Sei sulla pagina 1di 11

Chi è Gesù Cristo?

Dio
o uomo?
Pubblicato nella Torre di Guardia del 15 settembre 2005

Photo Credit: http://flickr.com/midiman/2099466017/


Sermon On The Mount-Carl Heinrich Bloch-19th.C

“IO SONO la luce del mondo. Chi segue me non camminerà affatto nelle tenebre, ma
possederà la luce della vita”. (Giovanni 8:12)

Fu Gesù Cristo a dire queste parole. Un uomo istruito del I secolo scrisse di lui: “Attentamente occultati
in lui sono tutti i tesori della sapienza e della conoscenza”. (Colossesi 2:3)
“Questo significa vita eterna,
che acquistino conoscenza di
te, il solo vero Dio, e di colui
che tu hai mandato, Gesù
Cristo”. (Giovanni 17:3)

La Bibbia inoltre dice: Photo Credit: http://flickr.com/photos/paul_everett82/2242884911/

“Questo significa vita eterna, che acquistino conoscenza di te, il solo vero Dio, e di colui che tu
hai mandato, Gesù Cristo”. (Giovanni 17:3)
Per soddisfare il proprio bisogno spirituale è indispensabile acquistare accurata conoscenza di
Gesù.
Augusto 27 a.C. 14 d.C. – Moneta Spagnola, RARA
Augustus. 27 BC-AD 14. AV Aureus (7.88 g, 6h). Spanish mint - Emerita. Struck 19-18 BC. AVGVSTVS, bare head left / OB/CIVIS/SERVATOS in three lines within
oak wreath. RIC I 29b; Calicó 250; BMCRE 314 var. = BMCRR Gaul 148 var. (head right); BN 1279.
Mint Assignments of Augustus’ Issues in Spain
Assigning a mint to issues in Spain from 20 BC onward is a difficult task as the group constitutes one of the richest and most interesting coinages in the entire
Augustan series.

(Luca 2:1-5) . . . Or in quei giorni fu emanato da Cesare Augusto il decreto che tutta la terra abitata si registrasse; (questa prima
registrazione ebbe luogo quando Quirinio era governatore della Siria); e tutti andavano a farsi registrare, ciascuno nella propria
città. Naturalmente, anche Giuseppe salì dalla Galilea, dalla città di Nazaret, [per recarsi] in Giudea, nella città di Davide, che si
chiama Betleem, perché era della casa e della famiglia di Davide, per essere registrato con Maria, che gli era stata data in
matrimonio come promesso, [la quale] era ora incinta.

In tutta la terra si è sentito parlare di Gesù Cristo. Il fatto che egli abbia avuto una grossa influenza sulla
storia è fuori discussione, tant’è vero che il calendario usato in gran parte del mondo si basa sull’anno
in cui si pensa sia nato. “L’anno della sua nascita serve come base del computo cronologico più
diffuso, onde la distinzione, nelle date, di a.C. (avanti Cristo) e d.C. (dopo Cristo)”, spiega Il dizionario
della lingua italiana di Devoto e Oli alla voce “Cristo”.
Photo Credit: http://flickr.com/julio-claudians/2578894088/
Photo Credit: http://flickr.com/photos/nanymata/2349876374/

Ci sono comunque idee contrastanti su chi era Gesù. Alcuni lo considerano solo un uomo straordinario che ha
lasciato il segno nella storia. Altri invece lo adorano come Dio Onnipotente. Certi pensatori indù hanno paragonato
Gesù Cristo alla divinità indù Krishna, che molti ritengono un dio incarnato. Gesù era semplicemente un uomo, o
qualcuno da adorare? Chi era esattamente?
Nazaret Photo Credit: http://flickr.com/photos/emeryjl/508120575/

IMMAGINATE come dev’essersi sentito elettrizzato un giovane ebreo di nome Andrea la prima volta
che sentì parlare Gesù di Nazaret! La Bibbia riferisce che corse da suo fratello e gli disse: “Abbiamo
trovato il Messia [o Cristo]”. (Giovanni 1:41) In ebraico e in greco le parole solitamente tradotte
“Messia” e “Cristo” significano “Unto”. Gesù era l’Unto, l’Eletto di Dio, il Condottiero promesso.
(Isaia 55:4) Nelle Scritture c’erano profezie che lo riguardavano, e gli ebrei dell’epoca ne
aspettavano la venuta. — Luca 3:15.
Come facciamo a sapere che Gesù fu veramente l’Eletto di Dio?
Considerate ciò che accadde nel 29 E.V., quando aveva 30 anni.
Gesù andò da Giovanni il Battezzatore per farsi battezzare nelle
acque del Giordano. La Bibbia dice: “Dopo essere stato
battezzato, Gesù salì immediatamente fuori dell’acqua; ed ecco, i
cieli si aprirono, ed egli vide lo spirito di Dio scendere come una
colomba e venire su di lui. Ed ecco, ci fu una voce dai cieli che
disse: ‘Questo è mio Figlio, il diletto, che io ho approvato’”.
(Matteo 3:16, 17)

Dopo aver sentito queste parole di


approvazione, Giovanni poteva avere
qualche dubbio sul fatto che Gesù
fosse l’Eletto di Dio? Versando su
Gesù il Suo spirito santo Geova Dio lo
unse, ovvero lo nominò, Re del Suo
futuro Regno. In tal modo Gesù
divenne Gesù Cristo, cioè Gesù
l’Unto.
Fiume Giordano

Photo Credits: above: http://flickr.com/photos/oddsock/283888330/ below: http://flickr.com/photos/emeryjl/505036108/


DATO CHE tutte le cose create hanno avuto un principio, ci fu un tempo in cui
Dio era solo. In un’epoca remotissima, però, Dio cominciò a creare. Quale fu la
sua prima creatura? L’ultimo libro della Bibbia definisce Gesù “il principio della
creazione di Dio”. (Rivelazione [Apocalisse] 3:14)

Gesù è “il primogenito di tutta la creazione”. Infatti “per mezzo di lui tutte le altre
cose furono create nei cieli e sulla terra, le cose visibili e le cose invisibili”.
(Colossesi 1:15, 16) Gesù fu l’unico a essere creato direttamente da Dio. Per
questo viene definito “unigenito Figlio” di Dio. (Giovanni 3:16) Il Figlio primogenito
è anche chiamato “la Parola”. (Giovanni 1:14) Perché? Perché prima di nascere
come uomo serviva in cielo in qualità di portavoce di Dio.

“La Parola” era con Geova Dio “in principio”, quando furono creati “i cieli e la
terra”. Fu a lui che Dio disse: “Facciamo l’uomo a nostra immagine”. (Giovanni
1:1; Genesi 1:1, 26)
Il Figlio primogenito di Geova era al fianco di suo Padre e operava attivamente
con lui.

In Proverbi 8:22-31 gli vengono attribuite queste parole: “Ero accanto [al
Creatore] come un artefice, ed ero colui del quale egli specialmente si deliziava
di giorno in giorno, allietandomi io dinanzi a lui in ogni tempo”.

Photo Credit: NASA


LA SECONDA fase della vita di Gesù iniziò
quando Dio lo mandò sulla terra,
trasferendo miracolosamente la sua vita dal
cielo al grembo di una fedele vergine ebrea
di nome Maria. Non avendo un padre
umano, Gesù non ereditò imperfezioni. Lo
spirito santo o forza attiva di Geova venne
su Maria e la sua potenza ‘la coprì con la
sua ombra’, facendola concepire in modo
miracoloso. (Luca 1:34, 35) Perciò Maria
partorì un bambino perfetto. In qualità di
figlio adottivo di Giuseppe, un falegname,
Gesù crebbe in una famiglia modesta e fu il
primo di diversi figli. — Isaia 7:14; Matteo
1:22, 23; Marco 6:3.

La vierge aux raisins, 1640. Pierre Mignard (1610—1695 )


Gesù visse a Nazaret fino a 30 anni. Poi andò da Giovanni per farsi battezzare, dopo di che intraprese il suo
dinamico ministero. Per tre anni e mezzo percorse in lungo e in largo il suo paese dichiarando la buona notizia del
Regno di Dio. Diede prova di essere stato mandato da Dio compiendo molti miracoli, opere potenti che andavano al
di là delle capacità umane. — Matteo 4:17; Luca 19:37, 38.

Gesù fu anche un uomo affettuoso e


dotato di grande sensibilità. La sua
dolcezza era particolarmente evidente
nel modo in cui considerava e trattava
gli altri. Poiché Gesù era avvicinabile e
gentile, la gente ne era attratta. Perfino i
bambini si sentivano a loro agio in sua
presenza. (Marco 10:13-16) Gesù
trattava con rispetto le donne, malgrado
alcuni ai suoi giorni le disprezzassero.
(Giovanni 4:9, 27) Aiutava i poveri e gli
oppressi a ‘trovare ristoro per le loro
anime’. (Matteo 11:28-30) Aveva un
modo di insegnare chiaro, semplice e
pratico. E dai suoi insegnamenti
traspariva il sincero desiderio di far
conoscere agli ascoltatori il vero Dio,
Geova. — Giovanni 17:6-8.

Compiendo miracoli tramite lo spirito


santo di Dio, Gesù guarì
compassionevolmente i malati e gli
afflitti. (Matteo 15:30, 31) Per esempio,
un lebbroso andò da lui e gli disse: “Se
tu vuoi, puoi rendermi puro”. Cosa fece
Gesù? Stese la mano, lo toccò e gli
disse: “Lo voglio. Sii reso puro”. E il
lebbroso guarì! — Matteo 8:2-4.
Photo Credit: http://flickr.com/photos/angela7/128977443/
A 33 anni e mezzo Gesù morì su un palo di tortura. Ma la
morte non fu la fine della sua esistenza. La terza fase della
sua vita cominciò circa tre giorni dopo, quando Geova Dio
lo risuscitò come persona spirituale. Dopo la risurrezione,
sempre nel I secolo E.V., Gesù apparve a centinaia di
persone. (1 Corinti 15:3-8) Successivamente “si mise a
sedere alla destra di Dio”, in attesa di ricevere il potere
regale. (Ebrei 10:12, 13)

Quando quel momento arrivò, egli cominciò a regnare.


Perciò come dobbiamo immaginarci oggi Gesù?
Dovremmo pensare a lui come a un uomo che soffre
mentre viene messo a morte? O dovremmo considerarlo
un essere degno della nostra adorazione? Oggi Gesù non è
né un uomo né l’Iddio Onnipotente. È invece una potente
creatura spirituale che domina in qualità di Re. Tra breve
eserciterà il suo dominio sopra il nostro travagliato pianeta.

Con un linguaggio simbolico, Rivelazione 19:11-16 descrive


Gesù Cristo come un re su un cavallo bianco che viene per
giudicare e guerreggiare con giustizia. Ha “una lunga spada
affilata, affinché colpisca con essa le nazioni”. Gesù userà il
suo gran potere per distruggere i malvagi. Ma che dire di
quelli che si sforzano di seguire l’esempio che diede mentre
era sulla terra? (1 Pietro 2:21) Gesù e il Padre suo li
salvaguarderanno durante l’imminente “guerra del gran
giorno dell’Iddio Onnipotente” (Armaghedon), affinché Photo Credit: http://flickr.com/photos/davichi/342964781/
vivano per sempre come sudditi terreni del celeste Regno
di Dio. — Rivelazione 7:9, 14; 16:14, 16; 21:3, 4.

Durante il suo regno di pace Gesù compirà grandi miracoli


a favore di tutta l’umanità. (Isaia 9:6, 7; 11:1-10) Guarirà le
malattie ed eliminerà la morte. Sarà anche impiegato da
Dio per risuscitare miliardi di persone e dar loro
l’opportunità di vivere per sempre sulla terra. (Giovanni
5:28, 29)

Non riusciamo neppure a immaginare quanto sarà


meravigliosa la vita sotto il dominio del Regno.

Continuiamo dunque a studiare la Bibbia e a


conoscere meglio Gesù Cristo!