultimo si ha:

- Resistenza di calcolo: 391
15 , 1

yk
sd
f
f N/mm
2


-
Modulo elastico dellacciaio: 206000 E N/mm
2
2.4 Descrizione della struttura
La struttura oggetto dellesercitazione una palazzina multipiano in c.a. con 5 piani fuoriterra. Ledificio
posto nel comune di Impruneta in provincia di Firenze.


9 Introduzione



10 Introduzione
Nella immagini sovrastanti si riportato una immagine della pianta architettonica delledificio una pianta
strutturale delledificio e le relative sezioni.
2.4.1 Solaio
I solaio sono di tipo Bausta gettati in opera con pignatte di alleggerimento sorrette da travetti prefabbricati
collegati ad una soletta armata collaborante con spessore di 4 cm. I travetti sono posti ad un interasse di 50
cm. La soletta, al fine di considerare i solai infinitamente rigidi nel proprio piano e garantire una buona
ripartizione dei carichi verticali concentrati agenti sul solaio, armata con una rete ellettrosaldata.
38 12
1
2
1
,
5
7
2
4
4
50

2.4.2 Travi
2.4.2.1 Travi di bordo
Le travi di bordo sono ricalate ed hanno le seguenti dimensioni:
B=30
H=35
30
3
5

2.4.2.2 Travi di spina
Le travi di spina sono anche esse ricalate ed hanno le seguenti dimensioni:
B=30cm
H=40 cm
30
4
0


11 Introduzione
2.4.2.3 Travi di mezzo piano
Le travi di mezzo piano hanno le seguenti dimensioni:
B=30
H=30
3
0

2.4.3 Cordoli
I cordoli hanno le seguenti dimensioni:
B=30
H=28
30
2
8

2.4.4 Pilastri
2.4.4.1 Pilastri di spina
I pilastri su cui poggia la trave di spina hanno forma rettangolare ed hanno le dimensioni di 30x55 cm
costanti in altezza. Sono orditi coerentemente con le esigenze architettoniche e il loro posizionamento
indicato nelle piante al paragrafo 2.4
2.4.4.2 Pilastri di bordo
I pilastri che sorreggono la trave di bordo hanno sezione costante in altezza e sono rivolti tutti nella
medesima direzione come si pu osservare dalla immagine al paragrafo 2.4. Le dimensioni sono di 30x40
cm.
2.4.5 Fondazioni
Le fondazioni sono costituite da un graticcio di travi rovesce ordito in 2 direzioni. La travi rovesce hanno le
dimensioni riportate in figura. Al di sotto del vano ascensore posto una platea con spessore pari a 50 cm.

12 Introduzione
50
1
0
0
50
5
0
150
50

2.4.6 Blocco scala
2.4.6.1 Rampa e pianerottoli
Le scale sono realizzate con una scala a doppio ginocchio. Ogni rampa appoggia sulla trave di spina e sulla
trave di mezzo piana.
1
5
5
2
4
0
1
5
5
520
1
4
0
210
2
0
0
135
'=J

'=J

Sia i pianerottoli che le rampe hanno uno spessore strutturale pari a 20 cm.
2.4.6.2 Vano ascensore
Il vano ascensore ha le dimensioni riportate in figura.


13 Introduzione
2.4.7 Setti verticali
Per regolarizzare le forme modali delledificio stato necessario linserimento di alcuni setti verticali. La
distribuzione dei setti si pu osservare nella immagine che segue.

I setti hanno tutti spessore pari a 30 cm. I setti 1 e 5 hanno una lunghezza pari a 4 m, i setti 2 e 6 una
lunghezza di 3 m, i setti 3 e 7 una lunghezza di 2 m ed i setti 4 e 8 una lunghezza di 3 m.
2.5 Zona sismica
Le azioni sismiche di progetto sono fornite a partire dalla pericolosit sismica di basa del sito di costruzione.
La pericolosit sismica di base in Italia stata determinata su tutto il territorio nazionale dallINGV
attraverso un reticolo di riferimento con maglia e passo minore di 10 KM per periodi di ritorno ricadenti in
un intervallo compreso tra 30 e 2475 anni.
La procedura per determinare la pericolosit sismica di base consiste quindi nel determinare il luogo in cui
sorge ledificio e, una volta constatato il rettangolo di riferimento in cui esso situato, determinare per
interpolazione, a partire dalla pericolosit sismica dei vertici del rettangolo, che risulta essere nota, la
pericolosit sismica del sito ove la costruzione sorge.
Nella immagine che segue riportato il sito in cui ledificio sorge e il relativo rettangolo di riferimento.


14 Analisi dinamica della struttura
Il sito ha le seguente coordinate:
Lat: 43.685471
Long: 11.254731
La struttura in classe d'uso II ovvero costruzioni il cui uso preveda normali affollamenti, senza contenuti
pericolosi per lambiente e senza funzioni pubbliche e sociali essenziali.

Per la struttura si considera una vita nominale di 50 anni.

I siti di riferimento del reticolo in cui si caduti sono i seguenti.



I valori che definiscono lo spettro di risposta sono i seguenti.

Prob. Sup. (%) Tr (anni) Ag (g) F0(-) Tc*(s)
SLO 81 30 0.045 2.581 0.252
SLD 63 50 0.054 2.606 0.264
SLV 10 475 0.126 2.387 0.297
SLC 5 975 0.161 2.394 0.302

3 Analisi dinamica della struttura
Lanalisi dinamica della struttura gi stata effettuata per lesercitazione di dinamica delle strutture. Di
seguito si riporta solamente un riassunto dellanalisi dinamica svolta per la precedente esercitazione.
3.1 Modellazione degli elementi strutturali
Per lanalisi dinamica stata effettuata una modellazione agli elementi finiti tramite il software di calcolo
SAP 2000 v14.2.2. Nel programma si provveduto a modellare gli elementi strutturali:
Travi
Pilastri
Cordoli
Setti
Rampe e pianerottoli del vano scala
Vano ascensore
Fondazioni
Terreno

15 Analisi dinamica della struttura
Travi, pilastri, cordoli e il graticcio di trave rovesce di fondazione sono stati modellati con elementi frame.
Setti, rampe, pianerottoli, vano ascensore e la platea posta al di sotto del vano ascensore sono stati
modellati con elementi Shells di dimensione 50x50cm.
Il terreno di fondazione stato inserito inserendo a tutti i nodi posti al livello 0 dei vincoli verticali cedevoli.
Per il calcolo delle costanti elastiche applicate a ciascun vincolo si rimanda allappendice.
I solai non sono stati direttamente modellati allinterno del programma di calcolo. La normativa di
riferimento ci consente, nel caso di solai con soletta armata di spessore maggiore od uguale a 4 cm, di
considerarli infinitamente rigidi nel proprio piano. Per tenere conto di questo comportamento si inserito
degli appositi vincoli interni di tipo Diaphragm. Questo vincolo consente di realizzare un comportamento
infinitamente rigido nel piano fra i punti vincolati con tale opzione. Queste semplificazione consente di
ridurre i gradi di libert di ogni piano a tre (due traslazione ed una rotazione).
Per modellare la compenetrazione fra gli elementi frame si attivato lopzione End Offset. Attivando
questa opzione si diminuisce la lunghezza di ciascun elemento in modo automatico a partire dalle
dimensioni degli elementi che confluiscono i ciascun nodo.

3.2 Vincoli esterni
Per quanto riguarda i vincoli esterni si impedito la traslazione orizzontale di ciascun nodo facente parte
del livello 0 e la rotazione attorno allasse z. In direzione verticale come gi accennato si sono inseriti dei
vincoli elastici. Si rimanda allappendici per chiarimenti.

3.3 Modellazione elementi non strutturali
Tutti gli elementi non strutturali non direttamente modellati allinterno del programma di calcolo sono stati
inseriti come masse definendo per ciascun piano e per ciascun mezzo piano degli special joint che
riassumessero con linerzia e la massa di tutti gli elementi non modellati. Lentit dei carici accidentali
portati stata ridotta utilizzando gli opportuni coefficienti di combinazione per lazione sismica.
Nella tabelle di seguito si riporta i nodi master inseriti per ciascun piano e per ciascun mezzo piano
allinterno del programma di calcolo.


16 Analisi dinamica della struttura


Per maggiori chiarimenti si rimanda alla esercitazione di dinamica delle strutture e allappendice.
3.4 Risultati dellanalisi modale.
Lanalisi modale stata effettuata tramite il programma di calcolo SAP 2000 v14.2.2. Si riporta solamente i
risultati dellultimo modello analizzato ovvero quello di progetto in cui si ha la presenza dei setti verticali in
c.a. Linserimento dei setti ha lobiettivo di far si che la struttura abbia le prime due forme modali
puramente traslazionale e la terza puramente rotazionale.


17 Analisi dinamica della struttura
3.5 Risultati
Si riporta la deformata delle prime tre forme modali e il relativo periodo per ciascuna forma modale.
3.5.1 Prima forma modale T=0.77 s

3.5.2 Seconda forma modale T=0.74 s


18 Analisi dinamica della struttura
3.5.3 Terza forma modale T=0.69 s

Si riporta una parte del file di output in cui sono riportati i risultati tabulati dellanalisi modale dove sono
indicate le caratteristiche numeriche delle varie forme modali come il periodo, la frequenza, le masse
partecipanti ecc..Si evidenzia inoltre la percentuale di massa attivata nelle due direzioni ortogonali con le
prime dodici forme modali e il modo di oscillare in cui la percentuale di massa attivata in direzione X e Y
raggiunge un valore superiore all85 % della massa totale.
TABLE: Modal Load Participation
Ratios
Item Static Dynamic
Text Percent Percent
UX 99.9779 88.3178
UY 99.9557 85.5133
UZ 47.2616 35.4612

TABLE: Modal Participating Mass Ratios
StepNum Period UX UY SumUX SumUY RZ
Unitless Sec Unitless Unitless Unitless Unitless Unitless
1 0.774154 0.66071 0.00008668 0.66071 0.00008668 0.01374
2 0.740457 0.00006877 0.69031 0.66078 0.6904 0.00004368
3 0.696119 0.01209 0.00002671 0.67286 0.69042 0.68159
4 0.162187 0.16158 8.81E-08 0.83445 0.69042 0.00064
5 0.123252 4.412E-07 0.16468 0.83445 0.85511 1.152E-09
6 0.118207 0.0001 7.386E-09 0.83455 0.85511 0.16085
7 0.070452 0.04854 0.000000827 0.88309 0.85511 0.00011
8 0.060585 2.638E-08 0.00001641 0.88309 0.85512 3.445E-10
9 0.06058 0.00008015 1.617E-08 0.88317 0.85513 8.827E-07
10 0.060462 1.332E-07 0.000004844 0.88317 0.85513 2.515E-09
11 0.059016 0.000007889 8.553E-10 0.88318 0.85513 5.016E-07
12 0.058878 1.073E-08 0.000003385 0.88318 0.85513 6.257E-10


19 Analisi dei carichi
4 Analisi dei carichi
Un passo importante per la progettazione quello dellanalisi dei carichi. Si riporta di seguito lanalisi dei
carichi per tutti gli elementi strutturali.
4.1 Solaio tipo
Per solaio tipo si intende tutti i solai ad esclusione di quello di copertura in cui si ha lassenza dei tramezzi.
Su ciascun solaio quindi i carichi agenti sono dovuti al p.p. del solaio, al peso dei tramezzi e al carico duso.
4.1.1 Carichi permanenti
4.1.1.1 Carico dovuto al p.p. del solaio
I carichi permanenti si calcolano a partire dalla conoscenza della sezione trasversale del solaio e dal peso
dei materiali utilizzati.
Si decide di realizzare un solaio in latero-cemento tipo Bausta, di altezza totale pari a 28 cm (24 cm di
laterizio + 4 cm di soletta).Questa altezza rispetta la condizione imposta dalla normativa. Secondo la
normativa deve infatti risultare:
L
25
1
h


dove si indicato con h laltezza della parte strutturale del solaio e con L la luce di calcolo.
Nel caso in esame la campata ha una luce di 5,50 m, per cui si deve rispettare il seguente limite:
22 L
25
1
h
cm
Per cui il solaio scelto rispetta il limite imposto dalla normativa.

Si riporta di seguito la sezione trasversale del solaio, sulla quale si individua la sovrapposizione dei vari
strati:

38 12
1
2
1
,
5
7
2
4
4
50


La geometria della parte strutturale rispetta gli ulteriori limiti imposti dalla normativa.

Per il solaio in esame si ha infatti:

spessore della soletta: 4 s s
min
cm
interasse delle nervature: 50 B cm 60 s 15 B
max
cm
larghezza delle nervature: 12 b cm 8 b
min
cm
dimensione massima del blocco in laterizio: 38 ' b cm 52 ' b
max
cm


20 Analisi dei carichi
Partendo dallintradosso del solaio si riportano di seguito i vari strati di materiale, con il relativo peso per
unit di superficie:

pavimento in ceramica e malta per incollaggio piastrelle, spessore 3 cm: 0,44 KN/m2

massetto portaimpianti in cls magro di argilla espansa, spessore 7 cm: 1.84 KN/m2

peso proprio solaio, spessore 28 cm: 3.2 KN/m2

intonaco sullestradosso, spessore 1,5 cm: 0,2 KN/m2

Il peso proprio a metro del solaio risulta quindi essere:



4.1.1.2 Carico dovuto al peso dei tramezzi
Il peso dei tramezzi, seguendo quanto riportato in normativa, ragguagliato ad un carico uniformemente
distribuito.
Considero un carico uniformemente distribuito pari a:



4.1.2 Carichi Variabili
4.1.2.1 Carico duso
Il carico duso uguale per tutti i campi tranne che per i campi esterni agli appartamenti in cui essendo in
presenza di ambienti di distribuzione cambia la destinazione duso e di conseguenza il carico.
Per i campi interni agli appartamenti il carico duso pari a:


Per i campi esterni agli appartamenti il carico duso pari a:


4.1.3 Riassunto carichi solaio
Riassumendo ho un carico permanente per tutti i campi pari a:


Un carico accidentale per i campi appartenenti agli appartamenti pari a:

21 Analisi dei carichi


Un carico accidentale per i campi appartenente alle zone distributive pari a:


4.2 Solaio di copertura
Il solaio di copertura ha esattamente i soliti carichi del solaio tipo con la differenza di non presentare i
tramezzi. Il carico della neve ed il carico duso non sono stati considerati in quanto nella combinazioni di
carico per azioni sismiche nel caso di copertura hanno un coefficiente di combinazione del carico pari a 0.
4.2.1 Carichi permanenti
4.2.1.1 Carico dovuto al p.p. del solaio
Partendo dallintradosso del solaio si riportano di seguito i vari strati di materiale, con il relativo peso per
unit di superficie:

pavimento in ceramica e malta per incollaggio piastrelle, spessore 3 cm: 0,44 KN/m
2

massetto portaimpianti in cls magro di argilla espansa, spessore 7 cm: 1.84 KN/m
2

peso proprio solaio, spessore 28 cm: 3.2 KN/m
2

intonaco sullestradosso, spessore 1,5 cm: 0,2 KN/m
2


Il peso proprio a metro del solaio risulta quindi essere:


4.2.2 Carichi variabili
Sovraccarico duso:
Ho un carico uniformemente distribuito pari a:


Ho un carico da neve per il sito in esame pari a:


4.3 Pareti perimetrali esterne
Per le pareti perimetrali esterni si considera una parete di 30 cm realizzato in blocchi di laterizio e rivestite
di intonaco da entrambi i lati.
Peso muratura esterna: muratura in mattoni forati +2 intonaci, peso per unit di superficie pari a

, per cui si ha un carico lineare per metro pari a:



22 Analisi dei carichi
4.4 Scale
La determinazione dei carichi gravanti sul vano scala viene fatto per la determinazione della quota parte di
massa da associare al nodo master di piano e di mezzo piano. La rampa grava per meta sul pianerottolo di
piano e per met sul pianerottolo di mezzo piano.
'=J

'=J

4.4.1 Pianerottolo
4.4.1.1 Carichi permanenti
Pertendo dallestradosso del pianerottolo si possono riconoscere i seguenti strati di materiale:

- pavimento in ceramica, spessore 2 cm: 0,40 KN/m
2


- sottofondo in malta di cemento, spessore 5 cm: 20KN/m
3
*0.05m = 1.00 KN/m
2


- peso proprio soletta, spessore 20 cm: 25 KN/m
3
*0.2m = 5.00 KN/m
2


- intonaco, spessore 1,5 cm: 0,3 KN/m
2


Totale permanenti non strutturali pianerottolo:



Totale permanenti strutturali pianerottolo:


4.4.1.2 Carichi accidentali
La normativa indica per le scale comuni un sovraccarico accidentale pari a 4 KN/m
2
, per cui si ha un carico
lineare uniformemente distribuito pari a:


4.4.2 Rampa
4.4.2.1 Carichi permanenti
Pertendo dallestradosso della rampa si possono riconoscere i seguenti strati di materiale:

-
rivestimento pedata, spessore 2 cm: 0,4 KN/m
2


23 Analisi dei carichi
rivestimento alzata, da calcolare per unalzata di 16 cm. Si ha:

rivestimento singolo scalino: 086 , 0 35 , 1 16 , 0 / 40 , 0
2
m m m KN KN

peso totale dei rivestimenti: 77 , 0 9 086 , 0 KN KN

-
peso distribuito dei rivestimenti: 0.77 / 3.09 = 0.24 KN/m
2

- sottofondo pedata, spessore 2 cm: 20 KN/m
3
*0.02 = 0.4 KN/m
2


sottofondo alzata, spessore 1 cm, da calcolare per unalzata di 16 cm. Si ha:

sottofondo singolo scalino: 043 , 0 01 , 0 35 , 1 16 , 0 / 20
3
m m m m KN KN

peso totale dei sottofondi: 387 , 0 9 043 , 0 KN KN

-
peso distribuito dei sottofondi: 0.387 KN /3.09 m/1.35m = 0.092 KN/m
2

gradini in calcestruzzo armato. Si ha:

peso singolo gradino:

81 . 0 35 , 1
2
16 , 0 30 , 0
/ 25
3

m
m m
m KN KN

peso totale gradini: 29 , 7 9 81 . 0 KN KN

-
peso distribuito dei gradini: 7.29 KN/3.09m/1.35m = 1.74 KN/m
2

- peso proprio soletta, spessore 20 cm: 25 KN/m
3
*0.2 m = 5.00 KN/m
2


- intonaco, spessore 1,5 cm: 0,3 KN/m
2


Totale permanenti rampa non strutturali:



Totale permanenti rampa strutturali:



4.4.2.2 Carichi accidentali
La normativa indica per le scale comuni un sovraccarico accidentale pari a 4 KN/m
2
, per cui si ha un carico
lineare uniformemente distribuito pari a:




24 Analisi dei carichi
4.5 Carichi per metro lineare sugli elementi strutturali.
Nel modello di calcolo, essendo sprovvisto dei solai, devo inserire dei carichi lineari che agiscono
direttamente sulle travi. Per il calcolo del carico lineare che agisce su ciascuna trave si considerato la sua
area di influenza. Osservando limmagine si ha che le travi di bordo hanno un area di influenza di 2.75
metri mentre le travi di spina hanno un area di influenza di 5.5 m.
Trave di bordo scale e
trave di mezzo piano
Trave di bordo app.
Trave di spina app.
Trave di bordo trasv.
Trave di spina scale
Piano tipo
Trave di spina ambienti
distributivi
Trave di bordo ambienti
distributivi

Trave di bordo
Trave di spina
Trave di bordo trasv.
Piano di copertura
Rifacendoci alle figure soprastanti ho distinto 7 tipologie di travi per il piano tipo e 3 tipologie di travi per il
piano di copertura.
Per il piano tipo ho individuato le seguenti travi:
Trave di spina negli ambienti distributivi
Trave di bordo scale e trave di mezzo piano
Trave di bordo appartamenti
Trave di spina appartamenti
Trave di bordo trasversale
Trave di spina scale
Trave di bordo negli ambienti distribuitivi

25 Analisi dei carichi
Per il piano di copertura ho invece individuato le seguenti travi:
Trave di bordo
Trave di spina
Trave di bordo trasversale
4.5.1 Piano tipo
4.5.1.1 Trave di spina negli ambienti distributivi
Ho distinto la campata della trave di spina degli ambienti distributivi dalle altre perch ha un carico
accidentale diverso alle campate di pertinenza agli appartamenti. Su di essi gravano, oltre al peso proprio
gi considerato dal programma di calcolo, i seguenti carichi:
Peso proprio del solaio
Peso dei tramezzi interni
Carico accidentale del sovraccarico duso
Ho quindi un carico permanente pari a:


Un carico accidentale pari a:


4.5.1.2 Trave di bordo scale e trave di mezzo piano
Ho raggruppato queste due travi in un'unica categoria in quanto su di esse gravano gli stessi carichi. Esse
infatti non essendo collegate al solaio portano solamente la parete di tamponamento esterna. Per la trave
di mezzo piano la reazione derivante dalle scale, essendo esse state modellate, gi considerata allinterno
del programma del calcolo non vi perci la necessit di inserirla nuovamente come carico esterno.
In definitiva ho quindi un carico permanente pari a:


4.5.1.3 Trave di bordo di pertinenza agli appartamenti
Come gi spiegato prima ho suddiviso le travi nelle campate di pertinenza agli appartamenti da quelle di
pertinenza agli ambienti distributivi per il differente sovraccarico duso accidentale.
Su di essa gravano, oltre al peso proprio gi considerato dal programma di calcolo, i seguenti carichi:
P.P. del solaio
P.P. tramezzi interni
Carico accidentale del sovraccarico duso
P.P. parete di tamponamento esterna
In definitiva ho un carico permanente pari a:

26 Analisi dei carichi


Un carico accidentale pari a:


4.5.1.4 Trave di spina di pertinenza agli appartamenti
Come gi spiegato prima ho suddiviso le travi nelle campate di pertinenza agli appartamenti da quelle di
pertinenza agli ambienti distributivi per il differente sovraccarico duso accidentale.
Su di essa gravano, oltre al peso proprio gi considerato dal programma di calcolo, i seguenti carichi:
P.P. del solaio
P.P. tramezzi interni
Carico accidentale del sovraccarico duso
In definitiva ho un carico permanente pari a:


Un carico accidentale pari a:


4.5.1.5 Trave di bordo trasversale
Per la trave di bordo trasversale, al contrario dei cordoli, in cui ho considerato un carico portato nullo, ho
assunto, con unarea di influenza pari ad 1 metro, i seguenti carichi
P.P. del solaio
P.P. tramezzi interni
Carico accidentale del sovraccarico duso
P.P. parete di tamponamento esterna
In definitiva ho un carico permanente pari a:


Un carico accidentale pari a:


4.5.1.6 Trave di spina scale
Ho suddiviso questa campata dalle altre perch su di essa ho un area di influenza dimezzata.
Su di essa gravano oltre al peso proprio e ai carichi indotti dalle rampe, gi considerati dal programma di
calcolo, i seguenti carichi:

27 Analisi dei carichi
P.P. del solaio
P.P. tramezzi interni
Carico accidentale del sovraccarico duso

In definitiva ho un carico permanente pari a:


Un carico accidentale pari a:


4.5.1.7 Trave di bordo negli ambienti distribuitivi
Come gi spiegato prima ho suddiviso le travi nelle campate di pertinenza agli appartamenti da quelle di
pertinenza agli ambienti distributivi per il differente sovraccarico duso accidentale.
Su di essa gravano, oltre al peso proprio gi considerato dal programma di calcolo, i seguenti carichi:
P.P. del solaio
P.P. tramezzi interni
Carico accidentale del sovraccarico duso
P.P. parete di tamponamento esterna

In definitiva ho un carico permanente pari a:


Un carico accidentale pari a:


4.5.2 Piano di copertura
4.5.2.1 Trave di bordo
Su di essa gravano, oltre al peso proprio, gi considerato dal programma di calcolo, i seguenti carichi:
Peso proprio solaio di copertura
Carico accidentale del sovraccarico duso
Carico accidentale dovuto alla neve
In definitiva ho un carico permanente pari a:



28 Analisi dei carichi
Un carico accidentale pari a:


4.5.2.2 Trave di spina
Su di essa gravano, oltre al peso proprio, gi considerato dal programma di calcolo, i seguenti carichi:
Peso proprio solaio di copertura
Carico accidentale del sovraccarico duso
Carico accidentale dovuto alla neve
In definitiva ho un carico permanente pari a:


Un carico accidentale pari a:


4.5.2.3 Trave di bordo trasversale
Ho operato come per la trave di bordo trasversale del piano tipo considerando un area di influenza pari ad
un metro
Su di essa gravano, oltre al peso proprio, gi considerato dal programma di calcolo, i seguenti carichi:
Peso proprio solaio di copertura
Carico accidentale del sovraccarico duso
Carico accidentale dovuto alla neve
In definitiva ho un carico permanente pari a:


Un carico accidentale pari a:




29 Calcolo azione sismica.
5 Calcolo azione sismica.
5.1 Metodi di analisi
Rifacendoci a quanto espresso nelle norme tecniche per le costruzione del 2008 lazione sismica pu essere
valutata con diversi metodi:
Analisi statica lineare
Analisi statica non lineare
Analisi dinamica lineare
Analisi dinamica non lineare
5.1.1 Analisi statica lineare
Lanalisi statica lineare consiste nellapplicazione di forze statiche equivalenti alle forze di inerzia indotte
dallazione sismica. Pu essere effettuata solamente per costruzioni che rispettino determinata
caratteristiche di regolarit e di geometria.
5.1.2 Analisi statica non lineare
Lanalisi non lineare statica consiste nellapplicare alla struttura i carichi gravitazionali e, per la direzione
considerata dellazione sismica, un sistema di forze orizzontali distribuite, ad ogni livello della costruzione,
proporzionalmente alle forze dinerzia ed aventi risultante (taglio alla base) Fb. Tali forze sono scalate in
modo da far crescere monotonamente, sia in direzione positiva che negativa e fino al raggiungimento delle
condizioni di collasso locale o globale, lo spostamento orizzontale dc di un punto di controllo coincidente
con il centro di massa dellultimo livello della costruzione (sono esclusi eventuali torrini). Il diagramma Fb -
dc rappresenta la curva di capacit della struttura.

5.1.3 Analisi dinamica lineare
Lanalisi dinamica lineare, che quello che useremo per la nostra esercitazione, consiste:

nella determinazione dei modi di vibrare della costruzione (analisi modale),
nel calcolo degli effetti dellazione sismica, rappresentata dallo spettro di risposta di progetto, per
ciascuno dei modi di vibrare individuati,
nella combinazione di questi effetti.

Devono essere considerati tutti i modi con massa partecipante significativa. opportuno a tal riguardo
considerare tutti i modi con massa partecipante superiore al 5% e comunque un numero di modi la cui
massa partecipante totale sia superiore all85%.

5.1.4 Analisi dinamica non lineare
Lanalisi non lineare dinamica consiste nel calcolo della risposta sismica della struttura mediante
integrazione delle equazioni del moto, utilizzando un modello non lineare della struttura e gli
accelerogrammi. Essa ha lo scopo di valutare il comportamento dinamico della struttura in campo non
lineare, consentendo il confronto tra duttilit richiesta e duttilit disponibile, nonch di verificare lintegrit
degli elementi strutturali nei confronti di possibili comportamenti fragili. Lanalisi dinamica non lineare deve
essere confrontata con una analisi modale con spettro di risposta di progetto, al fine di controllare le
differenze in termini di sollecitazioni globali alla base delle strutture.

30 Calcolo azione sismica.
5.2 Scelta del fattore di struttura.
La scelta del fattore di struttura stata effettuata seguendo le indicazioni presenti in normativa.
Il fattore di struttura assume il valore:


Dove:

il valore del fattore di struttura che dipende dal livello di duttilit attesa, dalla tipologia strutturale e
dal rapporto

tra il valore dellazione sismica per cui si forma un numero di cerniere plastiche tali da
rendere la struttura labile e quello per cui il primo elemento strutturale raggiunge la plasticizzazione a
flessione. Per la struttura in esame assunto pari a 1.1.

un fattore riduttivo che dipende dalle caratteristiche di regolarit in altezza della costruzione ed
assume valori compresi tra 1 per costruzione regolari in altezza e 0.8 per strutture non regolari in
altezza. Per la struttura in esame si assunto pari a 1.

Per strutture in calcestruzzo il fattore di struttura assume i valori riportati nella tabella seguente:



Ricordando che abbiamo progettato in classe di duttilit bassa, il problema stato quindi quello di
determinare la tipologia strutturale per ledificio in esame. Le tipologie strutturali sono definite in
normativa a seconda del comportamento sotto lazione di forze orizzontali. Nel nostro caso abbiamo
sottoposto la struttura ad un spettro di progetto con fattore di struttura pari a 3.9 e determinato la
ripartizione delle forze orizzontali. Nella finestre sottoriportate sono riportati i risultati di section cut
orizzontali realizzate in prossimit del livello zero della struttura. Come si osserva dalle finestre sia le azioni
verticali per pesi propri che quelle orizzontali nelle due direzioni del sisma sono prevalentemente assorbite
dai setti. Riguardando la tabella soprariportata ho quindi una struttura a pareti non accoppiate e prendo
quindi un fattore di struttura pari a 3*1.1=3.3.









31 Calcolo azione sismica.
Section Cut Pilastri-Setti per peso proprio



Section Cut Pilastri-Setti per peso proprio per Sisma lungo x



Section Cut Pilastri-Setti per peso proprio per Sisma lungo y


5.3 Spettro di risposta elastico SLV
Lo spettro di risposta elastico in accelerazione espresso da una forma spettrale (spettro normalizzato)
riferita ad uno smorzamento convenzionale del 5%, moltiplicata per il valore della accelerazione orizzontale
massima Ag introdotta nei capitoli precedenti su sito di riferimento rigido orizzontale. Sia la forma spettrale
che il valore di ag variano al variare della probabilit di superamento nel periodo di riferimento PVR. Gli
spettri cos definiti possono essere utilizzati per strutture con periodo fondamentale minore o uguale a 4,0
s, sono quindi utilizzabili per la struttura in esame che ha un periodo fondamentale di 0.8 s.

Lo spettro elastico orizzontale in accelerazione delle componenti orizzontali cosi definito:

)+



32 Calcolo azione sismica.

)

In cui:

laccelerazione spettrale
T il periodo di vibrazione
S un coefficiente che tiene conto della categoria di sottosuolo e delle condizioni topografiche
mediante la relazione:

il coefficiente di amplificazione topografica ed

il coefficiente di amplificazione
stratigrafica.
il fattore che altera lo spettro elastico per fattori di smorzamento diversi dal 5% mediante la
relazione:


Con espresso in percentuale.

il fattore che quantifica lamplificazione spettrale massima, su sito di riferimento rigido


orizzontale, ed ha un valore minimo di 0.2.

il periodo corrispondente allinizio del tratto a velocit costante dello spettro dato da:

definito in base al sito di riferimento e

un coefficiente funzione della categoria di


sottosuolo

il periodo corrispondente allinizio del tratto ad accelerazione costante,


il periodo corrispondente allinizio del tratto a spostamento costante dello spettro espresso da:



Per il sito in esame le caratteristiche dello spettro e dei coefficienti che lo identificano sono riassunti nella
tabella sottostante.

Tc* (s) periodo norm 0.297
Ag (g) accelarazione max attesa 0.126
F0 ampl.spettrale max 2.387
C.T. Categoria Topografica t1
C.S. Categoria sottosuolo c
g (m/s^2) acc di gravit 9.81
Fattore di smorzamento (%) 5
q fattore di struttura 3.9
Tb (s) 0.155173
Tc (s) 0.465518
Td (s) 1.651376
Cc coefficiente del terr 1.567399
Ss fattore 1.5
St Coefficiente di ampl. Top. 1
S ceoff. categoria sottosuolo 1.5
n Fattore per div. Da 5 % 1

33 Calcolo azione sismica.
Rifacendoci allo SLV lo spettro di risposta elastico rappresentato nel grafico sottostante:



Non considereremo gli spettri di accelerazione verticali in quanto nella struttura non sono presenti sbalzi o
travi con luce superiore a 20 metri e sbalzi con luce superiore a 4 m.

0
0.05
0.1
0.15
0.2
0.25
0.3
0.35
0.4
0.45
0.5
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
S
e

(
g
)

T (s)
Spettro di risposta elastico SLV

34 Calcolo azione sismica.
5.4 Spettro di progetto SLV
Lo spettro di progetto agli stati limite ultime di salvaguardia della vita deve tenere in conto le capacit
dissipative della struttura. Questo fatto tramite una riduzione delle forze elastiche che tiene conto in
modo semplificato della capacit dissipativa anelastica della struttura, della sua sovraresistenza,
dellincremento del suo periodo proprio a seguito delle plasticizzazioni.

Questo tenuto in contro sostituendo nelle formule riportate per lo spettro elastico ad il termine

dove
q il fattore di struttura.

Cos facendo ottengo le seguenti formule:

)+

)

Lo spettro di accelerazione di progetto per gli SLV riportato nel grafico sottostante.




Confronto fra lo spettro elastico e lo spettro di progetto.

0
0.02
0.04
0.06
0.08
0.1
0.12
0.14
0.16
0.18
0.2
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
S
e

(
g
)

T (s)
Spettro di progetto SLV

35 Calcolo azione sismica.


5.5 Spettro di progetto SLD
Lo spettro di progetto agli SLD lo spettro elastico assumendo come valori di

quelli relativi agli


SLD.
Il grafico dello spettro cos ottenuto ed il confronto con gli altri spettri riportato nel grafico seguente.

0
0.05
0.1
0.15
0.2
0.25
0.3
0.35
0.4
0.45
0.5
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
S
e

(
g
)

T (s)
Confronto fra spettro di progetto e spettro elastico
Spettro elastico
Spettro di Progetto
0
0.05
0.1
0.15
0.2
0.25
0.3
0.35
0.4
0.45
0.5
0 0.5 1 1.5 2 2.5 3
S
(
g
)

T(s)
Confronto fra i vari spettri
Spettro elastico SLV
Spettro di progetto SLV
Spettro di Progetto SLD

36 Calcolo azione sismica.
5.6 Effetti torsionali accidentali
La normativa impone di considerare gli effetti delleccentricit accidentale del centro di massa di ogni
piano. Essi possono essere tenuti in conto mediante lapplicazione di carichi statici costituiti da momenti
torcenti di valore pari alla risultante orizzontale della forza di piano moltiplicata per leccentricit
accidentale del baricentro delle masse rispetto alla sua posizione di calcolo.


Le forze di piano orizzontali sono determinate tramite la formula:



Dove:

la forza da applicare al piano i-esimo.

sono le masse, rispettivamente, del piano i e j.

sono le quote, rispetto al piano di fondazione, dei piani i e j.

lordinata dello spettro di progetto calcolata in T1 periodo fondamentale della struttura.


W il peso complessivo della costruzione.
un coefficiente pari a 0,85 se la costruzione ha almeno tre orizzontamenti e se T1 < 2TC,
pari a 1,0 in tutti gli altri casi;

Leccentricit accidentale, come indica la normativa, stata presa pari al 5 % della lunghezza in pianta
delledificio in direzione ortogonale allazione del moto sismico.
5.6.1 Stato limite di salvaguardia della vita
Si calcola per prima cosa lo spettro di progetto Sd per lo Stato limite in esame. Si considera quindi i periodi
associati ad i modi di vibrare nelle due direzioni x e y.
1 modo di vibrare: traslazione lungo la direzione x Tx=0.79 s
2 modo di vibrare: traslazione lungo la direzione y Ty=0.75 s
Lordinata dello spettro di progetto quindi:



Le eccentricit accidentali sono:



37 Calcolo azione sismica.
in quanto ho pi di tre orizzantamenti e


Nella tabella che segue si riportano i momenti accidentali calcolati per ciascun piano.
Momenti accidentali di piano SLV
Npiano Quota piano (m) Fx (KN) Fy (KN) Mx (KNm) My (KNm)
1 1 42.49941 44.766045 35.062013 86.174636
2 4 169.9976 179.06418 140.24805 344.69854
3 7 297.4959 313.36231 245.43409 603.22245
4 10 424.9941 447.66045 350.62013 861.74636
5 13 552.4923 581.95858 455.80617 1120.2703
6 16 447.4501 471.31408 369.14631 907.27961



38 Calcolo azione sismica.
5.6.2 Stato limite di danno
Si calcola per prima cosa lo spettro di progetto Sd per lo Stato limite in esame. Si considera quindi i periodi
associati ad i modi di vibrare nelle due direzioni x e y.
1 modo di vibrare: traslazione lungo la direzione x Tx=0.79 s
2 modo di vibrare: traslazione lungo la direzione y Ty=0.75 s
Lordinata dello spettro di progetto quindi:



Le eccentricit accidentali sono:


in quanto ho pi di tre orizzantamenti e


Nella tabella che segue si riportano i momenti accidentali calcolati per ciascun piano.

Momenti accidentali di piano SLD
Npiano Quota piano (m) Fx (KN) Fy (KN) Mx (KNm) My (KNm)
1 1 60.64149 63.875701 50.029228 122.96072
2 4 242.566 255.5028 200.11691 491.8429
3 7 424.4904 447.12991 350.2046 860.72507
4 10 606.4149 638.75701 500.29228 1229.6072
5 13 788.3393 830.38411 650.37996 1598.4894
6 16 638.4568 672.50787 526.72689 1294.5777



39 Combinazione dei carichi
6 Combinazione dei carichi
6.1 Carichi verticali
I carichi verticali assegnati ad i vari elementi strutturali sono riassunti nel paragrafo 4.5.
In questo capitolo non ci sono i carichi assegnati agli elementi shells che costituiscono i pianerottoli e le
rampe di scale.
Per le rampe di scale richiamando quanto espresso al paragrafo ho un carico permanente verticale non
strutturale pari a:


ed un carico accidentale pari a:


Per i pianerottoli ho un carico permanente verticale non strutturale pari a:


Ed un carico accidentale pari a:


6.2 Combinazione dei modi di vibrare
Una volta determinate le forme modali della struttura attraverso una analisi dinamica modale, seguendo
quanto espresso in normativa, si devono considerare tutti i modi di vibrare, in direzione x ed y, necessari ad
attivare una massa totale superiore all85%.
TABLE: Modal Participating Mass Ratios
StepNum Period UX UY SumUX SumUY RZ
Unitless Sec Unitless Unitless Unitless Unitless Unitless
1 0.81858 0.67 0.00002762 0.67 0.00002762 0.001043
2 0.774297 0.00002446 0.69 0.67 0.69 0.000006312
3 0.720718 0.0007963 0.00000452 0.68 0.69 0.69
4 0.168118 0.16 1.651E-08 0.84 0.69 0.0007451
5 0.129963 3.257E-07 0.16 0.84 0.85 3.761E-07
6 0.123505 0.0001396 2.626E-07 0.84 0.85 0.16
7 0.073238 0.04771 7.685E-07 0.89 0.85 0.0001583
8 0.066526 1.096E-09 9.946E-07 0.89 0.85 4.258E-09
9 0.066477 1.423E-07 7.9E-10 0.89 0.85 3.551E-07
10 0.065284 7.407E-09 3.439E-07 0.89 0.85 1.959E-10
11 0.065271 0.00001507 3.043E-09 0.89 0.85 1.815E-07
12 0.064841 8.541E-09 0.00001408 0.89 0.85 5.289E-09

Quindi dovr considerare almeno fino al 7 modo in direzione x e fino al 5 modo in direzione y. A favore di
sicurezza considerer gli effetti, per entrambe le direzioni, fino alla 12 forma modale.

40 Combinazione dei carichi
Per la combinazione degli effetti relativi ad i singoli modi deve essere utilizzata una combinazione
quadratica complete degli effetti relativi a ciascun modo:
(


Con:

valore delleffetto relativo al modo i

coefficiente di correlazione tra il modo i e il modo j, calcolato con formule di comprovata validit:

) *(

+

lo smorzamento viscoso dei modi i e j

il rapporto tra linverso dei periodi di ciascuna coppia i-j di modi.


Tale combinazione automaticamente attivata allinterno del programma SAP 2000 selezionando, nel
momento in cui si definisce lo spettro di risposta da associare allanalisi, lopzione CQC come si osserva
dalla finestra di comando.



41 Combinazione dei carichi
6.3 Load Cases
Per massimizzare le sollecitazione nei vari elementi strutturali occorre combinare lazione sismica con i
carichi verticali. Eseguiremo quindi un inviluppo fra combinazione per carichi verticali e combinazioni per
azioni sismiche. Nel modello i seguenti Load Cases.
DEAD: comprende i pesi propri di tutti gli elementi strutturali
Q PERM N. STRUT.: Comprende i pesi propri di tutti gli elementi non strutturali
Q C.A. ACC.: comprende i carichi accidentali dovuti al sovraccarico di uso agenti sulle travi negli
ambienti in categoria A
Q C.C. ACC.: comprende i carichi accidentali dovuti al sovraccarico di uso agenti sulle travi negli
ambienti in categoria C
Q C.H. ACC.: comprende i carichi accidentali dovuti al sovraccarico di uso agenti sulle travi negli
ambienti in categoria H
Sisma x SLV

: sisma agente lungo la dir. x considerato per lo spettro di risposta agli SLV
Sisma y SLV

: sisma agente lungo la dir. y considerato per lo spettro di risposta agli SLV
Sisma y SLD

: sisma agente lungo la dir. x considerato per lo spettro di risposta agli SLD
Sisma y SLD

: sisma agente lungo la dir. y considerato per lo spettro di risposta agli SLD
M ACC X SLV: comprende i momenti di piano torcenti causati dalleccentricit accidentale quando
ho sisma in direzione X con spettro di risposta agli SLV
M ACC Y SLV: comprende i momenti di piano torcenti causati dalleccentricit accidentale quando
ho sisma in direzione Y con spettro di risposta agli SLV
M ACC X SLD: comprende i momenti di piano torcenti causati dalleccentricit accidentale quando
ho sisma in direzione X con spettro di risposta agli SLD
M ACC Y SLD: comprende i momenti di piano torcenti causati dalleccentricit accidentale quando
ho sisma in direzione Ycon spettro di risposta agli SLD
6.4 Combinazione per azioni sismiche
La combinazione delle due componenti dellazione sismica, come riportato in normativa, stata svolta
sommando ad i massimi degli effetti agenti in una direzione il 30 % dei massimi degli effetti agenti nellaltra
direzione.
In definitiva ottengo quindi, limitandoci allazione sismica 32 combinazioni per gli SLV e 32 combinazioni per
gli SLD. In realt data la simmetria dellazione sismica le combinazioni si riducono ad 8. In definitiva si
considerato quindi le seguenti combinazioni.


{



42 Combinazione dei carichi

{



Alle combinazioni per le sole azioni sismiche si combina i carichi verticali tramite la formula:


Dove

sono i carichi permanenti strutturali

sono i carichi permanenti non strutturali

valore caratteristico delli-esima azione variabile

coefficienti di combinazione delli-esima azione variabile



6.5 Combinazioni di progetto
6.5.1 SLU
La combinazione di progetto agli SLU quella gi introdotta al paragrafo 6.4 cio la combinazione:

6.5.2 SLE
La combinazione di progetto agli SLE quella gi introdotta al paragrafo 6.4 cio la combinazione:


43 VERIFICHE ALLO STATO LIMITE DI DANNO
7 VERIFICHE ALLO STATO LIMITE DI DANNO
7.1 Verifiche degli elementi strutturali in termini di contenimento del danno agli
elementi non strutturali.
Per costruzioni ricadenti in classe I e II si deve verificare che lazione sismica di progetto non produca agli
elementi costruttivi senza funzione strutturale danni tali da rendere la costruzione temporaneamente
inagibile.
Per costruzioni civili ed industriali nel caso in cui linagibilit sia dovuta a spostamenti eccessivi di interpiano
si pu ritenere la verifica soddisfatta nel caso in cui:


Dove:

lo spostamento di interpiano
h laltezza di interpiano
Questa limitazione valida per il caso in esame ovvero per tamponamenti collegati rigidamente alla
struttura che interferiscono con la deformabilit della stessa.
Ho una altezza di interpiano pari:

il limite massimo degli spostamenti quindi pari a:


Come combinazione di carico che massimizza gli spostamenti la combinazione inviluppo SLD.
Gli spostamenti massimi si hanno nei nodi posti ad i 4 angoli delledificio. Vado perci a controllare lentit
degli spostamenti in essi.
Nelle tabelle sottostanti si riporta lentit degli spostamenti in ciascun pilastro dangolo in corrispondenza
della quota di pianto.
Nodi Alto sinistra
Nodo Ux(m) Uy(m) Uz(m) UXY(mm) UXYZ(mm) dUXY(mm) dUXYZ(mm)
1 Max 0.1 0.4 -4.0 0.4 4.0 1.7 0.7
1 Min -0.1 -0.1 -7.9 0.1 7.9 0.7 0.7
33 Max 0.7 2.0 -4.3 2.1 4.8 2.1 1.3
33 Min -0.6 -0.5 -8.6 0.8 8.6 0.9 0.5
65 Max 1.4 4.0 -4.5 4.2 6.0 2.3 1.7
65 Min -1.3 -1.0 -9.1 1.7 9.2 1.0 0.4
97 Max 2.3 6.1 -4.7 6.5 7.7 2.4 1.9
97 Min -2.1 -1.6 -9.5 2.7 9.6 1.0 0.3
129 Max 3.2 8.3 -4.8 8.9 9.6 2.4 2.0
129 Min -2.9 -2.2 -9.6 3.7 9.9 1.0 0.2
161 Max 4.1 10.5 -4.8 11.3 11.6
161 Min -3.7 -2.8 -9.7 4.6 10.1

dU max 2.4 2.0

44 VERIFICHE ALLO STATO LIMITE DI DANNO

Nodi Alto destra
Ux(m) Uy(m) Uz(m) UXY(mm) UXYZ(mm) dUXY(mm) dUXYZ(mm)
8 Max 0.1 0.4 -4.0 0.5 4.1 1.8 0.8
8 Min -0.1 -0.1 -8.0 0.1 8.0 0.6 0.7
40 Max 0.7 2.1 -4.3 2.2 4.8 2.1 1.3
40 Min -0.6 -0.4 -8.7 0.7 8.7 0.9 0.5
72 Max 1.4 4.1 -4.6 4.4 6.1 2.4 1.7
72 Min -1.3 -0.9 -9.2 1.6 9.2 1.0 0.4
104 Max 2.3 6.3 -4.7 6.7 7.9 2.5 2.0
104 Min -2.1 -1.4 -9.5 2.6 9.6 1.0 0.3
136 Max 3.2 8.6 -4.8 9.2 9.9 2.5 2.1
136 Min -2.9 -1.9 -9.7 3.5 9.9 0.9 0.2
168 Max 4.1 10.9 -4.8 11.6 11.9
168 Min -3.7 -2.4 -9.8 4.4 10.1

dU max 2.5 2.1

Nodi basso destra
Ux(m) Uy(m) Uz(m) UXY(mm) UXYZ(mm) dUXY(mm) dUXYZ(mm)
32 Max 0.1 0.4 -3.7 0.5 3.7 1.8 2.6
32 Min -0.1 -0.1 -6.8 0.1 6.8 0.6 4.3
64 Max 0.7 2.1 -6.0 2.2 6.3 2.1 2.4
64 Min -0.6 -0.4 -11.1 0.8 11.1 0.8 3.3
96 Max 1.5 4.1 -7.7 4.4 8.7 2.4 2.2
96 Min -1.3 -0.9 -14.4 1.6 14.4 0.9 2.4
128 Max 2.3 6.3 -9.0 6.7 11.0 2.4 2.0
128 Min -2.0 -1.4 -16.8 2.4 16.8 0.9 1.5
160 Max 3.2 8.6 -9.7 9.2 13.0 2.5 1.8
160 Min -2.7 -1.9 -18.2 3.3 18.3 0.8 0.5
192 Max 4.0 10.9 -10.0 11.6 14.8
192 Min -3.3 -2.4 -18.7 4.1 18.8

dU max 2.5 4.3

Nodi basso sinistra
Ux(m) Uy(m) Uz(m) UXY(mm) UXYZ(mm) dUXY(mm) dUXYZ(mm)
25 Max 0.1 0.4 -3.7 0.4 3.7 1.7 2.6
25 Min -0.1 -0.1 -6.8 0.1 6.8 0.7 4.3
57 Max 0.7 2.0 -6.0 2.2 6.3 2.1 2.4
57 Min -0.6 -0.5 -11.1 0.8 11.1 0.8 3.3
89 Max 1.5 4.0 -7.7 4.2 8.7 2.3 2.2
89 Min -1.3 -1.0 -14.4 1.6 14.4 0.9 2.4
121 Max 2.3 6.1 -9.0 6.5 10.9 2.4 1.9
121 Min -2.0 -1.6 -16.8 2.6 16.8 0.9 1.5
153 Max 3.2 8.3 -9.7 8.9 12.8 2.4 1.7
153 Min -2.7 -2.2 -18.2 3.5 18.3 0.9 0.5
185 Max 4.0 10.5 -10.0 11.3 14.5
185 Min -3.3 -2.8 -18.6 4.4 18.9

dU max 2.4 4.3

Come si osserva dalle tabelle il limite imposto dalla normativa sempre soddisfatto



45 VERIFICHE ALLO SLV
8 VERIFICHE ALLO SLV
8.1 Travi
8.1.1 Trave di bordo
Si verifica la trave di bordo indicata nella pianta sottostante.

La sezione della trave scelta ha dimensione di 30x35 cm ed indicata nella immagine sottostante.

Linviluppo dei momenti flettenti derivanti dallanalisi riportato nellimmagine che segue.

46 VERIFICHE ALLO SLV
Mrd +
Mrd -
Msd +
Msd -
9
6
,
8
8
8
9
,
5
5
1
1
0
,
6
5
0
,
4
5

Essendoci una modesta variazione di momento flettente fra le varie campate si dispone, per tutta la
lunghezza della trave, le seguenti armature.
Armatura superiore:


Armatura inferiore:


8.1.1.1 Verifica a flessione
8.1.1.1.1 Momento positivo.
La trave soggetta ad momento flettente positivo massimo pari a 50.45 KNm.
La trave con le armature sopra riportate ha un momento resistente pari a:

La verifica risulta quindi soddisfatta.
8.1.1.1.2 Momento negativo
La trave soggetta ad momento flettente negativo massimo pari a 96.9 KNm.

47 VERIFICHE ALLO SLV
La trave con le armature sopra riportate ha un momento resistente pari a:

La verifica risulta quindi soddisfatta.
8.1.1.2 Verifica a taglio.
Il taglio sollecitante nella travi non dedotto, come per il momento flettente, direttamente dallanalisi ma
ricavato utilizzando uno schema semplificato come indicato dalla normativa. La normativa infatti recita:
Al fine di escludere la formazione di meccanismi inelastici dovuti al taglio, le sollecitazioni di taglio di
calcolo VEd si ottengono sommando il contributo dovuto ai carichi gravitazionali agenti sulla trave,
considerata incernierata agli estremi, alle sollecitazioni di taglio corrispondenti alla formazione delle
cerniere plastiche nella trave e prodotte dai momenti resistenti Mb,Rd,1,2 delle due sezioni di
plasticizzazione (generalmente quelle di estremit) determinati come indicato in 4.1.2.1.2, amplificati del
fattore di sovraresistenza gRd assunto pari, rispettivamente, ad 1,20 per strutture in CDA, ad 1,00 per
strutture in CDB (v. Fig. 7.4.1). Per ciascuna direzione e ciascun verso di applicazione delle azioni sismiche,
si considerano due valori di sollecitazione di taglio, massimo e minimo, ipotizzando rispettivamente la
presenza e lassenza dei carichi variabili e momenti resistenti Mb,Rd,1,2, da assumere in ogni caso di verso
concorde sulla trave. Nei casi in cui le cerniere plastiche non si formino nella trave ma negli elementi che la
sostengono, le sollecitazioni di taglio sono calcolate sulla base della resistenza di questi ultimi.

Ho quindi considerato linviluppo fra gli schemi riportati nella figura sottostante.

Q Var.
Q Perm.
Q Var.
Q Perm.
Q Var.
Q Perm.
Q Perm. Q Perm. Q Perm.

Le sollecitazione per ciascuno schema sono riportati nel grafico che segue.


48 VERIFICHE ALLO SLV


La verifica, una volta determinate le sollecitazioni di progetto si determina esattamente come per le
condizioni non sismiche utilizzando il modello a traliccio indicato nelle NTC. Per resistere alle azioni
taglianti si dispone delle armature trasversali costituite da staffe con diametro pari a 8 mm e interasse pari
a 70 mm. Linviluppo del taglio riferito ad una singola campata, essendo esse tutte uguali, riportato
nellimmagine sottostante.
Trd +
Trd -
Tsd max
Tsd min
2
1
1
1
4
8
,
9
3
1
1
0
,
2
4
100 350 100
1
3
3
,
8
1
2
1
1
1
0
7
,
7
9
8
,
4
2

Come si osserva dallinviluppo sovrastante il momento resistente, allontanandosi dagli appoggi, diminuisce.
Questo dovuto al fatto che si aumentato il passo delle staffe al di fuori delle zone critiche portandolo a
140 mm.
Le verifiche in zona critica e al di fuori della zona critica sono riportate nella tabelle sottostanti.
-200
-150
-100
-50
0
50
100
150
200
-1 0 1 2 3 4 5 6
T1
T2
T3
T4
T5
T6

49 VERIFICHE ALLO SLV
VERIFICA IN ZONA CRITICA
Altezza sezione h 350.00 mm
copriferro inf c 40.00 mm
copriferro sup c' 40.00 mm
Cot delta 2.40
Diametro Armatura Trasversale 8
Numero di Bracci n 2.00
Distanza fra le staffe scelta s 70 mm
Area armatura trasversale Asw 56.55 mm^2
Resistenza di calcolo a trazione Vrsd 211.27 KN
Resistenza di calcolo a compressione Vrcd 211.27 KN
Resistenza a taglio Vrd 211.27 KN
Taglio sollecitante Vsd 149.00 KN

VERIFICA FUORI DALLE ZONA CRITICA
Altezza sezione h 350.00 mm
copriferro inf c 40.00 mm
copriferro sup c' 40.00 mm
Cot delta 2.50
Diametro Armatura Trasversale 8
Numero di Bracci n 2.00
Distanza fra le staffe scelta s 140 mm
Area armatura trasversale Asw 56.55 mm^2
Resistenza di calcolo a trazione Vrsd 110.24 KN
Resistenza di calcolo a compressione Vrcd 204.92 KN
Resistenza a taglio Vrd 110.24 KN
Taglio sollecitante Vsd 109.00 KN

8.1.1.3 Prescrizioni geometriche
La normativa impone di rispettare prescrizioni di carattere geometrico e riguardanti i limiti di armatura. Per
quanto riguarda quelle di carattere geometrico si richiede che:


Per quanto riguarda la limitazione sulle armature ho che larmatura tesa deve rispettare la seguente
limitazione.


Zona Momento positivo




50 VERIFICHE ALLO SLV
Zona momento Negativo



In zona critica si deve inoltre verificare che


Fuori dalla zona critica si deve invece verificare che


Queste due verifiche sono entrambe soddisfatte.
Sono inoltre soddisfatte tutte le verifiche riguardanti larmatura trasversale che si pu osservare dalle
tavole di progetto.
8.1.2 Trave di spina
Si verifica la trave di spina illustrata nella pianta sottostante.
La sezione della trave scelta ha dimensione di 30x40 cm.

51 VERIFICHE ALLO SLV

Linviluppo dei momenti flettenti derivanti dallanalisi riportato nellimmagine che segue.
1
3
3
,
5
3
1
6
2
,
5
1
1
9
,
3
7
4
,
3
9
Mrd -
Mrd +
Msd -
Msd +

Essendoci una modesta variazione di momento flettente fra le varie campate si dispone, per tutta la
lunghezza della trave, le seguenti armature.
Armatura superiore:


Armatura inferiore:



52 VERIFICHE ALLO SLV
8.1.2.1 Verifica a flessione
8.1.2.1.1 Momento positivo.
La trave soggetta ad momento flettente positivo massimo pari a 74.4 KNm.
La trave con le armature sopra riportate ha un momento resistente pari a:

La verifica risulta quindi soddisfatta.
8.1.2.1.2 Momento negativo
La trave soggetta ad momento flettente negativo massimo pari a 133.52 KNm.
La trave con le armature sopra riportate ha un momento resistente pari a:

La verifica risulta quindi soddisfatta.
8.1.2.2 Verifica a taglio.
Il taglio sollecitante nella travi non dedotto, come per il momento flettente, direttamente dallanalisi ma
ricavato utilizzando uno schema semplificato come indicato dalla normativa. La normativa infatti recita:
Al fine di escludere la formazione di meccanismi inelastici dovuti al taglio, le sollecitazioni di taglio di
calcolo VEd si ottengono sommando il contributo dovuto ai carichi gravitazionali agenti sulla trave,

53 VERIFICHE ALLO SLV
considerata incernierata agli estremi, alle sollecitazioni di taglio corrispondenti alla formazione delle
cerniere plastiche nella trave e prodotte dai momenti resistenti Mb,Rd,1,2 delle due sezioni di
plasticizzazione (generalmente quelle di estremit) determinati come indicato in 4.1.2.1.2, amplificati del
fattore di sovraresistenza gRd assunto pari, rispettivamente, ad 1,20 per strutture in CDA, ad 1,00 per
strutture in CDB (v. Fig. 7.4.1). Per ciascuna direzione e ciascun verso di applicazione delle azioni sismiche,
si considerano due valori di sollecitazione di taglio, massimo e minimo, ipotizzando rispettivamente la
presenza e lassenza dei carichi variabili e momenti resistenti Mb,Rd,1,2, da assumere in ogni caso di verso
concorde sulla trave. Nei casi in cui le cerniere plastiche non si formino nella trave ma negli elementi che la
sostengono, le sollecitazioni di taglio sono calcolate sulla base della resistenza di questi ultimi.

Ho quindi considerato linviluppo fra gli schemi riportati nella figura sottostante.

Q Var.
Q Perm.
Q Var.
Q Perm.
Q Var.
Q Perm.
Q Perm. Q Perm. Q Perm.

Le sollecitazione per ciascuno schema sono riportati nel grafico che segue.



La verifica, una volta determinate le sollecitazioni di progetto si determina esattamente come per le
condizioni non sismiche utilizzando il modello a traliccio indicato nelle NTC. Per resistere alle azioni
taglianti si dispone delle armature trasversali costituite da staffe con diametro pari a 8 mm e interasse pari
a 80 mm. Linviluppo del taglio riferito ad una singola campata, essendo esse tutte uguali, riportato
nellimmagine sottostante.
-300
-200
-100
0
100
200
300
-1 0 1 2 3 4 5 6
T1
T2
T3
T4
T5
T6

54 VERIFICHE ALLO SLV
Trd +
Trd -
Tsd max
Tsd min
2
9
0
100 350 100
2
9
0
1
9
9
2
3
5
,
9
6
1
6
9
,
3
9
2
3
5
,
9
6
1
0
2
,
8
3
1
9
9

Come si osserva dallinviluppo sovrastante il taglio resistente, allontanandosi dagli appoggi, diminuisce.
Questo dovuto al fatto che si aumentato il passo delle staffe al di fuori delle zone critiche portandolo a
160 mm.
Le verifiche in zona critica e al di fuori della zona critica sono riportate nella tabelle sottostanti.

VERIFICA IN ZONA CRITICA
Altezza sezione h 400.00 mm
copriferro inf c 40.00 mm
copriferro sup c' 40.00 mm
Cot delta 1.83
Diametro Armatura Trasversale 8.00
Numero di Bracci n 2.00
Distanza fra le staffe scelta s 80 mm
Area armatura trasversale Asw 100.53 mm^2
Resistenza di calcolo a trazione Vrsd 290.80 KN
Resistenza di calcolo a compressione Vrcd 290.80 KN
Resistenza a taglio Vrd 290.80 KN
Taglio sollecitante Vsd 235.96 KN


55 VERIFICHE ALLO SLV

VERIFICA FUORI ZONA CRITICA 1
Altezza sezione h 400.00 mm
copriferro inf c 40.00 mm
copriferro sup c' 40.00 mm
Cot delta 2.50
Diametro Armatura Trasversale 8.00
Numero di Bracci n 2.00
Distanza fra le staffe scelta s 160 mm
Area armatura trasversale Asw 100.53 mm^2
Resistenza di calcolo a trazione Vrsd 199.15 KN
Resistenza di calcolo a compressione Vrcd 237.97 KN
Resistenza a taglio Vrd 199.15 KN
Taglio sollecitante Vsd 169.39 KN
8.1.2.3 Prescrizioni geometriche
Le verifiche indicate al paragrafo 8.1.3.3 risultano essere tutte soddisfatte.


56 VERIFICHE ALLO SLV

8.2 Pilastri
8.2.1 Sollecitazioni di calcolo
Le sollecitazioni flettenti di calcolo sono ottenute per ciascuna direzione e per ciascun verso di applicazione
della azioni sismiche facendo in modo che in ogni nodo la resistenza complessiva dei pilastri sia maggiore
della resistenza complessiva delle travi amplificata del coefficiente

in accordo con la formula:


In cui:

1.3 per strutture in CD A e 1.1 per strutture in CD B

il momento resistente del generico pilastro convergente nel nodo, calcolato per i livelli di
sollecitazione assiale presenti nella combinazione delle azioni sismiche derivante dallanalisi.
Al fine di escludere la formazione di meccanismi inelastici dovuti al taglio le sollecitazioni di taglio da
utilizzare per le verifiche e per il dimensionamento delle armature si ottengono dalla condizione di
equilibrio del pilastro soggetto allazione dei momenti resistenti nelle sezioni di estremit superiore


ed inferiore

secondo lespressione:


In cui:

il momento resistente della sezione di estremit superiore del pilastro

il momento resistente della sezione di estremit inferiore del pilastro

assume i valori gi indicati in precedenza

la lunghezza del pilastro


8.2.2 Verifiche di resistenza
Le verifiche di resistenza sono effettuate esattamente come per le condizioni non sismiche con una
limitazione sullo sforzo normale: Per le strutture in CD B ed in CD A la sollecitazione di compressione
non deve eccedere, rispettivamente, il 65% ed il 55% della resistenza massima a compressione della
sezione di solo calcestruzzo.

8.2.3 Pilastro di spina
Si esamina il pilastro indicato in figura.

57 VERIFICHE ALLO SLV

8.2.3.1 Verifica a pressoflessione
Le sollecitazione di calcolo sono calcolate come sopra indicato. Essendo le travi che convergono in ciascun
nodo del pilastro sempre della medesima sezione i momenti flettenti sono uguali in ciascun sezione del
pilastro. Lo sforzo normale invece si ricava dallanalisi ed in ciascuna sezione del pilastro si effettuato la
verifica con lo sforzo normale massimo e con quello minimo. Le sollecitazioni per ciascuna sezione
verificata sono riportate nella tabella sottostante.
Sezione N (KN) Msd x (KNm) Msdy (KNm)
6im 0.469 155 61.49
6iM 186 155 61.49
5sm 0.469 155 61.49
5sM 197 155 61.49
5im 12.77 155 61.49
5iM 442 155 61.49
4sm 12.77 155 61.49
4sM 451 155 61.49
4im 25.33 155 61.49
4iM 702.2 155 61.49
3sm 25.33 155 61.49
3sM 713.9 155 61.49
3im 37.9 155 61.49
3iM 962.4 155 61.49
2sm 37.9 155 61.49
2sM 974.1 155 61.49
2im 50.37 155 61.49
2iM 1218 155 61.49
1sm 50.37 155 61.49
1sM 1229 155 61.49
1im 63.23 155 61.49
1iM 1460 155 61.49

Nella tabella soprariportata si ha lo sforzo normale, il momento flettente in direzione X ed il momento
flettente in direzione Y per ciascuna sezione verificata. Le sezione sono state denominate con 3 caratteri, il
primo un numero indica il piano delledificio a cui la sezione fa riferimento, il secondo indica se stiamo

58 VERIFICHE ALLO SLV
analizzando la sezione inferiore o superiore rispetto allimpalcato il terzo indica se stiamo considerando la
condizione con N minimo oppure con N massimo.
I momenti flettenti sono stati calcolati come indicato nel paragrafo 8.3.1 utilizzando, come momenti
resistenti per le travi, in direzioni X, quelli calcolati durante la verifica delle travi indicati al paragrafo 8.2.1,
in direzione Y, quelli calcolati per un cordolo in cemento armato con dimensioni coerenti con le
caratteristiche delledificio. Abbiamo utilizzato cio il momento resistente di un cordolo in cemento armato
con le dimensioni di 28x30 cm armato con 2 20 inferiormente e superiormente. Un cordolo cos fatto ha
un momento resistente pari a 55.9 KN/m.
La normativa impone, nelle due direzioni, che:


che ipotizzando di utilizzare per il pilastro una sezione doppiamente simmetrica uguale al di sopra e al di
sotto di ciascun implacato diventa:


Questa formula mi da in direzione x:


In direzione y:


La sezione scelta ha dimensioni di 30x55 cm armatura come indicato nella figura sottostante:

La prima verifica da effettuare quella relativa allo sforzo normale massimo. Seguendo le indicazioni da
normativa, Per le strutture in CD B ed in CD A la sollecitazione di compressione non deve eccedere,
rispettivamente, il 65% ed il 55% della resistenza massima a compressione della sezione di solo
calcestruzzo.


59 VERIFICHE ALLO SLV
Perci,


La verifica successiva a pressoflessione, per la verifica si utilizza la formula semplificata suggerita dalla
normativa al punto 4.1.10:

sono i momenti flettenti sollecitanti nelle due direzioni.

sono i momenti flettenti resistenti calcolati in funzioni dello sforzo normale sollecitante.
La verifica cos fatta riportata nella tabella sottostante.
Sezione N (KN) Msd x (KNm) Msdy (KNm) MRdx (KNm) MRdy (KNm) Controllo 4.1.10
6im 0.5 155 61.49 363.2 121.6 0.93
6iM 186.0 155 61.49 408.0 143.4 0.81
5sm 0.5 155 61.49 363.2 121.6 0.93
5sM 197.0 155 61.49 410.6 144.7 0.80
5im 12.8 155 61.49 366.2 123.0 0.92
5iM 442.0 155 61.49 460.0 171.8 0.69
4sm 12.8 155 61.49 366.2 123.0 0.92
4sM 451.0 155 61.49 461.6 172.6 0.69
4im 25.3 155 61.49 369.2 124.5 0.91
4iM 702.2 155 61.49 496.6 191.8 0.63
3sm 25.3 155 61.49 369.2 124.5 0.91
3sM 713.9 155 61.49 497.9 192.5 0.63
3im 37.9 155 61.49 372.3 126.0 0.90
3iM 962.4 155 61.49 517.4 203.1 0.60
2sm 37.9 155 61.49 372.3 126.0 0.90
2sM 974.1 155 61.49 517.9 203.4 0.60
2im 50.4 155 61.49 375.3 127.5 0.89
2iM 1217.6 155 61.49 511.7 197.7 0.61
1sm 50.4 155 61.49 375.3 127.5 0.89
1sM 1229.3 155 61.49 509.9 196.9 0.62
1im 63.2 155 61.49 378.4 129.0 0.88
1iM 1460.3 155 61.49 473.9 182.2 0.66


8.2.3.2 Verifica a taglio
Per il calcolo delle sollecitazioni taglianti si utilizza lespressione riportata al paragrafo 8.3.1:


nel caso in esame, avendo scelto per il pilastro una sezione costante lungo il suo sviluppo diviene:



60 VERIFICHE ALLO SLV
per il pilastro in esame che ha un momento resistente, in direzione x di 306.23 KNm e in direzione y di
153.9 KNm diviene:


Il pilastro ha un armatura resistente in zona critica pari a:
Diametro Armatura Trasversale mm 8
Numero di Bracci nx 2
Numero di Bracci ny 4
Distanza fra le staffe scelta mm s 100
Area armatura trasversale x mm2 Aswx 100.53
Area armatura trasversale y mm2 Aswy 201.06

Fuori dalla zona critica:
Diametro Armatura Trasversale mm 8
Numero di Bracci nx 2
Numero di Bracci ny 4
Distanza fra le staffe scelta mm s 200
Area armatura trasversale x mm2 Aswx 100.53
Area armatura trasversale y mm2 Aswy 201.06
La verifica essendo il taglio costante viene effettuata solamente al di fuori della zona critica ed riportata
nella tabella sottostante,

N1 N2 N3 N4 N5 N6 N7 N8 N9 N10 N11 N12 N13 N14 N15 N16 N17 N18 N19 N20 N21 N22

0.5 186.0 0.5 197.0 12.8 442.0 12.8 451.0 25.3 702.2 25.3 713.9 37.9 962.4 37.9 974.1 50.4 1217.6 50.4 1229.3 63.2 1460.3

cp 1 cp 2 cp 3 cp 4 cp 5 cp 6 cp 7 cp 8 cp 9 cp 10 cp 11 cp 12 cp 13 cp 14 cp 15 cp 16 cp 17 cp 18 cp 19 cp 20 cp 21 cp 22

0.00 1.13 0.00 1.19 0.08 2.68 0.08 2.73 0.15 4.26 0.15 4.33 0.23 5.83 0.23 5.90 0.31 7.38 0.31 7.45 0.38 8.85

ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac

1.0 1.1 1.0 1.1 1.0 1.2 1.0 1.2 1.0 1.3 1.0 1.3 1.0 1.3 1.0 1.3 1.0 1.2 1.0 1.2 1.0 0.9
Vrsd x 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5
Vrcd x 345.8 373.2 345.8 374.8 347.6 410.9 347.6 412.3 349.5 432.2 349.5 432.2 351.3 432.2 351.3 432.2 353.2 415.1 353.2 410.8 355.1 325.6
Vrd x 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5 231.5
Vrsd y 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6
Vrcd y 330.9 517.8 479.8 520.1 482.3 570.2 482.3 572.1 484.9 599.7 484.9 599.7 487.5 599.7 487.5 599.7 490.0 576.1 490.0 570.1 492.7 451.8
Vrd y 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6 241.6
Tx 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6 224.6
Ty 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9 112.9

La verifica stata effettuata per tutte le combinazioni di sforzo normale massimo e minimo e per tutte le
sezioni al di sopra e al di sotto degli impalcati.
8.2.3.3 Prescrizioni geometriche
Si rispettato tutte le prescrizioni geometriche e di armatura indicate al paragrafo 7.4.6.1.2 e 7.4.6.2.2
delle NTC 2008.

61 VERIFICHE ALLO SLV
8.2.4 Pilastro di bordo

8.2.4.1 Verifica a pressoflessione
Le sollecitazione di calcolo sono calcolate come sopra indicato. Essendo le travi che convergono in ciascun
nodo del pilastro sempre della medesima sezione i momenti flettenti sono uguali in ciascun sezione del
pilastro. Lo sforzo normale invece si ricava dallanalisi ed in ciascuna sezione del pilastro si effettuato la
verifica con lo sforzo normale massimo e con quello minimo. Le sollecitazioni per ciascuna sezione
verificata sono riportate nella tabella sottostante.
Sezione N Msd x Msdy
6im -2.4 89.0 55.9
6iM 107.7 89.0 55.9
5sm -2.4 89.0 55.9
5sM 120.0 89.0 55.9
5im 5.7 89.0 55.9
5iM 325.0 89.0 55.9
4sm 5.7 89.0 55.9
4sM 337.0 89.0 55.9
4im 14.1 89.0 55.9
4iM 549.0 89.0 55.9
3sm 14.1 89.0 55.9
3sM 561.0 89.0 55.9
3im 22.9 89.0 55.9
3iM 781.0 89.0 55.9
2sm 22.9 89.0 55.9
2sM 793.0 89.0 55.9
2im 32.0 89.0 55.9
2iM 1020.0 89.0 55.9
1sm 32.0 89.0 55.9
1sM 1032.0 89.0 55.9
1im 43.0 89.0 55.9
1iM 1266.0 89.0 55.9

Nella tabella soprariportata si ha lo sforzo normale, il momento flettente in direzione X ed il momento
flettente in direzione Y per ciascuna sezione verificata. Le sezione sono state denominate con 3 caratteri, il
primo un numero indica il piano delledificio a cui la sezione fa riferimento, il secondo indica se stiamo
analizzando la sezione inferiore o superiore rispetto allimpalcato il terzo indica se stiamo considerando la
condizione con N minimo oppure con N massimo.

62 VERIFICHE ALLO SLV
I momenti flettenti sono stati calcolati come indicato nel paragrafo 8.3.1 utilizzando, come momenti
resistenti per le travi, in direzioni X, quelli calcolati durante la verifica delle travi indicati al paragrafo 8.2.1,
in direzione Y, quelli calcolati per un cordolo in cemento armato con dimensioni coerenti con le
caratteristiche delledificio. Abbiamo utilizzato cio il momento resistente di un cordolo in cemento armato
con le dimensioni di 28x30 cm armato con 2 20 inferiormente e superiormente. Un cordolo cos fatto ha
un momento resistente pari a 55.9 KN/m.
La normativa impone, nelle due direzioni, che:


che ipotizzando di utilizzare per il pilastro una sezione doppiamente simmetrica uguale al di sopra e al di
sotto di ciascun implacato diventa:


Questa formula mi da in direzione x:


In quanto non considero il momento positivo perch sto trattando un pilastro di bordo
In direzione y:


La sezione scelta ha dimensioni di 55x30 cm armata come indicato nella figura sottostante:

La prima verifica da effettuare quella relativa allo sforzo normale massimo. Seguendo le indicazioni da
normativa, Per le strutture in CD B ed in CD A la sollecitazione di compressione non deve eccedere,
rispettivamente, il 65% ed il 55% della resistenza massima a compressione della sezione di solo
calcestruzzo.

63 VERIFICHE ALLO SLV

Perci,


La verifica successiva a pressoflessione, per la verifica si utilizza la formula semplificata suggerita dalla
normativa al punto 4.1.10:

sono i momenti flettenti sollecitanti nelle due direzioni.

sono i momenti flettenti resistenti calcolati in funzioni dello sforzo normale sollecitante.
La verifica cos fatta riportata nella tabella sottostante.
Sezione N Msd x Msdy MRdx MRdy Controllo 4.1.10
6im -2.4 89.0 55.9 150.66 182.0 0.9
6iM 107.7 89.0 55.9 163.68 208.7 0.8
5sm -2.4 89.0 55.9 150.66 182.0 0.9
5sM 120.0 89.0 55.9 165.13 211.6 0.8
5im 5.7 89.0 55.9 151.62 183.9 0.9
5iM 325.0 89.0 55.9 188.78 257.7 0.7
4sm 5.7 89.0 55.9 151.62 183.9 0.9
4sM 337.0 89.0 55.9 190.12 260.1 0.7
4im 14.1 89.0 55.9 152.62 186.0 0.9
4iM 549.0 89.0 55.9 210.57 296.3 0.6
3sm 14.1 89.0 55.9 152.62 186.0 0.9
3sM 561.0 89.0 55.9 211.52 298.0 0.6
3im 22.9 89.0 55.9 153.67 188.1 0.9
3iM 781.0 89.0 55.9 225.61 323.9 0.6
2sm 22.9 89.0 55.9 153.67 188.1 0.9
2sM 793.0 89.0 55.9 226.2 325.0 0.6
2im 32.0 89.0 55.9 154.75 190.3 0.9
2iM 1020.0 89.0 55.9 233.91 339.1 0.5
1sm 32.0 89.0 55.9 154.75 190.3 0.9
1sM 1032.0 89.0 55.9 234.13 339.5 0.5
1im 43.0 89.0 55.9 156.05 193.0 0.9
1iM 1266.0 89.0 55.9 222.94 328.3 0.6

8.2.4.2 Verifica a taglio
Per il calcolo delle sollecitazioni taglianti si utilizza lespressione riportata al paragrafo 8.3.1:


nel caso in esame, avendo scelto per il pilastro una sezione costante lungo il suo sviluppo diviene:



64 VERIFICHE ALLO SLV
per il pilastro in esame che ha un momento resistente, in direzione x di 306.23 KNm e in direzione y di
153.9 KNm diviene:


Il pilastro ha un armatura resistente in zona critica pari a:
Diametro Armatura Trasversale mm 8
Numero di Bracci nx 4
Numero di Bracci ny 2
Distanza fra le staffe scelta mm s 100
Area armatura trasversale x mm2 Aswx 201
Area armatura trasversale y mm2 Aswy 100.5

Fuori dalla zona critica:
Diametro Armatura Trasversale mm 8
Numero di Bracci nx 4
Numero di Bracci ny 2
Distanza fra le staffe scelta mm s 200
Area armatura trasversale x mm2 Aswx 201
Area armatura trasversale y mm2 Aswy 100.5

La verifica essendo il taglio costante viene effettuata solamente al di fuori della zona critica ed riportata
nella tabella sottostante,

N1 N2 N3 N4 N5 N6 N7 N8 N9 N10 N11 N12 N13 N14 N15 N16 N17 N18 N19 N20 N21 N22

-2.4 107.7 -2.4 120.0 5.7 325.0 5.7 337.0 14.1 549.0 14.1 561.0 22.9 781.0 22.9 793.0 32.0 1020.0 32.0 1032.0 43.0 1266.0

cp 1 cp 2 cp 3 cp 4 cp 5 cp 6 cp 7 cp 8 cp 9 cp 10 cp 11 cp 12 cp 13 cp 14 cp 15 cp 16 cp 17 cp 18 cp 19 cp 20 cp 21 cp 22

-0.01 0.65 -0.01 0.73 0.03 1.97 0.03 2.04 0.09 3.33 0.09 3.40 0.14 4.73 0.14 4.81 0.19 6.18 0.19 6.25 0.26 7.67

ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac ac Ac ac ac ac ac ac ac

1.0 1.0 1.0 1.1 1.0 1.1 1.0 1.1 1.0 1.2 1.0 1.2 1.0 1.3 1.0 1.3 1.0 1.3 1.0 1.3 1.0 1.1
Vrsd x 453.1 465.2 453.1 466.6 453.8 191.2 453.8 191.2 454.7 191.2 454.7 191.2 455.7 191.2 455.7 191.2 456.8 191.2 456.8 191.2 458.0 191.2
Vrcd x 339.9 348.9 339.9 350.0 340.3 540.3 340.3 542.7 341.1 585.6 341.1 588.1 341.8 593.1 341.8 593.1 342.6 593.1 342.6 593.1 343.5 545.2
Vrd x 339.9 348.9 339.9 350.0 340.3 191.2 340.3 191.2 341.1 191.2 341.1 191.2 341.8 191.2 341.8 191.2 342.6 191.2 342.6 191.2 343.5 191.2
Vrsd y 436.4 448.0 436.4 449.3 437.0 184.1 437.0 184.1 437.9 184.1 437.9 184.1 438.9 184.1 438.9 184.1 439.9 184.1 439.9 184.1 441.1 184.1
Vrcd y 343.7 359.5 343.7 361.3 344.6 567.6 344.6 570.1 345.8 615.2 345.8 617.8 347.1 623.0 347.1 623.0 348.4 623.0 348.4 623.0 350.0 572.8
Vrd y 343.7 359.5 343.7 361.3 344.6 184.1 344.6 184.1 345.8 184.1 345.8 184.1 347.1 184.1 347.1 184.1 348.4 184.1 348.4 184.1 350.0 184.1
Tx 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7 110.7
Ty 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9 133.9

La verifica stata effettuata per tutte le combinazioni di sforzo normale massimo e minimo e per tutte le
sezioni al di sopra e al di sotto degli impalcati.
8.2.4.3 Prescrizioni geometriche
Si rispettato tutte le prescrizioni geometriche e di armatura indicate al paragrafo 7.4.6.1.2 e 7.4.6.2.2
delle NTC 2008.

65 VERIFICHE ALLO SLV
8.3 Setto

8.3.1 Sollecitazioni di calcolo
8.3.1.1 Momenti flettenti
Il diagramma dei momenti flettenti lungo laltezza della parete ottenuto per traslazione verso lalto
dellinviluppo del diagramma dei momenti flettenti derivanti dallanalisi. Linviluppo, se la struttura non
presenta particolari discontinuit in termini di massa, rigidezza e resistenza lungo laltezza, pu essere
assunto lineare. Laltezza della traslazione pu essere assunta pari allaltezza critica

. Laltezza

data
dal pi grande dei seguenti valori: laltezza della sezione di base della parete (

), un sesto dellaltezza della


parete (

); laltezza critica da assumere non deve essere maggiore dellaltezza del piano terra, nel caso di
edifici con numero di piani non superiore a 6, maggiore di due volte laltezza del piano terra, per edifici con
oltre 6 piani, e comunque non maggiore di due volte laltezza della sezione di base. Per il setto in esame si
ha quindi un altezza critica pari a:




Il diagramma dei momenti flettenti sollecitanti stato quindi trovato ricavando dallanalisi i momenti
flettenti massimi, nelle due direzioni, presenti alla base del setto tra le 8 combinazioni di carico agli SLV
indicate al paragrafo 6.4 e congiungendo linearmente tali valori con il valore del momento flettente
presente sulla sommit del setto nelle due direzioni. Dopo avere determinato tale andamento si
provveduto alla traslazione verso lalto di tutti i valori per una lunghezza pari allaltezza critica.


66 VERIFICHE ALLO SLV
3
3709,69
2967,75
2225,81
1483,88
729,73
1
3
3
3
3
3
3957
1
3
3
3
3
3
31,18
24,95
18,71
13,12
6,24
33,26


Nelle immagini soprastanti riportata la costruzione effettuata, con i relativi valori alle quote degli
impalcati espressi in KNm, nelle due direzioni x e y, per la determinazione dei momenti flettenti. Come
sforzo normale si assunto i valori massimi e minimi relativi alle combinazioni di carico che massimizzavano
i momenti flettenti.

I valori di momento flettente Mx, My e sforzo normale alle quote degli impalcati con cui si effettuato le
verifiche sono riportati nella tabella che segue.

Quota(m) 1 4 7 10 13 16
M x(z) KNm 3957 3710 2968 2226 1484 730
N max x KN 2248.05 1792.61 1323.34 847.63 368.90 312.60
N min x KN 1870.07 1479.25 1089.55 697.31 301.19 244.98
M y (z) KNm 33.26 31.18 24.95 18.71 13.12 6.24
N max y KN 2240.41 1786.14 1239.33 844.41 312.60 311.76
N min y KN 1862.42 1472.795 1084.637 694.093 300.35 265.546

Il setto soggetto a pressoflessione deviata e, a favore di sicurezza, anche se i momenti nelle due direzioni
sono riferiti a combinazioni di carico differenti, stato verificato per ciascuna quota con i momenti massimi
nelle due direzioni e con gli sforzi normali minimi e massimi calcolati per le due combinazioni di carico che
massimizzano i momenti flettenti nelle due direzioni.

8.3.1.2 Taglio
Le sollecitazioni di taglio, come previsto dalla normativa, sono state calcolate incrementando il taglio
ottenuto dallanalisi del 50 %.
quota 1 4 7 10 13 16
Tx KN 986.844 786.78 609.3375 461.003 282.8295 280.0905
Ty KN 10.5465 19.518 14.487 14.3805 21.768 11.451


67 VERIFICHE ALLO SLV
8.3.2 Verifiche
8.3.2.1 Verifica a pressoflessione
La verifica stata effettuata utilizzando il software di calcolo del Prof. Ing Piero Gelfi e i grafici di output del
programma sono riportati nelle pagine che seguono. La sezione del setto si differenzia solamente in
prossimit della zona critica e lungo il suo sviluppo in altezza si riconosce solamente due sezioni differenti
fra loro. Le due sezioni sono riportate nella figura sottostante.

Sezione in zona critica






Sezione al di fuori della zona critica
Quota 1 Nmin, Nmax



68 VERIFICHE ALLO SLV


Quota 4 Nmin, Nmax




Quota 7 Nmin, Nmax


Quota 10 Nmin, Nmax



69 VERIFICHE ALLO SLV


Quota 13 Nmin, Nmax



Quota 16 Nmin, Nmax


8.3.2.2 Verifica a taglio
Oltre a verificare il setto per sollecitazioni di pressoflessione lo si deve verificare per taglio. Le verifiche da
effettuare sono quelle gi effettuate anche per i pilastri di taglio con comportamento a traliccio e la verifica
a scorrimento nelle zone critiche.
Verifica a taglio traliccio in zona critica
Larmatura in zona trasversale in zona critica, intuibile anche dalla figura inserita al paragrafo 8.4.2.1,
costituita da staffe a 8 bracci con diametro di 8 mm in direzione Y e staffe a 2 bracci con diametro di 8 mm
in direzioni X.
La verifica nelle due direzioni quindi la seguente


70 VERIFICHE ALLO SLV
Taglio sollecitante lungo il lato lungo del setto
VERIFICA
Altezza sezione h 300,00 mm
copriferro inf c 40,00 mm
copriferro sup c' 40,00 mm
Cot delta 2,50
Diametro Armatura Trasversale 8,00
Numero di Bracci n 2,00
Distanza fra le staffe scelta s 200 mm
Area armatura trasversale Asw 100,53 mm^2
Resistenza di calcolo a trazione Vrsd 1309,96 KN
Resistenza di calcolo a compressione Vrcd 1956,66 KN
Resistenza a taglio Vrd 1309,96 KN
Taglio sollecitante Vsd 987,00 KN

Taglio sollecitante lungo il lato corto del setto
VERIFICA
Altezza sezione h 300,00 mm
copriferro inf c 40,00 mm
copriferro sup c' 40,00 mm
Cot delta 2,50
Diametro Armatura Trasversale 8,00
Numero di Bracci n 8,00
Distanza fra le staffe scelta s 200 mm
Area armatura trasversale Asw 402,12 mm^2
Resistenza di calcolo a trazione Vrsd 460,26 KN
Resistenza di calcolo a compressione Vrcd 1718,69 KN
Resistenza a taglio Vrd 460,26 KN
Taglio sollecitante Vsd 10,54 KN

Verifica a taglio traliccio al di fuori della zona critica
Al di fuori della zona critica la sezione sempre la medesima e larmatura trasversale resistente al taglio,
deducibile anche al paragrafo 8.4.2.1, costituita da staffe a 4 bracci con diametro di 8 mm in direzione Y e
staffe a 2 bracci con diametro di 8 mm in direzioni X.
La verifica nelle due direzioni quindi la seguente
Taglio sollecitante lungo il lato lungo del setto
VERIFICA
Altezza sezione h 3000,00 mm
copriferro inf c 40,00 mm
copriferro sup c' 40,00 mm
Cot delta 2,50
Diametro Armatura Trasversale 8,00
Numero di Bracci n 2,00
Distanza fra le staffe scelta s 200 mm
Area armatura trasversale Asw 100,53 mm^2
Resistenza di calcolo a trazione Vrsd 1309,96 KN
Resistenza di calcolo a compressione Vrcd 1956,66 KN
Resistenza a taglio Vrd 1309,96 KN
Taglio sollecitante Vsd 461,00 KN




71 VERIFICHE ALLO SLV
Taglio sollecitante lungo il lato corto del setto
VERIFICA
Altezza sezione h 300,00 mm
copriferro inf c 40,00 mm
copriferro sup c' 40,00 mm
Cot delta 2,50
Diametro Armatura Trasversale 8,00
Numero di Bracci n 4,00
Distanza fra le staffe scelta s 200 mm
Area armatura trasversale Asw 201,06 mm^2
Resistenza di calcolo a trazione Vrsd 230,13 KN
Resistenza di calcolo a compressione Vrcd 1718,69 KN
Resistenza a taglio Vrd 230,13 KN
Taglio sollecitante Vsd 21,76 KN

Verifica di scorrimento in zona critica
La normativa impone la verifica sui possibili piani di scorrimento posti allinterno delle zone critiche, si deve
verificare che:


Dove

il valore di progetto della resistenza a taglio nei confronti dello scorrimento


In cui

rappresentano, rispettivamente, il contributo delleffetto spinotto delle armature


verticali, il contributo della armature inclinate presenti alla base, il contributo della resistenza per attrito.
Sono dati dalle seguenti espressioni:

[(


In cui i vari coefficienti esprimo il significato riportato nella normativa. Le verifiche, ricordando che il
termine Vid pari a 0 n quanto non ho inserito armature inclinate, sono riportate nella tabella sottostante.
Vdd KN 566,8581702
Vid KN 0
Vfd KN 1039,179677
n 38
phi 14
s Aij mm^2 5849,645521
Ned N 2300000
csi 0,377416984
Med KNm 3957
z 2432
n 0,5328
Vrds KN 1606,037847

72 VERIFICHE ALLO SLV
Ho un taglio resistente pari a 1606 KN nettamente superiore al taglio sollecitante la verifica quindi
soddisfatta.
8.3.2.3 Prescrizioni geometriche
Si rispettato tutte le prescrizioni geometriche e di armatura indicate al paragrafo 7.4.6.1.4 e 7.4.6.2.4
delle NTC 2008.
8.4 Vano ascensore

8.4.1 Sollecitazioni di calcolo
Le sollecitazioni nel vano ascensore sono state determinate direttamente dallanalisi considerandolo
soggetto a pressoflessione deviata. Le sollecitazioni sono state calcolate per ciascuna quota a cui sono
presenti gli impalcati. Le sollecitazioni sono state determinate, di volta in volta, con il taglio massimo e il
momento massimo supponendo che il quando ho il taglio massimo in una direzione abbia anche il
momento massimo nella medesima direzioni.

p1 tx p1 ty p2 tx p2 ty p3 tx p3 ty p4 tx p4 ty p5 tx p5 ty p6 tx p6 ty
tx 938,549 256,422 1329,68 247,374 1213,56 129,909 963,053 8,0535 681,398 162,251 573,497 340,091
ty 38,9385 1496,97 221,025 931,416 188,253 740,486 123,587 594,578 64,8765 320,511 119,189 252,806
n 3956,97 3603,62 3418,9 3145,32 2703,44 2512,92 1871,73 1760,24 975,355 926,871 294,817 263,982
mx 1965,4 4632,85 577,11 3545,01 66,6588 2475,9 183,72 1501,51 263,432 665,009 379,449 315,065
my 5624,29 2081,94 4538,93 1570,81 2849,48 950,264 1499,15 475,128 610,622 161,721 145,938 83,2084

8.4.2 Verifiche a pressoflessione
Il vano ascensore costituito solamente da due differenti sezioni, una per la zona critica e una al di fuori
della zona critica. Le sezioni sono riportate nelle immagini sottostanti.



73 VERIFICHE ALLO SLV
Sezione del vano in zona critica
7'=
7'='
7'='
7'=J
7'=J
7'='
7'='
7'='
7'='
7'='
7'='
7'='
7'=J
7'=J
7'='
7'='
7'='
7'='
7'='
60
40
2
0
2
0
60
40
2
4
0
250
210
2
4
0
2
0
0
2
0
0












74 VERIFICHE ALLO SLV
Sezione al di fuori della zona critica
7'=
7'=o
7'=o
7'=.
7'=.
7'=o
7
'
=

o
7'=
7'='
7'='
7'='
7'='
7'='
7'='
7'='
7'='
7'=
7'=
60
40
2
0
2
0
60
40
2
4
0
250
210
2
4
0
2
0
0
2
0
0

Le verifiche effettuate sono state fatte utilizzando il programma di verifica del Prof. Ing. Piero Gelfi e sono
riportate per ciascuna quota di impalcato nelle immagini che seguono.


75 VERIFICHE ALLO SLV
P1 Tx - Ty

P2 Tx - Ty

P3Tx - Ty



76 VERIFICHE ALLO SLV
P4 Tx - Ty

P5 Tx - Ty

P6 Tx - Ty

Come si osserva dalle immagini le verifiche sono tutte soddisfatte.

77 VERIFICHE ALLO SLV
8.4.3 Verifica a taglio
Le verifiche a taglio da effettuare sono esattamente le solite effettuate per il setto si rimanda quindi al
paragrafo 8.3.2.2 per la spiegazione delle verifiche effettuate. Le sollecitazioni di calcolo sono quelle
riportate al paragrafo 8.4.1 e per la verifica a taglio traliccio si sono considerate le sollecitazioni di taglio in
direzione x e y indipendenti fra di loro supponendo che quando il taglio agisce in direzione x siano
solamente le pareti con lato lungo parallelo ad x a resistere e che quando il taglio agisce in direzione y siano
solamente le parete con lato lungo parallelo a y a resistere. Per quanto riguarda la verifica a scorrimento si
invece considerata la direzione vettoriale del taglio e si considerato il setto per intero.
Verifica a taglio traliccio
Le verifiche sono riportate nelle tabelle sottostanti. La sezione resistente a taglio per come si scomposto il
vano sempre la stessa. Si riporta quindi solamente la verifica per la condizioni di carico peggiore.
Taglio sollecitante Max x KN 1329
Taglio resistente x KN 1615
Taglio sollecitante Max y KN 1469
Taglio resistente y KN 2101
Verifica a scorrimento
Le sollecitazioni calcolate come sopraindicato sono riportate nella tabella sottostante.

p1 tx p1 ty p2 tx p2 ty p3 tx p3 ty p4 tx p4 ty p5 tx p5 ty p6 tx p6 ty
tx KN 938.5485 256.422 1329.684 247.374 1213.56 129.909 963.053 8.0535 681.398 162.251 573.497 340.091
ty KN 38.9385 1496.9745 221.025 931.416 188.253 740.486 123.587 594.578 64.8765 320.511 119.189 252.806
T KN 939.35589 1518.77743 1347.9286 963.706 1228.08 751.795 970.95 594.632 684.479 359.239 585.751 423.76

Le verifica per ciascuna delle combinazioni soprariportate sono riportate nella tabella sottostante.
vdd 1103.8817 1103.8817 1103.8817 1103.88 1103.88 1103.88 984.543 984.543 984.543 984.543 984.543 984.543
vfd 1157.5613 1157.56128 1157.5613 1157.56 1157.56 1157.56 1157.56 1157.56 1099.72 1109.57 712.386 775.699
n 74 74 74 74 74 74 66 66 66 66 66 66
phi 14 14 14 14 14 14 14 14 14 14 14 14
s Aij 11391.415 11391.415 11391.415 11391.4 11391.4 11391.4 10159.9 10159.9 10159.9 10159.9 10159.9 10159.9
Ned 3956966 3603616 3418901 3145320 2703442 2512917 1871732 1760236 975355 926871 -294817 -263982
csi 0.3 0.3 0.3 0.3 0.3 0.3 0.3 0.3 0.3 0.3 0.3 0.3
Med 5624.2941 -4632.8471 4538.9315 -3545.01 2849.48 -2475.9 1499.15 -1501.51 610.622 -665.009 145.938 -315.065
z 2928 2928 2928 2928 2928 2928 2928 2928 2928 2928 2928 2928
n 0.5328 0.5328 0.5328 0.5328 0.5328 0.5328 0.5328 0.5328 0.5328 0.5328 0.5328 0.5328
Totale 2261.443 2261.44298 2261.443 2261.44 2261.44 2261.44 2142.1 2142.1 2084.26 2094.11 1696.93 1760.24
T KN 939.35589 1518.77743 1347.9286 963.706 1228.08 751.795 970.95 594.632 684.479 359.239 585.751 423.76

8.4.4 Limitazioni geometriche
Si rispettato tutte le prescrizioni geometriche e di armatura indicate al paragrafo 7.4.6.1.4 e 7.4.6.2.4
delle NTC 2008.




78 VERIFICHE ALLO SLV
8.5 Fondazione
Come indicato al paragrafo 2.4.5 la fondazione costituita da un graticcio di travi rovesce con sezione a T
rovesciata e da una platea con spessore 50 cm posta al di sotto del vano ascensore. Per lesercitazione si
analizza la trave rovescia indicata nella figura sottostante.

8.5.1 Sollecitazioni di calcolo
8.5.1.1 Momento flettente
Le sollecitazioni di calcolo sono state dedotte direttamente dallanalisi imponendo che il fattore di struttura
si pari ad 1. I momenti flettenti cos calcolati sono riportati nellimmagine sottostante. Oltre alle
sollecitazioni ricavate dallanalisi ho riportato le sollecitazioni derivanti da uno studio della fondazione su
terreno alla winkler con carichi derivanti dalle azioni statiche.
1531
494
910
1498
909
496
537
320
1216 1216
311
539
1332
1186
1332
Mrd -
Msd max
Msd Min
Mrd +
1215
1615
1725
1671


79 VERIFICHE ALLO SLV
8.5.1.2 Taglio
Le sollecitazioni di taglio sono state determinate utilizzando il metodo esposto al paragrafo 8.1.1.2. Si ha un
taglio massimo pari a 1540 KN.
8.5.2 Verifica a flessione.
Come si deduce dallinviluppo soprariportato si scelto di utilizzare una trave di fondazione con due
differenti sezioni da utilizzare rispettivamente nelle zone pi o meno sollecitate. Le sezioni utilizzate nelle
due zone sono riportate nelle figure sottostanti.
Sezione meno sollecitata

Sezione zona pi sollecitata.

Il momento resistente di questi due sezioni si a momento positivo che a momento negativo stato
confrontato con il momento sollecitante riportato nellinviluppo. Le verifiche sono riportata nelle immagini
che seguono.


80 VERIFICHE ALLO SLV
Momento Negativo sezione meno sollecitata

Momento Positivo sezione meno sollecitata



81 VERIFICHE ALLO SLV
Momento Negativo sezione pi sollecitata

Momento Positivo sezione pi sollecitata

8.5.3 Verifica a taglio
VERIFICA
Altezza sezione h 500.00 mm
copriferro inf c 40.00 mm
copriferro sup c' 40.00 mm
Cot delta 2.19
Diametro Armatura Trasversale 10.00
Numero di Bracci n 2.00
Distanza fra le staffe scelta s 100 mm
Area armatura trasversale Asw 157.08 mm^2
Resistenza di calcolo a trazione Vrsd 1764.99 KN
Resistenza di calcolo a compressione Vrcd 1764.99 KN
Resistenza a taglio Vrd 1764.99 KN
Taglio sollecitante Vsd 1540.00 KN

82 Appendice
9 Appendice
9.1 Calcolo del carico indotto dai tramezzi interni
Per il calcolo dei carico indotto dai tramezzi interni si operato come segue:
Si diviso la pianta architettonica con una maglia coincidente con la maglia strutturale delledificio.
Si calcolato limpronta totale

dei tramezzi sul solaio relativa a ciascun campo espressa in

.
Si calcolato il perimetro totale dei tramezzi relativo a ciascun campo espresso in cm.
Si calcolato la quota parte di intonaco da detrarre dallimpronta dei tramezzi sul solaio
moltiplicando il perimetro per lo spessore di intonaco, ipotizzando cio che esso rivesta le pareti
lungo tutto il perimetro.


Dove


Si calcolato limpronta sul solaio relativa solamente ad i forati interni alle pareti,


Infine si moltiplicato le aree cos determinate per laltezza di interpiano e per il peso specifico
dellintonaco e dei foratoni. Cos facendo si determinato il peso totale dei tramezzi agenti su
ciascun campo che, una volta diviso per la superficie dei tramezzi, ci ha restituito il carico indotto
dai tramezzi sul solaio.
9.2 Calcolo dei nodi master e assegnazione dei baricentri di piano.
Si riporta il calcolo effettuato per la determinazione dei baricentri di piano e per la determinazione del
momento polare di inerzia da applicare a ciascun piano. Le formule utilizzate per il calcolo dei baricentri
sono le seguenti.




Dove:

il peso totale di ciascun campo in cui ho suddiviso la pianta.

la coordinata del X baricentro del ciascun campo rispetto ad un sistema di riferimento globale.

la coordinata del Y baricentro del ciascun campo rispetto ad un sistema di riferimento globale.

il momento di inerzia polare relativo a ciascun campo calcolato come segue.



83 Appendice


Con:

massa dellelemento considerato.

distanza del baricentro dellelemento dallorigine del sistema di riferimento.

dimensione in pianto lungo x dellelemento considerato.

dimensione in pianto lungo y dellelemento considerato.


Il metodo sopra descritto stato utilizzato per la determinazione dei nodi master relativi a solai, rampe di
scale e muri di tamponamento esterni.
9.3 Aree di influenza verticali per il calcolo dei nodi master
Area di influenza primo piano
Area di influenza piano copertura
Area di influenza piani 2,3,4,5
Aree di influenza Scale e vano ascensore
Area di influenza mezzi piani
Aree di influenza tramezzi interni Aree di influenza tamponamenti esterni
LEGENDA

Nelle immagine soprastante si osserva come si suddiviso in altezza il contributo degli elementi scale, vano
ascensore, tramezzi interni, tamponamenti esterni nel calcolo dei nodi master.
9.4 Calcolo della costante elastica assegnata ad i nodi di fondazione
Si riporta di seguito il calcolo delle costanti elastiche inserite allinterno del programma di calcolo. Tale
valore stato inserito allinterno al programma tramite delle molle applicate ad i nodi che costituiscono la
fondazione. Ad i nodi che costituiscono la fondazione stato assegnato un vincolo che impedisce la
traslazione orizzontale nelle due direzioni X e Y, impedisce la rotazione attorno a Z e cede elasticamente in
direzione Z.

84 Appendice
Per il terreno ho ipotizzato una costante elastica di sottofondo pari a:


Tenendo in conto che il terreno in caso di sollecitazione dinamica ha un comportamento notevolmente pi
rigido rispetto al caso statico ho moltiplicato tale valore per un coefficiente dinamico pari a 3:


Il valore della costante elastica da applicare a ciascun si ottiene moltiplicano il valore sopra calcolato per
larea di influenza di ciascun nodo.
Per gli elementi frame si ottiene:


Dove B la larghezza della fondazione ed i linterasse fra i nodi.
Per gli elementi shells si ottiene:


Dove A larea degli elementi frame.
9.4.1 Calcolo rigidezza nodi elementi frame.
I nodi che costituiscono gli elementi frame sono stati calcolati con il metodo sopra citato, i nodi che
collegano pi frame sono stati considerati separatamente andando a calcolare esattamente la loro area di
influenza. Nella immagini che seguono si riporta la metodologia utilizzata per il calcolo delle aree di
influenza attribuite a ciascun nodo e la relativa tabella con la rigidezza del terreno assegnata a ciascun
nodo. Le travi di fondazione sono state tutte modellate con elementi frame con passo di 0.5 m e larghezza
di 1.5 m.



85 Appendice
Nodo che collega 2 Aste Nodo che collega 3 Aste
100
1
0
0
50 50
5
0
Asse trave
Filo esterno trave
Filo esterno trave
Nodo tipo 3
150
1
5
0
Nodo tipo 2
Nodo tipo 1
Asse trave
Filo esterno trave
Filo esterno trave
Nodo tipo 1
1
5
0
50 50 50 50 50
5
0
1
0
0
Filo esterno trave
Asse trave
Nodo tipo 4
Nodo tipo 5 Nodo tipo 3


Nodo che collega 4 aste
Asse trave
Filo esterno trave
Filo esterno trave
Nodo tipo 1
1
5
0
5
0
Filo esterno trave
Asse trave
Nodo tipo 4
Nodo tipo 6
Nodo tipo 4
5
0
5
0

9.4.2 Calcolo rigidezza nodi elementi Shells
I nodi che costituiscono gli elementi shells sono stati trattati esattamente con la solita metodologia usata
per gli elementi frame. Lassegnazione delle aree di influenza riportata nella immagine sottostante. I nodi
degli shells in rosso non sono stati considerati, quelli in blu sono stati considerati come appartenenti ad i
frames mentre quelli in viola sono stati considerati come appartenenti agli shells.
Nodi gi considerati nei frames
Nodi con rigidezza nulla
Nodi considerati negli shells

Perci la rigidezza assegnata ad i nodi rappresentati in viola :