Sei sulla pagina 1di 17

Corso di laurea: BIOLOGIA Tutor: Floris Marta; Max Artizzu PRECORSI DI MATEMATICA

SISTEMI DI MISURA ED EQUIVALENZE


Un tappezziere prende le misure di una stanza per acquistare il quantitativo di tappezzeria necessario per eseguire il lavoro

Egli prende un doppiometro e, iniziando da una parete, misura la lunghezza della stanza (a-b); misura poi la larghezza della stanza (a-c) e inne laltezza (a-d). Se la stanza ` perfettamente rettangolare queste tre misure gli consentono e di conoscere quanta supercie egli deve rivestire con la tappezzeria (dovr`, a naturalmente, tener conto delle nestre e delle porte...). Il tappezziere conosce quanto sono larghi e quanto sono lunghi i rotoli di tappezzeria che il negozio gli pu` vendere: con una semplice successione di o calcoli pu` quindi sapere quanti rotoli egli dovr` acquistare per tappezzare o a la stanza. Questo semplice esempio esprime chiaramente lo scopo fondamentale delle operazioni di misurazione: si misura per conoscere ed ` necessario, conoscere e per decidere.

UNITA DI RIFERIMENTO Loperazione di misura si compie confrontando la grandezza che si vuole misurare con ununit` di riferimento. a Se si deve misurare una grandezza lineare (ad esempio la distanza tra due punti) si confronter` questa, che ` una lunghezza, con unaltra lunghezza, a e normalmente pi` piccola, per sapere quante volte la lunghezza presa come u unit` di riferimento pu` essere contenuta nella lunghezza da misurare. Se a o la grandezza da misurare ` una supercie (ad esempio il pavimento di una e stanza), il confronto sar` fatto con ununit` di riferimento che esprime la a a supercie; analogamente con il volume, e cos` v` a. Allo scopo di rendere pi` agevoli i Rapp`rti commerciali tra i vari Paesi u o (ciascuno di essi aveva precedentemente proprie unit` di misura, dierenti a da quelle adottate dagli altri Paesi), verso la ne del 1700 fu studiato un sistema razionale di unit` di misura che successivamente venne adottato da a quasi tutto il mondo. Il sistema di unit` di misura che ` stato adottato si a e basa sostanzialmente su due unit` fondamentali di riferimento: a il metro, denito originariamente come la quarantamilionesima parte del meridiano terrestre. Dal metro derivano tutte le unit` di misura comunemente usate per la a misura di: - lunghezza - supercie - volume e capacit` a - peso il secondo, denito inizialmente come la ott`ntaseimilaquattrocentesima a parte del giorno solare medio. Con il secondo e le altre unit` ad esso a collegate si misurano normalmente: - il tempo - gli angoli

IL SISTEMA METRICO DECIMALE Linsieme delle unit` di misura fondate sul metro viene denominato sisa tema metrico decimale. Le caratteristiche fondamentali di questo sistema sono due: - ` un sistema di unit` di misura nel quale tutte le unit` sono collegate con e a a il metro; - ` un sistema di unit` di misura nel quale tutti i multipli e i sottomultipli e a dellunit` di base sono pi` grandi o pi` piccoli di questa secondo i multipli o a u u sottomultipli del numero 10. LUNITA DI MISURA DELLA LUNGHEZZA. II metro ` la lunghezza , alla temperatura di zero gradi Celsius di una e sbarra di platino-iridio conservata in un apposito museo, vicino a Parigi, a S`vres, che costituisce il campione della lunghezza del metro. e Oggi si usa una denizione pi` sosticata: u II metro ` la distanza percorsa dalla luce nel vuoto nel tempo di 1/299792485e esimo di secondo I MULTIPLI E SOTTOMULTIPLI PIU COMUNI DEL METRO [m] SISTEMA DECIMALE Nome Miriametro Chilometro Ettometro Decametro Metro decimetro centimetro millimetro Simbolo Mm Km hm dam m dm cm mm metri, 10 000, 1 000, 100, 10, 1, 0,1 0,01 0,001 104 103 102 10 100 101 102 103

Non ` molto comodo misurare la distanza tra Napoli e Milano in metri, e cos` come non si riuscirebbe a misurare in metri la lunghezza d` un ago. Sono state perci` denite delle unit` di lunghezza pi` grandi del metro e o a u delle unit` di lunghezza pi` piccole del metro. a u

` PASSAGGIO DA UNUNITA DI LUNGHEZZA ALLALTRA Per passare da ununit` di lunghezza a quella immediatamente superiore a occorre ricordare che questultima ` 10 volte pi` grande della precedente. e u Perci` se la lunghezza di un determinato tratto di strada ` pari a 1 647 m, o e questa lunghezza sar`: a 164,7 decametri (ci vogliono 10 m per ottenere 1 dam) 16,47 ettometri (ci vogliono 10 dam per ottenere 1 hm) 1,647 chilometri (ci vogliono 10 hm per ottenere 1 km) Per passare da ununit` di lunghezza a quella immediatamente inferiore a occorre ricordare che questultima ` 10 volte pi` piccola della precedente. e u Perci`, se laltezza media di una stanza ` pari a 3,20 m, questaltezza sar`: o e a 32 decimetri (in 1 m ci stanno 10 dm) 320 centimetri (in 1 dm ci stanno 10 cm) 3 200 millimetri (in 1 cm ci stanno 10 mm) Esercizio 1 Esegui le seguenti operazioni facendo prima le equivalenze Per poterle fare ci sono due modi: 1. Trasformare tutte le misure che compaiono nellunit` di misura richiesta a dallequivalenza: 7 Km =7 102 dam 14 m =700 dam

=14 101 dam=1,4 dam

12 dam=12 101 dam =12 dam Successivamente fare le somme: 700dam + 1, 4dam + 12dam = 713, 4dam 2. Creare una tabellina con tutti i multipli e sottomultipli dellunit` di a 4

misura, in cui si scriveranno i numeri partendo dalla prima cifra prima della virgola. Se ho 124m saranno 1 hm, 2 dam e 4 m; se lo volessi esprimere in chilometri saranno 0 Km, 1 hm, 2 dam e 4 m. Scriviamo i numeri nella tabella e riempiamo di zeri per completarla. Seguendo questo ragionamento: Km 7 0 0 7 hm 0 0 1 1 dam 0 1 2 3, m dm 0 4 0 4 cm mm

Dopo di che si somma in colonna e si mette la virgola nella casella che corrisponde al multiplo cercato. Gli stessi procedimenti possono essere usati per tutte le equivalenze. 1) 7 Km+ 14 m+ 12 dam = 2) 15dm + 70 cm - 100 mm = 3) 27dam + 3 200 cm + 2 hm = 4) 0,5 dam + 5 m + 6 cm + 1,6 m = 5) 15,7 dm + 3,4 hm + 4 Km + 56 m + 12 cm = 6) 13,6 cm + 5,7 dam + 2 Km + 32 dm + 15 mm = 7) 174 dm + 37 m + 0,4 hm + 0,2 Km + 1,25 dam = 8) 0,002 km + 0,07 hm + 46 m + 160 cm + 2, 64 dam = 9) 562 cm + 1 561 mm + 2 hm + 0,14 km + 7 m = 11) 160 m - 1 074 cm = 12) 5,4 m - 45 mm = 13) 15 671 cm - 0,0081 km = 14) 18,6 dam - 56 m = 15) 676 dm - 0,02 hm = ............ dam ............ m ............ m ............ dm ............ m ............ m ............ dam ............ cm ............ m ............ m ............ mm ............ dm ............ hm ............ dam [713,4] [2,1] [502] [116,6] [4397,69] [2061,575] [30,69] [8300] [354,181] [6,7422] [149,26] [4355] [1486,1] [1,30] [4,76]

10) 600 m + 0,065 km + 0,046 dam + 1 076 cm + 8 dm = ............ hm

Esercizio 2 Completa le seguenti uguaglianze: 18 m +15 cm = 19,5 m 72 m +........... dm = 83 m 65 dm +........... cm = 66 dm 18 dam +........... hm =38 dam 0,57 hm+........... m = 600 m 6,4 km +........... dam= 70 hm 0,18 cm +........... mm = 0,2 dm 18 dm +........... cm = 25 km +...........m 36 dm

= 25,3 km 70 m

660 dm +........... m = 673 dm 3560 dm+........... m = 15 m 31 km +.... ...... km= 20 dam +........... hm =42 000 m

16 dam +........... hm = 20 dam

LUNITA DI MISURA DI SUPERFICIE II metro quadrato [m2 ]. Per misurare le superci lunit` di misura a principale ` costituita dallarea di un quadrato avente il lato lungo 1 metro. e ` I MULTIPLI E SOTTOMULTIPLI PIU COMUNI DEL METRO QUADRO I multipli e i sottomultipli dellunit` di misura di supercie sono equivalenti a alle aree di quadrati aventi per lato i multipli o sottomultipli del metro. SUPERFICIE Nome Chilometro quadrato ettometro quadrato decametro quadrato metro quadrato decimetro quadrato centimetro quadrato millimetro quadrato Simbolo Km2 = hm2 = dam2 = m2 dm2 = cm2 = mm2 = metri2 , 1 000 000, 10 000, 100, 1, 0,01 0,0001 0,000001 102 m2 104 m2 106 m2 106 m2 104 m2 102 m2

Ogni unit` di supercie ` perci` 100 volte pi` piccola di quella ima e o u mediatamente superiore e 100 volte pi` grande di quella immediatamente u inferiore.

LE MISURE AGRARIE Per la misura della supercie dei terreni si usano normalmente le seguenti unit` di misura: a Nome ettaro ara centiara Esercizio 3 Esegui le seguenti operazioni facendo prima le equivalenze con le misure di supercie, ricordando che nelle misure di supercie per passare da un multiplo allaltro ` necessario moltiplicare per 100. e 1) 5m2 + 4dam2 0, 3dm2 = 2) 51 221cm2 3m2 + 0.5dm2 = 3) 27Km + 32 000dm 2dam = 4) 3dam2 + 120m2 + 75dm2 = 5) 1, 12Km2 + 87dam2 350m2 = 6) 0, 03m + 44dm 800cm =
2 2 2 2 2 2

Simbolo ha a ca

Equivalente metrico 1 hm2 1 dam2 1 m2

Valore in m2 10 000 100 1

............ m2 ............ cm2 ............ hm


2

[5,01] [21,271] [2 700,012] [4,2075] [112,052] [39] [3713,4]

............ dam2 ............ hm2 ............ dm


2

7) 2540mm2 0, 12dm2 + 37dm2 = ............ cm2 ` LUNITA DI MISURA DI VOLUME [m3 ]

Per misurare i volumi lunit` di misura principale ` costituita dal volume a e di un cubo avente lo spigolo della lunghezza di 1 metro. I MULTIPLI E I SOTTOMULTIPLI PIO COMUNI DEL METRO CUBO I multipli e i sottomultipli dellunit` principale della misura di volume sono a equivalenti ai cubi aventi per spigolo i multipli o i sottomultipli del metro. Ogni unit` di volume ` perci` 1 000 volte pi` grande di quella immea e o u diatamente inferiore (e 1 000 volte pi` piccola di quella immediatamente u superiore).

VOLUME Nome Chilometro cubo ettometro cubo decametro cubo metro cubo decimetro cubo centimetro cubo millimetro cubo Esercizio 4 Esegui le seguenti operazioni facendo prima le equivalenze con le misure di volume, ricordando che nelle misure di volume per passare da un multiplo allaltro ` necessario moltiplicare per 1 000. e 1) 3 456m3 + 2dam3 + 75 000dm3 = 2) 7, 2m + 312cm + 2, 5dm = 3) 15 810mm3 + 27cm3 0, 012dm3 = 5) 812, 5dm 812, 5cm + 812, 5mm =
3 3 3 3 3 3

Simbolo Km3 = hm3 = dam3 = m3 dm = cm3 = mm3 =


3

metri3 , 1 000 000 000, 1 000 000, 1 000, 1, 0,0001 0,000001 0,000000001 103 m3 106 m3 109 m3 109 m3 106 m3 103 m3

............ m3 ............ cm
3

[5 531] [7 202,812] [54,81] [6 900] [811 688,3125]

............ cm3 ............ cm


3

4) 0, 007m3 + 150 000mm3 0, 25dm3 = ............ cm3

LUNITA DI MISURA DI CAPACITA Per misurare la quantit` delle sostanze liquide (acqua, vino ecc.) o aride a (sabbia, grano ecc.) che assumono la forma del recipiente nel quale sono contenute, le unit` di misura usate sono dette unit` di misura di capacit`. a a a Lunit` fondamentale di capacit` ` il litro [ l ], che oggi viene meglio a a e denito come la capacit` di un cubo avente lo spigolo di 1 dm (e quindi il a volume di 1 dm3 ). MULTIPLI E SOTTOMULTIPLI DEL LITRO Ogni unit` di misura d` capacit` ` 10 volte pi` grande di quella immediataa ae u mente inferiore e 10 volte pi` piccola di quella immediatamente superiore. u 8

CAPACITA Nome ettolitro decalitro litro decilitro centilitro Esercizio 5 Scrivi sotto forma di numeri decimali le seguenti misure: 1) 71,61 l e 12 dl = ............ l [2,8] 2) 13,5 dal e 18 l = ............ dal 3) 19 l e 120 cl = 4) 8,1 hl e 5 l = Esercizio 6 Esegui le seguenti operazioni: 1) 7,2 l + 90,41 dl + 105 cl = 2) 96 dal + 172 l + 8 hl = 3) 189 dl + 1 215 cl + 26 l = 4) 165 dl+ 2 dal + 0,2 hl = ............ l ............ l ............ l ............ l [17,29] [1932] [57,05] [56,5] ............ l ............ hl [15,3] [20,20] [8,15] Simbolo hl dal l dl cl litri, 100, 10, 1, 0,1 0,001 101 l 102 l 102 l 10l

` LUNITA DI MISURA DI PESO Per misurare il peso lunit` di misura ` il chilogrammo [kg], che cora e risponde alla massa di 1 dm3 (1 l) di acqua distillata alla temperatura di 4 C. Come per il metro anche il chilogrammo campione, in platino-iridio, ` e depositato a S`vres. e MULTIPLI E SOTTOMULTIPLI DEL CHILOGRAMMO Come per le unit` di misura di capacit`, ogni unit` di misura di peso ` a a a e 10 volte pi` grande dellunit` di misura immediatamente inferiore e 10 volte u a 9

pi` piccola dellunit` di misura immediatamente superiore. u a PESO Nome Tonnellata Quintale miriagrammo chilogrammo ettogrammo decagrammo grammo decigrammo centigrammo milligrammo Esercizio 7 Scrivi sotto forma di numeri decimali le seguenti misure: 1) 30 kg e 2 hg = ............ Kg [30,2] 2) 54 q e 18 dg = 3) 2 t e 8 Mg = 4) 16,6 kg e 762 g = 5) 0,564 kg e 300g = 6) 3 kg e 8 hg = 7) 560 cg e 2 kg = 8) 3 t e 16 q = Esercizio 8 Esegui le seguenti operazioni:: 1) 3 646dag + 0,37q + 95 kg + 360,2 g = = ............ M g 2) 260,25 hg + 360 kg + 12 Mg + 12 q = 3) 752 hm + 3 m + 67 dam = 4) 0,05 hl + 0,7 dal + 15 l + 173 cl = 5) 0,5 m2 + 10 dm2 + 105 cm2 = 6) 0,005 km + 0,02 hm + 15 m + 150 cm 10
3 3 3

Simbolo t q Mg Kg hg dag g dg cg mg

grammi, 1 000 000, 100 000, 10 000, 1 000, 100, 10, 1, 0,1 0,01 0,001 101 g 102 g 103 g 106 g 105 g 104 g 103 g 102 g 10g

............ q ............ t ............ Kg ............ Kg ............ Kg ............ Kg ............ t

[54,000018] [2,08] [17,362] [0,567] [3,8] [2,0056] [4,6]

[16,88202] [17,06025]
3

............ q ............ dam ............ cl ............ cm2 ............ m

[752 067,003] [2873] [6105] [23,5]

CONFRONTO FRA LE UNITA DI MISURA DI PESO, CAPACITA E VOLUME Se si tiene presente che: - il litro (unit` di misura di capacit`) ` stato denito come la capacit` di un a a e a cubo con volume di 1 dm3 ; - il chilogrammo (unit` di misura del peso) ` stato denito inizialmente come a e il peso del volume di 1 dm3 di acqua distillata, alla temperatura di4 C. si pu` fare una tabella di confronto tra le unit` di volume, capacit` e peso: o a a Unit` Unit` di misura a a misura volume 1 m3 100 dm 10 dm 100 cm 10 cm
3 3

, , ,

Unit` di misura a capacit` a in litri 10 ettolitri 1 ettolitro 1 decalitro 1 litro 1 decilitro 1 centilitro 1 millilitro

, , ,

peso (in Kg 1 Tonnellata 1 Quintale 1 miriagrammo 1 chilogrammo 1 ettogrammo decagrammo 1 grammo

1 000, 100, 10, 1, 0,1 0,01 0,001

1 000, 100, 10, 1, 0,1 0,01 0,001

1 dm3
3 3

1 cm3

IL PESO SPECIFICO Di ogni sostanza possiamo determinare due cose: il peso e il volume. In pratica, per`, pu` risultare dicile eseguire materialmente le due mio o sure: per poter determinare il volume di un liquido bisogna disporre di recipienti di capacit` conosciuta ed eseguire con essi un travaso; il peso di una a statua di marmo ` facilmente misurabile, ma non cos` il suo volume; un bloce co di marmo appena estratto da una cava `, linvece, di volume facilmente e misurabile, mentre ` dicile che si disponga, in luogo, di una bilancia adatta e a misurarne il peso. Si pens`, quindi, che sarebbe stato molto comodo conoscere il peso di una o unit` di volume d` ogni sostanza. a 11

Questo dato, intatti, permette: - di calcolare il peso, se si pu` facilmente misurate il volume, o - se ` pi` semplice misurare il peso, di calcolare il volume conoscendo il peso. e u Si `, allora, proceduto a calcolare il peso specico di ogni sostanza. Il e peso specico esprime, in grammi, il peso di 1 cm3 della sostanza alla quale si riferisce. Come si ` fatto per calcolare il peso specico: e - si ` pesata una quantit` di volume facilmente misurabile della sostanza in e a esame; - s` ` misurato accuratamente il volume di quella quantit` di sostanza; e a - si ` diviso il peso (espresso in grammi) per il volume (espresso in cm3 ) e ps = Sostanza platino oro piombo argento nichelio rame puro ferro puro Peso specico 21,4 19,25 1 1 ,34 10,5 8,8 8,93 7,86 olio di oliva birra latte 0,92 1,03 1,03 legno stagionato P V Peso specico 2,7
quercia 0, 69..1, 03 0, 35..0, 74

Sostanza alluminio puro

noce abete

0, 64..0, 68

Ricordate che se la misura della quale si dispone ` espressa in ununit` die a versa dal grammo o dal cm3 ` necessario fare lequivalenza, ricordando quale e corrispondenza esiste tra le unit` di misura di volume, di peso e di capacit`. a a COME SI USA IL PESO SPECIFICO Dato il volume di un corpo e il suo peso specico, determinarne il peso. peso(P ) = volume(V ) peso specif ico 12

` E necessario ricordare che il peso risultante sar` espresso in tonnellate se il a volume era espresso in metri cubi, in chilogrammi se il volume era espresso in decimetri cubi, in grammi se il volume era espresso in centi metri cubi. Dato il peso di un corpo e il suo peso specico, determinare il volume (ad esempio quando, acquistata una partitaci olio d` oliva, vogliamo sapere se lolio, venduto a peso, potr` essere tutto contenuto nei recipienti a dispoa sizione). volume(V ) = peso(P ) : peso specif ico Dato il volume e il peso di un corpo, determinare il peso specico (con questo sistema abbastanza semplice possiamo determinare, ad esempio, se un oggetto ` doro o di ottone: applichiamo la formula per ottenere il peso specico e, e confrontando il dato ottenuto con quelle delle tabelle dei pesi specici delle varie sostanze, possiamo sapere se il nostro oggetto ` doro (peso specico e 19,25) o di ottone (peso specico 8,5). peso specif ico = peso(P ) : volume(V ) NUMERI MOLTO GRANDI E NUMERI MOLTO PICCOLI ` ALTRE UNITA DI MISURA Le unit` di misura del sistema metrico decimale viste sin qui sono normala mente sucienti per risolvere i problemi di misurazione della vita quotidiana. Ma la curiosit` spinge luomo a conoscere (e per conoscere occorre misurare) a anche ci` che ` fuori dalla portata dei propri sensi. o e Sono cos` nate altre unit` di misura della lunghezza, delle quali si sente a sovente parlare: lanno-luce denito come la distanza che la luce (la quale si muove alla velocit` di circa 300 000 km al secondo) percorre in un anno; equivale a a circa 9 463 000 000 000 km (9,463 trilioni di km); il parsec, dalla denizione molto pi` complessa, equivalente a 3,26 u anni-luce, ovvero circa 30 900 000 000 000 km (30,9 trilioni di km); 13

il micron (simbolo , lettera dellalfabeto greco) denito come la millesima parte del millimetro (e quindi la milionesima parte del metro) uguale a 0,000001 m ...e altre unit` ancora... a ma come confrontarle agevolmente fra loro, al ne di avere rapidamente lidea di quante volte luna ` pi` grande (o pi` piccola) dellaltra? e u u

LA NOTAZIONE ESPONENZIALE 103 ` un modo, detto notazione esponenziale, di scrivere il numero e 1000. Questo modo di scrivere il numero 1 000 deriva dal fatto che il numero 1 000 ` uguale al prodotto 10x10x10, cio` alla moltiplicazione di tre numeri (10) e e uguali fra di loro. In questo caso il numero che compare - sempre uguale - come fattore della moltiplicazione viene chiamato base mentre il numero di volte che questo numero compare nella moltiplicazione viene chiamato esponente e si pu` o scrivere in alto, a destra della base, per ottenete una scrittura abbreviata di tutta loperazione. 2 2 2 2 = 24 = 16 10 10 10 = 103 = 1 000 10 10 10 10 10 = 105 = 100 000 Con questo sistema si possono scrivere e interpretate numeri molto grandi senza incorrere in inesattezze: 1 anno luce = 9 463 000 000 000km = 9 463 103 km = 9 463 1012 m In pratica s` pu` osservare che il numero che gura come esponente indica il o numero di zeri che si deve aggiungere per scrivere un numero, espresso con notazione esponenziale, in modo normale.

14

Analogamente si pu` operare per i numeri molto piccoli. Se allesponente o di un numero scritto in forma esponenziale ` premesso il segno , si sta e operando con numeri pi` piccoli dellunit`, in questo modo: u a 101 = 1 : 101 = 1 : 10 = 0, 1 102 = 1 : 102 = 1 : 100 = 0, 01 103 = 1 : 103 = 1 : 1 000 = 0, 001 In pratica si pu` osservare che il numero che gura come esponente, ma o con il segno , indica quanti zeri occorre premettere al numero indicato per ottenere la scrittura normale: 3 102 = 3 0, 01 = 0, 03; 4, 63 103 = 4, 63 0, 001 = 0, 00463; 3, 11 104 = 3, 11 0, 0001 = 0, 000311 LORDINE DI GRANDEZZA Se si vuole confrontare, ad esempio il diametro di un batterio (0,5 ) e il diametro di una mela (intorno ai 10 cm) interessa molto poco il grado di precisione della misura da confrontare: un batterio dal diametro di 1 sarebbe, per noi, altrettanto piccolo rispetto a una mela di quanto lo sarebbe un batterio dal diametro di 0,5 , cos` come altrettanto ci sembrerebbe pi` u grande la mela se, anzich un diametro di 10 cm, avesse un diametro di 12 e cm, o di 6. Questo tipo di confronto tra le misure di grandezze estremamente diverse fra loro interessa perch luomo ha dicolt` a concepire grandezze e a lontane dalla possibilit` di essere percepite direttamente dai sensi, mentre la a sua mente ` pi` allenata a fare i confronti. e u Per questo tipo di confronti si ricorre allordine di grandezza, il quale viene denito come la potenza di 10 pi` vicina al valore considerato: u 0, 2 ` dellordine di grandezza di 107 m e 375 km ` dellordine di grandezza di 105 m e 900 km ` dellordine di grandezza di 106 m e 15

` LE UNITA DI MISURA DEL TEMPO E DEGLI ANGOLI Il secondo ` ununit` di misura non decimale dei sistemi di misura del e a tempo e degli angoli. Anche il secondo, come il metro, ` ununit` di riferimento esterna alluoe a mo, calcolata, cio`, partendo dallosservazione di qualcosa, esterno alluomo, e ritenuto immutabile e uguale per tutti. A dierenza del sistema decimale, basato sul metro, per`, i sistemi di o misura basati sul secondo sono antichissimi, essendo gi` noti al tempo degli a Assiri e dei Babilonesi. Il ciclo delle quattro stagioni, che da sempre ha condizionato la vita delluomo, si ripete ogni anno, sembrava perci` naturale assumere lanno come o una delle unit` di misura del tempo. a Lanno (anno solare) ` lintervallo di tempo che intercorre tra due suce cessivi passaggi del Sole allequinozio di primavera. Un altro fenomeno naturale che si ripete da sempre con regolarit` nel a tempo ` lalternarsi del giorno e della notte: altrettanto naturale era, perci`, e o che il giorno divenisse anchesso unit` di misura del tempo. a Il giorno (giorno solare medio) ` lintervallo di tempo tra due successivi e passaggi del sole sopra il meridiano del punto di osservazione. Il giorno fu diviso in ventiquattro ore, le ore in sessanta minuti, i minuti in sessanta secondi; un secondo `, perci`, pari alla 86 400a parte giorno e o solare medio. Oggi si da una nuova denizione: Il minuto secondo ` il tempo occorrente al cesio 133 per compiere 9 192 e 631 770 vibrazioni Il secondo (la pi` piccola unit` del sistema di misura del u a tempo che risulti apprezzabile dalluomo) divenne lunit` fondamentale. a Nellantichit` si credeva che il Sole girasse intorno alla Terra, compiendo un a tragitto circolare; questo tragitto era compiuto in circa 360 giorni: venne quindi spontaneo suddividere il cerchio in 360 parti, denominate gradi.

16

Daltra parte un cerchio ` facilmente divisibile in sei settori uguali. e Ognuno di questi settori comprende 60 gradi; poich i gradi sono suddivisi e in 60 primi e i primi in 60 secondi, ` facile riconoscere in questo sistema di e misura degli angoli lorigine babilonese (il sistema di numerazione babilonese era sessagesimale1 ). 1 anno = 365 giorni 1 giorno = 24 ore 1 ora= 60 minuti 1 minuto
2

60 secondi

1 angolo giro =

360 gradi 1 grado = 60 primi 1 primo 60 secondi

Per indicare un intervallo di 3 ore, 24 minuti e 35 secondi, si scrive: 3h 24m 35s Per indicare un angolo di 15 gradi, 30 primi e 40 secondi, si scrive: 15 30 40

Per approfondimenti citare C. Boyer, Storia della Matematica, Saggi Oscar

Mondadori, pg 28-33 2 Lanno solare ` leggermente pi` lungo di 365 giorni: di qui lesigenza, ogni 4 anni, di e u aggiungere un giorno (il mese di febbraio degli anni bisestili diventa cos` di 29 giorni).

17