Sei sulla pagina 1di 1

la Repubblica

VENERD 21 OTTOBRE 2011

CRONACA

NAPOLI

PER SAPERNE DI PI www.comune.napoli.it www.partitodemocratico.it

IV

Comune, scatta la rivoluzione negli uffici


Il dg Riccio cambia rotta: Merito, pi produttivit e sanzioni per i dirigenti
CRISTINA ZAGARIA
MERITOCRAZIA. Soppressione di servizi inutili. Contenimento dei costi e aumento della produttivit. Per tutto tempi brevi e certi. Ecco la rivoluzione della macchina comunale. A spiegarla, per la prima volta, il neo direttore, il prefetto Silvana Riccio. Direttore partiamo da tre azioni concrete per riorganizzare la macchina amministrativa. La prima un organismo indipendente ed esterno a cui abbiamo affidato il compito di valutare il

La manifestazione

O la borsa o la vita sit-in di studenti e Pd


O la borsa o la vita! Basta con chi ci rapina dei nostri diritti e del nostro futuro!. il provocatorio slogan del sit-in che si terr questa mattina, alle 12, a piazza Borsa. A promuoverlo, le sezioni napoletane dei Giovani democratici, della Rete universitaria nazionale e della Federazione degli studenti. Vogliamo riaffermare la natura pacifica del movimento del 15 ottobre a Roma - spiega Michele Grimaldi (foto), responsabile Scuola e Saperi dei Gd far capire che le ragioni che ci hanno portato in piazza esistono e sussistono. Gli organizzatori presenteranno alcune proposte per alleviare lemergenza sociale campana, quali listituzione di una patrimoniale straordinaria per coprire le borse di studio e i tagli ai trasporti, una riforma del sistema delle tasse universitarie che le azzeri per i figli di cassintegrati e disoccupati e un piano straordinario per ledilizia scolastica con i fondi Fas. Infine sar richiesta una giornata di sciopero regionale. Attesa la partecipazione di diversi gruppi e associazioni, quali Libera e Cgil Giovani. Alla Mostra dOltremare, invece, si terr la manifestazione Noi tifiamo Italia, organizzata dal Pdl, che vedr, alle 17, la partecipazione del segretario nazionale Angelino Alfano.

la struttura amministrativa, che superi visioni di particolari categorie. Comunque entro fine ottobre sar firmato un protocollo che riguarda tutte le relazioni sindacali. Due parole chiave di questa rivoluzione? Meritocrazia e razionalizzazione: due concetti strettamente legati. Fino ad oggi la macchina comunale stata modificata con criteri non sempre funzionali e noi oggi ci troviamo davanti a dieci direzioni, quattro servizi autonomi, 252 servizi (gi in parte ridimen-

Affidata a un organismo esterno la valutazione del lavoro dei dipendenti


personale. I dirigenti, per esempio, hanno una quota dello stipendio sotto la voce di indennit di risultato. Ebbene dal 2009 questi risultati non sono valutati. Noi vogliamo cominciare a farlo e ci affidiamo a un ente esterno. Seconda mossa, oggi (ieri ndr): la giunta ha approvato la creazione di un comitato di garanti, un organismo di tutela in cui si decidono con la formula del contraddittorio le sanzioni per eventuali errori commessi dai dirigenti. Terzo stiamo razionalizzando gli uffici, perch c stata una irrazionale proliferazio-

Non cerchiamo fannulloni, ma pi partecipazione. A ottobre intesa coi sindacati


EX PREFETTO
Silvana Riccio. Lex prefetto stata nominata direttore generale del Comune di Napoli lo scorso 9 settembre

ne di servizi. Dipendenti sotto esame? Non drammatizziamo. Certo crediamo nella meritocrazia, ma per valutare il lavoro di un dipendente ci vogliono criteri oggettivi e bisogna fornire loro anche obiettivi certi. Ecco perch abbiamo appena approvato anche il Peg, il piano obiettivi per la dirigenza. In modo da stanare i fannulloni? Nessuno va a caccia di fannulloni e scansafatiche. Quello che vogliamo fare lesatto contrario, con un po di autocritica, vogliamo

chiedere a ogni dipendente di partecipare di pi alla vita del Comune. E penso a progetti di produttivit non pi a pioggia, ma per obiettivi. Torna spesso la parola obiettivi. S fondamentale. Lavorare con scadenze e scopi certi. Questo lavoro sar concertato con i sindacati? S, ma ai sindacati chiedo responsabilit e collaborazione e quindi interlocutori che condividano lobiettivo del cambiamento, in una visione complessiva del-

sionati e chiusi), 440 sedi, di cui il 40 per cento in fitto su un patrimonio di 61 mila immobili. Insomma bisogna semplificare le strutture ed anche i processi dellazione pubblica seguendo i principi fondamentali della garanzia dei diritti di tutti i cittadini e della trasparenza dellattivit amministrativa. I tempi dellintera manovra? Come ha detto oggi in Commissione il capo di gabinetto, Auricchio, tempi brevi. In quattro mesi speriamo di avere le bozze del nuovo piano.
RIPRODUZIONE RISERVATA